Su COMPENSI ATTIVITA PERSONALE DOCENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Su COMPENSI ATTIVITA PERSONALE DOCENTE"

Transcript

1 MIUR ISTITUTO COMPRENSIVO SANT ANTONINO DI SUSA Via A. Abegg, n Sant'Antonino di Susa (Torino) Tel: fax Sito web: Su COMPENSI ATTIVITA PERSONALE DOCENTE L'anno 2012 nel mese di marzo il giorno tre presso l Istituto Comprensivo in sede di contrattazione integrativa, tra il Dirigente scolastico in rappresentanza della parte pubblica e i componenti della rappresentanza Sindacale Unitaria dell'istituzione scolastica viene sottoscritto il presente accordo Art. 1 - finalità - Il presente contratto è finalizzato al conseguimento dei risultati di qualità, efficacia ed efficienza nell'erogazione del servizio in coerenza con le risorse assegnate, l'offerta formativa della scuola, le scelte didattiche operate dal Collegio dei docenti, le scelte organizzative e di gestione dettate dal Consiglio di Istituto e comunicate emerse nelle riunioni del personale. Art. 2 assegnazione ad altri compiti e compensi Oltre alle attività di insegnamento curricolari, ai docenti possono essere assegnati altri incarichi di docenza su progetto ed altri incarichi per attività funzionali all insegnamento. I criteri di assegnazione di detti incarichi sono i seguenti: Competenze rispetto alle attività da svolgere Disponibilità individuale Continuità nello svolgimento di determinate mansioni Esperienze pregresse e formazione specifica Anzianità di servizio nella scuola Nel caso di mancanza di disponibilità, l incarico sarà assegnato dall Ufficio di Presidenza, tenendo conto dei criteri sopra menzionati. I docenti impegnati per l attuazione di Progetti relativi alle aree a rischio e a forte processo immigratorio ed a Progetti di contrasto al Disagio ed all emarginazione ed insuccesso scolastici 1

2 art. 9 CCNL sono individuati - anche tenuto conto di quanto approvato dagli Organi Collegiali (sia rispetto alle attività da svolgere, sia rispetto ai nominativi dei docenti che le svolgeranno) - secondo i seguenti criteri: 1. disponibilità a svolgere l attività 2. esperienze pregresse nel campo 3. competenze documentate (es. frequenza a specifici percorsi di formazione) 4. docenti segnalati nel progetto iniziale I corsi recupero verranno attribuiti prioritariamente ai docenti delle classi cui appartengono gli allievi in situazione di difficoltà; qualora si tratti di corsi che coinvolgono allievi di tutte le classi, l individuazione dei docenti avverrà secondo il criterio della disponibilità e dell anzianità di servizio. L assegnazione degli incarichi sarà pertanto rispondente a criteri di trasparenza e condivisione con i soggetti interessati. Qualora i fondi siano inferiori a quanto richiesto, in sede di riunione con le RSU si concorderà una rideterminazione del personale impiegato o dell ammontare delle ore. La misura dei compensi è quella prevista dalla Tabella 5 Misure del compenso orario lordo gabellare spettante dal al personale docente per prestazioni aggiuntive all orario d obbligo da liquidare a carico del FIS al punto (2) e (3) Ore aggiuntive corsi di Ore aggiuntive di Ore aggiuntive non di recupero (1) insegnamento (2) insegnamento (3) Euro 50,00 Euro 35,00 Euro 17,50 Il controllo sulle attività svolte e sulla loro efficacia avviene anche attraverso le riunioni periodiche di staff e la compilazione d check list di controllo Art. 3 orario di lavoro - flessibilità L orario di lavoro del personale docente nelle attività di insegnamento è definito prima dell inizio delle lezioni, quello delle attività funzionali viene formulato nelle prime settimane di scuola, quando si programmano tutte le attività da realizzare nel corso dell a.s., tenendo conto del monte ore previsto dal CCNL e valutando gli impegni dei docenti presenti in più classi. L orario settimanale di insegnamento si articola in non meno di cinque giorni settimanali tenendo conto che il giorno libero non è un diritto e deve essere data priorità alle esigenze didattiche. L orario settimanale di insegnamento si svolge nel periodo delle lezioni fissato dal calendario scolastico regionale. Eventuali ore non impegnate sulla docenza curricolare vengono utilizzate per: - assistenza alle mense - sostituzione colleghi assenti - progetti di recupero sulle proprie classi e/o su classi o alunni con criticità Art. 4 sostituzione colleghi assenti Nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria la sostituzione dei colleghi assenti avviene per il primo giorno se c è urgenza e non è stato reperibile personale supplente - da personale disponibile ad effettuare prestazioni eccedenti l orario o da insegnanti in contemporaneità. Nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria di norma entro i limiti costituiti dalle risorse finanziarie - la sostituzione avviene con personale supplente se possibile - fin dal primo giorno di assenza del titolare, compatibilmente con le risorse a ciò dedicate a disposizione dell istituto In ogni plesso è stato predisposto un piano di gestione delle assenze, per fronteggiare le criticità al riguardo. In genere non si utilizzano per le sostituzioni i docenti di sostegno, a meno che non sia assente l alunno disabile o qualora la sostituzione venga effettuata sulla classe in cui è inserito l alunno disabile da loro seguito. 2

3 Art.5 ferie godute durante il periodo delle attività didattiche Sono possibili solo se si assicurano le condizioni previste dal CCNL 2007 art. 13 punto n.9 (sostituzione con personale in servizio nella stessa sede e, comunque, senza oneri aggiuntivi). Per esigenze di servizio, le richieste di ferie possono essere ricusate (in concomitanza, ad esempio, di scrutini, esami, riunione di organi collegiali, concentrazione di domande nei periodi precedenti o successivi a momenti di sospensione delle lezioni. In quest ultimo caso si concedono le ferie al personale che abbia fruito nell a.s. di un numero minore di giorni di ferie ai sensi dell art.13.) Qualora ci siano più richieste, saranno accolte seguendo con priorità l ordine di presentazione. Art.6 permessi brevi e permessi giornalieri retribuiti Ai sensi dell art. 16. del CCNL 2007/2009 i dipendenti possono fruire di permessi brevi per esigenze personali, o familiari presentando domanda scritta al D.S. Ai sensi dell art. 15 del CCNL 2006/2009 Il dipendente ha diritto, a domanda, nell anno scolastico a tre giorni di permesso retribuito per motivi personali o familiari documentati anche mediante autocertificazione. Per gli stessi motivi e con le stesse modalita sono fruiti i sei giorni di ferie durante i periodi di attività didattica. Le ore di permesso nell arco dell a.s. non possono superare il monte ore cattedra settimanale. Le ore di permesso vanno recuperate entro 3 mesi. Nel caso in cui il mancato recupero sia determinato dal dipendente il DS procederà alla trattenuta oraria. La richiesta di permessi e la comunicazione delle assenze nei limiti del possibile è bene sia fatta con molta tempestività, al fine di poter reperire personale supplente o riorganizzare il servizio. Art.7 - libertà d'insegnamento e POF Il personale docente si impegna ad operare secondo le linee programmatiche deliberate collegialmente, salvaguardando la scelta di ognuno in merito alle metodologie didattiche. Art. 8- Al personale beneficiario delle leggi 104/92, 1204/71, 903/77 ed al personale con particolari situazioni di salute o con difficoltà familiari vengono riconosciute le seguenti esigenze nell'espletamento del servizio: Favorire i turni di lavoro più compatibili con le esigenze di salute per evitare aggravio o intensificazione di lavoro Favorire le turnazioni che siano compatibili con eventuali impegni nella cura dei familiari in situazione di documentata necessità di assistenza Al fine di assicurare la riorganizzazione del servizio - quando possibile è auspicabile che i permessi mensili vengano richiesti e comunicati almeno il giorno precedente Art. 9- Aggiornamento e formazione - La formazione è un diritto dovere del personale, perciò va incentivata la partecipazione alle iniziative promosse innanzi tutto dall'istituto, dalle Scuole vicine, dalle organizzazioni dipendenti a vario titolo dal MIUR. Il personale docente può, dietro richiesta presentata al Dirigente Scolastico, partecipare a corsi di aggiornamento per 5 giorni l'anno sulle tematiche deliberate dal collegio dei Docenti. I colleghi sostituiscono il docente assente con ore di completamento o con ore aggiuntive di insegnamento retribuite. Qualora più docenti intendano partecipare allo stesso corso di aggiornamento con lo stesso orario, con ripercussioni negative sull'organizzazione del lavoro scolastico, i criteri di priorità sono i seguenti: - docente titolare- per un corso di formazione attinente alle proprie discipline e/o attività interdisciplinari svolte con i ragazzi - docente titolare su un corso di formazione attinente un'attività o un argomento oggetto del lavoro programmato sulle classi 3

4 - docente supplente per un corso di formazione attinente alle proprie discipline e/o attività interdisciplinari svolte con i ragazzi I docenti che svolgono attività di formazione si impegnano a relazionare brevemente l'attività svolta, a consegnare copia di eventuali materiali in presidenza per costituire dei dossier informativi utili anche per i colleghi. Art.10 La disponibilità lordo Stato di ,31 e lordo dipendente di ,19 (di cui ,95 relativa all a.s ed 4.295,24 economia derivante da cedolino unico periodo gennaioagosto 2011) viene programmata nel modo seguente: Ai n. 2 collaboratori vicari 2.800,00 lordo dipendente pro-capite per le attività deliberate dal D.S. Primo collaboratore Sostituzione del D.S. in caso di assenza per impegni istituzionali, malattia, ferie, permessi con delega alla firma degli atti; Coordinamento POF Raccordo tra il Dirigente ed il collegio docenti al fine di una gestione ottimale delle risorse dell istituto Supporto al Dirigente per l ottimizzazione, gestione, archiviazione della documentazione didattica e della documentazione dell Istituto (programmazioni, progetti, relazioni) supporto al Dirigente per il coordinamento tra i plessi e la gestione della comunicazione interna ed esterna supporto al Dirigente per la gestione delle relazioni con le famiglie con Istituzioni Enti ed associazioni del territorio verbalizzazione delle riunioni del Collegio dei docenti coordinamento piano di aggiornamento personale docente; Accoglienza nuovi docenti Controllo del rispetto del regolamento d Istituto da parte degli alunni (disciplina, ritardi, uscite anticipate, ecc); Contatti con le famiglie; Partecipazione alle riunioni di staff; Supporto al lavoro del D.S. Delega a redigere circolari docenti alunni su argomenti specifici Secondo collaboratore Redazione dell orario di servizio dei docenti della Scuola Media in base alle direttive del D.S. e dei criteri emersi nelle sedi collegiali preposte; Collocazione funzionale delle ore a disposizione per completamento orario dei docenti con orario di cattedra inferiore alle ore 18 e delle ore di disponibilità per effettuare supplenze retribuite; Sostituzione dei docenti assenti su apposito registro con criteri di efficienza ed equità; Controllo del rispetto del regolamento d Istituto da parte degli alunni (disciplina, ritardi, uscite anticipate, ecc); coordinamento e documentazione offerta formativa scuola secondaria di I^ grado collaborazione e supporto al collega collaboratore Accoglienza nuovi docenti Sostituzione del Dirigente Scolastico in caso di assenza o impedimento Delega a presiedere i GLHO, in caso di assenza o impedimento del D.S. Delega a redigere circolari docenti alunni su argomenti specifici 4

5 Impegni in altri compiti: Altra attività deliberata nell ambito del POF (art. 88 comma2 lettera K) CCNL AREA DIDATTICO ORGANIZZATIVA Su segnalazione emersa dal Collegio dei Docenti, si è individuata una terza figura di collaboratore del Dirigente Scolastico per Collaborare con il Dirigente Scolastico per il buon andamento delle attività svolte nell Istituto, con attenzione particolare agli aspetti di coordinamento del POF con attività di: Raccordo didattico-organizzativo tra i plessi e gli ordini di Scuola del Comprensivo Collaborazione con Dirigente, Collaboratori, Funzioni strumentali Supervisione del curricolo di scuola :Nuova organizzazione dei gruppi di lavoro per classi parallele della scuola primaria Collegamento in verticale, su nuova struttura. Definizione e condivisione degli obiettivi minimi ed irrinunciabili per ITALIANO e MATEMATICA Prosecuzione dei lavori in rete con le altre scuole di Valle CONTINUITA'. Creazione di protocolli operativi per i tre ordini di scuola. Socializzazione criteri di valutazione AUTOVALUTAZIONE. Raccolta, gestione ed elaborazione dati. Presidio delle procedure per lo svolgimento delle PROVE INVALSI RACCOLTA DATI e MATERIALI. Avvio di un lavoro di archiviazione on line Il docente è individuato a ricoprire l incarico anche su suggerimento del collegio dei docenti vista la complessità dei compiti di coordinamento delle attività collegiali stesse Compenso lordo dipendente 2400 annui DOCENTI responsabili DI PLESSO Sono individuati dal Dirigente Scolastico su segnalazione dei colleghi di plesso ed acquisita la disponibilità degli stessi a ricoprire l incarico, che riveste carattere di complessità e di fiducia; rivestono un importante ruolo di coordinamento nell organizzazione dell Istituto. I loro compiti sono: - cura della comunicazione dalla e con la sede centrale - cura delle circolari interne - segnalazioni al DS inerenti l organizzazione del plesso, problemi emersi, proposte, progetti - presiedere le riunioni del plesso e curarne la verbalizzazione - sostituzione colleghi assenti COMPENSO TOTALE lordo dipendente 8.750,00 per n. 15 docenti DOCENTI COORDINATORI DEI CONSIGLI DI CLASSE NELLA SCUOLA SECONDARIA Il compenso fissato è 200 pro capite annui per n. 13 docenti per un totale di 2.600,00 lordo dipendente Verbalizzazione incontri del consiglio di classe, ordinari e straordinari, e dei registri, predisposizione lavori consigli, contatti con le famiglie ed i referenti dei servizi predisposizione materiali per scrutini 5

6 Compensi per la realizzazione di attività funzionali nell ambito dei gruppi di lavoro quali articolazione del collegio dei docenti RESPONSABILI SCAMBI 1750,00 TUTOR IMMESSI IN RUOLO e comitato di valutazione 500,00 ORARIO MEDIE 1750,00 COMMISSIONE MENSA (9 REFERENTI) - 50 ORE F. 875,00 GRUPPO HC (MAX 100 ORE) 1750,00 COMMISSIONE DSA DISAGIO (MAX 50 ORE) 875,00 COMMISSIONE ORIENTAMENTO (MAX 50 ORE) 875,00 COMMISSIONE CONTINUITA (MAX 145 ORE) 2537,50 COMMISSIONE STRANIERI (MAX 50 ORE) 875,00 COMM ACQUISTI E COLLAUDO (20 ORE) 350,00 COMM. AUTOVALUTAZIONE (MAX 100 ORE) 1750,00 CURRICOLI (MAX 85 ORE) 1487,50 INVALSI (MAX 120 ORE) 2100,00 SITO (MAX 120 ORE) 2100,00 TOTALE LORDO DIPENDENTE ,00 Compensi per la realizzazione di attività funzionali e di docenza nell ambito dei progetti per la realizzazione del POF REFERENTE INDIRIZZO MUSICALE 451,74 MANIFESTEZ. MUSICALI (120 ORE : 4 DOCENTI) 2100,00 ISCRIZIONI INDIRIZZO MUSICALE 16 ORE DOCENZA 560,00 (MAX 60 ORE DOCENZA 2100,00 INFANZIA PROGETTO RICERCA 2050,00 CENTOSCUOLE (max 120 ore) 2100,00 SCUOLA DOMICILIARE (20 ore) DOCENZA 700,00 PROGETTI PRIMARIE (max 100 ore) 1750,00 PROGETTI INFANZIA (max 125 ore) 2187,50 PROGETTI SECONDARIA 3090,00 Coordinatore scuola infanzia A.S. 2010/ A.S. 2011/12 TOTALE LORDO DIPENDENTE ,24 Di cui ,24 per attività funzionali ed 3.360,00 per attività di docenza lordo dipendente 6

7 TUTOR TIROCINI (MAX 100 ORE) 1.750,00 Si ritiene opportuno implementare l assegnazione per le funzioni strumentali di 1.390,63 lordo dipendente per definire in modo equo i compensi attingendo dalla risorsa del Fondo d Istituto. Sono attribuiti compensi alle figure sensibili per un totale di ,00 lordo dipendente DOCENTI REFERENTI PER LA SICUREZZA NEI VARI PLESSI I LORO COMPITI SONO: - verificare le planimetrie e l adeguatezza delle vie di fuga - verificare periodicamente la rispondenza della struttura e degli arredi - segnalare al comune le urgenze relative a guasti o rotture che richiedano interventi urgenti - partecipare alle riunioni periodiche - verificare che vengano effettuate le informative agli alunni per l evacuazione in caso di pericolo - coordinare lo sfollamento dell edificio - attivare percorsi di informazione e di sensibilizzazione del personale del plesso e degli alunni al fine di promuovere nella scuola una cultura della sicurezza e della prevenzione - segnalare guasti, richieste di manutenzione, elementi di rischio - presidiare la documentazione relativa alla valutazione dei rischi, all evacuazione, al Sistema di gestione della sicurezza (Procedure e direttive) La disponibilità lordo dipendente di 77,32 si utilizzerà per eventuali esigenze che potrebbero verificarsi. Le attività dei docenti retribuibili con la disponibilità degli anni precedenti inserita nel Programma Annuale dell Istituto, pari ad ,96 lordo dipendente e di ,14 lordo Stato, sono le seguenti: - sistemazione della documentazione didattica ed organizzativa a.s. 2011/2012 da parte dei docenti collaboratori del Dirigente Scolastico nei mesi di giugno e luglio - incremento attività di commissioni e gruppi di lavoro - incremento realizzazione progetti POF - compenso forfetario supporto all handicap - bonus di 100 per chi superi le 20 ore di formazione Collaboratori del dirigente scolastico per lavori 1200,00 di raccolta documentazione progetti 5985,00 commissioni 3307,50 Incentivo per formazione 500,00 Incentivo per hc per docente sostegno classe 2b 292,46 scuola primaria S. Antonino TOTALE lordo dipendente ,96 7

8 DOCENTI FUNZIONI STRUMENTALI AL Piano dell Offerta Formativa: art. 33 del CCNL L ammontare lordo Stato assegnato è di ,83, il lordo dipendente è di ,37 Il collegio ha individuato alla luce delle attività da svolgere nell ambito del POF n. 10 funzioni Il collegio, fissati i criteri di attribuzione, ha designato i docenti che espleteranno le funzioni individuate Dal momento che nel Collegio è stato suggerito di individuare più referenti nell istituto ognuno dei quali incaricato di coordinare i gruppi di lavoro e documentare le attività realizzate, si ritiene opportuno implementare l assegnazione per le funzioni strumentali di 1.390,63 lordo dipendente per definire in modo equo i compensi attingendo dalla risorsa del Fondo d Istituto. Pertanto il fabbisogno necessario per compensare le prestazioni dei docenti funzione strumentale è di ,56 lordo dipendente. AREA 2 (A) SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE - 1 Obiettivi d Area: Continuità educativa tra Scuola dell'infanzia e Scuola Primaria Coordinamento della progettazione della Scuola dell'infanzia Cura della documentazione 1.500,00 AREA 2 ( B) SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE 2 Obiettivi d Area: Coordinamento del lavoro sul curricolo in verticale di matematica Continuità educativa tra Scuola Primaria e scuola secondaria Proposte per la formazione dei docenti Documentazione didattica delle attività 1.500,00 AREA 2 (C) SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE - 3 Obiettivi d Area: Coordinamento del lavoro sul curricolo in verticale di italiano e del gruppo di lavoro della scuola primaria Proposte per la formazione dei docenti Cura della documentazione 1.500,00 AREA 2 (D) SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE - 4 Obiettivi d Area cogestione del sito web della scuola e sua valorizzazione Ricognizione della documentazione, valutazione, pubblicazione e aggiornamenti di pagine e contenuti Consulenza ai referenti dei plessi e supporto tecnico anche per acquisti di software didattico Raccolta e archiviazione di materiali didattici in formato digitale 8

9 1.500,00 AREA 3 (A) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI 5 Obiettivi d Area: Coordinamento del GRUPPO H di Istituto proposte per acquisti di sussidi specialistici coordinamento lavori sul protocollo HC Proposte per la formazione dei docenti Documentazione didattica delle attività e cura dei dossier alunni 1.300,00 AREA 3 (B) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI 6 Obiettivi d Area: Coordinamento della Commissione DSA e della commissione Disagio cura dei dossier alunni DSA e dei PeP Cura della documentazione delle commissioni coordinamento sportello informativo per genitori e docenti 1.200,00 AREA 3 (C) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI 7 Obiettivi d Area: Coordinamento del progetto orientamento e del gruppo di lavoro Coordinamento attività di orientamento c/o Istituti superiori e nell Istituto Cura della documentazione 1.500,00 AREA 3 (D) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI - 8 Obiettivi d Area: Coordinamento della Commissione Integrazione stranieri Coordinamento dei corsi di alfabetizzazione e delle attività in favore degli alunni stranieri Proposte per la formazione dei docenti Cura della documentazione predisposizione e cura di tutti i materiali utili 1.200,00 AREA 3 (D) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI - 9 Obiettivi d Area: Coordinamento dei corsi di alfabetizzazione e delle attività in favore degli alunni DSA 9

10 Proposte per la formazione dei docenti Cura della documentazione 592,46 AREA 3 (D) INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI - 10 Obiettivi d Area: Coordinamento della Commissione Integrazione Coordinamento dei corsi di alfabetizzazione e delle attività in favore degli alunni stranieri Proposte per la formazione dei docenti Cura della documentazione 800,00 ORE ECCEDENTI IN SOSTITUZIONE COLLEGHI ASSENTI Le ore eccedenti per sostituzione colleghi assenti ammontano ad 2.470,65 lordo dipendente e ad 3.278,55 lordo Stato Le economie relative al periodo gennaio-agosto 2011 derivanti da Cedolino Unico ammontano ad 2.990,47 lordo dipendente ed 3.965,61 lordo Stato ORE ECCEDENTI ATTIVITA COMPLEMENTARI ED. FISICA Le ore eccedenti per attività complementare di Ed. Fisica ammontano ad 3.113,05 lordo dipendente ed 4.131,01 lordo Stato Le economie relative al periodo gennaio-agosto 2011 derivanti da Cedolino Unico ammontano ad 820,52 lordo dipendente ed 1.082,63 lordo Stato COMPENSI SU PROGETTI PROVENIENTI DA FONDI STATALI E ALTRE FONTI Fondi Statali 10

11 Lordo dipendente Lordo Stato Integrazione alunni stranieri 894, ,01 Fasce deboli/aree a forte processo migratorio 167,66 222,48 Istruzione domiciliare 926, ,32 Interventi specifici di recupero e sostegno 5,84 7,75 Fondi Enti Locali Fondazione per la scuola Compagnia di S. Paolo Dall Io al Noi Progettare e costruire ponti di cittadinanza attiva 853, ,99 Centoscuole 5.275, ,00 Dispersione scolastica 698,23 926,55 Provincia Torino Orientamento 489,97 650,19 Comune S.Didero Funzioni Miste al personale Collaboratore scolastico 720,00 955,44 Comunità Montana razionalizzazione delle situazioni di pluriclasse sc. primaria di S.Didero 2.616, ,06 Le ore di insegnamento programmate saranno retribuite nella misura prevista dal vigente contratto al momento della prestazione. I criteri di individuazione dei docenti che saranno impegnati nell attività a sostegno degli alunni stranieri sono i seguenti: 1. disponibilità 2. esperienze pregresse 3. partecipazione al gruppo di lavoro sugli stranieri Art Impegni di spesa A norma dell'art. 51, comma 30, del D.L.29/79 e successive modificazioni ed integrazioni, il presente accordo non comporta a carico degli esercizi finanziari successivi, impegni di spesa eccedenti le disponibilità finanziarie definite dal CCNL e quindi le risorse assegnate alla scuola. Art 13 criteri di rendicontazione dell attività ed erogazione dei compensi. La condivisione di quanto previsto nel Piano dell offerta Formativa implica anche l assunzione di responsabilità individuale rispetto agli esiti delle attività realizzate, per cui tutto il personale che percepisce un compenso è tenuto a rendicontare l attività svolta, rispetto a n./ore effettuate, esiti, difficoltà incontrate, correttivi da attuare nel futuro per migliorare gli interventi, seguendo una scheda guida. I compensi sono erogati, dopo puntuale rendicontazione, relativamente alle prestazioni effettuate entro il 31 dicembre 2011 e nei limiti dei 4/12 del FIS assegnato per l a.s. 2011/2012 Art.14 - Criteri relativi alla riduzione delle indennità e compensi retribuiti con il fondo d'istituto per chi si assenta dal servizio per malattia (applicazione dell art. 71 del d.l. n. 112/2008, convertito nella legge 133/2008, il quale ha previsto che per i periodi di assenza per malattia, di qualunque durata, ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, nei primi dieci giorni di assenza è corrisposto il trattamento economico fondamentale con esclusione di ogni indennità o emolumento, comunque denominati, aventi carattere fisso e continuativo, nonché di ogni altro trattamento accessorio) La riduzione dei compensi retribuiti con il fondo di istituto non si applica alle assenze per malattia dovute ad infortunio sul lavoro o a causa di servizio, oppure a ricovero ospedaliero o a day hospital, nonché per le assenze relative a patologie gravi che richiedano terapie salvavita. 11

12 Per i compensi di tipo forfetario si applica la riduzione qualora il compito assegnato non si sia svolto nella sua interezza. Non si procede a riduzione quando l incarico assegnato sia stato comunque effettuato anche in tempi di servizio annuale ridotti. PER LA PARTE PUBBLICA: PER LA PARTE SINDACALE: Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Susanna Tittonel RSU. RESPONSABILI DI PLESSO docente TERRANOVA VINCENZA -Secondaria S. Antonino 12

13 PETRIS NICOLETTA CARAMELLO ROBERTA PEPE AGNESE TONDA ODILIA CANTONE CLAUDIA MASERA FULVIA ALPE LAURETTA REGE COLETTI FLAVIA BUONAGURA GIUSEPPINA GOMBIA SILVANA CAPELLO FULVIA NICOLA CINZIA CHIABERTO FRANCA BINELLI ADELE -Secondaria S. Antonino -primaria S. Antonino -primaria S. Antonino -infanzia S. Antonino -infanzia S. Antonino -Infanzia Vaie -primaria Vaie -primaria Borgone -secondaria Borgone -Infanzia San Didero -Primaria San Didero -Primaria San Didero -Primaria Villar Focchiardo -Infanzia Villar Focchiardo Compensi responsabili di plesso docente Compenso lordo 4/12 8/12 13

14 dipendente TERRANOVA VINCENZA Secondaria S. Antonino 650,00 PETRIS NICOLETTA Secondaria S. Antonino 500,00 CARAMELLO ROBERTA primaria S. Antonino 550,00 PEPE AGNESE primaria S. Antonino 550,00 TONDA ODILIA infanzia S. Antonino 450,00 CANTONE CLAUDIA infanzia S. Antonino 450,00 MASERA FULVIA Infanzia Vaie 550,00 ALPE LAURETTA Primaria Vaie 850,00 REGE COLETTI FLAVIA Primaria Borgone 850,00 BUONAGURA GIUSEPPINA secondaria Borgone 900,00 GOMBIA SILVANA Infanzia San Didero 500,00 CAPELLO FULVIA Primaria San Didero 300,00 NICOLA CINZIA Primaria San Didero 300,00 CHIABERTO FRANCA Primaria Villar Focchiardo 850,00 BINELLI ADELE Infanzia Villar Focchiardo 500,00 TOTALE LORDO DIPENDENTE 8750,00 DOCENTI COORDINATORI DEI CONSIGLI DI CLASSE NELLA SCUOLA SECONDARIA 14

15 Compenso forfetario 200 annui per n. 13 docenti per un totale di 2.600,00 lordo dipendente 1A Ciarlo Laura 2A Boschetti M. Cristina 3A De Marco Gisella 1B Rollo Angelo 2B Moschella M.Antonia 3B Gadoni Elena 1C Melluso Eliana 2C Petris Nicoletta 3C Sirio Stella 1D Santimone Andrea 1F Cancelli Valentina 2F Viero Gisella 3F Perino Giorgio DOCENTI FUNZIONE STRUMENTALE A.S. 2011/12 15

16 Compensi lordo dipendente LUNESU AURORA - continuità e curricolo di matematica 1500,00 CATTERO CARLA - curricolo di italiano 1500,00 ILOTTI ELISABETTA curricolo scuola infanzia 1500,00 ROCCI PAOLA - gestione tic 1500,00 GAGNOR EMANUELA sostegno all handicap 1300,00 CERAVOLO CRISTINA alunni con DSA e disagio 1200,00 BOSCHETTI M. CRISTINA - orientamento 1500,00 VANNINI MANUELA sostegno agli alunni stranieri e loro integrazione 1200,00 LATEANA CARMELINA 592,46 COGERINO GIOVANNA 800,00 TOTALE ,46 Totale lordo dipendente ,46 (11.209,37 Budget Funzioni Strumentali ,63 si attingono dal Fondo Istituto) Totale lordo Stato ,20 16

17 17

18 18

19 19

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

COSA SI DEVE FARE E COSA SI PUO NON FARE

COSA SI DEVE FARE E COSA SI PUO NON FARE UGL DEGLI INSEGNANTI Federazione Scuola Provincia di PALERMO a.s. 2011-2012 COSA SI DEVE FARE E COSA SI PUO NON FARE PICCOLI CONSIGLI A CURA DELLA SEGRETERIA PROVINCIALE UGL SCUOLA DI PALERMO Dr. Francesco

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE Di seguito l indicazione della spettanza ferie per ciascuna categoria di beneficiari, come prevista dal vigente CONTRATTO

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico.

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico. Oggetto: contrattazione integrativa a livello di Istituzione Scolastica per la determinazione dei criteri riguardanti l assegnazione del personale docente e ATA ai plessi: a.s. 2011/2012. Istituzione Scolastica:

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli