La Voce dell A.N.VV.F.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voce dell A.N.VV.F."

Transcript

1 La Voce dell A.N.VV.F. ANNO I NUMERO 1 Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale - Sezione Dipartimentale - presso l Ufficio del Referente per i rapporti con l Associazione: Via Sorianello, Roma INFORMAZIONE COPIE GRATUITE PER I SOCI L EDITORIALE a cura del Presidente, Vincenzo D Angelo Da Voce di pochi a Voce della Sezione I l primo numero del nostro notiziario ha avuto un elevato indice di gradimento, di gran lunga superiore alle nostre attese, e lo dimostra il fatto che molti di voi hanno voluto esprimerci il loro apprezzamento, personalmente o via . Questo fatto serve da sprone al miglioramento che, come vi ho già detto in sede di presentazione, non possiamo pensare di devolverle ad un solo gruppo di soci, ma dobbiamo farcene carico tutti assieme, perché solo quando il contributo è corale la Voce può definirsi veramente come quella della Sezione. Penso che questo successo possa essere connesso alla crescita culturale della Sezione e ad una maturata capacità di stare assieme, ma ad esso ha senza dubbio concorso anche il fattivo e benevolo contributo che abbiamo ricevuto dal Dirigente Generale della Formazione e da tutti i suoi collaboratori, frutto dell apprezzamento che abbiamo saputo guadagnarci nell ambito in cui operiamo. È vero però che ancora molto dobbiamo fare per affermarci completamente perché ancora in tanti, dirigenti e non, considerano ancora l Associazione come un club dei pensionati. Se ciò avviene è per una loro trascuratezza nell acquisizione della conoscenza e per una estraneazione ad alcune realtà del Corpo, ma forse anche per una nostra poco incisiva azione di promozione. Se è vero, come è vero, che l Associazione è un istituzione riconosciuta dal Dipartimento attraverso un provvedimento normativo, che si è tradotto in un patto collaborativo reso operante attraverso un apposita convenzione, che il Dipartimento si è premurato di farsi parte attiva nel rendere edotti tutti i dirigenti e i dipendenti del Corpo; se è vero, come è vero che l Associazione del personale del Corpo è un istituzione che ha origini lontane. Nata fin dalla sua istituzione, addirittura per interessamento e sollecitazione del primo Direttore Generale, e quindi prima di altre che impropriamente rivendicano diritti di preminenza, e che solo gli eventi bellici ne hanno causato la inattività temporanea; se è vero, come è vero, che la sua ricostituzione nel 1993, è avvenuta quando la volontà del personale del Corpo ha trovato l accoglimento e il sostegno del primo Direttore Generale proveniente dai ranghi del Corpo, che di questo e di ogni sua manifestazione è stato non solo protagonista ma anche fervente sostenitore e portabandiera attento e appassionato, e che all Associazione ha guardato sempre con simpatia, allora il guardare ancora all Associazione come a qualcosa di estraneo al Corpo se non addirittura a qualcosa cui contrapporsi può essere addebitato solo ad una inammissibile ignoranza delle vicende della nostra storia o ad una voluta ed interessata travisazione dei fatti, cio non toglie però che è compito dell Associazione e di ogni singolo socio di accreditarsi nei confronti di tutti. Ciò può essere fatto non solo con una concreta dimostrazione di operatività ma anche con la sua visibilità esterna, ed il modo migliore per farlo nei riguardi di coloro che ci circondano e di diffondere una voce, che non sia isolata o quella di pochi soci ma veramente della Sezione.

2 Associarsi e vivere l Associazione Considerazioni e riflessioni di un socio... di Antonio Pacini L associazione è una forma aggregativa riconosciuta dall ordinamento giuridico italiano, che ne tutela la libertà costitutiva e le forme di attività che si costituisce quando un gruppo di persone, spesso mosse dagli stessi principi e dagli stessi sentimenti, sentono l esigenza di mettersi assieme, organizzandosi, per perseguire uno o più scopi comuni, che possono essere semplicemente di affermazione e rafforzamento di valori in cui credono coloro che si associano ma anche di un impegno altruistico fra associati o a favore della collettività. Nell associarsi si stipula quindi un patto di impegno comune, che è un vero e proprio contratto associativo e che si formalizza con la sottoscrizione di un documento che si chiama Statuto di associazione. Lo statuto sancisce i due elementi fondamentali dell associazione: lo scopo comune che ci si prefigge di raggiungere e l impegno per il suo raggiungimento Questo, come ogni altro contratto, si può sintetizzare in due punti essenziali che sono: finalità dell accordo e obblighi delle parti contraenti, cioè diritti e doveri, ed in una terza parte accessoria che sono le regole di funzionamento. Su queste premesse è evidente che non ci si può iscrivere ad una associazione ma si può solo divenirne soci; ciò vuol dire che con la domanda di adesione non si può pensare di divenire semplicemente componenti di un gruppo organizzato, ma si attesta la volontà e la consapevolezza di sottoscrivere un contratto associativo e si accetta l obbligo del suo rispetto. Ciò che distingue l associazione da un club è che quest ultimo richiede la mera appartenenza mentre la prima richiede una appartenenza finalizzata ed una partecipazione attiva. La mancanza di volontà di partecipazione è quindi di per se stesso elemento invalidante del contatto associativo Partecipazione attiva significa per i soci essenzialmente essere attivi nel raggiungimento delle finalità statutarie ma ancor prima sentire l esigenza di dover dare il proprio apporto ad un corretto e pieno funzionamento degli organi sociali, che sono gli strumenti attraverso i quali si attua il contratto sociale, e di questi, primo fra tutti, l Assemblea dei soci. In niente di meno di questo può consistere l impegno di associarsi. Ma quando un associazione prende le mosse dalle premesse di un percorso di vita comune,vissuto nell intima convinzione del valore dell amicizia e della solidarietà e si mette nella prospettiva di un naturale proseguimento della precedente missione, la partecipazione attiva non può solo essere in termini di rispetto del patto associativo ma deve essere sentita anche in termini di bisogno di contatto e di colleganza tra estensori del patto stesso. Il socio deve veramente divenire quello che il termine nel suo significato etimologico sta ad indicare cioè compagno, e sentire nascere spontaneo il desiderio di vivere l associazione. Vivere l associazione significa sentirsene in ogni momento elemento non solo costitutivo ma anche determinante, essere apportatore di idee e proposte, voler contribuire alla realizzazione di quest ultime, sentirsi attori della stessa e non spettatori. L associazione vissuta in questi termini diventa allora per i soci non solo un fatto accessorio ma un elemento costitutivo del loro vivere quotidiano.. Non si deve immaginare che le vie per viverla debbano necessariamente essere sempre impegnative; si deve invece pensare. in termini di contributo che ciascuno è in grado di dare. È il piccolo contributo di tutti e non il grande impegno di pochi che rende l associazione viva e pulsante. In questo senso e con questo scopo nasce questa riflessione, e questo foglio che la diffonde è senz altro uno strumento attraverso il quale tutti possono vivere l associazione. 2

3 L AssociazioneVigili del Fuoco in Congedo di Alessandro Mella Storia ed eventi N el pieno del conflitto emerse in Italia l esigenza di richiamare in servizio anche personale di età avanzata congedato negli anni precedenti. Questo fattore fece emergere il particolare carico di esperienza che queste persone ancora custodivano e fu evidente come fosse possibile impiegarli con successo anche in quelle attività in apparenza secondarie ma di grande beneficio per il Corpo. Nacque quindi in quest ottica l iniziativa della Direzione Generale dei Servizi Antincendi per la costituzione di un associazione per il personale congedato che pur se organizzata a livello di sezioni provinciali, rappresentava un organo uniformato in tutto il Paese. Con apposita circolare ai corpi del Regno, il Direttore Prefetto Alberto Giombini, comunicò ai comandanti l intenzione di costituire tale sodalizio. Invitò quindi gli stessi a prendere contatto con il personale ritenuto più idoneo al caso lasciando intendere che sarebbe seguito l invio di bozze per lo statuto e di ulteriori notizie. Nei primi mesi del 1942 vennero inviati dei volumetti dal titolo Schema di Statuto a cui avrebbero dovuto far riferimento le nascenti sezioni. Nel mese di Marzo dalla Direzione Generale venne inviata una nuova nota in cui si comunicava che i nomi del personale erano arrivati ma nessun comandante aveva trasmesso i programmi delle attività che le sezioni avrebbero seguito per perseguire le finalità delle medesime. L invito quindi fu di agire celermente, anche perché si volevano avere i labari presenti alle cerimonie per le celebrazioni del 23 Marzo (Fondazione dei Fasci di Combattimento nel nda). Intanto passarono i mesi e le esigenze belliche causarono notevoli slittamenti finché ad Aprile 1943 venne telegrafato ai comandi dei corpi l ordine di inviare a Roma un Vigile per ritirare i labari delle sezioni da consegnare solennemente il 21 Aprile in occasione del Natale di Roma. Tutto procedette secondo programma e cerimonie pompose si svolsero in tutta Italia mentre la storia facendo il suo corso scorreva e quasi in un lampo arrivava al 25 Luglio 1943 e poi all 8 Settembre Tutto crollò ed anche le associazioni finirono nell abisso di caos, incertezza e timore che avvolse il Paese allo sbando. Liberato Mussolini dal Gran Sasso, a Brescia si costituì la Direzione Generale dei Servizi Antincendi della Repubblica Sociale italiana che controllava tutti i Corpi da Roma a salire. (Tutti i Corpi dei territori sotto controllo degli alleati erano formalmente sotto il controllo della DGSA del Regno del Sud a Salerno - nda). Ripreso il controllo della situazione e risolti i problemi più urgenti, il Prefetto Giombini inviò una nota a tutti i Corpi del Nord per sapere quale fosse la situazione delle sezioni provinciali dell ASNVVFC che immaginava coinvolte a loro volta dallo sbando generale dei mesi precedenti. Questo avveniva nel Dicembre Non sbagliò ed infatti da molti Corpi si comunicò che a causa dello sfollamento dei pensionati ed a causa dei travagliati fatti nazionali, molte sezioni avevano interrotto le attività. Le ripresero con timidi tentativi solo nel 1946 quando con la fine del conflitto il paese iniziò nuovamente una vita normale illuminato dalla speranza che fu madre del Miracolo Italiano. Tuttavia, tolte le varie iniziative individuali e locali, il personale in quiescenza dei Vigili del Fuoco non trovò vera unione se non dopo molti anni. Oggi, in un Italia senz altro migliore e più serena, esso si raccoglie nell Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale. Organizzazione che riassume in se l esperienza e la professionalità maturata negli anni dai suoi iscritti per farne energia vitale per le più diverse e preziose attività. (segue a pag. 4) 3

4 L organizzazione e le insegne L Associazione era divisa in sezioni provinciali rette da un Presidente e da un consiglio d amministrazione composto dallo stesso e da quattro consiglieri nominati dal Prefetto su proposta. Ogni sezione provinciale sita nel capoluogo di provincia poteva a sua volta avere dei gruppi localizzati in centri minori e retti da un fiduciario ed almeno 10 soci. I soci potevano essere di tipo ordinario, sostenitore, benemerito ed ad Honorem. Le finalità associative erano soprattutto improntate sul mantenere vivo lo spirito di corpo e curarne l immagine attraverso manifestazioni ed iniziative a tema. Ogni sezione provinciale era munita di un labaro di forma quadrata con base in velluto nero, agli angoli fiamme erranti come nei labari dei corpi ed al centro il fregio su fronde di quercia ed alloro in canottiglia dorata. rosso con ricamato di fronte il fregio. È probabile ma non certo gli ufficiali ed i marescialli portassero sul copricapo i gradi che avevano al momento del pensionamento. La giubba era un giubbino modello 1938 in panno marrone con pantalone nero e stivali o scarponcelli con calzerotti. Con l abito civile era consentito l uso del distintivo con fiamma littoria su fiamme erranti. A sn., distintivo associativo. In basso, la divisa sociale in una tavola del Degai. (Da Schema di Statuto per le Associazioni dei Vigili del Fuoco in Congedo ) Labaro di una sezione Foto Servizio Documentazione VVF) Al retro il tricolore a pali verticali di uguale misura. I gruppi potevano munirsi invece di fiamme con medesime insegne disposte sui due lati. Ogni socio oltre al diritto di frequentare i locali associativi aveva il diritto di portare la divisa sociale quando prevista. L uniforme per foggia era simile a quella da fatica del personale. La bustina tipo 34/35 era in panno nero filettata di 4

5 Un alternativa nel rispetto dell ambiente e qualche consiglio utile di Raffaele Barbato L IMPIANTO DI ALIMENTAZIONE A GAS PROPANO LIQUEFATTO (GPL) SU AUTOVETTURE Oggi con l era moderna molte case automobilistiche si stanno adoperando per risolvere in parte l inquinamento atmosferico, problematiche a noi conosciute quell ecologica e quella della ricerca di fonti di energia alternative al carburante tradizionale (benzina e gasolio). Il mondo dell auto è in continua evoluzione e con esso anche le tecnologie associate migliorano di giorno in giorno. Con i prezzi dei carburanti sempre in costante aumento, il GPL si rileva quindi essere sempre più una valida alternativa, economica ed ecologica, da affiancare alla tradizionale alimentazione a benzina. L impianto a gas su autovetture oggi è divenuto una realtà, molte case d automobili si stanno attrezzando con tecniche più evolute del vecchio impianto a GPL con sistemi di sicurezza ancora più sicuri e sofisticati di quelli di ieri. Dal 2001, il regolamento ECE/ONU R67/01 ha migliorato ulteriormente la situazione in termine di sicurezza, rendendo obbligatoria l adozione di un particolare sistema di sicurezza a tre valvole sul serbatoio. La Prima, blocca l uscita del gas allo spegnimento del motore, eliminando qualsiasi perdita dell impianto in caso d incidente. La seconda si apre e si chiude in base alla pressione rilevata all interno del serbatoio. La terza, invece, interviene in caso d incendio, quest ultima è termo fusibile raggiuta la temperatura di 110 C fonde, lasciando uscire il gas senza causare altri danni. Si ritiene utile illustrare in primo luogo uno schema d istallazione di un impianto d alimentazione a gpl su un autovettura per meglio individuare quei punti critici e comprendere le possibili tipologie d incendio alle quali sono associabili eventi incidentali di diversa natura e gravità. Dal punto di vista normativo va precisato che l istallazione su automezzi d impianti d alimentazione a gas è Serbatoio cilindrico (vecchio) Serbatoio toroidale (nuovo) disciplinata dal regolamento d attuazione del codice della strada. Dette norme elencano le parti dell impianto che devono essere sottoposte ad una omologazione molto severa. Il successivo collaudo da parte degli ispettorati della motorizzazione verifica che il montaggio degli elementi sia conforme alle norme e la tenuta delle tubazioni ad alta pressione dell impianto a quarantacinque bar. Oggi allo stato attuale l industria dell automobile è autorizzata dalla legge a produrre in serie autovetture a gas (GPL-metano). La trasformazione a GPL di un autovettura alimentata a benzina non comporta particolari modifiche al motore, ma solo l istallazione aggiuntiva di specifiche apparecchiature di seguito elencate e illustrate nello schema funzionale dell impianto: Serbatoio Gruppo multivalvole GPL Riduttore vaporizzatore Miscelatore gas-aria Circuito alta pressione ( gpl liquido) Circuito bassa pressione ( gpl vapore). Centralina Commutatore e altro 5

6 IL FUNZIONAMENTO DELL IMPIANTO È IL SEGUENTE: Il GPL liquido fluisce dal serbatoio e percorrendo la tubazione ad alta pressione raggiunge il riduttore vaporizzatore. Il flusso del GPL è regolato da un elettrovalvola che resta chiusa, quando il motore è fermo o quando funziona la benzina. Nel riduttore-vaporizzatore il GPL passa dallo stato liquido a quello gassoso. L acqua calda derivata dall impianto di raffreddamento del motore fornisce il calore necessario per la vaporizzazione. Quindi il GPL allo stato gassoso e a bassa pressione raggiunge poi il miscelatore che ha la funzione di dosare il flusso del gas proporzionalmente alla richiesta del motore rappresentata dalla depressione che si genera nei dispositivi di miscelazione. I dispositivi d impianto che costituiscono fonte di maggiore rischio potenziale in caso d incidente quando è richiesto l intervento operativo di soccorso dei Vigili del Fuoco sono evidentemente: Il serbatoio Il gruppo valvolare ( montato sul serbatoio e sede delle valvole di chiusura e apertura del gas). Il circuito del GPL liquido con l elettrovalvola; Il riduttore vaporizzatore. In ciascuno di detti componenti il GPL è presente allo stato liquido. Ciò implica che un ipotetico rilascio avverrà allo stato liquido che si espanderà in forma gassosa di 270 volte. Una perdita di gas da uno qualsiasi di tali punti, che non sia il serbatoio, è intercettabile mediante la chiusura della valvola posta sul gruppo multivalvole del serbatoio. Le valvole restano normalmente aperte nell utilizzo dell autovettura da parte dell utente. Può succedere, ma se vi capita che la vostra auto ha un principio d incendio, mentre la guidate, fermatala subito, chiudete il contatto e sfilate la chiave dal blocchetto, chiamare il 115 e denunciate che la vostra auto è alimentata a GPL, il resto lo faranno i Vigili del Fuoco a mettere in sicurezza la vostra auto. Se invece, hai coraggio e non ti fai prendere dal panico e possiedi un estintore meglio se a polvere di 6 Kg. puoi farcela da solo. a) Chiudi il contatto e sfila la chiave così facendo chiudi la mandata del gas che arriva al motore. b) Sgancia il cofano motore dell auto. c) Tieni pronto l estintore e apri con cautela il cofano dell auto a quel punto metti in funzione l estintore per lo spegnimento, finito stacca un qualsiasi morsetto della batteria così facendo elimini la corrente a tutto l impianto, le cause dell incendio possono essere varie come: corto circuito, perdita di carburante o una combustione non idonea comunque sia la causa chiama sempre i Vigili del Fuoco e denuncia che l auto è alimentata a GPL il servizio e gratuito. CONSIGLIO A incendio spento o da una perdita di gas, chiudere la valvola del serbatoio e portate l auto in un luogo sicuro non abbandonatela soprattutto in considerazione che il GPL è ancora presente nel serbatoio. Molti timori in merito all utilizzo del GPL sono scatenati da fattori psicologici: la presenza di una bombola all interno della propria autovettura viene spesso inconsciamente associata al concetto della tradizionale bombola di gas domestico e la relativa pericolosità. E bene ricordare che i moderni serbatoi di GPL sono soggetti a norme molto severe e soprattutto, come specificato in precedenza, sono soggetti a rigidi crash test, oltre che essere realizzati con tubature speciali a differenza dei normali serbatoi di benzina, con tubazioni realizzate di solito in materiale plastico o in gomma. Per concludere: Oggi come ieri l uomo e da sempre in ricerca di soluzioni alternative, nel nostro caso, il centro ricerche e sviluppo di una nota società, ha ideato un impianto a GPL per 6

7 autotrazione di nuova concezione. A differenza di quello tradizionale in fase gassosa, nel sistema nuovo è usata la stessa strategia originale dell auto per il controllo dell alimentazione a benzina e gestisce anche l alimentazione a GPL, con la differenza che il GPL è iniettato allo stato liquido come la benzina e non gassoso come i tradizionali impianti, sfruttando tutte le caratteristiche fisiche incrementando la potenza. Questo sistema innovativo non è invasivo, non modifica l elettronica originale, ma utilizza la stessa dell auto, ha un numero limitato di elementi, semplifica la gestione complessiva dell impianto e la manutenzione è ridotta. Si domanda: sarà questa la strada giusta dei nuovi impianti ad alimentazione a GPL e METANO? SCHEMA DI ALIMENTAZIONE A GPL A INIEZIONE LIQUIDA NORMATIVA Finalmente le auto a GPL non sono più bandite dalle rimesse sotterranee. Ciò, però, solo a certe condizioni. Il 3 dicembre 2002 è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n 283 il Decreto del ministero dell Interno 22 novembre 2002 che ha modificato la norma (Decreto del ministero dell Interno 1 febbraio 1986) che, tra l altro, regola il parcheggio nelle rimesse delle auto a Gpl (quelle a metano non sono soggette a restrizioni). La nuova norma consente il ricovero delle vetture alimentate a Gpl anche al primo piano interrato (anche se comunicante con altri piani sotterranei), purché l impianto a gas sia omologato secondo il regolamento ECE/ONU R67-01 (è obbligatorio per le installazioni successive al 1/1/2001: sulla carta di circolazione è indicato se l impianto lo rispetta). Per gl impianti precedenti, invece, non cambia nulla, quindi rimane il divieto di parcheggio nei sotterranei. È però possibile adeguare l auto alle norme di sicurezza più recenti sostituendo il serbatoio del gas, con una spesa extra. Ma vediamo nei dettagli cosa cambia. Autorimesse pubbliche icom JTG è un sistema ad iniezione liquida si compone da: serbatoio con pompa filtro di carica unità di scambio regolatore di pressione cablaggio gruppo iniezione selettore carburante Il sistema icom JTG è installabile su vetture a cilindri. Permette di ottenere consumi analoghi a quelli della benzina risparmiando la piena differenza di costo tra benzina e GPL (con gli impianti a GPL ad iniezione sequenziale in fase gassosa il risparmio varia dal 25% al 33% rispetto al costo della benzina). Non ci sono perdite di prestazioni. È quindi possibile parcheggiare al primo piano interrato, anche se comunicante con i piani inferiori. I gestori delle rimesse devono però predisporre la segnaletica che indichi i vincoli cui sono soggette le auto a Gpl. Contravvenire alle norme può costare molto caro: nella improbabile ipotesi di un incendio, i danni resterebbero a carico dell automobilista, perché a fronte di una violazione di legge sia l assicurazione dell auto sia quella della rimessa si rifiuterebbero di pagare. Autorimesse condominiali Le norme sul parcheggio nelle rimesse si applicano anche ai box condominiali. Però, il regolamento di condominio può prevalere e vietare il parcheggio delle auto a gas (anche a metano). È comunque possibile chiedere la modifica del regolamento, ma si deve convincere la maggioranza dei condomini. 7

8 CURIOSITÀ a cura di Raffaele Barbato COSE CHE (FORSE NON LO SAPEVI) IL CELLU- LARE POTREBBE FARE Ci sono alcune cose che possono essere fatte in caso di gravi emergenze. Il cellulare può effettivamente essere un salvavita o un utile strumento per la sopravvivenza. Controlla le cose che puoi fare. PRIMO: Emergenza Il numero di emergenza per il cellulare è il 112 in tutto il mondo. Se ti trovi fuori dalla zona di copertura della rete mobile e c è un'emergenza, componi il 112 e il cellulare cercherà qualsiasi rete esistente per stabilire il numero di emergenza per te; è interessante sapere che questo numero 112 può essere chiamato anche se la tastiera è bloccata. SECONDO: Come disattivare un telefono cellulare rubato o smarrito Per controllare il numero di serie (Imei) del tuo cellulare, digita i caratteri *#06# Un codice di 15 cifre apparirà sullo schermo. Questo numero è solo del tuo portatile. Annotalo e conservarlo in un luogo sicuro. Qualora il telefono venisse rubato o smarrito, è possibile telefonare al provider della rete e dare questo codice. Gli operatori saranno in grado di bloccare il tuo telefono e quindi, anche se si dovesse cambiare la scheda SIM, il telefono sarà totalmente inutile. Probabilmente non recupererai il tuo telefono, ma almeno si sa che chi ha rubato non può né usarlo né venderlo. Se tutti lo faranno, non ci sarà più motivo di rubare telefoni cellulari. Alla prossima lettura delle curiosità saranno inserite nuovi informazioni sul cosa può fare il cellulare. A TUTTE LE SEZIONI a cura del Presidente Vincenzo D Angelo La Direzione Centrale per la Formazione è venuta nella determinazione di integrare quanto già disponibile presso il Centro Nazionale di Documentazione con una raccolta di tutte le opere e la documentazione reperibili e inerenti la storia dell istituzione antincendi in Italia, in modo da renderne possibile la consultazione oltre che al personale del Corpo anche a studiosi e ricercatori esterni. È una iniziativa di grande valore sia sul piano storiografico che di quello di servizio reso alla comunità, per la quale questa Sezione ha offerto tutta la sua collaborazione sia ai fini della raccolta che della gestione della documentazione, in linea con le finalità dell Associazione. In relazione a quanto sopra si invitano tutte le Sezioni ed anche i singoli Soci che siano in possesso di pubblicazioni, documenti ed atti di interesse storico, riguardanti non solo il Corpo Nazionale ma anche i Corpi Pompieri e le precedenti istituzioni antincendi delle loro città, a voler dare il loro contributo, inviandone copia (anche fotostatica) a questa Sezione in modo da permettere l avvio dell iniziativa con il contributo corale dell Associazione, in tutte le sue componenti. Il materiale dovrà essere inviato a: Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale - Sezione Dipartimentale c/o Scuole Centrali Antincendi - Piazza Scilla, Roma La Voce dell A.N.VV.F. - Ufficio del Presidente tel / Ufficio Segreteria tel La redazione del giornale è costituita da: Vincenzo D Angelo, Raffaele Barbato, Natale Stella, Antonio Pacini, Alessandro Mella, Enzo Manunta Barone 8

LIBRETTO USO E MANUTENZIONE

LIBRETTO USO E MANUTENZIONE Sistema sequenziale Gpl /Metano LIBRETTO USO E MANUTENZIONE 01/08/2003 Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24 00 E-mail: tartarini@tartarini.it

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl Manuale d installazione TARTARINI AUTO ALFA ROMEO GIULIETTA 1.400cc 125 Kw Turbo MultiAir Gpl Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24

Dettagli

AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS

AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS Pagina 1 di 10 AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS L'impianto di Dario "Dadocaz" - Old Panda L'impianto di Simone "Snowblade" - New Panda L'impianto di Dario "Dadocaz" - Old Panda IMPIANTO GPL

Dettagli

Romano Injection System

Romano Injection System Manuale utente Antonio Rev.0 del 01/02/2012 Romano Injection System ANTONIO MANUALE UTENTE INDICE 1. GARANZIA PRODOTTO... 3 2. DATI TECNICI... 3 2.1 CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO... 3 2.2 NOZIONI SUL

Dettagli

Via Generale Enrico Reginato 5, 31100 Treviso ( Italia ) - P. IVA: IT03157040241 info@prince-gpl.it - www.prince-gpl.it

Via Generale Enrico Reginato 5, 31100 Treviso ( Italia ) - P. IVA: IT03157040241 info@prince-gpl.it - www.prince-gpl.it LA DITTA PRINS AUTOGASSYSTEMEN B.V. VIENE RAPPRESENTATA IN ITALIA DALL IMPORTATORE ESCLUSIVO: GPL Doctor Italia srl Generale Il VSI della PRINS AUTOGASSYSTEMEN b.v. è un sistema ad iniezione gassosa sequenziale

Dettagli

Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ

Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ 1 Attrezzatura per la messa in sicurezza dei serbatoi di GPL delle autovetture in autofficina - scheda tecnica - FAQ 2 Premessa Recenti contatti con alcune case costruttrici di autoveicoli e con alcuni

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

SL CAR Viale Emilia, 51 20093 Cologno Monzese (MI) Tel e Fax 02.2545086 TIPOLOGIE DI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE A GAS

SL CAR Viale Emilia, 51 20093 Cologno Monzese (MI) Tel e Fax 02.2545086 TIPOLOGIE DI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE A GAS SL CAR Viale Emilia, 51 20093 Cologno Monzese (MI) Tel e Fax 02.2545086 TIPOLOGIE DI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE A GAS Sistemi a GPL per auto a carburatore La trasformazione a GPL, il tipo e la dislocazione

Dettagli

Modifiche ed integrazioni all'allegato A al decreto del Presidente. della Repubblica 24 ottobre 2003, n. 340, recante la disciplina per

Modifiche ed integrazioni all'allegato A al decreto del Presidente. della Repubblica 24 ottobre 2003, n. 340, recante la disciplina per MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 31 marzo 2014 Modifiche ed integrazioni all'allegato A al decreto del Presidente della Repubblica 24 ottobre 2003, n. 340, recante la disciplina per la sicurezza degli impianti

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 31 marzo 2014 Modifiche ed integrazioni all'allegato A al decreto del Presidente della Repubblica 24 ottobre 2003, n. 340, recante la disciplina per la sicurezza degli impianti

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi.

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi. 1 Il GPL. 2 Tipologie di contenitori. 2.1 Serbatoi esterni. 2.2 Serbatoi da interro con protezione catodica. 2.3 Serbatoi da interro con guscio in

Dettagli

Brochure2:Layout 1 15-05-2009 17:43 Pagina 1. Ford GPL e Metano

Brochure2:Layout 1 15-05-2009 17:43 Pagina 1. Ford GPL e Metano Brochure2:Layout 1 15-05-2009 17:43 Pagina 1 Ford GPL e Metano Brochure2:Layout 1 15-05-2009 17:43 Pagina 2 Ford per un futuro sostenibile Abbiamo reso lo sviluppo sostenibile una priorità della nostra

Dettagli

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Territoriale di BRESCIA Via San Francesco d Assisi, 11 25122 BRESCIA Competenze ed Obblighi degli Organismi Notificati, dei

Dettagli

Banca dati: strumento di conoscenza

Banca dati: strumento di conoscenza Giorgio Alocci, Natalia Restuccia, Luciano Buonpane Banca dati: strumento Analisi degli eventi incidentali coinvolgenti il GPL nell ultimo triennio dalla banca dati degli interventi dei Vigili del Fuoco

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. PORSCHE CAYENNE DFI 3.600cc 24v Gpl

Manuale d installazione TARTARINI AUTO. PORSCHE CAYENNE DFI 3.600cc 24v Gpl Manuale d installazione TARTARINI AUTO PORSCHE CAYENNE DFI 3.600cc 24v Gpl Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24 00 E-mail: info@tartariniauto.it

Dettagli

Romano Injection System 01/11/2013 Rev. 0

Romano Injection System 01/11/2013 Rev. 0 LPG and CNG systems for vehicles Romano Injection System E 01/11/2013 Rev. 0 LPG and CNG systems for vehicles Romano Injection System E La centralina Romano E è un sistema sequenziale fasato di ultima

Dettagli

GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell ambiente e potrai

Dettagli

MANUALE TECNICO DEI COMMUTATORI

MANUALE TECNICO DEI COMMUTATORI MANUALE TECNICO DEI COMMUTATORI Tutte le informazioni presenti in questo manuale potranno essere modificate in qualsiasi momento dall'a.e.b. s.r.l. per aggiornarle con ogni variazione o miglioramento tecnologico

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Manuale di Installazione N 08 Type:Bluesky/Venice Dati tecnici: G.M. Daewoo

Manuale di Installazione N 08 Type:Bluesky/Venice Dati tecnici: G.M. Daewoo Emer S.p.A. Via G.Bormioli n 19 27030 S.Eufemia (BS) Italy Tel:030-2510391 Fax:0002510302 Web: www.emer.it E-mail: commerciale@emer.it Manuale di Installazione N 08 Type:Bluesky/Venice Dati tecnici: G.M.

Dettagli

Carburanti a basso impatto ambientale e sicurezza antincendio

Carburanti a basso impatto ambientale e sicurezza antincendio Eco City Meeting Arch. Valter Cirillo Carburanti a basso impatto ambientale e sicurezza antincendio Bologna, Motor Show, 12 dicembre 2007 1 Nell intervento si traccia una sintesi dell evoluzione della

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto 1 CARATTERISTICHE IMPIANTI GPL

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto 1 CARATTERISTICHE IMPIANTI GPL Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto EBOOK - 3 di 4 IMPIANTI GPL E METANO 1 CARATTERISTICHE IMPIANTI GPL Tel. (+39)051 531791 - Fax (+39)051 6010103 Email: info@baldiegovoni.it

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Romano Injection System ANTONIO 21 / 06 / 2013 Rev. 01

Romano Injection System ANTONIO 21 / 06 / 2013 Rev. 01 LPG and CNG systems for vehicles Romano Injection System ANTONIO LPG and CNG systems for vehicles Romano Injection System ECU ANTONIO è un sistema sequenziale fasato di ultima generazione interamente progettato

Dettagli

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17.

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17. Cod. modello 3.1.2.03 domanda collaudo.doc Da presentare in unica copia in bollo Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una fotocopia da far timbrare per ricevuta dall ufficio comunale competente

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 62 REGOLAMENTO per la gestione dell autoparco della Provincia Regionale approvato con delibera C.P. n. 21 del 27 febbraio 2013 esecutivo dal 24 marzo 2013 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

Il nuovo sistema di iniezione gassosa per la trasformazione a GPL di auto alimentate con iniezione diretta di benzina

Il nuovo sistema di iniezione gassosa per la trasformazione a GPL di auto alimentate con iniezione diretta di benzina Il nuovo sistema di iniezione gassosa per la trasformazione a GPL di auto alimentate con iniezione diretta di benzina MTM s.r.l. Via La Morra, 1-12062 Cherasco (Cn) - Italy Tel. +39 0172 48681 - Fax +39

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 DISTRIBUTORE CARBURANTI Rev.: 4 Data: 19/4/01 Pag. 1 di 7 La presente istruzione regola la gestione in sicurezza del distributore

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

* LINEE GUIDA PER ATTIVITÀ DI MERCATI RIONALI CON PRESENZA DI BANCARELLE MOBILI E/O FISSE E AUTOCARRI UTILIZZANTI E NON GAS DI PETROLIO LIQUEFATTO

* LINEE GUIDA PER ATTIVITÀ DI MERCATI RIONALI CON PRESENZA DI BANCARELLE MOBILI E/O FISSE E AUTOCARRI UTILIZZANTI E NON GAS DI PETROLIO LIQUEFATTO * LINEE GUIDA PER ATTIVITÀ DI MERCATI RIONALI CON PRESENZA DI BANCARELLE MOBILI E/O FISSE E AUTOCARRI UTILIZZANTI E NON GAS DI PETROLIO LIQUEFATTO Pescantina, 15 Novembre 2013 Ing. Giuseppe Lomoro L ultimo

Dettagli

SÌ AL PARCAMENTO DEI VEICOLI A GPL AL PRIMO PIANO INTERRATO DELLE AUTORIMESSE

SÌ AL PARCAMENTO DEI VEICOLI A GPL AL PRIMO PIANO INTERRATO DELLE AUTORIMESSE NORMATIVE SÌ AL PARCAMENTO DEI VEICOLI A GPL AL PRIMO PIANO INTERRATO DELLE AUTORIMESSE Ha espresso voto favorevole il Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la prevenzione incendi del Ministero degli

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

GENERALITÁ. L impianto può essere diviso in 4 parti:

GENERALITÁ. L impianto può essere diviso in 4 parti: GENERALITÁ L impianto I.A.W. 59F, montato sui motori Fiat / Lancia 1.2 8V Fire, appartiene alla categoria di impianti di iniezione ed accensione integrati. L accensione statica, l iniezione intermittente

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 15.03.2011

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 15.03.2011 COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Delibera di Consiglio

Dettagli

Mozzanica & Mozzanica Srl.

Mozzanica & Mozzanica Srl. Mozzanica & Mozzanica Srl. L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA F6BI Ovvero: quando la qualità non è un caso! Il giorno 27 aprile, presso il Campo Prove della Soc. SILPA Srl, si è tenuto un incontro

Dettagli

BRC Gas Equipment. Ecologia Economia Divertimento

BRC Gas Equipment. Ecologia Economia Divertimento BRC Gas Equipment Ecologia Economia Divertimento Ecologia Emissioni GPL e Metano sono combustibili con un minor impatto ambientale rispetto ai carburanti tradizionali e, a differenza di altre fonti alternative,

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n.

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n. Volontariato Città di Treviglio Onlus Solidarietà e Sicurezza Tieni la borsetta verso il muro Per non essere soli chiama il n. 800.995988 con la collaborazione di: UNIONE BERGAMASCA CONSUMATORI Via T.

Dettagli

infatti stanno ricorrendo alle trasformazioni

infatti stanno ricorrendo alle trasformazioni BENZINA CIAO CIAO Da un azienda specializzata nelle trasformazioni a GPL come la Lovato e dalla collaborazione con l officina Bikestaff.com, sono nati interessanti kit per alimentare a gas anche gli scooter.

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

Suzuki Splash 1.2i 63kW E4

Suzuki Splash 1.2i 63kW E4 M.T.M. s.r.l. Via La Morra, 1 12062 - Cherasco (Cn) - Italy Tel. +39 0172 4860140 Fax +39 0172 488237 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA SEQUENT 24 MY07 GPL Suzuki Splash 1.2i 63 kw cod. istruzione cod. kit

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL

PREMESSA LA BANCA DATI DEGLI INCIDENTI CON IL GPL Ing. Giorgio ALOCCI, Arch. Luciano BUONPANE, Ing. Natalia RESTUCCIA*, Ing. Rita CAROSELLI** GPL: STUDI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA. ANALISI DEGLI EVENTI INCIDENTALI COINVOLGENTI IL GPL REGISTRATI

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

DIAGNOSI, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE IMPIANTI A GAS

DIAGNOSI, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE IMPIANTI A GAS CORSO GRATUITO DIAGNOSI, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE IMPIANTI A GAS Il corso di natura teorico-pratica tratta il funzionamento degli impianti a GPL ed a METANO, riconoscendone i componenti e le loro funzioni

Dettagli

AVVERTENZE Oltre alla presente scheda d'installazione consultare il Manuale Componenti e Installazione OMEGAS

AVVERTENZE Oltre alla presente scheda d'installazione consultare il Manuale Componenti e Installazione OMEGAS MATERIALE OCCORRENTE: Kit OMEGAS GPL 4 cilindri turbo (cod. 604 744 000) File: A4_18_01_AVJ_K_G_xxx_xxx Cablaggio iniettori 4 cilindri tipo BOSCH dritto(cod. 612 326 001) Serbatoi consigliati: toroidale

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

Manuale Utente Diritti, Doveri, Prenotazione,Rifornimento. v1.0

Manuale Utente Diritti, Doveri, Prenotazione,Rifornimento. v1.0 Manuale Utente Diritti, Doveri, Prenotazione,Rifornimento v1.0 3 Come funziona? Il Car Sharing è molto semplice. Quando ti serve una macchina, visita il nostro sito www.playcar.net inserisci il tuo numero

Dettagli

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM GPL / METANO MANUALE DI INSTALLAZIONE - SISTEMA

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM GPL / METANO MANUALE DI INSTALLAZIONE - SISTEMA SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM GPL / METANO MANUALE DI INSTALLAZIONE - SISTEMA 19/06/2007 Rev. 02 Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632

Dettagli

DICA TRENTATRE' Il nuovo sistema di diagnosi Ducati Di Gianpaolo Riva

DICA TRENTATRE' Il nuovo sistema di diagnosi Ducati Di Gianpaolo Riva MONDO DUCATI On-Line Marzo 2005 DICA TRENTATRE' Il nuovo sistema di diagnosi Ducati Di Gianpaolo Riva Nella seconda metà degli anni 80, Ducati decise di iniziare la produzione in serie dell allora neonato

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO 1. PREMESSA Oggetto della Convenzione è la fornitura di carburante

Dettagli

Una grande azienda di distribuzione

Una grande azienda di distribuzione Metano ti amo! Una grande azienda di distribuzione Gas Natural Distribuzione, in Italia dal 2004, fa parte di Gas Natural Fenosa, un gruppo multinazionale leader nel settore energetico, pioniere nell

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Guida all installazione, uso

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti)

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) 1.1 Generale O1 O2 O3 O4 O5 O6 O7 O8 O9 O10 O11 O12 O13 Definizione delle

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE dell Arciconfraternita di Misericordia di Maria SS. del Soccorso redatto dal Consiglio Direttivo ed approvato dall Assemblea dei Soci in data 29.04.08 1. AMMISSIONE Per prestare servizio

Dettagli

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 METANO LIQUIDO: DALL OTTENIMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL APPROVVIGIONAMENTO DEL PRODOTTO ---- Problematiche e procedure per l approvazione, costruzione e il rifornimento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE EMERGENZE

INFORMAZIONI SULLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE EMERGENZE INFORMAZIONI SULLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE EMERGENZE rivolte alle Compagnie Ospiti ed alle Aziende che svolgono lavori di manutenzione e riparazione all interno dell edificio del Cinema

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013

ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013 Comune di San Giorgio delle Pertiche Provincia di Padova ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013 Oggetto: Ordinanza relativa a norme di sicurezza da rispettare per impianti a GPL per cottura cibi e bevande durante

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C.

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. Il servizio è offerto al pubblico ex art. 1336 codice civile alle seguenti condizioni: ART. 1. La sosta

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

Scheda di installazione

Scheda di installazione ZAVOLI s.r.l. Via Pitagora n 400 47023 CESENA Fr. Case Castagnoli (FC) Italy Tel. 0547/ 646409 Telefax 0547 / 646411 Web site: www.zavoli.com E-mail: zavoli@zavoli.com Scheda di installazione SCHEDA N

Dettagli

SCHEMA GENERALE IMPIANTO JTG ICOM

SCHEMA GENERALE IMPIANTO JTG ICOM ISTR.0047 Rev.6 Pagina 1 di 34 SCHEMA GENERALE ICOM REGOLATORE DI PRESSIONE UNITA DI SCAMBIO SELETTORE CARBURANTE E INDICATORE DI LIVELLO PRESA CARICA FILTRO DI CARICA GRUPPO INIEZIONE GPL CABLAGGIO AL

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 1. PREMESSA Oggetto della Convenzione è la fornitura di carburante (benzina super

Dettagli

Nostra Tecnologia dell Idrogeno

Nostra Tecnologia dell Idrogeno Finanza di Progetto presenta un sistema innovativo che permette di ridurre il consumo del carburante in Moto, Auto, Suv, Furgoni, Camion, Mezzi Agricoli, Barche, Gruppi Elettrogeni ad un costo molto basso.

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS Via Cameazzo, 6 CAP 41042 Fiorano Modenese (MO) Autorizz. n 50 del 24 marzo 1997 R.P. del Volontariato C.F. 93015330363 Tel. 0536.910386 Fax 0536.838245 amministrazione@avfiorano.it

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 Rilevatore Gas con Allarme HD-G088 Il rilevatore di Gas con allarme HD-G088 è un dispositivo

Dettagli

Al servizio dell energia pulita

Al servizio dell energia pulita Al servizio dell energia pulita Gabogas2: da 50 anni al servizio del Trentino Alto Adige A lla fine degli anni 50 erano poche le Regioni e le aziende che credevano, ed erano disposte ad investire, nell

Dettagli

Calorama SSI 3000. Caratteristiche tecniche. Calorama SSI 3000 cod. 218 BAR CODE: 8015937122185. Sicurezza e Qualità

Calorama SSI 3000. Caratteristiche tecniche. Calorama SSI 3000 cod. 218 BAR CODE: 8015937122185. Sicurezza e Qualità Calorama SSI 3000 La linea di Radiatori a gas CALORAMA SSI nasce dall esigenza di avere un sistema di riscaldamento di alta qualità, semplice nella gestione,dalla linea elegante e adattabile ad ogni ambiente.

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA

ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA 1 Il fuoco È una manifestazione visibile di una reazione chimico-fisica (combustione) che avviene tra due sostanze diverse (combustibile+ comburente) con emissione di calore,

Dettagli

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto EBOOK - 1 di 4 IMPIANTI GPL E METANO INFORMAZIONI GENERALI Tel. (+39)051 531791 - Fax (+39)051 6010103 Email: info@baldiegovoni.it

Dettagli