Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo 2001-2003"

Transcript

1 Gestione e valorizzazione delle ceneri di combustione nella filiera Legno-Energia Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo Novembre 2004 Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente

2 Partner del progetto sono stati: Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente (Riva G., Panvini A., Alberti M.) Teleriscaldamento Cogenerazione Valtellina, Valcamonica, Valchiavenna - TCVVV S.p.A. e Federazione Italiana dei Produttori di Energia Rinnovabile FIPER (Righini W., Bré A.) Consorzio Forestale Alta Valtellina CFAV - (Giacomelli E.) KOBA s.r.l. (Bombelli V, Casula A.) Università Politecnica delle Marche - (Perucci P.) VTT Energy - Organizzazione finlandese specializzata nel campo della biomassa e che sta sviluppando le ricerche più avanzate in campo europeo per la valorizzazione delle ceneri. (Vesterinen P.) Regione Lombardia. (Boccasile G.) Accanto ai partner indicati si segnala inoltre l attiva collaborazione della Stazione Sperimentale dei Combustibili di San Donato. (Pinelli G., Zerlia T.) La relazione tecnica conclusiva e gli allegati sono disponibili sul sito internet 2

3 SOMMARIO 1 - PREMESSE CONCLUSIONI PROGETTO BIOCEN: GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELLE CENERI DI COMBUSTIONE NELLA FILIERA LEGNO-ENERGIA PREMESSE IL PROGETTO BIOCEN STATO DELL ARTE DELLA GESTIONE DELLE CENERI DA BIOMASSA PREMESSE Le ceneri da biomasse Tipologie di ceneri Composizione delle ceneri Quantitativi di cenere nell utilizzo energetico delle biomasse Prime considerazioni sul riutilizzo delle ceneri da biomasse LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA Recupero di materia in cementifici, industria dei laterizi, recuperi ambientali Recupero di materia per produzione di compost Produzione di fertilizzanti Modalità di gestione, stoccaggio e trattamento STATO DELL ARTE IN EUROPA Finlandia e Svezia Austria Danimarca Francia Gran Bretagna Olanda CONCLUSIONI ANALISI DI SUPPORTO AL RIUTILIZZO AGRONOMICO CARATTERIZZAZIONE DELLE CENERI ITALIANE Premessa Raccolta delle ceneri - Prove di combustione Analisi sui campioni raccolti (ceneri e combustibili/biomasse) INTERAZIONI CENERI-SUOLO; STUDIO DEL COMPORTAMENTO DELLA BIOMASSA MICROBICA DEL SUOLO IN SEGUITO A TRATTAMENTO CON CENERI DA LEGNO Premesse Scopo della ricerca Parte sperimentale Risultati e discussione CONCLUSIONI RIUTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE CENERI INTRODUZIONE FILIERA ATTUALE NUOVE FILIERE La compattazione e granulazione delle ceneri

4 Trasporto Filiere di riutilizzo agronomico CONCLUSIONI E CONSIDERAZIONI GENERALI SUL RIUTILIZZO AGRONOMICO DELLE CENERI NELLA FILIERA LEGNO-ENERGIA BIBLIOGRAFIA APPENDICE UNITÀ DI MISURA ANALISI ECONOMICA DELLE FILIERE RACCOLTA E ANALISI DELLE CENERI Schede degli impianti censiti Approfondimento sulla centrale a biomassa di Tirano Metodologia di raccolta dei campioni di materiale (ceneri e biomasse) Risultati delle analisi - Biomasse Risultati delle analisi Ceneri LA COMPATTAZIONE E GRANULAZIONE DELLE CENERI Premessa Stato dell arte delle tecniche di compattazione/agglomerazione delle ceneri da combustione di biomassa Prove di granulazione delle ceneri realizzate nell ambito del progetto Aziende contattate nell'ambito dell'approfondimento sulla granulazione Approfondimento sui processi di compattazione delle ceneri INDICE DELLE FIGURE Figura 1 Gli scopi del progetto BIOCEN...10 Figura 2 Schema riassuntivo della filiera di riutilizzazione agronomica delle ceneri...13 Figura 3 Schema della filiera della biomassa e delle ceneri...19 Figura 4 - Ceneri da legno (sinistra) - Ceneri da paglia (destra)...30 Figura 5 Appezzamento utilizzato per le valutazioni di impatto a pieno campo e indicazione delle parcelle...64 Figura 6 - Andamento del contenuto di C-Biomassa (mg C-CO 2 kg -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...67 Figura 7 - Andamento del contenuto di C-Biomassa (mg C-CO 2 kg -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere Figura 8 - Andamento del contenuto di C-Biomassa (mg C-CO 2 kg -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione della dose (b) Figura 9 - Andamento dell FDA (µg FDA idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...70 Figura 10 - Andamento dell FDA (µg FDA idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...71 Figura 11 - Andamento dell FDA (µg FDA idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione della dose...71 Figura 12 - Andamento della fosfatasi alcalina (µg p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...72 Figura 13 - Andamento della fosfatasi alcalina (µg p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...73 Figura 14 - Andamento della fosfatasi alcalina (µg p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione della dose

5 Figura 15 - Andamento dell arilsolfatasi (µg di p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...74 Figura 16 - Andamento dell arilsolfatasi (µg di p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni di suolo della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...75 Figura 17 - Andamento dell arilsolfatasi (µg di p-nitrofenolo idrolizzato g -1 h -1 ) nei diversi campioni di suolo della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere (a) e della dose...75 Figura 18 - Andamento della catalasi (mg O 2 g -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...77 Figura 19 - Andamento della catalasi (mg O 2 g -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...77 Figura 20 - Andamento della catalasi (mg O 2 g -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione della dose...78 Figura 21 - Andamento della deidrogenasi (nmoli INTF g -1 2h -1 ) nei campioni di suolo incubati in condizioni controllate...79 Figura 22 - Andamento della deidrogenasi (nmoli INTF g -1 2 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...79 Figura 23 - Andamento della deidrogenasi (nmoli INTF g -1 2 h -1 ) nei diversi campioni della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere (a) e della dose...80 Figura 24 - Andamento della o-dpo (µmoli di catecolo ossidato g -1 10min -1 ) nei diversi campioni di suolo incubati in condizioni controllate...80 Figura 25 - Andamento della o-dpo (µmoli di catecolo ossidato g -1 10min -1 ) nei diversi campioni di suolo della prova di pieno campo in funzione del tipo di cenere...81 Figura 26 - Andamento della o-dpo (µmoli di catecolo ossidato g -1 10min -1 ) nei diversi campioni di suolo della prova di pieno campo in funzione della dose...82 Figura 27 - Schema delle possibili filiere di riutilizzo agronomico delle ceneri...90 Figura 28 - Schema Caldaia 3. Fonte: Sistema informativo impianto TCVVV Spa - Tirano Figura 29 - Schema di interfaccia tra caldaia (n 3), gruppo di cogenerazione e rete di teleriscaldamento. Fonte: TCVVV Spa Tirano Figura 30 - Resa media (kwh/m 3 di cippato) del combustibile per le caldaie 1 e Figura 31 - kwh termici immessi in rete e ceduti (fatturati) all utenza Figura 32 - Domanda giornaliera di calore della rete di teleriscaldamento di Tirano (05/01/2004). Fonte: Turboden Figura 33 - Esempio di definizione di punti di raccolta distribuiti Figura 34 - Schema dei possibili intervalli di tempo da considerare per raccogliere ceneri che corrispondono al combustibile prelevato in ingresso alla caldaia Figura 35 - Rappresentazione schematica di un miscelatore-granulatore a vomeri. Fonte: Nordenberg, Figura 36 - Granulatore a piatto per la agglomerazione di ceneri da combustione di legno. Fonte: Chadwick and Bridgwater, Figura 37 - Granulatore a tamburo utilizzato in Kalmar per miscelare dolomite, ceneri e acqua. Fonte: Lindahl & Claesson, Figura 38 - Prototipo di pellettatrice a rullo ( VAP-500). Fonte: Windelhed, Figura 39 - Compattatore a secco. Fonte: Figura 40 - Granulatore-miscelatore a V. Fonte: Figura 41 - Schema impianto di granulazione per processo continuo (con essiccazione). Fonte: Figura 42 -Granulatore a letto fluido. Fonte: 5

6 Figura 43 - a) Granulatore a vomeri; b) misura della coppia necessaria durante i due test della 4 a Prova (la potenza assorbita è stata di circa 2,5 kw, a fronte di una potenza nominale di 4 kw del mescolatore da 150 l). Fonte: INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 - Risultati analisi di sostenibilità economica delle filiere...12 Tabella 2 - Contenuto di ceneri per tipo di legno Olanda (Vesterinen P. 2003)...22 Tabella 3 - Contenuto di ceneri per tipo di biocombustibile legnoso Finlandia (Vesterinen P. 2003)...23 Tabella 4 - Percentuali delle diverse tipologie di ceneri per alcune tipologie di biomassa (Obernberger, 1997)...24 Tabella 5 Caratteristiche fisiche delle ceneri da combustione di biomassa. (Obernberger, 1998)...24 Tabella 6 - Presenza nutrienti nelle frazioni di ceneri da biomassa Austria. Fonte Obernberger, Tabella 7 - Presenza di nutrienti nelle frazioni di ceneri utilizzabili. Obernberger, 1997/98 Holzner, Tabella 8 - Composizione delle ceneri da combustione di legna, come ossidi dei principali componenti. Taipale, Tabella 9 - Composizione delle ceneri da combustione di corteccia derivante da differenti alberi. Alakangas, Tabella 10 - Presenza metalli pesanti nelle ceneri da biomassa e limiti imposti da leggi/regolamenti per l utilizzo delle ceneri - Austria. Obernberger, 1997/ Tabella 11 Composizione della cenere in funzione della temperatura (TNO Report, 1999)...28 Tabella 12 - Caratteristiche chimiche delle ceneri in funzione della tipologia di legno (TNO Report, 1999)...28 Tabella 13 - Concentrazione di Cl, F e metalli pesanti nelle diverse frazioni di ceneri da legno di scarto industriale (TNO Report, 1999)...29 Tabella 14 - Contenuto di metalli pesanti in ceneri di fondo e di filtro nella combustione del legno con impianto a griglia (TNO Report, 1999)...29 Tabella 15 - Valori limite per l utilizzo di ammendanti in terreni agricoli su base secca (Report PRO 2/6107/03)...37 Tabella 16 - Valori limite per l utilizzo delle ceneri da biomassa in terreni forestali su base secca (Country Report Austria 2002)...41 Tabella 17 - Carichi massimi ammissibili per l utilizzo delle ceneri da biomassa in terreni agricoli (Country Report Austria 2002)...42 Tabella 18 - Carichi massimi ammissibili per l utilizzo delle ceneri da biomassa in terreni erbosi (Country Report Austria 2002)...42 Tabella 19 - Valori limite per il cadmio nelle ceneri da biomassa (Country Report Denmark 2002)...43 Tabella 20 - Valori limite per i metalli pesanti nelle ceneri da biomasse (Country Report Denmark 2002)...43 Tabella 21 Distribuzione del cadmio tra le varie tipologie di ceneri (Country Report Denmark 2002)...44 Tabella 22 - Valori limite per l impiego di fanghi in agricoltura (Country Report UK 2002)...45 Tabella 23 - Elenco e principali caratteristiche degli impianti di teleriscaldamento censiti nel progetto Tabella 24 -Metodi di analisi delle biomasse

7 Tabella 25 -Percentuali dei diversi elementi che compongono le ceneri e somma (parziale e totale) degli elementi riscontrati. Fonte: "AEROSOLS FROM BIOMASS COMBUSTION", ed. Thomas Nussbaumer, Tabella 26 -Diverse efficienze di abbattimento dei gas di combustione di alcuni sistemi utilizzabili. Fonte: Obernberger Tabella 27 - Contenuto dei vari macro-elementi (ossidi) nelle biomasse e rapporto percentuale tra la somma (in peso) dei macro-elementi e il contenuto totale (in peso) di ceneri delle biomasse (tutti i valori sono calcolati sui campioni allo stato secco)...58 Tabella 28 - Caratteristiche chimiche e fisiche dei suoli...63 Tabella 29 -Valori di conducibilità elettrica (µs) ai diversi tempi di prelievo nei campioni di suolo incubati in condizioni controllate...65 Tabella 30 - Valori di conducibilità elettrica (µs) ai diversi tempi di prelievo nella prova di pieno campo Tabella 31 - Valori di ph nei diversi tempi di prelievo nei campioni di suolo incubati in condizioni controllate Tabella 32 - Valori di ph nei diversi tempi di prelievo nella prova di pieno campo Tabella 33 - Quantità di correttivi (composti puri) necessari per alzare il ph di un unità in tre diversi terreni...83 Tabella 34 Analisi dei fattori limitanti alla distribuzione delle ceneri in funzione delle diverse tipologie di destinazione...86 Tabella 35 Analisi dei fattori limitanti alla distribuzione delle ceneri in funzione delle diverse tipologie di prodotto distribuito Tabella 36 Quantitativi di ceneri da spargere per rispettare le necessità di nutrienti delle specie vegetali interessate. Fonte Regione Lombardia Agricoltura PSR 2003 Misura F. Disciplinari di produzione...88 Tabella 37 Carico di metalli pesanti da spandimento di ceneri 'BIOCEN' (1 t/ha), rispetto a carico massimo ammesso previsto da varie norme a livello europeo...89 Tabella 38 - Ipotesi di costo per la granulazione delle ceneri da biomassa...93 Tabella 39 - Indicatori di convenienza economica in corrispondenza di diverse ipotesi di costo della manodopera...94 Tabella 40 Costo di granulazione...95 Tabella 41 Costo di trasporto...96 Tabella 42 Costo di spandimento: prato stabile...97 Tabella 43 Costo di spandimento: frutteto Tabella 44 Costo di spandimento: vigneto Tabella 45 - Resa di due tagli forestali eseguiti dal CFAV nel Tabella 46 Costo di spandimento: bosco Tabella 47 Costo di spandimento: pista da sci Tabella 48 - Risultati analisi di sostenibilità economica delle filiere Tabella 49 Riepilogo costi spandimento (1 t/ha) Tabella 50 - Cantiere 1 - Prato stabile: Dati di cantiere Tabella 51 - Cantiere 1 - Prato stabile: Analisi costi Tabella 52 - Cantiere 2 Frutteto: Dati di cantiere Tabella 53 - Cantiere 2 Frutteto: Analisi costi Tabella 54 - Cantiere 3 Vigneto: Dati di cantiere e analisi costi Tabella 55 - Cantiere 4 Bosco: Dati di cantiere Tabella 56 - Cantiere 4 Bosco: Analisi costi Tabella 57 - Cantiere 5 Pista da sci: Dati di cantiere Tabella 58 - Cantiere 5 Pista da sci: Analisi costi

8 Tabella 59 - Scheda Tecnica impianto di Tirano Tabella 60 - Scheda Tecnica impianto di Sondalo Tabella 61 - Scheda Tecnica impianto di Cavalese Tabella 62 - Scheda Tecnica impianto di Fiera di Primiero Tabella 63 - Scheda Tecnica impianto di Serravalle Scrivia Tabella 64 - Incidenza della produzione di ceneri rispetto al combustibile utilizzato (kg ceneri / kg biomassa) Tabella 65 - Percentuale di ceneri rilevate sulle diverse tipologie di biomasse utilizzate nell'impianto (sostanza secca). Fonte: Analisi effettuate dalla Stazione Sperimentale per i Combustibili (SSC) Tabella 66 - Prove in caldaia n 1 Impianto Tirano Tabella 67 - Prove in caldaia n 3 Impianto Tirano Tabella 68 - Impianto 1 Bioenergia Fiemme Spa, Cavalese Tabella 69 - Impianto 2 Ecotermica San Martino, Fiera di Primiero Tabella 70 - Impianto 3 Bea Borbera Srl, Serravalle Scrivia Tabella 71 - Impianto 4 TCVVV Spa, Tirano Tabella 72 - Impianto 4 TCVVV Spa, Tirano II Raccolta Tabella 73 - Impianto 5 TCVVV Spa, Sondalo Tabella 74 - Impianto 1 Bioenergia Fiemme Spa, Cavalese Tabella 75 - Impianto 2 Ecotermica San Martino, Fiera di Primiero Tabella 76 - Impianto 3 Bea Borbera Srl, Serravalle Scrivia Tabella 77 - Impianto 4 TCVVV Spa, Tirano Tabella 78 - Impianto 5 TCVVV Spa, Sondalo Tabella 79 - Prova di compattazione a secco Tabella 80 Risultati relativi alle granulometrie raggiunte nel corso dei test Tabella 81 -Ragioni per l agglomerazione Tabella 82 - Benefici derivanti dall agglomerazione Tabella 83 - Metodi di agglomerazione ALLEGATI Rapporto VTT Processes: Wood ash recycling State of the art in Finland and Sweden Linee guida per la granulazione e lo spandimento su suolo agricolo e forestale delle ceneri da combustione di biomassa legnosa vergine Atti del convegno: Aspetti strategici e di sviluppo per l uso energetico delle biomasse - Milano 22/9/04 8

9 1 - PREMESSE La progressiva diffusione di impianti per la produzione di energia termica (distribuita con reti di teleriscaldamento, presenti soprattutto nel nord Italia - arco alpino) e elettrica (presenti soprattutto nel centro sud) a biomassa ha reso piuttosto significativo l ammontare di ceneri residue dai processi di combustione che devono essere smaltite. Gli impianti di teleriscaldamento operanti nell arco alpino e prealpino (Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino e Alto Adige, circa 200 MWt installati) producono circa GWht. Il consumo di biomassa può essere stimato in circa t/a 1 ; ne deriva pertanto una sottoproduzione di ceneri residue stimata tra e t/a 2. Gli impianti per la produzione di energia elettrica (circa 330 MWe installati) sono invece diffusi soprattutto nel centro-sud Italia. Il consumo complessivo di biomassa stimato è di circa 3,5 Mt (al 50% di umidità, circa 1,8 Mt di sostanza secca), per una produzione di ceneri superiore alle t. Come già verificatosi in altri Paesi europeo, si pone quindi il problema di come poter eventualmente riutilizzare queste ceneri, senza doverle invece destinare, in quanto rifiuti, allo smaltimento in discarica. La legislazione italiana, allo stato attuale, comprende le ceneri da biomassa tra i materiali che possono essere in alcuni modi recuperati 3 senza dover ricorrere alla misura estrema del conferimento in discarica. Le opzioni di recupero ammesse sono (si veda DM 5/2/98, Allegato 1, Recupero di materia con procedura semplificata ): - Produzione di conglomerati cementiti, utilizzo in cementifici o industria dei laterizi (Allegato 1 punto 13 DM 5/2/98); - Produzione di compost (Allegato 1 punto 16 DM 5/2/98); - Produzione di fertilizzanti (Allegato 1 punto 18 DM 5/2/98); - Recuperi ambientali 4 (Allegato 1 punto 13 DM 5/2/98); Il decreto legislativo 22/97 ("Ronchi") prevede inoltre (Art Accordi e contratti di programma, incentivi) "la sperimentazione, la promozione e l'attuazione di attività di riutilizzo, riciclaggio e recupero di rifiuti" (comma 1, lettera f), da realizzarsi attraverso appositi accordi di programma. È da verificare se il testo in oggetto sia inteso (come sembrerebbe) anche nel senso di ulteriori opzioni di recupero oltre a quelle già previste (e sopra ricordate) nel decreto attuativo (DM 5/2/98, Allegato 1, Recupero di materia con procedura semplificata ). Se non vengono individuate concrete possibilità di riutilizzo attraverso le opzioni già previste (o nuove opzioni da definire con accordi di programma) le ceneri devono pertanto essere conferite a discariche autorizzate. 1 Tonnellate per anno. 2 Si stima, per impianto, una produzione media di ceneri compresa tra l 1 ed il 3% del combustibile utilizzato (sostanza secca), in relazione alla tipologia di biomassa, principalmente cippato di legna. 3 Il DLvo 5/2/97 n. 22 (Decreto Ronchi) parla genericamente di possibili opzioni di recupero (elencate in Allegato C; tra queste vi è anche R10 Spandimento sul suolo a beneficio dell'agricoltura o dell'ecologia ) senza specificare materiali e procedure per attuare le operazioni di recupero, che sono esposti invece nel DM 5/2/98, quest ultimo però non definisce con precisione i materiali oggetto dell attività R10. 4.il recupero è subordinato all'esecuzione del test di cessione sul rifiuto tal quale secondo il metodo in allegato 3 al presente decreto. Si sottolinea qui che i valori limiti definiti nella tabella presente in tale allegato 3 sembrano estremamente bassi perché possano essere rispettati in caso di recupero di ceneri da combustione di biomassa legnosa (in base ai test sulle ceneri disponibili in bibliografia). 9

10 Attualmente, nella realtà dei diversi impianti che dispongono di ceneri da smaltire, possono essere riscontrate alcune esperienze di utilizzo per riempimenti stradali (a es. nel Crotonese) e un modesto utilizzo nella produzione di fertilizzanti (a es. nell'area della provincia di Torino). La gran parte delle ceneri è in, ogni modo, inviata a discarica, con costi di smaltimento anche molto variabili (si rilevano circa 5-7 cent /kg nel nord Italia, mentre non ci sono informazioni certe sui costi di conferimento per il sud Italia). Per quanto concerne le attuali modalità di gestione si rileva che, dal punto di vista dello stoccaggio, nelle centrali a biomassa esaminate (Tirano e Sondalo), le ceneri derivanti dalla combustione di biomassa (pesanti e leggere) vengono stoccate per periodi abbastanza brevi presso le centrali stesse (10-15 giorni d'inverno, fino a 1 mese circa d'estate); in tutti i casi esaminati ciò avviene mediante l'utilizzo di container della capacità dell'ordine di m 3, pari a circa t di massa, dal momento che le centrali non sembrano oggi attrezzate con sistemi di stoccaggio per il lungo periodo. Ciò deriva dal fatto che l'attuale destinazione delle ceneri (discarica controllata) non ne richiede l'accumulo e la movimentazione avviene con il metodo meno costoso, che consiste nell'utilizzo di container scarrabili. Allo stesso modo la movimentazione interna alle centrali non sembra oggi generare problemi rilevanti, dal momento che essa avviene mediante sistemi di trasporto interno a nastro, quindi senza conseguenze derivanti da fenomeni di dispersione dovuta a correnti d'aria, e in luoghi coperti, impedendo così che la cenere sia soggetta a bagnatura o (peggio ancora) dilavamento/percolazione per opera di pioggia o neve. È da verificare però come l'eventuale introduzione di una fase di modificazione (granulazione) dello stato fisico delle ceneri possa agevolare o migliorare la gestione delle ceneri a valle della raccolta. In questo contesto si è sviluppato il progetto BIOCEN i cui risultati sono descritti nel presente rapporto. Il progetto si è posto come obiettivo principale quello di verificare la sostenibilità economica e tecnica di una o più filiere di riutilizzo agronomico delle ceneri da combustione di biomassa mediante spandimento sul terreno, partendo dal concetto che la chiusura reale del ciclo di una fonte rinnovabile (quale la filiera legno-energia) si ottiene quando tutte le sue componenti si rinnovano in misura soddisfacente. Figura 1 Gli scopi del progetto BIOCEN Barriere alla utilizzazione delle ceneri Manca la filiera Manca una idonea normazione Mancano le conoscenze specifiche Fornire gli strumenti tecnici per abbattere queste barriere Linee guida per la gestione delle ceneri da biomassa e per il loro riutilizzo in campo agricolo Benefici economici La chiusura della filiera legno-energia Benefici ambientali 10

11 Questo significa che accanto al ciclo della CO 2 dovrebbe essere attivato anche un rinnovo delle sostanze chimiche che la pianta ha assorbito dal terreno durante la crescita attraverso lo spandimento sul terreno. Come è stato chiarito poco sopra, attualmente la chiusura totale del ciclo non è consentita essenzialmente per motivi normativi legati, probabilmente, a scarse conoscenze tecniche: questo progetto ha voluto quindi fornire al legislatore gli strumenti tecnici per capire se e quando è possibile riutilizzare le ceneri su suolo agricolo. Tutti i risultati del progetto sono quindi da considerarsi sperimentali e propositivi ma non attuabili fintanto che l attuale quadro normativo non sarà opportunamente modificato. 2 - CONCLUSIONI Il progetto BIOCEN ha analizzato a fondo il problema di un ipotetico 5, per ora, riutilizzo agronomico delle ceneri di combustione di biomassa. Nel corso delle attività sperimentali è stato: analizzato lo stato dell arte della legislazione e della gestione delle ceneri in Italia e nei Paesi europeo storicamente all avanguardia nell utilizzazione di biomassa legnosa per fini energetici; condotte analisi accurate su vari campioni di suolo agricolo per verificarne la risposta chimica, fisica e microbiologica a differenti dosi di ceneri; analizzate le biomasse che alimentano vari impianti di teleriscaldamento dell arco alpino e caratterizzate le ceneri prodotte. I risultati sono stati infine confrontati con dati di letteratura e ipotizzate alcune filiere di spandimento delle ceneri valutandone la sostenibilità tecnica ed economica. I risultati scaturiti dal lavoro svolto sono riassumibili nella seguente considerazione: La valorizzazione delle ceneri di combustione di biomassa mediante spandimento su suolo agricolo o forestale è tecnicamente e economicamente sostenibile, in determinate condizioni, per quantitativi pari a circa 1 t/ha. Più in particolare, si può affermare che: gli impianti monitorati utilizzano biomassa vergine non trattata proveniente dalla prima lavorazione del legno o da residui di potatura. La materia prima utilizzata rientra pertanto a pieno titolo tra le biomasse combustibili ammesse dalla legislazione vigente (DPCM 8/3/02). La biomassa analizzata negli impianti italiani censiti e le ceneri prodotte dagli stessi presentano caratteristiche simili ai dati di letteratura europeo. E possibile quindi ipotizzare una certa costanza nella composizione delle ceneri a tutto vantaggio del loro reimpiego. Non esistono significative differenze tra le ceneri prodotte da impianti diversi per tecnologia e per localizzazione geografica. Lo stesso dicasi per la biomassa che ha alimentato tali impianti. Eventuali differenze significative, ma riconducibili sempre entro valori limite riscontrati in letteratura, sono imputabili alle caratteristiche del terreno su cui è cresciuta la biomassa. 5 La legislazione attuale in materia non consente lo spandimento diretto delle ceneri da combustione di biomassa. 11

12 Gli impianti italiani coinvolti nel progetto effettuano, secondo le prescrizioni di legge, il monitoraggio delle emissioni in atmosfera i cui livelli massimi risultano sempre al di sotto dei limiti imposti per quella tipologia di impianti. In alcuni casi le emissioni in atmosfera rientrano addirittura entro i limiti più severi fissati per gli inceneritori (nel caso soprattutto di alcuni metalli pesanti). Non sono stati riscontrati fenomeni di arricchimento in metalli pesanti nel passaggio dalla biomassa alle ceneri, a causa di eventuali rilasci di componenti dell impianto. E stato notato inoltre un elevato rendimento medio per questa tipologia di impianti (85-90%). Alcune delle attuali tecniche di compattazione e granulazione delle ceneri si sono dimostrate tecnicamente valide e economicamente sostenibili anche nell ambito di una filiera relativa a materiali poveri quale quella dell energia da biomassa. La granulazione delle ceneri ne aiuta la gestione e ne migliora le caratteristiche fisiche ai fini del riutilizzo agronomico. Il suolo italiano, da un punto di vista chimico, fisico e microbiologico è in grado di ricevere elevate quantità di cenere (5 t/ha) senza subire conseguenze negative. Anzi, in alcuni casi l apporto di cenere contribuisce a migliorarne alcune caratteristiche (corregge il ph e migliora la struttura). Da un punto di vista agronomico e in determinate condizioni è sufficiente e consigliabile spandere fino a 1 t/ha di cenere; con tale quantità si apporta la giusta dose di elementi nutritivi e si riesce a valorizzare la cenere prodotta annualmente da un impianto di medie-grandi dimensioni nei soli territori limitrofi all impianto stesso. La dose indicata è stata definita tenendo conto sia del contenuto di elementi nutritivi delle ceneri sia del loro contenuto in metalli pesanti. Si sottolinea a questo proposito la mancanza di indicazioni legislative specifiche per le ceneri da biomassa che indichino il contenuto massimo ammissibile di metalli pesanti. Tale situazione ha impedito, nel corso del progetto, di fare riferimento a valori precisi per quanto riguarda tale argomento 6. I risultati conclusivi dell analisi di differenti filiere di spandimento delle ceneri è riportato in Tabella 1; da questa si evidenzia come alcune soluzioni siano vantaggiose rispetto all attuale situazione (i costi sono nettamente inferiori a quelli del conferimento in discarica), altre sembrano essere competitive in termini di sostenibilità economica (i costi sono quindi simili a quelli del conferimento in discarica), altre invece sono nettamente svantaggiose e non competitive, anche se molto interessanti da un punto di vista tecnico/agronomico. Tabella 1 - Risultati analisi di sostenibilità economica delle filiere FILIERA Prato stabile Frutteto Vigneto Bosco Piste da sci CONDIZIONE DI CONVENIENZA ECONOMICA (in caso di spandimento di 1 t/ha) Vantaggioso Competitivo Competitivo Non Competitivo Non Competitivo In conclusione e nel concreto la valorizzazione agronomica delle ceneri da biomassa è un sistema efficiente e sostenibile che può essere immediatamente applicabile qualora si riescano a superare le barriere tecniche e normative. Alcune considerazioni aggiuntive, dettate da quanto emerso nel corso dei lavori, possono servire per indirizzare le scelte degli operatori della filiera e dei decisori politici in merito al problema sollevato dal progetto. 6 E stato però possibile verificare come le ceneri analizzate presentino caratteristiche medie riscontrabili nei dati di letteratura in materia. Tabella 36 12

13 La chiusura del ciclo biomassa - ceneri può avvenire attraverso l implementazione dimostrativa a livello Regionale/Nazionale di una filiera strutturata in cui i vari attori del settore biomassa (produttori/fornitori biomassa, produttori energia e ceneri), interagiscano e si integrino con appositi accordi di programma quali strumenti di concertazione e cooperazione dei soggetti pubblici e privati coinvolti, così come fortemente sollecitato dalla Commissione europeo nell ambito del 5 e 6 Programma di Azione, per meglio corrispondere alle necessità di una più efficace azione in campo ambientale energetico. (Figura 2) In particolare per quanto riguarda la situazione Italiana anche il Decreto Ronchi ha recepito nel suo articolato questi indirizzi: un accordo di programma è infatti uno strumento negoziale previsto dal DLvo n. 22/97, quale documento approvato ufficialmente con cui soggetti diversi si impegnano a cooperare attivamente ad un progetto comune che prevede la partecipazione di tutti con diversi ruoli per istituire una catena Virtuosa. Figura 2 Schema riassuntivo della filiera di riutilizzazione agronomica delle ceneri ENERGIA PRODUTTORI BIOMASSA IMPIANTO a BIOMASSA UTILIZZATORI CENERI CENERI Tal quali Granulate Tecnicamente possibile Economicamente possibile Implementabile in una filiera strutturata tramite Accordi di Programma In base all articolo 25 Gli accordi ed i contratti di programma hanno oggetto, in particolare : a. attuazione di specifici piani di settore di riduzione, recupero ed ottimizzazione dei flussi dei rifiuti. b. La sperimentazione, la promozione, l attuazione e lo sviluppo di processi produttivi e di tecnologie pulite idonei a prevenire o ridurre la produzione dei rifiuti e la loro pericolosità, ed a ottimizzare il recupero dei rifiuti stessi. c. Lo sviluppo di innovazioni nei sistemi produttivi per favorire metodi di produzione di beni con impiego di materiali meno inquinanti o comunque riciclabili. d. Le modifiche del ciclo produttivo e la progettazione di componenti, macchine e strumenti di controllo. e. La sperimentazione, la promozione e la produzione di beni progettati, confezionati e messi in commercio in modo da ridurre la quantità e la pericolosità dei rifiuti e i rischi di inquinamento. f. La sperimentazione, la promozione e l attuazione di attività di riutilizzo riciclaggio e recupero dei rifiuti. g. L adozione di tecniche per il reimpiego ed il riciclaggio dei rifiuti nell impianto di produzione. 13

14 h. Lo sviluppo di tecniche appropriate e di sistemi di controllo per l eliminazione dei rifiuti e delle sostanze pericolose contenute nei rifiuti. i. L impiego da parte dei soggetti economici e dei soggetti pubblici dei materiali recuperati dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. j. L impiego di sistemi di controllo del recupero e della riduzione dei rifiuti. L attivazione a scala Regionale della filiera Biomassa-Ceneri potrebbe essere quindi attuata attraverso opportuni Accordi di Programma tra i soggetti pubblici e privati interessati, mediante la realizzazione di un apposito Consorzio quale, ad esempio, il Consorzio BIOCEN, che contempli nei sui scopi l implementazione dimostrativa della filiera strutturata in accordo alle risultanze dello stato dell arte e delle fasi sperimentali del progetto BIOCEN stesso. 14

15 3 - PROGETTO BIOCEN: GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELLE CENERI DI COMBUSTIONE NELLA FILIERA LEGNO- ENERGIA PREMESSE La biomassa vegetale è costituita essenzialmente da materia organica con una frazione più o meno contenuta di elementi minerali provenienti dal substrato ove cresce la pianta. La combustione determina la conversione della componente organica essenzialmente in CO 2 e vapore acqueo, oltre a una quota di altri elementi tipicamente presenti nelle emissioni gassose della combustione (NO x, CO, composti volatili ecc.), mentre le ceneri costituiscono il principale residuo solido. In quest ultimo possono essere presenti anche incombusti solidi derivanti da una non perfetta combustione del legno e ciò dipende dalla tecnologia di conversione energetica (caldaie a griglia fissa o mobile ecc.), dalla relativa modalità di gestione e dalle caratteristiche del combustibile (in primo luogo il contenuto di umidità). Allo stato attuale della normativa, le ceneri sono considerati rifiuti speciali da conferire in discarica controllata mentre gli altri utilizzi sono soggetti ad apposite autorizzazioni. Tra le diverse forme di riciclo di questi materiali è però logico pensare a una loro reintegrazione nei terreni al fine di chiudere il ciclo della biomassa e mantenere inalterato il relativo contenuto di elementi nutritivi anche se questo richiede una serie di accorgimenti per non innescare dei fenomeni controproducenti nei confronti della struttura del terreno e del suo equilibrio chimico fisico in generale. Diversi fattori consigliano di regolamentare lo spargimento sui suoli delle ceneri: l incremento dell utilizzo di biocombustibili solidi anche in impianti di taglia elevata e la conseguente crescita della produzione di ceneri; l attuale orientamento sulla gestione dei rifiuti che richiede, ove possibile, il recupero di materia o energia e impone il conferimento in discarica dei materiali residuali quale ultima possibilità operativa; il fatto che lo spargimento sui suoli costituisce una soluzione per il recupero di materia compatibile con le esigenze di tutela ambientale e già utilizzata in altri paesi (ad es. quelli scandinavi) e consente, anche da punto di vista più generale una logica chiusura del cerchio della biomassa; i limitati sbocchi previsti dal DM 5/2/98 per il recupero delle ceneri; di fatto nella realtà operativa i produttori di ceneri incontrano notevoli difficoltà nel trovare qualcuno disposto ad attuarne il recupero (impianti di compostaggio, cementifici ecc.). Circa la crescente diffusione degli impianti di combustione del legno va ricordato il forte impegno della regione Lombardia in questo settore che si è concretizzato nell avvio degli impianti teleriscaldamento della TCVVV S.p.A. di Sondalo e Tirano e nella promozione di altri 17 impianti, alcuni dei quali già realizzati, altri in fase di realizzazione, altri ancora che verranno realizzati a breve anche nelle zone di pianura. Gli impianti della TCVVV già utilizzano circa t/a di residui legnosi e si stima che con le nuove iniziative il fabbisogno raggiungerà le t/a. Ciò darà un sostanziale contributo alle attività economiche delle zone montane. Accanto alle iniziative promosse dalla Regione vanno aggiunte quelle private che a livello nazionale sono in prima linea nel settore delle energie rinnovabili. Si stima infatti che entro il 2004 il fabbisogno nazionale di biomasse per alimentare gli impianti di produzione di calore e/o elettricità sarà di circa 2 milioni di t/a con produzioni di ceneri che facilmente raggiungeranno le t/a. Si tratta quindi di numeri consistenti. 15

16 Il problema di collocazione delle ceneri, quindi, si distingue per due aspetti: il primo di natura razionale ed ecologica: è infatti auspicabile, come sopra evidenziato, il loro ritorno al terreno, in modo da completare la filiera legno energia per la quale oggi sono state sviluppate le tecnologie di combustione, di abbattimento degli inquinanti gassosi e sono in atto ampi interventi per la ripresa produttiva dei boschi; il secondo di natura logistico economica, legato ai quantitativi non trascurabili di questi materiali e agli attuali costi di smaltimento. A riguardo di questo aspetto si sottolinea come tutte le possibili economie di produzione possano essere dedicate non tanto a favore degli utenti finali (consumatori di energia) ma soprattutto al rilancio del settore forestale con azioni specifiche. Nel caso della TCVVV, a esempio, già viene accantonato il 5% del fatturato per questo tipo di finalità tracciando la strada a una nuova filosofia di auto - finanziamento locale. E evidente che le potenziali economie di gestione (eliminazione del costo di smaltimento delle ceneri) possono potenzialmente incrementare tale percentuale a tutto favore del territorio nel suo complesso e nell impiego ottimale delle relative risorse. Tutte le pratiche agronomiche rivolte al ripristino del contenuto di elementi nutritivi nel suolo, a esempio l utilizzazione delle biomasse di recupero, o di prodotti di scarto della lavorazione industriale di materiali organici di origine agronomica o naturali vanno in ogni modo incoraggiate. Il Dlvo n. 152/99 7 e successivi, per la tutela delle acque, pongono dei limiti di accettabilità per alcune grandezza analitiche, consentendo o vietando lo smaltimento di residui di diversa provenienza, se non dopo che questi siano stati opportunamente caratterizzati in modo da verificare la loro rispondenza ad alcuni limiti, tali da non determinare un rischio di inquinamento ambientale. E ovvio che tutte queste forme di riciclo devono essere opportunamente seguite per due finalità: da un lato monitorare lo stato dei terreni, dall altro per affinare le conoscenze sul tema e quindi migliorare le regole tecniche da imporre per lo spargimento sui terreni dei vari prodotti. Sul fronte delle energie rinnovabili, da diversi anni si propone la conversione energetica di biomasse residuali e/o appositamente coltivate attraverso la combustione per la produzione di energia termica che eventualmente può essere parzialmente trasformata in energia elettrica. Purtroppo tale metodo, pur chiudendo in modo positivo il ciclo del carbonio, il quale torna in atmosfera come anidride carbonica per poi essere riassorbito dalle coltivazioni in crescita, può determinare fenomeni di inquinamento atmosferico, per altro comuni a tutte le attività energetiche ed industriali, a seguito del trasferimento soprattutto di metalli pesanti dal terreno all atmosfera, oltre a fare insorgere parallelamente il problema relativo allo smaltimento delle ceneri. Il problema dell'inquinamento atmosferico è comunque oggi brillantemente risolto con l adozione di opportuni dispositivi di abbattimento, come nel caso della TCVVV S.p.A. di Tirano, che utilizza una soluzione particolarmente avanzata 8. Le modalità di smaltimento delle ceneri, dal canto loro, sono definite nel DM 5/2/98. Nel caso specifico, le ceneri da legno potrebbero essere utilizzate in agricoltura e rientrare a pieno titolo nella problematica dello smaltimento diretto sul suolo di materiali solidi di recupero (correttivi, ammendanti e concimi). Comunque anche lo smaltimento delle ceneri sul suolo, specialmente se in 7 Dlvo 11/5/99, n Disposizioni sulla tutela delle acque dall'inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/Cee concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/Cee relativa alla protezione delle acque dall'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole. Supplemento Ordinario GU n. 124 del 29/5/99. 8 La TCVVV S.p.A. utilizza un avanzato sistema di filtri elettrostatici. E opportuno sottolineare in questa sede che le emissioni di questi impianti rispettano comunque tutti i limiti di legge. 16

17 campo agricolo e forestale, deve essere controllato per massimizzare i benefici della sostenibilità della fertilità del suolo e minimizzare gli effetti negativi sull ambiente dove questi vengono introdotti. In questo contesto va rilevata la mancanza di opportune indicazioni tecniche per regolamentare questa pratica e quindi costituire il necessario elemento di supporto a normative di settore. A sostegno dello smaltimento in pieno campo delle ceneri da legno va ricordata la tecnica della bruciatura dei residui colturali (debbio). In sua analogia si può ben configurare lo spargimento che pur essendo un fattore altamente positivo in termini di disponibilità di elementi nutritivi (assimilabile ad una concimazione minerale) può anche limitatamente avere un risvolto negativo in termini di struttura del suolo se apportati in grandi quantità su suoli ben strutturati (buona percentuale di argille). In conclusione si ritiene quindi necessario mettere a punto una serie di indicazioni tecniche che possano avviare in concreto un sicuro riciclo delle ceneri con benefici ambientali e senza danni per la salute umana IL PROGETTO BIOCEN Il progetto, i cui risultati si descrivono in questo rapporto, si è posto, come sottolineato, un obiettivo semplice ma importante ed è stato strutturato con un piano di lavoro altrettanto semplice ma efficace. In sintesi, si è inteso affrontare l argomento della valorizzazione delle ceneri della filiera Legno- Energia sia attraverso la definizione dello stato dell'arte a livello internazionale, sia con attività sperimentali di laboratorio e di campo. Più in particolare si è operato con le seguenti 5 fasi: Fase 1 - Analisi dello stato dell'arte a livello mondiale del problema dello smaltimento delle ceneri da legno. I dati raccolti riguardano: le normative in atto o previste a livello nazionale/europeo in modo da assimilare lo stato di conoscenze internazionali sull argomento e per evidenziare tutte le problematiche di contorno; la caratterizzazione delle ceneri di provenienza da vari tipi di biomasse e impianti di combustione (eventuali informazioni già disponibili presso i centri di ricerca); la qualità delle ceneri attualmente utilizzate in alcuni paesi (come la Danimarca e la Finlandia) come fertilizzante e/o ammendante; l utilizzo agronomico delle ceneri nella tutela dell ambiente e della salute umana; le pratiche agronomiche oggi utilizzate per assicurare che lo spargimento delle ceneri sui suoli sia finalizzato ad un incremento o quantomeno un mantenimento; tutte le altre informazioni di carattere tecnico economico oggi reperibili. L obiettivo di questa fase, quindi, è stato quello di ottenere un concreto e veloce stato delle conoscenze sul settore. A tal fine sono stati visitati i siti sperimentali di VTT e di alcune organizzazioni in Danimarca. 17

18 DANIMARCA OLANDA REGNO UNITO FINLANDIA (VTT) SVEZIA FRANCIA AUSTRIA Fase 2 - Caratterizzazione delle ceneri con particolare riferimento alle biomasse utilizzate a livello di Regione Lombardia e alle diverse tipologie impiantistiche. Infatti la qualità delle ceneri dipendono pesantemente - oltre che dal combustibile anche dalle tecniche di combustione adottate dai costruttori che attualmente compongono l offerta di mercato in questo settore. Con questa fase si è inteso costruire un data base delle caratteristiche delle ceneri prodotte negli impianti di combustione del nord Italia in modo da disporre di dati certi sulla composizione delle medesime soprattutto in funzione di: caratteristiche degli impianti di combustione (tipo di letto di combustione e sistema di gestione delle ceneri); tipo di combustile (cedui o fustaie allevati su diversi suoli e con diverse caratteristiche alla bocca dell'impianto). Questi dati sono stati confrontati con quelli ottenuti con la FASE 1. La composizione delle ceneri è stata determinata in laboratorio con campioni prelevati adottando le normative di settore e definendo specifiche di campionamento comuni - dagli impianti a seguito di prove specifiche di combustione. In dettaglio: nell ambito degli associati FIPER e anche con i suggerimenti di VTT Energy sono stati scelti 5 impianti ritenuti significativi (dei quali uno della TCVVV) per il diverso sistema combustione e sistema di gestione; sui medesimi impianti sono stati condotti 4 ciclo di combustione (per un totale di 20) con combustibili diversi per provenienza e per livello di umidità. I 20 cicli sono serviti per l ottenimento di campioni di biomassa e di ceneri corrispondenti da inviare alle analisi. Su un 18

19 impianto in particolare (quello della TCVVV è stata eseguita un ulteriore serie di 4 cicli di combustione con prelievo di ulteriori campioni). Fase 3 - Studio della logistica di gestione delle ceneri dalla raccolta a valle dell'impianto di combustione al campo/bosco. Sono stati presi in considerazione gli aspetti relativi alla meccanizzazione, sanitari (protezione degli addetti ai lavori di movimentazione e distribuzione), alla natura del suolo (composizione, orografia ecc.) ed economici; Lo studio della organizzazione della filiera biomassa in funzione dell utilizzo delle ceneri (Figura 3) è stato attuato attraverso l individuazione delle opzioni tecniche per la gestione delle medesime e la definizione di tutti i requisiti necessari per macchine e operazioni. I requisiti sono quelli richiesti per ottenere una appropriata distribuzione agronomica senza incorrere in rischi ambientali (uniformità di distribuzione, problematiche legate allo stoccaggio ecc.) e legati alla salute degli operatori (inalazione ceneri ecc.). Figura 3 Schema della filiera della biomassa e delle ceneri BIOCOMBUSTIBILI TRASFORMAZIONE UTENTI FINALI FORESTA RESIDUI FORESTALI FORESTRY Distribu zione CENERI Prelievo Stoccaggio TELERISCALDA MENTO AGRICOL TURA INDUSTRIA COLTIVAZIONI Energy Crops RESIDUI AGRICOLI SOTTOPRODOTTI BIO COMBUSTIBILE POWER PLANT ENERGIA rinnovabile TELECON DIZIONAM ENTO L attività è stata impostata con le seguenti fasi: analisi dei sistemi di prelievo delle ceneri dagli impianti e di stoccaggio; analisi dei possibili sistemi di spandimento in pieno campo e in bosco tenendo conto delle macchine generalmente disponibili in ambito montano; individuazione dei fattori di rischio ambientale e igienico; individuazione dei provvedimenti idonei a minimizzare i fattori di rischio sopra citati; analisi tecnico economica delle filiere più idonee per le varie realtà operative. Accanto al lavoro di analisi delle filiere sono state impostate delle prove sperimentali di campo per chiarire alcuni aspetti quali: adattabilità di alcune macchine (p.e. spandiconcime) all uso qui prospettato con particolare riferimento alle aree boscate; utilizzo di particolari tecniche quale la diluizione delle ceneri un acqua per la distribuzione in aree di difficile accesso; rilievo delle condizioni di rischio per la salute umana (polveri). 19

20 Fase 4 - Studio in laboratorio dell'interazione ceneri suolo per la messa a punto delle linee guida per la distribuzione. Sostanzialmente, attraverso la conoscenza delle caratteristiche delle ceneri e del suolo (facendo riferimento ai parametri standard già utilizzati per l impiego agronomico dei liquami zootecnici) si sono indicate le dosi spandibili per unità di superficie. A tale scopo sono stati prelevati alcuni tipi di suolo (rappresentativi della realtà lombarda e nazionale) con caratteristiche chimico e chimico - fisiche ben differenziate, a esempio: un suolo franco, un suolo franco argilloso, un suolo argilloso sabbioso, in un intervallo di ph compreso tra 6,5-8,5. Per suoli più acidi dove le ceneri da legno operano un azione correttiva aggiuntiva a quella di concimazione, è stato fondamentale verificare l effetto che tale apporto ha sulla struttura del suolo. Su questi campioni sono stati controllati gli andamenti dei principali parametri chimico e chimico - fisici legati alla fertilità e alla quantità del suolo in funzione delle quantità delle ceneri da legno apportate, dell umidità e della temperatura del suolo stesso. A queste valutazioni, prettamente di tipo chimico, sono state abbinate determinazioni di tipo biologico valutando sia il comportamento della biomassa microbica sia l attività di alcuni enzimi specifici legati ai cicli principali del carbonio, del fosforo, dell azoto e dello zolfo. In particolare, le prove di laboratorio sono state condotte in campioni di suolo addizionati con diversi quantitativi di ceneri da legno, simulando un apporto in pieno campo di 5 e 20 t/ha annue. Su tali campioni sono stati determinati, sia al momento dell apporto che in tempi diversi (dopo 0, 1, 2, 4, 6 e 8 mesi 9 ) i valori di: ph, conducibilità, disponibilità di alcuni elementi nutritivi (Ca, Mg, K e Na), valutazione del carbonio Organico totale ed estraibile, tenore dei microelementi disponibili. A queste determinazioni sono state affiancate valutazioni di carattere biochimico, come: C- biomassa, attività respiratoria, attività glucosidasica, attività fosfatasica, attività solfatasica, valutazione del potere ossido riduttivo. Tutte queste prove sono state condotte valutando le modificazioni indotte in un suolo dilavato (cioè simulando una stagione ad alta piovosità dove potrebbe verificarsi un fenomeno di lisciviazione) in condizioni normali di temperatura e/o in un suolo mantenuto vicino al punto di appassimento (simulazione di una stagione secca dove invece potrebbe presentarsi il fenomeno della precipitazione di alcuni sali) in condizioni di temperatura sufficientemente alta (20-25 C) Per una corretta valutazione dell impatto sul suolo di tali residui spesso è tuttavia necessaria una sperimentazione a breve termine (Short-time) che in genere è di tre anni, quindi di durata superiore a quella prevista dal progetto, e che potrà essere svolta a valle dello stesso con le prime applicazioni controllate delle linee guida obiettivo del progetto. Fase 5 - Presentazione dei risultati finali attraverso i due prodotti del progetto: le linee - guida per la distribuzione e il manuale di gestione. I risultati raggiunti sono stati presentati nel corso di un convegno promosso dalla Regione Lombardia e tenutosi a Milano nel settembre Gli atti di questa giornata sono stati allegati al presente documento. Sono inoltre state pubblicate due linee guida: una relativa alle problematiche chimico agronomiche connesse con lo spandimento e l altra relativa alle modalità operative di gestione delle ceneri dalla bocca dell impianto fino al loro riutilizzo come ammendanti escluso. 9 Prove a 12 mesi verranno eseguite dopo la chiusura del progetto e al di fuori dello stesso, proseguendo in tal modo la sperimentazione in ambito puramente universitario. 20

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Si riporta nel seguito una breve nota informativa sull indagine svolta.

Si riporta nel seguito una breve nota informativa sull indagine svolta. Indagine conoscitiva sulle caratteristiche di campioni di biomasse legnose prelevati presso l impianto della Società TELERISCALDAMENTO - COOGENERAZIONE VALCAMONICA, VALTELLINA, VALCHIAVENNA SPA TIRANO

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA

IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA Premesse IL CONTROLLO E LA CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI IN IMPIANTI A LEGNA Giovanni Riva *, Mauro Alberti ** L utilizzazione sempre più diffusa di legno/biomassa per fini energetici obbliga a fare alcune

Dettagli

BIOCEN Gestione e valorizzazione delle ceneri di combustione nella filiera Legno-Energia

BIOCEN Gestione e valorizzazione delle ceneri di combustione nella filiera Legno-Energia Comitato Termotecnico Italiano CTI Energia e Ambiente BIOCEN Gestione e valorizzazione delle ceneri di combustione nella filiera Legno-Energia Proposta di Linee Guida PREMESSE GENERALI La presente proposta

Dettagli

Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo 2001-2003

Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo 2001-2003 Gestione e valorizzazione delle ceneri di combustione nella filiera Legno-Energia Progetto del Programma Regionale di Ricerca in campo Agricolo 2001-2003 PROPOSTA di Linee guida per la gestione e lo spandimento

Dettagli

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS Nelle seguenti tabelle sono illustrati i dettagli relativi al costo del personale per le attività progettuali condotte dall FCS con l indicazione delle sottofasi.

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI CONOSCERE LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI ARGOMENTI TRATTATI - Il solare termico - Il fotovoltaico - Le biomasse legnose - Casi concreti di impianti a biomasse legnose IL SOLARE TERMICO Il pannello solare

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013 Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Solare 11% Consumi finali di energia da fonti rinnovabili in Italia

Dettagli

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici LEGNO ENERGIA Per il riscaldamento degli edifici Next Energy Milano 4 marzo 2004 Marino Berton Presidente dell Associazione Italiana Energia dal Legno Attuale composizione delle fonti energetiche in Europa

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN)

Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN) Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN) L utilizzo finale della biomassa. Impianti di teleriscaldamento a cippato nel territorio di Primiero Cavalese 20 maggio 2011 1 Sommario

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori

ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori Newsletter n.67 Settembre 2009 Approfondimento_4 ENERGIA RINNOVABILE - Recupero energetico da potature di vite, olivo e frutteti: un importante opportunità per gli agricoltori All interno dello scenario

Dettagli

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti "Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede: fuori della città, certo; ma ogni anno la città s espande, e gli immondezzai devono

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE 1 In ingegneria energetica con il termine energie rinnovabili si intendono quelle forme di energia generate da fonti di energia che per loro

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Aeroporti di Puglia S.p.A.

Aeroporti di Puglia S.p.A. Aeroporti di Puglia S.p.A. Interventi di Efficientamento energetico del Sistema Aeroportuale: La Nuova Centrale di trigenerazione a biomassa Forum Internazionale Lo Sviluppo della Smart City nell area

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

La certificazione del cippato e del pellet

La certificazione del cippato e del pellet La certificazione del cippato e del pellet Matteo Righetto Ecomondo 2013, Rimini, 7 novembre 2013 Domanda di legname Crescita dagli anni 70 dei consumi di legname a fini energetici Sviluppo dei consumi

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

Addetti L-A - ripartizione per comparto

Addetti L-A - ripartizione per comparto STIMA DELLE QUANTITA DI RESIDUI LEGNOSI PRODOTTI IN ITALIA Sebastiano Cerullo* e Alessandra Pellegrini * Responsabile di AssoLegno/Federlegno-Arredo Responsabile Ufficio Normative Ambientali - Centro Studi

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

Energia solare BIOMASSA

Energia solare BIOMASSA Energia solare BIOMASSA Leonardo Setti Polo di Rimini Università di Bologna Associazione Luce&Vitaenergia, Medicina (BO) FOTOSINTESI anabolici catabolici MOLECOLE SEMPLICI (H 2 O e CO 2 ) INTERMEDI (glucosio)

Dettagli

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione 1 Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione Gino Schiona Direttore Generale CIAL Alberto Cambiaghi Direttore Generale Brianza Energia Ambiente Ecomondo Rimini, 6 novembre 2014 2 CIAL. La strategia

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 5 Novembre 2015 Prof. Ing. Franco Cotana Direttore del CIRIAF Centro Interuniversitario di Ricerca sull Inquinamento e

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE PER LO SVILUPPO DI UN ATTIVITA ECOSOSTENIBILE NELL OTTICA DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO C A N A Z E I Perché il teleriscaldamento a Canazei? Il progetto ha una notevole valenza per la comunità e gli utenti che la compongono, sia in termini economici che

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

3 Dimensionamento dell essiccatore

3 Dimensionamento dell essiccatore 3 Dimensionamento dell essiccatore Il progetto termodinamico dell essiccatore porta oltre che alla definizione dei parametri termodinamici di esercizio, anche alla parallela definizione delle dimensioni

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l.

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l. Valorizzazione agronomica dei fanghi di depurazione. Il processo di trasformazione in fertilizzanti correttivi da impiegarsi ai fini agronomici secondo la specifiche del D.Lgs 75/2010 Dott. Fabio Cella

Dettagli

Forme di legna per energia

Forme di legna per energia Forme di legna per energia Categorie di legna per energia (norma CH) Legno naturale (proveniente dal bosco o dalle segherie) Scarti di legno (resti dell industria di lavorazione del legno) Legno vecchio

Dettagli

REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA <60kW

REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA <60kW BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI TERMICI A TRONCHETTO DI LEGNA REQUISITI TECNICI PER IMPIANTI A PEZZI DI LEGNO DI POTENZA

Dettagli

05-04-00 Analisi dei costi per sistemi a biomasse varie

05-04-00 Analisi dei costi per sistemi a biomasse varie 1 05-04-00 Analisi dei costi per sistemi a biomasse varie Come descritto nei capitoli 01-04, 02-04, 03-04 e 04-04 il reperimento e la conversione in energia della frazione di biomasse varie o dei combustibili

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Premessa Obiettivo: stimare le emissioni di CO2 prodotte dall attività

Dettagli

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici.

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria

Dettagli

Il progetto di Teleriscaldamento dei Comuni del Primiero (TN) Milano 23 gennaio 2012

Il progetto di Teleriscaldamento dei Comuni del Primiero (TN) Milano 23 gennaio 2012 Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN) Il progetto di Teleriscaldamento dei Comuni del Primiero (TN) Milano 23 gennaio 2012 1 Sommario Il gruppo A.C.S.M.: struttura e attività

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Caldaie a biomassa. Per Ambienti domestici Grandi ambienti. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili

Caldaie a biomassa. Per Ambienti domestici Grandi ambienti. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili Caldaie a biomassa Per Ambienti domestici Grandi ambienti Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

Energie rinnovabili in montagna

Energie rinnovabili in montagna 1.5 Piccoli impianti a biomasse Il fuoco che brucia è uno spettacolo che non stanca, un ambiente arredato con un caminetto ha un valore aggiunto. Non è il modo ottimale per riscaldare l ambiente, poiché

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico?

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Giuseppe Tomassetti, FIRE mcter FOREST Milano, 25 giugno 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Conto Termico: generatori di calore a biomassa

Conto Termico: generatori di calore a biomassa Progetto Tuscia sostenibile: azioni di consolidamento per lo sviluppo del territorio Conto Termico: generatori di calore a biomassa Viterbo, 31 maggio 2013 Prof. Ing. Danilo MONARCA Ing. Leonardo LONGO

Dettagli

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Attività PROBIO Regione Lombardia Agricoltura Progetto Energia dall agricoltura Atti del Convegno Pellet per l energia: stato dell arte e prospettive future Progetto Fuoco 2004 Verona Comitato Termotecnico

Dettagli

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future Simona Calà Antonio Messia Claudia Potena Debora Renzoni Luca Rizzitelli Abstract Obiettivo di questo lavoro è valutare la possibilità di

Dettagli

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa ENEA/ACS GdL Efficienza Energetica FAQ 42 D - Vorrei sostituire una caldaia con un'altra

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli