Francesco Di Martino, il Gridas Sulle tracce di Felice Pignataro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Francesco Di Martino, il Gridas Sulle tracce di Felice Pignataro"

Transcript

1 I ragni 1 Francesco Di Martino, il Gridas Sulle tracce di Felice Pignataro Marotta&Cafiero editori

2 Questo libro è rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione Non Commerciale - Non opere derivate 2.0, consultabile in rete all indirizzo Pertanto questo libro è libero e può essere riprodotto e distribuito con ogni mezzo fisico, meccanico o elettronico, a condizione che la riproduzione del testo avvenga integralmente e senza modifiche, ad uso privato e a fini non commerciali. Attribuzione - Non Commerciale - Non opere derivate 2.0 Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l opera. Alle seguenti condizioni: Attribuzione. Devi riconoscere il contributo dell autore originario. Non commerciale. Non puoi usare quest opera per scopi commerciali. Non opere derivate. Non puoi alterare, trasformare o sviluppare quest opera. In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest opera. Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni. Marotta & Cafiero editori Via Andrea Pazienza, Napoli ISBN Prodotto dal basso grazie a: Produzioni dal basso NOMADICA Tutte le foto sono di Francesco Di Martino. La foto di copertina del DVD Felice! e a pag. 80 è di Enzo Longo. L immagine a pag. 88 è un montaggio realizzato da Gianluca Pinelli. Tutti i murales fotografati sono stati realizzati da Felice Pignataro a Scampia. Quelli della sezione associazioni e della sezione musicisti sono nel centro sociale dove ha sede il GRIDAS. Le foto a pagg. 6 (in alto), 10, 11, 49, 50, 56 e 58 ritraggono dei graffiti in largo Dino Battaglia a Scampia non realizzati da Felice. Progetto grafico e copertina di Luca Pignataro Ringraziamo Amalia Carrieri e Emanuele Vernillo che hanno realizzato il DVD allegato.

3 «Dint a munnezza ce stanno e vvitamine.» Una donna di Forcella, un quartiere di Napoli.

4 4

5 UN ALTRA SCAMPÌA di gli Martina occhi di colori. Pignataro Questa è proprio una bella storia, di quelle che ti riscaldano il cuore e ti riempiono È la storia dell incontro di due persone lontane nel tempo e nello spazio, che si sono riconosciute perché l uno ha saputo parlare e l altro ha saputo ascoltare. È la storia dell incontro fra Felice e Francesco. fffelice era uno che aveva scelto di parlare coi suoi colori attraverso i muri delle strade ed era su quei muri che raccontava le sue storie, denunciava le sopraffazioni, incitava a svegliarsi, a prendere coscienza e a cercare insieme le soluzioni e la nascita di un mondo in cui non ci fossero più oppressi e oppressori. Le utopie di Felice occhieggiano ancora dai muri delle nostre strade. Forse ora sono un po più sbiadite, ma la voce è ancora potente per chi la sa ascoltare. E Francesco ha sentito il richiamo, ha letto la speranza nel segno lasciato da una mano padrona delle forme e dei colori e ha voluto raccontare le sue emozioni e ridare vita a quei girotondi di bambini, a quelle improbabili bande di lavoratori e diseredati chiamati a raccolta per dare voce e senso comune alle loro proteste. E qui comincia la seconda parte di questa storia non meno bella ed emozionante. È successo che appena Francesco e Martina hanno cominciato ad accarezzare il progetto di raccogliere in un libro emozioni ed immagini e ne hanno fatto partecipi gli amici di sempre, intorno ad esso, alla sua ombra o alla sua luce, si è raccolta quella moltitudine che continua a camminare sulle tracce di Felice e ognuno ha voluto aggiungere il suo colore a quel fantastico disegno che si arricchisce ogni giorno di una pennellata, nella lenta ma tenace costruzione dell Uomo Nuovo. E questo libro ne è il risultato. Mirella 5

6 6

7 UN ALTRA SCAMPÌA di Martina Pignataro A metà novembre 2009 il GRIDAS ha ospitato Francesco Di Martino, giovane fotografo siciliano autore del documentario U stisso sangu - Storie più a sud di Tunisi : uno splendido lavoro sugli sbarchi di immigrati sulle coste sud orientali della Sicilia che mette a confronto le opinioni di tutti quelli che dagli sbarchi, nel bene o nel male, sono coinvolti in prima persona, partendo però da un approccio egualitario delle varie persone intervistate, persone che hanno lo stesso sangue, da dovunque provengano e comunque la pensino. Il GRIDAS promuove a Scampìa, dal settembre 2003, un cineforum settimanale gratuito nell intento di aggregare le persone e di promuovere una crescita culturale attorno alla visione collettiva di films che siano significativi e generalmente poco diffusi. Il film di Francesco ci ha interessati subito e la sua disponibilità a venirlo a presentare al cineforum ci ha resi particolarmente felici, così, tra il giro di proiezioni che hanno portato il film e il suo autore in giro per l Italia, è stata inserita anche la tappa Scampìa. Francesco non era mai stato a Napoli, eppure, il giorno successivo alla proiezione, anziché farsi portare al centro di Napoli, mi ha chiesto di fare un giro per Scampìa, il quartiere in cui operiamo, poiché, da persona intelligente qual è, si aspettava che fosse tutt altro da quanto viene descritto dai mass media. Nel nostro giro, rigorosamente a piedi, ha avuto modo di incontrare persone, scoprire luoghi e realtà associative che riempiono di vita un quartiere che, dall esterno, sembrerebbe solo una fabbrica di morte. Il nostro giro lo ha entusiasmato e, nei giorni successivi, mi ha scritto cose e impressioni molto belle che ho da subito voluto condividere con gli altri abitanti di Scampìa perché quella che di solito ci torna è un immagine quasi mai bella del nostro quartiere. Francesco mi ha scritto: «Scampìa mi ha lasciato davvero dei ricordi bellissimi e tutto quello che ho visto con i miei occhi sarà motivo per poter dire che c è un altra Scampìa fatta di persone bellissime, che riescono a valorizzare un quartiere come Scampìa, cercando di tirare fuori la parte migliore!!!». E ancora: «In questi giorni sto rivedendo un po di amici, a cui sto raccontando tutte le belle cose che Scampìa e la sua gente mi ha lasciato. Le tracce che ha lasciato Felice, le bellissime persone che mi hanno fatto 7

8 davvero sentire a casa, e un quartiere che nasconde una ricchezza rara nel contesto in cui si trova, che è fatta di gente che crede davvero che un altro mondo è possibile... mettendo a tacere tutte quelle operazioni mediatiche che si sono messe in atto negli ultimi anni. Su Scampìa e Napoli.». Per chi di noi lo ha incontrato, rivedere attraverso il suo obiettivo il riflesso delle immagini che quotidianamente ci circondano è stata una riscoperta della vitalità e della coerenza che tuttora persistono a Scampìa, malgrado i tentativi mediatici di ignorarle e negarle. Un ulteriore conferma che gli incontri siano sempre un arricchimento reciproco così come recarsi di persona nei luoghi e guardare con i propri occhi sia il mezzo più efficace per superare le storture della mala-informazione diffusa. 8

9 SULLE TRACCE DI FELICE PIGNATARO di Francesco Di Martino Su un muro, in largo Dino Battaglia, importante disegnatore del passato, si affaccia un vistoso graffito che ritrae due grossi palazzi: una parte a colori, l altra in bianco e nero. Accanto, si vede una bambina con una grande margherita...mi è stato detto che venne realizzato in memoria di un uomo che utilizzava continuamente nei suoi murales girotondi fatti da bambini di tutte le etnie e grossi fiori capaci di farti perdere l orientamento camminandoci vicino... Sono a Scampia, è il 14 Novembre 2009: davanti a me c è un vecchio campo di calcio, al momento chiuso perché utilizzato come deposito sotterraneo di rifiuti di ogni tipo, l appalto era gestito da una azienda che faceva capo ai Casalesi. Qualcuno direbbe, tutto normale tra le vie di Scampia. Ma la mia attenzione cade di nuovo sui tanti graffiti che colorano quest estesa parete. Chi è l uomo che a Scampia ha disegnato tanti girotondi di bambini? Quell uomo si chiamava Felice Pignataro, uno che a Scampia ha lasciato davvero tantissime tracce. Ma chi era Felice? Lo scopro girando Scampia insieme a Martina, figlia di Felice, e al suo piccolo Michele. Suo padre ha dipinto murales, circondato da ragazzi e bambini, allo scopo di dare un volto alle battaglie ed alle iniziative portate avanti con caparbietà. Molte di queste opere iniziano a deteriorarsi perché corrose dalle intemperie o, addirittura, cancellate a causa della loro provocatorietà: allora, grazie alla mia compagna di viaggio, dotata di un efficiente occhio elettronico, cerco di catturare alcune di queste tracce lasciate da Felice. L idea è semplice, ma al contempo assai difficile da realizzare: riportare un simile materiale sulla nuda carta, e fare in modo, così, che i ricordi di Felice non vadano persi, potendo raggiungere gli occhi di chi a Scampia non metterà mai piede. C era chi già lavorava affinché questo si verificasse, ma ho comunque sentito il dovere, unito al piacere, di onorare Felice diffondendo la sua arte, i suoi pensieri, le sue 9

10 10

11 lotte, perché lui era una voce vera, dotata di molte speranze per una periferia davvero stanca della camorra. La stessa terra che vive con questa pesante etichetta addosso, sfruttata dai media solo in alcuni momenti del tutto infausti, e poi puntualmente ignorata allo sbocciare di reazioni in grado di scuotere le fondamenta marce. Tutti i murales di Felice sono stati realizzati in assenza di compensi economici, ad eccezione di esigui rimborsi spese, immediatamente reinvestiti nella realizzazione di altre iniziative. Sarà lo stesso per questo libro: acquisti ed incassi saranno gestiti da due associazioni di Scampia, allo scopo di autofinanziare le tantissime attività svolte in questa periferia di bambini e girotondi. 11

12

13 I MURALES

14 14

15 LA CULTURA DELLA PACE 12 aprile - 11 maggio 1999 I Murales all ITIS Galileo Ferraris di Scampìa - Napoli di Felice Pignataro - GRIDAS, maggio 1999 La vicenda dei murales è cominciata con un incontro di conoscenza e progettazione il 12 aprile, con proiezione di diapositive di altri murales del Gridas, allo scopo di chiarire di che cosa si trattasse. Non c è stata una grande partecipazione di studenti, ma, in compenso, c erano alcune madri del quartiere, il che incoraggiava nel proposito di integrazione fra scuola e territorio. Si voleva far prendere coscienza ai presenti delle potenzialità della pittura murale e progettare insieme che cosa rappresentare sui muri, i pannelli in muratura fra le vetrate, nel secondo atrio della scuola. Traendo spunto dalla situazione contingente dell assurda guerra di sterminio in Iugoslavia si è deciso di allargare il discorso alla alternativa fra guerra-inciviltà (i disastri della guerra, come diceva Goya) e l utopia della pace e, nei pannelli centrali, il meccanismo di trasformazione degli impulsi alla violenza in capacità di cooperazione e costruzione della fratellanza. Si è individuata l immagine di una tavola rotonda di discussione e progettazione dell uomo nuovo, attorno a cui siedono i rappresentanti dei popoli del mondo. Il giorno dopo si è messo mano alla pittura. Il numero degli alunni si è ulteriormente assottigliato, in compenso è cresciuto quello degli esterni-madri e figli. Steso un fissativo acrilico sui pannelli murari si è proceduto con la pittura lavabile stesa a pennello. L uso di pittura e pennelli pare che sia stato alla base dello scarso interesse dei ragazzi perché oggi la tendenza dominante è la realizzazione dei cosiddetti graffiti realizzati con le bombolette di pittura a spray. Il discorso svolto sulle pareti a sinistra entrando nell atrio è una sorta di storia della guerra: l evoluzione della violenza da quella individuale a quella di massa, dalle armi ar- 15

16 16

17 tigianali primitive a quelle ipertecnologiche attuali. Dalla pietra a punta ai missili intelligenti, dal corpo a corpo alla guerra a distanza, impersonale, mistificante, menzognera nelle immagini disinfettate della tv che nascondono la realtà di immani massacri. Trovano così posto sul muro le immagini dei protagonisti di questa progressione: dall antico uomo intento a sfaccettare una selce per renderla tagliente, all altro che usa la fionda, e poi l arco e le frecce e poi il fucile, fino ai soldati dei nostri giorni armati di mitra, una figura intermedia fra soldati e robot e l immagine finale di un improbabile robot pronto a schiacciare il bottone di una macchina mortale che sembra una comune radiolina. Il paesaggio allude alle rovine di un campo di battaglia, sparso di ossa e rottami, da quelle animali a quelle umane, e all orizzonte si va in progressione da un villaggio preistorico di palafitte ai castelli fortificati alle case distrutte dalle nuove armi impersonali, rovine di case civili. È questo un pannello ad angolo di circa sette metri per due di altezza. Il pannello successivo illustra il meccanismo della guerra: un signore in frac e cilindro blu e pantaloni a strisce bianche e rosse (allusione allo zio Sam, ma anche in genere ai paesi capitalisti) vende armi sofisticate ad una folla di pezzenti, invece del pane. È il meccanismo della corsa agli armamenti perseguita da parechi paesi che invece che al benessere sociale destinano una parte considerevole dei loro bilanci all acquisto di armi, affamando il popolo. Alle spalle del venditore grattacieli, sullo sfondo degli acquirenti il panorama di una bidonville. Nel pannello successivo è illustrato un parallelo fra un cavaliere medievale e un carro armato, macchine da guerra di secoli distanti, ma accomunate dallo stesso sperpero di denaro. È per questo che il corpo del guerriero è composto di banconote invece che rivestito di un armatura: la rendita del cavaliere antico era in buona parte spesa per procurarsi le attrezzature per la guerra, come avviene per i panzer moderni. Sul pannello successivo l immagine di uno scheletro che brandisce una falce su un cavallo altrettanto scheletrito cavalca sopra le rovine di una città in fiamme, mentre nel cielo grigio aleggia una nuvola viola. Riassunto dei disastri della guerra. Nella scena successiva i denari aleggiano fra l immagine di un caccia bombardiere e quella di un carro armato. I costi della guerra. Nei pannelli d angolo in fondo a sinistra un grande televisore su cui si intravedono tracce luminose su uno sfondo verdastro (le immagni diffuse dalla CNN durante la 17

18 guerra del Golfo, che continua tuttora anche se ormai senza neanche più quelle immagini) cerca di nascondere la realtà del massacro rappresentato al di fuori dello schermo da montagne di teschi, rovine, incendi, morte e distruzione. Il guerriero massacratore contemporaneo non guarda più da vicino il volto della sua vittima e non ha percezione delle distruzioni operate, a parte le fuggevoli, asettiche immagini sugli strumenti di bordo, riprese da migliaia di metri di altezza. I tre pannelli centrali sulla parete di fondo illustrano una tavola rotonda attorno a cui siedono i popoli del mondo con pari dignità per appianare i contrasti attraverso il dialogo e per progettare la costruzione di un uomo nuovo. Sono rappresentati certo non tutti i popoli, ma almeno i rappresentanti di realtà emblematiche, note attraverso i media, o notevoli per il perdurare della loro esclusione dal consorzio umano: donne, del mondo arabo e del continente nero, doppiamente oppresse e sfruttate, tibetani, curdi, palestinesi, indios, pellerossa, lavoratori, gente comune, senza potere. Sui fogli sparsi sul tavolo si intravedono scritte e progetti. Sul pannello centrale, fra le due metà della tavola rotonda, c è l immagine simbolica della fabbricazione di un uomo nuovo, un gigante multicolore, circondato dalle impalcature su cui si affaccendano operai. Ha il sole al posto della testa, allusione al rispetto della natura, alle energie naturali rinnovabili, alla gioia di vivere: è un sole fiammeggiante e sorridente. Uno sportello che si apre nel petto fa intravedere le rotelle dell ingranaggio della vita: una reca il simbolo della pace. Nella mano sollevata c è una città colorata, una città di pace, come sottolinea l arcobaleno che la sovrasta. Sui pannelli d angolo a destra compaiono dei grandi fiori, simbolo di un rispetto della natura senza limiti, una necessità urgente dei nostri tempi, come sottolineano i principi dell agenda 21, gli accordi per la salvaguardia del mondo da sottrarre ad uno sfruttamento distruttivo e dissennato. Altre immagini si susseguono negli altri pannelli. Una barca rappezzata su cui navigano su un mare pulito diversi popoli ha sulla vela un arcobaleno. L arcobaleno è un antico simbolo di pace: compare nella Bibbia alla fine del diluvio universale come simbolo e testimonianza della rappacificazione del creato. Nel pannello successivo un uomo ara la terra e una donna accudisce il figlioletto, sullo sfondo di un villaggio: il diritto di vivere in pace. Nei due pannelli successivi c è un girotondo di ragazzi su prati verdi, sullo sfondo di case colorate. Ballano calpestando gli strumenti di morte: missili, bombe, pistole, rot- 18

19

20 tami di aerei e carri armati e mine antiuomo, quelle che continuano ad uccidere anche quando la guerra è finita. Sugli ultimi due pannelli ad angolo si è rappresentato un grande, rotondo volto di donna dai capelli celesti, sulle cui onde si perde il girotondo dei ragazzi, ma altri due ragazzi lo stanno dipingendo impugnando dei grossi pennelli. È la volontà di costruirla, la pace, senza di che resterebbe un utopia. Nella sala della tavola rotonda, su uno dei fogli appesi al muro c è il simbolo del Gridas, la nostra firma ; anche questo è un accenno all alternativa necessaria di scelta fra il sonno della ragione e la gioia di vivere. Infine, sulla parete a un lato dell ingresso, occupata da una scritta sciocca si è dipinto il mondo attraversato dai legami delle telecomunicazioni, internet, i computer, le antenne, e dei ragazzi che fruiscono di questa possibilità di connessioni mondiali. Un riassunto delle potenzialità delle tecnologie informatiche. Qualcuno è già intervenuto con stupide aggiunte a penna o col gesso di particolari non necessari sulle figure dipinte, e le impronte delle scarpe sul muro, all altezza dei ginocchi, lasciate dai ragazzi che bivaccano ai lati del bar sono in parte ricomparse, ma confidiamo che nella maggior parte i murales saranno rispattati e che il loro messaggio si stampi nella coscienza di tutti quelli che lo vedranno, non solo perché adesso ci sono dei muri più colorati, ma perché vale la pena decidere verso dove sta andando questo nostro mondo disastrato e dare una mano a correggerne la rotta. 20

21

22 22

23 IL TRENO DEI DIRITTI VA TROPPO LENTO novembre 1999 I murales alla scuola media Carlo Levi di Scampìa. di Felice Pignataro - GRIDAS, novembre 1999 Il 20 novembre, in occasione del decennale della dichiarazione ONU dei diritti dei bambini, per iniziativa di Amnesty International c è stata una manifestazione alla scuola media Carlo Levi. Fra mostre, banchetti di prodotti artigianali, discussioni e teatro, si è dato vita ad un mural sui diritti dei bambini, realizzato dal Gridas insieme con i ragazzi della Prima I, completato poi il lunedì e martedì successivi. L intento era quello di rendere più vicino e meno scontato ed episodico il discorso sui diritti dell infanzia, legandolo anche alla situazione concreta dei ragazzi del quartiere. In un incontro con i ragazzi della classe si è progettato che cosa disegnare sul muro, un pannello intero della recinzione del cortile della scuola, circa 15 metri di lunghezza per due metri e mezzo di altezza. Così è nato il mural: un treno di vagoni ballonzolanti-caracollanti sulle disgrazie del presente: sotto le ruote alcuni casi più significativi delle oppressioni-situazioni di sfruttamento, di oggettiva negazione dei diritti dei bambini. Dal bordo dei vagoni emergono i volti di bambini di varie parti del mondo, in particolare di quelli che non hanno riconosciuto il loro diritto al rispetto e alla dignità e spesso nemmeno alla semplice sopravvivenza, a sottolineare la proposizione di fratellanza fra tutti i popoli: pellerossa, indigeni dell Amazzonia, del Sudamerica, neri, curdi, palestinesi, donne del mondo islamico, dell India, ma anche dei paesi normali del nostro mondo... Sotto i vagoni i casi più emblematici di esclusione e di sfruttamento: i bambini-soldato di tanti paesi in guerra, ma anche la pioggia di pappagalli verdi, le mine anti-uomo ma soprattutto antibambini che, progettate come giocattoli, continuano ad uccidere e mutilare soprattutto i piccoli, anche quando le guerre ufficiali sono terminate (milioni, diffuse in varie parti del mondo, Cambogia, Kurdistan, Africa, ecc. ecc. molte di 23

24 fabbricazione italiana) e i bambini costretti ad annodare tappeti in India e Pakistan e le loro sorelle, le bambine operaie-cucitrici e le bambine vittime di sfruttamento sessuale, ma insieme con loro i lavoratori bambini delle nostre parti, i ragazzi dei bar, i gommisti... Una catena lega queste vittime a simboleggiare la schiavitù al denaro, la privazione della libertà, la negazione di una possibile liberazione. Perciò, fra le ragazzine in bikini volano banconote: è il denaro il motore dello sfruttamento. Segue un ragazzo scheletrito che chiede aiuto, sullo sfondo di una discarica dove altri bambini vagano alla ricerca di un possibile utilizzo di cibo, ancorché avariato, e di oggetti riciclabili (Korogocho, alla periferia di Nairobi, ma sono tante le Korogocho nel mondo...). Conclude la serie di disastri l immagine di un accampamento rom incendiato, riferimento al vergognoso episodio verificatosi a Scampìa nel giugno scorso, a futura memoria, ché la lotta contro il razzismo ha senso solo se comincia da noi, dalla concreta vicinanza di diversi visti come nemici e non come una diversa fetta di umanità con cui è possibile vivere pacificamente... Sulle fiancate dei vagoni sono rappresentate-simbolizzate le possibilità di fraternizzazione, gli strumenti del conoscere e del fare: occhi, mani, piedi, orecchi, bocca, lettere di alfabeti diversi, giocattoli artigianali, una bambola di pezza, i giocattoli in filo di ferro dei bambini africani insieme con lo skateboard, il diritto alla casa: case diverse, casa stereotipata, a un piano, col tetto rosso, ma con la porta spalancata, a significare accoglienza e ospitalità, invece che esclusione, la tenda mongola, di pelli, il teepee dei nordamericani, a indicare che diversi sono i modi di abitare e di vivere sul territorio. Sulla fiancata di un vagone c è un bambino con le ali e due ali di riserva: allusione alla fantasia, per rivestire di colori le realtà troppo brutte. Il treno caracollante sulle disgrazie è trainato da una lumaca, a significare che troppo lento è il cammino del riconoscimento dei diritti dei piccoli e quindi di tutti gli uomini, ma va verso un arcobaleno, simbolo storico di fratellanza fra gli uomini e fra gli uomini e la natura. Confidiamo che questa rappresentazione sul muro del contrasto fra diritti da acquisire e realtà che li nega prolunghi nel tempo la riflessione dei ragazzi che frequentano la scuola sulla necessità di lottare, a partire dai piccoli, per l affermazione del diritto di ogni uomo al rispetto della sua cultura, del suo modo di vivere, anche se diverso dal nostro, per una convivenza più ricca dei vari frammenti dell essere uomini. Il discorso potrà essere continuato sugli altri pezzi di muro attorno al cortile, solo che ci sia la volontà di far diventare la scuola una efficace fucina di coscienza e di elaborazione del rispetto e della dignità di ogni essere umano. 24

25

26

27 L AUTODAFÈ DI GIORDANO BRUNO aprile Murale su Giordano Bruno al X Circolo a Scampìa (Napoli). di Felice Pignataro Si è rappresentato l autadafè di Giordano Bruno, (ndr: morte sul rogo avvenuta a Roma, nel 1600, di cui ricorreva il quattrocentenario), e la sopravvivenza e il sopravvento delle idee e delle geniali intuizioni di Giordano Bruno sul contingente arrostimento del suo corpo. Al centro è rappresentato il rogo, con Giordano Bruno legato a un palo in cima a una catasta di legna e fascine e libri, a indicare che la sua uccisione era il tentativo inane di distruggere le sue idee. La bocca serrata nella mordacchia, per ridurlo al silenzio. Attorno la folla, che sempre accorre, anonima, a godere delle sofferenze altrui, nell incosciente aspirazione ad esorcizzare il supplizio di un innocente attribuendogli il valore della difesa dell ordine costituito, della cui bontà l ha convinta il potere. In mezzo alla folla il papa, simbolo massimo del potere dell epoca, al sommo di un palco con vari gradini, e poi cardinali, ecclesiastici, a destra le guardie svizzere, lanzichenecchi rappresentanti l ottusa dedizione dei bruti a difendere la violenza del potere costituito, che si oppone alla libertà di pensiero, ch essi peraltro sono incapaci di concepire. A sinistra i dotti, professori e pedanti servi colpevoli del potere, con cui il Nolano ebbe a scontrarsi, a Ginevra come a Parigi, a Oxford come a Wurtenburg, immagine della spocchiosa presunzione dei professori. Ma dai libri, alla base della pira del rogo escono fogli che volano ingrandendosi: sono l immagine delle idee e delle intuizioni del Nolano, sopravvissute al suo supplizio e arrivate fino a noi, che ancora oggi le ammiriamo, a dimostrare come la testimonianza di un uomo libero è più forte della tracotanza del potere. Sui fogli sono rappresentati i disegni fatti personalmente con incisioni in legno da Giordano Bruno per illustrare le sue opere. Per conoscerli, partendo dalla illustrazione in sovraccoperta del libro sul Nolano di Michele Ciliberto, uscito nel 1990, che ci ha fatto scoprire che il nostro aveva prodotto anche disegni, si sono cercate le illustrazioni 27

28 delle sue opere, alla biblioteca nazionale e alla biblioteca universitaria di Napoli, non perché queste fossero il meglio della sua opera, ma perché, volendo fare un murale in suo onore, ci pareva bello illustrarlo con i suoi disegni. Così si sono rappresentati sui fogli volanti alcuni grafismi autografi dal manoscritto del testo sulla medicina di Raimondo Lullo, i tre soli della triade, la verità, la bontà e l unità, che tutti insieme sono necessari a realizzare la luce, un discorso onesto [ ] Altre immagini sono tratte da un altra opera, del 1591, e alludono ai diversi e multiformi interessi di Giordano Bruno, uomo curioso, attento, intelligente e impegnato a restituire all uomo comune il piacere e la dignità del pensiero, contro gli specialismi dei pedanti e i dogmi delle autorità costituite. Così ci sono allusioni a costruzioni geometriche curiose: fra le altre opere scrisse anche delle lezioni di geometria, ma sopratutto ha intuito come il produrre immagini sia un attento osservare ed amare, per restituire agli umani cittadinanza nelle invenzioni del sogno. Le immagini sono tratte dal De imaginibus ecc. del 1591 e ancora dal De Monade, ecc. : composizioni di sigilli, composizioni logiche di lettere per formare parole, la chiave delle deformazioni, ma anche allusioni a un approccio alla magia, l equivoco del Mocenigo, che poi lo tradì, deluso nelle sue aspettative di rivelazioni di segreti magici: non capì che il Nolano non possedeva altra magia che il gusto della libertà. A questo alludono l immagine della mano, con le sue linee, e quelle della fortuna e sfortuna di Veiovis. [ ] L uomo fu imbavagliato, il suo corpo bruciato, e il potere sembrò avere il sopravvento. Perciò sul rogo, acceso in mezzo a una fuga di tetti di case che vogliono rappresentare l antico aspetto della piazza di Campo dei fiori, a Roma, vola un corvo-cardinale, con un becco da rapace, invece della bocca, e un mostro (ndr allusione all ignoranza e ai mostri generati dal sonno della ragione). Ma si badi bene che non si tratta di un discorso anticristiano, chè, fortunatamente i cardinali hanno poco a che vedere col falegname Gesù, anch egli impegnato a restituire ad ogni uomo la sua dignità e la libertà e perciò ammazzato dai potenti, e cardinali del suo tempo... Ma l urgenza di un pensiero libero e libertario, l apertura di prospettive su mondi nuovi esplorati dal pensiero, erano più forti della morte e le idee di Giordano Bruno hanno aperto la strada al pensiero moderno. [Se si parla in una scuola di lui] è per continuarne l opera e per insegnare ai nostri ragazzi a non aver paura di pensare, ma anzi incoraggiarli all avventura della scoperta di mondi nuovi, dove sia più bello vivere. Mondi infiniti, in cui l essere vivente ascende ai sensi attraverso l animo, ai composti attraverso i sensi, agli elementi attraverso i composti, e attraverso questi ai demoni, attraverso i demoni agli astri, attraverso questi ultimi agli dei incorporei, o di sostanza e corporeità eterea, attraverso questi all anima del mondo, o spirito dell universo, e infine, attraverso questo alla contemplazione dell unico, semplicissimo, massimo, ottimo, incorporeo, assoluto e sufficiente a se stesso. (De Magia). 28

29 Una prospettiva di indirizzo ai nostri ragazzi perché riconquistino con il coraggio delle idee e l amore per i più umili la libertà di pensiero, contro ogni tentativo di costrizione, limitazione e repressione, affinché, ricordando questa immagine dell autodafé, sappiano riconoscere nella vita ogni simile cedimento del potere, alla tentazione di sopprimere e distruggere ogni opposizione e dissenso: il diritto alla libertà è il fondamento della democrazia e della civiltà. Adattamento dal testo di Felice Pignataro illustrativo dell analogo murale realizzato alla scuola Giordano Bruno di Nola (NA) nel maggio

30

31 LE ASSOCIAZIONI

32

33 CHI SONO FELICE PIGNATARO E IL GRIDAS A cura del GRIDAS Felice Pignataro è nato a Roma il 6 febbraio del 1940, perché sua madre si trovava lì come soleva dire. Cresciuto a Mola di Bari (BA), si è trasferito a Napoli nel 1958 per studiare all Università, alla facoltà di Architettura prima, poi di Teologia. A Napoli ha alloggiato al Collegio Newman, della F.U.C.I., di cui è stato direttore per diversi anni, fino al Nel frattempo, dal 1967 ha portato avanti, insieme alla sua compagna Mirella, una controscuola per i bambini delle baracche, prima al Campo A.R.A.R. di Poggioreale, poi all I.S.E.S. di Secondigliano. Sposatosi con Mirella nel 1972, si è stabilito definitivamente a Scampìa (periferia nord di Napoli) da dove ha continuato a mettere le sue enormi capacità artistiche al servizio degli ultimi. Nel 1981, con Mirella, Franco e altre persone, ha fondato l associazione culturale senza scopi di lucro GRIDAS (gruppo risveglio dal sonno, con riferimento alla frase di una delle incisioni della quinta del sordo di Francisco Goya: el sueño de la razon produce monstros ), allo scopo di mettere le proprie capacità artistiche e culturali al servizio del prossimo per stimolare un risveglio delle coscienze e una partecipazione attiva al miglioramento della società. L opera del GRIDAS si è caratterizzata, negli anni, soprattutto con i murales realizzati da Felice Pignataro con gli altri membri del gruppo e con le scuole o i soggetti attivi che si sono rivolti all associazione per avere un supporto visibile alle proprie battaglie sul territorio del napoletano e non solo. Visibilità data, oltre che dai murales che perduravano anche dopo la giornata di mobilitazione, dai variopinti e espressivi striscioni, dall animazione con i tamburi, dalle dimostrazioni con il Televisore a mano con rulli dipinti appositamente per le differenti lotte, dagli autoadesivi linoleografati autoprodotti su carta fluorescente. Interventi spesso richiesti all ultimo momento tanto che Felice creò la definizione del Pronto soccorso culturale. Agli oltre 200 murales disseminati per l Italia, si sono aggiunti, dal 1994, anche alcuni mosaici realizzati con mattonelle spaccate alla maniera di Antoni Gaudì. Opere col- 33

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

La Giornata Internazionale della Pace

La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace viene celebrata il 21 settembre di ogni anno. Le seguenti proposte di lavoro riguardano i diversi gradi di scolarità, qui indicati

Dettagli

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA La Cooperativa Solidarietà Onlus di Treviso ha alle spalle una storia di 38 anni basata sull obiettivo dell inclusione sociale, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità. È radicata

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare

Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare 1 CIRCOLO DIDATTICO DI SPINEA con il patrocinio di Città di Spinea Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare Occasioni da non perdere. per una scuola legata alla vita Riflessioni

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Cosa i libri ci raccontano

Cosa i libri ci raccontano Cosa i libri ci raccontano Molto spesso, quando apriamo un libro, non abbiamo voglia di leggerlo a causa delle troppe parole inserite in modo casuale nelle infinite pagine. Attraverso i libri portati per

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF Comitato Unicef Emilia Romagna Comitato Unicef Bologna LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF presso la Casa Circondariale di Bologna Le testimonianze delle detenute e delle volontarie Le detenute: B. O. (Romania)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Percorso di sensibilizzazione e di preparazione al CCRR

Percorso di sensibilizzazione e di preparazione al CCRR Progetto Educare alla Cittadinanza per realizzare il CCRR Istituto Scolastico Comprensivo di Cardano al Campo D. S.: dott.testa Anna Maria Anno scolastico 2008-- 2009 Percorso di sensibilizzazione e di

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

Recensioni e Pensieri

Recensioni e Pensieri Recensioni e Pensieri Allegato al numero di Maggio 2014 SCORRE LA NOTIZIA I.C.S Federico II di Svevia Mascalucia Progetto Giornalismo e Scrittura creativa a cura della Prof.ssa Barbarossa Lucia 1 Bianca

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press Codici Agenziadiricercasocialesc Italy20124MilanopiazzaIVNovembre1 t.+390289053913fax+390236560403 codici@codiciricerche.it www.codiciricerche.it P.Iva/codicefiscale05064170961 NOTADI RICERCA acuradi StefanoLaffi

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli