AZIENDA SANITARIA LOCALE 6 PALERMO. ISSOS Servizi Global Consulting

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA SANITARIA LOCALE 6 PALERMO. ISSOS Servizi Global Consulting"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA LOCALE 6 PALERMO ISSOS Servizi Global Consulting RELAZIONE CONCLUSIVA ATTIVITÀ SUPPORTO PER L IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI RIGENZIALI

2 Indice Impianto Sistema per la Graduazione degli Incarichi Dirigenziali... PAG. 3 Parametrizzazione degli Incarichi Dirigenziali... PAG. 5 Individuazione degli indicatori per la Graduazione... PAG. 7 Valore Economico Del Graduato E Variabile Aziendale... PAG. 10 Graduazione delle Strutture... PAG. 11 Graduazione dei Dirigenti Professional... PAG. 21

3 IMPIANTO DEL SISTEMA PER LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI RIGENZIALI In riferimento all incarico conferito alla ISSOS Servizi Global Consulting SRL SRL con delibera n. 686 del 20 giugno 2008 ( Progetto Formativo On The Job per la messa in Atto del Sistema di Graduazione Aziendale degli Incarichi Dirigenziali ) si redige la presente relazione di dettaglio inerente l attività di supporto/formazione fornite. L impianto della graduazione delle funzioni dirigenziali è distinto per l area della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria non medica e quella amministrativa tecnica e professionale in considerazione dei relativi fondi costituiti ai sensi degli art. 54 (Area Medica e Veterinaria) e 49 (Area SPTA) dei CCNL 03/11/2005. Dopo aver perfezionato la graduazione delle funzioni, a ciascuna delle posizioni professionali previste nel proprio assetto organizzativo, l Azienda attribuisce un valore economico differenziato secondo i parametri di riferimento prestabiliti (Criteri e Indicatori) già individuati dai CCNL. L affidamento degli incarichi dirigenziali viene perfezionato dopo aver effettuato la graduazione delle strutture e delle funzioni dirigenziali, tenendo separate le due possibilità di carriera professionale e gestionale, fatti salvi i possibili passaggi fra di esse nel rispetto ed in applicazione della normativa vigente. Gli incarichi gestionali si distinguono in strutture complesse e strutture semplici mentre quelli professionali possono essere anche di alta specializzazione, consulenza, ricerca, verifica e controllo e professionali di base. In base a tale distinzione vengono individuate quattro tipologie di incarichi o fasce, come riportato all art. 27 comma 1 del C.C.N.L. 08/06/2000. Per incarichi di direzione di struttura complessa, in base all art. 27, comma 1, lettera a) CCNL 2000, si intendono quelli relativi a strutture di livello aziendale ed a Unità Operative Complesse sempre caratterizzate da autonomia di budget e responsabilizzazione sui risultati di gestione conseguiti. All interno della fascia di responsabilità riferita alle strutture di cui sopra, vengono individuati due diversi gradi o livelli di complessità differenziati in funzione della valenza strategica che la struttura contiene in riferimento alla vision ed alla programmazione pluriennale aziendale: 3

4 Area MV Fascia A1 Direttori di Dipartimento Sanitario Strutturale. Fascia A2 - Direttori Dipartimento Funzionale; Direttori di Distretto, Direttori di Presidio Ospedaliero, Direttori di Area Dipartimentale, Direttori di Unità Operativa Complessa. Area STPA Fascia A1 Direttori di Dipartimento. Fascia A2 - Direttori di Distretto, Direttori di Presidio, Direttori di Area Dipartimentale, Direttori di Unità Operativa Complessa. Per incarichi di direzione di struttura semplice con autonomia organizzativa (art.27 comma 1 lettera b) CCNL 2000), si intendono le articolazioni dotate di responsabilità di gestione di risorse umane, tecniche o finanziarie (art.27 comma 3 CCNL 2000). All interno della fascia di responsabilità riferita alle Unità Operative Semplici Area Medica Veterinaria ( MV) viene individuata un unico livello di complessità: Fascia B - Dirigenti Responsabili di Unità Operativa Semplice e Semplice Dipartimentale. All interno della fascia di responsabilità riferita alle Unità Operative Semplici Area Sanitaria Non Medica e Amministrativa, Tecnica, Professionale (STPA) vengono individuati due livelli di complessità: Fascia B1 - Dirigenti Responsabili di Unità Operativa Semplice in Staff alla Direzione Generale o con valenza dipartimentale o di area dipartimentale purché non inserite all interno di strutture complesse; Fascia B2 - Dirigenti Responsabili di Unità Operativa Semplice Per incarichi dirigenziali di natura professionale elevata, anche di alta specializzazione, di consulenza, di studio e ricerca, ispettivi, di verifica e di controllo, di cui all art. 27 comma 1 lettera c) CCNL 2000 si intendono quelli attribuibili ai dirigenti afferenti ad entrambi le aree MV e STPA che svolgono funzioni interne alle Unità Operative connesse alla guida di gruppi di lavoro di alta professionalità ovvero al possesso di elevate competenze tecnico specialistiche che producono prestazioni quali quantitative ritenute particolarmente rilevanti per l Azienda. All interno di questa Fascia d incarichi vengono individuati, in base alle capacità professionali riconosciute al dirigente un unico livello di professionalità: 4

5 Fascia C - Incarichi di elevata professionalità: incarichi professionali ispettivi, di verifica e di controllo, di consulenza, studio o ricerca, che richiedono alta professionalità e specializzazione. Per incarichi dirigenziali di natura professionale di base conferibili ai dirigenti con meno di 5 anni di anzianità (art. 27 comma 1 lettera d CCNL 2000) afferenti in entrambi le aree ( MV e STPA) ; essi hanno rilevanza all interno della struttura di appartenenza e si caratterizzano per lo svolgimento di attività omogenee che richiedono una competenza specialistico funzionale di base nella disciplina di appartenenza. All interno di questa Fascia d incarico viene individuato un unico livello di professionalità: - Fascia D - Incarichi professionali di base: Incarichi professionali di dirigenti assunti dopo l entrata in vigore del C.C.N.L. e, comunque dirigente con meno di cinque anni di anzianità di servizio, in fase di formazione per l acquisizione di competenze specialistiche professionale più elevate. PARAMETRIZZAZIONE DEGLI INCARICHI RIGENZIALI In virtù della individuazione delle funzioni di cui sopra, l Azienda attribuirà ad ogni posizione dirigenziale prevista nel proprio assetto organizzativo un parametro di fascia associato ad un punteggio base, secondo quanto previsto dal regolamento concordato con le OO.SS. rispettivamente per l area MV e SPTA. INCARICHI GESTIONALI MV: STRUTTURE COMPLESSE STRUTTURE MV Fascia A1* punteggio base coefficiente 80 Fascia A2* punteggio base coefficiente 70 STRUTTURE SEMPLICI INTERNE A UOC e SEMPLICI PARTIMENTALI MV STRUTTURE MV Fascia B* punteggio base coefficiente 5

6 INCARICHI PROFESSIONALI ELEVATI MV: AZIENDA SANITARIA LOCALE N 6 PALERMO RIGENTI MV Fascia C* punteggio base coefficiente 35 INCARICHI GESTIONALI SPTA: STRUTTURE COMPLESSE STRUTTURE SPTA Fascia A1* punteggio base coefficiente 80 Fascia A2* punteggio base coefficiente 65 STRUTTURE SEMPLICI INTERNE A UOC e SEMPLICI PARTIMENTALI MV STRUTTURE SPTA Fascia B1* punteggio base coefficiente Fascia B2* punteggio base coefficiente 35 INCARICHI PROFESSIONALI ELEVATI SPTA: RIGENTI SPTA Fascia C* punteggio base coefficiente 30 Dal momento che le diverse posizioni dirigenziali possono presentare, a parte la base di partenza, ulteriori caratteristiche differenziali di complessità e di connessa responsabilità, in funzione della specificità della struttura o dell incarico professionale da attribuire, sono stati assegnati punteggi aggiuntivi in base a valutazioni effettuate dall Azienda in via preventiva, utilizzando adeguati criteri e relativi indicatori interni di pesatura differenziale. Il valore economico dell indennità di posizione di ciascun incarico è stato, perciò, determinato sulla base del punteggio totale spettante all incarico, ottenuto sommando al parametro di base della fascia, il valore dei punteggi aggiuntivi connessi all applicazione dei fattori e criteri differenziali rilevati in funzione della complessità/livello dell incarico. 6

7 I criteri differenziali presi a base per la pesatura delle strutture e degli incarichi professionali sono quelli previsti nel Regolamento di Graduazione Aziendale, ovvero: N. CRITERI AGGIUNTIVI 1 COMPLESSITA DELLA STRUTTURA IN RELAZIONE ALLA SUA ARTICOLAZIONE INTERNA Max punti per incarichi di struttura Max punti per incarichi professionali 4-2 GRADO AUTONOMIA IN RELAZIONE ANCHE AD EVENTUALE STRUTTURA 4-3 AFFIDAMENTO E GESTIONE BUDGET 4-4 CONSISTENZA DELLE RISORSE UMANE AFFIDATE CONSISTENZA DELLE RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI AFFIDATE IMPORTANZA E DELICATEZZA DELLA FUNZIONE ESPLICITATA DA ESPRESSE E SPECIFICHE NORME LEGGE, NAZIONALI E REGIONALI SVOLGIMENTO ATTIVITA FUNZIONI COORNAMENTO, INRIZZO, ISPEZIONE E VIGILANZA, VERIFICA E ATTIVITA' REZIONALI GRADO COMPETENZA SPECIALISTICO - FUNZIONALE O PROFESSIONALE ANCHE IN RELAZIONE ALL' UTILIZZAZIONE NELL'AMBITO DELLA STRUTTURA METODOLOGIE E STRUMENTAZIONI SIGNIFICATIVAMENTE INNOVATIVE E CON VALENZA STRATEGICA PER L'AZIENDA AFFIDAMENTO PROGRAMMI RICERCA, AGGIORNAMENTO, TIROCINIO E FORMAZIONE IN RAPPORTO ALLE ESIGENZE DATTICHE DELL AZIENDA 10 AMPIEZZA DEL BACINO UTENZA 6 6 VALENZA STRATEGICA DELLA STRUTTURA RISPETTO AGLI OBIETTIVI AZIENDALI, PURCHE COLLEGATA OGGETTIVAMENTE CON UNO O PIU 11 DEI PRECEDENTI CRITERI * ATTIVITA SVOLTA IN STRUTTURE CON POSTI LETTO SVOLGIMENTO ATTIVITA CLINICA RAPPORTO LAVORO ESCLUSIVO * solo per incarichi di AREA MV ( gestionali e professional ) INVIDUAZIONE DEGLI INCATORI PER LA GRADUAZIONE Ai fini dell attribuzione dei punteggi aggiuntivi in base ai criteri adottati nei Regolamenti di Graduazione Aziendali, è emersa la necessità di individuare delle variabili ad elevato contenuto informativo ( indicatori ), che consentissero la misurazione dei criteri di cui sopra. Nel dettaglio, la costruzione degli indicatori ha previsto la mappatura cognitiva dei criteri previsti da Regolamento, al fine di individuare gli item più idonei per la graduazione delle Strutture e dei Professional, nei limiti dei criteri stessi e dei dati disponibili. Gli indicatori sono stati riportati in appositi allegati tecnici. Per quanto concerne la pesatura delle Strutture Complesse questa si è basata su criteri oggettivi desunti dai dati forniti dagli uffici competenti e realizzata garantendo, dove necessario, una 7

8 diversificazione per Area ( MV, SNM e ATP ) su alcuni criteri al fine di valorizzare al meglio l efficacia dell indicatore utilizzato. Ai Direttori dei Dipartimenti Funzionali e Gestionali Aziendali è stato attribuito punteggio di graduazione derivante dalla pesatura del Dipartimento presso cui svolgono funzione. Ai Direttori dei Dipartimenti Intraospedalieri e Interospedalieri è stato attribuito punteggio di graduazione derivante dalla pesatura della Struttura Complessa di cui sono Titolari. La graduazione dei Dipartimenti ( inclusi i Dipartimenti Intra e Inter ospedalieri ) è stata finalizzata inoltre alla diversificazione delle Indennità Dipartimentale previste dal vigente CCNL art. 39, ricompresa tra il 35 % e il % diversificata secondo i seguenti punteggi di pesatura : fino a 120 punti 35 % da 121 a 130 punti 42,5% da 131 a 1 punti % Ai Dirigenti facenti funzione di Direttori di Strutture Complesse presso strutture di titolarità dei Direttori dei Dipartimento Aziendali, è attribuita pesatura di incarico di direttore di UO Complessa incluse le indennità previste dal vigente CCNL come indicato sul Regolamento Aziendale per l affidamento degli Incarichi Dirigenziali. Per quanto concerne nel dettaglio la pesatura delle Strutture Semplici questa si è basata su criteri oggettivi desunti dai dati forniti dagli uffici competenti e realizzata garantendo, dove necessario, una diversificazione per Area ( MV, SNM e ATP ) su alcuni criteri al fine di valorizzare al meglio l efficacia dell indicatore utilizzato. Per quanto concerne la pesatura dei professional, questa si è basata sia sui giudizi espressi dai Responsabili delle Strutture ( con il parere del Responsabile della Macrostruttura ) presso cui il professional svolge la propria attività sia sugli indicatori connessi alla Struttura di riferimento. Ai fini della pesatura è stata elaborata una scheda ad hoc ed un vademecum finalizzato ad illustrare punto per punto la scheda di graduazione. La Graduazione delle Strutture è stata realizzata indipendentemente dalla presenza o meno di un titolare delle medesime e ha riguardato tutte le strutture previste nei documenti organizzativi dell Azienda. La Graduazione dei dirigenti professional ha riguardato i non titolari di struttura assunti a tempo indeterminato, con più di 5 anni di anzianità di servizio presso il SSN. I Dirigenti a tempo determinato, i dirigenti ex medici condotti e i dirigenti con meno di 5 anni di anzianità di servizio non sono stati soggetti a graduazione. 8

9 Ai dirigenti con meno di 5 anni sono stati attribuiti 10 punti come da Regolamento Graduazione con dicitura di incarico di Dirigente Professional con incarico di Base. Ai dirigenti professional facenti funzioni di responsabile di UOC / UOS non confermati ai sensi del Regolamento vigente sarà conferita l indennità art. 18 CCNL 98/2001 finalizzata a remunerare le mansioni superiori temporaneamente ricoperte. Nel caso in cui la sostituzione si protragga oltre i limiti temporali previsti dal vigente CCNL (sei mesi più eventuali sei mesi) nelle more dell espletamento delle procedure concorsuali per il conferimento dell incarico di responsabile di UOC/UOS, sarà conferito al dirigente una indennità di posizione pari a quella della struttura presso cui svolgono attività di responsabile, mantenendo la propria retribuzione di posizione minima contrattuale. Ai dirigenti professional in eccedenza sarà conferito incarico temporaneo presso la struttura in cui prestano servizio, fermo restando che la Direzione Aziendale dovrà ricollocare le eccedenze sui posti di Pianta Organica vacanti ovvero rimodulare la Pianta Organica ove necessario. Con riferimento alle strutture non ancora approvate da parte dell Assessorato della Sanità, nell ipotesi di una futura approvazione e conseguente attivazione, si propone la revisione dei Fondi di posizione al fine di garantire le indennità previste dal presente CCNL. La graduazione degli incarichi dirigenziali avrà decorrenza dal 01 Gennaio 2009, come previsto da accordo con le OO.SS. siglato in data 22 gennaio

10 VALORE ECONOMICO DEL GRADUATO E VARIABILE AZIENDALE Ottenuto il punteggio totale (dato dalla sommatoria tra il punteggio base ed il punteggio derivante dai fattori aggiuntivi) per ogni incarico ( sia di responsabile di struttura che professional ), è stato calcolato il valore economico della retribuzione di posizione di cui all art. 24 comma 9 del C.C.N.L. del 03/11/2005. L importo del valore del punto è stato ottenuto dividendo l ammontare del fondo di posizione per la sommatoria dei punteggi di tutti gli incarichi; ad ogni dirigente, quindi, compete un indennità di posizione corrispondente al valore medio di cui sopra moltiplicato per il punteggio finale attribuito alla posizione funzionale di cui è stato formalmente incaricato. Tale indennità sarà costituita dalla retribuzione di posizione minima contrattuale e dalla parte variabile aziendale ( come differenza sui minimi ). Per quanto riguarda la quota minima garantita della retribuzione di posizione, essa risulta diversificata da dirigente a dirigente in quanto tiene conto della posizione funzionale di provenienza posseduta dal dirigente all atto dell entrata in vigore del contratto. Il valore di tale quota minima garantita è desunto, per singola posizione funzionale e per ciascuna tipologia di incarico, dalla corrispondente voce delle tabelle di cui agli artt. 20 e 21 del C.C.N.L. area MV del 17/10/ biennio economico; artt. 20, 22 e 23 C.C.N.L. area SAPT del 17/10/ biennio economico. Al fine di assicurare un valore economico del punto più elevato ed omogeneizzare la pesatura degli incarichi, sono stati applicati dei range di punteggi predefiniti per i dirigenti professional, con l obiettivo di ridurre il totale dei punti e conseguentemente incrementandone il valore a vantaggio degli stessi. Nel dettaglio, i range in questione hanno convogliato i punteggi nei valori sotto riportati :

11 GRADUAZIONE DELLE STRUTTURE - PUNTEGGI Amministrativi, Professionali, Tecnici PARTIMENTI PUNTEGGIO AFFARI GENERALI E LEGALI 128 GESTIONE APPALTI, PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI 133 GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE 133 GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 133 PARTIMENTI PUNTEGGIO SANITARI NON MECI DEL FARMACO 128 PARTIMENTI PUNTEGGIO VETERINARI PREVENZIONE 133 MECI MECI PARTIMENTI PUNTEGGIO DELLE CURE PRIMARIE 123 PER L'INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 116 DELLE PENDENZE PATOLOGICHE 118 MATERNO INFANTILE 118 RIABILITAZIONE 119 DELLE ATTIVITA OSPEDALIERE SALUTE 136 INTRA-OSPEDALIERO MECINA DEL P.O. G.F. INGRASSIA PALERMO 130 INTRA-OSPEDALIERO MECINA DEL P.O. CIVICO PARTINICO 128 INTRA-OSPEDALIERO MECINA DEL P.O. CASA DEL SOLE PALERMO 125 INTRA-OSPEDALIERO CHIRURGIA DEL P.O. G.F. INGRASSIA PALERMO 130 INTRA-OSPEDALIERO CHIRURGIA DEL P.O. CIVICO PARTINICO 128 INTRA-OSPEDALIERO CHIRURGIA DEL P.O. S. CIMINO TERMINI IMERESE INTRA-OSPEDALIERO CHIRURGIA DEL P.O. MADONNA DELL ALTO PETRALIA SOTTANA INTER-OSPEDALIERO AZIENDALE ANESTESIA E RIANIMAZIONE 133 INTER-OSPEDALIERO AZIENDALE AGNOSTICA PER IMMAGINI 133 INTER-OSPEDALIERO AZIENDALE MCAU 131 INTER-OSPEDALIERO AZIENDALE PATOLOGIA CLINICA 133 N.B: LA GRADUAZIONE DEI PARTIMENTI INTRA E INTER OSPEDALIERI E FINALIZZATA SOLTANTO ALLA DETERMINAZIONE DELLA INDENNITA art UO alle Dirette dipendenze del Direttore Generale FUNZIONI IN STAFF PUNTEGGIO SERVIZIO PSICOLOGIA (UOC) 110 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO GESTIONE 80 QUALITÀ 80 SISTEMA INFORMATIVO E STATISTICO 76 FORMAZIONE 76 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - URP 68 11

12 UO alle Dirette dipendenze del Direttore Sanitario PSICOLOGIA DEL LAVORO 68 PSICONCOLOGIA 68 ADOZIONI 68 PSICOLOGIA OSPEDALIERA 68 SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE 60 SORVEGLIANZA SANITARIA 71 EDUCAZIONE ALLA SALUTE AZIENDALE 60 SERVIZIO INFERMIERISTICO 56 SERVIZIO SOCIALE 55 SERVIZIO TECNICO-PROFESSIONALE 55 Unità Operative Complesse presso Dipartimenti Amministrativi AFFARI GENERALI E LEGALI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE APPALTI, PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI PUNTEGGIO Servizio affari generali (UOC) 95 Servizio stato giuridico (UOC) 96 Servizio trattamento economico (UOC) 96 Servizio contabilità generale - COGE (UOC) 96 Servizio contabilità analitica - COAN (UOC) 94 Servizio bilancio e finanze - BIFI (UOC) 95 Servizio tecnico (UOC) 96 Servizio patrimonio (UOC) 94 Servizio appalti e forniture (UOC) 96 Servizio economale (UOC) 96 Unità Operative Semplici presso Dipartimenti Amministrativi PUNTEGGIO Convenzioni 52 Contratti 51 AFFARI Personale LSU, Multiservizi, etc. 51 GENERALI E LEGALI Ufficio legale 52 Contenzioso del lavoro 51 Monitoraggio decreti ingiuntivi e ordinanze TAR 51 Relazioni sindacali 56 Stato matricolare e rilevazione presenze 53 Vertenze e procedimenti disciplinari 51 GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Concorsi e assunzioni e gestione giuridica pianta organica e mobilità 52 USED Ufficio Statistica ed Elaborazione Dati 52 Gestione emolumenti fissi e variabili 52 Gestione fondi contrattuali 51 Gestione sistemistica trattamento economico 51 Quiescenza e previdenza pensioni e TFR - contributi e riscatti 52 Applicazioni contrattuali 52 Gestione Stralcio 52 Fatturazione attiva 47 12

13 GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE GESTIONE APPALTI, PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI Registrazione e liquidazione fatture 52 Mandati 52 Adempimenti fiscali e previdenziali 51 Contabilità per centri di costo 52 Rendiconti e budget 51 Bilanci e consuntivi 51 Gestione servizio di cassa 51 Ordini e prenotazioni di spesa 51 Servizio organizzazione rifiuti speciali e pericolosi 54 Servizio informatico aziendale 56 Vigilanza e direzione dei lavori 52 Impianti elettrici e tecnologici 52 Progettazione, stime, perizie, manutenzioni e appalti a trattativa privata 52 Appalti di lavori 51 Locazione, comodato, convenzioni, inventari e fuori uso beni mobili Materiale sanitario, presidi chirurgici e ausili per gli assistiti 51 Farmaci, sieri, vaccini e prodotti di laboratorio 51 Generi di casermaggio e attrezzature sanitarie 52 Acquisizione servizi in appalto 51 Casse e servizi economali 52 Spese in economia e acquisti CONSIP Unità Operative Complesse presso Dipartimenti Sanitari Funzionali PUNTEGGIO DELLE CURE PRIMARIE PER L'INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA Servizio Assistenza di base e specialistica di 2 livello (UOC) 106 Servizio Medicina legale e fiscale (UOC) 103 Servizio per l'integrazione socio-sanitaria Anziani e A.D.I. (UOC) 105 DELLE PENDENZE PATOLOGICHE MATERNO INFANTILE RIABILITAZIONE Servizio Dipendenze Palermo città (UOC) 102 Servizio Dipendenze provinciale ovest (UOC) 102 Servizio Dipendenze provinciale est (UOC) 102 Servizio materno infantile territoriale (UOC) 101 Servizio neuropsichiatria infantile territoriale (UOC) 102 Servizio materno infantile ospedaliero (UOC) 101 Servizio medicina fisica e riabilitazione territoriale, handicap e riabilitazione domiciliare (UOC) Servizio medicina fisica e riabilitazione ospedaliero (UOC) DELLE ATTIVITA OSPEDALIERE DEL FARMACO Servizio ospedalità pubblica (UOC) 102 Servizio ospedalità privata (UOC) 103 Servizio Farmacie convenzionate (UOC) 108 Servizio Farmaceutica (UOC) 108 Servizio Farmaco e farmacoepidemiologia (UOC)

14 Unità Operative Semplici presso Dipartimenti Sanitari Funzionali PUNTEGGIO DELLE CURE PRIMARIE DELLE CURE PRIMARIE PER L'INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA RIABILITAZIONE Medicina generale e pediatria e anagrafe assistiti 76 Continuità assistenziale 76 Specialistica ambulatoriale interna 76 Specialistica convenzionata esterna 77 Indennizzi Legge 210/92 74 Interdistrettuale di Medicina Legale e Fiscale 76 Consulenze medico-legali, pareri, consulti e contenzioso 74 Coordinamento UVP 75 Coordinamento UVG 75 Coordinamento RSA anziani non autosufficienti 75 Coordinamento UVA distrettuali 75 Integrazione socio-sanitaria area anziani 75 UCARPA ( UOSD) 76 Handicap centrale 76 Assistenza protesica, presidi e ausili non handicap 76 Assistenza pazienti in ventilazione polmonare 75 DELLE ATTIVITA OSPEDALIERE DEL FARMACO Controllo ospedali classificati e P.O. a gestione diretta 75 Gestione SDO e DRG 75 Controlli sanitari 75 Controlli amministrativi e contabili 75 Gestione SDO e DRG 75 Vigilanza farmacie pubbliche e private e distribuzione all'ingrosso 67 Aggiornamento e informazione sul farmaco 67 Vigilanza sulla gestione dei farmaci e degli stupefacenti 67 Laboratorio tecnico di ricerca sul farmaco 67 Farmacia territoriale 70 Banca dati farmaceutica 67 Assistenza farmaceutica distrettuale e ospedaliera 70 CLO - Centro Lettura Ottica 66 Informazione sanitaria e farmacovigilanza 66 Valutazioni prescrizioni mediche e flussi informativi 70 Farmacoepidemiologia 70 Unità Operative Complesse presso Dipartimenti Sanitari Strutturali SALUTE PUNTEGGIO Modulo 1 (UOC) 105 Modulo 2 (UOC) 108 Modulo 3 (UOC) 106 Modulo 4 (UOC) 106 Modulo 5 (UOC)

15 Modulo 6 (UOC) 106 Modulo 7 (UOC) 104 Modulo 8 (UOC) 103 Modulo 9 (UOC) 105 Servizio sanità pubblica, epidemiologia e medicina preventiva (UOC) 103 Servizio igiene degli ambienti di vita (UOC) 103 Servizio igiene degli alimenti, sorveglianza e prevenzione nutrizionale (UOC) Servizio prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro S.PRE.S.A.L. (UOC) Laboratorio medico di sanità pubblica (UOC) Unità Operative Semplici presso Dipartimenti Sanitari Strutturali SALUTE PUNTEGGIO Modulo 1 CD Misilmeri 74 Modulo 1 CD PA 73 Modulo 2 CD 77 Modulo 3 CD 78 Modulo 4 CD 77 Modulo 5 CD 78 Modulo 6 CD Bagheria 77 Modulo 7 CD Cefalù 75 Modulo 8 CD Lercara 73 Modulo 9 CD 75 SALUTE SALUTE SALUTE Modulo 1 CSM 76 Modulo 2 CSM 79 Modulo 3 CSM 79 Modulo 4 CSM 79 Modulo 5 CSM 79 Modulo 6 CSM 79 Modulo 7 CSM 77 Modulo 8 CSM 76 Modulo 9 CSM 78 Modulo 1 CTA 1 75 Modulo 2 CTA 2A 78 Modulo 2 CTA 2B 78 Modulo 2 CTA 2C 78 Modulo 3 CTA 3 78 Modulo 4 CTA 4 78 Modulo 5 CTA 5 78 Modulo 1 SPDC 76 Modulo 2 SPDC 79 Modulo 3 SPDC 79 Modulo 4 SPDC 77 Modulo 5 SPDC 79 Modulo 6 SPDC 78 Modulo 7 SPDC 76 15

16 Modulo 8 SPDC 75 Modulo 9 SPDC 78 Abitato e collettività 74 Accreditamento 76 Acque e bevande 74 Acque per il consumo umano e progetti opere pubbliche 74 Alimenti 74 Controllo e vigilanza sanitaria 74 Controllo e vigilanza tecnica 76 Coperture vaccinali 75 Gestione emergenza 75 Idoneità sanitarie minori apprendisti e altre 75 ISIL - Inclusione Sociale ed Inserimento Lavorativo 76 Lavorazioni insalubri 74 Malattie cronico degenerative 75 Medicina dello sport 78 Microbiologia, parassitologia e virologia 75 Nutrizione 74 Professioni e arti sanitarie 75 Profilassi della malattie infettive 75 Psichiatria di collegamento 79 Rischio chimico 74 Rischio impiantistico e prevenzione infortuni 74 Tossicologia e biochimica 75 Rischio fisico e radioprotezione 69 Rischio biologico - HACCP 68 Assistenza, formazione, educazione alla salute, epidemiologia occupazionale 68 Biofisica negli ambienti di vita e di lavoro 68 Vigilanza e controllo ex art.23 D.A. n.13306/94 78 Unità operativa 1 di Cefalù 72 Unità operativa 2 di Petralia Sottana 72 Unità operativa 3 di Termini 74 Unità operativa 4 di Bagheria 75 Unità operativa 5 di 72 Unità operativa 6 di Lercara Friddi 72 Unità operativa 7 di 74 Unità operativa 8 di Carini 74 Unità operativa 9 di Misilmeri 74 Unità operativa 10 di Palermo 75 Unità operativa 11 di Palermo 77 Unità operativa 12 di Palermo 77 Unità operativa 13 di Palermo 77 Unità operativa 14 di Palermo 77 Verifica, controllo e programmazione 75 16

17 Unità Operative Complesse / Semplici presso il Dipartimento Veterinario PREVENZIONE PUNTEGGIO Servizio sanità animale Area A (UOC) 115 Servizio igiene della produzione degli alimenti di origine animale e loro derivati Area B (UOC) Servizio igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche Area C (UOC) Coordinamento e servizi ispettivi ( UOS) 74 Unità operativa 1 di Cefalù 84 Unità operativa 2 di Petralia Sottana 84 Unità operativa 3 di Termini 84 Unità operativa 4 di Bagheria 84 Unità operativa 5 di 84 Unità operativa 6 di Lercara Friddi 84 Unità operativa 7 di 83 Unità operativa 8 di Carini 83 Unità operativa 9 di Misilmeri 84 Unità operativa Palermo extraurbana 83 Unità operativa Palermo urbana 84 Unità operativa Presidi veterinari di igiene urbana (canile) STRETTI PUNTEGGIO STRETTO N.1 CEFALÙ (UOC) 111 STRETTO N.2 PETRALIA SOTTANA (UOC) 111 STRETTO N.3 TERMINI IMERESE (UOC) 113 STRETTO N.4 BAGHERIA (UOC) 114 STRETTO N.5 CORLEONE (UOC) 111 STRETTO N.6 LERCARA FRID (UOC) 111 STRETTO N.7 PARTINICO (UOC) 113 STRETTO N.8 CARINI (UOC) 112 STRETTO N.9 MISILMERI (UOC) 112 STRETTO N.10 PALERMO (UOC) 117 STRETTO N.11 PALERMO (UOC) 117 STRETTO N.12 PALERMO (UOC) 117 STRETTO N.13 PALERMO (UOC) 117 STRETTO N.14 PALERMO (UOC)

18 Unità Operative Semplici presso i Distretti D1 D2 D3 D4 D5 D6 D7 D8 D9 D10 D11 D12 D13 D14 Assistenza sanitaria di base interna ed esterna Medicina legale e fiscale P.T.E /70 75 Radiodiagnostica 75 UVG e A RSA 69 RSA geriatrica 70 73/73 Medicina fisica e riabilitazione e riabilitazione domiciliare Tutela della salute dell'infanzia, della donna e della famiglia NPI Cefalee e Neuroriabilitazione 75 Neurofisiopatologia 75 Neuroriabilitazione 75 SERT Farmacia Educazione alla Salute * Psicologia

19 Unità Operative Complesse / Semplici presso i Presidi Ospedalieri G.F. Ingrassia di Palermo Casa del Sole di Palermo PRESI OSPEDALIERI PP.OO. Integrati E. Albanese di Palermo Civico di Dei Bianchi di S. Cimino di Termini PP.OO. Integrati Madonna S.S. dell'alto di P. Sottana Direzione sanitaria (UOC) Coordinamento amministrativo AREA MECA Medicina interna (UOC) Medicina interna 74 Malattie cerebrovascolari 72 Medicina d'urgenza e pronto soccorso Cardiologia (UOC) Cardiologia Emodinamica diagnostica e cardiologia interv. 75 Endocrinologia 72 Gastroenterologia Geriatria (UOC) Lungodegenza Malattie dell'apparato respiratorio + TIR 82 Fisiopatologia respiratoria 75 Malattie metaboliche e diabetologia (UOC) 109 Malattie metaboliche e diabetologia 72 Medicina fisica e riabilitazione (UOC) Medicina fisica e riabilitazione Neonatologia e U.T.I.N. (UOC) 109 Neurologia 75 Neuropsichiatria infantile (UOC) 103 Centro per l'epilessia dell'infanzia e dell'adoles. 71 Patologia del sonno 71 Pediatria (UOC) Pediatria AREA CHIRURGICA Chirurgia generale (UOC) Chirurgia pediatrica (UOC) 100 Chirurgia videolaparoscopica 73 Gastroenterologia ed endoscopia digestiva 73 Ginecologia ed ostetricia (UOC) Ortopedia e traumatologia (UOC) Ortopedia pediatrica (UOC) 102 Otorinolaringoiatria (UOC) Urologia (UOC) 106 Urologia oncologica 73 19

20 Unità Operative Complesse / Semplici presso i Presidi Ospedalieri G.F. Ingrassia di Palermo Casa del Sole di Palermo PRESI OSPEDALIERI PP.OO. Integrati E. Albanese di Palermo Civico di Dei Bianchi di S. Cimino di Termini PP.OO. Integrati Madonna S.S. dell'alto di P. Sottana AREA SERVIZI Anestesia e rianimazione (UOC) Medicina iperbarica 73 Terapia antalgica Patologia clinica (UOC) Patologia clinica 72 Microbiologia 72 Radiodiagnostica (UOC) Radiodiagnostica 71 Medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 83 Anatomia patologica (UOC) 100 Farmacia (UOC) Farmacia Pronto soccorso pediatrico e astanteria

UU.OO. IN STAFF ALLA DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AZIENDALE

UU.OO. IN STAFF ALLA DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AZIENDALE DIREZIONE AZIENDALE UU.OO. in staff Dipartimenti sanitari funzionali Dipartimenti sanitari strutturali Dipartimenti amministrativi Area territoriale e Distretti sanitari Distretti Ospedalieri e Presidi

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

(2) Il presente provvedimento è anche citato, per coordinamento, in nota all'art. 10, D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 484. IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(2) Il presente provvedimento è anche citato, per coordinamento, in nota all'art. 10, D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 484. IL MINISTRO DELLA SANITÀ Pagina 1 di 25 Leggi d'italia D.M. 31-1-1998 Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale. Pubblicato

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 31 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale.

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI TABELLA RELATIVA ALLE PREVISTE DALLA DISCIPLINA CONCORSUALE PER IL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - D.Lgs. 502/92 COSI' COME MODIFICATO DAL D.Lgs. 254/2000 (MINISTERO DELLA SALUTE

Dettagli

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B

TABELLE. Presidi di ricovero a ciclo continuo e diurno per acuti di classe B ALLEGATO 1 TABELLE 1. Tipologie di presidi B1.a TIPOLOGIA PRESIDIO Presidi ambulatoriali: prestazioni di specialistica e diagnostica - classe 1 (extraospedaliero) B1.b Presidi ambulatoriali: prestazioni

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa)

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) rideterminazione della dotazione organica ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 struttura organizzativa criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) riepilogo per macrostruttura ALLEGATO

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA ATTO AZIENDALE Allegato n. 1 STRUTTURA ORGANIZZATIVA REGIONE SICILIANA Ufficio Programmazione e Controllo di gestione- All.1 Atto Az.le def. appr.to da Ass..to 1 Ufficio Programmazione e Controllo di gestione-

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Regione Lazio. ORGANIGRAMMA ATTO AZIENDALE 2008 - Rappresentazione grafica -

Regione Lazio. ORGANIGRAMMA ATTO AZIENDALE 2008 - Rappresentazione grafica - Regione Lazio ORGANIGRAMMA ATTO AZIENDALE 2008 - Rappresentazione grafica - DIPARTIMENTO EMERGENZA E ACCETTAZIONE ATTO 2008 UOSD TERAPIA DEL DOLORE E DELLE CURE PALLIATIVE UOSD EMODINAMICA INTERVENTISTICA

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS)

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) TITOLO I STAFF E SERVIZI COMUNI CAPO I Ufficio Controllo di Gestione Servizio Informativo 1 Esperto Tecnico (ESPTEC) CAPO II Ufficio Informatico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica

Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento. Disciplina di inquadramento / Profilo gestionale 1/16. Posti previsti in Dotazione Organica Rilevazione posti vacanti ed eccedenze ASP Agrigento 201 3.667 771 - Medico 940 313 I003 Cardiologia 65 33 I005 Ematologia 4 3 I012 Malattie infettive 6 6 I013 Medicina e Chirurgia di accettazione e di

Dettagli

Assessore alla Sanità e Politiche Sociali

Assessore alla Sanità e Politiche Sociali Osservatorio Epidemiologico Ufficio Ospedali Ufficio Distretti Sanitari Ufficio Economia Sanitaria Ufficio Personale Sanitario Ufficio Formazione del Personale Sanitario Servizio Sviluppo Personale Ufficio

Dettagli

Lo Medico Vincenzo Data di nascita 09/02/1957 Qualifica Dirigente Ingegnere - matricola 02825

Lo Medico Vincenzo Data di nascita 09/02/1957 Qualifica Dirigente Ingegnere - matricola 02825 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lo Medico Vincenzo Data di nascita 09/02/1957 Qualifica Dirigente Ingegnere - matricola 02825 Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio ASP DI Dirigente

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO 2 - Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola Punteggio massimo 5 punti. STUDENTI LAUREATI (DM 509/99 o DM 270/04) Ai fini dell attribuzione del punteggio, il

Dettagli

Laurea vecchio ordinamento in Medicina e Chirurgia conseguita il 27/03/1987 Università degli studi di Palermo

Laurea vecchio ordinamento in Medicina e Chirurgia conseguita il 27/03/1987 Università degli studi di Palermo CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Data e luogo di nascita Qualifica Urso Salvatore 29/08/1956 Ciminna Dirigente Medico Amministrazione Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Incarico

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la

Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione dell Università Politecnica delle Marche Riordino Ordinamenti didattici Scuole di Specializzazione c/o la Facoltà di Medicina e Chirurgia NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE - Struttura Tecnica Permanente Metodologia e tempistica del sistema di misurazione e valutazione della performance anno 2014. Il sistema di misurazione e valutazione della performance adottato per l anno

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

Estensore. Il Direttore della U.o.c. Scostamento Budget NO Proposta n del

Estensore. Il Direttore della U.o.c. Scostamento Budget NO Proposta n del DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Numero data Oggetto: Artt. 25 e 26 CCNL 2002/2005 - Area della Dirigenza Medica - Verifica e valutazione dei dirigenti medici Dott.ssa Paola Scavina, Dirigente Medico

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UOSD Gestione Amministrativa Attività Libero Professionale

Dirigente ASL I fascia - UOSD Gestione Amministrativa Attività Libero Professionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Santi Sabrina Data di nascita 28/11/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI RM/C Dirigente ASL I fascia - UOSD Gestione

Dettagli

Telefono Abitazione: 0981/62037 ; 0985/72933 Cellulare: 338/1384072 ; 328/1931605

Telefono Abitazione: 0981/62037 ; 0985/72933 Cellulare: 338/1384072 ; 328/1931605 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo di residenza Indirizzo di domicilio TULLIO LAINO VIA SOLE, 63 87010 SANT AGATA DI ESARO (COSENZA) VIA J. F. KENNEDY, 23 87020 TORTORA MARINA (COSENZA)

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLO I Area amministrativa I/1 AFFARI ISTITUZIONALI I/1.1 I/1.2 I/1.3 I/1.4 I/1.5 I/1.6 I/1.7 I/2

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANNA LUIGI Data di nascita 27.08.60 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

dott. VINCENZO LUCIANI

dott. VINCENZO LUCIANI FNOMCeO Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri dott. VINCENZO LUCIANI Bozen Bolzano 17.09.10 FONTI NORMATIVE Decreto Legislativo n. 368 del 17 agosto 1999 (G.U. n. 250 del 23/10/99)

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3 REGOLAMENTO SISTEMA PREMIANTE - AREA DEL COMPARTO - Adottato con Deliberazione n. 280 del 22/04/2015 1 SOMMARIO Art. 1 - Finalità della valutazione --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica.

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445) Per il riconoscimento dei crediti ECM per attività formative individuali per Pubblicazioni Scientifiche

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI aggiornamento 31 gennaio 2014 Gestione contenzioso tramite legali esterni A. Affari Generali

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze TABELLA ALLEGATA Ancona - Firenze A N C O N A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed Immunologia Clinica 1 Anestesia e rianimazione 10 Cardiologia 3 Chirurgia generale 2 Chirurgia plastica

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL.

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 6-09-1999 REGIONE PUGLIA Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 94 del 8

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Semplice Medicina Legale Invalidi Civili

Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Semplice Medicina Legale Invalidi Civili INFORMAZIONI PERSONALI Nome Laganà Alberto Data di nascita 16/07/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI BENEVENTO Dirigente ASL I fascia - Unità

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006)

(MINISTERO DELLA SALUTE: DECRETI 30.01.1988-05.08.1999-02.08.2000-27.12.2000-31.07.2002-26.08.2004-18.01.2006(due)-19.06.2006) AREA MEDICA E DELLE SPECIALITA' MEDICHE ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA DERMATOLOGIA E VENEROLOGIA EMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA SCUOLE EQUIPOLLENTI ALLERGOLOGIA REUMATOLOGIA ANGIOLOGIA

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MASSARO UMBERTO Data di nascita 02/12/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MASSARO UMBERTO Data di nascita 02/12/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome MASSARO UMBERTO Data di nascita 02/12/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico 1 liv. Responsabile U.O.S. Prevenzione

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

DECRETO 2 agosto 2000

DECRETO 2 agosto 2000 DECRETO 2 agosto 2000 Modificazioni ed integrazioni alle tabelle delle equipollenze e delle affinita' previste, rispettivamente, dal decreto ministeriale 30 gennaio 1998 per l'accesso al secondo livello

Dettagli

Rappresentazione organigramma e legenda

Rappresentazione organigramma e legenda Organigramma aziendale Rappresentazione organigramma e legenda Area integrata Area Integrata Gruppo di Progetto Gruppo di Progetto Struttura Complessa D Struttura Semplice Struttura Semplice Dipartimentale

Dettagli

Approvazione bando. Approvazione bando. Parere favorevole

Approvazione bando. Approvazione bando. Parere favorevole Approvazione proposte di chiamata per n.10 Professori di II fascia ai sensi dell art. 24, comma 5 e 6, Legge n.240/2010 - Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Dipartimento di Medicina Sperimentale

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006

Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006 1 Accordo Sindacale Aziendale Ferrara, 30 AGOSTO 2006 Area DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Determinazione dei CONTINGENTI DI PERSONALE per il funzionamento dei SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI in caso di SCIOPERO

Dettagli