Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass"

Transcript

1 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale 70% DCB Milano Giuste attese e concrete possibilità Il passaggio dalla Cassa Sanitaria al Fondo Sanitario Integrativo continua a creare grande disorientamento e forti preoccupazioni fra i nostri iscritti, che dal 1 gennaio di quest anno si sono trovati di colpo a risolvere i loro problemi di salute dovendosi confrontare con un ente previdenziale decentrato e non facile a contattarsi e con la certezza di dover sostenere maggiori costi. Alla luce di quanto sopra, la nostra prima preoccupazione è stata di assistere e aiutare in tutti i modi i nostri soci, in particolare coloro che per età, stato di salute e difficoltà di movimento, sono stati i più colpiti dalla rivoluzione. Compilazione delle domande di adesione, verifica dell inserimento nell anagrafe di Previmedical, caricamento delle passwords per chi non ha un computer, compilazione delle nuove domande di rimborso sono le principali fasi di intervento in cui si è trovata impegnata la Segreteria. È assolutamente comprensibile e giusto che i soci si attendano molto dalla loro Associazione e da chi in essa opera, quale che sia il ruolo: presidente, vicepresidenti, consiglieri, segretario (tutti volontari!) o impiegati. La serietà e l impegno posti nel servizio agli utenti non sono in discussione e credo che chi frequenta regolarmente i nostri uffici se ne sia reso ampiamente conto. Il Giornale dei Pensionati della Ca de Sass Anno 41, numero 104, giugno 2011 Associazione Pensionati CARIPLO e Banca Intesa 2010: un anno impegnativo per la nostra Associazione Prima di dare inizio alla discussione sugli argomenti posti all ordine del giorno, voglio ringraziarvi della numerosa partecipazione, che interpreto come segno evidente di interesse e condivisione delle problematiche che investono la nostra categoria. Il primo argomento è l analisi del rendiconto relativo al trascorso esercizio, i cui dati vi sono stati proposti con l avviso di convocazione. In proposito, richiamo la vostra attenzione sul fatto che anche il 2010 si è chiuso con soddisfacenti risultati, comprovati da un discreto avanzo, poco meno che raddoppiato rispetto a quello dell esercizio Infatti, a fronte di 2.883,29 del precedente esercizio, il 2010 evidenzia un avanzo di 5.184,02, nonostante che l Associazione abbia dovuto sostenere i costi del trasloco della sede da via dell Unione 1 a quella di via Torino 51 e accantonare ulteriori al Fondo spese legali; tale accantonamento deriva dal fatto che l Associazione ha supportato l impugnativa proposta dai nostri consiglieri presso la Cassa Sanitaria del Gruppo Intesa, in seguito alla perpetrata lesione, da parte della maggioranza, delle norme statutarie di autonomia e di democrazia partecipativa nella decisione inerente alla migrazione nel nuovo Fondo Sanitario Integrativo di Gruppo. Nel Fondo spese legali resta poi inalterata la previsione riguardante l annosa questione relativa al VAP, il cui secondo ricorso in Cassazione avverso la nota sentenza sfavorevole della Corte d Appello di Brescia, adita a seguito del primo parziale successo con rinvio ottenuto avanti ai Giudici di legittimità, non è ancora giunto in decisione. È ovvio, comunque, che alla fine di tutti i guai giudiziari nei quali, nostro malgrado, siamo stati e siamo coinvolti, eventuali avanzi rispetto a quanto opportunamente accantonato andranno ad incrementare il fondo di riserva, ovviamente con il beneplacito degli associati. In definitiva, la situazione patrimoniale non presenta criticità alcuna. Quanto al conto economico, faccio notare che, rispetto al precedente esercizio, sono diminuite in maniera significativa le spese generali, mentre hanno subito un aumento le spese per il personale. Anche le rendite hanno registrato una leggera flessione imputabile, quanto alle quote associative, a una non significativa diminuzione degli iscritti all Associazione e al decremento degli interessi attivi sugli investimenti, derivante dala pagina 2 a pagina 2 LEGGERE ATTENTAMENTE E CONSERVARE LA GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI RIMBORSO (PAGINE 8-12)

2 Assemblea anno 41, numero 104, giugno 2011 Purtroppo, si sono verificate in questi mesi, specie nei momenti di maggiore concitazione, situazioni e telefonate alquanto sgradevoli, soprattutto per il tono aggressivo talvolta al limite dell insulto, nel corso delle quali ci si accusava di immobilismo ( e voi che cosa fate? ) e di supina accettazione delle decisioni altrui: le cose non stanno proprio così, come un attenta lettura del nostro Giornale e dei nostri comunicati potrebbe facilmente dimostrare. Il fatto è che i pensionati tutti sono stati messi di fronte a un precipitoso accordo fra sindacati e azienda in quasi totale assenza di informazione, accordo che ha messo in moto un meccanismo che è sfuggito di mano, certamente nei primi mesi. Le nostre richieste di chiarimento si sono a volte scontrate con incertezze della controparte e con disposizioni subito revocate o addirittura rovesciate, per cui è evidente che non potevamo fare di più se nemmeno i responsabili sapevano bene che cosa si dovesse fare. Non per spirito polemico segnaliamo questi episodi, ma solo per chiedere anche comprensione delle nostre difficoltà e per ribadire che l Associazione ha ben presente il proprio compito istituzionale prioritario, che è di essere al servizio degli iscritti. Se sbagliamo, lo ammettiamo senza problemi, ma, per cortesia, non dateci colpe che non abbiamo! segue da pagina 1 segue da pagina 1 l andamento negativo dell economia che si ripercuote anche sui tassi di interesse attivi. Nell analisi delle voci di spesa occorre poi considerare che il trasferimento della sede ha comportato oneri straordinari, sia per l aumento del canone di locazione sia per l adeguamento organizzativo delle strutture, soprattutto informatiche, a beneficio dell efficienza dei servizi offerti agli associati. In definitiva, i dati del rendiconto, così come evidenziati e commentati, permettono di affermare che la situazione economico-patrimoniale è, nel suo complesso, soddisfacente e tale, comunque, da assicurare in un futuro non soltanto prossimo una certa tranquillità, stante anche l ampio fondo di riserva che vi chiedo di aumentare destinandovi l avanzo relativo all anno L attività Alla fine del 2010 l Associazione annoverava iscritti contro i risultanti alla fine del 2009, con una percentuale del 64% rispetto agli aventi titolo. Tale diminuzione, anche per la sua insignificanza in termini assoluti, non preoccupa, anche perché ad oggi il numero degli aderenti è aumentato a 5.164, frutto, in particolare, dell attenzione e dell abnegazione dimostrata nei confronti di pensionati ed esodati da tutti coloro che hanno dedicato tempo, risorse e pazienza a chi e sono stati davvero tanti si è trovato spaesato e inerme davanti alle modalità, incongrue e irrispettose delle esigenze altrui, con le quali è stato dato avvio al nuovo Fondo Integrativo Sanitario del Gruppo Intesa Sanpaolo. In un tempo in cui lo spirito di appartenenza va sempre più scemando, possiamo ritenerci soddisfatti di mantenere una certa costante nel numero degli iscritti, numero che potrà anche incrementarsi nella misura in cui saremo capaci di continuare a dare visibilità all Associazione attraverso l offerta di servizi e assistenza che vadano incontro alle esigenze della categoria. In ogni caso, il mantenimento di questa costante mi induce a ritenere che permanga negli associati quell apprezzamento che ne ha fatto nel tempo e ancora oggi un sicuro punto di riferimento. Ne è conferma il fatto che anche lo scorso anno 477 associati hanno fruito del servizio di consulenza fornito gratuitamente nelle varie materie dai nostri esperti. L assistenza fiscale, in particolare, è stata prestata dai nostri esperti a ben 181 soci. A questo proposito segnalo la sinergia che si è creata con 2 Da sinistra: Ulderico Acerbi (Revisore dei conti), Alida De Pieri (Vicepresidente), Giovanni F. Catenaccio (Presidente), Giorgio Sacchi (Consigliere) e Giuseppe Passaglia (Segretario).

3 anno 41, numero 104, giugno 2011 Assemblea Agoal per far sì che, attraverso il CAF Acli, con il quale è stata stipulata un apposita convenzione, i nostri associati abbiano la possibilità di usufruire, presso la nostra sede, di tale servizio a prezzi decisamente competitivi. A coloro che hanno collaborato a vario titolo e a tutti i volontari che dedicano il proprio tempo perché l Associazione sia fedele agli scopi per i quali è stata costituita deve andare il più vivo ringraziamento per la disponibilità e l impegno profusi. Voglio poi sottolineare il nostro sportello light della Cassa Sanitaria, operativo fino al 31 dicembre scorso, che ha svolto ben interventi nel solo 2010, dei quali per il rilascio di impegnative. Credo valga la pena di richiamare la vostra attenzione su quanto è stata preziosa, nel tempo, tale attività, perché da quando è iniziata e cioè dal settembre del 2004 gli interventi sono stati , di cui solo per il rilascio di impegnative e i restanti per l assistenza a vario titolo per le necessità ricorrenti. Ora, con l avvento indiscriminato dei procedimenti informatici, ai quali non tutti sono avvezzi (né lo si potrebbe pretendere!), il procedimento cartaceo è stato eliminato. Tuttavia non viene ovviamente meno il nostro impegno verso le esigenze dei nostri soci, che si concretizza attraverso interventi diversi ed appropriati, interventi illustrati nella comunicazione inviata a tutti i pensionati, iscritti e no alla nostra Associazione. I dati sin qui forniti costituiscono a mio avviso una conferma della permanente utilità della nostra Associazione la quale, facendo anche tesoro dell esperienza acquisita in oltre sessant anni di attività, continua ad essere un sicuro approdo per le necessità degli iscritti. Non abbiamo la pretesa che tutti condividano questo nostro apprezzamento, ma abbiamo però la certezza di aver fatto quanto era ed è nelle nostre attuali possibilità, come possono confermare anche il Segretario Giuseppe Passaglia e i suoi collaboratori, Dante Manara e Giuseppe Tiritiello, ai quali va il nostro più vivo apprezzamento per l impegno che pongono nello svolgimento di un compito né lieve né semplice, specialmente nella fase che si è aperta con l avvento del nuovo Fondo Sanitario e che non si è ancora conclusa. Rinnovo, infine, l appello a tutti coloro che ritengono utili sia l esistenza sia l attività di questa Associazione perché, attraverso il passaparola, siano portatori, verso chi fosse scettico, dell opportunità di farne parte, per dare sempre più e sempre meglio forza e voce alla nostra categoria, che tanto ha dato e che ancora tanto è in grado di dare. La relazione del Presidente viene approvata all unanimità dai 256 partecipanti in rappresentanza di 465 iscritti. Seguono la lettura della relazione dei Revisori dei conti fatta dal Revisore Ulderico Acerbi e la relazione del Consigliere del Fondo Pensioni Cariplo Giorgio Sacchi (riportata integralmente alle pagine 5 e 6), poi il Presidente Catenaccio passa a esaminare il punto 5 dell Ordine del giorno. Presidi sociali La rivoluzione introdotta con l avvio del Fondo Sanitario Integrativo, che riunisce 48 enti del gruppo Intesa, visti soprattutto i problemi creati, coinvolge in primis i pensionati e richiama all attenzione la questione più importante: cui prodest? In altri termini, sentiti i lamenti che provengono da più parti, anche dal settore degli attivi, e come si è già avuto modo di porre in evidenza sull ultimo numero del Giornale : a chi giova e gioverà aver ideato, portato avanti con tenacia, sviluppato, condotto e concluso questa operazione? Temo rimarremo senza risposta, ma ciascuno è libero di trarre le proprie conclusioni. Di certo i pensionati sono penalizzati, non tanto sotto il profilo delle prestazioni quanto per l incertezza dell onere: infatti, mentre agli attivi non sarà in pratica mai chiesto nulla, i pensionati quasi certamente verranno chiamati a integrare quanto già versato. Manca, comunque, un vero piano industriale che evidenzi il possibile disavanzo annuale della nostra sezione. Secondo i nostri calcoli, fatti insieme ai colleghi ex Comit che ci stanno aiutando fattivamente, il disavanzo potrebbe attestarsi annualmente intorno a 4 milioni di euro. A copertura, oltre al previsto travaso verso la nostra sezione del 4% del contributo versato dagli attivi, potrebbe essere destinato un massimo del 10% annuo delle riserve. Permanendo un deficit, saa pagina 4 3

4 Assemblea anno 41, numero 104, giugno 2011 segue da pagina 3 remo chiamati a ripianare in misura proporzionale a quanto versato da ciascuno a titolo di contributo. In buona sostanza, pagheremo un 3% oltre a un quid non identificato. Comunque, con l approvazione del bilancio al , se si ritiene eccessivo l onere, ci si potrà dimettere. In ogni caso, in questo modo è venuta a mancare una vera solidarietà generazionale, al di là di quanto enunciato dallo statuto e di quanto si continua a sostenere da parte di alcuni ai quali, evidentemente, andrebbe spiegato il significato pieno e non zoppo di termini come solidarietà e mutualità. Vi è stata una migrazione obbligatoria dalla Cassa Sanitaria al Fondo Sanitario Integrativo e l invio della documentazione serviva, oltre che per beneficiare delle prestazioni indirette, come aggiornamento delle anagrafiche al fine di ottenere le prestazioni in via diretta. Non posso non ribadire, per chiudere l argomento, che noi pensionati siamo stati esclusi dalle trattative per la costituzione del nuovo ente e per la sottoscrizione del contratto associativo, anche se rappresentiamo circa 1/5 degli associati. Sull Agoal non ci sono molte cose da dire, se non che è fallito il rinnovo del Consiglio e che si è sciolto il Comitato elettorale, alle cui riunioni è mancato in più occasioni il numero legale. Ciò, senza contare un certo ostruzionismo di alcune sigle sindacali, che pur avevano contribuito a costituirlo, e la chiamata in giudizio di Agoal da parte di alcuni componenti del Comitato; chiamata, a mio avviso, quantomeno pretestuosa, ma che ha contribuito a vanificarne definitivamente l attività svolta e che quindi non ha potuto essere portata a termine. Nonostante l assurda situazione creatasi, l Agoal continua a svolgere, con buoni risultati a quanto consta, i compiti per i quali è stata istituita. Attendiamo di conoscere i risultati del bilancio dell esercizio 2010 per avere conferma delle notizie che, in proposito, pervengono. Concludo la mia relazione con un pressante invito ai presenti che sono ancora iscritti al Fondo della solidarietà Cariplo: è indispensabile che essi partecipino all assemblea che rinnoverà il Consiglio per far sì che il Fondo possa sopravvivere. I candidati che segnalo sono i colleghi Bestetti, Comi e Carabelli. Giovanni F. Catenaccio Esodati Prolungamento finestre pensionistiche Da tempo alcuni nostri soci rientranti nella categoria degli esodati ci telefonano perché comprensibilmente preoccupati della loro posizione a seguito delle modifiche legislative introdotte in materia pensionistica. Riteniamo di fare loro cosa utile riportando il testo del comunicato congiunto ABI Sindacati, stilato a Roma dopo il raggiungimento dell accordo riguardante il prolungamento del periodo di copertura. Il comunicato ufficiale Nel corso dell incontro del presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sono state affrontate le conseguenze della modifica legislativa introdotta con il D.L. 31 maggio 2010 n. 78 convertito in legge con L. 30 luglio 2010 n. 122 per il profilo concernente il prolungamento delle c.d. finestre pensionistiche nei confronti del personale titolare dell assegno straordinario a carico del Fondo di solidarietà del settore del credito alla data 30 aprile 2010 in base ad accordi stipulati antecedentemente. È stato, in proposito, chiarito che, per effetto del combinato disposto di cui alla norma citata e dell art. 1, comma 37, della legge 13 dicembre 2010 n. 220 (c.d. legge di stabilità 2011), a tutto il personale in parola è garantita la concessione del prolungamento dell intervento di tutela del reddito per il periodo di tempo necessario al raggiungimento della decorrenza del trattamento pensionistico, con onere a carico del Fondo sociale per occupazione e formazione. Pertanto, a tutti i lavoratori percettori dell assegno straordinario alla data del 30 aprile 2010 è assicurata la copertura del reddito fino alla decorrenza dei trattamenti pensionistici, senza oneri aggiuntivi a carico del settore del credito. Un apposito tavolo tecnico con l Inps si occuperà di definire gli aspetti procedurali e gli eventuali adempimenti connessi all operatività dei criteri sopra richiamati. 4

5 anno 41, numero 104, giugno 2011 Fondo Pensioni Il Fondo Pensioni Cariplo nel 2010 Come è consuetudine, presentiamo una relazione sull andamento generale del Fondo Pensioni Cariplo, con particolare attenzione per la Sezione I che ci riguarda in esclusiva. La grave crisi che ha colpito l intera economia nel corso del 2008 ha lasciato pesanti strascichi in tutti i settori e nel nostro paese solo da alcuni mesi si intravedono deboli segnali di ripresa, che peraltro potrebbero essere vanificati da quanto accade in diverse nazioni del Nordafrica nonché dalle serie difficoltà economiche in cui versano alcuni paesi dell Unione Europea. Tenuto conto di quanto sopra, i risultati generati dal Fondo possono ritenersi soddisfacenti; la redditività complessiva è risultata di circa 58 milioni di euro (di cui circa 33,68 rivenienti dal settore mobiliare e 26,7 da quello immobiliare, dedotti 2,46 milioni di spese generali), quindi con un rendimento di poco superiore al 3%. Quanto sopra riguarda i risultati globali delle due Sezioni del Fondo. Per la Sezione I, che interessa esclusivamente noi pensionati, i risultati sono stati i seguenti: settore mobiliare 4,089 milioni di euro, settore immobiliare 21,65 milioni di euro, importi da cui vanno dedotti 1,130 milioni di euro di spese generali. Il rendimento complessivo è stato pari al 2,81%. Al riguardo risultano indispensabili alcune considerazioni per entrambi i settori: Settore immobiliare: il risultato di oltre 26 milioni risulta per la maggior parte determinato da plusvalenze fatte emergere nel valore di alcuni immobili che sono stati destinati alla vendita in base a valutazioni formulate da esperti del settore ma non da effettivi incassi. Settore mobiliare: il basso rendimento riscontrabile risulta determinato dal fatto che, per ovvi motivi, da tempo ci si è orientati a mantenere in portafoglio titoli di stato ed obbligazionari a bassissimo livello di rischio, il cui rendimento nell anno in esame è sceso ai minimi storici. Inoltre, sempre avuto riguardo alla natura strettamente pensionistica della nostra Sezione, la componente azionaria non supera il 10%. Per quanto concerne la parte immobiliare della nostra Sezione dobbiamo evidenziare come essa attualmente rappresenti circa il 43% dell intero patrimonio; sono già state prese le decisioni del caso per porre in vendita altri immobili in modo da far rientrare detta percentuale nei limiti stabiliti dall autorità di vigilanza (max. 20% entro il 2012). In merito bisogna tener presente come, per non rinunciabili criteri di correttezza e trasparenza, le nostre procedure di vendita risultino assai lunghe. Inoltre, ormai da circa due anni anche le vendite deliberate procedono molto a rilento quale inevitabile conseguenza della congiuntura economica negativa. Particolare attenzione dovrà necessariamente essere posta onde evitare che immobili sfitti ed invenduti vadano progressivamente ad incidere in misura rilevante sull indispensabile livello di redditività e di liquidità della nostra sezione. Per un riesame generale della situazione di tutto il Fondo, ma in particolare della nostra Sezione, abbiamo già richiesto che la società Prometeia, incaricata al riguardo, provveda al più presto ad un aggiornamento totale dell asset allocation strategica. Come tutti gli anni, attuari molto qualificati, assistiti dal personale del Fondo, hanno provveduto a valutare la riserva matematica necessaria alla nostra Sezione; utilizzando, come sempre, criteri largamente prudenziali, l hanno determinata in 844 milioni di euro contro un risultato di bilancio di circa 850 milioni di euro. In relazione a quanto sopra, essendo l avanzo inferiore all 1% del patrimonio, anche per il 2010 rimarrà inutilizzato l art. 44 dello statuto. Esaminando gli aspetti politici dell andamento del nostro Fondo, ancora una volta non possiamo che evidenziare come il fattore tempo non giochi certo a nostro favore, tenuto conto che tra attivi e pensionati gli ex Cariplo rappresentano numericamente molto meno del 10% della galassia Intesa Sanpaolo. Nonostante le nostre reiterate richieste non abbiamo mai colto alcun segnale circa la volontà di riproporre alle parti sociaa pagina 6 5

6 Fondo Sanitario anno 41, numero 104, giugno 2011 segue da pagina 5 li l accordo a suo tempo raggiunto per la modifica dell art. 44 dello statuto. Evidentemente, risultiamo quanto meno poco simpatici alle OO.SS. in generale: anche la Falcri, che raccoglie tra i suoi iscritti la maggior parte dei superstiti Cariplo, non può o non vuole adoperarsi in tal senso. Dei quattro rappresentanti degli iscritti ancora in servizio tre sono stati eletti nelle liste Falcri ed uno in quelle della Fabi. Il rappresentante Fabi, purtroppo per motivi di salute, è stato assente per parecchio tempo, ma anche l apporto dei tre della Falcri non risulta significativo; in particolare la signora Comotti, che ne è la maggiore esponente e ricopre la carica di vice presidente del Fondo, appare soverchiata da numerosissimi problemi di ogni genere e, a nostro avviso, ciò che riesce a fare per il Fondo risulta assai limitato e poco incisivo. Gli altri consiglieri del Fondo, come è ben noto, sono designati dall azienda. Come già segnalato lo scorso anno, il nuovo presidente del collegio sindacale, che fa parte del consiglio di vigilanza di Intesa Sanpaolo, continua ad assumere atteggiamenti arroganti, intervenendo impropriamente anche nelle competenze del consiglio di amministrazione del Fondo. Tenuto conto di quanto sopra esposto, i sottoscritti, dopo aver cercato in ogni modo di fare fronte comune con i quattro rappresentanti del personale in servizio, ormai da alcuni mesi si sono orientati verso la salvaguardia degli interessi specifici della nostra Sezione - che fortunatamente dispone ancora di mezzi sufficienti a garantire nel tempo la regolare erogazione della parte integrativa della nostra pensione - cercando di scongiurare preventivamente azioni che tendano ad impoverirla o a limitarne la liquidità. Giorgio Sacchi Aurelio Pellegrini Due importanti novità per il Fondo Sanitario Integrativo Invitiamo i nostri soci a leggere con particolare attenzione il comunicato del Fondo Sanitario Integrativo datato , qui riportato integralmente. Riguardo ai giustificativi di spesa, ricordiamo che sono state recentemente modificate le domande di rimborso, che si possono scaricare dal sito del Fondo Sanitario. Il Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo segnala a tutti gli iscritti due importanti novità che consentono di semplificare e velocizzare sia l accesso alle prestazioni sia la gestione delle richieste di rimborso. 1) Dichiarazione di copertura La dichiarazione riporta i dati anagrafici di ciascun componente del nucleo familiare che risulta iscritto al Fondo e rappresenta un vero e proprio biglietto da visita che l iscritto può utilizzare nel momento in cui richiede una prestazione presso le strutture sanitarie. La dichiarazione è disponibile anche nella versione in lingua inglese per essere utilizzata all estero. La stampa della dichiarazione è effettuabile dal sito Internet del Fondo in: Area iscritto > Dichiarazione di copertura 2) Giustificativi di spesa I giustificativi di spesa per le domande di rimborso devono essere inviati al Fondo in copia anziché in originale: è possibile utilizzare sia la fotocopia sia la scansione elettronica. Il Fondo provvederà a restituire agli iscritti la documentazione in originale che ha accompagnato le richieste di rimborso già inoltrate. Come anticipato nelle news del 3 febbraio il Fondo Sanitario ricorda infine che la liquidazione delle domande di rimborso per prestazioni fruite nel 2011 si effettuerà a partire dal mese di maggio. Convenzioni Lo studio dentistico Bright Smiles S.r.l. del Dottor Giovanni Macrì, che è convenzionato con Previmedical, è disposto a praticare le stesse condizioni ai nostri soci e loro famigliari che avessero revocato la proprio iscrizione al Fondo Sanitario Integrativo. La Società opera con sedi a Milano, in via Andegari 18 tel , e Bergamo, in via Frà Damiano de Zambelli 4 tel ). 6

7 anno 41, numero 104, giugno 2011 Fondo Sanitario Domande di rimborso a Previmedical Raccolta e invio cumulativo tramite corriere SDA Sempre al fine di assistere i nostri iscritti nei rapporti con Previmedical, abbiamo sottoscritto un contratto con SDA Express Courier S.P.A. in base al quale le domande di rimborso dei soci consegnate alla nostra Segreteria saranno spedite a Previmedical a Mogliano Veneto. Il servizio è in funzione dal 1 giugno. È pertanto già possibile consegnare le domande di rimborso, corredate dalla documentazione in copia, alla nostra Segreteria, che le raccoglierà e con cadenza quindicinale le invierà a Previmedical in plico raccomandato tramite la SDA. In seguito, la periodicità dell invio potrà variare sulla base del flusso delle domande di rimborso pervenute. In questa fase sperimentale di avvio del Servizio, l Associazione ha deciso di assumere a proprio esclusivo carico, a favore degli associati, le spese di raccolta e spedizione delle domande di rimborso. Invio on line Si sta esaminando la possibilità di istituire per gli associati il servizio di trasmissione on line a Previmedical delle domande di rimborso e della relativa documentazione. Il servizio è nella fase iniziale, dovendosi valutare correttamente i tempi di riproduzione tramite scanner dei documenti accompagnatori, che in taluni casi di rimborso raggiungono un numero considerevole. Lettera all Associazione La presente per segnalare l entità a dir poco abnorme che vengono ad assumere le quote fisse stabilite dalla nuova Cassa Sanitaria Integrativa a fronte di determinati esami o accertamenti diagnostici. Per un esame elettrocardiografico Holter (monitoraggio dell attività cardiaca nell arco di 24 ore) che mia moglie (familiare assistito, a mio carico) ha sostenuto presso una struttura convenzionata (Fondazione Opera S. Camillo, via M. Macchi 5, Milano) è stata chiesta una quota fissa di 50 euro (cosa d altronde prevista nel Regolamento delle Prestazioni, pag. 6), quando lo stesso esame, eseguito privatamente presso la stessa struttura, sarebbe costato 105 euro, il che significa che la quota fissa ammonta a oltre il 47% del costo dell intero esame. È evidente che se anziché una quota fissa, qualunque sia il tipo di esame effettuato, venisse chiesta (almeno per gli esami il cui costo risulti inferiore a un certo importo) una franchigia in misura percentuale sul costo dell esame, non si assisterebbe a questa entità oggettivamente eccessiva della quota a carico dell assistito. Mi chiedo se, per assurdo, non sarebbe stato più conveniente effettuare l esame in regime di assistenza indiretta, cioè pagando l intero costo e facendo poi seguire una domanda di rimborso, dato che per quel tipo di esame (se non ho capito male quanto ho letto, sempre a pag. 6 del Regolamento delle Prestazioni) il rimborso dovrebbe essere dell 80%, perché prevede una quota a carico dell assistito del 20% delle spese effettivamente sostenute e documentate. Ringraziando per l attenzione, gradirei quindi un parere su quella che, in casi come questo, può essere la effettiva convenienza ad avvalersi dell assistenza in forma diretta. (lettera firmata) Le considerazioni del nostro socio sulle rivalse a quota fissa sono assolutamente pertinenti. Ad esse va aggiunto che, se non vi fosse urgenza, ovvero i tempi di prenotazione della prestazione non fossero biblici, potrebbe essere conveniente rivolgersi al Servizio Sanitario Nazionale, poiché quasi certamente il ticket risulterebbe inferiore alla franchigia pretesa dal FSI (e, per esso, da Previmedical) e, in più, verrebbe integralmente rimborsato dal predetto Fondo. E sempre riguardo alla convenienza di accedere alle prestazioni indirette, la convinzione del nostro socio circa la percentuale del rimborso richiede una precisazione. Infatti, nel caso specifico (Holter elettrocardiografico) del ristoro dell 80% verrà restituito immediatamente solo l 80%, rinviando la liquidazione del restante 20% all approvazione del bilancio, sempre che le risultanze contabili annuali presentino un avanzo di gestione che lo permetta. In altri termini, poiché sono fin troppo conosciute le ragioni della separazione contabile (mera finzione: di fatto, doppio bilancio) fra attivi e pensionati, il ristoro si fermerà al 64% di quanto speso. Per altre prestazioni sanitarie meno complesse, invece, il ristoro è del 70% e di conseguenza il rimborso certo risulterà pari al 56% (ossia l 80% del 70%). Ciò non toglie, comunque, che in alcuni casi la franchigia per le prestazioni dirette superi l onere residuale di quelle usufruite in indiretta. Varrà, quindi, la pena di fare qualche calcolo prima di decidere quale linea seguire dopo aver inquadrato il tipo di prestazione. Il tutto, con buona pace di chi ha inventato il sistema e di chi continua pomposamente, attraverso scritti e interviste, a esaltarlo. 7

8 Fondo Sanitario anno 41, numero 104, giugno Versione del 19 aprile 2011

9 anno 41, numero 104, giugno 2011 Fondo Sanitario Versione del 19 aprile

10 Fondo Sanitario anno 41, numero 104, giugno 2011 Versione del 19 aprile

11 anno 41, numero 104, giugno 2011 Fondo Sanitario Versione del 19 aprile

12 Fondo Sanitario anno 41, numero 104, giugno 2011 Versione del 19 aprile

13 anno 41, numero 104, giugno 2011 Gita sociale Gita sociale 2011 Abbazia di Nonantola (Modena) e Museo del Tricolore a Reggio Emilia La gita sociale 2011 sarà imperniata su due momenti principali: al mattino si svolgerà la visita guidata all abbazia di Nonantola, importante edificio religioso di origine benedettina fondata nel 752 sul terreno donato all abate Anselmo dal cognato, il re longobardo Astolfo. La comitiva si trasferirà poi a San Donnino per il pranzo, al termine del quale si potrà visitare una acetaia situata in prossimità del ristorante con la spiegazione delle tecniche di produzione dell aceto balsamico tradizionale di Modena e una piccola degustazione di prodotti locali. L escursione si concluderà a Reggio Emilia con la visita al Museo del Tricolore, che comporterà una passeggiata di 15 minuti verso il centro storico. Rientro a Milano verso le 20 e 30 circa. La gita avrà luogo sabato 8 ottobre La Segreteria dell Associazione fornirà agli interessati il programma della giornata e i moduli di iscrizione a partire dal 27 giugno prossimo. Veduta delle tre absidi dell Abbazia di Nonantola. Consulta Provinciale Giorgio Ardore, Vicepresidente della nostra Associazione nonché coordinatore della Consulta Provinciale, segnala la propria disponibilità a raccogliere dai soci che risiedono nelle diverse provincie (Milano esclusa) segnalazioni, suggerimenti, proposte, problemi e/o altro, facendosi poi carico di esporle al Consiglio direttivo e alla Segreteria. Chi volesse parlargli, lo può contattare al seguente numero di cellulare:

14 Poesie anno 41, numero 104, giugno 2011 L angolo delle poesie NOI E I NOSTRI SOGNI Ci eravamo mossi come un piccolo esercito senz armi azzurri gli spazi e il pettirosso d inverno a cullare il nostro sonno. Quante coppe di vino lungo il tragitto! La felicità si dipinge d insolito quando l uno accanto all altro respiriamo il fiato dell amicizia. E la sete di ricchezza e di potere si allontana dentro ai vicoli dispersi dell infanzia. Quando cala la notte e l ultimo saluto ancora ci sfiora le labbra, le note lontane della vita paiono godere di un sollievo fanciullesco. L alba nuova si ripropone ma l eco dolce delle nostre voci ancora l accompagna al di qua, al di là della strada lungo il volto variopinto del giorno che nasce e che ha sole o pioggia negli occhi lucenti e vellutate lacrime per tutti gli uomini. Amici, quando il presente porta con sé i segni della debolezza, quando il rimanere sul pianeta offre momenti di sconforto non dimenticate che accanto al nuovo esiste l antico vincolo. Ciò che da soli pare impossibile uniti agli altri diviene vento ristoratore. C è una stagione che sovrasta quelle conosciute: in essa la primavera pende dalle nostre mani l estate scioglie il nostro cuore l autunno disperde ogni foglia che semina rancore e l inverno, oh l inverno amici, l inverno è quella calda, antica e dolce stalla dove insieme ci raccontiamo l amore. Silvio Bordoni (Agli amici della gloriosa Cariplo) 14

15 anno 41, numero 104, giugno 2011 Poesie IL SENSO DEL COLORE E IL TRICOLORE Tutti i colori dilettan la vista e ogni colore poi ti conquista, ti manda in estasi l arcobaleno se lo osservi col cuore sereno. Ognun di noi ha piena licenza d aver sui colori la preferenza, infonde letizia al tuo viso il color vivace d un bel sorriso. Ora un magico inno io sussurro, osservando il Cielo vestito d azzurro che ci illumina con raggi d amore esternando la bontà del Signore. Poi con slancio sincero e cordiale ammiro l azzurro della Nazionale, ma di altri tre colori, con coscienza, io voglio elogiare la preminenza. Amo il rosso, con fiammante ardore, adoro il bianco per il suo candore e completo il trio, con buona creanza, associando il verde della speranza. Questi tre colori, ben aggregati, dagli italiani van sempre onorati con tanto trasporto e grande amore, son la nostra bandiera: il tricolore, che quando si issa sull alto pennone il cuore palpita per l emozione e quale simbolo della Patria unita ad amarla di più con calor ci invita! E mentre nel rispetto delle libertà festeggiam il compleanno dell unità, tutti in coro, con fervore e simpatia, gridiamo: Viva l Italia unita e così sia. Pino Forgia 15

16 Società anno 41, numero 104, giugno 2011 Viva le regole! Nella nostra società c è una componente numericamente rilevante per la quale le così dette regole del vivere civile costituiscono qualcosa di profondamente estraneo, che disturba il suo modo di essere e che, conseguentemente, devono essere respinte. Gli esempi sono molteplici e vanno dal mancato rispetto del codice della strada alla deturpazione o distruzione degli arredi e dei beni pubblici e privati sino allo schiamazzo notturno inteso come modo di espressione. A questa minoranza rumorosa e agguerrita, nella quale sono rappresentati tutti i ceti sociali con larga presenza dei più elevati, si contrappone una maggioranza spesso silente. Ciò crea un conflitto talora latente perché la maggioranza si limita al mugugno non trovando le forme e i modi per difendere la propria vita da queste pesanti intrusioni. Quali le cause di tutto ciò? Non sono certo un sociologo, perciò mi limito a osservazioni di buon senso. La storia del nostro paese c insegna che l individualismo e talora l anarchia, intesa come comportamento personalistico contrapposto a tutte le regole, allignano, purtroppo, da sempre in Italia. Il senso dello Stato, inteso come comunità con eguali diritti e doveri di appartenenza, appare ai più, con larga prevalenza nelle generazioni più giovani, come un concetto lunare privo di un concreto interesse. Gli esempi che i media forniscono e spesso, ahimè, esaltano, costituiscono un incentivo a tali comportamenti, in crescita quasi esponenziale. Mi accorgo di aver dato un quadro fosco, quasi privo di speranze, almeno per coloro che credono in quei valori che troppo spesso sono calpestati. I soggetti deputati a contrastare questo fenomeno sono la famiglia e la scuola, ai quali si dovrebbe aggiungere la politica, che per prima dovrebbe trovare soluzioni per esaltare un diverso modello di società anche tramite comportamenti consoni con il ruolo che le spetta. Certamente la così detta maggioranza silente trae le origini del proprio comportamento dagli insegnamenti avuti soprattutto dalla famiglia, talora confermati nell ambito scolastico in quei pochi momenti dedicati a quella che si definiva educazione civica, materia da decenni tramontata. Purtroppo la famiglia odierna mostra tendenze disgreganti, ha poche chances per poter incidere concretamente sull educazione dei giovani e altrettanto deve dirsi della scuola. C è però uno strumento del quale spesso parliamo male per il suo cattivo utilizzo: la televisione. Sono profondamente convinto che programmi educativi ad hoc, ben confezionati in modo vivace e spigliato, non troppo seriosi e che cerchino di convincere che il rispetto delle regole è prerogativa di tutti, esaltando coloro che le rispettano, potrebbero dare un buon aiuto a coloro, e sono tanti, che già si adoperano in tal senso. Ogni tanto sogno un bel programma, magari un quiz a premi con qualche noto presentatore, dove gli argomenti siano ad esempio la bellezza delle città pulite, ordinate, prive di inutili e insignificanti graffiti e, perché no, trasmesso nella fascia di massimo ascolto, senza neanche rinunciare alla pubblicità. Insomma bisognerebbe far passare il concetto che è di moda comportarsi correttamente. Sono un illuso? Se lo pensate, per cortesia, fate i bravi, non ditemelo. Enrico De Carli Voo a dagh on pugn a la Cà de Sass Si diceva, scherzosamente, prima di andare alla Cassa di Risparmio a fare qualche doloroso prelievo Il modo di dire, molto efficace, riflette l ammirazione che il popolo aveva per una istituzione tanto importante e finanziariamente inattaccabile: che danno avrebbe potuto procurarle uno che, per far fronte a un debito imprevisto, era costretto a ritirare i suoi miseri risparmi? Nello stesso tempo nasceva dalla consapevolezza che la potenza finanziaria della banca originava appunto dall incessante fiume di piccoli risparmi che il popolo minuto vi faceva confluire. Tratto da A Milan se dis inscì di Francesco Ogliari e Franco Fava Edizioni Selecta

17 anno 41, numero 104, giugno 2011 Ricordi Uno spezzone incendiario alla Ca de sass Il 15 agosto 1943 (circa due mesi dopo la mia assunzione) Milano subì un terribile bombardamento da parte degli alleati. La città - il centro in particolare - si trovò letteralmente in ginocchio. I danni non risparmiarono il palazzo nuovo della Ca de sass in via Verdi, in quanto uno spezzone incendiario si era infilato nel dispositivo dell aria condizionata posto sul tetto. Tutto il palazzo fu sconvolto da calcinacci, scrostamento di intonaci, sollevamento di pavimenti in linoleum, fumo e polvere. A questo punto i giovani ragazzi e ragazze (piccetti tutti di età fra i 17 e i 21 anni) dell Ispettorato del Personale - reperiti badili, scope, stracci, carriole e altri attrezzi - aggredirono letteralmente la situazione e recuperarono tutto quanto era possibile: mobili, macchine contabili e per scrivere, pratiche fumanti di caligine e altro. Un collega anziano di passaggio, vedendo lo scenario, esortò scherzosamente gli improvvisati pompieri: Dai fioeu che riva el vintisett [giorno di stipendio], sota a cuu biott! Con ritmo di lavoro forzato e orario prolungato tutte le scadenze di fine mese vennero onorate, soprattutto la battitura dei ruolini di stipendi e pensioni. Ricordo con simpatia alcuni colleghi di allora: Franco Cerretani (amico d infanzia), Ezio Lana, Ruggero D Amato, Oliviero Barba, Aldo Cortesi, Bruno Rabba, Attilio Sala fra i ragazzi, ed Erminia Bossi, Elena Locatelli, Lidia Dotti, Giuseppina Comolli, Elide Suardi, Ada Negri e Letizia Pozzi fra le ragazze. A coloro che ci hanno lasciati vada un sincero ricordo e ai viventi tanti auguri di buon proseguimento. Angelo Pifferi Buon Compleanno! Nel 2011 i sottoelencati nostri soci hanno festeggiato o festeggeranno il 90 e il 100 compleanno rispettivamente. L Associazione porge loro i più sinceri e affettuosi auguri. 90 anni... Albertini Teresa Alboini Ferruccio Bacci Flora Balladore Celestino Biffi Carla Binaghi Cherubina Bindolino Enrico Borro Gastone Bortolotto Guido Bosini Vittoria Cantamesse Lucio Cantimorri Carla Castini Giancarlo Cerri Carlo Ciniselli Luigia Colturani Clotilde Cortellini Pierino Crippa Teresa Curti Bruno Dalla Casa Alvaro De Venuto Giovanna Devecchi Giannino Di Fabrizio Maria Farese Riccardo Fasoli Vittorina Faure Lucia Anna Maria Federici Aldo Forlani Nella Frati Lidia Giannattasio Luigia Gualco Carla Gusmini Luigia Lazzari Piera Liguori Enrico Malvezzi Ermes Mazzoni Rosa Modenesi Giuseppe Napoli Maria Palmieri Giulia Pasini Muzio Pasquale Angelo Realini Lino Rigatti Giovanni Sala Angela Trisconi Giuseppina Visigalli Pasquale Zoncada Luigia 100 anni... Benelli Clementina Di Carlo Irene Giacomelli Eleonora Hanno collaborato a questo numero: Silvio Bordoni, Giovanni F. Catenaccio, Ermanno Cavagnera, Enrico De Carli, Pino Forgia, Dante Manara, Giuseppe Passaglia, Aurelio Pellegrini, Angelo Pifferi, Giorgio Sacchi Le foto alle pagine 2, 3, 5 e 15 sono di Ermanno Cavagnera. 17

18 Iniziative anno 41, numero 104, giugno 2011 Iniziative a favore degli iscritti Corsi elementari di computer e utilizzo Internet L Associazione intende istituire dei corsi di base per l utilizzo del computer e per l accesso a Internet a favore degli iscritti. I corsi, che saranno tenuti da alcuni soci volontari, si svolgerebbero al pomeriggio presso la sede di via Torino 51 a Milano, secondo tempi e modalità in corso di studio, a partire dal prossimo autunno. Invitiamo chi fosse interessato a partecipare, sia come docente sia come allievo, a segnalare il proprio nome alla Segreteria. MERCATINO IMMOBILIARE Al fine di evitare segnalazioni inutili, l inserzionista che raggiunge un accordo con la controparte nel periodo fra la comunicazione alla Redazione e l uscita del Giornale è invitato a darne immediata notizia alla Segreteria dell Associazione via o con lettera. Resta comunque inteso che l Associazione non assume alcuna responsabilità per le questioni che a qualsiasi titolo, in relazione agli annunci, dovessero sorgere fra le parti interessate. MILANO Via Stoppani, 7 (Porta Venezia) Affittasi appartamento di due locali, ampia cucina abitabile e bagno di recente ristrutturato (mq 75 circa), munito di condizionatore e doppi vetri, completamente ammobiliato. Giovanni Francesco Catenaccio / tel cell MILANO via Imbriani / piazzale Nigra Affittasi bilocale semiarredato in stabile d epoca composto da ampia camera da letto, soggiorno con angolo cottura e balcone, anticamera, bagno e cantina. Zona servita da 3 linee di superficie, vicina al passante ferroviario e alle autostrade nord. Bolognini Umberto / tel cell MILANO via Padova, 353 Affittasi appartamento di mq 100 circa composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere, bagno, ampia terrazza, aria condizionata, videocitofono, giardino condominiale, portineria, possibilità box auto. MM Gobba e autobus Canone mensile 900 comprese spese condominiali. Agati Carlo / cell cell MONZA Via Monte Santo Vendo negozio di mq 55, ristrutturato ex novo nel 2005, composto da ampio locale con due vetrine fronte strada, altro locale, antibagno e bagno. Possibilità di parcheggio, visibilità, vicinanze uffici PT. Ottimo anche per studio e/o ufficio di rappresentanza. Prezzo interessante. Caruz Leonardo / cell oppure 18

19 anno 41, numero 104, giugno 2011 Anagrafe Anagrafe Situazione al 31 maggio 2011 Per garantire un migliore funzionamento e aggiornamento degli archivi si invitano i soci a segnalare tempestivamente alla Segreteria dell Associazione (02/ / ) ogni variazione anagrafica e/o di indirizzo. Sono entrati a far parte della nostra Associazione e li accogliamo con un cordiale benvenuti! : (Le località fra parentesi sono quelle di residenza): Arcerito Angela (Rozzano), Arlant Jolanda (Milano), Bellizzi Nicola Francesco (Milano), Bertinotti Marinella (Arona), Bollardi Sofia (Busto Arsizio), Boscaro Roberto (Milano), Brambilla Maria Nella (Milano), Brundu Vincenzo (Milano), Calvi Renata Marina (Milano), Cavallè Giorgio (Turate), Collura Anna (Milano), Compagnoni Norberto (Milano), Corti Emanuela (Cernusco sul Naviglio), Decio Pietro Giuseppe (Milano), Del Curto Lino Giovanni Primo (Milano), De Salvia Marisa Adriana (Milano), Fruschera Angiolina (Bresso), Fumagalli Alberto (Corsico), Fumagalli Carla Enrica (Limbiate), Galli Luigia Maria Rosa (Milano), Gambos Liliana (Brugnera), Genua Vito (Gorgonzola), Girelli Giuseppe (Dormelletto), Giuliani Flavia (Milano), Giussani Clara Primarosa (Meda), Maffeis Adriana (Cene), Malinverni Claudia (Trezzano sul Naviglio), Maraggi Maria (Brescia), Massarini Vilma (Milano), Michelon Elsa Rosa (Milano), Molica Franca (Milano), Nosari Albertina (Porlezza), Orgin Fedelina (Cremona), Pedrazzini Luisa (Sant Angelo Lodigiano), Poloni Maria Luisa (Martinengo), Porta Fortunata (Milano), Portioli Silvia (Mantova), Radice Emanuela (Lissone), Rasenti Clelio (Stradella), Sala Maria Angela (Milano), Sfondrini Giancarlo (Lungavilla), Sironi Felice (Verano Brianza), Stucchi Piera (Segrate), Tacchino Laura (Massarosa), Tamborini Lidia Maria (Milano), Uberti Giordano (Milano), Wang Miecej (Pregnana Milanese), Zanocchi Luciano (Milano), Zonda Marco (Galliate Lombardo). Ci hanno lasciato: Abbiati Angelo, Alberti Carlo, Baggi Bassiano, Barzaghi Carlo, Beretta Francesco, Bortolato Gerlindo, Boschetti Celestino, Bugada Domenico, Cadenasso Caterina, Calvetti Alberto, Canel Giorgina, Cardillo Giuseppe, Caslini Fausto, Celeste Luigi, Cerrano Gianluigi, Colombo Bruno, Comaschi Mario, Contardi Fausto, Corbani Agostino, Cozzi Marisa, Cravedi Angelo, Crotta Carlo Alberto, Diani Sandro, Di Fidio Giuseppe, Donini Ada, Facetti Maria, Fadabeni Angelo, Fantoccoli Luigi, Ferrario Giorgio, Gallo Rocco, Galvan Carla, Gamba Giancarlo, Gianotti Adelia, Gibogini Franco, Giorgi Ernesto, Golfrè Andreasi Danilo, Grassi Angela, Laguna Dorina, Lanzoni Marcello, Levi Gianpaolo, Lozio Elidia Maria, Lucini Rosa, Maccarone Anna, Marchini Gianbattista, Mariani Claudio, Mariani Giovanni, Marzorati Luigi, Mazza Bernardo, Meda Luigi, Mercatali Letizia, Meregaglia Luigi, Motta Rosa, Mozzali Germana, Nardelli Raffaele Antonio, Ornago Romeo, Palmery Giancarlo, Pavesi Ugo, Piolini Adele, Pradella Vito, Prigione Maria, Rainelli Franco, Raineri Elena, Rosa Luigia, Sala Maria Sonia, Saldi Alfonso, Santambrogio Giberto, Sapori Elena, Scaiola Umberto, Sironi Ines Maria, Spano Gino, Stangalino Marisa Antonietta, Tarditi Felicina, Tavecchia Arturo, Terzi Giovanna, Tresoldi Fiorina, Truzzi Vittorio, Viganò Giovanna, Zambelli Luigi, Zappa Felice, Zuffada Alessandra. L Associazione esprime alle famiglie il suo partecipe cordoglio. 19

20 S Segreteria anno 41, numero 104, giugno 2011 Notizie NOTIZIE IN BREVE DALL ASSOCIAZIONE LA SEGRETERIA INFORMA Nel mese di agosto gli uffici dell Associazione Pensionati rimarranno chiusi dall 8 al 16 compresi. I recapiti telefonici sono e Fax diretto: CONSULENZE Rag. Giorgio ARDORE - Coordinamento Consulta Provinciale - Problemi di carattere assicurativo Rag. Piero BACCHETTA - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Rag. Giovanni BASSANO - Problemi di carattere condominiale Sig. Roberto BORIOLI - Assistenza nel campo dei mutui (preferibilmente via Rag. Franco CAJA - Problematiche previdenziali Sig. Enzo CAPOLONGO - Problemi di carattere fiscale Avv. Giovanni CATENACCIO - Problemi di carattere legale Avv. Agostino COLACE - Problemi di carattere legale Rag. Domenico CONTE - Ricorsi avverso notifica di cartelle esattoriali Dr. Benito COVOLAN - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Avv. Ferdinando DE PAOLA - Problemi di carattere legale Dr. Giovanni MAZZAMUTO - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Geom. Enrico MONETA - Problemi di carattere catastale, urbanistico, compilazione delle dichiarazioni di successione Dr. Aurelio PELLEGRINI - Assistenza investimenti finanziari e gestione risparmio Sig. Roberto RAZZABONI - Problematiche previdenziali Sig. Luigi SERAFINI - Problemi di carattere assistenziale (assistenza agli anziani, case di riposo, iniziative di solidarietà) Come ogni anno, le consulenze saranno sospese in linea di massima dal 15 luglio al 15 settembre. Si ricorda che il servizio di assistenza e consulenza viene prestato a titolo gratuito ed esclusivamente previo appuntamento da richiedere tramite la Segreteria dell Associazione oppure all indirizzo visitate il nostro sito Web per la nostra posta elettronica Direttore Responsabile: Giovanni F. Catenaccio - Redattore: Ermanno Cavagnera Testata: Alberto Locatelli Grafica, Impaginazione, Stampa: Tipolitografia Maserati s.n.c. - S.Nicolò di Rottofreno (Pc) Direzione, Redazione e Amministrazione: Via Torino, 51 - Milano Registrazione: Tribunale di Milano n.127 del 18 Aprile 1975 (licenziato alle stampe il 7/6/ tiratura copie) 20

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari PREMESSA Il Consorzio con deliberazione del Consiglio d Amministrazione n 24 del 18/7/2014 ha stipulato un convenzione con l Associazione S. Vincenzo di San Bernardo Via Beltramo 2 Rivoli per il progetto

Dettagli

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n.

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO ******* FONDO DI GARANZIA costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. 182 Capo I

Dettagli

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione Milano, febbraio 2008 Circolare n. 2/08 ALLE IMPRESE INTERESSATE Loro Sedi Alla c.a. Amministrazione del Personale Alla c.a. RSU p.c.: Organizzazioni sindacali Associazioni industriali territoriali Oggetto:

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA ELEZIONI DELEGATO ARCHITETTI PER LA PROVINCIA DI VICENZA 2015-2020 CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI ARCH. NAZZARENO LEONARDI IL NOSTRO PROGRAMMA

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA. ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato.

STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA. ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato. ALLEGATO A AL N. 63.470 DI REP. e N. 13.571 DI RACC. STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - FINALITA ARTICOLO 1) E costituita la FONDAZIONE VIGNATO PER L ARTE, ente di diritto privato. ARTICOLO 2) La Fondazione

Dettagli

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni)

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni) VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. FAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it WWW.ASSOSIM.IT ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Inviato via email all indirizzo

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Progetto di Analisi dei Bisogni

Progetto di Analisi dei Bisogni Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 3/2015 Carissimo Socio, Progetto di Analisi dei Bisogni la nostra Associazione, ha avviato a fine 2014 un progetto di Analisi dei Bisogni dei Soci al fine di migliorare

Dettagli

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2012 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI ANNUALI DI ISCRIZIONE ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CATANIA PREMESSA Il presente Regolamento si propone di normare la

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 CASSA DI ASSISTENZA DEI DIRIGENTI DELLE SOCIETA DEL GRUPPO GENERALI RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 (Assemblea dei Soci del 27 aprile 2011) Piazza Duca degli Abruzzi, 2 Trieste CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n.

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 54 COPIA in data 24/09/2015 Verbale di deliberazione della Giunta OGGETTO: ADESIONE A DOTE SPORT REGIONE LOMBARDIA CONTRIBUTO FINO A 200 EURO SPESE CORSI ATTIVITÀ SPORTIVE

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A.

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A. Unione Lombarda dei Consigli dell Ordine degli Avvocati PROTOCOLLO DI INTESA TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI ed EQUITALIANORD S.p.A. L anno.. il giorno del mese di...presso

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

FONDO ESPERO: RINNOVO ASSEMBLEA DELEGATI 28, 29 E 30 APRILE SI VOTA!

FONDO ESPERO: RINNOVO ASSEMBLEA DELEGATI 28, 29 E 30 APRILE SI VOTA! Sito Snals www.snals.it/cn NUMERO SPECIALE ELEZIONI FONDO ESPERO Pensando di fare cosa gradita, il presente notiziario è inviato -a fini informativi- a tutti gli iscritti Snals, indipendentemente se aderenti

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

VERBALE 2/2011 VOCI ENTRATE SPESE

VERBALE 2/2011 VOCI ENTRATE SPESE VERBALE 2/2011 L anno 2010, il giorno martedì 19 aprile, alle ore 14:30, presso l Ufficio del dott. Giuseppe Sinibaldi, Via Flavia n. 6 (la sede dell Ufficio Centrale del Bilancio - Ragioneria Generale

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA COMUNE DI MISSAGLIA Approvata con deliberazione della G.C. n. 136 del 29/11/2012 Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA PERIODO

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - COPIA - N. 92 del 15/11/2012 OGGETTO: ART.

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE POSTO ALLOGGIO A FAVORE DEGLI ALLIEVI DELLA SEDE DI PIACENZA

Dettagli

Bilancio al 31.12.2006

Bilancio al 31.12.2006 TI DO UNA MANO ONLUS Via Manzoni 11 20052 MONZA Bilancio al 31.12.2006 Premessa generale Non essendoci precise disposizioni in materia di rendicontazione per ONLUS come la nostra, si ritiene di dare un

Dettagli

È con vivo piacere che Le do il benvenuto tra i titolari della Carta Roma.

È con vivo piacere che Le do il benvenuto tra i titolari della Carta Roma. Caro Cittadino, È con vivo piacere che Le do il benvenuto tra i titolari della Carta Roma. Sono certa che l iniziativa, promossa da Roma Capitale, potrà offrirle servizi utili e, in un momento di forte

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2010 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010 Aprile 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Nel mese di aprile Equitalia Esatri S.p.A. di Milano ha avviato l attività di notifica degli avvisi di pagamento. I contributi possono essere versati in

Dettagli

Dipartimenti regionali

Dipartimenti regionali REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE PER IL BILANCIO E LE FINANZE DIPARTIMENTO REGIONALE BILANCIO E TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE Servizio 6 Vigilanza Unità Operativa

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI L apporto di liquidità dei soci alle società partecipate può avvenire a diverso titolo, passando dal prestito (quindi con previsione di restituzione sin

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA!

MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! MUTUI : PROMESSA MANTENUTA! Nel sottolineare l importanza dell impegno svolto dalle commissioni tecniche costituite dalle Organizzazioni Sindacali, che, in seguito al lavoro svolto ha permesso di individuare

Dettagli

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE La Cassa di Risparmio di Asti S.p.A., così come il Gruppo omonimo, è da sempre attenta alle esigenze dei propri Clienti; le Banche

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA PARAGRAFO 1 L associazione Fidas Verona è formata dall aggregazione delle associazioni di donatori volontari di sangue aderenti alla Fidas e operanti

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Daoraè più facile Hai avuto un incidente? Aspetti un risarcimento? Scegli la conciliazione. E più semplice, è più rapida. Da oggi sono finiti

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN Provincia di Reggio Emilia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 106 del 09 Ottobre 2014 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER L ATTIVAZIONE DI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli