REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2 (EMISSION TRADING EU-ETS - Direttiva 2003/87/CE e s.m.i)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2 (EMISSION TRADING EU-ETS - Direttiva 2003/87/CE e s.m.i)"

Transcript

1 Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE (EMISSION TRADING EU-ETS - Direttiva 2003/87/CE e s.m.i) approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. in data 29/03/ /12 Aggiornamento generale RD DIRETTORE ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE

2 Pag. 2 di 10 INDICE 1. SCOPO GENERALITA RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE REQUISITI AGGIUNTIVI IIP FASE DELLA VERIFICA EU_ETS FASE 1 : VERIFICA INIZIALE FASE 2 : VERIFICA DI CONVALIDA FASE 3: REVISIONE TECNICA INDIPENDENTE DISCREPANZE O NON CONFORMITA AZIONI CORRETTIVE DA INTRAPRENDERE CONVALIDE ANNUALI MODIFICHE ALL IMPIANTO MODIFICHE AI REQUISITI DELLA CONVALIDA DI BILANCIO RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI RISERVATEZZA...

3 Pag. 3 di SCOPO Il presente regolamento ha lo scopo di regolare e descrivere le attività di verifica e convalida previste dalla Direttiva Europea 2003/87 e s.m.i. Nel periodo di riferimento il monitoraggio e la Verifica dei bilanci saranno riferiti al solo gas ad effetto serra anidride carbonica, di seguito denominato CO2. Le attività indipendenti condotte da IIP, saranno descritte come verifiche del bilancio di CO2 intendendo per questo una verifica di conformità del sistema di raccolta dati, di monitoraggio e di comunicazione predisposto dall organizzazione e la convalida dei dati annuali di emissione di CO2 da parte dell ente IIP. Eventuali verifiche di bilancio di gas serra, all interno dei meccanismi flessibili previsti dal Protocollo di Kyoto e dalla Direttiva 2004/101/CE, terranno conto del presente Regolamento, della normativa applicabile e delle esperienze fatte nel quadro degli adempimenti previsti dalla normativa vigente. Le normative di riferimento per il presente REGOLAMENTO sono : Direttiva 2003/87/CE Direttiva 2008/101/ Direttiva 2009/29/CE del parlamento Europeo Decisione 2007/589/CE Decisone 2009/339/CE Decisone 2009/73/CE Decisone 2009/450/CE D.Lgs 216/06 D. Lgs. 7 marzo 2008, n. 51 Deliberazione 14/2009 Deliberazione 27/2009 Deliberazione 10/2010 DEC/RAS/096/2006 IETA Verification Protocol v EA 6-03, Guidance for Recognition of Verification Bodies Under EU ETS Directive La certificazione (da parte indipendente qualificata),delle emissioni annuali di CO2 consente all azienda di inviare tale comunicazione all Autorità Competente per ottenere il saldo delle quote di Anidride Carbonica rispetto a quelle previste dalla relativa Decisone di Assegnazione. Particolari procedure pubblicate in Italia dalla Autorità Nazionale Competente (ANC), saranno immediatamente recepite dal presente regolamento. Il presente Regolamento indicherà con il termine di Gestore l organizzazione richiedente la certificazione EU_ETS e VALUTATORE il soggetto incaricato da IIP per svolgere la suddetta attività. Nel presente regolamento sono quindi descritte le azioni che sia IIP che il Gestore" devono intraprendere al fine di completare il processo di verifica e di certificazione dell emissione annuale di CO2. 2. GENERALITA Il processo di verifica è composto dalle seguenti fasi: - FASE PRELIMINARE : Riesame del contratto da parte IIP - FASE 1 : Riesame strategico e Verifica di conformità - FASE 2 : Valutazione di dati e Risoluzione delle anomalie - FASE 3 : Valutazione, Registrazione e chiusura Revisione tecnica indipendente - OPINIONE DI VERIFICA Le attività di verifica e convalida del bilancio emissivo hanno lo scopo di emettere una opinione di verifica, detta Statement Opinion, positiva nel senso di conformità ai regolamenti relativi. Tale attestazione è necessaria per ogni impianto soggetto alla Direttiva 2003/87 e s.m.i. al fine di comunicare l ammontare delle quote emesse alla ANC. A tale comunicazione, da eseguire entro il 31 marzo di ogni anno, seguirà una restituzione delle quote di emissione per il successivo scambio nella borsa europea (Emission Trading Scheme), entro il 30 aprile di ogni anno. Il Gestore che richiede di ottenere e mantenere la certificazione EU_ETS, e cioè una opinione di verifica positiva, dovrà dimostrare di mantenere i requisiti riportati nella direttiva mediante una verifica di Terza Parte Indipendente. La certificazione/convalida delle quote rilasciata da IIP è relativa esclusivamente alle attività identificate nella richiesta di convalida e presenti nel sito.

4 Pag. 4 di 10 Per scopo della verifica si intende la verifica di conformità delle informazioni inerenti la normativa di riferimento e le attività/processi oggetto dell EU-ETS, così come riportate nella Decisione 2007/589/CE della Unione Europea. 3. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE Il questionario informativo rappresenta la base per la raccolta delle informazioni necessarie a per la formulazione dell offerta ad un Gestore che richieda la certificazione (richiedente). Tale questionario deve contenere le seguenti informazioni: riferimenti della società e dell impianto richiedente la certificazione e del referente al suo interno; settore di attività ed il gruppo per quantità di emissione (All. I Direttiva 2009/29/CE) attività svolte in ciascun impianto sottoposto a Direttiva, il numero di emissioni e la quantità di CO2 emessa in un anno; tipo di combustibile utilizzato metodo per il controllo delle emissioni di CO2; informazioni sul sistema di gestione dati. IIP, sulla base delle informazioni fornite invierà un offerta a copertura dei costi della Fase 1 e della Fase 2 del processo di verifica. L offerta specificherà i costi di emissione della Opinione di Verifica, della gestione e della pianificazione delle verifiche annuali successive. Se non espressamente specificato la quotazione delle sole attività annuali, relative al bilancio di emissione relativo al periodo la stessa di quella prevista per il primo anno alla sola FASE 2. A richiesta del Cliente verrà fornita inoltre la quotazione di un eventuale pre-audit a carattere facoltativo. Le fasi di verifica, quelle successive alla verifica del primo anno e quelle di pre-audit saranno specificate nell offerta di certificazione. I termini e le condizioni relative sono descritti nel Contratto di Certificazione. In conformità alle prescrizioni della EA 6-03, IIP prevede un approccio alla certificazione delle emissioni di CO2 in due fasi che avvengono presso l impianto: - Verifica Iniziale o Fase 1 - Verifica di Convalida o Fase 2. Vista la specificità del periodo a disposizione per le verifiche annuali (sempre entro il 31 marzo di ogni anno), non sono previste limitazioni al periodo di tempo intercorrente tra la fase 1 e la fase 2. Occorre specificare che ogni ritardo o slittamento delle date di verifica non dipendenti da IIP non sarà imputabile ad IIP in ordine ad eventuali consegne dell attestato oltre i termini previsti ogni anno (entro il 31 marzo). Nell ottica del miglior servizio possibile reso al cliente, IIP farà comunque il possibile per ridurre al minimo le probabilità di chiusura delle verifiche oltre i limiti imposti dalla Direttiva. Il gestore dell impianto che intendesse accettare l offerta per le attività di verifica e convalida dovrà inviare a IIP una copia firmata per accettazione del Contratto di certificazione. La ricezione di questo documento da parte di IIP sarà considerata come una accettazione degli accordi contrattuali ed una autorizzazione ad attivare quanto previsto nel Contratto stesso. Al ricevimento del contratto firmato, IIP provvederà a verificare la correttezza delle informazioni, a procedere con il riesame del contratto e a pianificare le attività. In particolare dopo accordi presi con i Responsabili dell impianto, saranno pianificate le date per la Fase 1 e Fase 2 notificando all azienda i nominativi dei componenti del gruppo di verifica con una comunicazione formalizzata. Il gruppo di verifica sarà definito per ruoli e competenze nel rispetto dei requisiti fissati dal documento EA_6/ REQUISITI AGGIUNTIVI IIP Lo schema di certificazione IIP prevede che in aggiunta ai requisiti della norma di riferimento, siano soddisfatti anche i seguenti requisiti: a. che il soggetto gestore dell impianto abbia individuato il responsabile del bilancio della CO2 con una formale assegnazione di incarico; b. che il responsabile di bilancio della CO2 attesti la veridicità dei dati dichiarati firmando una dichiarazione standard preparata da IIP; c. che il soggetto gestore dell impianto sia dotato di competenze adeguate per risolvere eventuali discrepanze o errori in tempi utili per l invio del bilancio alle Autorità Competenti; d. che il soggetto gestore dell impianto raccolga e metta a disposizione del verificatore ogni comunicazione ricevuta e/o inviata alla Autorità Nazionale Competente sull argomento in oggetto;

5 Pag. 5 di 10 e. che il soggetto gestore dell impianto consenta al gruppo di verifica accesso agli impianti, autorizzi colloqui con il personale e la visione delle registrazioni in modo da verificare che il Sistema di monitoraggio e comunicazione sia stato implementato e sia adeguatamente mantenuto; f. che il soggetto gestore dell impianto cooperi pienamente per la risoluzione delle eventuali non conformità. 5. FASI DELLA VERIFICA EU_ETS FASE 1 : RIESAME STRATEGICO E VERIFICA INIZIALE Con un preavviso rispetto alle date definite per la verifica, IIP invierà all impianto il programma di massima delle attività di Verifica Iniziale (Fase 1), insieme ad altre eventuali richieste di informazioni necessarie per il proseguimento del processo di certificazione. La Verifica di FASE 1 è costituita dalla Riesame Strategico e dalla Verifica di Conformità. Lo scopo di questa fase è di valutare in particolar modo i seguenti elementi: a) - La natura, lo scopo e la complessità dell impianto e dei processi coinvolti nelle emissioni di CO2, includendo le misurazioni e la registrazione dei flussi di energia e dei materiali verranno considerati l accuratezza degli strumenti e tutto quello che va ad influire sull incertezza della misura. b) - Il sistema di gestione dei dati dalla produzione alla registrazione c) - La struttura organizzativa all interno del quale vengono emessi i dati Tale attività è condotta secondo una metodologia conforme a quanto disposto dall'allegato 2 del DEC/RAS/096/2006 e quanto disposto dalla Decisione della Commissione Europea 2007/589/CE. Modalità di conduzione della fase 1 Il team di verifica potrà chiedere di eseguire interviste circa la raccolta e gestione dei dati, la conoscenza del controllo qualità e del controllo sugli errori di misura. Il Team di verifica condurrà una visita agli impianti, alle fonti di emissione ed ai depositi di combustibile per una conoscenza dello stato degli impianti. Sulla base delle informazioni contenute nei documenti e procedure saranno verificati i coefficienti utilizzati, i livelli di accuratezza e i dati di emissione per una prima valutazione di conformità alla (Decisione 2007/589/CE). Saranno raccolte, inoltre, informazioni sulla calibrazione/taratura della strumentazione utilizzata come base per la misura/stima/calcolo delle emissioni in conformità ai livelli di accuratezza della Decisione 2007/589/CE (in questa fase la presenza dei responsabili degli impianti può non essere considerata necessaria). Nota : Per esempi di attività di analisi di rischio e riesame strategico vedere anche la Guida IETA Version 2.0 p.to 4.2 e la GN 16. Per l esecuzione della verifica di Fase 1 è previsto l utilizzo del modulo di raccolta delle evidenze e dei rilievi che riporta le questioni che occorre chiarire ovvero di maggior rischio per il processo di verifica e la relativa azione correttiva proposta. Durante questa fase verrà inoltre compilata una check list utile alla valutazione del rischio - Revisione Strategica e Valutazione del Rischio. Con le informazioni raccolte al termine delle attività di Verifica Iniziale sarà possibile individuare il programma della Verifica di Convalida (Fase 2) FASE 2 : ANALISI DEI DATI E CONVALIDA ANNUALE - VERIFICA DI CONVALIDA Con un congruo preavviso rispetto alle date definite per la verifica,iip invierà al Gestore un Programma delle attività di Verifica di Convalida (Fase 2), insieme a qualsiasi ulteriore richiesta sia considerata necessaria per il proseguimento del processo di certificazione. Durante la fase 2, dopo aver verificato la risoluzione delle eventuali anomalie riscontrate in Fase 1 e registrate sul Registro dei rilievi, verranno valutati i dati di emissione di CO2 dell anno di riferimento. La Verifica di Convalida (o Verifica di Certificazione) ha lo scopo di attestare la conformità del bilancio dichiarato alle disposizioni previste dalla Decisione 2007/589/CE con particolare riferimento all entità delle inesattezze. Il livello accettabile delle inesattezze è quello descritto dalla Decisione 2007/589/CE con il termine di rilevanza della comunicazione, ottenuto applicando i livelli di accuratezza appropriati. Scopo finale della Verifica di FASE 2 è quello di attestare la conformità del Monitoraggio e Comunicazione e di convalidare la dichiarazione annuale delle quote di CO2 effettivamente emesse nell anno solare di riferimento.

6 Pag. 6 di 10 La soglia massima dell errore materiale accettabile definita soglia di rilevanza è espressa in percentuale di CO2 sul totale dell emissione annuale sulla base dei riferimenti riportati nel DEC/RAS/096/2006. La Verifica di Convalida o di Certificazione viene condotta in conformità alla presente regolamento, registrando le evidenze riscontrate su apposite check list e report predisposti : a) - Registro dei rilievi b) - Rapporto di FASE 2 : Analisi e convalida dei dati annuali di emissione. c) - Registro della verifica annuale Alla fine della giornata verrà svolta una riunione interna al Gruppo di Verifica per la preparazione dei rapporti di audit relativi ai risultati della verifica e per la successiva presentazione dei risultati alla direzione dell impianto. Modalità di conduzione della FASE 2 : Il team di verifica andrà a verificare che le non conformità registrate sul documento Registro dei rilievi, durante la fase 1, siano state risolte e che non siano insorte altre non conformità. Verranno, inoltre, raccolti i dati di consumo e verrà effettuata la verifica (a campione) dei calcoli eseguiti. In questa fase potranno essere chieste fotocopie di documenti di consumo combustibile e/o materie prime, nonché attestati relativi alla riferibilità metrologica degli strumenti e le evidenze di accreditamento dei laboratori di prova, il tutto come evidenze oggettive necessarie alla convalida. Tali evidenze saranno trattate nel pieno rispetto della riservatezza e saranno raccolte esclusivamente all interno di un apposito raccoglitore intestato all Azienda chiamato Registro generale dei rilievi, conservato presso gli uffici di IIP. Nel caso in cui la mancanza, l inconsistenza o la non trasparenza dei dati e delle evidenze non consenta una sufficiente confidenza sul sistema, non potrà essere rilasciato la Opinione di Verifica (Statement Opinion). Al termine della verifica di FASE 2, il responsabile del gruppo di verifica (Valutatore Responsabile o Team Leader): a) - evidenzierà eventuali discrepanze o errori eventualmente verificatisi nell applicazione delle procedure previste dal sistema di Monitoraggio e Comunicazione descritto dall impianto e discuterà le relative azioni correttive e tempi di attuazione; b) - evidenzierà eventuali discrepanze o errori presenti nella documentazione di bilancio che siano superiori al livello di rilevanza precedentemente identificato ai sensi del DEC/RAS/096/2006 tali da inficiare la rilevanza della comunicazione (errori materiali oltre il limite di soglia) e discuterà le relative azioni correttive e tempi di attuazione; c) - comunicherà ai Responsabili della Società i limiti di accettazione delle Azioni Correttive utili alla raccomandazione di una opinione positiva. d) - preparerà un Rapporto di Convalida che firmerà e lascerà in copia alla Società insieme all eventuale Registro dei rilievi, già citato; il Responsabile del bilancio della CO2 dovrà firmare per conoscenza tutti i documenti IIP emessi in sede di Verifica di Convalida. Il report dovrà evidenziare chiaramente la raccomandazione o meno di una opinione positiva FASE 3 REVISIONE TECNICA INDIPENDENTE (COMITATO DI CONVALIDA) Successivamente alla Verifica di FASE 2, sia in caso di esito positivo che di esito non positivo, il Verificatore Responsabile inoltrerà la documentazione di report, lo issue file ed ogni altra informazione di verifica al Comitato di Convalida IIP. Il Comitato di Convalida valuterà la conformità dell intero processo emettendo una Opinione di Verifica positiva o non positiva che sarà trasmessa all azienda richiedente. Il comitato di convalida IIP per le attività oggetto della presente procedura è costituito dal Responsabile del settore Certificazione, dal Responsabile della Certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale e da almeno un tecnico Competente del settore merceologico della organizzazione oggetto di verifica. Verrà rilasciato all azienda, infine, lo Statement Opinion: il risultato formale del processo di verifica che costituisce l opinione indipendente del Verificatore riguardo ai dati sulle emissioni consegnati. 5.4 DISCREPANZE O NON CONFORMITA Per discrepanza o non conformità si intende il mancato mantenimento di una o più delle richieste presenti nel permesso di emissione di CO2 che infici almeno uno dei principi esposti nella Decisione 2007/589/CE o che sia causa di un errore materiale considerato rilevante nell ammontare annuale

7 Pag. 7 di 10 delle emissioni di CO2. E ritenuta una non conformità un errore materiale che influisca sull ammontare annuale di una percentuale maggiore di quelle stabilite. Le percentuali di rilevanza ammissibili sono quelle stabilite, in base alla dimensione e complessità dell impianto, nel DEC/RAS 96. Eventuali discrepanze che dovessero emergere durante questa fase possono essere chiarite e risolte durante la verifica. Eventuali modifiche del sistema di monitoraggio e comunicazione, redatto dall organizzazione, potranno essere prese in considerazione anche durante la verifica da parte del verificatore (IETA Protocol 2.0, p.31, p.ti 2-5), purché all interno del tempo stimato per la verifica. 5.5 AZIONI CORRETTIVE DA INTRAPRENDERE Nel caso in cui le discrepanze o non conformità non siano state risolte/chiarite durante la verifica, le stesse saranno evidenziate sul Report Registro dei rilievi. I tempi di risoluzione delle NC devono essere sufficienti per la revisione da parte di IIP Italia e per l emissione della Opinione di Verifica. Dal momento che le scadenze di presentazione dei bilanci sono comunque fissate al 31 marzo di ogni anno, non ci sono tempi entro cui chiudere le NC. Le azioni correttive relative possono essere di tre tipi: azioni correttive implementate durante la verifica. La registrazione sarà evidenziata nel Registro dei rilievi, controfirmato dal responsabile di Bilancio. azioni correttive che richiedono modifiche della documentazione del sistema di Monitoraggio e Comunicazione. In questo caso la verifica della implementazione delle azioni correttive, da parte del Valutatore Responsabile, viene effettuata dietro invio delle modifiche apportate alla documentazione con evidenziazione delle cause che le hanno richieste. azioni correttive che richiedono modifiche significative alle prassi e/o agli impianti della Società la cui effettiva implementazione possa essere verificata solo attraverso una ulteriore verifica in campo. In questo caso una visita supplementare (di follow up) sarà fissata appena possibile e comunque entro i 15 gg. precedenti alle scadenze finali (31 marzo). La verifica avrà come scopo principale quello di verificare la efficacia delle Azioni Correttive relative. A seguito di una verifica soddisfacente delle Azioni Correttive sarà raccomandata l emissione dell Opinione di Verifica. In ogni caso, tutti le Non Conformità presentate durante le Verifiche e riportate dovranno essere risolte e le relative evidenze messe a disposizione del Verificatore IIP. I costi relativi alla visita saranno fatturati alla tariffa giorno/uomo di IIP, in vigore in quel momento. In caso di slittamenti o ritardi nella soluzione delle eventuali NC, IIP non deve essere ritenuta responsabile degli eventuali ritardi finali oltre le scadenze fissate dalla direttiva. In caso di risposte incomplete o di una totale mancanza di risposta da parte della azienda richiedente, non si potrà procedere alla emissione della Opinione di Verifica. La documentazione aziendale presa in esame necessaria al completamento dello Issue Log, sarà restituita alla Società dopo essere stata fotocopiata e timbrata con il timbro RIVISTO IIP nella pagina di guardia (da cui risulti quale sia l ultima revisione applicabile), nell elenco delle procedure e nella rappresentazione dell organigramma aziendale. IIP richiede comunque alla Società di mantenere la documentazione approvata e timbrata in accordo alle proprie procedure di controllo della documentazione. 6. CONVALIDE ANNUALI La Direttiva 2003/87/CE e la Direttiva 2009/29/CE del parlamento Europeo prevedono la convalida del bilancio di emissione entro il 31 marzo di ogni anno all interno di ciascun periodo di riferimento ( ). Salvo sostanziali modifiche di impianto o sopravvenute prescrizioni regolamentate dalla Autorità Nazionale Competente, le convalide annuali successive alla prima saranno eseguite con le stesse modalità descritte per la FASE 2. Le date per le convalide annuali saranno concordate tra IIP e l Organizzazione. Di seguito l Elenco delle informazioni e della documentazione che l Organizzazione deve rendere disponibile per la verifica. La documentazione con il simbolo * deve essere timbrata e firmata da un tecnico abilitato o dal rappresentante legale dell azienda.

8 Pag. 8 di 10 E richiesto l invio in anticipo dei documenti dal punto 1 al punto 6 ; i restanti, in ogni caso, dovranno essere resi disponibili direttamente il giorno della verifica in campo 1. Copia della autorizzazione all emissione dei gas serra 2. Tutte le comunicazioni ricevute ed inviate alla Autorità Competente ed evidenza d invio. 3. Planimetria* del sito con i seguenti dettagli: Fonti soggette alla Direttiva EU ETS; Combustibili utilizzati Punti di stoccaggio/rete di distribuzione dei combustibili utilizzati; Misuratori utilizzati per il monitoraggio del consumo di combustile e/o delle emissioni di CO Documenti relativi all ultima taratura degli strumenti di monitoraggio impiegati. 5. Piano di monitoraggio approvato dal Comitato per il monitoraggio delle emissioni di CO2, contenente le seguenti informazioni: Diagramma di flusso dettagliato del processo produttivo dell impianto; Scopo della procedura; Campo di applicazione; Legislazione di riferimento; Definizioni; Responsabilità; Monitoraggio delle emissioni di gas serra (GHG): - Elenco delle fonti di GHG e breve descrizione - Classificazione delle fonti (maggiori, minori e de minimis ) - Combustibili utilizzati - Strumenti utilizzati per il monitoraggio (scheda tecnica,incertezza di misura, taratura) - Tipologia (da combustione e/o da processo) e metodologia di quantificazione (calcolo e/o misura) delle emissioni GHG - Parametri impiegati nel calcolo delle emissioni GHG (PCI, fatt. di emissione, fatt. di ossidazione/conversione) e fonte di riferimento per tali valori - Livelli d approccio dei dati di emissione GHG - Personale addetto alla gestione dei dati (da registrazione ad elaborazione finale) Eventuali allegati 6. Evidenze documentali di conformità alla normativa vigente nel caso di utilizzo di parametri opzionali scelti dal gestore (fattore di emissione, PCI,..). 7. Comunicazione delle emissioni prodotte dall impianto nel periodo di riferimento da inviare all autorità competente. 8. Fatture d acquisto dei combustibili utilizzati nel periodo di riferimento (1gen-31dic). 9. Registrazioni dei dati relativi al monitoraggio del consumo di combustibile e/o delle emissioni di CO 2 per il periodo di riferimento. 10. Schede d impianto delle utenze soggette alla Direttiva EU ETS. 11. Schede tecniche degli strumenti di misura utilizzati per il monitoraggio del consumo di combustibile e/o per il monitoraggio diretto delle emissioni di CO Documentazione relativa a situazioni di avvio, di arresto e/o di emergenza dell impianto avvenute durante il periodo di riferimento. 13. Indicazione dell utilizzo di laboratori accreditati per la determinazione di fattori di emissione, tenore di carbonio, PCI, fattori di ossidazione, frazione di biomassa. 14. Altri documenti utili al fine della verifica delle emissioni di CO 2 (ad es. analisi ambientale iniziale, certificazioni ottenute,..).

9 Pag. 9 di 10 In particolari circostanze IIP si riserva il diritto di effettuare visite supplementari (in aggiunta alle previste includere la richiesta, da parte della Società, di estendere il proprio scopo di certificazione, una significativa visite di mantenimento) nel corso della validità della certificazione. Le circostanze suddette possono modifica apportata all impianto, un contenzioso con le Autorità che riguardi le emissioni di gas serra o un incidente rilevante. 7. MODIFICHE ALL IMPIANTO Se la Società attua importanti modifiche al proprio Impianto, tali modifiche dovranno essere comunicate a IIP entro 60 giorni dalla messa in esercizio di tali impianti. Il Responsabile di Settore IIP ne valuterà l impatto in termini di emissione di CO2 e valuterà le eventuali richieste del caso. Se la Società che richiede il bilancio di emissione attua modifiche di minore entità al proprio Impianto, le relative variazioni della documentazione dovranno essere implementate. Tali modifiche saranno verificate dal valutatore durante la successiva visita di convalida annuale. Il valutatore provvederà a timbrare la documentazione del Sistema di Gestione Ambientale. Le pagine superate e sostituite dovranno essere conservate dall impianto come riferimento per il valutatore IIP. 8. MODIFICHE AI REQUISITI DELLA CONVALIDA DI BILANCIO Nell eventualità di modifiche ai requisiti della certificazione (ad esempio a seguito di modifiche nelle richieste da parte degli organismi di Accreditamento o nel testo di norme o regolamenti), IIP comunicherà le modifiche alla Società oggetto della convalida inviando una spiegazione scritta dei nuovi requisiti. L implementazione dei nuovi requisiti sarà verificata entro la scadenza fissata per la convalida annuale indipendente effettuata da IIP. 9. RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI Reclami I reclami sulla attività operativa di IIP Srl devono essere formalizzati per iscritto ad IIP Srl che provvederà a una prima risposta di presa in carico del reclamo entro cinque giorni lavorativi dal ricevimento. IIP Srl si impegna ad effettuare le opportune verifiche. A seguito delle attività di verifica e del relativo rapporto rilasciato all Organizzazione, il reclamante viene informato dell esito. Ricorsi e contenziosi Spetta al Collegio dei Probiviri la risoluzione di controversie di qualunque natura insorte tra organizzazione e I.I.P. S.r.l., in particolare quelle afferenti all indipendenza e all imparzialità delle attività effettuate da I.I.P. S.r.l., ovvero all interpretazione, esecuzione e/o risoluzione del contratto (di convalida del bilancio di Co2). L organizzazione interessata a ricorrere, entro il termine perentorio di 10 giorni dal ricevimento della decisione che intende impugnare, provvede alla richiesta di composizione del Collegio arbitrale. Tale richiesta deve essere fatta tramite raccomandata A.R., da indirizzarsi a I.I.P. S.r.l. che dovrà provvedere a sua volta all inoltro della stessa ai componenti del Collegio dei Probiviri entro i 5 giorni successivi al ricevimento della comunicazione pervenuta dall organizzazione. I.I.P S.r.l. invia una conferma di ricevuta del ricorso entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione dell organizzazione nella quale devono essere elencati i nominativi dei Probiviri eletti dall Assemblea di I.I.P. S.r.l. Entro 5 giorni successivi alla comunicazione di I.I.P. S.r.l. le parti devono provvedere alla nomina di un Proboviro di loro fiducia, scelto tra i Probiviri eletti dall Assemblea. In caso di indisponibilità di un Proboviro la parte che lo ha prescelto dovrà provvedere a nominarne un altro entro 5 giorni dalla comunicazione con cui è informato di tale indisponibilità. Il Presidente del predetto Collegio è scelto, di comune accordo, dai due Probiviri nominati dalle parti tra i Probiviri nominati dall'assemblea. In caso di dissenso, la nomina sarà tempestivamente richiesta dai due Probiviri già nominati al Presidente del Tribunale di Milano, che provvederà alla scelta, sempre tra i Probiviri eletti dall'assemblea. Il Presidente del collegio arbitrale ed i singoli Probiviri sono tenuti a dichiarare per iscritto che non ricorre alcuna fattispecie di incompatibilità previste dagli artt. 51 e 52 del Codice di procedura civile. Il Collegio arbitrale stabilisce, di volta in volta, le regole procedurali ed i mezzi istruttori da adottare per risolvere la controversia sotto giudizio. Il Collegio arbitrale giudica secondo equità e le sue decisioni hanno natura di arbitrato irrituale.

10 Pag. 10 di 10 Il lodo deve essere deliberato a maggioranza di voti entro 30 giorni dalla data in cui il Collegio si è costituito e ha avviato l'esame della controversia; tale termine è prorogabile fino ad un massimo di ulteriori 30 giorni. Nel caso in cui la controversia richieda indagini di natura tecnica, i termini di cui sopra si intendono sospesi per il tempo necessario all acquisizione dei dati. Il lodo deve essere comunicato alle parti interessate entro 5 giorni dalla data della deliberazione. La proposizione del ricorso al Collegio arbitrale ha effetto sospensivo del provvedimento impugnato fino alla decisione del Collegio. Il lodo è inappellabile. La carica di proboviro è a titolo gratuito: resta inteso che, nel caso in cui si costituisca il Collegio Arbitrale, a ciascuno dei componenti chiamati a farne parte, verrà corrisposto un compenso forfettario stabilito di anno in anno dall Assemblea dei soci. Le spese relative al ricorso sono a carico del ricorrente, salvo il caso di accoglimento. 10. RISERVATEZZA Tutto il personale coinvolto nel processo di verifica e nelle attività descritte nel presente Regolamento sono impegnati a non comunicare a terzi, senza il consenso dell Organizzazione interessata, fatti salvo gli obblighi di Legge, i risultati delle verifiche ispettive e i dati, le nozioni e le informazioni in genere attinenti all'attività industriale e commerciale dell Organizzazione, di cui siano venuti a conoscenza nell'espletamento delle loro funzioni. Tutte le informazioni sono gestite in accordo ai requisiti del D.Lgs. 196/2003 e successivi aggiornamenti. Il presente impegno non si applica: a dati o informazioni già noti a terzi o precedentemente resi pubblici o pubblicati senza responsabilità di IIP Srl; a dati o informazioni che I.I.P. Srl abbia ricevuto da terzi, che ne possono liberamente disporre; a dati o informazioni la cui rivelazione sia prescritta da leggi e regolamenti; ai dati o informazioni contenute nei documenti della organizzazione verificata.

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Procedura Documentale di Sistema

Procedura Documentale di Sistema INDICE 1. Scopo 2. Campo di Applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti Normativi 5. Descrizione del Processo 5.1 Reclami 5.1.1 Generalità 5.1.2 Forma del Reclamo 5.1.3 Ricezione del reclamo ed Analisi

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA A INTERNATIONAL GOOD MANUFACTURING PRACTICE STANDARD FOR CORRUGATED & SOLID BOARD (GMP/FEFCO)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA A INTERNATIONAL GOOD MANUFACTURING PRACTICE STANDARD FOR CORRUGATED & SOLID BOARD (GMP/FEFCO) Pag. 1 di 14 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA A INTERNATIONAL GOOD MANUFACTURING PRACTICE STANDARD FOR CORRUGATED & SOLID BOARD (GMP/FEFCO) approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Em. 00 10.01.2010 Nuova Emissione Documento Redatto RQ Verificato Approvato PD DISTRIBUZIONE: INTERNA; PR1 - Em. 00 del 10.01.2010 Pagina 1 di 6 Sommario 1 Scopo e Campo di Applicazione... 3 2 Definizioni...

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1. Scopo e campo di applicazione Questa sezione definisce il regolamento adottato dalla OMNIA s.r.l. per le verifiche degli impianti di messa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 CONDIZIONI GENERALI...2 3.1 FASI DI CERTIFICAZIONE... 2 4 OBBLIGHI DEL FABBRICANTE...2 4.1 Accettazione delle condizioni...

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne

Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 1 di 5 Procedura di gestione delle Verifiche Ispettive Interne EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Doc.: PQ03 Rev.: 1 Data: 26/05/03 Pag.: 2 di 5 Indice 1. Scopo

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA.

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Audit P11 Rev 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE Direzione RSPP 2. SCOPO

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL COMITATO TECNICO DI CERTIFICAZIONE Pagina 1 di 5 Revisione Data Descrizione Redazione Approvazione Pagina 2 di 5 Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Costituzione e funzionamento del Comitato di Certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA DELLE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA IN AMBITO COGENTE EMISSION TRADING SCHEME (ETS)

REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA DELLE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA IN AMBITO COGENTE EMISSION TRADING SCHEME (ETS) Pag. 1 di 15 REGOLAMENTO GENERALE PER LE ATTIVITÀ DI VERIFICA DELLE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA IN AMBITO COGENTE EMISSION TRADING SCHEME (ETS) approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO REG 14064 REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO 14064-1 2006 e 14064-3 1. DESCRIZIONE DELL'ISTITUTO CERTIQUALITY S.r.l.

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti

Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti Allegato 4 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica annuale del mantenimento dei requisiti 1. Generalità...

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti condizioni verranno applicate a tutte le offerte emesse dall Organismo Notificato NWE. L O.N. offre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI Pagina 1 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI TABELLA DELLE REVISIONI 2 18/08/2014 1 18/03/2014 0 01/01/2013 NUOVA EDIZIONE RESPONSABILE

Dettagli

PROCESSO E PROCEDURA CERTIFICAZIONE QUALITÀ DB INDIRIZZI

PROCESSO E PROCEDURA CERTIFICAZIONE QUALITÀ DB INDIRIZZI PROCESSO E PROCEDURA CERTIFICAZIONE QUALITÀ DB INDIRIZZI POSTA TARGET Lista di Distribuzione Servizi Postali - Executive Vice President Servizi Postali - Senior Vice President Servizi Postali - Responsabile

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO Via C. Pisacane, 46 20025 Legnano MI Tel. +39 0331 545600 Fax +39 0331 543030 Web: www.cicpndservizi.com E-mail: info@cicpndservizi.com;

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA E CONVALIDA EMAS

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA E CONVALIDA EMAS 1. OGGETTO... 1 2. INDIRIZZI POLITICI... 1 3. GENERALITA... 2 4. SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di verifica e convalida EMAS... 3 4.1.1 Comunicazione delle attività... 3 4.2 Verifica preliminare

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 >

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > I I S Ettore Majorana Via A. De Gasperi, 6-20811 Cesano Maderno (MB) PQ03 Rev 2 del 23/03/04 Pag 1/5 Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP)

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Pagina 2 di 6 1. PROFILO E COMPETENZE 1. PROFILO 1.2. COMPETENZE 2. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2.1. ISTRUZIONE 2.2. FORMAZIONE Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (di seguito definito

Dettagli

Procedura AUDIT INTERNI

Procedura AUDIT INTERNI Pag. 1 di 1 SOMMARIO 1. Scopo e campo di applicazione... 2 2. Termini e definizioni... 2 3. Riferimenti... 2 4. Premessa... 2 5. Attività... 3 6. Documentazione... 5 7. Indicatori... 6 REVISIONI N REV.

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI Con riferimento alle disposizioni previste dal Codice di Rete

Dettagli

Regolamento per la verifica delle comunicazioni gas serra ai sensi della direttiva 2003/87/CE e s.m.i. (EMISSION TRADING)

Regolamento per la verifica delle comunicazioni gas serra ai sensi della direttiva 2003/87/CE e s.m.i. (EMISSION TRADING) Regolamento per la verifica delle comunicazioni gas serra ai sensi della direttiva 2003/87/CE e s.m.i. (EMISSION TRADING) 4 8/01/16 3 28/10/14 Recepimento rilievi Accredia e aggiornamento rif. legislativi

Dettagli

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 RELAZIONE DI TRASPARENZA Per l esercizio al 31 dicembre 2014 Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 INDICE 1. Forma giuridica, struttura proprietaria e di governo 2. Rete di

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli