IL FENOMENO DELLE RIMESSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FENOMENO DELLE RIMESSE"

Transcript

1 IL FENOMENO DELLE RIMESSE DALL ITALIA VERSO IL SENEGAL di Daniele Frigeri WP 2 e WP 4 Progetto Su.Pa. Successful Paths. Supporting human and economic capital of migrants marzo 2011

2 1. Uno sguardo d insieme sul mercato delle rimesse senegalese Il fenomeno delle rimesse ha ormai assunto una dimensione internazionale tale da aver attirato l interesse delle Istituzioni Internazionali, Banca Mondiale in primis, delle Istituzioni locali, dei Governi dei paesi riceventi, degli operatori economici e finanziari e degli Enti e Istituzioni della cooperazione Internazionale. Per molti paesi, così come è stato per l Italia e per il Veneto in particolare fino ai primi anni 80, il flusso di denaro proveniente dagli emigranti costituisce una fonte di reddito importante per molte famiglie che, in misura diversa da paese a paese, raggiunge un incidenza significativa sul Prodotto Interno Lordo (PIL). Nel caso del Senegal l incidenza delle rimesse sul PIL nel 2009 è pari al 9,1%, valore significativo, che ha mostrato solo una lieve flessione rispetto alla crisi economica-finanziaria che ha attraversato le economie mondiali, colpendo duramente proprio le economie di destinazione della migrazione senegalese (Italia, Francia e Spagna). Nel 2007 l incidenza delle rimesse sul PIL senegalese era pari al 10%. La rilevanza dei trasferimenti dei migranti per l economia senegalese trova ulteriore conferma nel Grafico 1 dove sono messi a confronto i volumi delle rimesse con quelli degli Investimenti Diretti dall Estero (IDE) verso questo paese. Le rimesse, negli anni, evidenziano volumi multipli rispetto agli IDE, contribuendo a immettere nell economia senegalese capitali nuovi. Grafico 1 Volumi rimesse e IDE verso il Senegal Diversi sono gli effetti, sia positivi che negativi, che le rimesse producono sulle economie dei paesi riceventi, la letteratura internazionale è molto vasta a riguardo, classificandoli fra effetti macro e effetti micro. Le rimesse hanno un impatto diretto sulla ricchezza delle famiglie, sui consumi interni, sul mercato delle valute e su quello immobiliare, ma anche sul risparmio e indirettamente sul sistema finanziario, sulla capacità di attrarre capitali, sugli investimenti e sui servizi legati alla salute e all educazione. Si tratta di un complesso interagire di effetti, alcuni dei quali possono di volta in volta generare elementi distorsivi all interno delle economia riceventi. Molto dipende anche dall adeguatezza delle politiche e delle strategie adottate dai Governi e dalle

3 istituzioni finanziarie, dal grado di sviluppo delle economie stesse, dei servizi e dei sistemi finanziari. Complessivamente però la letteratura internazionale è concorde nell affermare che le rimesse generano un impatto complessivamente positivo nei contesti di riferimento. Guardando al Senegal, i principali paesi di approdo della migrazione (Tavola 1) sono costituiti dai paesi europei, seguiti dai paesi africani confinanti e dagli Stati Uniti Tavola 1 - Principali paesi di emigrazione dal Senegal 1. Gambia 2. Francia 3. Italia 4. Mauritania 5. Spagna 6. Côte d Ivoire 7. Gabon 8. USA 9. Mali 10. Guinea Bissau Il Grafico 2 fornisce invece un dettaglio delle principali aree di provenienza delle rimesse destinate al Senegal. Nonostante i dati disponibili si riferiscano solo al 2007 è interessante notare come Italia e Francia contino per oltre un terzo delle rimesse complessive, mentre gli altri paesi africani siano abbastanza marginali, anche se molto probabilmente, rispetto a questi paesi, è maggiore il ricorso a canali informali (non rilevati dalle fonti ufficiali), data la loro vicinanza geografica (molto diffusa è la pratica di trasferire denaro attraverso il trasporto su ruote). Grafico 2 Origine rimesse verso il Senegal (dati 2007) Altri paesi Africa 7% Altri paesi UE 16% Paesi Arabi 13% USA 11% Italia 7% UEMOA 19% Francia 27% Fonte BCEAO L Europa è quindi la principale area di provenienza delle rimesse senegalesi che in questi anni sono cresciute in maniera costante e significativa (Grafico 3) ad un tasso medio annuo, fra il 2002 e il 2009 del 19%. La crisi economico-finanziaria che ha attraversato le economie mondiali a partire dal 2008 ha avuto un impatto anche sul volume di rimesse verso questo paese che infatti, proprio dal 2008, ha fatto segnare un inversione di tendenza comunque contenuta. I flussi complessivi verso il Senegal fanno segnare una contrazione solo dell 8% nel 2009 (i dati a disposizione non permettono un analisi disaggregata per paesi di provenienza, utile a misurare l impatto della crisi sui flussi

4 per singolo paese), mentre le stime della Banca Mondiale prevedono che già nel 2010 la contrazione si ridurrà ad un -2% per riprendere ad assumere valori positivi nel Grafico 3 Volume di rimesse complessive verso il Senegal (valori in milioni di dollari) e Fonte: Elaborazione CeSPI su dati Banca Mondiale Recenti studi 1 hanno cercato di individuare le principali strategie adottate di fronte alla crisi economica da parte dei migranti senegalesi. In particolare si rilevano alcuni comportamenti socio-economici che possono fornire utili indicazioni per comprendere il comportamento e le scelte dei migranti, a conferma di comportamenti razionali e con strategie transnazionali variabili in funzione delle condizioni: maggiore propensione ad investimenti in patria finalizzati al ritorno o a generare reddito a livello locale a sostegno delle famiglie; sviluppo di iniziative imprenditoriali transnazionali; coinvolgimento di membri della famiglia in attività produttive in Senegal; diversificazione delle entrate; parziale utilizzo del risparmio accumulato negli anni a compensazione delle minori entrate; ritorni meno frequenti in patria nei periodi estivi; riduzione della frequenza di invio delle rimesse e aumento dell importo medio di ogni transazione finalizzato a ridurre i costi di trasferimento; riduzione del supporto a iniziative finalizzate al sostegno della comunità e innovazione nei meccanismi di solidarietà; sviluppo di cooperative finalizzate all housing; migrazione circolare. I dati ufficiali naturalmente non tengono conto dei flussi cosiddetti informali, ossia delle rimesse che transitano attraverso soggetti e canali non istituzionali e quindi non rilevati dalle fonti. La stima di questi flussi costituisce ancora un tema molto complesso e di difficile determinazione a livello internazionale. Una recente analisi del Fondo Monetario Internazionale indica in 2 miliardi di USD il valore delle rimesse informali complessive verso il Senegal nel 2008, quasi il doppio di 1 Serigne Mansour TALL Senegalese on the move

5 quelle ufficiali. Un dato approssimativo ma che appare verosimile, anche sulla base delle indagini qualitative che il CeSPI ha condotto in questi anni sulla comunità senegalese. Per quanto riguarda il mercato delle rimesse, i dati a disposizione mostrano una situazione sostanzialmente migliore rispetto a molti altri paesi africani. Un indicatore importane in questo senso, che come vedremo, determina l efficienza e il costo del servizio disponibile, è costituito dal grado di concentrazione del mercato degli operatori che gestiscono il flusso delle rimesse. Il Senegal, rispetto a questo indicatore, presenta un adeguata diversificazione, sia rispetto alla tipologia di operatori (Grafico 4) che rispetto al numero di Money Transfer Operators attivi (Grafico 5). Grafico 4 - Distribuzione rimesse per tipologia di operatori Banche 13% MFI 9% MTOs 26% Grafico 5 - Quote di mercato principali MTOs operanti in Senegal Money Gram 9% Trans-horn Money Trans 17% Western Union 38% Poste 52% Fonte: elaborazione CeSPI su dati IFAD 2009 Money Express 15% Coinstar 21% Rispetto alla tipologia di operatori che gestiscono le rimesse, Poste Finance, l operatore postale senegalese, canalizza oltre il 50% dei flussi di rimesse, mentre gli MTOs gestiscono solo un quarto del mercato complessivo. Banche e Istituzioni di Microfinanza (IMF) si spartiscono poco meno del restante quarto dei volumi complessivi, mostrando ancora una certa debolezza dovuta a fattori diversi. Per le banche infatti la gestione delle rimesse è legata allo strumento del bonifico internazionale tramite Swift (società che gestisce la quasi totalità dei pagamenti internazionali) e alla stipula di accordi bilaterali con controparti nei paesi di invio. I tempi maggiori richiesti dal bonifico internazionale, la minore capillarità delle banche senegalesi sul territorio e i costi legati alla definizione e gestione degli accordi internazionali, costituiscono ostacoli oggettivi allo sviluppo di questo canale. Per quanto riguarda invece le IMF, che costituirebbero un canale alternativo agli MTOs per la loro prossimità alle famiglie destinatarie sul territorio e la capacità di offrire servizi di accumulazione e valorizzazione delle rimesse (risparmio e credito), trovano come principale ostacolo aspetti di tipo regolamentare. La legge senegalese impone infatti la gestione dei flussi in valuta estera solo attraverso banche o organismi finanziari registrati, condizioni che la maggior parte delle IMF senegalesi non sono in grado di rispettare, impedendo loro di fatto di gestire direttamente i flussi delle rimesse. Anche l analisi del mercato degli MTOs evidenzia un adeguata ripartizione delle quote di mercato. Western Union rimane il principale operatore con quasi il 40% del mercato, ma i tre

6 principali concorrenti mostrano quote di mercato superiori al 15%, assicurando un livello di concorrenza nel settore. L analisi del grado di concentrazione del mercato delle rimesse risulta particolarmente importante perché da esso dipende la presenza di un adeguata concorrenza da cui ne conseguono prezzi inferiori e una diversificazione nell offerta di prodotti e servizi per la canalizzazione e la gestione delle rimesse che, in ultima istanza, ne favoriscono una valorizzazione. Un ultimo aspetto che può essere analizzato in relazione al mercato delle rimesse verso il Senegal riguarda la loro destinazione finale. La Tavola 2 mostra i risultati di alcune ricerche empiriche relative alla destinazione delle rimesse per risparmio e investimenti (immobiliari e produttivi). I dati sono particolarmente significativi perché evidenziano come la quota parte dei flussi in arrivo in grado di generare leva finanziaria e sviluppo (senza escludere a priori un ruolo in questo senso anche della parte di rimesse destinata a spese per la salute, educazione e consumo stesso), appare comunque non trascurabile. Tavola 2 Evidenze empiriche sulla destinazione delle rimesse International Labour Organization (2003) 10% risparmio 8% investimenti immobiliari e produttivi African Development Bank (2007) 11% investimenti produttivi 20% investimenti immobiliari Diop Aliu (2007) 15% risparmio 25% investimenti immobiliari e produttivi ABI-CeSPI (2009) 18% risparmio e investimenti 39,5% trasferimenti alla famiglia

7 2. Le rimesse dall Italia L Italia costituisce una delle principali destinazioni dell emigrazione senegalese e di conseguenza è anche una delle principali fonti di invio delle rimesse destinate al paese di origine. Guardando all evoluzione delle rimesse all interno del corridoio Italia-Senegal, secondo i dati disponibili (fonte Banca d Italia) che rilevano solo il flusso di denaro che transita tramite i Money Transfer Operators (Grafico 6), emergono chiaramente due caratteristiche importanti: la dimensione dei flussi e la loro crescita nel tempo. Per quanto riguarda la dimensione dei flussi, le rimesse verso il Senegal hanno superato i 235 milioni di euro, posizionando questo paese al quinto posto fra i principali paesi di destinazione dei flussi di rimesse in uscita dall Italia. Per quanto concerne invece l andamento dei flussi, il grafico mostra una crescita significativa e costante nel tempo, con una forte accelerazione fra il 2003 e il 2004 e a partire dal Nell arco degli ultimi 7 anni le rimesse verso il Senegal sono cresciute ad un tasso medio annuo del 57%, a conferma della significatività del fenomeno. Il 2009, complice la crisi finanziaria ed economica che ha colpito anche il nostro paese, ha fatto registrare una contrazione significativa sul volume delle rimesse verso il Senegal, pari all 11%. Non sono al momento disponibili dati in grado di verificare l andamento dei flussi nel 2010 che consentirebbero di stabilire se gli effetti della crisi sulle rimesse verso il Senegal sono perdurate anche nell anno appena trascorso o se, come i dati a livello internazionale sembrano mostrare, è già in corso un riassorbimento degli effetti della crisi sui flussi delle rimesse. Grafico 6 Andamento flussi di rimesse verso il Senegal (dati in migliaia di euro) e numero di presenze senegalesi in Italia Residenti Rimesse Fonte: elaborazione CeSPI su dati Banca d Italia e ISTAT Un ulteriore riflessione può essere fatta riguardo l analisi dell andamento delle rimesse verso il Senegal. Il Grafico 6 confronta infatti l andamento dei flussi delle rimesse con quello della presenza senegalese in Italia, attraverso il numero dei residenti registrati dall ISTAT.

8 Il confronto è particolarmente significativo perché rende evidente, anche graficamente, come le rimesse crescano ad un tasso di molto superiore rispetto al tasso di crescita della popolazione senegalese residente in Italia. Se infatti abbiamo visto che le rimesse sono cresciute fra il 2002 e il 2009 ad un tasso annuo medio del 57%, i residenti senegalesi nel nostro paese sono cresciuti, nello stesso orizzonte temporale, ad un tasso medio annuo del 10%. Il dato conferma due fenomeni particolarmente significativi nello studio dei comportamenti finanziari dei migranti: da un lato evidenzia come il progredire del processo di integrazione sociale ed economico in Italia faccia crescere le capacità di reddito e di risparmio e di conseguenza anche il volume di rimesse inviate nel paese di origine, dall altro come, anche a distanza di anni, in presenza di progetti migratori a medio termine che hanno previsto anche un numero significativo di ricongiungimenti familiari, la rimessa si confermi un comportamento economico diffuso e significativo. Il mercato degli operatori che in Italia intercettano e gestiscono le rimesse dei migranti senegalesi appare ancora fortemente concentrato nelle mani dei Money Transfer Operators. Le statistiche ufficiali disponibili, proprio perché si limitano a rilevare solo i flussi degli MTOs, non permettono un analisi approfondita della dimensione del mercato delle rimesse e della distribuzione dei flussi fra le diverse tipologie di operatori. Tantomeno consentono di disegnare una mappa delle quote di mercato all interno del settore degli MTOs per esaminarne il grado di concentrazione. Il CeSPI da anni è impegnato in un attività di monitoraggio del mercato e di coinvolgimento degli operatori al fine di migliorare i dati disponibili. Nel 2009, grazie alla collaborazione con l Associazione Bancaria Italiana è stato possibile, attraverso un questionario somministrato ad un gruppo di banche rappresentativo del sistema bancario (oltre il 60% degli sportelli del sistema bancario italiano), stimare la dimensione dei flussi delle rimesse che transitano attraverso il canale bancario. Rispetto al Senegal, la Tavola 3 raffigura il mercato delle rimesse verso questo paese rispetto alle tre principali tipologie di operatori: MTOs, banche e Banco Posta. L operatività di Banco Posta in Senegal è legata a due prodotti principali: l accordo con MoneyGram, i cui flussi rientrano in quelli relativi agli MTOs, e un prodotto postale Eurogiro, rispetto al cui utilizzo non sono ancora disponibili dati ufficiali, ma che si stima siano ancora marginali, data anche la relativa novità del prodotto. Il quadro che emerge da questo esercizio di sintesi può essere quindi considerata una rappresentazione adeguata del mercato delle rimesse nel corridoio Italia-Senegal. Tavola 3 Stima del volume di rimesse dall'italia per tipologia di operatore MTOs Banche Poste (Eurogiro) n.d. Totale

9 I numeri rendono evidente come il mercato delle rimesse verso il Senegal sia fortemente concentrato nelle mani degli MTOs (Grafico 7) che gestiscono il 95% dei flussi complessivi Grafico 7 Distribuzione del mercato delle rimesse Italia-Senegal per tipologia di operatori Banche 5% MTOs 95% Fonte: dati Cespi All interno delle iniziative avviate in seno all Italian Remittance Working Group, successivamente sostenute dagli impegni presi durante il G8 dell Aquila sulla riduzione dei costi delle rimesse del 5% in 5 anni 2, il CeSPI ha realizzato e gestisce il sito web per la rilevazione dei costi di invio delle rimesse dall Italia, Il sito nasce dalla collaborazione fra il CeSPI, l Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, il Ministero degli Esteri, il Laboratorio Migrazioni e Sviluppo e la Banca Mondiale, ed è oggi interamente finanziato da quest ultima organizzazione. Costruito in conformità alla metodologia definita da Banca Mondiale, che ne ha attribuito la sua certificazione ufficiale, il sito monitora i costi delle rimesse all interno di 14 corridoi e rispetto a 23 operatori diversi, distribuiti fra banche, MTos e BancoPosta. La rilevazione, che viene effettuata mensilmente sul campo, direttamente presso gli sportelli degli operatori nelle città di Roma e Milano, monitora le principali componenti di costo delle rimesse esplicite e implicite (le commissioni applicate all invio e al momento della ricezione e il margine sul tasso di cambio applicato dall operatore), indicando il costo complessivo per tre importi di riferimento: 150, 300 e Lanciato ufficialmente durante la Conferenza Internazionale sulle rimesse, organizzata dal Ministero Affari Esteri nel novembre 2011, il sito ha accumulato un numero significativo di rilevazioni nel tempo e, dall ottobre 2010, effettua un monitoraggio mensile, garantendo un flusso di informazioni stabile e significativo. Può essere allora significativo analizzare i principali dati riguardanti il corridoio Italia-Senegal monitorati all interno del sito Mandasoldiacasa. 2 Impegni recentemente inclusi anche nell agenda del G20.

10 Per quanto riguarda i principali operatori specializzati (MTOs) operanti, il corridoio Italia Senegal presenta un numero significativo di operatori (Tavola 4), a conferma della dimensione e dell importanza del canale che ha stimolato l ingresso di operatori specializzati. Tavola 4 Principali MTOs operanti nel corridoio Italia- Senegal Money express MoneyGram (sia in proprio che attraverso Poste Italiane) Ria ValuTrans Western Union Coinstar A fianco di questi operatori si pone, come già accennato, l operatore postale (Poste Italiane), attraverso il prodotto Eurogiro (prodotto specifico del sistema postale che opera in accordo con il corrispondente senegalese Poste Finance), e le banche, la cui attività di invio del denaro viene gestita attraverso il canale tradizionale del bonifico internazionale. Nella maggior parte dei casi le banche italiane hanno stipulato accordi di partenariato specifici con le corrispondenti senegalesi. Tali accordi consentono di fissare le principali condizioni di invio del denaro, le commissioni e i tempi, mentre nessun accordo si spinge fino a definire il tasso di cambio che verrà applicato al ricevente al momento del ritiro o dell accredito del denaro in conto (nonostante il tasso di cambio della moneta senegalese sia ancorato alla moneta unica europea Grafico 10 e quindi perfettamente stabile). La rilevanza del corridoio in termini di volumi è confermata anche dal numero di convenzioni esistenti fra le banche italiane e quelle senegalesi, nella ricerca di offrire al migrante la maggiore copertura possibile sul territorio di destinazione. La Tavola 5 fornisce un dettaglio delle principali convenzioni in essere fra banche italiane e senegalesi monitorate dal sito mandasoldiacasa: Tavola 5 Convenzioni in essere fra banche Italiane e senegalesi Banca Popolare di Sondrio Ecobank Senegal, Banque de l'habitat du Senegal Banca di Credito Cooperativo di Roma Caisse Nationale de Credit Agricole du Senegal (C.N.C.A.S.) Banque Regionale de Solidaritè, Caisse Nationale de Credit Agricole du UniCredit S.p.A. Senegal, Compagnie Bancaire de l Afrique Occidentale, Sociètè Gènèrale de Banque au Senegal Banca Monte dei Paschi di Siena Compagnie Bancaire Afrique Occidentale (CBAO) Banca Popolare di Bergamo - Gruppo UBI Banca Attijariwafa Bank Banca Popolare di Novara - Gruppo Banco Popolare Société Générale des Banques au Sénégal Banca Popolare di Milano - Gruppo Bipemme Nessuna Convenzione Cariparma - Credit Agricole Nessuna Convenzione Bnl - Gruppo Bnp Paribas Nessuna Convenzione

11 Intesa Sanpaolo - Gruppo Intesa Sanpaolo Nessuna Convenzione Per quanto riguarda l analisi delle diverse componenti di costo, l ultima rilevazione disponibile di gennaio 2011, mostrava un costo medio di invio della rimessa in Senegal così distribuito per i diversi importi oggetto della rilevazione Tavola 6 Costo medio della rimessa verso il Senegal, all 11 gennaio 2011 Importo della rimessa Costo totale (Valore medio) Costo Totale (Valore massimo) Costo Totale (Valore minimo) 150 5,70% 7,67% 3,00% 300 3,76% 4,83% 2,93% ,61% 4,95% 1,03% La Tavola consente di evidenziare una correlazione negativa evidente fra l importo della rimessa inviata e il costo totale (comprensivo delle commissioni e del margine sul tasso di cambio), espresso in termini percentuali dell importo, con una riduzione significativa dei costi corrispondenti agli importi più elevati (circa il 3% per i rispetto ai 150 ). Ad una riduzione del costo medio corrisponde, per importi più elevati, anche una minore variabilità dei costi, tende infatti a contrarsi anche lo scarto fra il valore massimo e quello minimo. La frequenza delle rilevazioni effettuate consente una lettura dell andamento dei dati nel tempo che può fornire ulteriori indicazioni utili all analisi. In particolare il Grafico 8 mostra l andamento dei costi totali medi (espressi in percentuale dell importo inviato) nel tempo per i tre importi oggetto della rilevazione 3. Grafico 8 Costo medio invio rimessa Italia-Senegal per importo di invio 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% 0,0% Fonte: elaborazione CeSPi su dati rilevati sul sito 3 L importo di euro presenta un minor numero di rilevazioni in quanto è stato introdotto solo a partire dal maggio 2010.

12 Il grafico mostra come per l importo di il costo complessivo medio registra una riduzione costante nel tempo, con un inversione di tendenza in corrispondenza della rilevazione di novembre 2010, per poi stabilizzatasi nell ultima rilevazione disponibile. Relativamente agli altri due importi oggetto di monitoraggio, i costi medi percentuali non subiscono particolari riduzioni e anzi sembrano mostrare una tendenza all aumento a partire dalla fine dell estate Il costo medio relativo all invio di 300 passa infatti da un valore minimo del 3,6% nel maggio 2010 al 4,26% nel novembre dello stesso anno. Le prossime rilevazioni riveleranno se la riduzione registrata a gennaio 2011 indica l inizio di una tendenza o è legato a fattori contingenti di mercato. Andamento ancora più esplicito si evidenzia per l importo di dove però il minor numero di rilevazioni non consente un uguale monitoraggio su un periodo adeguatamente lungo. In generale il dato evidenzia comunque un inversione di tendenza generalizzata dei costi medi, forse dovuta alla ripresa dei volumi nelle rimesse, che solo le prossime rilevazioni potranno confermare o smentire. Se il dato fosse confermato, la riduzione dei costi registrata a cavallo fra il 2009 e il 2010, potrebbe essere parzialmente attribuita alla crisi e alla relativa contrazione dei volumi che ha incentivato gli operatori a ridurre i margini, piuttosto che ad un effettiva riduzione dei costi per effetto delle iniziative di maggiore trasparenza e concorrenza in atto. Per quanto riguarda invece le tre componenti principali che determinano il costo medio delle rimesse, ossia la commissione applicata al momento dell invio (commissione), quella applicata al ricevente (commissione al ricevente) e il margine sul tasso di cambio applicato sulla conversione dell importo nella valuta locale (Franco CFA nel caso del Senegal), il Grafico 9 ne evidenzia l andamento nel tempo, fornendo alcune utili indicazioni. Nell analisi abbiamo preso come importo di riferimento i 150. Come abbiamo già avuto modo di rilevare il costo medio complessivo segue un andamento decrescente in tutti i mesi facendo registrare una riduzione del 24,6% da aprile 2009 (e del 16,7% da febbraio 2010), ad esclusione di novembre 2010 dove invece si registra un incremento significativo del costo medio pari al 6%. La riduzione del costo medio è guidata dall andamento della sua componente principale, la commissione pagata al momento dell invio della rimessa il cui valore medio, da febbraio 2010 si riduce del 9,5%, facendo registrare una sostanziale stabilità fra ottobre e novembre Anche la commissione al ricevente segue lo stesso percorso in discesa, pur se se con un andamento molto più contenuto legato alla sua marginalità rispetto alle altre componenti è l importo convenzionalmente preso come riferimento per il monitoraggio del raggiungimento dell obiettivo, sottoscritto dai governi durante il G8 dell Aquila, della riduzione del costo delle rimesse del 5% in 5 anni.

13 Grafico 9 Andamento componenti costo totale invio rimesse corridoio Italia- Senegal (importo 150 ) 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% apr-09 ott-09 feb-10 mag-10 set-10 ott-10 nov-10 Commissione Margine tasso cambio Commissione ricevente Costo Totale Il dato più interessante che emerge dall analisi delle componenti di costo, riguarda invece il margine applicato dagli operatori sul tasso di cambio che fa registrare un andamento diverso. Ad una sostanziale stabilità subentra, nella rilevazione di novembre 2010 un incremento significativo che prosegue, anche se in misura ridotta 5 nel gennaio Si tratta di una evidenza interessante, se confermata anche nelle prossime rilevazioni, in particolare confrontata all andamento del tasso di cambio Euro-CFA (Grafico 10). La moneta senegalese (adottata da altri 14 paesi africani ex colonie francesi), prevede infatti un cambio fisso con l Euro, senza subire pertanto nessuna oscillazione e sollevando gli operatori dal rischio di cambio, fattore che giustifica l imputazione di un costo sull utente finale del servizio di trasferimento del denaro (il margine sul tasso di cambio appunto). Sulla base di queste considerazioni è quindi possibile imputare con adeguata verosimiglianza, l incremento del margine sul tasso di cambio nel caso senegalese a specifiche politiche di prezzo applicate dagli operatori che tendono così a trasferire parte della riduzione delle commissioni a questa componente di costo sostanzialmente occulta (non immediatamente evidente a chi invia la rimessa). Grafico 10 Tasso di cambio Euro-CFA apr-09 ott-09 feb-10 mag-10 set-10 ott-10 nov-10 5 Il margine sul tasso di cambio a gennaio 2011 si colloca intorno allo 0,1% dell importo inviato.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it Rimesse trasparenti www.mandasoldiacasa.it 9 novembre 2009 QUANTO COSTA INVIARE 150 EURO DALL ITALIA AL MAROCCO? E AL SENEGAL? E IN COLOMBIA? NASCE IL SITO ITALIANO PER LA COMPARAZIONE DEI COSTI DI INVIO

Dettagli

www.mandasoldiacasa.it Il database italiano dei costi delle rimesse

www.mandasoldiacasa.it Il database italiano dei costi delle rimesse CeSPI Centro Studi di Politica Internazionale www.mandasoldiacasa.it Il database italiano dei costi delle rimesse Analisi dei dati A cura di: D. Frigeri 30 novembre 2014 Premessa metodologica Il seguente

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 10 dicembre COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 In data odierna la Banca centrale europea (BCE) pubblica per la prima volta un

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona

Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona 1 Uno sguardo d insiemed A livello mondiale, le rimesse dei lavoratori

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA Contributi L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA di Gianni Ferrante ** Premessa Come già facemmo nel n.7 (ottobre 2002) di questa pubblicazione

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Torino,27/11/2013 Grandi Banche e Banche locali: dove va il Credito?

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano CReSV Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore Milano, 23 gennaio 2013 Agenda Introduzione Descrizione del campione e metodologia di analisi

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione Milano, 28 luglio 2015. Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Analisi sui bisogni finanziari e la bancarizzazione dei migranti senegalesi con i risultati delle prime rilevazioni dei costi di invio delle rimesse

Analisi sui bisogni finanziari e la bancarizzazione dei migranti senegalesi con i risultati delle prime rilevazioni dei costi di invio delle rimesse Working Paper 2 Analisi sui bisogni finanziari e la bancarizzazione dei migranti senegalesi con i risultati delle prime rilevazioni dei costi di invio delle rimesse Daniele Frigeri Novembre 2009 INDICE

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

ANDAMENTO DEL TASSO EURIBOR E CONTI ECONOMICI DELLE BANCHE MINORI. Dott.ssa Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia

ANDAMENTO DEL TASSO EURIBOR E CONTI ECONOMICI DELLE BANCHE MINORI. Dott.ssa Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia ANDAMENTO DEL TASSO EURIBOR E CONTI ECONOMICI DELLE BANCHE MINORI Dott.ssa Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Agenda Introduzione L analisi dei Margini bancari in letteratura Obiettivo e

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli