Il primo libro che ti insegna le regole per vivere in sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il primo libro che ti insegna le regole per vivere in sicurezza"

Transcript

1

2 Il primo libro che ti insegna le regole per vivere in sicurezza Questo volumetto è stato redatto dall insegnante Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione: Angelamaria Galletti. I disegni sono stati effettuati dagli alunni di tutte le classi della scuola elementare S.Pertini di Narni Scalo. Le immagini presenti sono state tratte da locandine e fascicoli distribuiti dalla Protezione Civile.

3 Il sottoscritto..genitore dell alunno frequentante la classe.. sez. della scuola elementare. DICHIARA che il/la proprio/a figlio/a ha ricevuto il libro A scuola sicuri di stare al sicuro ideato e distribuito dalla Direzione Didattica di Narni Scalo, ai sensi del Decreto Legislativo n 626 del 19 settembre 1994 e successive modifiche. Firma. Narni Scalo, lì N.B: Il presente modulo va ritagliato, compilato e restituito alla scuola frequentata dal proprio figlio. Vista l importanza delle tematiche trattate i genitori sono pregati di trovare momenti di confronto e di approfondimento con i figli, al fine di sensibilizzarli verso le problematiche della sicurezza. Si ringrazia per la collaborazione.

4 Sommario Premessa Pag. 4 Che cos è la sicurezza Pag. 5 Norme di comportamento per stare in sicurezza: a scuola Pag. 7 Norme di comportamento per stare in sicurezza: a casa Pag. 9 Norme di comportamento per giocare. In sicurezza Pag. 11 Giochi pericolosi Pag. 12 Norme di comportamento per stare in sicurezza : in strada Pag. 14 Comportamento corretto, comportamento a rischio Pag. 19 Il terremoto : conosciamolo Pag. 22 Gli incendi Pag. 25 Frane e alluvioni Pag. 27 La nostra scuola e la sicurezza: sintesi procedura evacuazione Pag. 28 Il Piano di Evacuazione Pag. 29 Conosciamo l ambiente scuola Pag. 34 I segnali ci dicono che conosciamo la segnaletica della sicurezza Pag. 36 Aiuto! E successo un 1ncidente : primo soccorso Pag. 43 Le più elementari norme di igiene Pag. 46

5 Direzione Didattica Statale di Narni Scalo Via delle Rose, Narni Scalo Tel. 0744/ fax 0744/ Premessa Ai Genitori degli alunni delle scuole elementari del Circolo Si parla sempre molto di Sicurezza, ma poiché questo volumetto è dedicato ai bambini fino ai 10/11 anni, questa volta ne parleremo in modo diverso, utilizzando cioè, nei limiti del possibile, un linguaggio chiaro e comprensibile a tutti e, soprattutto, cercheremo di sensibilizzare gli alunni a tenere un comportamento corretto e responsabile in ogni manifestazione che presenti rischio e pericolo. La normativa vigente nel campo della sicurezza è il Decreto legislativo n 626 del 19 settembre 1994, modificato dal Decreto legislativo n 242 del 19 marzo 1996 e da successive modifiche. Queste due leggi dettano le norme e i modelli di comportamento per vivere in un ambiente di lavoro (nel nostro caso in una scuola) tenendo comportamenti sicuri, ponendo una maggiore attenzione verso i rischi che in ogni ambiente possono essere nascosti e soprattutto prestando grande attenzione all osservanza di tutte le regole dettate e conosciute per allontanare il pericolo di incidenti. Ognuno di noi deve tenere un comportamento corretto e adeguato e deve sentirsi ed essere responsabile delle azioni che sta compiendo. L attenzione che il nostro Istituto scolastico ha posto nelle tematiche inerenti la sicurezza e la protezione civile si innesta in modo esplicito e rilevante in tutti i contesti disciplinari. I risvolti e le applicazioni didattiche sono di carattere trasversale e hanno portato gli alunni, nel corso degli anni, alla produzione di numerosi lavori inerenti il tema della sicurezza: fascicoli, locandine e cartelloni pubblicitari ( alcuni premiati nell ambito del Progetto Scuola Sicura ). Molti eventi ( terremoti, incendi, esplosioni, allagamenti ) verificatisi in Italia e all Estero, diffusi dai mass-media hanno certamente accresciuto le conoscenze e la sensibilità di tutti noi. Tuttavia non è sempre facile desumere dal contesto e sintetizzare i principi fondamentali che costituiscono l unica difesa dell uomo di fronte a eventi imprevedibili e, in molti casi, catastrofici. Scopo del presente manuale, che non ha la presunzione di esaurire o chiarire totalmente l argomento, è quello di esporre in maniera essenziale, alcuni suggerimenti e principi la cui conoscenza non farà trovare i bambini impreparati di fronte a questi eventi. La semplicità e la stringatezza di quanto in esso contenuto è stata intenzionale al fine di rendere chiaro per tutti il suo contenuto, in special modo ai bambini della scuola elementare a cui esso è destinato che faranno da tramite per portare in seno alle famiglie alcune problematiche di interesse vitale. 4

6 La sicurezza è un bisogno fondamentale di ogni essere. Ogni specie animale provvede per istinto, a difendersi dai molteplici pericoli e/o rischi presenti nell ambiente in cui vive. L uomo è nato nel pericolo La sicurezza è un bisogno fondamentale dell uomo nato con l uomo stesso L uomo, pur riconoscendo che la sicurezza è un bisogno fondamentale, non sempre assume comportamenti adeguati per vivere in sicurezza. Spesso, anzi, assume atteggiamenti contrari ai comportamenti dettati dalla sicurezza. Perché? Perché ognuno di noi pensa che gli incidenti e gli infortuni sono rari e soprattutto capitino agli altri. Ognuno di noi si sente invincibile, una specie di superman..ma non è vero: il pericolo è sempre in agguato!!! 5

7 IN SITUAZIONI NORMALI Possiamo indicare come situazioni normali quelle che ci vedono coinvolti ogni giorno: 1. a scuola (lezioni, giochi, spostamenti all interno e all esterno dell edificio scolastico, ricreazione, mensa.) 2. a casa ( movimenti all interno di essa, giochi ) 3. per la strada ( come pedoni, come ciclisti.) 4. in vacanza e/o in gita. Dobbiamo sempre ricordarci di essere responsabili della nostra sicurezza personale e di quella degli altri. Non dobbiamo, quindi, tenere comportamenti tali da essere pericolosi per noi e per gli altri, siano essi nostri coetanei o adulti. 6

8 All ingresso : - Non correre. - Non spingere i compagni. - Non fare lo sgambetto. All uscita : - Mantieni, fino al cancello, il posto assegnato. - Non correre. - Non spingere i compagni. Nelle scale : - Non arrampicarti sulla ringhiera delle scale. - Non saltare i gradini. - Non spingere i compagni. - Non aggrapparti e non tirare lo zaino del compagno che ti precede. - Se porti l ombrello, mantieni il puntale rivolto verso il basso. Durante la ricreazione: - Gioca con i compagni rispettando lo spazio che hai a o la mensa disposizione che è limitato, quindi, scegli giochi tranquilli, non correre, non spingere i compagni, non lanciare penne, matite e altri oggetti. - Evita di rincorrere i compagni, facendo lo slalom tra i banchi. - Non salire sopra i banchi. - Non arrampicarti sui davanzali delle finestre. - Non mangiare affrettatamente, ingoiando grossi bocconi, per avere, poi, più tempo per giocare. - Non metterti in bocca i tappi delle bottiglie. - Non far cadere per terra bucce di frutta o pezzetti di cibo. - Se sei in giardino, non tirare i sassi. - Non dare spinte, pugni o schiaffi ai compagni. Durante le lezioni: - Non mettere in bocca piccoli oggetti: appuntamatite, parti di penne, giocattolini - Non togliere la sedia al compagno che si è alzato. - Non lanciare oggetti. - Non dondolarti con la sedia. - Non lasciare lo zaino in modo che sia di ostacolo o di intralcio al passaggio dei compagni e dell insegnante. - Non rivolgere verso i compagni la punta delle forbici o di altri oggetti appuntiti. 7

9 Se rispetterai queste semplici norme, potrai vivere insieme agli altri in sicurezza: eviterai di farti del male oppure di fare del male ai tuoi amici. Non spingere i compagni e non fare loro lo sgambetto. Non rivolgere la punta dell ombrello o dei bastoni verso il viso dei compagni. 8

10 Non sporgerti dal davanzale della finestra. Se sei in giardino, non tirare i sassi. Non dare pugni, spinte o schiaffi ai compagni. 9

11 Toccare le prese elettriche è pericoloso Quando non utilizzi il computer o il televisore spegnili sempre, non solo per risparmiare l energia elettrica, ma perché potrebbero surriscaldarsi e provocare un incendio. Prima di bere, accertati che la bottiglia contenga veramente dell acqua. Attenzione a questo segnale ti dice che il liquido che contiene la bottiglia è nocivo e non va assolutamente ingerito. Se trovi pastiglie, anche simili a caramelle, prima di ingerirle chiedi il permesso ai tuoi genitori o ad altre persone adulte; se trovi oggetti di cui non conosci la provenienza, prima di giocarci chiedi il permesso ai tuoi genitori o a un adulto. 10

12 Non accendere fiammiferi o candele, se non ci sono insieme a te persone adulte. Se ti trovi in cucina e sui fornelli ci sono pentole con liquidi bollenti o caffettiere, non ti avvicinare e non ti aggrappare ad esse. Non giocare al piccolo chimico usando e mescolando liquidi vari che trovi in casa o in altri locali. 11

13 Giocare è bello: farlo, rispettando le regole di sicurezza.è meglio! Anche nei momenti in cui sei libero di giocare e di divertirti, è importante che ricordi che ci sono delle regole da rispettare affinché questo momento così gioioso e desiderato da tutti noi non diventi una fonte di pericolo e di rischio. Hai mai letto nella cronaca del giornale o visto in televisione qualche incidente accaduto a bambini, dovuto al mancato rispetto delle norme di sicurezza? Racconta Fai un indagine tra i tuoi compagni e i tuoi amici, riguardante gli incidenti che più frequentemente colpiscono i bambini. Tipo di incidente Numero dei compagni interessati Quali sono le raccomandazioni più frequenti che ti fanno i tuoi genitori, quando esci per giocare con gli amici? Tu che cosa pensi di queste raccomandazioni? 12

14 Ti indichiamo ora qualche regola da osservare per non incorrere in giochi che potrebbero portare conseguenze molto gravi, a volte perfino fatali. Non accendere fiammiferi o fuochi vicino a cespugli o nei boschi. Non correre con bastoni o oggetti appuntiti in mano. Non raccogliere cose o oggetti di cui non conosci la natura o la provenienza. Non correre a piedi scalzi nei parchi, nei giardini pubblici e in luoghi non attrezzati e ripuliti. 13

15 Non ti arrampicare sui tralicci e non toccare i fili elettrici. E sempre presente questo segnale che ti indica il pericolo di morte. Non giocare con vecchie armi o oggetti di ferro appuntiti e arrugginiti. Non arrampicarti su muri alti, su cataste di legna, su impalcature 14

16 DA PEDONE Il pedone, in strada, deve camminare solamente nelle zone a lui riservate : marciapiedi, banchine (cioè sul margine della strada segnato da una striscia bianca), sottopassaggi Ma anche lungo questi percorsi occorre comportarsi in modo corretto. 1. NON TRANSITARE SUI MARCIAPIEDI IN BICICLETTA, CON LO SKATE BOARD O CON I PATTINI 2. NON FERMARTI IN GRUPPO E NON SEDERTI SUL BORDO DEL MARCIAPIEDE 3 NON SPORCARE E NON GETTARE IN TERRA BUCCE O ALTRI OGGETTI CHE POSSONO ARRECARE PERICOLO AGLI ALTRI. NON GIOCARE A PALLONE. 15

17 4 NON CAMMINARE AFFIANCATI, INGOMBRANDO TUTTO IL MARCIAPIEDE CAMMINARE SICURI SULLA STRADA Ecco ora alcuni consigli per non correre rischi durante le passeggiate che fai con gli amici. ATTRAVERSARE LA STRADA SEMPRE SULLE STRISCE PEDONALI NON ATTRAVERSARE MAI DAVANTI AGLI AUTOBUS, NE ALLE AUTO FERME. USCENDO DA UNA STRADA LATERALE, CONTROLLARE CHE NON SOPRAGGIUNGANO MACCHINE DA QUELLA PRINCIPALE. 16

18 ATTRAVERSARE LA STRADA SEMPRE PERPENDICOLARMENTE,MAI IN DIAGONALE. X NON ATTRAVERSARE ALL IMPROVVISO ; RINCORRENDO UN ANIMALE O IL PALLONE. DA CICLISTA PEDALIAMO SICURI Il Codice della strada è un insieme di norme pensate per far circolare gli automezzi in sicurezza. Il Codice della Strada ci dice che: le biciclette devono muoversi il più vicino possibile al margine destro della strada e non devono circolare sul marciapiede. Se le condizioni lo permettono, si può procedere affiancati, ma non con più di 2 biciclette; quando un veicolo segnala di voler sorpassare, le biciclette che procedono affiancate, devono subito disporsi in fila indiana. I minori di 10 anni non possono circolare in bicicletta da soli, nel traffico, ma devono essere accompagnati da un adulto. Le piste ciclabili sono riservate solo alle biciclette. Un maggiorenne può portare sul davanti o sul retro della bicicletta un bambino che non abbia compiuto gli 8 anni, se la bicicletta è munita di apposito sedile regolamentare. 17

19 CICLISTI INDISCIPLINATI La bicicletta è il primo mezzo di trasporto che sei autorizzato a guidare, se pur con la presenza di un adulto. Cerca di guidare in modo prudente per evitare di farti male o di far male agli altri. Sei indisciplinato e metti a rischio la tua vita e quella di altre persone se. PASSI CON IL SEMAFORO ROSSO. SBUCHI ALL IMPROVVISO DA DIETRO UNA AUTOMOBILE POSTEGGIATA O DA UNA STRADA LATERALE. PROCEDI CONTROMANO O AFFIANCATO AD ALTRI CICLISTI, SENZA LASCIAR PASSARE GLI AUTOMOBILISTI. 18

20 Osserva il disegno e rispondi: Quali ciclisti, a tuo giudizio, si comportano in modo corretto e quali in modo rischioso? COMPORTAMENTO CORRETTO Il N perchè Il N perché COMPORTAMENTO DI RISCHIO Il N..perché. Il N perché.. Il Il N perché N perché Il N.perché.. Il N.perché.. Il N.perché. Il N.perché. 19

21 Racconta una tua disavventura in bicicletta. DISEGNA RACCONTA 20

22 NELLE CALAMITA Sono considerate calamità tutti quegli eventi che accadono per ragioni non dovute alla nostra volontà e non sempre causati da nostri comportamenti imprudenti e pericolosi. Sono da considerare calamità: - terremoti - incendi - allagamenti - eruzioni vulcaniche - maremoti - frane Durante questi eventi, sia in casa che a scuola, devi seguire alcune regole ( che verranno approfondite successivamente in questo manuale ) per diminuire il rischio di farti male Le calamità che possono accadere nel nostro territorio, viste le sue caratteristiche fisico - geografiche, sono: terremoti, incendi, frane e allagamenti. Conosciamo meglio questi fenomeni: Il terremoto è un fenomeno naturale, non prevedibile, che dura molto poco, quasi sempre meno di un minuto. Ovunque tu sia in quel momento, è molto importante mantenere la calma e sapere che cosa devi fare. Preparati ad affrontare il terremoto, pensandoci fin da ora: seguire alcune semplici norme di comportamento può salvarti la vita. Se arriva il terremoto.. CERCA RIPARO sotto una porta, accanto a un muro portante, sotto una trave, sotto un tavolo o, se sei a scuola, sotto il tuo banco. Se rimani al centro della stanza potresti rimanere ferito dalla caduta di lampadari, vetri, intonaco o altri oggetti. NON PRECIPITARTI FUORI per le scale: sono la parte più debole di ogni edificio. Non usare l ascensore che potrebbe bloccarsi. In strada potresti essere ferito dalla caduta di vasi, tegole, calcinacci e altro materiale. Chiedi agli adulti di ricordarsi di CHIUDERE GLI INTERRUTTORI generali del gas, della corrente elettrica alla fine della scossa. Si evitano così possibili incendi ed esplosioni. 21

23 ESCI ALLA FINE DELLA SCOSSA indossa le scarpe: in strada potresti ferirti con vetri rotti. Raggiungi uno spazio all aperto, lontano dagli edifici, dai lampioni o dai segnali stradali, dagli alberi e dalle linee elettriche. NON BLOCCARE STRADE E COMUNICAZIONI esse servono per i mezzi di soccorso. Consiglia agli adulti di usare l automobile solo in caso di assoluta necessità; lasciare le linee telefoniche libere per le chiamate di emergenza. COSA E UNA SCOSSA DI TERREMOTO: Una scossa di terremoto ( o sisma ) è un improvviso e rapido scuotimento della crosta terrestre. Il terremoto si verifica quando, i movimenti che si determinano in profondità, si propagano nella superficie della terra. Prova a gettare un sasso in uno stagno: si formano tanti cerchi concentrici simili alle onde sismiche cioè al movimento che avviene nella superficie della Terra. Il punto, in superficie, dove il terremoto è più intenso si chiama EPICENTRO. DA CHE COSA E PROVOCATO IL TERREMOTO: Il terremoto è provocato dai movimenti delle zolle in cui è suddiviso l involucro esterno della Terra ( litosfera ). QUANDO AVVENGONO I TERREMOTI: I terremoti possono avvenire in qualsiasi momento dell anno, con qualunque tempo atmosferico, in qualunque ora del giorno. Avvengono in maniera del tutto indipendente da ciò che sta succedendo nella superficie della Terra. NON SI PUO PREVEDERE IL TERREMOTO: La scienza non è in grado di prevedere il luogo e il tempo esatti in cui avverrà un terremoto. L unica previsione si fonda sulla conoscenza dei luoghi in cui sono avvenuti nel passato i terremoti; si può stabilire così le zone in cui si sono verificati ripetutamente i terremoti e dove è più probabile che si verifichi perciò un nuovo terremoto. Questo territorio viene classificato come zona sismica. IL SISMOGRAFO : Il sismografo è uno strumento sensibilissimo che consente di registrare le oscillazioni del suolo anche a grandissima distanza. E un invenzione italiana; il primo è stato realizzato a Napoli da Luigi Palmieri nel GLI ANIMALI E IL TERREMOTO: Gli animali hanno organi di senso sviluppati in modo diverso dai nostri ed alcuni riescono a percepire in anticipo l arrivo di una scossa di terremoto, ma ciò non può bastare a fornire previsioni credibili. COME SI MISURANO I TERREMOTI: La forza di una scossa di terremoto si misura, in gradi, con due diversi sistemi : Scala MERCALLI e Scala RICHTER. SCALA MERCALLI: è la più antica e la più semplice ; misura l intensità del terremoto in base agli effetti prodotti sull uomo, sugli edifici e sull ambiente SCALA RICHTER: Il terremoto sprigiona energia che viene chiamata MAGNITUDO. La magnitudo viene misurata con la scala Richter. Le due scale non sono direttamente confrontabili. 22

24 Verifica con il seguente test se sei un vero esperto in scosse sismiche e prevenzione dei rischi. 1. Cosa provoca un terremoto? A- Una perturbazione di onde che avviene nei fondali marini B- Il movimento provocato dall enorme traffico sulla superficie terrestre C- Lo spezzarsi di grandi lastre di rocce nella profondità del sottosuolo 2. E possibile prevedere dove e quando avverrà un terremoto? A- Sì, utilizzando degli strumenti molto sensibili B- Sì, osservando se il cane o il gatto sono nervosi. C- No, si possono localizzare solo le zone più a rischio. 3. Che cosa significa magnitudo? A- Grandezza della zona interessata da un terremoto B- Quantità di energia sprigionata da un terremoto C- Nome di uno studioso di terremoti che ha inventato una scala per misurarli : Jhon Magnitudo 4. Sei all interno della scuola e di una casa; arriva una scossa di terremoto. Devi: A- Metterti al centro della stanza B- Correre subito fuori dall edificio C- Ripararti sotto una trave, in un angolo, sotto il banco 5. Subito dopo la scossa devi: A- Chiudere gli interruttori di acqua, gas, luce elettrica per evitare esplosioni o incendi B- Aprire acqua, luce e gas per non far bloccare l erogazione C- Accendere la luce e scaldare dell acqua sul gas 6. Il pericolo più frequente in caso di terremoto è A- Essere inghiottiti da una voragine B- Essere colpiti dagli oggetti che cadono C- Essere travolti da un forte vento 7. Per fuggire di casa mentre la terra trema è meglio A- Prendere l ascensore B- Rimanere riparati finché non è finita la scossa C- Scendere, di corsa, le scale 8. Il sismografo è: A- Uno strumento sensibilissimo che avverte il terremoto anche a grandissima distanza B- Una scala per misurare il terremoto C- Una calcolatrice speciale per stabilire i danni provocati dal terremoto 9. Appena il terremoto è terminato è meglio telefonare: A- A tutti i parenti e gli amici, per sentire se stanno bene B- A nessuno, per non sovraccaricare le linee C- Ai giornali, per chiedere informazioni 10. Cos è l epicentro? A- Un punto profondissimo del sottosuolo, dove si originano i terremoti B- Il centro di controllo che registra i terremoti C- Il punto in superficie dove il terremoto è più intenso. 23

25 CONTROLLA: Risposte esatte: 1: C 2: C 3: B 4: C - 5: A 6: B 7: B 8: A 9: B 10: C E il caso che tu dia una ripassatina alle pagine precedenti altrimenti.in caso di terremoto ti ritroverai impreparato e TERRORIZZATO!! Non è male, ma puoi fare di meglio! Essere preparati a metà serve. Solo per mezzo terremoto Complimenti ti sei guadagnato una medaglia al valore sismologico, ma non da Super Esperto Sismologico!!! Straordinario. Meriti il grado di Super Esperto Sismologico. In caso di terremoto potrai aiutare gli adulti nelle operazioni di soccorso. 24

26 Gli incendi possono verificarsi negli edifici e all aperto, in special modo nei boschi. Un incendio distrugge in poco tempo tutto ciò che trova davanti a sé: alberi, costruzioni di legno e/o altro materiale, arredi Gli incendi boschivi distruggono in poche ore foreste che hanno impiegato secoli a crescere. Causano enormi danni, non solo ecologici, che spesso sono permanenti: il bosco spesso non riesce a riformarsi e la zona si trasforma piano piano in una specie di deserto. Gli incendi boschivi possono scoppiare per colpa di un fulmine o per autocombustione ( a causa del grande caldo e di fenomeni chimici che innescano il fuoco senza che nessuno lo accenda).spesso però sono il risultato della trascuratezza di chi accende i fuochi o getta vai fiammiferi e mozziconi di sigaretta non spenti. Qualche volta vengono appiccati volontariamente!! All interno delle case o delle scuole non esistono rischi particolari di incendio, se vengono rispettate le più semplici regole e norme. Si possono sviluppare incendi da cavi e prese elettriche con sovraccarichi, surriscaldamento degli apparecchi elettrici, fornelli e stufette lasciati accesi per lunghissimo tempo, sigarette lasciate appoggiate accese sopra mobili e tavoli, pentole dimenticate sopra i fornelli accesi INCENDI : alcune regole per non provocarli 25

27 Non ammassare materiale facilmente infiammabile. Se vai a fare una passeggiata o un pic-nic nel bosco non accendere fuochi. Fai attenzione che gli adulti non gettino via mozziconi di sigarette e fiammiferi accesi. Fai attenzione che nelle prese non vengano inserite più spine: è pericoloso. Non utilizzare le prolunghe elettriche. Spegni il computer o la televisione, quando non li utilizzi. Se gli adulti fumano, fai attenzione che spengano i mozziconi delle sigarette nei posacenere. Non utilizzare fornellini e stufe elettriche Non accendere i fiammiferi vicino a boschi o materiale facilmente infiammabile ( carta, tendaggi ) Se scoppia un incendio a casa o a scuola. 1. Se sei all interno di una stanza (aula) esci e chiudi la porta. 2. Se sei nel corridoio o sulle scale entra nell aula e chiudi bene la porta. 3. Quando è il momento di uscire. Se le vie di fuga sono invase dal fumo, coprirsi il naso con fazzoletti umidi e procedere chinati il più possibile: il fumo e il calore vanno verso l alto. Non tornare indietro per nessun motivo (non pensare alle cose lasciate e neanche alle persone che magari già sono in salvo) 26

28 Le frane sono formate da quantità di roccia e terra che scendono lungo un pendio. Sono frequenti dopo un temporale, soprattutto in montagna, Dopo una frana il terreno è ancora instabile può bastare una nuova pioggia per provocarne una seconda. Le alluvioni possono essere causate da piogge molto intense o da altri fenomeni atmosferici. Il letto dei fiumi non riesce più a contenere l acqua che fuoriesce e allaga i territori circostanti. L onda piena può essere tanto impetuosa da abbattere muri, ponti, sradicare gli alberi, trascinando con sé automobili e persone. 27

29 Finora sono state dettate le norme e le regole generali per proteggersi dal rischio causato dalle calamità naturali. Se tali calamità dovessero verificarsi mentre sei a scuola, le regole da seguire sono quelle dettate dal PIANO DI EVACUAZIONE. Conosciamo il Piano di evacuazione della nostra scuola Il Piano di Evacuazione è uno strumento operativo ( un piccolo fascicolo presente in ogni aula e illustrato dalle insegnanti all inizio di ogni anno scolastico) che consente di programmare le modalità da seguire per garantire l uscita ordinata e sicura dalla scuola in caso di calamità. In esso sono descritte le modalità per un uscita sicura dalla scuola, il percorso da seguire, gli incarichi di ognuno di noi, il punto di raccolta che garantisce la massima sicurezza per tutti. Piano di evacuazione: sintesi delle procedure da seguire ALLARME O SITUAZIONE DI EMERGENZA In una situazione di emergenza (incendio, terremoto, ) scatta l allarme: il campanello suona in modo intervallato. INCENDIO TERREMOTO al segnale dell insegnante Abbandonare il proprio banco (lasciare tutto) Disporsi in fila, come stabilito nelle prove (aprifila, serrafila, aiutante.) Seguire la segnaletica e le vie di fuga (senza correre, urlare, spingere.) Portarsi al punto sicuro di raccolta Controllare e segnalare: alunni presenti, alunni feriti, alunni dispersi. Nelle procedure da seguire in caso di calamità, non sono state ripetute quelle di carattere generale inerenti il terremoto e gli incendi, descritte precedentemente. 28

30 Il Piano di Evacuazione viene illustrato dalle insegnanti all inizio di ogni anno scolastico. Le insegnanti renderanno, altresì, voi alunni parte integrante del Piano stesso. Vi saranno affidati gli incarichi: ALUNNO APRIFILA : ha l incarico di guidare i compagni verso l uscita di sicurezza, seguendo le vie di fuga. ALUNNO SERRAFILA ( o CHIUDIFILA ) ha l incarico di controllare che l evacuazione si svolge in modo corretto e che tutti gli alunni hanno lasciato l aula. ALUNNO AIUTANTE: ha il compito di aiutare gli alunni portatori di handicap o gli alunni che vengono presi dal panico. ESERCITAZIONI PROGRAMMATE E. A SORPRESA Ricorda: Le simulazioni e le prove di evacuazione sono molto importanti; le possiamo paragonare agli allenamenti fatti dagli atleti : se essi si allenano seriamente saranno preparati e faranno una bella figura in gara. Anche tu, se ti applicherai e seguirai con serietà le prove di evacuazione, in caso di emergenza, saprai come muoverti ed eviterai danni gravi per te e per gli altri. 29

31 Ogni anno, nella nostra scuola, vengono effettuate delle prove di evacuazione alcune programmate, altre a sorpresa. UNA NOSTRA ESPERIENZA! Dicembre 2000 : una mattina come mille altre, siamo a scuola.all improvviso Dopo un attimo di stupore e di paura maestre e bambini hanno ricordato le esercitazioni fatte, seguendo il Piano di evacuazione dell Istituto e.. 30

32 La scossa è finita: il segnale ci dice: Ora si può lasciare l edificio scolastico. Tutti in fila, come durante le simulazioni : l aprifila che deve guidare il trenino, il serrafila che deve osservare che tutti i compagni lascino il proprio posto, l aiutante che deve dare una mano ai compagni disabili o in difficoltà perché impauriti. Lasciare tutto sul banco, anche le cose più care. Tutti in fila indiana, senza correre, ridere, spingere e urlare 31

33 32

34 Durante un terremoto non c è tempo per riflettere, è perciò essenziale sapere già cosa fare. La regola numero uno è mantenere la calma, non solo per reagire con prontezza e senza errori, ma per aiutare chi ti sta vicino a non farsi prendere dal panico. Il modo più efficace per prepararsi all arrivo di un emergenza è quello di effettuare sistematicamente esercitazioni, simulazioni e prove di evacuazione 33

35 CONOSCIAMO BENE L AMBIENTE SCUOLA. Il nostro edificio scolastico è formato dal piano terra e dal primo piano Se la tua aula è situata al piano terra dell edificio scolastico, cercala nella piantina e segnala con una crocetta; osserva dove sono situati i segnali della sicurezza, gli estintori e le manichette e disegnali sulla piantina Controlla accuratamente dove sono situate le uscite di emergenza, dove è situato il punto di raccolta e dove sono i mezzi antincendio 34

36 Se la tua aula è situata al primo piano dell edificio scolastico, cercala nella piantina e segnala con una crocetta; osserva dove sono situati i segnali della sicurezza, gli estintori e le manichette e disegnali sulla piantina Controlla accuratamente dove sono situate le uscite di emergenza, dove è situato il punto di raccolta e dove sono i mezzi antincendio Se conosci bene il tuo edificio scolastico, le vie di fuga, le uscite di emergenza, il punto di raccolta, in caso di emergenza, saprai come muoverti. 35

37 I segnali ci dicono che: ATTENZIONE C E UN PERICOLO QUANDO CI SONO IO, C E UN DIVIETO IO, INVECE, TI DO SEMPRE LA GIUSTA INDICAZIONE Dalla forma dei segnali, siano essi stradali o riguardanti la sicurezza, puoi subito capire che cosa essi ti vogliono dire. 36

38 CONOSCIAMO LA SEGNALETICA DELLA SICUREZZA USCITA DI EMERGENZA Si trova sopra la porta dell uscita di emergenza USCITA DI EMERGENZA A DESTRA O A SINISTRA Si trova nei corridoi, negli spazi comuni; ti serve a trovare con facilità l uscita di emergenza PRONTO SOCCORSO Si trova dove sono istallati gli armadietti di medicazione SCALA DI EMERGENZA Si trova vicino alle scale da utilizzare per l uscita di emergenza 37

39 MANICHETTA: Si trova sopra o di fianco della manichetta ESTINTORE: Si trova sopra o di fianco dell estintore VIETATO FUMARE O USARE FIAMME LIBERE:Si trovasoprattutto nei corridoi, nei luoghi comuni o in prossimità di locali particolari a pericolo di incendio DIVIETO DI SPEGNERE CON ACQUA: Si trova in prossimità dei quadri elettrici e delle centrali elettriche ATTENZIONE A QUESTI SEGNALI Sono segnali di AVVERTIMENTO e ti avvertono sempre di un rischio o di un pericolo. CERCA NELLA SCUOLA I SEGNALI DELLA SICUREZZA, DISEGNALI NEGLI SPAZI E INDICA VICINO AD OGNUNO CHE COSA INDICANO E DOVE LI HAI VISTI RISPETTALI SEMPRE PER NON METTERE A RISCHIO LA TUA VITA! 38

40 39

41 40

42 Se hai indovinato 8 oppure 7 segnali puoi avere la PATENTE della SICUREZZA e in caso di evacuazione sarai di aiuto a te stesso e ai compagni. 41

43 Guardati intorno e osserva i segnali. Inventa alcuni segnali di divieto, pericolo e indicazione che non esistono, ma che tu ritieni giusto che debbano esistere. Inseriscili nella tabella e scrivi, sotto ogni segnale inventato, che cosa indica. DIVIETO PERICOLO INDICAZIONE

44 Giocando all aperto, correndo in bicicletta può succedere di cadere o di essere coinvolti in un incidente. A te è mai capitato? DISEGNA E RACCONTA QUESTA TUA ESPERIENZA Se ti capita di assistere a qualche incidente, stradale o di altro genere, spesso non puoi essere di alcun aiuto, ma cerca di non intralciare le operazioni di soccorso, evitando di formare gruppetti di curiosi. Le operazioni di soccorso in caso di qualsiasi incidente più sono veloci e immediate, più risultano efficaci e possono salvare vite umane. 43

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo

200 milioni di anni fa. 65 milioni di anni fa. 50 milioni di anni fa oggi. Mantello. Nucleo QUANDO LA TERRA TREMA Cari bambini, in questi giorni ho pensato molto a voi e infine ho deciso di mettermi al lavoro per aiutarvi a capire cosa accade a me, la terra, quando c è un terremoto. E non solo...vorrei,

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli