Venezia Cricket Club. 7 rivolgere le vostre domande. 5 nonostante i mille infortuni. WWW. .it

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venezia Cricket Club. 7 rivolgere le vostre domande. 5 nonostante i mille infortuni. WWW. .it"

Transcript

1 sostiene: EDITORIALE Mensile dello sport cittadino - anno I - numero 3 - aprile 2010 il 15 e 16 maggio 2010 VERDETTI E PROSPETTIVE DI PRIMAVERA Stante l attuale situazione climatica verrebbe quantomeno da dubitare, ad ogni modo la primavera è arrivata, anche sul piano sportivo, visto che stanno sbocciando i primi verdetti. Venezia Calcio (a 11 e a 5) ai playoff, idem l Umana Reyer femminile, mentre quella maschile benedice il Giudice Sportivo per aver dato un aiutino nella rincorsa di quella salvezza che tanto per restare al basket hanno già conseguito le ragazze del Sernavimar Marghera, mentre le calciatrici e i rugbisti griffati Casinò devono ancora sudare un bel po. A breve avremo dunque il quadro completo e sarà possibile stilare un bilancio basato sui risultati tecnico-agonistici, dopodiché ad accendere l estate ci penseranno le Società. A loro, infatti, toccherà la sfida (ma sarebbe meglio dire la patata bollente ) di spiegare ai tanti appassionati lo- PROVINCIA DI VENEZIA continua a pag. 2 LE RUBRICHE DI 30 La parola agli esperti Rimedi contro la lombalgia, benessere psicologico e i diritti delle donne. Questi gli argomenti sviluppati dai nostri esperti ai quali potete 7 rivolgere le vostre domande. BASKET LEGADUE Reyer quasi salva Il Giudice Sportivo cancella Napoli dalla serie A, quindi per gli orogranata di coach Andrea Mazzon l agognata permanenza in Legadue è 4 ancora più vicina. BASKET FEMMINILE SERIE A1 Priolo costringe le ragazze allenate da Eugenio Dalmasson a gara3 per accedere alla semifinale scudetto. Umana Reyer competitiva 5 nonostante i mille infortuni. RUGBY SUPER 10 Ecco Van Niekerk Il giovane sudafricano del Casinò di Venezia ci racconta il suo amore per l Italia, grande a tal punto da sognare la maglia azzurra. Intanto il XV 10 amaranto-oro duella con Parma. CALCIO FEMMINILE Una crisi da superare Un Venezia Casinò in rottura prolungata ha tutto per rimanere in serie A. Per non fallire il presidente Franco Saramin ha affidato il timone a Giuseppe 9 Mecenero. La Provincia di Venezia da il suo patrocinio e sostiene la realizzazione di numerose iniziative di carattere sportivo, educativo e culturale. All interno: Un canestro per Iqbal, il Liceo sportivo di 12 Dolo e il Memorial Spagnol. VENTOLIBERO Se la vela è un opportunità a pag. 16 VENEZIA CALCIO a pag. 6 Un super 2 posto a pag. 8-9 VENICEMARATHON Inizia il countdown a pag. 13 Venezia Cricket Club Alex Zanardi, Beatrice e Sabrina Salerno PALLANUOTO Rincorrendo il primato pag. 11 WWW. Una bella multinazionale emergente a pag. 3 art4sport A Mogliano Veneto una grande e festosa cornice di pubblico si è ritrovata per sostenere art4sport nella sua opera solidale a favore dei bambini. a pag. 14 CALCIO A CINQUE Sotto con i playoff per la A1 pag. 8.it. i migliori marchi di attrezzatura sportiva a portata di click Novità 2010 : abbiamo aperto lo spaccio aziendale in Via Montello 67 a Caerano San Marco (TV) Lunedì-Venerdì dalle 14 alle 18 ed il Sabato dalle 9 alle 12! Campionari e fine serie dei nostri marchi a prezzi vantaggiosi!!

2 2 EDITORIALE di Marco De Lazzari dalla prima pagina cali che settimanalmente prendono posto numerosi nei campi sportivi o nei palazzetti, i loro programmi. I tifosi tratterranno il fiato in attesa di conoscere il futuro di un Venezia Calcio che potrebbe essere ripescato tra i professionisti, o delle due Reyer che vorranno l una (la maschile) non soffrire più come in questa annata, l altra (la femminile) chissà. E punti di domanda grandi così riguardano ad uno ad uno tutti gli altri sodalizi, dal rugby alla pallamano e via di seguito. Gli sforzi sono sempre più impegnativi da sostenere chi e con quali prospettive sarà al via della stagione ? Intanto, stando al timing ufficiale, entro il mese di maggio il CONI deciderà se la città italiana candidata a rincorrere il sogno di ospitare le Olimpiadi del 2020 sarà Venezia o Roma. In questi mesi i rispettivi Comitati Organizzatori hanno presentato i progetti e si sono giocati la carta della sensibilizzazione di massa, cercando di dimostrare che a volere i Giochi sono (o dovrebbero essere in primis) gli sportivi e i cittadini. Il 18 marzo scorso al palasport Taliercio la parata di campioni che le Olimpiadi le hanno vissute e vinte, ha emozionato e alimentato il grande sogno di molti. La Capitale il aprile risponde con Roma Capitale dello Sport, una tre-giorni in Piazza del Popolo, ugualmente con campioni e artisti, per coinvolgere i romani nel lancio della candidatura alle Olimpiadi Staremo a vedere e, nel dubbio, incrociamo le dita e che sia una buona primavera. 18 marzo 2010: i Campioni dello sport tifano Venezia 2020 BLUEFISH EDITORE Mensile di approfondimento dello sport cittadino anno I - numero 3 - aprile 2010 Testata registrata presso il Tribunale di Venezia n 19 del 3 novembre 2009 direttore responsabile Marco De Lazzari in redazione Marco De Lazzari, Lamberto Fano, Italo Greci, Marco Parente, Luigi Polesel hanno collaborato Rolando Del Mela, Giacomo Garbisa, Paolo Lazzaro, David Marchiori, Carolina Marsico, Loredana Oliveto, Stefano Pittarello, Alessandro Torre foto Unionpress - Venezia, Matteo Bertolin, Lamberto Fano, Italo Greci, Marco Parente; Ufficio stampa A.S.D. Venezia Calcio a 5, A.S. Favaro 1948 RISTORANTE Santi grafica e impaginazione Lamberto Fano/Unionpress - Venezia stampa Centro Stampa Editoriale s.r.l. pubblicità responsabile: Claudio Marsico editore Blue Fish Editore S.r.l. Via Pacinotti 4/A Venezia Marghera riciclacarta copyright blue fish editore s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo giornale può essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. P.le Mons. Olivotti, 8 Mestre Venezia tel fax Aperto la domenica CUCINA VENETA e INTERNAZIONALE LEGNA DA ARDERE E PELLETS PER STUFE ORTICOLTURA - GIARDINAGGIO - ENOLOGIA PRODOTTI PER LA CURA DELLE PIANTE E L ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI AGRICOLTURA PROFESSIONALE LAVORAZIONE, ESSICAZIONE E STOCCAGGIO CEREALI Favaro Veneto (VE) - Via Ca Solaro,25 Tel Fax Salzano (VE) - Via Toscanigo, 2 Tel Fax: SERENA & MANENTE SRL Presentando il coupon avrete lo SCONTO del 10% su PET-FOOD

3 sostiene: Tutto ha avuto inizio nel 2006 grazie all intraprendenza dell architetto Alberto Miggiani ma da allora il Venezia Cricket Club è una società in continua crescita ed evoluzione, con un ampio settore giovanile e, da quest anno, persino una squadra femminile. Un reclutamento positivo ed efficace, frutto di un programma di divulgazione della disciplina condotto nelle scuole cittadine. La prima squadra del VCC milita nel campionato nazionale di serie B, dove nel 2009 si è classificata terza nella regular season. La nuova stagione degli arancioneroverdi aprirà i battenti il 9 maggio con la partita interna sull Ovale tra le via Chiarin e Sabbadino al Villaggio Laguna a Campalto contro il Genoa «Ho cominciato a giocare a cricket semplicemente perché mi diverte racconta Luca Mariotto, classe 70 di Oderzo In apparenza sembra uno sport semplice, in realtà nei suoi fondamentali è molto tecnico. La tua posizione in campo può apparire statica, ma in un attimo puoi trovarti al centro del gioco». «Nel cricket è fondamentale il fair play, non c è aggressività. A noi aggiunge Anam Mollik, ventunenne nativo di Dakka, in Bangladesh viene tutto abbastanza naturale visto che è il nostro sport nazionale». «Ma la cosa più bella è che serve il cervello sottolinea il SPECIALE CRICKET capitano Shermin Gomes, classe 81 di Colombo, nello Sri Lanka Per giocare a cricket basta il 5% di talento ma serve il 95% di testa». Un pronostico sul nuovo campionato? Eccolo dalla viva vox dei protagonisti. «Vinceremo la serie B, poi vedremo se economicamente potremo affrontare la massima serie» è la dichiarazione d intenti di Mariotto, cui fa eco quella di Anam: «Vogliamo vincere il campionato. Abbiamo una squadra forte ed ancora più unita, ottima eredità che ci ha lasciato Mike (Gino Raso, ndr)». «Il nostro organico è molto forte e competitivo è il turno di Shermin suonare la carica che è maturato come spirito di gruppo e di pari passo nella convinzione nei propri mezzi. Possiamo contare su Bashart che è il migliore lanciatore mancino della serie B, con 19 wickets abbattuti, su Anam che è un signor battitore nonché su Nazmul che quando lancia ha pochi eguali quanto a rapidità». Chiamato in causa dal suo capitano, la chiosa spetta proprio a Nazmul Haque, poco più che ventunenne originario di Tangail, in Bangladesh: «Amo il cricket perché posso rivestire vari ruoli, battere, lanciare, difendere. La passione accresce la nostra forza come collettivo, ora bisogna lavorare per essere molto ben organizzati. Tuttavia dobbiamo tenere i piedi per terra, nonostante l arrivo di due rinforzi di valore dal Casteller (team trevigiano di Paese, ndr), quali il loro ex capitano Sajith e il loro primo lanciatore Indika». Alessandro Torre anno I - numero 3 ~ aprile 2010 Mazza e palla, nuovo sport di casa nostra IL GIOCO Il cricket è una disciplina di squadra nata, come gioco di mazza e palla, già alla fine del 1500 in Inghilterra. Le più antiche regole scritte risalgono però al 1744, ma il Marylebone Cricket Club (ovvero l autorità mondiale riconosciuta per questo sport) fu fondato nel Il primo incontro internazionale, il test match, fu disputato a Melbourne nel 1877, mentre successive sono le famose serie Ashes. A sfidarsi sono due squadre di undici giocatori su un terreno di gioco (pitch) munito di due porte (wicket) collocate a 22 yard (20.11 metri) di distanza l una dall altra. Ogni squadra batte o gioca una ripresa (inning) a turno, tenendo sul campo due battitori per volta. L obiettivo di chi difende è quello di eliminare i battitori, mentre per gli attaccanti è quello di segnare punti, o attraverso le corse (quando i battitori si incrociano dopo una battuta o in qualunque momento la palla si trovi in gioco) oppure quando la palla ribattuta supera le demarcazioni del campo di gioco: se lo tocca prima di uscire vengono aggiunti 4 punti, se esce senza toccare il terreno 6. Generalmente un battitore viene eliminato quando la palla lanciata abbatte uno dei wicket. Si può giocare con un tempo limite già prestabilito, oppure con un determinato numero di over (serie di sei lanci). Una partita è costituita da due o più inning per squadra. Un inning è completo quando sono stati eliminati 10 battitori di una squadra, se il capitano della squadra alla battuta dichiara la fine dell inning, dopo uno specifico numero di over. 3 Gli innumerevoli riconoscimenti del Venezia Cricket Club hanno come denominatore comune l abnegazione e l impegno del presidente Alberto Miggiani e della first lady Mariella. Alcuni esempi? In primis va ricordata la vittoria degli Under 19 nella Coppa Italia 2008: al Polo Club di Villa a Sesta a Bucine (Arezzo) gli arancioneroverdi si imposero sui milanesi del Kingsgrove nella due giorni di gioco, rischiando poi di bissare il titolo anche nella stagione successiva, quando però ebbero la meglio i meneghini aggiudicandosi la rivincita. Da ricordare inoltre la vittoria nel torneo open Under 13 tenutosi a Roma il 27 settembre scorso. Dopo la prima sfida conclusasi con il successo sullo Sri Lanka Milano, la vera finale si è giocata contro Bologna nella seconda gara. Il risultato di a favore della nostra compagine la dice lunga su come si siano affrontate le due squadre Nelle terza e ultima sfida di sabato nulla da fare per la squadra di casa del Pgs Lux, superata senza difficoltà. Domenica poi si sono dovuti arrendere i team di Capanelle, Maremma e, nella semifinale incrociata con l altro girone, Pianoro (società fresca del tricolore conquistato a livello seniores). Nella finale, nuovamente contro il Bologna, non c è storia e i lagunari hanno più che doppiato per gli emiliani. Niente male per un avventura che era cominciata come una scampagnata Risultati dunque importanti e capaci di gratificare l impegno della presidenza, dei giovani atleti e del loro lavoro, durato un intera estate con assidui e costanti allenamenti. Oggi il VCC si sta preparando al campionato che comincerà a maggio, forte di nuovi innesti che hanno rafforzato la squadra rimasta orfana del forte australiano Mike Gino Raso. Venezia - Marghera P.le Parmesan, 13 Tel Padova Via VII Strada. 11 Z.I. Tel Treviso Via Noalese, 27/D Tel

4 4 BASKET MASCHILE LEGADUE Vedi Napoli e poi... ti salvi 24a giornata 21/03/10 BANCO SARDEGNA SS 88 UMANA REYER 65 Grant 6, Rombaldoni 7, Darby 2, Causin, Allegretti 8, Young 12, Di Giuliomaria 6, Meini 7, Janicenoks 13, Camata n.e., Ceron n.e., Rinaldi 4. Coach: Mazzon. 25a giornata 28/03/10 UMANA REYER 80 CARMATIC PISTOIA 76 Grant 8, Rombaldoni 16, Darby 5, Causin 9, Allegretti 5, Young 17, Di Giuliomaria 2, Meini, Janicenoks 8, Camata n.e., Jovancic n.e., Rinaldi 10. Coach: Mazzon. 26a giornata 01/04/10 EDILIZIA MODERNA RIMINI 71 UMANA REYER 69 Grant 8, Rombaldoni, Darby 2, Causin 1, Allegretti 6, Young 20, Di Giuliomaria 2, Meini 8, Janicenoks 7, Camata, Hafnar 5, Rinaldi 4. Coach: Mazzon. 27a giornata 11/04/10 UMANA REYER 81 PRIMA VEROLI 62 Grant 4, Rombaldoni 2, Darby, Causin 5, Allegretti 3, Young 25, Di Giuliomaria 7, Meini 6, Janicenoks 22, Camata, Stefanini 3, Rinaldi 4. Coach: Mazzon. 28a giornata 18/04/10 (ore 18.15) MIRO RADICI VIGEVANO UMANA REYER 29a giornata 25/04/10 (ore 18.15) UMANA REYER AGET IMOLA 30a giornata 02/05/10 (ore 18.15) FILENI JESI UMANA REYER CLASSIFICA Brindisi 40, Sassari 36, Reggio Emilia 34, Casale Monferrato, Udine e Veroli 32, Vigevano 30, Pistoia 28, Casalpusterlengo, Rimini, Scafati e Imola 24, Jesi e Umana Reyer 20, Pavia 18, Latina 14. Una Reyer già virtualmente salva è subito proiettata ai prossimi scenari futuri. La recente decisione del Giudice Sportivo della FIP di escludere dal massimo campionato di serie A, con effetto immediato, la Nuova Agm Sebastiani Napoli, ha di fatto messo in cassaforte la permanenza in Legadue di Causin e compagni che, anche in caso di arrivo al penultimo posto, potrebbero chiedere il ripescaggio. La voce circolava già da un po ma dieci giorni dopo Pasqua è arrivata anche l ufficializzazione. Lo stop (tardivamente) imposto al teatrino Napoli-Rieti (penalizzata pesantemente in classifica e sul parquet da mesi con un manipolo di Juniores gettati, loro malgrado allo sbaraglio) è di fatto un provvedimento che, a cascata, riguarda anche la corsa salvezza per la rimanere nel secondo campionato nazionale di pallacanestro. D altra parte a rigor di logica una tale decisione innescherà una serie di ripescaggi subito dopo l ultima sirena della stagione. Una corsa alla salvezza che vedrà l Umana Reyer in pole position. «Ma la nostra salvezza vogliamo conquistarla sul campo spiega il direttore sportivo orogranata Federico Casarin per chiudere il campionato in crescendo. Cercando di tornare alla vittoria fuori casa, per invertire quel trend che ci vede sempre sconfitti dalla seconda uscita di Legadue lontano dal Taliercio, a differenza delle prestazioni che la squadra sta fornendo nell ultimo periodo davanti ai suoi tifosi». Rilevante l ultima riunione di Lega, in cui si è deliberato che il termine ultimo per presentare le Istanze di Ammissione e Permanenza al campionato di Legadue 2010/2011 sarà il prossimo 30 giugno. Inoltre si è reso noto che il campionato venturo avrà inizio il 3 ottobre L Assemblea di Lega si è peraltro espressa affinché la FIP non ammetta ad un campionato Professionistico le società che, nel torneo precedente, abbiano accumulato 10 o più punti di penalizzazione. «Tra le cose interessanti ricorda Casarin, che ha rappresentato la Reyer durante l incontro l assemblea, sentita la relazione del presidente, ha richiesto alla Federazione Italiana Pallacanestro per il campionato di Legadue 2010/2011 l utilizzo di tre atleti extracomunitari con la possibilità di due sostituzioni». In questo caso cambierebbero molte cose nel senso che non vi sarebbe più la differenza tra comunitari ed extracomunitari, bensì i tre atleti non italiani potrebbero appartenere indistintamente all una o all altra categoria. E la Reyer, già proiettata al futuro, sta con la massima attenzione alla finestra. Luigi Polesel Alvin Young, decisivo nel rilancio orogranata È un po che non ci sentiamo cari tifosi, ma solo per cause diverse, malori o problemi, non per mancanza di affetto, solo per cose che nulla hanno a che vedere coi rapporti di rispetto ed amicizia che intercorrono tra di noi appassionati e tecnici. Anche nei momenti dei derby più accesi, vedi quelli che di qua e di là presentavano Dalipagic- Haywood contro Jura-Brown. A proposito, ho ricevuto una brossura bellissima dell amico-giornalista Gigi Maffei, che festeggia i suoi sessant anni, ricordo che per quella sfida era posizionato con macchina fotografica e relativo registratore dietro la mia panchina per sentire le mie contumelie, le mie disposizioni. E proprio per catturare le mie rimostranze non si mosse impedendomi, e forse fu un bene, le mie esclamazioni in stretto dialetto goriziano-inglese che le giocate dei miei giannizzeri mi facevano esplodere in gola. Ancora oggi non so come mi comportai, male credo, ma in modo spontaneo... D altra parte l esperanto del basket era già noto e persino Cesare Rubini, capitano al mio esordio in Azzurro agli Europei di Mosca 53 (oddio!), dopo che avevo segnato da lontano, essendo anche libero, un tiro, mi urlò: Mona! ma perché no te va più vicin a canestro?. Presi il suggerimento alla lettera e due anni dopo, penetrando fino al ferro segnai molto e vinsi anche la classifica dei marcatori (1955, 527 punti in 22 partite). Questo per ricordare ai giovani che bisogna sempre ascoltare chi ha più esperienza e conoscenza! A proposito, il giorno di pasquetta, addolorato però per la sconfitta di Rimini della mia amata Umana Reyer, sono stato invitato con una trentina di altri miei colleghi e colleghe ex azzurri ad una bella manifestazione a Lignano, in occasione del Torneo delle Regioni under 15. Un sacco di gente, filmati delle imprese azzurre, e mi ci sono visto pure io, grasso e con camicia rosa, in occasione della medaglia d argento degli Europei 91 quando in finale incontrammo la più grande Jugoslavia di sempre prima della guerra fratricida, quella dei Kukoc e compagnia: c erano tutti a parte lo sloveno Zdovc che fu richiamato a casa prima della finale. Fu una partita terribile con Petrovic che ci martellava e i nostri in gran difficoltà. Ma le vittorie contro Grecia, Spagna e Germania ci regalarono questa grande medaglia che ancora mi onora. La maglia azzurra, come dissi ai giovani seduti in buon ordine ad applaudire è una cosa che ti si attacca alla pelle e al cuore come dev essere ogni maglia che ami e che speri sempre di onorare, così come la nostra orogranata della Reyer. A giorni andrò a farmi la tac per un controllo, spero vada tutto bene e che il riassorbimento sia completo. Che non succeda quello che scherzosamente Mazzon mi ha detto Speriamo che non vengano fuori tutti i giochi e gli schemi!. Tonino Zorzi HOSTARIA AL CANTON Cicchetteria Enoteca degustazione ostaria Al Canton piccola cucina Gran Viale S.M. Elisabetta, 2/E - Lido di Venezia Tel

5 BASKET FEMMINILE SERIE A1 La pazza Umana insegue il sogno Vada come vada, la pazza Umana versione 2009/2010 di sicuro non ha disputato un campionato anonimo in serie A1. Pur se vittima di infortuni a catena (Andrade persa ad inizio stagione, per tanti mesi senza Sottana e Giauro, con Corradini quasi sempre ai box e, da ultimo, la tegola del ko Harper), il quintetto di Dalmasson ha saputo regalare emozioni forti, qualche inc avolatura ai suoi dirigenti e tifosi, quarti di finale l ostacolo è stato Priolo, formazione scorbutica (non a caso si è giunti a gara3) allenata da un vecchio volpone come Santino Coppa L estro e la classe di Simona Ballardini, i punti di Gunta Basko, la lungimiranza di esordiente Eugenio Dalmasson (ben adattatosi al basket femminile dopo una vita nel maschile) le armi in più delle lagunari, nelle intenzioni delle quali il secondo posto alle anno I - numero 3 ~ aprile a giornata 21/03/10 UMANA REYER 64 NAPOLI VOMERO 73 Fassina n.e., Cirone 3, Paparazzo, Ballardini 9, Sottana 9, Nadalin 8, Giauro 3, Jokic 11, Basko 4, Kostaki 11. Coach: Dalmasson. 5 21a giornata 29/03/10 FAMILA WUBER SCHIO 68 UMANA REYER 76 Fassina n.e., Cirone 4, Paparazzo, Ballardini 17, Sottana 8, Nadalin 10, Giauro 4, Jokic 8, Basko 17, Kostaki 8. Coach: Dalmasson. 22a giornata 05/04/10 UMANA REYER 52 CRAS TARANTO 59 Fassina, Cirone 2, Paparazzo, Ballardini n.e., Sottana 7, Nadalin 2, Giauro 10, Jokic 11, Basko 15, Kostaki 5. Coach: Dalmasson. CLASSIFICA FINALE REGULAR SEASON SERIE A1 Taranto 42, Faenza 34, Schio 32, Umana Reyer 28, Priolo 26, Pool Comense e Sesto San Giovanni 20, Umbertide 16, Parma 14, Pozzuoli e Livorno 12, Napoli 8. riuscendo in ogni caso a mantenere alto l interesse attorno a sé. Coach Dalmasson spesso è stato capace di trarre il massimo rendimento da un roster ampiamente rinnovato nel corso del mercato estivo, facendo leva sull ottimo amalgama creatosi a livello di spogliatoio. Aspetto nient affatto scontato, nemmeno per un gruppo che l anno scorso era andato vicinissimo allo scudetto. Qualche caduta libera di troppo (ultima, in aprile, l inattesa, a dir poco, sconfitta casalinga con il fanalino di coda Napoli), ma nel complesso le soddisfazioni sono state superiori alle delusioni. Merito del gioco di squadra, di una difesa spesso impenetrabile, in generale di un gioco corale che ha saputo valorizzare le tante ottime giocatrici dell organico lagunare e anche quelle dotate di minor talento, ma ugualmente preziose e utili. Il momento più bello ed emozionante si è vissuto durante la due giorni di Final Four di Coppa Italia, disputatasi in un Taliercio straboccante, gremito e con una cornice di tifo (da far invidia a più di qualche squadra maschile di serie A) che ha spinto le orogranata ad un passo dalla conquista dell ambito trofeo, alzato invece dalle cugine del Famila Schio. In campionato invece, chiusa la regular season con un lusinghiero quarto posto alle spalle di Sua Maestà Taranto, della rivelazione Faenza e della solita Schio, nei La lettone Gunta Baško spalle di Taranto nel 2009/2010 vorrebbe proprio essere un punto di partenza E se è vero che la storia prevede corsi e ricorsi buona Umana a tutti Con l augurio che la corsa verso il tricolore possa essere la più lunga possibile. Se la grinta e la concentrazione saranno quelle della Final Four di Coppa Italia (eccezion fatta per gli istanti finali), sognare è lecito: le donne di Dalmasson hanno dimostrato di essere in grado di fare risultato con chiunque, stupendo in positivo e a volte in negativo. La sfida è lanciata L.Pol. Simona Ballardini I PLAYOFF SCUDETTO Gara1 quarti di finale 10/04/10 UMANA REYER 65 ERG POWER&GAS PRIOLO 61 Fassina 2, Cirone 5, Paparazzo n.e., Ballardini 14, Sottana 5, Nadalin 12, Giauro 2, Jokic 14, Basko 5, Kostaki 6. Coach: Dalmasson. Gara2 quarti di finale 13/04/10 ERG POWER&GAS PRIOLO 69 UMANA REYER 61 Fassina, Cirone 8, Paparazzo 2, Ballardini 15, Sottana 2, Nadalin 4, Giauro, Jokic 2, Basko 23, Kostaki 5. Coach: Dalmasson. Gara3 quarti di finale 17/04/10 (ore 20.30) UMANA REYER ERG POWER&GAS PRIOLO Eventuale semifinale contro il Cras Taranto: gara1 (21/04 ore 20.30) a Mestre; gara2 (24/04 ore 20.30) e gara3 (27/04 ore 20.30) a Taranto; eventuale gara4 (29/04 ore 20.30) a Mestre; eventuale gara5 (02/05 ore 18.00) a Taranto. Eventuale finale contro Club Atletico Faenza- Famila Wuber Schio/Pool Comense: gara 1 (05/05 ore 20.30) a Mestre; gara2 (08/05 ore 20.30) e gara3 (11/05 ore 20.30) in trasferta; eventuale gara4 (13/05 ore 20.30) a Mestre; eventuale gara5 (16/05 ore 18.00) in trasferta. CABIANCA Prevendita biglietti e merchandising REYER Via Circonvallazione 27/A MESTRE Tel. 041/ centro servizi

6 6 London to Istanbul 2010 By fair means SOLCANDO L EUROPA A REMI NEL RISPETTO DEL FIUME Londra Istanbul Cinquemila e duecento. Tanti sono i chilometri da percorrere lungo i fiumi d Europa, da Londra a Istanbul, in 5 mesi di navigazione in barca a remi. Questa è l esperienza che Giacomo Di Stefano e Jacopo Epis vivranno dal 15 aprile, un avventura che non vuole essere una prova di forza, una prova di resistenza, ma semplicemente un modo per risvegliare l attenzione nei confronti dei fiumi, abbandonati o peggio ancora violentati dall uomo, e per ricondurre la dimensione della vita umana verso ritmi più sostenibili, a partire dal turismo. Giacomo, come ti è venuto in mente di affrontare un esperienza del genere? «Non sono nuovo a questo tipo di iniziative, già anni fa ho risalito il Po, per MAN ON viverlo, ascoltarlo e scoprire i suoi luoghi più nascosti. Ho deciso nel 2005 di abbandonare la mia vita normale, che pure tanto normale non era, visto che ho lavorato allo sviluppo di layout per i negozi Benetton in Spagna e, successivamente, nel mondo dell Arte grazie all amicizia con il cestista Ivan Gatto (trevigiano, in forza a Veroli in Legadue, ndr): sempre Roma-New York avanti-indietro, finché ho capito che intraprendere un percorso di decrescita era l unico modo per sentirmi in pace con me stesso e con ciò che mi circonda». E quindi una volta lasciata la tua vita di sempre «Ho scelto di fare ciò che più mi piaceva: scoprire la montagna, camminando lungo i percorsi più affascinanti per mesi, magari lavorando qua e là presso amici e conoscenti per mantenere la mia passione». Una scelta fortemente individuale, quindi. «Nient affatto: il mio è un impegno del singolo portato a sistema, che attraverso le buone relazioni attiva un meccanismo di shareware pressoché totale, in cui condividi, scambi e grazie ad una serie di relazioni solidali vere e vicine migliori la tua e l altrui vita. Io sono solo uno dei membri di questo progetto BeWater : siamo in 15, certo solo io vivo in questo modo, ma tutti siamo impegnati in maniera gratuita ad alimentare questo progetto che è soprattutto culturale e che si sostiene grazie ai suoi stessi progetti. E tutti promuovono una vita lenta, rispettosa dell ambiente, dell acqua e dei territori». In pratica non si tratta, dunque, solo di un impresa fine a se stessa, per sfidare i propri limiti. «Anzi, il nostro scopo è quello di trasmettere un pensiero, di condividerlo: nell esperienza man on the river saremo continuamente monitorati, racconteremo nel nostro sito in tempo reale con foto e racconti gli incontri e la nostra esperienza. Volendo potete monitorarci via web e contattarci via mail per incontrarci lungo il nostro percorso». Pensate di contagiare le persone in questa vostra visione? «Certo che sì, anzi ora più che mai bisogna essere dolcemente aggressivi per sdoganare questi nuovi stili di vita, per uscire dall autocompiacimento, dal buio dei nostri tempi». Non si rischia così di diventare dei personaggi che THE RIVER La performance musicale del violoncellista Mario Brunello a bordo della barca Clodia. vanno oltre il messaggio che si porta? «E un rischio che a volte si corre, infatti. Però non accetterei mai di diventare personaggio. Anche rinunciando a una fetta di popolarità si rimane liberi e padroni della propria idea. Nel momento in cui scendi a compromessi hai già perso, rientri nel cosiddetto sistema, e se te ne tiri poi fuori rimani comunque delegittimato». In questo viaggio siete in due «Ci conosciamo da 15 anni esordisce Jacopo Epis giocavamo a basket insieme a Santa Marta nei tornei amatoriali, ci chiedevamo come fare a cambiare vita, a cambiare marcia, sognavamo scenari nuovi e diversi. Con Giacomo ci siamo poi persi di vista, io ho avviato una cooperativa Acqua Altra che opera nel sociale a Venezia e ho scoperto la sobrietà grazie soprattutto alle letture di Rigoni Stern. Ho eliminato tutte le cose superflue dalla mia vita, l auto in primis. Un anno fa Giacomo mi ha parlato di questo suo progetto e mi sono reso imediatamente disponibile a partire con lui. Fisicamente sono preparato alla cosa, ho sempre affrontato sfide con me stesso, ho partecipato pure alla Venicemarathon con la bandiera della pace sulle spalle». Ma come sostenete i costi di questa avventura? «Rinunciando a tantissime cose, soprattutto ad avere una vita privata, affetti e soldi riprende Giacomo e soprattutto attraverso dei partner che ci forniscono strumenti per affrontare il viaggio. Ancora a gennaio 2010 non sapevamo se ce l avremmo fatta perché il costo base è di minimo mila euro. Poi per fortuna ci sono le relazioni, le amicizie». Sono entrambi perfettamente sereni e coscienti di ciò che stanno per affrontare, Giacomo e Jacopo, e tutti e due hanno una gran voglia di raccontare non tanto le loro imprese, quanto il pensiero che vogliono promuovere. Nelle tre ore in cui siamo stati insieme non hanno mai lesinato disponibilità, non hanno mai controllato l orologio, raccomandandosi di raggiungerli in una delle tappe della loro avventura, on line su David Marchiori

7 gli esperti di Dott. Agostino Bernabei ortopedico RUBRICA DI MEDICINA SPORTIVA Lombalgia, cos è e come curarla Il dottor Agostino Bernabei risponde alle vostre domande anno I - numero 3 ~ aprile Innanzitutto cos è la lombalgia? Bisogna sapere che la lombalgia è un sintomo, non una patologia, e come tale può avere molteplici cause, sia di origine vertebrale sia extravertebrale. Intende dire che il dolore in sede lombare può essere provocato anche da altre strutture? Esattamente. Ci sono molti organi endo addominali che possono causare mal di schiena, ad esempio i reni, il pancreas etc., anche se sono molto rare come situazioni rispetto alla molteplicità dei casi a genesi vertebrale. E frequenta la lombalgia negli sportivi? Rispetto alla popolazione comune che nell arco della propria vita circa l 80% riferisce almeno un episodio di lombalgia, negli sportivi ha una frequenza inferiore, distinguendo però tra gli agonisti professionisti e gli amatoriali (più colpiti). Ci sono sport che sono più frequentemente causa di lombalgia? Generalmente sono quelli in cui vengano sovraccaricate le strutture posteriori, cioè quelle che creano forze in compressione in iperlordosi, con torsioni e con gestualità esplosive. Un esempio é la pallavolo, il sollevamento pesi, il tennis, sport da contatto (per gli eventi traumatici). Qual è la causa? Gli sportivi meritano un discorso a parte, in quanto oltre alle patologie di cui possono essere anche loro affetti, le cause che possono causare una lombalgia sono più da individuare nel gesto atletico e nella loro preparazione atletica. Cosa intende dire? Intendo dire che nello sport sono fondamentali la corretta esecuzione del movimento, l allenamento fisico adeguato e il riscaldamento. Molto utili sono anche gli esercizi di defaticamento. D altra parte però anche gli sportivi possono essere affetti da vere e proprie patologie a carico delle strutture vertebrali quali discopatie, spondilolisi e spondilolistesi, scoliosi, disciti, traumi, tumori etc. Cosa fare quindi in caso di lombalgia acuta? Viene intuitivo che come prima cosa ci si deve fermare e non insistere rischiando di accentuare un eventuale danno. Se è comparsa in seguito ad un evento traumatico rivolgersi ad uno specialista o come prima battuta in un Pronto soccorso dove la semplice radiografia può già escludere un buon numero di lesioni. Utilizzare dei comuni analgesici e se non recede entro pochi giorni rivolgersi ad uno specialista Come si cura la lombalgia? Direi che sarebbe sempre utile capire prima di tutto perché si ha la lombalgia, e dopo iniziare un trattamento mirato. Le cure possono essere le più molteplici, sia conservative sia chirurgiche. Utile potrebbe essere un trattamento manuale quando il dolore è comparso in seguito ad un movimento specifico (ad es. flesso estensione associata a rotazione) con una sintomatologia specifica, con contrattura muscolare e limitazione articolare soprattutto in una direzione, la fisioterapia a scopo decontratturante e analgesico. In ultima i trattamenti chirurgici che anch essi possono più o meno invasivi a seconda della patologia, delle esigenze funzionali e disabilità del paziente. A chi ci si deve rivolgere? La chirurgia vertebrale è una branca ultraspecialistica e non è appannaggio di tutti i chirurghi. Siamo alcuni ortopedici e Neurochirurghi che abbiamo dedicato buona parte della nostra formazione in questa disciplina che richiede una buona conoscenza della biomeccanica del rachide e della neurofisiologica, oltre un percorso di formazione per poter eseguire gli interventi più complessi. Si può prevenire? Una volta superato l episodio acuto e individuata una eventuale causa organica si deve pensare soprattutto alla prevenzione. Spesso si trova associata una contrattura degli ischiocrurali (muscoli posteriori delle cosce), che nei movimenti di flessoestensione alterano il ritmo lombopelvico sovraccaricando la zona lombare, quindi lo stretching ben eseguito diventa una buona arma. Fondamentali sono i muscoli addominali che da soli riescono ad alleggerire il carico sulla colonna lombare di circa il 40-50%. Il lavoro posturale, che esula dai comuni allenamenti, e che deve essere eseguito da personale specializzato e non improvvisati preparatori atletici. Importante poi è la corretta esecuzione del gesto atletico nello specifico. Riabilitazione e Medicina Specialistica Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Dal Mistro Medico Chirurgo - Medicina Fisica e Riabilitativa Via Don Tosatto, 61 Mestre (VE) Tel Fax Aut. San. 2008/ Rubrica di psicologia dello sport Rubrica di sport e diritto di Maura Luperto, psicologa SPORT E BENESSERE PSICOLOGICO Quando si dice di star bene, in genere si pensa a una serie di situazioni che vanno dallo stato di salute fisico, al tono dell umore; dalla qualità delle relazioni e degli affetti, al grado di soddisfazione professionale, ecc. Quindi lo stato di benessere psicologico fa riferimento a uno stato di salute che comprende molteplici fattori e che si rifà a un modello biopsicosociale generalmente condiviso. L intuizione di poter creare dei momenti di vita in cui si poteva respirare un atmosfera di benessere psicologico la dobbiamo agli antichi Greci, che nel 776 istituirono i giochi olimpici, vissuti non solo come avvenimento sportivo, ma come celebrazione dell eccellenza individuale, della varietà culturale e artistica dell intera cultura Greca e come occasione per onorare Zeus, il padre degli dei. Quindi, lo sport, si colloca al centro di questo momento di benessere e oggi come allora rappresenta un esclusiva fonte di sviluppo e potenziamento delle capacità fisiche, mentali ed emozionali dell individuo, nel complesso mondo sociale e relazionale di cui fa parte. Un tempo, durante i giochi, venivano sospese tutte tt le ostilità, e i Greci si riunivano pacificamente fra loro in un atmosfera di rispetto e di tregua dalle guerre. Oggi lo sport viene anche considerato un mezzo di trasmissione di valori universali e una scuola di vita che insegna a lottare per raggiungere una meta. Facilita la socializazione e insegna il rispetto tra compagni ed avversari. Per questo motivo, l educazione fisica ha un importanza peculiare anche all interna della scuola. Quindi il benessere psicologico dell individuo passa anche attraverso la pratica sportiva. Infatti, i fattori che influenzano il benessere e che sono indicatori di salute sono: la buona socializzazione, l autostima, la capacità di risolvere i problemi e la percezione, il controllo e l adeguata espressione delle emozioni. Lo sportivo può ottenere un maggior grado di competenza sociale, specie per quanto concerne i giochi di squadra, può percepire la stima che gli altri hanno di lui, ma anche valutare le proprie potenzialità. Può imparare a risolvere i problemi con tecniche e strategie che gli possano fornire le capacità non soltanto di trovare le soluzioni in ambito sportivo, ma anche nella vita, e infine, può, grazie alla pratica sportiva, esprimere le proprie emozioni, esempio fra tutte scaricare la propria aggressività. Del resto già Giovenale diceva: Mens Sana In Corpore Sano. Se non ci prendiamo cura del nostro corpo come possiamo occuparci della nostra mente in esso contenuta? Cari lettori, inviateci i vostri quesiti, i nostri esperti risponderanno su queste colonne. Negli ultimi anni è notevolmente aumentata la percentuale delle persone di entrambi i sessi che praticano sport. La crescita dell attività sportiva è però ogni anno più consistente fra le donne che fra gli uomini (4 % vs 2.8 %) e questo ci lascia supporre che ben presto il numero di uomini e donne sportivi tenderà ad eguagliarsi arrivando a dati simili a quelli di altri paesi europei come ad esempio la Svezia. La donna ha dunque recepito più dell uomo il messaggio che i medici da tempo cercano di trasmettere: l esercizio fisico è un utile mezzo di prevenzione primaria e secondaria per tante patologie, in primo luogo per quelle cardiovascolari. La donna si dedica infatti più dell uomo ad attività fisiche leggere (passeggiate, bici, corsa) mentre l uomo in generale concepisce l attività fisica sempre come competizione. Tuttavia sono cresciute anche le donne che si dedicano allo sport come professione. Secondo una recente ricerca dedicata al ruolo delle donne nello sport, ben 45 sportive su 100 ritengono che le atlete donne siano oggetto di trattamenti non uguali, rispetto a quelli previsti per i colleghi uomini sotdi Eleonora Mingati, avvocato I DIRITTI DELLE DONNE NELLO SPORT to vari profili, a partire dall aspetto economico. Questa indagine analizza, in particolare, la situazione delle donne che hanno scelto lo sport proprio come professione e quindi come lavoro. L art. 2 della Legge 23 marzo 1981 n. 91 che disciplina i rapporti tra società e sportivi professionisti, qualifica come sportivi professionisti gli atleti (ma anche gli allenatori, i direttori tecnico-sportivi ed i preparatori atletici) che esercitano l attività sportiva a titolo oneroso con carattere di continuità nell ambito delle discipline regolamentate dal CONI e che conseguono la qualificazione dalle Federazioni sportive nazionali, secondo le norme emanate dalle Federazioni stesse, con l osservanza delle direttive stabilite dal CONI per la distinzione dell attività dilettantistica da quella professionistica. Le donne, pertanto, pur svolgendo un attività sportiva continuativa e remunerata, possono però essere considerate solo come dilettanti e quindi discriminate dalle tutele previste dalla medesima legge. Per arrivare ad un effettivo cambiamento vari sono stati gli interventi anche in ambito europeo. Rilevante sul punto è stata la presentazione del Libro Bianco sullo Sport presentato dalla Commissione Europea nel luglio del 2007: un importante iniziativa che segna la prima volta in cui tale organismo si occupa in modo così ampio delle questioni legate allo sport. In esso si afferma come, nel quadro della sua Tabella di marcia per la parità tra donne e uomini , la Commissione incoraggerà l integrazione delle questioni di genere in tutte le sue attività relative allo sport, con un interesse specifico per l accesso allo sport da parte delle donne immigrate e appartenenti a minoranze etniche, nonché per l accesso delle donne alle posizioni decisionali nello sport e la copertura mediatica delle donne nello sport Certamente un passo avanti per vincere le differenze ed arrivare ad una concreta e reale pari opportunità sportiva.

8 8 8 C CALCIO A L C ISERIE O E D 31a giornata, 21/03/10 NUOVA VEROLESE 1 VENEZIA 0 Cavarzan; Bigoni, Modolo, Vianello, Cardin; Segato (Corazza), Nichele, Malagò; Collauto; Volpato, Correzzola (Di Prisco). Allenatore: Favaretto. 32a giornata, 27/03/10 VENEZIA 2 PORFIDO ALBIANO 1 Cavarzan; Bigoni, Modolo, Tricoli, Cardin; Collauto, Segato, Di Prisco, Tessaro (Rigoni); Corazza, Correzzola (Bivi). Allenatore: Favaretto. Marcatori: Correzzola e Collauto. 27a giornata, 07/04/10 ESTE 0 VENEZIA 0 Cavarzan; Bigoni, Tricoli, Vianello, Cardin; Segato, Di Prisco (Modolo); Collauto, Tessaro (Rigoni), Corazza; Volpato. Allenatore: Favaretto. 33a giornata, 11/04/10 SANVITESE 0 VENEZIA 2 Cavarzan; Bigoni, Tricoli, Vianello, Cardin; Collauto (Rigoni), Di Prisco, Tessaro, Nichele; Corazza (Malagò), Correzzola (Volpato). Allenatore: Favaretto. Marcatori: Correzzola e Volpato. 29a giornata, 14/04/10 MONTICHIARI 0 VENEZIA 1 Cavarzan; Bigoni, Tricoli, Vianello, Cardin; Segato, Nichele, Tessaro; Collauto; Volpato (Correzzola), Corazza. Allenatore: Favaretto. Marcatore: Segato. CLASSIFICAA Asti Garage 58 punti; BPP Group Verona 57; Giuriato Vicenza e Casinò di Venezia 54; Gruppo Fassina Conegliano 48; Maran Credit Solution Spoleto 47; National Credit Magione 44; Archis CUS Chieti 40; Kiwi Sports Belluno 37; F&G San Giorgio 29; Domusdemaria 18; Civitanova FC 14; Imola 12; Coar Orvieto 3. I verdetti Asti promosso in serie A1, Verona, Vicenza, Casinò di Venezia e Gruppo Fassina ai playoff (assieme al squadre del girone B di A2 analogamente classificatesi tra il 2-5 posto). Orvieto, Imola e Civitanova retrocesse in serie B. Domusdemaria e San Giorgio ai playout. PLAYOFF DI SERIE A2 PER LA PROMOZIONE IN SERIE A1 1 TURNO A Gruppo Fassina-BPP Group Verona B Casinò di Venezia-Giuriato Vicenza andata martedì 20/04 a Trivignano ore ritorno sabato 24 /04 a Zanè ore C Finplanet Fiumicino-Modugno C5 D Licogest Vibo-Promomedia Putignano 2 TURNO (andata 27 aprile; ritorno 1. maggio) 1 Vincente A-Vincente B 2 Vincente C-Vincente D 3 TURNO (andata 8 maggio; ritorno 15 maggio) Vincente 1-Vincente 2 (per l unica promozione in A1) Il successo in casa della capolista Montichiari ha confermato il grande potenziale del team di Paolo Favaretto. Playoff (quasi) in cassaforte: si spera nel ritorno tra i Pro. Ripescaggio, punti, fortuna CALCIO A CINQUE SERIE A2 Pratica playoff nel caveau più ci prova con gli altri eleven tamente dalla Canalis (sarann sarà andato in stampa? Boh, lo Unione Venezia, mica dei gioielli realtà, quasi atto dovuto, è costat blaugrana e qualche rimpianto per dare torto a Paolo Favaretto quando Nel calcio non sempre 2+2 fa quattro, an volato via senza ritegno prima di poter dare il nomignolo dell allenatore del Venezia è Fav certe situazioni e quanto dispiace al nostro l eso Ma lasciamo stare i biancoscudati e torniamo agli ma dev essere chiaro che l appendice di stagione non accade nelle serie Pro vincere la post-season ti con La stagione regolare si chiude il 16 maggio, poi in falea cronica che si concluderà sotto il sole afr non è finita qui, purtroppo. Ripescano il Vene sfilata in Canal Grande e l anno prossimo s Perché per poter partecipare al gran ballo d tare una fideiussione di euro! Mezz il Ben Hur?» esclamerebbe Totò, se non c capire quello che passa nella testa del pr inutile come lavar ea testa ai mussi, vis che permette un caso come quello de ora costretto a giocare sapendo che segnato, chiede un balzello diffic normale società proveniente d per ciò che rappresenta, per no le Olimpiadi ma nello parola Venezia illangu Emilio Fede quando stiamo parlando le per chi ha rendere com occhio e cro cia immobil sopra cadra solo pot ne di ti Rafa Alonso, 100 di questi playoff Un sogno chiamato calcetto. Brasiliano di San Paolo, Rafael Alonso, classe 1983 ha toccato lo scorso mese le 100 presenze con la maglia del Casinò di Venezia Calcio a 5, di cui oltre ad esser il portiere è ormai una vera e propria bandiera. «Sono in Italia dal 2003, la prima formazione che mi ha cercato è stata l Augusta in Sicilia racconta Alonso con un buon italiano lì ho fatto un paio di anni e poi sono passato alla Lazio, team che poi si è fuso e quindi mi ha lasciato partire. L allora Dese decise di acquistarmi e con quella attuale sono passate quattro stagioni tutte con il Venezia». Quanto ti manca il Brasile? «Sinceramente qui in Italia mi trovo bene, io sono di San Paolo, città che rappresenta il fulcro dell economia brasiliana, dopo qualche iniziale difficoltà ora non mi spaventa affatto la possibilità di continuare a vivere in Italia anche una volta smesso di giocare. Inoltre da un paio d anni ho coinvolto in questa avventura anche mio fratello Renan. Ogni giorno che passa sento questa vita e questo paese sempre più mio». Anche il Casinò è una squadra sempre più tua. «Le 100 presenze toccate a marzo hanno rappresentato sicuramente un traguardo importante per me, la cosa che mi dà maggiore soddisfazione però è legata al fatto che la squadra in questi anni è cresciuta molto ed io con lei. Non ci siamo mai fermati e speriamo di poter salire ancora, magari un giorno raggiungere la serie A1». Un sogno che potrebbe realizzarsi già quest anno? «A livello di potenziale non possiamo e non dobbiamo escluderlo, la serie A2 è molto equilibrata ma noi contro tutte le avversarie abbiamo centrato almeno un successo, quindi nei playoff possiamo giocarcela e non esistono particolari favorite». Campionato a parte, qual è il sogno di Rafael Alonso? «Spero di giocare ancora parecchio tempo, una volta smesso però spero di poter continuare a lavorare nel mondo del calcio a cinque, una disciplina che mi auguro in Italia possa avere sempre maggior spazio un po come avviene in Brasile, magari potendo contare un giorno su più giocatori italiani e meno oriundi come me». Prima di giocare a calcetto hai mai giocato a calcio? «No perché in Brasile ci sono due Federazioni diverse, quindi il calcio tradizionale e quello a cinque sono proprio due sport diversi, puoi praticarne solo uno come ho fatto io o entrambi come hanno fatto molti giocatori. La speranza è che nelle Olimpiadi 2016 entri finalmente anche il calcio a cinque, sarebbe il salto definitivo per il nostro sport». Perché giocare a calcetto e non a calcio? «Il calcio resta il palcoscenico più importante ma se guardate i grandi giocatori brasiliani, come Ronaldinho ad esempio, capirete subito che molta della loro tecnica deriva proprio dall aver giocato a calcetto. Quindi sa rebbe importante provare entrambi gli sport per essere più completi e poi scegliere». Paolo Lazzaro

9 e... schei impenetrabile, che se appena Clooney scatta l antifurto che lo rimanda direto ancora insieme quanto 30disport scopriremo solo vivendo...). Si parla di della Corona, eppure quello che oggi è o lacrime e sangue. Montichiari in stile i punti lasciati nella battigia, ma come ricorda chi siamo e da dove veniamo? che il profeta di Acerra può essere scoal suo Padova un minimo di anima. E se anello si comprende come sono fragili onero-fucilazione di Nello Di Costanzo. arancioneroverdi. Si parlava di playoff assicura nulla. A differenza di quanto sente solo di sperare nel ripescaggio. nizia un tourbillon di triangolari da ceicano dell estate e solo per sperare e zia, applausi scroscianti stile Mediaset, si torna nei professionisti... col cavolo! ella Seconda Divisione bisogna preseno milione di euro, capite?!? «E chi sono, ce lo avessero tolto troppo presto. Ora, esidente della Lega ex serie C Macalli è to che ti perdi tempo e saon. Una Lega l Potenza, retrocesso in corso d opera e e anche vincendole tutte il suo destino è ilmente sopportabile dalla casse di una dai dilettanti. Il Venezia non è normale ché da queste parti magari non si faransperduto paesino dello Sri Lanka alla idiscono gli occhioni come avviene ad nominano il Cavaliere, e, dunque, non di una realtà qualsiasi. Però non è facipreso in mano il club arancioneroverde petitiva la squadra (un investimento ad ce di almeno due-tre milioni) e di manizzare 500 testoni. Società del piano di anno come mosche, il Venezia dovrebbe er esercitare un diritto. E non è questioifo ma di sopravvivenza. Rolando Del Mela CALCIO FEMMINILE SERIE A Eh già, la palla è proprio rotonda Per conferma basta chie- dere a Marino Ranzolin, dal 12 aprile scorso ex allenatore del Venezia Casinò di calcio femminile. Un anno dopo la squadra arancioneroverde è in crisi, non vince da tre mesi ma, quando al termine mancano cinque giornate, la permanenza nel massimo campionato di serie A è ancora possibile. Anzi, è proprio a portata di mano. Ad ogni modo la storia si ripete in seno alla società del presidente Franco Saramin: nel 2008/09 alla vigilia delle ultime cinque gare esonera Alessandro De Bortoli e richiama al suo posto quel Marino Ranzolin che aveva guidato la squadra alla storica promozione dalla serie A2 alla A. Oggi, come detto, è lo stesso Ranzolin a pagare dazio e al suo posto tocca a Giuseppe Mecenero (ex Valbruna Vicenza) inseguire una salvezza che da prima di Natale è lì a portata di mano. Peccato che il Venezia Casinò abbiamo fallito tutti i tentativi di afferrarla definitivamente, compreso quello del 10 aprile a Chiasiellis (sconfitta per 3-2 dopo aver condotto per 2-0) che ha fatto traboccare il vaso. «La nostra è stata Soltanto le ultime cinque gare della stagione regulare separamo la F.B.C. Unione Venezia dal conseguimento dei playoff. Un traguardo importante, raggiunto da parte di Mattia Collauto e compagni grazie ad una straordinaria continuità di rendimento. La sfortuna degli arancioneroverdi è stata non tanto quella di iniziare il campionato di rincorsa dopo la disastrosa e deleteria estate della precedente gestione societaria, quanto quello di imbattersi in una delle poche squadre una decisione sofferta, proprio per tutto ciò che da anni ci lega alla persona e all allenatore-ranzolin ha spiegato il presidente Saramin Però serviva una scossa perché da troppo tempo le ragazze hanno avuto una pericolosa involuzione di gioco e risultati». Il Venezia Casinò dopo aver iniziato il 2010 andando a vincere 3-1 a Cinecittà contro la Roma, ha raccolto la miseria di due pareggi (0-0 in casa col Tavagnacco e 1-1, prezioso, a Bergamo contro l Atalanta) perdendo ben sei volte. «In palio ci sono ancora 15 punti prosegue Saramin sulla carta a noi potrebbero servirne proprio una manciata per salvarci, però dobbiamo fare presto. Abbiamo fiducia che mister Mecenero possa risvegliare il gruppo dal suo torpore». Questi gli appuntamenti delle arancioneroverdi da qui a fine campionato (tra parentesi i punti in classifica): sabato 17 aprile al Baracca di Mestre (ore 12.30, diretta su RaiSportPiù) Venezia Casinò (16)-Torres (47); 24 aprile (ore 15) Torino (20)-Venezia Casinò; sabato 1. maggio (ore 15) Venezia Casinò-Roma (24); 8 maggio (ore 15) Venezia Casinò-Reggiana (27); 15 maggio (ore 15) Fiammamonza (6)-Venezia Casinò. CALCIO SERIE D Michael Cardin avanza sotto lo sguardo di Nichele e Di Prisco Mecenero pensaci tu (il Montichiari) che è stata capace di fare il vuoto dietro di sè. Con i punti conquistati, 65 al momento di andare in stampa, il Venezia sarebbe al comdando di quasi tutti gli altri gironi di serie D... Ad ogni modo, si diceva, ci sono i playoff: mister Favaretto chiederà ai suoi di raggiungere un buon piazzamento nella fantomatica graduatoria di merito che uscirà dagli spareggi. Dopodiché dita incrociate e tutti a sperare nel ripescaggio in Seconda Divisione. anno I - numero 3 ~ aprile a giornata, 18/04/10 (ore 15.00) VENEZIA PORDENONE 35a giornata, 25/04/10 (ore 15.00) CONCORDIA VENEZIA 36a giornata, 02/05/10 (ore 15.00) VENEZIA JESOLO 37a giornata, 09/05/10 (ore 15.00) VENEZIA QUINTO 38a giornata, 16/05/10 (ore 15.00) MANZANESE VENEZIA CLASSIFICA Montichiari 76, Unione Venezia 65, Este 63, Città di Jesolo 60, Montebelluna, Union Quinto e Tamai 54, Pordenone 52, Albignasego 45, Villafranca Veronese 44, Città di Concordia e Virtus Vecomp Vr 43, Nuova Verolese 42, Sanvitese 41, Domegliara 39, Belluno 31, Palazzolo 24, Porfido Albiano 22, Manzanese 21, Montecchio Maggiore 13. CALCIO PROMOZIONE Compirà 17 anni a metà ottobre il classe 93 Nicholas Pettenò, giovanissimo portiere con un ammirazione particolare per l interista Julio Cesar prima nel vivaio del Favaro 1948 fino alla categoria Esordienti, quindi per un triennio al Venezia e poi di nuovo a Favaro. Oggi è titolare a difesa dei pali del team biancoverde, non però tra gli Allievi come fa pensare la sua carta d identità, bensì in Prima squadra in Promozione Niente male considerato che il regolamento impone dei fuoriquota dell annata 90/91, mentre Nicholas, appunto, ha bruciato le tappe di ben tre stagioni. «Sinceramente gioco in porta perché non avevo granché voglia di correre in mezzo al campo si racconta anche se posso assicurare che saltare da un palo all altro non è una passeggiata. Come mi trovo a Favaro? Bene, è un ottima società dove puoi migliorarti e che punta, a differenza di altre, sui giovani. Io stesso ne sono la prova. Nel gruppo poi, proprio per la mia giovane età, è formativo frequentare giocatori esperti come Marco Brunetta, Loris Guerra e Fabiano Ballarin». Poche settimane fa Pettenò con la Rappresentativa Allievi del Veneto ha raggiunto la semifinale del Torneo delle Regioni in Piemonte. «Le varie convocazioni in Rappresentativa danno a tutti noi ragazzi la possibilità di metterci in mostra, ma dal mio punto di vista so di dover stare con i piedi ben piantati per terra. Peccato per l eliminazione in semifinale contro la Lombardia, le possibilità di alzare la coppa c erano tutte». Restando al presente, Pettenò ha varie dediche per la convocazione in 9 Linea verde avanti tutta Rappresentativa. «Innanzitutto a mio padre che mi ha cresciuto e mi è sempre stato vicino, insegnandomi a non abbattermi alle prime difficoltà. Però un ringraziamento è doveroso da parte mia nei confronti del preparatore dei portieri Loris Biasetto, che mi corregge negli errori e crede molto nelle mie potenzialità. A mister Umberto Salomone dico grazie per avermi gettato nella mischia della Prima squadra in un campionato di livello come quello di Promozione. Infine non dimentico i miei allenatori nelle giovanili, Gino Tagliapietra e Paolo Valentini. Mi auguro di migliorare sempre di più sperando in una buona carriera, anche solo a livello dilettantistico. Se poi arriverà qualcosa di più io sono qui, ma il Favaro sarà sempre nel mio cuore»

10 10 RUGBY SUPER 10 12a giornata 27/03/10 PLUS VALORE GRAN PARMA 24 CASINÒ VE RUGBY 17 Ziegler; Perziano, Pozzebon (Prati), Van Niekerk, Zorzi; Pilat (Duca), Lucchese; Wium (Candiago E.), Palmer, Paschini; Van Jarsveeld, Ursache; Levaggi (Assi), Gianesini, McGovern. Allenatore: Canale. Marcatori: m. Ziegler, t. Pilat; m. Candiago; m. Palmer. 13a giornata 03/04/10 CASINÒ VE RUGBY 24 PETRARCA PADOVA 19 Zorzi; Perziano, Ziegler, Van Niekerk, Fadalti; Duca, Lucchese; Wium (Candiago E.), Palmer, Paschini; Van Jarsveeld, Ursache; Mc- Govern (Assi), Gianesini, Levaggi. Allenatore: Canale. Marcatori: m. Van Niekerk, t. Duca; cp Duca; cp Duca; m. Palmer; d Duca; cp Duca. 14a giornata 10/04/10 CASINÒ VE RUGBY 24 FERLA L AQUILA 22 Zorzi; Perziano, Ziegler, Van Niekerk, Fadalti; Duca, Lucchese; Wium (Candiago E.), Palmer, Paschini; Van Jarsveeld (Cazzola), Ursache; McGovern (Levaggi), Gianesini, Levaggi (Assi). Allenatore: Canale. Marcatori: cp Duca; m Lucchese, tr Duca; m Palmer, tr Duca; m Paschini. 15a giornata 17/04/10 (ore 16.00) FUTURA PARK ROMA CASINÒ VE RUGBY 16a giornata 24/04/10 (ore 16.00) CASINÒ VE RUGBY I CAVALIERI PRATO 17a giornata 01/05/10 (ore 16.00) BENETTON TREVISO CASINÒ VE RUGBY 18a giornata 08/05/10 (ore 16.00) CASINÒ VE RUGBY PARMA RUGBY 1931 CLASSIFICA Benetton Treviso e MPS Viadana 48, Femi CZ Rovigo 43, Petrarca Padova 39, Consiag I Cavalieri Prato 34, Ferla L Aquila 31, Parma Rugby , Futura Park Roma 28, Plusvalore Gran Parma e Casinò di Venezia 19. Pelle amaranto-oro, cuore azzurro Dal Sudafrica con il sogno di vestire, un giorno, la maglia della Nazionale italiana. Nato a Capetown il 12 agosto del 1989, Joe Van Niekerk è un ragazzotto innamorato dell Italia che, a 18 anni, ha fatto le valigie lasciando genitori ed amici per inseguire un obiettivo: diventare un rugbista professionista. A portarlo nel Bel Paese è stato il Casinò di Venezia Rugby che ha coltivato il talento di questo duttile sudafricano, capace di giocare sia mediano di mischia sia centro, facendolo crescere per due anni nell Under 20 amarantooro. Van Niekerk è atleta di gran temperamento, a volte anche troppo aggressivo come egli stesso ammette: dotato di una discreta tecnica individuale e a un importante impatto fisico, grazie ai suoi 98 kg distribuiti su 180 cm. Di formazione rugbistica italiana, è cresciuto col mito degli Springboks. «Il mio sogno però è vestire l azzurro, spero si possa avverare presto. Il livello del rugby italiano è buono e, soprattutto dal punto di vista fisico, l impegno è davvero duro. In Sudafrica si curano di più gli aspetti legati alle strutture di gioco e la velocità nel giocare la palla in attacco, ma il rugby qui è un buon rugby, difficile per tutti. Con l affiliazione alla Celtic League cambieranno tante cose, ma ancora non è chiaro come: la Celtic può essere una buona prospettiva per la crescita di tutto il movimento, a patto che anche il campionato sia agganciato allo stesso motore, altrimenti il rischio è di creare una frattura piena di incognite». Dopo due anni con l Under 20, il 31 ottobre a Prato, in occasione della settima giornata che vide il VeneziaMestre soccombere 29-21, l esordio in prima squadra. «L Under 20 era un bel gruppo e i due anni con loro sono stati bellissimi, specie il primo, quando siamo usciti ai quarti di finale per lo scudetto contro la Benetton. Il vero rugby è però quello del super 10! A Prato avevo una voglia di giocare incredibile. Fino ad allora, il precedente allenatore (Marzio Innocenti, ndr) non mi calcolava più di tanto, poi le cose sono cambiate. Sono uno dei più giovani, ma in Prima squadra il gruppo mi ha accolto da subito alla grande, in particolare Walter Pozzebon, che mi ha adottato e mi sta insegnando tantissimo. La maglia di un club, per un giocatore, è sempre qualcosa di speciale, ma lo è ancora di Dopo la sconfitta in casa del Plusvalore Gran Parma, sulla stagione del Casinò Rugby sembrava calato il sipario. Perdere lo scontro diretto, oltre che sulla classifica, rischiava di avere serie ripercussioni soprattutto nel morale. Invece gli amaranto-oro sono riusciti a fare quadrato e ricompattarsi. La vittoria, inattesa, nel derby col Petrarca Padova alla 13^ giornata ha risollevato l ambiente e solo il successo del Plusvalore nel derby ducale contro il Parma 1931 ha rovinato la festa alla truppa di Alejandro Canale, che corre un campionato a sé col Plusvalore: quello per evitare la retrocessione in A1. L aggancio da parte dei veneziani è arrivato il 10 aprile, quando il VeneziaMestre è uscito sconfitto di misura (24-22) dal campo de L Aquila mentre gli emiliani, impegnati Il mediano di mischia Joe Van Niekerk più se questo club è come la tua famiglia». Ragazzo umile con tanta voglia di emergere, Van Niekerk è rimasto esterrefatto da Venezia: «Per uno che non era mai stato fuori dal Sudafrica il primo impatto con la città è stato scioccante. Forse voi che ci vivete non ve ne rendete conto, ma questo è il posto più bello del mondo! Venezia è un luogo magico, fuori dal tempo, ogni volta che posso ci vado. Da noi in Sudafrica è davvero molto diverso...». Un tipo semplice ma, a voler trovare il pelo nell uovo, un difetto lo ammette egli stesso: «Dopo tre anni ancora non ho imparato a parlare in italiano, praticamente un disastro...». Giacomo Garbisa Lagunari e ducali, la salvezza è una questione a due in casa contro i Cavalieri Prato, si sono fatti superare (14-23) senza andare a punti. Calendario alla mano, il cammino verso la salvezza dei veneziani sembra leggermente più agevole: Futura Park Roma (trasferta), Cavalieri Prato (casa), Benetton (trasferta) e Parma 1931 (casa), rispetto ai proibitivi impegni dei parmensi contro Rovigo (trasferta), Benetton (casa), Viadana (trasferta) e Futura Park Roma (casa), con le prime tre in piena corsa per il titolo. «La salvezza è possibile eccome: siamo un buon gruppo, abbiamo semplicemente sbagliato la parte iniziale della stagione è fiducioso Joe Van Niekerk Adesso però siamo consapevoli del nostro rugby e in piena sintonia con il nostro allenatore Alejandro Canale». G.G. di Faraon Gianni & C. Via Orlanda, 2 Mestre (Rotatoria S. Giuliano) SHELL di Tomaello, Via Miranese, Mestre Trattoria AL CAMIONISTA - Via F.te Marghera 195/C - Mestre Pizzeria PIZZA SI - Via Pasini, 50 - Marghera Pasticceria INVASO - Corso del Popolo, 44/B - Mestre Bar AL CAMPARINO - V.le S. Marco, 20 - Mestre Pub DUE OCHETTE - Via Rielta, 22 - Mestre Hostaria AL CANTON - Gran Viale, 2/E - Venezia Lido Osteria LA PATATINA - Ponte di S. Polo Venezia Bar Tabacchi BUFFET STAZIONE FS Mogliano v.to Caffè BOTTERI - Calle dei Boteri 1701/ Venezia Tintoria EVERCLEAN - S. Polo Venezia Libreria SUPERMERCATO DEL LIBRO - V.le Garibaldi, 1/B - Mestre Edicola MUTTI - Zattere - Venezia Edicola PERALE - Piazza Ferretto (fronte Duomo) - Mestre Edicola BELLO Daniele - Piazza Mercato - Marghera Edicola DAL BO Michele - Via Pasini, 52 - Marghera Edicola BELMONDO Michele - Via Rossarol, 11/I - Marghera Edicola BERTOLI - (C. Comm. La Piazza) Via Triestina 48/ Favaro Tabaccheria CABIANCA - Via Circonvallazione, 27 - Mestre Tabaccheria FAVARETTO - Fondamenta S. Chiara - Venezia Edicola Bucciol Marco, Via Altinia 123/C Favaro V.to Edicola /cartolibreria LUCKY, Via Gobbi 241/B Favaro V.to

11 Talenti sulle orme del gigante E tanto imponente, con i suoi 105 chili distribuiti su 197 centimetri di muscoli, che verrebbe quantomeno da dubitare circa il fatto che l etichetta di gigante buono gli calzi a pennello. Invece è proprio così Tibor Herodek, allenatore della Mestrina di serie C che si racconta di buon grado a 30disport. Data e luogo di nascita? «10 giugno 1963, nei pressi di Novi Sad, nella ex Jugoslavia, oggi Serbia». Quando ha iniziato a giocare a pallanuoto? «A 18 anni, prima ho giocato a basket, sotto canestro, finché gli altri non mi hanno superato in altezza». La più grande soddisfazione da atleta? «Nel 1996, con l Anzio, sono arrivato quarto nella classifica dei cannonieri con 76 gol, senza battere nemmeno un rigore». La più grande delusione? «Una partita decisiva per la promozione in A1, a Civitavecchia (io giocavo con la Lazio), disputata all aperto in condizioni impossibili (grandine, vento, ondate che entravano nel campo di gioco) e decisa da un rigore assegnato agli avversari allo scadere probabilmente per evitare i supplementari». L allenatore Tibor Herodek La persona più importante per la tua carriera? «Ratko Rudic (indimenticabile tecnico anche del settebello azzurro, ndr), che mi ha chiamato nella nazionale del mio paese (1983 e 1984) ed era il presidente di commissione quando ho superato l esame da allenatore. Ne sono orgoglioso». Quando ha iniziato la carriera da tecnico? «Nel Ho allenato a Crotone, nel mio paese ho portato il Niš dalla serie C alla A1, poi ancora in Italia, sono a Mestre dal 2008». Quali soddisfazioni le sta dando la Mestrina? «Pur essendo fisicamente una delle squadre più leggere del campionato, vince e sta lottando nuovamente per la serie B». Hobbies? «Amo l arte e i musei. Di tempo libero ne ho Pochissimo ma grazie a Carlo Pagan, seguo come volontario alcuni atleti diversamente abili che spero di accompagnare a Monza, ai primi di luglio, al campionato italiano Special Olympics». Il libro preferito? «L Alchimista di Paulo Coelho. Una metafora degli alti e bassi dello sport e della vita». Serie C, il primato è lì a portata di mano Per il secondo anno consecutivo il girone 3 del campionato nazionale di serie C vede, al termine del girone di andata, una serrata lotta al vertice con le formazioni divise in quattro fasce. In quello di testa fanno strada a braccetto a quota 27 punti la RN Parma e il 2001 Padova, con i ducali in vantaggio negli scontri diretti. Subito a ridosso ecco la Mestrina Nuoto che, con i suoi 24 punti, attende uno scivolone delle due battistrada per potersi inserire ulteriormente nel giro promozione. Un secondo gruppo, di cui fanno parte Reggiana (19), Nuotatori Ravennati (16) e CUS Bologna (15), stacca di una manciata di punti le squadre che rischiano di essere invischiate nella lotta per la salvezza, ovvero Coop Parma e CSS Verona (10), UP Persicetana (9) e Aquaria (6). Fanalino di coda la Valmar Nuova Feltria ancora ferma al palo a zero punti. Livio Pancaldi, presidente della Persicetana, fa le carte al terzetto di testa: «La RN Parma è ricca di giocatori esperti e fa del gioco manovrato la sua forza. Sconfitta solo a Mestre, ha saputo imporsi nell incontro casalingo con l altra capolista. Da parte sua il 2001 Padova: seppur molto giovane risulta essere molto determinato: la forza di questa squadra sta nell alto ritmo che riesce a mantenere per tutta la durata degli incontri. I patavini hanno perso solo di misura a Parma ed hanno sempre regolato gli avversari con pesanti passivi. Infine la Mestrina Nuoto: un gruppo ormai consolidato che ha visto importanti rientri e che, come il Padova, fa dell intensità il proprio punto di forza. Estremamente aggressivi in casa, nelle gare in trasferta riescono però loro malgrado a complicarsi la vita». Serie A2, per il Setterosa c è il big match con Tolentino Continua l avventura in prima linea del Setterosa mestrino di Giovanni Zaccaria, giunto alla 4^ giornata del girone di ritorno in testa al campionato, seppur in compagnia del Tolentino. Il torneo di serie A2 è ancora apertissimo con cinque squadre (si aggiungono Firenze, Trieste e Genova) raccolte in un fazzoletto di soli 4 punti. Sembra che i giochi siano ancora tutti da definire per la vetta della classifica, dove, ricordiamo, tre sole squadre possono ambire ai playoff: da regolamento la prima salterà la prima fase a quattro squadre e passerà direttamente alla seconda, mentre la seconda e terza se la giocheranno con le rispettive avversarie provenienti dal girone Sud. Determinazione, grinta e spirito di gruppo, sono da sempre le doti delle tenaci atlete mestrine, dna che la squadra di Zaccaria ha saputo esprimere anche in passato. Da ricordare un paio di dati tecnici della compagine biancoceleste: quella della Mestrina Casinò è la migliore difesa del campionato (con 65 gol subiti in 13 partite pari a 5 gol a partita); buona inoltre la percentuale (pari al 17%) di realizzazioni subite in inferiorità numerica (ovvero con una giocatrice in meno per 20 ). Va da sè che, proprio in considerazione della minima differenza esistente fra le squadre in lizza, saranno la preparazione di base, la lucidità e la continuità nei prossimi cinque impegni a determinare le tre SERIE A2 FEMMINILE 14a giornata 18/04/10 (ore 15.15) MESTRINA CASINÒ VE NUOTO TOLENTINO 15a giornata 25/04/10 (ore 12.00) PALLANUOTO OSIMO MESTRINA CASINÒ VE 16a giornata 02/05/10 (ore 15.15) MESTRINA CASINÒ VE PALLANUOTO LIVORNO 17a giornata 09/05/10 (ore 14.00) VELA ANCONA MESTRINA CASINÒ VE 18a giornata 16/05/10 (ore 12.00) MESTRINA CASINÒ VE FIRENZE PALLANUOTO CLASSIFICA Mestrina Casinò di Venezia e Tolentino 25, Firenze 24, Trieste e Genova 22, Osio 20, Cagliari 11, Ancona e Livorno 6, Osimo 0 SERIE C MASCHILE 12a giornata 17/04/10 (ore 17.30) AQUARIA MESTRINA NUOTO 13a giornata 24/04/10 (ore 19.45) MESTRINA NUOTO CUS BOLOGNA 14a giornata 01/05/10 (ore 12.30) COOP PARMA MESTRINA NUOTO 15a giornata 08/05/10 (ore 12.30) MESTRINA NUOTO CSS VERONA 16a giornata 15/05/10 (ore 17.30) VALMAR NUOVA FELTRIA MESTRINA NUOTO CLASSIFICA RN Parma e 2001 Padova 27, Mestrina Nuoto 24, Reggiana 19, Ravennati 16, Bologna 15, Coop Parma e Verona 10, Persicetana 9, Aquaria 6, Valmar Nuova Feltria 0. A.S.D. MESTRINA NUOTO Via Circonvallazione, MESTRE (Ve) vincenti. Domenica 18 aprile a Mestre è in scaletta il big match al vertice contro il Tolentino. Al Setterosa il miglior in bocca al lupo per un brillante finale di campionato! I l t u o p a r t n e r a s s i c u r a t i v o e f i n a n z i a r i o Viale Ancona, Mestre (VE) tel fax

12 12 Giovanissime in rampa di lancio NEWS DALL AMMINISTRAZIONE Giovani sportivi riuniti a Mestre nel nome di Iqbal Masih. Centocinquanta persone tra atleti e staff, due scuole e numerosi sostenitori hanno dato vita al Torneo di pallacanestro femminile Under 14 dedicato alla memoria del dodicenne pakistano che, il 16 aprile di quindici anni fa, pagò con la vita la sua sfida tanto miserabile quanto vasto mondo della schiavitù minorile. Non sappiamo dire se Iqbal abbia vinto la sua battaglia, di certo la sua voce non è stata spenta e le 10 edizioni di questa kermesse cestistica giovanile che, nel tempo ha raggiunto migliaia di giovani, ne sono una dimostrazione. Nelle palestre Gritti di Mestre e Mameli di Dese e nel gran finale al palasport Taliercio, tre squadre italiane (Reyer Venezia, Geas Sesto San Giovanni e Selezione Veneto), una spagnola (CFB Sarrià), due croate (KSZ Zagreb, Jolly Sibenik), una slovena (Ilirija Lubjiana) ed una ungherese (Vasas Csata Budapest) hanno raccolto la sfida educativo-sportiva di questa manifestazione. Vincitrici sul campo le ragazze del Vasas Csata (nella foto) che hanno sconfitto le spagnole del Sarrià, ma ben più importante è stato lo spirito di amicizia e solidarietà che ha unito tutte le squadre. Un canestro per Iqbal, realizzato grazie alla Provincia di Venezia, al Comitato Regionale Veneto FIP e alla Reyer, ha avuto il saluto delle istituzioni. «Le giovani partecipanti devono essere orgogliose di onorare con lo sport la memoria di questo piccolo grande uomo ha evidenziato l assessore provinciale allo sport Raffaele Speranzon Anche lo sport infatti è uno strumento per sensibilizzare le coscienze rispetto ai problemi del sud del mondo i cui bambini di oggi saranno, molto probabilmente, i nostri vicini di casa di domani. Passarsi un pallone e volare a canestro, o soffrire insieme per cercare una rimonta, è il mezzo migliore per capire quanto sia importante costruire relazioni con gli altri per migliorare se stessi». Lo sport? Innanzitutto è un importante elemento formativo. Partendo da questa premessa il Liceo Scientifico Statale Galilei di Dolo mantiene attivo, tra i corsi di studio previsti, l indirizzo Motorio-Sportivo. L istituto, che offre anche l indirizzo delle Scienze Applicate (con approfondimenti scientifico-tecnologici) e delle Scienze Umane (filosofia, psicologia, scienze sociali) punta già da diversi anni ad unire sport e scuola in maniera organica. Il motto latino mens sana in corpore sano non è qui inteso solo in termini salutistici, ma nella ferma convinzione che l attività fisica promuova la crescita dell individuo nella sua globalità. Si fa quindi riferimento all idea che tramite lo sport si imparino a rispettare le regole ed il prossimo, che aumentino le competenze sociali e che una buona performance fisica passi essenzialmente per una buona condizione mentale. La scuola dunque,, facendo leva sui risaputi vantaggi individuali e sociali dello sport, ha voluto un indirizzo in cui gli studenti potessero affiancare il loro normale corso di studi con un esperienza formativa importante basata sull attività fisica e approfondendo gli argomenti inerenti alla corporeità. Il progetto prevede il potenziamento delle ore curricolari di educazione fisica con l aggiunta di tre ore settimanali e di ore extracurricolari. L iniziativa sposa l idea di sport già presente in altre realtà scolastiche europee, ma è un progetto totalmente interno all istituto reso possibile grazie al contributo di Comuni, Associazioni sportive e della Provincia di Venezia. Scorrendo i moduli previsti dal corso si capisce la vastità dell offerta che gli studenti hanno in questo quinquennio: dalla storia dello sport al marketing sportivo, dalla chinesiterapia alla fotografia. Poi ci sono le attività come nuoto, yoga e difesa personale accanto alle più classiche calcio, pallacanestro e pallavolo. La vela e lo sci prevedono uscite in mare e montagna mentre sono facoltativi e pomeridiani i corsi per arbitri di calcio, pallacanestro e pallavolo. Un panorama di attività invitante, ma attenzione, il progetto motorio sportivo è solo una parte: agli studenti viene infatti richiesto anche un impegno adeguato nelle comuni materie di studio. PROVINCIALE anno I - numero 3 ~ aprile 2010 Liceo Galilei, a scuola di sport Alimentazione e sport Il progetto motorio sportivo del Liceo Galilei si occupa anche di formazione e di comunicazione. E stato infatti organizzato, assieme alla Provincia di Venezia, il convegno Alimentazione e Sport il 16 aprile presso l auditorium del distretto scolastico in via Curzio Frasio a Dolo con interventi di Sibilla Levorato (direttrice SIAN ULSS 13 Mirano) e Rosario Conte (specialista in medicina dello sport) per parlare di alimentazione e stile di vita sano e uso e abuso di integratori alimentari nello sport. Oltre all assessore provinciale Speranzon, al presidente del CONI di Venezia Renzo De Antonia, al dirigente scolastico Luigi Carretta e agli assessori dei comuni della Riviera. Un ricco parterre di sportivi: Simone Cercato (olimpionico di nuoto), Rossano Galtarossa (campione olimpionico di canottaggio), Marco Meucci (vicecampione mondiale di canoa fluviale), Fabrizio Pescatori (campione del mondo di nuoto di fondo), Sandra Truccolo (paraolimpionica di tiro con l arco) e Giovanna Volpato (olimpionica di atletica leggera). LA STORIA DI IQBAL MASIH A tre lustri dalla morte del piccolo Iqbal Masih, pakistano, nel 1987 all età di quattro anni, fu venduto dal padre a degli aguzzini per i quali era costretto a lavorare quattordici ore al giorno incatenato ad un telaio per la fabbricazione di tappeti. Il bambino più volte cercò la fuga ma senza ottenere la libertà desiderata e ricavandone solo punizioni ed umiliazioni. Nel 1992, dopo l ennesima fuga dalla fabbrica-prigione, in occasione di una manifestazione contro la schiavitù incontrò i rappresentanti del sindacato del Fronte di Liberazione dal Lavoro Schiavizzato e, da allora, iniziò ad andare a scuola e a fare della sua esperienza di vita lo strumento di lotta contro la schiavitù e lo sfruttamento minorile. Grazie alla sua testimonianza e all interesse internazionale che suscitò, il governo pakistano fece chiudere decine di fabbriche di tappeti. In tutti i continenti la lotta dei bambini schiavi raccolse adesioni grazie alle parole e al volto di Iqbal, i lineamenti e il fisico di un bambino non ancora adolescente che, a causa delle depravazioni della prima infanzia, ne dimostrava sei. Il tragico epilogo della sua storia è datato 16 aprile 1995 a Chapa Kana, vicino a Lahore. Iqbal Masih in sella alla sua bicicletta venne freddato da colpi di arma da fuoco. Dallo scenario apparve certo il ruolo di mandante da parte della mafia dei tappeti pakistana. La morte di Iqbal ha suscitato un eco enorme nel mondo ispirando e sensibilizzando politici, artisti ed intellettuali all impegno per proseguire la lotta di questo piccolo eroe divenuto un vero simbolo mondiale. Il 2 giugno ricordando Giorgio Giornata di sport, amicizia e solidarietà martedì 2 giu- gno a Mestre, presso i campi di calcio attigui al palasport Taliercio. In quella data si svolgerà infatti la sesta edizione del Memorial Giorgio Spagnol di calcio a cinque, un evento ormai atteso da molti appassionati che trovano in questa manifestazione l opportunità di trascorrere un intera giornata tra sport e convivialità. Il Memorial inizia infatti alle 8.00 del mattino e, fino alle 18.30, vedrà l impianto affollato di giocatori, ma anche parenti e amici che faranno da spettatori o si godrano il relax sotto gli alberi della vasta area di prato che ospiterà le partite. Il tutto arricchito dalla tradizionale grigliata di carne dell ora di pranzo. Si rinnova così il ricordo di Giorgio Spagnol, tifoso del Calcio Mestre, scomparso in un incidente stradale nell agosto del Chi con lui ha condiviso gioie e dolori al seguito della squadra arancionera ha voluto questo Giorgio-day che di anno in anno si ingrandisce e vede la puntuale partecipazione di un gruppo di sportivi maceratesi che, anche in nome dell amico prematuramente scomparso, ha saputo mantenere vivo il gemellaggio sportivo coi mestrini. L evento è organizzato grazie al contributo dell Assessorato allo Sport della Provincia di Venezia, del Comune di Venezia e dell ACF Mestre 1999 di calcio femminile. Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi alla Trattoria al Camionista di via Forte Marghera (041/ ) a Mestre. Il ricavato, al netto delle spese, andrà in beneficenza. Su e Zo per i Ponti, quando Venezia si gusta di corsa Su e Zo per i Ponti, trentaduesimo anno, Di nuovo insieme più amici di prima. L edizione d esordio risale ormai al 1975, ma la Su e Zo per i Ponti si conferma ancora oggi come la classicissima della primavera veneziana, capace di anno in anno di arricchirsi di eventi. Nel 2010, infatti, oltre al clou della manifestazione ovvero la marcia non competitiva di domenica 18 aprile, gli organizzatori hanno previsto una serata di festa per sabato 17 portando percorsi letterari, proiezioni video e canti corali nel salotto di Piazza San Marco. L evento conserva da sempre i suoi tratti caratteristici quali l amicizia, lo sport e la solidarietà, tanto che, proprio per questo, si conferma alla portata di tutti coloro che desiderano marciare in festosa compagnia. I percorsi sono peraltro commisurati alle possibilità di piccoli, grandi e medi corridori. Un primo con partenza e arrivo in Piazza San Marco, lungo 13 km con attraversamento di 53 ponti, un secondo invece riservato a scuole materne ed elementari, con start dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia e analogo arrivo all ombra del campanile di San Marco dopo aver corso per 6 km e varcato 26 ponti. Anche scorrendo l elenco dei premi si capisce quanto questo evento punti ad una sana aggregazione. Oltre alla medaglia ricordo per tutti i partecipanti sono previsti, infatti, premi speciali per i gruppi, con tanto di sfilata per quelli più folcloristici e capaci di raccontare tradizioni, origini storiche o esperienze di vita. Ci sono poi coppe e opere in vetro per le scuole più numerose ma anche buoni per l acquisto di materiale didattico per gli istituti che, tra alunni, genitori, insegnanti e simpatizzanti, parteciperanno con oltre 100 iscritti. La creatività avrà come sempre il suo spazio, in primis con il tradizionale concorso per la realizzazione del manifesto del 2011 (quello del 2010 è stato vinto dal grafico piemontese Gaudenzio Colombara); inoltre l Auser di Venezia lancia una gara per brevi video girati durante la Su e Zo per i Ponti: i migliori saranno premiati e inseriti tra i finalisti del Videoconcorso Francesco Pasinetti. Per chi invece ama esprimersi con carta e penna c è il concorso Scrivi a Venezia al quale si può partecipare con un pensiero, una poesia, una riflessione. Questa grande festa primaverile tutta veneziana conta ormai su un ampia partecipazione, crescente anche da parte dei turisti, italiani e stranieri. A riprova di ciò la scelta della casa editrice francese Belin, specializzata in editoria scolastica, ha inserito la Su e Zo per i Ponti nella serie di libri di testo Piacere! per l insegnamento della lingua italiana agli studenti francesi. In una sezione del testo dedicata all arricchimento culturale, una pagina doppia racconta proprio la bella manifestazione veneziana. Il successo dell evento è sancito pure dal sostegno di autorità, aziende ed enti (oltre allo storico impegno organizzativo del TGS Eurogroup e di altre associazioni) tra i quali il Casinò di Venezia non fa mancare il suo appoggio. Marco Parente

13 VENICEMARATHON anno I - numero 3 ~ aprile candele da spegnere in Piazza 24 ottobre 2010, segnatevi questa data, sarà di quelle da ricordare visto che quel giorno una gara di corsa con migliaia di partecipanti debutterà in salotto. Avete letto bene, ciò è esattamente quanto accadrà fra sei mesi in occasione della 25a edizione della Venicemarathon-Trofeo Casinò che, proprio per onorare al meglio il suo quarto di secolo di vita, entrerà nel salotto buono della città insulare. Sì sì, proprio Piazza San Marco il prossimo 24 ottobre sarà al centro del passaggio degli oltre 6000 maratoneti (già oggi è stata oltrepassata abbondantemente quota tremila) che per oltre due decenni l hanno solo sfiorata prima di raccogliere le ultime forze per affrontare l ultimo chilometro e gli ultimissimi ponti prima del traguardo di Riva Sette Martiri. Già nel gennaio scorso l A.S.D. Venicemarathon Club ha un primo indirizzo di Giunta da parte del Comune di Venezia a far transitare la gara attraverso la splendida piazza che è il cuore stesso della città lagunare: a quel punto la Direzione Tecnica della maratona si è subito messa al lavoro per Ha riscosso un grande successo Ieri e Oggi la mostra di apparecchiature storiche e moderne per il cronometraggio tenutasi, in piazza Ferretto a Mestre, presso le sale della Ca.Ri.Ve in occasione dei 70 anni dell Associazione Cronometristi di Venezia. Il segreto di tanta longevità è presto spiegato quando si parla con Marco Verlini, passione e competenza al servizio di tutti gli sport, appena rientrato dai Mondiali Militari di sci alpino, a cui hanno partecipato i vari Giuliano Razzoli e Manfred Moelgg. Nato a Venezia nel 1952, Verlini inizia la sua attività di cronometrista nel 1988, affascinato più che dalla possibilità di seguire da dentro le varie discipline, dalla costru- studiare le modifiche di percorso che saranno necessarie per consentire lo spettacolare passaggio all ombra del campanile ed innanzi alla Basilica. Una grande novità che avverrà solo in occasivone di questa Special Edition del Venticinquennale, ma che potrebbe anche non essere l unica, in quanto gli organizzatori stanno valutando anche la possibilità di raddoppiare. Le variazioni di percorso, infatti, potrebbero non riguardare soltanto il tratto lagunare del percorso, ma anche la terraferma veneziana: in accordo con il Comune si sta infatti lavorando per far transitare la gara all interno della piazza di riferimento della città di terra, cioè Piazza Ferretto, nel cuore di Mestre. «Stiamo aspettando con ansia l insediamento della nuova giunta comunale spiega Lorenzo Cortesi, segretario generale del Venicemarathon Club per poterci sedere attorno a un tavolo così da studiare e pianificare in sinergia la soluzione migliore e meno invasiva per la città e le attività commerciali. L obiettivo è quello di non creare alcun tipo di disagio, di continuare sulla scia dell ottima collaborazione di sempre per far sì che il 24 ottobre diventi una festa per la città. Anche per questo stiamo studiando un animazione in Piazza affinché il passaggio dei maratoneti possa essere davvero coinvolgente». Come sempre anche nell edizione 2010 Venicemarathon-Trofeo Casinò confermerà la sua vocazione solidale. A tal proposito prosegue sempre il sostegno al progetto Run for Water, Run for Life Correre per l Acqua - Correre per la Vita che in questi anni ha costruito 7 pozzi d acqua e riabilitato 3 fonti d acqua pulita in Uganda. Il tutto ha alleviato l annosa problematica per un numero di beneficiari complessivo che supera le unità (www.venicemarathon.it). Marco De Lazzari Crono-Venezia, settant anni un click dopo l altro zione delle gare stesse, cioè da tutto il lavoro necessario per cronometrare la manifestazione. È un vero colpo di fulmine il suo, tant è vero che già nel 96, quando la Federazione Italiana richiede un rappresentante veneziano che possa partecipare alle Olimpiadi di Atlanta, la sua candidatura è in pole position. «È stata un esperienza irripetibile nel suo genere, anche perché difficilmente qualcuno di noi parteciperà ad altre Olimpiadi. Adesso i nostri fornitori tecnici non sono più sponsor di quelle manifestazioni, quindi non saremo mai chiamati per gare di quel livello. In occasione di Atlanta la Swiss Timing, una holding che vede unite le massime realtà svizzere del cronometraggio come Longines e di cui fa parte il nostro fornitore dell epoca Omega, richiese qualcuno per le gare di canoa e canottaggio. Ci ritrovammo così, per due giorni di gare di canoa slalom, a lavorare tre settimane, tre volte al giorno, a fare e disfare il percorso. Alla fine fu enorme la soddisfazione di diventare il principale responsabile del cronometraggio, io dilettante contro i professionisti francesi e svizzeri presenti. Dovemmo imparare a conoscere il Longines 5500 che non avevamo mai usato, nonché a collaborare con i volontari americani che, incaricati dei rilevamenti intermedi, sparivano dalle postazioni nel momento del passaggio degli atleti il giorno della gara olimpica». Ma l essenza del cronometrista sembra racchiusa nell ultima battuta che scambiamo con Verlini. «All epoca eravamo dilettanti e lo siamo ancora, ma professionali, noi hobbisti del cronometraggio. Partecipare a qualsiasi gara, dall Olimpiade alla corsa parrocchiale mi darà sempre la stessa emozione, prima di tutto per il rispetto che porto agli atleti che lavorano sodo per arrivare alla gara, rispetto che mi spinge a dare sempre il massimo in ogni situazione». Alessandro Torre

14 14 SOLIDARIETÀ - INIZIATIVE Grande festa per sostenere art4sport Beatrice cresce, ha 12 anni. Ma Bebe (tutti la chiamano così), a pochi mesi dall ultima volta in cui l abbiamo vista (ottobre 2009 in occasione della Family Run con Oscar Pistorius), appare ormai una ragazzina, non più una bambina. Questa crescita non manca di darle dei problemi. Le sue ossa si sviluppano su arti amputati dopo che, nel 2007, quella maledetta meningite le costò le gambe e le braccia. Ora Bebe affronterà altri interventi chirurgici, Al Lido con Paolo & Nik col coraggio e la sana incoscienza che ha saputo dimostrare fino ad ora. Beatrice crescerà e diventerà grande, bella, intelligente ed importante, come già è. Lei infatti non ha rinunciato a tirare di scherma, non ha rinunciato alla sua passione per il disegno ed ora, insieme al papà Ruggero, è portavoce e promotrice dell associazione art4sport. Originale, innovativa ed importante la mission di questa neonata realtà. Raccogliere fondi per Si avvicina a passo spedito la seconda edizione del Paolo&Nik Football Camp. Lo scorso anno, al debutto, in tre settimane furono coinvolti ben 240 tra bambini e ragazzi, un adesione massiccia che pare destinata ad aumentare nell estate Il camp si svolgerà per tre settimane al Lido di Venezia (20-27 giugno, 27 giugno-3 luglio e 4-11 luglio) presso gli impianti di Ca del Moro, ed inoltre, ecco la novità, per una settimana tra le montagne del Nevegal (13-19 giugno) sulle Dolomiti bellunesi. In entrambi i casi i partecipanti saranno seguiti quotidianamente, oltre che dagli ex calciatori di serie A Paolo Poggi e Nicola Marangon, da un qualificato staff di allenatori guidato da Gabriele Moro e Francesco Martucci. Due le formule della proposta, il cui costo di iscrizione parte da 335 : Full Camp (con pernottamento) e City Camp, per chi preferisce tornare a casa ogni sera. Un bus navetta, grazie alla collaborazione di Vela e Actv, riporterà gratuitamente a S. Maria Elisabetta i ragazzi. Il camp è stato reso possibile grazie al supporto di vari sponsor, in particolare Asm e Casinò di Venezia. Per tutte le informazioni e per iscriversi i riferimenti sono i seguenti: Segreteria Organizzativa di 2erre Organizzazioni (Dorsoduro 3444, Venezia; telefono e fax 041/ ) e i siti internet com e permettere a bambini amputati di fare sport. Tali bambini sono costretti a cambiare spesso protesi che stiano al passo con i loro ritmi di crescita e, a causa della qualità base dei prodotti forniti, frequentemente rinunciano all attività sportiva. Attività che invece è fondamentale non solo per lo spirito e il morale, ma essenziale per mantenere la tonicità dei muscoli soprattutto quelli costretti nell invaso di una gamba o di un braccio artificiale. In nome di tutto questo Bebe e art4sport lavorano costantemente. Il 10 aprile scorso Mogliano Veneto ha goduto di una grande festa in nome di questa causa, un evento a cui erano presenti autorità, personaggi famosi e una cornice di pubblico incredibile, un grande pomeriggio di aggregazione per manifestare e dare sostegno ad art4sport. Noi c eravamo e lasciamo alle immagini di questa pagina il racconto di quel pomeriggio. Di sicuro non perdete l occasione di visitare il sito e sosteniamo l associazione! Marco Parente Arti marziali, dalla laguna all Europa L Accademia Arti Marziali di karate Venezia, guidata dal Maestro Christian Gonzales, è reduce, con un ottimo 3 posto di kata a squadre, dalla competizione europea degli Open d Olanda tenutisi a Rotterdam dal 12 al 14 marzo scorso. Alla gara internazionale hanno partecipato alcune delle Nazionali più quotate al mondo come le rappresentative di Repubblica Ceca e Austria classificatesi, rispettivamente, al 1 e 2 posto della competizione. Dopo questo successo, che ha visto come protagonisti i giovani di punta dell Accademia, vale a dire la squadra di kata composta da Elia Badolin, Gregory Facchini e John Ventura (che tutti assieme sommano poco più di 50 anni) gli appuntamenti per il mese di aprile diventano più significativi iniziando con la partecipazione ai Campionati Italiani per società che si terranno a Lignano, nonché all Italian Open di Milano e, grazie al supporto del Casinò di Venezia, una delegazione dell Accademia stessa volerà a Las Vegas per partecipare agli Open Usa presso il Crystal Palace. Questa manifestazione, che si colloca tra le più importanti al Mondo, vedrà in lizza i migliori atleti del pianeta. Per questa occasione, oltre alla partecipazione dei giovani Gregory Facchini e John Ventura, è prevista anche quella del Maestro Christian Gonzales (47 anni, pluricampione italiano ed europeo nonché medaglia d argento ai campionati mondiali a Budapest nel 1984) che gareggerà nella categoria Master. Un ritorno per sentire le forti emozioni che i campi di gara (tatami) internazionali sanno ancora dare. Infine gli atleti dell Accademia Arti Marziali di karate Venezia gareggeranno, quali rappresentanti per il Veneto, ai prossimi Campionati Europei in programma a fine maggio a Breslavia in Polonia.

15 MARE MAGGIO 15 Alla scoperta dell Arsenale e dei suoi segreti L Arsenale di Venezia, una delle aree più affascinanti della città-icona del Veneto, luogo simbolo per la marineria e l arte navale: qui trova casa Mare Maggio, vero e proprio excursus che parte dal passato e si proietta nel futuro. La kermesse rientra nel calendario fieristico di Expo Venice, la società protagonista degli eventi fieristici veneziani e che propone tre diverse manifestazioni legate al mare: il Salone Nautico, che si è tenuto a marzo, Mare Maggio e Pianeta Acqua (4-5 giugno 2010). Responsabile degli eventi nautici di Expo Venice è Lorenzo Pollicardo, tra i principali esperti di settore a livello internazionale. Mare Maggio 2010 è stato inserito nel programma della Giornata Europea del Mare, significativo riconoscimento dell importanza della manifestazione per la promozione della nautica e della cultura del mare. Per la terza edizione, in agenda dal 14 al 16 maggio, l Arsenale conferma l apertura al pubblico di un percorso solitamente non accessibile che collega le aree, custodite e gestite dalla Marina Militare, con l area nord della Darsena Grande, le cosiddette Tese della Novissima e le magnifiche Tese di San Cristoforo. Beni del Demanio recuperati grazie agli interventi del Magistrato alle Acque e della SpA Arsenale di Venezia. Un evento ricco di contenuti: dalle prove di vela e di remo alle proposte di vacanze in barca, dai laboratori storici per bambini alle barche a vela e a motore. Per la parte storica, dopo il viaggio nel Medioevo e nel Cinquecento delle precedenti edizioni, quest anno il pubblico sarà particolarmente coinvolto alla scoperta del 600 e delle sue innovazioni per la marineria. Inoltre particolare attenzione sarà dedicata alla figura del Capitano da Mar, il grande ammiraglio della Serenissima, con una ricostruzione di ambientazione Seicentesca che riprende gli studi della Fondazione Svizzera Pro Venezia. Si ripercorrerà l importanza di questa figura storica attraverso l analisi di due monumenti funebri di altrettanti ammiragli vissuti in quel periodo. Imperdibile la visita al Padiglione delle navi, che contiene storiche e gloriose imbarcazioni, dalle gondole d epoca alla sala macchine dell Elettra di Guglielmo Marconi. Anche la Marina Militare offre la possibilità di visitare due cimeli storici importanti quali la Motozattera MZ 737 e il sommergibile Dandolo. Per la parte sportiva l offerta di Mare Maggio prevede prove di vela, canoa e remo. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con la Lega Navale Italiana, con la Federazione Italiana Vela, con il sostegno del Canoa Club Mestre e della Reale Società Canottieri Bucintoro. Tra le novità del programma la vestizione e immersione di un palombaro a cura della HDS (Historical Diving Society) Italia, la società che promuove la storia e la conoscenza della immersione. Altrettanto spettacolari saranno poi le dimostrazioni di salvataggio a cura della Scuola Italiana Cani Salvataggio. Nello stesso contesto le Forze dell Ordine presenti Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza faranno visitare i propri mezzi e daranno indicazioni e consigli per navigare in tutta sicurezza. Questo e molto altro (raduno gommonautico, raduno di vele d epoca, archeologia subacquea) a Mare Maggio 2010 (www.maremaggio.it). Appuntamento quindi all Arsenale dal 14 al 16 maggio! Summit Marine 111 Progetto: architetto Massimo Gregori Grgic NAVALMECCANICA VENETA s.r.l Via Maestri del Lavoro Gambarare di Mira - Venezia - Italy Tel Tel Summit Marine M/Y attualmente in costruzione presso i nostri cantieri

16 Come fanno persone non vedenti a condurre imbarcazioni a vela di oltre 12 metri con appena 2 nodi di vento? Si sono sorpresi moltissimi esperti velici che al Salone Nautico di Venezia hanno ammirato in azione per la prima volta i ragazzi di Ventolibero. Se già è complicato fare navigare una barca in tali condizioni di vento, ancora più difficile è stato farlo nel bacino veneziano con il continuo moto ondoso generato dal traffico acqueo. Questo apparente miracolo non è altro che un mix di passione e dedizione assoluta. «Facciamo solo quello che la passione per il mare e il vento ci porta a fare» racconta Stefano Zinato. L associazione volontaria senza fini di lucro Ventolibero nasce tre anni e mezzo fa, con l intento di proporre a ipovedenti, non vedenti ed a tutte le persone con qualsiasi disagio fisico, le conoscenze marinare e la pratica della vela. Uno strumento per fornire capacità e valori e dimostrare una reale integrazione delle persone disabili, che nelle attività trovano pari opportunità, coinvolgimento e partecipazione. «Ventolibero apre una nuova strada nella storia delle associazioni continua Zinato Siamo nati con lo scopo di dare un concreto mezzo e uno strumento che permanga nel tempo per tutti quei marinai ciechi che vogliono promuovere la vela solidale assieme a tutti noi. Perché la nostra forza è che prima di essere velisti siamo marinai e nell esserlo applichiamo la solidarietà incondizionata». Il gruppo ha sviluppato idee Ginnastica artistica de luxe al Palaturismo di Jesolo nell ultimo week end di marzo, dove si è svolta la 3^ edizione del Trofeo Città di Jesolo, nell attuale calendario internazionale la gara non ufficiale più prestigiosa al mondo. Nell impianto jesolano si sono sfidate infatti Italia, Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna e Giappone, il meglio del globo Cina esclusa. Organizzate dal Gymnasium Treviso in simbiosi con l amministrazione comunale e col decisivo apporto di un pool di sponsor (Casinò di Venezia, Bortolomiol e Banca di Credito Cooperativo Monsile), le gare hanno raggiunto un livello tecnico formidabile anche per la grande rivalità che contraddistingue Usa e Russia. Ed è merito degli organizzatori, in primis dell anima della manifestazione, il direttore tecnico del Gymnasium Giorgio Citton, di aver attirato queste superpotenze della ginnastica e le loro migliori atlete. Le gare erano divise fra senior e junior, a squadre e individuali. Fra le grandi ha vinto la statunitense Alexandra Raisman, con acrobazie pazzesche a corpo libero e a volteggio, davanti alla russa Ksenia Simonova (campionessa europea in carica): ad un solo decimo di punto si è ULTIMA PAGINA Con Ventolibero la vela è solidale innovative nell ambito della vela dei non vedenti che vanno al di là del semplice progetto: qui si è voluto creare un associazione di promozione della vela che con il tempo possa venir gestita anche da velisti non vedenti. Oltre a questa visione innovativa, sono state allestite iniziative esclusive al mondo, come la biblioteca del mare per i non vedenti, il progetto Eye Cube di istruttori di vela non vedenti, che forma di fatto eccellenti marinai pronti a continuare il lavoro iniziato da Ventolibero. Gli sforzi hanno bisogno di risposte concrete da possibili sponsor e manifestazioni di cartello. E non sempre questo succede, come accaduto alla Barcolana di Trieste dove era stato cercato qualche armatore o società che si rendesse disponibile a portare a bordo un equipaggio di non vedenti. E stata un occasione persa per non limitare a belle parole le intenzioni sulla solidarietà espresse da circoli ed istituzioni. Ma la gioventù di Ventolibero consente di sperare di riuscire in futuro ad esprimere nei fatti ed in contesti diversi la pratica della solidarietà del mare. Da quando Stefano Zinato è diventato Ufficiale di Regata FIV, l associazione, ha allargato peraltro il proprio ventaglio di professionalità, contando esclusivamente su istruttori della Federazione Italiana vela e su soci patentati skipper senza limiti dalla costa. Stefano Pittarello Spettacolo olimpico a Jesolo con la grande ginnastica piazzata una ritrovata Vanessa Ferrari, che sembra aver ritrovato lo smalto del passato tanto da candidarsi per una medaglia agli Europei di Birmingham di fine mese. Nella prova a squadre Usa, Russia e Italia, con Elisabetta Preziosa e Paola galante che hanno ben supportato la Ferrari. Nella categoria junior (Under 16) segnatevi bene questi due nomi, Il podio a squadre del 3 Trofeo Città di Jesolo quelli della russa Grishina e dell americana Hunter, perché saranno sicure protagoniste a Londra Molto bene anche le azzurrine Andrea Foti (classe 95) e Erika Fasana ( 96) che hanno conquistato il terzo posto pari merito, inoltre hanno ben figurato anche le nostrane Alice Pozzobon di Treviso e Alessia Scantamburlo di Padova. Nella prova a squadre junior, assenti le statunitensi, primo posto per la Russia, seconda l Italia e terzo il Giappone che ha mostrato mini atlete eccezionali ma ancora troppo fallose. Insomma un vero successo tecnico e di pubblico sul quale è giusto fare il punto con chi, più di tre anni fa, ebbe l idea di organizzare il Trofeo Città di Jesolo. «Servivano test ad alto livello e pensai ad una gara a Jesolo racconta il dt Giorgio Citton e, investendo nella soddisfazione dei partecipanti, siamo riusciti ad avere Usa e Russia che difficilmente gareggiano fuori dal normale circuito. Per il 2011, anno preolimpico, confermare questi partecipanti sarebbe un grande risultato. Per quanto riguarda le azzurre, siamo carenti in certi attrezzi come il volteggio, ma lì è un problema di materiale umano. Speriamo nella Ferrari che sembra tornata quella del 2007». Rolando Del Mela GARDEN VILLAGE RUGBY RIVIERA Sport e solidarietà con happykatty Un gruppo di medici e di professionisti con la fissa del calcetto, attraverso le partite della loro squadra, l FC Palmeira, raccolgono fondi a favore di progetti umanitari in Etiopia. All associazione Happy Katty ci si può iscrivere con 10 euro, oppure si può contribuire con una donazione libera al Banco Santo Stefano-Credito Cooperativo, conto 13/01/ Happy Katty, Iban IT36C , Bic ICRAITRRRI0. Per informazioni Alessandro Sartori:

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli