La nuova versione della C.N.D. è stata approvata dalla C.U.D. nella seduta del 29 novembre 2006.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova versione della C.N.D. è stata approvata dalla C.U.D. nella seduta del 29 novembre 2006."

Transcript

1 Introduzione La prima versione della Classificazione Nazionale dei Dispositivi medici è stata definita dalla Commissione Unica sui Dispositivi medici nel luglio 2005 e approvata con Decreto Ministeriale 22 settembre 2005 (pubblicato nel Supplemento ordinario alla G.U. n. 286 del 9 dicembre 2005). Per quanto attiene all impostazione complessiva della Classificazione, si rinvia al testo di Introduzione alla Classificazione Nazionale dei Dispositivi medici, approvato con il Decreto sopra citato congiuntamente alla Classificazione stessa e riportato integralmente in nota al presente documento. Successivamente, la legge finanziaria per il 2006 (legge n. 266 del 2005) ha previsto un diverso percorso per l approvazione della classificazione nazionale, comportante il coinvolgimento della Conferenza Stato Regioni. La C.U.D., nel frattempo ricostituita, ha deciso di procedere a un attenta revisione della classificazione predisposta nel 2005 e di completarla inserendovi anche i dispositivi medicodiagnostici in vitro non compresi nella prima versione. La nuova versione della C.N.D. è stata approvata dalla C.U.D. nella seduta del 29 novembre I criteri di revisione adottati Con riguardo alle finalità d uso della C.N.D. e alle indicazioni contenute nella L. n. 289/02 e confermate nella L. n. 266/05, l attività di revisione ha mantenuto, e parzialmente sviluppato, l impianto gerarchico multilivello della classificazione originaria. La presente versione della CND mantiene, rispetto alla versione 2005, lo stesso impianto classificatorio di articolazione in Categorie, Gruppi e Tipologie. Inoltre ha verificato le tipologie di livello terminale in rapporto alla omogeneità per caratteristiche ed uso dei dispositivi medici ed alla univocità di collocazione dei dispositivi nelle stesse. Sono state pertanto tenute in considerazione e valutate le osservazioni formulate dalle Associazioni delle imprese operanti nel settore ed è stato verificato, mediante specifici incontri tecnici con le Regioni, l impatto della Classificazione ed il livello di fruibilità e di uso della stessa nelle procedure e nei sistemi gestionali delle Aziende del S.S.N.. I criteri adottati dalla CUD nella presente revisione hanno teso a: - introdurre integrazioni e modifiche solo nella misura necessaria ad assicurare omogeneità sia di sviluppo dell impianto classificatorio che di copertura dei vari settori dei dispositivi medici, in modo da consolidarne la fruibilità al fine dell analisi del mercato e della spesa; - confermare e rafforzare la possibilità d uso della CND, quale strumento classificatorio adottabile in sede aziendale e/o regionale. Il livello classificatorio della CND è ulteriormente sviluppabile dalle Regioni e/o dalle Aziende stesse fino al dettaglio necessario per le attività di gestione; per questo aspetto si è prestata attenzione a garantire, nei limiti del possibile, continuità e stabilità dell impianto originale, in modo da preservarne l uso, eventualmente già avviato, nei sistemi e nelle procedure gestionali aziendali; - agevolare l alimentazione del Repertorio da parte dei soggetti individuati dalla norma, verificando l unicità di collocazione dei dispositivi nelle tipologie terminali e definendone la corrispondenza con i nomenclatori e le classificazioni nazionali ed europei più utilizzati; pag. 1/285

2 - garantire flessibilità ed aggiornabilità alla CND, rinviando agli aggiornamenti successivi ulteriori articolazioni e dettagli classificatori, ivi compresi quelli presenti nel nomenclatore GMDN (Global Medical Device Nomenclature), in quanto ritenuti al momento non necessari e comunque meglio valutabili dopo l avvio dell alimentazione del repertorio; - accrescere il livello di omogeneità di impianto e di terminologia, applicando in modo coerente ed estendendo le regole classificatorie e di codificazione in parte già definite per il primo impianto della CND. Gli elementi di novità e di maggior rilievo Le novità e gli aspetti di maggior rilievo caratterizzanti la presente versione sono costituiti da: l inserimento nella CND dei dispositivi medico-diagnostici in vitro (IVD) ; l allineamento della CND con i nomenclatori e le classificazioni maggiormente utilizzati a livello internazionale (GMDN ed EDMA) e nazionale (CIVAB). Per quanto riguarda il settore dei dispositivi medico-diagnostici in vitro ( IVD ), di cui al D.Lgs. 332/2000, in accordo con le indicazioni di classificazione definite già dalla precedente Commissione Unica dei Dispositivi medici e confermate dall attuale Commissione, sono stati tutti inseriti nella specifica categoria W, ed è stato adottato in generale l impianto classificatorio prodotto dall associazione EDMA (European Diagnostic Manufacturers Association). Il livello classificatorio proposto da EDMA è stato sviluppato e dettagliato ulteriormente nei seguenti gruppi: - Strumentazione IVD, nel quale, a livello terminale, è dettagliata la tipologia di apparecchiatura o sistema, con riferimento alle classi del nomenclatore CIVAB; - Contenitori e dispositivi IVD consumabili di uso generale, mediante articolazione e dettaglio di tipologie definite con riferimento al mercato di tali dispositivi. Per tutte le tipologie, terminali e non, della categoria W è stata inoltre verificata la corrispondenza con il nomenclatore GMDN. In merito all allineamento con nomenclatori e classificazioni esistenti nel settore, è stata prestata particolare attenzione al nomenclatore GMDN, in considerazione del crescente ruolo di tale strumento come riferimento di identificazione dei dispositivi medici nella Comunità europea, nell ambito della quale l uso è già adottato nelle procedure di vigilanza. Nel nomenclatore GMDN sono stati presi in considerazione i termini preferenziali (cioè esclusivamente i termini usabili dai produttori per il riconoscimento dei dispositivi) contenuti nella versione disponibile nel 2005 (GMDN versione ). E stata verificata la coincidenza o la collocabilità di questi termini nel livello classificatorio terminale della CND e, ove ritenuto opportuno, sono state introdotte nella CND nuove tipologie terminali. Nei casi di termini preferenziali di GMDN individuanti pluralità di dispositivi e pertanto non corrispondenti a specifiche tipologie terminali della CND, è stata definita la collocazione di tali termini ai livelli più alti dell albero classificatorio. Ulteriori novità da evidenziare rispetto alla versione 2005 della CND sono state introdotte nelle seguenti categorie: categoria F: il gruppo dei Filtri per dialisi è stato riclassificato con criterio parzialmente diverso rispetto alla versione iniziale e con attenzione all unicità di collocazione dei dispositivi nelle tipologie terminali della classificazione; pag. 2/285

3 categoria L: l intera categoria è stata maggiormente articolata ed incrementata di tipologie a livello terminale, con riferimento all evidenza del mercato ed ai termini presenti nel nomenclatore GMDN; categoria M: l impianto classificatorio è stato parzialmente modificato e semplificato, con attenzione all uso già attivato da alcune Regioni; categoria P: è stata modificata la classificazione del gruppo Protesi ortopediche, in particolare nelle tipologie relative alle protesi d anca e di ginocchio, con attenzione all unicità di collocazione dei dispositivi nei livelli terminali della classificazione; categoria Z: l impianto classificatorio è stato consistentemente modificato allo scopo di: - collocare nel gruppo specifico Z13 i Materiali di consumo non specifici per strumentazione diagnostica, che nella versione originaria della CND sono collocati nella categoria V, per uniformarla all impostazione data alla categoria W che contiene sia la strumentazione che i relativi materiali di consumo IVD; - dare maggiore evidenza ai sistemi ed alle apparecchiature complesse e/o di maggior rilevanza; - dare riscontro, ove opportuno e previa verifica di diffusione nel mercato, al maggior dettaglio presente nel nomenclatore GMDN, sia con riferimento alle apparecchiature che ai componenti ed accessori delle stesse. Per questo aspetto sono state inserite a livello terminale le tipologie generiche di componenti accessori, sia hardware che software, e di materiali di consumo specifici, riferite sia ai sistemi e alle apparecchiature complesse che all insieme dei dispositivi presenti in una tipologia non terminale. Ulteriori aspetti di carattere generale Oltre alle modifiche riguardanti le singole categorie sopra evidenziate, si segnalano di seguito gli aspetti di impianto classificatorio e di contenuto maggiormente variati rispetto alla versione iniziale della CND: i dispositivi medici qualificabili come KIT (esclusi i custom kit ) sono presenti in tutte le categorie di dispositivi per le quali il mercato sta offrendo questa modalità di produzione e confezionamento ( si segnalano in particolare le categorie A, C, F, R, V ); gli accessori sono trattati all interno della presente versione della CND in tipologie dedicate (individuate dal codice 80 ), diversamente dalla precedente, nella quale gli accessori relativi ad uno o più dispositivi erano collocabili unicamente tranne poche eccezioni - nella stessa tipologia riferita ad uno di tali dispositivi. Sono state create tipologie con codice 80 a diversi livelli nell albero classificatorio, a seconda delle evidenze di mercato valutate categoria per categoria. Le tipologie componenti accessori hardware, componenti accessori software e materiali di consumo specifici, inserite nelle categorie W e Z, sono individuate rispettivamente con i codici 80, 82 e 85 ; è stato inserito diffusamente nella classificazione, a livello di gruppi e tipologie, il livello terminale contenente nella descrizione la voce altro (individuato dal codice 99 ), usabile solo per i dispositivi che non trovano collocazione in una tipologia specifica. L analisi periodica del contenuto dei livelli classificatori terminali con codice 99 darà indicazioni sull eventuale necessità di creare nuove tipologie specifiche; le tipologie contenenti nella descrizione il termine vario (individuate dal codice 90 ) si dettagliano sempre in tipologie definite di dispositivi di livello inferiore. I dispositivi collocati nelle tipologie con codice 90 sono quelli che: - o non trovano collocazione in altre tipologie di pari livello, pag. 3/285

4 - o sono di uso generale (e quindi collocabili in più di una tipologia ); le tipologie di dispositivi (terminali e non), alle quali siano state apportate unicamente modifiche di descrizione e che abbiano mantenuto la stessa collocazione nell albero classificatorio, conservano il codice della versione 2005; alle tipologie di dispositivi (terminali e non), pur già presenti nella precedente versione della classificazione ma ora collocate in un impianto classificatorio consistentemente modificato dalla presente revisione, sono attribuiti nuovi codici. I codici della versione precedente dei corrispondenti dispositivi sono sospesi e non più utilizzabili nelle successive versioni di aggiornamento. Modalità di aggiornamento della CND Le revisioni saranno prodotte con cadenza almeno annuale e previa consultazione, a livello tecnico, delle Regioni e delle Associazioni industriali. Nota: o Introduzione alla Classificazione Nazionale Dispositivi medici (approvata con DM 22 settembre 2005, pubblicato nel Supplemento ordinario alla G.U. n. 286 del 9 dicembre 2005) Per la prima volta è disponibile una Classificazione Nazionale dei Dispositivi Medici (CND), definita dalla Commissione Unica sui Dispositivi ed approvata con Decreto ministeriale del 22 settembre La Classificazione rappresenta il primo passo per la realizzazione del Repertorio dei dispositivi medici. La necessità di disporre di tale tipo di classificazione deriva dal fatto che gli altri sistemi di classificazione esistenti e utilizzati in Europa e nel mondo, pur comprendendo la maggioranza dei dispositivi presenti sul mercato, non permettono di raggruppare i dispositivi in categorie omogenee di prodotti e cioè in categorie di dispositivi destinati ad effettuare un intervento diagnostico o terapeutico simile. Il poter disporre di un tale tipo di classificazione offrirà dei vantaggi notevoli quale quello di poter scambiare informazioni, con un linguaggio comune, tra tutti i soggetti che si occupano o gestiscono il settore dei dispositivi medici. Inoltre consentirà di monitorare in maniera più efficace sia il consumo che l uso dei dispositivi nonché permetterà una migliore valutazione degli incidenti comparativamente per singole tipologie nell ambito della vigilanza. In prospettiva faciliterà e renderà più trasparenti i processi d acquisto da parte del Sistema sanitario nazionale in quanto permetterà la definizione di prezzi di riferimento per classi e sottoclassi omogenee. Pur rientrando tra i Dispositivi medici, non sono ricompresi in questa prima classificazione i Dispositivi medico-diagnostici in vitro (D.Lgs. 332/2000). Tali prodotti, saranno invece oggetto di una analisi e classificazione successiva. Sono altresì esclusi dalla presente classificazione, perché non ricompresi nella normativa: - Medicinali (D.Lgs. 178/91); - Prodotti cosmetici (D.Lgs. 713/86); - Sangue umano e suoi derivati; - Organi, tessuti o cellule di origine umana e prodotti comprendenti o derivati da tessuti o cellule di origine umana; - Organi, tessuti o cellule di origine animale, salvo che il dispositivo non sia fabbricato utilizzando tessuto animale reso non vitale o prodotti non vitali derivati da tessuto animale; - Dispositivi di protezione individuale (D.Lgs. 475/92). La nuova Classificazione presenta una struttura di tipo alfa numerico che, seguendo il criterio della differenziazione dei prodotti per destinazione d'uso e/o per collocazione anatomico-funzionale, si sviluppa ad albero gerarchico multilivello, e aggrega i dispositivi medici in Categorie, Gruppi e Tipologie. Le tipologie raggiungono diversi livelli di dettaglio; all'interno dell'ultimo livello di dettaglio sono raggruppati dispositivi medici omogenei. E' possibile che, sulla base di nuove conoscenze, si renda necessario approfondire ulteriormente il livello di dettaglio. La Categoria Costituisce la 1 stratificazione gerarchica. Sono presenti 21 categorie anatomico/funzionali contraddistinte da una lettera dell'alfabeto. Le categorie hanno come criterio di classificazione quello di contenere, ciascuna, dispositivi utilizzati su uno stesso specifico apparato, distretto o organo anatomico o in sostituzione di essi, oppure dispositivi caratterizzati da una affinità di utilizzo, destinazione d'uso o di metodica clinica oppure dispositivi che sono regolamentati da una specifica direttiva europea diversa dalla 93/42/CE o che sono gestiti in modo particolare dalle ASL/Aziende ospedaliere o che seguono delle regole specifiche per la prescrizione o il rimborso. Di seguito sono riportati i tre raggruppamenti di categorie individuati: 8 CATEGORIE ANATOMICHE per distretto anatomico di utilizzo B - DISPOSITIVI EMOTRASFUSIONE ED EMATOLOGIA C - DISPOSITIVI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO F - DISPOSITIVI PER DIALISI, EMO ED EMODIAFILTRAZIONE G - DISPOSITIVI PER APPARATO GASTROINTESTINALE N - DISPOSITIVI PER IL SISTEMA NERVOSO E MIDOLLARE pag. 4/285

5 Q - DISPOSITIVI PER ODONTOIATRIA, OFTALMOLOGIA E OTORINOLARINGOIATRIA R - DISPOSITIVI PER APPARATO RESPIRATORIO E ANESTESIA U - DISPOSITIVI PER APPARATO UROGENITALE 9 CATEGORIE FUNZIONALI per metodica clinica di utilizzo A - DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAZIONE, PRELIEVO E RACCOLTA D - DISINFETTANTI, ANTISETTICI E PROTEOLITICI (D.L.VO46/97) H - DISPOSITIVI DA SUTURA K - DISPOSITIVI CHIRUR. MINI-INVASIVA ED ELETTROCHIRURGIA L - STRUMENTARIO CHIRURGICO PLURIUSO M - DISPOSITIVI PER MEDICAZIONE GENERALI E SPECIALI S - PRODOTTI PER STERILIZZAZIONE T - DISPOSITIVI MEDICI DI PROTEZIONE E AUSILI PER INCONTINENZA V - DISPOSITIVI VARI 4 CATEGORIE SPECIALI per criteri specifici J - DISPOSITIVI IMPIANTABILI ATTIVI P - DISPOSITIVI PROTESICI E PRODOTTI PER OSTEOSINTESI Y - SUPPORTI O AUSILI TECNICI PER DISABILI Z - APPARECCHIATURE SANITARIE Le categorie appartenenti a quest ultimo raggruppamento seguono, oltre ai criteri sopra esposti, i dettami sotto esplicitati: Categoria J: raccoglie tutti i DM impiantabili attivi, e i relativi accessori, regolamentati dalla Direttiva CE n 385/90 e dal D.Lgs. 507/92. Categoria P: raccoglie i DM impiantabili non attivi e la sua specificità è motivata da esigenze gestionali e di vigilanza delle Aziende Sanitarie. Categoria Y: raccoglie i DM contenuti nel Nomenclatore tariffario delle protesi, mantenendo la loro codifica internazionale, codice ISO, questa scelta è stata condivisa con i rappresentanti istituzionali che gestiscono il N.T. Categoria Z: raccoglie le apparecchiature sanitarie e i principali componenti delle stesse e riporta anche il loro codice CIVAB. Per apparecchiatura sanitaria si intende un dispositivo medico attivo utilizzato, da solo o in combinazione con altri dispositivi, nei processi terapeutici, diagnostici, riabilitativi, avente caratteristiche di bene durevole. Tale caratteristica, non presa in considerazione nella Direttiva europea, individua i dispositivi che rientrano tra i beni inventariabili (art bis del Codice Civile). Il Gruppo Costituisce la 2 stratificazione gerarchica. Sono presenti 123 gruppi anatomico/funzionali di dispositivi medici che rappresentano le varie differenziazioni in cui si distinguono i dispositivi contenuti nelle categorie. Vengono contraddistinti da un numero a due cifre da 01 a 99 per ognuna delle categorie. Il numero 90 individua i gruppi contenenti dispositivi con caratteristiche varie, non riconducibili ai gruppi già esistenti. Il numero 99 "Altri", viene riservato a dispositivi non compresi nei gruppi già esistenti, da classificare nei successivi aggiornamenti. Il codice riservato al termine generico "Altri" deve essere utilizzato dagli utenti esclusivamente nei casi in cui il dispositivo medico non sia collocabile nei gruppi già esistenti e sarà oggetto di classificazione nei successivi aggiornamenti. Un quadro riassuntivo che offre la visione immediata ed esplosa dei Gruppi contenuti in ciascuna categoria è rappresentato negli schemi allegati. La Tipologia Rappresenta la 3 stratificazione gerarchica. Se del caso, si espande in più livelli di dettaglio (1, 2, 3, 4 e 5 ). Nell ambito del Gruppo di appartenenza ogni Tipologia contiene dispositivi caratterizzati da una ancor maggior affinità di utilizzo, destinazione d'uso o di metodica clinica. In caso di dubbio, per una corretta collocazione o ricerca, si dovranno considerare sempre le caratteristiche peculiari del dispositivo medico preso in esame (cioè le caratteristiche anatomico-funzionali e di destinazione d'uso attribuite dal fabbricante). Come già detto per i gruppi, la suddivisione "Altri", con il numero 99 nel 1 livello di dettaglio, viene riservata a dispositivi non compresi nelle tipologie già esistenti, da classificare nei successivi aggiornamenti. Il codice riservato al termine generico "Altri" deve essere utilizzato dagli utenti esclusivamente nei casi in cui il dispositivo medico non sia collocabile nelle suddivisioni già esistenti e tale tipologia sarà oggetto di continua e successiva verifica. Ogni accessorio segue la codifica di classificazione CND del dispositivo con il quale è collegato, secondo la destinazione data dal fabbricante. Nel caso in cui un accessorio possa essere utilizzato con DM appartenenti a più raggruppamenti, dovrà essere collocato nella tipologia prevalente. Nella identificazione dei Livelli di dettaglio è stato tenuto conto dei criteri sopra esposti, e, ove non applicabili, è stata considerata la metodica di utilizzo principale o prevalente e in subordine la tipologia dei materiali costituenti il DM in esame. Nella scelta del livello di dettaglio è stato seguito il principio di definire quanto più possibile classi di prodotti omogenei, senza peraltro arrivare all'estremo della specificazione che avrebbe portato a classi con un unico prodotto. Aggiornamento e manutenzione della CND Allo stato attuale la CUD ritiene che la classificazione possa considerarsi definitiva e in grado di ricomprendere l intero panorama dei dispositivi in uso. Peraltro la CUD si impegna a rivedere la Classificazione con frequenza almeno annuale e ad introdurre eventuali aggiornamenti che si rendessero necessari, soprattutto nel senso di esplodere le voci generiche o le voci che a seguito dell evoluzione tecnologica, avessero bisogno di ulteriore livello di dettaglio. Comunque ogni progetto di modifica sarà tempestivamente portato a conoscenza degli utenti con le più opportune forme di pubblicità. pag. 5/285

6 CATEGORIE DISPOSITIVI MEDICI CATEGORIE DISPOSITIVI MEDICI DESCRIZIONE A B C D F G H J K L M N P DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAZIONE, PRELIEVO E RACCOLTA DISPOSITIVI PER EMOTRASFUSIONE ED EMATOLOGIA DISPOSITIVI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO DISINFETTANTI, ANTISETTICI E PROTEOLITICI (D. Lgs. 46/97) DISPOSITIVI PER DIALISI DISPOSITIVI PER APPARATO GASTROINTESTINALE DISPOSITIVI DA SUTURA DISPOSITIVI IMPIANTABILI ATTIVI DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA ED ELETTROCHIRURGIA STRUMENTARIO CHIRURGICO PLURIUSO O RIUSABILE DISPOSITIVI PER MEDICAZIONI GENERALI E SPECIALISTICHE DISPOSITIVI PER SISTEMA NERVOSO E MIDOLLARE DISPOSITIVI PROTESICI IMPIANTABILI E PRODOTTI PER OSTEOSINTESI pag. 6/285

7 CATEGORIE DISPOSITIVI MEDICI CATEGORIE DISPOSITIVI MEDICI DESCRIZIONE Q R S T U V W Y Z DISPOSITIVI PER ODONTOIATRIA, OFTALMOLOGIA E OTORINOLARINGOIATRIA DISPOSITIVI PER APPARATO RESPIRATORIO E ANESTESIA PRODOTTI PER STERILIZZAZIONE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE E AUSILI PER INCONTINENZA (D. Lgs. 46/97) DISPOSITIVI PER APPARATO UROGENITALE DISPOSITIVI VARI DISPOSITIVI MEDICO-DIAGNOSTICI IN VITRO (D. Lgs. 332/2000) SUPPORTI O AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI APPARECCHIATURE SANITARIE E RELATIVI COMPONENTI ACCESSORI E MATERIALI pag. 7/285

8 A A01 A0101 A0102 A0103 A0104 A0105 A0106 A0180 A0190 A0199 A02 A0201 A0202 A0280 A0299 A03 A0301 A0302 A0303 A0304 A0380 DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAZIONE, PRELIEVO E RACCOLTA AGHI AGHI E KIT PER INFUSIONE E PRELIEVO AGHI E KIT PER BIOPSIA AGHI E KIT PER ANESTESIA AGHI PER DIALISI AGHI PER OFTALMOLOGIA AGHI E KIT PER ODONTOIATRIA AGHI - ACCESSORI AGHI PER PROCEDURE VARIE AGHI - ALTRI SIRINGHE SIRINGHE MONOUSO SIRINGHE PLURIUSO SIRINGHE - ACCESSORI SIRINGHE - ALTRE APPARATI TUBOLARI DEFLUSSORI LINEE DI PROLUNGAMENTO SISTEMI PER INFUSIONE RAPIDA (ALTO FLUSSO) KIT PER SOMMINISTRAZIONE APPARATI TUBOLARI - ACCESSORI pag. 8/285

9 A0399 A04 A0401 A0499 A05 A0501 A0502 A0599 A06 A0601 A0602 A0603 A0680 A0699 A07 A0701 A0702 A0703 A0704 A0705 A0706 A0799 APPARATI TUBOLARI - ALTRI FILTRI PER SOLUZIONI FILTRI PER INFUSIONE E PRELIEVO FILTRI PER SOLUZIONI - ALTRI SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE MONOUSO SISTEMI ELASTOMERICI SISTEMI NON ELASTOMERICI SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE MONOUSO - ALTRI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO E RACCOLTA LIQUIDI SISTEMI DI DRENAGGIO CHIRURGICO SISTEMI DI DRENAGGIO PERCUTANEO SACCHE E SISTEMI DI RACCOLTA LIQUIDI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO E RACCOLTA LIQUIDI - ACCESSORI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO E RACCOLTA LIQUIDI - ALTRI RACCORDI, TAPPI, RUBINETTI E RAMPE RACCORDI RAMPE RUBINETTI SISTEMI DI RICOSTITUZIONE DI FARMACI TAPPI O OTTURATORI PROTEZIONI ANTISETTICHE PER RACCORDI RACCORDI, TAPPI, RUBINETTI E RAMPE - ALTRI pag. 9/285

10 A08 A0801 A0802 A0880 A0899 A09 A0901 A0999 A10 A1001 A1002 A1003 A1080 A1099 A99 B B01 B0101 B0102 B0103 B0104 B0180 SACCHE E CONTENITORI PER NUTRIZIONE ED INFUSIONE SACCHE E CONTENITORI PER NUTRIZIONE SACCHE E CONTENITORI PER INFUSIONE SACCHE E CONTENITORI PER NUTRIZIONE ED INFUSIONE - ACCESSORI SACCHE E CONTENITORI PER NUTRIZIONE ED INFUSIONE - ALTRE CONTENITORI PER ORGANI CONTENITORI PER IL PRELIEVO DI ORGANI CONTENITORI PER ORGANI - ALTRI DISPOSITIVI PER STOMIA (N.T.COD. En ISO 0918) SISTEMI PER STOMIA MONOPEZZO SISTEMI PER STOMIA A DUE PEZZI SISTEMI DI IRRIGAZIONE PER STOMIA (N.T.COD. En ISO ) DISPOSITIVI PER STOMIA - ACCESSORI DISPOSITIVI PER STOMIA - ALTRI DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAZIONE, PRELIEVO E RACCOLTA - ALTRI DISPOSITIVI PER EMOTRASFUSIONE ED EMATOLOGIA SACCHE PER SANGUE SACCHE PER PRELIEVO DI SANGUE (compresi i kit) SACCHE PER IL TRASFERIMENTO DI SANGUE SACCHE PER LA RACCOLTA, PURIFICAZIONE, CRIOPRESERVAZIONE DEL SANGUE MIDOLLARE SACCHE PER LA RACCOLTA, PURIFICAZIONE, CRIOPRESERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE SACCHE PER SANGUE - ACCESSORI pag. 10/285

11 B0199 B02 B0201 B0202 B0280 B0299 B03 B0301 B0302 B0380 B0399 B04 B0401 B0402 B0480 B0499 B05 B0501 B0502 B0599 B06 B99 SACCHE PER SANGUE - ALTRE FILTRI DA SANGUE FILTRI PER LEUCORIDUZIONE FILTRI PER TERAPIA TRASFUSIONALE MASSIVA (PER MICROAGGREGATI 40 MICRON) FILTRI DA SANGUE - ACCESSORI FILTRI DA SANGUE - ALTRI DISPOSITIVI PER AFERESI DISPOSITIVI PER RACCOLTA MEDIANTE AFERESI DISPOSITIVI PER TERAPIA MEDIANTE AFERESI DISPOSITIVI PER AFERESI - ACCESSORI DISPOSITIVI PER AFERESI - ALTRI DISPOSITIVI PER AUTOTRASFUSIONE DISPOSITIVI E KIT INTRA- E POSTOPERATORI PER RECUPERO, LAVAGGIO E REINFUSIONE DEL SANGUE DISPOSITIVI E KIT INTRA- E POSTOPERATORI PER SOLO RECUPERO E REINFUSIONE DEL SANGUE DISPOSITIVI PER AUTOTRASFUSIONE - ACCESSORI DISPOSITIVI PER AUTOTRASFUSIONE - ALTRI DISPOSITIVI PER LA PREPARAZIONE DI EMOCOMPONENTI AD USO TOPICO DISPOSITIVI PER LA PREPARAZIONE AUTOMATICA DI GEL DI PIASTRINE DISPOSITIVI PER LA PREPARAZIONE AUTOMATICA DI COLLA DI FIBRINA DISPOSITIVI PER LA PREPARAZIONE DI EMOCOMPONENTI AD USO TOPICO - ALTRI DISPOSITIVI PER LA MANIPOLAZIONE CELLULARE O BIOLOGICA DISPOSITIVI PER EMOTRASFUSIONE ED EMATOLOGIA - ALTRI pag. 11/285

12 C C01 C0101 C0102 C0103 C0104 C0105 C0180 C0190 C0199 C02 C0201 C0202 C0203 C0204 C0205 C0280 C0299 C03 C0301 C0380 C0390 DISPOSITIVI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO DISPOSITIVI PER SISTEMA ARTERO-VENOSO CATETERI VENOSI PERIFERICI CATETERI VENOSI CENTRALI CANNULE PER ACCESSO ARTERIOSO DISPOSITIVI PER ANGIOGRAFIA ED EMODINAMICA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INTRAVASCOLARE DISPOSITIVI PER SISTEMA ARTERO-VENOSO - ACCESSORI ALTRI DISPOSITIVI PER PROCEDURE VASCOLARI - VARI DISPOSITIVI PER SISTEMA ARTERO-VENOSO - ALTRI DISPOSITIVI PER ARITMOLOGIA DISPOSITIVI PER ELETTROFISIOLOGIA CARDIACA E MAPPAGGIO DISPOSITIVI PER ELETTROSTIMOLAZIONE CARDIACA TEMPORANEA (CON PRINCIPIO ATTIVO E SENZA) DISPOSITIVI PER ABLAZIONE DI FOCI ARITMOGENI DISPOSITIVI PER CARDIOVERSIONE E DEFIBRILLAZIONE ESTERNA DISPOSITIVI PER DIAGNOSTICA CARDIOLOGICA DISPOSITIVI PER ARITMOLOGIA - ACCESSORI DISPOSITIVI PER ARITMOLOGIA - ALTRI DISPOSITIVI PER CARDIOCHIRURGIA E TRAPIANTO DI ORGANO DISPOSITIVI PER CIRCOLAZIONE EXTRACORPOREA ED ASSISTITA DISPOSITIVI PER CARDIOCHIRURGIA E TRAPIANTO DI ORGANO - ACCESSORI ALTRI DISPOSITIVI PER CARDIOCHIRURGIA E TRAPIANTO DI ORGANO - VARI pag. 12/285

13 C0399 C04 C0401 C0402 C0480 C0499 C05 C0501 C0502 C0503 C0504 C0580 C0599 C90 C9001 C9002 C9003 C9004 C9005 C99 D D01 DISPOSITIVI PER CARDIOCHIRURGIA E TRAPIANTO DI ORGANO - ALTRI GUIDE PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO GUIDE CORONARICHE GUIDE VASCOLARI PERIFERICHE GUIDE PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - ACCESSORI GUIDE PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - ALTRE INTRODUTTORI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO INTRODUTTORI NON VALVOLATI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO INTRODUTTORI VALVOLATI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO INTRODUTTORI PEEL-AWAY PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO SET PER INTRODUZIONE ARTERIOSA INTRODUTTORI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - ACCESSORI INTRODUTTORI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - ALTRI DISPOSITIVI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - VARI VALVOLE E SISTEMI PER EMOSTASI DILATATORI VASCOLARI E FASCIALI SENSORI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO FONENDOSCOPI STETOSCOPI DISPOSITIVI PER APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO - ALTRI DISINFETTANTI, ANTISETTICI E PROTEOLITICI (D. Lgs. 46/97) ALDEIDI pag. 13/285

14 D0101 D0199 D02 D0201 D0299 D03 D0301 D0302 D0303 D0399 D04 D0401 D0499 D05 D0501 D0599 D06 D0601 D0699 D07 D0701 D0702 ALDEIDE GLUTARICA E ASSOCIAZIONI ALDEIDI - ALTRE BIGUANIDI CLOREXIDINA E ASSOCIAZIONI BIGUANIDI - ALTRE CLORODERIVATI IPOCLORITI E ASSOCIAZIONI DICLOROISOCIANURATI CLORITI DI SODIO E ASSOCIAZIONI CLORODERIVATI - ALTRI IODODERIVATI IODOPOVIDONE E ASSOCIAZIONI IODODERIVATI - ALTRI OSSIGENOPRODUTTORI ACIDO PERACETICO E ASSOCIAZIONI OSSIGENOPRODUTTORI - ALTRI FENOLI PER DISINFEZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI POLIFENOLI E ASSOCIAZIONI FENOLI - ALTRI ALCOLI ALCOOL ETILICO ALCOOL ISOPROPILICO pag. 14/285

15 D0799 D08 D0801 D0899 D99 F F01 F0106 F0107 F0108 F0199 F02 F0201 F0202 F0299 F03 F0301 F0302 F0303 F0304 F0305 F0306 ALCOLI - ALTRI PROTEOLITICI PROTEOLITICI ENZIMATICI PROTEOLITICI - ALTRI DISINFETTANTI E ANTISETTICI - ALTRI DISPOSITIVI PER DIALISI FILTRI PER DIALISI FILTRI PER EMODIALISI, EMOFILTRAZIONE, EMODIAFILTRAZIONE FILTRI PER EMOPERFUSIONE FILTRI E COLONNE PER ASSORBIMENTO FILTRI PER DIALISI - ALTRI LINEE PER DIALISI LINEE ARTEROVENOSE PER EMODIALISI-EMOFILTRAZIONE-EMODIAFILTRAZIONE LINEE PER DIALISI PERITONEALE LINEE PER DIALISI - ALTRE KIT PER DIALISI KIT PER EMOFILTRAZIONE-EMODIAFILTRAZIONE KIT PER BIOFILTRAZIONE KIT PER EMODIALISI KIT PER LAVAGGIO/RIEMPIMENTO IN PROCEDURE DIALITICHE KIT PER EMOPERFUSIONE KIT PER TRATTAMENTI DIALITICI CONTINUI pag. 15/285

16 F0307 F0399 F04 F0401 F0402 F0403 F0404 F0499 F90 F9001 F9002 F9003 F9004 F9005 F9080 F9099 G G01 G0101 G0102 G0103 G0180 KIT PER ULTRAFILTRAZIONE KIT PER DIALISI - ALTRI CONCENTRATI DIALITICI CONCENTRATI DIALITICI ACIDI CONCENTRATI DIALITICI BASICI CONCENTRATI DIALITICI PRIVI DI TAMPONE ACETATO SALI ADDITIVANTI PER PROCEDURE DIALITICHE CONCENTRATI DIALITICI - ALTRI DISPOSITIVI PER DIALISI - VARI DISPOSITIVI PER DIALISI PERITONEALE (non compresi in altri gruppi) DISPOSITIVI PER ACCESSO VASCOLARE (utilizzati esclusivamente per emodialisi) RACCORDI PER DIALISI SACCHE PER RACCOLTA E REINFUSIONE DI LIQUIDI DIALITICI DISPOSITIVI PER DIALISI EXTRACORPOREA DISPOSITIVI PER DIALISI - ACCESSORI ALTRI DISPOSITIVI PER DIALISI - ALTRI DISPOSITIVI PER APPARATO GASTROINTESTINALE SONDE ORO-ESOFAGEE SONDE PER DILATAZIONE ESOFAGEA SONDE PER EMOSTASI ESOFAGEA SONDE PER DIAGNOSTICA ORO-ESOFAGEA SONDE ORO-ESOFAGEE - ACCESSORI pag. 16/285

17 G0199 G02 G0201 G0202 G0203 G0204 G0205 G0206 G0280 G0299 G03 G0301 G0302 G0303 G0304 G0305 G0306 G0307 G0308 G0380 G0399 G99 SONDE ORO-ESOFAGEE - ALTRE SONDE GASTRO-INTESTINALI SONDE PER LAVAGGIO GASTRO-INTESTINALE SONDE PER ALIMENTAZIONE ED ASPIRAZIONE GASTRO-INTESTINALE SONDE PER EVACUAZIONE (N.T.COD. ISO 0912) DISPOSITIVI PER EMOSTASI GASTRO-INTESTINALE DISPOSITIVI PER IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL'OBESITA' DISPOSITIVI PER DIAGNOSTICA GASTRO-INTESTINALE SONDE GASTRO-INTESTINALI - ACCESSORI SONDE GASTRO-INTESTINALI - ALTRE DISPOSITIVI PER ENDOSCOPIA DIGESTIVA DISPOSITIVI PER DILATAZIONE ENDOSCOPICA DELLE VIE DIGERENTI DISPOSITIVI PER EMOSTASI ENDOSCOPICA DELLE VIE DIGERENTI DISPOSITIVI PER POLIPECTOMIA DISPOSITIVI PER ERCP E SFINTEROTOMIA DISPOSITIVI PER RECUPERO E LITOTRISSIA (recupero calcoli, polipi e corpi estranei) DISPOSITIVI PER IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELL'OBESITA' DISPOSITIVI ENDOSCOPICI PER DIAGNOSTICA GASTRO-INTESTINALE STRUMENTARIO MONOUSO PER ENDOSCOPIA GASTRO-INTESTINALE DISPOSITIVI PER ENDOSCOPIA DIGESTIVA - ACCESSORI DISPOSITIVI PER ENDOSCOPIA DIGESTIVA - ALTRI DISPOSITIVI PER APPARATO GASTROINTESTINALE - ALTRI pag. 17/285

18 H H01 H0101 H0102 H0199 H02 H0201 H0202 H0203 H0299 H03 H0301 H0302 H0399 H90 H9001 H9002 H9003 H9004 H9005 H9006 H9099 DISPOSITIVI DA SUTURA SUTURE CHIRURGICHE SUTURE RIASSORBIBILI SUTURE NON RIASSORBIBILI SUTURE CHIRURGICHE - ALTRE SUTURATRICI MECCANICHE SUTURATRICI CUTANEE SUTURATRICI PER CHIRURGIA APERTA SUTURATRICI PER VIDEOCHIRURGIA SUTURATRICI MECCANICHE - ALTRE CLIP PER EMOSTASI CLIP PER EMOSTASI PER CHIRURGIA APERTA CLIP PER EMOSTASI PER VIDEOCHIRURGIA CLIP PER EMOSTASI - ALTRE DISPOSITIVI DA SUTURA - VARI ADESIVI TISSUTALI NASTRI DISPOSITIVI DI RINFORZO O SUPPORTO PER SUTURA CERE CERNIERE TAPPI CRANICI DISPOSITIVI DA SUTURA - ALTRI pag. 18/285

19 J J01 J0101 J0102 J0103 J0104 J0105 J0190 J02 J0201 J0202 J0203 J0204 J0205 J0206 J0299 J03 J0301 J0302 J0303 J0380 J0399 DISPOSITIVI IMPIANTABILI ATTIVI DISPOSITIVI PER FUNZIONALITA' CARDIACA PACE MAKER DISPOSITIVI IMPIANTABILI DIAGNOSTICI PER FUNZIONALITA' CARDIACA SISTEMI DI ASSISTENZA VENTRICOLARE E KIT CUORE ARTIFICIALE E KIT DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI DISPOSITIVI PER FUNZIONALITA' CARDIACA - VARI NEUROSTIMOLATORI NEUROSTIMOLATORI CEREBRALI NEUROSTIMOLATORI SPINALI NEUROSTIMOLATORI VAGALI NEUROMODULATORI DEL RACHIDE SACRALE NEUROSTIMOLATORI PER IL RECUPERO MOTORIO NEUROSTIMOLATORI DEL NERVO FRENICO NEUROSTIMOLATORI - ALTRI IMPIANTI AURICOLARI ATTIVI IMPIANTI COCLEARI IMPIANTI ATTIVI PER L'ORECCHIO MEDIO IMPIANTI AL TRONCO PER SORDITA' PROFONDA IMPIANTI AURICOLARI ATTIVI - ACCESSORI IMPIANTI AURICOLARI ATTIVI - ALTRI pag. 19/285

20 J04 J0401 J0402 J0480 J0499 J99 K K01 K0101 K0102 K0103 K0180 K0199 K02 K0201 K0202 K0203 K0204 K0299 K03 K0301 K0302 POMPE IMPIANTABILI POMPE IMPIANTABILI ELETTRONICHE POMPE IMPIANTABILI MECCANICHE POMPE IMPIANTABILI - ACCESSORI POMPE IMPIANTABILI - ALTRE DISPOSITIVI IMPIANTABILI ATTIVI - ALTRI DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA ED ELETTROCHIRURGIA DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA TROCAR E KIT MONOUSO STRUMENTARIO MONOUSO PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA SPINALE DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA - ACCESSORI ALTRI DISPOSITIVI PER CHIRURGIA MINI-INVASIVA - ALTRI DISPOSITIVI PER ELETTROCHIRURGIA DISPOSITIVI MONO- E BIPOLARI DISPOSITIVI PER CHIRURGIA CON GENERATORE A ULTRASUONI DISPOSITIVI PER CHIRURGIA CON GENERATORE A RADIOFREQUENZA DISPOSITIVI PER CHIRURGIA CON GENERATORE A GAS ARGON DISPOSITIVI PER ELETTROCHIRURGIA - ALTRI DISPOSITIVI PER ARTROSCOPIA SISTEMI DI TRAZIONE PER ARTROSCOPIA DISPOSITIVI CHIRURGICI MONOUSO PER ARTROSCOPIA pag. 20/285

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Categorie merceologiche Albo Fornitori

Categorie merceologiche Albo Fornitori ALLEGATO A) Categorie merceologiche Albo Fornitori CATEGORIA: ATTREZZATURE TECNICO ECONOMALI CODICE (ATE) AUTOMEZZI ATE 01 ACCESSORI E PEZZI DI RICAMBIO PER AUTOMEZZI ATE 02 AUTOMEZZI SPECIALI (AMBULANZE,

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO Manuale degli Operatori del Numero Verde e di Front Office

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Categorie merceologiche Albo Fornitori

Categorie merceologiche Albo Fornitori REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO U.O.C. Provveditorato Direttore: Dott. Antonio Falciglia Tel. 0931/484278-fax 0931/484855 e-mail: settore.provveditorato@asp.sr.it

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL. Tre strati, triplice vantaggio

RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL. Tre strati, triplice vantaggio RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL Tre strati, triplice vantaggio SICUREZZA SUPERIORE Tutti i nostri fili guida in nitinol, con corpo standard o stiff, sono dotati di una punta flessibile di sicurezza che protegge

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

TARIFFARIO LIBERA PROFESSIONE INDIVIDUALE

TARIFFARIO LIBERA PROFESSIONE INDIVIDUALE TARIFFARIO LIBERA PROFESSIONE INDIVIDUALE Unità operativa BAISI DOTT. BENIAMINO LP0972 (AGO) BIOPSIA PROSTATA ECOGUIDATA 206,71 LP8141 ASPORTAZIONE CONDILOMI O ALTRA LESIONE DEL PENE 160,00 LP8108 ASPORTAZIONE

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg VET 30 6.1 03/2015-IT Minilaparoscopia per animali di peso inferiore ai 10 kg Ristabilimento e guarigione più rapidi Un set di strumenti fondamentali per ogni veterinario operante in zoo, in laboratori

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi-

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi- LOTTO 1: SIRINGHE SENZ'AGO LUER LOCK FORNITORE: BECTON DICKINSON S.P.A. FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE -Listino prezzi- 300910 Siringhe cono luer lock senza ago ml 2,5-3 0,05190

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE DEFINIZIONE DEGLI AMBULATORI EXTRAOSPEDALIERI E DEGLI STUDI PROFESSIONALI SANITARI E INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE PER LE QUALI GLI STUDI DEVONO ESSERE AUTORIZZATI Per AMBULATORI

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Semplice, veloce ed economica:

Semplice, veloce ed economica: GYN 30-6 05/2013-IT Semplice, veloce ed economica: ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI per l isterectomia laparoscopica sopracervicale (LASH) Ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI

Dettagli

I criteri dell'eu per i GPP sono generalmente suddivisi in due serie, ossia criteri di base e criteri generali:

I criteri dell'eu per i GPP sono generalmente suddivisi in due serie, ossia criteri di base e criteri generali: Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature elettriche ed elettroniche utilizzate nel settore sanitario (AEE utilizzate nel settore sanitario) Gli acquisti verdi della pubblica amministrazione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Il trattamento endovascolare degli aneurismi dell'aorta addominale Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Indice Introduzione 1 Che cos'è un aneurisma dell aorta addominale (AAA)?

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli