Approvato il nuovo P.G.T.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvato il nuovo P.G.T."

Transcript

1 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 1 Febbraio 2009 APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE progett snago Approvato il nuovo P.G.T. La promessa è stata MANTENUTA: costruire meno per costruire meglio S iamo estremamente soddisfatti per l'approvazione definitiva del PGT (Piano di Governo del Territorio, che ha sostituito il Piano Regolatore) avvenuta nella serata di venerdì 19 dicembre, dopo circa due anni di lavoro. Si trattava di uno dei principali impegni del mandato e siamo orgogliosi di essere tra i primi comuni della Provincia ad approvare il nuovo strumento urbanistico. Come promesso nel programma elettorale con il quale Progetto Osnago ha ottenuto nel giugno del 2004 il mandato per amministrare il paese per cinque anni, abbiamo posto la nostra attenzione alle scelte urbanistiche, sinora vincolate dal Piano Regolatore del Nel 2005 la Regione Lombardia ha approvato una legge urbanistica regionale (LR 12/2005) con nuove indicazioni in materia, sostituendo il Piano Regolatore Generale (PRG) con il Piano di Governo del Territorio (PGT). La legge è stata più volte rivista in quanto ha posto notevoli difficoltà ai comuni, causando così ritardi generalizzati. Abbiamo aspettato che il testo fosse abbastanza consolidato ed a inizio 2007 abbiamo affidato l incarico ad un gruppo di professionisti (un urbanista, un architetto, un avvocato) di redarre il PGT di Osnago. Dopo alcuni mesi di confronto all'interno dell'amministrazione il 21 settembre 2007 è stata convocata la prima assemblea pubblica con la presentazione della bozza del Piano, resa pubblica e consultabile subito dopo. Sin dall'inizio quindi il percorso è stato molto trasparente: l'ammini- 1

2 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 2 [Continua da pagina 1] strazione ha reso pubblici tutti i documenti, nove mesi prima dell'adozione del Piano di Governo del Territorio. Dal 21 settembre 2007 sino al 27 giugno 2008 si è sviluppato un confronto che ha coinvolto singoli cittadini, operatori, forze sociali, Enti (Parco, ASL, ARPA, comuni limitrofi, Provincia). Nel corso di una seconda assemblea pubblica il 22 aprile 2008 è stata presentata la bozza finale del lavoro, mentre pochi giorni dopo il gruppo di maggioranza Progetto Osnago ha distribuito a tutti i cittadini un opuscolo con le idee-forza del piano ed alcune spiegazioni (differenza fra PGT e PRG, confronti tra il PRG del 1991 e la proposta di nuovo PGT, ecc.). Lo strumento urbanistico è stato adottato dal Consiglio Comunale il 27 giugno Sono state presentate 56 osservazioni, quasi tutte discusse in incontri successivi. Gli incontri sono stati molto utili per accogliere i problemi espressi dai cittadini: infatti 14 osservazioni sono state recepite in toto, 18 parzialmente, mentre 24 sono state respinte. La strategia generale del PGT si riassume nel motto "una pausa di riflessione". Anche questo era un impegno chiaro preso con i cittadini: frenare il tumultuoso sviluppo urbanistico degli ultimi anni innescato dal PRG espansivo del 1991, puntare sulla riqualificazione più che sulla nuova costruzione, incentivare la qualità più che la quantità. Il Piano mira al recupero del centro storico, al governo della frammistione d'usi (situa- zioni con industriale vicino a residenziale, ad esempio), alla riqualificazione della città pubblica, alla fruibilità degli spazi aperti e alla riqualificazione della provinciale SP342dir. Sono state dunque prese scelte importanti come la cancellazione di alcuni Piani di Lottizzazione residenziali e commerciali, la riduzione della densità fondiaria da 1,2 a 1 mc/mq, l'incentivazione per le costruzioni ad alta classe energetica (B, A e A+), l'aumento del 50% della richiesta di parcheggi per le nuove costruzioni. Non potendo cambiare il passato, abbiamo scritto regole per uno sviluppo del paese più armonico con la consapevolezza che il territorio è un bene prezioso da preservare e non solo da consumare. Il Piano risolve anche lo storico nodo della zona Fiera. Attraverso un'espansione della zona produttiva a ridosso di Brugarolo, che permette l espansione e la ricollocazione delle aziende del territorio, viene cancellato il centro commerciale previsto nel 1991, dando una nuova sede alla Fiera. Ne consegue anche la riqualificazione della cascina Cassinetta come Centro Sociale per Anziani. Nell'ambito Fiera è prevista inoltre, la costruzione di un albergo con riqualificazione della viabilità del comparto (rotonda sulla SP 342dir, creazione di controstrada sul lato est della stessa arteria, riqualificazione di via Martiri della Liberazione). 2

3 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 3 TRENI D a metà dicembre è entrato in vigore il nuovo orario ferroviario sulla nostra tratta. A fronte dei lavori del raddoppio ferroviario le aspettative dei pendolari erano di un potenziamento delle corse, specialmente negli orari di punta. Purtroppo, solo al termine di una lunga mediazione fra i sindaci del territorio, Regione Lombardia e Trenitalia, i pendolari hanno riavuto alcune delle corse inizialmente soppresse, ma i ritardi ed i disservizi sono ormai quotidiani. IL COMUNE HA FATTO LA SUA PARTE, ORA REGIONE E TRENITALIA FACCIANO LA LORO In questa vicenda la stazione di Osnago ottiene comunque quattro treni in più al giorno (un quinto era già stato aggiunto pochi mesi fa in orario serale da Lecco): un risultato positivo per una stazione che solo qualche anno fa rischiava la chiusura. Questo è il frutto dell impegno che l Amministrazione Comunale ha messo in campo in questi anni a salvaguardia degli interessi dei pendolari e dei cittadini osnaghesi: l'accordo di comodato con FS per il presidio della stazione grazie al circolo ARCI La Locomotiva, che ha permesso di sottrarre il luogo al degrado e di contribuire a creare un servizio aggiuntivo per i pendolari la sistemazione di nuovi parcheggi sul lato ovest della stazione: si è passato da una decina di posti a un centinaio, che nei prossimi mesi diventeranno 215 grazie al raddoppio del parcheggio, a cura di FS, su esplicita richiesta del Comune l'impegno nella creazione di collegamenti ciclabili tra il paese e la stazione, come il prossimo collegamento da via Giotto con attraversamento sul torrente Molgora. L Amministrazione Comunale ha inoltre già stanziato i fondi per dotare la stazione di nuovi parcheggi coperti per le biciclette su entrambi i lati della ferrovia. Il progetto verrà realizzato in primavera. Questi sforzi dell Ente Locale servono a poco però se Regione (ente competente per il trasporto ferroviario locale) e Trenitalia (società titolare del servizio) non sono in grado non solo di potenziare ma nemmeno di garantire la qualità del servizio, in particolare la puntualità delle corse la pulizia dei treni l installazione di biglietterie automatiche in tutte le stazioni le informazioni ai pendolari tramite avvisi sonori e display informativi Occorre inoltre chiedere con forza alla Regione ulteriori miglioramenti per il prossimo orario estivo 2009: l obiettivo è che la tratta Milano-Lecco diventi una linea di tipo metropolitano con treni cadenzati lungo tutto l arco della giornata. Progetto Osnago e l Amministrazione Comunale saranno impegnati nell ottenimento di questo risultato. 3

4 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 4 A fine ottobre abbiamo presentato nel corso di un assemblea pubblica la nuova associazione Io per Osnago, che riunisce i tanti volontari che collaborano con il Comune nel trasporto e accompagnamento di persone bisognose, nell assistenza sociale umanitaria, nella formazione scolastica di minori ed adulti, nella consegna di avvisi comunali, nell organizzazione di manifestazioni ricreative e culturali, nella protezione civile, nei piccoli interventi di manutenzione e pulizia del territorio. Principio ispiratore dell iniziativa è stato il secondo articolo della nostra Costituzione, che recita La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Da molto tempo pensavamo alla creazione di questa associazione, siamo contenti di essere stati i motori della sua nascita. Le necessità di sostegno alle persone più fragili sono in aumento in questi ultimi anni: da un lato la nostra società è diventata più ingiusta (chi stava bene sta meglio, chi stava male sta peggio), dall altro nuove fragilità si sono rese evidenti (prima di tutto le necessità degli anziani soli e dei minori che soffrono a causa di situazioni familiari difficili), senza dimenticare persone in difficoltà come le persone diversamente abili o chi vive il disagio mentale. La crisi economica in atto ha aggravato la situazione. Da qui la necessità di un aumento degli interventi di sostegno dell Amministrazione Comunale evidenziato dal raddoppio delle cifre destinate ai Servizi Sociali negli ultimi cinque anni ma anche la volontà di creare uno strumento agile e snello dal punto di vista burocratico che fosse in grado di affiancare il Comune negli interventi quotidiani. Il Comune e le sue strutture possono e devono agire in base a regolamenti precisi per evitare favoritismi; l associazione contribuisce a fornire servizi aggiuntivi indispensabili, ad umanizzare l intervento e a raccogliere nuove necessità. Ci siamo infatti accorti che l erogazione di un servizio fa emergere nuove richieste: ad esempio i volontari del servizio di trasporto hanno segnalato la necessità di aiutare persone con difficoltà a muoversi nell acquisto delle medicine o nella spesa quotidiana. Io per Osnago vivrà di vita propria. Le cinque persone che hanno costituito formalmente l associazione (Paolo Strina, PierAldo Bellano, Gabriele Caglio, Daniele Lorenzet, Claudio Caglio) hanno avuto il compito di far partire l'associazione, che è aperta a tutti coloro che 4

5 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 5 vogliono collaborare. L associazione è apartitica e aconfessionale, non è in competizione con altre associazioni del paese (anzi si pone come collante ed elemento di collaborazione), rimarrà in vita al di là delle maggioranze politiche che amministreranno il Comune (già oggi ci sono volontari di diverse idee politiche per collaborare sulle cose concrete). Noi crediamo che avvertire come propri i problemi generali sia il sentimento che dovrebbe animare ogni buon cittadino. Sentirsi parte di un destino comune, sentirsi uniti da valori alla base della nostra convivenza civile (quelli scritti indelebilmente nella nostra Costituzione) costituiscono un modo virtuoso per affrontare anche la crisi economica e i tanti problemi materiali e umanitari che questa comporta. Possiamo scegliere di rinchiuderci in noi stessi e cercare di cavarcela individualmente oppure mettere in campo un grande sforzo collettivo di partecipazione civica. Noi siamo chiaramente per questa seconda scelta perché, come scriveva don Lorenzo Milani, I problemi degli altri sono uguali ai miei, sortirne insieme è la politica, sortirne da soli è l avarizia e perché sottoscriviamo quanto scriveva Vittorio Foa, occorre "Pensare agli altri oltre che a se stessi, al futuro oltre che al presente" Cittadini attivi cercasi: abbiamo tante idee, cerchiamo le persone per realizzarle Come puoi collaborare con Progetto Osnago associandoti ed assicurandoci così il tuo sostegno economico partecipando attivamente alle assemblee dei soci e portando il tuo contributo di idee mettendo a disposizione dell associazione un po del tuo tempo e delle tue capacità segnalandoci iniziative da promuovere o problemi da affrontare Aderire a Progetto Osnago significa dare il proprio contributo a rendere migliore il nostro paese FA LA COSA GIUSTA: ASSOCIATI a Progetto Osnago! La sede di via Cavour (nel passaggio verso il parcheggio dietro al Comune) è aperta ogni domenica mattina. Puoi contattarci anche via all indirizzo 5

6 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 6 La nostra Storia P rogetto Osnago è nata nel 1995 con il dichiarato scopo di "sperimentare un modo diverso di vivere i rapporti sociali e personali e di creare le condizioni per un concreto cambiamento del modo di amministrare Osnago". Il paese ha vissuto per alcuni anni una situazione di stallo in fatto di idee accompagnata da un evidente degrado amministrativo e da un progressivo scollamento tra i cittadini e l'amministrazione comunale. Progetto Osnago, avendo come riferimento "i valori che caratterizzano il pensiero della sinistra, dell'ambientalismo, del cristianesimo democratico e del volontariato sociale", ha tra i suoi scopi "la formazione di programmi e la presentazione di liste elettorali e/o candidati per le elezioni amministrative". Il successo della lista espressa da Progetto Osnago nelle elezioni amministrative del 1995 (candidato sindaco Marco Molgora, con oltre il 60% dei voti) ha aperto un nuovo capitolo nella vita del paese. La buona amministrazione di Progetto Osnago è stata premiata dai cittadini, che hanno riconfermato al governo del Comune la lista ancora guidata da Marco Molgora nelle elezioni del 1999 e poi da Paolo Strina nel 2004, in entrambi i casi ampiamente sopra il 70% dei consensi. Progetto Osnago si propone di coinvolgere tutti coloro che sentono la politica come impegno e responsabilità civile con il fine di perseguire il massimo bene comune METTI LE IDEE IN CAMMINO: aderisci a Progetto Osnago! nel rispetto delle esigenze di ognuno, invece di occuparla per favorire interessi particolari. Come recita la Carta dei Principi dell associazione Progetto Osnago intende dare vita ad iniziative di interesse pubblico nel campo della cultura e della politica, promuovere iniziative di controllo dell attività amministrativa, proporre alla cittadinanza e all Amministrazione Comunale soluzioni innovative per la valorizzazione del territorio e dell economia locale favorire incontri con associazioni culturali, politiche e di volontariato. Progetto Osnago si finanzia solo con le quote associative, i contributi dei simpatizzanti e le indennità di carica degli amministratori. In questi anni le persone aderenti a Progetto Osnago hanno lavorato al servizio del paese in diversi ambiti: il gruppo consiliare di Progetto Osnago lavora nell amministrazione comunale, esprimendo Sindaco, Giunta e Consiglieri membri dell associazione partecipano attivamente alle diverse Consulte Comunali ed alla Commissione Biblioteca volontari dell associazione si dedicano ad attività a servizio del paese, al trasporto sociale, alla manutenzione del territorio, al supporto in Biblioteca, all animazione di feste e attività ricreative. 6

7 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 7 ELEZIONI 2009: Progetto Osnago è in campo L a nostra amministrazione è stata eletta nella primavera del 2004, quindi il nostro compito terminerà con le elezioni previste il 6-7 giugno E tempo dunque di fare il punto della situazione e di costruire la squadra ed il programma per chiedere in modo autorevole ai cittadini la riconferma della loro fiducia. Progetto Osnago amministra il nostro paese dal In questi anni è cambiato il paese, è cambiata la realtà sociale e politica intorno a noi, sono cambiate in parte anche le persone al nostro interno. Il ricambio delle persone è un fatto positivo e necessario per mantenere in salute il gruppo, che come ogni organismo vivente deve rinnovarsi. Il ricambio serve a non fossilizzarsi, ad acquisire nuove competenze e nuove energie. Non a caso uno degli slogan della scorsa campagna elettorale era Mettiamo in circolo nuove energie! Tuttavia alcune caratteristiche sono rimaste in questi anni positivamente inalterate. Noi non abbiamo mai negato la nostra sensibilità politica, siamo una lista di centrosinistra. Però nessun partito ha mai avuto voce in capitolo per quanto riguarda le scelte della nostra lista. Chi entra in Progetto Osnago lo fa a titolo personale: alcuni sono iscritti a partiti, molti (la maggior parte) no. Siamo davvero una lista civica e non una coalizione di partiti travestita da lista civica. Questo fa in modo che durante le nostre riunioni si discuta di cose concrete. Come abbiamo scritto nei nostri manifesti "Dal 1995 lavoriamo ad un solo progetto: Osnago". I consiglieri di Progetto Osnago in 14 anni hanno sempre votato in modo compatto, anche sulle scelte più difficili non ci sono state mai sbavature. Questo perché da sempre ci riuniamo ogni venerdì sera per condividere le scel- te: la riunione è aperta, possono partecipare anche persone non elette in Consiglio. Discutiamo con passione e a volte animatamente, ma alla fine ne emerge una scelta condivisa. Questa è una garanzia non solo per noi, ma anche per i cittadini che amministriamo. E importante la partecipazione di tanti. Le opportunità di collaborare sono tante, proporzionate al tempo ed alle energie di ciascuno; oltre alla lista per il Consiglio Comunale, ci si potrà impegnare nelle consulte e nelle commissioni oltre che nella neonata associazione di volontariato Io per Osnago. Ma soprattutto è importante partecipare al percorso elettorale perché tanto più questo sarà condiviso e frutto di un confronto ampio, tanto più saremo in grado di presentare persone e idee credibili ai nostri cittadini: come recita un altro slogan ormai storico di Progetto Osnago: Idee e persone per realizzarle. Con questo spirito una cinquantina di persone si sono ritrovate nel tardo pomeriggio di sabato 8 novembre al Centro Civico per la prima riunione di Progetto Osnago in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera. Un altra decina di persone ci hanno informato di non poter intervenire ma di essere interessate a collaborare. Nel corso dell'incontro il sindaco Paolo Strina ha relazionato sullo stato di attuazione del programma di mandato Sono stati formati cinque gruppi di lavoro con il compito di predisporre una prima bozza di idee del programma per gennaio, per raffinare poi il lavoro entro metà febbraio [Continua a pagina 8] 7

8 Giornalino_Osnago.it_gen:Layout :16 Pagina 8 I gruppi di lavoro, guidati dall assessore di competenza, si stanno occupando di: 1) servizi sociali 2) istruzione, sport e tempo libero 3) cultura e ambiente 4) urbanistica e lavori pubblici 5) bilancio, organizzazione e comunicazione A febbraio ci riuniremo nuovamente in assemblea plenaria per condividere un documento sintetico di giudizio sul mandato in corso ed un primo abbozzo delle linee-guida del programma per i prossimi cinque anni. Nella stessa riunione verrà ufficializzata la candidatura a sindaco per la prossima tornata elettorale. Sono stati anche definiti alcuni incarichi di coordinamento del lavoro di gruppo dei prossimi mesi: Gianfranco Maggioni si occuperà della proposta della squadra (candidature per il gruppo consiliare, le commissioni e le consulte) Tiziana Molgora gestirà la segreteria organizzativa Angelo Tiengo e PierAldo Bellano si occuperanno dell'attuazione dell'attuale programma di mandato Gabriele Caglio predisporrà la campagna di comunicazione in vista delle elezioni Paolo Brivio, Claudio Caglio, Daniele Lorenzet e Alessandro Pozzi armonizzeranno i documenti dei gruppi di lavoro stendendo la bozza di programma di mandato Altri fanno polemiche: NOI invece come sempre continuiamo a LAVORARE SERIAMENTE e CONCRETAMENTE OGNI GIORNO PER IL PAESE, dal primo all ultimo giorno del mandato. Gli altri li vedete solo nel periodo elettorale: NOI invece dal 1995 OGNI GIORNO lavoriamo ad un solo PROGETTO: OSNAGO Altri si presentano in un elezione in una lista apartitica e in quella successiva in una lista di partito: NOI siamo da sempre con chiarezza una LISTA CIVICA 8

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Statuto del Comitato Genitori I.C. Da Rosciate 2009 1 Istituto Comprensivo A. Da Rosciate STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei

Dettagli

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti Questa che andrete a leggere è una simulazione di un bellissimo progetto realizzato a Canegrate, 12000 abitanti, nel milanese. Abbiamo sostituito date, nomi, cifre e progetti per renderlo aderente alla

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 7 DEL 03/04/2009 Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA L'anno duemilanove, addì tre del mese di aprile

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO G.A.I.B. Gruppo Avvistamento Incendi Boschivi ANTINCENDI BOSCHIVI E PROTEZIONE CIVILE

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO G.A.I.B. Gruppo Avvistamento Incendi Boschivi ANTINCENDI BOSCHIVI E PROTEZIONE CIVILE STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO G.A.I.B. Gruppo Avvistamento Incendi Boschivi ANTINCENDI BOSCHIVI E PROTEZIONE CIVILE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 1. E costituita l organizzazione

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I. Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA

COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I. Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio ai principi contenuti

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Collegio docenti Ente Morale Asilo Infantile 1 luglio 2015 Cos è il Piano dell Offerta Formativa: P.O.F E il documento fondamentale che ogni scuola autonoma predispone

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Trimestrale di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Orsenigo Direttore Responsabile: Licia Viganò Numero chiuso il: 5 febbraio 2009 Supplemento al numero 37 Stampa: Com.Unica srl (Lipomo)

Dettagli

COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona N. 182 Reg. Delibere VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROPOSTA, AL CONSIGLIO COMUNALE, DI LEGGE REGIONALE "ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PSICOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 - L Associazione L Associazione GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo (GIOVANI

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso documento realizzato dal Gruppo di lavoro tematico Informazione/Formazione Rappresentanza Studentesca (CPS di Alessandria, Asti, Biella, Torino)

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli

IOLANDA NANNI Candidata consigliere alla Regione Lombardia nella lista di PAVIA e PROVINCIA

IOLANDA NANNI Candidata consigliere alla Regione Lombardia nella lista di PAVIA e PROVINCIA IOLANDA NANNI Candidata consigliere alla Regione Lombardia nella lista di PAVIA e PROVINCIA 1 Dati Personali CURRICULUM IOLANDA NANNI Candidata consigliere alla Regione Lombardia nella lista di PAVIA e

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli

Progetto: Educare bene...educare...tutti!

Progetto: Educare bene...educare...tutti! Progetto: Educare bene...educare...tutti! Educazione civica Territoriale (applicata)... per il recupero di una Società del...noi!! (cultura del dono, della gratuità e della responsabilità ) Proposta di

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

STATUTO dell'associazione YACOUBA per l Africa - Onlus Associazione di Volontariato Articolo 1 E' costituita con sede in Casciago (VA) l Associazione

STATUTO dell'associazione YACOUBA per l Africa - Onlus Associazione di Volontariato Articolo 1 E' costituita con sede in Casciago (VA) l Associazione STATUTO dell'associazione YACOUBA per l Africa - Onlus Associazione di Volontariato Articolo 1 E' costituita con sede in Casciago (VA) l Associazione di Volontariato denominata : YACOUBA per l Africa Onlus

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

SERVIZI SOCIO - SANITARI E DIRITTI DEI CITTADINI E DEGLI UTENTI 1. LEGISLAZIONE, DIRITTI, QUALITA' DEI SERVIZI

SERVIZI SOCIO - SANITARI E DIRITTI DEI CITTADINI E DEGLI UTENTI 1. LEGISLAZIONE, DIRITTI, QUALITA' DEI SERVIZI Paolo Ferrario, " Servizi socio-sanitari e diritti dei cittadini e degli utenti", in Argomenti SPI - quindicinale del sindacato pensionati italiani CGIL Lombardia n. 11 1992, inserto pag. 1-6 Como 25 giugno

Dettagli

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi www.coordinamentopendolari.it A SETTEMBRE 2009 NASCE DALL UTENZA PENDOLARE ATTIVA LA PRIMA RETE PROVINCIALE PAVESE di PENDOLARI e COMITATI PENDOLARI del trasporto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

STATUTO. PHILOSOPHY KITCHEN Laboratorio di idee

STATUTO. PHILOSOPHY KITCHEN Laboratorio di idee STATUTO PHILOSOPHY KITCHEN Laboratorio di idee Art. 1 - E' costituita l'associazione culturale Philosophy Kitchen Laboratorio di idee è una libera Associazione di fatto, apolitica, con durata illimitata

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli