Linee Guida per la gestione dei dati Biometrici - Impronte digitali e Fotografie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Guida per la gestione dei dati Biometrici - Impronte digitali e Fotografie"

Transcript

1 Passaporto - Impronte digitali e Fotografie Autori Redatto da: CNIPA e IPZS Contributi: MAE, MIN Supporto: BIOLab Università Bologna Data di Preparazione: 16 dicembre 2008 Versione 1.0

2 Sommario Acronimi... 3 Leggenda dei documenti e della normativa Scopo delle Linee Guida Descrizione generale del progetto passaporto (descrizione procedure di acquisizione e rilascio) Processo di Acquisizione della Fotografia Processo di Acquisizione dell Impronta Digitale Acquisizione impronte Verifica qualità Scelta migliore immagine da registrare Compressione Controllo impronte Trattamento dei dati biometrici Trattamento dei dati biometrici Modalità di trasmissione Formato di securizzazione Banca Dati Statistica Annesso 1 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Foto Annesso 2 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Impronte Digitali Annesso 3 Specifiche Tecniche dell algoritmo per la misura della qualità delle immagini delle impronte acquisite Annesso 4 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle delle impronte digitali in fase di acquisizione Annesso 5 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle impronte digitali in fase di consegna Pagina 2 of 21

3 Acronimi ACRONIMO CE DESCRIZIONE Commissione Europea CEN CNIPA HTTP HTTPS ICAO IPZS ISO MAE MICROCHIP o CHIP MIN PD PE PKI PS QA SIFC SOAP SSCE SSL TLS UCS UTF-8 WSDL Centro Nazionale della Polizia di Stato sito a Napoli Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Hypertext Transfer Protocol HTTP Secure International Civil Aviation Organisation Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato International Organisation for Standardisation Ministero degli Affari Esteri Componente elettronico al cui interno è inserito un circuito elettronico Ministero dell Interno Passaporto Diplomatico Passaporto Public Key Infrastructure Passaporto di Servizio Quality assurance Sistema integrato delle funzioni consolari Simple Object Access Protocol Sistema di Sicurezza del Circuito di Emissione Secure Socket Layer Transport Layer Security Universal Character Set (ISO 10646, Unicode) UCS Transformation Format, 8 Bit Web Services Description Language X.509 ITU-T Recommendation X.509, Authentication Framework NIST XML National Institute of Standards and Technology Extensible Markup Language Pagina 3 of 21

4 Leggenda dei documenti e della normativa Di seguito si elencano alcune delle principali norme che regolano il processo di emissione del Passaporto. Rif. 1 - [EU_PS] Biometrics Deployment of EU Passports; EU Passport Specification (Version of 15/02/2006); Rif. 2 - Legge 21 novembre 1967, n.1185; Rif. 3 - D.M. 29 novembre 2005; Rif. 4 - Legge 31 marzo 2005, n. 43, art. 7; Rif. 5 - D.M. 31 Marzo 2006; Rif. 6 - Regolamento del Consiglio dell Unione Europea n. 2252/2004; Rif. 7 - Decisione della Commissione europea C(2005) 409 del 28 febbraio 2005; Rif. 8 - Prescrizioni relative al passaporto UE Allegato della decisione della Commissione del 28/VI/ C (2006) 2909; Rif. 9 - D.M. 30 dicembre 1978; Rif Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196; Rif Parere Garante sull'emissione dei PE 'speciali' (diplomatici e di servizio); Rif [CBEFF] ISO/IEC CD (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N312); Rif [EFTS/F] FBI Electronic Fingerprint Transmission Specification 7.1, Appendix F; Rif [ISO_FINGER] ISO/IEC :2005; Rif [ISO_7816] ISO/IEC :2004; Rif [NFIS] Rif Norma ANSI/NIST ITL Rif ICAO/MRTD 9303 (A Passport with Machine Readable Capability) Rif NIST IR 7422 RIF Annex to the Passport Data Capture and Transfer Order (German designation PassDEÜV) Version 2.1 of Pagina 4 of 21

5 1. Scopo delle Linee Guida I passaporti elettronici, secondo quanto previsto dal Regolamento del Consiglio dell Unione Europea n. 2252/2004, devono contenere la fotografia in formato ICAO e le impronte digitali del titolare. Gli stati membri della Comunità Europea hanno già introdotto la fotografia nel passaporto ed entro giugno 2009 dovranno inserire anche le impronte digitali del titolare. Secondo quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 31 marzo 2006, che attua quanto previsto dal suddetto Regolamento, i dati biometrici, foto ed impronta, sono rilevati al titolare e gestiti opportunamente per poter formare il passaporto elettronico. In particolare le impronte vanno rilevate, verificate e confrontate in fase di acquisizione della domanda (art. 3 del Rif. 5), e ricontrollate in fase di consegna del libretto al titolare (art. 4 del Rif. 5). La corretta acquisizione dei dati biometrici è di fondamentale importanza per l uso degli stessi nei controlli presso le Frontiere ed in generale nei punti di controllo. La foto e l impronta devono essere raccolte garantendo sia l elevata qualità dei dati presi (ad esempio la nitidezza della foto), sia la rispondenza alle norme ICAO per la fotografia. Le Linee Guida costituiscono un documento d uso per l amministrazione, contenente le caratteristiche tecniche per l acquisizione degli strumenti necessari per acquisire i dati biometrici (fotografia ed impronte digitali). Pagina 5 of 21

6 2. Descrizione generale del progetto passaporto (descrizione procedure di acquisizione e rilascio) Il flusso di emissione del Passaporto elettronico si basa su un modello procedurale che attribuisce agli uffici passaporto (delle Questure, dei Commissariati, degli Uffici consolari e degli Uffici Passaporto MAE) l onere di effettuare la personalizzazione grafica ed elettronica dei passaporti. Gli Enti preposti all acquisizione delle impronte digitali, sono gli uffici passaporto del MAE e del MIN. Le impronte digitali memorizzate devono rispondere a specifiche internazionali per cui il processo di acquisizione deve effettuare, in automatico, i necessari controlli. Al termine del processo di acquisizione, i dati vengono securizzati e trasmessi ai sistemi centrali (del MAE e del MIN). I dati resteranno presso i sistemi centrali per il tempo strettamente necessario all espletamento di tutte le fasi dell istruttoria e verranno cancellati dopo la stampa ed il positivo esito della verifica del funzionamento del libretto passaporto. Questa tipologia di lavorazione deve prevedere anche la trasmissione dei dati in modalità differita (off-line), salvaguardando i livelli di servizio per i cittadini e l operatività degli uffici passaporto. In tal modo, anche in caso di indisponibilità temporanea dei sistemi centrali del MAE o del MIN, sarà sempre possibile acquisire i dati anagrafici e biometrici dei cittadini che si recano presso gli uffici per richiedere il rilascio di un passaporto elettronico. La funzionalità di securizzazione dei dati garantisce che, nei casi di modalità differita, il dato sia opportunamente protetto. Questa misura deve essere adottata a tutela della privacy e per garantire una trasmissione sicura dei dati. Pagina 6 of 21

7 2.1. Processo di Acquisizione della Fotografia Le fotografie vanno acquisite digitalmente a partire dalla foto che il richiedente consegna in fase di presentazione della domanda. Si riporta un estratto dell Articolo 3, comma 3, del Decreto del 31 Marzo 2006 Disposizioni sul Passaporto Alla domanda devono essere allegate due foto identiche frontali e a volto scoperto, conformi alle modalità ICAO. È importante sapere che: - le foto non vanno ritagliate per escludere lo sfondo; - le foto non vanno ritagliate per raddrizzare la testa; - le foto non vanno colorate in alcun modo. In generale è importante prestare particolare attenzione affinché le foto non vengano in alcun modo manomesse. La verifica della qualità della fotografia acquisita è essenzialmente effettuata dal software, ma è importante prestare attenzione ad alcuni requisiti : - Le fotografie non vanno spillate; - Le fotografie non vanno toccate con le dita sulla parte frontale lucida ; - Le fotografie non vanno piegate; Una fotografia deve rispondere alle seguenti caratteristiche: - essere presentata a non più di sei mesi dallo scatto; - avere una larghezza di 35-40mm; - riprendere il volto da vicino, riprendere la parte superiore delle spalle ed occupare una superficie pari al 70-80% della foto; - essere a fuoco e nitida; - essere di alta qualità e priva di macchie o pieghe; - mostrare il soggetto che guarda l obiettivo; Pagina 7 of 21

8 - mostrare toni naturali della pelle; - avere contrasti e lucentezza appropriati; - essere stampata su carta di alta qualità e ad un ottima risoluzione; - essere di colori neutrali; - mostrare l occhio aperto ed il colore ben visibile; - mostrare l inquadratura del volto parallela all obiettivo e senza pose particolari (ad esempio: posa laterale su una spalla o inclinato); - mostrare chiaramente il contorno del viso; - mostrare uno sfondo omogeneo e chiaro; - essere scattata con una luminosità uniforme, non deve presentare, riflessi sul viso, ne ombre, ne riflesso rosso negli occhi. Nel caso si indossando occhiali e coperture del viso: Se si indossano occhiali: - la foto deve mostrare gli occhi nitidamente, senza riflessi. Non è consentito indossare lenti colorate, se possibile, indossare montatura non evidenti ma leggere; - assicurarsi che la montatura non copra parte degli occhi; Se si indossano copri capo: - non sono consentiti, tranne che per motivi religiosi, ma deve essere ben in mostra la parte del viso a partire dalla fronte fino al mento e tutta la bordatura del viso. Espressione e contorni, la foto deve: - riprendere una sola persona (senza sedie, giocattoli, o altre cose visibili), lo sguardo deve essere rivolto direttamente verso l obiettivo, con espressione neutrale e la bocca chiusa. Pagina 8 of 21

9 2.2. Processo di Acquisizione dell Impronta Digitale Le impronte digitali devono essere acquisite a partire dal dito indice della mano destra e a seguire dal dito indice della mano sinistra. Se non è possibile acquisire l impronta del dito indice, si può procedere all acquisizione dell impronta seguendo l ordine : dito medio, dito anulare e dito pollice (Rif. 1 e Rif. 5) per ogni mano. Si riporta un estratto dell Articolo 3, comma 4, del Decreto del 31 Marzo 2006 Disposizioni sul Passaporto Al momento della presentazione della domanda verificata l'identità dell'interessato nei modi stabiliti dalla legge deve essere acquisita a mezzo scansione elettronica, l'impronta del dito indice delle mani dell'interessato. Se, in una mano, l'impronta del dito indice non fosse disponibile si utilizzerà per la stessa, procedendo in successione, la prima impronta disponibile nelle dita medio, anulare e pollice. Al fine di ottenere un impronta di qualità (necessaria per l utilizzabilità della stessa nei sistemi di controllo), vanno effettuati almeno 3 (tre) tentativi di acquisizione facendo sempre alzare il dito dal sensore. Questa procedura deve essere seguita per ogni dito acquisito. La gestione della qualità dell impronta rilevata è effettuata, in automatico, dal software, ma è importante prestare attenzione ad alcuni requisiti : Il dito poggiato sul sensore deve essere effettivamente quello richiesto dall operatore; Le dita non devono essere ricoperte da patine o pellicole che possono alterare l impronta; Il dito deve essere posizionato sulla parte piana; Deve essere rilevata la parte centrale del dito. Pagina 9 of 21

10 Figura 1 - Esempio di impronta digitale centrata È importante, in fase di rilevazione delle impronte digitali, accertarsi che le dita del richiedente siano disponibili e che non ci siano impedimenti di nessun genere. Nel caso in cui si riscontrino problemi (ad esempio: ferite, medicazioni, disabilità, ecc.), non bisogna effettuare la procedura di rilevamento. Si prevede, di regola, che le dita delle due mani siano acquisite in sequenza (vedi diagramma semplificato riportato di seguito). Pagina 10 of 21

11 Inizio del processo di cattura Selezione del dito disponibile al rilievo Disponibilità delle dita per entrambe le mani SI NO Differente processo di cattura Cattura del dito della mano destra Cattura del dito della mano sinistra Fine del processo di cattura Figura 2 Diagramma semplificato di cattura delle impronte digitali Acquisizione impronte Di seguito viene descritto il processo di acquisizione delle impronte digitali da una mano (Rif. 1, Rif. 5 e Rif. 20). 1. L operatore chiede al cittadino di porre il dito indice della mano sinistra sul dispositivo 2. Il cittadino pone l indice della mano sinistra sul dispositivo per l acquisizione dell impronta e ripete questa operazione per 3 (tre) volte avendo cura di sollevare il dito dal dispositivo ogni volta 3. Il software di acquisizione, in automatico, effettua le seguenti misure: a. Se tutte e tre le impronte acquisite hanno un livello di qualità NFIQ < 3, viene scelta quella con score medio migliore (basandosi sull algoritmo Borotz); b. Se almeno un impronta acquisita ha un livello di qualità NFIQ > 3, viene scelta quella tra le restanti che ha score medio migliore (basandosi sull algoritmo Borotz); c. Se tutte le impronte acquisite hanno un livello di qualità NFIQ > 3, si procede con altro dito; 4. Se l operatore si accorge di una cattiva acquisizione dipendente da posizionamento (ad esempio dito non messo correttamente sul dispositivo), ripetere l acquisizione indipendentemente dai risultati indicati dal software; 5. Si procede poi con l indice del dito destro seguendo nuovamente i passi dall 1 al 4. Pagina 11 of 21

12 Di seguito viene riportato lo schema di flusso delle operazioni di cattura Inizio del processo di cattura Interruzione processo cattura NO Interruzione processo cattura : NO SI Rilevamento dal dito indice Rilevamento dal dito medio Rilevamento dal dito anulare Rilevamento dal dito pollice Esito del processo di cattura SI NO Esito del processo di cattura SI NO Esito del NO Esito del NO processo di processo di cattura cattura SI SI Selezione della migliore tra le immagini scartate Fine del processo di cattura Processo Standard Figura 3 - Schema di flusso del processo di cattura delle impronte digitali di una mano Verifica qualità La verifica della qualità dell immagine dell impronta digitale acquisita, viene effettuata utilizzando il modulo software descritto nell annesso. L applicativo di acquisizione delle impronte deve integrare in una sola procedura sia la funzionalità di cattura dell impronta dal sensore ottico che quella di verifica effettuata con il software di controllo qualità. La valutazione della qualità dell immagine dell impronta deve essere effettuata sui dati dell immagine NON compressa Scelta migliore immagine da registrare La scelta della migliore immagine da registrare tra quelle acquisite, viene effettuata utilizzando il modulo software descritto nell annesso 4 L applicativo di acquisizione delle impronte deve integrare in una sola procedura anche il software per la scelta della migliore immagine da registrare nel passaporto. Pagina 12 of 21

13 Compressione Prima della registrazione nel documento i dati devono essere compressi. La normativa stabilisce le dimensioni e la risoluzione dell immagine di almeno 500 ppi (pixels per inch). Il formato dell immagine dell impronta è il WSQ (Rif. 1). Il bit-rate da utilizzare come parametro di compressione è di 0,75. Questo implica che deve essere applicato un fattore di compressione pari a 1/15 (Rif. 20). Il risultato di tale compressione deve portare ad una immagine di grandezza massima di Kb. (Rif. 1) Controllo impronte In fase di rilascio viene effettuata la verifica della identità del cittadino utilizzando il modulo software descritto nell annesso 5 che effettua la comparazione tra le immagini delle impronte registrate nel passaporto e le immagini delle impronte acquisite in fase di rilascio. In fase di consegna consente la verifica dell identità del titolare ed il corretto funzionamento del libretto stesso. Il confronto viene eseguito tra l impronta acquisita dallo scanner e quella letta dal chip. Pagina 13 of 21

14 3. Trattamento dei dati biometrici I dati biometrici, relativamente le impronte digitali, vengono inviati ai sistemi centrali al termine della fase di acquisizione delle impronte e vengono scaricati dai sistemi centrali nella fase di personalizzazione del libretto. Le trasmissioni dei dati devono quindi essere sempre securizzate dai software di trattamento delle impronte. In fase di acquisizione i dati potranno anche essere memorizzati sulla postazione di lavoro fino al ripristino della connessione. Anche in questo caso i dati dovranno essere protetti con lo stesso meccanismo. Di seguito vengono riportati i principali parametri acquisiti relativi alle impronte : 1. Le due immagini delle impronte conformi; 2. Il codice di ogni dito dal quale è stata rilevata l impronta; 3. I codici di valutazione della qualità (NFIQ) delle immagini acquisite Modalità di trasmissione Al termine del processo di acquisizione le impronte sono trasmesse insieme ai dati anagrafici necessari all apertura di una pratica di rilascio di un passaporto. Il software incapsula le immagini delle impronte insieme alle altre informazioni. Le informazioni biometriche sono tutte crittografate ed incapsulate in strutture XML e memorizzate temporaneamente. Gli stessi formati (dati crittografati e struttura XML) sono utilizzati anche in fase di scarico dei dati nella fase di personalizzazione grafica ed elettronica del passaporto elettronico Formato di securizzazione Le impronte digitali sono informazioni sensibili del titolare del documento e per questo devono essere opportunamente protette in ogni fase di lavorazione del passaporto. Per il raggiungimento di questo obiettivo si fa uso di una infrastruttura PKI per l emissione delle quantità di sicurezza necessarie per la cifratura delle impronte. Tramite la PKI ad ogni stazione di lavoro che gestisce le impronte è emesso un apposito certificato digitale. Dopo l acquisizione delle impronte il software utilizzerà il certificato digitale della stazione per securizzare il dato. Verrà preservata la provenienza e l integrità del dato ed inoltre il dato viene cifrato in modalità asimmetrica rendendolo disponibile (mediante decrifratura) solo alle postazioni che sono incaricate della fase di stampa. Pagina 14 of 21

15 4. Banca Dati Statistica E stata avanzata la proposta di implementare un Database in cui raccogliere i dati del controllo qualità. I dati che si intendono archiviare devono essere anonimi (cioè non riconducibili al titolare) e sono relativi ai valori di output (livello di qualità e qualità) misurati dal software di controllo qualità e servono ai fini statistici. Lo scopo della Banca Dati statistica è quello di utilizzare i dati per un analisi mirata ad individuare eventuali degradi del sistema di acquisizione (staratura degli scanner) e per valutare il livello medio di qualità delle impronte acquisite al livello nazionale, prestazioni qualitative. Questi dati potranno servire anche alla creazione di un sistema di valutazione di impatto di eventuali modifiche (cambio degli standard degli emendamenti, modifiche del software, nuove soglie) o come strumento di controllo dei tassi di rigetto delle impronte. Le informazioni che si prevede possano essere estratte dalla Banca Dati statistica, in relazione ad un determinato periodo, sono: 1. Il numero di immagini (di impronte digitali) al di sotto della una soglia di qualità minima; 2. La percentuale di immagini al di sotto della soglia minima di qualità per tutte le autorità (Enti) addette alla rilevazione delle impronte; 3. Il valore medio della qualità delle impronte rilevate; 4. L Ente con la percentuale più alta di immagini non conformi. I dati raccolti nel sistema centrale di statistica saranno conservati per un periodo di tempo limitato che verrà concordato con le Amministrazioni coinvolte. In prima istanza si prevede un periodo temporale di 36 mesi come stabilito nel modello tedesco. Le statistiche verranno salvate in modo anonimo e in nessun caso questi dati permetto di risalire all'impronta o alla persona. Pagina 15 of 21

16 Annesso 1 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Foto Il dispositivo di acquisizione delle foto deve consentire la acquisizione di immagini di dimensione di 3,5 cm x 4,5 cm con una risoluzione ottica non inferiore a 360 dpi e una profondità colore di 24 bit RGB. Il dispositivo di cattura può essere uno scanner piano o un dispositivo equivalente. Le caratteristiche del dispositivo e del software a corredo devono essere tali da non alterare la qualità della immagine acquisita; a tal fine il dispositivo non deve introdurre evidenti aberrazioni cromatiche, geometriche, di messa a fuoco. Il dispositivo deve fornire in output un file in formato bmp senza effettuare nessuna compressione della immagine. Pagina 16 of 21

17 Annesso 2 Specifiche Tecniche dei dispositivi per acquisizione Impronte Digitali La possibilità di verifiche di identità affidabili basate sulle tecnologie delle impronte digitali richiede la registrazione nei passaporti elettronici di immagini digitali delle impronte di alta qualità. La normativa di riferimento ISO definisce requisiti per le immagini e per i sensori di acquisizione corrispondenti a diversi livelli di qualità desiderata facendo riferimento, per i livelli superiori, ai requisiti indicati nell Appendice delle Electronic Fingerprint Transmission Specification dell FBI (EFTS/F). Test sistematici effettuati dal CNIPA, in collaborazione con il Biometric Systems Laboratory della Università di Bologna, hanno evidenziato che le caratteristiche più importanti degli scanner al fine di massimizzare le prestazioni di riconoscimento automatico da parte di algoritmi sono: area, accuratezza sulla risoluzione e distorsione geometrica; altre caratteristiche quali risposta frequenze spaziali, rapporto segnale rumore e range dinamico hanno invece un impatto minore. Con riferimento alla normativa citata e ai risultati dei test sono stati stabiliti definiti i valori di soglia per gli scanner riportati nella tabella sottostante. La scelta di apparati di tipo ottico con le caratteristiche di qualità indicate nella tabella garantisce il raggiungimento di un livello soddisfacente di prestazioni in termini di accuratezza di riconoscimento da parte di algoritmi automatici. Area Risoluzione Distorsione geometrica Risposta frequenze spaziali alle Rapporto segnale rumore Livello di grigio e range dinamico 25.4mm 25.4mm 500dpi 1% (IAFIS IQS*) 1.5% (IAFIS IQS) TSI 0.20 (PIV IQS**) Dev.Std. σ 3.5 (PIV IQS) Formato 256 livelli grigio. Range dinamico almeno 150 livelli (PIV IQS) * IAFIS IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche EFTS/F del FBI ** PIV IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche PIV del FBI Tabella 1 oppure Pagina 17 of 21

18 Area Risoluzione Distorsione geometrica Risposta alle frequenze spaziali Rapporto segnale rumore Livello di grigio e range dinamico 25.4mm 25.4mm 500dpi 1% (IAFIS IQS*) Nel 99% dei casi D AC max{0.0007, 0.01 X} D AL (IAFIS IQS*) MTF MIN (f) MTF (f) 1.12 (PIV IQS **) Dev.Std. σ 3.5 (PIV IQS **) Formato 256 livelli grigio. Range dinamico per l 80% delle immagini DR 150 (PIV IQS**) * IAFIS IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche EFTS/F del FBI ** PIV IQS: indica che questo requisito è conforme alle specifiche PIV del FBI Tabella 2 Particolare attenzione deve essere rivolta alle operazioni di calibrazione periodica del sensore e alla misurazione delle caratteristiche di qualità. Pagina 18 of 21

19 Annesso 3 Specifiche Tecniche dell algoritmo per la misura della qualità delle immagini delle impronte acquisite La verifica della qualità delle immagini delle impronte acquisite viene effettuata il software NIST Fingerprint Image Quality (NFIQ) sviluppato e distribuito gratuitamente dal NIST. Codifica della qualità I codici definiti dalla normativa ISO, in merito alla qualità dell immagine, devono essere codificati con i seguenti valori: 100 (NFIQ = 1); 75 (NFIQ = 2); 50 (NFIQ = 3); 25 (NFIQ = 4); 0 (NFIQ = 5). Il laboratorio del CNIPA prevede come valore minimo, per un impronta di qualità soddisfacente, l NFIQ pari a 3 (tre). Quindi si determina che immagini con valori di qualità compresi nell intervallo: NFIQ 4 (quattro) e 5 (cinque) devono essere, come prima istanza, scartate. NFIQ 1 (uno), 2 (due) e 3 (tre) devono essere accettate. Pagina 19 of 21

20 Annesso 4 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle delle impronte digitali in fase di acquisizione Il software che viene utilizzata è il Bozorth3 del NIST. Pagina 20 of 21

21 Annesso 5 Specifiche Tecniche dell algoritmo per il confronto delle impronte digitali in fase di consegna L algoritmo da utilizzare deve garantire valori di FRR e FAR idonei con lo scopo (anche in linea con quanto utilizzato in ambito Controllo delle Frontiere e Controllo del Territorio) Si suggerisce di utilizzare un software di riconoscimento in grado di garantire con un FAR (FMR) di 0.1% un FRR (FNMR) non superiore a 0.5% usando come protocollo di test ad esempio quello utilizzato per FVC2006 e come database di riferimento il DB n.2 di FVC2006 (denominato DB2). Per i valori sopraindicati con riferimento ad una popolazione di 1000 persone si avrebbero problemi di falsi rigetti, nel caso in cui si effettui un singolo tentativo e un singolo dito, per 5 persone sul totale indicato. La situazione varierebbe nel caso in cui si potesse provare più volte con due dita. In questo caso l errore si potrebbe ridurre significativamente. Nel DB suggerito per le prove sono presenti anche impronte di qualità bassa (NFIQ 4 e 5) in quanto la popolazione utilizzata per le acquisizioni risulta essere piuttosto eterogenea comprendendo anche lavoratori manuali e persone anziane. La base di dati, raccolta nell ambito del progetto europeo BioSec, è ottenibile gratuitamente su richiesta (http://atvs.ii.uam.es/fvc2006.html) e la procedura di test è pubblica (http://bias.csr.unibo.it/fvc2006/protocol.asp). I risultati dei test su questo DB sono in Dalla tabella dei risultati di FVC2006 le prestazioni suggerite di FAR ,5% sono superate da oltre 10 algoritmi. Pagina 21 of 21

Schema di guide tecniche per la gestione dei dati Biometrici

Schema di guide tecniche per la gestione dei dati Biometrici Permesso di soggiorno Schema di guide tecniche per la gestione dei dati Biometrici Reg. CE n.380/2008 Dicembre 2010 Schema di guide tecniche per la gestione degli elementi biometrici nelle fasi di emissione

Dettagli

Passaporto Elettronico. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato SpA

Passaporto Elettronico. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato SpA Guida per un facile rilascio del Passaporto Elettronico Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato SpA SOMMARIO Il Passaporto elettronico pag. 1 Cosa è l ICAO pag. 2 Cosa ha stabilito ICAO in termini di

Dettagli

Guida tecnica per garantire la qualità e interoperabilità dei dati Biometrici

Guida tecnica per garantire la qualità e interoperabilità dei dati Biometrici Documenti elettronici di identità Guida tecnica per garantire la qualità e interoperabilità dei dati Biometrici AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE giugno 2013 Guida tecnica per garantire la qualità e interoperabilità

Dettagli

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio

Lombardia Integrata S.p.A. Servizi Infotelematici per il Territorio blico Dominio MANUALE FOTO TESSERE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Codice Documento: #01Manuale Foto Tessera_Volontari_PCIV.rtf Revisione del Documento: 4 Stato della revisione del Documento: IN APPROVAZIONE

Dettagli

L utilizzo delle tecnologie biometriche nella PA

L utilizzo delle tecnologie biometriche nella PA L utilizzo delle tecnologie biometriche nella PA Alessandro Alessandroni Seminario DigitPA P@NORAMA 17 gennaio 2011 riconoscimento con tecnologie biometriche Le tecnologie biometriche sono finalizzate

Dettagli

Agli operatori degli Uffici Passaporto

Agli operatori degli Uffici Passaporto Agli operatori degli Uffici Passaporto Il software che viene distribuito presso gli uffici passaporto, necessario ad acquisire i dati per il rilascio del Passaporto Elettronico, include la procedura di

Dettagli

Le tecnologie biometriche per il controllo delle frontiere lezioni apprese e problemi aperti

Le tecnologie biometriche per il controllo delle frontiere lezioni apprese e problemi aperti Le tecnologie biometriche per il controllo delle frontiere lezioni apprese e problemi aperti Alessandro Alessandroni Università Roma Tre 29 maggio 2013 AGENDA 1 i documenti biometrici: tipologie di documenti

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

CNS. Realizzazione e diffusione della carta nazionale dei servizi con Firma Digitale. Manuale Operativo. Documento:

CNS. Realizzazione e diffusione della carta nazionale dei servizi con Firma Digitale. Manuale Operativo. Documento: CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI CON FIRMA DIGITALE MANUALE OPERATIVO CNS Realizzazione e diffusione della carta nazionale dei servizi con Firma Digitale Documento: Manuale Operativo Data: 10/06/2013 File:

Dettagli

MANUALE FUTURI STUDENTI rev. 2014 1. Università della Valle d Aosta Université de la Vallée D Aoste. Autore: Revisore:

MANUALE FUTURI STUDENTI rev. 2014 1. Università della Valle d Aosta Université de la Vallée D Aoste. Autore: Revisore: Università della Valle d Aosta Université de la Vallée D Aoste Immatricolazione online: fase 2 Procedura di ammissione In questo documento viene illustrata la procedura web di ammissione ai corsi di laurea.

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

Sommario Introduzione... 1 1. Accesso alla Segreteria online... 1 2. Selezione tipologia corso a cui iscriversi... 3 3. Inserimento della domanda di

Sommario Introduzione... 1 1. Accesso alla Segreteria online... 1 2. Selezione tipologia corso a cui iscriversi... 3 3. Inserimento della domanda di Università della Valle d Aosta Université de la Vallée D Aoste Immatricolazione online: fase 2 - Procedura di ammissione In questo documento viene illustrata la procedura web di ammissione ai corsi di

Dettagli

Le tecnologie biometriche per il controllo. delle frontiere nell Unione Europea

Le tecnologie biometriche per il controllo. delle frontiere nell Unione Europea BIOMETRIA E SICUREZZA DELLE FRONTIERE Le tecnologie biometriche per il controllo delle frontiere nell Unione Europea Alessandro Alessandroni - CNIPA responsabile Osservatorio del mercato, componente del

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 84 Informativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza. Pubblica Sicurezza e Ordine Pubblico.

Dettagli

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005)

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) MODIFICAZIONI AL DECRETO MINISTERIALE 19 LUGLIO 2000, RECANTE: "REGOLE TECNICHE E DI SICUREZZA

Dettagli

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO Rev. n 02 Pag. 1 di 25 SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE TERNA L UTILIZZO DEL SERVIZIO Storia delle revisioni Rev. n Data Descrizione 01 23/08/2010 Prima emissione del documento. 02 24/09/2010 Aggiornamento printscreen

Dettagli

Andrea Tomicich ph. Web: http://www.andreatomicich.com Email: info@andreatomicich.com

Andrea Tomicich ph. Web: http://www.andreatomicich.com Email: info@andreatomicich.com Andrea Tomicich ph. Web: http://www.andreatomicich.com Email: info@andreatomicich.com Copyright Tutte le immagini ed il testo contenuto nel presente documento sono di proprietà dell'autore (Andrea Tomicich).

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005

Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005 Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 2 agosto 2005 Modificazioni al decreto ministeriale 19 luglio 2000, recante: «Regole tecniche e di sicurezza relative alla carta

Dettagli

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web Sommario Introduzione alla Sicurezza Web Considerazioni generali IPSec Secure Socket Layer (SSL) e Transport Layer Security (TLS) Secure Electronic Transaction (SET) Introduzione alla crittografia Introduzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE

LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE Schema dei flussi di interconnessione delle postazioni CIE e CNSD presso i Comuni,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Il Comitato Tecnico Permanente, istituito presso il Ministero con DM 20.3.2003, nella seduta del 31 luglio 2007, ha approvato la lista dei requisiti minimi hardware e software delle stazioni di emissione

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

FIRMA GRAFOMETRICA MANUALE OPERATIVO

FIRMA GRAFOMETRICA MANUALE OPERATIVO FIRMA GRAFOMETRICA MANUALE OPERATIVO Versione 1.1 Redatto da : Orietta Tedesco - Camera di Commercio di Padova Verificato da: Luigi Pallottini - Infocamere ScpA Approvato da: Maurizio Pirazzini - Camera

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO Canon Consumer Imaging Cliccando sul pulsante verde accedi alla pagina Internet da cui è possibile scaricare le foto ad alta risoluzione EOS 500D Approfondimento SEGUE COMUNICATO COMPLETO Tecnologia CMOS

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

Ai fini delle presente convenzione si adottano le seguenti definizioni.

Ai fini delle presente convenzione si adottano le seguenti definizioni. Allegato 1) Glossario Ai fini delle presente convenzione si adottano le seguenti definizioni. Termine Accessibilità telematica ai dati Definizione Proprietà dei sistemi informatici mediante la quale viene

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione Rappresentazione digitale dell informazione Introduzione Nelle scorse lezioni, abbiamo mostrato come sia possibile utilizzare stringhe di bit per rappresentare i numeri interi e frazionari, con o senza

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 23 luglio 2013 Regole di sicurezza relative al permesso di soggiorno. (13A08806) (GU n.260 del 6-11-2013) IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI 2008-2009 Il passaporto elettronico Benedetti Alessandro, Celli Fabrizio, Gozzi Andrea 2008 U N I V E R S I T A D E G L I S T U D I R O M A T R E Sommario Capitolo 1...

Dettagli

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Centro servizi informatici CSI-DFGP Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (SCPT) Call Center Information

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

KIP 720 SISTEMA DI SCANSIONE CIS CON TECNOLOGIA AVANZATA KIP RTT (REAL TIME TRESHOLDING)

KIP 720 SISTEMA DI SCANSIONE CIS CON TECNOLOGIA AVANZATA KIP RTT (REAL TIME TRESHOLDING) KIP 720 SISTEMA DI SCANSIONE CIS CON TECNOLOGIA AVANZATA KIP RTT (REAL TIME TRESHOLDING) SISTEMA DI SCANSIONE KIP 720 Scanner per Immagini KIP 720 Lo scanner KIP 720 a colori e in bianco e nero consente

Dettagli

Differenze funzionali ed economiche tra le tecnologie Laser Card e Secure Visa

Differenze funzionali ed economiche tra le tecnologie Laser Card e Secure Visa Differenze funzionali ed economiche tra le tecnologie Laser Card e Secure Visa Laser Card La Laser Card [LC] è il prodotto di punta di una piccola casa americana, la Drexler (ora LaserCard Systems). Essa

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO UNICO DELLE BIBLIOTECHE ITALIANE E PER LE INFORMAZIONI BIBLIOGRAFICHE Bando di gara a procedura aperta Digitalizzazione di

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 09/03/2015. Pagina 2 di 42 S-MIP-MRGD-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico latte conservato Indice 1 Introduzione...

Dettagli

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità)

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità) Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METS Direttive concernenti l ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione per i controlli della velocità e la sorveglianza

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Premesse PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Problemi Come distribuire in modo sicuro le chiavi pubbliche? Come conservare e proteggere le chiavi private? Come garantire l utilizzo corretto dei meccanismi crittografici?

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni?

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? In questo caso la situazione sembra del tutto diversa. Il testo scritto è costruito combinando

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

IPZS. Maurizio Quattrociocchi Direttore ICT&Business Solutions FORUM PA

IPZS. Maurizio Quattrociocchi Direttore ICT&Business Solutions FORUM PA IPZS Sicurezza per lo Stato e per il Cittadino Maurizio Quattrociocchi Direttore ICT&Business Solutions FORUM PA La sicurezza dei dati: fattore abilitante per l attuazione dell Agenda Digitale 3 Aprile

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - A proposito di social network! Osserviamo due esempi di pagine Facebook." Cercate di pensare a qual è la differenza principale tra queste due pagine." Esempio

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY. Andrea Paoloni

PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY. Andrea Paoloni PRINCIPI DI COMPUTER SECURITY Andrea Paoloni 2 Cade il segreto dei codici cifrati Corriere della Sera 26 febbraio 2008 3 Gli hacker sono utili? 4 Safety vs Security SAFETY (salvezza): protezione, sicurezza

Dettagli

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw 1. Alla scoperta dei formati di files digitali: JPG, RAW e DNG. Che cosa sono, quali vantaggi e svantaggi

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 LA FIRMA DIGITALE Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 COPYRIGHT NOTES: I contenuti del sito codice di script, grafica, testi, tabelle,

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati Realizzazione di un Sistema Sicuro di Accesso

Dettagli

Normativa per l acquisizione digitale delle immagini fotografiche

Normativa per l acquisizione digitale delle immagini fotografiche MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Normativa per l acquisizione digitale delle immagini fotografiche 1 9 9 8 Normativa per l acquisizione

Dettagli

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41

Manuale tecnico. Indice. Versione 1.0 del 24/02/2015. Pagina 2 di 41 S-MIP-MRGC-K3-15001 Regole tecniche per l accesso al servizio in cooperazione applicativa tramite tecnologia webservice per la tenuta del registro di carico e scarico sostanze zuccherine Indice 1 Introduzione...

Dettagli

PointCloud 7.0 Anno 2011

PointCloud 7.0 Anno 2011 PointCloud 7.0 Anno 2011 Compatibilità con AutoCAD 2007-2012 ed AutoCAD 2007-2012 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità

Dettagli

E-Privacy 2004 Firenze, 14 15 maggio 2004

E-Privacy 2004 Firenze, 14 15 maggio 2004 E-Privacy 2004 Firenze, 14 15 maggio 2004 Il sottile confine tra privacy e sicurezza: i dispositivi biometrici Yvette Agostini - yvette@yvetteagostini.it vodka@s0ftpj.org Il Progetto Winston Smith The

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

crisalli@ing.uniroma2.it

crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2012-2013 ITS Intelligent t Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS ( il TUTOR ) Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

SSL: applicazioni telematiche SSL SSL SSL. E-commerce Trading on-line Internet banking... Secure Socket Layer

SSL: applicazioni telematiche SSL SSL SSL. E-commerce Trading on-line Internet banking... Secure Socket Layer : applicazioni telematiche Secure Socket Layer E-commerce Trading on-line Internet banking... Protocollo proposto dalla Netscape Communications Corporation Garantisce confidenzialità e affidabilità delle

Dettagli

SCHEDA. ! formato ID2 (105 x 74 mm): due righe di 36 caratteri ciascuna, nella parte inferiore della pagina dei dati anagrafici o del visto;

SCHEDA. ! formato ID2 (105 x 74 mm): due righe di 36 caratteri ciascuna, nella parte inferiore della pagina dei dati anagrafici o del visto; SCHEDA IL CODICE ICAO L'I.C.A.O (International Civil Aviation Organization - organizzazione internazionale aeronautica civile), è l organismo dell'onu, con sede a Montreal (Canada), che si occupa del trasporto

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

Ogni apparecchio da gioco dovrà essere collegato con la rete telematica dei Monopoli di Stato e dovrà riportare, ben visibile ed in lingua italiana:

Ogni apparecchio da gioco dovrà essere collegato con la rete telematica dei Monopoli di Stato e dovrà riportare, ben visibile ed in lingua italiana: NewSlot: nuove regole per gli apparecchi da gioco Decreto AAMS 19.09.2006 Giocare con le "NewSlot", cioè gli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro è possibile, ma la partita deve durare almeno

Dettagli

Acquisto con carta di credito. Acquisto con carta di credito

Acquisto con carta di credito. Acquisto con carta di credito Acquisto con carta di credito Vantaggio: facile da implementare Svantaggio: per un malintenzionato è più facile carpire il numero della carta attraverso Internet che non via telefono Svantaggio: credibilità

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

M.U.T Modulo Unico Telematico

M.U.T Modulo Unico Telematico M.U.T Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Guida all uso dei servizi Internet Versione: 1.0 Data redazione: 15.10.2004 Software prodotto da Nuova Informatica srl Rovigo Pagina 1 di 40 Indice dei

Dettagli

Disponibilità biometriche per la gestione degli accessi

Disponibilità biometriche per la gestione degli accessi Disponibilità biometriche per la gestione degli accessi Raffaele Cappelli Dario Maio BioLab - Biometric System Laboratory Università di Bologna ( Web site: http://biolab.csr.unibo.it ) Outline Riconoscimento

Dettagli

ESSE3 FOTOTESSERA PER LA STUDENT CARD

ESSE3 FOTOTESSERA PER LA STUDENT CARD ESSE3 FOTOTESSERA PER LA STUDENT CARD Aggiornata al 24/09/2015 Redazione a cura di: Distribuito a: Modifiche rispetto alle revisioni precedenti: Area Dirigenziale Didattica e Servizi per gli Studenti Area

Dettagli

lnformatica Prova d esame del 23 giugno 2003 Elaborazione Testi

lnformatica Prova d esame del 23 giugno 2003 Elaborazione Testi lnformatica Prova d esame del 23 giugno 2003 Elaborazione Testi Aprire il documento MS Word di nome funzionalitaiis.doc, reperibile come descritto all inizio della prova. Apportare le modifiche indicate

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Approfondimento di Marco Mulas

Approfondimento di Marco Mulas Approfondimento di Marco Mulas Affidabilità: TCP o UDP Throughput: banda a disposizione Temporizzazione: realtime o piccoli ritardi Sicurezza Riservatezza dei dati Integrità dei dati Autenticazione di

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Simbologie per codici a barre (Data Carriers)

Simbologie per codici a barre (Data Carriers) Specifiche Tecniche GS1 5 Versione 15, Gennaio 2015 Sezione 5. Simbologie per codici a barre (Data Carriers) 5.1. Introduzione... 2 5.2. Codici a barre lineari Specifiche della simbologia EAN/UPC... 6

Dettagli

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7 Introduzione 2 Capitolo I - Sicurezza Informatica e Crittografia 6 1.1 Problematiche di sicurezza 6 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6 1.1.2 Il modello di riferimento 7 1.1.3 Valutazione del rischio

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE DEL SISTEMA REALIZZATO DA UNIPOL ASSICURAZIONI PER L'USO DELLA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA (ai sensi dell'art.57, lett.

CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE DEL SISTEMA REALIZZATO DA UNIPOL ASSICURAZIONI PER L'USO DELLA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA (ai sensi dell'art.57, lett. CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE DEL SISTEMA REALIZZATO DA UNIPOL ASSICURAZIONI PER L'USO DELLA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA (ai sensi dell'art.57, lett. e) Regole tecniche in materia di generazione, apposizione

Dettagli

Lombardia Informatica s.p.a. Lombardia Informatica S.p.A. Manuale Operativo per il Servizio di Posta Elettronica Certificata

Lombardia Informatica s.p.a. Lombardia Informatica S.p.A. Manuale Operativo per il Servizio di Posta Elettronica Certificata Codice documento: LISPA-PEC-MO#01 Revisione: 1 Stato: Emesso Data di revisione: 21-ott-2010 NOME DATA Redatto da: Gianluca Gallia 24-set-2010 Verificato da: Doriana Pepoli 14-ott-2010 Verificato da: Luigi

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Copyright LaPSIX 2007 Glossario servizi offerti di sicurezza Informatica SINGLE SIGN-ON Il Single Sign-On prevede che la parte client di un sistema venga

Dettagli

Total Security Knowledge Management Solution

Total Security Knowledge Management Solution Total Security Knowledge Management Solution Gestione Integrata della Sicurezza Aziendale ID Credential Overview OnGuard ID CredentialCenter è un prodotto che integra, sull esistente tecnologia ID di Lenel,

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni nella Regione Piemonte. Farmacie. Versione 1.0

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni nella Regione Piemonte. Farmacie. Versione 1.0 Pag. 1 di 13 Progetto SIRPE De-materializzazione nella Regione Piemonte Farmacie Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 13 1 Introduzione 3 1.1 Scopo del documento 3 1.2 Riferimenti 3 2 Inquadramento e obiettivo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia RETI DI CALCOLATORI Crittografia La crittografia La crittografia è la scienza che studia la scrittura e la lettura di messaggi in codice ed è il fondamento su cui si basano i meccanismi di autenticazione,

Dettagli

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 DR-9080C Scanner veloci per grandi tirature La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 / DR-9080C Scansione su larga scala a tempi di record

Dettagli

La tecnologia SecurePaper

La tecnologia SecurePaper 1 1 2 Sommario La tecnologia SecurePaper...3 Il Viewer...4 La securizzazione lato Server...5 Web Services...5 Batch/Streaming...6 Soluzioni ad-hoc...7 Scalabilità...7 Tipi di documenti...7 Caratteristiche

Dettagli

NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA

NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA A CURA DI MASSIMO NUVINA CESARE ROBELLO Revisione 11.2007 Tutte le regolazioni e le impostazioni che seguono sono da intendersi per una macchina fotografica

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

FORUM PA Officine PA Sicurezza. Martedì 10 Maggio I-Memo v. 226. La sicurezza digitale nelle nostre mani

FORUM PA Officine PA Sicurezza. Martedì 10 Maggio I-Memo v. 226. La sicurezza digitale nelle nostre mani L idea: una proposta unica per rispondere a diversi livelli di richiesta di sicurezza Cloud computing Codici e pin di identificazione utente Servizi bancari e della Pubblica amministrazione on line Web

Dettagli

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 Introduzione all immagine digitale Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 immagine digitale RASTER tipologie caratteristiche VETTORIALE molte informazioni dimensione fissa dipendente dalla risoluzione

Dettagli

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione 3. LA RISOLUZIONE La risoluzione di un immagine indica il grado di qualità di un immagine. Generalmente si usa questo termine parlando di immagini digitali, ma anche una qualunque fotografia classica ha

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli