DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03"

Transcript

1 1 DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO ARGOMENTO PAG. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 QUALIFICAZIONE DOCENTI 04 FORMAZIONE ED DATORE DI LAVORO 05 FORMAZIONE ED LAVORATORI 06 FORMAZIONE ED RLS 07 FORMAZIONE ED PREPOSTI 08 FORMAZIONE ED DIRIGENTI 09 FORMAZIONE ED PREPOSTI ANTINCENDIO 10 FORMAZIONE ED ADDETTI PRIMO SOCCORSO 11 FORMAZIONE ED DEI LAVORATORI PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO FORMAZIONE ED DEI LAVORATORI PES E PAV SECONDO LA CEI FORMAZIONE, ADDESTRAMENTO ED DEI LAVORATORI PER RISCHI SPECIFICI: VDT, MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, RUMORE, VIBRA- ZIONI, CAMPI ELETTROMAGNETICI, RADIAZIONI IONIZZANTI, RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI, CAMPI ELETTROMAGNETICI, AGENTI CHIMICI, AGENTI BIOLOGICI, ATMOSFERE ESPLOSIVE FORMAZIONE ED DEI RSPP e ASPP 21

2 2 Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 DISCIPLINA LA DURATA, I CONTENUTI MINIMI, LE MODALITA DELLA FORMAZIONE E DELL DEI DATORI DI LAVORO CHE SI AUTONOMINANO RSPP (art. 34 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) E DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI AI SENSI DELL art. 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. da non confondere con l INFORMAZIONE prevista dall art. 36 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. che dovrà essere impartita ad ogni singolo Lavoratore DALLA FORMAZIONE E ESCLUSO L ADDESTRAMENTO E LA FORMAZIONE PER I RISCHI SPECIFICI QUALI RUMORE, VIBRAZIONI, AGENTI CHIMICI, etc, E LA FORMAZIONE SULLE ATTREZZATURE DI CUI ALL ACCORDO DEL 22 febbraio 2012 IMPORTANTE CHIARIMENTO SU FORMATORE-DOCENTE IL DATORE DI LAVORO UNITAMENTE AD UN DOCENTE QUALIFICATO IN BASE AI CRITERI DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL , POSSONO RILASCIARE LE ATTESTAZIONI DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI 1. NELL ACCORDO NON RIENTRANO LE SPECIFICHE RELATIVE ALLA FORMAZIO- NE PER I PREPOSTI ANTINCENDIO E PER GLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO CHE SONO LASCIATE AL D.M E D.M. 388/03 (VEDERE PAGG. 7 E 8): 2. SONO ESCLUSI DALLA FREQUENZA DEL CORSO, I DATORI DI LAVORO GIA IN POSSESSO DEI REQUISITI FORMATIVI DI CUI AL D.M , MA NON SONO ESCLUSI DALL ; 3. I DATORI DI LAVORO DI NUOVE ATTIVITA O CHE SI APPRESTANO ALL AVVIO DI NUOVE ATTIVITA SONO TENUTI ALLA FREQUENZA DEI CORSI DI FORMAZIONE DI CUI AL PRESENTE ACCORDO, ENTRO 90 GG DALL INIZIO DELLA PROPRIA ATTIVITA. Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012 DISCIPLINA LA DURATA, I CONTENUTI MINIMI, LE MODALITA DELLA FORMAZIONE E DELL DEGLI OPERATORI DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO PER LE QUALI E PREVISTA UNA PARTICOLARE ABILITAZIONE (art. 73, comma 5 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) da non confondere con l INFORMAZIONE prevista dall art. 36 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. che dovrà essere impartita ad ogni singolo Lavoratore DETTAGLI PAGG

3 3 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO SANZIONI PER IL DATORE DI LAVORO ED IL DIRIGENTE artt. DESCRIZIONE SANZIONI 55, comma 1, lett. b) 55, comma 5, lett. c) 87, comma 2, lett. e) 87, comma 2, lett. c) 177, 184, 195, 203 -comma 1-lett. f), 227, 258, 278, 294-bis mancata formazione del Datore di Lavoro che si autonomina in base all art. 34, comma 2 mancata formazione dei Lavoratori, Dirigenti, Preposti, Addetti Antincendio, Adetti Primo Soccorso, RLS in base all art. 37 mancata formazione dei Lavoratori addetti ai Lavori elettrici Sotto Tensione PES, PAV in base all art. 82, comma 1, lett. b), punto 2) mancata formazione dei Lavoratori addetti all utilizzo delle Attrezzature di Lavoro in base agli artt. 71, comma 7, lett. a) e 73, comma 5 mancata formazione dei Lavoratori esposti a VDT, AGENTI FISICI IN GENERALE-CAMPI EM-RAD. OTT. ART., RUMORE, VIBRAZIONI, AGENTI CHIMICI, BIOLOGICI, AT- MOSFERE ESPLOSIVE arresto da 3 a 6 mesi ammenda da 2500 a 6400 arresto da 2 a 4 mesi ammenda da 1200 a 5200 arresto da 3 a 6 mesi ammenda da 2500 a 6400 arresto da 3 a 6 mesi ammenda da 2500 a 6400 MEDIAMENTE: arresto da 3 a 6 mesi ammenda da 2500 a 6400 CULPA IN ELIGENDO Il datore di lavoro e/o dirigente può essere condannato in caso di danni al lavoratore per culpa in eligendo o culpa in vigilando. La culpa in eligendo si ha quando il datore di lavoro sbaglia a scegliere (eligere), volendo risparmiare o non usando la normale diligenza, una certa macchina, un certo docente, un certo consulente, una certa organizzazione del lavoro e questa sua scelta causa danni al lavoratore.

4 4 QUALIFICAZIONE DOCENTI CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) REQUISITO MINIMO: Diploma di scuola secondaria superiore, e il rispetto di 3 elementi fondamentali: conoscenza, esperienza e capacità didattica. Insieme al citato prerequisito di Istruzione, il formatore docente per essere considerato qualificato dovrà anche possedere almeno uno dei criteri sotto elencati: 1. Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza; 2. Laurea coerente con le materie oggetto della docenza, ovvero corsi post laurea (dottorato di ricerca, perfezionamento, master, specializzazione...) nel campo della salute e sicurezza sul lavoro, o in alternativa 3. Frequenza e possesso di Attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 6 (o in alternativa 40) in materia di salute e sicurezza sul lavoro organizzato/i dai soggetti di cui all'articolo 32, comma 4, del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., unitamente ad almeno dodici mesi (diciotto per chi ha frequentato corso da 40 ore) di esperienza lavorativa o professionale coerente con l area tematica oggetto della docenza o in alternativa 4. Esperienza di almeno sei mesi nel ruolo di RSPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di ASPP (tali figure possono effettuare docenze solo nell ambito del macrosettore ATECO di riferimento). Nei casi citati al punto 2, 3 e 4 anche il possesso di almeno una delle seguenti specifiche: A. Frequenza di corso, con esame finale, della durata minima di 2 (es. corso formazione formatori), o abilitazione all insegnamento, o conseguimento di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione in alternativa B. Precedente e documentabile esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro in alternativa C. Precedente e documentabile esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi tre anni, in qualunque materia in alternativa D. Partecipazione a corsi in affiancamento ad altro docente, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni in qualunque materia. Il prerequisito del possesso di Diploma di Scuola Secondaria Superiore non è richiesto ai Datori di Lavoro. Essi inoltre, in deroga e solo per i soli primi due anni, possono svolgere formazione ai propri lavoratori, purché abbiano frequentato il corso per RSPP.

5 5 FORMAZIONE ED DEI DATORI DI LAVORO che intendono svolgere direttamente i compiti di RSPP sulla base dell art. 34 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI ACCREDITATI SECONDO IL D.M. 166/01 REGIONI E PROVINCE AUTONOME, UNIVERSITA, ISPESL, INAIL, IPSEMA, VV.F., SSPA ED ALTRE SCUOLE SUPERIORI, ASSOCIAZIONI SINDACALI DATORI DI LAVORO E DEI LAVORATORI, ORGANISMI PARITETICI ED ALCUNI ALTRI ENTI O ISTITUZIONI LIMITATAMENTE AL PROPRIO PERSONALE (MINISTERI DEL LAVORO, DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE, DELL INTERNO FORMEZ ISTITUZIONI SCOLASTICHE, ORDINI E COLLEGI PROFESSIONALI) DOCENTI CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISCHIO BASSO 16 ORE Uffici, Servizi, Commercio, Artigianato, Turismo RISCHIO MEDIO 32 ORE Agricoltura, Pesca, P.A., Istruzione, Trasporti, Magazzinaggio RISCHIO ALTO 48 ORE Costruzioni, Industria Alimentare, Tessile, Legno, Manufatturiero, Energia, Rifiuti, Raffinerie, Chimica, Sanità, Servizi Residenziali la formazione è strutturata in 4 moduli GIURIDICO-NORMATIVO GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI può essere svolto in modalità e-learning può essere svolto in modalità e-learning QUINQUENNALE RISCHIO BASSO 8 ORE RISCHIO MEDIO 12 ORE RISCHIO ALTO 16 ORE può essere svolto in modalità e-learning

6 6 FORMAZIONE ED DEI LAVORATORI art. 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, ANCHE IN MODALITA e-learning, COME DEFINITA IN ALLEGATO I DELL ACCORDO, OVE NE RICORRANO LE CONDIZIONI, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE GENERALE 4 ORE può essere svolta in modalità e-learning + FORMAZIONE SPECIFICA RISCHIO BASSO 4 ORE Uffici, Servizi, Commercio, Artigianato, Turismo RISCHIO MEDIO 8 ORE Agricoltura, Pesca, P.A., Istruzione, Trasporti, Magazzinaggio RISCHIO ALTO 12 ORE Costruzioni, Industria Alimentare, Tessile, Legno, Manufatturiero, Energia, Rifiuti, Raffinerie, Chimica, Sanità, Servizi Residenziali 8 ORE QUINQUENNALI per tutti i macrosettori di rischio può essere svolta in modalità e-learning

7 7 FORMAZIONE ED DEI RLS (RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA) art. 37, commi 10, 11, 12 e 13 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI (non vi è alcun riferimento normativo specifico, ma solo pareri di buona prassi) I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, DA DO- CENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE 32 ORE la formazione è strutturata in 8 moduli 20 ORE 12 ORE PRINCIPI GIURIDICI LEGISLAZIONE OBBLIGHI DEI SOGGETTI COINVOLTI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE ASPETTI NORMATIVI PER IL RLS TECNICA DELLA COMUNICAZIONE RISCHI SPECIFICI PRESENTI IN AZIENDA ANNUALE 2 ORE PER AZIENDE SINO A 14 DIPENDENTI 4 ORE PER AZIENDE DA 15 A 50 DIPENDENTI 8 ORE PER AZIENDE CON PIU DI 50 DIPENDENTI

8 8 FORMAZIONE ED DEI PREPOSTI art. 37, commi 7 e 7-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, ANCHE IN MODALITA e-learning, COME DEFINITA IN ALLEGATO I DELL ACCORDO, OVE NE RICORRANO LE CONDIZIONI, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE GENERALE UGUALE A QUELLA PREVISTA PER I LAVORATORI + FORMAZIONE PARTICOLARE 8 ORE 8 ORE QUINQUENNALI per tutti i macrosettori di rischio può essere svolto in modalità e-learning

9 9 FORMAZIONE ED DEI DIRIGENTI art. 37, commi 7 e 7-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, ANCHE IN MODALITA e-learning, COME DEFINITA IN ALLEGATO I DELL ACCORDO, OVE NE RICORRANO LE CONDIZIONI, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE GENERALE 12 ORE la formazione è strutturata in 4 moduli GIURIDICO- NORMATIVO GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI può essere svolto in modalità e-learning con Prova di Verifica Obbligatoria con colloquio o Test 8 ORE QUINQUENNALI per tutti i macrosettori di rischio può essere svolto in modalità e-learning

10 10 FORMAZIONE ED DEI PREPOSTI ANTINCENDIO art. 37, comma 9 ed art. 46 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e D.M SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI PER LE ATTIVITA A RISCHIO BASSO E MEDIO, I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA,CHE DIMOSTRINO DI ESSERE ISCRITTI NELLA LISTA DEL MINISTERO DELL INTERNI PREVISTA DAL D.M DI CUI ALLA LEGGE 818/84. PER LE ATTIVITA A RISCHIO ALTO, I CORSI POTRANNO ESSERE TENUTI UNICAMENTE DAI VV.F.. FORMAZIONE GENERALE Variabile in funzione del RISCHIO INCENDIO RISCHIO INCENDIO BASSO 4 ORE ATTIVITA NON ASSOGETTATE AL CONTROLLO DEI VV.F. RISCHIO INCENDIO MEDIO 8 ORE ATTIVITA ASSOGETTATE AL CONTROLLO DEI VV.F. RISCHIO INCENDIO ALTO 16 ORE ATTIVITA CON RISCHI RILEVANTI SOLO IN CASO DI VARIAZIONI NORMATIVE nello specifico è stato abrogato il D.M ed emanato il D.P.R. 151/11, ENTRATO IN VIGORE IL

11 11 FORMAZIONE ED DEGLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO art. 37 e 45, comma 2 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e D.M. 388/03 SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI (figure non normate ufficialmente, ma riconosciute con criteri di buona prassi) I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE LA LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA CON PREFERENZA DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA DEL LAVORO, ED UNA ESPERIENZA PREGRESSA NELLA DOCENZA DI CORSI DI PRIMO SOCCORSO. AZIENDE GRUPPO A 16 ORE Alto Rischio, Con più di 5 Dipendenti con indice inabilità > 4, Agricoltura con più di 5 Dipendenti AZIENDE GRUPPO B 12 ORE Diverse dal GRUPPO A con Dipendenti 3 AZIENDE GRUPPO C 12 ORE Diverse dal GRUPPO A con Dipendenti < 3 la formazione è strutturata in 3 moduli A B C GRUPPO A 6 ORE GRUPPO B 4 ORE GRUPPO C 4 ORE GRUPPO A 4 ORE GRUPPO B 4 ORE GRUPPO C 4 ORE GRUPPO A 6 ORE GRUPPO B 4 ORE GRUPPO C 4 ORE TRIENNALE CON STESSI CONTENUTI E MODALITA

12 12 FORMAZIONE ED DEI LAVORATORI PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO artt. 71, comma 7, lett. a) e 73, comma 5 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012 SOGGETTI FORMATORI ACCREDITATI REGIONI E PROVINCE AUTONOME, MINISTERO DEL LAVORO, INAIL, ASSOCIAZIONI SINDACALI DEI DA- TORI DI LAVORO E DEI LAVORATORI, GLI ORDINI E COLLEGGI PROFESSIONALI DI CUI AL comma 1 dell art. 98 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.,, SCUOLE EDILI, ENTI PARITETICI, SOGGETTI FORMATORI CON ESPE- RIENZA ALMENO TRIENNALE NELLA FORMAZIONE DELLA SPECIFICA ATTREZZATURA O FORMATORI CON ESPERIENZA PROFESSIONALE ALMENO DI SEI ANNI IN MATERIA DI SICUREZZA, ETRAMBI QUESTI DUE ULTIMI ACCREDITATI AI SENSI DELL INTESA SANCITA IN DATA (GURI ) DOCENTI I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, ANCHE IN MODALITA e-learning, COME DEFINITA IN ALLEGATO I DELL ACCORDO, OVE NE RICORRANO LE CONDIZIONI, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE ESPERIENZA DOCUMENTATA ALMENO TRIENNALE SIA NELLA FORMAZIONE E SIA NELLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA DEL LAVORO E DA PERSONE CHE DIMOSTRINO UNA ESPERIENZA TRIENNALE NELLE TECNICHE DI UTILIZZAZIONE DELLE ATTREZZATURE ATTREZZATURE INTERESSATE A FORMAZIONE SPECIFICA a) PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (PLE) b) GRU A TORRE c) GRU MOBILE d) GRU PER AUTOCARRO e) CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO: 1. Carrelli semoventi a braccio telescopico 2. Carrelli industriali semoventi 3. Carrelli/Sollevatori/Elevatori semoventi telescopici rotativi f) TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI g) MACCHINE MOVIMENTO TERRA 1. Escavatori idraulici 2. Escavatori a fune 3. Pale caricatrici frontali 4. Terne 5. Autoribaltabile a cingoli h) POMPA PER CALCESTRUZZO

13 13 PLE PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI ore GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 3 ore + la combinazione di uno o più MODULI PRATICI PER PLE CHE OPERANO SU STABILIZZA- TORI PER PLE CHE OPERANO SENZA STABILIZZATORI PER L ABILITAZIONE ALL USO DELLE PLE CHE OPERANO SIA SU STABILIZZATORI CHE SENZA STABILIZZATORI 6 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

14 14 GRU A TORRE ore GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 7 ore + la combinazione di uno o più MODULI PRATICI PER GRU CHE OPERANO CON ROTAZIONE IN BASSO PER GRU CHE OPERANO CON ROTAZIONE IN ALTO PER L ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE SIA DELLE GRU CHE OPERANO SIA CON ROTAZIONE IN BASSO E SIA IN ALTO 8 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

15 15 GRU MOBILE ore CORSO BASE per gru mobili autocarrate e semoventi su ruote con braccio telescopico o tralicciato ed eventuale falcone fisso GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 6 ore 7 ore AGGIUNTIVO AL CORSO BASE per gru mobili su ruote con falcone telescopico o brandeggiante TEORICO QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

16 16 GRU PER AUTOCARRO 12 ore GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 3 ore 8 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO ore GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 3 ore carrelli industriali semoventi (A) carrelli semoventi a braccio Telescopico (B) carrelli/sollevatori/ elevatori semoventi telescopici rotativi (C) carrelli di tipo A, B e C 8 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

17 17 TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI 8-13 ore GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 2 ore trattori a ruote 5 ore trattori a cingoli 5 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

18 18 MACCHINE MOVIMENTO TERRA GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 3 ore escavatori idraulici (A) 6 ore escavatori a fune (B) 6 ore caricatori frontali (C) 6 ore terne (D) 6 ore autoribaltabili a cingoli (E) 6 ore macchine A, C e D 12 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI POMPA PER CALCESTRUZZO 1 GIURIDICO NORMATIVO 1 ora TECNICO 6 ore 7 ore QUINQUENNALE DI CUI ALMENO 3 ore DOVRANNO ESSERE RELATIVE AI PRECEDENTI MODULI PRATICI

19 19 FORMAZIONE ED DEI LAVORATORI PES E PAV SECONDO LA CEI per lavori sotto tensione su sistemi di CATEGORIA 0 e I e lavori in prossimità di parti attive e per lavori fuori tensione per sistemi di qualsiasi CATEGORIA art. 82, comma 1, lett. b), punto 2 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI (figure non normate ufficialmente, ma riconosciute con criteri di buona prassi) I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI ATTINENTI ALL ATTIVITA FORMATIVA, OSSIA DIPLOMA O LAUREA TECNICA, COMPROVATA ESPERIENZA NEL SETTORE ELETTRICO SIA DI TIPO PROGETTUALE CHE IN MATERIA DI COLLAUDI E VERIFICHE, NONCHE UN ADEGUATA ESPERIENZA IN CAMPO DELLA FORMAZIONE. PES (PERSONA ESPERTA) PAV (PERSONA AVVERTITA) PEC (PERSONA COMUNE) persona formata in possesso di specifica istruzione ed esperienza tali da consentirle di evitare i pericoli che l elettricità può FORMAZIONE 12 ore persona formata, adeguatamente istruita in relazione alle circostanze contingenti, da persone esperte, per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare persona non esperta e non avvertita nel campo delle attività elettriche che può operare autonomamente solo in assenza di rischio elettrico o sotto sorveglianza di un PES o PAV quando vi sia presenza di rischi elettrici specifici consigliate 16 ore tenendo conto dei test di ingresso e di uscita NESSUNA FORMAZIONE

20 20 FORMAZIONE, ADDESTRAMENTO ED DEI LAVORATORI PER RISCHI SPECIFICI: VDT, MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, RUMORE, VIBRAZIONI, CAMPI ELETTROMAGNETICI, RADIAZIONI IONIZZANTI, RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI, CAMPI ELETTROMAGNETICI, AGENTI CHIMICI, AGENTI BIOLOGICI, ATMOSFERE ESPLOSIVE artt. 177, 184, 195, 203-comma 1-lett. f), 227, 258, 278, 294-bis successivi al TITOLO I del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. (esclusi dalla formazione di base di cui all art. 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) SOGGETTI FORMATORI E DOCENTI (figure non normate ufficialmente, ma riconosciute con criteri di buona prassi) I CORSI DEVONO ESSERE TENUTI INTERNAMENTE O ESTERNAMENTE ALL AZIENDA, DA DOCENTI INTERNI O ESTERNI ALL AZIENDA STESSA, CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI ATTINENTI ALL ATTIVITA FORMATIVA, OSSIA DIPLOMA O LAUREA TECNICA, COMPROVATA ESPERIENZA NEI SETTORI/RISCHI DI PERTINENZA, NONCHE UN ADEGUATA ESPERIENZA IN CAMPO DELLA FORMAZIONE. NON SONO STATE DEFINITE DAL LEGISLATORE NE LE ORE SPECIFICHE E NE LE MODALITA

21 21 FORMAZIONE ED DEI RSPP e ASPP art. 32 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. (rif. Accordo Stato-Regioni ) SOGGETTI FORMATORI ACCREDITATI SECONDO IL D.M. 166/01 REGIONI E PROVINCE AUTONOME, UNIVERSITA, ISPESL, INAIL, IPSEMA, VV.F., SSPA ED ALTRE SCUOLE SUPERIORI, ASSOCIAZIONI SINDACALI DATORI DI LAVORO E DEI LAVORATORI, ORGANISMI PARITETICI ED ALCUNI ALTRI ENTI O ISTITUZIONI LIMITATAMENTE AL PROPRIO PERSONALE (MINISTERI DEL LAVORO, DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE, DELL INTERNO FORMEZ ISTITUZIONI SCOLASTICHE, ORDINI E COLLEGI PROFESSIONALI) DOCENTI CHE DIMOSTRINO DI POSSEDERE I REQUISITI DI CUI AL TESTO APPROVATO DALLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE DEL (art. 6, comma 8, lett. m-bis del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) RSPP e ASPP che NON HANNO svolto la mansione per almeno 3 anni prima dell Accordo RSPP e ASPP che HANNO svolto la mansione per almeno 3 anni prima dell Accordo A B C CORSO BASE 28 ore CORSO SPECIALIZZAZIONE ore a seconda il MACROSETTORE ATECO di interesse CORSO SPECIALIZZAZIONE 2 OBBLIGATORIO SOLO PER RSPP B QUINQUENNALE RSPP 60 ore per i MACROSETTORI RSPP 40 ore per i MACROSETTORI ASPP 28 ore per TUTTI i MACROSETTORI può essere svolto in modalità A DISTANZA

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese Piano Mirato Prevenzione FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO Guida per le imprese Mark Kostabi, Tapestry of the wits, 2006 L arma competitiva del ventunesimo secolo sarà

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) L Impresa: timbro e firma (Il Datore di Lavoro) Impresa Pagina 1 di 23

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli