IL IV CONGRESSO INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL IV CONGRESSO INTERNAZIONALE"

Transcript

1 IL IV CONGRESSO INTERNAZIONALE DI NAVIGAZIONE AEREA I! Congresso si è svolto dal giorno 24 al giorno 29 del mese di ottobre in Roma: Presidente S. E. il senatore principe Pietro Lanza di Scalea, e Segretario Generale il maggiore A. A. Pier Francesco Bitossi. La mattina del giorno 21 il Congresso fn inaugurato da S. E. Il Capo del G,.verno in Campidoglio, dove, nel pomeriggio, il Gov81'natore di Roma offrì un ricevimento ai congressisti.. I lavori del Congresso cominciarono il 25 mattina e prosegllirono Il.i giorni 26, 27 e 28 n.i locali dell' Accademia dei Lillcei al Palazzo Oorsini 1 in sei sezioni:, 1& Navigazione Aerea, sotto la pre.idenza del comm. M. Molfese; 2- Scientifica e Aerologica, sotto la presidenza del colollnello ing. G. Costanzi; 3" Tecnica, sotto la presidenza del generale ing. R. Verdnzio; 41.\ Giuridica, sotto la presidenza di S. E. l'avvocato A. Giannini; 5- Merlica, sotto la presidenza del tenente colonnollo dotto A. Di Nola; 6- 'l'urismo e Propaganda, sotto la presidenza dell' ono E. M. Gray. I! 29 mattina S. E. il Sottosegretario di Stato per l'aeronautica, OU. Balbo, ohiuse il Congresso e lo. sera dello stesso giorno fu offerto un banchetto d'addio ai congressisti. Dnrante le giornate del Congresso, hanno avuto luogo, in ore libere dalle discnssioni, gite per i congressisti delle diverse sezioni: Aeroporti di Ostia e di Oiampino, Stazione aerologica di Vigna di Valle, Istituto psico-fisico di Montecelio ed impianti aerodinamici del Genio Aeronautico.

2 698 " L'Aerotecnica". Giornale ed Atti Il numero dei congressisti è stato di 850, intervenuti da tutti paesi del mondo. Il lavoro delle sezioni, c.he appresso viene succintamente esposto, notevole. I SEZIONE - VI SEZIONE - Na'Oigazione aerea Turismo e p"opaganda ae, ea. Nella Sezione Navigazioue Aerea si è avuto il maggior numero di iscritti e di partecipanti, il che si spiega facilmente pensando alla varietà della materia che può comprendersi sotto la generica dizione di Navigazione aerea. Con essa può accomunarsi la Sezione Turismo e propaganda. Van Combrugge fece un' esposizione delle possibilità. realizzatriei dell'aviazioue coloniale, basandosi sopra tutto snlla esperienza già fatta dal Belgio nel Congo; Musto trattò delle necessità organizzati ve del traffico aereo; Cacopardo esaminò la questione delle zone vietate; Van Heemestede feoe un'esposizione sullo sfruttamento del traffioo aereo; V. E. Clack trattò degli aeroplani commerciali degli Stati Uniti d'america; Breguet del prezzo dei trasporti aerei; P. Boutiron e C. Koepe delle future evoluzioni degli apparecckli civili iu rapporto ai bisogni delle linee aeree di lungo corso o a. speciali utilizzazioni; Naselli di ta.luui nuovi criteri inerenti alla scelta e alla istruzioue dei capitani e dei macchinisti aerei. Tarantini disousse circa. lo. forma e lo. dimensione dei campi di atterraggio e circa un progetto per l'idroscalo di Ostia; l!'aludi espose nuove vednte sulla tecnica costruttiva dei terreni di atterraggio; Troiani illustrò le caratteristiche e le innovazioni del futuro aeroporto del Littorio; Ferrera De Gubernatis, Neri e Rocco, trattarono delle attività italiane nel campo idroaviatorio j Adler espose i criteri secondo i quali impostare la. soluzione del problema degli aeroporti destinati al servizio dei grandi centri urbani. Gli argomenti giuridici ed il loro riilesso pratico nei riguardi della navigazione aerea, furono trattati da vari oratori; fra gli altri Théodoridès illustrò le tendenze attuali della codificazione aeronautica in Grecia.. Una seduta fu tenuta a sezioui riunite, giuridica e di navigazione aerea, data la interferenza di materia riscontrata fra la

3 dell' A 8Iociwsione Italiana. di Aerotecnica 699 memoria di Cacopardo ed altre due memorie presentate alla sezione giuridica da Sandiford e Baggiano. Proseguendo poi nei propri lavori separati la. sezione Naviga.zione aerea discusse una. relazione di Biffi sui modi di condurre uu'aeronavej Fusco illustrò taluni criteri fondamentali inerenti al metodo delle statist.iche int.ernazionali del t.ra.ffi.co aereo; Mellini 6 Donalisio, con due separato memorie trattarono dei rapporti tra il traspono aereo e quello ferrovia.rio. Per quant.o si riferisce 8. t.urismo e propaganda aerea riferirono sul primo argomento Macher descrivendo voli in sferioo sulle Alpi e sul secondo Giacomini e Grutter. II HEzroNE - Scientifica ed Aerologica. Pm te aerologica. - Eredia parlò sulla esplorazione dell' atmosfera oon cervi vulanti e palloni sferioi, esponendo i risultati ottenuti nella Sta7.ione di Vigna di Valle e Gamba parlò dell'impiego dell' aeroplallo nell' esplorazione dell' atmosfera; Visani trattò dell' impiego delle osservazioni aerologiche per definire il regime anemologico di una regione, e Bilancini, 8. nome anche di Luisa Borriello, parlò della necessità di iniziare la formazione di regist.ri di bordo diretti a. riunire le osservazioni aerojogiche riguardanti le diverse parti del globo, ed in particolare ricbiamarono l'attenzione sull' utilità di dare notizie più complete sulla frequenza e sullo spostamento delle aree di depressione. Crestani illnstrò i caratteri di Ull centro aerologico regionale, e Camiciotti di una staziolle aerologica sperimentale ed i!l particolare di quella di Vigna di Valle; Elliot descrisse un metodo grafico meccanico per la rid Ilziolle della pressione al mare, e Hesse trattò della irradiazione ultra gamma. Parte scientifica. - Kawada, giapponese, a nome del suo collega Wada, trattò il probl.ma teorico della determinazione dell'attrito dei fluidi dentro le condutture, per mezzo della teoria dei moti viscosi a colltatto delle pareti, ed in seguito trattenne l'uditorio sulle sue ricerche riguardanti le applicazioni della teoria dei vortici al modo di fuuzionare delle eliche, con una analisi che potrà, con ulteriori perfèzionamenti, risolvere il problema generale, nel quale si consideri, sia l'elica. con forte, sia. quella oon piccolo regresso.

4 700 " L'Aerotecnica,. - Giornalo ed Ate. l Panetti riferì sulle ricerche svolte nella Scuola di Torino, per determinare la resistenza dei corpi nell' aria alle altissime velocità.. Si tende, con questi esperimenti, a colmare la lacuna esistente fra le velooità cbe interessano gli aeromobili e quelle che riguardano la balistica. Intervenne nella discussione Crocco, cbe segnalò l'importanza di tali studi per la superaviazione. Fu pure data comunicazione delle ricerche del Suhara sulla distribuzione delle temperature nelle parli principali di un motore di aviazione, a proposito delle quali.i sottolineò l'importanza degli studi sperimentali sui motori, e la necessità di occuparsi particolarmeute del problema del loro adattamento all'alta quota e dell'uso della nafta in sostituzione della bellzina anche per la. navigazione aerea. Wimperis, direttore delle ricerche scientifiche del Ministero dell' aeronautica inglese, riferì sul vastissimo programma svolto dai laboratori inglesi ilei campo dell' aerodinamica e dei motori, dando luogo ad nna larga discussione sui risultati sperimentali ottenuti in questi ultimi tempi. Herrera riferì su alcuni fenomeni disturbatori da lui constatati nelle gallerie del vento aperte, facendo voti che si dia la preferenza Il quelle a circuito chiuso, e Puvrez su perfezionamenti a.pportati alla galleria del vento di Rhòde St. Genèse. Panetti comunicò le ricerche del Laboratorio d. Torino sul m.. teriale gii> raccolto per il funzionamento delle eliche, ed i suoi collaboratori, Gabrielli e Ferrari, portarono i risultati delle loro esperienze sull'elica antorotante. A questo argomento si connette la comnnicazione fatta da Pistolesi sollo studio dell' elica in uu vento laterale, e fu rilevato l'accordo fra i risultati matematici e le indagini sperimentali, che portano nuova luce sull'apparecchio autogiro dci La Cierva. In altre sedute furono discussi i problemi relativi alla influenza mutua delle varie parti costituenti un aeroplano, onde traociare la via per prevedere nei calcoli stessi di progetto le caratteristiche degli apparecchi, e su questo problema riferirono Pallavici"i e Panetti, con ricerche iu parte collimanti al fille di una buona scelta delle posizioni relative della fusoliera rispetto." piaoi portanti. Da Raimoudi fu svolto un problema di aerodinamica teorica, le cui applica.zioni potra.nno condurre 8. rendersi conto delle condizioni speciali di volo degli apparecchi vicinissimi al suolo

5 delt' Associazione Italiana di Atrl"tecnica 701 e sull' al'gomento interloquil'ono Dupont, Pistolesi e Panetti. Gallina riferì slllle l'i cerche da Ini fatte secondo le direttive di Biondi per rilevare 18, distribuzione della. pressione e della temperatura sugli apparecchi in volo. Boel e Goeta illustrarono con proiezioni, l'uno il problema dello scarto di velocil" negli uccelli e l'altru le modalità di Ull moderno impianto aerotermodinamico per prove dei motori, III S EZIO~'E - Tecnica. Gli argomenti trattati, vari e numerosi, contemplano Del loro insieme quesb!oni di st.abilità, problemi di IHl.vigozioue, analisi di materiale per costrnv..ioni aeronauticllf>, studi di aerodinamica, di progettazione e di erlcolo; questiolll sui motori a benzina e a nafta j studi ed osl:iervazioni sni pl'opulsori; indagini e risultati sui mezzi meccauici di laucio; problemi di costruzione e osservazioni Bui Cl'lten in uso per assicurare la robustezza degli apparecchi; osservazioni sui sistemi e mezzl Impiegati per i servizi ele~trici e l'adio-elettrici; saggi e deduzioni per il collaudo delle benzine j sistemi di ricovero e manovra dei grandi idrovo lanti; dispositivi per la misura delle azioni dj. comando. Questo quadro sinle~ico degli argomenti basta per sè solo a mettere in evidenza 1'impol'tanza e la vast.ità del campo aero tecnico che è stato oggetto di osservazioni e di studi. Gli argomenti trattati dai vari relatori furono i seguenti: Halls, questioni cii stahilita, Lehr, Stipa, Levi Oases, motori; Grard, Hans, 'Volff, Van Ewyk, Lo Ourto, Bonaretti, Montelucci, Pitscheider, materiali j Guglielmetti; Tripodi, Piacentini, paraca~ dute e mezzi di protezione dai pericoli d'incendio a bordo; Eula e Viti, alltonomia; Pistolesi, Da Rios, Gabrielli e Oosci, eliche e mezzi atti ad incrementa.re la spinta a punto fisso; Giraud, Dupont e Puvrez, problemi di aerodinamica, di progettazione e di calcolo; Reynekel' e Wolff, problemi inerenti alle costruzioni ed agli indici di robustezza degli apparecchi; Almagià, Cagnotto e Magaldi, mezzi meccanici di lancio; Frank, Zonta, Marino e Baggiani, servizj elet,trici e radio-elettricij Corelli, benzine; Dompè, dirigibili. Gli argomenti contempla.ti nelle comunicazioni e le discussioni cui hanno dato lnogo banno giovato a m~ttere in evidenza non

6 702 " L'Aerotecnica" - Giornale ed Atti solamente l'evoluzione realizzata nel oampo della aerotecnica, ma altresì ad obiettivare altri bisogni ed a suscitare l'interesse per ulteriori evoluzioni e perfezionamenti, che non mancherebbero di tradnrsi in una grande utilità agli effetti del progresso aerodinamico. Tali bisogni si sono esplicati in una setie di voti ohe mirano a stimolare il progresso, sia nel campo della industria, SIa ld quello della pura aerotecnioa. IV S.,ZIONE - Giu, idica. N ella sezione giuridica furono trattate le pju vive e palpitanti questioni che presentemente formano oggetto di studio fta i giuristi dei diversi Stati. Una delle importanti fra qneste questioni è quella della limitazione legale della responsabilità aeronautica j su tale argomento presentarono relazioni ADibrosini, Berlingeri, Cobianchi, Savoia e Roftal e la discussione, che risultò animatissima, occupò ben tre sednte del Congresso. Ad essa presero parte an6he i rappresentanti delle Compagnie di assicurazione e di trasporti aeronautici, direttamente interessati nella questione. Altra questioni' molto notevole anche per il lato polit.ico fu qnella su cui riferirono Ropert, segretario generale della C.I.N.A., e Giannini, e cioè il funzionamento della Convenzione inter~ nazionale di Parigi del '19. Giannini mostrò come fosse necessario che tutti i Governi si adoperassero per arrivare alla revisione della Convenzione in modo che tutti gli Stati, compresi gli Stati ex nemici e neutrali, potessero aderirvi. Intervenne nel dibattito l' On. Flandin, il qnale spiegò come il dibattito fosse non solo giuridico, ma anche politico. Replicò Giannini proponendo un ordine del giorno a firma sua e di Flandin. Altri argomenti trattati furono: la libert" dell' aria, da Boggiano Pico; l'abbandono, da Savoia e Cobianchi; le assicurazioni, da Luzzatti; la libert" di sorvolo, da Sandiford; il diritto privato, da Cogliolo; le marohe d'immatrioolazione, da Cristofoli. V SEZIONE - Medica. I lavori furono iniziati con una conferenza di HeTlistka sull'opera del medioo per il progresso dell' aviazione; seguì Gobbi

7 deu' A,.ociazione Italiana di Aerotecnica 700 ciroa esperienze sul volo delle persone anziane, cbe possono innalzarsi a grandi altezze, purchè' il loro organismo si.. 9&no. Anastasiu, rumeno, trat.tò della tensione arteriosa negli aviatori; Marulli delle alterazioni del sangue in conseguenza della depressione barometrica; Midulla di un caso di anemia grave consecutiva a trauma da incidente di volo; Oddo Casagrandi sulla latenza e sulla recrudescenza di alcune forme di malaria, di sifilide e di tubercolosi, dimostrl!-ta colla labilità del $iero o del plasma, constatata durante il volo. Bilancioni parlò sul con<letto dell'aria» dal pnnto di vista storico; Catarzi sn alcuni sintomi nervosi nel personale d'aviaz.ione e Galeone sull& funzione uditiva in rapporto al volo; Accorinti sulla importanza della percezione del movimento rotatorio in aviazione; Talenti dell' influenza delle luci oolorate in rapporto all' adattamento della retina ed espose illsieme con Meineri alcuni studi sulla determinazione del vislt. in rapporto all' adattamento della retina all'oscurità, con particolare riguardo alla scelta dei piloti. Badnel, Tilmans, Di Nola, Alessandri, trattarono dell' aviazione sanitaria in rapporto al trasporto dei feriti civili e militari ed alla relativa neutralizzazione degli apparecchi; Pellegrini di alcnne questioni medico -legali attinenti all' aeronautica; Ferry riferì sul senso muscolare dell'aeronavigante e lo stesso a.rgomento fu trattato da Parodi; Eriksen riferì su nuove prove psicologicbe sui piloti e la stessa questione fu trattata da Matsumoot; Tanaka e Terazawa esposero esperienze psicofisiologiohe praticate sul mon te Huzi. Alliotta parlò sugli incidenti aviatori; Gianni illustrò l'importanza della masohera respiratoria di Pesh durante il volo in aeroplano e da ultimo Tilmaus presentò nn ordine del giorno - a.pprovato ad unauimità. dal Congresso a sezioni riunite - concernente l'aviazione sanitaria e la neutralizzazione dpgli apparecchi. Complessi vamente il Congresso riuscì grandioso, sia per il numero degli intervenuti, sia per l'importanza delle comunicazioni e delle discussioni, sia per la signorilità. veramente romana con la quale i congressisti furono accolti dall'italia fasoista nella sna Oapitale.

8 704 U L'Aerotecnirn n 4 GioMlale ed Atti Importante fu il contributo che l'a.. ociazione Italiana di Aerotecnica. apportò alla riuscit.a del Congresso. Molti dei suoi membri furono dbiamati a presiedere]e Sezioni e le singole sedute, alternandosi con illustri tecnici di altre :t;azioni j numerose e interessanti furono pure le comunicazioni pre-se'nt,ate dai soci. Di queste abbirrno ritenuto opportuno riportare il titolo e, quando ci è slato possibile, un breve riassunto. II bel volume dei «Oollectanea» che fu dato in dono ai Oongressisti, e del quale diamo in altra parte della rivista la recensione, è opera del prof. Silla, Presidente della!:lezione di Roma e contieue esso pure numerosi suri tti di consoci j alle rappresentanze ufficiali delle varie Nazioni fu inoltre distribuito il volume dei RendicontI della nostra. Settimana Aerotecuica, il quale fu molto gradito e altamenle apprezzato. Numerose infine furono le conoscenze personali avvenute Id le idee scambiate in privati colloqui fra i nostri Soci e i l'i" eminenti tecnici stranieri j ed è questo uuo dei frutti - e llon certo dei minori - di questo importante Congl'ess;o

9 VOTI APPROVATI DAL IV CONGRESSO INTERNAZIONALE DI NAV I GAZIONE AEREA Voto unico della Sezione Scientifica e Aerologica «La i:ìezione Scientifica e Aerologica, avenno constatato lo sviluppo sempre crescente della Meteorologia e dell' Aerologia nelle applicazioni quotidiane della navigazione ael'ea, che Dei prossimi Congressi sia costituita llll& Sezione speciale che sarà ohiamata: f METEOROLOGIA e AEROLOGIA. «Fa inoltre il voto che questa deliberazione sia comunicata al Comitato Internazionale dei direttori degli Uffici Meteorologici e Aerologiei, affiuchè tutte le ricercha aventi per scopo }' inteusificazione e il perfdzionanento dei mez:à di cui ]8 meteorologia e l'aerologia dispongono per la sicurezza della navigazione aerea. possano essere riunite in questa sezloue»0 Voti della Sezione Navigazione Aerea VOTO PROPOSTO DAL DOTT. Fusco c Il IV Congresso InternazIOnale di N. A., dopo avere esaminata la relazione presentata dal Dott. Edmondo Fnsco, che i criteri per la compilazione dei dati statistici internazionali rifereutisi al traffico aereo siano verifica.ti secondo i principi Begnenti:.,

10 706 " L' Aerotecnir.a". Giornali. ed Atti a) i dati debbono essere controllati dai Governi; b) i dati debbono essere pubblicati, n( II. misnra del possibile, da. organizzazioni internazionali; c) essi debbono essere compilati in forma semplice, chiara e comprensibile dal pubblioo; d) le basi dei dati debbono essere finite e pubblicate contemporaneamente alle statistiche; e ohe i governi facoiano studiate le proposte del Dott. Edmondo Fusco dalle organizzazioni corrispondenti>. VOTO PROPOSTO DAI SIGG. DE V EER, FRANCK E GUlBERT Considerando l'importanza che avrebbe, per la sicurezza dei viaggiatori e per la regolarità del traffico aereo, l'ottenere che tutti i Paesi adattassero ì medesimi segnali e il medesimo si stema di segnalazione sulle differenti rotte aeree e sugli aerodromi frequentati dagli apparecchi e dai piloti delle diverse Nazioni, il Congresso trasmette ai diversi Uoverni la relazione del Sig. Tarantini, della quale adotta i principi generali, senza peraltro discuterne i particolari, 9 che i div91'si Governi si accordino, con t'intermediario delle organizzazioni internazionali che studiano la regolamentazione della navigazione aerea, per consegnire al più presto possibile l'unificazione nelle segnalazioni a bordo degli aerei nelle rotte aeree nazionali iml'0rtanti, sugli aerodromi doganali e sugli altri aerodromi iml'ortanti. Questa regolamentaziode stabilirà delle prescrizioni di carattere obbligatorio per tutte le questioni essenziali, lasciando una li berta sufficiente per le questioni che non necessitano di una unifica. zione assoluta., VOTO PROPOSTO DAL SIG. FRANCK Il Congresso, considerando che è indispensabile adottare per le carte aeronautiche nn sistema di proiezione uniforme, che la proiezione di Mercatore non è utilizzabile nelle ragioni polari, obe l.. sua scala variabile è IIIotto inoomoda per la navigazione aeres, cne i diversi Governi studino nuovamente la questione della oarta aeronautioa internazionale e si accordino per adottare un sistema di proiezione per la Navigazione Aerea >.

11 dell' A'80cia.io". Italiana di Aerot<ocnica 707 VOTO PROPOSTO DAL SIG. EMILIO Rocco. e Il IV Congresso lnt. di Nav. A.erea, dopo avere ascoltata la relazione del sig. Emilio Rocco, constata che l'italia ha risolto, d~l punto di vista pratico, il problema dei porti per idrovolanti, servendosi dei porti commerciali per il traffico degli idrovol~llti (organizzando gli scali per idro negli stessi porti mercantili) ed evitando gli inoonvenienti prodotti dalla corrente dei fiumi costruendo darsene soavate nelle loro sponde, «II Congresso che tut.te le nazioni che si interessano' all' idroaviazione, profittino dell' esperienza acquistata dall' Italia e perfezionino ognor più, dal punto di vista tecnico e pratico, i metodi ivi applicati, iu guisa c.:he in un prossimo avvenire possa evitarsi la costruzione di idroaeroporti speciali, salvo il caso di assoluto bisogno >, ORDINE DEL GIORNO «Il IV Congresso di Navigazione A.erea, dopo una lunga disollssioue sull' ordine del giorno presentato dal Oomandante Naselli sull' argomento seguente: e P,'eparazione del personale navigante., avendo riconosciuta la oapitale importanza di questo grave e urgente problema, che ogui paese studi ampiamente la questione per mezzo dei propri oompetenti e deoide di ritornare sul problema al prossimo Congresso. e Il Congresso Voti della Sezione Tecnica_ I. che gli studi e le esp~rienze sui motori aeronantici siano condotti con iut.ensità. soprattutto nel senso di adal,tare i motori per il funzionamento alle.. lte quote, per mezzo di dispositivi atti a oonservare la,potellza e a realizzare un perfetto adatta-

12 708 Il L' Aerotecnica". Giornale ed Atti mento del propnlsore (sovralimentazione, eliche a passo variabile ecc.) ravvisaudo nella navigazione a quota elevata il più importante progresso dell' aerotecnica in un prossimo a.vvenire., II. c Il Congresso ohe siano intensificati e incoraggiati da tutte le organizzazioni qualificate gli studi sul problema, la cui soluzione sembra oramai prossima, dell' uso dei combustibili pesanti, il1 luogo della benzina, nella navigazione aerea, per mezzo di motori che, sen7.& eccessivo aumento del peso f3 senza scapito del rendimento, con St!ntoDo di realìz~are un' economia lloteyole nell' esercizio e conferiscano una. maggiore sicurezza contro il pericolo degli incendi a. bordo lf. c Il Congresso III. f~ voti ohe si giung~ ad una classificazione ot'ganica e unificata delle leghe leggere usrte nelle costruzioni aeronautiche, tale unificazione dovendo estendersi alla nomenclat,l1ra. e ai crileri e metodi d i prova.-. Il Conf'resso IV. che mediante il coordinamento degli studi e delle erperienze eseguite tlell~ vari~ nazioni e dei criteri vigenti presso tali nazioui circa le condizioni d'accetta.zione e di cont rollo dei materiali e dei manufatti aeronautici, si addivenga a norme unificate_. cl! Congresso v. eha gli studi e le esperienze sistematicamente condette sulle sollecitazioni alle quali un 'aeroplano ID volo può essere assog-

13 dell' Associazione Italiana d'l, Aerotecnica 709 getto, consentano di giungere" stabilire, in.ede di progetto, il valore più opportullo e il più razionale da assegnare ai fattori di carico delle varie parti di un aereo e che a tali valori si i!:lpirino, nei limiti del possibile, le regole internazionali concer nenti questo argomento. «Il Congresso VI. che sia injett.o Ull Concorso Internazionale per un dispositivo mollo leggero e adatto che permetto, indipendentemente dal concorso del pilota, di segnalare e di estinguere efficacemente ogni principio d'lucendio che possa eventualmente svilupparsi a bordo di un aereo». «Il Congresso VII. che in collsideri\zione della diffusione sempre crescente della T. S.F. Ilell' afll'onautica t allo scopo di realizzare la recezione a bordo specialmeate òpgli aeroplani, e allo scopo di l'endere possibili le applicaziolli radiogouiometriche e l' ntilizzazione cii pratici aerei 6s~i) sia richiamata }' at.tellziolle nei costruttori di motori d'aviazione sulla necessità. assoluta di munire i magneti e le relative oondutt.ut'e di uno schermaggio accnrato poicbè, allo stato af.tuale d.lla radiotecnica, tale schermaggio rappresenta la soluzione più efficaue per l'eliminazione dei disturbi elettrici di bordo. Voti della Sezione Giuridica. VOTO PROPOSTO DAI SIGG. COGLIOLO - LEONINO DA. ZAR.!. «Il Congresso fa VOLi che il R~gist, ro Aeronautico, tecnico e giuridico: Sla. 10 tntti Paesi un Registro Aeronautioo di Stato».

14 710 " L'Aerotecnica" - Giornale ed Atti VOTI PROPOSTI DAL SIG. LOBO D'AvILA LIMA c Il Coogresso ohe lo Statuto giuridico dei profes.ionisti dell' aviazione sia studiato con tutto l'interesse che esso richiede e raccomanda particolarmeute al Comitato Internazionale Tecuico degli Esperti Giuridici Aeronautici di proseguire i lavori già intrapresi in tale materia.». «Il Congresso VOTO PJlOPQSTO DAL SIG. CruSTOPOLl. cbe gli aero!llobili impiegati esclusivamente per l'istruzione e l'allenamento dei piloti nelle Senale di aviazione siano esclusi dall' immatricolazione 'Obbligatoria >. «Il Congresso VOTO PROPOSTO DAL SIG. FONS"CA. cue la situazione dei futuri aerodromi galleggianti sia internaziollalizzata iu tempo di pace e neutralizzata in tempo di guerra >. VOTO PROPOSTO DAI SIGG. AMBROSINI, BERLINGIKBl, SAVOJA, OBSINI. c Il Congresso, riconoscendo lo. necessità. di risolvere internazioualmente il problema della limitazione l.gale della responsabilita del vettore aeronautico, come anche la necessità di regolare la mat.l'ìa cou disposizioni nniformi da adottarsi dai diversi Paesi, affincbè i vettori aeronautici dei vari Stati possano trovarsi in oondizioni di uguaglianza rispetto alla concorrenza internaziona.le; «cousiderando ohe oooorre teuer oonto delle esigenze economiche delle imprese di trasporto aeronautico, deua natura dei rischi inerenti alla. navigazione aerea. e sopratutto dell' interesse sociale di aiutare il più possibile lo sviluppo dell'aeronavigazione; «considerando inoltre che occorre tener conto della responsabilità verso le vittime di aooidenti aeronautioi.

15 dell' A ociazione Italiana di A"olecnica 711 che sia adottato un sistema di limitazione di responsabilità che, pur oonciliando gli opposti interessi, non sia d'ostacolo allo sviluppo della navigazione aerea». «Il Congresso VOTO PROPOSTO DAL SIG. COGLIOLO. che tutto il personale della navigazione aerea sia sottoposto all' assicurazione obbligatoria '. VOTO PROPOSTO DAI SIG. AMBROSINI E CAVALmRE. «Il Congresso che gli interessi nazionali eh. spingono gli Stati a determinare delle zone vietate siano conciliati con gli luteresri del traffico aereo commerciale, affincbè questo possa svilupparsi per quanto possibile liberamente. VOTO PROPOSTO DAI SIGG. CCGLIOLO E GIANNINI. «Il Congresso che la "odificazione del diritto privato e aeronautico, che il Comitato degli Esperti di Parigi sta redigendo, comprenda sistematicamente ogni diritto privato aeronautico, lasciando ai. diritti nazionali quelle questioni che interessano soltanto il territorio eli Ciascuno,stat.o». VOTO PROPOSTO DAI SIGG. GIANNINI E FLANDIN. «II Congresso che tutti gli Stati facciano ulteriori sforzi per eliminare le difficoltà che impediscono di rendere universale il diritto pubblico aeronautico :t.

16 712 " L'Aerotecnica" - Giornale ed Atti Voti della Sezione Turismo e Propaganda. VOTO PROPOSTO DAL SIG. G1ACOMl;'llT. Il IV Congresso di Navigazione aprea, considerando la grande importl1l1za clelia propaganda nelle scuole, dal punto di vista della formazione di una coscienza aeronautica, lllrlìspeusabile per oglli progresso nelle comui1lcaz10ul aeree, f. voti l' che iu tutte le cl".si delle SCllOl. secondarie un profdssor~ di materie sciettti6che sia. invitato a fare un breve corso sui principali argomenti inel'ellt..i alltl uavigazione aerea, COll la guida di uu piccolo trattato edito " t.l~ scopo: 20:) cile, ili tutte le classi primarit-, i maestri trattengano spesso gli allievi COn cotlversaziol11 f:mlla. navigazione aerea; 31,.1 che in tutre I~ scuole (primarie, secondarie, superiori) siano sp~sso aperti concorsi interessanti la tot,n.htà dì ogni cate~ goria di scolari pel' lo svolgimento di temi assegnati (disegni, progetti, relazioni, monogra.fia tecoicheo, ecc.); 4 che i premi scolastici delle scuole medie e i premi asseglln.ti nel suddetti concorsi collsistallo di pl'efel'enzh in viaggi sullt: linel;) di naviga.zione aereaj O' che nei limiei del possibile gh allievi dl tutee le scuole siano couclotti a visitare gli aeroporti t3 gli idroscali, per compiervi dei piccoli voli; 6' che si incoraggi l'edizione di film. di propaganda aerea per le scuole, preferibilmente a forma indiretta, e di Ul180 l'i vista Keroll8.utica q nasi gratuita per le scuole secondarie j 7 che tutti i (lrofes::iori e òiretlori rli senole sieno illvitaj,i a Ilon perder~ mai di vista la necessitò. assoluta di una propaganda quotidiatla, intelligente, diretta e indiretta, ehe tenda, mediant,e lo sviluppo delle comunicazioui, ad uua più. intima fraternità fra i popoli. Voti della Sezione Medica. La Sezione Me.. lica. fl\ j.;;egnenti 'vot.i: «LfI. creazione di una Commissione di Aviazione Sanitari'\, composta di un rappreseutante di ogni nazione sollecitata.

17 dell' Associazion.e Italiana di Aerotecnica 713 A tale scopo è nominato un Comitato eli filmano sei membri, fra le nazioni rappre,eut.at.e al Congresso. Tale Comitato è incarica.to di soll~cit.i:ll'e P ade~iolje dt111a lht..;.;ioui e di pregal'le di inviare \111 rappresent.aute. Detto Comitato tra.metter!. alla Commissione i voti e le deliberazioui dt;dla prest!ute- sessi( Uf.'. t: La. Commissione dovrà. cost.lt.uire in ogni paese una Sotto Commissione di $tudi, composta Jl medim chirurghi, dl tecnici, di giuristi e di fllppre:ienlùuli Jella Croce Rossa, che dovrà. rimettere, per l'illlzio del se'condo trimflstre 19:&9, uno studio sull'aviazione sanitaria. llel $llo paese, il ti110 str.t.q e ]e sue condiziolll di sviluppo. «I.Ja Cummissiono redigerà uno studio che sarà v.resentato ul pl'ossimo CClugresso e tratterà dellt\ questioni seguenti: organizza.zione dell' aviazione sanitaria j sorvolamenlo dei ptl6l::ìi j misllre di prot.ezione per il personale, gli apparecchi e gli ti.mmalali; e Fill t.ult.e le que"stinlli rilenute ulili alle discussioni del Con~ grt!ssv ~ di cui essa redigerà l' elenco da inserire nel programma. del Congresso. II: Infine una commi::;siol1e ha preseutato una serie di temi per il V Congr6:i80 d~li' AVIRzioue internazionale, che sono stati pn d in considerazioue dai Signol'l Congressisti. «I temi propost.i sono i seguenti: l" PIIotaggio dell. donne; 2 0 Malaria rispetto all' aviazione; 3 8ifìhde rispetlq all' aviazirjne; 40 Stanrhll'Jizzazione di alcuni metodi d'esame per il labll'iut.o. c L'importanza dei temi trattati e la. grande competenza. dei Signori relatori hanno portato un contributo considerevole ali" IUPdicinR dell' aviazione, che si è molto avvantaggiata. con questo important.e Congl'tl'dSO».

18 ELENCO DELLE COMUNICAZIONI PRESENTATE AL IY COKGRESSO DI NAVIGAZIONE AERE! Sezione Navigazione Aerea. ACAMl~ORA L.: «Una formula di cll\sai6cnzione di,'elivoli mercantili $. ADL~R L.: «Impianti di aeroporti cittadini». ALUEltTAZZI A.: «Di un gecondario problema per ricovero di idrovolnnti a Genova.». BIFFI T.: «Sui mezzi per conllurre una 01\'\"6 aerea nei!òl.lloi viaggi 8111 pianeta terrestre». Bou'rmON P.: «Lévolution prochnine des appnl'ci1s marina et Iaur lulnptn tiotl!l.llx grnnc1es lignes nét'o'llla,l'itimcs de l' "venir». BnF:GUIt:T L.: «DétcrTuinntion et ca.lcul do pl'ix de revient des tranapnrta atlriens». CACOPAROO S.: «À propo! des zonca interdites». Cr.ARK V. E.: «Commercinl aeropla.ues in tllc Unitec1 States of America.:b. DONAI.lSro A.: «I trasporti combinati aero-ferrovinri,). FAl.UDI E.: «Il problema degli aeroporti civili». FOlU.ANINI E.: «In tema di supel'aviazione». Fm~co E.: «I Statistica. internaziona.le del traffico commerciale aereo». HURarJo'l.:R Q.: «Utilizzazione dei porti mercantili per la hl\vignziode Aeren:t. l-"reri P.: «II salvata.ggio aereo». KOEPKK C.: «Eclajrn~e eie l' aérodrome l). KOEPKE C.: «L' ntilisation dea appareils lnnce mes8nge8 et lanc6 fuséer Kuenger». GAGNO'r'fo L.: «L'impiego de]!' Esperanto nella aeronavigazione». CALAMANI G.: «Industri1\- Assicura.tiva. e Navigazione Aerea ). TJlÉOD01UDKS PH.: «Aper4)u 8Ul' la loi heliéoique de 1927 sur la Navigatioo aérieune».

19 dell' Associa.ione Italiana di Aerotecnica 715 LE8T&R D. GARDNER: «Tbc devoloppment oc civil aeronautica in America». DA FON8~CA HERMES J. S.: «La sitnatioo illterllntiouf\le des futurs norodl'omea flottants». FEltRERO De GUBEllNATlS: «Note sulle lillee di idl'oavia:r:ione italiane». tth.;j.lini E.: «La Navigazione Aerea ch' ile in Hl.ppOl'to ai tmsporti fel" l'oviari e postali». MUSTO C.: «Nece~sità orgnuizzati"a del Traffictl Aereo». NASELLI D.: «Capitani a Macchinisti Aerei». Rocco E.: «Idroporti di alcune linee aeree italiane». S.l.S.A.: «Relazione su uno t'lpeciale tipo di idro~cnlo flu\'jale per la linea aerea Trieste-Torino della Società lta,1iaun. Servizi Aerei >}. TARANTINI fj.: «Forme e dimcol:iioni più opportune per campi di atterl'aggio». TARANTTNI L,; «Proposte di modifiche alla convenzione pel regolamento t>1l11n. navigazione aerl'u». TARANnNI L,: «Un progetto per l'aeroporto di Ostia». TltOlANI F,: «Apertul1l di un ndovo aeroporto in Roma per aeroplani e idl'ovolflot.i», VAN CI{O~IUIWGW:i; R.: «I..' lwilltion an Congo». VAN DEN BeRcH YAN HEE~ISTEDE: «Aperçu BUI" l'exl'loitation du trafic aél'ieu _, BOGGIANO-PICO E : «L'(\\'illtioD marcjmude et ]a libcrté des airs». Sezione Scientifica ed Aerologica. ALESSANDltOW W.: «La théol'ie tourbillonnaire du professcm' N. Joukowski et le calcul <les héliees propulsives aériennes». ALlPPI C.: «Una iliwostmzione generlt!e del paradosso di «Eulel'O» ed aleune eon-sidorazioui», BILANCINI R. e BOH.RIELLO L.: «Primi profili di un portolano meteoroaerologico. BOEL M.: «L' écart dee vitesses chez l' oiseau». CAl[H;IOTTI D.: «( Le stllziolli aerologiche spel'imentali». EI.I.lo'r G.: «Hitluzione nl mare metliallte procedinlf nti grafico-mecoanici della pressione atmosftirica.». EREDIA F.: L' esploraziolle dell' atlllosl'ern a mezzo di cervi volanti». FERRAIU C.: «ERpcriclllO cou elica au.ol'otante». G18AULT N, : «Nutc SUI' lels \'al'i-otions do pre8sion en fonctiod ùes val'intions de.s vitesses <lnns un fluide tluué de viscosité». GOETA G,: «Progetto di massima di un laboratorio per lo sviluppo scientifico della. tarmo-aerodinamica».

20 716. (t L'Aerotecnica)J - GioNlale ed Atti I HESS V. F.: «La scoperta dell' irradiazione co~micn. penetrante». H~RRERA E.: «Un gravo inconveniente de 108 Tuneles AerodillamicoR abiertns». IOTn DA BADIA POLEsnfEl A.: «Alcune ose:lel'vazioni di ael'oclinamica e di fisiologia sul volo degli uccelli». KAWADA S.: «00 the fuodrunentlll principles of the vortex theory or ail'screw». MASTROl\IAT'I'..;Q V.: «81111' applicnzione (lei metodo dell' nllnngamento vito. tuale Alla determinazione delle ('MrnHeristiche dci pl'opnlsore». PALLA vicino G.: «Tracciamento (li proilli alari-calettamento della cellula. rispetto alla fusoliel'a.». PANETTI M.: «Deduzione della polare dell' apparecchio dalla polare della velaturn. principale». PISTOl,ESJ E.: «Contributo n.l1o s.tndio dell' elica in IIn,'ento Intemle fj. PUVREZ P.: «Perfectionoementes apportés ttl1x pl'océdés de Illesure, :\ la eoumerie de Rh6de St. Genèse». RA1MONDI E.: «Azione dioamica di una corrente fluida che fluisce tra una lastra ed una parate piana indofinita~. SCUOLA INGEGNERIA DI TORINO: «Dingrammi logaritmici di eliche ri\o co1t.e in 25 famiglie relative al rapporto fl'n pasl50 ft dinmetro». SUKARA T.: «Die Vcrteilung nnd elle Schwankuogcn (1..,1' Tempt'mtnl' in den wichtigen Teilen». V1SANl G.: «L'impiego delle OSSI~l'vnzioni li61'ologich('. pe'), ùt:lfinire il l'c gime rmemologico di unll regione». WADA K.: «00 fl'irtionnl l'crirtance of fluid8 of snmll dscosity), WnIPERIs H. E.: «The pr()gt'es~ ofaeronalllit't\.1 r~8enl'ch in Grant Britnin». WAN DER H..:GGE ZYNEK: «Some expel'imcnts OD tbe di~tribntion fif vi scoaity, pressnre anù totn.l head». Sezione tecnica. ALHAelÀ G.: «Lancio di velivoli: Calaptllte». ANGELO?; I E.: «Alculle considerazioni BuI volo a<1 nhi!')sime quote». BAGGIANr L. : «La radio trf\s1dissiou~ del1e immagini frn. aerei e terra». BI1lDENDO S.: «Dispositivi per In. determinazione delll,j reazioni dei co ma.ot1i». BIONDI L,: «Le prove in quota degli appnreccbi colltl'tlllftte con i rii:ml t... ti delle prove sulla base». BONAREI'TI W.: «Notizie 8ull' elektron c foith~ applknzioni». BONIFACIO F.: «Problemi inerenti alla sicurezza e I\i mezzi di 81\lvatl1.ggio ed ai vari adattamenti a UOl'lln tlt>j "elivoli IlI\. tl'oflì( o». CAGNOTTO G.: «Catapulta. per il lancio degli idrovolanti».

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

Motore per alta quota autoraffreddatore (I)

Motore per alta quota autoraffreddatore (I) Motore per alta quota autoraffreddatore (I) DKI.L' ING. LUIGI STIPA. RIASSUNTO: L 'A. chiarisce e illustra alcuni punti di una sua precedente comunicazione al IV Congresso Inte.nazionale di Navigazione

Dettagli

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia Classe quarta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Progettiamo e costruiamo modelli di mezzi di trasporto Apprendimento unitario: riconoscere le funzioni dei mezzi di trasporto e individuare problemi

Dettagli

G. D ANNUNZIO LEGALMENTE RICONOSCIUTO

G. D ANNUNZIO LEGALMENTE RICONOSCIUTO ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO G. D ANNUNZIO LEGALMENTE RICONOSCIUTO indirizzo assistenza alla navigazione aerea http://www.galvani.edu dannunzio@galvani.edu dannu@spidernet.it TEL. 030 264 06 41/2 - FAX

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

L'ATMOSFERA un involucro eccezionale

L'ATMOSFERA un involucro eccezionale DIESSE FIRENZE Didattica e Innovazione Scolastica Centro per la formazione e l aggiornamento SCIENZAFIRENZE QUARTA EDIZIONE Docenti e studenti a confronto su: L'ATMOSFERA un involucro eccezionale Aula

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009. ing. A. Comi - Corso di Trasporti e Ambiente Corso di Trasporti e Ambiente http://www.uniroma2.it/didattica/ta_2009 ing. Antonio Comi novembre 2009 Inquinamento acustico da traffico 1 Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Contenuti e scopo Questo aiuto all applicazione tratta delle procedure e delle esigenze inerenti la progettazione, l installazione e la sostituzione

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CLASSE DI APPARTENENZA Il Corso di Studio appartiene alla Classe n. 28/S, lauree specialistiche in INGEGNERIA CIVILE,

Dettagli

LEGGE 18 maggio 1973, n. 304

LEGGE 18 maggio 1973, n. 304 LEGGE 18 maggio 1973, n. 304 Ratifica ed esecuzione dell'accordo europeo sul collocamento alla pari, con allegati e protocollo, adottato a Strasburgo il 24 novembre 1969 La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26.

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. Art. 2 Oggetto L Associazione

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno)

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) IC «M. L. Niccolini» Ponsacco (PI) a.s. 2014-15 Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) «Il Peso Specifico il Principio di Archimede Il Galleggiamento» Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado Docente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia ART. 1 É costituita una Associazione denominata C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA, abbreviabile

Dettagli

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Convegno sulla applicazione del nuovo Regolamento di attuazione della Legge 106 del 25 Marzo 1985, concernente la disciplina del volo da diporto o sportivo Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Relatore:

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Identificazione di modulo B 1

Identificazione di modulo B 1 Identificazione di modulo B 1 Titolo Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Distinzione Durata Processi Attestato del livello secondario II o di una formazione equivalente Conoscenze

Dettagli

TRIBUNALE DI FERRARA

TRIBUNALE DI FERRARA TRIBUNALE DI FERRARA CANCELLERIA DELLE ESECUZIONI MOBILIARI. N. Gen. Rep. : 1803/2009 P.U. : 08/07/2010 Giudice Dott.ssa D ALONZO ELABORATO PERITALE Tecnico incaricato: Dott. Ing. Marco Rubin iscritto

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE La Poderosa Art. 1 (Denominazione - sede - durata) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, ai sensi della Legge 383/2000 e della normativa in materia,

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione, sede, durata E costituita, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile, l

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELIBERA

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELIBERA CONSIGLIO DI ISTITUTO delibera n. 47 del 9/11/2012 Oggetto: chiusura della scuola in giorni prefestivi Visto il DPR 275/1999 sull autonomia organizzativa delle istituzioni scolastiche; Preso atto di quanto

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Università Università degli studi di Genova Trieste Altre Università (convenzioni Pisa interuniversitarie) Napoli Federico II Classe 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Ingegneria

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE DELLA MOTORIZZAZIONE E DELLA SICUREZZA DEL TRASPORTO TERRESTRE

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule)

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule) LE FORMULE ED I DIAGRAMMI Come abbiamo visto, la possibilità di variare la velocità di un veleggiatore è legata indissolubilmente all'angolo di incidenza: perchè? Perchè è proprio l'angolo di incidenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA -----------------^--------- VII LEGISLATURA --------------------------------- (N. 1287) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dei Trasporti e «ad interim» della Marina Mercantile

Dettagli

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma La fisica della vela comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! laura.romano@fis.unipr.it Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma Il gioco della simmetria Dal

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters

Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters Nella proiezione di Mercatore la Germania (patria elettiva del geografo) e l Europa si trovano al centro del mondo, sia in senso latitudinale

Dettagli

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B In vigore dal 1 Gennaio 2003 RINA Società per azioni Gruppo REGISTRO ITALIANO NAVALE Via Corsica, 12-16128 Genova

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Materia: MECCANICA E MACCHINE

Materia: MECCANICA E MACCHINE Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NUOVA FAMIGLIA ADDIS BETESEB - ONLUS Art. 1 E costituita un Associazione di promozione sociale ai sensi della Legge 383/2000 con denominazione NUOVA FAMIGLIA - ADDIS BETESEB.

Dettagli

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi COSTITUZIONE E FINALITA Statuto ARTICOLO 1. Denominazione e scopi 1.1 - Si costituisce fra i Dottori Commercialisti che aderiscono

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi SAFETY SERVICE Valutazione dei rischi AZIENDA: DATA: MACCHINA: REFERENTE (Cliente): IL TECNICO VERBALIZZANTE (Safety Service): IL RESPONSABILE TECNICO (Safety Service): IL RESPONSABILE DEL SERVICE: TRASMESSO

Dettagli

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda Compito del superiore è quello di organizzare l azienda in modo da garantire la sicurezza e la tutela della salute. In

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

NA NUOVA GIOVINEZZA. Icircoli della qualità possono avere oggi una nuova giovinezza, in. PER I CIRCOLI DELLA QUALITà

NA NUOVA GIOVINEZZA. Icircoli della qualità possono avere oggi una nuova giovinezza, in. PER I CIRCOLI DELLA QUALITà Un modo nuovo per introdurre l empowerment I PARTE U NA NUOVA GIOVINEZZA PER I CIRCOLI DELLA QUALITà Ing. Gianni Cuppini Presidente della Cubo Società di Consulenza Aziendale Srl Icircoli della qualità

Dettagli

2. ASPETTI LEGISLATIVI

2. ASPETTI LEGISLATIVI 2. ASPETTI LEGISLATIVI Il legislatore ha risposto alla gravità di un siffatto fenomeno infortunistico con una trattazione specifica del problema nel corpus del d.lgs. 81/08, agli artt. 66 e 121 e all allegato

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO AERO CLUB D'ITALIA Prot. nr.: TO - S.V./ 00031917-30.11.2011 Roma, 10 gennaio 2012 CIRCOLARE NR: 44 / 2011 Ai PRESIDENTI AERO CLUB FEDERATI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI AGGREGATE DIRETTORI DELLE SCUOLE DI VOLO

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA VI LEGISLATURA (N. 376-A) RELAZIONE DELLA 8 COMMISSIONE PERMANENTE (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) (RELATORE MAZZEI) SUL DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori MADERCHI, CAVALLI,

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI Preparazione agli Esami di Stato per Dirigenti di comunità CANDIDATI ESTERNI - ISCRIZIONI 1) I Corsi di preparazione agli Esami per Dirigenti di comunità sono destinati

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

PROGRAMMA DEI PREMI E DELLE BORSE DI STUDIO

PROGRAMMA DEI PREMI E DELLE BORSE DI STUDIO ISTITUTO LOMBARDO ACCADEMIA DI SCIENZE E LETTERE UFFICI Via Borgonuovo, 25 20121 Milano Tel.: +39 02 864087 Fax +039 02 86461388 www.istitutolombardo.it istituto.lombardo@unimi.it info@istitutolombardo.it

Dettagli

NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DI UN CABLAGGIO

NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DI UN CABLAGGIO NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA EECUZIONE DI UN CABLAGGIO La realizzazione di un cablaggio non è un lavoro molto difficile. Purchè si rispettino quelle precauzioni necessarie alla sicurezza del volo.

Dettagli

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces blue Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces Blue e rotokite? Il brevetto del Rotokite nasce da un idea di Gianni Vergnano amministratore della Soc Sequoia.it. presso

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE A- Idrostatica o Principali proprietà dei fluidi (densità, peso specifico, viscosità, comprimibilità e dilatabilità) o Nozione di liquido reale e liquido ideale.

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Manipolare

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 del 22/04/1980 e modificato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti. Rivoli To Una domanda, peraltro molto semplice, che può però

Dettagli

TuttoNormel va all es senziale: senza pubblicità, contiene solo ciò che serve e che vale.

TuttoNormel va all es senziale: senza pubblicità, contiene solo ciò che serve e che vale. La rivista Abbonamento SPIN alla rivista TuttoNormel L abbonamento SPIN comprende i dodici numeri della rivista (su carta). In omaggio con l abbonamento SPIN alla rivista: la partecipazione all incontro

Dettagli