IL FENOMENO DELLE RIMESSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FENOMENO DELLE RIMESSE"

Transcript

1 IL FENOMENO DELLE RIMESSE DALL ITALIA VERSO IL SENEGAL di Daniele Frigeri WP 2 e WP 4 Progetto Su.Pa. Successful Paths. Supporting human and economic capital of migrants marzo 2011

2 1. Uno sguardo d insieme sul mercato delle rimesse senegalese Il fenomeno delle rimesse ha ormai assunto una dimensione internazionale tale da aver attirato l interesse delle Istituzioni Internazionali, Banca Mondiale in primis, delle Istituzioni locali, dei Governi dei paesi riceventi, degli operatori economici e finanziari e degli Enti e Istituzioni della cooperazione Internazionale. Per molti paesi, così come è stato per l Italia e per il Veneto in particolare fino ai primi anni 80, il flusso di denaro proveniente dagli emigranti costituisce una fonte di reddito importante per molte famiglie che, in misura diversa da paese a paese, raggiunge un incidenza significativa sul Prodotto Interno Lordo (PIL). Nel caso del Senegal l incidenza delle rimesse sul PIL nel 2009 è pari al 9,1%, valore significativo, che ha mostrato solo una lieve flessione rispetto alla crisi economica-finanziaria che ha attraversato le economie mondiali, colpendo duramente proprio le economie di destinazione della migrazione senegalese (Italia, Francia e Spagna). Nel 2007 l incidenza delle rimesse sul PIL senegalese era pari al 10%. La rilevanza dei trasferimenti dei migranti per l economia senegalese trova ulteriore conferma nel Grafico 1 dove sono messi a confronto i volumi delle rimesse con quelli degli Investimenti Diretti dall Estero (IDE) verso questo paese. Le rimesse, negli anni, evidenziano volumi multipli rispetto agli IDE, contribuendo a immettere nell economia senegalese capitali nuovi. Grafico 1 Volumi rimesse e IDE verso il Senegal Diversi sono gli effetti, sia positivi che negativi, che le rimesse producono sulle economie dei paesi riceventi, la letteratura internazionale è molto vasta a riguardo, classificandoli fra effetti macro e effetti micro. Le rimesse hanno un impatto diretto sulla ricchezza delle famiglie, sui consumi interni, sul mercato delle valute e su quello immobiliare, ma anche sul risparmio e indirettamente sul sistema finanziario, sulla capacità di attrarre capitali, sugli investimenti e sui servizi legati alla salute e all educazione. Si tratta di un complesso interagire di effetti, alcuni dei quali possono di volta in volta generare elementi distorsivi all interno delle economia riceventi. Molto dipende anche dall adeguatezza delle politiche e delle strategie adottate dai Governi e dalle

3 istituzioni finanziarie, dal grado di sviluppo delle economie stesse, dei servizi e dei sistemi finanziari. Complessivamente però la letteratura internazionale è concorde nell affermare che le rimesse generano un impatto complessivamente positivo nei contesti di riferimento. Guardando al Senegal, i principali paesi di approdo della migrazione (Tavola 1) sono costituiti dai paesi europei, seguiti dai paesi africani confinanti e dagli Stati Uniti Tavola 1 - Principali paesi di emigrazione dal Senegal 1. Gambia 2. Francia 3. Italia 4. Mauritania 5. Spagna 6. Côte d Ivoire 7. Gabon 8. USA 9. Mali 10. Guinea Bissau Il Grafico 2 fornisce invece un dettaglio delle principali aree di provenienza delle rimesse destinate al Senegal. Nonostante i dati disponibili si riferiscano solo al 2007 è interessante notare come Italia e Francia contino per oltre un terzo delle rimesse complessive, mentre gli altri paesi africani siano abbastanza marginali, anche se molto probabilmente, rispetto a questi paesi, è maggiore il ricorso a canali informali (non rilevati dalle fonti ufficiali), data la loro vicinanza geografica (molto diffusa è la pratica di trasferire denaro attraverso il trasporto su ruote). Grafico 2 Origine rimesse verso il Senegal (dati 2007) Altri paesi Africa 7% Altri paesi UE 16% Paesi Arabi 13% USA 11% Italia 7% UEMOA 19% Francia 27% Fonte BCEAO L Europa è quindi la principale area di provenienza delle rimesse senegalesi che in questi anni sono cresciute in maniera costante e significativa (Grafico 3) ad un tasso medio annuo, fra il 2002 e il 2009 del 19%. La crisi economico-finanziaria che ha attraversato le economie mondiali a partire dal 2008 ha avuto un impatto anche sul volume di rimesse verso questo paese che infatti, proprio dal 2008, ha fatto segnare un inversione di tendenza comunque contenuta. I flussi complessivi verso il Senegal fanno segnare una contrazione solo dell 8% nel 2009 (i dati a disposizione non permettono un analisi disaggregata per paesi di provenienza, utile a misurare l impatto della crisi sui flussi

4 per singolo paese), mentre le stime della Banca Mondiale prevedono che già nel 2010 la contrazione si ridurrà ad un -2% per riprendere ad assumere valori positivi nel Grafico 3 Volume di rimesse complessive verso il Senegal (valori in milioni di dollari) e Fonte: Elaborazione CeSPI su dati Banca Mondiale Recenti studi 1 hanno cercato di individuare le principali strategie adottate di fronte alla crisi economica da parte dei migranti senegalesi. In particolare si rilevano alcuni comportamenti socio-economici che possono fornire utili indicazioni per comprendere il comportamento e le scelte dei migranti, a conferma di comportamenti razionali e con strategie transnazionali variabili in funzione delle condizioni: maggiore propensione ad investimenti in patria finalizzati al ritorno o a generare reddito a livello locale a sostegno delle famiglie; sviluppo di iniziative imprenditoriali transnazionali; coinvolgimento di membri della famiglia in attività produttive in Senegal; diversificazione delle entrate; parziale utilizzo del risparmio accumulato negli anni a compensazione delle minori entrate; ritorni meno frequenti in patria nei periodi estivi; riduzione della frequenza di invio delle rimesse e aumento dell importo medio di ogni transazione finalizzato a ridurre i costi di trasferimento; riduzione del supporto a iniziative finalizzate al sostegno della comunità e innovazione nei meccanismi di solidarietà; sviluppo di cooperative finalizzate all housing; migrazione circolare. I dati ufficiali naturalmente non tengono conto dei flussi cosiddetti informali, ossia delle rimesse che transitano attraverso soggetti e canali non istituzionali e quindi non rilevati dalle fonti. La stima di questi flussi costituisce ancora un tema molto complesso e di difficile determinazione a livello internazionale. Una recente analisi del Fondo Monetario Internazionale indica in 2 miliardi di USD il valore delle rimesse informali complessive verso il Senegal nel 2008, quasi il doppio di 1 Serigne Mansour TALL Senegalese on the move

5 quelle ufficiali. Un dato approssimativo ma che appare verosimile, anche sulla base delle indagini qualitative che il CeSPI ha condotto in questi anni sulla comunità senegalese. Per quanto riguarda il mercato delle rimesse, i dati a disposizione mostrano una situazione sostanzialmente migliore rispetto a molti altri paesi africani. Un indicatore importane in questo senso, che come vedremo, determina l efficienza e il costo del servizio disponibile, è costituito dal grado di concentrazione del mercato degli operatori che gestiscono il flusso delle rimesse. Il Senegal, rispetto a questo indicatore, presenta un adeguata diversificazione, sia rispetto alla tipologia di operatori (Grafico 4) che rispetto al numero di Money Transfer Operators attivi (Grafico 5). Grafico 4 - Distribuzione rimesse per tipologia di operatori Banche 13% MFI 9% MTOs 26% Grafico 5 - Quote di mercato principali MTOs operanti in Senegal Money Gram 9% Trans-horn Money Trans 17% Western Union 38% Poste 52% Fonte: elaborazione CeSPI su dati IFAD 2009 Money Express 15% Coinstar 21% Rispetto alla tipologia di operatori che gestiscono le rimesse, Poste Finance, l operatore postale senegalese, canalizza oltre il 50% dei flussi di rimesse, mentre gli MTOs gestiscono solo un quarto del mercato complessivo. Banche e Istituzioni di Microfinanza (IMF) si spartiscono poco meno del restante quarto dei volumi complessivi, mostrando ancora una certa debolezza dovuta a fattori diversi. Per le banche infatti la gestione delle rimesse è legata allo strumento del bonifico internazionale tramite Swift (società che gestisce la quasi totalità dei pagamenti internazionali) e alla stipula di accordi bilaterali con controparti nei paesi di invio. I tempi maggiori richiesti dal bonifico internazionale, la minore capillarità delle banche senegalesi sul territorio e i costi legati alla definizione e gestione degli accordi internazionali, costituiscono ostacoli oggettivi allo sviluppo di questo canale. Per quanto riguarda invece le IMF, che costituirebbero un canale alternativo agli MTOs per la loro prossimità alle famiglie destinatarie sul territorio e la capacità di offrire servizi di accumulazione e valorizzazione delle rimesse (risparmio e credito), trovano come principale ostacolo aspetti di tipo regolamentare. La legge senegalese impone infatti la gestione dei flussi in valuta estera solo attraverso banche o organismi finanziari registrati, condizioni che la maggior parte delle IMF senegalesi non sono in grado di rispettare, impedendo loro di fatto di gestire direttamente i flussi delle rimesse. Anche l analisi del mercato degli MTOs evidenzia un adeguata ripartizione delle quote di mercato. Western Union rimane il principale operatore con quasi il 40% del mercato, ma i tre

6 principali concorrenti mostrano quote di mercato superiori al 15%, assicurando un livello di concorrenza nel settore. L analisi del grado di concentrazione del mercato delle rimesse risulta particolarmente importante perché da esso dipende la presenza di un adeguata concorrenza da cui ne conseguono prezzi inferiori e una diversificazione nell offerta di prodotti e servizi per la canalizzazione e la gestione delle rimesse che, in ultima istanza, ne favoriscono una valorizzazione. Un ultimo aspetto che può essere analizzato in relazione al mercato delle rimesse verso il Senegal riguarda la loro destinazione finale. La Tavola 2 mostra i risultati di alcune ricerche empiriche relative alla destinazione delle rimesse per risparmio e investimenti (immobiliari e produttivi). I dati sono particolarmente significativi perché evidenziano come la quota parte dei flussi in arrivo in grado di generare leva finanziaria e sviluppo (senza escludere a priori un ruolo in questo senso anche della parte di rimesse destinata a spese per la salute, educazione e consumo stesso), appare comunque non trascurabile. Tavola 2 Evidenze empiriche sulla destinazione delle rimesse International Labour Organization (2003) 10% risparmio 8% investimenti immobiliari e produttivi African Development Bank (2007) 11% investimenti produttivi 20% investimenti immobiliari Diop Aliu (2007) 15% risparmio 25% investimenti immobiliari e produttivi ABI-CeSPI (2009) 18% risparmio e investimenti 39,5% trasferimenti alla famiglia

7 2. Le rimesse dall Italia L Italia costituisce una delle principali destinazioni dell emigrazione senegalese e di conseguenza è anche una delle principali fonti di invio delle rimesse destinate al paese di origine. Guardando all evoluzione delle rimesse all interno del corridoio Italia-Senegal, secondo i dati disponibili (fonte Banca d Italia) che rilevano solo il flusso di denaro che transita tramite i Money Transfer Operators (Grafico 6), emergono chiaramente due caratteristiche importanti: la dimensione dei flussi e la loro crescita nel tempo. Per quanto riguarda la dimensione dei flussi, le rimesse verso il Senegal hanno superato i 235 milioni di euro, posizionando questo paese al quinto posto fra i principali paesi di destinazione dei flussi di rimesse in uscita dall Italia. Per quanto concerne invece l andamento dei flussi, il grafico mostra una crescita significativa e costante nel tempo, con una forte accelerazione fra il 2003 e il 2004 e a partire dal Nell arco degli ultimi 7 anni le rimesse verso il Senegal sono cresciute ad un tasso medio annuo del 57%, a conferma della significatività del fenomeno. Il 2009, complice la crisi finanziaria ed economica che ha colpito anche il nostro paese, ha fatto registrare una contrazione significativa sul volume delle rimesse verso il Senegal, pari all 11%. Non sono al momento disponibili dati in grado di verificare l andamento dei flussi nel 2010 che consentirebbero di stabilire se gli effetti della crisi sulle rimesse verso il Senegal sono perdurate anche nell anno appena trascorso o se, come i dati a livello internazionale sembrano mostrare, è già in corso un riassorbimento degli effetti della crisi sui flussi delle rimesse. Grafico 6 Andamento flussi di rimesse verso il Senegal (dati in migliaia di euro) e numero di presenze senegalesi in Italia Residenti Rimesse Fonte: elaborazione CeSPI su dati Banca d Italia e ISTAT Un ulteriore riflessione può essere fatta riguardo l analisi dell andamento delle rimesse verso il Senegal. Il Grafico 6 confronta infatti l andamento dei flussi delle rimesse con quello della presenza senegalese in Italia, attraverso il numero dei residenti registrati dall ISTAT.

8 Il confronto è particolarmente significativo perché rende evidente, anche graficamente, come le rimesse crescano ad un tasso di molto superiore rispetto al tasso di crescita della popolazione senegalese residente in Italia. Se infatti abbiamo visto che le rimesse sono cresciute fra il 2002 e il 2009 ad un tasso annuo medio del 57%, i residenti senegalesi nel nostro paese sono cresciuti, nello stesso orizzonte temporale, ad un tasso medio annuo del 10%. Il dato conferma due fenomeni particolarmente significativi nello studio dei comportamenti finanziari dei migranti: da un lato evidenzia come il progredire del processo di integrazione sociale ed economico in Italia faccia crescere le capacità di reddito e di risparmio e di conseguenza anche il volume di rimesse inviate nel paese di origine, dall altro come, anche a distanza di anni, in presenza di progetti migratori a medio termine che hanno previsto anche un numero significativo di ricongiungimenti familiari, la rimessa si confermi un comportamento economico diffuso e significativo. Il mercato degli operatori che in Italia intercettano e gestiscono le rimesse dei migranti senegalesi appare ancora fortemente concentrato nelle mani dei Money Transfer Operators. Le statistiche ufficiali disponibili, proprio perché si limitano a rilevare solo i flussi degli MTOs, non permettono un analisi approfondita della dimensione del mercato delle rimesse e della distribuzione dei flussi fra le diverse tipologie di operatori. Tantomeno consentono di disegnare una mappa delle quote di mercato all interno del settore degli MTOs per esaminarne il grado di concentrazione. Il CeSPI da anni è impegnato in un attività di monitoraggio del mercato e di coinvolgimento degli operatori al fine di migliorare i dati disponibili. Nel 2009, grazie alla collaborazione con l Associazione Bancaria Italiana è stato possibile, attraverso un questionario somministrato ad un gruppo di banche rappresentativo del sistema bancario (oltre il 60% degli sportelli del sistema bancario italiano), stimare la dimensione dei flussi delle rimesse che transitano attraverso il canale bancario. Rispetto al Senegal, la Tavola 3 raffigura il mercato delle rimesse verso questo paese rispetto alle tre principali tipologie di operatori: MTOs, banche e Banco Posta. L operatività di Banco Posta in Senegal è legata a due prodotti principali: l accordo con MoneyGram, i cui flussi rientrano in quelli relativi agli MTOs, e un prodotto postale Eurogiro, rispetto al cui utilizzo non sono ancora disponibili dati ufficiali, ma che si stima siano ancora marginali, data anche la relativa novità del prodotto. Il quadro che emerge da questo esercizio di sintesi può essere quindi considerata una rappresentazione adeguata del mercato delle rimesse nel corridoio Italia-Senegal. Tavola 3 Stima del volume di rimesse dall'italia per tipologia di operatore MTOs Banche Poste (Eurogiro) n.d. Totale

9 I numeri rendono evidente come il mercato delle rimesse verso il Senegal sia fortemente concentrato nelle mani degli MTOs (Grafico 7) che gestiscono il 95% dei flussi complessivi Grafico 7 Distribuzione del mercato delle rimesse Italia-Senegal per tipologia di operatori Banche 5% MTOs 95% Fonte: dati Cespi All interno delle iniziative avviate in seno all Italian Remittance Working Group, successivamente sostenute dagli impegni presi durante il G8 dell Aquila sulla riduzione dei costi delle rimesse del 5% in 5 anni 2, il CeSPI ha realizzato e gestisce il sito web per la rilevazione dei costi di invio delle rimesse dall Italia, Il sito nasce dalla collaborazione fra il CeSPI, l Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, il Ministero degli Esteri, il Laboratorio Migrazioni e Sviluppo e la Banca Mondiale, ed è oggi interamente finanziato da quest ultima organizzazione. Costruito in conformità alla metodologia definita da Banca Mondiale, che ne ha attribuito la sua certificazione ufficiale, il sito monitora i costi delle rimesse all interno di 14 corridoi e rispetto a 23 operatori diversi, distribuiti fra banche, MTos e BancoPosta. La rilevazione, che viene effettuata mensilmente sul campo, direttamente presso gli sportelli degli operatori nelle città di Roma e Milano, monitora le principali componenti di costo delle rimesse esplicite e implicite (le commissioni applicate all invio e al momento della ricezione e il margine sul tasso di cambio applicato dall operatore), indicando il costo complessivo per tre importi di riferimento: 150, 300 e Lanciato ufficialmente durante la Conferenza Internazionale sulle rimesse, organizzata dal Ministero Affari Esteri nel novembre 2011, il sito ha accumulato un numero significativo di rilevazioni nel tempo e, dall ottobre 2010, effettua un monitoraggio mensile, garantendo un flusso di informazioni stabile e significativo. Può essere allora significativo analizzare i principali dati riguardanti il corridoio Italia-Senegal monitorati all interno del sito Mandasoldiacasa. 2 Impegni recentemente inclusi anche nell agenda del G20.

10 Per quanto riguarda i principali operatori specializzati (MTOs) operanti, il corridoio Italia Senegal presenta un numero significativo di operatori (Tavola 4), a conferma della dimensione e dell importanza del canale che ha stimolato l ingresso di operatori specializzati. Tavola 4 Principali MTOs operanti nel corridoio Italia- Senegal Money express MoneyGram (sia in proprio che attraverso Poste Italiane) Ria ValuTrans Western Union Coinstar A fianco di questi operatori si pone, come già accennato, l operatore postale (Poste Italiane), attraverso il prodotto Eurogiro (prodotto specifico del sistema postale che opera in accordo con il corrispondente senegalese Poste Finance), e le banche, la cui attività di invio del denaro viene gestita attraverso il canale tradizionale del bonifico internazionale. Nella maggior parte dei casi le banche italiane hanno stipulato accordi di partenariato specifici con le corrispondenti senegalesi. Tali accordi consentono di fissare le principali condizioni di invio del denaro, le commissioni e i tempi, mentre nessun accordo si spinge fino a definire il tasso di cambio che verrà applicato al ricevente al momento del ritiro o dell accredito del denaro in conto (nonostante il tasso di cambio della moneta senegalese sia ancorato alla moneta unica europea Grafico 10 e quindi perfettamente stabile). La rilevanza del corridoio in termini di volumi è confermata anche dal numero di convenzioni esistenti fra le banche italiane e quelle senegalesi, nella ricerca di offrire al migrante la maggiore copertura possibile sul territorio di destinazione. La Tavola 5 fornisce un dettaglio delle principali convenzioni in essere fra banche italiane e senegalesi monitorate dal sito mandasoldiacasa: Tavola 5 Convenzioni in essere fra banche Italiane e senegalesi Banca Popolare di Sondrio Ecobank Senegal, Banque de l'habitat du Senegal Banca di Credito Cooperativo di Roma Caisse Nationale de Credit Agricole du Senegal (C.N.C.A.S.) Banque Regionale de Solidaritè, Caisse Nationale de Credit Agricole du UniCredit S.p.A. Senegal, Compagnie Bancaire de l Afrique Occidentale, Sociètè Gènèrale de Banque au Senegal Banca Monte dei Paschi di Siena Compagnie Bancaire Afrique Occidentale (CBAO) Banca Popolare di Bergamo - Gruppo UBI Banca Attijariwafa Bank Banca Popolare di Novara - Gruppo Banco Popolare Société Générale des Banques au Sénégal Banca Popolare di Milano - Gruppo Bipemme Nessuna Convenzione Cariparma - Credit Agricole Nessuna Convenzione Bnl - Gruppo Bnp Paribas Nessuna Convenzione

11 Intesa Sanpaolo - Gruppo Intesa Sanpaolo Nessuna Convenzione Per quanto riguarda l analisi delle diverse componenti di costo, l ultima rilevazione disponibile di gennaio 2011, mostrava un costo medio di invio della rimessa in Senegal così distribuito per i diversi importi oggetto della rilevazione Tavola 6 Costo medio della rimessa verso il Senegal, all 11 gennaio 2011 Importo della rimessa Costo totale (Valore medio) Costo Totale (Valore massimo) Costo Totale (Valore minimo) 150 5,70% 7,67% 3,00% 300 3,76% 4,83% 2,93% ,61% 4,95% 1,03% La Tavola consente di evidenziare una correlazione negativa evidente fra l importo della rimessa inviata e il costo totale (comprensivo delle commissioni e del margine sul tasso di cambio), espresso in termini percentuali dell importo, con una riduzione significativa dei costi corrispondenti agli importi più elevati (circa il 3% per i rispetto ai 150 ). Ad una riduzione del costo medio corrisponde, per importi più elevati, anche una minore variabilità dei costi, tende infatti a contrarsi anche lo scarto fra il valore massimo e quello minimo. La frequenza delle rilevazioni effettuate consente una lettura dell andamento dei dati nel tempo che può fornire ulteriori indicazioni utili all analisi. In particolare il Grafico 8 mostra l andamento dei costi totali medi (espressi in percentuale dell importo inviato) nel tempo per i tre importi oggetto della rilevazione 3. Grafico 8 Costo medio invio rimessa Italia-Senegal per importo di invio 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% 0,0% Fonte: elaborazione CeSPi su dati rilevati sul sito 3 L importo di euro presenta un minor numero di rilevazioni in quanto è stato introdotto solo a partire dal maggio 2010.

12 Il grafico mostra come per l importo di il costo complessivo medio registra una riduzione costante nel tempo, con un inversione di tendenza in corrispondenza della rilevazione di novembre 2010, per poi stabilizzatasi nell ultima rilevazione disponibile. Relativamente agli altri due importi oggetto di monitoraggio, i costi medi percentuali non subiscono particolari riduzioni e anzi sembrano mostrare una tendenza all aumento a partire dalla fine dell estate Il costo medio relativo all invio di 300 passa infatti da un valore minimo del 3,6% nel maggio 2010 al 4,26% nel novembre dello stesso anno. Le prossime rilevazioni riveleranno se la riduzione registrata a gennaio 2011 indica l inizio di una tendenza o è legato a fattori contingenti di mercato. Andamento ancora più esplicito si evidenzia per l importo di dove però il minor numero di rilevazioni non consente un uguale monitoraggio su un periodo adeguatamente lungo. In generale il dato evidenzia comunque un inversione di tendenza generalizzata dei costi medi, forse dovuta alla ripresa dei volumi nelle rimesse, che solo le prossime rilevazioni potranno confermare o smentire. Se il dato fosse confermato, la riduzione dei costi registrata a cavallo fra il 2009 e il 2010, potrebbe essere parzialmente attribuita alla crisi e alla relativa contrazione dei volumi che ha incentivato gli operatori a ridurre i margini, piuttosto che ad un effettiva riduzione dei costi per effetto delle iniziative di maggiore trasparenza e concorrenza in atto. Per quanto riguarda invece le tre componenti principali che determinano il costo medio delle rimesse, ossia la commissione applicata al momento dell invio (commissione), quella applicata al ricevente (commissione al ricevente) e il margine sul tasso di cambio applicato sulla conversione dell importo nella valuta locale (Franco CFA nel caso del Senegal), il Grafico 9 ne evidenzia l andamento nel tempo, fornendo alcune utili indicazioni. Nell analisi abbiamo preso come importo di riferimento i 150. Come abbiamo già avuto modo di rilevare il costo medio complessivo segue un andamento decrescente in tutti i mesi facendo registrare una riduzione del 24,6% da aprile 2009 (e del 16,7% da febbraio 2010), ad esclusione di novembre 2010 dove invece si registra un incremento significativo del costo medio pari al 6%. La riduzione del costo medio è guidata dall andamento della sua componente principale, la commissione pagata al momento dell invio della rimessa il cui valore medio, da febbraio 2010 si riduce del 9,5%, facendo registrare una sostanziale stabilità fra ottobre e novembre Anche la commissione al ricevente segue lo stesso percorso in discesa, pur se se con un andamento molto più contenuto legato alla sua marginalità rispetto alle altre componenti è l importo convenzionalmente preso come riferimento per il monitoraggio del raggiungimento dell obiettivo, sottoscritto dai governi durante il G8 dell Aquila, della riduzione del costo delle rimesse del 5% in 5 anni.

13 Grafico 9 Andamento componenti costo totale invio rimesse corridoio Italia- Senegal (importo 150 ) 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% apr-09 ott-09 feb-10 mag-10 set-10 ott-10 nov-10 Commissione Margine tasso cambio Commissione ricevente Costo Totale Il dato più interessante che emerge dall analisi delle componenti di costo, riguarda invece il margine applicato dagli operatori sul tasso di cambio che fa registrare un andamento diverso. Ad una sostanziale stabilità subentra, nella rilevazione di novembre 2010 un incremento significativo che prosegue, anche se in misura ridotta 5 nel gennaio Si tratta di una evidenza interessante, se confermata anche nelle prossime rilevazioni, in particolare confrontata all andamento del tasso di cambio Euro-CFA (Grafico 10). La moneta senegalese (adottata da altri 14 paesi africani ex colonie francesi), prevede infatti un cambio fisso con l Euro, senza subire pertanto nessuna oscillazione e sollevando gli operatori dal rischio di cambio, fattore che giustifica l imputazione di un costo sull utente finale del servizio di trasferimento del denaro (il margine sul tasso di cambio appunto). Sulla base di queste considerazioni è quindi possibile imputare con adeguata verosimiglianza, l incremento del margine sul tasso di cambio nel caso senegalese a specifiche politiche di prezzo applicate dagli operatori che tendono così a trasferire parte della riduzione delle commissioni a questa componente di costo sostanzialmente occulta (non immediatamente evidente a chi invia la rimessa). Grafico 10 Tasso di cambio Euro-CFA apr-09 ott-09 feb-10 mag-10 set-10 ott-10 nov-10 5 Il margine sul tasso di cambio a gennaio 2011 si colloca intorno allo 0,1% dell importo inviato.

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Working Papers 63/2009 Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Giulio Giangaspero Novembre 2009 Via d Aracoeli, 11 00186 Roma (Italia) Tel. +3906 6990630 Fax +3906 6784104 e-mail: cespi@cespi.it - web:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Aspetti e criticità del mercato, esperienze nazionali e internazionali, proposte di sviluppo In collaborazione con: PREFAZIONE... 3 INTRODUZIONE...

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3. Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6. I prodotti Pag. 7

Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3. Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6. I prodotti Pag. 7 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA IN ITALIA Leader nel money transfer Pag. 1 Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3 Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6 I prodotti Pag. 7 MoneyGram

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Capitolo 3. Confronto con altri paesi

Capitolo 3. Confronto con altri paesi Capitolo 3 Confronto con altri paesi Indice Sintesi introduttiva... 215 Tavola 3.1 Quadro di sintesi (anno 2006)... 216 Organizzazione... 217 Tavola 3.2 Sede centrale: strutture dirigenziali di primo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori

La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori DOC 8/2011 La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori Flavia Piperno e Andrea Stocchiero Novembre 2010 Via d Aracoeli, 11 00186 Roma (Italia) Tel. +3906 6990630 Fax +3906 6784104

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA

FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA 13 Documento di Sintesi dell iniziativa Pag. 15 Componente attività Italia- Formazione, assistenza tecnica, promozione di partenariati

Dettagli