Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì 1 novembre ,00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì 1 novembre 2012-1,00"

Transcript

1 Vitavissuta a cura di Giancarlo Giuliani Halloween vuol dire vigilia d Ognissanti, ed è il ricordo dei Santi e dei defunti in cui riprendendo tradizioni popolari si accoglieva la visita dei propri defunti indicando la strada con le luci ed esprimendo il proprio affetto con i dolcetti: i bambini diventavano i protagonisti di questo scambio tra dolcetto e dispetto. La moderna superficialità ha fatto diventare il tutto un gioco di streghe, mostri e zombies. E poi ci meravigliamo che ci ritornano anche gli zombies della politica. Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì 1 novembre ,00 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, CN / AN N. 8 Editoriale Vivere da vivi La pioggia e il freddo che sono arrivati mentre sto scrivendo ci fanno entrare nel clima di questa particolare settimana: quella dei santi e dei morti. La terra dei cimiteri è una terra irrigata di lacrime e di speranza, una terra che custodisce la certezza che la morte non è l'ultima parola, ma un punto messo al penultimo capitolo. C'è una pagina ancora, quella definitiva: per i credenti non è la fine, è il fine. Questi giorni siamo invitati a metterci davanti alla morte, quella dei nostri cari, e pure la nostra. Ma al centro delle celebrazioni non c'è la morte, il centro è la certezza della resurrezione di Cristo. Tra pochi giorni con 185 pellegrini partiremo per la Terra Santa per vedere ancora una volta un sepolcro vuoto. Gesù, lasciando il sepolcro vuoto, ha svuotato tutte le nostre paure, ha svuotato le angosce del nulla e del non senso della morte. Nella nostra visita ai luoghi della memoria, mettiamo al centro la resurrezione. Abbandoniamo la preoccupazione della morte e lasciamoci invece pungolare dall'unica vera preoccupazione di cui un cristiano deve aver paura: una vita vissuta da morto, senza amore, senza passione, senza inseguire i sogni di Dio. E mettiamo accanto a noi i Santi che hanno vissuto prima di noi, ci accorgeremo che la loro santità non consiste nel fare cose fuori dal comune o nell'avere atteggiamenti devozionistici. È importante conoscerli per percepire in essi una profonda umanità innalzata dall'amore di Dio. Sono uomini e donne di tutti i tempi che hanno cercato di lasciarsi fare dal Signore, senza intralciarlo, ma mettendo la propria sensibilità e intelligenza a servizio del Vangelo, fino a far diventare la propria vita un dono per gli altri. Coraggio amici, ripartiamo da qui, da questa parola forte sulla nostra vita che ci invita a vivere da vivi. Gesualdo Purziani ICONE DI ORIGINE GRECA - RUSSA - RUMENA ARTICOLI SACRI a SENIGALLIA via Andrea Costa 31 - tel Futuro giovane I giovani hanno paura del domani. Le priorità: lavoro e famiglia I giovani considerano il lavoro e la famiglia come due certezze. Sono disponibili a qualsiasi tipo d impiego, ma hanno paura dell incertezza del posto; la famiglia, poi, resta il punto di riferimento nella fase di transizione verso il lavoro : così Graziano Trerè, amministratore unico Ial nazionale (ente della Cisl per la formazione, la qualificazione e l aggiornamento professionale, culturale e sociale dei lavoratori, giovani e adulti) ha sintetizzato i risultati della ricerca su Il futuro delle nuove generazioni in Italia, focalizzata sulle dimensioni del vissuto giovanile nell era della precarietà. La ricerca è stata realizzata dall istituto di ricerche Demopolis per conto dello Ial nazionale e della Cisl su un campione di giovani italiani tra i 18 e i 34 anni. I dati parlano chiaro: per il 91% dei giovani intervistati l occupazione è una priorità di vita, superando, tra le cose importanti, il primato della famiglia (90%). Il 71% ha dichiarato che oggi è preferibile fare qualsiasi lavoro purché remunerato. Il 78% pensa che ciò che conta di più per entrare nel mondo del lavoro è conoscere persone che contano, mentre il 32% pensa che sia necessario lavorare con impegno. Nella percezione di più di sei intervistati su dieci, chi studia oggi occuperà in futuro una posizione sociale ed economica meno privilegiata rispetto alle precedenti generazioni. Il pessimismo aumenta tra coloro che hanno elevata scolarizzazione in quanto pensano che per i laureati l ascensore sociale è fuori uso. Il 72% lamenta la discontinuità del lavoro: a circa 7 su 10 manca un reddito adeguato per pianificare la propria vita presente e futura, ma c è anche discontinuità della retribuzione (65%). La maggioranza assoluta dei giovani (55%) non sa quali siano oggi i settori con più alte opportunità d inserimento lavorativo. C è poca fiducia nel futuro: dall indagine è emerso che le nuove generazioni si adattano in modo remissivo e agiscono pensando all oggi, senza determinismi e illusioni. Alla domanda in che condizione pensano di trovarsi tra cinque anni, quattro giovani italiani su dieci hanno risposto con un lavoro non stabile, solo il 22% si vede stabilizzato e ben retribuito ; un quinto pensa che si troverà ancora nella condizione di chi cerca occupazione, un pessimismo che cresce fra le donne. Tutto ciò accresce i timori rispetto alle prospettive lavorative: il 70% ha paura di restare senza lavoro o di averne uno precario (61%), il 60% di non riuscire a costruire famiglia, il 56% di non maturare la pensione, il 53% di non poter risparmiare o acquistare una casa (51%). Quattro su dieci hanno trovato lavoro grazie ad amici e parenti, per un quinto è frutto di personale dinamismo, cioè assunzione a seguito di autocandidatura; si trovano sotto il 10% tutti gli strumenti d inserimento lavorativo ufficiali: selezioni, concorsi, evoluzione di stage o tirocini, utilizzo dei centri per l impiego e agenzie di lavoro. Il 60% ha dichiarato di aver imparato le competenze tecnico-professionali utili alla mansione svolta direttamente sul lavoro ; solo una minoranza ha riscontrato nei percorsi scolastici o formativi vera utilità a fini occupazionali. Alla famiglia sono riconosciute funzioni sussidiarie, di welfare. La permanenza nel nucleo familiare d origine è una condizione forzata, ma la famiglia rimane importante nelle nuove generazioni e alimenta la dimensione delle aspirazioni. Nel segmento dei giovani/adulti, la famiglia è punto di forza d origine e prospettiva attesa e desiderata. A.S in questo numero 8-9 Grande schermo Breve storia del cinema 'Gabbiano' Idee dal Sinodo dei vescovi Dibattito sull'evangelizzazione 1 Riparte la stagione teatrale Cartellone alla 'Fenice' e 'Rotonda'

2 1 novembre 2012 Famiglie: "Non toccate i redditi" E' stata un'azione di protesta per dimostrare che il vaso è colmo, perché le ultime scelte del governo contenute nell'ultima manovra pesano ancora di più sulle famiglie. Patrizio Fergnani, coordinatore provinciale dell'associazione famiglie numerose di Ferrara, 5 figli, spiega la contestazione al premier Mario Monti, con l'uscita dalla sala del centro congressi di Riva del Garda durante il suo intervento. Porre un tetto alla detraibilità ci mette ancora più in ginocchio aggiunge -. Proprio quando ti aspettavi di poter avere qualche sollievo, vanno a toccare ancora i redditi delle famiglie. E questo cresce in modo geometrico per il numero di figli. L'associazione non è soddisfatta dell'intervento del premier, che ha parlato di nuovi fondi per anziani e giovani: Abbiamo bisogno di essere aiutati nel sostenere i nostri figli, che sono il futuro del paese. Tutti i governi hanno fatto proclami e promesse per le famiglie numerose, ma nessuno ha mai fatto niente di concreto. Avere 5 figli vuol dire credere nel futuro aggiunge -. Noi non guardiamo al portafogli. Ma siamo consapevoli che i nostri figli sosterranno l'italia domani, pagheranno le pensioni di chi figli non ne ha fatti. Eppure non abbiamo nessun riconoscimento, soprattutto in termini di sgravi. Un esempio concreto: Fergnani ammette di pagare una tassa per i rifiuti 12 volte maggiore rispetto a quella di un single". attualità Giornali "da dentro" Crescono le esperienze giornalistiche interne alle Case circondariali. Da Io e Caino ad Ascoli Piceno a Alterego di Bergamo, dalla storica Ristretti Orizzonti di Padova a Sosta Forzata di Piacenza fino a Carte Bollate di Milano. Un po in tutta Italia, e in particolare nelle regioni centrali come Marche e Abruzzo, si costituiscono redazioni dietro le sbarre. Ma persistono forti criticità. Il vero problema è dare continuità a queste esperienze, dice Ornella Favero, direttrice di Ristretti Orzzonti. Il riferimento è al particolare disagio che nasce dal non poter prolungare certi esperimenti redazionali interrompendo così il sottile filo comunicativo che mette in contatto il carcere con il mondo esterno. Il punto sulle redazioni formate da detenuti è stato fatto all interno della V Giornata nazionale dell informazione dal/sul carcere che si è tenuta a Bologna, e a cui hanno partecipato redattori, giornalisti ed esperti. Malati gravissimi in sciopero per protestare contro la mancanza di politiche sociali: parla un medico malato di Sla, Alberto Damilano: "otto malati su dieci si lasciano morire". Assistenza da fame Sette giorni di sciopero della fame per chiedere al governo un intervento immediato sulle politiche per la non autosufficienza. È quello intrapreso da oltre settanta persone con disabilità gravi e gravissime che, da domenica 21 ottobre alla sera di sabato 27, hanno progressivamente ridotto l assunzione di alimenti come segno di protesta contro la disattenzione politica sul tema della disabilità. Promotore dell iniziativa è stato il Comitato 16 novembre onlus, una rete informale di persone, malati di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica), familiari e amici. Lo sciopero è stato ora sospeso a seguito dell impegno preso dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Elsa Fornero, a consultare il presidente Mario Monti per stabilire un importo consistente da destinare alla non autosufficienza. Il 31 ottobre il ministro della salute, Renato Balduzzi, e il ministro Fornero saranno a Cagliari, a casa del segretario nazionale del Comitato 16 Novembre, per definire il piano. Tra le persone che hanno partecipato alla protesta, abbiamo intervistato Alberto Damilano, medico di origini fossanesi, affetto da Sla dal Quali sono le motivazioni che l hanno spinta, insieme a molte altre persone, ad intraprendere lo sciopero della fame? A novembre 2010, stanchi dell inconcludenza delle grandi associazioni che dovrebbero tutelare gli ammalati di Sla, organizzammo a Roma un presidio con decine di malati, tra cui il sottoscritto. Unico strumento un forum di malati in rete, su internet. Io, allora, ero in carrozzina, mi alimentavo normalmente ed ero prossimo a perder la voce. Strappammo i famosi 100 milioni di euro per l assistenza domiciliare ai malati di Sla, che si sono poi tradotti in assegni di cura per l assunzione di assistenti familiari, con l intento di sgravare le famiglie. Successivamente riflettemmo sul fatto che nelle stesse condizioni di un malato di Sla in fase avanzata ci sono tutti i disabili gravissimi e i non-autosufficienti totali, del tutto scoperti di assistenza da quando il governo Berlusconi azzerò, due anni fa, il Fondo per le non autosufficienze. Un diritto, se non è di tutti, si trasforma in privilegio per pochi. Il varo di un Piano per le non autosufficienze divenne allora il nostro obiettivo. Dopo 3 presidi, stanchi di promesse e rinvii, non ci è rimasto altro che lo sciopero della fame. Di quale assistenza necessitano le persone gravemente malate o non autosufficienti? Esemplifico facendo riferimento alla Sla: la malattia è terribile quando è rapida come nel mio caso. Si può decidere di farla finita perché si pensa che quella non è più vita o perché si è soli. Non c è neppure bisogno di suicidarsi, basta rifiutare l intervento di tracheostomia quando il respiro viene meno. Oggi, 8 malati su 10 si lasciano morire così. A tutti va data una possibilità, nessuno dovrebbe esser lasciato solo. Le famiglie sono sostenute o devono affrontare da sole il percorso di cura e assistenza? Le famiglie in cui entra la Sla vivono peggio dei terremotati. Chi assiste un malato di Sla è costretto a lasciare il lavoro, vende la casa. Da soli, senza adeguata assistenza si muore in silenzio. Noi abbiamo portato alla luce queste tragedie quotidiane, con le nostre lotte mute gridiamo il diritto a vivere. Cosa si aspetta dall incontro con i ministri? Che siano coerenti con se stessi. Nel corso del primo presidio di quest anno, in aprile, il ministro Fornero (non solo del lavoro ma anche delle politiche sociali) dichiarò che considerava quella delle gravissime disabilità una priorità e chiedeva trenta giorni di tempo per presentare un Piano nazionale per le non autosufficienze. Venerdì scorso il ministro della sanità Balduzzi ha ammesso pubblicamente che un sistema sanitario avanzato non ha senso in assenza di un organico piano per le non autosufficienze. I costi per la sanità crescono in modo esponenziale, in termini di ricoveri impropri, senza una rete di cure domiciliari. Ci aspettiamo una copertura finanziaria importante e un decreto che vincoli le risorse, in modo che le Regioni non le stornino verso altri capitoli di spesa. a cura di Riccardo Benotti La formica è affaticata Gli italiani sono un popolo di formiche. Il problema, però, è che attorno al formicaio non c è più l abbondanza di un tempo. Eppure la sfida della ripresa poggia sul risparmio, titola l 88ª Giornata mondiale del risparmio, che si terrà il 31 ottobre 2012 a Roma e verrà preceduta dalla presentazione di una ricerca dell Acri sulla propensione al risparmio degli italiani e di un accordo di collaborazione Acri-Abi per la valorizzazione delle rimesse dei migranti nei loro Paesi. Sul rapporto tra gli italiani e il risparmio abbiamo interpellato Luigi Campiglio, docente di politica economica all Università Cattolica. In un tempo di crisi ha ancora senso parlare di risparmio? Sì, ha un senso decisivo: il risparmio rappresenta la sicurezza che consente di guardare al futuro con fiducia. È il motore dello sviluppo e segnale delle difficoltà di una società. Per una famiglia, la capacità di risparmio è di capitale importanza. È però una possibilità sempre più rara In Italia la capacità di risparmio delle famiglie negli anni novanta era una delle più elevate al mondo, il 24% del reddito disponibile. Questa quota è diminuita con un brusco calo alla fine degli anni novanta, poi progressivamente fino ad arrivare oggi a poco più dell 8%. Perché questo declino? Innanzitutto vi sono stati due errori di politica economica. Il primo coincide con l ingresso dell Italia nell euro. Il debito pubblico, ancora nella seconda metà degli anni novanta, era prevalentemente in mano a residenti: famiglie e imprese, comprando titoli di stato, erano creditrici e quindi i relativi interessi restavano all interno dell economia italiana. In tal modo, però, tra il 1995 e il 2000 le famiglie hanno registrato una diminuzione del reddito disponibile, legata a una riduzione dei tassi d interesse pari a 4 punti del Pil, mentre la pubblica amministrazione ci guadagnava. Di conseguenza, entrando nell euro si sarebbe dovuta diminuire la pressione fiscale, ma ciò non è avvenuto. E il secondo errore? L aumento della pressione fiscale tra il 2005 e il 2010, che ha diminuito il reddito disponibile e la capacità di risparmio di altri due punti del Pil. A tutto ciò va poi aggiunto un elemento strutturale. Ossia? L Italia, diventando un Paese anziano, beneficia sempre meno del cosiddetto dividendo demografico. Pensiamo che in Cina, grazie a questo, vi è un tasso di risparmio che supera il 40% del Pil, ora messo in crisi dalla politica del figlio unico. Noi, però, viviamo una condizione di declino già da tanti anni. Mentre cresce il divario tra ricchi e poveri Con un ceto medio schiacciato e sempre più a rischio di scivolare verso la povertà. Pensiamo agli Usa e al movimento Occupy Wall Street, che dice di rappresentare il 99% degli americani. Questo non è uno slogan, ma una verità statistica: negli Usa l 1% delle famiglie a maggior reddito ha acquisito, nel 2007, una quota di reddito straordinariamente elevata, pari al 24%. Nel secolo scorso c è stato solo un anno in cui si verificò un caso simile, ed era il 1928, alla vigilia della grande depressione. a cura di Francesco Rossi

3 enti locali "Progetto Appennino" da attivare Attivare il progetto Appennino che ha lo scopo di creare nuova occupazione e di stabilizzare i lavoratori già attivi nel settore forestazione e attraverso la valorizzazione delle potenzialità turistiche ed ecologico-ambientali delle Marche, entro il E l obiettivo che si sono dati Centrali cooperative, Enti locali, sindacati e parti sociali a Fonte Avellana (Pu), il luogo dove nel 1996 venne firmata l omonima Carta, documento di condivisione e d impegno comune fra tutti i soggetti interessati a favorire lo sviluppo sostenibile dell entroterra marchigiana. Durante il seminario Verso l attuazione del progetto Appennino, organizzato da Agci, Confcooperative e Legacoop Marche e a cui ha partecipato Adriano Cardogna, presidente commissione Politiche comunitarie dell Assemblea legislativa delle Marche, è stato ricordato da Luca Possanzini, Consorzio Marche Verdi, il percorso per la creazione di questo progetto il cui valore è stato riconosciuto con l inserimento nella legge finanziaria regionale del E arrivato il momento di fare un passo avanti per il progetto Appennino ha detto Teodoro Bolognini, Legacoop Marche e contribuire a creare, anche qui nelle Marche, quel modello di sviluppo necessario per il futuro della nostra economia, che coniughi la manutenzione e la tutela del territorio, l agricoltura, l ambiente con il turismo e la cultura. P.C. L'informazione nel labirinto Come mai, pur essendo sempre connessi, ci sembra a volte di vivere in un labirinto? Da questa domanda prende le mosse il 19 seminario per i giornalisti organizzato dall agenzia Redattore alla Comunità di Capodarco di Fermo, dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi. Un appuntamento ormai classico di riflessione, di approfondimento e soprattutto di formazione su aspetti del mestiere vecchi e nuovi, che verranno discussi da oltre 200 giornalisti in uno dei luoghi più significativi dell accoglienza e dell intervento sociale nel paese. La connessione permanente, e wireless - dice l introduzione - non è solo una conquista tecnologica del 1 novembre 2012 nostro tempo. E una chiave d accesso alla conoscenza che abbiamo la facoltà di usare in ogni momento: possiamo sapere tutto, vedere tutto, capire tutto, quando vogliamo... Perché, allora, abbiamo sempre più la sensazione di trovarci dentro un labirinto da cui non troviamo il filo per uscire? E perché, nonostante la libertà di seguire infiniti percorsi in autonomia, a volte ci sembra che sia tutto uguale, omologato e un po frustrante?. Il tutto attraverso un mix di idee, suggestioni e chiavi di lettura che una trentina di relatori sono chiamati ad offrire. Con lo scopo, di aiutarci a uscire, una volta ogni tanto, da quel labirinto senza fili. Pensando a don Oreste Benzi Testimone e profeta A cinque anni dalla morte, un convegno sulla sua eredità La povertà come valore, la giustizia sociale, la bellezza del gratuito, il diritto alla vita e alla famiglia e la lotta contro le schiavitù moderne. Sono solo alcune delle tematiche che il convegno internazionale Don Oreste, testimone e profeta per le sfide del nostro tempo,ha portato all'attenzione dei partecipanti provenienti dai cinque continenti, tra movimenti laici e cristiani, rappresentanti del mondo della Chiesa e dell associazionismo, del volontariato come della politica e delle istituzioni. Sono gli stessi temi che il fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII incarnò e difese fino a poco prima della morte, avvenuta il 2 novembre A quasi cinque anni dalla sua scomparsa l appuntamento riminese ha affrontato con lo stesso slancio e la stessa passione i tanti aspetti della vita e della profezia di don Oreste nelle sue numerose sfaccettature. Abbiamo incontrato il presidente della Comunità, Giovanni Paolo Ramonda. In che modo don Oreste fu testimone e profeta? Durante tutta la sua vita don Oreste La crisi economica in questi ultimi anni non ha intaccato solo il benessere economico delle famiglie italiane, ma anche quello psicologico ed emotivo. È quanto emerge dai dati dell Osservatorio sul disagio emotivo di Telefono Amico Italia che ha presentato il Rapporto 2011 all Università Cattolica di Milano. Sono state oltre centomila le telefonate ricevute, nel corso dell anno, dalle 21 sedi locali dell associazione, grazie al lavoro di 700 volontari che rispondono al numero verde ( ) dalle 10 alle 24. Si tratta del numero più alto di contatti mai raggiunto, con un aumento dello 0,6% rispetto all anno scorso, ma soprattutto con un incremento del 6,7% in confronto al 2009, l anno in cui la crisi economico-finanziaria ha iniziato a farsi sentire nel nostro Paese, sottolinea Alessandro Rosina, del laboratorio di statistica applicata dell Università Cattolica, che ha curato l elaborazione dei dati. Quello di Telefono Amico è un osservatorio privilegiato per capire gli andamenti della società e i bisogni più nascosti delle persone. Nato nei primi del 900 negli Stati Uniti per cercare di porre un freno ai suicidi, questo tipo di servizio si è affermato in Europa a partire dagli anni Cinquanta. Le prime esperienze in Italia - spiega il presidente dell associazione, Dario Briccola - risalgono agli anni Sessanta, fu capace di trasmettere una grande passione sia nel suo essere sacerdote sia, soprattutto, nel suo essere guida della Comunità Papa Giovanni XXIII e di tutte quelle realtà, oggi più di cinquecento, che sotto il suo influsso nacquero in tutto il mondo. Ma don Oreste fu anche profeta nell intuire il valore di una nuova società fondata sul gratuito. Nel sostenere che l umanità può salvarsi solo se sono i poveri e gli emarginati a segnare la strada. I valori dell essenzialità, della sobrietà e della condivisione della vita e dei beni, da lui tanto difesi, diventano più che mai importanti con la crisi che stiamo vivendo oggi. L economia della condivisione fa sì che non ci sia più nessuno nell opulenza sfacciata ma neanche nell indigenza totale. Ognuno finisce per avere il necessario. Ciò in linea anche con il modo in cui don Oreste intendeva il Vangelo: per lui non era solo una conversione spirituale ma un rinnovamento cosmico. Quali sono, oltre alla crisi, le altre sfide del nostro tempo per le quali l insegnamento di don Oreste diventa più fertile? La principale sfida è quella di essere sempre più a fianco dei cosiddetti nuovi poveri che oggi sono in aumento. Per la nostra Comunità una I dati del rapporto annuale di "Telefono amico" Oltre 100mila telefonate sfida sarà anche l impegno in nuove frontiere: da Patrasso, in Grecia, dove sorgerà molto probabilmente una casa famiglia per profughi minori, all Iraq, fino al Nepal. Il 14 dicembre sarò a Baghdad dove il Nunzio apostolico ci ha chiesto di aprire una casa famiglia per orfani mutilati dalla guerra. In un contesto internazionale in cui l umanità è in forte travaglio, la sfida diventa non solo essere a fianco dei poveri, ma denunciare le ingiustizie e dialogare concretamente con le istituzioni. La presenza all Onu del medico riminese Mara Rossi, membro della Comunità, vuole dare voce agli ultimi anche laddove si orientano i fondi economici e si difendono i diritti dei popoli. La profezia contagiosa di don Benzi come può contagiare? Incidendo su uomini e donne di buona volontà di ogni parte sociale e di ogni professione: un popolo nuovo che sappia assumersi un ruolo di responsabilità in difesa del bene comune e non semplicemente per tornaconto personale. Don Oreste diceva che dobbiamo passare dall io al noi. In questa direzione la Comunità è al fianco, per fare un altro esempio, anche ai malati di Sla, che non hanno la possibilità di curarsi a causa dei tagli dei fondi alla sanità. Noi ribattiamo che ci sono dei diritti fondamentali che non vanno dimenticati, come la vita. a cura di Alessandra Leardini Le forme del lavoro Favorire l occupabilità giovanile, sia sul fronte del lavoro dipendente che di quello autonomo, attraverso due percorsi di apprendimento per facilitare il passaggio dalla scuola al lavoro. E l obiettivo del progetto Le Forme del Lavoro, di cui la Provincia di Pesaro e Urbino è capofila, presentato in partnership con la Provincia di Rimini e la Camera di Commercio di Pesaro e Urbino e finanziato dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso l Unione delle Province Italiane (Upi). Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento complessivo di euro, rientra nell Azione ProvinEgiovani 2012 ed è rivolto a giovani ma con il passare del tempo la sua funzione si è modificata seguendo i cambiamenti della società. Da qui la scelta di creare, cinque anni fa, l Osservatorio sul disagio emotivo: un modo per aiutare l opinione pubblica e le istituzioni a dare un volto a quanti stanno dall altro capo del filo. Guardando ai dati degli ultimi anni emerge come al semplice bisogno di compagnia si siano progressivamente sostituite forme complesse di disagio emotivo, sempre più difficili da comunicare. Spesso - racconta il presidente Briccola - ci troviamo a concludere le telefonate senza essere riusciti a capire quale sia il reale problema di chi avevamo dall altro capo del telefono. Le persone che ascoltiamo sono confuse, segnate dall inquietudine e dall incapacità di darsi una prospettiva. Una lettura che ha dei riscontri nei dati dove, per le donne, la crescita maggiore è legata agli stati d angoscia (+2,4%) e alla preoccupazione (+1,8%), mentre tra gli uomini sono in aumento i casi d inquietudine (+1,5%) e confusione (1,3%). Cresce anche la depressione che tocca il 5,4% del totale, due punti percentuali in più rispetto al A chiedere aiuto sono soprattutto le fasce centrali della popolazione e, in particolare, gli uomini, circa il 70% del totale. a cura di Michele Luppi tra i 16 e i 20 anni delle province di Pesaro e Urbino e di Rimini, in particolare quelli degli istituti professionali, dei centri di aggregazione giovanile e della formazione professionale. Il nostro ha detto l assessore Massimo Seri è un lavoro di squadra. In questo periodo stiamo cercando di far fronte a tre emergenze, l occupazione giovanile, femminile e degli over 50, attraverso attività che possano dare risultati nel breve periodo, ma anche in futuro. Questo progetto, rivolto ai giovani, è un importante strumento di accompagnamento e orientamento, con la possibilità, nella sua fase finale, di fare esperienze concrete di tirocini in azienda e, in alcuni casi, all estero. Rete ecologica Marche on line Lunedì mattina nella Sala Verde della Regione Marche si tenuta la conferenza stampa per illustrate le caratteristiche e le modalità di funzionamento del Sistema informativo regionale per l archiviazione dei dati naturalistici afferenti alla Rete Ecologica (Sit Rem). A presentare il sistema, che comprende anche un applicazione web-gis per la consultazione dei dati e la possibilità di aggiornamento del geodatabase centralizzato da parte degli utenti abilitati, l assessore regionale all Ambiente Sandro Donati. La Rete ecologica marchigiana ha detto Donati - è uno studio effettuato dalla Regione Marche, in collaborazione con le Università di Ancona, Urbino e Camerino, per orientare gli interventi sul territorio e sul paesaggio. Grazie ad un protocollo, gli interventi dovranno tener conto di una serie di fattori per garantire la conservazione della biodiversità e la funzionalità ecologica delle unità ecosistemiche. Il Sistema informativo regionale per l archiviazione dei dati naturalistici rappresenta un formidabile strumento per aumentare la consapevolezza del patrimonio biologico regionale nei cittadini e del ruolo che può svolgere per la sostenibilità della nostra regione. Ad oggi i dati immessi sono quelli storici relativi alla vegetazione, alla flora, alla fauna del territorio regionale e quelli ottenuti con nuovi monitoraggi ad hoc.

4 1 novembre 2012 dill' al monc' in piazza a cura di G. Nicoli Ringraziamo l Amministrazione comunale di Senigallia, nella persona del Sindaco Maurizio Mangialardi, per la celerità con cui sono state ritinteggiate le strisce pedonali in piazza Garibaldi e per i lavori che vi si stanno effettuando. A sinistra dell ingresso della chiesa del Carmine c è una targa con la scritta: Indulgenza plenaria quotidiana perpetua. E ancora attuale? L abbonata, che l ha vista, desidererebbe conoscere la risposta da chi è in grado di fornirla per poter soddisfare coloro che la leggono e, come lei, non sanno. A dicembre dovrebbe essere aperta al pubblico la Complanare ma, già da ora, ogni giorno ci sono ingressi abusivi. E stato chiesto alla polizia municipale se ora vi si può entrare e la risposta è stata negativa. In caso di incidenti, quindi, ne dovranno rispondere gli abusivi. La bretella nord, poi, ormai ultimata, non è stata ancora ceduta alla Provincia di Ancona che dovrebbe diventarne la nuova proprietaria per poi passarla in gestione senigallia al Comune di Senigallia. Però i senigalliesi non riescono proprio ad aspettare. Troppo forte è la voglia di transitarvi per curiosità e per rendersi conto di come ciò dovrebbe portare via il traffico dai quartieri cittadini. I giovani, poi, si divertono ad entrare nel cantiere per immortalare il momento e condividerlo su Facebook con gi amici, quasi avessero messo i piedi sulla luna. La complanare si dovrà percorrere a 70 chilometri orari. E stata concessa una proroga di 70 giorni alla società incaricata di sgomberare il cantiere del Navalmeccanico dalle imbarcazioni. Ciò per motivi burocratici. Il 26 ottobre c è stata la cerimonia di inaugurazione degli orti urbani comunali in via Mattei. Ha preso così ufficialmente il via il progetto voluto dall Amministrazione comunale. Sessanta assegnatari avranno a disposizione per la coltivazione un area di 50 mq ciascuna. Le graduatorie verranno effettuate ogni semestre. Per mancanza di fondi, Senigallia quest anno non potrà assegnare il contributo pubblico di trentamila euro per le luminarie. Pertanto sono stati invitati i negozianti a farlo con le loro forze. E' una richiesta un po' strana, visto che la maggior parte dei negozi riesce a malapena a coprire i costi di gestione. In questi anni poco si è fatto per la sopravvivenza del centro storico: poca gente ci abita a causa dei costi eccessivi delle case. Pochi i commercianti che hanno il coraggio di aprire. E tu, caro Monc', rischi di rimanere solo. Sicurezza pubblica adentistretti I relitti a Marina vecchia Se tutto va come deve andare, il paesaggio di 'marina vecchia' cambierà radicalmente. Non stiamo parlando dell'area ex Sacelit - Italcementi, dove i lavori sono fermi da tempo e non si sa bene che fine farà un lembo di terra strategico, tra lungomare e centro storico. Ci riferiamo invece al cantiere navalmeccanico che da anni ospita in secca cinque navi arrugginite. Il Proseguono infatti i lavori di preparazione dell'area per il varo dei cinque relitti che finalmente, dopo quasi trent'anni, sono pronti a prendere il largo. I lavori stanno interessando la costruzione di uno scivolo in legno per consentire alle navi di essere immesse in mare. Un'operazione che però sarà eseguita solo dopo che il Comune avrà effettuato l'escavo della zona antistante il Navalmeccanico. Al momento è pronta la cassa di colmata nell'avamporto dove verranno Si è riunito ad Ancona, presso la sede della prefettura, il comitato provinciale per l ordine e la sicurezza pubblica, convocato per esaminare la situazione della criminalità nel territorio del Comune di Senigallia. Presenti il prefetto vicario di Ancona, il questore vicario, il comandante provinciale dei carabinieri e il comandante provinciale della Guardia di Finanza. Alla riunione era presente anche il Sindaco Maurizio Mangialardi, che aveva richiesto l incontro per poter prendere in esame la situazione di Senigallia e poter individuare ogni possibile azione comune delle forze di Polizia per prevenire e contrastare il fenomeno della prostituzione e il verificarsi di furti in appartamenti e abitazioni che nell ultimo periodo si erano registrati nel territorio senigalliese. In merito a quest ultima questione, è stata confermata l attenzione di tutte le forze di Polizia e garantita una diffusa e capillare attività di controllo, con servizi mirati in alcune zone e la predisposizione di indagini anche con l ausilio di agenti in abiti civili. Per quanto riguarda la prostituzione, è stata ricordata la possibilità di contrastare l emergere di questo fenomeno, oltre che con indagini articolate sui racket che organizzano lo sfruttamento delle giovani donne, anche intervenendo con gli strumenti previsti dal Codice della Strada, cercando di mettere in campo un azione puntuale e severa contro i clienti. A questo proposito si è discusso per organizzare al meglio e turnare i controlli sulle strade con la collaborazione di tutte le forze dell Ordine, prevedendo un divieto di sosta e fermata per tutti i veicoli nei tratti maggiormente interessati dal fenomeno in modo da cercare di colpire quanto più possibile la contrattazione della prestazione sessuale e prevenire allo stesso tempo anche situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica. Durante la riunione è stata pertanto confermata la necessità di una costante collaborazione e di un efficace coordinamento di tutte le forze di Polizia per contrastare i fenomeni di illegalità che avevano recentemente preso di mira il territorio e che avevano indotto il Sindaco a chiedere al Prefetto di valutare l opportunità di affrontare la questione in sede di comitato provinciale per l ordine e la sicurezza pubblica. Giovani bocciofili premiati Nei giorni scorsi il Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi, e l Assessore comunale allo Sport, Gennaro Campanile, hanno ricevuto e premiato presso la Residenza Municipale due giovanissimi senigalliesi per meriti sportivi. Si tratta di Matteo Lucchetti e Gabriele Marinelli, rispettivamente tesserati per la Bocciofila Acli di Senigallia e la Bocciofila Borgo Catena, che assieme si sono aggiudicati il titolo italiano 2011 di campioni di bocce a coppie per la categoria under 14. I due giovani hanno consegnato nell occasione una targa ricordo del successo conseguito al Sindaco Mangialardi, che li ha ricambiati donando loro due pergamene individuali celebrative dell eccellente risultato ottenuto. riversati i fanghi prelevati dalla darsena Bixio. L'escavo permetterà al fondale di raggiungere una profondità tale da consentire alle cinque imbarcazioni di prendere il largo. Mentre il Comune si farà carico di eseguire i lavori di dragaggio (per un costo complessivo di circa 50 mila euro), la Lepore srl, proprietaria delle imbarcazioni, comparteciperà alla spesa con un importo di 30 mila euro. Ad occuparsi della messa in acqua dei cinque relitti sarà la Due Emme di Ancona. In questi giorni la Lepore dovrà presentare all'ufficio Locale Marittimo il piano di sgombero dell'area con l'indicazione dei tempi (circa cinque settimane per la messa in acqua di tutte le imbarcazioni) e la loro destinazione. Una volta sgomberata l'area, il Comune tornerà nella piena disponibilità del sito che sarà destinato, per oraa parcheggio. Saldo negativo delle imprese locali Qui la crisi morde Un convegno a Senigallia della Rees Marche La nuova agricoltura La nuova agricoltura ecologica nell'economia solidale. Superare la crisi di civiltà a partire dalla produzione del cibo. Superare la crisi di democrazia costruendo dal basso la nuova economia e società. Questi gli impegnativi temi del convegno che si terrà a Senigallia nei giorni 10 e 11 novembre prossimi, Sala del Trono di Piazza del Duca. Lo scopo principale del Convegno è di promuovere e favorire l'incontro e il collegamento in rete fra tutto l'ampio movimento associativo e produttivo dell'agricoltura ecologica, di vecchia e nuova costituzione, e fra questo e il recente ma dinamico mondo dell'economia solidale: Res, Des, Gas, produttori e associazioni di vari settori La finalità comune è quella della costruzione dal basso di un nuovo sistema economico, basato sulle buone relazioni e sulla collaborazione e solidarietà, invece che sulla conflittualità, Non siamo fuori dalla crisi. Dall inizio del 2012 alla fine di settembre hanno chiuso ben 168 imprese artigiane e le 135 iscrizioni registrate non riescono a compensare questa perdita. La dinamica di natalità e mortalità aziendale nel Senigalliese chiude perciò in passivo (-33) il terzo trimestre "Un risultato negativo che ci preoccupa commenta Giacomo Cicconi Massi Segretario della Confartigianato di Senigallia perché pone in evidenza quanto la crisi abbia intaccato la resistenza dei comparti produttivi e quanto queste dinamiche continuano ancora oggi a determinare la chiusura di imprese". Il saldo in perdita più significativo si riscontra nel Comune di Senigallia dove dall inizio dell anno hanno cessato 90 aziende artigiane e si sono verificate 78 iscrizioni con un risultato di deficit a 12. Difficoltà anche per Castelleone di Suasa (- 8) e Corinaldo (- 7). I settori più colpiti: edilizia e manifatturiero. La tendenza non è rassicurante. Certo, a fronte di queste cessazioni ci sono nuove attività che aprono. Ma non riescono a compensare la perdita. Infatti le aziende che chiudono sono spesso attività storiche, radicate nel territorio, fino a oggi stabili. Per sostenere il tessuto produttivo e il territorio la Confartigianato ha il servizio Fare Impresa. La nascita di nuove imprese solide può rappresentare un concreto volano per l occupazione locale, spiega Cicconi Massi segretario Confartigianato Senigallia. Poter contare su una bussola sicura per far fronte alle difficoltà è quanto di più necessario: vogliamo aiutare con supporto e assistenza chi abbia desiderio di mettersi in proprio e dare vita a una nuova impresa. Per questo presso la sede Confartigianato di Senigallia in via Chiostergi 10 è attivo lo sportello Fare Impresa che fornisce consulenza ai giovani e non che vogliono sviluppare una loro idea imprenditoriale, aiuta la realizzazione con studio di fattibilità, ricerca di agevolazioni e finanziamenti, formazione per migliorare la gestione dell attività e specialistica per neo imprenditori. Paola Mengarelli e orientato al rispetto dei principi di ecologia, sobrietà, giustizia sociale, responsabilità, valorizzazione di tutte le risorse umane, benvivere diffuso, nel rispetto dei criteri di centralità della persona e del rapporto con il territorio e la comunità territoriale, anche attraverso la promozione dei DES Distretti di Economia solidale. Scopo del Convegno - e strumento per avvicinare i due movimenti - è anche di trattare insieme, in modo propositivo e concreto, temi di attualità, relativi al settore dell'agricoltura ecologica, per realizzare passi avanti effettivi. Tra i temi: * L'agricoltura ecologica nell'economia solidale * La sovranità alimentare * L'accesso alle terre per l'agricoltura ecologica * Come fermare l'avanzata degli Ogm, in Italia e nel mondo * Sistemi partecipativi di garanzia * Partenariati o patti fra produttori e fruitori * Agricoltura contadina * Salvaguardia delle sementi.

5 senigallia succede a senigallia * Si stacca un pezzo di cornicione e i calcinacci cadono a terra. L'allarme è scattato nella tarda mattinata di ieri. In via Perilli, sul lato adiacente al foro Annonario, sono caduti a terra alcuni calcinacci. * Il Sindaco, visto il brusco calo delle temperature, ha ritenuto opportuno emanare l ordinanza (n 462/2012) che consente da sabato 27 ottobre, l accensione anticipata degli impianti di riscaldamento 1 novembre 2012 per un massimo di quattro ore al giorno. * Continua l'ondati di furti (soprattutto in appartamento) e di scippi che stanno imperversando su tutto il territorio. Gli agenti del commissariato di Senigallia, guidati dal dirigente Roberto Palcani, hanno potenziato i controlli notturni ma invitano i cittadini a prestare maggiore attenzione nel chiudere sempre porte e finestre. * Il gruppo consiliare del Pdl-Ppe dice no al nuovo regolamento edilizio elaborato dalla Giunta e che martedì approderà in consiglio comunale. Per l'opposizione il nuovo strumento avrebbe dovuto velocizzare la burocrazia e velocizzare le pratiche urbanistiche mentre invece sarebbe tutto l'opposto. * Il comune quest'anno ha deciso di tagliare i fondi destinati alle luminarie natalizie. A causa dei tagli a bilancio, sono state annullate anche iniziative dedicate all'intrattenimento come la Casina di Babbo Natale, in piazza Saffi, l'arrivo della Befana alla Fenice e la pista di pattinaggio sul ghiaccio. * Domenica poco prima di mezzanotte i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile hanno arrestato, in flagranza di reato, per concorso in tentato furto aggravato, Pasquale Avallone, 21enne originario di Napoli ma residente ad Ostra, e denunciato, per lo stesso reato, in stato di irreperibilità, B. S., marocchino di 25 anni, regolare sul territorio nazionale, pre- giudicato, residente a Senigallia. I militari intorno alle 21.30, a seguito di una segnalazione, si sono recati al Foro Annonario dove, insieme ad un Finanziere in abiti civili e libero dal servizio, già nel frattempo intervenuto, hanno sorpreso i due che cercavano di scardinare la porta-saracinesca della pescheria. Il 21enne è stato immediatamente bloccato e tratto in arresto, mentre il secondo è riuscito a scappare. * La società Autostrade ha richiesto per queste giornate l istituzione di una circolazione a senso unico alternato, regolamentata da movieri, in via delle Cone, in prossimità del sottopasso ubicato lungo la via, dove sarà allestito un cantiere stradale temporaneo funzionale alla esecuzione di alcune opere di manutenzione. Assunzioni all'ospedale di Senigallia Dacia Maraini: il consiglio discute e arriva il primario di Medicina la cittadinanza onoraria Movimenti di personale all'interno dell'area Vasta 2. La direzione generale ha autorizzato per l'ospedale di Senigallia l'assunzione di dodici unità di personale di cui otto a tempo determinato (3 ausiliari, 1 Oss, 1 operatore tecnico, 2 infermieri e 1 medico) e quattro a tempo indeterminato (3 infermieri e 1 medico di struttura complessa). Il personale sarà assunto con decorrenza novembre/dicembre e tra essi figurano il medico per il Pronto Soccorso ed il Primario dell'unità operativa complessa di Medicina. Il 7 novembre inizieranno le selezioni concorsuali per l'individuazione del Primario della Medicina per concludersi con l'incarico a far data dal 1/12/2012. Attualmente altre sei Unità Operative risultano prive del primario quali: Radiologia, Laboratorio Analisi, Otorinolaringoiatria, Fisiatria, Medicina Pubblica e dal prossimo mese anche Farmacia. Il museo regionale cerca materiale Noi, immigrati La Regione Marche, in collaborazione con la Provincia di Ancona e con le altre Province marchigiane, istituirà presso la struttura Villa Colloredo Mels di Recanati, il Museo dell Emigrazione Marchigiana nel Mondo al fine di conservare e diffondere l alto valore storico, culturale e sociale rappresentato dall emigrazione marchigiana nel mondo. È importante sensibilizzare tutti i cittadini per condividere un percorso della memoria rivolto alla ricerca di lettere, diari di viaggio, foto, giornali d epoca, oggetti o quant altro che possa aiutare a ricordare quel periodo della storia in cui anche i marchigiani Il progetto del Museo Regionale dell Emigrazione Il Museo Regionale dell Emigrazione risponde alla volontà di raccontare la storia dell emigrazione marchigiana all estero, un modo per recuperare la memoria dell esperienza migratoria e mantenere viva l identità nazionale. A questo scopo, il servizio Internazionalizzazione della Regione Marche, conta sulla collaborazione delle Associazioni dei marchigiani all estero e sugli Enti Territoriali, Province e Comuni, ma anche soggetti privati, per raccogliere il materiale necessario. Tutti i documenti originali, fotografie, lettere autografe, testi, giornali e riviste d epoca, oggetti, e tutto ciò che può essere utile per ricostruire la storia della nostra Regione nel mondo, verranno catalogati ed in seguito esposti indicando la provenienza e la proprietà. Come contribuire alla raccolta del materiale erano degli emigranti. Per chiarimenti e/o informazioni è possibile contattare il Cde - Centro Documentazione Emigrazione, Villa Colloredo Mels, Via Gragorio XII, Recanati (MC) tel tel. e fax Il Comune di Senigallia invita i cittadini che vogliano contribuire alla creazione del Museo Regionale dell Emigrazione, a consegnare il materiale utile all Ufficio Relazioni con il Pubblico in Piazza Manni dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle e dal lunedì al giovedì dalle alle Dopo l approvazione a maggioranza da parte della I Commissione consiliare, il Consiglio Comunale potrà valutare nella sua prossima seduta la proposta di delibera (n 1849/2012) per il conferimento della cittadinanza onoraria di Senigallia a Dacia Maraini, una delle più conosciutscrittrici italiane, oltre che la più tradotta nel mondo. L occasione di avanzare una simile proposta è nata dal fatto che il Comune di Senigallia sta portando avanti dallo scorso anno, in collaborazione con la Regione Marche, un progetto per la valorizzazione delle opere di teatro civile scritte appunto da Dacia Maraini. Tra gli ambiti specifici nei quali si è sviluppata la sua attività letteraria che ha prodotto libri molto importanti e di grande successo come La lunga vita di Marianna Ucria, Bagheria, Voci, La grande festa e molti altri c è infatti quello della scrittura per il teatro: Dacia Maraini ha scritto e firmato a partire dalla seconda metà degli anni 60 numerosi testi teatrali (Zena, Una casa di donne, Maria Stuarda, Lezioni d Amore e molti altri), sempre caratterizzati da una grande attenzione ai temi civili, alla questione dei diritti umani e dei diritti delle donne, e ovunque rappresentati con ampio successo, sia in Europa che in America. Il Comune di Senigallia è stato coinvolto direttamente nell attuazione del progetto in questione, dal momento che la compagnia teatrale di giovani senigalliesi Teatro Manet, diretta da Antonio Lovascio, ha messo in scena ben due testi teatrali scritti da Dacia Maraini: Passi affrettati, presentato al Teatro La Fenice di Senigallia, e Viva l Italia. M.B.

6 chiesa 1 novembre 2012 Un pomeriggio interessante per conoscere Avsi In diretta con il Mozambico La Fondazione Avsi organizza un incontro sul tema "Alla radice dello sviluppo: il fattore umano". Si tratta di una merenda con i nostri amici, volontari, Alessandro e Nicoletta che lavorano in Mozambico, attraverso un collegamento via Skype, per sentire, vedere cosa fanno e per capire come il nostro contributo del sostegno a distanza, attraverso il loro lavoro, può essere così decisivo nella vita di una persona. Il tutto si terrà sabato 3 novembre 2012, ore nella "Casa San Benedetto", in Strada delle Saline, 58 a Senigallia. Ci sarà la possibilità di interloquire con i volontari che operano in Africa e porre delle domande. Dopo "l'incontro" ci sarà la possibilità di fare merenda insieme e di approfondire quanto emerso dalla testimonianza africana. Faremo un banchetto con dei prodotti manufatti nei vari luoghi di presenza Avsi e del materiale informativo. L'invito è aperto a tutti. Avsi Point Senigallia Francesco Conigli - tel chiesa MOVIMENTO PER LA VITA- Idee e proposte dal 23 convegno A servizio della vita "È di tutta evidenza che oggi occorre un generale rinnovamento civile, morale e anche politico. Da dove ripartire? All'epoca della Rerum novarum la prima pietra fu lo sguardo sulla condizione operaia. Noi oggi osiamo indicare come punto di ripartenza, come forza rinnovatrice anche della politica, lo sguardo sull'embrione umano. Questa la proposta lanciata dal presidente del Movimento per la vita, Carlo Casini, durante la tavola rotonda che ha aperto, venerdì 26 ottobre scorso, a Bellaria, il XXXII convegno dei Centri di aiuto alla vita (Cav). Uno di noi, insieme per la vita il titolo del convegno. Questa proposta è una follia?, si è chiesto Casini davanti ai volontari dei 330 Cav italiani. Che cosa ha che fare con il debito pubblico e privato, con la disoccupazione e la disperazione dei giovani, lo sguardo sul primo comparire della vita umana? Giovanni Paolo II, nel 1985, disse che chi riconosce un suo simile nel concepito non ancora nato acquista occhi nuovi per interpretare l'intera realtà. Ogni uomo è custode della vita degli altri, ha osservato mons. Dante Lafranconi, vescovo di Cremona, vicepresidente della Conferenza episcopale lombarda con delega alla Famiglia e alla vita, intervenendo alla tavola rotonda. I volontari della vita che operano nei Cav ha aggiunto - esprimono questa vocazione universale di essere ognuno custode della vita del fratello. La loro azione ha pertanto una grande rilevanza sociale nel costruire la città degli uomini nel rispetto della dignità di ogni uomo. E in conclusione del convegno, i volontari dei 330 Centri di aiuto alla vita sparsi in tutta Italia hanno rivolto un appello all unità all intero popolo della vita. Un primo obiettivo sulla strada di questa grande unità di intenti - ha spiegato Carlo Casini - è senza dubbio quello di ricordare insieme la triste data di nascita della legge 194 con una grande manifestazione da realizzare a maggio prossimo. Per rendere realmente unitario questo appuntamento, divenuto peraltro ormai tradizionale, auspichiamo la creazione di un comitato tra tutte le associazioni, ecclesiali e non, sensibili ai temi del diritto alla vita e dell unità. A proposito dell iniziativa di alcuni di tentare l abolizione della legge 194 attraverso la via referendaria, i Cav confermano che pur condividendo il giudizio di grave ingiustizia sulla legge e il proposito di operare per il suo superamento, non giudicano attualmente percorribile il ricorso al referendum. Preferiamo ha dichiarato Casini - concentrare tutte le energie nostre e dei molti che già nel corso del LifeDay di quest anno hanno assicurato la disponibilità all impegno, sull iniziativa Uno di noi per portare fin alle Istituzioni comunitarie l istanza del riconoscimento del bambino non nato come soggetto di diritti. I 500 volontari dei Centri di aiuto alla vita riuniti a Bellaria hanno deciso di assegnare per il 2012 il Premio Madre Teresa a tutte le mamme d Europa che nella loro capacità di accoglienza vissute da molte all interno di storie ordinarie o da poche nella drammaticità di eventi straordinari rappresentano la vera bandiera del riconoscimento del bambino non nato come un figlio, come uno di noi. Il premio che negli anni scorsi è stato assegnato, tra gli altri, a Jerome Lejeune, padre della genetica moderna, a mons. Elio Sgreccia, a Chiara Lubich, sarà idealmente consegnato a tutte le mamme d Europa il 20 novembre prossimo, anniversario della Dichiarazione dei diritti del fanciullo in cui si auspica che ogni Paese senta come impegno proprio quello di garantire la massima tutela anche giuridica al bambino non nato. Primo riconoscimento nel diritto internazionale che l embrione è titolare di diritti come qualunque essere umano senza distinzione alcuna. Un seminario aperto, a Fermo, promosso dal Forum oratori delle Marche A.S. Pensando a don Tonino Venerdì 19 ottobre 2012 presso il Teatro della parrocchia del Portone, a Senigallia, si è svolta la presentazione del libro di Gianni Di Santo, La Messa non è finita-il Vangelo scomodo di don Tonino Bello, edito da Rizzoli e già alla seconda edizione sulla vita di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta dal 1982 al 1993 (anno della sua morte), presidente di Pax Christi negli stessi anni, profeta di giustizia e di pace, sulle orme del profeta Isaia. Da poco è stata aperta la causa di beatificazione di don Tonino, il cui postulatore è mons. Agostino Superbo (vescovo di Potenza) ed il vicepostulatore è mons. Domenico Amato, già assistente nazionale del Movimento Studenti di Azione Cattolica e che ha accompagnato l autore nella stesura della sua opera. All incontro, organizzato dall Aci diocesana, era presente l autore, Gianni Di Santo, giornalista e scrittore. Il presidente diocesano dell'azione Cattolica, Daniele Marzi, ha ricordato come la memoria di don Tonino sia presente nella storia dei giovani, degli acierrini, degli adulti perché le sue parole ed i suoi scritti quasi in tempo reale venivano diffusi nei campi diocesani e durante gli incontri di formazione. Inoltre, don Tonino ebbe sempre nel cuore la Azione Cattolica, come realtà associativa del laicato impegnato. Gianni Di Santo ha parlato del vescovo pugliese a partire da tre prospettive: don Tonino ed il Concilio Vaticano II, don Tonino e la Chiesa del grembiule, don Tonino e la marcia della pace nel 1992 a Sarajevo durante la feroce guerra di Bosnia. La serata si è arricchita della voce di Leo Marcheselli che ha letto alcuni brani del libro e dalle voci di coloro che, presenti in sala, sono intervenuti per ricordare l'eredità di questo grande uomo e pastore della nostra Chiesa. In vendita presso la Libreria 'Mastai' di Senigallia Voglia di oratorio Dopo l Happening nazionale degli Oratori (in Italia sono 6.000) svoltosi a Bergamo e Brescia nel settembre scorso al quale hanno partecipato 70 tra educatori e animatori delle 300 strutture operanti nelle Marche è iniziato a livello regionale un importante percorso di ricerca-azione che ha lo scopo di valorizzare al massimo tali strutture nell interesse della crescita sociale della comunità. E con questo obiettivo che il Forum degli Oratori delle Marche, il coordinamento Oratori Fermani e l Istituto Teologico Marchigiano hanno promosso per sabato 3 e domenica 4 novembre prossimi un seminario aperto al pubblico che avrà luogo a Fermo. La due giorni ha come messaggio Voglia di Oratorio e si articola in due sessioni centrate su un vero e proprio LAB-Oratorio : la prima sabato pomeriggio 3 novembre dalle 15,30 alle 19,00 sviluppa il tema Per una condivisione di sguardi, progetti e azioni negli Oratori marchigiani, la seconda domenica mattina dalle 9,30 alle 12,30 su Scambi, connessioni tra gli Oratori, le Associazioni, i Movimenti e le Pastorali. Entrambe le sessioni (si svolgeranno presso Villa Nazareth) sono coordinate da don Francesco Pierpaoli del Forum degli Oratori Marchigiani, don Sebastiano Serafini del coordinamento Oratori Fermani, Massimiliano Colombi sociologo docente presso l Istituto Teologico Marchigiano e Silvia Brena dell Università degli studi di Bergamo. Il seminario si concluderà domenica pomeriggio presso l Auditoriumo G. Franceschetti, dalle 15,30 alle 18,00, con il confronto su Istituzioni, Chiesa e Università in dialogo intorno agli oratori marchigiani : interverranno mons. Edoardo Menichelli, Arcivescovo di Ancona-Osimo, Paolo Petrini, vice presidente della Regione Marche, don Marco Mori, presidente del Forum Oratori Italiani e Ivo Lizzola, pedagogista dell Università di Bergamo. S.B.

7 chiesa 1 novembre 2012 la settimana del vescovo in agenda Giovedì 1 novembre Ore 18.00: S.Messa in Cattedrale Venerdì 2 novembre Ore 15.30: S.Messa al Cimitero Domenica 4 novembre Ore 11.00: S.Messa al Duomo di Osimo Martedì 6 novembre Ore 10.00: "Migrantes a Loreto Ore 21.15: Incontro sul Vaticano II a Recanati Giovedì 8 novembre Ore 9.00: S.Messa per Vescovi e Sacerdoti defunti in Cattedrale Ore 16.00: Compleanni all Opera Pia M.F. Venerdì 9 novembre Ore 21.00: Giornata del Creato a Senigallia Sabato 10 novembre Ore 9.30: Riunione Pastorale del lavoro a Loreto Ore 18.00: S.Messa al Vallone con mandato ai corsisti Si è chiuso il Sinodo dei Vescovi Le famiglie di fatto. Nel paragrafo dedicato alla famiglia, i padri sinodali rivolgono un pensiero particolare alle situazioni familiari e di convivenza in cui non si rispecchia quell immagine di unità e di amore per tutta la vita che il Signore ci ha consegnato. Ci sono coppie che convivono senza il legame sacramentale del matrimonio; si mol- Il Dio vicino Non c è uomo o donna che, nella tiplicano situazioni familiari irregolari sua vita, non si ritrovi, come la donna di Samaria, accanto a un pozzo con denti matrimoni: vicende dolorose in costruite dopo il fallimento di prece- un anfora vuota, nella speranza di trovare l esaudimento del desiderio più dei figli. A tutti costoro vogliamo dire cui soffre anche l educazione alla fede profondo del cuore, quello che solo che l amore del Signore non abbandona nessuno, che anche la Chiesa li può dare significato pieno all esistenza. Parte dal profondo di questa considerazione il messaggio del Sinodo essi rimangono membra della Chiesa ama ed è casa accogliente per tutti, che dei vescovi al Popolo di Dio, inviato a anche se non possono ricevere l assoluzione sacramentale e l Eucaristia. Le conclusione della XIII Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi. Il messaggio è caratterizzato dalla verso quanti vivono in tali situazioni e comunità cattoliche siano accoglienti urgenza di condurre gli uomini e sostengano cammini di conversione e le donne del nostro tempo a Gesù, all incontro con lui. Perché molti sono di riconciliazione. oggi i pozzi che si offrono alla sete dell uomo, ma occorre orientare bene moniare il Vangelo non è privilegio Giovani, economia e politica. Testi- la ricerca, per non cadere preda di delusioni, che possono essere rovinose. presenza di tanti uomini e donne che di alcuno. Riconosciamo con gioia la Il messaggio fa il punto sui problemi con la loro vita si fanno segno del Vangelo in mezzo al mondo. Il messag- e le sfide che attraversano l umanità e che sono stati oggetto di discussione in gio ha quindi una parola per tutti: per i questi giorni di Sinodo, ma lascia un giovani, per i quali i vescovi chiedono segno di speranza. Il nostro - scrivono i padri sinodali - è un mondo colmo entusiasmi. Al mondo dell economia di non mortificare, la potenza dei loro di contraddizioni e di sfide, ma resta e del lavoro, invece, i padri sinodali creazione di Dio, ferita sì dal male, ma chiedono di riscattare il lavoro dalle pur sempre il mondo che Dio ama, terreno suo, in cui può essere rinnovata la volte un peso insopportabile e una condizioni che ne fanno non poche semina della Parola perché torni a fare prospettiva incerta, minacciata oggi frutto. Non c è spazio per il pessimismo nelle menti e nei cuori di coloro giovanile. Al mondo della politica, spesso dalla disoccupazione, specie che sanno che il loro Signore ha vinto l esortazione ad un impegno di cura la morte e che il suo Spirito opera con disinteressata e trasparente del bene potenza nella storia. comune ; una limpida testimonianza e il precetto della carità. Umiltà. Umiltà è la parola che risuona nei primi paragrafi del testo, perché l invito ad evangelizzare si traduce in un appello alla conversione. Dobbiamo riconoscere - si legge - che le povertà e le debolezze dei discepoli di Gesù, specialmente dei suoi ministri, pesano sulla credibilità della missione. Siamo certo consapevoli, noi Vescovi per primi, che non potremo mai essere all altezza della chiamata da parte del Signore e della consegna del suo Vangelo per l annuncio alle genti. Sappiamo di dover riconoscere umilmente la nostra vulnerabilità alle ferite della storia e non esitiamo a riconoscere i nostri peccati personali. Siamo però anche convinti che la forza dello Spirito del Signore può rinnovare la sua Chiesa e rendere splendente la sua veste, se ci lasceremo plasmare da lui. Lo mostrano le vite dei santi, la cui memoria e narrazione è strumento privilegiato della nuova evangelizzazione. Se questo rinnovamento fosse affidato alle nostre forze, ci sarebbero seri motivi di dubitare. I cristiani perseguitati. Il messaggio sinodale si conclude con un pensiero che abbraccia tutta la terra e la cristianità. Rivolge una considerazione tutta particolare, colma di affetto fraterno e di gratitudine, ai cristiani delle Chiese Orientali Cattoliche. In non pochi contesti - scrivono i padri sinodali - le vostre Chiese sono in mezzo a prove e tribolazioni, in cui testimoniano la partecipazione alla croce di Cristo. Il Signore continui a benedire la vostra fedeltà e sul vostro futuro si staglino orizzonti di serena confessione e pratica della fede in una condizione di pace e di libertà religiosa. Il messaggio è indirizzato anche ai cristiani, uomini e donne, che vivete nei paesi dell Africa : Vi diciamo la nostra gratitudine per la testimonianza che offrite al Vangelo spesso in situazioni di vita umanamente difficili. C è una parola per tutti, per le Americhe del Nord e del Sud, per l Oceania, per le minoranza cristiane in Asia, per l Europa. Giunti al termine di questa esperienza di comunione tra Vescovi di tutto il mondo e di collaborazione al ministero del Successore di Pietro - conclude il messaggio -, sentiamo risuonare per noi attuale il comando di Gesù ai suoi apostoli: Andate e fate discepoli tutti i popoli. Ed ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo (Mt 28,19.20). A.S. Vita di chiesa Uno scultore per padre Pio E' stata inaugurata sabato 27 ottobre 2012 nel Museo-Antico Tesoro di Loreto la mostra Franco Campanari, uno scultore per Padre Pio. Studi e bozzetti. Con l occasione verranno esposti per la prima volta tutti i disegni e i bozzetti delle grandi opere ispirate alla figura di San Padre Pio da Pietrelcina realizzate da Campanari, loretano ma residente da tempo a Castelfidardo. Franco Campanari iniziò ad ispirarsi a San Pio fin dal 1975, quando esegui quattro altorilievi in bronzo per la chiesa del San Giovanni Battista a New York e di quel primo lavoro saranno esposti a Loreto i disegni preparatori. Nel 1983 poi gli vennero commissionati dieci disegni sulla vita del Dott. Carlo Lusardi, la cui conversione è legata all incontro con San Pio, ed anche questi disegni saranno parte della mostra loretana. Con l'avvento della guerra nell' ex Jugoslavia, nel , Campanari eseguì cinque grandi Crocefissi venerati nei grandi Santuari che si affacciano sul mare Adriatico, ed anche questi saranno esposti nel Museo Antico-Tesoro. Un altra opera, il quadro intitolato Allegoria'', eseguito nel 1993, farà da riassunto della difficile vita di questo artista, che ha attraversato momenti particolarmente difficili: è in questo dipinto, più che in altre opere, che la figura di San Pio è chiamato a rappresentare la speranza. Completano l esposizione un altorilievo e due sculture in bronzo, il cui soggetto è ugualmente il Santo di Pietrelcina. L esposizione sarà visitabile secondo gli orari d apertura del Museo- Antico Tesoro fino al 27 gennaio Il saluto di Corinaldo a don Filippo Dopo 14 anni di servizio alla Parrocchia di Corinaldo, in modo particolare alla Casa di Riposo e alla Rsa (ospedale), don Filippo ci lascia per ritirarsi presso la Comunità dei sacerdoti dell'opera Pia Mastai Ferretti di Senigallia. I corinaldesi vogliono ringraziarlo, come ha detto il parroco don Giuseppe, per il grande lavoro svolto nel silenzio e nella semplicità, in modo particolare verso gli anziani, gli ammalati e le persone sole. Sempre molto attento al Sacramento della Confessione. La sua presenza nelle contrade per la messa domenicale è stata, in questi anni, un bene prezioso. Le persone erano colpite dalla sua disponibilità e dalla capacità di ascolto. Certamente ci mancherà. Gli auguriamo un futuro sereno e con la possibilità di poter continuare il suo servizio a Senigallia. Al termine della celebrazione Eucaristica, si è tenuto un momento di fraternità, presso la Scuola Pia, con don Filippo, i sacerdoti della parrocchia, il missionario padre Guiducci e gli amici corinaldesi. Ilario Taus Santuario S. Mari Goretti a Nettuno Nei giorni scorsi, l amministrazione comunale di Corinaldo ha partecipato all inaugurazione del nuovo piazzale San Rocco antistante la basilica Nostra Signora della Grazie - Santuario di S. Maria Goretti a Nettuno, organizzata in occasione del 122 anniversario della nascita di S. Maria Goretti. L evento, a cui hanno partecipato gli altri comuni Gorettiani è stato motivo di grande partecipazione della cittadinanza di Nettuno, anche per la concomitanza con la premiazione del concorso Santa Maria Goretti Città Pulita, amore verso il prossimo, amore verso l ambiente promosso dalle scuole primarie e secondarie di primo grado di Nettuno. Il nuovo piazzale dichiara il Sindaco Chiavetta è ora meritevole della bellezza della facciata della basilica di Santa Maria delle Grazie. Rispetto alla precedente area a parcheggio, la piazza pedonale meglio si presta come cornice a tutti gli eventi e manifestazioni che si svolgono sul lungomare nettunese. L evento, a cui ha partecipato l Assessore Mauro Montesi in rappresentanza del sindaco, bene si integra con la settimana Gorettiana appena conclusasi a Corinaldo, con i molteplici eventi in programma, ultimi tra tutti l incontro di Venerdì 19 con la delegazione di Nettuno relativa al pellegrinaggio in Canada del corpo di S. M.Goretti e la serata conclusiva di Sabato 20 con la Rassegna di Corali organizzata dall Ambima e dalla banda musicale di Corinaldo.

8 8 1 novembre 2012 il paginone rritorio il paginone "Dimmi la tua" è uno spazio in cui scrivere messaggi e idee Sbirciando la bacheca nel foyer... Non si fa mancare nulla, il Gabbiano : un sito internet, profilo facebook, una newsletter settimanale che arriva ad oltre 3000 indirizzi, locandine personalizzate, schede sui film proposti. E poi rassegne tematiche organizzate con l associazionismo locale, stagioni teatrali, registi in sala o tramite videoconferenza, trasmissioni radio, accordi con operatori turistici e hotel. Ma la vecchia, cara bacheca di sughero allestita nel foyer della sala principale sa emozionare ancora tanto. Nello spazio Dimmi la tua, le persone scrivono volentieri i loro pensieri: Quando vengo al cinema Gabbiano mi sento come a casa mia. Ambiente accogliente e familiare. Forza Gabbiano (Marco); Qui ho visto uno dei film più belli degli ultimi mesi, Guida per riconoscere i tuoi santi. Il cinema dei preti era guardato con sospetto in una città dall anima anarchica, anticlericale e ribelle. Collocato nel cuore del centro storico, tra quelle vie che portano il nome dei protagonisti di battaglie e conquiste risorgimentali (anche contro il senigalliese più illustre, Pio IX) nei primi del Novecento era però l unico spazio di aggregazione e del tempo libero per tanti ragazzi e giovani senigalliesi. Dalla chiesa magari si stava un po alla larga, ma al Sacro Cuore andavano tutti volentieri. Ancora se ne parla con nostalgia e, nonostante gli anni, questo amore ed odio non è stato completamente risolto. L identità di una città, nel tempo, è dura a morire. Ma quando il cinema rischia di soccombere, cento anni dopo, sotto una folle politica di proliferazione degli schermi multiplex è l intera città, specialmente quella più laica, a mobilitarsi per non far sparire la sala dalla lunga storia. Tre nomi per una storia Sacro Cuore, Vittoria e, oggi, Cinema Gabbiano. Tre nomi per una struttura che ha attraversato le stesse gioie e fatiche di ogni altra sala della comunità del nostro paese. Il coraggio di sacerdoti, nei primi del secolo scorso, che avevano capito l importanza della cultura e dell aggregazione, che nonostante le tensioni sociali non rinunciavano a dialogare con la propria gente, proponendo un alternativa organizzata e divertente alla spiaggia, allora di quasi esclusiva frequentazione borghese. Gli anni Sessanta e Settanta hanno cambiato questo luogo. Del resto, ormai ogni parrocchia aveva il suo oratorio, la concorrenza aumentava e di preti così convinti di questo strumento non ce n erano tanti in giro. Uno, però, tenne duro. Don Angelo non era nemmeno tanto progressista, diremmo oggi, ma quel cinema ereditato insieme alla responsabilità della parrocchia del Duomo sarebbe stato un peccato perderlo del tutto. Non era all altezza delle altre sale cittadine, i titoli scarseggiavano, la struttura un po malandata. Ma era ancora lì, resisteva alle prime speculazioni edilizie e alla tentazione di finire sul crescente mercato immobiliare. Ricordava ai più gli anni in cui bastava molto poco per radunare centinaia di giovani e fargli vedere qualche bel film, organizzare un gioco, proporre gite e scampagnate. Il cinema diventa Vittoria, un nome che più classico non si può e che forse nascondeva in sé l illusione di tornare ad essere un punto di riferimento per Senigallia, nonostante il Sessantotto, nonostante quelli della sinistra dura, nonostante la quasi indifferenza della Grande sch pagine curate da Laura Mandolini Storia di una sala della comunità, il cinema 'Gabbiano', che praticamente coincide con la storia cinematografica di Senigallia. Nato oltre un secolo fa, il 'Sacro Cuore' era lo spazio aggregativo più frequentato dai bambini e dai ragazzi di allora. Poi è diventato il cinema 'Vittoria', ha vissuto la crisi degli anni Settanta. Infine, nonostante i multiplex, la scommessa di trasformarlo nel cinema 'Gabbiano', una delle sale più apprezzate nel panorama cinematografico regionale. comunità ecclesiale locale. La vittoria, in effetti, c è stata. Tanto che un altro prete, don Gesualdo, deciso quanto il suo predecessore, lo ha pian piano trasformato in quello che è oggi, il cinema Gabbiano, pensato come omaggio alla città ed anche in memoria del celebre Johnathan Livingston, eroe del volo, dell impegno e dell elevazione sopra la mediocrità dello stormo. Vola il cinema, oggi, fiero della sua storia, a volte controcorrente, altre volte anticipando eventi, mode e sperimentazioni culturali di grande spessore. Dal 1997 è raddoppiato, con la piccola seconda sala nata nella chiesetta del vecchio oratorio; nella bella stagione, poi, è capace di radunare centinaia di persone nella fresca arena estiva che propone ogni giorno un titolo diverso. Costretti ad essere sala della comunità Il giro di boa più faticoso è coinciso con l arrivo dei multiplex alla fine degli anni Novanta. Lo è stato per tutti, si sa, ma qui nelle Marche la mazzata ha stordito più che altrove. Nel giro di un paio d anni, una regione con appena un milione e mezzo di abitanti si è trovata ad avere la più alta densità europea di schermi cinematografici in proporzione agli abitanti. Tante sale hanno gettato la spugna, il Gabbiano che nel frattempo finanziava quasi per intero altre esperienze di comunicazione in diocesi come il settimanale e la radio ha rischiato brutto. Non era la prima volta che il cinema si trovava alle strette, ma stavolta sembrava non ci fosse luce alla fine del tunnel. Tenere duro è stata la parola

9 il paginone 1 novembre Grazie. (Monica); Penso che il Gabbiano sia stato in assoluto il mio primo cinema, quello in cui da piccola mi portavano a vedere i cartoni. Spero che non debba fare la fine di tanti altri cinema. Tieni duro, Gabbiano! (Tina); Questo meraviglioso cinema ci ha fatto rivivere l inizio della nostra favola d amore (Due emotivi anonimi); Veniamo al Gabbiano ad occhi chiusi, sapendo che la selezione dei film viene fatta secondo certi valori e principi. Non lasciatevi assolutamente condizionare (Katia). Intervista a Francesco Giraldo Luoghi in cui si parla di umanità Francesco Giraldo è il segretario nazionale dell'acec, l'associazione cattolica esercenti cinema che coordina circa 800 sale della comunità sparse in tutta Italia, specialmente nel Centro Nord. Lo abbiamo incontrato in occasione della Mostra del Cinema di Venezia dove l'acec ha allestito un suo spazio espositivo e di incontro nell'ambito del 'Movie village'. Ha finalmente diritto di cittadinanza la sala della comunità nei pensieri e soprattutto nei piani pastorali delle diocesi italiane? Nei pensieri sicuramente: ne sono la prova le due Nota pastorali (1982 e 1999) della CEI sulla sala. In Acec la rifl essione che ci ha portati a rifl ettere sull identità della sala della comunità era iniziata alla fi ne degli anni cinquanta grazie all apporto di quel formidabile pastoralista che fu Luigi Pignatiello. Nella prassi le cose sono più complicate, perché molto è legato alla concezione che si ha di sala. I due capisaldi su cui appoggiarsi sono la polivalenza e la multimedialità. Di positivo in questo preciso momento storico sono le collaborazioni che sia a livello nazionale, ma anche a livello locale si stanno stringendo con gli Uffi ci della Catechesi, della Pastorale giovanile e del Progetto culturale. La sala dovrebbe stare al centro dei paini pastorali delle parrocchie, perché sono uno strumento, oserei dire ormai imprescindibile, di una moderna pastorale. ermo d ordine dei lavoratori, del gruppo di volontari animatori e degli appassionati di questa sala. Non ci si poteva più cullare sugli allori, si trattava di trovare, o meglio ritrovare, la propria identità di sala. E non da soli. Il momento di crisi ha ricompattato la delegazione regionale dell Acec, ha stimolato a mettere in rete il lavoro e l esperienze delle circa trenta sale della comunità sparse nelle Marche. Ha costretto il Gabbiano a ritagliarsi e rendere più solida la sua identità d essai, ha fatto nascere il circuito regionale Sentieri di cinema (in collaborazione con il Cgs regionale), ha reso l Acec interlocutore credibile ed autorevole in diversi tavoli regionali del cinema e della cultura. Fino alla tanto desiderata programmazione comune che coinvolge oggi una ventina di sale del territorio e alla nascita della omonima Fondazione nella quale sono confluite tutte le realtà comunicative promosse in diocesi. L osso più duro da affrontare L ordine del giorno, oggi, è quello che impegna un po tutte le sale: il passaggio al digitale, il rapporto con le case distributrici, la qualità della proposta da tutelare e far crescere, il pensarne di tutte per garantire entrate sufficienti a mandare avanti la baracca. L osso più duro da affrontare, però, è a nostro parere la comunità ecclesiale. Che rischia di rinunciare quasi del tutto, nonostante autorevoli documenti e richiami, ad accettare la sfida culturale contemporanea. Si ragiona poco di cultura, nei nostri ambienti, si osa anche meno, si ha paura di non reggere il confronto o di venire sommersi perché non sufficientemente attrezzati o per la sindrome da minoranza. La sala sa ancora offrire un volto di chiesa dialogante, profondamente interpellata dai tanti linguaggi umani, capace di meravigliarsi e di gioire per il genio creativo dei nostri giorni. Oltre cento anni fa, in una bella e difficile cittadina sull Adriatico, qualcuno ci ha creduto. Avevano ragione, ce ne stiamo accorgendo sempre di più. L.M. Come stanno, oggi, le sale della comunità? Dove crescono e dove invece faticano a proporsi come luogo significativo? La presenza rimane signifi cativa al Centro/Nord. Al Sud la presenza è carente anche se le parrocchie sono molto sensibili all idea di sala della comunità: lo constatiamo dalla crescente presenza di parroci e di laici provenienti dal Sud ai Corsi di formazione organizzati dall ACEC. Le sale danno chiari segni di vitalità e di rilancio se rientrano nei paini pastorali delle diocesi e delle parrocchie. Una sala che si confronta con il territorio di riferimento e sia supportata da una chiesa locale che voglia investire in cultura non farà fatica a posizionarsi nei nuovi scenari della contemporaneità e troverà nuova linfa anche all interno della fi liera cinematografi ca, che si sta ridisegnando con l avvento del digitale. Il rapporto tra le sale e la comunità cristiana di riferimento è un buon misuratore del rapporto tra chiesa e cultura: dall'osservatorio dell'acec che valutazione ne emerge? Qui forse troviamo l elemento più critico. Il gap che la Chiesa vive in questo periodo storico non è di tipo strutturale (sale, oratori, parrocchie) ma di tipo culturale. Non è certo positivo chiudersi al proprio interno agitando lo spauracchio del secolarismo e di una società refrattaria al fatto religioso. Mancano spesso gli strumenti culturali adatti per affrontare la contemporaneità. In una società liquida e votata alla complessità forse l unico approccio possibile rimane quello del dialogo, sapendo che alcuni nostri simboli e messaggi non trovano facilmente le condizioni di possibilità per essere recepiti dall uomo contemporaneo. La sala in questo ambito potrebbe essere un utile strumento di mediazione per un nuovo approccio alla fede. Il cinema, il teatro, la musica, la letteratura sono strumenti che già al loro interno hanno metabolizzato la modernità. Di conseguenza un loro uso intelligente potrebbe aiutare la stessa Chiesa a comprendere dal suo interno il mondo contemporaneo. a cura di L.M

10 10 1 novembre 2012 speciale GIORNATA DEL CREATO

11 territorio 1 novembre NOTIZIE IN BREVE Protezione civile ad Ostra V. Ostra Vetere ha ufficialmente il suo Gruppo comunale di Protezione civile. Il Sindaco Massimo Bello lo ha annunciato, firmando i Decreti di nomina dei volontari che costituiranno il gruppo operativo. Tutto è pronto per definire, a livello locale, compiti, funzioni e competenze della Protezione civile di Ostra Vetere in base a quanto il Consiglio Comunale ha approvato nella seduta del 3 luglio scorso. Il Sindaco Massimo Bello e l Assessore delegato alla Protezione civile, Giordano Rotatori, hanno convocato per lunedì sera, 29 ottobre alle ore 21 nella sala On. Agostino Peverini della Residenza Municipale, la prima riunione per progettare le diverse attività del Gruppo. Per il nostro territorio ha detto il Sindaco rappresenta un passo importante che va nella direzione giusta e cioè di avere a disposizione una squadra di volontari pronta a supportare non solo le attività di protezione civile, ma anche capace di contribuire con il loro operato alla gestione delle attività istituzionali e sociali del nostro territorio. Cercasi volontari a Corinaldo Tanti ambiti in cui fare volontariato a Corinaldo: pre scuola, gli attraversamenti pedonali davanti alle scuole, la custodia e la sorveglianza delle proprietà comunali, la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio ambientale, l organizzazione di manifestazioni sportive, fieristiche, culturali, di solidarietà, e così via. L Amministrazione Comunale ha stabilito che in quei particolari settori potrebbero essere proficuamente occupati cittadini corinaldesi che vi presterebbero servizio di volontario, a titolo gratuito, con il duplice scopo di impegnare il proprio tempo in attività di promozione sociale e di integrare la copiosa quantità e qualità di attività e servizi comunali già svolta dall Ente stesso a favore della popolazione. A tale scopo è stato approvato un apposito avviso. I cittadini corinaldesi maggiorenni che lo desiderano potranno presentare domanda su apposito modulo reperibile sul sito internet e presso l ufficio di segreteria comunale. Le domande dovranno pervenire entro la data del 22 novembre Nella Casa di riposo di Belvedere Ostrense Assistenza migliore A colloquio con Fabio e Valeria Esposito Fratelli nell'arte Con l ultimo acquisto di mobili e arredi e di letti a movimentazione elettrica si è completato l arredamento dei reparti degli ospiti della Casa di Riposo e Residenza Protetta di Belvedere Ostrense. A completare l acquisto è stato aggiunto anche un altro (il terzo) solleva persone elettrico e a batteria per rendere meno gravoso e più sicuro il lavoro di cura e assistenza all anziano immobilizzato. Tutto il materiale e l attrezzatura predetta erano stati previsti nel progetto che l Amministrazione della Casa di Riposo aveva presentato, con la domanda di finanziamento, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, la quale a fronte della spesa complessiva è intervenuta con il contributo di ,00. In data 29 giugno u.s., infatti, il Presidente della Fondazione C.R.J., Tonino Perini, ha comunicato al Dott. Leopoldo Uccellini, Presidente della Fondazione O.P. Verri Bernabucci, Ente da cui dipende la struttura di ricovero per anziani di Belvedere Ostrense, che il progetto presentato era stato accolto e, quindi, ammesso al finanziamento richiesto. Anche in questa occasione il Dott. Leopoldo Uccellini ha tempestivamente espresso alla Fondazione C.R.J. i sentimenti di gratitudine profonda anche a nome del Consiglio di Amministrazione e di tutti gli anziani ospiti dell ente di ricovero belvederese. Con la completa realizzazione dei lavori di adeguamento del fabbricato della Casa di Riposo alle norme prevenzione incendi ed il completamento di tutti gli arredi delle camere di degenza, la struttura si presenta perfettamente adeguata ai bisogni degli anziani. Anche il personale è stato messo in condizione di operare con elevati indici di efficienza e di sicurezza proprio per la disponibilità di attrezzature e impianti conformi alle norme di sicurezza sul lavoro. I notevoli miglioramenti apportati alla organizzazione ed alla attività della Casa di Riposo sono stati possibili anche grazie ai contributi finanziari concessi dalla Fondazione C.R.J.. E evidente, tuttavia, che il continuo sforzo economico da parte dell amministrazione della Casa di Riposo è stato notevole ed ha richiesto l impegno di tutta l organizzazione della Fondazione Verri Bernabucci: Consiglio di Amministrazione, personale medico e paramedico, servizi amministrativi. Anche i buoni rapporti con le realtà pubbliche territoriali quali Comune di Belvedere Ostrense, Area Vasta n. 2 Distretto Sanitario, associazioni di volontariato, hanno permesso la realizzazione degli obbiettivi in precedenza programmati. Messa in sicurezza del territorio: un accordo Le operazioni di tutela ambientale e di salvaguardia del territorio provinciale si arricchiscono di una nuova sinergia che vedrà protagonisti la Provincia di Ancona e il Corpo forestale dello Stato. Il commissario straordinario Patrizia Casagrande e il comandante Giancarlo D Amato hanno firmato il protocollo d intesa che impegna le due amministrazioni a collaborare reciprocamente per migliorare il coordinamento e la gestione degli interventi finalizzati a mettere in sicurezza il territorio. Oltre allo scambio di informazione e l utilizzo delle banche dati di reciproca competenza, la collaborazione prevede che la Provincia conceda al Corpo forestale la dotazioni strumentali, materiali di consumo e la prestazione di servizi tecnici. La tutela del territorio spiega il commissario Casagrande è una delle priorità su cui la Provincia di Ancona da sempre investe ingenti risorse al fine di garantire la sicurezza dei cittadini e la conservazione degli equilibri ambientali. Con questo nuovo accordo miriamo a dare massima efficienza a queste attività mettendo in sinergia le nostre competenze e i nostri mezzi con quelli del Corpo forestale dello Stato. S.M. A mio fratello Fabio, che ha ricevuto il dono terribile del talento artistico. Esso procura sofferenza, perché è sempre accompagnato da un esasperata sensibilità, ma resta un grande privilegio, poiché l arte riscatta l umanità dalle sue miserie e costituisce un tramite con il mondo angelico. Valeria Il catalogo della mostra Fabio Esposito. Quindici anni di pittura si apre con questa dedica. Valeria Esposito, celebre voce soprano, è il trait- d union che ha fatto approdare Fabio qui da noi, nelle Marche. Fabio: Non conoscevo le Marche che in maniera frammentaria. Per brevissimo tempo ho lavorato qui a teatro. Erano territori che non mi incuriosivano, senza colore e senza carattere. Pensavo, carico di pregiudizi Vivevo dentro Napoli, in pieno centro storico. Le vicissitudini di 47 anni di vita, tutto si dipana sullo sfondo pittorico di Napoli crogiuolo d arte, metropoli violenta, presepe ferito. Napoli dà i natali a Valeria e Fabio Esposito, fratelli anche nell arte. Per Valeria l arte è una professione ed una prestigiosa carriera internazionale. Per Fabio, è il fuoco da cui si viene toccati nei casi d elezione Valeria: Entrambi siamo musicisti. Sono solita però istituire delle differenze: secondo me vi sono due tipi di arte, due modi con cui molto spesso gli artisti esplicano la propria arte: esiste un arte attiva, propriamente creativa e poi vi è l arte che interpreta, con un fondo di passività. Questo ci accomuna, usiamo l arte per comunicare e dare voce all anima. Fabio è vissuto attraverso tutta la difficoltà dell avere il dono dell arte, un dono tremendo che ti porta ad avere difficoltà nel rapportarsi e accettare la realtà così com è, la sua cattiveria. Un artista che invece è puro, questo non lo accetta. Io spero per lui che avrà il riconoscimento che merita. Fabio: Per un artista è bello vivere a Napoli, le colline marchigiane invece mi danno questa sensazione di gradevolezza e di tranquillità. Qui c è un umanità che soffre un po meno, vi è una cultura del lavoro. Napoli è una città che si affastella ma in realtà non si sa di cosa campiamo, qui la gente è più pragmatica, meno sognatrice o roccocò, forse con meno fronzoli ed anche meno emozioni che a Napoli. Ripartirò da qui. Enfant prodige, dopo il liceo artistico, si diploma al conservatorio in pianoforte all età di 22 anni. Autodidatta nella musica e nella pittura, Fabio in seguito si dedica al jazz. E piacevole e imprevedibile ascoltare anche il suo eloquio: Mi rendo conto, a dirla tutta, di essere un po speciale - esordisce. Ho avuto una galleria mia per qualche anno, ho fatto dei tentativi in Europa e vinto qualche concorso. Sia il pianoforte che il dipingere sono sicuramente atti di grande solitudine. Il talento purtroppo è stata spesso un arma a doppio taglio. Il bambino prodigio è stato portato all orgoglio e al narcisismo della fama che ti pone su di un piedistallo da dove è facile vacillare.. Quasi un nuovo Chagall, è per un attimo l autore di Danza Notturna a Torre del Greco, per la sua grazia sospesa e leggera. E cosi che vivo, è cosi che sento. Grazie anche alla vicinanza di Valeria, Fabio sta riemergendo, anche se, lo capisci subito, è uno di quei tipi che, anche dopo pause non brevi, ha una vena che non si esaurisce nel suo continuo divenire. La scorsa estate di giugno, parte della sua produzione pittorica è stata esposta in una mostra al palazzo dei Convegni di Jesi. L esposizione che ha riscosso notevole interesse, è stato il nuovo debutto marchigiano dell artista e l apertura per Fabio di una nuova stagione che noi, piccoli spettatori in primis, ci auguriamo sarà prolifica La bellezza salverà il mondo, benchè di recente si citi spesso Dostoevskij come a squarciare l oscurità tuttintorno, credo che di questi tramiti angelici, l umanità ne abbia davvero bisogno. Sono anime capaci di creare Bellezza e vanno protetti e difesi mentre continuano intenti alle loro opere. Giulia Falaschi

12 12 1 novembre 2012 cultura Una serata con Neruda Le sculture di Alfio Castelli Un convegno sull'agricoltura cultura "Nelversogiusto-Senigallia/poesia" con il patrocinio del Comune di Senigallia ha organizzato la serata sul tema "Neruda nel cuore" martedì 30 ottobre. Una serata organizzata nell'ambito del Progetto Culturale "Poesia in città/la città nel mondo" e in adesione al Movimento Mondiale della Poesia dedicata al grande poeta cileno Premio Nobel per la letteratura nel La vita e le opere del poeta attraverso la lettura della raccolta "I versi del capitano" pubblicata anonima a Napoli nel 1952 e documento dell'amore tormentato del poeta cileno per Matilde Urrutia, nato durante un soggiorno sull'isola di Capri e le immagini indimenticabili e struggenti de "Il Postino". Oltre alla fama raggiunta nel settore fotografico il patrimonio artistico senigalliese d arte contemporanea si distingue anche nel settore della scultura. A conferma, dopo l esposizione al Museo di Mosca è giunta in questi giorni una nuova richiesta di esposizione per le opere dello scultore senigalliese Alfio Castelli,uno dei protagonisti della scultura italiana d avanguardia negli anni Sessanta, conservate dal Musinf di Senigallia. Regione Toscana e Museo Civico di Montevarchi,specializzato nel campo della scultura italiana dell Ottocento e del Novecento, stanno organizzando un importante mostra per l estate 2013, cofinanziata dalla Regione Toscana nell ambito del progetto Toscana in contemporanea Il Novembre 2012 a Senigallia presso la Sala del Trono di Piazza del Duca si terrà un convegno dal titolo: La nuova agricoltura ecologica nell'economia solidale. Superare la crisi di civiltà a partire dalla produzione del cibo. Superare la crisi di democrazia costruendo dal basso la nuova economia e società. Lo scopo principale del convegno è di promuovere e favorire l'incontro e il collegamento in rete fra tutto l'ampio movimento associativo e produttivo dell'agricoltura ecologica, di vecchia e nuova costituzione, e fra questo e il recente ma dinamico mondo dell'economia solidale. La finalità comune è quella della costruzione dal basso di un nuovo sistema economico, basato sulle buone relazioni e sulla collaborazione e solidarietà. A Mondolfo nella Chiesa della Madonna della Speranza Un restauro al cimitero Fotografie giovani di paesaggi ed ambiente Un nuovo prezioso restauro quello che sarà presentato a Mondolfo nell occasione della solennità di Ognissanti. A promuoverlo il Comune di Mondolfo che, attraverso una stretta collaborazione fra Assessorato alla Cultura e Assessorato ai Lavori Pubblici ha reso possibile il fondamentale recupero, con il concorso della Regione Marche. Il restauro riguarda l altare maggiore della Chiesa della Madonna della Speranza, all interno del Cimitero comunale. In questi anni interviene il Vicesindaco Alvise Carloni abbiamo operato per un recupero a stralci del complesso dei servizi del cimitero comunale. G i à da qualche anno L Assessorato alla Cultura del Comune di Serra de Conti ha organizzato venerdì 26 ottobre scorso presso la Sala Italia, un pubblico incontro per la presentazione del libro Il girotondo del fuoco Le fornaci Hoffmann circolari in Italia" dell architetto Gianluca Siena. Un argomento assai sentito da tutta la comunità, dato che nella vicina frazione Osteria è stata operante fino al 1971 una fornace del tipo Hoffmann che per molti decenni ha garantito sicura occupazione a decine di maestranze serrane. La fornace per laterizi, costruita nel 1884,è posta al confine con era stata riconsegnata ai fedeli la possibilità di utilizzare la Chiesa, ma era rimasto ancora da realizzare il complesso intervento di restauro all altare maggiore, che ora restituisce il tempio nella sua caratteristica originale. Il Cimitero comunale di Mondolfo, così come la chiesa, erano stato inaugurati nel 1871 su progetto dell ingegnere spagnolo Frontera, dopo che per lunghi anni l Amministrazione comunale aveva dibattuto sul luogo più opportuno per la realizzazione del camposanto, considerando sia le caratteristiche del terreno, l esposizione ai venti, la distanza dal centro urbano. Sotto la direzione della Soprintendenza per i Beni Storici ed Artistici delle Marche così l Assessore alla Cultura Corrado Paolinelli si è dato vita al restauro realizzato dalla nota ditta Il Compasso di Urbino. Il lavoro ha riguardato sia la parte lapidea della struttura che l ornato in legno. Presentato un libro a Serra de' Conti L'antica fornace il territorio di Arcevia e rappresenta un importante esempio di archeologia industriale;di proprietà privata è stata recentemente interessata da un importante intervento di restauro conservativo. Il libro, attraverso un linguaggio semplice e diretto corredato da più di 180 immagini tra fotografie e disegni, si propone quale valida guida al mondo dell archeologia industriale,fornendo notizie storiche, tecniche ed umane intorno alle fornaci, luoghi di lavoro in continua evoluzione ed al brevetto che ha rivoluzionato il modo di cuocere mattoni. Il passare degli anni, il nerofumo delle candele, le intemperie avevano intaccato vistosamente la struttura. Il restauro ha però permesso un globale recupero del manufatto, che torna ora alla sua valenza culturale e cultuale. Al cimitero di Mondolfo, fra i più grandi della Provincia, il Comune aveva dedicato lo scorso anno uno stralcio lavori con il recupero degli uffici per gli addetti cimiteriali al piano terra dell antica palazzina servizi, (la stessa dove è ubicata la chiesa), con l attivazione dei bagni pubblici al seminterrato, facilmente raggiungibili dalla nuova ala del cimitero e da lungo tempo richiesti dalla popolazione. Sempre dalla Chiesa della Madonna della Speranza ha ricordato l Assessore Paolinelli proviene poi la statua oggi conservato nel Museo civico e che, grazie al recupero operato dalla Guardia di Finanza dopo che era stata rubata, ed al restauro realizzato, testimonia oggi l evoluzione storica di un sito quale quello del cimitero comunale, dove precedentemente sorgeva la Chiesa di San Pasquale Baylon, poi atterrata per far spazio alle strutture del camposanto. Alessandro Berluti Presso l Istituto Professionale Alfredo Panzini di Senigallia si è svolta venerdì 26 ottobre scorso la cerimonia di premiazione delle classi e degli studenti che hanno partecipato al concorso Paesaggi della vita quotidiana, indetto dall Assessorato all Ambiente della Regione Marche. Si è trattato di un concorso per fotografie e disegni rivolto a numerose scuole regionali (primarie e secondarie, sia di I che di II grado), per una partecipazione di studenti davvero eccezionale (circa 1.500), con l obiettivo di raccogliere fotografie e disegni su come i giovani percepiscono il paesaggio, al fine di sensibilizzarli sulla sua importanza. La giuria composta dal fotografo Lorenzo Cicconi Massi, dal prof. Camillo Nardini, dall arch. Achille Bucci, dalla dott.ssa Paola Magliola e dalla prof.ssa Chiara Fiorucci ha ritenuto il livello degli elaborati proposti davvero molto buono, facendo esprimere il dato che i ragazzi sono attenti al mondo della natura molto più di quanto gli adulti non ritengano. G.T. Comune di Serra e Caritas per il museo Le "arti monastiche" Le esigenze del potenziamento e della valorizzazione del Museo delle Arti Monastiche Le Stanze del Tempo Sospeso di Serra de Conti, struttura espositiva che costituisce una sorta di unicum per la richezza e la varietà del patrimonio musealizzato, tutto pertinente all antico monastero di Santa Maria Maddalena, sono state oggetto di un protocollo d intesa sottoscritto dalla amministrazione comunale di Serra de Conti con la Fondazione Caritas Senigallia Onlus. Il protocollo d intesa è inserito in un più ampio quadro di collaborazione che si sta attivando fra i Comuni del comprensorio e la Fondazione Caritas, con l ottica di incoraggiare iniziative che affrontino gli effetti locali della crisi con strumenti nuovi, integrando le politiche proprie degli enti istituzionali con le opportunità offerte dai bandi pubblici in tutti i settori -ivi incluso quello dei beni e delle strutture culturali, che hanno ormai una indubbia valenza per l incremento delle attività turistico/ricettive- in grado di incidere sullo stato dell economia. La Fondazione Caritas Senigallia Onlus è attiva anche a Serra de Conti, dove è attualmente impegnata in un progetto sociale. Di qui l opportunità, sancita con la firma del protocollo d intesa, dell avvio di una collaborazione tra Comune e Fondazione, per definire attività volte all ampliamento ed al potenziamento della struttura museale serrana nel comune interesse all incremento delle visite e delle presenze, anche in vista dei progetti di promozione turistica con strutture ricettive promosse nel territorio comunale dalla Fondazione Caritas o da altre realtà strettamente ad essa collegate. Il protocollo d intesa è stato sottoscritto nei giorni scorsi dal Sindaco di Serra de Conti Arduino Tassi e dal Direttore della Fondazione Caritas Giovanni Bomprezzi. Con le stesse finalità, sempre rivolte alla valorizzazione del Museo quale polo di richiamo turistico a beneficio delle attività cittadine, il comune di Serra de Conti ha siglato un ulteriore protocollo d intesa anche con l Istituto di Ricerche per la Religiosità Popolare e il Folklore nelle Marche, firmato dallo stesso Sindaco Tassi e dal presidente dell Istituto Bruno Massi. Raoul Mancinelli

13 spettacolo eventi e corsi il taccuino Senigallia - Lucia Corbinelli a Palazzo "Energia: Mente - Universo" è la mostra di Lucia Corbinelli in corso a Palazzo del Duca fino al 28 ottobre 2012 con orario dal giovedì alla domenica. L esposizione è allestita dal Musinf in collaborazione con la rivista Arte contemporanea e rientra nell ambito di una serie di incontri su Pittura Pittura. Fabriano - Una mostra su Giacomelli Il Lions Club di Fabriano ha organizzato con la collaborazione del Comune di Senigallia una mostra dal titolo La terra è mia madre, contenente una selezione di opere del maestro senigalliese della fotografia, Mario Giacomelli. Ingresso libero fino al 7 novembre prossimo, con orario di apertura dalle 17 alle Senigallia - Le opere di Musante "La magia dei Sogni" - dipinti, illustrazioni, sculture e costumi di Francesco Musante saranno in mostra alla Rocca Roveresca di Senigalia fino al 4 novembre Orario di apertura: tutti i giorni dalle 8,30 alle 18,30. 1 novembre Senigallia - Incontri di archeologia Rassegna "Colonie romane e infrastrutture": quattro gli incontri in programma alla Sala Conferenze della Biblioteca Comunale Antonelliana alle ore 17,30. Dal 25 ottobre 23 novembre 2012, prossinmi incontri: 2 novembre e 15 novembre. Senigallia - Settimana contro i rifiuti Anche Senigallia sarà in prima linea per la quarta edizione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti in programma dal 17 al 24 novembre Informazioni nel sito del comune. Il cartellone 2012 e 2013 della 'Fenice' e 'Rotonda' Teatro e musica 23 spettacoli in programma al Teatro La Fenice e alla Rotonda a Mare da novembre a fine marzo. Dal teatro classico di Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini al nuovo spettacolo di Marco Paolini, dal musical My Fair Lady prodotto dal Sistina al geniale coreografo e ballerino Daniel Ezralow. E poi i grandi appuntamenti musicali con Fiorella Mannoia, Franco Battiato, Negrita, Nomadi. Per grandi e piccoli 5 spettacoli proposti dal Teatro alla Panna che festeggia i primi trenta anni di attività. C'era molta attesa in città ed è stata presentata la nuova stagione teatrale e concertistica del teatro la Fenice e della Rotonda a mare. Nonostante i tempi di crisi e di tagli al bilancio comunale, ventitrè gli spettacoli in programma da novembre a fine marzo L'inizio è previsto per domenica 11 novembre alle 17,30 con "Riondino accompagna Vergassola ad incontrare Falubert". Grandi appuntamenti per tutti i gusti: teatro classico, musical e balletto, ma anche live con Franco Battiato, Fiorella Mannoia, Nomadi ed i Negrita. Agilità, sorpresa, leggerezza e coinvolgimento del pubblico sono gli ingredienti di "Open", lo spettacolo del coreografo statunitense Daniel Ezralow in programma sabato 24 novembre alle 21,30. Venerdì 30 novembre alle 21 primo grande appuntamento musicale con Fiorella Mannoia. Acrobazie aeree mozzafiato mercoledì 26 dicembre alle 17 con lo spettacolo "Meraviglia" dei performers volanti Sonics. Secondo appuntamento dedicato alla grande musica con i Nomadi il 28 dicembre alle 21. A rappresentare una novità in questa stagione, la rassegna dedicata a grandi e piccoli in programma per cinque domeniche alla Rotonda, il 6-13 gennaio 3-17 febbraio ed il 10 marzo, spettacoli proposti dalla compagnia senigalliese Teatro alla Panna che festeggia i primi trenta anni di attività. Mercoledì 9 gennaio alle 21 arriva Cesare Bocci con il suo Viva Verdi. Ad aprire la stagione di prosa "Questa sera si recita a soggetto" di Luigi Pirandello con la regia di Ferdinando Ceriani, in scena venerdì 11 gennaio alle 21. Domenica 27 gennaio alle 17 torna Marco Paolini con "Ballata di uomini e cani". Spazio al tango con Los Hermanos Macana mercoledì 6 febbraio alle 21. Luca Wart e Vittori Belvedere saranno i protagonisti di My Fair Lady in programma il 13 febbraio alle 21. Terzo appuntamento con la musica, unica data nelle Marche, venerdì 15 febbraio alle 21 arriva Franco Battiato con "Apriti Sesamo Live". Sabato 2 marzo alle 21 è invece di scena il flamenco con lo spettacolo "Battito", di Flamen- QueVive. "Ricordar Cantando Canzioni e Canzonette" è lo spettacolo dei Musicultura che andrà in scena sabato 9 marzo alle 21. A chiudere la stagione della musica sarà sabato 16 marzo alle 21 il concerto dei Negrita. Mentre lo spettacolo di Giorgio Felicetti Mattei, "Petrolio e fango" chiuderà la stagione teatrale sabato 16 marzo alle 21. Il Capodanno alla Rotonda a Mare prevede poi lunedì 31 dicembre alle ore il Winter Jamboree e martedì 1 gennaio alle ore (e in replica ore 19.00) il concerto di Capodanno dell'opera Petite Ensemble. G.T. Vergassola e Riondino alla 'Fenice' La programmazione 2012/2013 del Teatro La Fenice debutta con lo spettacolo di Dario Vergassola e David Riondino che ritornano a Senigallia dopo i successi delle passate edizioni del CaterRaduno. Immaginate un palco vuoto, con solo due sedie rosse a fare da scenografia, e in sottofondo una canzone di Jane Birkin, la vedova di Serge Gainsburg: i due attori per entusiasmare la platea non hanno bisogno di nient altro. Riondino, maestro preciso ed accattivante, e l irriverente Vergassola, nel ruolo di allievo svogliato, che incontrano Flaubert quale pretesto per ricollegarsi agli attuali fatti di politica e di attualità. Dario Vergassola e David Riondino Riondino accompagna Vergassola ad incontrare Flaubert Teatro La Fenice domenica 11 novembre ore Cinema multisala GABBIANO Tel da giovedì 1 novembre Amour Un film di Michael Haneke. Con Isabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, Emmanuelle Riva, Rita Blanco, Laurent Capelluto. 105' - Francia, Austria, Germania Anne e Georges hanno tanti anni e un pianoforte per accompagnare il loro tempo, speso in letture e concerti. Insegnanti di musica in pensione, conducono una vita serena, interrotta soltanto dalla visita di un vecchio allievo o della figlia Eva, una musicista che vive all'estero con la famiglia. Un ictus improvvisamente colpisce Anne e collassa la loro vita. Paralizzata e umiliata dall'infarto cerebrale, la donna dipende interamente dal marito, che affronta con coraggio la sua disabilità. Assistito tre volte a settimana da un'infermiera, Georges non smette di amare e di lottare, sopportando le conseguenze affettive ed esistenziali della malattia. Malattia che degenera consumando giorno dopo giorno il corpo di Anne e la sua dignità. Spetterà a Georges accompagnarla al loro 'ultimo concerto'. Io e te Un film di Bernardo Bertolucci. Con Jacopo Olmo Antinori, Tea Falco, Sonia Bergamasco, Pippo Delbono. 97' - Italia Il quattordicenne Lorenzo ha palesi difficoltà di rapporto con i coetanei tanto che si avvale dell'aiuto di uno psicologo. Un giorno coglie al volo un'occasione unica: finge di partire per la settimana bianca con la sua classe mentre invece si rifugia nella cantina di casa con una ben organizzata scorta di cibarie e le letture preferite. Non sa che di lì a poco proprio nel suo dorato rifugio irromperà Olivia, la sorellastra venticinquenne che non vede da lungo tempo. Olivia è tossicodipendente e sta tentando di ripulirsi. Nel frattempo soffre di crisi di astinenza e non fa nulla per lasciare tranquillo Lorenzo. Bernardo Bertolucci torna a fare cinema dopo una lunga assenza causata dalle conseguenze della malattia che lo ha costretto su una sedia a rotelle. Se il suo sguardo non può più avvalersi direttamente della posizione eretta il suo cinema sembra avvantaggiarsene. e inoltre il film "Il comandante e la cicogna" Un film di Silvio Soldini con Alba Rohrwacher, Claudia Gerini, Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston. e "Il matrimonio che vorrei" Un film di David Frankel. Con Meryl Streep, Steve Carell, Elisabeth Shue, Tommy Lee Jones, Jean Smart. Dopo il successo delle passate edizioni, anche quest'anno si svolgerà, in occasione della Festa dell Olio Nuovo di Scapezzano che si terrà dal 8 al 11 novembre, un breve corso teorico-pratico di potatura degli ulivi, tenuto dal Dott. Agronomo Dimitri Giardini e dall operatore Nello Bomprezzi. Il corso si terrà Sabato 10 novembre 2012, dalle ore 15 alle ore 17. Il ritrovo è alle ore 14,30 presso la balconata di Scapezzano. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Verranno accettati al corso solamente i primi 20 iscritti. Costo della partecipazione è di 1,00 da versare all inizio del corso. Per informazioni e iscrizioni telefonare al n , Sig.ra Marinella Betti del Centro Sociale Scapezzano, entro il 7 novembre 2012.

14 14 sport 1 novembre 2012 Il Miciulli si impone con autorevolezza ed è terza in classifica MICIULLI 3 FANANO 0 Primo tempo all insegna degli errori da parte dei neroazzurri. La ripresa tutta è della Miciulli, cinica nel rifilare tre reti al Fanano, sempre pronto a ribattere agli attacci locali, ma con scarsi risultati. La Miciulli doveva cancellare l immeritata sconfitta di domenica scorsa, patita nel campo del Gabicce, così fin dalle prime battute si è rovesciata sulla metacampo del Fananano, lasciando agli ospiti la sola arma del contropiede. Al 7, su lancio in area di Cinotti, altrettanto pronto il tiro di Odoguardio, palla che si stampa sulla traversa a portiere battuto. 10, gran parata di Cappellini in angolo su pallonetto di Moschini. Sul susseguente tiro dalla bandierina, Marcucci colpisce il palo. Al 13 Bomprezzi colpisce la traversa. 21, gran parata di Minardi su La Rocca. 23, gli ospiti sprecano un ottima occasione con Cordella. La ripresa è tutta della Miciulli. Al 51 Marcucci porta in vantaggio la Miciulli, seguita poi all 88 da Spadoni per concludersi al 91 con Stefano Schiano. MICIULLI: Minardi, Schiano Si., Odoguardio, Bomprezzi, Cinotti, Bucchi, Piersanti, Contini (86 Spadoni), Moschini (73 Schiano St.), Marcucci (68 Pasqualini, Galdenzi. All. Goldoni. sport FANANO: Cappellini, Pezzolesi, Protti (67 Ortolani), Tagliabracci, Grandicelli, Scapoli, Nobili, Semprini (72 Torrente), Cordella, Dionisio (46 Arcangeli), La Rocca. All. Cangini.Arbitro: Moglie di Ancona. RETI: 51 Marcucci, 88 Spadoni, 91 Schiano St. Sabato prossimo si va nel campo del Tarvernelle. CLASSIFICA: Villa Fastiggi 17, Usav Pesaro 15, Maior 14, Gabicce 14, Miciulli 14, Tavernelle 11, Isola di Fano 10, Pesaro 10, S.Veneranda 10, Futura 98 8, Fortuna 78 8, Arzila 8, Villa Ceccolini 7, Junior C.C. 7, Muraglia 7, Atl. Tavullia 5, Fanano 5. G.M. La Vigor Senigallia perde in trasferta e ripensa la squadra La preoccupazione per il futuro URBINELLI 1 VIGOR SENIGALLIA 0 Dopo cinque risultati utili consecutivi, i ragazzi di mister Clementi vengono sconfitti sul campo del temuto Urbinelli con una rete ad opera dell ex bomber Simoncelli, tanto amato lo scorso anno dagli sportivi senigalliesi. Doveva proprio essere lui il fustigatore dei vigorini con un magistrale calcio piazzato dal limite. Moscatelli, intervistato durante la settimana, ha espressamente detto che il pericolo numero uno dell Urbinelli era Simoncelli. Profezia mai tanto azzeccata. I vigorini si sono presentati in campo privi di Ruggeri, infortunato, con Coppa in precarie condizioni fisiche, con Morganti sostituito al 46 per una sospetta frattura ad un piede, con Pandolfi ammonito e prossimo squalificato: una vera e propria falcidia di giocatori d esperienza, ciò che non potrà che influire sul prosieguo del campionato, non avendo elementi con cui sostituirli se non con ragazzi del settore giovanile. La Vigor al momento attuale non può permettersi altri ingressi di personaggi esperti, le finanze sono quelle che sono. La partita odierna ha visto una Vigor ben assortita e attenta in difesa, ben registrata a centrocampo e con Coppa e Pesaresi pericolosi in attacco. Come era evidente, l incontro è stato in massima parte condotto dai locali, che fin da inizio partita hanno cercato di sorprendere Moscatelli, specialmente ad opera di Simoncelli e Cossa. Al 26, su calcio piazzato dal limite, Simoncelli sfiora il montante alla destra di Moscatelli. Al 28, sempre su calcio piazzato praticamente dalla stessa posizione precedente, Simoncelli sorprende Moscatelli: sarà l unica rete della giornata, anche se i locali sprecano altre buone occasioni, vedi all 8 Cossa, al 25 con Rossi. A inizio ripresa sono ancora i locali a premere sulla difesa vigorina: prima Rossi, poi Cossa, poi Valentini, che si è visto respingere da Pandolfi un gol fatto. La Vigor non è stata certo a guardare. Il più pericolosso è stato Morganti, fin tanto che è rimasto in campo. Dopo la sfuriata iniziale dei locali, nel secondo tempo la Vigor si è portata in avanti, reclamando all 89 un evidente calcio di rigore per fallo su Pesaresi in area, che l arbitro Ciaccaglia di Jesi non concede. La gara finisce qui con la sconfitta vigorina, ma con grande amarezza per quello che dovrà affrontare Clementi nei prossimi incontri e lo spiega negli spogliatoi: Con la perdita di elementi come Ruggeri, Morganti, Pandolfi, Coppa e altri motori in non perfette condizioni fisiche, quale potrà essere il nostro avenire? Sono giocatori d esperienza, altri non ne posseggo; dovrò rivolgermi ai miei giovani virgulti. Oggi abbiamo dato il meglio di noi stessi, quindi pur nella sconfitta non posso che essere soddisfatto della prestazione fornita dai miei uomini. Pensare in alto non sarà facile, ma sono più che sicuro che ad ogni incontro daremo il massimo. Do- menica prossima si torna al comunale contro il Grottammare. URBINELLI: Veri, Pieri, Gasparini, Valentini, Cencioni, Passeri, Rossi (36 st Federici), Calesini (45 st Pentucci), Cangini, Simoncelli, Cossa (41 st Bastianoni). All. Cicerchia. VIGOR: Moscatelli 6,5, Tinti 6, Guerra 6, Savelli 6,5, Giraldi 6, Tombari 6,5, Pandolfi 7, Siena 6 (8 st Bittoni 6,5), Pesaresi 6,5, Coppa 6 (24 st Sougou), Morganti 6,5 (1 st Carboni 6). All. Clementi. Arbitro: Giaccaglia di Jesi. Rete: 28 pt Simoncelli. NOTE: spettatori 300 circa. Ammoniti: Giraldi, Savelli, Valentini, Pandolfi, Pieri. CLASSIFICA: Matelica 22, Fermana 26, Montegranaro 15, Fossombrone 15, Pagliare 14, Biagio Nazzaro 14, R.Urbinelli 14. Vigor 14, Monturanese 10, Corridonia 10, Tolentino 9, Urbania 6, Elp. Cascinare 5, Grottammare 5, Cagliese 3, Cingolana 2. Giancarlo Mazzotti Goldengas basket, ancora una sconfitta GLOBO ANCONA 84 GOLDENGAS 73 Periodo negativo per la Goldengas; anche nel derby con l Ancona ha dovuto soccombere per mancanza di validi ricambi, troppo giovani per affrontare un simile avversario, completo in tutti i suoi elementi. All ultimo momento è venuto a mancare Barantani, colpito da improvvisa febbre, un elemento essenziale nel complesso guidato da Valli. Seguita da un buon numero di appassionati, la Goldengas inizia bene, con canestri di Giroli e dei lunghi Perini-Pierantoni, tanto da mettere in apprensione gli avversari. Chiusura sul 15 a 20. Nel secondo quarto, l ex di turno Monticelli dà la carica ai suoi, i biancorossi non chiudono bene la difesa, così si va al riposo sul 39 a 35. Alla ripresa del gioco, c è maggior freschezza dei locali e pure la possibilità di ruotare con maggior facilità i giocatori. Cosa può fare Valli se non inserire le giovani promesse senigalliesi, creando quel divario che non sarà più colmato? Nell ultima frazione la Goldengas tenta una lieve rimonta ma il risultato è ormai segnato. Chiusura sull 84 a 73. Domenica prossima, dopo due trasferte consecutive, i biancorossi senigallliesi tornano al palazzetto dello sport di via Capanna alle ore 18, contro il forte Empoli. Si spera che la squadra possa presentarsi in campo al completo, così da poter lottare alla pari con gli avversari di turno. GLOBO ANCONA: Monticelli 17, Pozzetti 4, Pierlorenzi 4, Centanni 3, Baldoni 14, Giampieri 5, Chiaramello 7, Redolf 20, Giachi 4, Chiorri 7. All. Marsigliani. GOLDENGAS: F.Savelli 5, Pierantoni 13, Maddaloni 11, L.Savelli, Catalani 13, Giroli 21, Perini 6, Lo Capo ne, Pasquinelli 4, Sartini ne. All. Valli. Arbitri: D Arielli di Francavilla e De Panfiliis di Pesaro. NOTE Parziali: 15-20, 17-20, 24-15, CLASSIFICA: Ravenna 10, Firenze 8, Montegranaro 8, Montecatini 6, Empoli 6, Globo Ancona 6, Livorno 6, Modena Cecina 6, C.Fiorentino 6, Civitanova 4, Goldengas 4, Virtus Siena 2, Costone Siena 2, Cento 2, Supern.Montegranaro 2, Rimini 0. G.M. Annika, promessa del Taekwondo Ottimo avvio di stagione per Annika Bulegato, l'agonista di punta della Allblacks Taekwondo Marche di Senigallia. L'atleta chiaravallese, impegnata nella preparazione per la nuova stagione sportiva taekwondoistica, è stata convocata al raduno della nazionale italiana, svoltosi presso il centro federale di preparazione olimpica dell'acqua Acetosa a Roma, agli ordini del d.t. azzurro Yoon e del preparatore fisico Grisoli. Una settimana intensa, per il primo di una serie di incontri di monitoraggio sul patrimonio atletico italiano che lo staff tecnico sta programmando, con largo anticipo, soprattutto dopo l'oro di Molfetta ed il bronzo di Sarmiento a Londra 2012, in vista degli appuntamenti agonistici del prossimo quadriennio olimpico. La Federazione Italiana Taekwondo vuole arrivare pronta per il 2014, quando si svolgerà la seconda olimpiade giovanile, in Cina, a Nanchino ( ) e sta programmando una preparazione a lungo termine per una dozzina di quindicenni promettenti, tra cui la nostra Annika, affinchè si possano realizzare risultati concreti anche in ambito juniores e creare i presupposti per favorire il ricambio generazionale di atleti nella futura nazionale olimpica. Nel frattempo ha vinto il campionato interregionale marchigiano due settimane orsono a Pesaro, domenica 4 novembre scenderà in campo a Brescia, per il campionato interregionale lombardo, la domenica successiva parteciperà al prestigioso Croazia Open di Zagabria e concluderà il tour de force novembrino, domenica 25, con l'interregionale abruzzese ad Avezzano. CICLISMO "Grandamatore" Il Callarò open abruzzese su strada è ancora marchigiano, meglio dire corinaldese. Nella teramana Torano Nuovo svetta il grandamatore di S.Isidoro, Luciano Mencaroni (Gi.Vi.Plast Pedale Fermano), che arriva trionfalmente anticipando il compagno d avventura Giovanni Riccioni (Melania), scortato dal motospeaker Gaetano Gazzoli. Bronzo al campione marchigiano élite Angelo Gargaro (Vega), seguito dal gettonatissimo Maccanti. Per Mencaroni è l ennesima impresa, nel segno della esemplare continuità. Per la Gi.Vi. di Aessandro Fasciani & Rolando Navigli è la degna chiusura d anno pedalato. Nel fuoristrada, a Villa San Filippo di Monte San Giusto, scende il sipario sulla duegiorni campestre fermano-maceratese. Nella corsa-clou arrivano ancora insieme Paolo Pavoni (élite del Co.Bo. 3 P Sport Pavoni) e Adriano Nepa (amatore di alto profilo in forza al Nepa Team Bike). Papà Aldo Pavoni veleggia sempre in testa agli ultrasempreverdi supergentlemen. La quarta prova del Master Ciclocross è allestita dalla Stella Bike, con la supervisione della Lega Ciclismo Marche Uisp presieduta da Giancarlo Tordini. Il Gala Rosa chiude la quarantottore delle passerelle, dei dibattiti, delle premiazioni e delle anticipazioni. Ad aprirla è stato il dialettico convegno anconetano dei giudici di gara, coordinato dal presidente delle giacche blu regionali, Gabriele Menghini, affiancato dalla segretaria Cristina Cantarini, dal componente Emanuele Senzacqua e dal massimo dirigente federciclistico marchigiano Vincenzino Alesiani. Le ragazze del G.C. Osimo Stazione Starplast festeggiano il significativo 2012, alla ruota del presidentissimo Severino Antonella, del vicepresidente-patronatleta Bruno Mancini e dell ammiraglio Enrico Ciavattini. Al ristorante Da Peppe, lungo l Adriatica fidardense, l Ottobello rossoblù sigilla la stagione (ori, maglie, gran costanza ai vertici, eccellenza organizzativa) accogliendo i rinforzi per il 2013 (altro ottetto di belle speranze). Umberto Martinelli Foto (di Traversini): Il corinaldese di S.Isidoro leader anche del Callarò

15 penultima 1 novembre asteriski *** Il Papa e il Sinodo Chiuso il Sinodo con i 262 vescovi (ma nella concelebrazione di domenica 28 ottobre erano 332 tra cardinali, vescovi, sacerdoti) del mondo che hanno presentato le loro proposte ( propositiones = ma quante parole!). Il Papa riflette così: La Chiesa deve innanzitutto rinnovare se stessa, per rinnovare spiritualmente il mondo secolarizzato. Il rinnovamento non potrà che venire dalla riscoperta di Gesù Cristo, della sua verità e della sua grazia. Contro l eclisse di Dio, la Chiesa deve quindi assumere un volto nuovo, liberarsi dalle sovrastrutture materiali, lasciarsi anche alle spalle i mali e gli scandali che ne hanno minato la credibilità. Il Sinodo che si è appena concluso è stato provvidenzialmente un momento di forte comunione ecclesiale. Sottolinea l urgenza di annunciare nuovamente Cristo là dove la luce della fede si è indebolita, là dove il fuoco di Dio è come un fuoco di brace, che chiede di essere ravvivato, perché sia fiamma viva che dà luce e calore a tutta la casa. Berlusconi scarica Monti Grandi polemiche nella politica. Berlusconi vorrebbe sfiduciare Monti; ma molti del suo partito non la pensano come lui. Anche Casini dichiara: Berlusconi resterà da solo. E intanto lo spread ricomincia a salire. Draghi e la giusta strada Il presidente della Bce riconosce gli sforzi dei governi europei che sono sulla strada giusta. Non esclude l ipotesi di un Commissario Europeo sui bilanci dei singoli Stati. Primarie nel Pd: scontri Per lo shoppintg natalizio pronti 6000 ticket gratuiti da 90 minuti per la sosta, ma i commercianti chiedono per tutto l anno la prima mezz ora e la pausa pranzo libera. Sarà bene accontentarli. La Sicilia vota a metà Vota solo il 47% dei siciliani, dato da meditare. a cura di G. Cionchi novembre 01 - XXXI domenica del tempo ordinario Il primo di tutti di Francesco Lambiasi Parola di Dio Dt,- Salmo 1 Eb,-8 Mc 1,8- Comandamento più grande e più disatteso: l'amore, in ogni sua dimensione Ciò che conta è amare: lo sappiamo benissimo e l'abbiamo ripetuto chissà quante volte, magari con qualche citazione di rinforzo, del tipo: "Dio è Amore", come ha scritto l'evangelista Giovanni, o come ha osato affermare s. Agostino: "Ama, e fa' ciò che vuoi". C'è poi anche s. Giovanni della Croce a ricordarci: "Alla fine della vita saremo giudicati sull'amore". Ma che cosa significa amore? Osserva papa Benedetto nella sua prima enciclica, Deus caritas est: "Il termine 'amore' è oggi diventato una delle parole più usate ed anche abusate, alle quali annettiamo accezioni del tutto differenti" (n. 2). Senza attardarci in complicate analisi filologiche o in sottili speculazioni filosofiche, è forse opportuno andare al fondamento di quell'amore che la parola del Signore ci comanda di nutrire verso Dio e verso il prossimo: senza quel fondamento, non solo risulterebbe incomprensibile il comandamento evangelico, ma si rivelerebbe anche fatalmente impraticabile. Afferma chiaramente s. Giovanni: "Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio" (1Gv 4,1). Su questo "perché" sembra utile ritornare. Tutte le religioni dicono che l'uomo deve amare Dio e che questo amore si deve riflettere nell'amore del prossimo. La specificità della fede cristiana non sta tanto nell'allargamento del concetto di prossimo, una dilatazione che pure è vera fino al punto da superare ogni barriera razziale, religiosa o culturale. Ciò che è tipico del cristianesimo è quanto si legge nelle sante Scritture, che fanno discendere il nostro amore a Dio e al prossimo da un evento assoluto e incondizionato, precedente ogni nostra iniziativa e determinante ogni nostra risposta: è l'evento libero e gratuito dell'amore di Dio verso di noi. Sempre nella 1ª lettera di s. Giovanni leggiamo: "In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati". Da qui la conseguenza: "se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri" (1Gv 4,9-10). Secondo il racconto dell'evangelista Marco, Gesù inizia la sua risposta alla domanda dello scriba citando lo Shemà Israel, una sorta di professione di fede con cui ogni israelita apriva e chiudeva la sua giornata e che cominciava con quelle parole, tratte dalla santa Legge: "Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore" (Dt 6,4) (1ª lettura). Con quella professione Israele proclamava la sua fede nell'articolo di base di tutto il suo credo: esiste un solo Signore, perché egli ci ha amati, ci ama e ci amerà nei secoli dei secoli. È da questa certezza che Gesù tira la conseguenza del comandamento dell'amore: "Amerai dunque il Signore Dio tuo e il prossimo tuo". Con Gesù di Nazaret questa rivelazione dell'amore raggiunge il suo vertice insuperabile: secondo il vangelo non è l'uomo che si è sacrificato per Dio, ma è il Figlio di Dio che ha dato la vita per l'uomo. Il movimento è capovolto. Non sono i discepoli che hanno lavato i piedi al Signore: questo, tutto sommato, sarebbe abbastanza ovvio. È il Signore che ha lavato i piedi ai discepoli: questo è davvero sorprendente. Ma non basta: Dio ci ha amato quando noi gli eravamo ancora ostili. "Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" (Rm 5,8). C'è un altro elemento che merita di essere tenuto presente. La fede nell'amore di Dio per noi non solo fonda il comandamento del nostro amore per Dio, ma anche quello dell'amore per i fratelli. Se noi abbiamo sperimentato l'amore di Dio, se crediamo che il Figlio di Dio ha dato la vita per noi - conclude s. Giovanni, l'apostolo dell'amore - "quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli" (1Gv 3,16). E ancora: "Chi non ama il fratello che vede, non può amare Dio che non vede". La fede nell'amore che Dio ha per noi e che ha dimostrato con la prova inconfutabile della croce, fonda l'amore per il prossimo non solo nel senso che lo rende comprensibile, ma anche nel senso che lo fa diventare concretamente possibile. la parola a... arrivati in redazione inbreve Poliziotti defunti Il giorno 6 novembre, alle ore 18.00, presso la chiesa di Santa Maria della Neve (Portone) di Senigallia, nella tradizione della Pietà per i Defunti, verrà officiata una Santa Messa di suffragio per onorare i Caduti della Polizia di Stato e ricordare i Defunti e i familiari dei Defunti degli Associati. Il Direttivo ha inoltre deliberato di estendere l invito, oltre che ai Soci, anche alle Autorità Provinciali e locali. In ricordo di Savina A Barbara, il 25 ottobre, è deceduta Savina Giuliani, abbonata da tantissimi anni al nostro giornale, prima intestato al marito Donato Aguzzi. Nel 1981 aveva avuto un grande dolore per la morte del giovane fi glio Luigino, da lui accettata coraggiosamente e cristianamente. Nella sua lapide è scritta questa frase: Non conta quanto si vive, ma come si vive. Ai suoi familiari, tra cui il fratello don Irio Giuliani, la redazione di Voce Misena porge sentite condoglianze. Pace a Gerusalemme La marcia Perugia-Assisi si trasferisce in Medio Oriente, in Israele e nei territori palestinesi occupati. E' partita la missione di pace in Terra Santa cui parteciperanno anche le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani (Acli), con una delegazione guidata dal responsabile del dipartimento Pace, Alfredo Cucciniello, e dal vicepresidente dell Unione sportiva Acli, Antonio Meola. Oltre 200 studenti, giovani, insegnanti, amministratori locali, sportivi, giornalisti, esponenti di gruppi e associazioni porteranno un messaggio di pace e di promozione del dialogo, tentando di capire il contributo che possono dare la società civile e le istituzioni italiane ed europee. L iniziativa è promossa dal Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani. La missione di pace prevede, tra le numerose iniziative, l incontro con l uffi cio Onu di coordinamento degli Affari umanitari nei Territori palestinesi occupati, la visita al museo dell Olocausto, ai campi profughi di Betlemme, il confronto con le famiglie, le associazioni e gli enti locali palestinesi e israeliani. L Unione sportiva Acli ha organizzato all interno della missione partite amichevoli di calcio e calcio a 5 e donerà palloni e divise da gioco a gruppi sportivi e squadre locali. Info: A Gerusalemme è presente anche una rappresentanza della 'Scuola di pace' di Senigallia. Poveri noi Ho letto con interesse i dati riportati nello scorso numero di Voce Misena relativi alle povertà in Italia e nella nostra diocesi. In tanti ci rendiamo conto di come la situazione sociale peggiori anche da noi, ma vedere scritti i numeri di queste fatiche mi ha creato preoccupazione. Anche perché a pagare sono sempre i più deboli e i primi tagli per ripianare i bilanci riguardano le fasce sociali più fragili. Oggi più che mai c'è bisogno di politica vera. Marco Venturi, A Monterado La Comunità parrocchiale ha consegnato ai fedeli questo promemoria per l OTTAVA- RIO DEI MORTI. Precisazione: Nuovi orari per la Messa: ore 17,15:Vespro, 17,30: Rosario, 18: Messa; Sabato: Messa ore 19. L Ottavario è una pia pratica che applica la Beatitudine di Gesù: Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia. La misericordia si esercita in questi modi. 1. PAR- TECIPARE ALLE SANTE MESSE. In parrocchia a Monterado: 1 novembre: TUTTI I SANTI, Messe ore 8-11 nella chiesa parrocchiale; al Cimitero, se non piove, alle ore 15,30. 2 NOVEMBRE Messe: ore 8 nella chiesa parrocchiale (se piove, le Messe si celebrano in parrocchia), al Cimitero, se non piove, alle ore 11 e alle ore 15,30. DU- RANTE L OTTAVARIO: tutte le sere (fi no a venerdì 9 compreso): ore 17,15 Vespro (= preghiera della sera); ore 17,30 Rosario con Litanie per le Anime sante ; ore 18: Messa; ore 18,30: altro Rosario o Messa SPECIALE per le SEGUENTI ZONE (sempre nella chiesa parrocchiale: CENTRO + VIA BERLINGUER e MATTEOTTI: martedì 6 novembre; VIALE PACI E VIE ADIA- Settimanale della Diocesi di Senigallia CENTI: mercoledì 7 novembre; VIA della SORGENTE E ADIACENTI: giovedì 8; VIA BOSCO + VIA QUERCE E ADIACENTI: venerdì 9 novembre, con Litanie per le Anime sante. Alla preghiera dei fedeli si dirà: per i defunti delle famiglie 2. L INDULGENZA PLENARIA. L indulgenza plenaria è il condono del Purgatorio per quell anima per la quale la acquistiamo. Sono necessarie queste condizioni: 2.1 Visitare la chiesa o il cimitero. 2.2 Recitare il Padre nostro e il Credo Fare la Confessione e la Comunione (entro gli otto giorni) Recitare un Padre nostro e un Ave Maria secondo le intenzioni del Papa. 2.5 L indulgenza si può acquistare una volta al giorno, per una sola anima del Purgatorio, a partire dal 2 novembre fi no al 9 novembre compreso. 3. ISCRIZIONE ALLA PIA OPERA DEL SUF- FRAGIO. La Pia Opera consiste nel fatto che tutti i giorni, in Seminario, viene celebrata una Messa per le Anime Sante dal 1 gennaio al 31 dicembre. In chiesa c è un banco apposito per le iscrizioni. 4. RO- SARIO. Viene offerto a tutti. 5. PREGARE SEMPRE: specie prima di colazione, pranzo, cena NB. Le confessioni si celebrano in sacrestia o presso i Frati a Corinaldo. misena.it P.zza Garibaldi, Senigallia Tel Fax: Proprietà: Fondazione Gabbiano, Piazza Garibaldi 3 - Senigallia. Direttore editoriale: Gesualdo Purziani Direttore responsabile: Giuseppe Cionchi. Hanno scritto questo numero: Laura Mandolini, Giancarlo Mazzotti, Alessandro Berluti, Umberto Martinelli, Leonardo Pasqualini, Ilario Taus, Giulia Torbidoni. Stampa: Galeati Industrie Grafiche S.p.A. Imola - Tiratura: copie Abbonamento annuo ordinario: 35,00 da versare sul conto corrente n intestato a: Fondazione Gabbiano Piazza Garibaldi, 3 - Senigallia - Associato FISC Federazione Italiana Settimanali Cattolici e USPI Unione stampa periodica italiana. Autorizzazione n. 137/1952 Registro Periodici del Tribunale di Ancona del 12-18/11/1952La testata La Voce Misena fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250.

16

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Diocesi di Bergamo Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Lo scorso 30 settembre Papa Francesco ha annunciato l evento straordinario della Canonizzazione di Papa Giovanni

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo Lancio della proposta dell Agorà: estate 2013 27 settembre 2014: Assemblea dell Agorà: Per un nuovo patto

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Parrocchia Madonna di Fatima Introduzione al Volontariato

Parrocchia Madonna di Fatima Introduzione al Volontariato Parrocchia Madonna di Fatima Introduzione al Volontariato 1. Il Volontario all'inizio del cristianesimo e nell'ultimo cinquantennio. Chi è il Volontario. Un tentativo di definizione del Volontario cristiano.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali La nostra identità si basa sulla coerenza con il progetto fondamentale di San Vincenzo

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica:

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 LA CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA PROPONE PER LA SEDE DI VICENZA PRESENZA DONNA IL PROGETTO E.SO.DO. 2015 Settore ed area di intervento

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti Giuseppe DARDES in occasione del seminario di formazione per parroci - Pianezza, 24 febbraio 2003.

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NO MAFIE BIELLA BILANCIO SOCIALE IDENTITA' DELL'ASSOCIAZIONE L'Associazione NO MAFIE BIELLA, che per brevità chiameremo NO MAFIE è un associazione di volontariato ONLUS (organizzazione

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco MOTIVAZIONI : 2005 1. Carenza di interventi di sviluppo di comunità per i genitori del territorio

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI Secondo Convegno Volontari in Africa di Chiara Giusto, Volontaria VIS Dal 13 al 17 gennaio a Nairobi è stato organizzato dai Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni della Congregazione salesiana

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

Voglio trovare un senso a questa storia. Il successo dell editoria

Voglio trovare un senso a questa storia. Il successo dell editoria EDITORIA SOCIALE: CREARE UNA RIFLESSIONE COMUNE Un fenomeno in crescita, con un pubblico di nicchia, ma una nicchia motivata. L editoria sociale punta su una rete di contatti e sul feedback con il pubblico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA Le Acli di Padova hanno una rete di 22 associazioni di famiglie che promuovono servizi per l infanzia e la famiglia.

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Gentili ospiti, prima di introdurre le riflessioni che hanno dato

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde

Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde Premessa Il bambino deve avere tutte le possibilità di dedicarsi a giochi e ad

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli