Manuale Novità ARCHLine.XP Versione Windows

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Novità ARCHLine.XP 2011. Versione Windows"

Transcript

1 Manuale Novità ARCHLine.XP 2011 Versione Windows

2 Information in this document is subject to change without notice and does not represent a commitment on the part of CadLine. The software, which includes the information contained in any databases, described in this document is furnished under a license agreement or nondisclosure agreement. The software may be used or copied solo in accordance with the terms of the agreement. It is against the law to copiare the software on any medium except as specifically allowed in the license or nondisclosure agreement. The licensee (purchaser) may make one copiare of the software for the purpose of creating a -backup copiare. No part of this manual may be reproduced, transmitted, transcribed, or translated into any language in any form or by any means, without the express written permission of CadLine CadLine. All rights reserved. In no event shall CadLine be liable for special, indirect or consequential damages in connection with or arising from the use of this document or any programs contained herein. Microsoft, MS, and MS-DOS are registered trademarks and Windows is a trademark of Microsoft Corporation. ARCHLine.XP is a trademark of CadLine. This manual was produced using Microsoft Word and ARCHLine.XP. Manuale dell utente di ARCHLine.XP per Windows. Il presente manuale e il programma in esso descritto vengono forniti in licenza e possono essere usati e copiati solo secondo i termini della licenza stessa. Il contenuto del manuale è fornito a scopo unicamente informativo, è soggetto a modifiche senza preavviso e non deve essere interpretato come un impegno da parte di Cadline Software Srl. Cadline Software Srl non si assume alcuna responsabilità od obbligo per eventuali errori o imprecisioni che possono riscontrarsi nel presente documento. Il software, tutelato da copyright, che accompagna il presente documento viene concesso in licenza agli utenti finali per l uso esclusivamente in base ai termini dell Accordo di licenza d uso per gli utenti finali, che il licenziatario deve leggere con attenzione prima di iniziare a utilizzare il software. Eccetto quanto consentito dalla licenza, nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata in un sistema di archiviazione o trasmessa in qualsiasi modo o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, di registrazione o altro, senza previa autorizzazione scritta di Cadline Software Srl. ARCHLine.XP, il logo ARCHLine.XP, sono marchi di Cadline kft. Microsoft, Windows, sono marchi o marchi registrati di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Autocad, Dxf, dwg, Dwf sono marchi di Autodesk Inc. Stampato in Italia

3 Contenuto Contenuto Interfaccia Mouse Help Marcatore Cancella Menù Costruzioni Comparsa automatica del menù di seleziona rapida Menù Vista-3D Rotazione del profilo delle travi Nuova dialog definisci-prospettiva Visibilità Blocchi-2D sui piani-architettonici diversi Nuova Funzione Polyline-3D Nuova funzionalità - Sezione 3D dinamica Strumento Tavola di Stampa Compatibilità DWG Ottimizzazione risorse del sistema Eliminazione Texture non utilizzate Salva linee pattern Retino Ricerca Veloce Rappresentazione 2D dinamica Simulazione fotografica di Interni Virtual-Staging Apparecchiature-Elettriche (Interruttori e Prese) Lavorare con le Apparecchiature-Elettriche Creare una Apparecchiatura-Elettrica Modificare il modello-3d... 15

4 3.4 Definizioni Schermature solari - Frangisole Lavore con le Schermature - Frangisole Creare una schermatura esterna Modificare il modello-3d Definizioni Schermature per Interni - Tende Lavorare con le tende per Interni Tiplogie Tenda Gestione unificata Layer Desing-Center Gestione dei contenuti tramite categoria Cronologia Ricerche Motore di Ricerca Rapido Campo Ricerca per Parola Interfaccia unificata per ogni tipo di elemento Murature Muri da disegno DWG Edit del Profilo frontale del muro in 3D Muro inclinato longitudinalmente in 3D Immagini e Commenti File Ambiente totale Usare il File Ambiente totale Dialog compatta proprietà Oggetti, Finestre e Porte Assistente PORTE Come usare l assistente Porte... 46

5 12.2 Proprietà Maniglia Proprietà Texture Porta Proprietà Telaio Proprietà Soglia Accessori Decorazioni Dati Tetti nuova gestione Nuova Dialog TETTI Semplice gestione delle falde del Tetto Gestione degli strati della soletta del Tetto Gestione delle Travi e Sezioni del Tetto Travature e Travi - Catena Vista fronte-muro Rendering con Thea-render... 67

6

7 1 Interfaccia Mouse Help 1 L obbiettivo prefissato durante lo sviluppo di ARCHline XP 2011 è stato quello di perfezionare un interfaccia che sia semplice ed intuitiva, non solo per utenti esperti, ma anche per utenti con meno dimestichezza nel disegno al computer. I nuovi sviluppi dell interfaccia mirano a velocizzare il lavoro quotidiano, e aiutano a comprendere il funzionamento dei comandi. 1.1 Mouse Help Il nuovo Mouse Help sostituisce la precedente riga di comando. In precedenza, poteva capitare che per eseguire un nuovo comando, di cui non si conosceva bene il funzionamento, fosse necessario interrompere il lavoro, ora i messaggi vengono visualizzati agganciati al mouse, e aiutano l utente, un passo dopo l altro, nel completare il comando attivato. È possibile attivare/disattivare tale opzione da Menù <File Preferenze programma Generali Personalizza Barra Strumenti> IMMAGINE 1.2 Marcatore Cancella Quando uno o più elementi sono selezionati, appare un nuovo marcatore. Cliccando con il Sx-Clic sul nuovo marcatore sarà possibile eliminare velocemente gli elementi selezionati.

8 2 Menù Costruzioni 1.3 Menù Costruzioni È presente un nuovo menu Costruzioni che direttamente dalla barra principale consente di accedere alle opzioni di costruzione geometrica.

9 Comparsa automatica del menù di seleziona rapida Comparsa automatica del menù di seleziona rapida Se più elementi sono sovrapposti, cliccando sopra appare automaticamente un menù di scelta di identificazione degli elementi sovrapposti, utile a risolvere situazioni di selezione complessa (ad. es in un disegno con molti elementi). 1.5 Menù Vista-3D Il nuovo menù si attiva nella posizione del menu GESTIONE PIANI quando è attiva una Vista-3D Premendo Clic sopra attiva la dialog definisci Prospettiva, e se sono stata salvate diverse viste-3d di selezionare nella lista o premendo pagsu o PagGIU la Vista-3D da attivare 1.6 Rotazione del profilo delle travi E stata introdotta una nuova opzione nelle proprietà delle travi. E ora possibile definire un angolo di rotazione del profilo rispetto ad un hotspot dell elemento. E possibile digitare un valore in gradi o sceglierlo da un menù a discesa.

10 4 Nuova dialog definisci-prospettiva 1.7 Nuova dialog definisci-prospettiva In questa nuova versione la dialog definisci Prospettiva è stata modificata per renderne più semplice e diretto l utilizzo, inoltre ora è possibile modificare le dimensioni.

11 Visibilità Blocchi-2D sui piani-architettonici diversi Visibilità Blocchi-2D sui piani-architettonici diversi Nella dialog delle proprietà dei Blocchi-2D, è possibile impostare che essi siano visibili in Pianta-2D su più piani oltre al piano originale. 1.9 Nuova Funzione Polyline-3D Da questa versione si potrà utilizzare la funzione Polyline non solo in 2D ma anche in 3D. La nuova funzione può contenere non solo linee ma anche archi.

12 6 Nuova Funzione Polyline-3D

13 Nuova funzionalità - Sezione 3D dinamica Nuova funzionalità - Sezione 3D dinamica Nell utilizzare la sezione 3D dinamica (che può essere avviata cliccando il comando definisci sezione da una finestra 3D immagine ) il posizionamento del piano di sezione è stato notevolmente semplificato in quanto è possibile agganciarlo ad una delle superfici del modello 3D. Inoltre è stata introdotta una modalità clic through grazie alla quale è possibile editare il progetto lasciando attiva la sezione dinamica Strumento Tavola di Stampa ha rivisto lo strumento tavola di stampa. La creazione della tavola di stampa, che consiste in tre fasi principali: inizialmente si crea la tavola, assegnando un formato ed un orientamento al foglio; successivamente appare la barra gestione Progetto, dalla quale è possibile inserire i disegni nella stampa con drag&drop ; al rilascio del mouse è possibile definire un valore di scala con il quale posizionare il lavoro nella tavola. Successivamente è possibile sistemare i vari disegni ed un eventuale cartiglio nel foglio come se fossero normali blocchi 2D.

14 8 Compatibilità DWG 1.12 Compatibilità DWG La nuova versione di ARCHline XP importa ed esporta disegni salvati nel formato di AutoCAD Ottimizzazione risorse del sistema Con ARCHline XP 2011 lo sviluppo è stato improntato sulla minor richiesta di risorse da parte del programma, in modo da allargare la fascia di computer con i quali è possibile utilizzare il software, quindi non richiedendo un consumo esaustivo delle componenti hardware del vostro pc Eliminazione Texture non utilizzate Questa funzione, attivabile al momento del salvataggio, consente di eliminare automaticamente tutte le Texture non utilizzate nel progetto, in modo da alleggerire la dimensione dei file.

15 Salva linee pattern Retino 9 IMMAGINE 1.15 Salva linee pattern Retino IMMAGINE L opzione consente di attivare/disattivare l opzione di salvataggio dei Pattern (retino) come linee. Se disattivato consente di ridurre la dimensione del file progetto.

16 10 Ricerca Veloce 1.16 Ricerca Veloce La Barra di Ricerca-Veloce consente di ricercare tra comandi, Texturei, oggetti, porte, finestre, o ogni altro elemento. Basta semplicemente digitare un parola come albero, e avrete accesso a strumenti, Texturei, oggetti, che contengono parzialmente o completamente il termine di ricerca. La ricerca è dinamica, ciò significa che man mano che si digita la parola di ricerca si cominciano già a vedere dei risultati, questo è utile nel caso non si ricordi completamente il nome dell elemento Rappresentazione 2D dinamica In ARCHline XP 2011 realizza dinamicamente la rappresentazione 2D degli oggetti, per la visualizzazione reale della vista 3D dall alto. E possibile passare da un tipo di visualizzazione all altro settando l apposita opzione nelle proprietà dell elemento.

17 Rappresentazione 2D dinamica 11 2 Simulazione fotografica di Interni Virtual-Staging Il Virtual-Staging cioè la Simulazione Fotografica di Interni è una tecnica facile ed economica che consente di visualizzare il vostro progetto di interni direttamente nella foto dell ambinete da arredare. È sufficiente realizzare alcune foto dell ambiente di riferimento. Il modulo di Virtual Staging di ARCHLine.XP vi consente di creare delle immagini realistiche a partire da foto dell ambiente di riferimento e semplicemente aggiungendo gli arredi o gli altri elementi del progetto alle foto. La tecnica di Simulazione di Interni può essere descritta in 5 passi. 1. Caricare la foto

18 12 Rappresentazione 2D dinamica 2. Inserire il prisma di calibrazione 3. Calibrare prospetticametne il Prisma sulla foto 4. Aggiungere gli elementi e decorazioni del progetto di interni 5. Realizzare un rendering fotorealsitico 3 Apparecchiature-Elettriche (Interruttori e Prese) ARCHline XP 2011 consente di inserire la Apparecchiature-Elettriche: Preseelettriche e Interruttori, in modalità architettonica cioè con corrispondenza tra simbolo-2d in pianta e modello 3D.

19 Lavorare con le Apparecchiature-Elettriche Lavorare con le Apparecchiature-Elettriche Rappresentazione 3D Per ottenere il modello-3d più semplice, è possibile rappresentare l apparecchiatura elletrica con una superfice piana e una texture. Per una rappresetazione 3D più dettagliata, è sufficiente attivare le Prese o interruttorio 3D, in questo modo si determina separatamente la forma e texture dell interruttore o presa sulla base del profilo. Superficie piana con texture Modello 3D di Interruttore o Presa Forma dell Interuttore o Presa 3D Il modello dell interuttore o presa può essere un qualsiasi modello-3d generato da un profilo è da un corrispondente Blocco-2D con lo stesso nome nella libraria. Se l opzione Modello da Funzione è attiva e viene selezionata una funzione, l interuttore o presa viene rappresentato automaticamente dalla forma associata.

20 14 Lavorare con le Apparecchiature-Elettriche Blocco 2D Interruttore singolo Interruttore doppio presa Profilo di riferimento della presa o interruttore Interruttore singolo Interruttore doppio Presa Blocco-2D Utente Consente di definire la rappresentazione in pianta-2d dell Apparecchiatura-Elettrica come vista dall alto del modello- 3D oppure come Blocco-2D indipendente. Per la rappresentazione 2D è possibile utilizzare qualsiasi Blocco-2D, ovviamente compresi i blocci-2d quelli creati dall utente. Per consentire il posizionamento corretto, il Blocco-2D deve avere almeno due hotspot e il blocco-2d deve essere orientatao verso l alto (e la vista frontale del modello 3D) Raggruppamento Gli Interuruttori e Prese possono essere rraggruppati in un Telaio orizzontalmente o verticalmente. Ogni interuttore o presa nel Telaio può avere un unica funzione Spostamento Blocco-2D Per rendere il disegno in pianta-2d più semplice da interpretare, è possibile spostare e ruotare i Blocchi-2D delle Apparecchiature-Elettriche in modo indipendente dal modello-3d.

21 Creare una Apparecchiatura-Elettrica 15 Interuttore sopra Presa in 3D Blocchi-2D affiancati in pianta-2d 3.2 Creare una Apparecchiatura-Elettrica Innanzi tutto : definire le proprietà default delle Apparecchiature-Elettriche selezionando Architettura/Prorpietà/Apparecchiature-Elettriche nella Barra-Strumenti (Architettura/ Proprietà/ Apparecchiature-Elettriche nellqa versione Interior). È possibile selezionare una Apparecchiatura-Elettrica selezionando Architettura/ Architttura d Interni/ Apparecchiature-Elettriche ( Architettura/ Apparecchiature-Elettriche nella versione Interior). Questo comando opera in mood diverso in pianta-2d o in Vista-3D. In pianta-2d : Prima posizionare il Blocco-2D indicando la l origine, poi specificare la rotazione con il secondo Clic. Riptere il commando per posizionare più elementi, premere INVIO (DX-CLIC) o ESC per terminare. In Vista-3D: Prima selezionare il p iano-3d e poi posizionare il blocco sulla sua superficie. Ripetere il commando per posizionare più elementi o premere INVIO (DX-CLIC) o ESC per terminare. 3.3 Modificare il modello-3d Non vi sono ulteriori comandi nella Barra-Strumenti o nel menu-principale relative alle Apparecchiature-elettriche; è possibile operare utilizazndo i marcatori o modificando le proprietà.

22 16 Definizioni Comandi del PopMenu Marcatori Nel caso di utilizzo di un Blocco-2D per la rappresentazione 2D, appare un piccolo nodo-marcatore, utilizzando i comandi del pomenu marcatore su esso è possibile spostare il Blocco-2D in modo indipendente dal modelo-3d. Blocco-2D in posizione default Blocco-2D spostato Sposta Blocco-2D Consente di spostare il Blocco-2D in modo independente dal modello-3d. Ruota Blocco-2D Ruota il Blocco-2D in modo independente dal modello-3d. Ripristina Blocco-2D Ripristina la posizione originale del Blocco-2D. 3.4 Definizioni Posizione Elevazione relativa Elevazione relativa al livello del piano architettonico. Elevazione assoluta Elevazione rispetto al livello dell edificio Funzione Funzione Nome del Blocco-2D. Usa Blocco-2D in 2D

23 Definizioni 17 Se selezionato, l Apparecchiatura-Elettrica viene rappresentata dal Blocco-2D, altrimenti viene rappresentata da un semplice rettangolo di dimensioni reali. Scala Blocco-2D Consente di scalare il 2D Blocco dal valore indicato Progetta Profilo Il profilo esterno dell Apparecchiatura-Elettrica. Texture La texture da applicare all Apparecchiatura-Elettrica. Se l opzione 'Interruttore / Presa 3D è attivata, questa texture viene applicata ai bordi. Larghezza La larghezza totale dell Apparecchiatura-Elettrica. Altezza L altezza totale del Apparecchiatura-Elettrica. Spessore Lo spessore dell Apparecchiatura-Elettrica. Se l opzione 'Interuttore / Presa 3D è attivata, questa texture viene applicata ai bordi Raggruppamenti Numero di Elementi Numero di Interruttori o Prese in un singolo Telaio. Stessa Funzionalità Se attivo, tutti gli Interrruttori o Prese contenuti nel singolo Telaio hanno la stessa funzionalità e vengono rappresentatai dallo stesso Blocco-2D. Posizione Indica se gli Interruttori o Prese sono posizionati orizzontalmente o verticamente. Offset La distanza di offset tra due Interruttori o Prese nel singolo Telaio.

24 18 Definizioni Offset Blocco-2D in pianta La distanza tra due punti di inserimento di due Blocchi-2D in pianta Interuttori e Prese 3D Attiva Se attivo, gli Interruttori o Prese 3D appiano in un Telaio, altrimenti le Apparecchiature-Elettriche vengono completamente rappresentate da una forma unica descritta nella parte 'Progetta. Modello da Funzione Se attivato, il pofilo con nome uguale a quello del Blocco-2D viene utilizzato come profilo di generazione dell Interuttore o presa 3D. Profilo Il Profilo utilizzato come base della forma 3D dell Interrutore o Presa. Texture Texture dell Interrutore o Presa 3D. Larghezza Alarghezza dell Interrutore o Presa of the 3D. Altezza Altezza dell Interrutore o Presa 3D. Spessore Spessore dell Interrutore o Presa 3D. Bordo Distanza tra perimetro estrerno e Interrutore o Presa 3D.

25 Lavore con le Schermature - Frangisole 19 4 Schermature solari - Frangisole 4.1 Lavore con le Schermature - Frangisole Doghe e Telai Una schermatura è composta dalle doghe, dai telai che supportano le doghe disdposti lungo una percorso disegnato in Pianta-2D. Il Telaio è la struttura che si sviluppa lungo la traiettoria in pianta-2d. Il Telaio può essere orizzontale, verticale o definito dall utente selezionando il comando Definisci Telaio utente da Popmenu.

26 20 Lavore con le Schermature - Frangisole Orizzontale Verticale Utente Doghe - Frangisole Le doghe sono strutture che si sviluppano parallelamente alla traiettoria definita in pianta-2d. Possono ruotare attorno al loro asse e si possono definire tipi diversi nella posizione inziale e finale Distribuzione dei telai e profili Specificando la distribuzione della schermatura è possibile attivare o disattivare la generazione dei telai di supporto nei nodi della traiettoria : Telai attivati sui nodi traiettoria Telai disattivati sui nodi traiettoria

27 Creare una schermatura esterna 21 La regola principale di distribuzione dei telai e doghe sono le stesse : alla data distanza è possibile distribuire i telai o le doghe in tre modi: Allinea al punto inziale Usa il valore esatto del passo (1.00) Allinea al punto finale Usa il valore esatto del passo (1.00) Distribusci a passo costante Il valore del passo viene modificato (1.00) 4.2 Creare una schermatura esterna Prima di tutto definire le proprietà di default delle Schermature selezionando Architettura/ Proprietà / Schermature nella Barra-Strumenti. È possibile posizionare le schermature con il commando Architettura / Architettura di esterni / Schermature. Disegnare un Profilo paerto con gli strumenti dello strumento Definisci Profilo. Nel tracciamento è possibile selezionare il lato del profile in cui realizzare la strutura selezionando l opzione Simmetria dalla Barra-Strumenti. 4.3 Modificare il modello-3d Non ci sono altri comandi nella barra in the main menu related to the External louvres; you can work with them using the Popup menu and the markers Comandi PopMenu Definire una Telaio utente

28 22 Definizioni Per definire una Telaio utente, prima di tutto bisogna definire il profilo aperto del terlaio stesso, per terminare premere Invio. Successivamente premere Clic nel punto di intersezione del profilo (il Telaio risulterà allineato alla traiettoria principale in questo punto) Il commando è disponibile solo in Pianta-2D Comandi PopMenu-Marcatori Cosente di modificare il Profilo in pianta.-2d utilizzando i seguenti comandi: Sposta Nodo Cancella Nodo Aggiugi Nodo Offset Linea -> Arco Arco -> Linea Edge Modifica Arco Modifica Raggio 4.4 Definizioni Posizione Elevazione relativa (al piano) Elevazione dal piano corrente. Altezza assoluta Elevation including the floor level.

29 Definizioni Telaio Tipo Telaio Orizzontale, Verticaole o Utente. È possibile definire un Telaio Utente selezionando il commando Definisci Telaio Untente. Dimensione Telaio Lunghezza o Altezza del Telaio. Profilo sezione Profilo sezione del Telaio. Texture Texture del Telaio Posizionamento Telai Passo Distanza tra Telai Telai nei nodi percorso Se attivo, vengono posizionati i Telai nei nodi del percorso, e li altri Telai vengono posizionati lungo i tratti. Offset del primo Telaio Distanza iniziale, la distanza del primo telaio rispetto all inizio del percorso. Offset dell ultimo Telaio Distanza finale, la distan dell ultimo telaio rispetto all estremo del percorso. Modalità di posizionamento Consente di allineare i Telai rispetto all inizio o rispetto alla fine del percorso, o ditribuire i Telai in modo uniforme (modifica il valore del passo impostato) Doghe Profilo sezione Profilo sezione delle doghe. Rotazione Rotazione delle doghe. Texture Textureof delle doghe.

30 24 Definizioni Prima e ultima Dogha diverse Se attivo, la prima e ultima doga possono avere profilo o Texture diversi. Profilo sezione Profilo sezione della prima e ultima doga. Rotazione Rotazione della prima e ultima doga. Texture Texture xdella prima e ultima doga Posizionamento Doghe Passo Passo tra doghe. Offset prima Doga Distanza tra origine del telaio e prima doga. Offset ultima Doga Distribuzione Distanza tra la fine del Telaio e l ultima Doga. È possibile allineare la sequenza di doghe rispetto all oriine o fine del Telaio, o distribuire le doghe a passo costante tra inizio e fine (modifica il valore dfel passo impostato). Offest al primo Telaio Distanza tra punto inziale della doga e il primo Telaio. Offset all ultimo Telaio Distanza tra estremo della Doga e ultimo Telaio. 5 Schermature per Interni - Tende Nelle versioni precedenti di ARCHLine.XP sono state introdotte con successo le superfici e membrane. In sono stati introdotti nuovi

31 Lavorare con le tende per Interni 25 strumenti guidati che guidano la creazione e gestione di tende e schermature (ombreggiamenti) per interni ed esterni. 5.1 Lavorare con le tende per Interni Tenda tradizionale Tenda a pacchetto Tenda venziana Tenda strisce Creare tende per Interni È possibile creare una tenda d interni selezionando una aperture (porta o finestra) sulla quale posizionare la tenda o disegnando l ingombro direttamente in pianta- 2D.. Per creare una tenda su una aperture estitente selezionare Architettura > Architettura Interni (o Arredo nella versione Interior) tenda tradizionale/tenda a pacchetto /tenda-veneziana /tenda-strisce >su Apertura dal menu principale e clic sul lato appropriato della porta o finestra. selezionare Architettura > Architettura Interni (o Arredo nella versione Interior) tenda tradizionale/tenda a pacchetto /tenda-veneziana /tenda-strisce >su Apertura dal menu principale e disegnare il rettangolo di ingombro della tenda. Premendo il tasto TAB è possibile spostare simmetricametne la linea di riferimento blu. Successviamente appare la dialog nella quale è possibile definire i parametri e valori desiderati per la tenda. Al termine appare la tenda in pianta-2d e in 3D.

32 26 Lavorare con le tende per Interni Per iniziare a creare una tenda per è possibile utilizzare la Barra-Strumenti, poi sono disponbili solo due modalità di creaazione per ogni tenda: Barra-Strumenti Tenda Tradizionale Tenda a Pacchetto Tenda Veneziana Tenda Verticale Main menu Tenda Tradizionale / per due Punti Tenda a-pacchetto/ su Apertura Tenda Veneziana / su Apertura Tenda Verticale / per due Punti Modifica in pianta-2d Dopo avere selezionata la tenda in pianta- 2D, è possibile modificarne le caratteristiche. Tramite I nodi-grip è possibile modificare la lunghezza o spostare l estermo. L opzione Offset consetne di spostare la tenda parallelamente al lato Modifica della superficie della tenda È possibile modificare la superficie della tenda selezionandola tenendo rpemuto il tasto ALT e premendo il tasto destroy Dx-Clic sopra e selezionando modifica superficie tenda. In vista-3d è possibile spostare ogni singolo nodo della superficie, bloccare i bordi nella posizione desiderata, ecc. Nota : se vongono modificate le proprietà della della tenda da dialog (descritte nella sezione precedente), il modello della tenda viene rigenerato e le modifiche locali vengono perse.

33 Lavorare con le tende per Interni Converti Tenda Ogni tipo-tenda può essere modificato in altro tipo premendo sopra con Dx-Clic e selezionando il comando Converti in. È possibile anche modificare una tenda in una superricie gravitazionale generica Mantovana / Sopra-Tenda Per la Tenda-Tradizionale e Tenda-Strisce è possibile definire la Mantovana detta anche Sopra-tenda. La Mantovana è un profilo allineato al top della tenda. Per inserire la mantovana sopra la tendatradizionale o tenda-strisce attivare l opzione Mantovana nella dialog proprietà. Mantovana è definita nella dialog : Profilo Mantovana Il profilo della sezione della Mantovana. L hotspot del Profilo è allineato al top della tenda. Texture La Texture della mantovana.

34 28 Tiplogie Tenda Offest verticale Specifica l offest verticale della Mantovana rispetto al top tenda. Offset orizzontale Specifica l offest orizzontale della Mantovana rispetto al top tenda. Sbordo Defisice I valori di sbordo (negativo/positivo) rispetto alla larghezza della tenda. 5.2 Tiplogie Tenda Ogni tiplogia di tenda ha una speficia dialog proprietà. Dopo aver indicato la posizione della tenda in pianta-2d, appare la specifica dialog e la tenda verrà creata in base ia volori dei parametri. Per modificare una tenda premere Dx-Clic sopra e selezionare Proprietà.

35 Tiplogie Tenda Tenda-tradizionale Elevazione Top Elevazione della parte superiore della tenda rispetto al livello Piano. Elevazione Base Elevazione della base tenda rispetto al livello Piano. Larghezza Larghezza dell box d ingombro della tenda. Dividi Tenda Se attivo, divide la tenda in due parti.

36 30 Tiplogie Tenda Dividi-tenda attivo Dividi-tenda non attivo Distanza tra lati Definisce la distanza tra le due parti simmetriche della tenda (divisa). Arricciamenti Con il curosre è possibile aggiustare il livello di arricciamento della tenda. Valori inferiori significa minore arricciamento. arricciamento: 0% arricciamento: 50% arricciamento: 100% Rientri intermedi Consente di specificare il valore di rientro della tenda tradizionale. Rientro: 0% Rientro: 50% Rinetro: 100% Distanza Rientro dal Top Consente di definire la l elevazione del Rientro (se il valore Rientro è diverso da 0) I valori da 0% a 100%, sono calcolati a partire dal top tenda.

37 Tiplogie Tenda 31 Distanza rientro dal top =: 0% Distanza rientro dal top: 50% Distanza rientro dal top: 100% Irregolarità Consente di indicare l indice di irregolarità degli arricciamenti. Irregolarità : 0% Irregolarità: 100% Dettaglio Consente di specificare il livello di dettaglio della superficie. Dettaglio : 1 Dettaglio: 5 Gravità Consente di specificare la gravità peso del tessuto. Gravità: 0 Gravità: 2 Gr Gravità avity: 4 Texture Premere clic sul tasto Texture e selezionare nei cataloghi la Texture da applicare alla tenda.

38 32 Tiplogie Tenda Tenda a-pacchetto Elevazione Top Specifica l elevazione del Top della tenda a-pacchetto, misurata rispetto al livello piano attivo. Elevazione Base Specifica l elevazione della Base della tenda a-pacchetto tenda completamente estesa. Mumero di pieghe Specific ail numero di pieghe. Apertura Specifica il grado di apertura della tenda, valori infieriori indicano tenda chiusa, valori superiori per aprire la tenda.

39 Tiplogie Tenda 33 apertura: 0% apertura: 50% apertura: 100% Dettaglio Specifica il livello di dettaglio della superficie della tenda. Valori levati indicano un lveillo di dettaglio superiore. Texture Clic sul tasto Texture per selezioanre la Texture da applicare alla tenda.

40 34 Tiplogie Tenda Tenda Veneziana Elevazione Top Specifica l elevazione del Top della tenda veneziana, misurata rispetto al livello piano attivo. Elevazione Base Specifica l elevazione della Base della tenda veneziana tenda completamente estesa. Largehezza striscia La specifica la larghhezza della strisca orizzontale. Rotazione Strisca Specifica la rotazione delle strisce. Il valore 50% specifica una inclinazione strisce orizzontale. La max. rotazione è 80 in entrambe le direzioni Apertura Specifiaca il grado di aperture della tenda veneziana, valori inferiori specificano tenda chiusa, valori eleveati tenda aperta. Texture Clic sul tasto Texture per selezioanre la Texture da applicare alla tenda.

41 Tiplogie Tenda Tenda a strisce (verticali) Elevazione Top Specifica l elevazione del Top della tenda veneziana, misurata rispetto al livello piano attivo. Elevazione Base Specifica l elevazione della Base della tenda veneziana tenda completamente estesa. Dividi in 2 parti Se attivola tenda viene divisa in due parti simmetriche. Split curtain enabled Split curtain disabled Disatanza tra parti Specifica la distanza tra le due parti di tenda. Larghezza strisce Specifica la larghezza della striscia verticale.

42 36 Tiplogie Tenda Rotazione Strisca Specifica la rotazione delle strisce. Il valore 50% specifica una inclinazione strisce perpendiocolare. La max. rotazione è 80 in entrambe le direzioni Apertura Specifiaca il grado di aperture della tenda veneziana, valori inferiori specificano tenda chiusa, valori eleveati tenda aperta. Texture Clic sul tasto Texture per selezioanre la Texture da applicare alla tenda. 6 Gestione unificata Layer Nelle versioni precedent di ARCHLine.XP ogni elemento del disegno (incluse le viste 2D e 3D) avevano la loro propria indipendente struttura Layer. In ARCHLine.XP 2011 le viste-3d e la pianta-2d hanno e condividono la stessa struttura Layer: main shared layer structure default 2D window (pianta-2d) 3D view (perspective) 3D view (elevation) 3D view (section) seaprate layer structure seaprate layer structure additional 2D window (e.g. imported DWG) (pianta-2d) additional 2D window (e.g. detail drawing) Se viene creato, modificato o canfellato un layer nella vistqa pianta-2d, si vede l efetto nelle Viste-3D e viceversa.

43 Tiplogie Tenda 37 Creando un progetto nella versione 2011, la prima vista pianta-2d diventa default, questo è il titolo che appare nella barra della finestra. Tutti i progetti creati con versioni precedenti non vengono modificati in ARCHLine.XP Il nuovo sistema di gestione Layer è disponbile solo per i progetti creati con la versione 2011.

44 38 Tiplogie Tenda 7 Desing-Center Il nuovo Desing-Center aiuta a trovare gli oggetti desiderati in cataloghi anche di grandi dimensioni, in modo rapido e semplice. Il vecchio stile, basato sulla visualizzazione di una lista di directory è sulla parte superiore. Il nuovo Desing-Center risolve il problema di gestione, ricerca, selezione di un elemento all interno di cataloghi contenenti un enorme quantità di oggetti. Utilizzando il nuovo Desing-Center sarete in grado di ricercare un oggetto in pochi secondi. Il nuovo Desing-Center è in grado di mostrare e gestire in un unica interfaccia i seguenti elementi: Texturei ( Texture ); Oggetti; Porte; Finestre; Fonti Luminose;

45 Gestione dei contenuti tramite categoria 39 Blocchi 2D; Set. Di seguito una breve lista di alcune novità introdotte con il nuovo Desing-Center: 7.1 Gestione dei contenuti tramite categoria Un oggetto può appartenere a più categorie allo stesso tempo. 7.2 Cronologia Ricerche Il software registra continuamente i risultati delle precedenti ricerche, in questo modo è possibile sfogliarle e ritrovare velocemente un elemento già utilizzato. 7.3 Motore di Ricerca Rapido Il nuovo motore di ricerca è pensato per restituire in tempi molto brevi gli elementi desiderati, anche se essi si trovano all interno di un database molto vasto e pesante. 7.4 Campo Ricerca per Parola Avete dimenticato il nome di un oggetto utilizzato in precedenza? Non preoccupatevi! Digitate parte del nome di esso che ricordate, ed il motore di ricerca sarà in grado di trovarlo lo stesso! 7.5 Interfaccia unificata per ogni tipo di elemento Potrete lavorare con porte, finestre, oggetti, blocchi 2D o Texturei; utilizzerete sempre la stessa chiara e semplice interfaccia che vi porterà vantaggi nel trovare gli elementi desiderati.

46 40 Muri da disegno DWG 8 Murature introduce una serie di novità e migliorie nella gestione delle murature. 8.1 Muri da disegno DWG Grazie a questo nuovo comando il processo di creazione di murature a partire da un disegno DWG diventa molto più semplice e diretto, è sufficiente specificare i due estremi del tratto di muratura e lo spessore, il muro viene creato immediatamente. Esempio: 1. DWG importato in ARCHline XP Disegno convertito tramite ARCHline XP 2011

47 Edit del Profilo frontale del muro in 3D Edit del Profilo frontale del muro in 3D Cliccando una superficie del muro in 3D e scegliendo Profilo / Modifica Profilo frontale. 8.3 Muro inclinato longitudinalmente in 3D consente di definire l inclinazione longitudinale del muro in 3D.

48 42 Muro inclinato longitudinalmente in 3D

49 Usare il File Ambiente totale 43 9 Immagini e Commenti In ARCHline XP 2011 è possibile allegare immagini e foto ad un qualsiasi elemento del progetto. Questa funzionalità può essere molto utile nel corso dello sviluppo di un edificio; usando le fotografie originali è possibile confrontare lo stato reale del modello o del disegno 2D. IMMAGINE 10 File Ambiente totale Il file Ambiente Totale consente di salvare in un unico file : SET, impostazioni, Texturei, oggetti, e molti altri. Questo consente di applicare o trasportare lo stesso identico ambiente su diversi PC, su diverse postazioni di lavoro. Basta seguire la procedura guidata e personalizzare il salvataggio dell ambiente secondo le proprie esigenze Usare il File Ambiente totale Avviare il comando da Menù File Preferenze Programma Ambiente totale

50 44 Usare il File Ambiente totale Salvare la configurazione E possibile salvare il proprio ambiente di lavoro in un unico file per trasferirlo in un altra postazione Caricare la configurazione E possibile caricare il proprio ambiente di lavoro salvato in precedenza in un altra macchina. 11 Dialog compatta proprietà Oggetti, Finestre e Porte La finestra di dialogo delle proprietà di oggetti, porte e finestre è stata unificata in un interfaccia più semplice in ARCHline XP 2011.

51 Usare il File Ambiente totale Assistente PORTE Utilizzando l assistente PORTE è possibile creare nuove porte complesse in pochi passi. Questo strumento è studiato per offrire un modo velocve e semplice per creare nuove porte. È possibile definire proprietà importanti quali Maniglie, Texture (anche immagini di porte commerciali), telai con profilo, Soglie con profilo, Oggetti ed Accessori e Profili per decorare la superficie della Porta.

52 46 Come usare l assistente Porte L assistente Porte contiene diverse sezioni: sulla sinitra Barra-controllìo, al centro Pannello-Proprietà, a destra l anteprima 3D, al fondo pannello- controlli. Barra- Controllo Proprietà Anteprima-3D Controlli 12.1 Come usare l assistente Porte

53 Come usare l assistente Porte 47 Open the Assistente-Porte e specificare le proprietà. Quando viene indicato un nuovo valore, è possibile avere una anteprima del mdoello 3D premendo il tasto Rigenera sopra la vista anteprima-3d. Al termine delle definizioni, specificare il nome della nuova Porta nella barra-controllo e premere il tasto OK. la nuova Porta è pronta per essere posizionata nel progetto Proprietà Generali Nel pannello proprietà Generali dell Assistente-Porte sono prsenti tutte le proprietà generali della geometria. Larghezza Il valore della larghezza della Porta, incluso il Telaio. Altezza Il valore dell altezza della Porta, incluso il Telaio.

54 48 Come usare l assistente Porte Spessore Il valore dello spessore del pannello della Porta, senza decorazioni e maniglie A Il valore A specifica la sovrapposizione laterale dei pannelli della Porta sopra il telaio Porta B Il valore B specifica lo spessore del pannello Porta la cui parte rimane interna alla effettiva larghezza netta C Il valore C specifica la sovrapposizione superiore del pannello Porta con il Tealio D Il valore D specifica la sovrapposizione inferiore del pannello Porta con la soglia Offset Porta L opzione Offset Porta specifica eventuale distanza tra il pannello Porta ed il telaio,. Se il valore è 0, la Porta è perfettamente allineata al telaio. Se il valore è diverso da 0 allora il pannello Porta risulta spostato perpendicolarmente in direzione positiva o negativa, in funzione del segno del valore Larghezza effettiva netta La larghezza effettiva netta indica la distanza tra i profili del telaio. Questo valore è importante per definire la larghezza netta della Porta Pannello Anteprima-3D Il pannello laterale mostra in anteprima il modello della Porta con le proprietà specificate. L anteprima è un disegno ARCHLine.XP, quindi possono essere tuilizazti gli strumenti come Zoom e pan per verificarene i dettagli.

55 Proprietà Maniglia Proprietà Maniglia In proprietà Maniglia sono presenti le proprietà geometriche per le Maniglie Con Maniglia L opzione attiva la presenza delle Maniglie e Serrature nel pannello Porta. L opzione deve essere attivata per specificare le Maniglie e Serrature X/Y/Z Offset I valori Offeset X/Y/Z delle proprietà Maniglia-Porta consente di definire l offest delle Maniglie in ogni direzione. Il punto di allineamento in basso-sinistra è l origine (0,0,0). I tre valori sono le direzioni X, Y, Z Maniglia interna La Maniglia interna conesnte di specificare la maniglia per la parte interna della Porta e di specificare tra le tipologie standard o un oggetto da Desing-Center. Clic

56 50 Proprietà Texture Porta sul tasto per selezionare nella lista il tipo di maniglia : Standard, Tonda, Sphere Sferica o Utente. La scleta determina una diversa geometria maniglia Porta con serratura. Per definire una maniglia Utente, selezionare Utente nella lista, e clic sul tasto. Appare la dialog di scelta dell oggetto tra i cataloghi esistenti Rotazione su asse X/Y/Z Consente di specificare l angolo di rotazione della maniglia sugli assi X/Y/Z. Per I valori di default sono 0, 0, 0 in gradi. Specificare l angolo di rotazione della maniglia Maniglia esterna La Maniglia esterna consente di specificare la maniglia per la parte interna della Porta e di specificare tra le tipologie standard o un oggetto da Desing-Center. Clic sul tasto per selezionare nella lista il tipo di maniglia : Standard, Tonda, Sphere Sferica o Utente. La scleta determina una diversa geometria maniglia Porta con serratura. Per definire una maniglia Utente, selezionare Utente nella lista, e clic sul tasto. Appare la dialog di scelta dell oggetto tra i cataloghi esistenti Rotazione su asse X/Y/Z Consente di specificare l angolo di rotazione della maniglia sugli assi X/Y/Z. Per I valori di default sono 0, 0, 0 in gradi. Specificare l angolo di rotazione della maniglia Allineamento Maniglia La matrice Alineamento consente di specificare la posizione della maniglia nel pannello Porta. L allineamnto può essere rifinito utilizzando l offest X/Y/Z Maniglia + Serratura L opzione Maniglia à Serratura inserisce ed unisce la maniglia con la serratura in un ogetto singolo per le tiplogie : Standard, Tonda o Sferica. Nel caso di maniglia Utente, non determina nessuna azione.

57 Proprietà Texture Porta Proprietà Texture Porta Nel pannello Texture property è possibile specificare le Texture per ogni component della Porta Texture Pannello Fronte/Retro Specifica le Texture da applicare rispettivametne per il Fronte e Retro del pannello Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture Texture laterale Il tasto Texture laterale consente di specificare la Texture laterale della Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture Texture Maniglia interna Specifica la Texture Maniglia interna della Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture. Se la maniglia è di tipo Utente, per modificare la Texture della maniglia è necessario modificare l oggetto nel rispettivo pannello proprietà Texture Maniglia esterna Specifica la Texture Maniglia esterna della Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture. Se la maniglia è di tipo Utente, per modificare la Texture della maniglia è necessario modificare l oggetto nel rispettivo pannello

58 52 Proprietà Texture Porta Texture Telaio Specifica la Texture telaio della Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture Texture Soglia Spcifica la Texture della soglia della Porta. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture Texture Decorazione esterna Specifica la Texture del (eventuale) sotto-telaio nel pannello esterno della Porta. Questa opzione verrà appicata solo nel caso in cui sia attivata l opzione sotto-telaio esterno nelle definizioni. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture Texture Decorazione interna Specifica la Texture del (eventuale) sotto-telaio nel pannello interno della Porta. Questa opzione verrà appicata solo nel caso in cui sia attivata l opzione sotto-telaio interno nelle definizioni. Clic sul tasto Texture per modificare la Texture nel Gestore Texture.

59 Proprietà Telaio Proprietà Telaio Specifica le proprietà del Telaio della Porta Larghezza Specifica la larghezza del profilo del telaio. Il valore sovrascrive il valore originale del profilo Spessore Spessore specifica il valore dello spessore del telaio. Il valore specificato sovrascrive il valore originale Profilo Telaio Seleziona Profilo Il tasto consente di selezionare il Profilo del telaio nella libreria Profili. Clic sul Profilo desiderato Anteprima Profilo Anteprima del profilo selezionato

60 54 Proprietà Soglia 12.5 Proprietà Soglia Consente di specificare le proprietà della Soglia della nuova Porta. Usa Soglia Attiva al generazione della soglia della nuova Porta Larghezza Specifica larghezza della Soglia Altezza L altezza della Soglia Offset Specifica la distanza di offset della soglia rispetto alla posizione della porta nel piano. L ofest viene misurato in valore negativo o positivo rispetto alla posizione corrente della porta. Sbordo

61 Accessori 55 Specifica la dimensione esterna del bordo della soglia rispetto alla larghezza della porta. Profilo Soglia Seleziona Profilo Consente di specificare il Profilo della soglia nella libreria Profili. Clic sul Profilo desiderato. Anteprima Profilo Mostra in anteprima il profilo selezionato Accessori Nella sezione Proprietà Accessori è possibile specificare le proprietà degli accessori della Porta oltr che la geometria accessories.

62 56 Decorazioni Lista Accessori Selezionando il tasto in alto, appare la lista degli accessori della Porta e selezionandone uno, di modificrne le proprietà. Se non sono stati definiti oggetti accessori per la Porta, la lista risulta vuota. Offest X/Y/Z Cosente di specificare l offest di posizionamento dell oggetto. L origine 0,0,0 è l origine della porta (in basso a sinistra). Rotazione su assi X/Y/Z Consente di specificare la rotazione dell oggetto accessorio rispetto nelle direzioni X/Y/Z degli assi (locali) Lato Cosnete di specificare il lato (Interno / Esterno) su cui disporre l oggetto Accessorio Oggetto Seleziona Oggetto Premendo il tasto seleziona Oggetto si accede alle librerie di selezione degli oggetti-3d. Sono ammissibili sonlo oggetti non parametrici. Riferimento posizione La matrice di posizionamento consente di definire l origine di riferimento nel posizionamento dell oggetto (e di conseguenza nei valori di offest impostati). Aggiungi Oggetto Aggiugne un oggetto accessorio. Selzionando il tasto si accede alla libreria oggett-3d. Rimuovi Oggetto Consente di rimuovere l oggetto corrente dagli oggetti accesori 12.7 Decorazioni Il pannello pdella porta può essere arrichito da Decorazioni geometriche che si basnao sulla definizione di una Decorazione. Nella nuova porta possono essere inseriti delle decorazioni con caratteristiche e spessori diversi. La decorazione o pannelli di decorazione sono generati da un profilo chiuso (semplice o complesso) le cui aree chiuse indicano le parti in cui

63 Decorazioni 57 verranno creati i pannelli ausiliari (ad esempio una porta vetrata) sul pannello originale. Usa Decorazione Opzione attiva o disattiva la generazione della decorazione Spessore negativo L opzione se attivata indica che lo spssore della decorazione viene calcolato in negativo, cioè scava lo sperrore del pannello Porta su cui si appoggia. Larghezza Larghezza del profilo (ingombro) Altezza Altezza del profilo (ingombro) Offset X/Y Offest nelle direzioni X/Y, spostamento del profilo decorazione rispetto all orgine in basso a sinistra del pannello base.

64 58 Decorazioni Profilo Consente di selezionare il profilo di decorazione tra i profili memorizzati nella libreria dei profili chiusi. Per definire un nuovo Profilo chiuso si ramanda alla descrizione del comando specifico. Nella libreria dei profili è presente un catalogo specifico di profili decorazione. La regola base è simile a quella di applicazione automatica dei Retini, tutte le aree chiuse di primo e secondo livello vengono identificate come pannelli decorazione, ai due livelli di aree chiuse vengono applicati (se presenti) i valori i due spessori specificati (esterno ed interno) in modo negativo (scavo) o postivo (rilievo) rispetto al pannello su cui sono applicati. Spessore Profilo-Decorazione 1 livello Specifica lo spessore del profilo della decorazione del primo livello di area chiusa. Spessore Profilo-Decorazione interno Specifica lo spessore del profilo della decorazione del secondo livello di area chiusa

65 Dati Dati Nome Il nome della nuov Produttore Produttore Codice Articolo Codice articolo porta Descrizione Testo ausiliario descrizione porta e note Valore-U Valore trasmittanza termica porta

66 60 Nuova Dialog TETTI 13 Tetti nuova gestione Le coperture o tetti sono elementi complessi il che comporta la specificazione di un numero elevato di parametri. La nuova gestione modifica sostanzialmente l interfaccia di gestione, offrendo strumenti più chiari e semplici per la specificazione, modifica e comprensione dei vari parametri Nuova Dialog TETTI La finestra delle proprietà del tetto è stata rivista dalle basi. L obbiettivo della trasformazione è quello di una dialog più chiara e che permetta di ottenere un flusso di lavoro più funzionale per arrivare alla realizzazione del tetto.

67 Semplice gestione delle falde del Tetto Semplice gestione delle falde del Tetto Comandi di modifica geometrica della geometria Falde del tetto per creare diversi tiplogie di tetto: Padiglione Timpano Falda di testa

68 62 Gestione degli strati della soletta del Tetto Falda parziale Falda doppia 13.3 Gestione degli strati della soletta del Tetto IMMAGINE 13.4 Gestione delle Travi e Sezioni del Tetto

69 Travature e Travi - Catena Travature e Travi - Catena Rappresentazione 2D La rappresentazione 2D delle travi catena ora è definita con una sola opzione. Inoltre è possibile, in accordo agli standard in alcune nazioni EU, di rappresentazioni distinte dei terminali.

70 64 Travature e Travi - Catena Trave CATENA Semplice o Doppia È possibile definire la posizione della trave CATENA, allineata alla trave inclinata oppure disposta su un lato (sinistro o destro) oppure su entrambi i lati (trave catene doppia).

71 Travature e Travi - Catena Informazioni Nella nuova schermata delle proprietà del tetto è stata aggiunta una scheda che contiene le principali informazioni geometriche del tetto. 14 Vista fronte-muro La nuova funzione consente di creare l immagine frontale rispetto al muro della sezione di lavoro definita. La funzione è importante perché consente di realizzare una immagine sezione vista fronte - Muro, comprendente degli eventuali elementi addossati al muro, in colore e texture

72 66 Travature e Travi - Catena

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10.1

Le novità di QuarkXPress 10.1 Le novità di QuarkXPress 10.1 INDICE Indice Le novit di QuarkXPress 10.1...3 Nuove funzionalit...4 Guide dinamiche...4 Note...4 Libri...4 Redline...5 Altre nuove funzionalit...5 Note legali...6 ii LE NOVITÀ

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Istruzioni per visualizzazione codici di particella, simboli e linee tratteggiate in ArcGis 8.x 9.x 1- Da pannello di controllo in Windows installare

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Indice 1 Introduzione... 5 1.1 Campi di applicazione... 6 1.2 Caratteristiche principali... 6 2 Informazione tecnica... 7 2.1 Requisisti raccomandati... 8 2.2 Scheda

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni ADOBE PREMIERE ELEMENTS Guida ed esercitazioni Novità Novità di Adobe Premiere Elements 13 Adobe Premiere Elements 13 offre nuove funzioni e miglioramenti che facilitano la creazione di filmati d impatto.

Dettagli

Cattura e memorizza in formato digitale qualunque cosa tu scrivi su carta normale con la penna. Guida per l'utente

Cattura e memorizza in formato digitale qualunque cosa tu scrivi su carta normale con la penna. Guida per l'utente Cattura e memorizza in formato digitale qualunque cosa tu scrivi su carta normale con la penna. Guida per l'utente Federal Communications Commission (FCC) Radio Frequency Interference Statement This equipment

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli