PERCHÉ UN PROJECT FINANCING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCHÉ UN PROJECT FINANCING"

Transcript

1 PERCHÉ UN PROJECT FINANCING Scelta dettata sostanzialmente dall apporto da parte del privato di una quota del finanziamento dell opera pari al 46 % A compensazione dell investimento il privato ottiene una concessione per 19 anni della gestione di alcuni servizi non sanitari dietro pagamento di un canone nonchè dei servizi commerciali

2 UN PO DI DATE = delibera Consiglio regionale che dà vita al progetto = nascita del SIOR = dichiarazione di pubblico interesse della proposta del Promotore = sottoscrizione Accordo di Programma = approvazione progetto preliminare = firma della Convenzione = approvazione progetto definitivo = approvazione progetto esecutivo MAGGIO 2010 = inizio lavori MARZO 2013 = collaudo LUGLIO 2013 = apertura attività 34 mesi (28 + 6) 4 mesi per il trasloco

3 UN PO DI NUMERI COSTO DELL OPERA = costruzione (di cui per fondo di accantonamento) costo dell opera al progetto definitivo attivazione attrezzature elettromedicali attrezzature informatiche arredi arredi bagni segnaletica connettività telefonica trasloco e facchinaggio pulizie straordinarie

4 UN PO DI NUMERI RIPARTIZIONE DEL FINANZIAMENTO art. 20 Stato investimento privato alienazioni dal Ceppo azienda mutuo autofinanziamento Azienda Possibilità di utilizzazione dei fondi stanziati dall art. 15 della LR n. 65/2010 (legge finanziaria 2011)

5 IL NOSTRO PARTNER Astaldi Techint Pizzarotti Marco Foti cons. delegato SAT Giovanni Cataldi dirett. operativo SAT Stefano Soncini amm. delegato COSAT Promotore Concessionario Società di costruzione COSAT Società di Progetto SAT

6 ALCUNI ASPETTI PARTICOLARI COSA NON CI SARA NELLA NUOVA ORGANIZZAZIONE COSA NON RIENTRA NEI SERVIZI IN CONCESSIONE morgue, vigilanza, centralino, sistema informatico, utenze INCOGNITE DEL TRASPORTO MECCANIZZATO IL MINIMO GARANTITO PER IL CONCESSIONARIO PROGRAMMABILITA DELLA DOMANDA SANITARIA/ BISOGNO SANITARIO LIBERA PROFESSIONE 15 (? ) camere a pagamento in concessione RECUPERO FUGHE GIA STIMATO NEL PIANO FINANZIARIO PUNTI ROSSI DISTRIBUTORI AUTOMATICI chi li gestirà?

7 GLOSSARIO SIOR = sistema integrato ospedali regionali RUP = responsabile unico del procedimento PUV = piano unico di valorizzazione degli immobili CAV = commissione alta vigilanza sulla concessione PROJECT FINANCING = forma di appalto con il diretto concorso del privato al finanziamento dell opera ART. 20 L. 67/1988 = norma madre per il finanziamento dell edilizia ospedaliera pubblica ACCORDO DI PROGRAMMA = la modalità con la quale soggetti pubblici definiscono e attuano opere e interventi che richiedono azioni integrate e coordinate

8 LE TARIFFE MENSILI COSTI CHE INCREMENTANO manutenzioni opere civili e impianti tecnologici manutenzione verde ristorazione degenti e personale COSTI CHE DIMINUISCONO pulizie lavanolo smaltimento rifiuti COSTI NUOVI O NEUTRI trasporto meccanizzato sterilizzazione libera professione

9 11 SUBAPPALTI APPALTO REFERENTE 1 MANUTENZIONE IMMOBILI E IMPIANTI FISSI TESI 2 SERVIZIO PULIZIA MANCERI - CIRILLO 3 LAVANDERIA, GUARDAROBA E STERILIZZAZIONE BIANCHERIA TRAVAGLIA - PENNETTA 4 SMALTIMENTO RIFIUTI MANCERI - CIRILLO 5 SERVIZIO RISTORAZIONE/MENSA PERSONALE E VISITATORI FABBRI - MARIANI 6 SERVIZIO RISTORAZIONE DEGENTI FABBRI - MARIANI 7 SERVIZIO STERILIZZAZIONE FROSINI 8 MANUTENZIONE VERDE PAOLINI 9 STRUTTURE PER LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA DOMENICHINI 10 GESTIONE TRASPORTO MECCANIZZATO TESI (O DELEGATO) + PENNETTA 11 SERVIZI COMMERCIALI MINGHETTI

10 SERVIZI COMMERCIALI CIRCA 1430 MQ GESTIONE DIRETTA DA PARTE DEL CONCESSIONARIO GIA DEFINITI: BAR EDICOLA PARCHEGGIO (fuori dalla superficie sopra indicata) DA DEFINIRE: qualsiasi altra attività che ottenga la clausola di gradimento della Direzione sanitaria (ad esempio: spazi pubblicitari)

DELIBERAZIONE N. 10 Adunanza del 25 gennaio 2012

DELIBERAZIONE N. 10 Adunanza del 25 gennaio 2012 DELIBERAZIONE N. 10 Adunanza del 25 gennaio 2012 Oggetto: Costruzione dei nuovi quattro Ospedali della Toscana. Il Consiglio Visto il Piano ispettivo approvato dal Consiglio dell Autorità nell adunanza

Dettagli

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management OSPEDALE Il Governo dei Servizi di Facility Management 0 La Regione Toscana ha in atto una riorganizzazione della rete ospedaliera finalizzata a offrire servizi sanitari di qualità con strutture più funzionali

Dettagli

4 Nuovi Ospedali in Toscana

4 Nuovi Ospedali in Toscana Nuovi Ospedali Apuane, Lucca, Pistoia, Prato 4 Nuovi Ospedali in Toscana Bruno Cravedi Carbonia 30 marzo 2015 1 Indice Il contesto del progetto I parametri di riferimento Le caratteristiche del progetto

Dettagli

Smaltimento e trasporto rifiuti. Rifiuti ospedalieri, rifiuti liquidi. Rifiuti tossico nocivi, speciali, cimiteriali, scorie, ceneri, polveri

Smaltimento e trasporto rifiuti. Rifiuti ospedalieri, rifiuti liquidi. Rifiuti tossico nocivi, speciali, cimiteriali, scorie, ceneri, polveri SEA00 Smaltimento e trasporto rifiuti SEA01 Rifiuti solidi urbani (R.S.U.) SEA02 Rifiuti ospedalieri, rifiuti liquidi SEA03 Rifiuti tossico nocivi, speciali, cimiteriali, scorie, ceneri, polveri SEA04

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

!"#$%&'()4%EE,)F%>'(#&%

!#$%&'()4%EE,)F%>'(#&% GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices!"#$%&'()4%EE,)F%>'(#&%!"#$%&'()'"(*+',"( (-./012 3#4(3% &#'% imposta comunale sugli immobili 3111 imposta comunale sulla pubblicità 3112

Dettagli

Risposte Azienda USL 4 Prato

Risposte Azienda USL 4 Prato CHIARIMENTI E APPROFONDIMENTI RICHIESTI Il documento Linee guida per la progettazione approvato nelle Delibere dei D.G. delle Aziende Usl di Prato, Pistoia, Lucca e Massa-Carrara in data 12/03/03 dichiara

Dettagli

Il project financing a Santorso

Il project financing a Santorso Il project financing a Santorso Leonardo Padrin (PDL) Presidente Commissione cons. regionale Sanità GdV del 07.10.2010: Leonardo Padrin : «Due articoli del contratto non hanno fondamento giuridico». Il

Dettagli

ENTRATE Voce Elementare CONSUNTIVO ESERCIZIO 200. PER FUNZIONE

ENTRATE Voce Elementare CONSUNTIVO ESERCIZIO 200. PER FUNZIONE ENTRATE Voce Elementare Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi al 01/01 al 31/12 Avanzo di amministrazione accertato AAAP

Dettagli

Gestione Competenza. Accertamenti. di cui gestione competenza

Gestione Competenza. Accertamenti. di cui gestione competenza Dati di sintesi consuntivo 2013 ENTRATE Università degli Studi di Bergamo Accertamenti Riscossioni E100 ENTRATE PROPRIE 42.962.807,56 27.344.328,30 28.421.968,05 23.325.655,61 15.706.914,87 14.540.839,51

Dettagli

Ospedale Papa Giovanni XXIII

Ospedale Papa Giovanni XXIII Ospedale Papa Giovanni XXIII Visita della Seconda Commissione consiliare del Comune di Bergamo 1 Presentazione Ospedale Papa Giovanni XXIII Trucca a seguito di ampio e acceso dibattito, svoltosi attorno

Dettagli

Milano, Febbraio 2013

Milano, Febbraio 2013 CITTÀ DELLA SALUTE E DELLA RICERCA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DELL INTERVENTO Milano, Febbraio 2013 Pag. 2 La Città della Salute e della Ricerca costituirà un nuovo complesso sanitario di ricerca, clinica

Dettagli

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA A.P.S.P. CASA LANER FOLGARIA BUDGET 2011 L1 L2 L3 L4 L5 L6 S o t t o c o n t o Budget 2010 Budget 2011 ECONOMICO RICAVI 2.836.142,05 2.841.600,00 3 CONTO ECONOMICO 1 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.836.142,05

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE

MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI TECNICI U.O. Edilizia MANUTENZIONE ORDINARIA PREVENTIVA E/O A GUASTO DELLA COMPONENTE EDILE DEGLI EDIFICI IN PROPRIETA E/O GESTIONE ALLA PROVINCIA DI TRIESTE RELAZIONE ILLUSTRATIVA CAPITOLATO

Dettagli

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROPOSTA DI PROJET FINANCING PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN TEMPIO CREMATORIO CON ANNESSA SALA DEL COMMIATO DA REALIZZARSI NEL CIMITERO COMUNALE REALIZZAZIONE AI SENSI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. VALORI DELLE FUNZIONI - Esercizio 2014 -

Dettagli

A.DI.S.U. PERUGIA. : Bilancio di Previsione su 6 colonne : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist. Data della stampa : 16/02/2015

A.DI.S.U. PERUGIA. : Bilancio di Previsione su 6 colonne : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist. Data della stampa : 16/02/2015 A.DI.S.U. PERUGIA Stampa : Bilancio di Previsione su 6 colonne Nome file : D:\AscotWeb\tmp\ascotweb\FBI34481.ist Eseguito da : F00CAPST Data della stampa : 16/02/2015 +----------------------------------------------+

Dettagli

NUOVO OSPEDALE SAN MARCO IN LIBRINO E CENTRO DI ECCELLENZA ORTOPEDICO RELAZIONE DI SINTESI SUI SERVIZI DI SUPPORTO

NUOVO OSPEDALE SAN MARCO IN LIBRINO E CENTRO DI ECCELLENZA ORTOPEDICO RELAZIONE DI SINTESI SUI SERVIZI DI SUPPORTO Regione Siciliana AZIENDA OSPEDALI VITTORIO EMANUELE, FERRAROTTO e S. BAMBINO CATANIA NUOVO OSPEDALE SAN MARCO IN LIBRINO E CENTRO DI ECCELLENZA ORTOPEDICO RELAZIONE DI SINTESI SUI SERVIZI DI SUPPORTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. - Esercizio 2008 - Consolidato Ateneo UNIVERSITA

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 NOZIONE Il Project Financing (PF) è un operazione di finanziamento tesa

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA PRESENTAZIONE GENERALE. STRUTTURA ED OBIETTIVI DEL PROGETTO

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA PRESENTAZIONE GENERALE. STRUTTURA ED OBIETTIVI DEL PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE. STRUTTURA ED OBIETTIVI DEL PROGETTO Con delibera n.1970 del 19/12/2008 Approvazione delle linee guida della programmazione per la riorganizzazione funzionale, logistica ed edilizia

Dettagli

Categoria. Pagina 1 SIOPE. DlSPONIBILITA' LIQUIDE

Categoria. Pagina 1 SIOPE. DlSPONIBILITA' LIQUIDE DlSPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1 Ente Codice Ente Descrizione Categoria Sotto Categoria Periodo Prospetto Tipo Report Data ultimo aggiornamento Data stampa Importi in EURO 000715784000000 UN]VERSlTA'

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013" Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013 Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro CONTESTO PATRIMONIALE QUO ANTE TIPOLOGIA DELL INTERVENTO: Progettazione, riqualificazione e ampliamento delle

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.337.018,68 2.304.701,40 RICAVI DA VENDITE E PRESTAZIONI 2.260.952,32 2.245.293,22 RICAVI R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.090.612,80 2.096.274,38 RICAVI

Dettagli

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio)

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio) S100 RISORSE UMANE S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO S111 Competenze fisse personale a tempo in 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo in 1112 Competenze fisse ai dirigenti

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO OSPEDALI REGIONALI Associazione Aziende USL progetto nuovi ospedali 4Prato-3Pistoia-2Lucca-1Massa e Carrara

SISTEMA INTEGRATO OSPEDALI REGIONALI Associazione Aziende USL progetto nuovi ospedali 4Prato-3Pistoia-2Lucca-1Massa e Carrara BANDO DI GARA DI PROJECT FINANCING PER LA PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI E PER LA GESTIONE DEI RELATIVI SERVIZI NON SANITARI E COMMERCIALI (art. 37 quater legge 109/94 e s.m.) SSeezzi

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01. ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.1996) Tra la PROVINCIA di BERGAMO e l Istituto. L anno 2012, il giorno. del

Dettagli

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di TRASPORTI E TERRITORIO prof. ing. Agostino Nuzzolo Il Project Financing nella realizzazione delle infrastrutture di trasporto 1 Il Project Financing Definizione Il Project Financing g( (o finanza

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013 SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000141639000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2013 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI

Dettagli

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo)

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo) DAAP Disavanzo di amministrazione accertato nell'esercizio precedente 0 S100 RISORSE UMANE 39.820.913 39.445.153 38.444.457 38.082.142 378.270 1.376.456 S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO 26.495.221

Dettagli

Project financing & Leasing in costruendo

Project financing & Leasing in costruendo Project financing & Leasing in costruendo Aspetti tecnici, giuridici ed economici della finanza di progetto e della locazione finanziaria pubblica aggiornati al terzo correttivo al Codice degli appalti

Dettagli

SCHEDA DOCUMENTO N. Del: FMI - Facility Management Italia 26 01/2015. Data rimozione:

SCHEDA DOCUMENTO N. Del: FMI - Facility Management Italia 26 01/2015. Data rimozione: CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 5080 TIPO DI DOCUMENTO: ARTICOLO TITOLO: AUSL ''San Jacopo'' di Pistoia: il governo dei servizi in concessione SOTTOTITOLO: AUTORE: Cognome Nome (max. 3 tra virgole) / Ente

Dettagli

SERVIZIO RILEVAZIONE PREZZI SANITA. Manuale utente. Ver. 1.0. Manuale utente Servizio Rilevazione Prezzi Sanità Pag. 1 di 62

SERVIZIO RILEVAZIONE PREZZI SANITA. Manuale utente. Ver. 1.0. Manuale utente Servizio Rilevazione Prezzi Sanità Pag. 1 di 62 SERVIZIO RILEVAZIONE PREZZI SANITA Manuale utente Ver. 1.0 Manuale utente Servizio Rilevazione Prezzi Sanità Pag. 1 di 62 Sommario 1 ACCESSO ALL APPLICAZIONE... 4 2 FARMACI PER USO OSPEDALIERO... 8 2.1

Dettagli

Security Package S.r.l. gennaio 2009

Security Package S.r.l. gennaio 2009 Security Package S.r.l. gennaio 2009 Soci Ing. Attilio E. Nulli Ing. Riccardo C. Corti Laurea in ingegneria meccanica, ha operato, fin dal 1965, nel settore Ingegneria civile del gruppo IMPREGILO, assumendo

Dettagli

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI 000700930 - REGIONE BASILICATA TITOLO 1o: ENTRATE DERIVANTI DA TRIBUTI PROPRI DELLA

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE COSTITUITO DAL NUOVO PALAZZETTO DELLO SPORT E DA DUE CAMPI DA CALCETTO/TENNIS FOGLIO CONDIZIONI ART. 1

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2012

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2012 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2012 UNITA COMPLESSA SERVIZI TECNICI E GESTIONE SEDI 65 Scheda Progetto 63 GESTIONE ORDINARIA GESTIONE LOCAZIONI SEDI CONSILIARI (Art. 12 UFFICIO

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

Nel luglio scorso l Asl 3

Nel luglio scorso l Asl 3 L Ospedale del mese In Toscana Giuseppe La Franca architetto San Jacopo, Pistoia. Il nuovo ospedale Nel luglio scorso l Asl 3 di Pistoia ha trasferito le proprie attività nel nuovo edificio, primo tra

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

La nuova. l assistenza. 4 nuovi ospedali in Toscana. Apuane, Lucca, Pistoia, Prato. Ospedale di Pistoia

La nuova. l assistenza. 4 nuovi ospedali in Toscana. Apuane, Lucca, Pistoia, Prato. Ospedale di Pistoia La nuova formula per l assistenza ospedaliera. 4 nuovi ospedali in Toscana Apuane, Lucca, Pistoia, Prato Ospedale di Pistoia Presentazione La realizzazione del progetto regionale dei 4 Nuovi Ospedali,

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5 CA.01 ATTIVO 1 CA.01.010 IMMOBILIZZAZIONI 2 CA.01.010.01 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 3 CA.01.010.01.01 Costi di impianto, di ampliamento e di sviluppo 4 CA.01.010.01.02 Diritti di brevetto e diritti di

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera 3 SETTORE AREA TECNICA Servizio II Urbanistica Bando ricognitivo per la verifica dell esistenza di manifestazioni di interesse per l affidamento in concessione con

Dettagli

- la legge regionale n. 8/1998, art. 25 al comma 2 stabilisce che Il servizio abitativo è gestito

- la legge regionale n. 8/1998, art. 25 al comma 2 stabilisce che Il servizio abitativo è gestito CONVENZIONE TRA ESU DI PADOVA AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E IL COLLEGIO UNIVERSITARIO GREGORIANUM PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO A STUDENTI UNIVERSITARI TRA ESU di Padova -

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Criteri di aggregazione

Criteri di aggregazione INCASSI PER CODICI SIOPE Pagina 1 Criteri di aggregazione Categoria Regioni e province autonome di Trento e di Bolzano Sotto Categoria REGIONI - GESTIONE SANITARIA Circoscrizione ITALIA NORD-OCCIDENTALE

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

BILANCIO ANNUALE ECONOMICO PREVENTIVO ANNO 2012

BILANCIO ANNUALE ECONOMICO PREVENTIVO ANNO 2012 BILANCIO ANNUALE ECONOMICO PREVENTIVO ANNO 2012 Allegato D alla delibera del Consiglio di Amministrazione n 31 del 14.12.2011 BILANCIO ECONOMICO PREVENTIVO 2012 PREV.2011 PREVISIONE 2012 A) Valore della

Dettagli

Partenariato pubblico e privato in sanità: investimenti e regole La realizzazione di strutture sanitarie in PPP

Partenariato pubblico e privato in sanità: investimenti e regole La realizzazione di strutture sanitarie in PPP FARE INSIEME: LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI IN RETE. Una rete per la salute 9/5/2006 ore 15,00 Partenariato pubblico e privato in sanità: investimenti e regole La realizzazione di strutture sanitarie in

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II "

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II " BILANCIO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE NON AUTORIZZATORIO - ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 - *** RICLASSIFICATO IN BASE ALLA TASSONOMIA SIOPE Entrate - - Avanzo

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE ALLETO { :.::!bera n._ 3

NOTE ILLUSTRATIVE ALLETO { :.::!bera n._ 3 NOTE ILLUSTRATIVE ALLETO { :.::!bera n._ 3 1. PREMESSA (ai sensi dell art. 25 del Decreto Legislativo n. 118 del 23 giugno 2011) NOTE ILLUSTRAT1VE AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA REGIONE PUGLIA CONSORZIALE

Dettagli

Comune Castel San Giovanni

Comune Castel San Giovanni Comune Castel San Giovanni Approvato deliberazione Consiglio comunale n. 44 del 29.11.2013 1 I N D I C E Articolo 1 - Scopo del Regolamento pag. 1 Articolo 2 - Affidamento del servizio economato pag. 1

Dettagli

COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce DIREZIONE LAVORI PUBBLICI Tel. 0836/633250 Fax 0836/633270 * C.F. 80008170757 P.I.

COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce DIREZIONE LAVORI PUBBLICI Tel. 0836/633250 Fax 0836/633270 * C.F. 80008170757 P.I. REALIZZAZIONE PISCINA COMUNALE PRESSO IL COMPLESSO SPORTIVO COMUNALE FERNANDO PANICO IN VIA CHIETI" S T U D I O D I F A T T I B I L I T A (ART. 128 comma 6 D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.) SVILUPPO DEGLI STUDI

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di ROMA \ Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO Sede legale: TIVOLI (RM) VIA

Dettagli

VALUTAZIONE IMPATTO ECONOMICO (V.I.E.)

VALUTAZIONE IMPATTO ECONOMICO (V.I.E.) (Modello V.I.E, vedi art. 6 dell articolato recante le disposizioni) VALUTAZIONE IMPATTO ECONOMICO (V.I.E.) DELLA SEGUENTE NUOVA REALIZZAZIONE (breve descrizione dell attività proposta): L area oggetto

Dettagli

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE TIPOLOGIA D'INTERVENTO (TABELLA 1) CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) RISORSE DISPONIBILI

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE TIPOLOGIA D'INTERVENTO (TABELLA 1) CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) RISORSE DISPONIBILI PROGRAMMA TRIENNALE 20152017 QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE Scheda 1 TIPOLOGIA D'INTERVENTO (TABELLA 1) CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) RISORSE DISPONIBILI RISTRUTTURAZIONE COMPLETAMENTO COMPLETAMENTO

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO

STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZI IN AFFIDAMENTO AL CONCESSIONARIO S.1.9 SERVIZI DI TRASLOCO E TRASFERIMENTO Coordinamento Generale e Responsabile del Procedimento Dirigente dell A.P.O.P. Responsabile del

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 3 dicembre 2014 Valentina Antoniucci valutareilprogetto2@gmail.com Estimo Corso di laurea magistrale in Architettura per il

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014

APSP Città di Riva - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 31/12/2014 31/12/2013 A) Valore della produzione I) Ricavi da vendita e prestazioni 4.990.059 5.030.562 R.S.A. - Casa di Soggiorno

Dettagli

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO 1 A ABITI CIVILI 1 B DIVISE, UNIFORMI DI FOGGIA MILITARE 1 C ABITI DA LAVORO E INDUMENTI ANTINFORTUNISTICI - PRODOTTI

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 6 4 Del 29 aprile 2013 OGGETTO Indirizzi al Responsabile per l'affidamento del servizio di gestione della "Comunità Alloggio" e del

Dettagli

Comune di Positano Provincia di Salerno Città Romantica (Via G. Marconi, 111 84017 Positano P.I. 00232340653)

Comune di Positano Provincia di Salerno Città Romantica (Via G. Marconi, 111 84017 Positano P.I. 00232340653) Comune di Positano Provincia di Salerno Città Romantica (Via G. Marconi, 111 84017 Positano P.I. 00232340653) Prot. n. 8964 / 2015 Oggetto: BANDO DI GARA di Project Financing ex art. 153 comma 19 D.Lgs.

Dettagli

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING Città di Melegnano (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING CAPITOLATO PRESTAZIONALE E SCHEMA TECNICO PER REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana)

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) C O M U N E D I A Z Z A T E Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) Approvato con delib. C.C. n. 18 del 10.03.2006 Pubblicato

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394

Unità Operativa Complessa Appalti e Forniture Tel. 091.7808725 Fax. 091.7808394 Azienda Ospedaliera OSPEDALI RIUNITI VILLA SOFIA CERVELLO Legge Regionale n.5 del 14/04/2009 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo -Tel 0917801111 - P.I.05841780827 Unità Operativa Complessa

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI BERGAMO Antonio Locatelli

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI BERGAMO Antonio Locatelli 1 BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE IN AFITTO DEL RAMO DELL AZIENDA DELL IMMOBILE E DELLE PERTINENZE DEL RIFUGIO ALPINISTICO LUIGI ALBANI SITO IN COMUNE DI COLERE ENTE CONCEDENTE Sezione di Bergamo del

Dettagli

INCUBATORE DI IMPRESE - REGOLAMENTO -

INCUBATORE DI IMPRESE - REGOLAMENTO - Pag 1/7 INCUBATORE DI IMPRESE Rev 5 del 19/07/2011 L incubatore d imprese consente di favorire il processo di sviluppo imprenditoriale, fornendo un sostegno che prevede: la disponibilità di spazi attrezzati

Dettagli

La Biblioteca Pubblica: un servizio su cui investire

La Biblioteca Pubblica: un servizio su cui investire La Biblioteca Pubblica: un servizio su cui investire Milano 6 dicembre 2006 Sergio Conti Realizzare e gestire Biblioteche Pubbliche occasione unica Occasione unica per la comunità locale Occasione unica

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

L anno il giorno del mese di, con la presente scrittura privata

L anno il giorno del mese di, con la presente scrittura privata CONTRATTO RELATIVO AL SERVIZIO DI PULIZIA, DI SANIFICAZIONE E SANITIZZAZIONE, DI FACCHINAGGIO, DI LOGISTICA E MOVIMENTAZIONE/DISTRIBUZIONE MERCI PRESSO I MAGAZZINI FARMACEUTICO ED ECONOMALE, DI PORTIERATO

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO.

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. EMILIA-ROMAGNA Documento definitivo, 09 ottobre 2014 Indice 1. La valutazione

Dettagli

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Sistema CUP: differenze tra spese di sviluppo e di gestione M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

Dettagli

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE M PAT 03 Pag. 1/6 DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE Il sottoscritto: nome cognome ; nato a prov. ; il C. F. RICHIEDENTE e legale rappresentante della ditta: con sede in comune di prov. cap via n Tel Fax Sito

Dettagli

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto

Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Laboratorio integrato architettura e città _Valutazione economica del progetto Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 9 gennaio 2013 Valentina Antoniucci Contenuti

Dettagli

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO A

Dettagli

COMUNE DI SAMMICHELE DI BARI (Provincia di Bari) AREA TECNICA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI SAMMICHELE DI BARI (Provincia di Bari) AREA TECNICA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI SAMMICHELE DI BARI (Provincia di Bari) AREA TECNICA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI PROJECT FINANCING (art 153 comma 19 D.L.vo 163/06 e s.m.i.) BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO, AI SENSI DELL ART. 153,

Dettagli

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.R 06 DEL 27 FEBBRAIO 2015 Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico A VALORE DELLA PRODUZIONE Valore della produzione attività

Dettagli

Servizio di pulizia. Non dovranno essere inviati i dati relativi ad altre tipologie contrattuali (ad esempio la concessione, il global service, ecc.).

Servizio di pulizia. Non dovranno essere inviati i dati relativi ad altre tipologie contrattuali (ad esempio la concessione, il global service, ecc.). Servizio di pulizia Il questionario Servizio di pulizia deve essere compilato in relazione al contratto di appalto in essere al 31/12/2013 la cui procedura di scelta del contraente sia stata gestita direttamente

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO ART. 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Forma oggetto della concessione la gestione del complesso dei beni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO Personale 283.937,8 Supplenze brevi e saltuarie docenti 6.43,7 6.43,7 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 678,22 678,22 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 3

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO Personale 407.44, Supplenze brevi e saltuarie docenti 4.293,2 4.293,2 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 4.293, 4.293, 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE Apppprroovvaat too ccoonn ddeel libbeerraazzi ioonnee nn..003366/ /CC ddeel l 2200..0044..22000099 - REGOLAMENTO PPER L AFFFFIIDAMENTO IIN USSO E IIN GESSTIIONE DEGLII IIMPPIIANTII SSPPORTIIVII COMUNALII

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni ALBO dal 23.02.2011 al 16.04.2011 COMUNE DI FABRO Provincia di Terni PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE IN PROJECT FINANCING E DELLA GESTIONE DI DUE IMPIANTIDI PRODUZIONE DI ENERGIA

Dettagli

Allegato 3 PREMESSO CHE:

Allegato 3 PREMESSO CHE: CAPITOLATO DI GESTIONE ALLA SOCIETA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DENOMINATO PALABONATE SITO A BONATE SOPRA IN VIA SALVO D ACQUISTO CONVENZIONE DI GESTIONE PREMESSO CHE: - con atto n. del.. è stato approvato

Dettagli

PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE

PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE Comune di Riva del Garda BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Allegato E) PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE (Allegato al bilancio comunale nel caso in cui l'amministrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPOL. D.D. -S.NICOLA LA STRADA-

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPOL. D.D. -S.NICOLA LA STRADA- 1 Personale 166.107,24 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 10.398,15 1 Compensi netti 7.873,82 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 1.263,31 3 Ritenute erariali 1.261,02 2 Supplenze brevi e saltuarie

Dettagli

Comune di SESTU. VARIAZIONE NUMERO 4 DEL 30-11-2010 su COMPETENZA ( Dettaglio dei capitoli )

Comune di SESTU. VARIAZIONE NUMERO 4 DEL 30-11-2010 su COMPETENZA ( Dettaglio dei capitoli ) Comune di SESTU Descrizione ASSESTAMENTO DI BILANCIO VARIAZIONE NUMERO 4 DEL 30-11-2010 su COMPETENZA ( Dettaglio dei capitoli ) ATTO n. 1 Tipo 2 Cons.Comunal del 30-11-2010 Tipo Variazione 0 E/U Capitolo

Dettagli

Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali

Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali approvate con Deliberazione di Giunta n.197/2011 TESTO MODIFICATO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Sale Art. 3 Concessione Art. 4 Richieste

Dettagli

PROPOSTA DI APPROFONDIMENTO SULLA FINANZA DI PROGETTO IN VENETO

PROPOSTA DI APPROFONDIMENTO SULLA FINANZA DI PROGETTO IN VENETO DIPARTIMENTO WELFARE PREMESSA: Questo documento vuole essere il contributo del Dipartimento welfare della CGIL Veneto all approfondimento della tematica del Project Financing, con una particolare attenzione

Dettagli