La compressione del segnale video. Digital Video Broadcasting

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La compressione del segnale video. Digital Video Broadcasting"

Transcript

1 La compressione del segnale video Digital Video Broadcasting 1 Compressione del segnale video Letecnichedicompressionepossonoesserelossless (senza perdita) o lossy (con perdita). Lo scopo delle tecniche lossless è di ridurre il volume di dati senza perdere nulla dell informazione originale; nel caso dei dati video questo significa che le immagini decodificate hanno la stessa qualità di quelle originali. Al contrario le tecniche lossy, tra cui MPEG, cercano di raggiungere un determinato bitrate, anche a costo di eliminare parte dell informazione contenuta nei dati originali (generalmente quella a cui l occhio umano è meno sensibile). Gli algoritmi agiscono sulla ridondanza di informazione all interno di un frame (ridondanza spaziale) e quella tra frame consecutivi (ridondanza temporale). Le tecniche per la riduzione della ridondanza spaziale derivano da quelle adottate nella compressione delle immagini fisse (es. JPEG). 2 1

2 DCT Transformation Ogni frame viene suddiviso in blocchi da 8x8 pixels su cui viene eseguita una DCT (Discret Cosine Trasform, trasformata coseno discreta), un modo per decomporre il blocco dell immagine in una somma pesata di frequenze spaziali, similmente a quanto fa la trasformata di Fourier per quelle temporali. Si ottiene così una matrice di coefficienti che rappresentano il blocco (operazione senza perdite e reversibile) 3 Quantization Successivamente viene operato un processo detto quantizzazione, attraverso cui sostanzialmente i dati ricavati dalla DCT che definiscono ogni blocco vengono discretizzati (quindi approssimati), in maniera più o meno drastica a seconda della loro importanza percettiva (visually-weighted quantization). Vengono infatti definite delle matrici di quantizzazione (8x8 come i blocchi di pixels) in cui sono indicati i valori per cui i coefficienti della matrice risultante dalla DCT andranno quantizzati. Il risultato della quantizzazione di un coefficiente della DCT è il valore intero più prossimo al risultato della divisione del coefficiente per il fattore di quantizzazione. L approssimazione sarà tanto maggiore quanto più grandi sono i valori di quantizzazione ma all occhio umano, alle alte frequenze spaziali questa operazione è relativamente impercettibile 4 2

3 Codifiche Run-Leght (RL) e Variable length coding (VLC) Si riduce la ridondanza delle matrici dei coefficienti quantizzati attraverso la loro conversione a vettore monodimensionale mediante lettura zig-zag e successive compressioni che sfruttano la ridondanza statistica dei bit di tale vettore (ricerca di pattern ripetuti) sostituendo a tali pattern delle parole di lunghezza inferiore: viene eseguita prima RL e poi VLC (che sfrutta Huffman coding) 5 Riduzione della ridondanza temporale: Differential coding Si usa un sistema in cui si definiscono dei key frames e delta frames per eliminare le informazioni ridondanti fra i fotogrammi (interframe compression). Ai key frame e ai delta frame, vengono poi applicate le compressioni classiche (intraframe compression). Gli standard MPEG prevedono la classificazione dei frameintretipi:i,b,p. I frame:è un frame video completamente indipendente. P frame (predictive frame): si basa su un precedente I frame. B frame (bi-directional frame): è costituito da informazioni ricavate sia da I frame che P frame (anche successivi). 6 3

4 Frame I, P e B 7 GOP Una serie di I, B, P frames (es: I,B,B,P) costituisce una GOP (group of pictures). Più lunga è la sequenza GOP maggiore sarà la compressione risultante ma anche maggiore sarà il rischio di corruzione dell'immagine se si verifica qualche errore. Ovviamente la sequenza di creazione ed invio di questi frame sarà I, P, B, mentre quella di riproduzione I,B,P perciò il decoder sarà incaricato del riordino della GOP, basandosi su informazioni che dovranno essere codificate insieme ai frame (DTS e PTS 8 timestamps). 4

5 Motion estimation Si valuta se tra i frame alcuni dei blocchi anziché scomparire cambiano semplicemente di posizione. In questo caso si invia la sola informazione su tale movimento (motion vectors) anziché il contenuto del blocco 9 Il presente: il sistema DVB-T Codificatore e Decodificatore MPEG2 10 5

6 Nel 1993, un consorzio europeo ha avviato un progetto basato sulla codifica MPEG-2: il sistema di trasmissione digitale DVB (Digital Video Broadcasing, ) per la distribuzione dei segnali televisivi (e non solo). Il DVB è noto per quanto riguarda la trasmissione televisiva satellitare digitale (DVB-S), ma definisce in generale come i segnali MPEG-2 sono trasmessi anche su cavo (DVB-C), o a frequenze televisive terrestri (DVB-T) e anche come sono gestite le informazioni di servizio, le EPG (guide programmi) e gli eventuali sistemi di crittografia, nonché il trasporto di contenuti interattivi e multimediali avanzati e IP broadband, il tutto grazie alla flessibilità dei pacchetti MPEG-2 utilizzati come data container. MPEG2-TS è adatto al trasporto di datagrammi IP attraverso il protocollo MPE (Multi Protocol Encapsulation). Esistono servizi IP quali ad esempio, Opensky, Europe Online. Esistono tecniche per trasportare pacchetti TS su reti IP (ad es. protocollo RTP) ed allo stesso modo, ma al contrario, la possibilità di inviare datagrammi IP attraverso sistemi (quali il DVB) che usano il Transport Stream come trasporto 11 Transport Stream IlformatoMPEG-2allabasedelDVBèilTransportStream (TS) che presenta le caratteristiche di robustezza agli errori e gestione della multiplazione fondamentali per la trasmissione satellitare. Al TS il DVB aggiunge tabelle e descrittori ausiliari nonché tutte le specifiche per il trasporto fisico dei dati. Il TS è così lo stream complessivo che trasporta tutti i dati dei vari programmi trasmessi da un certo operatore. Per le sua struttura rende comunque minimo il carico computazionale necessario per: -estrarre e decodificare anche solo parte dei dati dal flusso complessivo. -estrarre i pacchetti di uno o più programmi, anche da TS differenti e reinserirli in un TS nuovo 12 6

7 Cosa contiene il TS? E il risultato del multiplexing di pacchetti chiamati PES (Packetized Elementary Stream) che sono ottenuti dai flussi multimediali elementari detti ES (Elementary Streams) contenenti i dati audio e video compressi e altro (ad es. sottotitoli, o dati per servizi interattivi ed anche datagrammi IP). Nello stesso multiplex sono inviate anche le informazioni che servono per gestire le associazioni fra tali dati e descriverli. Sono dette PSI (Program Specific Informations). Lo standard DVB integra le PSI dello standard MPEG-2 con ulteriori altre descrizioni, nell insieme dette SI (System Information). 13 ES (Elementary Stream) e PES (Packetized Elementary Stream) Gli ES sono gli stream dei dati video compressi (frame I, P, B, ecc.), dell audio, e di alcune altre informazioni come i sottotitoli. Ogni ES viene suddiviso in pacchetti detti PES (Packetized Elementary Stream). PES possono essere associati e nell insieme formare un programma costituito ad esempio da più flussi video (inquadrature multiple), più tracce audio (audio multilingua) ed infine dai sottotitoli. Non ci sono specifiche sulla dimensione di tali pacchetti che possono essere di taglia variabile ad esempio per contenere sempre un intero frame video, oppure di grandezza fissata. Gli header dei PES contengono la descrizione del tipo di contenuto nonché informazioni di controllo per la 14 sincronizzazione quali PTS e DTS. 7

8 Multiplexer I PES e le PSI Sections attraverso multiplazione sono raccolti in un unico stream. I PES e le PSI sections, per la multiplazione, vengono suddivisi in pacchetti di184byterecanti4byteaggiuntividiheader. SonoiTransport Packets (188 byte) che vanno a costituire il TS. E' specificato che un pacchetto PES deve sempre cominciare all'inizio del payload di un transport packet e che ogni transport packet deve contenere dati provenienti da un unico pacchetto PES. Per questo motivo eventuale spazio rimanente in un transport packet che non è stato riempito deve essere lasciato così e completato solo da stuffing bytes inseriti in uno specifico campo detto Adaptation Field. 15 Pacchettizzazione del TS 16 8

9 Header di un Transport Packet Sync byte: 8 bit fissi all'esadecimale 47 (bin ). Definisce l inizio di un transport packet e permette la sincronizzazione della trasmissione. Transport Error Indicator: indica che il pacchetto è danneggiato. Payload Unit Start Indicator: settato quando il pacchetto TS contiene l inizio di un PES. Transport Priority: indicatore di priorità per dare priorità a certi pacchetti di un ES. Transport Scrambling Control: tipo di scrambling (cifratura) Adaptation Field Control: indica la presenza dell campo opzionale Adaptation Field 17 Header di un Transport Packet Continuity Counter: contatore di continuità tra le sezioni PES. Questo contatore è un campo di 4 bit che viene incrementato in maniera ciclica ogni volta che un nuovo Transport Stream Packet dello stesso Elementary Stream viene generato; ciò dà al decoder un modo per rilevare se sono stati persi dei Transport Stream Packet. PID (Packet Identifier): 13 bit. E' un sistema di mappatura che differenzia i pacchetti e raggruppando quelli con lo stesso PID identifica quali trasportano un determinato flusso di informazioni, ad esempio il video di un certo programma, o l'audio in una certa lingua, o dati di servizio come le PSI tables. Adaptation field : E un estensione dell header non sempre presente in ogni transport packet che contiene a sua volta diversi campi: tra cui l indicatore di temporizzazione PCR (vedi paragrafo), un indicatore di discontinuità, i byte di riempimento (stuffing bytes) a volte necessari per completare i pacchetti ed altri flag. 18 9

10 Indirizzamento nel TS 19 Program Specific Information (PSI) Sono le informazioni che servono per descrivere e associare attraverso i PID,ivariPESediconseguenzaiflussielementari che vanno a costituire un programma. Strutturalmente sono delle tabelle di associazione (PSI Association Tables) che vengono inviateperiodicamentedopoesserestate suddivide in sezioni (PSI Sections) e pacchettizzate nel TS allo stesso modo dei PES. Per l importanza dell integrità delle informazioni delle tabelle, spesso le PSI Sections sono protette da CRC. PAT: Program Association Table (è al livello più elevato nella gerarchia delle tabelle) Contiene la lista completa di tutti i programmi nel TS (identificati attraverso un numero detto SID, Service IDentification) e i PID delle rispettive PMT (Program Map Tables) I pacchetti che la contengono sono identificati con il PID 0 Il programma numero 0 indica il PID del NIT PMT: Program Map Table Contiene la lista dei PID (audio e video) associati a un certo programma e il PID della PCR (può essere un PID video) 20 10

11 La PMT 21 PCR (Program Clock Reference) Svolge la funzione di riferimento per la rigenerazione del clock di sistema (System Time Clock a 27 Mhz) al ricevitore e per la decodifica e sincronizzazione dei flussi elementari audio video, in modo da permettere la ricostruzione di una base temporale coerente per i programmi. E un campo di 42bit presente nell Adaptation field di pacchetti TS dedicati, oppure in quello di un PID video. Al ricevitore un VCO (Voltage controlled oscillator) genera il clock locale a 27Mhz. Quando viene ricevuta la PCR, viene confrontata con un contatore locale pilotato dal VCO e la differenza viene usata per correggere la frequenza del VCO per ottenere il lock con la PCR e quindi con il clock 22 remoto. 11

12 DTS (Decoding Time Stamps) e PTS (Presentation Time Stamps) Servono per stabilire l esatto momento in cui un frame video I,B,P deve essere rispettivamente decodificato o riprodotto. Sono inseriti negli header di ogni PES. Se dovesse essere danneggiata e quindi inutilizzabile l informazione sul DTS e PTS di un PES, questo andrebbe scartato per intero, cioè tutti i Transport packet che lo costituivano a partire da quello che conteneva l header danneggiato. 23 Riassunto dei passi per la ricerca e decodifica degli ES associati a un programma 1-Vengono estratti dal TS i pacchetti che trasportano le sezioni della PAT (sempre sul PID 0). 2-Una volta decodificata la PAT, si cerca al suo interno il PID della PMT del programma di interesse. 3-La PMT del programma viene estratta dal TS e decodificata. Ora si conoscono tutti gli ES che costituiscono il programma. 4-Tra i PID elencati vi è anche quello dell indicatore di temporizzazione PCR necessaria per la decodifica.se non è uno dei video ES già individuati, ma un PID autonomo, vanno estratti dal TS anche i pacchetti identificati da tale valore. 5-Può partire il processo di decodifica, sincronizzata nel rispetto delle sequenze indicate dai timestamps DTS eptsdeipes

13 Analisi del transport Stream TSReader PMT del Program 1 13

14 Analisi dello stream MPEG2 Lo stream video viene gestito frame per frame VirtualDUB (acquisisce in ingresso uno stream MPEG2, lo visualizza e lo converte in AVI) MPEG2 AVI 14

15 15

16 16

17 Valutazione della qualità di uno stream decodificato: confronto tra le frames decodificate con le originali Originale Co-decodificato (a bassa velocità) Valutazione della differenza (tra lo stesso frame di due stream codificati a differente bit rate) con Matlab RGB1 = imread( ICE_1_5.JPG'); I1 = rgb2gray(rgb1); RGB2 = imread( ICE_4.JPG'); I2 = rgb2gray(rgb2); Z = imabsdiff(i1,i2); imshow(z) M = mean(mean(z)); disp('mean=') disp(m) mean =

18 Trasformata Coseno Dscreta Effetto della DCT RGB = imread('strisce2.jpg'); I = rgb2gray(rgb); II = double(i); imshow(i), figure J = dct2(ii); imshow(log(abs(j))), colormap(jet), colorbar, figure % % The commands below set values less than magnitude 10 in the % DCT matrix to zero, then reconstruct the image using the % inverse DCT function IDCT2. % JJ=J; JJ(abs(JJ)<10) = 0; imshow(log(abs(jj))), colormap(jet), colorbar, figure K = idct2(jj); imshow(k,[0 255]), figure Z = imabsdiff(ii,k); imshow(z), colormap bone, colorbar, figure T = mean(mean(z)); disp(t) 18

19 Effetto della DCT Originale Trasformata Trasformata+soglia Soglia = 200 (alta!!) Mean = 3,37 Ricostruita Differenza Confronto tra le matrici delle trasformate prima e dopo l introduzione della soglia 19

20 Effetto della DCT Soglia = 10 Mean = 1,67 MaxDiff = 43 Confronto tra le matrici delle trasformate prima e dopo l introduzione della soglia 20

21 Effetto della DCT Soglia = 200 Mean = 14 MaxDiff = 130 Soglia = 10 21

22 Soglia =

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Compressive Video

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Compressive Video RETI INTERNET MULTIMEDIALI Compressive Video Introduzione I formati di compressione per contenuti audio e video intruducono nuovi elementi per aumentare il rapporto di codifica Codifica nello spazio e

Dettagli

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale.

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale. Sistemi Multimediali Codifica video La definizione di video digitale corrisponde alla codifica numerica di un segnale video. Esso eredita numerosissimi concetti dal video analogico, e li trasporta in digitale.

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Compressive Video Motion JPEG, Digital Video, H.261, H.263 Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio

Dettagli

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al video Formati video Analogici digitali Il Moving picture Expert group (MPEG) Editing video

Dettagli

Servizi di diffusione televisiva: lo standard MPEG-2 e il Digital Video Broadcasting

Servizi di diffusione televisiva: lo standard MPEG-2 e il Digital Video Broadcasting Capitolo 7 Servizi di diffusione televisiva: lo standard MPEG-2 e il Digital Video Broadcasting 7.1 Lo standard MPEG-2 per servizi multimediali diffusivi Lo standard MPEG-2, sviluppato dal Moving Pictures

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione DIGITAL VIDEO BROADCASTING E LINUX: INSTALLAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI UNA SCHEDA

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Codifica e Compressione del Video: Introduzione, H.261 e H.263 Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris Introduzione I formati

Dettagli

Digitale Terrestre Televisivo (DTT):

Digitale Terrestre Televisivo (DTT): Digitale Terrestre Televisivo (DTT): infrastruttura per il trasporto wireless della rete IP tecnologia per l accesso capillare alle applicazioni telematiche Roberto.Borri@csp.it Giovanni.Ballocca@csp.it

Dettagli

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI COMPRESSIONE DATI La compressione produce una rappresentazione più compatta delle informazioni è come se si usassero meno parole per dire la stessa cosa in modo diverso. Esistono

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Codifica e Compressione del Video: MPEG Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris Introduzione Il gruppo di esperti MPEG

Dettagli

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso Corso di Laboratorio di Multimedialità Anno Accademico 2002-2003 Docente: Claudio Sacchi PARTE 1: INTRODUZIONE AL CORSO E RIEPILOGO DEI CONCETTI DI BASE Contenuti Programma del corso ed articolazione delle

Dettagli

Codifica dei caratteri (ASCII)

Codifica dei caratteri (ASCII) Codifica dei caratteri (ASCII) I caratteri di un testo vengono codificati tramite sequenze di bit, utilizzando un codice di traduzione. Quello più usato è il codice ASCII (American Standard Code for Information

Dettagli

Cenni alla compressione delle immagini

Cenni alla compressione delle immagini Cenni alla compressione delle immagini Introduzione Buona parte delle informazione viene veicolata sotto forma di immagini Le immagini vengono gestite dai calcolatori come una matrice di digital picture

Dettagli

Multimedia. Tecnologie di distribuzione. Problemi. Parte VI. Sistemi Multimedia

Multimedia. Tecnologie di distribuzione. Problemi. Parte VI. Sistemi Multimedia Multimedia Parte VI Sistemi Multimedia Materiali multimediali: Letteralmente più di un medium (es. testo e immagini) Tipicamente filmati con audio (digital video) Modalità di distribuzione e fruizione:

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Ing. DAVIDE PIERATTONI. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. Compressione MPEG

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Ing. DAVIDE PIERATTONI. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. Compressione MPEG FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Compressione MPEG 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n. 2) 1 Nota

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

Video Over IP (Internet)

Video Over IP (Internet) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Video Over IP (Internet) Maria Luisa Merani 1 UN EXCURSUS MINIMALE sulla CODIFICA VIDEO Senza presunzione di

Dettagli

Garr Ws05 1. PREMESSA V01

Garr Ws05 1. PREMESSA V01 DIGITALE TERRESTRE TELEVISIVO (DTT): INFRASTRUTTURA PER IL TRASPORTO WIRELESS DELLA RETE IP E TECNOLOGIA PER L ACCESSO CAPILLARE ALLE APPLICAZIONI TELEMATICHE 1. PREMESSA La digitalizzazione del mezzo

Dettagli

La rappresentazione dell informazione

La rappresentazione dell informazione La rappresentazione dell informazione Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. 2 del testo C (Console, Ribaudo): 2.3, 2.4 Parte II La codifica dei dati multimediali I caratteri alfanumerici non costituiscono

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

Codifica video scalabile a bassa complessità

Codifica video scalabile a bassa complessità Codifica video scalabile a bassa complessità M. Cagnazzo, A. Caputo, G. Poggi, L. Verdoliva Università Federico II di Napoli Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Via Claudio,

Dettagli

Informatica grafica e Multimedialità. 4 Immagini grafiche

Informatica grafica e Multimedialità. 4 Immagini grafiche Immagini raster e vettoriali Le immagini grafiche si distinguono in due classi differenti: immagini raster e immagini vettoriali. Le immagini raster, dette anche pittoriche o pixel-oriented, dividono l

Dettagli

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce La compressione

Dettagli

Documento tecnico. Standard di compressione video H.264. Nuove opportunità per il settore della videosorveglianza.

Documento tecnico. Standard di compressione video H.264. Nuove opportunità per il settore della videosorveglianza. Documento tecnico Standard di compressione video H.264. Nuove opportunità per il settore della videosorveglianza. Sommario 1. Introduzione 3 2. Sviluppo dello standard H.264 3 3. In cosa consiste la compressione

Dettagli

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB Protocollo USB Elementi di un sistema USB HOST: dispositivo master (PC), l unico autorizzato ad avviare una comunicazione sul bus HUB: come nelle reti di computer, l hub fornisce un punto di connessione

Dettagli

Flussi Multimediali. Introduzione

Flussi Multimediali. Introduzione Flussi Multimediali 1 Introduzione Film digitali, video clip e musica stanno diventando un modo sempre più comune di presentare l informazione e l intrattenimento per mezzo del computer I file audio e

Dettagli

Formati multimediali e metadati: Immagini

Formati multimediali e metadati: Immagini Formati multimediali e metadati: Immagini Marco Tagliasacchi Formati multimediali e metadati Sommario 2 Immagini Rappresentazione digitale Compressione di immagini Formati Metadati Video Rappresentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni GATEWAY APPLICATIVO PER IL PORTING DI CONTENUTI E-LEARNING WEB BASED SU PIATTAFORMA

Dettagli

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE S HDTV: LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE In questo articolo cercheremo di spiegare il concetto di HDTV. Prima di tutto, daremo un occhiata alla tecnologia della

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara FACOLTÀ DÌ INGEGNERIA CORSO DÌ LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA E AUTOMAZIONE Sincronizzazione di contenuti multimediali Laureando ALEX FRIGNANI Relatore

Dettagli

Sistemi Informativi Multimediali

Sistemi Informativi Multimediali Dott. Emanuele Lattanzi Istituto di Scienze e Tecnologie dell Informazione http://www.sti.uniurb.it/lattanzi/ Tel. 0722-4475 interno 42 mail: lattanzi@sti.uniurb.it Organizzazione del corso Didattica Lezioni

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Introduzione al T-Learning ed al Digitale Terrestre. Ing. Luca Mancini 2M Telecomunicazioni S.r.l. - Torino -

Introduzione al T-Learning ed al Digitale Terrestre. Ing. Luca Mancini 2M Telecomunicazioni S.r.l. - Torino - Introduzione al T-Learning ed al Digitale Terrestre Ing. Luca Mancini 2M Telecomunicazioni S.r.l. - Torino - La Televisione Analogica 3 Gennaio 1954 la Rai inizia a trasmettere la televisione in tecnica

Dettagli

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Classificazione delle immagini Le immagini si suddividono in raster e vettoriali. Le immagini raster sono di tipo

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

Applicazione di TV interattiva conforme allo standard MHP

Applicazione di TV interattiva conforme allo standard MHP Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Applicazione di TV interattiva conforme allo standard MHP Anno Accademico 2003-2004 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo

Dettagli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete Maria Missiroli Cos è il DVB-H? Digital Television for Handheld terminals Il DVB-H non è solo TV, ma è data broadcasting per molti utenti con un singolo servizio.

Dettagli

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati

Modulo 1: Le I.C.T. UD 1.3f: La Compressione dei Dati Modulo 1: Le I.C.T. : La Compressione dei Dati Prof. Alberto Postiglione Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno Compressione

Dettagli

Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award

Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award 1. Oltre l Alta Definizione La Rai ha seguito sempre con particolare attenzione l evoluzione tecnologica al fine di garantire la migliore qualità dell

Dettagli

TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof.

TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof. TRATTAMENTO E COMPRESSIONE DI DATI MULTIMEDIALI (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, SSD: ING-INF/05, CFU:5) Prof. Edoardo Ardizzone Il corso si propone di integrare le conoscenze degli allievi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI MULTIMEDIALI

SISTEMI OPERATIVI MULTIMEDIALI INTRODUZIONE AI MULTIMEDIA SISTEMI OPERATIVI MULTIMEDIALI Sessa Sara, Vincenti Anna Teresa I film digitali, i video clip e la musica stanno diventando un modo sempre più comune di presentare l informazione.

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. VoIP (Voice over IP), Videoconferenza. Servizi multimediali e VoIP. Prof.

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. VoIP (Voice over IP), Videoconferenza. Servizi multimediali e VoIP. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.5 Voce e Video su IP Prof. Raffaele Bolla Telematica 2 Servizi multimediali e VoIP! I servizi multimediali

Dettagli

Sviluppo di un applicazione per un palinsesto televisivo in tecnologia Java Tv

Sviluppo di un applicazione per un palinsesto televisivo in tecnologia Java Tv Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Sviluppo di un applicazione per un palinsesto televisivo in Anno Accademico 2003-2004 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Universal Serial Bus (USB)

Universal Serial Bus (USB) Universal Serial Bus (USB) Standard per la connessione di periferiche al personal computer (proposto verso la metà degli anni 90 da un pool di società tra cui Intel, IBM, Microsoft,..) Obiettivi principali:

Dettagli

Appunti sulla codifica video

Appunti sulla codifica video Appunti sulla codifica video Marco Cagnazzo a.a. 21 22 Questi appunti costituiscono del materiale di supporto per il corso di Elaborazione dei Segnali Multimediali.Essi coprono alcuni aspetti relativi

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Rappresentazione delle immagini Le immagini sono informazioni continue in tre dimensioni: due spaziali ed una colorimetrica. Per codificarle occorre operare tre discretizzazioni. Due discretizzazioni spaziali

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o Strato di Collegamento Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Principi di funzionamento dello strato di collegamento Rivelazione e correzione degli errori Protocolli data link elementari

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Sommario. Introduzione (1/2) Introduzione (2/2) Introduzione. Il Sistema DVB. Tipologie di servizi forniti

Sommario. Introduzione (1/2) Introduzione (2/2) Introduzione. Il Sistema DVB. Tipologie di servizi forniti Sommario Corso di Sicurezza su Reti Anno acc.: 2003/2004 Prof.: Alfredo De Santis Realizzata da: D Amato Vito Trasmissione dati via satellite 1 Trasmissione dati via satellite 2 Introduzione (1/2) Introduzione

Dettagli

http://www.tuttologia.com/tutorial/video-codec.html BREVE GUIDA SUI PRINCIPALI CODEC E FORMATI VIDEO

http://www.tuttologia.com/tutorial/video-codec.html BREVE GUIDA SUI PRINCIPALI CODEC E FORMATI VIDEO http://www.tuttologia.com/tutorial/video-codec.html BREVE GUIDA SUI PRINCIPALI CODEC E FORMATI VIDEO Il codec (COmpressore-DECompressore) è un software che dice al computer con quali operazioni matematiche

Dettagli

JMF per applicazioni multimediali in Java

JMF per applicazioni multimediali in Java JMF per applicazioni multimediali in Java Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n. 9 Prof. Roberto Canonico Lezione a cura di Ing. Generoso Paolillo Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Il formato AAC. Approfondimento del corso di Sistemi Multimediali. prof. Celentano. Sebastiano Vascon - Il formato AAC

Il formato AAC. Approfondimento del corso di Sistemi Multimediali. prof. Celentano. Sebastiano Vascon - Il formato AAC Il formato AAC Approfondimento del corso di Sistemi Multimediali prof. Celentano Outline Introduzione Formato AAC Cenni sulla codifica Diffusione AAC vs. MP3 Introduzione AAC è l'acronimo per Advanced

Dettagli

Lo standard ISO MPEG-4

Lo standard ISO MPEG-4 Capitolo 9 Lo standard ISO MPEG-4 9.1 Principi dello standard MPEG-4 Gli standard di codifica video MPEG-1, MPEG-2 e H.26x nascono per applicazioni chiaramente definite e limitate, quali, rispettivamente

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Codici di linea - I I segnali in logica

Dettagli

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Codifica binaria dell Informazione Bit Byte Kilobyte Megabyte Gigabyte 0/1 (si/no) 00010010 (8 bit) 2 10 = 1024 byte 2 20 ~ 1.000.000 byte 2 30 ~

Dettagli

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015)

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015) Rappresentazione dell informazione 1 Rappresentare l informazione Per elaborare l informazione è necessario saperla rappresentare in una forma comprensibile per l esecutore Bisogna stabilire un codice

Dettagli

Reti IP e multimedialità

Reti IP e multimedialità Reti IP e multimedialità Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 2003 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio Informatica Esplicazione del manuale e delle slide Marco Liberamente tratto da Introduzione alle tecnologie informatiche e ai sistemi informativi aziendali, McGraw.

Dettagli

fmtvdigitalbroadcasting

fmtvdigitalbroadcasting fmtvdigitalbroadcasting EVOLUZIONE DELLA TV SITUAZIONE DEL MERCATO: PRIMA Mercati separati e verticali LA SITUAZIONE DEL MERCATO: ADESSO CONVERGENZA DIGITALE: nuovi mercati orizzontali, con molteplici

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria Lezione 2: Codifica binaria dell informazione Codifica binaria Elaborazione di dati binari Materiale didattico Lucidi delle lezioni, disponibili al sito: http://wwwinfo.deis.unical.it/~irina Oppure sul

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 3 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione

Dettagli

MPEG. Agenda. Comunicazioni multimediali 2006. M. Carli P. Campisi. Introduzione. Standard MPEG definiti. MPEG in via di definizione.

MPEG. Agenda. Comunicazioni multimediali 2006. M. Carli P. Campisi. Introduzione. Standard MPEG definiti. MPEG in via di definizione. MPEG Comunicazioni multimediali 2006 M. Carli P. Campisi Introduzione Agenda Contesto inquadramento storico Motivazioni Regole di standardizzazione Standard MPEG definiti MPEG 1 MPEG 2 MPEG 4 MPEG in via

Dettagli

esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1

esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1 esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1 Si consideri un sistema VoIP che operi con codifica GSM a R=13 kb/s. L'intervallo di pacchettizzazione è fissato a T=40ms. Si abbia a disposizione

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.4 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Trasferimento di informazioni multimediali in Internet

Dettagli

Corso di Elaborazione numerica dei segnali II

Corso di Elaborazione numerica dei segnali II Corso di Elaborazione numerica dei segnali II Ing. Laura Pierucci Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni V.S.Marta 3 50139 Firenze 0554796271 Email:pierucci@lenst.det.unifi.it 1 Informazioni sul

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini Codifica delle immagini Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente) semplice Un testo è una sequenza di simboli Ogni simbolo è codificato con un numero Ed ecco che il testo è trasformato

Dettagli

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Progetto MAMI. Comunicazioni Multimediali e Multisensoriali: tecnologie abilitanti. A. Chiari

Progetto MAMI. Comunicazioni Multimediali e Multisensoriali: tecnologie abilitanti. A. Chiari MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Progetto MAMI Comunicazioni Multimediali e Multisensoriali: tecnologie abilitanti A. Chiari INDICE Attività dell ISCTI Il Progetto MAMI

Dettagli

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier Lez.8 - Multimedia Prof. Giovanni Mettivier Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company CGS TFD Distribuzione Tempo/Frequenza Raoul Grimoldi CGS Rami di attività della CGS, già Carlo Gavazzi Space S.p.A. Satelliti: sistemi chiavi-in-mano per missioni scientifiche e applicative, in particolare

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

StarShell. IPSec. StarShell

StarShell. IPSec. StarShell IPSec 1 IPSec Applicabile sia a Ipv4 che Ipv6 Obiettivi: Facilitare la confidenzialità, integrità ed autenticazione di informazioni trasferite tramite IP Standard di interoperabilità tra più vendor Protocolli:

Dettagli

Caratteristiche principali Supporto nativo per videocamere RED ora disponibile*

Caratteristiche principali Supporto nativo per videocamere RED ora disponibile* Caratteristiche principali Supporto nativo per videocamere RED ora disponibile* Il nuovo plug-in RED crea il flusso di lavoro più veloce, più flessibile e della migliore qualità possibile per la produzione

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Rappresentazione delle immagini L.Verdoliva In questa prima lezione vedremo come si rappresentano diversi tipi immagini digitali in Matlab. 1 Immagini

Dettagli

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage Serie vol 1005/2010 L importanza di registrare le immagini video Il valore di un sistema di videosorveglianza non dipende solo dall abilità

Dettagli

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili IEEE 802.11n: Enhancements for Higher Throughput IEEE Std 802.11n Nell'ottobre

Dettagli

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano L AUDIO 1. Cos e il suono 2. frequenza 3. Ampitude 4. Percezione del suono e Psicoacustica 5. rappresentazione digitale delle informazioni audio 6. Campionamento e quantizzazione 7. Teorema di Nisquit

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Trasmissione di contenuti televisivi e multimediali

Trasmissione di contenuti televisivi e multimediali Trasmissione di contenuti televisivi e multimediali Work package 1.5 Task Documento All Final Report Versione 6.0 Data 30/12/2009 Autori D. Darsena, D. Mattera, L.Paura, A. Scarpiello, F.Verde Pagina 1

Dettagli

Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo reale

Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo reale Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo Anno Accademico 2006/2007 Relatore

Dettagli

Nuove piattaforme di diffusione dei media digitali DVB-T2 l alta definizione sul digitale terreste

Nuove piattaforme di diffusione dei media digitali DVB-T2 l alta definizione sul digitale terreste Nuove piattaforme di diffusione dei media digitali DVB-T2 l alta definizione sul digitale terreste Giuseppe Russo Paolo Talone Sommario: 1 I perchè della nascita...2 2 La storia in breve...3 3 Il modello

Dettagli