"qs PREMIO REALTA' AMICA DELLA FAMIGLIA MEDIANTE L'ISTITUZIONE DEL CULTURA DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA - LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""qs PREMIO REALTA' AMICA DELLA FAMIGLIA MEDIANTE L'ISTITUZIONE DEL CULTURA DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA - LAVORO"

Transcript

1 "qs I PROVINCIA DI PIACENZA La Consigliera di Parita della Provincia di Piacenza Ar.v. Rosarita Mannina ln collaborazlone con UNIVERSITA CATTOLICA del Sacro Cuore Ce.C.A.P. Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche BANDO DI CONCORSO FINALIZZATO ALLA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA - LAVORO MEDIANTE L'ISTITUZIONE DEL PREMIO REALTA' AMICA DELLA FAMIGLIA

2 Il concorso ll Premio Realtà amica della famiglia è un concorso che intende indagare il fenomeno della valoizzazione delle pari opportunita e della conciliazione famigliajavoro nelle differenti realtà sociali del territorio, ricostruendo lo stato dell'arte in merito alle esperienze già attive e favorendone la diffusione. Il concorso è promosso da: - Provincia di Piacenza - Progetto "Agenzia per la famiglia", - Consigliera Provinciale di parita, il collaborazione con Ce.C.A.P. - Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche dell'università Cattolica del Sacro Cuore. sede di Piacenza. Le finalità Il concorso si propone di: - mapp.ue iprogetti sviluppati sul territorio provinciale, - valoizzare buone prassi e azioni positive che favoriscono la conciliazione tra tempi della famiglia e del lavoro delle donne, - coinvolgere il tenitorio in un percorso di sensibilizzazione sul tema. Requisiti per concorrere Al concorso possono partecipare, presentando le proprie iniziative e progmmmi realizzati (dvolti sia ai dipendenti/collaboratori che alla collettivita), i seguenti soggetti: - Enti pubblici - economici e non economici, ivi compresi gli Enti Locali - Imprese private, ivi comprese le imprese sociali - Società cooperative - Datori di lavoro privati Tutte le realtà partecipanti dovranno avere almeno sede operativa sul territorio della provincia di Piacenza. Categorie di concorso Il premio sarà strutturato nelle seguenti due sezioni: 1. le esperienze di conciliazione famiglialavoro realizzate dalle imprese, 2. le esperienze di conciliazione famiglialavoro îealizzafe da Pubbliche Amministrazioni e da Organizzazioni Non Profit. Verranno premiate le migliori esperienze di conciliazione secondo le seguenti categorie:

3 - intervento sull'organi22si6ne del lavoro, - utilizzo della leva finanziaria. - offerta di servizi. Potranno inoltre essere assegnate menzioni speciali per il miglior sistema integrato di conciliazione o per il miglior programma di coinvolgimento dei dipendenti nel progetto. Modalità di partecipazione La pafecipazione al concorso è gratuita. Per partecipare al Premio Realtà Amica della famiglia è necessario compilare in ogni sua parte la scheda di candidatura scaricabile: - dal sito della Provincia di Piacenza - Sezione Lavoro - Consigliera Provinciale di Parità, - dal sito del CeCAP - Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche dell'università Cattolica del Sacro Cuore La domanda di partecipazione, compilata in ogni sua parte, dovrà essere presentata via mail all'indirizzo entro e non oltre le ore del 28 febbraio La compilazione della modulistica è obbligatoria: non safturno accolte e ritenute valide candidature incomplete che non utilizzano il modello predisposto. Per favorire I'attività di valutazione è inoltre possibile inviare materiale cartaceo e multimediale (brochure, foto digitali, video,...) di approfondimento dell'iniziativa./programma alla Segreteria del Premio. Calendario e scadenze Il bando di concorso è aperto sino al 28 febbraio Le realtà vincitrici saranno premiate nel corso di un evento pubblico. Modalità e criteri di valutazione Le esperienze salanno valutate da una Commissione, composta da rappresentanti dei soggetti promotori, esperti del settore e figure istituzionali di rilievo. I criteri alla base della valuîatione sono i seguenti: - l'efficacia, il contenuto innovativo e il valore del progetto, - l'impatto dell'iniziativa sulla realta lavorativa coinvolta" - I'impatto dell'iniziativa sulla famiglia, - la creazione di relazioni collaborative con alhe realta locali, - la stabilita dell'esperienza e la capacita di auto-sostenersi nel tempo.

4 Premio Alle realta vincitrici veranno consegnati diplomi di riconoscimento. Tutte le esperienze presentate avranno ampia visibilità e mppresenteranno la base per la costituzione di un Osservatorio di buone pratiche. Informazioni Le informazioni relative al Premio, con la relativa modulistica, sono disponibili: - sul sito della Provincia di Piacenza - sul sito del CeCAP - Cenho di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche dell'universita Cattolica del Sacro Cuore E' inoltre possibile rivolgersi a: - Provincia di Piacenza - Ufficio Consigliera Provinciale di Parità al numero 0523/795501, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12,30 oppure via all'indirizzo it, - CeCAP - Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche, al numero dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore 17,00 oppure via all'indirizzo

5 t "gsq PROVINCIA DI PIACENZA fl 4f-i*r.i lmru&ffi IIE La C,onsigliera di Parità della provincia di piacenza Aw. Rosarita UNIVERSITA CATTOLICA del Sacro Cuore Ce.C.A.P. Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche scheda di candidatura Premio Realtà amica della famiglia fintento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sul fenomeno delle pari opportunità e sulle politiche di conciliazione della realtà aziendale candidata al premio Reatta amica detta famiglia, ma anche stimolare possibili ulteriori soluzioni e azioni in merito, Per la paftecipazione al concorso si richiede la compilazione puntale della Scheda e una dettagliata descrizione delle specifiche iniziative intraprege, che potranno consistere in: - iniziative/programmi interni, rivolti ai dipendenu e/o collaboratori; - servizi particolarmente innovativi a tema conciliazione famiglia-lavoro e promozione delle pari opportunità, rivolti alla collettivita. fudenza lnvio *lreda e materíale si prega di restituire via la scheda, entro e non oltre le ore 1g.oo del 28 febbraio 2013, all'indirizzo ceca p-dc(ounicatt, it. Per infomazioni: T dat lunedì at venerdì, da e ore 10 a e ore 17 unicatt.it/ceca E' possibile inviar materiale cartaceo e multimediale (brochure, foto digitali, video,...) di approfondimento dellîniziativa/programma alta S greteria del prcmio alla c,a della Dott.ssa Enrica Castignola c/o CeCAP - Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni pubbtiche Università Clttolica del Sacro Cuore Via Emilia Parmense, piacfjnza

6 01. Scheda anagrafica Dati del rèfer nte aziendale Cognome Nome Ruolo/Posizione Tel. diretto Cell. Dati della rcaltà partecipante Denominazione Indirizzo sede oiacentina Citta Sito internet cap Tel. Settore Settore Composizione dell'organico (al 3U ) Numero di pefone per fasce di età Donne Uomini Totale < 25 anni anni 3645 anni anni anni > 65 anni Totale occupati Numero di peéone Per impegno Donne Uomini totate FulFtime Part-time Numero di persone per tlpo di impiego Donne Uomini Totale TemDo indeterminato Tempo determinato Atipici Numero di dirig nti per genere Donne Uomini Totale

7 02. Presentazione dell'iniziativa/programma di conciliazione o di valorizzazione delle pari opportunità Titolo dell'iniziativa/programma: Descrizione dell'iniziauva/programma! (D9ttagli?le le azioni del programma attuato, specificrndo quali sono rivolie esclusjvamente ai dip ndenti/collaboratori e quali alla mllettività) Quali motivazioni hanno spinto l'ente/azienda/o p a wiluppare questa iniziativa/programma? Prlma di awiare l'iniziativa/programma è stata r alizzata un'analisi del bisogni? Se sì, come e con quali strumenti? (Qu6tionari, focus group, inconbi...) P_rlma di awiare l'iniziativa/programma è stato realizzato un monitoraggio di eventuali azioni di conciliazione gia In essere a înterno delt'organizzazione? se sì, come e con quali strumenti? Prima di awiare l'iniziativa di conciliazione è stata predisposta un,analisi delle iniziative realizzate da altre organizzazionl? Se sì, quali sono stati i casi da vol analizzatí e con quali modalità? (Best-practice nazionali e tnternazionall, proget0 di atte organizzazioni, óubblicaziont, ecc.) rl perconale è stato colnvolto nell'ldeazlone e implèmentazlone dell'inlziauva? Se si, con quali strumenu e in quali momenti? Per lo sviluppo dell'inlziativa/programma sono state cr,eate partnershlp con altre olfp, aziende, organízzazioni e/o istltuzioni? Se sì, qual è stato il contributo di ogni singolo paftner? Nel.Gaso ln cui l'iniziatlva/programma sia realizzata ln collaborazione con paéner esterni, quale ruolo wolge l'ente/azienda/onp?

8 Come è stata oomunicata l'iniziatiya/prcgramma allînterno e all'esterno dell'ente/azienda/onp? (Descrivere sfumenti, modalità e tempi della comunicazione. Si richiede di allegare il materiale comunicatlvo: brochure, immagini, video, bilancio, campagne,,,,) L'Ente/Azienda/ONP ha misurato I benefici ottenuti dai destinatari dell'iniziativa? Se sì, uulizzando quali strumenti? Ltnte/azienda ha valutato i ritorni dellîniziativa? se sì, quali sono stati i principali risultati raggiunti? (es: dduzione del tum-over / dellàssenteismo; miglioramento del clima aziendale; grado di attrattivita dell'ente/azienda;...) A quanto ammonta l'investimento dell'ente/azienda/onp sull'iniziativa/programma? Totale dalla nascita del progetto: euro Nell'ultimo anno: euro Come è stato finanziato? (budget intemo, finanziamenti pubblici, finanziamenti privati, ecc.) Avete lntenzione di prosegulre con lîniziativa nel prossimo anno? Se sì, come intendete implementarla?

9 03. La valorizzazione delle pari oppoéunità e la conciliazione come teve strategiche Si, nella mission Sì, tra i valori N.B. Se esiste un documento ufficiale, inviarlo tra gli allegati alla scheda di Dirigenti Quadri Impiegati/operai Collaboratori, atipici Nessuna Crescente Più o meno uguale Decrescente

10 04. La conciliazione Interna: strumenti di conciliazione famiglia lavoro per i propri dipendenti Bisogno più rllevante Blsogno meno rllevante Flessibilita dell'orario lavorativo l l 8.2 Possibilità di riduzione temporanea dellbrario di lavoro n n n u tr 8.3 Possibilità di periodi di congedo 8.4 Supporto alla cura dei bambini 8.5 Supporto alla cura dei ragazzi 8.6 Supporto alla cura dei ldmiliari anziani, malati e/o disabili n n n n n 8.7 Disbrigo pratiche e incombenze domestiche 8.8 Supporto al rientro dal congedo 8.9 Facilitare lo sdostamento casa lavoro 8.10Polizze assicurative estendibili in vari gradi anche ai familiari n n n n n S.llRemunerazione integrativa (oltre la le99e) in caso di conoedo n n n! n 8. l2altro (specificare) IniziatiYe Disponibilità Grado dlut!!!!ze- Non disponibile Ogni domanda dei colla boratori è soggetta a singola valutazione E'formalizzato come diritto di ogni lavoratore che ne faccia richiesta Nullo Basso Medio Atto Flessibilità dellbrario di entrata e uscita n n n n n n tr n Flessibilita dell' orario lavorativo n n n n I n n n (su base giomaliem, settimanale, mensile e annuale) n n n n D n n n Job sharing n n Telelavoro n tr n n n n n tr n n n n n n n n Permessi o riduzione rcmporanea dellbrario di lavoro Congedi (ad es. natemiè, paemità, adozione, fomazione, malattia) Molto alto I Numero di persone FTE, owero Full Time Equivalent.

11 Iniziauve DisDonibi à Grado di utilizzo Ogni E'formalizzato domanda dei come diritto di Non collaboratori ogna lavoratore Nullo disponibile Basso è soggetta Medio Alto a che ne faccia singola richiesta valutazione SUPPORTO FINANZIARIO Bonus Bebè n n n n n n n! Voucher per la cura dei figli (es. Fr l'acquísto di IW nntuîso dele rete) Molto alto n n n n n n n n Voucher per la cura deqli anziani! n n n n n n n Polizze a ssicurdtive estendibili ai familiari n n n n n n n n Remunerazione n n n n n n n n integrativa (oltre la legge) in caso di conqedo Altro (specificare) n n n n n n n n SERVIZI Servizi di cura per bambini (ad 6. aslo nido, s.nla dell'lnfanzia ) servizi di cura per ngaal (dop suol4 centi esdvi) Supporto alla ricerca di servizi di cura per anziani, malati e/o disabili Servizi di îme saung (6. eruizìo di disbrioo Dratidte)! n tr n n n n n n n n n! n n n n n n n n n n! n! n n! n n n Percorsi per favorire il rientro dodo il conoedo n n! n n n n n Servizi che agevolano lo! n n n n n n n spostamento casalavoro

12 11.1 Lettera dîntenti/carta della conciliazione aziendale (diffusa attraverso canali vari) 11.2 Brochure dedicata al Dersonale 11.3 Affissioni negli spazi comuni (atrio, mensa, sale riunioni, ecc.) 11.4 SDazio dedicato nella intranet aziendale 11.5 Mailing mirata ai dipendenti 11.6 Strumenti specifici di employee care (es: sportello/contact center. help deslg ecc.) 11.7 Personale interno dedicato 11.8 Contatto diretto (colloqui personali/incontri periodici d?rea) 11.9 Eventi aziendali interni Altro (specifìcare) 12.L Brochure aziendale 12.2 SDazio dedicato nel sito Internet 12.3 Mailing rivolta agli stakeholder 12.4 Company profile, rendicontazione societaria e/o sociale (Bilancio Sociale, ecc.) 12.5 Campagna pubblicitaria e promozionale ad hoc mirata di umcio stamda 12.7 Testimonianze in incontri/convegni 12.8 Organizzazione di eventi 12.9 Coinvolgimento in network esterni (specificare) Altro (specificare) EFFICACIA 13.1 Soddifazione del dipendente e della sua famiglia 13.2 Rilevanza intervento' 13.3 Riduzione dello Stress 13.4 Coinvolgimento dei lavoratori EFFICIET{ZA 13.5 Riduzione dei costi aziendali 13.6 Incremento della Droduttività 13.7 Riduzione dei tassi di tum over e assenteismo 13.8 Incremento della motivazione del personale 13.9 Incremento della capacità di attrane talenti Miglioramento della relazione con la comunità locale sp cificare le modalitr 2 Ampio numero di beneficiari dell'intervento in un determinato contesto aziendale

13 Pienamente soddlsfatto EFFICACIA I Soddifazione del didendente e della sua Per nulla soddilatto famiolia n n n tr n L4.2 Rilevanza intervento' 14.3 Riduzione dello stress 14.4 Coinvolgimentodei lavoratori EFFICIENZA 14.5 Riduzione dei costi aziendali 14.6 Incrementodella Droduttività 14.7 Riduzione dei tassi di tum over e assenteismo 14.8 Incremento della motivazione del personale n n n n n 14.9 Incremento della cadacità di attrarre talenti Miglioramento della relazione con la comunità locale n n n n n 3 Ampio numero di beneficiari dell'intervento in un determinato contesto aziendale

14 05. La conciliazione esterna: Strumenti di conciliazione famiglia lavoro per la collettività 16.1 Brochure informattve 16.2 Campagne di stampa 16.3 Incontri pubblici 16.4 Momentj di concertazione con imprese, associazioni di categoria, organizzazioni non pront, ecc Sito web dedicato 16.6 Altro(specificare)! Da meno di 1 anno Ioaza5anni f] oa ta2anni n Da piìr di 5 anni Bisosno Di rilevante Bisoono meno rilevante Flessibilità dellbrario lavorativo 18.2 Contributi economici 18.3 Armonizzazione degli orari (umci pubblici, attività commerciali. ecc..) n n n n n 18.4 Supporto alla cura delle fasce deboli 18.5 Facilitare gli spostamenti 18.6 Albo(specificare) 19.1 Piano Tempi e Orari della Città 19.2 Mobilitàsostenibile 19.3 Inserimento della figura del mobility manager 19.4 Servizi di car pooling, bike sharing 19.5 Servizi di mentoring 19.6 Tata Sociale 19.7 Sostegno a progetti di telelavoro 19.8 Sportello conciliazione (servizi a supporto delle imprese per l?dozione di politiche di conciliazioneì n n 19.9 SDortello badante SDortello Unico del Cittadino centro di prenotazioni unificito degli esami e visite mediche con gli enù di sanità (sovra-cup) 19,12 Servizi di difesa integrata (parcheggi illuminati e riservati, sicurezza notturna nei luoghi pubblici, ecc...) n n Banca del Temoo Servizi di prossimità (animazione per bambini, domicilio allargato e servizi di sollievo per anziani, ecc-..1 n n Altro (specificare)

15 Molto addr zzato Per nulla addrezzato I Piano Tempi e Orari della Città 20.2 Mobilitasostenibile 20.3 Inserimento della figura del mobility manaqer n n n n n 20.4 Servizi di car pooling, bike sharing 20.5 Servizi di mentoring 20.6 Tata Sociale 20.7 Sostegno a progetti di telelavoro 20.8 Sportello conciliazione (servizi a supporto delle imprese per l?dozione di politiche di conciliazione) n n n n n 20.9 SDortello badante SDortello Unico del Cittadino Centro di prenotazioni uniflcato degli esami e visite mediche con oli enti di sanità (Sovra-cuD)! n n n n Servizi di difesa integrata (parcheggi illuminati e riservati, sicurezza notturna nei luoohi DUbblici. ecc...) n n n n n Banca del Temoo Servizi di prossimità (animazione per bambini, domicilio allargato e servizi di sollievo n n n n n Der anziani. ecc...) Albo (specificare) 21,2 Consulenti/personale esterno alltnte 22.1 Consulta dei cittadini 22.2 Comitati creati ad hoc 22,3 Gruppi di contatto 22.4 Organismi circoscrizionali 22.5 Momenti di concertazione con associazioni (di categoria, di volontariato. professionali, ecc...) 22.6 Indagini di customer satifaction 22.7 Altro (specificare) Grazie per il tempo dediab ' Numero di persone FTE, owero Full îme Equivalent.

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE SINDACALE Da: Nicoletta Cortinovis Per: DIREZIONE DEL PERSONALE SM/ nc Rif. n u2982/08 del 25/09/08 NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Scadenze: 24

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

Gruppo Nestlé in Italia

Gruppo Nestlé in Italia Gruppo Nestlé in Italia 6 febbraio 2013 Il Sistema di Welfare Aziendale e le politiche di conciliazione del Gruppo Nestlé in Italia Descrizione, Elementi Distintivi, Benefici, Strumenti, Prospettive di

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI:

ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI: ALLEGATO 1 PREMIO ER.RSI: Premio per la responsabilità sociale in Emilia Romagna (in attuazione dell'art 17 punto 4 della L.R. 14/2014 e del Programma Regionale Attività Produttive 2012-2015 di cui alla

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEFINIZIONE DEL CONCORSO Legacoop Veneto, su proposta della Commissione Pari Opportunità bandisce un

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Passport ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto intende coniugare stili di vita e intenzionalità educativa, all interno di un rinnovato quadro

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

Welfare Aziendale: finalità

Welfare Aziendale: finalità Progetto WELFA-RE Welfare Aziendale: finalità Il Welfare Aziendale (WA) è un insieme di misure consistenti in beni, servizi e prestazioni che l Azienda offre ai Dipendenti in via unilaterale o bilaterale

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI FONDO CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO I progetti della cooperazione 16 Maggio 2012 - ore 9..00 Palazzo Cisterna Sala Consiglieri Via Maria Vittoria 12 - Torino QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

Dettagli

Art. 2 - Beneficiari

Art. 2 - Beneficiari sul luogo di lavoro con mezzi propri o con i normali mezzi di trasporto pubblico. I contributi sono perciò finalizzati ad agevolare i processi di mobilità da e verso i luoghi di lavoro per lavoratori disabili

Dettagli

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE

COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE COLLABORATORI COMPOSIZIONE DEL PERSONALE Età media dipendenti 2010 2009 2008 Uomini 45,4 44,7 44,5 Donne 41,3 40,6 40,2 Dirigenti 50,1 49,6 49,3 Dipendenti per categoria e genere [%] 2010 2009 2008 Dirigenti

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA

PROVINCIA DI RAVENNA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLA FORMAZIONE CONTINUA E PERMANENTE FINANZIATA CON LE LEGGI 36/93 E 53/00 ANNO 005 VISTI: PROVINCIA DI RAVENNA - la Legge 36/1993,

Dettagli

Caregiver & conciliazione

Caregiver & conciliazione Caregiver & conciliazione Esperienze europee Licia Boccaletti Progetto realizzato con il contributo di I caregiver lavoratori in Europa La maggioranza dei caregiver in età lavorativa in Europa è occupata.

Dettagli

Piacenza EXPO S.p.A. Via Medardo Tirotti, 11 29121 Piacenza

Piacenza EXPO S.p.A. Via Medardo Tirotti, 11 29121 Piacenza INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA PROMOZIONE DELLE CAPACITÀ INNOVATIVE E IMPRENDITORIALI DEGLI STARTUPPER PIACENTINI NELL'AMBITO DELLE AZIONI DI ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PRESSO

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO 27 maggio 2014 Brescia Lo schema di ragionamento 1 I partecipanti dell Officina hanno presentato esperienze ed approcci diversi, a partire dai quali abbiamo

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO 1

PROVINCIA DI BOLOGNA Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO 1 PROVINCIA DI BOLOGNA Servizio Politiche Attive del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO 1 ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI FACILITAZIONE DELLA MOBILITA CASA-LAVORO PER LAVORATORI ISCRITTI NEGLI

Dettagli

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile Milano, 1 ottobre 2015 Famiglia - Lavoro: un binomio possibile La voce delle aziende Daniela Bianco Partner, The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A.. TUTTI I DIRITTI

Dettagli

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 AVVISO 411/C Allegato A) INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 1. Obiettivi e principi dell intervento In un più ampio contesto di contrasto alla crisi e al fenomeno

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm.

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Milano, 12 ottobre 2015 Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Centro Studi Ana Prot. N. CS 98_2015 Oggetto: concorso per le scuole Il

Dettagli

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012 WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE Mario Molteni 22 maggio 2012 1 Welfare aziendale, al cuore della CSR PROFIT Equitable Sustainable Bearable Viable PLANET PEOPLE CULTURA ed ENGAGEMENT

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Roma 16-19 Maggio 2012 Forum PA 1 Forum Pa 2012 Seminario 17 Maggio 2012 ore 10-12 Servizi all utenza

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Guida. Conciliazione. Strumenti per una gestione efficace dei tempi di vita e di lavoro nelle imprese cooperative

Guida. Conciliazione. Strumenti per una gestione efficace dei tempi di vita e di lavoro nelle imprese cooperative armonia tra tempi di armonia vita tra di i lavoro tempi di vita e di lavoro Guida Conciliazione Strumenti per una gestione efficace dei tempi di vita e di lavoro nelle imprese cooperative Pubblicazione

Dettagli

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 1 Sostenibilità: centralità delle persone WA 2 Welfare aziendale: perché adesso? Valori

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

Associazione Essenia UETP University and Enterprise Training Partnership

Associazione Essenia UETP University and Enterprise Training Partnership Associazione Essenia UETP University and Enterprise Training Partnership in collaborazione con Istituto di Istruzione Superiore Giosuè Carducci (già Via Asmara 28) PROMUOVE nell ambito del Programma Erasmus+

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE Bando pubblico per la selezione di 20 candidate per il percorso formativo di sviluppo di nuove idee imprenditoriali al

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 MONZA, 2011 AGENDA 1. SERVIZI DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA 2. IL BANDO, NUOVI FINANAZIAMENTI PER PROGETTI

Dettagli

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013 Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 La mobilità nelle città è un tema cruciale che si è imposto con forza all attenzione dell opinione

Dettagli

Sono inoltre previste menzioni speciali per i migliori lavori digitali realizzati e per l animazione dell ambiente di innovazione Phyrtual.

Sono inoltre previste menzioni speciali per i migliori lavori digitali realizzati e per l animazione dell ambiente di innovazione Phyrtual. BANDO DI CONCORSO VOLONTARI DELLA CONOSCENZA 4ª edizione, premiazione a maggio 2014 OBIETTIVI Nel passaggio tra l Anno europeo dei cittadini (2013) e l Anno europeo della conciliazione famiglia-lavoro

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema

La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema Giovanna Rossi Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica di Milano Perché la conciliazione famiglia lavoro è oggi un

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE I I I I I TRAINING CAMP 2 I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I

BANDO DI SELEZIONE I I I I I TRAINING CAMP 2 I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I TRAINING CAMP 2 I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I II I PER GIOVANI AMMINISTRATORI I I 2013 I I I BANDO DI SELEZIONE La Regione Campania Assessorato Organizzazione

Dettagli

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati)

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Gent.mo/a. Per WELFARE AZIENDALE si intende un insieme di soluzioni che l'azienda

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

La legge 53/2000, art. 9: continuità e novità Bologna 10 ottobre 2011 Seminario - Finanziamenti e misure per la conciliazione vita e lavoro

La legge 53/2000, art. 9: continuità e novità Bologna 10 ottobre 2011 Seminario - Finanziamenti e misure per la conciliazione vita e lavoro La legge 53/2000, art. 9: continuità e novità francesca petrossi 1 Nuova nomenclatura: comma 1 e comma 3 francesca petrossi 2 500 mila per comma 1 ( 35 mila per comma 3) francesca petrossi 3 Percentuale

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura - Brescia

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura - Brescia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura - Brescia COMITATO UNICO DI GARANZIA per le pari opportunità, per il benessere di chi lavora e contro le discriminazioni RELAZIONE La disciplina

Dettagli

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE PREMESSA La responsabilità sociale d impresa (CSR) può essere definita

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS

KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS 4 MEETING del progetto Trasnazionale TRENTO, 27 29 gennaio 2015 Tappa in GIUDICARIE, 28 gennaio 2015 Intervento

Dettagli

Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali

Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali Sara Mazzucchelli Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica di Milano Che cos è

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009 Istituto Nazionale Previdenza Sociale 30 settembre 2009 Indice Executive summary Riferimenti normativi e organizzativi I vantaggi della PEC La situazione attuale: dati di utilizzo Una PEC per tutti i cittadini:

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Cos è il Family Audit

Cos è il Family Audit Cos è il Family Audit Strumento che consente alle organizzazioni di adottare politiche di gestione del personale orientate al benessere dei propri dipendenti e alla crescita aziendale; aiuta le organizzazioni

Dettagli

Women@Work: lavoro e nuova impresa al femminile

Women@Work: lavoro e nuova impresa al femminile Fòrema Srl promuove percorsi di formazione gratuiti per inoccupati finanziato dal Fondo Sociale Europeo e rivolti a donne disoccupate, inoccupate o inattive sopra i 30 anni. 1 Percorso Placement 2 Percorso

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

«EDU-care Esperienze di mobilità per educatori sociali e animatori socio-educativi» N o. 2013-1-IT1-LEO02-03894

«EDU-care Esperienze di mobilità per educatori sociali e animatori socio-educativi» N o. 2013-1-IT1-LEO02-03894 P r o g e t t o «EDU-care Esperienze di mobilità per educatori sociali e animatori socio-educativi» N o. 2013-1-IT1-LEO02-03894 Co-finanziato dalla Commissione Europea nell ambito del Programma di Apprendimento

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI Una guida utile Giovanna Magistro (a cura di) POR PUGLIA 2000-2006 misura 3.14 azione e) N.E.T.T.IN.G. NUOVE ENERGIE SUL TERRITORIO

Dettagli

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE Telelavoro in Poste Italiane 1 TELELAVORO IN POSTE ITALIANE 10 novembre 2008 Telelavoro Customer Services 2 Il Il risultati Employee Satisfaction Index 2008 nel CS Focus sul Telelavoro ESI Customer Services

Dettagli

Tirocini. Casa. Servizio civile. Fare impresa. Lavoro. Studio e formazione

Tirocini. Casa. Servizio civile. Fare impresa. Lavoro. Studio e formazione Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione INDICE 3. Presentazione 4. Un progetto per l autonomia dei giovani 4. Le opportunità di Giovanisì 5. Tirocini 5. Casa 6. Servizio civile

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO

Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO MODELLO A. Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO Oggetto: Domanda di Patrocinio ai sensi della delibera G. P. n. 75 / 8753 del 28/02/2008 _1_ sottoscritt _...,legale rappresentante dell'ente/associazione

Dettagli