Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 18 gennaio 25 maggio 2012, n. 8353

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 18 gennaio 25 maggio 2012, n. 8353"

Transcript

1 In caso di vendita separata rispetto alle unità abitative, ai fini dell accertamento del diritto d uso dei parcheggi pertinenziali e della declaratoria di nullità dei contratti di disposizione ed utilizzazione dell area vincolata, la legittimazione passiva va correttamente radicata in capo al venditore dante-causa. Gli acquirenti finali delle porzioni condominiali, che hanno stipulato il contratto con il venditore, devono rivolgersi a quest ultimo per promuovere l azione di accertamento del vincolo d uso intercorrente tra l area di parcheggio e l edificio, non potendo porre a fondamento della pretesa relativa ai parcheggi alcun contratto (o altro titolo idoneo) intercorso con i proprietari - originari e attuali dell area asservita, ancorché questi ultimi siano stati costruttori del piano terra dell edificio Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 18 gennaio 25 maggio 2012, n Presidente Schettino Relatore D Ascola Svolgimento del processo La lite concerne il diritto all uso di un area da destinare a parcheggio adiacente a un fabbricato sito in via (OMISSIS). La sentenza resa dalla Corte d appello di Genova il 17 ottobre 2009 ha respinto le domande in tal senso proposte dal Condominio e da uno degli acquirenti degli appartamenti dello stabile, P.L.. A tal fine ha ritenuto che il Condominio sia carente di legittimazione attiva e che i soggetti evocati in giudizio con citazione del 1999, inizialmente D.R. e L., ai quali sono ora subentrati gli eredi, siano tutti privi di legittimazione passiva. Quanto al primo punto, ha rilevato che le aree di cui all articolo 18 della "legge ponte" non rientrano tra le parti comuni dell edificio a norma dell articolo 1117 C.C. e che non risultava rilasciato all amministratore del condominio uno specifico mandato di natura sostanziale da parte di ciascuno dei singoli condomini. Quanto al secondo punto, la sentenza ha narrato che i signori D. nel 1972 avevano asservito alla costruenda casa, poi divenuta il condominio di via XXXXXXXX, un area della superficie di circa 3400 m2 con vincolo di inedificabilità e una minor superficie di essa, di circa trecento metri quadrati, con vincolo a parcheggio per la casa da costruire; che successivamente, nel gennaio 1973, essi avevano alienato l area edificabile soprastante al piano terreno, rimasto di loro proprietà, a tali C.U. e B.L., i quali avevano sopraelevato il fabbricato e avevano alienato i singoli appartamenti ai condomini, tra i quali L.P.; infine che il piazzale rimasto in proprietà D. era stato locato a una concessionaria di autovetture, la R.M. S.r.l., convenuta in giudizio insieme ai signori D.. Il condominio di via (OMISSIS) e le eredi di L.P. - signore P..P. e G..G. - hanno proposto ricorso per cassazione, notificato il 24 novembre D.V. e A. (erede di L.) D.N. (erede di R.) hanno resistito con controricorso e hanno svolto ricorso incidentale. Altrettanto ha fatto R.M. S.r.l.. I ricorrenti e i D. hanno depositato memoria. Motivi della decisione 2) I primo motivo di ricorso denuncia violazione e falsa applicazione degli artt e s.s. c.c., 1131, 1132, 872, 817, 818, 819, 1418, 1419, 1339 c.c., dell art. 41/6 L. n. 1150/42, art. 18 L. n. 765/67; in relazione ai n. 3 e 5 dell art. 360 c.p.c.. Vi si sviluppa la tesi della sussistenza della legittimazione attiva del Condominio rappresentato dell amministratore. Si afferma che il vincolo di destinazione d uso intercorre tra l area di parcheggio e l edificio, con la conseguenza che sussisterebbe la legittimazione dell amministratore come rappresentante dei condomini ad agire a tutela di un diritto comune a tutti i singoli. 1

2 La tesi è infondata. Da ultimo (ma v. utilmente in precedenza Cass. 6696/94; 2036/97) questa Sezione ha affermato (Cass. 3393/09) che "la legittimazione ad agire per l accertamento del vincolo di destinazione a parcheggio di appositi spazi in edificio di nuova costruzione ai sensi dell art. 41-sexies della legge 17 agosto 1942 n spetta non già all amministratore del condominio, ma ai singoli compratori delle varie unità immobiliari dello stabile, in base ai rispettivi titoli di acquisto, trattandosi di diritti spettanti non alla collettività condominiale, ma separatamente a ciascuno dei predetti compratori. (Nella specie la S.C. ha cassato la sentenza di merito con cui era stata ritenuta sussistente la legittimazione dell amministratore ad agire "a favore del condominio e, quindi, indistintamente dei condomini dell edificio", per il riconoscimento in via giudiziale del c.d. posto auto, sulla base di deliberazioni non adottate con la partecipazione di tutti gli interessati)". A questo insegnamento occorre tener fede. 2.1) Sussiste tuttavia la legittimazione attiva degli eredi P., di talché va esaminato il secondo motivo. 3) Con esso parte ricorrente lamenta, oltre a vizi di motivazione, violazione e falsa applicazione dell art. 18 L. n. 765/67; art. 41/6 L. n. 1150/42; degli artt. 872, 817, 818, 819 c.c., artt , 1419, 1339 c.c.; in relazione ai n. 3 e 5 dell art. 360 c.p.c.. Parte ricorrente sostiene la sussistenza della legittimazione passiva dei convenuti D.. Afferma che la sentenza ha trascurato che i primi costruttori e utilizzatori della concessione edilizia sono stati costoro, costruttori del piano terreno (sentenza appello pag. 10, ricorso p ). Giova ribadire che successivamente i D. cedettero ai signori C. e B. l area edificabile soprastante a tutto il piano già costruito, trattenendo lo spazio circostante il fabbricato, già sottoposto a vincolo a favore di quest ultimo. I C.-B., costruttori dell edificio condominiale, procedettero alla vendita dei singoli appartamenti. È questo il nucleo motivazionale della sentenza genovese, che ha rilevato come P. abbia errato nel rivolgersi contro i D. e non contro la parte sua dante causa, C. e B. ; ha aggiunto che eventualmente sarebbero stati questi ultimi a poter evocare in giudizio i D., per conseguire nei loro confronti, quali originari proprietari dell area edificabile e di quella asservita, i diritti da trasmettere ai neoproprietari dell edificio costruito da C. e B.s.. A tal fine l ineccepibile sentenza della Corte territoriale ha ripreso l insegnamento delle Sezioni Unite, le quali (Cass /05) hanno rilevato che anche l atto d obbligo eventualmente assunto dal costruttore "non può essere inquadrato nel paradigma del contratto a favore di terzi previsto dall art c.c., poiché la convenzione (o atto d obbligo) tra un comune e un privato costruttore, con la quale quest ultimo, al fine di ottenere il rilascio di una concessione edilizia, si obbliga ad un facere o a determinati adempimenti nei confronti dell ente pubblico non solo non costituisce un contratto di diritto privato, ma non ha neppure specifica autonomia e natura di fonte negoziale del regolamento dei contrapposti interessi delle parti stipulanti, configurandosi semplicemente come atto intermedio del procedimento amministrativo volto al conseguimento del provvedimento concessorio finale, dal quale promanano soltanto poteri autoritativi della pubblica amministrazione, senza alcuna possibilità per i terzi privati di accampare diritti sulla base di esso". Ne consegue che gli acquirenti finali delle porzioni condominiali, che hanno stipulato il contratto con il venditore, devono rivolgersi a quest ultimo, non potendo porre a fondamento della pretesa relativa ai parcheggi alcun contratto (o altro titolo idoneo) intercorso con i proprietari - originari e attuali dell area asservita, ancorché questi ultimi siano stati costruttori del piano terra dell edificio. 3.1) Il ricorso (pag ) cerca di superare questo impedimento, esponendo che l azione era stata promossa in relazione all avvenuta sottrazione dell uso dell area e non al fatto che i D. avessero trattenuto per sé la proprietà dell area vincolata a parcheggio. Si tratta di vano tentativo, che suppone implicitamente che vi sarebbe stato un travisamento completo della materia del contendere, tuttavia non denunciato quale violazione dell art. 112 c.p.c.. 2

3 In realtà consta inequivocabilmente dalle conclusioni assunte in appello (cfr. epigrafe sentenza) da parte Condominio-P., che essa chiese nei confronti dei D. l accertamento dell avvenuto vincolo dell area; la declaratoria di nullità dei contratti di disposizione e o utilizzazione dell area vincolata e, per conseguenza, (le conclusioni recano inequivocabilmente la formula "previe opportune declaratorie") la condanna dei D. "a risarcire nella sua interezza tale area di posteggio". Dunque l azione svolta non mirava a reprimere una sottrazione di fatto, alla stregua di azione volta al recupero del possesso o comunque di situazione di fatto corrispondente a un diritto già acquisito, ma all accertamento della titolarità dei diritti sul bene controverso, pretesa che doveva essere azionata contro i danti causa C. -B., come stabilito dalla Corte d appello, con motivazione avverso la quale le critiche svolte non hanno addotto appropriati argomenti. Discende da quanto esposto il rigetto del ricorso. 4) Restano assorbiti i ricorsi incidentali, espressamente condizionati all accoglimento di quello principale (cfr. ricorso D. pag. 51 e ricorso R. M. pag. 1). Va disposta la compensazione delle spese di lite, giustificata dalla complessità normativa e giurisprudenziale delle questioni in tema di aree di parcheggio qui trattate e dalla singolarità della vicenda relativa alla costruzione dell edificio condominiale. P.Q.M. La Corte rigetta il ricorso. Assorbiti i ricorsi incidentali. Spese compensate. Nota: Il parcheggio condominiale, quale naturale completamento del bene casa, da lungo tempo viene considerato come indissolubilmente collegato all unità abitativa cui accede. Esso è stato ritenuto oggetto di un diritto reale d uso permanente, irrinunciabile, indisponibile ed, entro certi limiti, imprescrittibile 1. Tuttavia, proprio per gli interessi pratici e per i fini pubblicistici che involge, gli interventi normativi e gli indirizzi giurisprudenziali che si sono susseguiti in materia, negli ultimi quaranta anni, sono stati affatto contraddittori e travagliati. La sentenza dei Giudici di Piazza Cavour, in materia di legittimazione attiva e passiva nell accertamento del diritto d uso, si innesta in uno spaccato normativo complesso e gravato da interventi contraddittori del Legislatore. Basti pensare che, riguardo alla natura pertinenziale del parcheggio e all esistenza dello stesso diritto d uso del posto auto rispetto all abitazione condominiale, attualmente vige un doppio binario normativo a seconda del fatto che la loro costruzione sia anteriore o meno al Ai fini di un più completo inquadramento delle tematiche oggetto della pronunzia si rendono necessarie alcune premesse. L art. 41 sexies della legge urbanistica 17 agosto 1942, n. 1150, introdotto dall art. 18 della legge 6 agosto 1967 n. 765 (c.d. Legge Ponte), dispone che nelle nuove costruzioni ed anche nelle aree di pertinenza delle costruzioni stesse debbono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni venti metri cubi di costruzione. Tale norma è 3

4 stata ritenuta dalla giurisprudenza imperativa ed inderogabile, in correlazione degli interessi pubblicistici da essa perseguiti 3, di talché la sua elusione tramite negoziazioni da parte dei privati comporta la nullità virtuale e l operatività dei meccanismi negoziali di eterointegrazione di cui agli artt e 1339 c.c. Essa, quindi, operando non soltanto nel rapporto fra il costruttore o proprietario di edificio e l autorità competente in materia urbanistica, ma anche nei rapporti privatistici, impone la destinazione dei parcheggi ad uso diretto delle persone che stabilmente occupano le costruzioni o che ad esse abitualmente accedono. La norma pone un vincolo pubblicistico di destinazione, che non può subire deroga negli atti privati di disposizione degli spazi destinati a parcheggio, tuttavia, i predetti spazi possono essere oggetto di atti o rapporti separati 4. Nel rispetto del vincolo di destinazione, quindi, il costruttore aveva la possibilità sia di riservarsi la proprietà del parcheggio, sia di cederla a terzi. Il vincolo (almeno fino al 2005) si traduceva nel mantenere, comunque, i posti auto a disposizione pertinenziale delle unità abitative del fabbricato. I parcheggi, quali pertinenze particolari 5, continuavano a svolgere la loro funzione anche se la loro proprietà veniva trasferita a soggetti diversi dai titolari del diritto sulla res principale (abitazione). Tale regime, però, non comportava (e non comporta) che le aree di parcheggio rientrassero fra le parti comuni dell edificio, a norma dell art cod. civ., né che, ove tali aree fossero rimaste di proprietà del costruttore o cedute a terzi, il loro godimento da parte del proprietario dell unità abitativa fosse gratuito 6. I parcheggi realizzati in eccedenza rispetto allo spazio minimo richiesto dall'art. 18 della Legge Ponte non erano, comunque, soggetti a vincolo pertinenziale a favore delle unità immobiliari del fabbricato 7. Nondimeno, l elaborazione giurisprudenziale di un diritto reale così atipico 8 e molto più vicino alla servitù che al diritto d uso non è mai stata esente da rilievi. Di fatti, con un radicale intervento il Legislatore, con la legge n. 246 del 28 novembre 2005, ha posto nel nulla circa 30 anni di elaborazioni giurisprudenziali, aggiungendo all art 41-sexies della legge 1150/1942 il secondo comma che statuisce espressamente che gli spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta né da diritti d uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse. Eliminando definitivamente il vincolo pertinenziale, nel 2005 si riafferma che, sebbene sia obbligatorio destinare una parte dell edificio a parcheggio, non lo è altrettanto asservire tali aree alle singole unità abitative e tampoco condizionarne la vendita congiunta. Per meglio indirizzare la portata applicativa della novella, nel 2006 i Giudici di Piazza Cavour intervennero ribadendo che essa è una norma non 4

5 interpretativa che deve intendersi destinata ad operare solo per il futuro, e cioè per le costruzioni non ancora realizzate oppure per quelle già realizzate ma per le quali non siano iniziate le vendite delle singole unità immobiliari 9. I fatti oggetto della sentenza in commento risalgono al 1972, quando i convenuti, costruttori originari, asservirono alla casa da costruire una parte della superficie del terreno di proprietà. Per effetto della vendita dell area edificabile sovrastante al piano terreno, di cui si riservarono la proprietà, si aggiunse un ulteriore piano costruito dagli acquirenti creando, così, un condominio. Questi ultimi, a loro volta, vendettero a terzi i singoli appartamenti. Tuttavia l area di parcheggio originariamente asservita non veniva ceduta né ai costruttori degli appartamenti del primo piano, né agli acquirenti successivi e tampoco veniva loro riconosciuto il diritto d uso posto che il piazzale, di proprietà dei costruttori originari, veniva concesso in locazione ad una concessionaria automobilistica. In effetti alla fattispecie oggetto di esame trova applicazione la disciplina anteriore al 2005 che postula la persistenza del diritto reale d uso sui parcheggi anche in caso di vendita separata rispetto all unità abitativa cui accedono. Tuttavia a proporre l azione di accertamento del vincolo d uso, ai fini della declaratoria di nullità dei contratti di disposizione ed utilizzazione dell area vincolata, sono sia il Condominio, in persona dell Amministratore pro tempore, che gli eredi degli ultimi acquirenti. Tale azione, poi, è intrapresa nei confronti dei proprietari-costruttori originari ed è tesa, previe opportune declaratorie dell avvenuto vincolo, a risarcire nella sua interezza tale area di posteggio. Il Giudice di Legittimità, rilevata la fondatezza del rigetto in Appello, ribadisce in primo luogo la carenza di legittimazione attiva del Condominio. Posto che, come si è avuto modo di vedere, le aree oggetto di causa non rientrano tra le parti comuni dell'edificio a norma dell'art c.c. e non spettano alla collettività condominiale, in assenza di mandato da parte dei condomini, la legittimazione ad agire per l accertamento del vincolo di destinazione a parcheggio non spettava all Amministratore del Condominio, bensì ai singoli compratori delle varie unità immobiliari dello stabile in quanto portatori di un diritto proprio in base ai rispettivi titoli di acquisto. In secondo luogo, con riferimento alla domanda proposta dagli eredi degli ultimi acquirenti, la Cassazione rileva la carenza di legittimazione passiva dei convenuti costruttori. Non avendo rapporti contrattuali diretti o scaturenti da altro titolo idoneo nei confronti dei proprietari originari convenuti, gli Ermellini, quindi, hanno rilevato che l'azione di accertamento 5

6 proposta dagli istanti è stata erroneamente avanzata. Ed invero, l atto convenzionale col quale il costruttore originario si obbliga ad un facere o a determinati adempimenti nei confronti del Comune, al fine di ottenere il rilascio di una concessione edilizia, non può essere considerato un contratto a favore di terzi ex art c.c. perché, non solo non costituisce un contratto di diritto privato, ma non ha neppure specifica autonomia e natura di fonte negoziale del regolamento dei contrapposti interessi. Da questo atto intermedio del procedimento amministrativo di concessione scaturiscono solo poteri autoritativi della P.A., senza alcuna possibilità per i terzi privati di avanzare diritti a riguardo. Ne consegue che l'azione di accertamento della titolarità del diritto d uso sul bene controverso ben differente da quella volta a contrastare lo spoglio dello stesso doveva essere correttamente proposta nei confronti del proprio venditore dante causa e non contro i proprietari originari. Sarebbe stato quest ultimo poi, eventualmente, a chiamare in giudizio i primi costruttori, per conseguire nei loro confronti, quali originari proprietari dell area edificabile e di quella asservita, i diritti da trasmettere ai neoproprietari dell edificio costruito. Avv. Gianpaolo Polverino 1 Cfr. Cass. Civ., Sez. II, 27 gennaio 2012, n che ha rilevato, per il combinato disposto degli artt e 1014 c.c., quale limite alla sua imprescrittibilità, il non uso ventennale dall acquisto dell unità immobiliare; 2 Senza contare la disciplina recentemente integrata - di cui all art. 9, co. 5 della legge 24 marzo 1989, n. 122 applicabile a tutti i parcheggi costruiti dal 1989 in poi secondo le disposizioni della c.d. Legge Tognoli; 3 Cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 17/12/1984, n. 6600; 4 Cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 18/07/1989, n. 3363; 5 L art. 26, u.c., della Legge quadro 28 febbraio n. 47/85 definì gli spazi di cui all'art. 18 della legge , n. 765 in termini di pertinenza delle costruzioni. L art. 818² c.c., però, prevede che rispetto alla cosa principale le pertinenze possono formare oggetto di separati atti o rapporti giuridici. Dunque, rispetto a tali forme di pertinenza, la possibilità di alienazioni separate si contempera con il vincolo di destinazione d uso; 6 Cfr. Cass. Civ. Sez. II, 29 maggio 1992, n. 6533; 7 Cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 15 giugno 2005, n ; 8 Cfr. Cass. Civ., Sez. II, 23/03/2004, n. 5755: Tale diritto, infatti, sorgendo direttamente dalla legge con l imposizione di una norma imperativa (art 18), deve essere inteso come un diritto reale d uso che non puo subire deroghe mediante atti di privati di disposizione o appropriazione degli stessi spazi e deve ricevere una tutela giurisdizionale pari a quella che ricevono gli altri diritti reali senza necessità che al giudizio partecipi il costruttore o il venditore dell immobile. Come precisato da una sentenza della Suprema Corte, la n resa a Sezioni Unite il 18 luglio 1989, tale diritto «puo essere fatto valere, con l'assolutezza tipica dei diritti reali, nei confronti dei terzi che ne contestino l'esistenza o l'efficacia» ; 9 Cfr. Cass. Civ., Sez. II, 24/02/2006 n

Cassazione civ. Sez. II, del 10 settembre 2014, n. 19094

Cassazione civ. Sez. II, del 10 settembre 2014, n. 19094 Cassazione civ. Sez. II, del 10 settembre 2014, n. 19094 Svolgimento del processo Con atto di citazione ritualmente notificato, gli attuali controricorrenti citavano in giudizio dinnanzi al tribunale di

Dettagli

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 SE LA SERVITÙ NEL CASO DI SPECIE L USO DEL POSTO AUTO A ROTAZIONE

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

SUL VINCOLO PERTINENZIALE FRA APPARTAMENTO E PARCHEGGIO CONDOMINIALE Cass. 943/13 commento e testo

SUL VINCOLO PERTINENZIALE FRA APPARTAMENTO E PARCHEGGIO CONDOMINIALE Cass. 943/13 commento e testo SUL VINCOLO PERTINENZIALE FRA APPARTAMENTO E PARCHEGGIO CONDOMINIALE Cass. 943/13 commento e testo R.K. P&D.IT In tema di aree adibite a parcheggi ricomprese nella costruzione di alloggi in condominio,

Dettagli

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto Condominio: il condizionatore troppo rumoroso deve essere rimosso Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.11.2009 n. 23807 (Giuseppe Mommo) Il condizionatore che è causa di immissioni intollerabili (superiori

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823

Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Corte di Cassazione, seconda sezione Civile, sentenza 30 aprile 2015, n. 8823 Svolgimento del processo S.G., con atto di citazione del 20 giugno 2001, proprietario di una porzione immobiliare facente parte

Dettagli

Volendo brevemente riassumere, i principi sanciti dai giudici di legittimità sono i seguenti:

Volendo brevemente riassumere, i principi sanciti dai giudici di legittimità sono i seguenti: Posti auto non equivalenti in condominio: illegittima la scelta in base ai millesimi Cassazione, sez. II civile, sentenza 07.12.2006 n. 26226 (Giuseppe Mommo) La sentenza della Cassazione n. 26226, depositata

Dettagli

CONSULENZA LEGALE ON LINE

CONSULENZA LEGALE ON LINE 1 CONSULENZA LEGALE ON LINE * * * * * * * Separazione, il diritto di abitazione dei figli nella casa coniugale non è autonomo da quello dell'assegnatario Cassazione Civiel, sezione prima, sentenza n. 22500/2010

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

COMBINAZIONE DI BENI. IL REGIME DELLE AREE PARCHEGGIO. di Massimo Marasca

COMBINAZIONE DI BENI. IL REGIME DELLE AREE PARCHEGGIO. di Massimo Marasca COMBINAZIONE DI BENI. IL REGIME DELLE AREE PARCHEGGIO. di Massimo Marasca 1. Premessa. Un bene giuridico può risultare anche dalla particolare connessione che può instaurarsi tra più cose: si discorre,

Dettagli

Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo

Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo Avvocati.it E sempre necessario l accertamento della denunciata intollerabilità

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Avv.

Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Avv. Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Commento a Cassazione Civile n. 2864 del 12.02.2016 Avv. Paolo Accoti - Accertato

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno (09/01/2012) Cass. Sez. II Civ. - Sent. del 23/12/2011, n. 28679 Svolgimento

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 Svolgimento del processo Con sentenza 12 luglio 2007, la Corte d appello di Messina rigettava l appello di G.C.L. ex dipendente di società del cd.

Dettagli

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO.

SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. SERVITÙ - PASSAGGIO COATTIVO. CASS. CIV., SEZ. II, 15 GIUGNO 2011, N. 13101. In tema di costituzione di una servitù coattiva di passaggio su una parte comune di un edificio in condominio, la domanda giudiziale

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Il giorno 11 settembre 1991 dall area di parcheggio adiacente all aeroporto di Malpensa, gestito dalla S.r.l

Dettagli

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini)

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) http://www.altalex.com/index.php?idnot=50040 La mancata

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo

La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo Avvocati.it. Qualora sul confine dei fondi risulti eretto un muro divisorio, quand anche le piante di

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo L'assicurazione deve risarcire il danno per l incendio di un veicolo in sosta Cassazione civile, sez. III, sentenza 11.02.2010 n. 3108 (Giuseppe Mommo) La copertura assicurativa obbligatoria, riguarda

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 Svolgimento del processo Il Tribunale di Monza, a seguito di una complessa istruttoria, accoglieva solo parzialmente la domanda di A.F., già dipendente

Dettagli

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 ha pronunciato la seguente: sul ricorso 22010-2006 proposto da: S.M.L., A.T., A.F. (eredi); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 La clausola compromissoria binaria, che devolva determinate controversie alla decisione di tre arbitri, due dei quali da nominare da ciascuna delle parti, può trovare applicazione

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE II^ Sezione civile Sentenza n. 22032 del 1 ottobre-22 novembre 2004, n. 22032. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE II^ Sezione civile Sentenza n. 22032 del 1 ottobre-22 novembre 2004, n. 22032. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE II^ Sezione civile Sentenza n. 22032 del 1 ottobre-22 novembre 2004, n. 22032 Svolgimento del processo Con atto di citazione del 24 giugno 1995, M.T. V., E.A. P., A. V., V.

Dettagli

SENTENZA. speciale in calce al ricorso, dall'avv. Fabrizio falvo, con domicilio eletto presso lo studio dell'avv. Dimitri Goggiamani.

SENTENZA. speciale in calce al ricorso, dall'avv. Fabrizio falvo, con domicilio eletto presso lo studio dell'avv. Dimitri Goggiamani. Civile Sent. Sez. 2 Num. 24296 Anno 2015 Presidente: ODDO MASSIMO Relatore: GIUSTI ALBERTO Data pubblicazione: 27/11/2015 ha pronunciato la seguente condominio SENTENZA sul ricorso proposto da: DONNANGELO

Dettagli

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707.

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO LIMITAZIONI - INTERPRETAZIONE Le norme contenute

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 COLLEGATO LAVORO: LIMITI AGLI INDENNIZZI RETROATTIVI Limitata l applicazione retroattiva

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640. Presidente Triola - Relatore Falaschi. Svolgimento del processo Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 18.09.2012, n. 15640 Presidente Triola - Relatore Falaschi Svolgimento del processo Con atto di citazione notificato il 9 luglio 1998 M.M. evocava, dinanzi

Dettagli

NON AMMESSO ALLA SUCCESSIONE IL NON CONCEPITO Cass. 4621/12 commento e testo

NON AMMESSO ALLA SUCCESSIONE IL NON CONCEPITO Cass. 4621/12 commento e testo NON AMMESSO ALLA SUCCESSIONE IL NON CONCEPITO Cass. 4621/12 commento e testo Andrea BELOTTI P&D.IT Al momento dell'apertura della successione ereditaria, gli eredi legittimi rinunciano all'eredità. Successivamente

Dettagli

R. S.p.A. contestava la domanda attorea ed eccepiva che l'evento era anteriore all'operatività della polizza e, quindi, non assicurato.

R. S.p.A. contestava la domanda attorea ed eccepiva che l'evento era anteriore all'operatività della polizza e, quindi, non assicurato. Omissis Svolgimento del processo P.G. e C.M. con citazione del Luglio 2003 convenivano in giudizio davanti al Giudice di Pace di M. C.D. e D.R.A., nonché il Condominio di via (OMISSIS) per sentirli condannare,

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

Commento. (di Daniele Minussi)

Commento. (di Daniele Minussi) Cessione del lastrico solare da parte del precedente proprietario tale prima dell'istituzione del condominio e titolarità delle ulteriori sopraelevazioni. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 18822 del 31 ottobre

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M.

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Sentenza Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Cass. civ., sez. Lavoro, 02-11-2001, n. 13558 - Pres. Mileo V - Rel. Mercurio E - P.M. Abbritti P (conf.) - RAI SpA c.

Dettagli

Tribunale Pescara 13/09/1999

Tribunale Pescara 13/09/1999 Tribunale Pescara 13/09/1999 sentenza 13 settembre 1999 n.697 Tribunale di Pescara - sentenza 13 settembre 1999 n.697 - Est. Brindesi - Di Stefano ed A. c. Soc. Coop. Apollo 12 ed A.. Appalto - Art. 1669

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 DICEMBRE 2011, N. 26188. L'art. 2947 c.c. deve essere quindi interpretato nel senso che la prescrizione

Dettagli

NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591. A cura di Filippo Mauro

NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591. A cura di Filippo Mauro NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591 A cura di Filippo Mauro Sulla nullità del contratto preliminare avente ad oggetto la vendita di un immobile irregolare

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Le SSUU hanno ritenuto «assolutamente arbitrario» sostenere che, nel negare l'esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 22029 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 28/10/2015 SENTENZA sul ricorso 17310-2010 proposto da: CANDIDO GIORGIO C.F. CNDGRG62H01D969A,

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA Consiglio di Stato, sez. V, 3 giugno 2013, n. 3028 Edilizia e urbanistica - Diniego autorizzazione installazione di una insegna pubblicitaria - Ordine di rimozione della stessa - Legittimità - Limitazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 24 febbraio 10 marzo 2011, n. 5749

Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 24 febbraio 10 marzo 2011, n. 5749 Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 24 febbraio 10 marzo 2011, n. 5749 Ritenuto in fatto 1. - Nel giudizio per l esecuzione in forma specifica, ai sensi dell art. 2932 cod. civ., del preliminare,

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità.

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Tribunale di Roma 27.09.2010 n. 14015 Dott.ssa Marrocco Z.E. (Avv. Maciejak) - INPS In

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare

Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare Condominio degli edifici: il pagamento delle quote condominiali nei rapporti tra venditore ed acquirente di una unità immobiliare La sentenza n. 23345 del 2008, resa dalla sezione II della Suprema Corte

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 28 giugno 2013, n. 16415

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 28 giugno 2013, n. 16415 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 28 giugno 2013, n. 16415 Svolgimento del processo Con sentenza del 10,4.2010, la Corte di Appello di Napoli rigettava il gravame proposto dalla s.r.l. Grand Hotel II M. avverso

Dettagli

Circolare n.25 del 30 luglio 2010

Circolare n.25 del 30 luglio 2010 Redazione a cura di Agostino Lombardi e Francesco Venunzio Circolare n.25 del 30 luglio 2010 News Giurisprudenziali Il locatore è responsabile per i danni provocati al conduttore per le infiltrazioni d'acqua

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a Treviso, xxxxx, rappresentato e difeso dall Avv. xxxxxx,

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA P&D.IT Il fatto. Il lavoratore era stato licenziato per il superamento del periodo

Dettagli

Le massime estrapolate

Le massime estrapolate Pagina 1 di 7 Condominio. Delibera assembleare che approva il rendiconto annuale dell amministratore, impugnazione ex art. 1137, comma III, solo per ragioni di mera legittimità. Le massime estrapolate

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01103/2013 REG.PROV.COLL. N. 00417/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA N. 06333/2011REG.PROV.COLL. N. 10522/1999 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Nel caso di specie, l inammissibile intervento dispiegato dall assicuratore dellìattore è qualificabile esclusivamente come intervento volontario.

Nel caso di specie, l inammissibile intervento dispiegato dall assicuratore dellìattore è qualificabile esclusivamente come intervento volontario. E inammissibile l intervento volontario dell assicuratore per la r.c. auto del danneggiato nel giudizio da questi promosso contro il civile responsabile e il suo assicuratore in applicazione della cd convenzione

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE -

TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE - n. 657/S/2007 R. G. A. C. TRIBUNALE NAPOLI - SEZIONE DISTACCATA DI FRATTAMAGGIORE - Ordinanza nella causa n. 657/S/2007 R. G. A. C. IL GIUDICE ISTRUTTORE Letta la domanda cautelare avanzata dal OMISSIS

Dettagli

Corte di Cassazione. Seconda Sezione. sentenza 26 marzo 6 giugno 2014, n. 12802. Svolgimento del processo

Corte di Cassazione. Seconda Sezione. sentenza 26 marzo 6 giugno 2014, n. 12802. Svolgimento del processo Corte di Cassazione Seconda Sezione sentenza 26 marzo 6 giugno 2014, n. 12802 Svolgimento del processo C.A., C.C., C.P. e Q.I. con atto di citazione del febbraio 1993 conveniva in giudizio davanti al Tribunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 ha pronunciato la seguente: SENTENZA sul ricorso proposto da: I.R. - RICORRENTE - contro

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) N. 1201/2010 REG.DEC. N. 1942/2009 REG.RIC. ha pronunciato la presente DECISIONE sul ricorso numero

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo

Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo Cataldi.it L'uomo che si rifiuta di sottoporsi al test del DNA potrebbe ritrovarsi

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012 Parcheggi Vi sono tre categorie di parcheggi, soggetti a discipline diverse: 1) i parcheggi "liberi",

Dettagli