Apre a Genova lo sportello Inail-Cip: orientamento e promozione della pratica sportiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Apre a Genova lo sportello Inail-Cip: orientamento e promozione della pratica sportiva"

Transcript

1 Apre a Genova lo sportello Inail-Cip: orientamento e promozione della pratica sportiva Inail Liguria: "Vogliamo sostenere e promuovere, tra i disabili da lavoro, la pratica sportiva e le associazioni che la rendono possibile, per favorire il reinserimento sociale e superare le problematiche conseguenti a un infortunio" Sarà attivo a partire da giovedì 7 giugno presso la sede Inail di Genova, in via D Annnunzio, 76, lo sportello informativo Inail-Cip (Comitato italiano paralimpico). Presso lo sportello aperto il primo e il terzo giovedì del mese in orario 10.00/ sarà possibile acquisire informazioni in merito alle discipline sportive praticabili, le società sportive presenti in ambito territoriale e le modalità per accedere alle lezioni di prova. All inaugurazione prevista alle ore interverranno le principali autorità cittadine oltre ai responsabili dei due enti: per Inail, il Direttore Regionale Liguria, Alessandra Lanza, il Direttore della sede di Genova, Giuseppe D Antonio e Flavio Giacinti, Dirigente Medico dell Inail provinciale, per Cip, il presidente regionale, Gaetano Cuozzo oltre ad atleti e testimonial paralimpici di rilievo tra cui il campione mondiale nella disciplina handbike, Vittorio Podestà. Porterà la sua benedizione, il responsabile dell Ordine dei Cappellani del lavoro, Mons. Luigi Molinari. Di particolare valenza il contribuito e la testimonianza di Vittorio Podestà e Massimiliano Tonon, campione paralimpico nazionale. L apertura di uno sportello informativo in collaborazione con il Cip risponde ad uno degli obiettivi cui l Inail Liguria attribuisce particolare importanza: sostenere e diffondere, tra i disabili da lavoro, la pratica sportiva e le associazioni che la rendono possibile ai fini di favorire il reinserimento sociale e l efficace superamento delle problematiche connesse ad un infortunio. Le esperienze riabilitative INAIL hanno dimostrato, infatti, che la pratica sportiva assume grande rilevanza nel percorso volto al benessere psicofisico del disabile. Il Cip, Comitato italiano paralimpico, assume valore di interlocutore privilegiato in quanto è l ente individuato dalla legge quale responsabile dello svolgimento della pratica sportiva da parte della popolazione disabile a qualunque livello e per qualsiasi tipo di disabilità. Inail e Cip, in tale ottica, auspicano che lo sportello informativo diventi un utile strumento per l integrazione sociale dei disabili che chiama in gioco la sinergia e la logica di rete tra istituzioni e rappresentanze sociali. fonte: redattoresociale.it 6 giugno 2012

2 La sfida di Anna Maria si chiama Lis Tube : nasce il canale web per i sordi Lis Tube è uno dei pochissimi esempi di canali per non udenti redatto con il linguaggio dei segni. E tra le "madri" ideatrici di questo grande progetto c è anche una ragazza di Larino. Anna Maria Di Palma, studentessa universitaria, dopo aver conosciuto casualmente una persona affetta da sordità, ha deciso di accostarsi a questo mondo iscrivendosi al corso da interprete generico Lis dell istituto Infobasic di Pescara. Quindi, assieme ad Andreana Cioffi e Teresa Armiento (quest ultima fondatrice e coordinatrice del progetto) è venuto fuori questo web di informazione nel quale, attraberso il linguaggio dei segni, sono affrontati i più disparati argomenti, passando dalla cronaca alle favole per bambini. Tre giovani studentesse e il loro amore per un mondo a cui, pur non appartenendo direttamente, hanno deciso di dedicarsi. Il mondo è quello dei non udenti e gli ingredienti dello straordinario progetto sono semplici ed essenziali. "Lis Tube" nasce da qui, un sito web d informazione per il quale Anna Maria Di Palma, molisana originaria di Larino e le due abruzzesi Andreana Cioffi e Teresa Armiento (quest ultima coordinatrice, ndr) curano la registrazione di video in lis (lingua dei segni) affrontando i più disparati argomenti, passando dalla cronaca alle favole classiche che hanno accompagnato l infanzia di ognuno. fonte: primonumero.it 6 giugno 2012

3 In Puglia i Tg avranno la Lis La Giunta regionale ha approvato un regolamento per la concessione di contributi alle emittenti televisive locali per la promozione della lingua italiana dei segni nei telegiornali, mediante l'impiego di professionisti qualificati BARI - Tra qualche tempo in Puglia sarà possibile per le persone audiolese, seguire, come tutti, i telegiornali locali. A compiere questo grande passo avanti nell'accessibilità di tutti all'informazione, diritto fondamentale, è l'assessorato regionale al Welfare che finanzierà le emittenti televisive locali che intenderanno realizzare telegiornali con la lingua dei segni, la LIS. Al momento l'assessorato regionale al Welfare ha provveduto alla redazione di un regolamento regionale per la concessione di contributi alle emittenti televisive locali per la promozione della lingua italiana dei segni (Lis) nei telegiornali, mediante l'impiego di professionisti qualificati come traduttori della lingua Lis, in possesso di qualifiche conseguite con corsi di formazione professionali riconosciuti, in applicazione a quanto stabilito dall'art. 42 della legge regionale 31 dicembre 2010, n. 20. I passi successivi saranno l'approvazione del regolamento in Consiglio e la pubblicazione dell'avviso per la concessione dei contributi alle emittenti televisive. Secondo il regolamento appena approvato dalla Giunta regionale, saranno privilegiate le emittenti televisive a carattere regionale, la cui periodicità dell'informazione con la lingua dei segni sia giornaliera e che dedichino oltre 15 minuti all'informazione con la Lis, nella fascia di punta dalle 19 alle 21. La disponibilità finanziaria è di 600mila euro complessivi. "L'inclusione sociale delle persone con disabilità - ha chiarito l'assessore regionale al Welfare Elena Gentile - non è solo assegni di cura e assistenza diretta. Ci sono forme di esclusione dai diritti fondamentali che sono più subdole ma non meno discriminanti, come il diritto all'informazione. Riteniamo che rendere accessibile l'informazione locale alle persone con problemi di udito, con compromissioni più o meno gravi, sia un dovere, un obbligo, per valicare quei confini che già fisicamente impongono alla persona audiolesa un allontanamento dalla vita cittadina e dunque dalla partecipazione. Questo per noi è il reale welfare inclusivo, far sì che ciascuno possa conoscere e dunque cimentarsi nell'esercizio della partecipazione, la pratica vera della democrazia". fonte: superabile.it 7 giugno 2012

4 Esami di stato conclusivi degli studi superiori: novita' per gli allievi con DSA Previste misure compensative per gli allievi che abbiano seguito percorsi ordinari e prove differenziate per chi accede alla sola attestazione L'Ordinanza del MIUR n. 41/12 dell'11 Maggio scorso ha definito i criteri degli Esami di Stato conclusivi degli studi superiori. Il documento non presenta particolari novità per gli allievi disabili, ma vi è un intero articolo (17 bis) dedicato agli alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA). Prove differenziate e prove equipollenti - Gli allievi con certificazione di disabilità, che abbiano seguito un Piano Educativo Individualizzato (PEI), sono valutati in base ad esso, come previsto dall'ordinanza ministeriale n. 90/01. Sono perciò ammessi a sostenere gli esami su prove differenziate, finalizzate esclusivamente al rilascio dell'attestazione, come indicato dal DPR n. 323/98. La commissione d'esame, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe, predispone invece prove equipollenti a quelle assegnate agli altri candidati, se si ritiene che il candidato abbia raggiunto una preparazione idonea per il rilascio del diploma attestante il superamento dell'esame. E' previsto in questo caso l'utilizzo di ausili, mezzi tecnici o modi diversi, o lo sviluppo di contenuti culturali e professionali differenti. Anche gli allievi con DSA che, in base al DM n.5669/11, abbiano seguito un percorso didattico differenziato, sono valutati in base ad esso. Sono cioè ammessi a sostenere gli esami di Stato su prove differenziate, finalizzate esclusivamente al rilascio dell'attestazione, come previsto dal citato DPR 323/98. Le novita' per gli allievi con DSA - La Commissione d'esame terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive degli allievi con DSA, in particolare le modalità didattiche e le forme di valutazione per i percorsi didattici individualizzati e personalizzati. Le commissioni dovranno predisporre adeguate modalità di svolgimento delle prove scritte e orali. I candidati potranno utilizzare strumenti compensativi, dispositivi per l'ascolto dei testi della prova registrati in formati mp3 o potranno usufruire delle presenza di un lettore. Per i candidati che utilizzeranno la sintesi vocale, la Commissione provvederà alla trascrizione del testo su supporto informatico. Saranno consentiti tempi più lunghi di quelli ordinari per lo svolgimento della prove scritte e vi sarà un'attenzione particolare alla predisposizione delle prove per l'accertamento delle competenze nella lingua straniera. Al candidato potrà essere consentita l'utilizzazione di apparecchiature e strumenti informatici. Per i candidati con DSA che abbiano seguito un percorso didattico ordinario, con la sola dispensa dalle prove scritte di lingua/e straniera/e, la Commissione, nel caso in cui la lingua straniera sia oggetto di prova scritta, dovrà sottoporre i candidati a prova orale, sostitutiva di quella scritta. fonte: disabili.com 7 giugno 2012

5 Liquidweb, innovazione solidale Start up al fianco dei disabili. Con il progetto BrainControl, la società senese ha conquistato l'interesse di investitori cinesi e statunitensi. Il suo fondatore, però, vorrebbe restare in Italia. "Il nostro scopo è migliorare la vita di chi soffre di Sla, sclerosi e tetraplegia. Fondamentale il rapporto con le associazioni" QUANDO si affacciano alla finestra, le sei giovani menti che compongono Liquidweb 1, una delle start up più promettenti del panorama italiano, hanno di che rigenerarsi. Da un lato, il verde gentile delle colline senesi. Dall'altro, il mosaico di tetti che abbraccia Piazza del Campo. Pasquale Fedele, fondatore e amministratore delegato della società, è fiero di mostrare quant'è bella questa terra, forse anche per ricordarsi perché abbia deciso di restare. La sua start up, operante nel settore Ict su tecnologie pervasive e mobili, ha ricevuto offerte da investitori cinesi e statunitensi: "Se fate i bagagli e venite da noi, vi finanziamo al 100%". Loro, però, tenteranno di restare in Italia, scegliendo semmai di aprire una seconda sede a San Francisco l'anno prossimo. Uno dei motivi - racconta Pasquale - è l'entusiasmo con cui le associazioni dei malati hanno accolto il nostro programma di punta, BrainControl 2. Malati, sì, perché la missione con cui nasce il progetto è di aiutare le persone affette da patologie come sclerosi laterale amiotrofica, sclerosi multipla e tetraplegia a vivere nel migliore dei modi possibili. Nascita di una start up. "Cinque anni fa, nell'ambito di un progetto di ricerca presso l'università di Siena, mi è capitato di lavorare sull'elettroencefalografia (Eeg), una tecnologia che esiste da moltissimo tempo, applicata all'interazione uomo-macchina basata sull'intercettazione di segnali neurali", spiega Pasquale (o meglio, l'ingegner Fedele). "La tecnica capta l'attività elettrica del cervello e la utilizza per interagire con il computer. Così mi è venuto in mente di utilizzare un sistema basato sull'eeg per aiutare le persone disabili a controllare delle tecnologie per l'assistenza mediante il pensiero". Forte della sua esperienza universitaria e di una precedente (ma non facile) avventura di spin off, Fedele ha dunque deciso di riprovarci, mettendo insieme un manipolo di ingegneri informatici, una neolaureata in business e una biologa. Sei persone in tutto, età media 28 anni. "L'altra volta ci eravamo arenati nella ricerca di finanziamenti", ricorda Fedele. "Questa volta abbiamo scelto di finanziarci facendo consulenza su tecnologie mobili e pervasive, portando avanti il progetto a prescindere dalla disponibilità di eventuali investitori". I primi risultati incoraggianti sono arrivati nel Da lì è stato un crescendo di piccoli e grandi traguardi, finalmente accompagnati da offerte di finanziamento. Eeg, wireless e tablet. La struttura del sistema è relativamente semplice. Gli ingredienti chiave sono tre: un caschetto commerciale dotato di sensori Eeg (gli stessi che si utilizzano per gli encefalogrammi), connessione wireless via bluetooth e un tablet. "Finora siamo riusciti a 'mappare' dodici pensieri utilizzando quattordici sensori", spiega l'ingegnere. "Ad oggi - prosegue - è possibile identificare con chiarezza percorsi di segnali neurali legati al movimento (quando si pensa di spostare o ruotare un oggetto nello spazio) e alle espressioni facciali (muovere le sopracciglia, fare un sorriso, strizzare l'occhio). È un campo della ricerca in continua evoluzione: ogni tanto salta fuori qualche ricercatore che aggiunge un pezzo al puzzle, come ad esempio la possibilità di mappare una singola parola". Concentrandosi sul sottoinsieme di pensieri legati al movimento, Pasquale e i suoi hanno messo a punto un sistema che funziona come una sorta di joystick mentale: il paziente pensa "destra/sinistra/in alto/in basso" e l'interfaccia del tablet reagisce di conseguenza, facendogli selezionare la voce di un menù piuttosto che il tasto di una tastiera virtuale. "In questo modo - precisa Fedele - abbiamo creato un primo semplice comunicatore che permette all'utente di esprimersi se interrogato su qualsiasi argomento".

6 Al fianco dei malati. In realtà, lo scenario a cui punta il team di Liquidweb è molto più ambizioso. "Il nostro software gira su tablet e consente, in via teorica, di integrare qualsiasi tipo di dispositivo", precisa Fedeli. "A titolo dimostrativo, la prima applicazione è stata quella di controllare il volo di un elicottero radiocomandato con la forza del pensiero. Gli obiettivi finali sono almeno due: da un lato creare un sistema capace di controllare la sintesi di messaggi vocali o la comunicazione via , social network e sms; dall'altro integrare le funzionalità di domotica, così da garantire a queste persone un po' di autonomia e controllo sul loro ambiente domestico" (ad esempio svegliarsi la mattina e poter accendere la luce, tirare su le tapparelle, muovere la carrozzina elettrica). L'idea del comunicatore è arrivata, paradossalmente, solo dopo l'incontro con il mondo delle associazioni, a cominciare da Aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e Lo Spirito di Stella. "Con loro abbiamo capito che la priorità assoluta, in realtà, era la comunicazione. Per questi pazienti, comunicare vuol dire vivere, dimostrare il proprio affetto, mantenere i legami con gli amici e le persone care. Ci sono studi che dimostrano come l'aspettativa di vita aumenti nel momento in cui si riesce a sbloccare l'impossibilità comunicativa", ha aggiunto Fedele. Negli stadi più avanzati di queste patologie, si parla di sindrome "locked-in", in quanto si è completamente imprigionati nel proprio corpo ma la mente rimane attiva. La persona, in questo caso, è cosciente e sveglia, ma non riesce a trasmettere all'esterno alcun tipo di segnale. Aggiungendo al sistema dei feedback sonori, gli ingegneri di Liquidweb hanno intenzione di utilizzare il comunicatore anche per valutare i casi di coma apparente, quando una persona sembra in coma mentre in realtà è vigile a livello mentale. Dalla Silicon Valley a Nanchino, and back to Italy. In un anno e mezzo di attività, la start up ha portato a casa diversi riconoscimenti: dal primo premio a "Smau Percorsi dell'innovazione" alla partecipazione a "Mind the Bridge", che li ha portati a San Francisco e Berkeley, fino alla recente premiazione al "Talento delle Idee" e alla finale di "Start up dell'anno 2012" del PNICube 5. Poi un salto in Cina, a Shanghai e Nanchino, grazie al programma "Italia degli Innovatori" promosso dall'agenzia per il trasferimento tecnologico della Presidenza del Consiglio. "Il progetto ha suscitato un fortissimo interesse sia a San Francisco che a Shanghai", racconta Fedele. "Abbiamo trovato dei venture capitalist interessati a finanziarlo, ma con la richiesta di spostare tutta l'attività all'estero". Un'ipotesi che, almeno per il momento, l'azienda ha scelto di non prendere in considerazione. "Ovviamente ci stiamo scontrando con le difficoltà di creare da zero un prodotto così innovativo nel contesto italiano", ammette. "Però ce la stiamo mettendo tutta e i risultati iniziano ad arrivare, anche grazie al preziosissimo contributo delle associazioni". Uno dei punti critici riguarda la scarsa diffusione del private equity in Italia. "A San Francisco a ogni angolo della strada c'è l'ufficio di un business angel o di un venture capitalist, con la stessa frequenza con cui da noi ci sono sportelli di banche", ironizza Fedele. E poi mancano strumenti intelligenti in grado di prevenire che una start up "si ingessi" nel momento in cui deve usufruire del supporto di diversi investitori. Negli Stati Uniti questo ruolo è svolto dai convertible notes, impegni con cui si promette agli investitori una quota della società, ma solo al raggiungimento di determinati obiettivi. "In generale - conclude Fedele - l'italia deve lavorare sodo per trovare una sua strada all'innovazione. Di idee e creatività, però, ne ha da vendere". Come pure un po' di sana cocciutaggine. fonte: repubblica.it 13 giugno 2012

7 Cini. Smile Train Italia entra nel Network L'organizzazione si occupa della cura dei bambini affetti da labio-palatoschisi Smile Train Italia è entrato a far parte del Cini, il Coordinamento Italiano Network Internazionali - composto da Actionaid, Amref, Save the Children, Terre des hommes, VIS e World Vision. Smile Train Italia è un organizzazione internazionale, indipendente, impegnata nella cura di bambini e pazienti affetti da labio-palatoschisi. In Italia dal 2007, è partner di Smile Train International, la più importante organizzazione umanitaria dedicata alla chirurgia delle labio-palatoschisi ed è parte del network internazionale Medicus Mundi con sede a Ginevra e che raccoglie numerose organizzazioni internazionali che lavorano nel campo sanitario della cooperazione internazionale e dell advocacy e il cui principio è We share know how and join forces towards Health for All!. Rivolgendo il suo caloroso benvenuto ai nuovi soci, la portavoce del Cini, Maria Egizia Petroccione ha affermato: «Sono certa che l ingresso di Smile Train Italia consentirà di ampliare e rafforzare l impatto e l efficacia delle attività del CINI sia a livello nazionale che internazionale». «Come Smile Train siamo molto orgogliosi di entrare a far parte di un network così prestigioso, costituito da importanti organizzazioni umanitarie che, ognuna nel proprio campo, davvero creano la differenza per popolazioni e Paesi con minori risorse ed opportunità. Questo ancor di più alla luce dell ampliamento dello spettro delle nostre attività umanitarie. Abbiamo chiesto di partecipare a questo network, perché riteniamo essenziale unire e coordinare energie e sforzi per offrire un servizio di sempre maggiore efficacia ed efficienza e il Cini rappresenta, in assoluto, l esempio di come ci si possa organizzare insieme per lavorare e collaborare sinergicamente e, nello stesso tempo, favorire un indirizzo di interventi e di proposte legislative che possano sostenere e dare propulsione ai principi di cooperazione e sviluppo» ha dichiarato Fabio Abenavoli, residente di Smile Train Italia. fonte: vita.it 14 giugno 2012

8 Lombardia, accolto l appello dei disabili: ripristinato il fondo da 70 milioni La risposta della regione al corteo contro i tagli al sociale che si è svolto ieri a Milano: si torna alla cifra prevista per il Ledha: "Sono stati recuperati 30 milioni, ma ne mancano almeno altri 70" MILANO Il fondo sociale della Regione, destinato a disabili e persone in difficoltà, ammonterà nel 2012 a 70 milioni di euro. Si torna così alla cifra prevista nel 2011, che quest'anno era stata ridotta a 40 milioni, in seguito ai tagli del governo. La buona notizia l'hanno data oggi Margherita Peroni, assessore regionale al Commercio, Turismo e Servizi e i consiglieri Carlo Borghetti (Pd) e Carlo Saffioti (Pdl), rispondendo all'appello delle oltre 50 associazioni in difesa dei disabili e di volontariato, che stamattina hanno manifestato a Milano contro i tagli al sociale sotto il palazzo della Regione. Sono stati recuperati 30 milioni, ma ne mancano almeno altri 70 sottolinea la Ledha, che insieme alla Fand ha organizzato l'iniziativa Chiediamo alla Regione di compensare le risorse che non arrivano dallo Stato, per mantenere almeno i servizi esistenti. Il corteo di oltre 3 mila persone - secondo gli organizzatori ha sfilato da piazza Duca d'aosta fino a Palazzo Lombardia allo slogan: No ai tagli! Sì alla vita indipendente e all'inclusione nella società. Tra i manifestanti anche rappresentanti di Cgil e Cisl, il sindaco di Cernusco sul Naviglio e Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano. In piazza sono intervenuti Fulvio Santagostini presidente di Ledha, Franco Bomprezzi, portavoce dell'associazione e Nicola Stilla, presidente di Fand, federazione tra le associazioni nazionali dei disabili. Il presidente della Ledha ha sottolineato che oltre al ripristino dei fondi necessari, è importante che gli interventi rivolti alle persone con disabilità siano orientati all'inclusione sociale. Infine una delegazione dei manifestanti è stata ricevuta da Giulio Boscagli, assessore alla Famiglia, conciliazione, integrazione e solidarietà sociale della Regione. Questo pomeriggio la Ledha presenterà al prefetto di Milano una richiesta indirizzata al governo, perché riduca i tagli. fonte: redattoresociale.it 14 giugno 2012

9 Il consiglio dei ministri approva il contrassegno europeo Eccomi di ritorno dall Olanda con tante storie da raccontare. La prima, assolutamente banale, mi permette di introdurre una piccola riflessione che porta con sé anche una notizia. Giusto una settimana fa infatti mi trovavo a Leida, una bella cittadina universitaria, regno incontrastato di biciclette e studenti. Il centro storico, come spesso accade, è chiuso al traffico automobilistico, con dissuasori elettronici con telecomando, così decido di lasciare la vettura su un posto riservato alle persone con disabilità. Espongo il contrassegno, quello arancione per intenderci e mi accingo a fare il tratto di strada che mi separa dal centro. Poi voltandomi indietro vedo che accanto alla mia macchina è ferma la polizia Avranno visto la targa straniera penso e controlleranno il contrassegno. Torno così sui miei passi, si fa per dire, mentre vedo un poliziotto che scende a vedere sul cruscotto. Li raggiungo e in inglese dico che la vettura è mia e come possono vedere sono un portatore di disabilità. Con educazione mi raccontano che loro non riconoscono il contrassegno italiano e mi chiedono perché non espongo quello europeo chiamato Cude (Contrassegno unificato disabili europeo). Provate voi a fargli capire che dal 4 giugno del 1998 (data in cui fu pubblicata la raccomandazione del consiglio europeo per l unificazione del contrassegno) ad oggi l Italia non aveva ancora trovato il tempo di ratificarlo e adattarsi. Provate a spiegare che per una norma legata alla legge sula privacy in Italia si adotta il cartoncino arancione e negli altri paesi europei quello blu. Tutto si risolve, ma mi dicono che in altre città mi avrebbero potuto fare la multa (cosa che in realtà poi non è successo). Ma a qualcuno è successo di prendere multe all estero per questo problema? Tornato in Italia, la bella scoperta il 25 maggio, il consiglio di ministri ha dato il via libera al Cude (alla lettera G) un piccolo passo verso l Europa. fonte: corrieredellasera.it 14 giugno 2012

10 Tai-chi «da carrozzina» per il benessere dei disabili Stando a un sondaggio condotto negli Stati Uniti, il 73 per cento di chi è costretto su una sedia a rotelle non fa alcuna attività fisica o comunque non si muove abbastanza. È partendo da questo dato che Zibin Guo, docente all'università di Chattanooga in Tennessee e, in passato, consulente per le Paralimpiadi di Pechino 2008, ha deciso di mettere a punto un programma di Tai-chi "da carrozzina", pensato apposta per i disabili. Posizioni Il nuovo metodo per praticare questa antichissima arte marziale orientale è stato descritto da Guo in un recente numero della rivista Technology and Innovation Proceedings of the National Academy of Inventors. «Barriere culturali e sociali impediscono troppo spesso ai disabili di partecipare ad attività di fitness dice Guo. Il Tai-chi da sedia a rotelle può essere praticato da seduti e prevede esercizi semplici e a basso impatto per la parte superiore del corpo, integrando il movimento della carrozzina con i movimenti fluidi e leggeri del classico Tai-chi. Tutto questo risolleva lo spirito e dà ai disabili la sensazione di poter controllare meglio i propri movimenti nello spazio». Il Tai-chi modificato per chi è costretto in sedia a rotelle prevede 13 delle 24 posizioni della disciplina, che hanno soprattutto lo scopo di trasformare la carrozzina da un mezzo di assistenza a una persona in difficoltà a uno strumento per esprimersi e sentirsi meglio. Vantaggi Tutto ciò ha un impatto non da poco sul benessere di chi pratica questa forma di Tai-chi, di cui è possibile vedere una dimostrazione su YouTube dall'eloquente titolo Dancing in the chair : «I disabili costretti in sedia a rotelle hanno una minore autostima e sono più sottoposti ad ammalarsi di depressione spiega Guo. Il Tai-chi è una disciplina con documentati benefici sulla salute e il benessere psicologico di chi lo pratica, è inoltre accessibile e a basso costo, in genere molto gradito a chi lo prova; per tutti questi motivi ho pensato di modificarlo per renderlo fruibile a chi ha deficit di movimento, sperando che si potessero ottenere gli stessi benefici». Ed è così: la pratica di questa forma di Tai-chi prevede movimenti delle braccia, della schiena e del bacino che migliorano la circolazione e la mobilità della parte superiore del corpo. Si tratta di esercizi lenti, che però rinforzano molto i diversi gruppi muscolari coinvolti migliorando resistenza e flessibilità della schiena, delle spalle e delle braccia. Senza contare gli effetti benefici sul benessere psicologico, che Guo sottolinea in modo particolare: persone che hanno abbandonato del tutto l'idea di poter fare sport in questo modo possono di nuovo dedicarsi a un'attività fisica, sentendosi in grado di esprimere il loro potenziale in maniera anche artistica, con movimenti che sembrano una vera danza. E tutto questo ha indubbi vantaggi sull'autostima e l'umore di chi pratica il Tai-chi da sedia a rotelle. fonte: corriere.it 19 giugno 2012

11 Dall'Agenzia delle Entrate, nuove agevolazioni per i veicoli delle persone disabili Iva al 4% per l'acquisizione in leasing, sia per i canoni di locazione sia sul prezzo del riscatto. E' quanto prevede la risoluzione 66/E appena pubblicata. L'agevolazione si limita al contratto di locazione finanziaria che preveda il riscatto del bene Da oggi, le persone con disabilità potranno beneficiare di una nuova agevolazione per i veicoli: è stato infatti pubblicata dall'agenzia delle Entrate la risoluzione 66/E, che si riferisce ai contratti di locazione e prevede l'iva al 4% sia per i canoni di locazione corrisposti sia sul prezzo di riscatto. Le agevolazione previste per l'acquisto dei veicoli si estendono così anche al contratto di locazione finanziaria, ma solo nel caso in cui quest'ultimo sia di tipo traslativo, cioè caratterizzato dalla volontà di riscattare il bene alla fine della locazione. "Per fruire dell'iva al 4 % - fa sapere l'agenzia - all'atto della stipula del contratto di leasing, devono essere soddisfatte le condizioni già richieste dalla legge in caso di acquisto. In particolare, per quanto riguarda l'intestazione del veicolo, in caso di leasing è possibile sostituire questo adempimento con l'annotazione sulla carta di circolazione del nominativo del locatario e della data di scadenza del contratto". Il beneficiario deve presentare alla società di leasing tutta la documentazione per usufruire dell'iva agevolata. Il beneficio decade se il contribuente non mantiene la disponibilità del veicolo per almeno due anni dalla data di stipula del contratto. Il testo della risoluzione è disponibile sul sito fonte: agenziaentrate.it 21 giugno 2012

12 Anche i disabili mentali potranno stipulare polizze Anche i disabili mentali potranno stipulare una polizza d assicurazione contro il rischio infortuni o malattia, ipotesi finora non contemplata dalle Condizioni generali stabilite dalle compagnie. Che infatti saranno modificate. Lo prevede un accordo raggiunto martedì nella sede romana dell Isvap (l Istituto di vigilanza delle assicurazioni private) e sottoscritto dallo stesso Istituto, dall Ania (Associazione delle imprese assicuratrici), da Progetto Itaca, onlus che opera al fianco delle famiglie dei disabili e dall Unasam (l Unione nazionale delle associazioni per la salute mentale). Un intesa finora soltanto verbale ma che presto diventerà ufficiale, che mette la parola fine alla discriminazione di una fascia sociale fra le più deboli, traguardo raggiunto anche a seguito della campagna alla quale Avvenire aveva dato spazio e sostegno lo scorso febbraio. Dopo anni di petizioni, raccolte di firme e iniziative di sensibilizzazione, le famiglie dei disabili mentali, che in Italia sono circa 2 milioni (si va dalle dalle forme più leggere alle patologie gravi come schizofrenia, depressione maggiore, disturbo borderline di personalità e disturbo bipolare), sono finalmente riuscite ad ottenere un documento che recepisce le direttive della legge 18 del 3 marzo 2009, che a sua volta ratifica la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, sottoscritta dal nostro Paese il 30 marzo Nella Convenzione, i cui firmatari si impegnano ad eliminare dalle legislazioni nazionali qualsiasi discriminazione delle persone con disabilità, all articolo 25 si fa espresso riferimento al settore delle assicurazioni, vietando «le discriminazioni delle persone con disabilità, le quali devono poter ottenere, a condizioni eque e ragionevoli, un assicurazione malattia e, nei Paesi nei quali sia consentito dalla legislazione nazionale, un assicurazione sulla vita». Finora, questi erano rimasti soltanto degli auspici, almeno per i disabili mentali, che difatti non erano mai riusciti a farsi assicurare contro gli infortuni o per sottoporsi a cure ospedaliere. Da martedì, invece, le famiglie possono avvalersi di un parere dell ufficio legale di Ania che riconosce non conforme alla legge l esclusione dei disabili mentali dalla possibilità di sottoscrivere un contratto di assicurazione. L iter burocratico della vicenda ora prevede che l Isvap comunichi all Ania, tramite un apposita direttiva, l illegittimità dell esclusione dei disabili mentali, operazione che si dovrebbe concludere entro un mese. Subito dopo, l Ania informerà le compagnie che, appunto, saranno tenute a modificare il testo delle Condizioni generali per eliminare i riferimenti ai disabili mentali reputati discriminanti e non conformi alla legge. Con la fine dell estate, dovrebbe essere possibile stipulare i primi contratti. A questo proposito, nel suo parere l ufficio legale dell Ania scrive che le compagnie non sono autorizzate ad applicare condizioni diverse ai disabili mentali rispetto agli altri clienti, se non in presenza di specifiche statistiche che attestino una più alta incidenza di infortuni o malattie. Questi dati, però, non esistono proprio perché i disabili mentali non hanno mai potuto essere assicurati contro infortuni o malattie. A supporto della propria battaglia, le associazioni delle famiglie dei disabili mentali hanno prodotto anche una serie di pareri scientifici di medici e psichiatri, tutti tendenti a confermare che il malato mentale non è maggiormente soggetto a infortuni rispetto al resto della popolazione. Ictus, cancro e malattie infettive, riferisce in proposito il professor Luigi Benevelli, psichiatra e storico della psichiatria, con oltre quarant anni di esperienza accanto ai malati, «colpiscono le persone con disturbi mentali quanto e come il resto della popolazione», aggiungendo che «è del tutto doveroso e necessario che anche le persone con disturbo mentale grave possano garantirsi la copertura del rischio infortuni e delle patologie somatiche intercorrenti». Sostegno «convinto» alla posizione delle famiglie è stato espresso anche dal professor Carlo Altamura, direttore della Clinica psichiatrica dell Università di Milano e del Dipartimento di Salute mentale dell Ospedale Maggiore Policlinico. fonte: avvenire.it 22 giugno 2012

13 "Tutto è Superabile" Un'estate sul network di Gold Tv Partito venerdì 15 giugno dalle ore 21 sul network di Gold Tv l appuntamento televisivo con il nuovo format dedicato interamente alla disabilità, Tutto è Superabile. Pensata e realizzata dal portale informativo e contact center integrato SuperAbile Inail, la trasmissione propone buone prassi, ma anche sport paralimpico e associazionismo. Interamente sottotitolata per i non udenti. Tra gli ospiti in studio, Dario D Ambrosi e il teatro patologico Turismo per tutti, premio europeo città accessibili, il Magazine di Superabile e un intervista al direttore della redazione romana di Superabile.it, il teatro patologico di Dario D Ambrosi, i buoni esempi dall Europa, la pillola dell esperto sulla mobilità e le novità in campo Inail: sono questi i temi che caratterizzano l appuntamento settimanale televisivo di venerdì 15 giugno del nuovo format Tv dedicato interamente alla disabilità, Tutto è Superabile. Giunto alla sua terza puntata, il programma è pensato e realizzato dal portale informativo e Contact center integrato SuperAbile Inail. L appuntamento ha cadenza settimanale e va in onda fino all appuntamento delle Paralimpiadi di Londra 2012 in diretta tutti i venerdì sera dalle 21 alle 22 sulle frequenze del network Gold Tv. La trasmissione è sottotitolata per i non udenti dall associazione CulturAbile. Tutte le puntate sono poi scaricabili attraverso il canale Youtube Superabilenetwork. Il programma, condotto da Andrea Venuto in collaborazione con Erica Battaglia in postazione al desk multimediale e Marco Gaviglia alla co-conduzione della parte relativa allo sport paralimpico e allo sport integrato, è pensato per affrontare il tema della disabilità in ogni suo aspetto: da quello progettuale a quello culturale, da quello sportivo a quello associativo, fino alle problematiche più attuali. In particolare, nella puntata di venerdì 15 giugno si affronta il tema del turismo per tutti insieme all esperta Superabile, Francesca Tulli, e quello dell accessibilità delle principali città europee. In studio, anche Dario D Ambrosi, che ha appena concluso in qualità di direttore artistico il Festival del teatro patologico, e Antonella Patete, responsabile del Magazine Superabile. Le Pillole dell esperto invece rimandano tutte al tema della mobilità: dal contrassegno europeo agli sgravi fiscali per le riparazioni. Spazio poi all Inail e allo sport con apposite rubriche dedicate. Uno sguardo a 360 gradi, dunque, che porta del resto con sé l'anima e la professionalità che in questi anni hanno caratterizzato la produzione giornalistica e la consulenza specializzata del portale informativo e contact center integrato SuperAbile - Inail. In onda dunque venerdi 15 giugno sulle frequenze del network di Gold Tv: canale 128 del digitale terrestre per Piemonte, Val D'Aosta, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Alto Adige, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Sardegna, Molise, Umbria; canale 129 per in Campania, Lazio e Piemonte; Silver Tv Sat (bouquet di Sky). fonte: sordionline.com 22 giugno 2012

14 Campania, mostre e musei anche per ciechi e ipovedenti Visite a musei e siti archeologici per 500 ciechi e ipovedenti, accompagnati dai loro accompagnatori e guide: è il progetto «Turismo culturale per disabili visivi», finanziato dal dipartimento per la gioventù della Presidenza del Consiglio dei ministri e presentato a Roma dall'unione italiana dei ciechi. Un'iniziativa che durerà 18 mesi e che si terrà, oltre che in Campania, anche in Lazio e Toscana è che è costata 235mila euro. L'ACCESSO ALLA CULTURA - «Il diritto alla cultura, che i ciechi hanno sempre rivendicato, inizia finalmente ad essere riconosciuto come tale, grazie anche al finanziamento di questo progetto da parte del dipartimento per la gioventù» ha detto Tommaso Daniele, presidente nazionale dell'uic, nel corso della presentazione del progetto. L'obiettivo è quello di aprire ai disabili visivi l'accesso a iniziative turistiche, e anche sensibilizzare gli operatori del settore (responsabili delle strutture, addetti alla custodia e guide turistiche) alle problematiche dell'approccio dei disabili visivi con le varie forme di arte. «Non un museo per ciechi, quindi, ma la possibilità di accedere ai musei di tutti, in ogni momento in cui il cieco ne ha necessità o interesse» ha spiegato Orlando Paladino, referente operativo del progetto. fonte: corriere.it 28 giugno 2012

15 Invalidità civile, diritto all assegno anche senza carta di soggiorno E discriminatorio non riconoscere il diritto all assegno per l invalidità civile agli stranieri regolarmente presenti in Italia. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione, rigettando un che era stato presentato dall Inps contro una sentenza della Corte di Appello di Torino. Lo rende noto una comunicazione dell Asgi (Associazione per gli Studi Giuridici sull Immigrazione). Con l ordinanza 10665, la Corte di Cassazione, appellandosi ai principi dichiarati nella Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, ha confermato che le prestazioni di invalidità spettano anche agli stranieri disabili regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale. Nell art. 14 si legge che il godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o quelle di altro genere, l origine nazionale o sociale, l appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita od ogni altra condizione. Per ottenere l assegno di invalidità non si presentano quindi come requisiti necessari l essere naturalizzati cittadini italiani o l aver maturato i tempi di permanenza richiesti per il permesso per soggiornanti di lungo periodo (l ex carta di soggiorno per cittadini stranieri). Con l ordinanza del 26 giugno, la Corte di Cassazione ha ricordato quanto già affermato con la sentenza n.4110 del 14 marzo Esiste una consolidata giurisprudenza costituzionale secondo cui l assegno di invalidità costituisce una provvidenza destinata non già a integrare il minor reddito dipendente dalle condizioni soggettive, ma a fornire alla persona un minimo di sostentamento, atto ad assicurarne la sopravvivenza. fonte: volontariatoggi.info 28 giugno 2012

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO Criteri per le prove scritte degli esami finali secondaria I per alunni con DSA e BES anno scolastico 2014-2015 A CURA DELLA COMMISSIONE DSA Norme generali Esame finale

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Premessa La nostra Scuola accoglie tutti gli alunni. Gli alunni con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) presentano alcuni specifici disturbi delle abilità dell

Dettagli

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici

2.571. Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali. Comunicati stampa. Articoli su quotidiani e periodici 190 Presenze in radio, programmi televisivi e telegiornali 168 Comunicati stampa 2.571 Articoli su quotidiani e periodici 37mila visualizzazioni della pagina online della Carta dei diritti 500 post su

Dettagli

Milano, 8 aprile 2015

Milano, 8 aprile 2015 SABATO 27 GIUGNO 2015 - ARENA CIVICA DI MILANO GIOCHI SENZA BARRIERE, ENERGIA PER LA VITA UN GRANDE EVENTO FUORI EXPO NATO DALLA SPLENDIDA ESPERIENZA DI BEBE VIO OTTO SQUADRE SI SFIDANO NELLO SPIRITO PARALIMPICO

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 803.001 www.lineaamica.gov.it Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 1 LINEA AMICA: CONCEPT DEL SERVIZIO Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Abbiamo visto nell arco della mattinata,il percorso che fa un malato di SLA

Abbiamo visto nell arco della mattinata,il percorso che fa un malato di SLA Il Ruolo della Associazione a livello Nazionale ed in Piemonte Abbiamo visto nell arco della mattinata,il percorso che fa un malato di SLA Dal momento della diagnosi fino al progressivo peggioramento che

Dettagli

Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele

Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele 1 "Un bisogno educativo speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo ed apprenditivo, espressa in funzionamento

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

l assistenza dei Sordi Onlus (ENS) Ente Morale preposto alla tutela dei diritti delle persone sorde

l assistenza dei Sordi Onlus (ENS) Ente Morale preposto alla tutela dei diritti delle persone sorde Ente Nazionale a per la protezione o e e l assistenza dei Sordi Onlus (ENS) Ente Morale preposto alla tutela dei diritti delle persone sorde L ENS: gli inizi Agli inizi del 900 il mondo sordo era scosso

Dettagli

CONVEGNO ACCESSIBILITA AI MEDIA 03 OTTOBRE 2014

CONVEGNO ACCESSIBILITA AI MEDIA 03 OTTOBRE 2014 CONVEGNO ACCESSIBILITA AI MEDIA 03 OTTOBRE 2014 Buongiorno a tutti, desidero presentarmi, sono RENZO CORTI Presidente del Consiglio Regionale ENS (Ente Nazionale Sordi) della Lombardia, un ente ONLUS oggi

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio L INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio di infortuni e ne garantisce il percorso riabilitativo

Dettagli

OBIETTIVI BENEFICIARI

OBIETTIVI BENEFICIARI ASL DI MILANO INFORMA CHE LA REGIONE LOMBARDIA AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 23/99 CON DECRETO DEL D.G.F.C.I.S.S. N. 12252 DEL 18.12.2012, HA FORNITO INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE

Dettagli

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA prof.ssa Lupo Loredana Le disposizioni normative concernenti la valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria

Dettagli

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado 15 Febbraio 2012 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa autovalutazione valutazione Si sollecita lo studente, affinchè si dica competente, ovvero assuma la padronanza metodologica e operativa, la consapevolezza di quanto ha appreso Didattica, affidata al docente

Dettagli

INDICE: 1. PREMESSA 2. FINALITA 3. STRUMENTI AMMESSI AL FINANZIAMENTO 4. STRUMENTI NON AMMESSI A FINANZIAMENTO

INDICE: 1. PREMESSA 2. FINALITA 3. STRUMENTI AMMESSI AL FINANZIAMENTO 4. STRUMENTI NON AMMESSI A FINANZIAMENTO All. A BANDO PER LA ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA E AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI LEGGE REGIONALE 23/99 ARTICOLO

Dettagli

Violazione dei diritti umani

Violazione dei diritti umani La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Violazione dei diritti umani Tratto dal preambolo della Convenzione ONU adottata il 13 dicembre 2006 Gli Stati Parti alla presente

Dettagli

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DSA Alunno:.. Classe:.. Plesso:... Referente DSA...coord. di

Dettagli

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 Allegato 1) Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale di Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale di Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale di Inclusività) LICEO LINGUISTICO EUROPEO VITTORIA Parlare di bisogni educativi speciali significa basarsi su una concezione di tipo globale della persona, secondo il modello della

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 Allegato 1) Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE

Dettagli

Linee guida per la conduzione delle prove di esame per studenti disabili o con DSA

Linee guida per la conduzione delle prove di esame per studenti disabili o con DSA Linee guida per la conduzione delle prove di esame per studenti disabili o con DSA 1. Scopo del documento Il presente documento è stato redatto sulla base delle nuove Linee guida messe a punto dalla Conferenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per i servizi nel territorio Direzione generale per l organizzazione dei servizi nel territorio Ufficio IV Prot. n. 3390 Roma, 30

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato Il Piano Didattico Personalizzato Dott. Valentina Riboni Tecnico Formatore AID Dalle linee guida, punto 6 Chi fa che cosa FAMIGLIA SCUOLA Questa sinergia di intenti deve sfociare in un PATTO EDUCATIVO-FORMATIVO

Dettagli

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE Anno Scolastico 2011-2012 L idea del progetto nasce da alcune esperienze maturate nel territorio di Nova Milanese negli ultimi anni: Proposte

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

DENOMINAZIONE SEDE SCOPO. Articolo 1. Articolo 2. La Associazione ha sede in Quartu Sant Elena, via Genova n. 36. Articolo 3

DENOMINAZIONE SEDE SCOPO. Articolo 1. Articolo 2. La Associazione ha sede in Quartu Sant Elena, via Genova n. 36. Articolo 3 STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Articolo 1 È costituita la Associazione "ARCOIRIS Onlus". Articolo 2 La Associazione ha sede in Quartu Sant Elena, via Genova n. 36. Articolo 3 La Associazione, senza scopo

Dettagli

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Bollettino mensile N. 9 ottobre 2014 Ultime da fuori Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Migliore capacità di spesa e maggiore efficacia di FESR e FSE: questi i principali obiettivi

Dettagli

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali

Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali Protocollo di Accoglienza per alunni che presentano Bisogni Educativi Speciali FINALITA 1 Questo documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata di informazione riguardante l accoglienza

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

SCUOLA il provvedimento in sintesi

SCUOLA il provvedimento in sintesi la buona SCUOLA il provvedimento in sintesi Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti. Un piano straordinario di assunzioni per oltre 100.000 insegnanti. risorse stabili per la formazione

Dettagli

VENEZIA 17 GIUGNO 2014 - TRATTO DA HANDYLEX AGEVOLAZIONI AUTO PER DISABILI: NOVITÀ PER I MINORI

VENEZIA 17 GIUGNO 2014 - TRATTO DA HANDYLEX AGEVOLAZIONI AUTO PER DISABILI: NOVITÀ PER I MINORI VENEZIA 17 GIUGNO 2014 - TRATTO DA HANDYLEX AGEVOLAZIONI AUTO PER DISABILI: NOVITÀ PER I MINORI Una recente Circolare dell Agenzia delle Entrate è tornata sulla materia, che si riteneva ormai consolidata,

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Scritto da tuttodsa.it Lunedì 25 Maggio 2015 15:14 - Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Maggio 2015 08:14

Scritto da tuttodsa.it Lunedì 25 Maggio 2015 15:14 - Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Maggio 2015 08:14 Agli studenti con DSA le istituzioni scolastiche, a valere sulle risorse specifiche e disponibili a legislazione vigente iscritte nello stato di previsione del Ministero dell'istruzione, dell'università

Dettagli

"ESAMI DEI CANDIDATI IN SITUAZIONE DI HANDICAP" (OM 42/2011, ART.17)... I docenti scapigliati, 22.6.2011

ESAMI DEI CANDIDATI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (OM 42/2011, ART.17)... I docenti scapigliati, 22.6.2011 Dal sito : Gilda Venezia http://www.gildavenezia.it/sostegno/sostegno_doc/esami-h.htm "ESAMI DEI CANDIDATI IN SITUAZIONE DI HANDICAP" (OM 42/2011, ART.17)... I docenti scapigliati, 22.6.2011 Gli "Esami

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS:

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: MALATTIE RARE E FARMACI ORFANI LA DIFFICOLTA DI CONIUGARE BISOGNO ASSISTENZIALE E SCARSITA DI RISORSE 1. Il quadro di riferimento 1.1 Le Patologie Una malattia è considerata

Dettagli

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE NONNI SU INTERNET Nel 2002 la sigla del primo accordo ufficiale per promuovere l'alfabetizzazione digitale della popolazione anziana, siglato da FMD, Ministero dell'innovazione e Comune di Roma, ha dato

Dettagli

Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento

Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento Protocollo di Accoglienza alunni con disturbo specifico dell apprendimento Il Protocollo di Accoglienza è un documento elaborato dalla Commissione Continuità, approvato dal Collegio dei docenti ed inserito

Dettagli

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI

1. OBIETTIVI 2. BENEFICIARI Allegato 1 Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE

Dettagli

In ottemperanza al Decreto n. 12794 del 30 dicembre 2013, questa ASL pubblica il seguente BANDO

In ottemperanza al Decreto n. 12794 del 30 dicembre 2013, questa ASL pubblica il seguente BANDO In ottemperanza al Decreto n. 12794 del 30 dicembre 2013, questa ASL pubblica il seguente BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

L ausilio/strumento, individuato come necessario all interno del progetto sociale e/o educativo, deve prioritariamente:

L ausilio/strumento, individuato come necessario all interno del progetto sociale e/o educativo, deve prioritariamente: All.1 BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE (Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5) PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame Agli insegnanti delle classi con allievi dislessici e/o diversamente abili GUIDA AGLI ESAMI DI STATO PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Con suggerimenti e fase operativa Le finalità dell esame di Stato

Dettagli

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI Il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto colloca la propria fonte di ispirazione negli articoli 3, 30, 33, 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, laddove

Dettagli

Accordo di cooperazione. in materia di comunicazione nell'ambito del FSE tra le Autorità di Gestione del FSE delle Regioni Umbria e Sardegna

Accordo di cooperazione. in materia di comunicazione nell'ambito del FSE tra le Autorità di Gestione del FSE delle Regioni Umbria e Sardegna Accordo di cooperazione in materia di comunicazione nell'ambito del FSE tra le Autorità di Gestione del FSE delle Regioni Umbria e Sardegna Accordo di cooperazione Collaborare per incrementare l interesse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO

In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO Allegato A alla deliberazione n. 16 del 15 gennaio 2015 composto da n. 07 fogli In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

L'ingresso in Italia per formazione professionale

L'ingresso in Italia per formazione professionale L'ingresso in Italia per formazione professionale È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con cui sono state fissate per l anno 2010

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO 1 FINALITA Questo documento denominato PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA è una guida d informazione riguardante

Dettagli

La Fondazione Mondo Digitale per l alfabetizzazione digitale degli anziani

La Fondazione Mondo Digitale per l alfabetizzazione digitale degli anziani La Fondazione Mondo Digitale per l alfabetizzazione digitale degli anziani Nel 2002 la sigla del primo accordo ufficiale per promuovere l'alfabetizzazione digitale della popolazione anziana, siglato da

Dettagli

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.)

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.) Statuto per l organizzazione ed il funzionamento della Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte a norma dell art. 4 comma 8 della legge regionale 16 novembre 2001, n. 30 (Testo

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

L Associazione Nazionale DoMuS

L Associazione Nazionale DoMuS L L Associazione Nazionale di promozione sociale DoMus ha funzioni di rappresentanza politica-istituzionale, di assistenza sui servizi comuni, nonché di consulenza sui servizi innovativi all infanzia.

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. per la partecipazione a. Master Executive professionalizzanti CERTIFICATI E CONVENZIONATI DA INPS

BANDO DI CONCORSO. per la partecipazione a. Master Executive professionalizzanti CERTIFICATI E CONVENZIONATI DA INPS BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96) per la partecipazione

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia Legge DSA Piano Didattico Personalizzato Dr.sa Enrica Giaroli (Centro Mazzaperlini) Dr.sa Alice Grisendi (NPI, AUSL di RE) NUOVE NORME

Dettagli

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD Franco Castronovo Como 24 febbraio 2015 Documenti Gazzetta Ufficiale n. 106 del 24 aprile 2007 allegato PROTOCOLLO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: Estense.com Vigarano, ecco il nuovo polo scolastico Paron: Scelta la data dell'11 settembre per riprenderci il futuro di Federica Pezzoli Vigarano Mainarda. Quello

Dettagli

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone

bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone bilancio partecipato del Comune di Monte Porzio Catone BP 2009 non solo parole Sbilanciamoci è un invito a partecipare alla scelta su come investire soldi pubblici, tramite il Bilancio Partecipato. Il

Dettagli

Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità

Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità Convenzione per la promozione di attività sportive per persone con disabilità FRA L Università degli Studi di Parma, con sede legale in Via Università n 12, 43121 Parma C.F. 00308780345- rappresentata

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 1 La Scuola Italiana accoglie nelle sue classi da più di trent anni tutti i bambini e le bambine, le ragazze e i ragazzi con problemi di

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41%

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41% COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani entra nel vivo: sono 110.333 i giovani che si sono registrati, 10.241 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e profilazione; 2.743 le

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5 INDICE Parte Prima La questione dei DSA tra clinica e didattica. Quale posto per il soggetto? Introduzione alla problematica dei DSA, 3 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

Nota di approfondimento sul DECRETO LEGGE 24 giugno 2014, n. 90. Disabilità: Cgil, il DL 90/2014 rappresenta un'occasione mancata.

Nota di approfondimento sul DECRETO LEGGE 24 giugno 2014, n. 90. Disabilità: Cgil, il DL 90/2014 rappresenta un'occasione mancata. Nota di approfondimento sul DECRETO LEGGE 24 giugno 2014, n. 90. Il decreto legge Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari introduce

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 Nota Ministeriale 27.12.2012 Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013 Nota di chiarimento del 22 novembre 2013

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani : sono 147.130 i giovani che si sono registrati, 25.653 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 12.728 hanno già

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli