Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile"

Transcript

1

2 Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile a cura della Provincia Ogliastra Assessorato al Lavoro Progetto grafico e stampa: GRAFICHE PILIA srl - Tel Tortolì

3 INTRODUZIONE DELL ASSESSORE ALLE POLITICHE DEL LAVORO La Carta dei Servizi del Centro dei Servizi per il Lavoro della Provincia dell Ogliastra si pone come uno strumento utile alle cittadine e ai cittadini, alle imprese e a qualunque utente che si debba misurare con l esperienza dell inserimento lavorativo, rispondendo all esigenza e alla volontà di una costante ricerca del miglioramento della qualità dei Servizi per il Lavoro offerto alle persone e alle imprese. La guida proposta, rappresenta per la Provincia dell Ogliastra, non solo un documento di divulgazione ed informazione, ma anche un impegno che l Ente provinciale intende stipulare con i suoi utenti. L iniziativa è ancor più importante se si parte dal processo di trasformazione dei Centri dei Servizi per il Lavoro; non più uffici che preparano pratiche per l avviamento al lavoro ma strutture articolate in servizi diversi al fine di soddisfare i bisogni e le esigenze delle persone che si rivolgono loro. Servizi sempre più marcati verso la risoluzione dei problemi di chi cerca lavoro, di chi intende cambiarlo, offerte lavorative, colloqui individuali per orientare disabili, consentire ai giovani in obbligo formativo di fare la scelta adeguata alle proprie necessità e attività di sportello per le imprese interessate ad assumere personale o ad integrare l organico esistente. Con quest iniziativa, la Provincia dell Ogliastra, si propone di creare un percorso di dialogo con il cittadino e l impresa, con l obiettivo dichiarato di un costante e continuo miglioramento dell organizzazione, attivando un processo di cambiamento nei rapporti tra Provincia ed utenti. La Carta dei Servizi si applica a tutte le attività svolte dai Centri dei Servizi per il Lavoro e stabilisce i principi e le condizioni per la loro erogazione, impegnando formalmente l Ente nei confronti degli utenti. In sostanza, si tratta di un percorso nuovo che l Amministrazione provinciale intende offrire alle persone che vivono e operano sul proprio territorio, attraverso la qualificazione del servizio e dell intervento volto a sostenere l occupazione possibile. La capacità del soggetto pubblico di essere adeguato alla situazione di difficoltà del momento, che vivono persone ed imprese, ma anche gli enti locali, si valuta con l attivazione di una struttura capace di interpretare le esigenze che la società civile gli pone, cercando di limitare la situazione per cui il peggio mestiere è quello di non averne alcuno (C. Cantù). L Assessore al Lavoro Ignazio Marci

4 CHE COSA SONO I CENTRI DEI SERVIZI PER IL LAVORO In un mercato del lavoro in profonda trasformazione, si assiste al proliferare di forme di lavoro flessibile e autonomo che sempre più vanno a sostituire quello dipendente, a tempo pieno ed indeterminato ed all affacciarsi di nuovi e diversificati attori abilitati a svolgere a vario titolo l incontro tra domanda e offerta di lavoro. In questo panorama i Centri dei Servizi per il Lavoro sono chiamati ad essere il motore della rete dei servizi per l impiego, che ha come obiettivo prioritario la conoscenza approfondita delle singole realtà territoriali, al fine di programmare politiche attive del lavoro calzanti sui bisogni delle comunità da governare per garantire a tutti i cittadini pari opportunità nell accesso al mondo del lavoro, offrendo servizi personalizzati e di accompagnamento finalizzati a non disperdere il bagaglio culturale e professionale di cui ognuno è portatore. DOVE RIVOLGERSI Presso tutti i Centri dei Servizi per il Lavoro della Provincia dell Ogliastra: LANUSEI Via Marconi, 91 - Tel TORTOLÌ Via Mons. Virgilio, 74/A - tel ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE DEI SERVIZI Il servizio di accoglienza: E il punto d accesso all intera struttura, fornisce le prime indicazioni all utenza attraverso un iniziale colloquio circa i servizi e le modalità d erogazione degli stessi, facilitando l accesso anche alle altre strutture di supporto nel territorio, agendo in un ottica di rete. L operatore d Accoglienza aiuta ogni utente/cliente, sia esso un cittadino oppure un azienda, ad individuare la tipologia di servizio più adatto alle proprie esigenze fornendo informazioni su tutti i servizi erogati dal CSL e anche da tutte

5 le altre strutture presenti sul territorio. In cosa consiste il servizio Il servizio, gratuito, è il primo momento di contatto dell utente/cliente con il CSL ed è finalizzato all individuazione dei bisogni degli utenti. In certi casi dopo una approfondita valutazione della domanda si procede; Iscrizione e certificazione dell immediata disponibilità al lavoro Dlgs 181/2000 e 297/2002; Informazioni mirate (bandi corsi e concorsi, offerte lavoro); Invio al Servizio Incontro domanda/offerta; Invio al Servizio Consulenza orientativa; Invio al Servizio Sostegno all inserimento lavorativo; Invio ad altri servizi interni/esterni. A chi si rivolge Il servizio si rivolge a: Persone in cerca di opportunità lavorative; Persone in cerca di opportunità formative; Imprese Private e Pubbliche; Enti e Associazioni; Operatori di altri servizi. Condizioni per l accesso Gli utenti: si presentano direttamente al CSL; contattano telefonicamente e/o via il CSL; Direttamente dall autoconsultazione. Come si svolge Il servizio eroga informazioni generali e invia ad altri servizi interni o esterni, si svolge in uno spazio dedicato presso le postazioni del CSL e in forma riservata. 3

6 Gli impegni del servizio Il Servizio s impegna a: Prendere in carico l utente/cliente; Garantire l equità di trattamento nei confronti dei clienti; Tutelare la riservatezza delle informazioni rilasciate dal cliente; Inviare il cliente ad altri Servizi interni o esterni al Centro. TempI di erogazione del servizio Immediata 4 SERVIZIO DI ORIENTAMENTO Il servizio di orientamento, offre consulenza e sostegno agli utenti iscritti ai CSL con bisogni ed esigenze specifiche. L obiettivo è quello di offrire un supporto e un accompagnamento nell elaborazione di un progetto formativo e professionale autonomo e consapevole o nell utilizzo di strategie e strumenti di ricerca attiva del lavoro. CHI PUÒ USUFRUIRE DEL SERVIZIO: GIOVANI E SCELTA POST DIPLOMA - ADOLESCENTI IN OBBLIGO FORMATIVO Il servizio è rivolto ai giovani che affrontano la scelta del percorso formativo post diploma e a coloro che abbandonano gli studi al termine dell obbligo scolastico, che interrompono il percorso scolastico/formativo o di apprendistato già intrapreso. GIOVANI E ADULTI IN CERCA DI PRIMA OCCUPAZIONE Il servizio è rivolto a coloro che si affacciano per la prima volta nel mondo del lavoro e hanno la necessità di individuare gli sbocchi occupazionali in relazione a competenze e interessi professionali, di conoscere i percorsi formativi di specializzazione professionale e le caratteristiche del mercato del lavoro locale ADULTI IN CERCA DI NUOVA OCCUPAZIONE E DONNE IN REINSERIMENTO LA- VORATIVO Il servizio è rivolto a persone che hanno significative storie professionali alle spalle,

7 che hanno bisogno di ripensare il loro percorso alla ricerca di nuove opportunità lavorative o di riqualificazione professionale coerenti con i nuovi obiettivi individuati. Si rivolge altresì alle donne che, dopo un periodo di allontanamento, vorrebbero rientrare nel mondo del lavoro e hanno bisogno di riscoprire le proprie capacità e valorizzare le proprie competenze anche al di fuori dell ambito familiare. Attività previste: COLLOQUI INDIVIDUALI DI ORIENTAMENTO: il colloquio è rivolto principalmente a tutti gli utenti che presentano un problema di carattere decisionale attinente il lavoro e/o la formazione ( proseguire o meno gli studi, quale percorso formativo seguire, quale lavoro cercare, ). La finalità è dare un supporto al soggetto in merito ai problemi di scelta e/o di transizione ( es. dalla scuola superiore all università, dalla scuola al lavoro, cambiare lavoro ). PERCORSI DI BILANCIO DI COMPETENZE INDIVIDUALI E DI GRUPPO: il percorso è rivolto a tutti gli utenti interessati a ricostruire il proprio percorso formativo e lavorativo. L obiettivo è quello di favorire nei partecipanti una maggior conoscenza delle proprie risorse e dei propri vincoli ( attitudini, capacità, competenze, interessi, ) al fine di definire un progetto lavorativo e/o formativo realistico. LABORATORI SULLE TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO: il laboratorio è rivolto agli utenti che hanno necessità di comprendere meglio come muoversi per cercare lavoro e quali tecniche e/o strumenti utilizzare. La finalità è quella di dare a tutti i partecipanti un supporto pratico e concreto su: le trasformazioni del mercato del lavoro, come si organizza la ricerca del lavoro (piano d azione), quali sono, come e quando si utilizzano gli strumenti della ricerca attiva (curriculum vitae, lettera di accompagnamento, inserzioni, colloquio di selezione ). SEMINARI SUL MERCATO DEL LAVORO: i seminari sono rivolti agli utenti che sono interessati ad approfondimenti su tematiche relative al mondo del lavoro (settori e profili professionali, diritto del lavoro e nuovi contratti, progetti sperimentali di inserimento lavorativo ). E prevista la possibilità dell intervento di ospiti esterni e di testimoni privilegiati che operano nei settori di interesse. 5

8 PROMOZIONE DI STRUMENTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO (tirocini formativi e di orientamento, Piani di Inserimento Professionale, Servizio Civile ):si tratta di un servizio informativo su progetti e strumenti che possono facilitare l inserimento nel mondo del lavoro mediante esperienze di formazionelavoro presso datori di lavoro pubblici e privati. AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO E MONITORAGGIO del percorso individuale intrapreso: è un servizio che affianca gli utenti nella realizzazione del piano d azione personale, di supporto nel superamento delle difficoltà incontrate, di verifica delle azioni per il raggiungimento degli obiettivi formativi e professionali individuati. 6 OBBLIGO FORMATIVO DIRITTO DOVERE ALL ISTRUZIONE E ALLA FORMAZIONE Il sistema dell obbligo formativo, istituito con la Legge 144/99 (art. 68) intende offrire a tutti i ragazzi che hanno adempiuto l obbligo scolastico (10 anni di istruzione) e che si trovano nella fascia di età compresa tra 16 e 18 anni, l opportunità di completare il percorso formativo attraverso il conseguimento di un diploma o di una qualifica professionale o di un attestazione dell esercizio di apprendistato. Nell ambito dellle recenti trasformazioni istituzionali costituisce una delle innovazioni più importanti introdotte negli ultimi decenni nel nostro paese. L obiettivo è quello di ridurre gli abbandoni scolastici ovvero, qualora questo avvenga, consentire in ogni modo un inserimento professionale o lavorativo. Nell attuale situazione, i Centri dei Servizi per il Lavoro rappresentano il punto di snodo fra i percorsi dell istruzione, della formazione professionale e dell apprendistato, fornendo orientamento e tutoraggio del percorso formativo. PERCORSI FORMATIVI I giovani che hanno assolto l obbligo scolastico fino al sedicesimo anno di età possono scegliere di intraprendere tre differenti percorsi:

9 ISTRUZIONE SUPERIORE Proseguire regolarmente il percorso di studi fino al conseguimento del diploma di istruzione superiore. CORSI DI FORMAZIONE Frequentare corsi di formazione professionale, per il raggiungimento di una qualifica professionale. Gli interventi sono programmati, sulla base delle concrete esigenze del mercato del lavoro ed elaborati secondo standard formativi nazionali. Per il rilascio della qualifica sono necessari corsi di durata triennale. APPRENDISTATO Avviarsi alla formazione in azienda attraverso l apprendistato che rappresenta una forma di contratto per cui il giovane lavora e, contemporaneamente, partecipa ad attività formative che possono essere svolte dentro e fuori l azienda. Queste ultime vengono organizzate dai Centri di Formazione Professionale e devono essere della durata di 240 ore. Alla fine del percorso o l apprendista viene assunto con la qualifica conseguita oppure, nel caso non ci sia prosecuzione del rapporto di lavoro, viene rilasciata l attestazione dell esercizio di apprendistato con l eventuale, avvenuto conseguimento della qualifica. TIROCINIO FORMATIVO CHE COS È Per tirocinio formativo si intende il rapporto che si instaura fra un datore di lavoro pubblico o privato ed un soggetto al fine di acquisire un esperienza professionale pratica utile a scopi formativi o per un reale futuro inserimento lavorativo. I tirocini formativi sono disciplinati dal decreto del Ministero del Lavoro 142/98 (che attua l art.18 della Legge 196/97) e sono indirizzati a soggetti che abbiano adempiuto l obbligo scolastico, anche cittadini di Stati membri europei o cittadini extracomunitari, senza limite di età. 7

10 8 Il tirocinio non è un rapporto di lavoro subordinato pertanto non è prevista alcuna retribuzione né contribuzione (non è possibile neanche un versamento di contributi volontari); solo a discrezione dell Azienda vengono riconosciuti eventuali rimborsi spese. È obbligatorio, invece, aprire una posizione INAIL e stipulare un assicurazione per la responsabilità civile verso terzi (RCT). Il tirocinio può essere interrotto in qualsiasi momento e per volontà di ciascuna delle parti. LA DURATA Può variare in relazione alla condizione sia occupazionale che scolastica del tirocinante: fino a 4 mesi per gli studenti di scuola secondaria; fino a 6 mesi per i lavoratori inoccupati o disoccupati o in mobilità; fino a 6 mesi per gli allievi di istituti professionali di stato, di corsi di formazione professionale, di attività formative post-laurea o post-diploma, anche nei 18 mesi successivi alla formazione; fino a 12 mesi per gli studenti universitari, di corsi di diploma universitario, di corsi di perfezionamento anche non universitari e ricercatori, anche nei 18 mesi successivi alla formazione; fino a 12 mesi per persone svantaggiate ai sensi della Legge 381/91 (art. 4 co1); fino a 24 mesi per soggetti portatori di handicap. COSA FANNO I TIROCINANTI Gli aspiranti tirocinanti possono rivolgersi ai Centri dei Servizi per il Lavoro dove compilano una scheda di adesione a cui si allega un curriculum. I candidati vengono poi segnalati all azienda attraverso il servizio di preselezione. COSA FANNO LE AZIENDE Le aziende interessate ad essere soggetto ospitante di tirocinanti (possono essere enti pubblici o aziende private), possono rivolgersi direttamente ai Centri dei Servizi per il Lavoro per avere un elenco dei tirocinanti disponibili (non è

11 previsto alcun vincolo nella scelta). Individuato il candidato è stipulato una convenzione che stabilisce il piano formativo ed i diritti e i doveri di entrambi le parti; si nominano anche due tutor, uno dell azienda e l altro del Centro dei Servizi per il Lavoro cui il tirocinante può fare sempre riferimento per qualsiasi problema dovesse sorgere durante il periodo del tirocinio. Le aziende e gli enti pubblici ospitanti devono rispettare i limiti massimi per ciò che riguarda il numero di tirocinanti in relazione al numero di dipendenti occupati a tempo indeterminato: da 1 a 5 dipendenti = 1 tirocinante; da 6 a 19 dipendenti = 2 tirocinanti; da 20 dipendenti = non più del 10% del numero dei dipendenti. I SOGGETTI PROMOTORI DI TIROCINI FORMATIVI Centri dei Servizi per il Lavoro o strutture pubbliche con compiti e funzioni analoghe, individuate dalle leggi regionali; Agenzie Regionali per il Lavoro; Università, Istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici; Istituzioni scolastiche statali e non statali che rilascino titoli di studio con valore legale; Centri pubblici o a partecipazione pubblica di formazione professionale e di orientamento, centri operanti in regime di convenzione con la Regione o la Provincia competente; Comunità terapeutiche, cooperative sociali ed enti ausiliari iscritti agli albi regionali; Servizi di inserimento lavorativo per cittadini diversamente abili gestiti da enti pubblici delegati dalla Regione; 9

12 10 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO In cosa consiste Il Servizio gratuito ha come obiettivo la soddisfazione delle richieste espresse dagli utenti ( domanda azienda, offerta lavoratori ) e si occupa di: Sensibilizzare/informare le aziende pubbliche e private della provincia circa i servizi erogati dai CSL territoriali; Erogare servizi alle imprese: informazioni ed assistenza tecnica per quanto riguarda la preselezione del personale, i tirocini formativi, l apprendistato e l offerta formativa presente sul territorio; Individuare le opportunità di lavoro espresse dal sistema produttivo locale, definendo in dettaglio le caratteristiche dei profili professionali richiesti dalle imprese; Informare l utente lavoratore sulle concrete opportunità occupazionali censite e, più in generale, fornire informazioni di scenario (settori produttivi in crescita, figure professionali in tensione, etc.) favorendo l incontro domanda-offerta. A chi si rivolge Il servizio di domanda-offerta si rivolge a due distinte categoria di utenti: L utente azienda che ha necessità di ampliare il proprio organico; L utente lavoratore che ha necessità di trovare concrete opportunità di lavoro o di modificare la propria posizione occupazionale. Come si accede L utente azienda accede direttamente o per appuntamento; L utente lavoratore accede per appuntamento oppure attraverso il passaggio per uno degli altri servizi erogati dal CSL e il successivo inoltro al servizio domanda-offerta (accoglienza, informazione, orientamento, sostegno all inserimento lavorativo). Come si svolge Il Servizio si svolge attraverso: l attività di Matching (incontro) che identifica le possibili corrispondenze tra

13 le domanda e le offerte di lavoro rilevate nella consultazione della banca dati; l incontro con l Utente Azienda (nel CSL e/o in azienda) in cui: si analizza la domanda aziendale; si vaglia la possibilità di invio della richiesta ai servizi disponibili interni o esterni; si effettua la consulenza sulle forme contrattuali e sulla normativa in materia di lavoro; si concorda l attività di preselezione; si verifica la possibilità di utilizzo degli spazi del CSL; l incontro con l Utente Lavoratore, in cui: si illustrano le finalità e le modalità di funzionamento del servizio; si individuano le esigenze del lavoratore; si valuta la necessità di attivare un percorso formativo; si valuta la eventuale necessità di inviare il lavoratore ad altri servizi interni o esterni qualora il medesimo non sia in possesso di requisiti immediatamente utili; si mette a punto l autocandidatura. Tempi Il servizio incontro domanda-offerta eroga i propri servizi nel tempo massimo di cinque giorni lavorativi. Gli impegni del servizio ed il patto con gli utenti Il servizio s impegna a: Tutelare la riservatezza delle informazioni date dall utenza; Garantire equità di trattamento nei confronti degli utenti; Prendere in considerazione esclusivamente richieste aziendali che non siano in contrasto con la normativa vigente e con i contratti collettivi nazionali di lavoro; 11

14 Offrire informazioni e, qualora la completezza del servizio lo richiedesse, indirizzare l utente verso altri servizi interni/esterni; Informare tempestivamente l utente delle notizie che possono rappresentare opportunità occupazionali e di soddisfazione della richiesta; Attivare le procedure entro 5 giorni dalla stipula del contratto. L utente impresa s impegna a: Fornire al CSL tutti gli elementi per definire la posizione lavorativa da ricoprire; Fornire, se richiesto dal Centro, informazioni integrative sulla posizione vacante e sulle competenze richieste ai candidati; Comunicare in modo tempestivo eventuali variazioni inerenti la richiesta di personale presentata, cioè prima che il Centro si attivi attenendosi alle modalità concordate; Utilizzare le informazioni fornite dal CSL esclusivamente ai fini della specifica richiesta aziendale di personale; Assicurare la coerenza tra le caratteristiche del personale dichiarate nel modulo di richiesta e quanto proposto al candidato selezionato, salvo accordi espliciti tra le parti; Comunicare al CSL l esito finale della candidatura proposta entro 5 giorni dalla ricezione dei nominativi. L utente lavoratore s impegna a: Seguire le indicazioni ricevute e concordate con il CSL; Comunicare al CSL l esito finale dell incontro con l azienda entro i 5 giorni successivi. SERVIZI EROGATI DA DOMANDA/OFFERTA 12 PRESELEZIONE UN SERVIZIO UTILE E GRATUITO I Centri dei Servizi per il Lavoro sono il punto di incontro tra Domanda e Offer-

15 ta di lavoro con un servizio gratuito ed altamente specializzato rivolto alle aziende ed a chi è in cerca di occupazione. COME FUNZIONA ACCOGLIENZA E COLLOQUIO Con il titolare o rappresentante legale dell azienda per definire insieme le caratteristiche del personale richiesto e per trovare la persona giusta per il posto giusto. IL CENTRO DEI SERVIZI PER IL LAVORO PUBBLICIZZA LA RICHIESTA Nel caso in cui le professionalità richieste non siano immediatamente reperibili nella banca dati provinciale, si provvede a pubblicizzare la richiesta dell azienda in tutti i Centri dei Servizi per il Lavoro del territorio mediante affissione di locandine, a pubblicarla sul SIL SARDEGNA e su tutti i siti web dedicati. SI RACCOLGONO LE ADESIONI DEGLI INTERESSATI Si intervistano i candidati interessati alle offerte di lavoro pubblicizzate per verificare, con un colloquio personalizzato, il possesso dei requisiti professionali richiesti e la disponibilità alle condizioni di lavoro offerte. All azienda si fornisce, di solito entro 7 giorni dalla data della richiesta, una rosa dei candidati che corrispondono alle caratteristiche cercate per la convocazione a colloquio e l eventuale assunzione. Le aziende possono usufruire del servizio di preselezione anche per l inserimento mirato di lavoratori diversamente abili ai sensi della Legge 68/99 e per reperire giovani disponibili all inserimento mediante tirocini formativi. AVVIAMENTO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE COSA È? È la procedura che consente l avviamento numerico a selezione di lavoratori presso enti pubblici che hanno necessità di assumere personale con qualifiche che prevedono un titolo di studio non superiore alla scuola dell obbligo. Possono partecipare coloro che hanno reso la dichiarazione di disponibilità al lavoro e che presentano la propria candidatura per i posti messi a disposizione dalla 13

16 pubblica amministrazione e resi pubblici dai Centri dei Servizi per il Lavoro. Le assunzioni con qualifiche superiori avvengono tramite concorso. BANDI I Centri dei Servizi per il Lavoro raccolgono e rendono pubbliche le informazioni relative ai posti disponibili. Provvedono inoltre a rendere note le modalità di partecipazione e alla raccolta delle adesioni. REQUISITI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE Per partecipare agli avviamenti negli Enti Pubblici è necessario compilare il modulo di autocertificazione disponibile presso i Centri dei Servizi per il Lavoro. I requisiti per partecipare sono specificati nei singoli bandi. I requisiti generali sono: cittadinanza italiana o comunitaria; età compresa tra 18 e 65 anni; titolo di studio della scuola dell obbligo. Può essere altresì richiesto il possesso di una qualifica particolare. RISERVE 30% dei posti disponibili sono riservati a lavoratori in particolari situazioni di disagio; CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLA GRADUATORIA La posizione in graduatoria, è determinata in conformità a criteri generali, indicati dalla Giunta Regionale, e da criteri aggiuntivi stabiliti in un Protocollo d Intesa fra i Comuni e la Provincia dell Ogliastra. AVVIAMENTO A SELEZIONE Al termine del periodo di pubblicazione delle graduatorie è effettuato l avviamento a selezione degli aventi diritto. Saranno le amministrazioni e gli enti pubblici a convocare direttamente i lavoratori avviati per sottoporli alle prove selettive. 14

17 CONSULENZA ALLE IMPRESE DI VECCHIA E NUOVA COSTITUZIONE Per chi vuole avviare un azienda è attivo presso il servizio di INCONTRO DOMAN- DA/OFFERTA il servizio di consulenza FARE IMPRESA. La Provincia presso il CSL ha previsto, uno sportello di orientamento sulle leggi di finanziamento agevolato in vigore, accessibili per chi intende avviare un attività autonoma e di assistenza nella fase di start up. In particolare FARE IMPRESA fornisce informazioni su: le opportunità per usufruire di finanziamenti agevolati; la situazione del mercato del lavoro locale; i servizi presenti sul territorio; INSERIMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI LA LEGGE 68/99 - CHE COSA È? La Legge 68/99, in vigore dal 18 gennaio 2000, ha come finalità la promozione dell inserimento e dell integrazione lavorativa delle persone diversamente abili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato. Definizione di collocamento mirato: Per collocamento mirato si intende l erogazione di una serie di servizi specialistici che, attraverso l uso di strumenti tecnici e di supporto, permettono di valutare adeguatamente le persone portatrici di inabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel luogo di lavoro più adatto. Il principio del collocamento mirato risponde all esigenza di far incontrare la domanda e l offerta di lavoro, ovvero le esigenze delle aziende con quelle dei lavoratori, al fine di consentire un ottimale incrocio e realizzare concrete opportunità lavorative. Il collocamento mirato vuole tendere all arricchimento del sistema aziendale che occupa una persona diversamente abile senza fermarsi al mero assolvi- 15

18 mento di un dovere. CHI SONO I SOGGETTI BENEFICIARI? Diversamente abili INVALIDI CIVILI Persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, con un grado di invalidità superiore al 45%, accertato dalle competenti commissioni sanitarie per il riconoscimento dell invalidità civile; INVALIDI DEL LAVORO Persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%, accertato dall INAIL; NON VEDENTI SORDOMUTI INVALIDI DI GUERRA (INVALIDI CIVILI DI GUERRA - INVALIDI PER SERVIZIO) con minorazioni ascritte dalla prima all ottava categoria di cui alle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978. Ai sensi dell art. 18, c. 2 della Legge 68/99, ed in attesa di una disciplina organica, gli orfani, le vedove ed i soggetti ad essi equiparati, i coniugi ed i figli superstiti di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di servizio, di guerra o di lavoro e i profughi italiani rimpatriati sono anch essi considerati beneficiari della medesima norma. Le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata o loro coniugi hanno precedenza assoluta rispetto alle altre categorie protette anche nell ipotesi in cui già svolgano un attività lavorativa. COME CI SI ISCRIVE? Diversamente abili e altre categorie Per iscriversi nell elenco dei lavoratori diversamente abili è necessario presentarsi presso il CSL, muniti di documento di riconoscimento e del documento che attesti il diritto all iscrizione al collocamento dei lavoratori diversamente abili. L iscrizione può essere eseguita esclusivamente dall interessato. 16

19 DOCUMENTI PER L ISCRIZIONE NELLE LISTE PER L INSERIMENTO MIRATO Invalidi civili (uno dei seguenti documenti): verbale d invalidità civile rilasciato dalla ASL (la % minima prevista è il 46%); verbale d invalidità civile rilasciato dal Ministero del Tesoro (la % minima prevista è il 46%); sentenza del tribunale con allegata perizia medico legale a cura del C.T.U. (la % minima prevista è il 46%); verbale di invalidità civile rilasciato dal medico provinciale (la % minima prevista è il 46%). Invalidi del lavoro certificato d invalidità rilasciato dall INAIL (la % minima prevista è il 34%). Invalidi del servizio (uno dei seguenti documenti): modello 69/TER (Ministero del Tesoro); dichiarazione dell Ente presso il quale la persona era impiegata. Invalidi di guerra e invalidi civili di guerra modello 69/TER (Ministero del Tesoro). Non vedenti (uno dei seguenti documenti): verbale d invalidità civile, rilasciato dalla ASL o dal Ministero del Tesoro o dal medico provinciale, in cui si è dichiarati ciechi assoluti; verbale d invalidità civile con indicazione del residuo visivo. Sordomuti verbale di sordomutismo rilasciato dalla ASL. Nel caso in cui il sordomuto sia anche invalido civile, si potrà iscrivere ad una sola delle due categorie protette. Orfani e vedove del lavoro certificato rilasciato dall INAIL in cui risulta che il genitore o coniuge sia deceduto per cause di lavoro (infortunio o malattia professionale riconosciuta dall INAIL). 17

20 Orfani e vedove equiparati del lavoro (figli e coniugi di grandi invalidi): verbale rilasciato dall INAIL da cui risulta che il genitore o coniuge è invalido al 100% o dall 80% al 99% con assegno di incollocabilità. Orfani e vedove del servizio decreto di concessione di pensione privilegiata per l avvenuto decesso del genitore o del coniuge per causa di servizio. Orfani e vedove equiparati del servizio (figli e coniugi di grandi invalidi): decreto di concessione di pensione privilegiata a vita di prima categoria. Orfani e vedove di guerra e equiparati (figli e coniugi di grandi invalidi): decreto di pensione privilegiata rilasciato dal Ministero del Tesoro. Profughi italiani verbale rilasciato dalla Prefettura. Vittime del dovere e di atti di terrorismo documento rilasciato dal Ministero dell Interno relativo alla concessione della speciale elargizione dovuta alle vittime del dovere e attentati terroristici e mafiosi. 18 COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE Sistema delle Comunicazione obbligatorie CO Sardegna Il Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 299 del 27 dicembre 2007, ha definito gli standard informatici per la trasmissione telematica delle comunicazioni obbligatorie. A partire dal 27 ottobre 2008 non sarà più possibile accedere al nodo provvisorio ministeriale e, pertanto, le Comunicazioni Obbligatorie on line si dovranno effettuare attraverso il nodo provinciale. Tutti gli attori del sistema che a tale data

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della FLC CGIL PIEMONTE - Via Pedrotti n. 5 - Torino

inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della FLC CGIL PIEMONTE - Via Pedrotti n. 5 - Torino inform@ata news l agenzia di informazione sulle problematiche del settore ATA della - Via Pedrotti n. 5 - Torino Torino, 8 febbraio 2010 Per contatti o segnalazioni: e-mail: c.innamorato@flcgil.it sito

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 BANDO DI CONCORSO VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Dipendenti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli