Da Piazzale Matteotti a Piazza Matteotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Piazzale Matteotti a Piazza Matteotti"

Transcript

1 Concorso Progetto per la sistemazione urbanistica e il recupero culturale del Piazzale Matteotti di Pesaro prima edizione Gruppo Terziario Donna - Confcommercio di Pesaro-Urbino Da Piazzale Matteotti a Piazza Matteotti Leonardi Marinelli architetti Studio Aliante Ing. Fabio Luminari giugno 2003 Premesse Obiettivi Gli interventi proposti 1 Il riordino della viabilità Gli interventi architettonici: 2 La sistemazione della piazza 3 La sistemazione dell area degli scavi 4 La realizzazione dell Infopoint 5 L arredo urbano

2 Premesse Premesso che l area riunisce, in uno spazio limitato, testimonianze di vita cittadina dall antichità ai giorni nostri; comprende emergenze di grande valore storico, nonché spazi adatti a funzioni di svago e socializzazione; è storicamente e geograficamente limitrofa al centro, e funge da porta tra questo e i quartieri adiacenti; conta già con un impianto consolidato di verde; e che benché siano stati fatte negli ultimi anni parziali azioni di recupero, tutta la zona appare complessivamente mancante di carattere. L immagine estetico-paesaggistica è compromessa da interventi poco qualificati (come gli impianti di protezione degli scavi), così come dalla presenza sempre più incombente delle automobili; la viabilità attuale frammenta l area in spazi discontinui e poco fruibili, isolati dal centro storico da un rumoroso flusso di traffico. Obiettivi Si propone un intervento teso a: valorizzare le singole emergenze (Rocca Costanza, scavi romani) e l area nel suo insieme, sottolineando il suo carattere di contenitore di tracce della storia ; Con questo fine, si propone di destinare Rocca Costanza (o parte di essa) a Museo Storico e Archeologico della Città di Pesaro (MUSA). Si ipotizzano aree espositive multimediali permanenti, corredate da sale polifunzionali per convegni, conferenze, mostre temporanee, ecc., che ben possono condividere gli spazi della Rocca con altre istituzioni che svolgono attività inerenti alla storia locale (Archivio Storico, Società di studi storici, ecc.). La complessità della problematica legata all utilizzo di Rocca Costanza ci impone di abbozzare soltanto questa idea. Ci permettiamo di invitare gli organizzatori a promuovere un concorso specifico. Per illustrare a cittadini e turisti il carattere peculiare dell area (punto di incontro di tanti periodi storici), e introdurli alla conoscenza della storia e dell offerta culturale della città, proponiamo la costruzione nella Piazza di un Infopoint, al posto del fabbricato esistente su Viale Piave angolo Piazzale Matteoti. riordinare la viabilità per migliorare la fruizione complessiva dell area raccordandola con il centro storico A tal fine si propone di modificare il senso di circolazione di alcune vie adiacenti, e di spostare il parcheggio esistente, per consentire la creazione di un area pedonale/a traffico limitato che includa le diverse emergenze della zona (Viale Don Minzoni, Rocca Costanza, scavi, zone verdi del piazzale, Infopoint, piazzetta Via San Francesco / piazzetta Liceo Mamiani), collegandole tra di loro e con il centro storico. 2

3 migliorare l immagine complessiva dell area, attrezzandola per il suo utilizzo da parte dei cittadini e come biglietto da visita per i turisti Lo spazio in questione, cerniera tra il centro storico e quartieri di nuova costruzione, sul quale si affacciano edifici dei più svariati periodi storici, suggerisce l uso di un linguaggio attuale, lineare ed essenziale. Una scelta stilistica che volutamente escluda i rifacimenti in finto stile centro storico ma che, nella leggerezza delle forme e dei materiali e nei rimandi metaforici ad elementi del passato, esprima una sottile attenzione al contesto. Si propone quindi un intervento complessivo di architettura moderna, che comprende la sistemazione della piazza, la riprogettazione dell area scavi (copertura, recinzione, camminamenti), la realizzazione dell Infopoint e la redifinizione degli arredi urbani di tutta l area. Gli interventi 1 Riordino della viabilità Viale Don Minzoni, a traffico limitato Viale Don Minzoni è una via alberata, ad andamento sinuoso, con magnifica vista sulla Rocca: può essere uno spazio urbano qualificato; nonché un agile percorso ciclabile e pedonale che raccordi Piazzale Matteotti con la piazzetta adiacente la Rocca e con Via Rossini (creando un circuito Via Rossini/Via Don Minzoni/Piazza Matteotti/Via S. Francesco/Piazza del Popolo) Si propone la eliminazione del dislivello tra marciapiede e strada, e la pavimentazione in porfido (come in Via San Francesco), per definire uno spazio atto ad ospitare iniziative ed esposizioni: un Mercato dell Artigianato Artistico, dell Antiquariato, ecc. Si propone la limitazione del traffico (solo per consentire agli autorizzati l accesso al centro per Via Arsenale), lo spostamento del distributore di benzina e l equipaggiamento dell area con strutture di arredo urbano. Il cambio di sensi di circolazione Gli interventi di cambi di sensi sono stati ridotti al minimo indispensabile, per ridurne i disagi. La circolazione veicolare viene spostata a est della Rocca, sulle vie immediatamente adiacenti. Per consentirne la scorrevolezza, i flussi di traffico non si intersecano: alcuni caseggiati fungono da rotatorie virtuali che agevolano le derivazioni verso altre direzioni (vedi tavola). Il parcheggio, l area taxi I posti di parcheggio eliminati vengono recuperati creando posteggi a spina di pesce lungo il lato est della Piazza e lungo il primo caseggiato di Viale Cialdini. Per i taxi si prevede un apposita piazzola, con accesso diretto dalla strada. 3

4 Gli interventi 2 La sistemazione della Piazza Tutta la zona antistante la Rocca fino al Liceo Mamiani viene trattata come un unica, grande Piazza. il camminamento longitudinale La memoria delle mura romane e roveresche (che attraversavano l attuale Piazzale in coincidenza con una linea ideale che unisce l ingresso alla Rocca con Viale Gramsci) è sottolineata dalla creazione di un camminamento longitudinale pavimentato in cotto disposto ad opus incertum (a romana memoria). Questo asse collega tutto lo sviluppo della piazza e segnala con la sua prospettiva l ingresso della Rocca. la continuità con Via San Francesco; la scultura Il camminamento s interseca con Via San Francesco (antica Via Flaminia, cardo della città romana), in uno spazio ricchissimo di rimandi storici: nel punto in cui, sulle antiche mura, si apriva Porta Fano. Nel progetto, Via San Francesco si prolunga, penetrando nella Piazza con la sua pavimentazione attuale, fino allo spiazzo ovale che ospita una scultura che allude alla demolita Porta (e per la quale suggeriamo la convocatoria di un apposito concorso). la pavimentazione della Piazza Tutta l estesa area della Piazza è resa omogenea dal uso della pavimentazione: una maglia geometrica che collega le forme organiche delle aiuole. La rete è definita dal cambio del disegno di posa del materiale usato: dentro i quadrati, il porfido è posato a ventaglio ; nel reticolato, a righe parallele. Il modulo di base della maglia è il piede romano (29,5 cm circa): una misura con precisi riferimenti sia alla storia, sia alla scala umana. Il piede, elevato al quadrato, dà la misura dei quadrati interni, mentre il reticolo ha una larghezza di un piede. le aree verdi Gli alberi esistenti vengono conservati. Il verde viene integrato da aree a prato dal disegno sinuoso che dialogano con la rigorosa maglia quadrata utilizzata per la pavimentazione. Le aree verdi sono posizionate verso la sede stradale in maniera da isolare parte della piazza dal traffico. Gli interventi 3 La sistemazione del area scavi la copertura Si propone la sostituzione della copertura esistente (precaria e invadente) con una struttura reticolare, leggera ed essenziale. La copertura, che riprende il modulo della pavimentazione della piazza, è composta da travi e pilastri metallici, tamponati solo in alcune zone con lastre in vetro armato e polarizzato. La modularità consente di ampliare o modificare nel tempo la superficie coperta, per adattarla ad ulteriori scavi archeologici o a diverse funzioni (vedi pensiline e chioschi). La struttura si estende (senza essere tamponata), come collegamento ideale con l Infopoint e come supporto per rampicanti che completano l impianto del verde. la passerella Per una migliore fruizione visiva degli scavi, si crea un camminamento perimetrale, che sporge leggermente verso l interno, e una passerella centrale sospesa che collega i due lati lunghi. La passerella (che avrà la larghezza opportuna per consentirne l utilizzo ai disabili) sarà realizzata in doghe di legno opportunamente trattate con resine e completata con una sottile balaustra di acciaio. 4

5 Gli interventi 4 La realizzazione dell Infopoint un infopoint all ingresso del centro Per sottolineare il carattere di porta della città che la Piazza può svolgere per turisti e cittadini, si propone la creazione di un Infopoint in cui allestire un esposizione multimediale propedeutica alla visita della città, iniziando dall area in cui vi si trova. Postazioni informatiche e apparati didattici spiegano scavi romani, Rocca Costanza e altri monumenti e percorsi museali del centro storico. l edificio Si propone il recupero della cubatura del fabbricato esistente su Via Piave (un deposito di 10 m x 5 m di proprietà comunale) per la realizzazione di un piccolo edificio cilindrico in mattoni a vista. Un intervento di architettura moderna, la cui forma e materiale dialoga con le torri di Rocca Costanza e che caratterizza visivamente la zona. Il posto in cui sorge (molto visibile dal traffico veicolare e pedonale, vicino ai parcheggi) lo rende facilmente accessibile ai turisti e visitatori. Una insegna identifica la funzione anche per chi arriva in automobile. Nello stesso punto è prevista la costruzione dei servizi igienici (con accesso esterno all edificio) per i visitatori della Piazza. L allestimento dell Infopoint potrebbe precedere la realizzazione del MUSA (Museo Storico Archeologico della Città di Pesaro), considerando i tempi necessari alla definizione ed esecuzione di un progetto come quello della Rocca, che vede coinvolti svariati interlocutori. Gli interventi 5 L arredo urbano Per garantire una unità formale in tutta la vasta area della Piazza, una copertura come quella utilizzata per gli scavi viene riproposta come protezione delle zone collettive e dei servizi. i chioschi I chioschi esistenti (fioraio, bar, edicola, ecc.) vengono dislocati nella Piazza, per creare animazione in diversi punti. La copertura è realizzata con una struttura completata da alette parasole tipo brise-soleil davanti al banco di vendita o sopra eventuali tavoli e sedie. le pensiline di attesa autobus e fermata taxi L area di attesa autobus è protetta da una struttura metallica costruita con lo stesso sistema, mentre le sedute vengono integrate con il tracciato longitudinale in cotto che, in questo punto si innalza a quota + 45 cm. La stessa tipologia di copertura protegge la zona taxi. impianti di illuminazione L impianto di illuminazione esistente, di carattere stradale, sarà sostituito con un impianto di arredo urbano stilisticamente consono con le linee progettuali scelte, integrato con la struttura modulare delle coperture. 5

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

L evoluzione del nostro ospedale

L evoluzione del nostro ospedale L evoluzione del nostro ospedale A cura di: Geom. Giuseppe Arduca P.I. Massimo Magnani Ing. Enzo Mazzi Servizio Attività Tecniche Il Servizio Attività Tecniche e la Direzione Medica di Presidio a partire

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto. Forte dei Marmi (LU)

Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto. Forte dei Marmi (LU) 2012 Concorso di idee per la Riqualificazione ambientale e urbana del Mercato Coperto Forte dei Marmi (LU) 1 - Premessa. Il territorio comunale è in generale interamente pianeggiante, caratterizzato da

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento

M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento M4 /WORKSHOP «Idee in cantiere» 2 appuntamento 3 luglio 2015 2 Premessa Il primo workshop si poneva almeno due obiettivi: raccogliere idee e proposte per far vivere i cantieri M4 ; capire quali fossero

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA Progetto del Centro Italiano della fotografia d'autore Il Centro Italiano della Fotografia d Autore è stato inaugurato il 28 maggio del 2005 su iniziativa del Comune di

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo COME PIANIFICARE I TERRITORI PER FAVORIRE LO SPOSTAMENTO DI CHI HA DIFFICOLTA MOTORIE RAPPRESENTAZIONE di Un Percorso Metodologico Architetto Aldo Capodaglio - VENEZIA FASE PRELIMINARE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: BOWLING RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso di costruire è

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Eliminazione barriere architettoniche

Eliminazione barriere architettoniche Indice Riferimenti normativi... 3 Percorsi... 4 Pavimentazioni... 4 Aree a parcheggi... 5 Dichiarazione di conformità alla normativa in materia di accessibilità e superamento delle barriere architettoniche...

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE PIAZZA DELLA SCALA,

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE PIAZZA DELLA SCALA, CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE PIAZZA DELLA SCALA, Tutte le spese necessarie per l organizzazione e lo svolgimento del Concorso (compresi premio e rimborsi spese) sono sostenute da Intesa San Paolo. PROMOTORI

Dettagli

MUVE. Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO

MUVE. Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO COMUNE DI EMPOLI (FI) MUVE Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO Relazione Tecnico - Illustrativa Località: Comune di EMPOLI (FI), MAGAZZINO DEL SALE, Via Ridolfi n 10 Committente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE Art. 1. CONTENUTI E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Nell ambito della riqualificazione del centro di

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino.

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Fermo, Ascoli Piceno 1997-2002 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI

LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI LARGO D ACQUISTO COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI R relazione tecnica e stima sommaria dei costi concorso microgiardini 2010 arch. alessandro pavan arg. elisa frappi designer valeria ciabò ANALISI DEL LUOGO

Dettagli

T 011.19714247 - F 011.19714309 info@lucamoretto.it www.lucamoretto.it CORSO MEDITERRANEO 148, 10129 TORINO

T 011.19714247 - F 011.19714309 info@lucamoretto.it www.lucamoretto.it CORSO MEDITERRANEO 148, 10129 TORINO Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala - Milano 2015 Relazione di progetto L architettura è trasformazione, la città è trasformazione; Milano è una città in divenire, in continuo ed incessante

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

2. IDENTIFICAZIONE GEOGRAFICA E CATASTALE

2. IDENTIFICAZIONE GEOGRAFICA E CATASTALE INDICE: 1. PREMESSA... 2 2. IDENTIFICAZIONE GEOGRAFICA E CATASTALE... 2 3. IDENTIFICAZIONE URBANISTICO EDILIZIA... 2 4. AUTORIZZAZIONI OTTENUTE... 2 4.1. AUTORIZZAZIONI COMUNE DI CONSELVE... 2 4.2. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense

Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Progetto di Adeguamento Architettonico della Biblioteca Laudense Relazione Tecnica Interventi di progettazione dell allestimento degli spazi interni dell edificio ex-convento di San Filippo, destinato

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo

Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale. Progetto definitivo Restauro e ricostruzione del Convento di San Francesco alle Scale come biblioteca comunale Progetto definitivo Ancona 1995-1999 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto si propone di ricostruire la parte

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti L Associazione CICLOAMICI FIAB Vision Mesagne e il suo territorio Pianura

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Elena Mostardini ARCHITETTO. Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze.

Elena Mostardini ARCHITETTO. Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze. Elena Mostardini ARCHITETTO Via Pontorme 3, 50053 Empoli (FI) Tel 0571 1820618 Fax 05711979129 Email elena.mostardini@pec.architettifirenze.it COMUNE DI EMPOLI (FI) MUVE Museo del Vetro di Empoli PROGETTO

Dettagli

Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca. Comune di Lodi XII 2008

Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca. Comune di Lodi XII 2008 Progetto di adeguamento architettonico e allestimento spazi interni della Biblioteca Laudense Comune di Lodi XII 2008 OGGETTO: PROGETTO DI ADEGUAMENTO ARCHITETTONICO BIBLIOTECA LAUDENSE Comune di Lodi

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

CESENATICO biblio Fig. 1 L aspetto esterno della biblioteca di Cesenatico è quello di una architettura che unisce stilemi classici ad un impianto razionalista dei primi del secolo. L edificio affaccia

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto

Progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA. Descrizione del progetto Progetto A Descrizione del progetto RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA I fattori che hanno determinato la posizione del nuovo ponte: sezione di alveo inferiore rispetto a quella al ponte crollato prolungamento

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Il Comune di Olbia, attraverso l elaborazione del Piano Strategico Olbia Città d Europa si è dotato di uno di programmazione dello sviluppo locale, attraverso

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città Ascoltare il Territorio Fase 3 Sintesi dei Laboratori del P.O.C. 28 Gennaio 2014 6 Febbraio 2014 Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi:

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI PENSILINA E PARCHEGGIO CICLI A SERVIZIO DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELL AUTOSTAZIONE. - PROGETTO ESECUTIVO -

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI PENSILINA E PARCHEGGIO CICLI A SERVIZIO DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELL AUTOSTAZIONE. - PROGETTO ESECUTIVO - PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI PENSILINA E PARCHEGGIO CICLI A SERVIZIO DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELL AUTOSTAZIONE. - PROGETTO ESECUTIVO - RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA R 01 Indice : 1. DESCRIZIONE

Dettagli

PREMESSA. oggetto di progettazione architettonica a livello definitivo. PASSERELLA CICLOPEDONALE. Premessa

PREMESSA. oggetto di progettazione architettonica a livello definitivo. PASSERELLA CICLOPEDONALE. Premessa PREMESSA Nell'ambito dell'intervento relativo alla Stazione Unificata di Cormano Cusano si inseriscono le seguenti opere connesse all'eliminazione delle intersezioni a raso con la rete stradale: Sottopasso

Dettagli

Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani

Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Concorso d idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GGMEC11N 0 La città di Ciriè è costituita da un complesso di insediamenti,

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 )

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) Comune di Ciriè TRE ETTARI concorso di idee 2 SPIEGAZIONI DELLE SCELTE

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 34 persone, di cui 19 donne e

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 2. Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 2 Tra le esigenze raccolte relativamente alla Zona nella sua totalità si segnala la richiesta di: Recuperare edifici ed aree di proprietà comunale in stato di

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO RELAZIONE DESCRITTIVA

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO RELAZIONE DESCRITTIVA COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSA Il progetto originario, è scaturito dalla volontà di ricompattare i luoghi pubblici più significativi della realtà urbana di San Michele Salentino:

Dettagli

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Concorso, 2 classificato Perugia 2001 Massimo e Gabriella Carmassi con Paolo Vinti Il nostro progetto si propone

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

LA FERMATA FERROVIARIA STEZZANESE E CONCRETA REALTA!

LA FERMATA FERROVIARIA STEZZANESE E CONCRETA REALTA! ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI E VIABILITA ARTICOLO SU STEZA DI SETTEMBRE 2010 LA FERMATA FERROVIARIA STEZZANESE E CONCRETA REALTA! Le Scelte di Fondo Il 23 luglio è stata aperta al pubblico, completamente,

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella

PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella PIUSS DA VIA REGIA A VIAREGGIO INFORMAZIONI DI SINTESI SU OPERAZIONI AMMESSE AL FINANZIAMENTO LEGENDA : significato colore di sfondo della tabella Progetti ancora da ultimare Progetti revocati o di rinuncia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 "Mobilità"

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 Mobilità RELAZIONE TECNICA L area di progetto insiste su una porzione del settore Nord-Est di Sesto San Giovanni, Comune confinante a Sud-Ovest con il capoluogo lombardo. L area in oggetto si trova in un punto

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013

STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI. Luglio 2013 STUDIO GEOLOGICO DI SUPPORTO AL PROGETTO PER L ACCESSIBILITÀ E LA SOSTA DELLA CERTOSA DI CALCI Luglio 2013 Dott. Geol. Alessandra Buscemi Dott. Geol. Roberto Balatri PDF created with pdffactory Pro trial

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi

PIU 2015 ONE SMART CITY. Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale. Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi PIU 2015 ONE SMART CITY Un progetto di rigenerazione urbana per l'inclusione sociale Comune di Vinci Comune di Cerreto Guidi FINANZIAMENTO COMPLESSIVO DEL PROGETTO! 5.950.000 euro di investimento complessivo!

Dettagli

Ambito 1 Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria

Ambito 1 Corso Martiri della Libertà e Piazza D Oria L area urbana oggetto di intervento è scandita in tre diversi ambiti slegati tra loro, sia per caratteristiche intrinseche che per morfologia del territorio; appare però evidente, che ciascun ambito è

Dettagli

via Calzolai via Malpasso

via Calzolai via Malpasso Nel corso del 2015 il Comune di Ferrara ha realizzato un grosso intervento di ricucitura di un percorso ciclo-pedonale che nel suo complesso attraversa i centri abitati di Francolino, Malborghetto di Boara,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016 01) Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 05) S e r v i z i o Gestione dei beni demaniali e patrimoniali 01) INTERVENTO Acquisizione di beni immobili 20105101 MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Descrizione del Progetto

Descrizione del Progetto Descrizione del Progetto PROGETTO: PROPONENTI: ARCHITETTURE SOTTILI Piccoli interventi di agopuntura urbana Ordine degli Architetti, P.P.C. della Provincia di Asti. DESTINATARI: Architetti senior e junior

Dettagli

Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi

Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi Progetto di ristrutturazione urbana del Lungomare Vanvitelli Concorso a inviti Ancona 2001 Massimo e Gabriella Carmassi L area di intervento è caratterizzata oggi da un certo disordine urbano, corrispondente

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Il quarto incontro di ascolto con i cittadini della zona

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Valorizzazione dell area archeologica di Caucana. Santa Croce Camerina (RG) RELAZIONE. Architetti Gaetano Manganello e Francesco Finocchiaro

Valorizzazione dell area archeologica di Caucana. Santa Croce Camerina (RG) RELAZIONE. Architetti Gaetano Manganello e Francesco Finocchiaro Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Area Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali Ragusa Valorizzazione

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli