RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO 2010"

Transcript

1 Confidi iscritto nell'apposita sezione dell'elenco previsto dall'art.106 comma 1 D.Lgs. 385/93 c/o U.I.C. al n Via Giacosa MILANO C.F. - P.IVA - N.ISCRIZ. REGISTRO IMPRESE MI RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO 2010 Signore Socie, Signori Soci, il bilancio al che presentiamo oggi alla Vostra approvazione chiude il ventesimo ed ultimo anno di attività di Fidimpresa Varese, ma soprattutto il primo esercizio di ifidi, il presente ed il futuro che condividiamo e condivideremo con i nostri soci di Bergamo e Milano, dopo la fusione avvenuta con Confidart Bergamo e Fidimpresa Milano. Per quanto importante per noi sia il passato delle rispettive strutture di origine, è la nascita di ifidi il fatto che oggi trova compimento nell approvazione del primo esercizio, e da oggi in poi esisterà solo ifidi, così che i signori soci saranno d ora in poi chiamati ad approvare il secondo, il terzo, il centesimo esercizio, a Dio piacendo. Nel ripercorrere brevemente la genesi di ifidi, vorrei ricordare come il percorso intrapreso sia stata una fusione inter pares, abbia generato una struttura di tipo federale che ha lasciato ampie autonomie nelle filiali per potere essere il più vicini possibile alle imprese socie, così come ha distribuito nelle filiali stesse le funzioni centrali, rispettando e valorizzando le eccellenze espresse nelle precedenti strutture, ed abbia avuto il pieno sostegno delle CNA provinciali di Bergamo, Milano e Varese, che vorrei ringraziare per il loro supporto ed incoraggiamento. La stella polare che ha guidato il nostro percorso di unificazione è stata la ferma convinzione che solo una struttura sufficientemente grande in grado di potersi iscrivere all albo dei Confidi ex art. 107 potesse garantire alle imprese socie quell accesso al credito in misura necessaria alle loro esigenze e a costi competitivi. Questo percorso non è che agli inizi, le difficoltà davanti a noi sono innumerevoli, a cominciare dall adozione e alla assimilazione di procedure, programmi e funzioni specifiche necessari a strutturarci come intermediario finanziario, come richiesto dalla legge, sotto il controllo di Banca D Italia: tutta la struttura organizzativa è ancor oggi sotto stress e colgo l occasione per ringraziare i direttori e tutti i nostri collaboratori, nessuno escluso, per l abnegazione e la passione colla quale svolgono la loro attività ed affrontano le non indifferenti difficoltà. Gli investimenti in persone, professionalità, programmi, strutture sono rilevanti ed altrettanto impegnativi. La sfida per il 2011 sarà creare una struttura veramente unitaria che non sia più la mera sommatoria degli attivi patrimoniali e delle singole organizzazioni di provenienza, ma qualcosa di nuovo in grado di esprimere una sua precisa identità, con chiari obiettivi ed unità di intenti. Se vi pare poco!! Basilare sarà il completamento del profondo processo di trasformazione del nostro Confidi in una struttura pronta ad iscriversi all albo dei consorzi ex art. 107, che, secondo legge, potremo presentare in Banca d Italia dopo la conferma dei requisiti patrimoniali necessari che conseguiremo nel primo semestre del L Istituto Centrale esaminerà la nostra domanda e si può presumere che entro la fine dell anno, al più tardi entro i primi mesi del 2012, potremo essere un Confidi ex art A tal proposito un ringraziamento al nostro consulente dott. D Auria che ci accompagna in questo percorso. Pagina 1

2 L analisi dell operatività della nuova struttura è ancora prematura e non può basarsi solo sui tre mesi finali dell esercizio 2010, ma possiamo cercare di tracciare un panorama di quello che è stato il recente passato dell economia, di come sarà il futuro e come hanno risposto e risponderanno nel loro insieme le tre strutture oggi divenute ifidi. E del tutto evidente che l impatto della grave crisi economica, iniziata nel 2009 ed ancora non terminata, ha riversato i suoi effetti anche sui Confidi che sono stati chiamati a sostenere le PMI in momenti difficili in cui, più cause, hanno generato situazioni drammatiche. Il crollo degli ordinativi, la mancanza di liquidità, i pagamenti ritardati o procrastinati a scadenze non meglio precisate, hanno creato allarme e dissesto che, purtroppo, solo in parte, il Sistema dei Confidi ha saputo supportare. Le banche hanno richiesto un maggior livello di garanzie per sostenere le Imprese ed a queste maggiori richieste i Confidi non si sono sottratti, anzi, hanno risposto con maggior impegno e coinvolgimento, proprio perché il loro ruolo fosse maggiormente percepito e il valore della loro garanzia assumesse la nobiltà ed il riconoscimento di Bene Pubblico al servizio della collettività delle PMI e del tessuto socio-economico territoriale. In questo contesto appare con maggior evidenza la necessità di continuare nel percorso di sviluppo ulteriore di quella partnership che da sempre stiamo sostenendo; già con la nascita del Network Confidi 106, Confidart Bergamo, Fidimpresa Milano e Fidimpresa Varese, hanno iniziato ad operare in sinergia con il Sistema bancario, proponendo un maggior coinvolgimento con le filiali territoriali delle banche proprio per aumentare la percezione del Valore Implicito della Garanzia Confidi. L analisi delle pratiche è stata maggiormente condivisa con i funzionari bancari creando i presupposti per rispondere meglio alle esigenze delle Imprese e sviluppare maggiormente le loro potenzialità di ripresa e mantenimento del ciclo produttivo. I risultati positivi non sono mancati e la bontà di questo nuovo modo di procedere devono far riflettere sulla necessità di incrementare la collaborazione e la trasparenza dei rapporti che devono intercorrere tra Confidi, Banche ed Imprese. Certamente alcuni strumenti particolari messi in campo da Regione ed Unioncamere, quale il Confiducia, hanno contribuito ad un maggior utilizzo della Garanzia Confidi che, elevata al 70%, ha suscitato un vivo interesse da parte delle banche che, però, non devono perdere l occasione di capire che il valore della Garanzia Confidi non può risiedere solo in un mero beneficio finanziario fine a se stesso ma, anzi, deve essere principalmente recepito come valore aggiunto di tutte quelle informazioni che meglio rappresentano la realtà di ogni singola PMI; solo così sarà possibile essere attori protagonisti, tutti insieme, del sostegno e dello sviluppo del Territorio in tutti i suoi aspetti. In quasi tutta Europa la Garanzia mutualistica, sia essa pubblica o privata, è considerata un Bene Pubblico ad alto valore sociale ed è paradossale che in Italia, che da sola rappresenta oltre il 50% di tutte le garanzie rilasciate in Europa, questo concetto faccia fatica a farsi strada, anzi per certi versi venga addirittura recepito come un inutile strumento che appesantisce i costi del finanziamento alle Imprese. Con forza e convinzione dobbiamo ribadire che il Valore Implicito della garanzia risiede principalmente nella conoscenza, nel supporto, nell analisi e nella professionalità che, da sempre, i nostri tre Confidi, oggi ifidi, hanno saputo mettere a disposizione di un sistema bancario principalmente basato su analisi quantitative che poco hanno a che fare con la realtà produttiva italiana nella quale oltre il 93% è rappresentato da Imprese con meno di tre dipendenti. Le banche hanno cercato, comunque, di svolgere un ruolo proattivo nella crisi e, sollecitate dalle Associazioni di Categoria Nazionale, hanno proposto la moratoria dei debiti finanziari delle Imprese per la durata di un anno, addebitando solo gli interessi e procrastinando al termine del periodo il rimborso delle quote capitale; naturalmente, sulle posizioni con Garanzia Confidi era necessario l assenso da parte di questi ultimi, cosa che si è puntualmente verificata: a nessuna Impresa richiedente è stato negato il beneficio della moratoria. Questo passaggio, è bene sottolinearlo, ha però comportato una maggior occupazione del patrimonio di ifidi, che ha aderito sin da subito alla moratoria, senza peraltro comprometterne la nuova operatività a dimostrazione della solidità della nostra struttura. Pagina 2

3 Oggi, terminata la moratoria, le banche propongono un estensione dei tempi di rimborso dei finanziamenti per un massimo di due o tre anni (in funzione della tipologia) sempre coinvolgendo anche i Confidi che vedranno occupato il loro patrimonio per un periodo ancora più lungo. E anche in questa fase ifidi ha risposto positivamente. Nel corso del 2011 stiamo assistendo ad un costante aumento dei tassi d interesse applicati dalle banche ai finanziamenti; non vogliamo addentrarci, non competendoci, in una diatriba se sia giusto o sbagliato quanto stiano facendo le banche, ma vogliamo sottolineare il fatto che, sulla base delle convenzioni, tra di noi in essere e, quindi, sul valore della Garanzia Confidi, deve essere marcata una sostanziale differenza tra i tassi applicati a finanziamenti garantiti e non; se così non fosse o se la differenza fosse contenuta in termini minimi, ci si potrebbe domandare perché mai la banca dovrebbe essere l unico soggetto a beneficiare della nostra Garanzia. Il teorema meno rischi, meno costi deve trovare riscontro anche sulle Imprese e non solo sulle banche. In questo contesto si innesca anche l altra diatriba in atto tra Confidi e Banche sull utilizzo, da parte di queste ultime, del Fondo Centrale di Garanzia dello Stato in qualità di garante dei finanziamenti erogati: sempre più frequentemente il sistema bancario ricorre a questa garanzia diretta, disintermediando il Confidi, ma, molto spesso, senza riversarne il beneficio sull Impresa. E un metodo che non condividiamo, pur nella sua liceità e che, speriamo, venga al più presto modificato dal legislatore. La nostra perplessità nasce dalla convinzione che la Garanzia e, conseguentemente tutti gli strumenti ad essa collegata, compreso il Fondo Centrale di Garanzia, devono essere utilizzati da soggetti diversi rispetto a quelli che erogano il finanziamento. Solo così si possono aggiungere informazioni ad informazioni e valutazioni a valutazioni. Un unico soggetto, la Banca, che se la suona e se la canta non può dare alcun valore aggiunto anzi, rischia di disperdere nel nulla quanto di buono proviene dal Territorio. ifidi, ben consapevole della necessità di adeguarsi al nuovo contesto normativo, dettato da Basilea II e dalla normativa secondaria, emanata da Banca d Italia, che si prefiggono l obiettivo di rendere maggiormente stabile ed informato il sistema bancario, sta affrontando tutti i passaggi necessari per evolvere, entro la fine del 2011, verso l iscrizione all albo degli enti finanziari 107 (106 con la recente revisione del Titolo V del TUB). E un passaggio impegnativo che tutti i nostri funzionari e operatori, ai quali va il nostro riconoscimento, stanno affrontando con l impegno richiesto e la necessaria consapevolezza di chi si rende conto che la trasformazione è necessaria per essere ancora maggiormente di supporto alle nostre Imprese socie; non è un passaggio di poco conto, le risorse economiche investite nel nostro processo di fusione, il mantenimento di un sistema evoluto di tipo bancario, l aumento dei dipendenti e delle funzioni collegate alla trasformazione, i corsi di aggiornamento e professionalizzazione che devono essere costantemente seguiti comportano un aumento dei costi che, in un ottica di mutualità, non possiamo riversare, tout-court, sulle Imprese, se non vogliamo vanificare i benefici di una Garanzia strutturata proprio in funzione di una maggiore stabilità del sistema finanziario nazionale. Partendo da queste considerazioni diventa evidente che il sostegno del Pubblico è fondamentale per il mantenimento del Sistema Confidi, per il sostegno ai loro Fondi rischi, messi pesantemente sotto stress dalla crisi che sta generando un livello di insolvenze come, forse, mai vissuto in passato. E doveroso sottolineare come gli Enti Pubblici Territoriali (Camere di Commercio, Provincie, Comuni), sensibili alle necessità delle Imprese e delle Famiglie, non si siano sottratti nel dare i loro concreto sostegno ai Confidi, erogando contributi destinati, in parte al sostegno dei Fondi rischi dei Confidi, ed in parte all abbattimento degli interessi che le Imprese pagano a fronte dei finanziamenti richiesti alle Banche. Discorso diverso si deve invece fare rispetto alla Regione Lombardia dove la sussidiarietà, che è da sempre stata una scelta politica di carattere generale ben precisa, non abbia ancora dato corso a misure strutturali di sostegno ai Confidi, che permettano, a chi ne ha le necessarie competenze e le pluriennali capacità, di svolgere il proprio ruolo in favore di Pagina 3

4 un sistema produttivo posto sotto attacco da una finanza scellerata e speculativa che tanti guai ha generato. Si prenda atto che le Finanziarie regionali non possono essere la panacea dei malesseri delle Imprese che, viceversa, devono essere accompagnate e seguite nel loro percorso di rilancio e risanamento; il Valore Implicito della garanzia, così come richiamato più sopra, è patrimonio esclusivo dei Confidi e non può trovare albergo in strutture burocratizzate e lontane dai Territori di competenza; le recenti vicende, legate a Federfidi Lombarda, il nostro Confidi di II grado, hanno invece messo in evidenza un disegno teso a destabilizzare un sistema che, pur con alcune criticità, ha sempre dimostrato di essere il supporto naturale allo sviluppo del sistema produttivo ed al suo sostegno finanziario. Le Associazioni di categoria hanno combattuto, anche aspramente, questo disegno ed un primo risultato è stato ottenuto con l assegnazione a Federfidi di 20 mln di euro destinati alla controgaranzia delle operazioni garantite dai Confidi di I grado; ma queste risorse sono a malapena sufficienti per coprire l operatività di questo 2011, mentre è necessaria, lo ribadiamo con forza, una misura strutturale che perpetui negli anni l assegnazione di risorse destinate al sostegno finanziario delle Imprese tramite la rete dei Confidi territoriali. Solo così si potranno ottenere risultati di rilievo mirati ad obiettivi precisi e non più distribuiti a pioggia come, solitamente, viene fatto da un Pubblico sempre più preoccupato della propria immagine piuttosto che della sostanza degli interventi necessari. Anche la Banca d Italia, recentemente e finalmente consapevole dell importanza dei Confidi, ha iniziato un analisi critica sulla normativa secondaria, a suo tempo messa in campo, per regolamentare il rilascio della garanzia; si è resa conto che le regole indicate per i Confidi, comuni sia alle banche che agli Enti Finanziari puri, non possono essere applicate in ugual misura, troppo diverse le attività, gli obiettivi e le finalità per mantenere inalterato il livello di vigilanza. Che la normativa sia commisurata, una volta per tutte, all effettiva attività svolta dai singoli soggetti, applicando anche quel buon senso, troppo spesso dimenticato, nella sua riscrittura; il Confidi non può sprecare le già scarse risorse di cui dispone solo per rispondere a regole e norme, pletoriche e ridondanti che, nella maggior parte dei casi, null altro sono che la mera duplicazione di adempimenti già svolti da soggetti che, in funzione del complesso della loro attività, e quindi giustamente, a tali obblighi devono rispondere. In conclusione, ringraziandovi per l attenzione, vorremmo ribadire alcuni concetti che riteniamo fondamentali: il Valore Implicito della garanzia, la Mutualità, il principio di Bene Pubblico della garanzia e la Sussidiarietà trovano riscontro in tutto il nostro lavoro, nella professionalità dei nostri operatori, nella passione ed il coinvolgimento che connotano i nostri rapporti con le Imprese. Senza il riconoscimento di questi valori, in noi ben presenti, da parte di tutti gli attori coinvolti e richiamati precedentemente, si rischia di disperdere un patrimonio ricco di oltre sessant anni di storia fatta di passione che uomini e donne hanno saputo dedicare ad un sistema che, dal nulla, ha saputo crescere e proporsi come punto di riferimento per milioni di Imprese. Ancora molto resta da fare ma la caparbietà, il lavoro quotidiano, la professionalità ed il buon senso, che da sempre hanno contraddistinto il nostro operato, siano il miglior auspicio che, anche per il futuro, i valori fondanti dei Confidi continuino ad essere di riferimento per altri milioni di Imprese. Un sentito ringraziamento va alla Camere di Commercio di Bergamo, Milano e Varese, nonché alla Provincia di Bergamo, che, con lungimiranza, erogano contributi per l abbattimento degli interessi sui prestiti garantiti dai Confidi destinati ad investimenti, così come sono attive nel sostenere l attività di garanzia dei Confidi stessi anche con erogazioni di fondi anche straordinari che ci consentono di far fronte con maggiore serenità al deterioramento dei prestiti e fidi da noi garantiti, piuttosto che organizzando corsi di aggiornamento dedicati ai funzionari dei consorzi fidi che ambiscono diventare consorzi ex art Operatività dell'anno. L'organico di ifidi al 31/12/2010 è composto da 23 addetti, di cui 8 presso la filiale di Bergamo, 5 presso la filiale di Milano e 10 presso la filiale di Varese. Pagina 4

5 L'attività viene svolta presso la sede sociale di Milano, presso le filiali di Bergamo e Varese e negli uffici di Gallarate. Dal mese di febbraio 2011 è operativa anche la sede di Brescia e, dal mese di luglio, lo sarà anche la nuova sede di Monza. L operatività di ifidi nel 2010, essendo ibrida e parziale per effetto della fusione che ha avuto effetto contabile dal 01/10/2010, non può essere paragonata agli anni precedenti, soprattutto relativamente ai dati del conto economico. Tuttavia per dare un quadro veritiero e complessivo dei volumi delle operazioni poste in essere nell appendice statistica vengono forniti il dati aggregati delle tre strutture di tutto l anno 2010, confrontati con uguali dati aggregati al 31/12/2009. In sintesi il numero dei soci al 31/12/2010 ammontano unità. Nel corso del 2010 sono stati deliberati complessivamente affidamenti per , contro un erogato di Le garanzie in essere ammontano ad con una copertura per controgaranzia di A fronte dei rischi assunti i FIDI ha inoltre effettuato accantonamenti specifici nei Fondi rischi per garanzie prestate per e dispone di Riserve Fondi Rischi per Il patrimonio netto ammonta ad di cui utile pari ad I crediti risultano svalutati di una percentuale pari all 83%, i libretti e c/pegni, rettificati dall'apposito fondo presente in bilancio nel conto 81, di una percentuale pari all 82%. Le sofferenze beneficeranno, al momento dell'eventuale pagamento, della controgaranzia Federfidi per l'importo di e sono state inoltre svalutate per ; la loro percentuale complessiva di copertura è pari al 79%. I risultati ottenuti paiono apprezzabili e le poste a rettifica dei crediti per interventi a garanzia, delle sofferenze e degli incagli paiono congrui e dettati da prudenza. Per quanto riguarda la consistenza e la movimentazione del capitale sociale, le dinamiche dei principali aggregati di stato patrimoniale e conto economico, le perdite su crediti e le svalutazioni, nonché i rapporti con la controllata Lombarda srl, la ripartizione delle operazioni in essere per destinazione e settore merceologico si rimanda alla Nota Integrativa e all Appendice statistica. In merito alla gestione finanziaria, il Consiglio, con delibera del 03 novembre 2010, ha definito il profilo d investimento nel seguente modo: titoli di stato; titoli obbligazionari e fondi comuni obbligazionari emessi da istituzioni finanziarie internazionali, società private o pubbliche di grande rilevanza economica, stati sovrani dell area UE, di cui i valori siano espressi in euro, con rating per investimento (rating minimo BBB) e non per speculazione secondo i criteri delle principali agenzie di rating; titoli azionari e fondi comuni d investimento azionari purché dell area euro e fino ad una percentuale massima del 5% rispetto al totale investito; operazioni di pronti contro termine. Al 31/12/2010 il portafoglio investito è composto per il 34% da titoli di stato, per il 44% da obbligazioni emesse da istituti di credito, per il 12% da obbligazioni emesse da enti privati e per l 10% da fondi comuni di investimento. Visto il profilo degli investimenti ed i risultati positivi ottenuti negli ultimi tre anni, il Consiglio non ritiene necessario riassicurarsi per i rischi finanziari. Ricordiamo ai soci che per il 2010 il bilancio viene certificato dalla società Bompani Audit Srl Milano. Per quanto concerne gli adempimenti riguardanti la privacy, la sicurezza nei luoghi di lavoro, l antiriciclaggio, la trasparenza e l arbitrato finanziario informiamo i soci che sono state messe in atto le procedure per l'adeguamento alla normativa. Comunicazioni sul carattere mutualistico dell attività (art del Codice Civile e art.2 della Legge 59/1992). ifidi svolge la propria attività esclusivamente a favore dei soci ed ha effettuato l'iscrizione all'albo delle Cooperative nella sezione Cooperative a Mutualità prevalente. Pagina 5

6 Ai sensi dell articolo 17 Dlgs 220/02, è stata regolarmente effettuata l ispezione annuale da parte di Lega Cooperative. Il Verbale è consultabile presso la sede sociale e l ispezione si è chiusa senza annotazione di rilievi da parte del revisore incaricato. Il Consiglio di Amministrazione ritiene di aver operato nel rispetto degli scopi mutualistici previsti dallo Statuto Sociale perseguendo e migliorando l attività tipica del Confidi atta a migliorare le possibilità per le imprese associate di accedere alle risorse finanziarie ed al credito bancario secondo le esigenze legate allo sviluppo delle loro attività e soprattutto in un periodo di grave crisi generale. In particolare si è provveduto alla stipula di accordi e convenzioni con i principali Istituti di credito, alla sottoscrizione di convenzioni con il Confidi Regionale di II grado per l ottenimento delle controgaranzie che hanno permesso l intervento di garanzia a favore delle aziende fino all 80%, all accreditamento presso gli enti camerali per la gestione dei contributi in conto interessi a favore delle aziende nonché l attività di vera e propria assistenza e consulenza nella gestione finanziaria delle imprese sia in fase di ottenimento del credito sia in fase di rientro dello stesso. * Il Consiglio di Amministrazione ritiene di aver illustrato nel dettaglio le attività amministrative che hanno caratterizzato l'anno trascorso, pertanto invita l'assemblea ad approvare il Bilancio e a deliberare la destinazione dell'utile di nel seguente modo: 30% per a riserva ordinaria 70% per a riserva straordinaria Milano, 19 maggio 2011 Per il Consiglio di Amministrazione Il Presidente Matteo Zambusi Il sottoscritto Zambusi Matteo in qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione, consapevole della responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, attesta ai sensi dell art.47 D.P.R. 445/2000, la corrispondenza del presente documento a quello conservato agli atti della società. Pagina 6

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013

RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 RICERCA ANNUALE PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013 CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO L INCIDENZA DEI CONFIDI ITALIANI NEL CONTESTO EUROPEO Imprese socie Garanzie

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA

IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Convegno Dedagroup IL SISTEMA DEI CONFIDI IN ITALIA Giuseppe Villa Assoconfidi - Italia Milano, 18 novembre 2014 L ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il sistema dei Confidi in Italia e nel contesto europeo

Dettagli

Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio. nel sostegno alle imprese

Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio. nel sostegno alle imprese Il sistema dei Confidi lombardi e il ruolo delle Camere di commercio Gianmarco Paglietti Ufficio Studi del Consorzio camerale Lecco, 16 febbraio 2011 Gli obiettivi Monitorare il processo di razionalizzazione

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012 CITHEF S.C. a R.L. Sede Legale: Via Santa Lucia, 81 80132 Napoli Capitale Sociale:euro 610.330 i.v. R.E.A. Napoli n.507434 Registro Imprese di Napoli e C.F. 06629110633 Elenco Intermediari operanti nel

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI Ifidi società cooperativa (identificata come Confidi ) Filiale di MILANO sede legale Viale Restelli, 29 tel 02.28340163

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Il/la sottoscritto/a nato/a a residente a il via titolare/socio/legale

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese;

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese; REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 45-4869 DGR n. 10-12155 del 21/9/2009 e DGR n. 24-1837 del 07/04/2011. Concessione di euro 2.000.000,00 al patrimonio

Dettagli

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014

CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 IL RIPOSIZIONAMENTO DEL SISTEMA DEI CONFIDI E DEL FONDO DI GARANZIA NEL NUOVO CONTESTO NORMATIVO Leonardo Nafissi Roma, 17 giugno 2014 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO Il difficile accesso al credito per

Dettagli

LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso. Capitale sociale Euro 484.357 interamente.

LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso. Capitale sociale Euro 484.357 interamente. LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso Capitale sociale Euro 484.357 interamente. versato Iscrizione al registro Imprese di Genova e codice fiscale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1121 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PAGANO Modifiche all articolo 13 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito,

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Sezione erogazione del beneficio

Sezione erogazione del beneficio Sezione erogazione del beneficio Anno finanziario D) Sul bonifico del 5 per mille che ho ricevuto sono riportati due anni 2010 e 2009, ma a quale contributo si riferisce dei due? R) I due anni indicati

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

LOWER TIER II FIX TO FLOAT CON POSSIBILITÀ DI RIMBORSO ANTICIPATO;

LOWER TIER II FIX TO FLOAT CON POSSIBILITÀ DI RIMBORSO ANTICIPATO; Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5678 ABI n. 3111.2 Capogruppo del "Gruppo UBI Banca" iscritto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L.

INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA PASCOLI FIN.COOP.RA S.R.L. PASCOLI INTERVENTO DELLA RESPOSABILE FINANZIARIA DR.SSA MARINA FIN.COOP.RA S.R.L. Le PMI, fra cui la maggioranza delle Cooperative, rivestono un ruolo importante nell ambito delle economie europee ed il

Dettagli

RICHIESTA DI GARANZIA

RICHIESTA DI GARANZIA Pagina 1 di 5 BANCA : Filiale : Referente : Tel. Fax. RICHIESTA DI GARANZIA CONFIDI PORDENONE Ai sensi della Convenzione stipulata da Codesto Istituto con il CONFIDI PORDENONE, il/la sottoscritto/a COGNOME

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO FISCALE Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 105 Oggetto: NUOVO MODELLO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO IVA Provv. Direttore Agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

Economia, affari e finanza --> Servizi finanziari --> Banche

Economia, affari e finanza --> Servizi finanziari --> Banche Economia, affari e finanza --> Servizi finanziari --> Banche R ECO S56 QBKT CRISI: EUROFIDI, +40% PAGAMENTI PER SOFFERENZE PMI 2,9 MLD FINANZIAMENTI GARANTITI (ANSA) - TORINO, 29 MAR - Nel 2010 il ruolo

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti

DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti DOMANDA di Prestito Partecipativo Legge Regionale n. 4/2001 art. 7 commi 69 e seguenti Spett.le CONFIDI GORIZIA Via Morelli, 39 34170 GORIZIA Marca da Bollo di 14,62 Il sottoscritto nato a il rappresentante

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott.ssa Monica Pazzini

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli

Foglio Informativo NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

Foglio Informativo NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Foglio Informativo NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Ai sensi del D. Lgs.1 settembre 1993, n. 385 testo Unico Bancario, della Delibera CICR del 4/3/2003 e del

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori Nota informativa n. 6 del 26 giugno 2015 L innovazione nell economia lecchese: dati e valori A cura dell U.O. Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori della Camera di Commercio di Lecco Carlo Guidotti

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014

FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014 FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014 1) 4. SOGGETTI BENEFICIARI. COME ANDRANNO ASSEGNATE LE AZIONI O QUOTE ALLE IMPRESE ISCRITTE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit Bologna, 3 Aprile 2012 Logiche e contesto La crisi finanziaria dei mercati, evoluta in crisi

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Considerazioni del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Premessa Il gruppo di lavoro TANDEM sin dal 2001 opera per la diffusione dei sistemi di gestione ambientale nelle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

SCHEMA DI POLIZZA FIDEJUSSORIA

SCHEMA DI POLIZZA FIDEJUSSORIA PO FESR Campania 2007/2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito e Finanza Innovativa Migliorare la capacità di accesso al credito e alla finanza per l impresa per gli operatori economici presenti sul territorio

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente:

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente: ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica Consorzio PolieCo Società/Ditta Sede Istituto di Credito: BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Referente: Tel. n... Fax n. Spazio

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia Ministero dello Sviluppo Economico

Fondo Centrale di Garanzia Ministero dello Sviluppo Economico Microcredito Fondo Centrale di Garanzia Ministero dello Sviluppo Economico Il fondo ha la finalità di finanziare lavoratori autonomi o le microimprese rientranti nelle cosiddette fasce deboli, ovvero non

Dettagli

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E. Foggia, 27 Maggio 2011. Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma

CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E. Foggia, 27 Maggio 2011. Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma CONFIDI, RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO E FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Foggia, 27 Maggio 2011 TAVOLA ROTONDA Prof. Pasqualina Porretta, Università degli Studi La Sapienza, Roma IL RUOLO DEI CONFIDI NEL SOSTEGNO

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 2 04/04/2011 DECRETO 18 marzo 2011 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Modifica dei criteri

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 102 del 04/08/2015 OGGETTO: CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SASSUOLO E L'A.V.I.S. COMUNALE DI SASSUOLO - ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE APPROVAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO

UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO DEPOSITO DEI BILANCI - CASISTICA DEI MOTIVI DI SOSPESO PIÙ RICORRENTI 1) COMPILAZIONE MODELLO DICHIARAZIONE DI INCARICO DA PARTE DEL PROFESSIONISTA Manca o

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO 1 GIOVANI E AMICI COOPERATIVA SOCIALE A RL Sede in TERRASSA PADOVANA, VIA NAVEGAURO, 50 Codice Fiscale e Partita Iva: 02269930281 Iscrizione Albo Cooperative n. A122759 Sezione Cooperative Mutualità Prevalente

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli