Linee Guida per la gestione dei dati Biometrici - Impronte digitali e Fotografie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Guida per la gestione dei dati Biometrici - Impronte digitali e Fotografie"

Transcript

1 Passaporto - Impronte digitali e Fotografie Autori Redatto da: CNIPA e IPZS Contributi: MAE, MIN Supporto: BIOLab Università Bologna Data di Preparazione: 16 dicembre 2008 Versione 1.0

2 Sommario Acronimi... 3 Leggenda dei documenti e della normativa Scopo delle Linee Guida Descrizione generale del progetto passaporto (descrizione procedure di acquisizione e rilascio) Processo di Acquisizione della Fotografia Processo di Acquisizione dell Impronta Digitale Acquisizione impronte Verifica qualità Scelta migliore immagine da registrare Compressione Controllo impronte Trattamento dei dati biometrici Trattamento dei dati biometrici Modalità di trasmissione Formato di securizzazione Banca Dati Statistica Annesso 1 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Foto Annesso 2 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Impronte Digitali Annesso 3 Specifiche Tecniche dell algoritmo per la misura della qualità delle immagini delle impronte acquisite Annesso 4 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle delle impronte digitali in fase di acquisizione Annesso 5 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle impronte digitali in fase di consegna Pagina 2 of 21

3 Acronimi ACRONIMO CE DESCRIZIONE Commissione Europea CEN CNIPA HTTP HTTPS ICAO IPZS ISO MAE MICROCHIP o CHIP MIN PD PE PKI PS QA SIFC SOAP SSCE SSL TLS UCS UTF-8 WSDL Centro Nazionale della Polizia di Stato sito a Napoli Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Hypertext Transfer Protocol HTTP Secure International Civil Aviation Organisation Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato International Organisation for Standardisation Ministero degli Affari Esteri Componente elettronico al cui interno è inserito un circuito elettronico Ministero dell Interno Passaporto Diplomatico Passaporto Public Key Infrastructure Passaporto di Servizio Quality assurance Sistema integrato delle funzioni consolari Simple Object Access Protocol Sistema di Sicurezza del Circuito di Emissione Secure Socket Layer Transport Layer Security Universal Character Set (ISO 10646, Unicode) UCS Transformation Format, 8 Bit Web Services Description Language X.509 ITU-T Recommendation X.509, Authentication Framework NIST XML National Institute of Standards and Technology Extensible Markup Language Pagina 3 of 21

4 Leggenda dei documenti e della normativa Di seguito si elencano alcune delle principali norme che regolano il processo di emissione del Passaporto. Rif. 1 - [EU_PS] Biometrics Deployment of EU Passports; EU Passport Specification (Version of 15/02/2006); Rif. 2 - Legge 21 novembre 1967, n.1185; Rif. 3 - D.M. 29 novembre 2005; Rif. 4 - Legge 31 marzo 2005, n. 43, art. 7; Rif. 5 - D.M. 31 Marzo 2006; Rif. 6 - Regolamento del Consiglio dell Unione Europea n. 2252/2004; Rif. 7 - Decisione della Commissione europea C(2005) 409 del 28 febbraio 2005; Rif. 8 - Prescrizioni relative al passaporto UE Allegato della decisione della Commissione del 28/VI/ C (2006) 2909; Rif. 9 - D.M. 30 dicembre 1978; Rif Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196; Rif Parere Garante sull'emissione dei PE 'speciali' (diplomatici e di servizio); Rif [CBEFF] ISO/IEC CD (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N312); Rif [EFTS/F] FBI Electronic Fingerprint Transmission Specification 7.1, Appendix F; Rif [ISO_FINGER] ISO/IEC :2005; Rif [ISO_7816] ISO/IEC :2004; Rif [NFIS] Rif Norma ANSI/NIST ITL Rif ICAO/MRTD 9303 (A Passport with Machine Readable Capability) Rif NIST IR 7422 RIF Annex to the Passport Data Capture and Transfer Order (German designation PassDEÜV) Version 2.1 of Pagina 4 of 21

5 1. Scopo delle Linee Guida I passaporti elettronici, secondo quanto previsto dal Regolamento del Consiglio dell Unione Europea n. 2252/2004, devono contenere la fotografia in formato ICAO e le impronte digitali del titolare. Gli stati membri della Comunità Europea hanno già introdotto la fotografia nel passaporto ed entro giugno 2009 dovranno inserire anche le impronte digitali del titolare. Secondo quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 31 marzo 2006, che attua quanto previsto dal suddetto Regolamento, i dati biometrici, foto ed impronta, sono rilevati al titolare e gestiti opportunamente per poter formare il passaporto elettronico. In particolare le impronte vanno rilevate, verificate e confrontate in fase di acquisizione della domanda (art. 3 del Rif. 5), e ricontrollate in fase di consegna del libretto al titolare (art. 4 del Rif. 5). La corretta acquisizione dei dati biometrici è di fondamentale importanza per l uso degli stessi nei controlli presso le Frontiere ed in generale nei punti di controllo. La foto e l impronta devono essere raccolte garantendo sia l elevata qualità dei dati presi (ad esempio la nitidezza della foto), sia la rispondenza alle norme ICAO per la fotografia. Le Linee Guida costituiscono un documento d uso per l amministrazione, contenente le caratteristiche tecniche per l acquisizione degli strumenti necessari per acquisire i dati biometrici (fotografia ed impronte digitali). Pagina 5 of 21

6 2. Descrizione generale del progetto passaporto (descrizione procedure di acquisizione e rilascio) Il flusso di emissione del Passaporto elettronico si basa su un modello procedurale che attribuisce agli uffici passaporto (delle Questure, dei Commissariati, degli Uffici consolari e degli Uffici Passaporto MAE) l onere di effettuare la personalizzazione grafica ed elettronica dei passaporti. Gli Enti preposti all acquisizione delle impronte digitali, sono gli uffici passaporto del MAE e del MIN. Le impronte digitali memorizzate devono rispondere a specifiche internazionali per cui il processo di acquisizione deve effettuare, in automatico, i necessari controlli. Al termine del processo di acquisizione, i dati vengono securizzati e trasmessi ai sistemi centrali (del MAE e del MIN). I dati resteranno presso i sistemi centrali per il tempo strettamente necessario all espletamento di tutte le fasi dell istruttoria e verranno cancellati dopo la stampa ed il positivo esito della verifica del funzionamento del libretto passaporto. Questa tipologia di lavorazione deve prevedere anche la trasmissione dei dati in modalità differita (off-line), salvaguardando i livelli di servizio per i cittadini e l operatività degli uffici passaporto. In tal modo, anche in caso di indisponibilità temporanea dei sistemi centrali del MAE o del MIN, sarà sempre possibile acquisire i dati anagrafici e biometrici dei cittadini che si recano presso gli uffici per richiedere il rilascio di un passaporto elettronico. La funzionalità di securizzazione dei dati garantisce che, nei casi di modalità differita, il dato sia opportunamente protetto. Questa misura deve essere adottata a tutela della privacy e per garantire una trasmissione sicura dei dati. Pagina 6 of 21

7 2.1. Processo di Acquisizione della Fotografia Le fotografie vanno acquisite digitalmente a partire dalla foto che il richiedente consegna in fase di presentazione della domanda. Si riporta un estratto dell Articolo 3, comma 3, del Decreto del 31 Marzo 2006 Disposizioni sul Passaporto Alla domanda devono essere allegate due foto identiche frontali e a volto scoperto, conformi alle modalità ICAO. È importante sapere che: - le foto non vanno ritagliate per escludere lo sfondo; - le foto non vanno ritagliate per raddrizzare la testa; - le foto non vanno colorate in alcun modo. In generale è importante prestare particolare attenzione affinché le foto non vengano in alcun modo manomesse. La verifica della qualità della fotografia acquisita è essenzialmente effettuata dal software, ma è importante prestare attenzione ad alcuni requisiti : - Le fotografie non vanno spillate; - Le fotografie non vanno toccate con le dita sulla parte frontale lucida ; - Le fotografie non vanno piegate; Una fotografia deve rispondere alle seguenti caratteristiche: - essere presentata a non più di sei mesi dallo scatto; - avere una larghezza di 35-40mm; - riprendere il volto da vicino, riprendere la parte superiore delle spalle ed occupare una superficie pari al 70-80% della foto; - essere a fuoco e nitida; - essere di alta qualità e priva di macchie o pieghe; - mostrare il soggetto che guarda l obiettivo; Pagina 7 of 21

8 - mostrare toni naturali della pelle; - avere contrasti e lucentezza appropriati; - essere stampata su carta di alta qualità e ad un ottima risoluzione; - essere di colori neutrali; - mostrare l occhio aperto ed il colore ben visibile; - mostrare l inquadratura del volto parallela all obiettivo e senza pose particolari (ad esempio: posa laterale su una spalla o inclinato); - mostrare chiaramente il contorno del viso; - mostrare uno sfondo omogeneo e chiaro; - essere scattata con una luminosità uniforme, non deve presentare, riflessi sul viso, ne ombre, ne riflesso rosso negli occhi. Nel caso si indossando occhiali e coperture del viso: Se si indossano occhiali: - la foto deve mostrare gli occhi nitidamente, senza riflessi. Non è consentito indossare lenti colorate, se possibile, indossare montatura non evidenti ma leggere; - assicurarsi che la montatura non copra parte degli occhi; Se si indossano copri capo: - non sono consentiti, tranne che per motivi religiosi, ma deve essere ben in mostra la parte del viso a partire dalla fronte fino al mento e tutta la bordatura del viso. Espressione e contorni, la foto deve: - riprendere una sola persona (senza sedie, giocattoli, o altre cose visibili), lo sguardo deve essere rivolto direttamente verso l obiettivo, con espressione neutrale e la bocca chiusa. Pagina 8 of 21

9 2.2. Processo di Acquisizione dell Impronta Digitale Le impronte digitali devono essere acquisite a partire dal dito indice della mano destra e a seguire dal dito indice della mano sinistra. Se non è possibile acquisire l impronta del dito indice, si può procedere all acquisizione dell impronta seguendo l ordine : dito medio, dito anulare e dito pollice (Rif. 1 e Rif. 5) per ogni mano. Si riporta un estratto dell Articolo 3, comma 4, del Decreto del 31 Marzo 2006 Disposizioni sul Passaporto Al momento della presentazione della domanda verificata l'identità dell'interessato nei modi stabiliti dalla legge deve essere acquisita a mezzo scansione elettronica, l'impronta del dito indice delle mani dell'interessato. Se, in una mano, l'impronta del dito indice non fosse disponibile si utilizzerà per la stessa, procedendo in successione, la prima impronta disponibile nelle dita medio, anulare e pollice. Al fine di ottenere un impronta di qualità (necessaria per l utilizzabilità della stessa nei sistemi di controllo), vanno effettuati almeno 3 (tre) tentativi di acquisizione facendo sempre alzare il dito dal sensore. Questa procedura deve essere seguita per ogni dito acquisito. La gestione della qualità dell impronta rilevata è effettuata, in automatico, dal software, ma è importante prestare attenzione ad alcuni requisiti : Il dito poggiato sul sensore deve essere effettivamente quello richiesto dall operatore; Le dita non devono essere ricoperte da patine o pellicole che possono alterare l impronta; Il dito deve essere posizionato sulla parte piana; Deve essere rilevata la parte centrale del dito. Pagina 9 of 21

10 Figura 1 - Esempio di impronta digitale centrata È importante, in fase di rilevazione delle impronte digitali, accertarsi che le dita del richiedente siano disponibili e che non ci siano impedimenti di nessun genere. Nel caso in cui si riscontrino problemi (ad esempio: ferite, medicazioni, disabilità, ecc.), non bisogna effettuare la procedura di rilevamento. Si prevede, di regola, che le dita delle due mani siano acquisite in sequenza (vedi diagramma semplificato riportato di seguito). Pagina 10 of 21

11 Inizio del processo di cattura Selezione del dito disponibile al rilievo Disponibilità delle dita per entrambe le mani SI NO Differente processo di cattura Cattura del dito della mano destra Cattura del dito della mano sinistra Fine del processo di cattura Figura 2 Diagramma semplificato di cattura delle impronte digitali Acquisizione impronte Di seguito viene descritto il processo di acquisizione delle impronte digitali da una mano (Rif. 1, Rif. 5 e Rif. 20). 1. L operatore chiede al cittadino di porre il dito indice della mano sinistra sul dispositivo 2. Il cittadino pone l indice della mano sinistra sul dispositivo per l acquisizione dell impronta e ripete questa operazione per 3 (tre) volte avendo cura di sollevare il dito dal dispositivo ogni volta 3. Il software di acquisizione, in automatico, effettua le seguenti misure: a. Se tutte e tre le impronte acquisite hanno un livello di qualità NFIQ < 3, viene scelta quella con score medio migliore (basandosi sull algoritmo Borotz); b. Se almeno un impronta acquisita ha un livello di qualità NFIQ > 3, viene scelta quella tra le restanti che ha score medio migliore (basandosi sull algoritmo Borotz); c. Se tutte le impronte acquisite hanno un livello di qualità NFIQ > 3, si procede con altro dito; 4. Se l operatore si accorge di una cattiva acquisizione dipendente da posizionamento (ad esempio dito non messo correttamente sul dispositivo), ripetere l acquisizione indipendentemente dai risultati indicati dal software; 5. Si procede poi con l indice del dito destro seguendo nuovamente i passi dall 1 al 4. Pagina 11 of 21

12 Di seguito viene riportato lo schema di flusso delle operazioni di cattura Inizio del processo di cattura Interruzione processo cattura NO Interruzione processo cattura : NO SI Rilevamento dal dito indice Rilevamento dal dito medio Rilevamento dal dito anulare Rilevamento dal dito pollice Esito del processo di cattura SI NO Esito del processo di cattura SI NO Esito del NO Esito del NO processo di processo di cattura cattura SI SI Selezione della migliore tra le immagini scartate Fine del processo di cattura Processo Standard Figura 3 - Schema di flusso del processo di cattura delle impronte digitali di una mano Verifica qualità La verifica della qualità dell immagine dell impronta digitale acquisita, viene effettuata utilizzando il modulo software descritto nell annesso. L applicativo di acquisizione delle impronte deve integrare in una sola procedura sia la funzionalità di cattura dell impronta dal sensore ottico che quella di verifica effettuata con il software di controllo qualità. La valutazione della qualità dell immagine dell impronta deve essere effettuata sui dati dell immagine NON compressa Scelta migliore immagine da registrare La scelta della migliore immagine da registrare tra quelle acquisite, viene effettuata utilizzando il modulo software descritto nell annesso 4 L applicativo di acquisizione delle impronte deve integrare in una sola procedura anche il software per la scelta della migliore immagine da registrare nel passaporto. Pagina 12 of 21

13 Compressione Prima della registrazione nel documento i dati devono essere compressi. La normativa stabilisce le dimensioni e la risoluzione dell immagine di almeno 500 ppi (pixels per inch). Il formato dell immagine dell impronta è il WSQ (Rif. 1). Il bit-rate da utilizzare come parametro di compressione è di 0,75. Questo implica che deve essere applicato un fattore di compressione pari a 1/15 (Rif. 20). Il risultato di tale compressione deve portare ad una immagine di grandezza massima di Kb. (Rif. 1) Controllo impronte In fase di rilascio viene effettuata la verifica della identità del cittadino utilizzando il modulo software descritto nell annesso 5 che effettua la comparazione tra le immagini delle impronte registrate nel passaporto e le immagini delle impronte acquisite in fase di rilascio. In fase di consegna consente la verifica dell identità del titolare ed il corretto funzionamento del libretto stesso. Il confronto viene eseguito tra l impronta acquisita dallo scanner e quella letta dal chip. Pagina 13 of 21

14 3. Trattamento dei dati biometrici I dati biometrici, relativamente le impronte digitali, vengono inviati ai sistemi centrali al termine della fase di acquisizione delle impronte e vengono scaricati dai sistemi centrali nella fase di personalizzazione del libretto. Le trasmissioni dei dati devono quindi essere sempre securizzate dai software di trattamento delle impronte. In fase di acquisizione i dati potranno anche essere memorizzati sulla postazione di lavoro fino al ripristino della connessione. Anche in questo caso i dati dovranno essere protetti con lo stesso meccanismo. Di seguito vengono riportati i principali parametri acquisiti relativi alle impronte : 1. Le due immagini delle impronte conformi; 2. Il codice di ogni dito dal quale è stata rilevata l impronta; 3. I codici di valutazione della qualità (NFIQ) delle immagini acquisite Modalità di trasmissione Al termine del processo di acquisizione le impronte sono trasmesse insieme ai dati anagrafici necessari all apertura di una pratica di rilascio di un passaporto. Il software incapsula le immagini delle impronte insieme alle altre informazioni. Le informazioni biometriche sono tutte crittografate ed incapsulate in strutture XML e memorizzate temporaneamente. Gli stessi formati (dati crittografati e struttura XML) sono utilizzati anche in fase di scarico dei dati nella fase di personalizzazione grafica ed elettronica del passaporto elettronico Formato di securizzazione Le impronte digitali sono informazioni sensibili del titolare del documento e per questo devono essere opportunamente protette in ogni fase di lavorazione del passaporto. Per il raggiungimento di questo obiettivo si fa uso di una infrastruttura PKI per l emissione delle quantità di sicurezza necessarie per la cifratura delle impronte. Tramite la PKI ad ogni stazione di lavoro che gestisce le impronte è emesso un apposito certificato digitale. Dopo l acquisizione delle impronte il software utilizzerà il certificato digitale della stazione per securizzare il dato. Verrà preservata la provenienza e l integrità del dato ed inoltre il dato viene cifrato in modalità asimmetrica rendendolo disponibile (mediante decrifratura) solo alle postazioni che sono incaricate della fase di stampa. Pagina 14 of 21

15 4. Banca Dati Statistica E stata avanzata la proposta di implementare un Database in cui raccogliere i dati del controllo qualità. I dati che si intendono archiviare devono essere anonimi (cioè non riconducibili al titolare) e sono relativi ai valori di output (livello di qualità e qualità) misurati dal software di controllo qualità e servono ai fini statistici. Lo scopo della Banca Dati statistica è quello di utilizzare i dati per un analisi mirata ad individuare eventuali degradi del sistema di acquisizione (staratura degli scanner) e per valutare il livello medio di qualità delle impronte acquisite al livello nazionale, prestazioni qualitative. Questi dati potranno servire anche alla creazione di un sistema di valutazione di impatto di eventuali modifiche (cambio degli standard degli emendamenti, modifiche del software, nuove soglie) o come strumento di controllo dei tassi di rigetto delle impronte. Le informazioni che si prevede possano essere estratte dalla Banca Dati statistica, in relazione ad un determinato periodo, sono: 1. Il numero di immagini (di impronte digitali) al di sotto della una soglia di qualità minima; 2. La percentuale di immagini al di sotto della soglia minima di qualità per tutte le autorità (Enti) addette alla rilevazione delle impronte; 3. Il valore medio della qualità delle impronte rilevate; 4. L Ente con la percentuale più alta di immagini non conformi. I dati raccolti nel sistema centrale di statistica saranno conservati per un periodo di tempo limitato che verrà concordato con le Amministrazioni coinvolte. In prima istanza si prevede un periodo temporale di 36 mesi come stabilito nel modello tedesco. Le statistiche verranno salvate in modo anonimo e in nessun caso questi dati permetto di risalire all'impronta o alla persona. Pagina 15 of 21

16 Annesso 1 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Foto Il dispositivo di acquisizione delle foto deve consentire la acquisizione di immagini di dimensione di 3,5 cm x 4,5 cm con una risoluzione ottica non inferiore a 360 dpi e una profondità colore di 24 bit RGB. Il dispositivo di cattura può essere uno scanner piano o un dispositivo equivalente. Le caratteristiche del dispositivo e del software a corredo devono essere tali da non alterare la qualità della immagine acquisita; a tal fine il dispositivo non deve introdurre evidenti aberrazioni cromatiche, geometriche, di messa a fuoco. Il dispositivo deve fornire in output un file in formato bmp senza effettuare nessuna compressione della immagine. Pagina 16 of 21

17 Annesso 2 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Impronte Digitali La possibilità di verifiche di identità affidabili basate sulle tecnologie delle impronte digitali richiede la registrazione nei passaporti elettronici di immagini digitali delle impronte di alta qualità. La normativa di riferimento ISO definisce requisiti per le immagini e per i sensori di acquisizione corrispondenti a diversi livelli di qualità desiderata facendo riferimento, per i livelli superiori, ai requisiti indicati nell Appendice delle Electronic Fingerprint Transmission Specification dell FBI (EFTS/F). Test sistematici effettuati dal CNIPA, in collaborazione con il Biometric Systems Laboratory della Università di Bologna, hanno evidenziato che le caratteristiche più importanti degli scanner al fine di massimizzare le prestazioni di riconoscimento automatico da parte di algoritmi sono: area, accuratezza sulla risoluzione e distorsione geometrica; altre caratteristiche quali risposta frequenze spaziali, rapporto segnale rumore e range dinamico hanno invece un impatto minore. Con riferimento alla normativa citata e ai risultati dei test sono stati stabiliti definiti i valori di soglia per gli scanner riportati nella tabella sottostante. La scelta di apparati di tipo ottico con le caratteristiche di qualità indicate nella tabella garantisce il raggiungimento di un livello soddisfacente di prestazioni in termini di accuratezza di riconoscimento da parte di algoritmi automatici. Area Risoluzione Distorsione geometrica Risposta frequenze spaziali alle Rapporto segnale rumore Livello di grigio e range dinamico 25.4mm 25.4mm 500dpi 1% (IAFIS IQS*) 1.5% (IAFIS IQS) TSI 0.20 (PIV IQS**) Dev.Std. σ 3.5 (PIV IQS) Formato 256 livelli grigio. Range dinamico almeno 150 livelli (PIV IQS) * IAFIS IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche EFTS/F del FBI ** PIV IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche PIV del FBI Tabella 1 oppure Pagina 17 of 21

18 Area Risoluzione Distorsione geometrica Risposta alle frequenze spaziali Rapporto segnale rumore Livello di grigio e range dinamico 25.4mm 25.4mm 500dpi 1% (IAFIS IQS*) Nel 99% dei casi D AC max{0.0007, 0.01 X} D AL (IAFIS IQS*) MTF MIN (f) MTF (f) 1.12 (PIV IQS **) Dev.Std. σ 3.5 (PIV IQS **) Formato 256 livelli grigio. Range dinamico per l 80% delle immagini DR 150 (PIV IQS**) * IAFIS IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche EFTS/F del FBI ** PIV IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche PIV del FBI Tabella 2 Particolare attenzione deve essere rivolta alle operazioni di calibrazione periodica del sensore e alla misurazione delle caratteristiche di qualità. Pagina 18 of 21

19 Annesso 3 Specifiche Tecniche dell algoritmo per la misura della qualità delle immagini delle impronte acquisite La verifica della qualità delle immagini delle impronte acquisite viene effettuata il software NIST Fingerprint Image Quality (NFIQ) sviluppato e distribuito gratuitamente dal NIST. Codifica della qualità I codici definiti dalla normativa ISO, in merito alla qualità dell immagine, devono essere codificati con i seguenti valori: 100 (NFIQ = 1); 75 (NFIQ = 2); 50 (NFIQ = 3); 25 (NFIQ = 4); 0 (NFIQ = 5). Il laboratorio del CNIPA prevede come valore minimo, per un impronta di qualità soddisfacente, l NFIQ pari a 3 (tre). Quindi si determina che immagini con valori di qualità compresi nell intervallo: NFIQ 4 (quattro) e 5 (cinque) devono essere, come prima istanza, scartate. NFIQ 1 (uno), 2 (due) e 3 (tre) devono essere accettate. Pagina 19 of 21

20 Annesso 4 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle delle impronte digitali in fase di acquisizione Il software che viene utilizzata è il Bozorth3 del NIST. Pagina 20 of 21

21 Annesso 5 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle impronte digitali in fase di consegna L algoritmo da utilizzare deve garantire valori di FRR e FAR idonei con lo scopo (anche in linea con quanto utilizzato in ambito Controllo delle Frontiere e Controllo del Territorio) Si suggerisce di utilizzare un software di riconoscimento in grado di garantire con un FAR (FMR) di 0.1% un FRR (FNMR) non superiore a 0.5% usando come protocollo di test ad esempio quello utilizzato per FVC2006 e come database di riferimento il DB n.2 di FVC2006 (denominato DB2). Per i valori sopraindicati con riferimento ad una popolazione di 1000 persone si avrebbero problemi di falsi rigetti, nel caso in cui si effettui un singolo tentativo e un singolo dito, per 5 persone sul totale indicato. La situazione varierebbe nel caso in cui si potesse provare più volte con due dita. In questo caso l errore si potrebbe ridurre significativamente. Nel DB suggerito per le prove sono presenti anche impronte di qualità bassa (NFIQ 4 e 5) in quanto la popolazione utilizzata per le acquisizioni risulta essere piuttosto eterogenea comprendendo anche lavoratori manuali e persone anziane. La base di dati, raccolta nell ambito del progetto europeo BioSec, è ottenibile gratuitamente su richiesta (http://atvs.ii.uam.es/fvc2006.html) e la procedura di test è pubblica (http://bias.csr.unibo.it/fvc2006/protocol.asp). I risultati dei test su questo DB sono in Dalla tabella dei risultati di FVC2006 le prestazioni suggerite di FAR ,5% sono superate da oltre 10 algoritmi. Pagina 21 of 21

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione Scheda Software HP Digital Sending (DSS) 5.0 Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei Presentazione della soluzione Rendendo più fluida la gestione di documenti e dati,

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Capitolato Tecnico COOPERAZIONE APPLICATIVA SIA-AFIS SOMMARIO

Capitolato Tecnico COOPERAZIONE APPLICATIVA SIA-AFIS SOMMARIO CAPITOLATO TECNICO SVILUPPO SOFTWARE PER LA COOPERAZIONE APPLICATIVA TRA IL SIA E L APFIS PER LA CONDIVISIONE DELLA PROCEDURA DI ACQUISIZIONE DELLE IMPRONTE DIGITALI SOMMARIO 1 PREMESSA... 5 2 OGGETTO

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso

Volume HUMIGRAIN SYSTEM. Manuale d uso Volume 1 HUMIGRAIN SYSTEM Manuale d uso Manuale d uso Fornasier Tiziano & C. S.a.s. Via Mercatelli Maglio, 26 31010 Ponte della Priula (TV) - ITALY tel. +39 0438 445354 fax +39 0438 759210 Sommario Principio

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.0 Maggio 2013 INDICE 1. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 1.1 STORIA DEL DOCUMENTO 2 1.2 ACRONIMI E

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

STATO MAGGIORE DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione

STATO MAGGIORE DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione STATO MAGGIORE DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione SMD - I - 009 CARTA MULTISERVIZI DELLA DIFESA (CMD), PUBLIC KEY INFRASTRUCTURE (PKI) E FIRMA DIGITALE NORME DI GESTIONE E D'IMPIEGO EDIZIONE

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com La presente Informativa è resa, anche ai sensi del ai sensi del Data Protection Act 1998, ai visitatori (i Visitatori ) del sito Internet

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo] www.diritto24.ilsole24ore.com/lex24/ Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 novembre 2014 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8 Regole tecniche in materia di formazione,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.1 16 dicembre 2014 INDICE 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI 2 1.2 RIFERIMENTI 2 1.3 STORIA DEL DOCUMENTO

Dettagli

"... in movimento" (... in Bewegung") FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de

... in movimento (... in Bewegung) FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de Concorso internazionale di feltro 2013 organizzato da "... in movimento" (... in Bewegung") FILZ-NETZWERK e.v., Burgweg 20, D-66871 Albessen www.filznetzwerk.de Progettazione ed organizzazione: Filzrausch,

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli