* CONVERSAZIONI SUL GIORNALISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "* CONVERSAZIONI SUL GIORNALISMO"

Transcript

1 * CONVERSAZIONI SUL GIORNALISMO IV^ ed ultima * La Libertà di Stampa Le Conquiste! Le Sconfitte! * Comincerò quest ultima conversazione una breve notizia per molti decenni coperta dal segreto di Stato. Ora non lo è più. Quindi, non c'è violazione. C'è però l'anticipazione di un informazione, finora sconosciuta. Nel settembre del 1943, l allora Governo nazionale scappò da Roma. Si rifugiò a Bari. Da qui, traslocò a Salerno. Una preoccupazione assillava Presidente del Consiglio, generale Badoglio. La traggo dal resoconto del Consiglio dei Ministri: "A proposito della stampa... Badoglio sottolinea la necessità che il Governo avesse sotto controllo almeno un giornale a Napoli, uno in Sicilia e uno in Sardegna oltre all'eiar (la RAI di oggi) e riferisce una conversazione avuta al proposito, con il generale Mac Farlane" (del Quartiere Generale delle Forze Armate Alleate). Il Presidente del Consiglio Badoglio, il Primo Ministro inglese Churchill ed Ivanoe Bonomi a Roma subito dopo la liberazione dalla occupazione tedesca 21

2 Quella frase di Badoglio la dice lunga su come, talvolta, alcuni personaggi dell'esecutivo si comportano nei confronti della libertà di stampa e dell'opinione pubblica. Ma va detto che, già molti e molti anni prima, alcuni uomini politici seguivano lo stesso comportamento. La prima proposta di legge per purgare la libertà dei giornalisti, venne esaminata dalla Camera dei Deputati nella seduta del 20 febbraio Tuttavia, il dibattito parlamentare vero e proprio sulla libertà di stampa si svolse undici anni più tardi. Bozzetto in legno (1900) dell attuale Aula della Camera dei Deputati In quella occasione si manifestarono opinioni pro o contro così elevate, così erudite, così sapienti, la cui validità è, purtroppo, attuale tutt'oggi. Anche nei nostri giorni, assistiamo a tentativi di rimettere sugli altari l'antica "licenza de' Superiori". Ma ancor prima di quel lontano dibattito parlamentare, la libertà di stampa, per affermarsi, aveva dovuto percorrere in Europa un lungo e difficile cammino, ed aveva dovuto pagare prezzi talvolta altissimi. 22

3 In Francia la GAZZETTE DE FRANCE - impressa dall editore Theophraste Renaudat con l'autorizzazione e con il finanziamento del Primo Ministro Armad Jean de Plessis, che altri non era che il famoso cardinale Richelieu - pubblicava solo notizie e comunicati a carattere ufficioso. Il cardinale Richelieu In Inghilterra, il giornalismo si inseriva da protagonista nella lotta politica tra la Casa reale Stuart ed il Parlamento. E' in questa occasione che, per la prima volta, il giornalismo tenta di affermarsi, mentre l'autorità politica cercherà di impedirne talune manifestazioni attraverso la censura. Però, in un successivo breve periodo privo di restrizioni, ci furono alcuni giornali, e giornalisti, che fecero un uso o meglio abuso della libertà di stampa. Per questa ragione, dopo appena pochi anni, fu ripristinata la censura da parte della Camera dei Comuni. 23

4 Frontespizio de IL PARADISO PERDUTO di Jhon Milton. Edizione del 1711 presso la Biblioteca Nazionale Braidense, Milano Un poeta, che amava scrivere sonetti anche in lingua italiana, John Milton - autore de IL PARADISO PERDUTO, opera definita "l'unica grande epopea cristiana della letteratura mondiale" - nella sua battaglia a favore della libertà di stampa, si rivolse ai parlamentari con queste parole: "Uccidere un uomo, vuol dire sopprimere una creatura ragionevole. Reprimendo la Stampa, voi deputati inglesi uccidete la stessa Ragione". John Milton In Inghilterra, per la verità, molti furono i metodi escogitati per limitare la libertà di stampa. Tra questi, la proposta - votata ed approvata nel di far pagare una tassa per ogni foglio di giornale. Da quella data, il giornale poteva essere stampato soltanto su carta bollata fornita dallo Stato: mezzo penny per un giornale di mezzo foglio; un penny per un giornale stampato a foglio intero. I giornali da un penny cessarono le pubblicazioni. Quella tassa, però, favorì la fioritura di giornali clandestini con i quali si scriveva e diffondeva tutto ed il contrario di tutto. Per eliminare quella stampa clandestina, si accertò un solo mezzo: abolire la tassa di bollo. Per arrivare a quella constatazione, tuttavia, ai politici inglesi fu necessario quasi un secolo. 24

5 Oliver Cromwell In Inghilterra, la libertà di stampa tornò ancora una volta con l'ascesa al potere di Oliver Cromwell, che poi fu anche il primo uomo politico a dare l'ordine di "purgare" il Parlamento. Poco dopo, però, il Governo tornò a dare una regola al giornalismo. Lo fece con due provvedimenti contrastanti, come lo sono il bastone e la carota. Da una parte venne ripristinata la censura preventiva sulla stampa con il "Licensing Act"; dall'altra, si offrirono sussidi al giornalismo. Pochi anni più tardi, un memoriale del filosofo Locke, dimostrò all'inghilterra e all'europa, che i danni provocati dalla censura preventiva, erano di gran lunga "più immensi" delle possibili offese che potevano essere ricevute con la libertà di stampa. La censura venne definitivamente tolta. John Locke Prima che si affermasse questa convinzione, una notte dell'ottobre del 1663, venne invasa e distrutta a Londra una tipografia. Apparteneva al signor Twyn il quale, evidentemente, stampava giornali senza sottoporli alla censura preventiva. Colui che guidò il saccheggio era nientemeno "uno della stampa". I cronisti dell'epoca lo hanno fatto conoscere ai posteri col nomignolo di "mentitore sconosciuto". Il tipografo Twyn venne arrestato, processato e condannato. Prima della sentenza, si rivolse ai giudici per chiedere perdono "al Re e a Lor Signori". "Chiedetelo a Dio", gli risposero "Lor Signori". E il boia ricevette l'ordine di eseguire la sentenza con le parole di rito: "Fate l'affar vostro". Con il '700, si afferma in Inghilterra una novità che si diffonderà in tutti i Paesi del mondo occidentale. Gli uomini politici destinati ad avere 25

6 grande fama, cominciarono a dedicarsi al giornalismo che offriva loro una possibilità di successo in più. L'ingresso dei politici nel giornalismo, dette un notevole contributo al consolidamento, sia pure graduale, della libertà di stampa. I politici, in particolare, contribuirono a superare lo scontro Stampa-Parlamento. Tempo prima, con il varo dello "Standing Order", la Camera dei Comuni aveva vietato di pubblicare quanto si diceva in Parlamento. La decisione fu giustificata con la nobile necessità di assicurare il "trionfo delle idee" manifestate dai deputati. Le pene erano severe. Arresti. Fiamme per i giornali. Condanne alla berlina per i giornalisti. Napoleone: grande per le imprese militari e per la violenza della censura In Francia, la questione della libertà di stampa ebbe vicende diverse. Prima della Rivoluzione, il Governo permetteva la pubblicazione di appena una dozzina di giornali. Nel 1789, l'assemblea Nazionale decretò che ogni cittadino poteva "scrivere e stampare liberamente". Ma "le diffamazioni, le ingiurie, le invettive dei partiti", diffuse attraverso i giornali, indussero l'assemblea Nazionale a reprimere gli eccessi della stampa. Dapprima fu reso obbligatorio, per i parlamentari, di optare tra la funzione di deputato e quella di giornalista. Poi, i giornali ed i torchi tipografici, vennero messi sotto il controllo della Polizia. Ne seguì che i direttori e i giornalisti di 67 giornali parigini, furono condannati alla deportazione. Il IV fruttidoro (17 settembre 1807), i giornali francesi furono sottoposti al pagamento della tassa di bollo. Poco dopo, Napoleone ripristinò la censura sulla stampa. Nel 1811, il GIORNALE DELL'IMPERO pubblicava il seguente avviso dettato - si tramanda - personalmente dall'imperatore Napoleone: "A datare dal 1 ottobre prossimo, a Parigi non si pubblicheranno che 26

7 quattro giornali: IL MONITORE, IL GIORNALE DELL'IMPERO, LA GAZZETTA DI FRANCIA ed IL GIORNALE DI PARIGI". Giornale pubblicato in Italia con il permesso del sovrano napoleonico Allo scrittore e poeta Chateaubriand, che si era permesso di scrivere contro corrente, furono promesse alcune sciabolate, "perchè - spiegò Napoleone - non vi è stabilità possibile con la libertà dei libelli". Giusto in questo periodo, un deputato francese si prostituì al punto da sostenere un nuovo modo di educare l'opinione pubblica: Le idee - disse costui - passano dai giornali e dai libri, alle menti. Dunque, è dalle menti che bisogna bandire le idee. Ma fino a quando i cittadini non avranno dimenticato quello che apprendono dalla stampa, saranno sempre male disposti alla servitù. Un metodo educativo - offerto dalla storia alla nostra memoria - che in seguito si tenterà spesso di imitare. Tuttavia, l'opinione pubblica francese dovette attendere sino al 27

8 1870, prima che i suoi politici capissero che, "per la grandezza della Francia", era tempo di accordare alla stampa maggiore libertà. E veniamo all'italia. Il problema della libertà di stampa venne preso di petto in una discussione parlamentare che occupò ben sette sedute della Camera dei Deputati. Da quella data ad oggi, nessun altro dibattito parlamentare ha toccato i temi della libertà di stampa, in modo così elevato come quello del febbraio del Quell impegno culturale e politico, è dato dalla partecipazione alla discussione di cinque statisti che poi avrebbero retto la presidenza della Camera dei Deputati; da sei deputati che sarebbero stati chiamati dal Re a guidare il Governo del Paese; da vari ministri, deputati, giornalisti deputati e da tre sacerdoti-deputati (i reverendi Pernigotti, Asproni e Angius). Una curiosità che rivela come la libertà di stampa, talvolta, può essere pelosa. Di quest'ultimi tre sacerdoti-deputati - che pure si batterono con dedizione sulle questioni della libertà della stampa - non c'è traccia nel DIZIONARIO ENCICLOPEDICO ITALIANO. Eppure, per onorare la scomparsa di uno di loro, il deputatosacerdote Giorgio Asproni, l'aula del Parlamento nazionale (Montecitorio) fu messa in gramaglie, in altre parole fu tutta addobbata in un nero lugubre, per tre giorni di seguito: fatto unico nella storia politico-parlamentare d Italia. Lo stesso DIZIONARIO, però, cita in compenso il vocabolo "asprone": il nome che gli abitanti di Bari danno ad un pesce. Comunque, la Camera dissentiva dal progetto di legge con il quale il Governo chiedeva di trasformare i reati di stampa da politici in reati comuni. Anzi, l Assemblea dei deputati aveva redatto un proprio progetto di legge sulla libertà di stampa. 28

9 Una curiosa immagine di Cavour riprodotta nella copertina di uno spartito per pianoforte solo e flauto, in vendita a due franchi la copia Toccò a Camillo Benso di Cavour, che all'epoca era ministro delle Finanze, della Marina, dell'agricoltura e del Commercio, il compito di difendere il progetto di legge del Governo sulla limitazione della libertà di stampa. Sappiamo che Cavour fu il Presidente del Consiglio che più di tutti si adoperò per l'unità. Molti di noi sanno che Cavour fu un grande giornalista che si espresse attraverso le pagine de IL RISORGIMENTO. Un esemplare della testata del quotidiano IL RISORGIMENTO Pochi ricordano che Cavour fu il fondatore della Agenzia di stampa STEFANI, attraverso la quale cercò di assicurare all'italia anche l'indipendenza dal monopolio dell'informazione, detenuto in quei tempi da tre Agenzie straniere: la francese HAVAS, l'inglese REUTER e la tedesca WOLF. Tre agenzie con le quali i Governi di Parigi, Londra e Berlino, finivano per monopolizzare poteri multinazionali come quello finanziario, industriale e militare, a scapito di altre Nazioni. In altre parole, Cavour volle riscattare gli italiani dalla servitù che li assoggettava alle tre Agenzie di stampa. Servitù, forse, più grave di quella economica e politica, poiché con il monopolio dell informazione si poteva plagiare e far cambiare opinione a proprio vantaggio, addirittura a tutto il popolo. Alla Camera, Cavour parlò per oltre due ore. Un discorso considerato eccezionale anche per la lunghezza. In quel tempo, l'importanza degli interventi nell'assemblea parlamentare si misurava per la sostanza e la qualità delle cose dette e non per la lungaggine del dire. Al contrario di quanto avviene ai giorni nostri, ove la stampa ha sottolineato i discorsi parlamentari anche per la loro durata. Famoso quello dell'onorevole Almirante che parlò per 18 ore di seguito. Più 29

10 famoso ancora, quello dell'onorevole Boato che superò nel tempo quello di Almirante. I temi toccati da Cavour sulla questione della libertà di stampa - ed anche quelli di altri parlamentari - sono di una attualità sconcertante. Proviamo a riassumerli per grandi linee. Il problema della libertà di stampa, nelle libere Istituzioni è il più difficile da risolversi. Perché - spiegava Cavour - conciliare l'esercizio della libertà con la repressione degli abusi che ne possono nascere, è impresa non solo difficile, ma impossibile. Di qui la necessità di doversi contentare di leggi imperfette. Questa è una verità - insisteva lo Statista - che si dovrebbe sempre tener presente, ogni qualvolta viene a parlarsi della libertà di stampa. Il Presidente del Consiglio Massimo d Azeglio Prima di Cavour, però, aveva preso la parola il Presidente del Consiglio Massimo D'Azeglio. L informazione - aveva osservato D'Azeglio - era quel bene che separava l'epoca moderna dai tempi passati. Dunque, ne derivava che anche la libertà di stampa era un bene e, quindi, si doveva fare ogni sforzo per mantenerla. Ma qui viene la questione difficile. Perché? Perché - notò D'Azeglio - la libertà di informazione, spesso perisce per mani proprie. Se essa, infatti, non tutela la giustizia, non tutela il diritto sociale, il diritto politico, il diritto civile, il diritto religioso, i diritti cari a tutti gli uomini... a poco a poco si finisce per dire: Questa non è libertà; questa è prepotenza di pochi! La libertà di stampa, allora, viene a noia e scade nell'opinione dei 30

11 cittadini. Al contrario, la libertà di informazione doveva essere praticata con giustizia e prudenza. Cavour non fu d'accordo con D'Azeglio, soprattutto per il riferimento alla giustizia ed alla prudenza. E non esitò a confessare che il progetto di legge del Governo, in molte parti, risultava difettoso, anzi difettosissimo. Tuttavia, il Governo non poteva ignorare che gli abusi e gli eccessi della libertà di stampa richiedevano l'adozione di urgenti provvedimenti ed una più efficace repressione. Urbano Rattazzi, per tre volte Presidente della Camera dei Deputati: 1852, 1959 e 1861 Il deputato Urbano Rattazzi - che resse sia la presidenza della Camera dei Deputati, sia la guida del Governo - replicò polemicamente a Cavour ed affermò che ciascun cittadino aveva il diritto di dire e di stampare quello che voleva. Non solo. Disse ancora: Se fosse altrimenti, un poco alla volta il Governo avrebbe finito per abolire la libertà di stampa. Ma questo - ribattè Cavour - era esattamente l'argomento usato da quanti si opponevano alle riforme. E se si dava retta a costoro, a forza di non riformare, si arrivava dritti dritti alle rivoluzioni. Fu a questo punto, comunque, che Cavour fece alla Camera una rivelazione. La decisione del Governo di procedere alla modifica della libertà di stampa era stata approvata persino da quel politico inglese che allora era considerato il campione europeo della libertà: lord Enry John Palmerston. 31

12 Henry John Temple Palmerston. Politico britannico. Eletto deputato tory, si avvicinò al partito avverso wighs. Simpatizzò con i sudisti durante la guerra di secessione dei coloni americani. Intervenne negli affari interni di vari Paesi, tra i quali l Italia Quindi, il progetto di legge del Governo sulla limitazione della libertà di stampa, non era poi così "infausto" come lo avevano definito Rattazzi ed altri deputati della opposizione. Ma a difesa del progetto di legge illustrato da Cavour, intervenne il primo dei tre deputati sacerdoti: l'on. Pernigotti. La Nazione - avvertì il canonico Pernigotti - è convinta che se la forza può comprimere la libertà, gli abusi la uccidono. La stampa è certamente un potente educatore del popolo, "ma se la menzogna entra per mezzo della stampa nel pubblico e nel privato, allora la Nazione applaudirebbe a una legge che venisse al riparo di tanti danni". Carlo Bon Compagni, Presidente della Camera nel Tra le sue opere letterarie e politiche: DELLE SCUOLE INFANTI e LA CHIESA E LO STATO IN 32

13 ITALIA,. Prese parte alla stesura del progetto di legge per assicurare le guarentigie al Pontefice. Per dimostrare che la stampa poteva essere regolamentata, il deputato Carlo Bon Compagni - un Magistrato, poi eletto Presidente della Camera - dapprima riconobbe che il male che travagliava la società italiana non stava nella licenza della stampa, ma nella coscienza civile e morale esitanti nei principi, nonché nella affievolita coscienza religiosa. Tuttavia - sostenne - c erano degli scandali di stampa che andavano puniti, senza però impedire la libertà necessaria nelle questioni politiche e nelle speculazioni dell'ingegno. A difendere la libertà di stampa, tra gli altri, sorse il deputato Angelo Brofferio, giornalista de IL MESSAGGIERE, nonché autore della STORIA DEL PARLAMENTO SUBALPINO. Le tradizioni monarchiche, dichiarò, ci hanno tramandato un detto: "Non toccate la Regina! Ma nelle tradizioni dei popoli liberi - aggiunse - dovrebbe essere scritto: Non toccate la Stampa, perché all'ombra della sua libertà nascono tutti i diritti". Per dimostrare che la limitazione o la repressione della libertà di informare colpiva anche coloro che negavano quella libertà ai propri concittadini, il deputato giornalista Brofferio rammentò che, prima di morire a Sant'Elena, Napoleone aveva fatto una ragguardevole abiura: Censurando la stampa - confessò - ho perso più di quanto avevo conquistato nelle battaglie di Wagram e Austerlitz. Ma il deputato giornalista Brofferio polemizzò soprattutto con Cavour che aveva reso noto il parere favorevole di lord Palmerston al progetto del Governo per limitare la libertà alla stampa italiana. L'Inghilterra - precisò al contrario il deputato giornalista Brofferio - ha una stampa che "penetrava sfacciatamente nei domestici focolari e ne rivelava i segreti turbamenti". Le recenti rivelazioni sulle vicende del reale focolare domestico inglese, a quanto pare, hanno una antica origine. Mentre il dibattito sulla libertà di stampa si faceva sempre più vivace, alcuni deputati colsero l'occasione per paragonare i giornali a delle vere e proprie "Botteghe d'infamia"; e i giornalisti a delle "Vipere che escono dalla buca" per gettare veleno sulle persone e sulle Istituzioni. 33

14 Ma a parte queste definizioni, nell'aula parlamentare ricorreva una domanda che aspetta tuttora una risposta: La stampa è espressione dell'opinione Pubblica, oppure del Potere? Al quesito, già da allora, tentò di rispondere il deputato Agostino de Pretis, più tardi assurto alla guida del Governo; un politico ben introdotto nella Corte dei Savoia e specialmente in quella della Regina della quale, si giurava, fosse un confidente. Iconografia d epoca del primo Governo De Pretis (al centro) Nelle società politiche - spiegò il deputato De Pretis - vi sono da un lato la pubblica opinione e, dall'altro, le istituzioni con il Governo. Nei Governi a dittatura, l'intelligenza e la coscienza pubblica sono concentrate nella mente del Dittatore. Quindi, non c'è libertà. Tanto meno quella di stampa. Nei governi democratici, invece, l'opinione pubblica è il vero fondamento del potere. "Ma - soggiunse il deputato De Pretis - perchè l'opinione pubblica possa formarsi, è necessaria una stampa libera che non sia cioè proprietà esclusiva e prevalente di una parte politica o sociale. Poiché se una maggioranza legale del Paese avesse in mano lo strumento della stampa in modo esclusivo, le manifestazioni della opinione pubblica verrebbero qualificate reati". 34

15 Il deputato sacerdote Giorgio Asproni, benché contrario al progetto di legge del Governo, cercò di riportare il dibattito parlamentare ad un clima di moderazione e serenità. Cominciò ricordando il comportamento degli Imperatori romani Teodosio, Arcadio e Onorio, rispettosi della celebrata libertà di pensiero. Teodosio con accanto i figli Onorio e Arcadio (dal rilievo dell obelisco a Teodosio ad Istanbul) Nell'udire quelle citazioni, molti deputati presero scioccamente a ridere o a manifestare allusioni non ben disposte verso il loro collega. Il deputato Asproni, non raccolse e proseguì sollecitando bonariamente i suoi onorevoli colleghi a riservarsi dal ridere e a riflettere, dopo che avessero udite le parole che quei celebri Imperatori avevano pronunciato in difesa della libertà di esprimere il proprio pensiero. Teodosio, Arcadio e Onorio avevano vietato, addirittura con la forza di una legge, che si dovesse rendere conto delle ingiurie, verbali o scritte, lanciate contro di loro dal giornalismo dell'epoca. Le ragioni di quella legge libertaria, furono da loro così spiegate: se la maldicenza aveva origine dalla leggerezza di chi la diffondeva, costui si doveva disprezzare. Se la maldicenza aveva origine da insania dell'autore dell'ingiuria, questi meritava compassione. Se era frutto dell'animo maligno del calunniatore, questi si doveva perdonare. Perciò - concluse il deputato sacerdote Asproni - non si dovevano definire "vili" i giornalisti. Poichè questo era un attributo grave e terribile che si poteva addirittura applicare al direttore de IL RISORGIMENTO, cioè allo stesso ministro Cavour, per gli articoli che, stando a Torino, aveva scritto contro la condotta del Re di Napoli quando quest'ultimo 35

16 aveva disertato la causa italiana. Ma l'ammonimento del deputato sacerdote Asproni, non fu raccolto. Tant'è che poco dopo votando per appello palese, la proposta del Governo ebbe 100 voti favorevoli e 44 contrari. Da quel giorno - primo marzo gli abusi commessi dai giornalisti, furono puniti come reati comuni e non più come reati politici. Decenni più tardi, il Presidente del Consiglio dei Ministri, onorevole Benito Mussolini, chiese ed ottenne, per legge, di abolire la libertà di stampa. Il Presidente del Consiglio B. Mussolini I deputati che vi si opposero furono appena cinque! Tutti gli altri 261 presenti, alle ore 23 e 50 della notte del 20 giugno 1925, votarono a favore. Fatto più grave, essi applaudirono alla limitazione della libertà della stampa. Nella nostra Costituzione repubblicana - così in quella precedente conosciuta come Statuto Albertino - vi è sancito un diritto che oggi quasi nessun cittadino esercita, ma che purtroppo nemmeno si conosce. Colpa del cittadino? In parte si. Infatti, troppo spesso ci si nasconde nel dire: "Io non lo sapevo". Colpa dei politici? In parte si. Essi non curano di far conoscere questo diritto ai cittadini, sin dalla scuola elementare. Colpa del giornalismo? In parte si. Spesso, pur di compiacere Coloro che abitano più in alto nel Palazzo, il giornalista si sofferma, prevalentemente, alla descrizione superficiale delle anomalie sociali, più che alla ricerca e denuncia delle ragioni che ne sono la causa. 36

17 Quale è quel diritto costituzionale? E' la Petizione sanzionata all'articolo 50 della Costituzione. Là dove è scritto che "Tutti i cittadini possono rivolgere Petizioni alle Camere, per chiedere provvedimenti legislativi ed esporre comuni necessità". Alcuni Costituzionalisti ritengono che la Petizione sia un residuo del passato. Giovanni Spadolini (a destra) e Giulio Andreotti (a sinistra): due politici, due giornalisti Lo scomparso Presidente del Senato Giovanni Spadolini - giornalista e politico - sosteneva, al contrario, che un più frequente uso ed una più attenta pratica della Petizione, potrebbe riavvicinare il cittadino alle Istituzioni e, queste ultime, al cittadino. Un riavvicinamento necessario soprattutto ai nostri giorni. Infatti, dobbiamo costatare che tra le istituzioni e il cittadino sembra permanere una frattura, provocata da una reciproca mancanza di colloquio che si traduce in mancanza di fiducia, per non dire diffidenza. Durante lo Statuto Albertino, la Petizione era molto usata. Anzi, si può ricordare che talvolta se ne fece un uso perverso. Tanto che un deputato dovette esortare l'assemblea parlamentare affinché, nell'esaminare la Petizione, fosse inesorabile contro coloro che, approfittando appunto di tale diritto, si trasformavano in delatori. Naturalmente, non rientrava in quest'ultima categoria la Petizione presentata dal signor Pompeo Rossi. Questi pretendeva dalla Camera dei Deputati di fargli vincere le opposizioni di un padre tiranno che gli rifiutava la mano della figlia! 37

18 Venuta meno la consuetudine del rapporto diretto Istituzione Cittadino, la Camera ha stabilito che le Tribune del pubblico, comprese quelle riservate ai parlamentari, possono essere sgomberate nei casi di tumulti, ma con una sola eccezione: la Tribuna della Stampa. Perché, se quest'ultima fosse sgomberata, verrebbe meno, per l'assenza dei giornalisti, la pubblicità dei lavori parlamentari. Oggi, Camera e Senato, mettono a disposizione dei giornalisti anche una Sala Stampa. La Camera dei Deputati, però, offre al giornalismo qualcosa in più: il Transatlantico. Il Transatlantico di Montecitorio è un vero e proprio foro delle notizie. Il Transatlantico (da una foto del 1970) Il Transatlantico è chiamato così perché l'arredatore del grande salone realizzato all'interno del massonico e brutto castello liberty costruito sul retro dell arioso Palazzo berniniano di Montecitorio, si ispirò al salone di una nave oceanica. Nel Transatlantico, dunque, è possibile raccogliere ogni varietà della notizia sia essa politica, economica, sociale, culturale, scientifica e giudiziaria; nonché commenti, indiscrezioni e persino "soffiate". Sull'uso del Transatlantico c'è una continua divergenza di vedute. I parlamentari lo vorrebbero riservato a se stessi, come era una volta. I giornalisti, da quando se ne sono appropriato l accesso, non lo mollano. Certo è che sarà difficile cacciare i giornalisti dal Transatlantico. Indietro - disse un Presidente della Camera - non è possibile tornare. Tuttavia, non è raro osservare nel Transatlantico due politici impegnati a confabulare sulle sorti del Paese mentre l'orecchio di un 38

19 giornalista spunta dal taschino della giacca di uno dei due. D'altra parte, va ricordato che in tutti i Paesi del mondo si riscontra un amore odio, che unisce e divide i rappresentanti delle Istituzioni e i rappresentanti della Stampa. In Italia, ad esempio, la nascita dell'associazione Nazionale della Stampa avvenne proprio in occasione, Presidente della Camera Francesco Crispi, di un duello tra un deputato e un giornalista schiaffeggiato a Montecitorio dal primo. Ebbe la peggio - come si ripeterà in avvenire - il giornalista. Francesco Crispi, Presidente della Camera nel 1876 Oggi, però, le polemiche tra giornalisti e parlamentari sono uno zuccherino, rispetto a quelle del passato. Pettegolavano allora i politici in un loro DECALOGO, scritto per gettare discredito sui rappresentanti della Stampa, che l'occupazione principale del giornalista era quella di conversare con la serva di casa. E aggiungevano: Il giornalista è persino capace di tradurre dal russo, un libro scritto in francese, senza però conoscere il francese. Ed ancora: Per essere più spedito, il giornalista non ha principii, salvo quello di coltivare la réclame di se, di dire fandonie, di combattere i privilegi degli altri e cercarne per se, di predicare la virtù e fare all'amore con finanziatori possibili. Tutte offese, insomma, che potrebbero essere riassunte in una battuta attribuita, a suo tempo, al Direttore di un quotidiano tra i più diffusi. Alla domanda se il mestiere del giornalista era faticoso, quel Direttore rispose: "Faticoso? Eccome! Ma è sempre meglio che lavorare". 39

20 Naturalmente, al DECALOGO dei politici contro la Stampa, i giornalisti risposero scrivendo un DIZIONARIO per spiegare, secondo la loro satira, chi e cosa erano i deputati. Eccone, per non annoiare, solo alcune voci: Braccio: Membro indispensabile alla maggioranza per alzare la mano. Tiene luogo di testa. Camera: Luogo inviolabile. Molti legislatori e governanti vi si rinchiudono, per dire e fare delle scioccherie con maggiore pubblicità. Cambiare: Il partito è l'opposto della camicia: per averne uno pulito non bisogna cambiarlo mai. Deputato: Colui che rappresenta una parte. Sovente, le parti meglio pagate sono quelle mute. Anche il Governo, oltre al Parlamento, a suo tempo cercò di stabilire un contatto privilegiato con i giornalisti. Cominciò a farlo con i comunicati per i giornalisti ed allestendo una Sala Stampa. Ma la frequenza nella Sala Stampa del Governo, rispetto al Transatlantico della Camera dei Deputati, si può dire mediamente più che scarsa. Questo avviene anche per una semplice costatazione: se nella Sala Stampa governativa una informazione è valutata "top secret", nel Transatlantico di Montecitorio non solo è facile averla, ma spesso viene addirittura offerta, ovvero soffiata, al giornalista. E poi c'è da tener conto anche di una certa atavica diffidenza del giornalista nei confronti del rappresentante delle Istituzioni. Diffidenza che nasce dalla constatazione che, entrambi, sono consapevoli di un fatto: il giornalista vuole strappare al rappresentante della Istituzione la notizia della quale è in cerca. Il rappresentante della Istituzione, cerca di rifilare al giornalista solo la notizia che vuole diffondere. Questo gioco delle parti spesso viene scoperto e fustigato. In ogni modo, è un gioco antico. Si può farlo risalire all'epoca in cui la sede romana del Governo era a Palazzo Braschi, l'ultimo degli imponenti palazzi costruiti a Roma dalle Famiglie papali. In quel Palazzo (siamo nell'ultima parte dell'ottocento), l'allora ministro dell'interno Villa aprì un Circolo o Sala Stampa, riservata esclusivamente ai giornalisti. In quel locale confortevole e ben arredato, i giornalisti avrebbero trovato notizie, bollettini, circolari, decreti e relazioni dei vari Ministeri; e poi, possibilità di leggere le traduzioni di articoli pubblicati dai giornali stranieri su quanto il Governo italiano faceva di bello e di buono per il Paese. 40

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

VERSO LA COSTITUZIONE

VERSO LA COSTITUZIONE VERSO LA COSTITUZIONE Tanto tempo fa nel mondo non c erano ancora i treni, gli aerei e le automobili. Non c erano la radio, la televisione e i giornali che diffondono le notizie. Non c era l elettricità

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Presentazione. Prof. Martino Mattei

Presentazione. Prof. Martino Mattei Presentazione Il 60 anniversario dell entrata in vigore della Costituzione Italiana è stata l occasione, nella scuola, per riflettere sul ruolo da assumere nel processo finalizzato all educazione del senso

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Amnesty International e

Amnesty International e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani AI Foto: Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione universale dei diritti umani. Novembre 1949, New York 1. Premessa 1.1 Il 10 dicembre 2008 è il 60 anniversario

Dettagli

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 768 VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI 18 settembre

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO

GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO Palazzo della Consulta, 28 dicembre 1961 Fonte: www.cortecostituzionale.it 1 Ringrazio vivamente

Dettagli

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 «Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 Eminenza, Signore e Signori rappresentanti delle autorità pubbliche, Signore e Signori membri e protagonisti delle comunità educative delle Scuole Cattoliche e di

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 525

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 525 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 525 Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sui rapporti esistenti tra enti e fondazioni di diritto privato e l'arma dei carabinieri 21/12/2015-02:32

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ATTIVITÀ DEL DOCENTE

ATTIVITÀ DEL DOCENTE DOCENTE SIMONA RITA RIZZOLI MATERIA STORIA DESTINATARI 4CL ANNO SCOLASTICO 2012/2013 competenze CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Raggiunto (/no) motivazioni non raggiungimento 1 Agire in modo autonomo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL NAZISMO IL NAZISMO IL NAZISMO LO STALINISMO LO STALINISMO IL TOTALITARISMO: è un regime che non si limita

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 30ª Seduta pubblica Giovedì 20 gennaio 2011 Deliberazione legislativa n. 1 OGGETTO: PROGETTO DI LEGGE RELATIVO A CELEBRAZIONI PER IL CENTOCINQUANTESIMO ANNIVERSARIO

Dettagli

INTERNET CONTROLLO E REPRESSIONE 2.0. MSAck HackLab@Aula C4 Occupata Pagina 1/8

INTERNET CONTROLLO E REPRESSIONE 2.0. MSAck HackLab@Aula C4 Occupata Pagina 1/8 INTERNET CONTROLLO E REPRESSIONE 2.0 MSAck HackLab@Aula C4 Occupata Pagina 1/8 Noi tutti utilizziamo Internet e quando lo facciamo siamo sicuri di comunicare e di informarci in modo libero, lontano da

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri Formazione civica Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri EUROPA e ITALIA EUROPA L'UNIONE EUROPEA 28 paesi (fino al 1945 spesso in guerra fra loro) Norme e istituzioni

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870)

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) Maria Grazia Bianchi Eger, 13 febbraio 2012 1 L immagine di Roma classica «Roma, 1 novembre 1786 [ ] non osavo quasi confessare a me stesso

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Caprera, 16 dicembre 1877 "Desidero che l utilissima scoperta del professor Michela sia messa in opera." Giuseppe Garibaldi Questa lettera è uno dei tanti

Dettagli

La preistoria dell informazione

La preistoria dell informazione La preistoria dell informazione Il giornalismo da giorno è un attività periodica di raccolta, pubblicazione e diffusione di fatti di interesse pubblico - prime forme comunicative non letterarie: attività

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente. (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005)

Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente. (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005) Commissario per la Tutela dei Diritti Civili della Repubblica della Polonia Prof. Dr. hab. Andrzej Zoll Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005)

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani FUORI CAMPO Se scegli la via del denaro, alla fine sarai un corrotto. Non puoi servire Dio e il denaro. O l uno o l altro e questo non è comunismo.

Dettagli

La Giornata Internazionale della Pace

La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace viene celebrata il 21 settembre di ogni anno. Le seguenti proposte di lavoro riguardano i diversi gradi di scolarità, qui indicati

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l ossessione dell ordine, mi sembra strano che fosse uscita

Dettagli

il commento al vangelo della domenica

il commento al vangelo della domenica il commento al vangelo della domenica CHI DI VOI E SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PRIETRA CONTRO DI LEI commento al vangelo della quinta domenica di quaresima (13 marzo 2016) di p. Alberto Maggi: Gv

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

La costituzione italiana.la legge degli italiani

La costituzione italiana.la legge degli italiani Istituto Tecnico Agrario O.Munerati classe V B Riflessioni, considerazioni - Lezione 1 e 2 La costituzione italiana.la legge degli italiani L importanza della convivenza e delle regole condivise È indiscutibile

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Comune di Caprese Michelangelo

Comune di Caprese Michelangelo Firenze, 5 ottobre 2012 Comune di Caprese Michelangelo Gestione del Campeggio Michelangelo e del Museo Michelangiolesco Il Comune ha 30 giorni di tempo per sanzionare le violazioni di legge commesse nella

Dettagli

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE

L E G I S L A T U R A. (Difesa) SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997. Presidenza del presidente GUALTIERI INDICE S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A 4 a COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) 17 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MERCOLEDÌ 28 MAGGIO 1997 Presidenza del

Dettagli

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE Torino 11-12 giugno 2008 Prof. Marcello Pierini Nelle Conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo del 21 e 22 giugno 2007

Dettagli

il Senato presenta viaggiatori del tempo alla scoperta del Senato buon compleanno Italia numero sei

il Senato presenta viaggiatori del tempo alla scoperta del Senato buon compleanno Italia numero sei il Senato presenta viaggiatori del tempo alla scoperta del Senato buon compleanno Italia numero sei Senato della Repubblica Ufficio comunicazione istituzionale www.senato.it infopoint@senato.it Il fumetto

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

I SIMBOLI DELLA REPUBBLICA Il Tricolore L'Inno Nazionale L'Emblema Lo stendardo Il Vittoriano

I SIMBOLI DELLA REPUBBLICA Il Tricolore L'Inno Nazionale L'Emblema Lo stendardo Il Vittoriano Giovedì, 24 gennaio 2008 I SIMBOLI DELLA REPUBBLICA Il Tricolore L'Inno Nazionale L'Emblema Lo stendardo Il Vittoriano IL QUIRINALE I luoghi La storia Arte e cultura I Corazzieri Apertura al pubblico Il

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli