Introduzione alle particelle elementari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alle particelle elementari"

Transcript

1 Introduzione alle particelle elementari Christian Ferrari Liceo di Locarno

2 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

3 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

4 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

5 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

6 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

7 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

8 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

9 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

10 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

11 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

12 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

13 Sommario 1 Introduzione Quadro generale e dimensioni del mondo microscopico Atomi, nuclei e nuove particelle Le particelle elementari Costruire particelle Aspetti sperimentali La forza elettromagnetica La forza nucleare forte La forza nucleare debole L unificazione delle forze Quale ruolo per la forza gravitazionale? Percorso storico Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

14 Introduzione 2 La fisica delle particelle elementari si pone la domanda: Di cosa è fatta la materia ad una scala piccolissima? Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

15 Introduzione 2 La fisica delle particelle elementari si pone la domanda: Di cosa è fatta la materia ad una scala piccolissima? A livello subatomico la materia è composta da un piccolo numero di particelle di base classificabili in diverse classi, queste ultime sono replicate in grandissime quantità per costituire tutto quanto ci circonda. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

16 Introduzione 2 La fisica delle particelle elementari si pone la domanda: Di cosa è fatta la materia ad una scala piccolissima? A livello subatomico la materia è composta da un piccolo numero di particelle di base classificabili in diverse classi, queste ultime sono replicate in grandissime quantità per costituire tutto quanto ci circonda. Sorge quindi un altra domanda: Come interagiscono tra loro le particelle? Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

17 Introduzione 2 La fisica delle particelle elementari si pone la domanda: Di cosa è fatta la materia ad una scala piccolissima? A livello subatomico la materia è composta da un piccolo numero di particelle di base classificabili in diverse classi, queste ultime sono replicate in grandissime quantità per costituire tutto quanto ci circonda. Sorge quindi un altra domanda: Come interagiscono tra loro le particelle? Cercheremo di rispondere qualitativamente a queste domande. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

18 Quadro generale 3 La descrizione del mondo atomico e subatomico si basa su: un certo numero di particelle dette elementari, la possibilità di costruire delle particelle partendo da quelle elementari, delle forze fondamentali tra queste particelle, l idea che la forza è mediata da un certo numero di particelle, chiamate particelle mediatrici. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

19 Quadro generale 3 La descrizione del mondo atomico e subatomico si basa su: un certo numero di particelle dette elementari, la possibilità di costruire delle particelle partendo da quelle elementari, delle forze fondamentali tra queste particelle, l idea che la forza è mediata da un certo numero di particelle, chiamate particelle mediatrici. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

20 Quadro generale 3 La descrizione del mondo atomico e subatomico si basa su: un certo numero di particelle dette elementari, la possibilità di costruire delle particelle partendo da quelle elementari, delle forze fondamentali tra queste particelle, l idea che la forza è mediata da un certo numero di particelle, chiamate particelle mediatrici. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

21 Quadro generale 3 La descrizione del mondo atomico e subatomico si basa su: un certo numero di particelle dette elementari, la possibilità di costruire delle particelle partendo da quelle elementari, delle forze fondamentali tra queste particelle, l idea che la forza è mediata da un certo numero di particelle, chiamate particelle mediatrici. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

22 Quadro generale 3 La descrizione del mondo atomico e subatomico si basa su: un certo numero di particelle dette elementari, la possibilità di costruire delle particelle partendo da quelle elementari, delle forze fondamentali tra queste particelle, l idea che la forza è mediata da un certo numero di particelle, chiamate particelle mediatrici. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

23 Dimensioni del mondo microscopico 4 Cosa si intende per mondo microscopico? Quali sono le scale tipiche di questo mondo? Distanza tra atomi in un cristallo di alluminio: [m] Taglia di un atomo: [m] Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

24 Dimensioni del mondo microscopico 4 Cosa si intende per mondo microscopico? Quali sono le scale tipiche di questo mondo? Distanza tra atomi in un cristallo di alluminio: [m] Taglia di un atomo: [m] Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

25 Dimensioni del mondo microscopico 4 Cosa si intende per mondo microscopico? Quali sono le scale tipiche di questo mondo? Distanza tra atomi in un cristallo di alluminio: [m] Taglia di un atomo: [m] Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

26 Dimensioni del mondo microscopico 5 Taglia di un nucleo: [m] Taglia di un nucleone (= protone/neutrone): [m] = Taglia di un elettrone: inferiore a [m] (considerato puntiforme) Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

27 Dimensioni del mondo microscopico 5 Taglia di un nucleo: [m] Taglia di un nucleone (= protone/neutrone): [m] = Taglia di un elettrone: inferiore a [m] (considerato puntiforme) Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

28 Dimensioni del mondo microscopico 5 Taglia di un nucleo: [m] Taglia di un nucleone (= protone/neutrone): [m] = Taglia di un elettrone: inferiore a [m] (considerato puntiforme) Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

29 Dimensioni del mondo microscopico 5 Taglia di un nucleo: [m] Taglia di un nucleone (= protone/neutrone): [m] = Taglia di un elettrone: inferiore a [m] (considerato puntiforme) Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idee di base Dimensioni

30 Atomi 6 Atomo { Nucleo : carica +, Elettroni : carica elettrone nucleo La massa dell atomo è concentrata sul nucleo. La forza tra il nucleo e gli elettroni ossia l interazione è elettromagnetica, la cui origine è la carica elettrica del nucleo e degli elettroni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

31 Atomi 6 Atomo { Nucleo : carica +, Elettroni : carica elettrone nucleo La massa dell atomo è concentrata sul nucleo. La forza tra il nucleo e gli elettroni ossia l interazione è elettromagnetica, la cui origine è la carica elettrica del nucleo e degli elettroni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

32 Nuclei 7 Nucleo { Protoni : carica +, Neutroni : carica 0 nucleo neutrone protone La forza tra protoni e neutroni è chiamata forza nucleare forte, ha una portata molto piccola ma è molto intensa, così da dominare la repulsione elettrica tra i protoni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

33 Nuclei 7 Nucleo { Protoni : carica +, Neutroni : carica 0 nucleo neutrone protone La forza tra protoni e neutroni è chiamata forza nucleare forte, ha una portata molto piccola ma è molto intensa, così da dominare la repulsione elettrica tra i protoni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

34 Altre particelle 8 Agli inizi del 1900 è postulata l esistenza di una particella di luce : il fotone, la sua conferma sperimentale arriva tra il 1916 e A partire dagli anni 30 è stata ipotizzata l esistenza di altre particelle oltre agli elettroni, i protoni e i neutroni e vi è stata poi la loro scoperta sperimentale; parallelamente sono pure state scoperte altre particelle inattese. Ecco alcuni esempi: Neutrini: particelle postulate per spiegare un apparente violazione della conservazione dell energia in alcuni processi di disintegrazione nucleare. Pioni: particelle introdotta sul piano teorico da Yukawa nel quadro della forza nucleare forte. Muone µ: particella simile all elettrone, scoperta nel 1936 e inizialmente confusa con il pione di Yukawa. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

35 Altre particelle 8 Agli inizi del 1900 è postulata l esistenza di una particella di luce : il fotone, la sua conferma sperimentale arriva tra il 1916 e A partire dagli anni 30 è stata ipotizzata l esistenza di altre particelle oltre agli elettroni, i protoni e i neutroni e vi è stata poi la loro scoperta sperimentale; parallelamente sono pure state scoperte altre particelle inattese. Ecco alcuni esempi: Neutrini: particelle postulate per spiegare un apparente violazione della conservazione dell energia in alcuni processi di disintegrazione nucleare. Pioni: particelle introdotta sul piano teorico da Yukawa nel quadro della forza nucleare forte. Muone µ: particella simile all elettrone, scoperta nel 1936 e inizialmente confusa con il pione di Yukawa. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

36 Altre particelle 8 Agli inizi del 1900 è postulata l esistenza di una particella di luce : il fotone, la sua conferma sperimentale arriva tra il 1916 e A partire dagli anni 30 è stata ipotizzata l esistenza di altre particelle oltre agli elettroni, i protoni e i neutroni e vi è stata poi la loro scoperta sperimentale; parallelamente sono pure state scoperte altre particelle inattese. Ecco alcuni esempi: Neutrini: particelle postulate per spiegare un apparente violazione della conservazione dell energia in alcuni processi di disintegrazione nucleare. Pioni: particelle introdotta sul piano teorico da Yukawa nel quadro della forza nucleare forte. Muone µ: particella simile all elettrone, scoperta nel 1936 e inizialmente confusa con il pione di Yukawa. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

37 Altre particelle 8 Agli inizi del 1900 è postulata l esistenza di una particella di luce : il fotone, la sua conferma sperimentale arriva tra il 1916 e A partire dagli anni 30 è stata ipotizzata l esistenza di altre particelle oltre agli elettroni, i protoni e i neutroni e vi è stata poi la loro scoperta sperimentale; parallelamente sono pure state scoperte altre particelle inattese. Ecco alcuni esempi: Neutrini: particelle postulate per spiegare un apparente violazione della conservazione dell energia in alcuni processi di disintegrazione nucleare. Pioni: particelle introdotta sul piano teorico da Yukawa nel quadro della forza nucleare forte. Muone µ: particella simile all elettrone, scoperta nel 1936 e inizialmente confusa con il pione di Yukawa. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

38 Altre particelle 8 Agli inizi del 1900 è postulata l esistenza di una particella di luce : il fotone, la sua conferma sperimentale arriva tra il 1916 e A partire dagli anni 30 è stata ipotizzata l esistenza di altre particelle oltre agli elettroni, i protoni e i neutroni e vi è stata poi la loro scoperta sperimentale; parallelamente sono pure state scoperte altre particelle inattese. Ecco alcuni esempi: Neutrini: particelle postulate per spiegare un apparente violazione della conservazione dell energia in alcuni processi di disintegrazione nucleare. Pioni: particelle introdotta sul piano teorico da Yukawa nel quadro della forza nucleare forte. Muone µ: particella simile all elettrone, scoperta nel 1936 e inizialmente confusa con il pione di Yukawa. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Atomi Nuclei Nuove particelle

39 Particelle elementari: proprietà fondamentali 9 Quark e leptoni sono le due famiglie di particelle elementari che formano i mattoni di base per la costruzione di tutte le altre particelle, queste particelle hanno delle proprietà fondamentali: la massa M (in [MeV ]/c 2 ), la carica elettrica Q e (in [C]), lo spin che in un imagine classica indica il senso di rotazione su se stessa della particella z spin su spin giù Abbiamo due possibilità che vengono chiamate spin su (o spin S z = ), spin giù (o spin S z = 1 2 ). In tutti i casi si dice che si ha uno spin S = 1 2 e la particella ha le due possibilità su e giù. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

40 Particelle elementari: proprietà fondamentali 9 Quark e leptoni sono le due famiglie di particelle elementari che formano i mattoni di base per la costruzione di tutte le altre particelle, queste particelle hanno delle proprietà fondamentali: la massa M (in [MeV ]/c 2 ), la carica elettrica Q e (in [C]), lo spin che in un imagine classica indica il senso di rotazione su se stessa della particella z spin su spin giù Abbiamo due possibilità che vengono chiamate spin su (o spin S z = ), spin giù (o spin S z = 1 2 ). In tutti i casi si dice che si ha uno spin S = 1 2 e la particella ha le due possibilità su e giù. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

41 Particelle elementari: proprietà fondamentali 9 Quark e leptoni sono le due famiglie di particelle elementari che formano i mattoni di base per la costruzione di tutte le altre particelle, queste particelle hanno delle proprietà fondamentali: la massa M (in [MeV ]/c 2 ), la carica elettrica Q e (in [C]), lo spin che in un imagine classica indica il senso di rotazione su se stessa della particella z spin su spin giù Abbiamo due possibilità che vengono chiamate spin su (o spin S z = ), spin giù (o spin S z = 1 2 ). In tutti i casi si dice che si ha uno spin S = 1 2 e la particella ha le due possibilità su e giù. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

42 Particelle elementari: proprietà fondamentali 9 Quark e leptoni sono le due famiglie di particelle elementari che formano i mattoni di base per la costruzione di tutte le altre particelle, queste particelle hanno delle proprietà fondamentali: la massa M (in [MeV ]/c 2 ), la carica elettrica Q e (in [C]), lo spin che in un imagine classica indica il senso di rotazione su se stessa della particella z spin su spin giù Abbiamo due possibilità che vengono chiamate spin su (o spin S z = ), spin giù (o spin S z = 1 2 ). In tutti i casi si dice che si ha uno spin S = 1 2 e la particella ha le due possibilità su e giù. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

43 Particelle elementari: proprietà fondamentali 9 Quark e leptoni sono le due famiglie di particelle elementari che formano i mattoni di base per la costruzione di tutte le altre particelle, queste particelle hanno delle proprietà fondamentali: la massa M (in [MeV ]/c 2 ), la carica elettrica Q e (in [C]), lo spin che in un imagine classica indica il senso di rotazione su se stessa della particella z spin su spin giù Abbiamo due possibilità che vengono chiamate spin su (o spin S z = ), spin giù (o spin S z = 1 2 ). In tutti i casi si dice che si ha uno spin S = 1 2 e la particella ha le due possibilità su e giù. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

44 Particelle elementari: proprietà fondamentali 10 Vi sono poi altre proprietà intrinseche più esotiche quali ad esempio: il numero leptonico L (per i leptoni), il numero barionico B (per i quark), il colore (per i quark). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

45 Particelle elementari: proprietà fondamentali 10 Vi sono poi altre proprietà intrinseche più esotiche quali ad esempio: il numero leptonico L (per i leptoni), il numero barionico B (per i quark), il colore (per i quark). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

46 Particelle elementari: proprietà fondamentali 10 Vi sono poi altre proprietà intrinseche più esotiche quali ad esempio: il numero leptonico L (per i leptoni), il numero barionico B (per i quark), il colore (per i quark). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

47 Particelle elementari: proprietà fondamentali 10 Vi sono poi altre proprietà intrinseche più esotiche quali ad esempio: il numero leptonico L (per i leptoni), il numero barionico B (per i quark), il colore (per i quark). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

48 Antimateria 11 Nel Modello Standard, la teoria delle particelle elementari più accettata ai giorni nostri, per ogni particella p esiste una particella di antimateria (=antiparticella) notata sovente p o con il segno della carica elettrica opposto. Le caratteristiche dell antimateria sono molto simili a quelle della materia, in altre parole l antimateria non ha nulla di particolarmente strano. Ecco un esempio: particella: elettrone e M = 0.51 Q e = 1 S = 1 2 L = +1 antiparticella: positrone e + M = 0.51 Q e = +1 S = 1 2 L = 1 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

49 Antimateria 11 Nel Modello Standard, la teoria delle particelle elementari più accettata ai giorni nostri, per ogni particella p esiste una particella di antimateria (=antiparticella) notata sovente p o con il segno della carica elettrica opposto. Le caratteristiche dell antimateria sono molto simili a quelle della materia, in altre parole l antimateria non ha nulla di particolarmente strano. Ecco un esempio: particella: elettrone e M = 0.51 Q e = 1 S = 1 2 L = +1 antiparticella: positrone e + M = 0.51 Q e = +1 S = 1 2 L = 1 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

50 Antimateria 11 Nel Modello Standard, la teoria delle particelle elementari più accettata ai giorni nostri, per ogni particella p esiste una particella di antimateria (=antiparticella) notata sovente p o con il segno della carica elettrica opposto. Le caratteristiche dell antimateria sono molto simili a quelle della materia, in altre parole l antimateria non ha nulla di particolarmente strano. Ecco un esempio: particella: elettrone e M = 0.51 Q e = 1 S = 1 2 L = +1 antiparticella: positrone e + M = 0.51 Q e = +1 S = 1 2 L = 1 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

51 Quark 12 I quark sono classificati come segue per un totale di 6 quark. quark simbolo Q e S B down d 1 3 up u strange s 1 3 charm c bottom b 1 3 top t Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

52 Anti quark 13 Ad ogni quark è associato un anti quark, anti quark simbolo Q e S B anti down d anti up ū 2 3 anti strange s anti charm c 2 3 anti bottom b anti top t 2 3 per un totale di 6 anti quark Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

53 Leptoni 14 I leptoni sono classificati come segue leptone simbolo Q e S L elettrone e neutrino elettronico ν e muone µ neutrino muonico ν µ tau τ neutrino tauonico ν τ per un totale di 6 leptoni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

54 Anti leptoni 15 Ad ogni leptone è associato un anti leptone, leptone simbolo Q e S L positrone e anti neutrino elettronico ν e anti muone µ anti neutrino muonico ν µ anti tau τ anti neutrino tauonico ν τ per un totale di 6 anti leptoni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

55 Barioni 16 I barioni sono particelle composte da tre quark qqq mentre gli anti barioni sono particelle composte da tre anti quark q q q. Ecco alcuni esempi: protone p = uud neutrone n = udd lambda Λ = uds lambda c + Λ + c = udc omega Ω = sss antiprotone p = ūū d Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

56 Barioni 16 I barioni sono particelle composte da tre quark qqq mentre gli anti barioni sono particelle composte da tre anti quark q q q. Ecco alcuni esempi: protone p = uud neutrone n = udd lambda Λ = uds lambda c + Λ + c = udc omega Ω = sss antiprotone p = ūū d Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

57 Mesoni 17 I mesoni sono particelle composte da un quark ed un anti quark q q Ecco alcuni esempi: pione + pione 0 pione kaone + kaone 0 charmonium upsilon π + = u d π 0 = uū π = dū K + =u s K 0 =d s J/Ψ = c c Υ = b b Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

58 Mesoni 17 I mesoni sono particelle composte da un quark ed un anti quark q q Ecco alcuni esempi: pione + pione 0 pione kaone + kaone 0 charmonium upsilon π + = u d π 0 = uū π = dū K + =u s K 0 =d s J/Ψ = c c Υ = b b Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

59 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

60 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

61 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

62 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

63 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

64 Colore e sapore dei quark 18 Un principio fondamentale della fisica, noto come Principio di esclusione di Pauli, afferma che, se una particella A è composta da altre particelle di spin S = 1 2 allora A non può contenere particelle identiche in tutte le sue caratteristiche. Applichiamo questa idea ai quark (o anti quark): protone: p = uud, è possibile avere due quark up? Sì, a condizione che i due quark up hanno spin opposto; uno S z = l altro S z = 1 2 così da risultare non identici. omega : Ω = sss, è possibile avere tre quark strange? Non possiamo più utilizzare l idea precedente, infatti avremo comunque due quark strange con lo stesso spin problema! Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

65 Colore e sapore dei quark 19 Per regolare questo problema si introduce una nuova proprietà dei quark, chiamata carica di colore (o colore) Q c, essa può assumere tre diversi valori Q c = r = rosso, Q c = v = verde, Q c = b = blu. I 6 tipi di quark sono detti sapori e per ogni sapore abbiamo tre possibili colori così da moltiplicare per 3 il numero di quark (e di anti quark). Una proprietà importante del colore è che le particelle composte da quark e/o anti quark devono essere di colore bianco, dove valgono le regole r + v + b = r + v + b = bianco r + r = v + v = b + b = bianco Le sole possibilità per bianco sono qqq, q q q e q q. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

66 Colore e sapore dei quark 19 Per regolare questo problema si introduce una nuova proprietà dei quark, chiamata carica di colore (o colore) Q c, essa può assumere tre diversi valori Q c = r = rosso, Q c = v = verde, Q c = b = blu. I 6 tipi di quark sono detti sapori e per ogni sapore abbiamo tre possibili colori così da moltiplicare per 3 il numero di quark (e di anti quark). Una proprietà importante del colore è che le particelle composte da quark e/o anti quark devono essere di colore bianco, dove valgono le regole r + v + b = r + v + b = bianco r + r = v + v = b + b = bianco Le sole possibilità per bianco sono qqq, q q q e q q. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

67 Colore e sapore dei quark 19 Per regolare questo problema si introduce una nuova proprietà dei quark, chiamata carica di colore (o colore) Q c, essa può assumere tre diversi valori Q c = r = rosso, Q c = v = verde, Q c = b = blu. I 6 tipi di quark sono detti sapori e per ogni sapore abbiamo tre possibili colori così da moltiplicare per 3 il numero di quark (e di anti quark). Una proprietà importante del colore è che le particelle composte da quark e/o anti quark devono essere di colore bianco, dove valgono le regole r + v + b = r + v + b = bianco r + r = v + v = b + b = bianco Le sole possibilità per bianco sono qqq, q q q e q q. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

68 Colore e sapore dei quark 19 Per regolare questo problema si introduce una nuova proprietà dei quark, chiamata carica di colore (o colore) Q c, essa può assumere tre diversi valori Q c = r = rosso, Q c = v = verde, Q c = b = blu. I 6 tipi di quark sono detti sapori e per ogni sapore abbiamo tre possibili colori così da moltiplicare per 3 il numero di quark (e di anti quark). Una proprietà importante del colore è che le particelle composte da quark e/o anti quark devono essere di colore bianco, dove valgono le regole r + v + b = r + v + b = bianco r + r = v + v = b + b = bianco Le sole possibilità per bianco sono qqq, q q q e q q. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Prop Antimateria Quark e leptoni Barioni e mesoni Colore

69 Come produrre particelle 20 Metodi semplici: Elettroni: scaldando un metallo e accelerandoli con un campo elettrico, Protoni: ionizzazione dell idrogeno (ma anche semplicemente H 2 come bersaglio) Raggi cosmici: Particelle che arrivano dallo spazio (principalmente protoni) che urtano gli atomi nell atmosfera e producono altre particelle (principalmente muoni detti muoni cosmici). Reazioni nucleari: Nuclei radioattivi che si disintegrano emettendo neutroni, neutrini, raggi alfa (=particelle α), raggi beta (= elettroni, positroni), raggi gamma (= fotoni). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

70 Come produrre particelle 20 Metodi semplici: Elettroni: scaldando un metallo e accelerandoli con un campo elettrico, Protoni: ionizzazione dell idrogeno (ma anche semplicemente H 2 come bersaglio) Raggi cosmici: Particelle che arrivano dallo spazio (principalmente protoni) che urtano gli atomi nell atmosfera e producono altre particelle (principalmente muoni detti muoni cosmici). Reazioni nucleari: Nuclei radioattivi che si disintegrano emettendo neutroni, neutrini, raggi alfa (=particelle α), raggi beta (= elettroni, positroni), raggi gamma (= fotoni). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

71 Come produrre particelle 20 Metodi semplici: Elettroni: scaldando un metallo e accelerandoli con un campo elettrico, Protoni: ionizzazione dell idrogeno (ma anche semplicemente H 2 come bersaglio) Raggi cosmici: Particelle che arrivano dallo spazio (principalmente protoni) che urtano gli atomi nell atmosfera e producono altre particelle (principalmente muoni detti muoni cosmici). Reazioni nucleari: Nuclei radioattivi che si disintegrano emettendo neutroni, neutrini, raggi alfa (=particelle α), raggi beta (= elettroni, positroni), raggi gamma (= fotoni). Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

72 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

73 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

74 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

75 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

76 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

77 Come produrre particelle 21 Acceleratori di particelle: Idea: si fanno collidere particelle per crearne delle nuove, che a loro volta possono collidere con altre eccetera; si isolano poi le particelle interessanti. Le particelle stabili possono essere stockate in grandi anelli e utilizzate al momento opportuno. Modalità BF: si accelerano elettroni o protoni che si fanno collidere su un bersaglio fisso. Modalità CF: si accelerano elettroni (o protoni) e positroni (o anti protoni) in un anello circolare provvisto di un campo magnetico, e si fanno scontrare in una collisione frontale. Più è alta la massa delle particelle cercate maggiore è l energia necessaria. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

78 Come produrre particelle 22 Centre Europe en Recherche Nucle aire (CERN), Ginevra Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

79 Come produrre particelle 23 Stanford Linear Accelerator Center (SLAC), California Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

80 Come vedere particelle 24 Vi sono diversi detettori di particelle, le idee principali sono le seguenti: le particelle cariche con alta energia ionizzano/eccitano gli atomi che si trovano sul loro percorso, questi ioni/atomi eccitati generano effetti che permettono di vedere il passaggio delle particelle, i detettori sono sovente messi tra due magneti, poiché il comportamento delle particelle cariche in un campo magnetico dipende dalla loro energia cinetica e dalla loro carica elettrica, le particelle neutre sono ricostruite grazie alle tracce lasciate dalle particelle cariche e utilizzando la conservazione della quantità di moto e dell energia ad ogni vertice nelle traiettorie delle particelle cariche. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

81 Come vedere particelle 24 Vi sono diversi detettori di particelle, le idee principali sono le seguenti: le particelle cariche con alta energia ionizzano/eccitano gli atomi che si trovano sul loro percorso, questi ioni/atomi eccitati generano effetti che permettono di vedere il passaggio delle particelle, i detettori sono sovente messi tra due magneti, poiché il comportamento delle particelle cariche in un campo magnetico dipende dalla loro energia cinetica e dalla loro carica elettrica, le particelle neutre sono ricostruite grazie alle tracce lasciate dalle particelle cariche e utilizzando la conservazione della quantità di moto e dell energia ad ogni vertice nelle traiettorie delle particelle cariche. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

82 Come vedere particelle 24 Vi sono diversi detettori di particelle, le idee principali sono le seguenti: le particelle cariche con alta energia ionizzano/eccitano gli atomi che si trovano sul loro percorso, questi ioni/atomi eccitati generano effetti che permettono di vedere il passaggio delle particelle, i detettori sono sovente messi tra due magneti, poiché il comportamento delle particelle cariche in un campo magnetico dipende dalla loro energia cinetica e dalla loro carica elettrica, le particelle neutre sono ricostruite grazie alle tracce lasciate dalle particelle cariche e utilizzando la conservazione della quantità di moto e dell energia ad ogni vertice nelle traiettorie delle particelle cariche. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

83 Come vedere particelle 24 Vi sono diversi detettori di particelle, le idee principali sono le seguenti: le particelle cariche con alta energia ionizzano/eccitano gli atomi che si trovano sul loro percorso, questi ioni/atomi eccitati generano effetti che permettono di vedere il passaggio delle particelle, i detettori sono sovente messi tra due magneti, poiché il comportamento delle particelle cariche in un campo magnetico dipende dalla loro energia cinetica e dalla loro carica elettrica, le particelle neutre sono ricostruite grazie alle tracce lasciate dalle particelle cariche e utilizzando la conservazione della quantità di moto e dell energia ad ogni vertice nelle traiettorie delle particelle cariche. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

84 Come vedere particelle 25 Detezione del positrone (1932) Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

85 Come vedere particelle 26 Decadimento π µ + ν µ seguito da µ e + ν e + ν µ. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

86 Come vedere particelle 27 La scoperta della particella Ω Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Produrre di particelle Vedere di particelle

87 L interazione tra particelle 28 Sviluppo dell idea classica: Newton/Coulomb (1665/1785): Se A e B non si toccano ma hanno un influsso reciproco, si parla di forza (o interazione) a distanza. Esempio: attrazione elettrica tra oggetti di carica opposta: Qe > 0 Qe < 0 Faraday (1850): B crea un campo e A subisce il suo effetto, il campo diventa l intermediario dell interazione. Esempio: una carica crea un campo elettrico E che a sua volta influisce su una seconda carica: E Qe > 0 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

88 L interazione tra particelle 28 Sviluppo dell idea classica: Newton/Coulomb (1665/1785): Se A e B non si toccano ma hanno un influsso reciproco, si parla di forza (o interazione) a distanza. Esempio: attrazione elettrica tra oggetti di carica opposta: Qe > 0 Qe < 0 Faraday (1850): B crea un campo e A subisce il suo effetto, il campo diventa l intermediario dell interazione. Esempio: una carica crea un campo elettrico E che a sua volta influisce su una seconda carica: E Qe > 0 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

89 L interazione tra particelle 28 Sviluppo dell idea classica: Newton/Coulomb (1665/1785): Se A e B non si toccano ma hanno un influsso reciproco, si parla di forza (o interazione) a distanza. Esempio: attrazione elettrica tra oggetti di carica opposta: Qe > 0 Qe < 0 Faraday (1850): B crea un campo e A subisce il suo effetto, il campo diventa l intermediario dell interazione. Esempio: una carica crea un campo elettrico E che a sua volta influisce su una seconda carica: E Qe > 0 Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

90 L interazione tra particelle 29 Nella teoria moderna (visione quantistica) l idea di campo è sostituita da un insieme di particelle che si propagano nello spazio: l interazione avviene attraverso lo scambio di particelle: le particelle mediatrici della forza. Esempio: l interazione tra elettroni avviene tramite lo scambio di fotoni poiché il campo elettrico (da un punto di vista quantistico) è composto da fotoni t γ e γ e γ Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

91 L interazione tra particelle 29 Nella teoria moderna (visione quantistica) l idea di campo è sostituita da un insieme di particelle che si propagano nello spazio: l interazione avviene attraverso lo scambio di particelle: le particelle mediatrici della forza. Esempio: l interazione tra elettroni avviene tramite lo scambio di fotoni poiché il campo elettrico (da un punto di vista quantistico) è composto da fotoni t γ e γ e γ Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

92 L interazione elettromagnetica 30 La caratteristica intrinseca delle particelle origine dell interazione elettromagnetica è la carica elettrica Q e : Q e interazione elettromagnetica Le particelle soggette a questa interazione sono i leptoni carichi, i quark e i bosoni vettori W ± mediatori della forza debole. La particella mediatrice dell interazione elettromagnetica è il Vi è un unico tipo di fotone. fotone γ. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

93 L interazione elettromagnetica 30 La caratteristica intrinseca delle particelle origine dell interazione elettromagnetica è la carica elettrica Q e : Q e interazione elettromagnetica Le particelle soggette a questa interazione sono i leptoni carichi, i quark e i bosoni vettori W ± mediatori della forza debole. La particella mediatrice dell interazione elettromagnetica è il Vi è un unico tipo di fotone. fotone γ. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

94 L interazione elettromagnetica 30 La caratteristica intrinseca delle particelle origine dell interazione elettromagnetica è la carica elettrica Q e : Q e interazione elettromagnetica Le particelle soggette a questa interazione sono i leptoni carichi, i quark e i bosoni vettori W ± mediatori della forza debole. La particella mediatrice dell interazione elettromagnetica è il Vi è un unico tipo di fotone. fotone γ. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

95 L interazione elettromagnetica 30 La caratteristica intrinseca delle particelle origine dell interazione elettromagnetica è la carica elettrica Q e : Q e interazione elettromagnetica Le particelle soggette a questa interazione sono i leptoni carichi, i quark e i bosoni vettori W ± mediatori della forza debole. La particella mediatrice dell interazione elettromagnetica è il Vi è un unico tipo di fotone. fotone γ. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

96 L interazione elettromagnetica 31 Nella teoria quantistica dell interazione EM, nota come ElettroDinamica Quantistica QED, il meccanismo dell interazione è lo scambio di un fotone. Nell esempio le interazioni e e e e + e e e e + γ γ e e e e + Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

97 L interazione elettromagnetica 31 Nella teoria quantistica dell interazione EM, nota come ElettroDinamica Quantistica QED, il meccanismo dell interazione è lo scambio di un fotone. Nell esempio le interazioni e e e e + e e e e + γ γ e e e e + Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

98 L interazione nucleare forte 32 La caratteristica intrinseca delle particelle origine dell interazione nucleare forte è la carica di colore Q c : Q c interazione nucleare forte Le particelle soggette a questa interazione sono i quark e i gluoni. Le particelle mediatrici dell interazione forte sono i gluoni g(c c). I gluoni sono bicolori del tipo c c; vi sono 8 tipi di gluoni. Intro ANP Part. el. Exp Forze Unif Gr Concl Storia Idea Forza EM Forza forte Forza debole Bosoni

Le Interazioni Fondamentali delle Particelle Elementari

Le Interazioni Fondamentali delle Particelle Elementari Le Interazioni Fondamentali delle Particelle Elementari Roberto Passante Dipartimento di Scienze Fisiche ed Astronomiche, Università di Palermo ITI Mottura, Caltanissetta, 27 Marzo 2009 Struttura dell

Dettagli

FAM A+B C. Considera la disintegrazione di una particella A in due particelle B e C: A B +C.

FAM A+B C. Considera la disintegrazione di una particella A in due particelle B e C: A B +C. Serie 19: Relatività VIII FAM C. Ferrari Esercizio 1 Collisione completamente anelastica Considera la collisione frontale di due particelle A e B di massa M A = M B = M e v A = v B = 3/5c, tale che alla

Dettagli

Materia e forze alla scala subatomica: il nucleo atomico, le particelle elementari

Materia e forze alla scala subatomica: il nucleo atomico, le particelle elementari Materia e forze alla scala subatomica: il nucleo atomico, le particelle elementari Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Modena,

Dettagli

Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein, che è opposta a quella di Fermi-Dirac.

Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein, che è opposta a quella di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac, cioè due fermioni con gli stessi numeri quantici non possono coesistere in uno

Dettagli

VITA, MORTE E MIRACOLI DEL MODELLO STANDARD

VITA, MORTE E MIRACOLI DEL MODELLO STANDARD VITA, MORTE E MIRACOLI DEL MODELLO STANDARD Una stella media delle dimensioni del Sole ha una massa di circa 10^33 g, ma per indagare la natura di questi giganti la scienza sta studiando particelle con

Dettagli

Modello Standard e oltre. D. Babusci MasterClass 2007

Modello Standard e oltre. D. Babusci MasterClass 2007 Modello Standard e oltre D. Babusci MasterClass 2007 Fisica delle Particelle Elementari (FdP) Si interessa del comportamento fisico dei costituenti fondamentali del mondo, i.e. di oggetti al contempo molto

Dettagli

L'origine della massa e il bosone di Higgs. Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste

L'origine della massa e il bosone di Higgs. Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste L'origine della massa e il bosone di Higgs Massimo Casarsa Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Trieste Trieste Next 28 29 30 settembre 2012 Scaletta ➊ Parte I: breve introduzione sul Modello

Dettagli

Il Modello Standard delle particelle

Il Modello Standard delle particelle Il Modello Standard delle particelle Vittorio Del Duca INFN LNF Stages Estivi 12 giugno 2012 Elementi La materia è fatta di elementi con definite proprietà chimiche Atomi Ciascun elemento ha come mattone

Dettagli

introduzione alla fisica subnucleare

introduzione alla fisica subnucleare introduzione alla isica subnucleare AA 2006/07 Giovanni Busetto 1 la isica subnucleare oggi gli elementi del Modello Standard AA 2006/07 Giovanni Busetto 2 la isica subnucleare oggi 3 interazioni ondamentali

Dettagli

Introduzione alle particelle elementari

Introduzione alle particelle elementari Introduzione alle particelle elementari Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Firenze andrea.bizzeti@fi.infn.it Physics Masterclass, Modena

Dettagli

PERCHE LHC? Perche acceleratori a energie sempre maggiori? Cos è il bosone di Higgs?

PERCHE LHC? Perche acceleratori a energie sempre maggiori? Cos è il bosone di Higgs? PERCHE LHC? Perche acceleratori a energie sempre maggiori? Cos è il bosone di Higgs? La fisica delle particelle elementari e governata dalle leggi della Relativita e della Meccanica Quantistica. Perché

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari

Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari Acceleratori e Rivelatori di Particelle Elementari Massimiliano Fiorini!! Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra! Università degli Studi di Ferrara! e-mail: Massimiliano.Fiorini@cern.ch! International

Dettagli

Particelle elementari ed interazioni fondamentali

Particelle elementari ed interazioni fondamentali Particelle elementari ed interazioni fondamentali Napoli,26 febbraio 2009 Esistono sicuramente domande che, da sempre, ci coinvolgono... Come è fatto il mondo (la realtà) che ci circonda? Possiamo comprenderla?

Dettagli

L Atomo da Ipotesi a Oggetto di Studio

L Atomo da Ipotesi a Oggetto di Studio Ipotesi Atomica L Ipotesi atomica (Dalton, 1811) spiega: Proporzioni nelle reazioni chimiche Elettrolisi (F = Ne) Struttura cristalli; Definizione di temperatura L Atomo da Ipotesi a Oggetto di Studio

Dettagli

Introduzione alla fisica delle particelle ed al Modello Standard. Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa

Introduzione alla fisica delle particelle ed al Modello Standard. Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa Introduzione alla fisica delle particelle ed al Modello Standard Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa La fisica delle particelle affronta domande sui componenti base

Dettagli

Adroni e quarks. MeV e 135 MeV rispettivamente e I =1,-1,0

Adroni e quarks. MeV e 135 MeV rispettivamente e I =1,-1,0 Adroni e quarks L'interazione forte non distingue tra neutrone e protone, essi sono quasi degeneri in massa (938.3 939.6 MeV) Heisenberg ipotizzo' che neutrone e protone fossero due stati delle stessa

Dettagli

SOMMARIO Premessa Classificazioni generali Zoo delle particelle Forze elementari Quadro d insieme Any question? Decadimenti radioattivi Fusione nuclea

SOMMARIO Premessa Classificazioni generali Zoo delle particelle Forze elementari Quadro d insieme Any question? Decadimenti radioattivi Fusione nuclea L ATOMO DIVISIBILE Dr. Stefano Gestri L.S. Niccolò Copernico Prato, 06-03-2014 SOMMARIO Premessa Classificazioni generali Zoo delle particelle Forze elementari Quadro d insieme Any question? Decadimenti

Dettagli

Introduzione MODELLO STANDARD

Introduzione MODELLO STANDARD Introduzione MODELLO STANDARD Il Modello Standard riassume le conoscenze attuali sulle particelle fondamentali e sulle forze che interagiscono tra esse. Il Modello Standard descrive in quale modo la materia

Dettagli

Particelle Elementari e Forze Fondamentali. Enrico Robutti

Particelle Elementari e Forze Fondamentali. Enrico Robutti Particelle Elementari e Forze Fondamentali Enrico Robutti Le interazioni fondamentali E. Robutti Particelle Elementari e Forze Fondamentali 2 Forze fondamentali e unificazione Le interazioni fondamentali

Dettagli

Sperimentazione Major MODULO E Problem Solving per l orientamento

Sperimentazione Major MODULO E Problem Solving per l orientamento MASTER IDIFO Master universitario di II livello in Innovazione Didattica in Fisica e Orientamento Sperimentazione Major MODULO E Problem Solving per l orientamento LHC e le questioni aperte nel MODELLO

Dettagli

Pendoli accoppiati. Oscillazioni di neutrini. Incontri di Orientamento PLS - Università Sapienza - 15 febbraio 2013 Lucio Ludovici/INFN

Pendoli accoppiati. Oscillazioni di neutrini. Incontri di Orientamento PLS - Università Sapienza - 15 febbraio 2013 Lucio Ludovici/INFN Pendoli accoppiati e Oscillazioni di neutrini Incontri di Orientamento PLS - Università Sapienza - 15 febbraio 2013 /INFN Cosa sono i neutrini? Particelle fondamentali costituenti la materia cosi come

Dettagli

Il modello standard delle particelle. marzo Il modello standard - Claudio Cereda

Il modello standard delle particelle. marzo Il modello standard - Claudio Cereda Il modello standard delle particelle 1 Il modello standard delle particelle 2 Bibliografia 3 Approccio storico culturale epistemologico Weinberg Steven: il sogno dell'unità dell'universo, Mondadori, 1993

Dettagli

Sviluppi recenti della fisica sub-nucleare

Sviluppi recenti della fisica sub-nucleare Sviluppi recenti della fisica sub-nucleare Si intende fornire una breve quadro storico, ma aggiornato agli ultimi eventi, della ricerca dei costituenti subnucleari della materia. Carlo Maria Becchi, INFN

Dettagli

Fisica delle particelle oggi Il Modello Standard and Beyond

Fisica delle particelle oggi Il Modello Standard and Beyond NewDark Fisica delle particelle oggi Il Modello Standard and Beyond - Bosone di Higgs - SuperSimmetria - Astroparticle & Materia Oscura Marco CIRELLI [CNRS LPTHE Jussieu] Mini-intro: - livello variabile

Dettagli

Programma del corso di Particelle Elementari

Programma del corso di Particelle Elementari Programma del corso di Particelle Elementari 1. Le interazioni fondamentali 1.1 Costituenti elementari 1.2 Quark e colore 1.3 Il colore come carica dell interazione nucleare 1.4 Unità naturali 1.5 Interazione

Dettagli

I Neutrini e l'asimmetria tra la materia e l'antimateria nell'universo

I Neutrini e l'asimmetria tra la materia e l'antimateria nell'universo I Neutrini e l'asimmetria tra la materia e l'antimateria nell'universo Journal Club 20 marzo 2015 Serena Palazzo Il Modello Standard Teoria fisica che descrive le componenti prime della materia e le loro

Dettagli

Introduzione all esperimento LHCb e all analisi dei dati. Lucio Anderlini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Firenze

Introduzione all esperimento LHCb e all analisi dei dati. Lucio Anderlini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Firenze Introduzione all esperimento LHCb e all analisi dei dati. Lucio Anderlini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Firenze 8 febbraio 2017 Modena 1 Predizione dell antimateria Meccanica Relativistica Erwin

Dettagli

Violazione della Parità

Violazione della Parità Violazione della Parità Raffaele Pontrandolfi Corso di Astrosica e Particelle Elementari Motivazione Per spiegare l asimmetria nell universo tra particelle e antiparticelle bisogna trovare dei processi

Dettagli

Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra

Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra Le particelle elementari e l acceleratore LHC al CERN di Ginevra Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Firenze andrea.bizzeti@fi.infn.it

Dettagli

Le Stringhe alla base del nostro Universo

Le Stringhe alla base del nostro Universo Le Stringhe alla base del nostro Universo Michele Cicoli DESY, Amburgo Pesaro, 17 Dicembre 2009 Sommario Stato della conoscenza attuale sulle leggi alla base del nostro Universo Problemi fondamentali Soluzione:

Dettagli

Big Bang, materia e antimateria

Big Bang, materia e antimateria Big Bang, materia e antimateria Andrea Bizzeti Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Physics Class, Modena 23/09/2015 Le domande fondamentali

Dettagli

Introduzione. Elementi di Fisica delle Particelle Elementari. Diego Bettoni Anno Accademico

Introduzione. Elementi di Fisica delle Particelle Elementari. Diego Bettoni Anno Accademico Introduzione Elementi di Fisica delle Particelle Elementari Diego Bettoni Anno Accademico 006-007 Programma del corso 1. Introduzione.. Simmetrie discrete: P, C, T. 3. Isospin, stranezza, G-parità. 4.

Dettagli

FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE II

FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE II Programma del del corso di di FISICA NUCLEARE E SUBNUCLEARE II A.A. A.A. 2005-2006 2005-2006 III III Trimestre Trimestre Carlo Carlo Dionisi Dionisi Testi Consigliati [ APP-CD] Appunti del corso di Carlo

Dettagli

IL MODELLO STANDARD. Bardonecchia, Gennaio E.Menichetti Dip. di Fisica e INFN, Torino

IL MODELLO STANDARD. Bardonecchia, Gennaio E.Menichetti Dip. di Fisica e INFN, Torino IL MODELLO STANDARD Bardonecchia, Gennaio 2017 E.Menichetti Dip. di Fisica e INFN, Torino Gennaio 2017 E.Menichetti - Univ. di Torino 2 Quadro di riferimento per la fisica delle particelle e il Modello

Dettagli

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Guida allo studio

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Guida allo studio Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza Guida allo studio Libri di testo A. Das and T. Ferbel. Introduction to nuclear and particle physics - 2. ed. World Scientific, 2003 Bogdan

Dettagli

LE PARTICELLE ELEMENTARI

LE PARTICELLE ELEMENTARI LE PARTICELLE ELEMENTARI (UN RAPIDO EXCURSUS) Gianpaolo Bellini Is-tuto Nazionale di Fisica Nucleare Dipar-mento di Fisica dell Università Milano E. RUTHERFORD BOHR Ν. Βοhr Forze ele)romagne.che 2 CONCETTO

Dettagli

Capitolo 1. Introduzione

Capitolo 1. Introduzione Capitolo 1 Introduzione Nel corso del XIX secolo i progressi della chimica e gli sviluppi della teoria dell elettricità e del magnetismo avevano consolidato l idea che la materia fosse costituita da atomi,

Dettagli

Itinerario del viaggio

Itinerario del viaggio Itinerario del viaggio Massimo Passera Treviso - 01/02/2013 1 Massimo Passera Treviso - 01/02/2013 2 Le 4 interazioni fondamentali! Elettromagnetiche! Deboli! Forti! Gravitazionali Interazione elettromagnetica

Dettagli

Unità didattica 10. Decima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia

Unità didattica 10. Decima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia Unità didattica 10 Radioattività... 2 L atomo... 3 Emissione di raggi x... 4 Decadimenti nucleari. 6 Il decadimento alfa.... 7 Il decadimento beta... 8 Il decadimento gamma...... 9 Interazione dei fotoni

Dettagli

Cosa vogliamo capire studiando la fisica delle particelle elementari?

Cosa vogliamo capire studiando la fisica delle particelle elementari? 13 a edizione C. Patrignani - Bologna Masterclasses 2017 2 Cosa vogliamo capire studiando la fisica delle particelle elementari? quali sono i costituenti elementari della materia che ci circonda? quali

Dettagli

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Introduzione

Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza. Introduzione Istituzioni di Fisica Nucleare e Subnucleare Prof. A. Andreazza Introduzione Presentazione Prof. Attilio Andreazza Contatti: uff.: IV piano edificio LITA: sono sempre disponibile a parlare degli argomenti

Dettagli

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi)

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Il presente documento schematizza le principali particelle sub atomiche. Lo scopo di questa dispensa è fornire una schematizzazione sintetica

Dettagli

Particelle e interazioni

Particelle e interazioni Particelle e interazioni Fernow La fisica delle particelle si occupa dei costituenti elementari della materia e delle interazioni fra essi Gli strumenti fondamentali sono gli acceleratori ed i rivelatori

Dettagli

l'antimateria l'antimateria

l'antimateria l'antimateria noi e... l'antimateria l'antimateria Livio Lanceri - UniTS, Dipartimento di Fisica Prolusione all Anno Accademico 2014-2015 1 l antimateria nella stampa quotidiana nel 1996, pochi mesi dopo la fabbricazione

Dettagli

Attualità del Pensiero di Nicolò Dallaporta in Fisica delle Particelle Elementari

Attualità del Pensiero di Nicolò Dallaporta in Fisica delle Particelle Elementari Attualità del Pensiero di Nicolò Dallaporta in Fisica delle Particelle Elementari Giovanni Costa Padova, 30 Ottobre 2009 1 Il periodo in cui Nicolò Dallaporta si è occupato di problematiche teoriche della

Dettagli

Le interazioni fondamentali nucleari LA LEZIONE

Le interazioni fondamentali nucleari LA LEZIONE Le interazioni fondamentali nucleari LA LEZIONE I leptoni Le due interazioni fondamentali con raggio d azione infinito sono la forza gravitazionale e la forza elettromagnetica. La prima regola la struttura

Dettagli

Particelle e Interazioni Fondamentali

Particelle e Interazioni Fondamentali Sylvie Braibant Giorgio Giacomelli Maurizio Spurio Particelle e Interazioni Fondamentali Il mondo delle particelle Febbraio 2009 Springer Prefazione Questo libro intende fornire le conoscenze teoriche

Dettagli

Il Nucleo. Dimensioni del nucleo dell'ordine di 10. m Il raggio nucleare R = R 0 -15

Il Nucleo. Dimensioni del nucleo dell'ordine di 10. m Il raggio nucleare R = R 0 -15 Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t 1/2 circa 900 s), i protoni sono

Dettagli

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein MasterClass 2017 - Bologna Angelo Carbone Misura della vita media del D 0 ad LHCb Chi sono i vostri colleghi oggi?

Dettagli

Relatività. June 5, Trasformazioni di Galileo e di Lorentz

Relatività. June 5, Trasformazioni di Galileo e di Lorentz Relatività June 5, 2016 1 Trasformazioni di Lorentz 1.1 Trasformazioni di Galileo e di Lorentz a Si scriva la matrice Λ (y) che descrive un boost di Lorentz lungo l asse y. b Si scrivano le matrici G (x)

Dettagli

Teoria Atomica di Dalton

Teoria Atomica di Dalton Teoria Atomica di Dalton Il concetto moderno della materia si origina nel 1806 con la teoria atomica di John Dalton: Ogni elementoè composto di atomi. Gli atomi di un dato elemento sono uguali. Gli atomi

Dettagli

Problemi attuali di fisica delle particelle

Problemi attuali di fisica delle particelle Problemi attuali di fisica delle particelle Incontri di Fisica 2007 LNF, Frascati, 1/3 Ottobre 2007 Riccardo Barbieri SNS Pisa Le particelle elementari in una pagina L SM = 1 4 Fa µνf aµν + i ψ Dψ +ψ i

Dettagli

Evidenza delle diverse famiglie di neutrini

Evidenza delle diverse famiglie di neutrini Fenomenologia del Modello Standard Prof. A. Andreazza Lezione 2 Evidenza delle diverse famiglie di neutrini Diversi tipi di neutrini Agli inizi degli anni 60 si sapeva che il numero leptonico era conservato

Dettagli

La Fisica delle Particelle Elementari: la teoria, gli esperimenti

La Fisica delle Particelle Elementari: la teoria, gli esperimenti 19 Febbraio 2003 Relatore: Alessandra Tonazzo La Fisica delle Particelle Elementari: la teoria, gli esperimenti Quali sono i costituenti fondamentali della materia? Quali sono le forze che controllano

Dettagli

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 3

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 3 Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 3 Il problema della Gravita, applicazioni ai corpi celesti; il problema dell unificazione delle 4 forze fondamentali. Giorgio G.C. Palumbo Università degli Studi

Dettagli

Cenni di fisica moderna

Cenni di fisica moderna Cenni di fisica moderna 1 fisica e salute la fisica delle radiazioni è molto utilizzata in campo medico esistono applicazioni delle radiazioni non ionizzanti nella terapia e nella diagnosi (laser per applicazioni

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO

LA STRUTTURA DELL ATOMO Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA El. di Chimica e Chimica Fisica Mod. 1 CHIMICA Lezione 2 Anno Accademico 2010-2011 Docente: Dimitrios Fessas LA STRUTTURA DELL ATOMO IL NUCLEO In fisica

Dettagli

Emissione α. La sua carica elettrica è pari a +2e La sua massa a riposo è circa 7x10-27 kg.

Emissione α. La sua carica elettrica è pari a +2e La sua massa a riposo è circa 7x10-27 kg. Reazioni nucleari Un nucleo instabile può raggiungere una nuova condizione di stabilità attraverso una serie di decadimenti con emissione di particelle α, β, γ o di frammenti nucleari (fissione). Emissione

Dettagli

LEZIONE 008 Struttura atomica TITOLO: STRUTTURA ATOMICA

LEZIONE 008 Struttura atomica TITOLO: STRUTTURA ATOMICA TITOLO: STRUTTURA ATOMICA 1898 Scoperta dell'elettrone (Thomson) 1900 Scoperta del protone (Goldstein) 1900 Teoria dei quanti di Planck 1904 Modello atomico di Thomson modello sferico 1911 modello atomico

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI SCIENTIFICI

GLOSSARIO DEI TERMINI SCIENTIFICI GLOSSARIO DEI TERMINI SCIENTIFICI a cura dello Scienziato Massimo Prof. Corbucci Fisico Italiano che ha collaborato con il GSI di Darmstadt per trovare la ragione dell impossibilità di sintesi dell atomo

Dettagli

La fisica delle particelle e il Large Hadron Collider: recenti sviluppi e questioni aperte

La fisica delle particelle e il Large Hadron Collider: recenti sviluppi e questioni aperte La fisica delle particelle e il Large Hadron Collider: recenti sviluppi e questioni aperte Dr Cristina Lazzeroni Reader in Particle Physics STFC Public Engagement Fellow XIX Secolo: Atomi come constituenti

Dettagli

PROGETTO AMICI DI SCIASCIA. Fisica delle particelle

PROGETTO AMICI DI SCIASCIA. Fisica delle particelle PROGETTO AMICI DI SCIASCIA Fisica delle particelle TEMI TRATTATI NELLA PRESENTAZIONE 1. STORIA DELLA FISICA DELLE PARTICELLE 2. COME E FATTO L ATOMO? IPOTESI SULLA STRUTTURA DELL ATOMO 3. LA FISICA DELLE

Dettagli

Scienziati del CERN per un giorno

Scienziati del CERN per un giorno Scienziati del CERN per un giorno LHCb Masterclass - Cagliari Marianna Fontana 1 INFN Cagliari - CERN 18-26 Febbraio 2016 - Cagliari, Italy 1 Gran parte del materiale è stato prodotto da Andrea Contu (CERN),

Dettagli

QUARK, BOSONI E ALTRE ESOTICHE CREATURE

QUARK, BOSONI E ALTRE ESOTICHE CREATURE QUARK, BOSONI E ALTRE ESOTICHE CREATURE Lorenzo Magnea Università di Torino - INFN Torino SeralMente, ITI Majorana, 11/12/14 Sommario Le dimensioni delle cose Il Modello Standard delle particelle elementari

Dettagli

Verso una teoria del tutto: La teoria delle stringhe

Verso una teoria del tutto: La teoria delle stringhe Verso una teoria del tutto: La teoria delle stringhe S. Penati Università di Milano Bicocca ed INFN Napoli, 10/03/08 S. Penati 1 Fisica e ordini di grandezza Napoli, 10/03/08 S. Penati 2 Teorie diverse

Dettagli

La fisica delle Particelle Elementari

La fisica delle Particelle Elementari in collaborazione con http://www.laureescientifiche.units.it/ La fisica delle Particelle Elementari a.s. 010/011 Appunti del Prof. Marcello Giorgi per gli studenti delle Scuole Superiori Ingredienti per

Dettagli

L Higgs. Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa

L Higgs. Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa L Higgs Giorgio Chiarelli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pisa 1 La semplicità... La semplicità è una delle basi del programma riduzionistico Quante forze («interazioni») fondamentali

Dettagli

Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera

Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera Il bosone di Higgs: che cosa è? Come funziona? E a che cosa serve? Stefano Sandrelli INAF Osservatorio Astronomico di Brera Riassunto: che cosa è la luce? Onda o par5cella? Il fotone. Natura ondulatoria

Dettagli

ARGOMENTO: Cenni di Fisica del Nucleo

ARGOMENTO: Cenni di Fisica del Nucleo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA C.L. TECNICHE DIAGNOSTICHE RADIOLOGICHE CORSO INTEGRATO: MISURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE MATERIA: FISICA APPLICATA 2 (2 anno 1 sem) ARGOMENTO: Cenni di Fisica del Nucleo

Dettagli

IL CERN DESCRITTO AGLI STUDENTI DA UNO STUDENTE. Laura SCURI. Liceo Classico L. Costa La Spezia. Laura Scuri 1

IL CERN DESCRITTO AGLI STUDENTI DA UNO STUDENTE. Laura SCURI. Liceo Classico L. Costa La Spezia. Laura Scuri 1 IL CERN DESCRITTO AGLI STUDENTI DA UNO STUDENTE Laura SCURI Liceo Classico L. Costa La Spezia Laura Scuri 1 Cominciamo a capire l acronimo per capire di cosa si parla: CERN = Consiglio Europeo per la Ricerca

Dettagli

La chimica nucleare. A cura della prof. ssa. Barone Antonina

La chimica nucleare. A cura della prof. ssa. Barone Antonina La chimica nucleare A cura della prof. ssa Barone Antonina La radioattività Nella seconda metà dell 800, Henry Becquerel, Pierre e Marie Curie, scoprirono che alcuni elementi( uranio, torio, radio) emettevano

Dettagli

Più veloci della luce?

Più veloci della luce? Più veloci della luce? I neutrini e la misura di OPERA Andrea Bizzeti Dipartimento di Fisica, 28/10/2011 Il neutrino Il neutrino entra nella storia della Fisica nel 1930. La sua esistenza venne ipotizzata

Dettagli

Beta decay. max e ) -5 Legge di Sargent

Beta decay. max e ) -5 Legge di Sargent Beta decay Nuclei emettono elettroni con una distribuzione continua di energia Il valore massimo dell energia energia cinetica dell elettrone elettrone e circa uguale alla differenza di massa tra i nuclei

Dettagli

Liceo Classico V.Gioberti

Liceo Classico V.Gioberti Liceo Classico V.Gioberti Prof.sse: P.Porta e T.Morgante Teoria della Relativita Ristretta Nel 1905 Einstein formula i postulati della Relativita Ristretta (riferita a sistemi non accelerati): 1. Le leggi

Dettagli

Quando l energia diventa materia: viaggio nel mondo delle particelle elementari

Quando l energia diventa materia: viaggio nel mondo delle particelle elementari Quando l energia diventa materia: viaggio nel mondo delle particelle elementari Massimiliano Fiorini!! Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra! Università degli Studi di Ferrara! e-mail: Massimiliano.Fiorini@cern.ch!

Dettagli

Atomo: modello microscopico

Atomo: modello microscopico Atomo: modello microscopico 1 Modello atomico di Dalton (1808) Materia è composta di atomi indivisibili e indistruttibili Atomi uguali hanno identica massa e identiche proprietà chimiche Gli atomi non

Dettagli

Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti)

Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti) Programma del corso di FNSN II AA 2012-2013 ( 9 Crediti) - Modello a Quark Statico (tutto il capitolo I App. Dionisi ) - Scattering Elastico e anelastico e-nucleoni 1) fattori di forma dei nuclei; 2) fattori

Dettagli

L'Insostenibile Velocità del Neutrino

L'Insostenibile Velocità del Neutrino L'Insostenibile Velocità del Neutrino Roberto Ferrari Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Liceo Scientifico Marconi - Sommario 1: i neutrini 2: la produzione 3: la rivelazione 2 2 1. i neutrini 3 3 i

Dettagli

Abbiamo scoperto il bosone di Higgs. Scienza Estate giugno 2013

Abbiamo scoperto il bosone di Higgs. Scienza Estate giugno 2013 Abbiamo scoperto il bosone di Higgs Scienza Estate 10-11 giugno 2013 La materia è fatta di atomi Elettroni, in orbite ben definite N. Bohr, Premio Nobel 1922 Un nucleo, formato da protoni e neutroni Dall

Dettagli

Interazione radiazione materia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Interazione radiazione materia Dott.ssa Alessandra Bernardini Interazione radiazione materia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Un po di storia Lo studio delle radiazioni ionizzanti come materia di interesse nasce nel novembre del 1895 ad opera del fisico tedesco Wilhelm

Dettagli

Misura del coefficiente di assorbimento di vari materiali in funzione dell'energia del fascio dei fotoni incidenti

Misura del coefficiente di assorbimento di vari materiali in funzione dell'energia del fascio dei fotoni incidenti materiali in funzione dell'energia del fascio dei fotoni Esperto Qualificato LNF - INFN Interazioni delle particelle indirettamente ionizzanti con la materia Le particelle indirettamente ionizzanti, principalmente

Dettagli

Atomo. Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale)

Atomo. Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale) Atomo Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale) 1 Modello di Rutherford: limiti Secondo il modello planetario di Rutherford gli elettroni orbitano

Dettagli

Bosone di Higgs. Alessandro Bottino. Biblioteca Civica Multimediale Archimede. Settimo Torinese, 28 gennaio 2014

Bosone di Higgs. Alessandro Bottino. Biblioteca Civica Multimediale Archimede. Settimo Torinese, 28 gennaio 2014 Bosone di Higgs e Modello Standard d della Fisicai delle Particelle Biblioteca Civica Multimediale Archimede Settimo Torinese, 28 gennaio 2014 Alessandro Bottino Contenuto Particelle ed interazionii i

Dettagli

1. La struttura atomica Le particelle subatomiche L atomo, per molti secoli ritenuto indivisibile, è formato da particelle più piccole.

1. La struttura atomica Le particelle subatomiche L atomo, per molti secoli ritenuto indivisibile, è formato da particelle più piccole. 1. La struttura atomica Le particelle subatomiche L atomo, per molti secoli ritenuto indivisibile, è formato da particelle più piccole. Le particelle fondamentali che costituiscono l atomo sono: Il protone,

Dettagli

I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere

I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere I rivelatori di particelle, ovvero come vedere senza vedere Che cosa avviene in un urto fra particelle Cosa ci interessa osservare Come riusciamo a osservare le particelle Problematiche di un moderno esperimento

Dettagli

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac.

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein.

Dettagli

Piero Galeotti, University of Torino 1

Piero Galeotti, University of Torino 1 Piero Galeotti, University of Torino 1 Sottoterra si può studiare la componente penetrante dei raggi cosmici P,α, A π, π, K, K p, n e± γ EAS ± 0 ± 0 µ ±? Neutrini da supernove ν ~ e( νe) ν ( ~ τ ντ ) ν

Dettagli

Prof. Marika Navone Liceo Statale G.D.Cassini Sanremo

Prof. Marika Navone Liceo Statale G.D.Cassini Sanremo Prof. Marika Navone Liceo Statale G.D.Cassini Sanremo HAI FATTO TUTTO QUESTO CON I QUARK?... MA VA! Le particelle, così piccole e così numerose costituiscono i semi di quel giardino che è il nostro universo.

Dettagli

INTERAZIONI DELLE RADIAZIONI CON LA MATERIA

INTERAZIONI DELLE RADIAZIONI CON LA MATERIA M. Marengo INTERAZIONI DELLE RADIAZIONI CON LA MATERIA Servizio di Fisica Sanitaria Ospedale Policlinico S.Orsola - Malpighi, Bologna mario.marengo@unibo.it Si definiscono radiazioni ionizzanti tutte le

Dettagli

Studiamo le stelle su modelli che si basano su due presupposn principali:

Studiamo le stelle su modelli che si basano su due presupposn principali: - - 0 Introduzione. Le forze che agiscono nelle stelle. La stru9ura della materia (approfondimento) 3. Le reazioni di fusione nucleare Le fasi della vita di una stella: 4. La nascita delle stelle 5. Le

Dettagli

1) Definisci l energia di legame di un nucleo. 01 2) Definisci il Q-valore della reazione: 01 A + B C + D

1) Definisci l energia di legame di un nucleo. 01 2) Definisci il Q-valore della reazione: 01 A + B C + D Domande da un punto Nuclei 1 1) Definisci l energia di legame di un nucleo. 01 2) Definisci il Q-valore della reazione: 01 A + B C + D 3) Come viene definita l unità di massa atomica? 01 4) Disegna schematicamente

Dettagli

Le particelle elementari

Le particelle elementari Le particelle elementari Masterclass Europea in Fisica delle Particelle Elementari Students s day Torino, 23 marzo 2012 Nicolo Cartiglia -INFN Torino 1 Cosa vuol dire studiare Fisica delle Particelle Elementari?

Dettagli

Il Modello Standard delle particelle

Il Modello Standard delle particelle Il Modello Standard delle particelle 1. Quark leptoni Il Modello Standard, vuole descrivere sia la materia che le forze dell'universo. La bellezza di tale teoria è nella capacità di descrivere tutta la

Dettagli

QUARKS: dalla MATERIA al BIG BANG. Nora brambilla U.Milano. Quarks: i mattoni della Materia. La Forza Forte che tiene insieme la materia

QUARKS: dalla MATERIA al BIG BANG. Nora brambilla U.Milano. Quarks: i mattoni della Materia. La Forza Forte che tiene insieme la materia Nora brambilla U.Milano QUARKS: dalla MATERIA al BIG BANG Quarks: i mattoni della Materia La Forza Forte che tiene insieme la materia Alle radici della materia: gli acceleratori Il Confinamento dei Quarks

Dettagli

Theory Italiano (Italy)

Theory Italiano (Italy) Q3-1 Large Hadron Collider (10 punti) Prima di iniziare questo problema, leggi le istruzioni generali nella busta a parte. In questo problema è discussa la fisica dell acceleratore di particelle del CERN

Dettagli

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235 Indice 1 Introduzione. Note storiche e concetti fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Notizie storiche. La scoperta delle particelle... 3 1.3 Il concetto di atomo. Indivisibilità... 5 1.4 Il Modello

Dettagli

FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA

FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in Tecniche Sanitarie di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA Marta Ruspa 20.01.13 M. Ruspa 1 ONDE ELETTROMAGNETICHE

Dettagli

Il modello standard, teoria delle stringhe, cosmologia, e molto altro

Il modello standard, teoria delle stringhe, cosmologia, e molto altro Il modello standard, teoria delle stringhe, cosmologia, e molto altro Associazione Urania Martedì 11 giugno 2013 Stefano Covino INAF/Osservatorio Astronomico di Brera Cosa sono le stringhe? La teoria delle

Dettagli

Le Caratteristiche della Luce

Le Caratteristiche della Luce 7. L Atomo Le Caratteristiche della Luce Quanti e Fotoni Spettri Atomici e Livelli Energetici L Atomo di Bohr I Modelli dell Atomo - Orbitali atomici - I numeri quantici e gli orbitali atomici - Lo spin

Dettagli