2008 "Approvazione di disposizioni all Azienda USL della Valle d Aosta per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2008 "Approvazione di disposizioni all Azienda USL della Valle d Aosta per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati."

Transcript

1 LA GIUNTA REGIONALE Richiamato il decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1992, recante Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza e, in particolare, l articolo 11 che disciplina l onere del trasporto e soccorso di emergenza a carico del Servizio Sanitario Nazionale; richiamata la propria deliberazione n in data 30 dicembre 2002, recante Nuova definizione con integrazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) resi dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 29 novembre 2001 e dell art. 34 della legge 724/94 (Legge finanziaria per l anno 1995). Revoca della deliberazione della Giunta regionale n in data 15 luglio 2002 ; richiamato, in particolare, il punto 4 Assistenza specifica riservata a particolari categorie dell Allegato 4 alla deliberazione n. 5191/2002 che prevede il rimborso delle spese di viaggio per il trasporto sanitario sostenute dai pazienti nefropatici cronici in trattamento dialitico, dai soggetti sottoposti a trapianto d organo e dai soggetti sottoposti a terapia radiante e cicli di chemioterapia non effettuabili in Valle d Aosta; richiamata la propria deliberazione n del 15 novembre 2004 recante Aggiornamento delle tariffe per le attività di soccorso e di trasporto sanitario, ai fini della regolazione della mobilità sanitaria interregionale e degli altri addebiti ad enti e soggetti pubblici e privati, con decorrenza dal 1 gennaio 2004 ; richiamata la propria deliberazione n in data 28 novembre 2008, così come modificata dalla D.G.R. n in data 11 dicembre 2009, recante "Approvazione delle disposizioni all Azienda USL della Valle d Aosta per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati. Revoca della D.G.R. n. 1820/2003 ; richiamata la propria deliberazione n in data 11 dicembre 2009, che definisce, tra l'altro, le tariffe ai fini della regolazione della mobilità sanitaria interregionale per le prestazioni di soccorso e trasporto sanitario erogate, sia direttamente sia in convenzione, dall'azienda USL della Valle d'aosta e la compartecipazione al costo degli interventi di elisoccorso; dato atto che con deliberazione n del 26 ottobre 2009 il Direttore Generale dell Azienda USL della Valle d Aosta ha disciplinato l erogazione delle prestazioni a pagamento per attività di trasporto e assistenza a manifestazioni; rilevato che l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta ha riscontrato criticità procedurali nell applicazione della D.G.R. 3653/2009, segnalate anche dalla Federazione regionale delle Associazioni di volontariato del soccorso della Valle d Aosta, con nota in data ; rilevato inoltre che i competenti uffici dell'assessorato sanità, salute e politiche sociali e l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta hanno concordato sulla necessità di una armonizzazione delle direttive emanate nel tempo e della predisposizione di un testo unico che disciplini: - le attività di trasporto sanitario non urgente o programmato; - l assistenza alle manifestazioni; - le tariffe da applicarsi alle attività di soccorso e trasporto nell ambito della mobilità sanitaria, alle attività di trasporto non urgente o programmato e all assistenza alle manifestazioni; - le tariffe e le modalità di compartecipazione al costo degli interventi di elisoccorso; preso atto della proposta elaborata dai competenti uffici dell'assessorato sanità, salute e politiche sociali in collaborazione con i referenti dell'azienda U.S.L.;

2 ritenuto, pertanto, opportuno approvare nuove disposizioni all Azienda USL per l espletamento delle attività di cui trattasi, per una maggiore trasparenza nei confronti dell utenza e per una migliore efficacia amministrativa; richiamata la legge regionale 25 gennaio 2000, n. 5 e successive modificazioni recante norme per la razionalizzazione dell'organizzazione del Servizio Socio-Sanitario Regionale e per il miglioramento della qualità e dell'appropriatezza delle prestazioni sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali prodotte ed erogate nella Regione; richiamata la legge regionale 13 marzo 2008, n. 4 Disciplina del sistema regionale di emergenza-urgenza sanitaria ; richiamata la legge regionale 25 ottobre 2010, n. 34 concernente l'approvazione del piano regionale per la salute ed il benessere sociale 2011/2013; richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 18 dicembre 2009 concernente l'approvazione del bilancio di gestione per il triennio 2010/2012 con attribuzione alle strutture dirigenziali di quote di bilancio e degli obiettivi gestionali correlati, del bilancio di cassa per l anno 2010e di disposizioni applicative, come modificata con DGR 3420/2010; visto il parere favorevole di legittimità rilasciato dal Capo Servizio del Servizio sanità territoriale dell Assessorato sanità, salute e politiche sociali, ai sensi dell articolo 3, comma 4, della legge regionale 23 luglio 2010, n. 22; su proposta dell'assessore alla sanità, salute e politiche sociali, Albert Lanièce; ad unanimità di voti favorevoli, DELIBERA 1. di approvare: - le nuove norme per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati, di cui all allegato 1; - le tariffe da applicare alle attività di soccorso e trasporto sanitario sul territorio della Regione, nell ambito della mobilità sanitaria, di cui all allegato 2; - le tariffe da applicare alle attività di trasporto sanitario da Regione a fuori Regione, nell ambito della mobilità sanitaria, di cui all allegato 3; - le tariffe da applicare alle attività di trasporto sanitario nell ambito della fatturazione diretta, di cui all allegato 4; - la regolamentazione dell assistenza sanitaria alle manifestazioni e le relative tariffe, di cui all allegato 5; - le tariffe e le modalità di compartecipazione al costo degli interventi di elisoccorso, di cui all allegato 6; - la tabella per il calcolo dei costi delle attività di soccorso e trasporto sul territorio della Regione, nell ambito della mobilità sanitaria, di cui all allegato 7; 2. di dare atto che gli allegati alla presente deliberazione ne costituiscono parte integrante e sostanziale; 3. di dare disposizioni all'azienda U.S.L. della Valle d'aosta per l applicazione delle norme di cui al punto 1.; 4. di stabilire che le disposizioni di cui alla presente deliberazione abbiano decorrenza ; 5. di dare atto che fino alla data di entrata in vigore della presente deliberazione sono applicate le disposizioni di cui alla Deliberazione del Direttore Generale dell Azienda USL della Valle d Aosta n del ; 6. di revocare le deliberazioni della Giunta regionale n del 15 novembre 2004 recante Aggiornamento delle tariffe per le attività di soccorso e di trasporto sanitario, ai fini della regolazione della mobilità sanitaria interregionale e degli altri addebiti ad enti e soggetti pubblici e privati, con decorrenza dal 1 gennaio 2004, n in data 28 novembre 2

3 2008 "Approvazione di disposizioni all Azienda USL della Valle d Aosta per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati. Revoca della deliberazione della Giunta regionale n. 1820/2003, n in data 11 dicembre 2009 Approvazione di modificazioni alla deliberazione della Giunta regionale n. 3444/2008 recante disposizioni all Azienda USL per la regolamentazione dei trasporti sanitari non urgenti o programmati e n in data 11 dicembre 2009 Determinazione delle tariffe per le attività di trasporto sanitario non urgente o programmato e di assistenza alle manifestazioni. Approvazione di disposizioni all Azienda USL della Valle d Aosta in materia di compartecipazione al costo degli interventi di elisoccorso. Revoca della DGR 1654 in data ; 7. di stabilire che la presente deliberazione sia trasmessa all'azienda U.S.L. della Valle d'aosta per i provvedimenti di competenza; 8. di stabilire che la presente deliberazione sia pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Valle d'aosta. 3

4 Allegato n. 1 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 REGOLAMENTAZIONE DEI TRASPORTI SANITARI NON URGENTI O PROGRAMMATI I trasporti sanitari non urgenti o programmati possono essere effettuati: con autoambulanza; con veicoli comuni non attrezzati ai fini sanitari (solo per gli utenti in regime di ricovero ospedaliero o per i trasporti previsti dai Livelli essenziali di assistenza). Per quanto attiene all autoambulanza il suo utilizzo è previsto per i pazienti in particolari condizioni cliniche e/o situazioni assistenziali al fine di evitare eventuali rischi di peggioramento. Esso, pertanto, deve essere limitato alle persone che risultano non altrimenti trasportabili: non deambulanti o costrette a letto e in possesso di documentazione clinica certificante l impossibilità di essere trasportate con mezzi non attrezzati ai fini sanitari rilasciata dal medico richiedente e verificata dal medico della struttura competente in materia di soccorso sanitario 118. I trasporti sanitari non urgenti o programmati possono essere: 1. con oneri integralmente a carico dell Azienda U.S.L.; 2. con rimborso da parte dell Azienda U.S.L. delle spese sostenute dall'interessato; 3. con oneri a carico del richiedente. 1) TRASPORTI CON ONERI INTEGRALMENTE A CARICO DELL AZIENDA U.S.L I trasporti ammissibili a carico dell'azienda USL sono: a) i trasferimenti di persone ricoverate da presidio ospedaliero a presidio ospedaliero per effettuazione di esami o di trattamenti non eseguibili nell Ospedale regionale (con la locuzione "Ospedale regionale" nel presente documento si intendono indicare tutte e 3 le sedi ospedaliere regionali); b) i rientri al domicilio o nelle strutture sanitarie o socio-sanitarie da presidi ospedalieri siti al di fuori del territorio regionale - di pazienti acuti, inviati al di fuori del territorio regionale dallo specialista competente dell'azienda U.S.L.; c) i trasporti di pazienti dall Ospedale regionale al domicilio per dimissioni, secondo protocolli operativi stabiliti dall'azienda U.S.L.; d) i trasporti di pazienti, con mezzi attrezzati ai fini sanitari, da e per sessioni di day surgery o di day hospital terapeutico; e) i trasporti dal Pronto soccorso dell Ospedale regionale al domicilio per mancato ricovero secondo protocolli operativi stabiliti dall'azienda U.S.L.; 4

5 f) i trasporti, se richiesti dallo specialista nefrologo, per l effettuazione di sedute di dialisi, nel rispetto del principio generale che tende ad evitare lunghe percorrenze nel caso di pazienti ricoverati in strutture socio-assistenziali per anziani; g) i trasporti, da e per domicilio, se richiesti dal medico specialista ospedaliero dell Azienda U.S.L. e limitatamente alla sede individuata dallo specialista stesso, per l effettuazione di sedute di radioterapia o chemioterapia antitumorale; h) i trasporti di pazienti in Assistenza Domiciliare Integrata, dal domicilio all'ospedale regionale e viceversa, se richiesti nell ambito del progetto individuale, su autorizzazione del responsabile del progetto stesso attestante anche la non fattibilità a domicilio della prestazione richiesta; i) i trasporti di pazienti in Assistenza Domiciliare Programmata, dal domicilio all'ospedale regionale e viceversa, se richiesti nell ambito del progetto individuale, su autorizzazione del responsabile del progetto stesso attestante anche la non fattibilità a domicilio della prestazione richiesta; j) i trasporti (andata/ritorno), con ambulanza, verso strutture dell Azienda USL o con essa convenzionate sul territorio regionale, su autorizzazione del medico di medicina generale o del medico della struttura, attestante anche la non fattibilità in loco della prestazione richiesta, di persone allettate, ospitate in strutture residenziali socio-assistenziali (microcomunità) pubbliche o private, autorizzate dalla Regione Autonoma Valle d'aosta, salvo diverse disposizioni dettate da convenzioni stipulate con l Azienda USL della Valle d Aosta; k) i trasporti (andata/ritorno), con ambulanza, verso strutture dell'azienda USL o con essa convenzionate sul territorio regionale, su autorizzazione del Direttore sanitario della struttura, attestante anche la non fattibilità in loco della prestazione richiesta, di persone ricoverate in strutture sanitarie pubbliche o private convenzionate con l Azienda U.S.L (RSA, UAP), della Regione Valle d'aosta; l) i trasporti di pazienti sul territorio regionale da strutture sanitarie pubbliche o private convenzionate con l Azienda U.S.L (RSA, UAP), per dimissioni o trasferimento, disposti dal Direttore sanitario della struttura, salvo diverse disposizioni dettate da convenzioni stipulate con l Azienda USL della Valle d Aosta; m) i trasporti, da e per domicilio, di pazienti, dimessi da struttura ospedaliera pubblica, che necessitino di trattamento iperbarico, quale prosecuzione delle cure, convalidato dal medico specialista dell Azienda USL; n) i trasporti, da e per domicilio, di pazienti allettati che, nell ambito di un progetto riabilitativo individuale, necessitino di trattamenti riabilitativi effettuabili presso l'ospedale regionale o presso strutture, pubbliche e private, convenzionate con l Azienda U.S.L. sul territorio regionale; a tal fine è necessaria l autorizzazione del responsabile del progetto stesso, attestante anche la non fattibilità a domicilio della prestazione richiesta; nei casi di cicli riabilitativi protratti, il responsabile del progetto è tenuto comunque a valutare l alternativa del ricovero temporaneo in strutture residenziali idonee; o) i trasporti di pazienti ricoverati presso l'ospedale regionale che, nell ambito di un progetto riabilitativo individuale, necessitino di trattamenti riabilitativi effettuabili presso strutture, pubbliche o private, convenzionate con l Azienda U.S.L.. 5

6 2) TRASPORTI CON RIMBORSO DA PARTE DELL'AZIENDA U.S.L. DELLE SPESE SOSTENUTE DALL'INTERESSATO I trasporti con rimborso sono previsti dalla normativa statale e dalle disposizioni regionali concernenti i livelli essenziali di assistenza a favore di categorie particolari. I cittadini iscritti al SSN potranno chiedere l'eventuale rimborso all'azienda Sanitaria Locale di residenza Sono altresì rimborsabili, ai soggetti assistiti dal SSR residenti in Valle d Aosta, i trasporti in autoambulanza per trasferimenti, da presidi ospedalieri nazionali siti fuori dal territorio regionale all Ospedale regionale di Aosta, a seguito di ricovero urgente ed indifferibile, documentato dalla sede ospedaliera che dimette (es. incidente stradale). La condizione che attesta l impossibilità di trasporto con mezzo alternativo - necessaria per ottenere il rimborso - deve essere certificata dal dirigente medico che dispone la dimissione dal presidio ospedaliero di provenienza e vidimata per conferma dal dirigente medico della struttura dell Azienda USL presso cui prosegue il ricovero. Il rimborso, fino ad un ammontare massimo di 500,00, è calcolato nella misura di un quinto del prezzo di riferimento della benzina, così come determinato periodicamente con deliberazione del Direttore generale dell'azienda U.S.L, moltiplicato per i chilometri percorsi. 3) TRASPORTI CON ONERI A CARICO DEL RICHIEDENTE I trasporti (effettuati sia con ambulanza che con altro mezzo) con oneri a totale carico del richiedente sono: a) i rientri al domicilio o nelle strutture sanitarie o socio-sanitarie da presidi ospedalieri siti al di fuori del territorio regionale - di pazienti non inviati al di fuori del territorio regionale da specialista dell'azienda U.S.L.; b) i trasporti per l effettuazione della visita fiscale; c) i trasporti che la S. C. Soccorso Sanitario 118 effettua - con propri mezzi o tramite le associazioni di volontariato e i soggetti privati convenzionati - su richiesta di privati (persone fisiche e giuridiche); tali trasporti sono effettuati compatibilmente con le necessità organizzative e di funzionamento del sistema di soccorso e di trasporto e secondo protocolli operativi prestabiliti; d) ogni altro trasporto che non rientri nelle tipologie contemplate nei paragrafi 1 e 2. 4) DISPOSIZIONI GENERALI 4.1. Le tariffe per l'erogazione dei servizi a carico del richiedente sono stabilite con deliberazione della Giunta regionale, tenuto conto dei costi di esercizio, ad eccezione del costo al chilometro che è determinato periodicamente con deliberazione del Direttore generale dell'azienda U.S.L L'Azienda U.S.L., al fine di una riduzione dei trasporti della navetta tra le sedi ospedaliere regionali, deve erogare in maniera appropriata le prestazioni di ricovero in dayhospital con la conseguente attivazione del servizio di day-service. In quest'ultimo caso, qualora non rientrino nella categoria di cui al punto 1.1 lettera d), i trasporti sono a carico del cittadino che vi provvede con mezzi propri o pubblici L Azienda U.S.L. è tenuta a predisporre un sistema informativo per la rilevazione degli interventi dei trasporti non urgenti e programmati e il conseguente monitoraggio della spesa sostenuta. 6

7 4.4. L Azienda U.S.L. è tenuta ad inviare annualmente alla struttura regionale competente i dati di cui sopra, disaggregati per tipologia di servizio effettuato, per la verifica della rispondenza delle disposizioni di cui trattasi alle esigenze delle utenti ed il controllo della spesa I servizi di trasporto a carico dell Azienda USL della Valle d Aosta di cui al presente documento non previsti dalla normativa nazionale sui Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) sono erogati esclusivamente a favore della popolazione residente e domiciliata in Valle d'aosta. Per i cittadini italiani non residenti in Valle d Aosta, l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta procederà all emissione della fattura dei relativi costi, che sono a carico dell interessato. Per quanto concerne i trasporti che rientrano nei LEA nazionali, effettuati a favore di cittadini non residenti nella Regione, l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta procederà a chiedere compensazione della mobilità sanitaria interregionale, ai sensi delle vigenti disposizioni regionali. Se i trasporti di cui alle presenti disposizioni, invece, sono effettuati a favore di cittadini stranieri in possesso della Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM), l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta procederà a chiedere la compensazione con l'emissione del modello E125. Nel caso di trasporti di cittadini stranieri non in possesso della Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM,) l'azienda U.S.L. della Valle d'aosta procederà all emissione della fattura dei relativi costi, che sono a carico dell interessato. 7

8 Allegato n. 2 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 TARIFFE da applicarsi alle attività di soccorso e trasporto sanitario sul territorio della Regione nell'ambito della mobilità sanitaria 1. Diritto fisso di chiamata 100,00 Costo al chilometro 0,26 Equipaggio base per ogni ½ ora 25,00 di intervento Infermiere per ogni ½ ora di 16,00 intervento Medico per ogni ½ ora di 30,00 intervento 2. Gli elementi che concorrono a determinare i costi (di cui alla tabella - allegato 5) sono così individuati: a) il diritto fisso di chiamata copre i costi amministrativi ed i costi relativi alla manutenzione e all ammortamento dei mezzi; b) i chilometri sono conteggiati convenzionalmente raddoppiando la distanza intercorrente tra il pronto soccorso dell'ospedale Regionale ed il capoluogo (o la frazione, per le località particolarmente distanti dal relativo capoluogo e caratterizzate da forte afflusso turistico o elevata consistenza abitativa) del Comune in cui è effettuato l'intervento di trasporto sanitario (con un minimo di 10 km); c) i tempi dell'intervento sono calcolati ipotizzando una velocità media del mezzo di 60 km/h. con arrotondamento per eccesso alla mezz'ora: i Comuni sono suddivisi in fasce sulla base della distanza chilometrica di cui al punto a) che determina la durata dell'intervento. Non si conteggiano i tempi di stazionamento; d) il costo dell'infermiere o del medico o di entrambi è sempre computato in rapporto alla durata totale dell'intervento (secondo il calcolo di cui al punto c); e) in caso di rendez-vous con automediche (mezzi utilizzati esclusivamente per un rapido trasporto di personale sanitario sul luogo dell'intervento) si calcola il costo di un solo automezzo e si comprende nella composizione dell'equipaggio la presenza del medico o dell'infermiere o di entrambi; f) nel caso di utilizzo di automezzo non sanitario con equipaggio formato da una unica persona, le voci diritto fisso di chiamata ed equipaggio base sono ridotte del 50%. 5. Il costo a chilometro di cui al punto 1 è aggiornato annualmente dall Azienda U.S.L della Valle d Aosta; 6. L Azienda U.S.L. può adottate, con deliberazione del Direttore generale, apposito regolamento per disciplinare ulteriori modalità operative. 8

9 Allegato n. 3 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 TARIFFE da applicarsi alle attività di trasporto sanitario da Regione a fuori Regione nell'ambito della mobilità sanitaria 1. Diritto fisso di chiamata 100,00 Costo al chilometro 0,26 Equipaggio base per ogni ½ ora 25,00 di intervento Infermiere per ogni ½ ora di 16,00 intervento Medico per ogni ½ ora di 30,00 intervento 2. Gli elementi che concorrono a determinare i costi sono così individuati: a) il diritto fisso di chiamata copre i costi amministrativi ed i costi relativi alla manutenzione e all ammortamento dei mezzi; b) i chilometri sono conteggiati al doppio della distanza intercorrente tra l'ospedale Regionale ed il centro del Comune di destinazione; c) i tempi dell'intervento sono quelli effettivi, compresi i tempi di stazionamento; d) il costo dell'infermiere o del medico o di entrambi è sempre computato in rapporto alla durata totale dell'intervento (determinata come previsto al punto c); 4. Concorrono al calcolo del totale dell intervento le spese relative ad eventuali pedaggi, tasse, ecc. per la percorrenza veicolare di tratti a pagamento nonché eventuali spese di vitto e alloggio dell'equipaggio in occasione di viaggi a lunghissima percorrenza (comprese le spese relative al ritorno del veicolo alla sede di partenza). 5. Il costo a chilometro di cui al punto 1 è fissato periodicamente con determinazione del Direttore generale dell Azienda U.S.L della Valle d Aosta. 6. Nel caso di utilizzo di automezzo non sanitario con equipaggio formato da una unica persona, le voci diritto fisso di chiamata ed equipaggio base sono ridotte del 50%. 7. L Azienda U.S.L. può adottate, con deliberazione del Direttore generale, apposito regolamento per disciplinare ulteriori modalità operative. 9

10 Allegato n. 4 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 TARIFFE da applicarsi alle attività di trasporto sanitario nell'ambito della fatturazione diretta 1. Tariffa base Supplemento estero Supplemento notturno Supplemento festivo Supplemento assistenza infermieristica tempo di attesa e/o di assistenza da parte del personale tecnico soccorritore Km da 0 a 50 (andata e ritorno) Dal Km 51 in poi (andata e ritorno) Anche per i servizi svolti solo in parte all estero Relativo a servizi che, anche solo parzialmente, si volgono tra le h. 22,00 e le h. 6,00 All ora o frazione di ora 50,00 0,95 al Km +10% dell intera tariffa base, comprensiva della voce tempo di attesa +10% dell intera tariffa base, comprensiva della voce tempo di attesa +10% dell intera tariffa base, comprensiva della voce tempo di attesa +30% dell intera tariffa base 25,00 2. Il costo a chilometro di cui al punto 1 è fissato periodicamente con determinazione del Direttore generale dell Azienda U.S.L della Valle d Aosta. 3. Per tempi di attesa si intende lo stazionamento di uomini e mezzi, in costanza di assistenza al paziente trasportato, presso luoghi di cura, ambulatori, domicilio, aeroporti, moli, stazioni o fermate relative a servizi di trasporto in genere. Per tempi di assistenza si intendono quelli in cui gli operatori svolgono il trasporto, dall origine del servizio al termine dello stesso (compreso di andata e ritorno). 4. Sono a carico del trasportato le spese relative ad eventuali pedaggi, tasse, ecc, per la percorrenza veicolare di tratti a pagamento (autostrade, anche estere, tunnels, ponti) sia per l andata che per il ritorno del mezzo. 5. Sono altresì a carico del trasportato eventuali spese di vitto e alloggio dell equipaggio in occasione di trasporti a lunghissima percorrenza. 6. Nel caso di trasporti barellati multipli con lo stesso viaggio e mezzo, l intero ammontare della tariffa è incrementato del 30%. 10

11 7. Se è ritenuta necessaria la presenza di un medico, il richiedente concorderà con lo stesso modalità e tariffe, nel rispetto (qualora di tratti di personale dipendente dall Azienda U.S.L. della Valle d Aosta) delle norme relative alla libera professione. 8. All atto della richiesta di un servizio di trasporto sanitario a pagamento, l Azienda U.S.L. è tenuta a comunicare al cliente l eventuale esistenza di altri soggetti autorizzati (privati o associazioni) in grado di svolgere il servizio richiesto, indicando il loro recapito e la qualifica professionale affinché il cliente, ove lo ritenga opportuno, possa ottenere preventivi di spesa alternativi o altre informazioni ritenute utili. 9. L Azienda U.S.L. può adottate, con deliberazione del Direttore generale, apposito regolamento per disciplinare ulteriori modalità operative. 11

12 Allegato n. 5 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 TARIFFE da applicarsi all attività di assistenza sanitaria alle manifestazioni e modalità di prestazione del servizio 1. TARIFFE PER ATTIVITÀ DI ASSISTENZA ALLE MANIFESTAZIONI Tariffa base Supplemento notturno Supplemento festivo Supplemento assistenza infermieristica tempo di attesa e/o di assistenza itinerante da parte del personale tecnico soccorritore Km da 0 a 50 (andata e ritorno) Dal Km 51 in poi (andata e ritorno) Relativo a servizi che, anche solo parzialmente, si volgono tra le h. 22,00 e le h. 6,00 All ora o frazione di ora. Si computa dall ora di arrivo sul posto (così come specificata sulla richiesta di servizio) all ora effettiva di chiusura della manifestazione, comunicata dal richiedente il servizio o da persona all uopo delegata 50,00 0,95 al Km +10% dell intera tariffa base, comprensiva della voce tempo di attesa +10% dell intera tariffa base, comprensiva della voce tempo di attesa +30% dell intera tariffa base 25,00 2. MODALITA DI PRESTAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SANITARIA ALLE MANIFESTAZIONI 2.1. Il servizio di assistenza alle manifestazioni, come previsto dalla normativa vigente, rientra tra le attività di soccorso di esclusiva competenza del Servizio Sanitario Regionale La programmazione del servizio di assistenza alle manifestazioni dovrà tener conto delle risorse disponibili che operano nel sistema regionale di emergenza-urgenza, al fine di salvaguardare prioritariamente l'attività di soccorso urgente Qualora l'azienda U.S.L. non possa soddisfare le richieste di assistenza ad una specifica manifestazione con proprie risorse, dipendenti e convenzionate, potrà eccezionalmente 12

13 avvalersi, solo ed esclusivamente per la manifestazione in questione, di risorse extraregionali in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di mezzi e personale del soccorso Qualsiasi servizio di assistenza alle manifestazioni deve sempre essere comunicato alla centrale operativa L assistenza sanitaria alle manifestazioni è attività con oneri a carico del richiedente. Eventuali deroghe richieste dalla Presidenza della Regione possono essere valutate dal Direttore generale dell Azienda U.S.L. Quando la manifestazione, per l afflusso di persone atteso e la complessità organizzativa, coinvolge la Protezione Civile, l assistenza sanitaria rientra tra i servizi a carico dell Azienda U.S.L L Azienda U.S.L. della Valle d Aosta può adottare, con deliberazione del Direttore generale, apposito regolamento per disciplinare ulteriori modalità operative. 3. Se è ritenuta necessaria la presenza di un medico, il richiedente concorderà con lo stesso modalità e tariffe, nel rispetto (qualora di tratti di personale dipendente dall Azienda U.S.L. della Valle d Aosta) delle norme relative alla libera professione. 4. In caso di assistenza prestata anche da equipaggi itineranti, la relativa voce della tariffa è da intendersi per ogni equipaggio utilizzato (max 3 persone). 13

14 Allegato n. 6 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 TARIFFE da applicarsi alle attivita di elisoccorso nell ambito della mobilita sanitaria e modalita di compartecipazione 1. TARIFFE PER INTERVENTI DI ELISOCCORSO Diritto fisso di chiamata (comprende spese per materiale di consumo e farmaci Costo al minuto di volo con aeromobile AW139 Costo al minuto di volo con aeromobile AB ,00 137,00 74,80 2. MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE 2.1. E prevista la compartecipazione al costo delle missioni di soccorso mediante elicottero da parte di tutti i richiedenti (residenti in Valle d Aosta e non) nei seguenti casi e con le seguenti modalità: a) chiamate totalmente immotivate (rilevate dall equipaggio intervenuto): corresponsione, da parte di tutti i soggetti coinvolti, dell intero costo dell intervento, secondo le tariffe previste dalla presente deliberazione (ove risulti oggettivamente individuato l autore della richiesta), ferme restando le implicazioni di natura penale legate al procurato allarme; b) intervento inappropriato a mezzo elicottero (rilevato dall equipaggio intervenuto): compartecipazione della spesa da parte dei soggetti iscritti al Servizio sanitario nazionale, per un importo pari a euro 800,00 anche nel caso di prestazioni rese a favore di soggetti in grave pericolo, per ambiente ostile (esempio: alpinista bloccato in parete o escursionista con attrezzatura inadeguata); c) per i casi di cui alla lettera b) di trasporto plurimo (comitive) il pagamento è dovuto per intero da ogni soggetto; se il costo effettivo del servizio risulta inferiore all ammontare della compartecipazione totale, la stessa sarà proporzionalmente ripartita in parti uguali tra gli utenti fino all importo dell intervento di elisoccorso; d) corresponsione da parte dei cittadini stranieri del costo totale dell intervento, secondo le tariffe di cui alla presente deliberazione, fino ad un massimo di euro 3.500,00 a persona, sia nel caso di intervento sanitario sia nel caso di intervento inappropriato; e) nessuna compartecipazione ai costi del servizio erogato è dovuta né dai soggetti iscritti al Servizio sanitario nazionale né dai cittadini stranieri nel caso di decesso del paziente soccorso L Azienda U.S.L. della Valle d Aosta provvede ad introitare gli importi di cui alla presente deliberazione, dovuti dai soggetti identificati dall equipaggio dell elisoccorso e utilizza tali fondi secondo le modalità stabilite dalla convenzione tra la Regione e l'azienda stessa, approvata con deliberazione della Giunta regionale n. 135/2009 e successive modificazioni. 14

15 N. Comuni (Capoluoghi - Municipi) e altre località Km A/R da Osp. (min. 10) Diritto fisso ( ) Allegato n. 7 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 DISTANZE CHILOMETRICHE CRESCENTI DA AOSTA AI CAPOLUOGHI COMUNALI ED ALCUNE ALTRE LOCALITA' Costo/Km (benz. 0,26/Km) ( ) Base (2 op.) ( ) + Infermiere ( ) +Medico ( ) 1 AOSTA 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 2 CHARVENSOD 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 3 GRESSAN 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 4 POLLEIN 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 5 SAINT-CHRISTOPHE 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 6 SARRE 11 2,86 100,00 25,00 16,00 30,00 127,86 143,86 157,86 173,86 7 JOVENCAN 13 3,38 100,00 25,00 16,00 30,00 128,38 144,38 158,38 174,38 8 AOSTA - Arpuilles 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 9 AYMAVILLES 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 10 QUART 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 11 ROISAN 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 12 GIGNOD 18 4,68 100,00 25,00 16,00 30,00 129,68 145,68 159,68 175,68 13 SAINT-PIERRE 18 4,68 100,00 25,00 16,00 30,00 129,68 145,68 159,68 175,68 14 VILLENEUVE 21 5,46 100,00 25,00 16,00 30,00 130,46 146,46 160,46 176,46 15 AOSTA - Excenex 22 5,72 100,00 25,00 16,00 30,00 130,72 146,72 160,72 176,72 16 SAINT-MARCEL 22 5,72 100,00 25,00 16,00 30,00 130,72 146,72 160,72 176,72 17 NUS 24 6,24 100,00 25,00 16,00 30,00 131,24 147,24 161,24 177,24 18 BRISSOGNE 25 6,50 100,00 25,00 16,00 30,00 131,50 147,50 161,50 177,50 19 VALPELLINE 26 6,76 100,00 25,00 16,00 30,00 131,76 147,76 161,76 177,76 20 CHARVENSOD - Péroulaz 27 7,02 100,00 25,00 16,00 30,00 132,02 148,02 162,02 178,02 21 ARVIER 28 7,28 100,00 25,00 16,00 30,00 132,28 148,28 162,28 178,28 22 FENIS 29 7,54 100,00 25,00 16,00 30,00 132,54 148,54 162,54 178,54 23 ALLEIN 30 7,80 100,00 25,00 16,00 30,00 132,80 148,80 162,80 178,80 24 INTROD 30 7,80 100,00 25,00 16,00 30,00 132,80 148,80 162,80 178,80 25 DOUES 33 8,58 100,00 50,00 32,00 60,00 158,58 190,58 218,58 250,58 26 SAINT-NICOLAS 33 8,58 100,00 50,00 32,00 60,00 158,58 190,58 218,58 250,58 27 AVISE 34 8,84 100,00 50,00 32,00 60,00 158,84 190,84 218,84 250,84 28 AYMAVILLES - Ozein 34 8,84 100,00 50,00 32,00 60,00 158,84 190,84 218,84 250,84 29 ETROUBLES 34 8,84 100,00 50,00 32,00 60,00 158,84 190,84 218,84 250,84 30 OLLOMONT 35 9,10 100,00 50,00 32,00 60,00 159,10 191,10 219,10 251,10 31 CHAMBAVE 37 9,62 100,00 50,00 32,00 60,00 159,62 191,62 219,62 251,62 32 QUART - Trois Villes 37 9,62 100,00 50,00 32,00 60,00 159,62 191,62 219,62 251,62 33 SAINT-OYEN 37 9,62 100,00 50,00 32,00 60,00 159,62 191,62 219,62 251,62 34 GRESSAN - Pila 40 10,40 100,00 50,00 32,00 60,00 160,40 192,40 220,40 252,40 35 OYACE 41 10,66 100,00 50,00 32,00 60,00 160,66 192,66 220,66 252,66 36 RHEMES-SAINT-GEORGES 42 10,92 100,00 50,00 32,00 60,00 160,92 192,92 220,92 252,92 37 SAINT-RHEMY-EN-BOSSES 43 11,18 100,00 50,00 32,00 60,00 161,18 193,18 221,18 253,18 38 SAINT-DENIS 45 11,70 100,00 50,00 32,00 60,00 161,70 193,70 221,70 253,70 39 PONTEY 46 11,96 100,00 50,00 32,00 60,00 161,96 193,96 221,96 253,96 40 SAINT-PIERRE - Vétan 46 11,96 100,00 50,00 32,00 60,00 161,96 193,96 221,96 253,96 41 CHATILLON 48 12,48 100,00 50,00 32,00 60,00 162,48 194,48 222,48 254,48 42 SAINT-MARCEL - Pista di slittino 48 12,48 100,00 50,00 32,00 60,00 162,48 194,48 222,48 254,48 43 VERRAYES 48 12,48 100,00 50,00 32,00 60,00 162,48 194,48 222,48 254,48 44 ARVIER - Planaval 50 13,00 100,00 50,00 32,00 60,00 163,00 195,00 223,00 255,00 45 BIONAZ 51 13,26 100,00 50,00 32,00 60,00 163,26 195,26 223,26 255,26 46 LA SALLE 51 13,26 100,00 50,00 32,00 60,00 163,26 195,26 223,26 255,26 47 COGNE 52 13,52 100,00 50,00 32,00 60,00 163,52 195,52 223,52 255,52 Equipaggi + Inf. + Medico + Inf. + Medico

16 N. Comuni (Capoluoghi - Municipi) e altre località Km A/R da Osp. (min. 10) Costo/Km (benz. 0,26/Km) ( ) Diritto fisso ( ) Allegato n. 7 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 Equipaggi Base (2 op.) ( ) + Infermiere ( ) +Medico ( ) + Inf. + Medico + Inf. + Medico 48 MORGEX 53 13,78 100,00 50,00 32,00 60,00 163,78 195,78 223,78 255,78 49 SAINT-VINCENT 54 14,04 100,00 50,00 32,00 60,00 164,04 196,04 224,04 256,04 50 NUS - Lignan (Saint-Barthelemy) 56 14,56 100,00 50,00 32,00 60,00 164,56 196,56 224,56 256,56 51 VALGRISENCHE 58 15,08 100,00 50,00 32,00 60,00 165,08 197,08 225,08 257,08 52 VALSAVARENCHE 58 15,08 100,00 50,00 32,00 60,00 165,08 197,08 225,08 257,08 53 PRE'-SAINT-DIDIER 61 15,86 100,00 75,00 48,00 90,00 190,86 238,86 280,86 328,86 54 RHEMES-NOTRE-DAME 61 15,86 100,00 75,00 48,00 90,00 190,86 238,86 280,86 328,86 55 ANTEY-SAINT-ANDRE' 62 16,12 100,00 75,00 48,00 90,00 191,12 239,12 281,12 329,12 56 BIONAZ - Diga Place Moulin 65 16,90 100,00 75,00 48,00 90,00 191,90 239,90 281,90 329,90 57 MONTJOVET 66 17,16 100,00 75,00 48,00 90,00 192,16 240,16 282,16 330,16 58 CHAMOIS (funivia BUISSON) 69 17,94 100,00 75,00 48,00 90,00 192,94 240,94 282,94 330,94 59 SAINT-RHEMY-EN-BOSSES - Colle Gran San Bernardo 69 17,94 100,00 75,00 48,00 90,00 192,94 240,94 282,94 330,94 60 COURMAYEUR 72 18,72 100,00 75,00 48,00 90,00 193,72 241,72 283,72 331,72 61 MORGEX - Colle San Carlo 74 19,24 100,00 75,00 48,00 90,00 194,24 242,24 284,24 332,24 62 TORGNON 74 19,24 100,00 75,00 48,00 90,00 194,24 242,24 284,24 332,24 63 EMARESE 75 19,50 100,00 75,00 48,00 90,00 194,50 242,50 284,50 332,50 64 VERRES 75 19,50 100,00 75,00 48,00 90,00 194,50 242,50 284,50 332,50 65 CHAMPDEPRAZ 77 20,02 100,00 75,00 48,00 90,00 195,02 243,02 285,02 333,02 66 LA MAGDELEINE 77 20,02 100,00 75,00 48,00 90,00 195,02 243,02 285,02 333,02 67 ISSOGNE 79 20,54 100,00 75,00 48,00 90,00 195,54 243,54 285,54 333,54 68 LA THUILE 81 21,06 100,00 75,00 48,00 90,00 196,06 244,06 286,06 334,06 69 COURMAYEUR - Purtud (Val Veny) 82 21,32 100,00 75,00 48,00 90,00 196,32 244,32 286,32 334,32 70 ARNAD 83 21,58 100,00 75,00 48,00 90,00 196,58 244,58 286,58 334,58 71 VALTOURNENCHE 83 21,58 100,00 75,00 48,00 90,00 196,58 244,58 286,58 334,58 72 CHALLAND-SAINT-VICTOR 85 22,10 100,00 75,00 48,00 90,00 197,10 245,10 287,10 335,10 73 SAINT-VINCENT - Col di Joux 85 22,10 100,00 75,00 48,00 90,00 197,10 245,10 287,10 335,10 74 COURMAYEUR - Planpincieux (Val Ferret) 86 22,36 100,00 75,00 48,00 90,00 197,36 245,36 287,36 335,36 75 BARD 92 23,92 100,00 100,00 64,00 120,00 223,92 287,92 343,92 407,92 76 HONE 92 23,92 100,00 100,00 64,00 120,00 223,92 287,92 343,92 407,92 77 CHALLAND-SAINT-ANSELME 95 24,70 100,00 100,00 64,00 120,00 224,70 288,70 344,70 408,70 78 DONNAS 97 25,22 100,00 100,00 64,00 120,00 225,22 289,22 345,22 409,22 79 VALTOURNENCHE - Breuil Cervinia ,00 100,00 100,00 64,00 120,00 226,00 290,00 346,00 410,00 80 PONT-SAINT-MARTIN ,52 100,00 100,00 64,00 120,00 226,52 290,52 346,52 410,52 81 PONTBOSET ,30 100,00 100,00 64,00 120,00 227,30 291,30 347,30 411,30 82 LA THUILE - Colle Piccolo San Bernardo ,56 100,00 100,00 64,00 120,00 227,56 291,56 347,56 411,56 83 BRUSSON ,82 100,00 100,00 64,00 120,00 227,82 291,82 347,82 411,82 84 PERLOZ ,34 100,00 100,00 64,00 120,00 228,34 292,34 348,34 412,34 85 LILLIANES ,42 100,00 100,00 64,00 120,00 230,42 294,42 350,42 414,42 86 CHAMPORCHER ,46 100,00 125,00 80,00 150,00 256,46 336,46 406,46 486,46 87 FONTAINEMORE ,46 100,00 125,00 80,00 150,00 256,46 336,46 406,46 486,46 88 AYAS ,76 100,00 125,00 80,00 150,00 257,76 337,76 407,76 487,76 89 ISSIME ,80 100,00 125,00 80,00 150,00 258,80 338,80 408,80 488,80 90 GABY ,88 100,00 125,00 80,00 150,00 260,88 340,88 410,88 490,88 91 GRESSONEY-SAINT-JEAN ,56 100,00 150,00 96,00 180,00 290,56 386,56 470,56 566,56 92 GRESSONEY-LA-TRINITE' ,94 100,00 150,00 96,00 180,00 293,94 389,94 473,94 569,94

17 N. S.S. 26: direttrice Aosta - Traforo Monte Bianco Km A/R da Osp. (min. 10) Costo/Km (benz. 0,26/Km) ( ) DISTANZE CHILOMETRICHE CRESCENTI DA AOSTA SULLA S.S. 26 Diritto fisso ( ) Allegato n. 7 alla deliberazione della Giunta regionale n in data 30/12/2010 Base (2 op.) ( ) + Infermiere ( ) +Medico ( ) + Medico + Inf. + Medico 1 AOSTA 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 2 Bivio per SARRE 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 3 Bivio per COGNE 12 3,12 100,00 25,00 16,00 30,00 128,12 144,12 158,12 174,12 4 Bivio per SAINT-PIERRE 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 5 Bivio per SAINT-NICOLAS 17 4,42 100,00 25,00 16,00 30,00 129,42 145,42 159,42 175,42 6 Bivio per VILLENEUVE 20 5,20 100,00 25,00 16,00 30,00 130,20 146,20 160,20 176,20 7 Bivio per Valli di RHEMES - VALSAVARENCHE 22 5,72 100,00 25,00 16,00 30,00 130,72 146,72 160,72 176,72 8 Bivio per ARVIER 28 7,28 100,00 25,00 16,00 30,00 132,28 148,28 162,28 178,28 9 Bivio per INTROD - VALGRISENCHE 30 7,80 100,00 25,00 16,00 30,00 132,80 148,80 162,80 178,80 10 Bivio per AVISE 33 8,58 100,00 50,00 32,00 60,00 158,58 190,58 218,58 250,58 11 Bivio per DERBY 42 10,92 100,00 50,00 32,00 60,00 160,92 192,92 220,92 252,92 12 Bivio per LA SALLE 48 12,48 100,00 50,00 32,00 60,00 162,48 194,48 222,48 254,48 13 Bivio per MORGEX 52 13,52 100,00 50,00 32,00 60,00 163,52 195,52 223,52 255,52 14 Bivio per PRE-SAINT-DIDIER - LA THUILE 61 15,86 100,00 75,00 48,00 90,00 190,86 238,86 280,86 328,86 15 Bivio per COURMAYEUR 72 18,72 100,00 75,00 48,00 90,00 193,72 241,72 283,72 331,72 16 Piazzale Traforo Monte Bianco 82 21,32 100,00 75,00 48,00 90,00 196,32 244,32 286,32 334,32 Equipaggi + Inf. N. S.S. 26: direttrice Aosta - Pont-Saint-Martin Km A/R da Osp. Costo/Km (benz. Equipaggi Diritto fisso ( ) (min. 10) 0,26/Km) ( ) Base (2 op.) ( ) + Infermiere ( ) +Medico ( ) + Inf. + Medico + Inf. + Medico 1 AOSTA 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 2 Bivio per SAINT-CHRISTOPHE 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 3 Bivio per POLLEIN 10 2,60 100,00 25,00 16,00 30,00 127,60 143,60 157,60 173,60 4 Bivio per QUART - VILLAIR 11 2,86 100,00 25,00 16,00 30,00 127,86 143,86 157,86 173,86 5 Bivio per BRISSOGNE 16 4,16 100,00 25,00 16,00 30,00 129,16 145,16 159,16 175,16 6 Bivio per SAINT-MARCEL 20 5,20 100,00 25,00 16,00 30,00 130,20 146,20 160,20 176,20 7 Bivio per NUS 23 5,98 100,00 25,00 16,00 30,00 130,98 146,98 160,98 176,98 8 Bivio per FENIS 25 6,50 100,00 25,00 16,00 30,00 131,50 147,50 161,50 177,50 9 Bivio per VERRAYES 32 8,32 100,00 50,00 32,00 60,00 158,32 190,32 218,32 250,32 10 Bivio per CHAMBAVE 36 9,36 100,00 50,00 32,00 60,00 159,36 191,36 219,36 251,36 11 Bivio per PONTEY 42 10,92 100,00 50,00 32,00 60,00 160,92 192,92 220,92 252,92 12 Bivio per CHATILLON 47 12,22 100,00 50,00 32,00 60,00 162,22 194,22 222,22 254,22 13 Bivio per SAINT-VINCENT 51 13,26 100,00 50,00 32,00 60,00 163,26 195,26 223,26 255,26 14 Bivio per MONTJOVET 64 16,64 100,00 75,00 48,00 90,00 191,64 239,64 281,64 329,64 15 Bivio per CHAMPDEPRAZ 72 18,72 100,00 75,00 48,00 90,00 193,72 241,72 283,72 331,72 16 Bivio per VERRES 75 19,50 100,00 75,00 48,00 90,00 194,50 242,50 284,50 332,50 17 Bivio per ISSOGNE 77 20,02 100,00 75,00 48,00 90,00 195,02 243,02 285,02 333,02 18 Bivio per ARNAD 82 21,32 100,00 75,00 48,00 90,00 196,32 244,32 286,32 334,32 19 Bivio per HONE - CHAMPORCHER 90 23,40 100,00 75,00 48,00 90,00 198,40 246,40 288,40 336,40 20 Bivio per BARD 92 23,92 100,00 100,00 64,00 120,00 223,92 287,92 343,92 407,92 21 Bivio per DONNAS 97 25,22 100,00 100,00 64,00 120,00 225,22 289,22 345,22 409,22 22 Capoluogo PONT-SAINT-MARTIN ,52 100,00 100,00 64,00 120,00 226,52 290,52 346,52 410,52 23 Confine Regione Autonoma Valle d'aosta - Piemonte ,30 100,00 100,00 64,00 120,00 227,30 291,30 347,30 411,30

29 dicembre 2007, relative ad aspetti organizzativi in merito all attivazione dell unico Piano di Zona regionale. Impegno di spesa ; n.

29 dicembre 2007, relative ad aspetti organizzativi in merito all attivazione dell unico Piano di Zona regionale. Impegno di spesa ; n. LA GIUNTA REGIONALE a) vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) ed in particolare gli articoli 3 (Principi per la

Dettagli

Bando di concorso Famiglie insieme

Bando di concorso Famiglie insieme Allegato al Provvedimento dirigenziale n. 2856 del 25 luglio 2014 Bando di concorso Famiglie insieme L Assessorato sanità, salute e politiche sociali della Regione autonoma Valle d Aosta Struttura famiglia

Dettagli

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE

CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE Bozza 06/12/2012 CONVENZIONE FRA COMUNE DI AOSTA E TUTTI GLI ALTRI COMUNI CON IL SERVIZIO GAS IN CONCESSIONE per l affidamento al Comune di Aosta delle funzioni di Stazione appaltante per la gara pubblica

Dettagli

Guida pratica del cittadino edizione 2007 GUIDA AI SERVIZI TERRITORIALI DISTRETTUALI

Guida pratica del cittadino edizione 2007 GUIDA AI SERVIZI TERRITORIALI DISTRETTUALI Guida pratica del cittadino edizione 2007 GUIDA AI SERVIZI TERRITORIALI DISTRETTUALI Realizzato con il contributo di Coordinamento: Giorgio Galli (Direttore U.B. Comunicazione Progetto grafico: Paola Bocco

Dettagli

Documento informativo sul sistema di allertamento per rischio meteorologico, idrogeologico ed idraulico

Documento informativo sul sistema di allertamento per rischio meteorologico, idrogeologico ed idraulico Assessorat des ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Documento informativo sul sistema di allertamento

Dettagli

VALLE D'AOSTA - Legge Regionale 24 agosto 1982, n.56 Provvedimenti per la difesa e l'incremento dell'apicoltura nella Valle d'aosta

VALLE D'AOSTA - Legge Regionale 24 agosto 1982, n.56 Provvedimenti per la difesa e l'incremento dell'apicoltura nella Valle d'aosta VALLE D'AOSTA - Legge Regionale 24 agosto 1982, n.56 Provvedimenti per la difesa e l'incremento dell'apicoltura nella Valle d'aosta + Il Consiglio Regionale ha approvato; Il Presidente della Giunta Regionale

Dettagli

Posizionamento web cam

Posizionamento web cam giugno 2010 Presidenza della Regione Versione 1 Posizionamento web cam Analisi e proposte di miglioramento delle inquadrature Studio SAEC Charvensod INDICE PREMESSA 3 CONTENUTO DOCUMENTO 3 CARTINA CON

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI Atti Parlam entari - 113 - Camera dei Deputati Allegato 5 h. qu il y ait une bonne coopération entre Yombudsman et les juridictions et autres institutions connexes. 9. Le Congrès reconnaît le travail très

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

Elevage. Vallée d Aosten. 41. Ottobre-Novembre-Dicembre 2012. dell Associazione Regionale Allevatori Valdostani NOTIZIARIO DI INFORMAZIONE ZOOTECNICA

Elevage. Vallée d Aosten. 41. Ottobre-Novembre-Dicembre 2012. dell Associazione Regionale Allevatori Valdostani NOTIZIARIO DI INFORMAZIONE ZOOTECNICA Elevage Vallée d Aosten. 41 NOTIZIARIO DI INFORMAZIONE ZOOTECNICA Ottobre-Novembre-Dicembre 2012 dell Associazione Regionale Allevatori Valdostani Spedizione in a. p. art. 2 comma/c legge 662/96 aut. n.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1411 del 06 settembre 2011 pag. 1/17

ALLEGATOA alla Dgr n. 1411 del 06 settembre 2011 pag. 1/17 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1411 del 06 settembre 2011 pag. 1/17 Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario Glossario Ai fini del seguente

Dettagli

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS QUART CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PER ANZIANI

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS QUART CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PER ANZIANI COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS QUART CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PER ANZIANI 1 Che cos è la Carta dei Servizi, a cosa serve, i principi a cui si ispira. La Carta dei Servizi Sociali rappresenta un importante

Dettagli

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80.

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. Ai Signori Direttori Generali delle Aziende UU.LL.SS.SS. ed Ospedaliere

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula;

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula; REGIONE PIEMONTE BU40 06/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 19 settembre 2011, n. 11-2605 Convenzione tra la Regione Autonoma Valle d'aosta e la Regione Piemonte per le attivita' del Centro Regionale

Dettagli

Piano Decennale di Sviluppo della Rete di Trasporto di Energie S.R.L.

Piano Decennale di Sviluppo della Rete di Trasporto di Energie S.R.L. Piano Decennale di Sviluppo della Rete di Trasporto di Energie S.R.L. 31 Marzo 2015 INDICE Sommario PREMESSA... 3 RETE DI TRASPORTO REGIONALE DI ENERGIE SRL... 3 STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE... 3 OBIETTIVI

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002

Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002 Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2002 n. 80-5989 Modalità di accesso e rimborsi per le prestazioni accessorie a favore degli uremici cronici,

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 28 del 10 giugno 2002 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 22 maggio 2002 - Deliberazione N. 2089 - Area Generale di Coordinamento Bilancio - Linee

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI MUTUALITA E SOCIETA Inclusione sociale Condizione che consente a tutti i cittadini di accedere ai percorsi di assistenza più efficaci ed appropriati in relazione ai propri

Dettagli

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE *********************************************************************** CITTA' DI AOSTA VILLE D'AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE REPUBBLICA ITALIANA REPUBLIQUE ITALIENNE

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

Avvocato Rosario Scalise Giurista d Impresa Consulente Tecnico in materia di appalti pubblici

Avvocato Rosario Scalise Giurista d Impresa Consulente Tecnico in materia di appalti pubblici Avvocato Rosario Scalise Giurista d Impresa Consulente Tecnico in materia di appalti pubblici CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI GENERALI, ANAGRAFICHE E PERSONALI : ROSARIO SCALISE Nato ad Aosta il 23 dicembre

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO QUESITO (posto in data 1 marzo 2011) Siamo due medici dipendenti di una Azienda Sanitaria Locale; con sede di lavoro in uno dei distretti

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme si può ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Per meglio descrivere gli obiettivi che il progetto Insieme si può

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1422/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno mercoledì 23 del mese di luglio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Testo ddl TITOLO I. Disposizioni generali. Art. 1 Oggetto

Testo ddl TITOLO I. Disposizioni generali. Art. 1 Oggetto Disegno di legge concernente Prestazioni di assistenza sanitaria extra Regione, in Italia e all estero. Testo ddl TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto 1. Ai sensi dell'articolo 4, lettera i),

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2111 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Disciplina dei ricoveri in Italia o allo Estero e

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Ufficio Regionale del Turismo

Ufficio Regionale del Turismo Ufficio Regionale del Turismo www.lovevda.it www.regione.vda.it/turismo AIKIDO AOSTA: - Aikikai Aosta (Affiliato Aikikai d Italia) - c/o Les Iles - Loc. Amerique 65 Attività didattica e conoscenza dell

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO OGGETTO: APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto l articolo 38 della

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI

Legge regionale 16 agosto 2002, n. 22 (BUR n. 82/2002) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIALI TITOLO I - Principi ed ambito di applicazione Art. 1 - Principi generali. 1. La Regione promuove la qualità dell assistenza

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI LECCO

REGOLAMENTO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione n. 330 del 30/06/2008 REGOLAMENTO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI LECCO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRAMURARIA DEI DIRIGENTI MEDICI VETERINARI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO TESTO UNICO IN MATERIA DI MEDICI IN FORMAZIONE SPECIALISTICA PREMESSA L Accordo è stato finora formalizzato con l A.O.U. San Giovanni Battista di Torino, sede della maggior

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE REGIONE UMBRIA OGGETTO: ATTUAZIONE DELL'ART.3 L.24/2004 'ASSEGNO DI CURA PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO DI ANZIANI GRAVEMENTE NON AUTOSUFFICIENTI. APPROVAZIONE REQUISITI DI ACCESSO, MODALITA' DI EROGAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 9 Treviso Sede Legale Borgo Cavalli, 42 31100 Treviso DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 28/03/2013, n. 228 Il Direttore generale di questa

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INDICE ART. 1...1 ART. 2...2 ART. 3...2 ART. 4...3 ART. 5...4 ART. 6...4 ART. 7...4 ART. 8...5 ART. 9...5 ART. 10...5 ART.

Dettagli

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale Caro Cittadino, questa breve Carta dei Servizi è stata preparata per fornirti tutte le informazioni utili a garantire, tra te assistito e il tuo medico,

Dettagli

CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI

CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI TRA La FONDAZIONE BEPPINA E FILIPPO MARTINOLI CASA DELLA SERENITA ONLUS iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche Private

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Introduzione...1 I diritti della persona malata. Cosa dicono le leggi...2 La tutela della salute in ospedale nelle residenze a domicilio...2

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Ufficio del Turismo www.lovevda.it aosta@turismo.vda.it

Ufficio del Turismo www.lovevda.it aosta@turismo.vda.it Ufficio del Turismo www.lovevda.it aosta@turismo.vda.it N.B.Tutti i prezzi contenuti nel presente opuscolo sono tratti da tariffari delle singole Società o comunicati direttamente dai responsabili. L UFFICIO

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S.

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO AVIANO REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA DELL I.R.C.C.S. CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DI AVIANO Testo coordinato di cui alle deliberazioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU43 24/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 30 settembre 2013, n. 21-6423 Applicazione D.P.R. 16.4.2013 n. 68 concernente "Regolamento recante modifiche all'art. 330 del D.P.R.

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera CARTA DEI SERVIZI U.O.C. DIREZIONE DI OSPEDALE Ospedale del Cadore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera Ospedale del Cadore Dipartimento Struttura Unità operativa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PAGAMENTO DELLE FERIE NON GODUTE QUESITO (posto in data 7 dicembre 2013) Sono il Direttore della struttura complessa Rischio Clinico di un Ospedale, a fine gennaio andrò in pensione per raggiunti

Dettagli

Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri

Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri CITTADINI APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA...05 Cittadini comunitari residenti o domiciliati

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Prot. 35081/2012 Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori Generali degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LORO SEDI

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7 Pag. 1/7 REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE DI TRASPORTO AGLI UTENTI CHE NECESSITANO DI TRATTAMENTI DI RADIOTERAPIA FINALIZZATI ALLA CURA DELLE PATOLOGIE Data di applicazione 01/07/2014 Redazione Verifica Data

Dettagli

Comune di Gudo Visconti

Comune di Gudo Visconti Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo settembre 2013 agosto 2016 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti)

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti) D.M. 18-11-1998 Schemi di convenzione per prestazioni assistenziali, da parte di aziende sanitarie, ai casi di AIDS nei confronti di detenuti (G.U. 05-03-1999, n. 53, Serie Generale) Preambolo Art. 1.

Dettagli

dimora PRIMAVERA 2012 NUOVA PROPOSTA AL VILLAIR DI QUART VALLÉE CASA RAFFORZA LA SUA PRESENZA SUL TERRITORIO CON LA NUOVA SEZIONE ALTA VALLE

dimora PRIMAVERA 2012 NUOVA PROPOSTA AL VILLAIR DI QUART VALLÉE CASA RAFFORZA LA SUA PRESENZA SUL TERRITORIO CON LA NUOVA SEZIONE ALTA VALLE dimora BROCHURE DI INFORMAZIONE GRATUITA SUL FOCOLARE DOMESTICO IN VALLE D AOSTA PRIMAVERA 2012 NUOVA PROPOSTA AL VILLAIR DI QUART VALLÉE CASA RAFFORZA LA SUA PRESENZA SUL TERRITORIO CON LA NUOVA SEZIONE

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

RICOVERI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O SEMIRESIDENZIALI (RA - RAF RSA- CENTRO DIURNO)

RICOVERI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O SEMIRESIDENZIALI (RA - RAF RSA- CENTRO DIURNO) RICOVERI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O SEMIRESIDENZIALI (RA - RAF RSA- CENTRO DIURNO) Ogni volta che il ricovero in Istituto è ritenuto necessario e inevitabile per l anziano, occorre fare tutto il possibile

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli