Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Mensile di informazione - anno II numero X luglio ,00 Estate: la prova consumi MERCATI Poche rinunce a tavola per gli italiani CHIARELLA Il vero patrimonio di un agente sono i suoi clienti MUTTI Cent'anni di passione per i rossi WORLDMARK L'area no food della Ingross levante non conosce confini

2

3 Benedetta Maffia Editoriale Vacanze brevi, low cost e sul divano arà un'estate segnata dal risparmio, solo un quarto degli italiani andrà in vacanza e la maggior parte di questi opterà per viaggi brevi e economici. Secondo i risultati dell'indagine dell'adoc, difatti, circa 6 italiani su 10 soggiorneranno al massimo per una settimana, mentre solo l'1% potrà permettersi quasi un mese di relax. Il mese preferito per le partenze continua ad essere agosto, scelto dal 51% dei vacanzieri, mentre è in crescita del 3% la percentuale di turisti che organizza il suo viaggio per settembre. La spesa media di una singola persona, per viaggio e alloggio, si aggira sui 700 euro, solo il 3% ha preventivato un budget superiore a 1000 euro per le proprie vacanze. La crisi di quest'anno ha costretto a ridurre drasticamente i propri giorni di ferie per potersi permettere una vacanza dignitosa e a risparmiare sul superfluo. Tant'è che sono in crescita i viaggi low cost, scelti dal 35% dei partenti e quelli pagati a rate, circa l'8%. Secondo l'adoc i problemi economici dei viaggi a rate si prospettano soprattutto al ritorno delle vacanze. L'indebitamento per le vacanze sta divenendo una pratica diffusa, in crescita di circa il 2% rispetto allo scorso anno, per un importo medio tra i 1500 e i 2000 euro sia i viaggi, che i gli alberghi e i ristoranti oggi vengono pagati a rate. Con il rischio, elevato, che il relax di una settimana si tramuti in un sacrifico economico troppo oneroso da sostenere durante il resto dell'anno, visto che gli interessi arrivano anche fino al 24%. Ogni anno vengono acquistati circa 14 mila camper, per un totale complessivo di circa 700 mila utenti segno di un ritorno della voglia di viaggiare in libertà e con la possibilità di risparmiare sulle spese per il pernotto. I campeggi hanno registrato un aumento del prenotazioni del 2%, diventando la meta preferita dal 5% dei vacanzieri. Un fenomeno che sta prendendo sempre più piede è il couch surfing, letteralmente "saltare da un divano all'altro". E' un programma che permette di mettere in contatto persone da ogni parte del mondo. C'è chi mette a disposizione una stanza o il divano della sua casa e c'è chi parte e cerca un posto in cui poter sostare per qualche giorno. Solo in Italia sono oltre 33mila i "praticanti", che crescono alla media del 2% l'anno. L'età media è molto bassa, intorno ai 28 anni ma ci sono casi in cui viaggiare in questo modo sono persone ultra sessantenni. Negli ultimi anni le strutture italiane sono uscite dal mercato a scapito degli altri paesi del Mediterraneo, che offrono soluzioni di soggiorno e ristorazione ad un costo pari alla metà o ad un quarto di quelle italiane, con un'offerta qualitativamente migliore. Comportando la disaffezione verso le strutture e località turistiche nostrane. Gli alberghi non hanno risolto i problemi di adeguamento agli standard di qualità e servizio di livello europeo. Il sistema delle stellette, in Italia, non corrisponde all'equivalente di un Paese concorrente. Per esempio, una struttura alberghiera a 2 stelle in Francia o Spagna offre servizi e qualità migliori di una italiana a 3 stelle. Viceversa, gli alberghi italiani a 2 stelle, nella stragrande maggioranza dei casi, non vengono presi in considerazione. Questa situazione concorre a far preferire l'estero, in particolar modo le capitali europee e i paesi dell'area dollaro, ai lidi nostrani. Adesso non mi resta che inviare a tutti Voi, cari lettori, un saluto affettuoso da parte mia e di tutto lo staff di redazione. Buona lettura. 3

4

5 Sommario Finestra sui mercati 6 Poche rinunce a tavola per gli italiani 7 La contraffazione fa affari d'oro con gli alimentari 8 Federalismo fiscale: avanti tutta, ma verso dove? 9 Economia italiana: riforme evocate e ricette sbagliate 10 Scuola: la ricreazione è finita 11 Le assicurazioni non conoscono crisi, solo aumenti ingiustificati Marketing & fornitori 12 Cent'anni di passione per i rossi 14 Chiarella: "Il vero patrimonio di un agente sono i suoi clienti" 15 Angelo Pellegrini da 15 anni non cambio fornitore: Migro Cash and Carry 16 World Mark: l'area no food della Ingross levante non conosce confini Lavoro e carriere 18 Livio Sgarbi, professione coach: "Tutti possono migliorare" 19 Il valore dell'informazione tempestiva per le aziende 20 Costruire velocemente i sentieri della memoria 21 Più vigilanza in materia di lavoro Diritto e Fisco 22 Odissea Welfare Storia e caratteristiche dell'assegno in Francia Area prodotti 25 Obama sceglie la cucina made in Italy Life style 26 Vacanze d'estate 2009? Spiagge fra le mete più ambite 27 Prevenire le scottature del sole d'estate 28 Le innumerevoli proprietà dell'aloe vera 29 Acquagym: sport e benessere in acqua!

6 Finestra sui mercati ndicazioni incoraggianti per la filiera agroalimentare emergono dal rapporto "Gli italiani e la crisi economica", presentato il 4 giugno scorso a Parma dal Centro Studi di Federalimentare, la federazione aderente a Confindustria che, con le sue 19 associazioni di categoria, rappresenta l'industria alimentare in Italia. Nonostante la congiuntura economica negativa, soltanto due italiani su dieci prevedono infatti di ridurre la loro spesa alimentare nel La ricerca - realizzata dall'istituto GPF per conto di Federalimentare, sulla base del "Food monitor", oltre che attraverso un campione on line di 400 casi rappresentativi della popolazione italiana adulta - evidenzia che pur essendo ancora molto preoccupati per gli effetti della crisi (disoccupazione, precarietà, perdita tangibile del potere d'acquisto), soltanto la metà degli italiani (contro l'81% del 2008) pensa di spendere complessivamente meno quest'anno. Un altro 39% progetta di confermare il budget del 2008 e l'11% di incrementare i propri acquisti (11%). È altrettanto vero, come anticipato, che soltanto il 19% degli interpellati ha in programma di ridurre la spesa per acquisti alimentari, penultima voce della graduatoria, subito prima delle intoccabili spese mediche e sanitarie (2%). Mentre il 18% pensa d'incrementare il budget dedicato a cibo e bevande. Non per niente dalle elaborazioni di Si beve poco ma si beve meglio Poche rinunce a tavola per gli italiani Federalimentare su dati Ismea Ac Nielsen relativi ai primi tre mesi del 2009, a fronte di una sostanziale tenuta dei consumi domestici, che segnano un -0,1%, ci sono alcuni settori/prodotti che registrano performance di crescita, se non veri e propri boom. Una dinamicità del comparto food I consumi nel primo trimestre 2009 Prodotto Percentuale Pasta di semola +2,4 Carni avicole +2, Salumi +4,7 Latte e derivati +0,3 Formaggi +0,6 Oli e grassi vegetali +1,3 Presce fresco e decongelato +3,6 Pesce surgelato +2,7 Pesce conservato +2,8 Ortaggi e frutta di IV e V gamma +11,6 Ortaggi surgelati +9,5 Ortaggi conservati +7,2 Elaborazioni Federalimentare su dati Ismea Ac Nielsen & beverage che testimonia come far la spesa in tempo di crisi non significhi solo fare tagli e rinunce, ma anche fare scelte, spesso ispirate al criterio della riduzione degli sprechi. Dall'andamento dei consumi il Centro Il rapporto "Gli italiani e la crisi economica" del Centro Studi di Federalimentare evidenzia un calo dei consumi di vino del 7,1%, dovuto in primis a una flessione del vino da tavola (-11,8%), ma anche da quella dei prodotti Doc e Docg (-5,6%) a cui fa da contraltare la buona performance dei vini Igt (+4,1%). Il tentativo degli italiani di non rinunciare alla qualità dei prodotti che portano in tavola è confermato anche da una ricerca dell'istituto Ispo per gruppo Marchesi de' Frescobaldi. "Il 72% degli intervistati", ha detto Renato Mannheimer di Ispo, "per essere più sicuri della qualità del vino che comprano si affidano ai marchi storici che conoscono". Il 90% degli intervistati da Ispo risulta poi d'accordo sul fatto che la tipicità e il legame con il territorio diano più valore al vino è il 69% diffida delle bottiglie di vino con un prezzo eccessivamente basso. 6 Michela Caiapic studi di Federalimentare estrapola tre tendenze in atto. La prima è il ritorno degli italiani ad acquisti in linea con il nostro stile gastronomico: ovvero tradizione e gusto, per un'alimentazione completa ed equilibrata. È testimoniata dall'andamento positivo di diverse categorie merceologiche (si veda tabella nella pagina). La seconda tendenza, evidenziata da Federalimentare, riguarda la scelta degli italiani d'acquistare all'insegna del binomio qualità e servizio, che si è tradotto già nel 2008 nel boom dei consumi di piatti pronti (+47,2% secondo Nielsen) e in una crescita dei condimenti pronti freschi (+7,3%) e di quelli pronti shelf stable (+5,1%), dei formaggi i grattugiati(+2,3%) e dei cibi confezionati (+6,5%), fra cui spiccano il prosciutto cotto affettato (+12,3%), la mortadella affettata (+12,1%), i wurstel (+5,3%), i formaggi spalmabili (+3,3%), il riso confezionato (+1,6%) e i concentrati di pomodoro (+1,5%). La terza tendenza degli italiani in tempo di crisi è il boom del carrello salute: dai prodotti senza grassi (+24,7%), a quelli senza glutine (+17,2%), dagli alimenti light (+7,7%), a quelli a base soia (+4,7%), dai probiotici (+4,3%), ai prodotti ipocalorici (+1,4%) e i integrali (+2,2%). E una forte attenzione all'innovazione, testimoniata, fra le altre, dalla crescita dell'1,4% dei sostituti del pane.

7 Finestra sui mercati La contraffazione fa affari d'oro con gli alimentari Francesco Dente er gli amanti del formaggio c'è il Wisconsin Asiago o il Parmesan. Per i buongustai che non riescono a trattenersi davanti a un piatto di affettati c'è, invece, il Prosciutto Daniele. Pasta, vino, olio, insaccati e formaggi realizzati all'estero da imprenditori "furbetti" che cercano di far soldi spacciando magari per made in Italy quelle che in realtà spesso sono solo delle brutte imitazioni. Sono, questi, alcuni dei nomi dei prodotti alimentari italiani taroccati. Un fenomeno che fuori dai confini del Belpaese tocca cifre da far impallidire i piccoli e medi produttori italiani. Solo negli Stati Uniti, secondo stime di Coldiretti, il business dell'agro-pirateria ammonterebbe a poco meno di 3500 milioni di dollari. A fronte, invece, di un totale di 1400 milioni di dollari di prodotti alimentari, questi sì originali, esportati dall'italia. Il punto, come dimostra una recente ricerca promossa da Ares e realizzata con il Censis, è che le cose non vanno tanto meglio in Italia. Nella patria, cioè, proprio del made in Italy. Cibi e bevande, soprattutto alcolici, sono al terzo posto nella classifica del mercato del falso. Il giro d'affari, solo nel settore food, ha un "fatturato" di 1,1 miliardi di euro. Al primo posto, invece, ci sono l'abbigliamento e gli accessori con 2,6 miliardi seguiti al secondo da dvd, cd e software con un 1,6 miliardi. Una stima, è bene sottolinearlo, che fa riferimento esclusivamente al mercato interno, senza considerare le merci contraffatte che partono dall'italia verso l'estero. Nel complesso in Italia il business del falso nel 2008 è stato di 7 miliardi e 107 milioni di euro. Somme, sottolinea il Censis, che se da un lato arricchiscono i "copioni", dall'altro penalizzano i produttori onesti e il sistema Italia. Lo Stivale, infatti, è "uno dei Paesi che ha più da perdere in competitività per lo sviluppo del mercato del falso". Per due motivi: perché ha un tessuto produttivo costituito in larga parte da aziende piccole e mediopiccole, che non hanno i mezzi per contrastare il fenomeno e perché, seconda ragione, ha una importante fetta di produzione e di esportazione di prodotti made in Italy e beni di lusso. Quelle merci, cioè, più esposte alla concorrenza sleale dei prodotti contraffatti. E non finisce qui. La contraffazione riduce la fiducia dei consumatori nei prodotti e servizi che utilizzano, abbassa il fatturato delle aziende e il Prodotto interno lordo dei singoli Paesi, miete posti di lavoro regolari, incrementa le spese aziendali per la sicurezza e sottrae allo Stato le entrate fiscali dovute. L'istituto di ricerca calcola una perdita, tra imposte dirette e indirette, che arriva a toccare i 5 miliardi e 281 milioni di euro. Somme che corrispondono, in percentuale, al 2,5% del totale del gettito dello Stato per le imposte considerate. Per fortuna, evidenzia il rapporto, l'italia in questi ultimi anni si è dotata di numerosi strumenti legislativi per fronteggiare meglio l'offensiva del falso ed è riconosciuta a livello internazionale come una best practice. Indietro non si può tornare. Il fenomeno della contraffazione tende, infatti, a crescere di pari passo con la globalizzazione. L'internazionalizzazione, scrivono i ricercatori del Censis, ha allungato la filiera produttiva portando su scala internazionale prodotti finiti "che giungono sui mercati di consumo finale mediante viaggi rocamboleschi attraverso frontiere che non sempre dispongono di adeguati sistemi di controllo". Last but not least, i problemi legati alla sicurezza dei consumatori. I prodotti alimentari falsi sono, infatti, una minaccia per la salute di chi li compra. Occhi aperti! Stima del mercato del falso per settore in Italia, anno 2008 Settore Mln di euro Prodotti alimentari, alcolici e bevande Profumi e cosmetici Abbigliamento e accessori Apparecchi e materiale elettrico Materiale informatico CD, DVD, audio, video e software Orologi e giocattoli Medicinali Pezzi di ricambio auto Totale 1.153,7 114, ,2 688,7 224, ,7 508,5 19,4 112, ,0 Fonte: stima Censis,

8 Finestra sui mercati Federalismo fiscale: avanti tutta, ma verso dove? Mariano Leone affermazione elettorale della Lega dovrebbe portare ad una accelerazione del processo di federalismo fiscale. Abbiamo già goduto delle esternazioni dei rappresentanti politici che hanno festeggiato l'approvazione definitiva della legge delega sul federalismo come un evento storico. Per chi ha voglia di leggere il provvedimento potrà notare l'assoluta indeterminatezza della legge delega. Oltre all'indeterminatezza del provvedimento c'è il solito corollario delle esternazioni dei politici. Con il federalismo fiscale avremo meno sprechi, con il federalismo fiscale avremo più entrate, con il federalismo fiscale avremo un rapporto di solidarietà compenserà le regioni più svantaggiate, con il federalismo fiscale avremo maggiore controllo delle gestioni amministrative... E possiamo proseguire all'infinito ed invitare i nostri lettori ad aggiungere ulteriori propositi. Ma ogni tanto nel disinteresse generale viene dato un minimo di attenzione agli organismi previsti dal nostro ordinamento. Siccome si parla di numeri questi elaborati tecnici vengono tenuti in sordina, altrimenti possono limitare e contraddire lo sciocchezzaio parolaio dei nostri rappresentanti. In questo caso è intervenuta la RUEF. Che cos'è la Ruef? È la "relazione unificata sull'economia e la finanza pubblica" realizzata da dei signori pagati da noi che debbono tradurre in numeri i progetti che riguardano la finanza pubblica. Finalmente qualcosa che parla di numeri e non di aggettivi. Non essendo condizionati dalle esternazioni di Calderoli e soci questi signori esaminato il provvedimento alle pagine 160 e 162 hanno composto una relazione che rileva: " non è possibile determinare ex ante le conseguenze finanziarie dell'intero processo a causa dell'elevato numero di variabili che dovranno essere definite in sede di redazione dei decreti legislativi di attuazione". Hanno detto in soldoni che la legge delega definita storica da Calderoli e soci è una cosa della quale non sono prevedibili i flussi finanziari se non dopo che avranno elaborato i decreti attuativi. Si tratta quindi di aria fritta per la quale non sappiamo ancora chi ci guadagnerà e chi ci perderà. Mi pare ovvio che non ci può essere una soluzione che sia favorevole a tutte le regioni. Che tutte le regioni si avvantaggeranno. Sarebbe come la moltiplicazione dei pani e dei pesci. n o n basta, c'è di peggio. LIVELLI ESSENZIALI DELLE PRESTAZIONI DEGLI ENTI LOCALI E DELLE REGIONI Per rendere decentemente praticabile questa ipotesi di federalismo occorrerà definire i LEP. Cosa sono i LEP? Questo acronimo sta per livelli essenziali delle prestazioni delle regioni (Sanità, Assistenza e Istruzione) e degli enti locali e determinerà il fabbisogno standard delle funzioni di detti enti. Non quanto storicamente speso ma una determinazione ex novo dei fabbisogni. I fabbisogni dovrebbero essere coperti da prelievi fiscali territoriali integrati da un 8 fondo perequativo. Stabilito il fabbisogno per ciascuna regione, quelle più fortunate dovranno cedere risorse a quelle più povere. Chi deciderà quali sono le più ricche e quali le più povere? Chi deciderà quante risorse dovranno transitare da una regione all'altra? Quale parte politica deciderà tutto questo? Quale sarà il quantum da trasferire? Anche su questo la RUEF nutre perplessità procedurali. Più esattamente dice che: "Non risultano agevolmente individuabili le specifiche attività amministrative da ricondurre alle funzioni di competenza delle Regioni e degli Enti Locali, né è chiaro quali attività amministrative siano da ricondurre ai livelli essenziali delle prestazioni per le Regioni e quali alle funzioni fondamentali per gli Enti Locali". Poi rincarando la dose dell'incertezza: "l'individuazione dei LEP è una scelta di definizione degli STANDARD MINIMI DI SERVIZIO che, oltre agli aspetti tecnici potrà riflettere anche più ampi obiettivi di politica economica. Tale valutazione non potrà che aver luogo in sede di confronto tra i rappresentanti dei livelli istituzionali interessati all'attuazione del federalismo fiscale". Slittamento semantico. Si passa nella determinazione dei livelli standard dei servizi sociali da "livelli essenziali" a "livelli minimi". Non più quanto serve per avere dei livelli essenziali di servizi, quindi un dato oggettivo ma la determinazione di un livello minimo di servizio sociale. Non quanto serve per avere una vita decente ma la valutazione di un minimo indistinto e stabilito da una categoria politica. Ma avete sentito qualcuno spiegare almeno il perché di questa mutazione lessicale? A favore di chi questa mutazione? Sarà solo e solamente una scelta politica a stabilire i flussi e le destinazioni finanziarie e a determinare l'asticella del minimo del servizio sociale. Importante che tutto avvenga con serena assuefazione.

9 Finestra sui mercati Economia italiana: riforme evocate e ricette sbagliate Canio Trione iforme? Ma le si vuole veramente? Il tema delle riforme sembra aver cambiato connotazione. Infatti non si sa di che riforme si debba parlare; qualcuno la butta sull'istituzionale con i parlamentari da ridurre, altri sulla legge elettorale, altri sulla regolamentazione delle banche, altri ancora sulla questione province, poi gli ammortizzatori sociali, la pubblica amministrazione. Le proposte sono tantissime importanti ma, se rapportate alla dimensione del disastro che sono chiamate ad evitare si rivelano tutte parziali, direi piccolissime, neanche lontanamente decisive, se non dannose. I noccioli della questione rimangono sotto la spessa coltre della disinformazione. Quali sono questi noccioli? L'energia in primis. Di essa nessuno parla; nessuno si accorge che in piena crisi le società energetiche continuano a registrare utili faraonici appena scalfiti dalla chiusura di decine e centinaia di primari clienti: gli impianti produttivi. Utili che poi sono danari sottratti alla collettività e alla regolare fisiologicità del mercato: i negozi continuano a svuotarsi semplicemente perché la gente ha meno danari da spendere perché prima di ogni altra cosa si deve pagare l'elettricità e l'autotrazione. In secondo luogo v'è il costo dello Stato e della previdenza; non solo nel senso del livello delle aliquote (oltre ogni decenza è difficile da comprimere per la situazione dei conti pubblici) ma nel senso della onerosità del sistema di calcolo delle tasse che è interamente affidato al cittadino. Infine il macro problema finanziario nel senso di problema interno (il debito pubblico) ed internazionale (i Trattati europei). Questi tre temi, da soli, se avviati a soluzione, sono capaci di rilanciare l'economia verso traguardi impensabili ed invece si insiste con dichiarazioni di principio senza alcun contenuto. Questo significa che si vogliono fare delle riforme di grande impatto mediatico ma senza alcuna intenzione di toccare i "mammasantissima" dell'economia. Per esempio: la riduzione del debito pubblico (da tutti indicato come il padre di tutti i problemi) non è stata realizzata neanche quando esistevano i danari per avviarla (i tesoretti di prodiana memoria) semplicemente perché quel debito pubblico in realtà costituisce una fonte preziosa di guadagno per le banche e quindi nessun potente ha la benché minima seria intenzione di realizzare quella riduzione anzi, se possibile, si cerca di andare nel senso inverso (magari con la scusa che c'è la crisi!). L'esperienza ci dice che stando così le cose il meglio che ci si può attendere sarà una maggiore invadenza dello Stato nell'economia. Maggiori controlli, maggiori regole, maggiore occhiutezza; cose che si traducono in maggiori costi per le imprese e più difficoltà per le famiglie. In altre parole 9 possiamo dire senza tema di errore che la maggiore invadenza dello Stato nell'economia sarà certamente un'aggravante dell'attuale stato di difficoltà: con essa forse si potranno limitare per un breve periodo gli effetti più acuti della crisi ma se ne impedirà un superamento totale come già successo sempre nel passato. Altro esempio è la questione banche: certamente quello è un settore già iper regolamentato e quindi iper costoso e per ciò rigido ed inefficiente come tutti sanno e tanto da essere stato l'origine del grande buco nero nel quale siamo caduti; quell'iper garantismo non ha saputo prevedere nulla e non sa oggi come fare a fronteggiare le esigenze creditizie delle piccole imprese soddisfacendo i canoni di prudenza che la buona gestione del credito impone. Come si può ipotizzare che un maggiore controllo (di cosa poi che già non sia stato controllato) possa tradursi in qualcosa di positivo? O si pensa ad un'altra Basilea 2 miseramente fallita proprio nel suo scopo principale? Quindi altro che riforme dagli esiti miracolistici, anzi, la loro continua evocazione ne fa perdere progressivamente credibilità. Ed è ancor più ingenuo pensare che le riforme possano essere fatte dagli stessi che hanno provocato la crisi. La vera riforma necessaria è quella di defenestrare la generazione di economisti, rei di non aver previsto e di non saper curare la crisi che stiamo vivendo; assieme alla generazione di politici che li hanno seguiti.

10 Finestra sui mercati Scuola: la ricreazione è finita Angela Poli i è chiuso il sipario anche quest'anno sul mondo della scuola, finiti gli esami, esposti i tabelloni con gli esiti finali, tutti liberi genitori, ragazzi, insegnanti, per le agognate vacanze. La TV snocciola i dati sui promossi, i bocciati, gli esami che non finiscono mai, ma soprattutto colpisce, ogni volta che questo mastodontico universo-scuola senza requie si materializza sul nostro video, la volontà, che arriva dall'alto (dal ministero), di farla finita con i sessantottismi e i sei in pagella prodotti in serie, con un'educazione che fabbrica narcisi dal cervello formattato o peggio bulli senz'anima. Quest'anno, in tutte le scuole, è risuonata un po' più forte la campana del merito e della responsabilità. Quindici grandi intellettuali italiani avevano nel 2008 fatto un appello alla politica di destra e di sinistra per promuovere il senso di responsabilità nelle giovani generazioni e il rispetto di una regola costituzionale caduta nel dimenticatoio: il sostegno dello stato ai capaci e ai meritevoli. Fioroni due anni fa e Gelmini oggi raccolgono e proseguono sullo stesso binario. Compito della scuola, si sa è la formazione in tutte le stagioni della vita, dall'infanzia all'età adulta, perché la "formazione" nel senso di istruzione ed educazione è il capitale sociale, economico e civile di un paese. È l'unica risposta possibile all'uomo/massa, all'uomo/merce oggetto del mercato globalizzato e non "persona" protagonista della sua esistenza con gli occhiali grandi della conoscenza e dei valori. Su questo terreno si gioca il nostro futuro di paese sviluppato e competitivo e la scuola non ne è che la cartina tornasole. Una scuola di massa serve solo a produrre una formazione inservibile, è un blocco per la democrazia perché non è vero che "include" anche i più svantaggiati a livello economico e sociale, al contrario li illude con un pezzo di carta che non serve a nulla e che non è specchio di nulla, mentre chi ha denaro può studiare alle scuole private, andare all'estero, occupare posti di prestigio nella società. I dati dell'indagine internazionale Ocse-Pisa, hanno mostrato una fotografia deludente del sistema scolastico italiano e della preparazione dei nostri studenti, maglia nera in tutta Europa. Bisognava correre ai ripari. Puntare più in alto. L'"Emergenza istruzione" oltretutto, la necessità di "formare" il maggior numero possibile di "cittadini" e lavoratori del futuro è un fenomeno di portata planetaria, paesi del Nord del mondo e paesi del Sud del mondo sono in corsa nella sfida del XXI secolo partita da Lisbona nel 2000 contro l'ignoranza, l'intolleranza, l'esclusione e per la promozione di quei valori che saranno al centro di ogni società futura evoluta: cooperazione e solidarietà. Non è il sogno di un nuovo umanesimo sognato da qualche intellettuale folle ma l'ultima, necessaria, non negoziabile trincea di una umanità alta e colta contro l'incubo reale di una società globalizzata, mediatica, mercificata, liquida, antidemocratica e intollerante che per dirla con Franco Frabboni "sogna l'alba di un'umanità in serie, replicata come i bulloni di una catena di montaggio: una donna e un uomo dalla mente asfaltata e dal cuore liquido, equipaggiati di uno zaino esistenziale che contiene, senza vita, un pensiero dall'encefalogramma piatto e un sentimento clonato e omologato". 10

11 Finestra sui mercati Le assicurazioni non conoscono crisi, solo aumenti ingiustificati Marco Fiorentino l primo luglio 2003 nasceva la patente a punti. Questo meccanismo introdotto nel nostro paese col fine di diminuire i sinistri si è subito dimostrato utile. La decurtazione dei punti dalla patente ha intimorito gli automobilisti che nel giro di poco hanno imparato ad usare un accessorio come la cintura di sicurezza, tante volte snobbata in passato. Meno infrazioni ma anche meno sinistri, motivo per cui ci si aspettava un calo dei prezzi Rc Auto che però non è avvenuto. "Nel solo affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori ed Adusbef - abbiamo registrato aumenti del 4,5% e nei primi mesi 2009 il nostro Osservatorio ha registrato ancora aumenti del 5% in media con punte del 12%. Se si guarda agli aumenti registrati in questo settore a partire dal 1996, i dati sono davvero impressionanti: nel 2008 l'incremento era del 149% e, di questo passo, nel 2009, sarà pari al 154%". Aumenti ingiustificati ma anche un sistema sicuro e stabile. È questa l'altra faccia della medaglia che ha inteso sottolineare il presidente dell'isvap (Istituto per la vigilanza delle assicurazioni private) Giancarlo Giannini: "Nonostante il contesto difficile, in Italia, non ci sono stati default nelle assicurazioni e non c'è stato bisogno di interventi da parte dello stato". Per difendersi gli automobilisti si sono mobilitati. Un'interessante iniziativa riguarda il "Preventivatore R.C. Auto" che con pochi click del mouse, permette di ottenere in contemporanea il preventivo su più compagnie contemporaneamente individuando velocemente la tariffa più conveniente. "Il servizio del preventivatore online - ha dichiarato il presidente dell'adoc, Carlo Pileri - è stato uno strumento in grado di aumentare il livello di concorrenza e trasparenza del mercato e di tutelare i consumatori. Negli ultimi quattro anni, a parità di polizza, c'è stato un aumento dei costi tra il 15 e il 18%. È anche vero che i consumatori si stanno sempre più abituando a seguire e a vagliare le offerte, molteplici, presenti nel settore. È in crescita, in tal senso, la stipula delle polizze online, più convenienti di quelle tradizionali anche del 20%". Ma non bisogna stancarsi di vigilare. Non dimentichiamo che nel 1999 la Guardia di Finanza (Centro Tutela Concorrenza e Mercato) aveva riscontrato un'intesa restrittiva della concorrenza in relazione 11 alle concrete modalità d'assunzione delle polizze per l'assicurazione auto posta in essere da 39 imprese d'assicurazione operanti nel settore R.C. auto. Più precisamente, detto rapporto evidenziava che le richiamate imprese assicurative avevano imposto ai propri clienti la stipula delle polizze R.C.A. - obbligatorie per legge sia per le autovetture che per i ciclomotori - congiuntamente a quelle relative all'assunzione del rischio incendio e furto che, viceversa, non sono obbligatorie. A seguito di ulteriori verifiche ispettive svolte presso le sedi di alcune imprese d'assicurazione coinvolte e presso l'a.n.i.a. (Associazione Nazionale Imprese Assicurative) veniva, inoltre, rinvenuta altra documentazione relativa anche ad un'attività di scambio di informazioni riguardante i premi commerciali (non quelli puri) e le condizioni contrattuali, realizzata da numerose imprese di assicurazione, attraverso il ricorso ad una società esterna, la RC Log.. L'A.G.C.M., pertanto, nell'adunanza del , deliberava un'estensione oggettiva e soggettiva del procedimento al fine di verificare se lo scambio d'informazioni tra le imprese assicurative concretizzasse una violazione dell'art. 2 della legge n. 287/1990. Al termine dell'istruttoria espletata detta Autorità accertava che le 39 compagnie assicurative avevano creato "un circuito informativo idoneo ad incidere in modo decisivo sulle scelte di prezzo a danno dei consumatori" ed irrogava alle stesse pesanti sanzioni amministrative oltre ad ordinare di cessare la continuazione dell'infrazione accertata. Sono passati dieci anni ma mai abbassare la guardia.

12 Marketing & Fornitori Cent'anni di passione per i rossi fine mese comincerà la stagione del pomodoro. Nel segno del rosso opera da oltre cent'anni la Gran Marca Due Leoni, oggi Mutti, che dalla zona di Vicofertile, vicino Parma porta sulle tavole degli italiani il pomodoro in tutti i suoi derivati. Mutti è solo pomodoro. Per passione. Come recita il pay-off dell'azienda. Una scelta precisa che negli anni non è mai stata tradita che ha permesso di concentrare l'impegno sulla qualità del prodotto finale offerto ai consumatori e i riconoscimenti nel tempo non sono mancati. Nel 1911 in o c c a s i o n e dell'esposizione Internazionale Industria e Agricoltura di Roma, la Fratelli Mutti è insignita del Diploma di Medaglia d'oro di 1 Grado per la produzione di "Doppio Concentrato" nel vuoto. Ma "la vera rivoluzione sul mercato dei rossi l'azienda la produsse nel 1951 con il concentrato di pomodoro in tubetto", spiega Francesco Mutti, Amministratore Delegato, figlio ed erede di una famiglia di lunga tradizione conserviera. "L'inventore del tubetto fu mio zio Ugo. Francesco Mutti, Amministratore Delegato della Mutti Spa Prima il concentrato veniva venduto solo in scatole di banda stagnata di grosse dimensione e difficile conservazione. A decretarne il successo sono stati i consumatori, che si sono accorti dei vantaggi di conservabilità della nuova confezione. E ancora oggi siamo i leader nei concentrati con il 40% delle quote di mercato". La Mutti ha inciso in altro modo sul mercato italiano? 12 Michele de Sanctis "Con la polpa di pomodoro. Lanciata sul mercato nel 1971 grazie a una tecnologia allora innovativa per salvaguardare e rendere pronta a l'uso la parte centrale del pomodoro già sgocciolata che assicura una resa qualitativamente migliore del pomodoro pelato. Sono due esempi della nostra filosofia aziendale che punta sulla affidabilità della materia prima, scegliendo esclusivamente pomodoro italiano e sull'unicità qualitativa garantita dal marchio "Produzione Integrata Certificata". Significa che rispettiamo positivamente tutte le verifiche e i controlli in ogni fase agricola e produttiva e abbiamo, a partire dal 2001, anche la dichiarazione "NON OGM". Come differenziare il proprio prodotto e avere successo in un segmento dalla bassa fedeltà alla marca, accesa battaglia sul terreno della convenienza e da un basso grado di concentrazione delle vendite? "Il concetto andrebbe rimesso in discussione, sono le aziende che dovrebbero farlo. Se si predica qualità, la si deve realizzare altrimenti il consumatore cambia, occorre chiedersi se si sta perseguendo coerentemente il miglioramento del proprio prodotto". Ci sono ancora margini per dei miglioramenti? "Certo, c'è differenza qualitativa nel pomodoro c'è possibilità di crescita qualitativa del prodotto finale, solo così si

13 Marketing & Fornitori guadagna la fiducia del consumatore. Noi investiamo moltissimo sulla materia prima. Da anni abbiamo istituito un concorso con il quale premiamo gli agricoltori che ci conferiscono i pomodori migliori, gli invogliamo così a migliorare la materia prima, curando, controllando e lavorando nella ricerca della qualità, dalla terra". Questa scelta è premiata dai consumatori? "Negli anni il consumatore ha riconosciuto la qualità dei nostri prodotti. Il nostro prodotto è ricco di licopene, che è un potente antiossidante presente nel pomodoro che con la giusta lavorazione può essere reso maggiormente assimilabile dal corpo umano. Concentrare tutta l'attenzione della produzione sulla logica di competizione sul prezzo è per questo svilente. La nostra scelta qualitativa èchiara e il differenziale nel prezzo è contenuto". Il prodotto italiano riesce ancora a fare la differenza, rispetto agli altri competitor? "L'Italia è la patria del pomodoro in termini di produzione in Europa e terza al mondo. Diciamo che è la culla alimentare, in questo mercato. In Europa la Spagna è un nostro competitor per produzione industriale, che opera sui mercati in modo simile al nostro Paese. È la Cina che sul pomodoro nasconde incognite qualitative mostruose, non c'è tracciabilità e ci sono pochi controlli". Dunque come vi muovete all'estero? "L'export sta crescendo, quanto a quota di mercato siamo sul 25%. Anche all'estero esportiamo qualità che non senza qualche difficoltà comincia a essere apprezzata dagli stranieri e la crescita a ritmi non banali ne è una testimonianza". Tornando al mercato italiano, qual è il rapporto con i canali distributivi? "Non è semplice muoversi nei canali distributivi. La concentrazione del mercato ha fatto aumentare i rischi. Le scelte di pochi attori che operano nella Gd incidono molto. Per questo occorre che essi operino con una maggiore responsabilità e con un orizzonte strategico. Il grande pregio è stato quello di aver ridotto drasticamente alcuni costi con la realizzazione di alcune efficienze, si pensi solo a come sono cambiati i trasferimenti, ma questo sviluppo non è stato e non è privo di problemi, che ripeto vanno affrontati con grande senso di responsabilità". Quali orizzonti futuri intravede per la sua azienda? "Produrre ancora innovazione e sviluppo. A cominciare dal prodotto. Oltre al miglioramento per vie classiche, ci sarà un miglioramento strutturale e della ricerca industriale. Stiamo creando un nuovo depuratore perché ci piace avere una attenzione elevatissima nei confronti dell'ambiente. La nostra spinta vuole mantenere alta l'attenzione sulla gestione di quello che è naturale. I cicli di sviluppo però sono lenti, non sempre ti portano dove avevi immaginato, ma l'innovazione è ancora possibile". 13

14 Marketing & Fornitori Chiarella: "Il vero patrimonio di un agente sono i suoi clienti" Michele de Sanctis u farai molta strada mi disse subito il direttore di Star, in realtà scoprì subito dopo che intendeva solo molti chilometri". Comincia con questa battuta la sua intervista Vito Chiarella, agente che dalla provincia di Taranto, per amore del suo lavoro si è trasferito a Bari e oggi rappresenta molte importanti aziende tra cui Galbusera, Spugnificio Martini, Alibert, Wilkinson, Vergani, Diesse Monouso. Ma la sua carriera è ricca di esperienze anche diverse da quella di agente. "Ho iniziato a lavorare con un grossista di bevande e dolciumi nel lontano 1978, un anno dopo sono passato alla Vileda e poi sono tornato al mio primo amore per le bevande. Appena si liberò una funzione per la Ferrarelle nella zona Bari nord mi trasferì lì, intuendo le potenzialità di un mercato in espansione. Dopo tanti anni posso dire che è stata una scelta che ha pagato. Ho lavorato con loro quattro anni dal 1980 all'85, partecipando al lancio dell'acqua Fabia in formato plastica, è stata una bellissima esperienza". Poi ha tradito la sua vocazione? "In un certo senso sì, accettai l'incarico di ispettore commerciale alla Star, passando in questo modo da agente a dipendente. L'idea era quella di crescere professionalmente. Sono stati anni importanti con una azienda leader. Ho avuto la possibilità di avere rapporti di gestione con altri collaboratori, di frequentare corsi di aggiornamento professionale, ma soprattutto di lavorare con colleghi davvero in gamba". Come è continuata la sua carriera? "Diciamo che ho cambiato brodo, passando alla Knorr, ma lavorando sempre nell'area manager. Quando poi ci fu l'acquisizione da parte di Unilever le cose sono cambiate e non senza qualche tensione sono tornato a fare l'agente. Per fortuna non avevo mai perso l'interesse e il contatto con i venditori altrimenti sarebbe stato difficile ritornare sulla piazza". C'è una figura che ha inciso particolarmente nella sua formazione? "Il lavoro di agente, anche se ti porta a incontrare molte persone, è spesso solitario. Io ho avuto la fortuna di conoscere Pinuccio Abbattista, un collega alla Star che mi ha insegnato tanto e con il quale ho condiviso esperienze di lavoro importanti. L'unico vero rammarico è che ci ha lasciato presto, lasciando un grande vuoto in me quanto in tutti i colleghi e buyer che l'hanno conosciuto". Qual è la sua filosofia di vendita? "Il nostro patrimonio più grande è tanto costituito dalle aziende che rappresentiamo quanto dai nostri clienti. Con loro dobbiamo fare gli interessi dell'azienda per la quale lavoriamo, senza mai vivere come un fatto personale le situazioni che si possono venire a creare. Serve una professionalità trasparente per riuscire sempre a risolvere il problema del cliente facendolo combaciare con l'interesse dell'azienda". Con la Ingross levante che rapporti ci sono? "Ho visto crescere il marchio Migro. Io ero appena arrivato in questa zona e la famiglia Amato aveva già le idee chiare nel commercio. Hanno investito sul cash puro e non si sono mai lasciati tentare da scelte differenti, hanno gestito il cash come tale, L'agente Vito Chiarella anche quando tutti disinvestivano. Il tempo e i risultati gli hanno dato ragione". In quale direzione sta andando la sua professione? "Le agenzie devono sempre più fornire servizi aggiuntivi alle aziende che rappresentano, dal merchandising alla rilevazione dei prezzi fino alla gestione degli scaffali nella grande distribuzione. Sto cercando con alcuni colleghi di creare una nuova agenzia proprio per rafforzare la copertura di tutti i canali sul territorio". Come definisce l'attuale situazione economica? "Oggi l'80% delle vendite si fa in promozione. In Puglia non sapevamo cosa fosse il discount, oggi spuntano come funghi. Noi agenti siamo l'anello debole della catena perché si guarda sempre più solo al prezzo. Ma nella filiera hanno perso tutti. In ogni cassetta della posta ci sono mediamente sei o sette volantini. La distribuzione si associa, l'industria non lo fa. L'unica forza che ha l'industria è nella forza del prodotto, solo in quel caso riesce ad avere un potere di contrattazione con distribuzione. Di riflesso la nostra forza è quella delle aziende che rappresentiamo". 14

15 Marketing & Fornitori Angelo Pellegrini da 15 anni non cambio fornitore: Migro Marco Fiorentino molti sembrerà strano ma noi di Migro Informa abbiamo fatto una scoperta che nessun vulcanologo fino ad oggi aveva mai fatto. Possiamo affermare con sicurezza l'esistenza di un vulcano in piena attività in Ruvo di Puglia. Ovviamente ci stiamo riferendo a uno dei nostri clienti ma il paragone calza a pennello. Angelo Pellegrini, proprietario di una salumeria in Via Aldo Moro 72 da ben 33 anni, ha subito dimostrato di essere una persona cordiale e con un ventaglio di argomentazioni interessanti. Dopo aver lavorato per 10 anni in un Bar di famiglia, decide di mettersi in proprio e di aprire un alimentari perché secondo il suo punto di vista avrebbe avuto meno vincoli rispetto agli orari di apertura di un bar. "In zona sono stato il primo ad aprire ma poi col tempo altri esercenti hanno avuto i permessi e oggi siamo in tre in 30 metri. Prima esistevano licenze che non permettevano di aprire più attività in un certo raggio di metri e quindi se la zona era satura, eri costretto a cambiare area. Oggi, invece, basta pagare e tutto è possibile. E per fortuna che qui a Ruvo non abbiamo risentito dell'apertura di ipermercati". Già da queste affermazioni si nota la schiettezza del sig. Angelo Pellegrini il quale non teme di raccontare la realtà dei fatti anche se alle volte risulta essere scomoda. Un altro esempio riguarda il mercato del Sabato che a suo avviso toglie clientela a tutti gli esercenti della zona. "Il problema non è il mercato di per sé ma è il giorno in cui lo fanno. Sarebbe stato meglio se si fosse tenuto in settimana e a dir il vero abbiamo Nella foto Angelo Pellegrini e sua moglie anche provato ad interpellare l'amministrazione ma ovviamente l'esito è stato negativo". Durante la piacevole conversazione siamo riusciti a capire che anche la famiglia Pellegrini ha il commercio nel dna, infatti, i due figli, dopo aver lavorato alcune stagioni a Iesolo, hanno deciso di mettersi in proprio e aprire un Bar a due passi dal negozio del padre. "I miei figli hanno fatto una scelta oculata perché il bar frutta più utili anche se hai dei vincoli di orari che non a tutti andrebbero bene". Tra le tante argomentazioni, si parla anche della crisi, o presunta tale, che sta colpendo il nostro paese. "Io tutta questa crisi non la vedo. La clientela è ovviamente più attenta ai prezzi ma come ci spieghiamo che molti circolano con macchine nuove o che magari la sera i locali sono sempre pieni? ". Questo pensiero a riguardo della crisi non porta quindi il sig. Angelo Pellegrini ad attuare la politica delle offerte. "I miei prezzi sono sempre gli stessi. Le offerte le potete trovare negli ipermercati perché sono decise direttamente dalle case madri e mentre loro hanno la possibilità di pagare anche a 90 o 120 giorni, noi piccoli esercenti paghiamo tutto in contanti, ecco perché ci fa comodo andare nei Cash come quello della Migro, nel quale io posso prendere i quantitativi che voglio senza essere vincolato a un numero preciso di confezioni da acquistare". " Io sono un vostro cliente da 15 anni e devo dire che mi trovo bene anche perché con i dipendenti c'è un ottimo dialogo. Sono loro stessi a consigliarmi il periodo giusto per acquistare un prodotto perché magari è in offerta". La parola ai clienti Nel Cash di Tortona passato il freddo dell'inverno si sta benissimo e si fanno ottimi acquisti. Ci sono molti prodotti e i dipendenti sono cortesi e mi aiutano nella scelta degli articoli anche per un uso privato. Ho un forno e un negozio di alimentari a 30 Km dal Cash di Frosinone, forse sarò stato uno dei primissimi clienti Migro nel Lazio, l'ho scelto perché ha dei prezzi concorrenziali. Alcuni colleghi mi hanno suggerito il Cash qui a Livorno e posso confermare che si trova davvero di tutto. Credo che a livello di referenze sia tra i più completi che abbia visitato. Alessandra Grassi Corrado Luffarelli 15 Teresa Belloccio

16 Cash & Carry World Mark: l'area no food della INGROSS levante non conosce confini Le immagini degli articoli World Mark esposti negli showroom 16 è una divisione della Ingross levante in contatto con il mondo. È l'area World Mark che seleziona i migliori prodotti extra food dai più grandi mercati internazionali e dalla piattaforma di distribuzione di Corigliano d'otranto è pronta a consegnarli entro 72 ore in tutta Italia. Complementi d'arredo, oggetti in vetro, articoli da regalo, oggettistica, articoli per l'ufficio e per la scuola, cartoleria, casalinghi, piccoli elettrodomestici, giocattoli, peluche, biciclette, articoli da giardino e da mare e tutto per le ricorrenze, come Natale e Pasqua, sono le categorie merceologiche delle oltre referenze nel listino World Mark disponibili all'ingrosso e acquistabili on line. "Siamo partiti nel spiega Mimmo Pomarico, addetto alle vendite - prima solo con alcune referenze stagionali, poi la crescente richiesta da parte dei nostri clienti ci ha spinti a ampliare il nostro mercato e a girare nelle principali fiere internazionali. Ricordo che il primo acquisto importate fu fatto da un importatore olandese, si trattava solo di orologi, cappelli e calcolatrici". I passi successivi furono le fiere di Colonia, Berlino e Londra dove l'azienda concluse affari con importanti importatori italiani e olandesi di prodotti provenienti dall'estremo oriente. Quando il volume delle vendite interne si consolidò si aprirono per la Ingross nuove frontiere. "I mercati orientali sono qualcosa di straordinario. A Hong Kong e Canton ci sono le grandi fiere multisettoriali per i buyer di tutto il mondo e dal 2004 anche noi non manchiamo più l'appuntamento", racconta Marino Murolo del settore acquisti. Il marchio World Mark è stato così apposto a una vasta gamma di prodotti che la Ingross ha anche esposto al Macef, Salone Internazionale dedicato al mondo della casa, da più di quaranta anni un punto di riferimento per tutti gli operatori del settore. Quello è stato solo un trampolino di lancio. A fare la differenza sono stati i clienti che nei sei show room in tutta Italia hanno premiato in questi anni il brand. Spesso i prodotti di importazione sono oggetto di sospetti ma a tranquillizzare tutti ci pensa Marco Galantino che più volte è stato in Cina per la scelta delle linee di prodotti: "Scegliamo solo articoli rispondenti

17 Cash & Carry alle normative sia di importazione sia di messa in commercio. Tutte le referenze, come materiali elettrici e giocattoli, per i quali è richiesta l'apposizione del marchio "CE" sono attentamente vagliati. Il presupposto è sempre che il fornitore ci alleghi tutta la certificazione di cui è in possesso, che poi viene vagliata dall'azienda in termini di validità e requisiti. Inoltre incalza Pomarico "la nostra azienda per garantire i clienti effettua dei controlli supplementari e preventivi presso istituti di certificazione italiana sui campioni che le aziende ci forniscono". Per effettuare direttamente il controllo di qualità e di carico la Ingross ha un ufficio e una piattaforma terzializzata a Shanghai che segue tutte le procedure. Ogni anno arrivano mediamente in Italia oltre 900 container. Stoccata la merce nella piattaforma distributiva vicino Lecce, c'è la parte più importante: la vendita, che avviene sia nel canale Cash tradizionale sia in quello Cedi. Quest'ultimo ha nel sito worldmark.it la sua vetrina. Il sito è accessibile a tutti e le referenze sono raggruppate per settori merceologici con la foto, una breve descrizione, la scheda tecnica e il prezzo. Tuttavia per gli acquisti occorre essere registrati. Possono farlo esclusivamente i possessori di partita iva ai quali viene rilasciata una password con la quale possono accedere ai listini e effettuare gli ordini. Un addetto alle vendite poi verificherà la presenza dei requisiti d'ordine minimi previsti, lo valorizzerà e lo trasmetterà alla piattaforma, dove verrà messa in spedizione. "Abbiamo clienti in tutta Italia ma scelgono il nostro brand sempre più anche all'estero. I nostri prodotti rispettano tutti i requisiti per la vendita immediata nella gd, per quanto riguarda sia gli imballi sia i codici a barre. - conclude Pomarico - Inoltre è a disposizione di chi ne fa richiesta un servizio di bolla elettronica. In questo modo ai clienti è trasmesso un file con il quale possono caricare direttamente nel loro sistema l'anagrafica completa degli articoli acquistati, così all'arrivo della merce tutto è già pronto per la vendita. In questo modo si registra una economia di gestione importante". Insomma World Mark ha nell'assortimento, nei prezzi e nel servizio i punti di forza per conquistare ancora nuovi mercati. da sinistra Marco Galantino, Mimmo Pomarico e Marino Murolo 17

18 Lavoro e carriere Livio Sgarbi, professione coach: "Tutti possono migliorare" Michele De Sanctis idea di base è che dentro di noi ci sono già tutte le risorse necessarie ad esprimere il meglio di noi stessi; bisogna solo capire come fare. È questo il concetto che sta alla base del coaching. Occorre dunque avere grande fiducia in se stessi ma se ciò non dovesse essere sufficiente allora c'è bisogno del giusto Coach. Livio Sgarbi da oltre 15 anni si occupa di strategie per lo sviluppo delle prestazioni ottimali, ha pubblicato due libri: "Istruzioni per vincere" e "Dai colore alla tua vita" (Sperling & Kupfer Editori), e opera in tre ambiti di intervento: quello sportivo, quello professionale e quello privato e personale. Con lui abbiamo cercato di capire in cosa si può realmente migliorare. Intanto chi è un Personal Coach e chi e in quali campi può farvi ricorso? "È un professionista che ha acquisito specifiche competenze sulla natura umana in grado di aiutare una persona a riconoscere dentro di sé le proprie risorse e a migliorarle progressivamente, riuscendo così a esprimere il meglio di sé. Parliamo di sicurezza personale, autostima, credere in se stessi, gestione degli stati d'animo, atteggiamento mentale, motivazione, comunicazione, ecc. Tendenzialmente fanno uso del personal coach i managers, gli imprenditori, i professionisti e tutte le persone interessate ad ottenere migliori risultati da ciò che fanno". Quali aspetti di sé ciascuno può davvero migliorare con il giusto "allenamento"? "Bene o male tutti! Il più grande limite al cambiamento di un individuo sono le sue stesse convinzioni. Le persone si convincono di non poter cambiare e dicono a se stesse: io son fatto così!. In questo modo chiudono ogni possibilità di modificare, anche in maniera migliorativa, quegli aspetti del carattere che risultano disfunzionali al loro stesso successo e benessere. Strano ma è così! Il nostro carattere è determinato dalle esperienze di vita che abbiamo vissuto e soprattutto dal significato che gli abbiamo attribuito. Si può allenare la propria positività, l'autodisciplina, la concentrazione, la pazienza, ecc." Quali sono i maggiori ostacoli a un approccio motivazionale? "Due principali motivi: l'ignoranza e le convinzioni negative. Ignoranza intesa proprio come "non conoscenza" della materia. Una persona che non conosce il potere che può avere la propria mente non si interessa di impararne i principi di funzionamento e quindi non si rivolgerà ad un coach - anche perché non sa nemmeno che esista come figura professionale. Analogamente una persona che non crede che si possa cambiare riterrà EKIS è una società altamente specializzata nello sviluppo delle risorse umane. I suoi trainer operano da oltre 15 anni nel settore della formazione e dispongono di un set di competenze e abilità variegato ed eterogeneo, dalle strategie di apprendimento intensivo alle tecniche di vendita, dalla Programmazione Neuro Linguistica alla comunicazione efficace e persuasiva, dalla gestione del cambiamento alla motivazione personale, dalla gestione del tempo al people management, dal teambuilding alla leadership. Curiamo la crescita personale e professionale dell'individuo attraverso seminari, corsi e servizi di personal coaching. Miriamo allo sviluppo delle capacità ed abilità personali utilizzando non solo solide basi e conoscenze teoriche e metodologiche, ma anche e soprattutto processi e percorsi esperienziali. inutile qualsiasi azione rivolta al cambiamento stesso e, sebbene possa conoscere la figura del coach, non la ritiene efficace". Diversamente, quali sono gli elementi su cui fare leva per raggiungere l'eccellenza? "Riconoscere che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è già dentro di noi, ora. Invece di cercare fuori di noi la soluzione ai nostri problemi, bisogna proprio cercare dentro. Le risposte le sappiamo già. Impegnarsi ad apprendere come usare la mente in maniera funzionale ed efficace. Leggere, studiare, seguire corsi specifici e, ovviamente, avvalersi di un personal coach". Si possono trarre benefici anche nel lavoro? "Certamente! Ad esempio migliorando aspetti personali legati alla motivazione, alla comunicazione, alla leadership, agli obiettivi, alla determinazione, alla gestione dello stress, e molto altro ancora. Mi occupo di formazione e coaching da vent'anni e posso garantire che un'azienda può aumentare la qualità dei suoi risultati (quantitativi e qualitativi) in maniera importante valorizzando le persone che vi lavorano dentro". Livio Sgarbi Laureato in sociologia, Master in PNL (Programmazione Neuro Linguistica), NHR (Neuro Hypnotic Repatterning) e diplomato alla Mastery University/Trainer Academy di Anthony Robbins. Da oltre 15 anni si occupa di strategie per lo sviluppo delle prestazioni ottimali (peak performance training) nei più diversi campi di applicazione professionale, personale e sportiva; ha seguito e segue tuttora in qualità di mental coach aziende multinazionali, squadre sportive (calcio, pallavolo, pallamano, equitazione, golf, tennis), manager, imprenditori, professionisti e atleti di svariate discipline sportive (atletica, golf, sci ecc.). È stato personal coach di: Carlo Ancelotti, Massimo Caputi, Sebastian Frey, Vincenzo Iaquinta, Igor Protti, Riccardo Maspero e di numerose personalità di rilievo in ambito dirigenziale e manageriale. Aree di specializzazione: Formazione aziendale in campo motivazionale e sviluppo risorse umane; Personal e Team Coaching nelle aree business, life e sport. 18

19 Lavoro e carriere Il valore dell'informazione tempestiva per le aziende Antonio Pisani iprendiamo il nostro viaggio alla ricerca dell'efficienza; dopo aver compreso la necessità di essere flessibili all'interno della gestione ed avere il coraggio di cambiare iniziamo a parlare degli elementi necessari per affrontare nuove scelte: l'informazione. Le informazioni servono per creare valore ovvero l'obiettivo principale di ogni entità economica. Ma come fanno le informazioni a creare valore? Esso viene generato per mezzo di un'attenta gestione e di un sapiente utilizzo delle stesse al fine di essere compreso e diventare conoscenza, indispensabile nell'approccio alle decisioni. Le informazioni sono la grande ricchezza di un'impresa perché sono gli elementi fondamentali da cui partire per selezionare decisioni appropriate che migliorino le performance aziendali e ne permettano la crescita. Ogni qual volta l'impresa decide intraprende un nuovo percorso che ne condiziona inevitabilmente la condotta; ecco perché prendere una decisione con coscienza permette di gestire meglio i rischi e, conseguentemente, consente di mappare tutte le conseguenze di un processo decisionale per poter capire gli impatti sul business. Decidere coerentemente con elementi "politici" o seguendo delle "sensazioni", dunque, è da considerarsi profondamente sbagliato; certo, molte scelte di petto hanno fatto la fortuna di qualche imprenditore ma statisticamente rappresentano una percentuale assai esigua. Lo sviluppo delle soluzioni informatiche in aggiunta all'esponenziale crescita di internet rende oggi disponibili volumi enormi di elementi; secondo studi di settore le aziende dovranno gestire nel 2010 una mole di dati pari a cento volte quelli gestiti nel Questi input però non sono utili nella loro forma originaria: solo attraverso un meticoloso processo di selezione e razionalizzazione diventano una informazione strutturata indispensabile per tutte le persone incaricate di assumere decisioni d'impresa.tracciando un identikit dell'informazione possiamo affermare che: - possiede caratteristiche identificabili e misurabili come metodo, difficoltà e costo di acquisizione; - arriva in differenti gradazioni di purezza e di utilità, ragion per cui deve essere raffinata ed elaborata per aumentare il proprio valore; - passa attraverso molte mani che la trasportano e la scambiano dal punto di raccolta, al punto di elaborazione, al punto di utilizzo. Possiamo a questo punto affermare che non è importante la quantità delle informazioni ma fondamentale è il suo valore, a sua volta funzione di tre fattori: il tempo, il luogo, la struttura. Per meglio comprendere quanto appena detto partiamo da questo paradosso: il valore 19 dell'informazione decresce fino ad annullarsi, se essa: - non è fornita in tempo utile (sapere il prezzo più competitivo per l'acquisto di un bene solo dopo averlo acquistato); - non viene comunicata alla persona opportuna (presentare l'elenco insoluti del mese ad direttore di produzione!); - non è comprendibile (un tabulato di magazzino non suddiviso per articolo o categoria merceologica). L'informazione, dunque, possiede un valore fondamentale al pari delle altre risorse aziendali, come il denaro, le immobilizzazioni, la manodopera e i servizi. È indispensabile che i sistemi informativi aziendali trasformino la materia prima ("i dati") in informazioni, attraverso opportune fasi di lavorazioni ("le elaborazioni") per minimizzare il rischio che i computer lavorino masse consistenti di dati senza creare valore aggiunto; ciò, oltre a generare inefficienze di utilizzo dei sistemi, comprometterebbe fortemente il processo decisionale, facendo perdere la tracciatura tra decisione e sue conseguenze. Possiamo concludere dicendo che l'interpretazione e la valutazione dei dati costituiscono il fondamento di ogni processo decisionale che porta al cambiamento: l'attività dell'individuo, le sue capacità di intuizione e la sua abilità nello scegliere le soluzioni poi rendono l'informazione conoscenza, elemento di cui parleremo nel dettaglio nel prossimo articolo

20 Lavoro e carriere Costruire velocemente i sentieri della memoria Matteo Salvo mo, tortello, banjo... riuscite ad andare avanti ricordando la sequenza del test sulla tua capacità di ricordo uscito sul numero precedente di Migro informa? (se non lo avessi fatto è ancora visibile sul sito internet Se sì quale è la sensazione che stai provando? Come è possibile che a distanza di così tanto tempo riesci a ricordare una sequenza di informazioni ascoltate una sola volta? Questa è la forza delle tecniche di memoria. Studiare con il metodo tradizionale "leggo e ripeto", inizialmente, sembra un metodo più veloce, ma lo è solo sul breve termine; infatti, dopo poco tempo, si crea confusione e diventa difficile ricordare quello che abbiamo cercato di imparare. Facendo un esempio che possa rendere l'idea, sarebbe un po' come cercare di costruire un sentiero su un prato. Paragoniamo il prato alla memoria e il sentiero al ricordo. Immagina di dover costruire questo sentiero. Stai per ricevere gli strumenti e avrai due opportunità. Sei pronto? Bene il primo strumento che hai a disposizione sono solo i tuoi piedi. Quanti passaggi dovrai fare? Sicuramente molti prima di riuscire a definirlo. Inoltre farai fatica e, dopo poco, vista la monotonia dell'azione, proverai una noia indescrivibile. Questo è lo studio con il metodo tradizionale leggo e ripeto: molti passaggi, molto tempo e soprattutto, se non ripassiamo, dopo un paio di giorni l'erba ricresce. In effetti, con questo metodo, se non torniamo a ripassare le informazioni incamerate, dopo poco, il rischio è proprio quello di dimenticarle. Ti è mai successo di arrivare alla fine di un libro e dire: "bene adesso mi manca il ripasso" e poi, appena iniziato, renderti conto che in realtà si tratta di un ristudio? Adesso immagina, invece, di avere a disposizione una bella ruspa nuova fiammante! Com'è costruire il tuo sentiero? Sicuramente ti basta un passaggio e il sentiero c'è, ma soprattutto rimarrà sicuramente più a lungo! Non è la quantità di volte che ripetiamo una cosa ciò che ce la farà ricordare, ma l'emozione che viviamo. Alcune cose succedono una volta sola, eppure le ricorderemo tutta la vita! La cosa bella è che questa ruspa, ciascuno di noi, ce l'ha già dentro di sé. Ti piace l'idea? Pensa che non devi investire neanche un euro per comprarla. L'unica cosa che ti resta da fare è semplicemente imparare a guidarla! 20

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli