Argan. L antichità STORIA DELL ARTE ITALIANA SANSONI PER LA SCUOLA. Giulio Carlo. Nuova edizione a cura di Paola Argan, Cristina Boer Lucia Lazotti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Argan. L antichità STORIA DELL ARTE ITALIANA SANSONI PER LA SCUOLA. Giulio Carlo. Nuova edizione a cura di Paola Argan, Cristina Boer Lucia Lazotti"

Transcript

1 Argan Giulio Carlo L antichità STORIA DELL ARTE ITALIANA RCS LIBRI EDUCATION SPA Nuova edizione a cura di Paola Argan, Cristina Boer Lucia Lazotti SANSONI PER LA SCUOLA

2 Storia dell arte italiana Redazione Donata Palatresi Realizzazione Thèsis S.r.l. (Firenze-Milano) Ricerca iconografica Ornella Morelli, Cecilia Palatresi Hanno collaborato alla redazione Donatella Valente, Cecilia Palatresi, Angela Fantini Progetto grafico e impaginazione Franco Malaguti Copertina Walter Sardonini Disegni Tommaso Brilli, Isabella Cavasino, Fausto Bianchi 2000 RCS Scuola S.p.A., Edizione Sansoni, Firenze Proprietà letteraria riservata 2004 RCS Libri S.p.A., Milano Sesta ristampa giugno 2004 ISBN Hanno collaborato all impaginazione Monica Marmugi, Isabella Cavasino, Marco Micci Controllo qualità fotolito Daniele Casalino Fotolito e impianti di stampa Raf, Firenze Stampa Lito Terrazzi, Firenze La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli: per questo è molto difficile evitare completamente errori e imprecisioni. L editore ringrazia sin da ora chi vorrà segnalarli alle redazioni. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: Direzione Editoriale RCS Libri S.p.A. Divisione Education Via Mecenate, Milano, fax Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, AIE, SNS e CNA, CONFARTIGIANATO, CASA, CLAAI, CONFCOM- MERCIO, CONFESERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15 % del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, via delle Erbe 2, Milano, telefax: 02/809506, Ringrazio i docenti, gli studenti e i lettori che, non giudicando scaduto questo libro, desiderano di conversare ancora con me di storia dell arte, così come a me, scrivendolo, piaceva immaginare di conversare con loro. Allora dirigeva la Sansoni Federico Gentile: quando finalmente decisi di cedere alle sue garbate insistenze, gli dissi che avrei scritto il libro, non sarebbe stato un libro di testo, non amavo quel genere letterario. Avrei cercato di scrivere una storia dell arte per la scuola, che per me non era l anticamera ma il piano nobile della cultura. Debbo dire che fu un esperienza eccitante; parlare con i giovani ringiovanisce. Debbo anche dire che ripercorrere sommariamente ma non schematicamente tanti anni di ricerca e d insegnamento è servito a chiarirmi e rinfrescare le idee: costretto a disegnare una veduta panoramica, quasi mi sorprese constatare che, nella diversità di tanti fenomeni lontani nello spazio e nel tempo, tra essi c era tuttavia una coerenza a cui non contrastava, al contrario, l assidua volontà di criticare e superare il passato. Fortunatamente l arte in Italia non ha avuto caratteri etnici, costanti nazionali, tradizioni canoniche; e non è stata il prodotto di una connaturata creatività, tutt altro, è sempre stata un fatto di cultura sorretto da una lucida consapevolezza dei motivi, dei modi, dei fini. Spesso ha avuto una componente polemica, è sempre stata nel vivo del dibattito culturale. E sempre al centro, mai al margine, del sistema del sapere, qualche volta del potere. Ecco perché non può farsi la storia d Italia senza fare la storia dell arte italiana: Leonardo o Michelangiolo non sono stati storicamente meno importanti (forse più) dei papi e dei principi per i quali hanno lavorato. L arte è una cultura i cui concetti sono espressi in immagini invece che in parole; e l immaginazione non è una fuga dal pensiero, è un pensiero altrettanto rigoroso che il pensiero filosofico o scientifico. Per intenderne la struttura e i processi bisogna studiare le opere d arte: l arte è al livello più alto del pensiero immaginativo, come la scienza al livello più alto del pensiero razionale.

3 È penoso, anche un po vergognoso, che ai vertici della scuola italiana, quando si vuol far posto a un altra materia, lo si ritagli dal poco che è dato alla storia dell arte, o addirittura la si butti come superflua. È uno sbaglio grave: la storia dell arte è indispensabile per chi fa studi storici e letterari, ma è utile a tutti, anche ai futuri tecnici di una società tecnocratica. Se non altro, servirà loro a non avere il feticismo della macchina e a non perdere il gusto dell invenzione che nasce dalla critica, dal giudizio, dalla volontà di superare il passato. Serve a tutti, poi, conoscere l arte del proprio paese. È l arte che ha costruito le città, le città sono l ambiente dell esistenza, si sa che il rapporto positivo o negativo con l ambiente decide della sanità fisica, psichica e morale degli individui e dei gruppi sociali. Lo stesso può dirsi del territorio, che non è nulla di naturale o selvaggio, è il prodotto dell intelligenza e del lavoro umani. Non c è rapporto senza conoscenza, è giusto che tutti conoscano l ambiente della loro vita. Delle città e del territorio la società odierna fa un pessimo uso: l ambiente s inquina e degrada, il patrimonio culturale si deteriora e disperde. Colpa dell ignoranza del loro valore; ma i giovani della scuola, futuri titolari e responsabili di quei fattori vitali prima ancora che culturali, debbono imparare a conoscerli. Può darsi che questo libro qualche effetto l abbia già avuto: che cosa potrei desiderare di più? Nello scriverlo cercai di esser chiaro, non di essere facile: ho insegnato per tanti anni e so che i giovani hanno spesso fastidio delle nozioni ma non hanno paura e spesso hanno il gusto dei problemi. E l arte del passato non è un problema del passato, ma del presente. La Storia dell arte di Giulio Carlo Argan esce in edizione completamente rinnovata, così da renderla funzionale alle attuali esigenze della scuola. Per quanto riguarda la struttura, il testo integrale e completo di ogni sua parte è stato diviso in sette volumi, che includono l Arte moderna L ultimo volume comprende i movimenti artistici degli ultimi tre decenni presentati per mezzo di schede. Ogni volume è stato organizzato in moduli, corredati da strumenti didattici atti a facilitarne l uso e la comprensione. Gli apparati didattici sono costituiti da: schede introduttive di contesto storico che hanno lo scopo di inquadrare in modo schematico l argomento di ogni modulo nel suo tempo; schemi grafici di analisi strutturale che spiegano, in base ai princìpi della percezione visiva, alcuni aspetti costruttivi delle opere; schede di ampliamento su recenti ritrovamenti o restauri e su temi di particolare interesse storico-artistico; esercitazioni, per facilitare l apprendimento, il confronto, la sintesi, la valutazione e suggerire collegamenti interdisciplinari e attività sul territorio; cronologie comparate, poste alla fine di ogni volume, che danno la possibilità di collegare le opere studiate al loro contesto storico-culturale. L opera è arricchita da uno Strumentario di consultazione, che contiene alcuni princìpi della percezione visiva di fondamento alle analisi strutturali, informazioni sulle tecniche artistiche in rapporto alle opere esaminate e alle varie epoche e, infine, un glossario illustrato dei termini tecnici. L apparato illustrativo è organizzato in modo da favorire la lettura e lo studio del testo. L obiettivo di questa nuova edizione è dunque quello di far proseguire il dialogo tra l autore e i giovani, dando nuove sollecitazioni in sintonia con le teorie più aggiornate di scienze dell educazione e con le esigenze della scuola reale. Giulio Carlo Argan gennaio 1988 P.A., C.B., L.L. gennaio 2000

4 Indice Le origini 1 Modulo 1 LA CIVILTÀ EGEA E L ARTE GRECA La civiltà egea 1. L arte minoica 8 Il palazzo di Cnosso 8 2. L arte micenea 12 I tesori funerari delle tombe micenee 14 L arte greca 3. Introduzione 15 Relazione tra leggi naturali e canoni costruttivi L architettura 18 Tipologie di templi 20 L evoluzione dell ordine dorico 20 Il teatro greco 25 Il dramma: tragedia e commedia La scultura arcaica 26 La scultura frontonale arcaica in Grecia 31 Scultura arcaica: le metope di Selinunte La scultura classica 36 I bronzi di Riace 43 L acropoli di Atene La scultura ellenistica L urbanistica e l architettura ellenistica La pittura greca 76 Tipologie di vasi 82 Attività didattiche 84 Modulo 2 L ARTE ANTICA IN ITALIA E L ARTE ROMANA L arte antica in Italia 1. La Magna Grecia 94 Un complesso monumentale della Magna Grecia: Paestum L arte etrusca L architettura etrusca La pittura etrusca La scultura etrusca 102 RCS LIBRI EDUCATION SPA L arte romana 6. Introduzione L architettura 107 Architettura di pubblica utilità 110 L abitazione romana 114 Il palazzo di Nerone dopo i restauri 120 I mercati traianei La decorazione parietale La pittura La scultura 138 Attività didattiche 150 Cronologia comparata 156 Indice analitico 160

5 : : : Le origini 1 FIN N EST S LV IRL Creswell Crags DK LT El Pendo Altamira Pindal Rouffignac La Pena de Candamo La Madeleine La Pasiega El Castillo Brassempouy Isturitz Covalanas Santimamine Duero Lorthet P Los Casares Lespugne Gargas Tajo Les Trois Frères Ebro Guadiana E GB El Parpallò Lascaux CH Rodano Sireuil Pech-Merle La Baume Latrone Le Tuc d'audoubert Le Mas d'azil Niaux Ahrensburg NL D Elba Reno Oder B Balver Hohle Juzaine Furfooz Oberkassel Trou Margrite Andernach Senna Sy-Verlaine Mainz CZ L Hohlenstein Klause F Vogelherd Loira Neuburg Angles-sur- Anglin Kesslerloch Petersfels La Marche Schweizersbild A I Po Chiozza Savignano Balzi Rossi Trasimeno Tivoli Tevere SLO Predmostì Pekarna Brno SK Dolnì Vestonice Willendorf HR Paglicci PL BIH Monopoli Porgolhegy H YU AL Vistola MAK BLR Maszycka Molodova RO UKR Danubio BG La Pileta Monte Pellegrino: Addaura, Niscemi Levanzo Romanelli GR MA DZ TN 1 Le stazioni preistoriche europee 1 Dalla preistoria alla protostoria La preistoria non ha limiti cronologici: ancora oggi, malgrado lo sviluppo dei mezzi d informazione e di comunicazione, milioni di uomini vivono in una condizione di preistoria, molto simile a quella delle lontane o- rigini della nostra civiltà. Si assume generalmente come limite della preistoria e inizio della prima fase storica (protostoria) il passaggio a forme organizzate di vita sociale, in insediamenti stabili, e alla produzione sistematica dei mezzi di vita mediante la coltivazione della terra, l allevamento del bestiame, la fabbricazione di utensili, armi, suppellettili. Nell ordine religioso questa fase coincide, in linea di massima, con il trapasso da una concezione magica, di totale indistinzione dell essere umano dalla realtà naturale, a una concezione animistica, che riconosce l esistenza di forze superiori a- genti e determinanti sui fenomeni della natura e sull esistenza umana. Si collega alla concezione animistica e al costituirsi di gruppi sociali organizzati l idea della sopravvivenza dello spirito oltre la morte e, per conseguenza, il culto dei defunti. Coincide con il formarsi delle prime strutture sociali la divisione del lavoro e lo scambio dei prodotti: ne deriva un più rapido progresso delle tecniche produttive e delle manifestazioni artistiche ad esse collegate. Nell area mediterranea la fase protostorica si fa cominciare con la fine dell epoca neolitica e la prima età del bronzo: lo sviluppo tecnico e culturale mediterraneo, che ebbe il suo primo centro nell isola di Creta nel terzo millennio a.c., fu certamente influenzato dalle civiltà dell Asia Minore, dove la fase neolitica può considerarsi chiusa fin dal settimo millennio [1].

6 2 LE ORIGINI PALEOLITICO Abbevilliano o età della Paleolitico pietra antica inferiore pietra scheggiata Acheoliano Paleolitico Musteriano medio uomo di Neanderthal Paleolitico Perigordiano superiore inferiore inizio dell arte rupestre Aurignaziano inizio dell arte mobiliare Perigordiano superiore uomo di Cro-Magnon Solutreano uomo di Combe Capelle e Cro-Magnon Maddaleniano MESOLITICO a.c. NEOLITICO o età della pietra nuova a.c. Il Paleolitico europeo: l arte dei cacciatori Una pittura di azione non di rappresentazione Le prime manifestazioni artistiche risalgono tuttavia a un epoca molto più remota, alla fine del Paleolitico. Decine di millenni a.c. gli uomini, che vivevano di caccia e dell occasionale raccolta di frutti selvatici, conoscevano già il valore dell immagine o della figurazione: risale infatti al Paleolitico superiore tutta una serie di figurazioni così sinteticamente e intensamente espressive che alcuni dei maggiori artisti moderni (primo fra tutti Picasso) le hanno considerate opere d arte perfette, fino a proporle come modelli di assoluta autenticità dell espressione artistica. Sono immagini di animali selvatici (bisonti, renne, mammuth etc.) graffite e dipinte sulle pareti e sulle volte di grotte naturali disseminate nell Europa mediterranea e specialmente nella zona franco-cantabrica (Lascaux [2 4], Altamira, Montignac, Polignac etc.). Sono tracciate con le dita o con elementari strumenti dai cacciatori che hanno frequentato per molti secoli quelle grotte, a cui attribuivano valore di luoghi sacri. Sono state spesso considerate come straordinarie manifestazioni di un attività artistica istintiva, non condizionata da una precedente esperienza figurativa e tecnica né da una finalità pratica. È stato invece dimostrato che queste figurazioni, pure rivelando con e- strema vivacità l immagine che l uomo del Paleolitico aveva del mondo e del proprio essere nel mondo, hanno un carattere magico e u- na finalità pratica. Raffigurando o, piuttosto, prefigurando l incontro con l animale nella foresta, il cacciatore immaginava di assicurarsi, con un operazione magica, il successo della battuta da cui dipendeva la sua esistenza. Facendo accadere in immagine l evento auspicato, lo sottraeva in qualche modo all incertezza del caso: la sua speranza si trasformava in un progetto d azione. Non è vero che queste figurazioni siano indipendenti da ogni interesse tecnico: esse vanno messe in relazione, non già con la tecnica (non ancora esistente) della fabbricazione di utensili e suppellettili, ma con la tecnica della caccia, la sola posseduta dall uomo del Paleolitico. La sua esistenza dipendeva dall incontro con la fiera: alla lunga attesa dell agguato succedeva l apparizione improvvisa dell animale fuori della macchia, il balzo del cacciatore, l inseguimento, l atto del colpire. I gesti del cacciatore dovevano essere rapidi, precisi, tempestivi. La prontezza e la sicurezza che il disegnatore dimostra nel percepire e nel fissare la sagoma dell animale in corsa [4] corrispondono alla sicurezza e alla rapidità del percepire e dell agire del cacciatore.

7 LE ORIGINI 3 2 Il cosiddetto Cavallo cinese (particolare della decorazione parietale), XVI millennio a.c. circa, pittura su roccia, lunghezza 130 cm, grotta di Lascaux (Dordogna) Bisonti (particolare della decorazione parietale), XVI millennio a.c. circa, pittura su roccia, lunghezza complessiva 240 cm, grotta di Lascaux (Dordogna) RCS LIBRI EDUCATION SPA 3 4 Animali policromi (particolare della decorazione parietale), XVI millennio a.c. circa, pittura su roccia, grotta di Lascaux (Dordogna), diverticolo assiale 4

8 4 LE ORIGINI Il Neolitico: l arte dei pastori e degli agricoltori Com è stato giustamente osservato, è una pittura non di rappresentazione ma di azione; non raffigura qualcosa di accaduto e rievocato, ma qualcosa che si vuole che accada e che si anticipa col pensiero. Il gesto che traccia l immagine del bisonte ha la stessa dinamica del gesto del cacciatore che, domani, fermerà la sua corsa nella radura: la figurazione è come la prova, in palestra, della gara che si dovrà sostenere in campo. I cacciatori di Lascaux o di Altamira non potevano avere chiare nozioni sulla forma, la struttura anatomica del bisonte o della renna: per essi esisteva soltanto l animale in corsa con cui dovevano misurarsi. Il movimento dell altro è anche il proprio: l identificazione del cacciatore con la fiera non è soltanto magica ma esistenziale. Con i pochi colori di cui dispone (terre, carbone, succhi d erbe) il pittore-cacciatore fissa soltanto ciò che percepisce in quell istante: la massa lanciata, la curva della groppa inarcata nel balzo, la tensione nervosa dei garretti, la dislocazione delle masse muscolari, il fremito delle narici. Un immagine fulminea non è necessariamente un immagine schematica: talvolta la visione rapida coglie e mette a fuoco particolari che una visione meno concitata non rileverebbe, e un accenno istantaneo basta a suggerire sinteticamente l insieme. È questa presa immediata, quasi violenta, che costituisce il fascino delle figurazioni paleolitiche. I pastori e i coltivatori del Neolitico, invece, vivono in un luogo fisso, operano in uno spazio conosciuto e determinato, fanno parte di un sodalizio sociale. La loro immagine del mondo ha contorni precisi e non è dinamica ma statica; il loro ideale è un ordine costante nei rapporti con la realtà. Sanno come sono fatte le cose che formano il loro ambiente e con cui hanno una consuetudine quotidiana; non hanno neppur bisogno di descriverle, le indicano con certi segni sui quali si è stabilito un accordo comune. Il bisonte non balza più fuori dalla macchia, ma vive pacifico nel recinto, aiuta gli uomini a lavorare la terra: e questi lo raffigurano, non più per sortilegio magico, ma perché rappresenta un valore reale. Il segno che sta per bisonte può essere ripetuto molte volte e la serie indica che si possiedono o si desidera di possedere non uno, ma molti bisonti. Lo stesso segno vale per tutti i bisonti, cioè non indica quel bisonte ma, oggi diremmo, l essenza o l idea del bisonte, ciò che tutti i bisonti hanno in comune (le lunghe corna, le quattro zampe). Sono questi segni che gli etnologi chiamano a- Le prime costruzioni votate al culto stratti o geometrici, contrapponendo la loro regolarità alle immagini improvvisate nel Paleolitico. Dalla ripetizione e dalla pluralità dei segni nasce l ornamentazione; i segni sono simboli di valore, dunque danno valore alle cose a cui si associano. All idea del valore è connessa quella della durata; la suppellettile non è più soltanto un oggetto di utilità immediata, ma un bene materiale, che fa parte di un patrimonio. Consideriamo un qualsiasi vaso di terracotta decorata [6]. La sua forma dipende da esigenze oggettive: resistenza, durata, maneggiabilità, peso e densità della materia che dovrà contenere. Sulla superficie il vasaio ha tracciato segni che non soltanto hanno un significato simbolico, ma modificano la forma visibile del vaso perché attraggono lo sguardo su altre immagini, sul loro contrasto coloristico rispetto al fondo, sul ritmo dei loro contorni. Il vaso ornato sta nello spazio diversamente dal vaso disadorno; mediante quelle immagini si mette in rapporto con l ambiente, evoca cose diverse e lontane. Mediante l ornamentazione si supera il limite fisico dell oggetto e gli si dà un valore spaziale o di relazione. Anche al di là dell ornamentazione simbolica, gli uomini del Neolitico cercano di foggiare oggetti di culto validi per tutta la comunità: è il caso delle pietre allungate infisse nel suolo (menhir) [8] e delle lastre poste orizzontalmente su sostegni verticali (dolmen) [7], che sono i primi documenti di costruzioni votate al culto. E sempre più si sviluppa il culto dei morti. Le tombe a tetto e a volta sono tra i primi esempi di costruzioni stabili: e quasi tutto ciò che sappiamo della vita delle civiltà primitive ci è stato detto dalle armi e dalle suppellettili trovate nelle sepolture. Le migrazioni di popolazioni asiatiche e indoeuropee, che per le prime hanno praticato la lavorazione dei metalli, determinano i primi atti della cultura protostorica mediterranea. Non solo nella tecnica ma anche nell organizzazione politica, e specialmente nella formazione di grandi stati monarchici con vaste città fortificate, l Egitto e la Mesopotamia hanno la precedenza: le loro potenti dinastie risalgono rispettivamente al principio e alla metà del terzo millennio. L alto livello della loro cultura artistica, documentato dalle rovine di Babilonia e dai monumenti dell architettura, della scultura e della pittura egiziana, esercita indubbiamente una forte influenza sul formarsi della civiltà artistica mediterranea, che tuttavia presenta fin da principio caratteri propri.

9 LE ORIGINI 5 5 Monumento megalitico con graffiti, fine del IV millennio, pietra, Newgrange (Irlanda) 5 6 Vaso dipinto (da Serra d Alto), III millennio a.c., 6 terracotta, altezza 15,5 cm, Matera, Museo Nazionale 7 Dolmen o camera sepolcrale di Pentre Ifan, pietra blu delle Preseli Mountains, Preseli Mountains (Galles) 7 8 Allineamento di menhir di Le Ménec, 8 fine IV inizio III millennio a.c., Carnac (Bretagna)

10 Modulo 1 La civiltà egea e l arte greca La civiltà minoica «Nelle isole egee si formano piccoli stati la cui prosperità economica è dovuta alla fertilità del suolo, alla raffinata produzione artigianale, alla frequenza dei traffici. Creta è il cuore della civiltà minoica (dal mitico re Minosse), ma caratteri affini o dipendenti si trovano in tutta l area dell Egeo e del Mediterraneo orientale.» Tra il 2000 e il 1400 a.c. si colloca la massima fioritura della civiltà minoica, il cui centro era l isola di Creta con i suoi grandi palazzi più volte distrutti e ricostruiti. Con la conquista dell isola da parte delle popolazioni elleniche, la civiltà micenea, di cui conosciamo le vicende attraverso i poemi omerici, si sovrappose a quella minoica. mar Egeo Più tardi, verso il 1200 a.c., popolazioni provenienti dal nord si stabilirono nella penisola ellenica, modificandone il tessuto sociale e culturale e spingendo le popolazioni locali a lasciare la Grecia per fondare nuove città lontane dalla madre patria. Le vicende storiche e politiche della civiltà ellenica si intrecciano con la storia dell arte greca. Si possono distinguere in essa tre periodi: la fase arcaica (VII-VI secolo a.c.), periodo in cui nelle poleis si organizzarono forme di governo articolate e complesse; la fase classica (V e metà del IV secolo a.c.) in cui la città di Atene prevalse sulle altre poleis e fu il centro culturale più vivo del Mediterraneo; la fase ellenistica (dalla metà del IV alla metà del I secolo a.c.), che coincise con la fine dell indipendenza della Grecia e con l impero di Alessandro Magno. L arte greca, più di ogni altra manifestazione artistica del passato, ha avuto importanza nella cultura europea che ha in essa le proprie radici. mar Mediterraneo Tebe Micene Argo Le città-stato micenee Tirinto Haghia Triada «Il fondamento delle monarchie che governano le città-stato elleniche è ancora patriarcale [...] Annidata sul monte e cinta da mura ciclopiche, Micene, la città degli Atridi, era insieme reggia e fortezza.» Cnosso Festo RCS LIBRI EDUCATION SPA INDICE La civiltà egea 1. L arte minoica 2. L arte micenea L arte greca 3. Introduzione 4. L architettura 5. La scultura arcaica 6. La scultura classica 7. La scultura ellenistica 8. L urbanistica e l architettura ellenistica 9. La pittura greca

11 Lo sviluppo delle poleis «La crescente infiltrazione di genti provenienti dal nord (dori) determina la migrazione dei popoli ellenici della costa occidentale verso l oriente: l Asia minore diverrà così il centro della cultura ionica» L egemonia ateniese «Dopo la vantaggiosa pace con i persiani, Pericle cerca di conservare, sotto l egemonia ateniese, l unità delle città greche che avevano fatto lega nel momento del pericolo; nello stesso tempo, instaura una saggia politica di sviluppo economico e culturale.» mar Egeo Sicione Megara Atene Efeso Argo Sparta Corinto Mileto mar Mediterraneo La diffusione della cultura greca «Entro il vasto orizzonte aperto al mondo antico dalle conquiste di Alessandro il Macedone, la cultura artistica greca si diffonde illimitatamente, al tempo stesso arricchendosi di nuovi spunti e motivi, specialmente orientali. L impero succede alla polis; e, nella società più differenziata ed estesa, anche il concetto della personalità umana si trasforma. L ideale non è più il perfetto cittadino, ma il personaggio illustre: il condottiero, il poeta, il filosofo.» L ellenismo Atene Pergamo Antiochia «Il mondo ellenistico è un mondo di movimento, di relazioni, di scambi: ceti sociali differenziati non più soltanto per casta o per nascita, ma per censo e professioni, cultura diffusa e specializzata, grande sviluppo tecnico, produzione e traffici intensi. Le grandi città hanno ciascuna un proprio carattere, i propri monumenti, le proprie scuole artistiche; ma tutte attingono alla comune fonte classica, tutte si sentono partecipi di un immensa comunità fatta di stirpi e di genti diverse, una ecumène.» Alessandria

12 8 La civiltà egea 1. L arte minoica Il palazzo di Cnosso Il palazzo di Cnosso era sede del sovrano, ma anche centro di vita religiosa e produttiva. Per la sua forma intricata si identificava nell immaginario greco con il labirinto, il mitico luogo nel quale Minosse chiuse il Minotauro. I.2 Pianta del palazzo di Cnosso mar Ionio Pilo Civiltà minoica Civiltà micenea Micene Argo Peloponneso Tebe Tirinto Creta mar Egeo Festo Thera (Santorino) Cnosso Troia Samo I.1 Aree di diffusione e principali centri delle civilità minoica e micenea Focea Asia Minore Mileto Cos Rodi mar di Creta 1 La forma complessa dell edificio deriva dalla sua stessa origine, in quanto gli ambienti venivano aggiunti l uno all altro con grande libertà, secondo le esigenze di una struttura in continua e- voluzione. Il nome deriva secondo alcuni studiosi dalle numerose decorazioni di asce bipenni (labur) che si trovavano nel palazzo. La doppia ascia, infatti, come le corna di toro, era un antico simbolo cretese, la cui interpretazione è controversa. Al centro del palazzo si trova un grande cortile, dal quale si entra nelle diverse zone che lo compongono. L edificio si basa sul sistema costruttivo architravato, formato cioè da elementi verticali che ne sostengono altri orizzontali, detti appunto architravi. I popoli che abitano le isole e le coste del Mediterraneo, e specialmente dell Egeo, sono diversi dai popoli asiatici per origini, culti, tradizioni e modi di vita. Il mare è una difesa naturale e una via di comunicazione; nelle isole egee si formano piccoli stati, la cui prosperità economica è dovuta alla fertilità del suolo, alla raffinata produzione artigianale, alla frequenza dei traffici. Creta è il cuore della civiltà minoica (dal mitico re Minosse), ma caratteri affini o dipendenti si trovano in tutta l area dell Egeo e del Mediterraneo centrale. Cronologicamente la civiltà cretese occupa quasi tutto il terzo e il secondo millennio a.c.; la sua massima fioritura è tra il 2000 e il 1400 a.c. A una prima fase di splendore, in cui l isola è divisa nei due stati di Cnosso e di Festo, segue verso il 1700 una crisi di cui si vedono i segni nelle rovine dei più antichi palazzi distrutti e incendiati; la seconda, in cui Cnosso domina tutta l isola, termina verso il 1400 con le invasioni armate di popoli della costa ellenica. Il peristilio visibile nella fotografia è un cortile interno porticato a colonne sul quale si affacciano vari ambienti. Il peristilio serviva a distribuire l aria e la luce nella complessa e ampia costruzione; è collegato con scale al cortile centrale poiché la struttura architettonica è articolata su vari livelli, che si adattano all andamento del suolo. Le colonne che circondano il peristilio, come quelle che si trovano in altri ambienti, richiamano la forma del tronco d albero, elemento naturale dal quale derivano. Si restringono verso il basso e poggia- I grandi palazzi Gli scavi condotti al principio del nostro secolo hanno riportato alla luce i resti dei grandi palazzi reali di Cnosso [I.4] e di Festo e della villa reale di Haghia Triada. I palazzi non avevano cinte fortificate; sorgevano su alture vicino al mare modellandosi sul declivio del colle con un succedersi di terrazze e gradinate; gli ambienti erano rag- I.3 Lo scalone orientale del palazzo di Cnosso visto da un cortile interno 3

13 1. L ARTE MINOICA 9 0 Ingressi del palazzo Santuario Sala del trono 40 m I.4 Resti del palazzo di Cnosso, XVII-XV a.c., Creta no su una base di pietra, dalla quale parte il fusto. In alto, il capitello a cuscinetto è leggermente schiacciato. Le colonne erano vivacemente colorate, un aspetto messo in e- videnza dall attuale ricostruzione di alcune parti del palazzo. Nell ala occidentale è situata la 2 zona ufficiale e di rappresentanza, con la sala del trono e il santuario, che costituivano rispettivamente il centro politico e quello religioso dell ambiente. La sala del trono ha il sedile in alabastro e le pareti dipinte. Quella dietro al trono è decorata con due grifoni e altri motivi di tipo natura- listico. Il grifone è un animale con la testa d aquila, simbolo del potere religioso, e il corpo di leone, simbolo del potere politico. La composizione è simmetrica e prevale l aspetto decorativo, con andamenti curvi, a spirale, ondulati, che delineano i motivi decorativi e il contorno di fiori e animali. RCS LIBRI EDUCATION SPA 4 I.5 Resti del colonnato all ingresso nord del palazzo di Cnosso 5 6 I.6 Affreschi della sala del trono nel palazzo di Cnosso, XVI secolo a.c.

14 10 Modulo 1 LA CIVILTÀ EGEA E L ARTE GRECA gruppati intorno a grandi cortili; i vestiboli e le sale maggiori avevano pilastri di pietra o di legno ristretti (rastremati) verso il basso. Oltre agli ambienti di rappresentanza, v erano luoghi destinati alle varie funzioni di governo, agli spettacoli e ai giochi ginnici, magazzini e laboratori artigiani. Il palazzo era dunque il centro vitale, non solo del potere politico-religioso e dell amministrazione, ma anche della produzione e del commercio: ciò prova che la monarchia cretese aveva già il carattere patriarcale che si ritroverà nelle città-stato greche. Le pitture murali Molte sale del palazzo erano decorate con grandi pitture murali [I.9]: le immagini, piatte e profilate, avevano tinte chiare e luminose entro contorni stilizzati, ritmici. La varietà dei temi, la mancanza della gravità rituale delle figurazioni asiatiche, l andamento più libero delle linee e l accordo dei colori dimostrano che l immaginazione degli artisti è già aperta verso gli orizzonti di una mitologia fondamentalmente naturalistica. Gli stili della ceramica La scultura Nella ceramica v è un primo stile, detto di Kamares [I.10], a figure geometriche dai colori brillanti: spirali, cerchi, curve riprendono sulla superficie e sviluppano coloristicamente la curvatura del vaso, come se il pittore volesse comunicare la forma dell oggetto allo spazio circostante. Più animate e naturalistiche sono le figurazioni dello stile di cui è esempio famoso la brocchetta di Gurnià [I.11]. In essa, tutta la decorazione è risolta con l immagine di un polpo che avvolge con le lunghe spire dei suoi tentacoli il corpo del vaso. L andamento mollemente ondulato del segno alterna i chiari e gli scuri con un ritmo irregolare che visivamente deforma la simmetria stessa del vaso, come veduto nella trasparenza dell acqua. Anche l invenzione del polpo, sebbene discenda dalle decorazioni zoomorfiche orientali, è nuova: è un essere vivo che s impadronisce dell oggetto e suggerisce, intorno ad esso, uno spazio diverso dal reale, immaginario. L oggetto è sempre un vaso, con la sua funzione pratica: ma è anche un episodio, un fatto che accade sotto i nostri occhi, un momento dell esistenza. Lo stesso può dirsi della scultura, rappresentata da statuette votive [I.8] di terracotta colorata o di bronzo, d un modellato sintetico e quasi improvvisato, sensibilissimo ai giochi della luce, nonché dai rilievi sui vasi di steatite [I.7], con figure che sembrano prese dal vero e ravvivate da accenti caricaturali: siamo ormai in un mondo in cui l idea del divino si associa alla realtà della vita e tocca, col tema dominante della Dea Madre, i sentimenti popolari (la fecondità della donna e della terra; i costumi cittadini; i giochi). I.7 Vaso dei mietitori (particolare, da Haghia Triada), XVI secolo a.c., steatite, Heraklion (Creta), Museo Archeologico I.8 La cosiddetta Dea dei serpenti (dal tesoro del santuario di Cnosso), a.c., ceramica policroma, altezza 34,5 cm, Heraklion (Creta), Museo Archeologico 7 8

15 1. L ARTE MINOICA 11 I.9 Tauromachia (dal palazzo di Cnosso), XVII secolo a.c., affresco, altezza 86 cm, Heraklion (Creta), Museo Archelogico 9 I.10 Vaso in stile di Kamares, XX-XIX secolo a.c., ceramica policroma, Heraklion (Creta), Museo Archeologico I.11 Anforetta con la caratteristica decorazione a polpo detta brocchetta di Gurnià (da Paleocastro), 1500 a.c. circa, ceramica policroma, altezza 28 cm, Heraklion (Creta), Museo Archeologico I.12 Fruttiera in stile di Kamares, XIX-XVIII secolo a.c., ceramica policroma, Heraklion (Creta), Museo Archeologico 12

16 12 Modulo 1 LA CIVILTÀ EGEA E L ARTE GRECA 2. L arte micenea Micene, reggia e fortezza degli Atridi Il rapporto tra Creta e le città della terraferma ellenica fu molto intenso; ma profondamente diverso è il terreno sociale su cui si sviluppa la civiltà descritta nei poemi omerici. Il fondamento delle monarchie che governano le città-stato elleniche è ancora patriarcale, ma agitato da fosche tragedie dinastiche e famigliari: comune, però (e lo prova la coalizione degli achei contro Troia), è l aspra volontà di lotta contro gli ultimi caposaldi dell espansione asiatica nel Mediterraneo. Annidata sul monte e cinta da mura ciclopiche, Micene [I.14 I.15], la città degli Atridi, era insieme reggia e fortezza. Si accedeva alla cittadella per una via fortificata incassata tra muri guarniti di opere difensive, che terminava con la porta dei Leoni [I.13], formata da quattro monoliti e sormontata da un fastigio triangolare, con due leoni rampanti e nel mezzo, il fusto di una colonna. Fuori delle mura è il cosiddetto tesoro di Atreo [I.16 I.17], in realtà una tomba a tholos (a pianta circolare con una volta conica) di grandi dimensioni. È una costruzione scavata nel monte, e vi si accede da un dromos [I.18] e da una porta simili a quelli della cittadella. La volta [I.19] è formata da anelli di blocchi sporgenti, che vanno restringendosi verso l alto, tenuti insieme dalla pressione del terreno. È uno spazio cavo senza luce; è la triste dimora dei morti, quasi l immagine architettonica dell Ade. RCS LIBRI EDUCATION SPA 13 Il rapporto tra l arte micenea e quella cretese Il rapporto dell arte micenea con quella cretese è dimostrato dalle pitture murali di Tirinto, dallo stile delle ceramiche e delle oreficerie. Le tazze auree di Vaphiò [I.23 I.24] sono prossime, per l improvvisazione plastica e narrativa, ai rilievi cretesi; ma il modo di sbalzare la lamina d oro rendendola estremamente sensibile alla luce e quasi dilatandola nello spazio è proprio della oreficeria micenea, quale ci è nota da un ampia serie di oggetti (pettorali, placche etc.) e, specialmente, dalle maschere funerarie, in cui lo stesso splendore della materia accresce la tremenda fissità dei volti. I.13 Porta dei Leoni, XIV secolo a.c. circa, apertura della porta 3 x 3 m circa, altezza del rilievo 2,9 m, Micene Nella porta dei Leoni tre enormi massi, due verticali (piedritti) e uno orizzontale (architrave), formano la struttura portante. La grossa lastra con la sua forma triangolare fa scaricare il peso sui piedritti, alleggerendo in questo modo la pressione esercitata dagli enormi massi squadrati sull architrave sottostante.

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

L ARTE CRETESE. Statuetta di marmo d arte cicladica

L ARTE CRETESE. Statuetta di marmo d arte cicladica L ARTE CRETESE Grazie ad alcune impegnative campagne di scavo e ad approfonditi esami dei tanti reperti rinvenuti alla fine del 1800 nell isola di Creta, gli archeologi di una spedizione italiana (che

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO Civiltà minoica e micenea Quale civiltà si sviluppò nell isola di Creta?

Dettagli

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA CLASSE I A musicale ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROF: Malfatto Elena Programmazione di storia e geografia CONOSCENZE Criteri e metodologia storica Tipologie di fonti

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi)

1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi) PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE a.s. 2014-2015 DISCIPLINA: STORIA - CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE: I B DOCENTE: SANACORE ROSARIA 1. OBIETTIVI DIDATTICI (competenze di base per l asse dei linguaggi) Competenze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 CIVILTà CRETESE RIASSUNTO DELLA LEZIONE TIPO TWEET Twitter is an online social networking and microblogging service that enables its users to send and read

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

TITOLO : La civiltà cretese e micenea

TITOLO : La civiltà cretese e micenea 1E 120112_Tomasi_Laciviltàcretesemicenea, Pagina 1 di 7 TITOLO : La civiltà cretese e micenea L isola di Creta e la sua posizione centrale nel Mediterraneo Arthur Evans Arthur Evans mentre analizza un

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA ßIndice del volume AVVIO ALLO STUDIO DELLA STORIA I L l metodo della ricerca storica 2 1 Differenza tra Storia e Preistoria 2 2 Cronologia e periodizzazione 4 a classificazione delle fonti e la Storiografia

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Leggere parole in schema: i testi misti

Leggere parole in schema: i testi misti Saeda Pozzi Leggere grafici e tabelle Esercizio 1 Osserva il grafico delle temperature di Bologna dell esercizio 2, si tratta di un grafico a colonne, detto istogramma, e lavora con un tuo compagno discutendo

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza Istituto di Istruzione Cittadella T.L.Caro a.s. 2007/2008 PROGRAMMA di STORIA classe I A Docente: prof. Maurizio Tessaro Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A.

Dettagli

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE Alessandra Zambelli EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE ZAMBELLI, Alessandra Educacibo. Impariamo a gustare il cibo sano ; Roma : Armando, 2014 96 p. ; 27 cm. (Scaffale aperto) ISBN:

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI PRIME DISCIPLINA: GEOSTORIA A.S. 2015/2016

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: x LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE Classi Prime Progettazione annuale 1. Rilevazione dei livelli di partenza della classe ed individuazione delle competenze precedentemente acquisite. Profilo

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE CLASSE 1 A anno scol. 2012/2013 conoscenza della classe presentazione del programma elementi della grammatica

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA-SECONDA E TERZA SCUOLA PRIMARIA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Conoscenze (indicazione sommaria dei L alunno utilizza le conoscenze e le

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Storia facile per la classe terza

Storia facile per la classe terza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini per la classe terza L origine della Terra e la Preistoria Scuola primaria

Dettagli

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 REALTÀ E IDEALE CARRIERA POLITICA VIVE IN PRIMA PERSONA - COME AMBASCIATORE PAPALE LA DECADENZA POLITICA DELL ITALIA: LE INVASIONI ORMAI INEVITABILI MOSTRANO COME SIA IMPOSSIBILE

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli