TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA. ATTO DI INTERVENTO DI TERZO ex art.105 cpc

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA. ATTO DI INTERVENTO DI TERZO ex art.105 cpc"

Transcript

1 Avv. Paolo Martinello Avv. Marco Stucchi Via Lentasio n Milano Tel Fax TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA ATTO DI INTERVENTO DI TERZO ex art.105 cpc Per l Associazione ALTROCONSUMO (C.F./P.I ), con sede in Milano, via Valassina 22, in persona del Segretario Generale e legale rapp.te pro tempore dott.ssa Luisa Crisigiovanni, elettivamente domiciliata in Milano, Via Lentasio, MILANO presso lo studio degli Avv.ti Paolo Martinello (C.F. MRTPLA54L26F205Z; PEC e Marco Stucchi (C.F. STCMRC82L30F205G, PEC del Foro di Milano, che la rappresentano e difendono unitamente e disgiuntamente agli Avv.ti Guido Scorza (PEC e Dario Reccia (PEC entrambi appartenenti all associazione professionale E-Lex Belisario Scorza Riccio & Partners (C.F. e Partita IVA: ; FAX ), in virtù di delega in calce al presente atto -terzo interveniente- nel procedimento pendente avanti il Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia di imprese a seguito del reclamo al Collegio ex art. 669-terdecies c.p.c. avverso l ordinanza del Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia di imprese emessa in data r.g /2015 introdotto da Avv. Guido Scorza Avv. Dario Reccia Via dei Barbieri Roma Tel Fax UBER ITALY s.r.l., UBER INTERNATIONAL BV, UBER INTERNATIONAL HOLDING BV, UBER BV, RASIER OPERATIONS BV con Avv.ti Claudio Tesauro, Prof. Giovanni Guglielemetti, Monica Iacoviello e Mariangela Di Giandomenico

2 -Resistenti/reclamanti contro TAXIBLU S.C. Taxiblu Consorzio Radiotaxi Satellitare Soc. Coop., PRONTO TAXI S.C. A R.L.; COOP RADIO TAXI TORINO S.C.; COOP RADIOTAXI GENOVA S.C., con Avv.ti Nico Moravia, Marco Giustiniani e Alessandro Fabbi nonché contro Emilio Luigi BOCCALINI; Claudio SEVERGNINI; Adriano BIGLIO, Alberto Aimone CAT, Davide AVANZI, e Valter CENTELANO con Avv.ti Nico Moravia, Marco Giustiniani e Alessandro Fabbi nonchè contro ASS. SINDACALE SATAM/CNA, SINDACATO ARTIGIANO TAXISTI DI MILANO E PROVINCIA, ASS. UNICA MILANO E LOMBARDIA; T.A.M. - TASSISTI ARTIGIANI MILANESI; UNIONE ARTIGIANI DELLA PROVINCIA DI MILANO, FEDERAZIONE NAZIONALE UGL TAXI E ASSOCIAZIONE TUTELA LEGALE TAXI con Avv.ti Nico Moravia, Marco Giustiniani e Alessandro Fabbi -ricorrenti/reclamati e nei confronti di Roberto NOE **** **** **** Premessa Altroconsumo è la prima e più diffusa per numero di iscritti associazione di consumatori in Italia con oltre 377 mila soci ed è tra le associazioni componenti il Consiglio Nazionale dei Consumatori e Utenti ex art. 136 del Codice del Consumo. L Associazione segue, da anni, il crescente diffondersi del fenomeno 2

3 della c.d. sharing economy nella convinzione che i nuovi modelli di business che si vanno sviluppando nell ambito di tale fenomeno offrano a consumatori ed utenti nuove ed importanti opportunità di ottimizzazione dei propri bilanci familiari, consentendo loro da una parte di condividere con altri consumatori ed utenti proprie risorse materiali, tempo e competenze e, dall altro, di beneficiare di una crescente offerta di beni e servizi, spesso, a condizioni economiche più vantaggiose di quelle presenti sui mercati tradizionali, in ragione della obiettiva diversità dei beni e servizi medesimi. In tale contesto Altroconsumo sostiene da tempo che l Ordinamento dovrebbe adeguarsi a tale nuovo fenomeno non precludendo l esercizio da parte di consumatori ed in favore di altri consumatori delle nuove attività che ne sono caratteristiche e, ad un tempo, garantendo ai consumatori ed utenti che scelgono di beneficiarne un adeguato livello di tutela sostanziale tanto in termini di sicurezza generale dei prodotti e dei servizi che in termini di trasparenza e correttezza delle tariffe e delle pratiche commerciali. Con particolare riferimento ai servizi di comunicazione elettronica forniti da Uber, l Associazione ha, in diverse occasioni, sottolineato di ritenere che essi abilitino nuove ed importanti soluzioni di mobilità delle quali utenti e consumatori possono avvantaggiarsi tanto condividendo il proprio tempo e la propria autovettura ed offrendo passaggi ad altri utenti e consumatori, tanto usufruendo dei passaggi offerti da altri. In questa prospettiva, Altroconsumo ha sempre auspicato e continua ad auspicare un tempestivo intervento regolamentare che valga a risolvere le numerose ambiguità presenti nella disciplina vigente e che minacciano di frenare lo sviluppo del fenomeno in questione inducendo consumatori ed 3

4 utenti a dubitare della legittimità del servizio di cui si discute o a ritenerlo intrinsecamente meno sicuro rispetto ai servizi di trasporto pubblico e privato di tipo tradizionale. Allo stesso tempo, Altroconsumo, ha sempre sottolineato l esigenza che nel dissipare ogni dubbio ed ambiguità in relazione alla legittimità di tali nuovi servizi, i decisori pubblici si preoccupino anche di stabilire livelli minimi di tutela di consumatori ed utenti nei confronti di chi fornisce tali servizi che si tratti di soggetti professionisti o di altri consumatori. La posizione di Altroconsumo in relazione al fenomeno di cui si discute è stata, peraltro, recentissimamente, fatta propria dall Autorità di regolazione dei trasporti la quale nella propria segnalazione al Governo dello scorso 21 maggio ma pubblicata il 4 giugno ha fugato ogni dubbio sulla natura del servizio offerto da Uber che deve essere considerato di mero intermediario, fornitore di servizi tecnologici per la mobilità, sulla assoluta complementarietà e non concorrenzialità tra le soluzioni di mobilità rese disponibili attraverso l uso dell app e quelle regolamentate [ndr ovvero i taxi e i noleggi con conducente] e sull opportunità, anche in una prospettiva di contenimento del traffico e dell inquinamento, della promozione di tali soluzioni. Tale posizione come si dirà meglio nel prosieguo - appare in netto contrasto con la decisione oggetto del presente procedimento di reclamo e proprio la distanza tra le posizioni affermate, a distanza di pochi giorni, da due distinte Autorità, entrambe, evidentemente, competenti ad occuparsi sotto profili diversi ancorché in parziale sovrapposizione della materia rischia di acuire quella situazione di incertezza giuridica che minaccia di compromettere la libertà negoziale di consumatori ed utenti e di comprimerne l esercizio della 4

5 proprietà privata. E tale situazione di grave incertezza giuridica, idonea, di per sé a minacciare i diritti e gli interessi dei consumatori ed utenti che ha indotto Altroconsumo, come si dirà più diffusamente nel prosieguo, ad intervenire nel presente procedimento. FATTO 1. Con ordinanza del 26 maggio 2015, in parziale accoglimento del ricorso ex art. 700 c.p.c. proposto dai soggetti ricorrenti indicati in epigrafe, l intestato Tribunale, accertata la concorrenza sleale posta in essere ai sensi dell art c.c., comma 3 dalle parti resistenti ha inibito, in via cautelare ed urgente, alle medesime l utilizzazione sul territorio nazionale dell app denominata UBER POP e comunque la prestazione di un servizio comunque denominato e con qualsiasi mezzo promosso e diffuso che organizzi, diffonda e promuova da parte di soggetti privi di autorizzazione amministrativa e/o di licenza un trasporto terzi dietro corrispettivo su richiesta del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta. 2. Altroconsumo, come si è anticipato, costituisce una delle associazioni di consumatori maggiormente rappresentative a livello nazionale, è iscritta nell elenco delle associazioni di consumatori ex art. 137 D. Lgs. 206/2005, è membro del Consiglio Nazionale dei Consumatori e Utenti ex art. 136 del Codice del Consumo (doc. 1), conta più di iscritti, opera a livello nazionale dal 1973, realizza un intensa attività di informazione, tutela, assistenza e rappresentanza degli interessi dei consumatori e utenti a livello sia nazionale che internazionale, anche attraverso azioni e procedimenti davanti alle competenti autorità giudiziarie e amministrative ed è già stata ritenuta 5

6 capace di curare adeguatamente l interesse dei consumatori nelle cosiddette class action ex art. 140-bis del Codice del consumo. Il proprio Statuto (doc. 2) ne individua lo scopo nella promozione e difesa degli interessi, anche economici, dei consumatori, nonché del loro diritto ad essere informati ed educati e prevede inoltre che l Associazione assuma ogni iniziativa idonea a garantire i consumatori come singoli o come collettività. L associazione interveniente, inoltre, si occupa, da anni, del fenomeno della c.d. sharing economy nell ambito del quale la vicenda per cui è causa deve essere inquadrata - tanto in ambito nazionale che europeo, promuovendone ogni forma di sviluppo sostenibile nel rispetto dei diritti e degli interessi dei consumatori. 3. A seguito del provvedimento reclamato, numerosi consumatori ed utenti, iscritti e non iscritti all associazione interveniente, si sono ad essa rivolti per lamentare l imminente venir meno, per effetto del provvedimento medesimo, dell opzione di trasporto da loro utilizzata attraverso l app denominata UBER POP - tra l altro, per raggiungere il proprio luogo di lavoro o attendere, quotidianamente, a numerose altre attività e funzioni. Si sono, inoltre, rivolti alla medesima associazione taluni utenti e consumatori che, negli ultimi mesi, in Milano, hanno utilizzato l app in questione per fornire a terzi passaggi, con la propria automobile, previo rimborso forfettario da parte dei passeggeri di una quota parte dei costi di esercizio dell automobile medesima. Questi ultimi hanno, in particolare, segnalato come l utilizzo dell app oggetto del provvedimento adottato dall intestato Tribunale rappresenti per loro una soluzione di abbattimento dei costi fissi di gestione della propria 6

7 autovettura [acquisto, finanziamento, manutenzione, assicurazione, tassa di proprietà ecc.] e, per questa via, di ottimizzazione del proprio bilancio familiare. Ricevute tali segnalazioni, presa visione del provvedimento oggetto del presente procedimento di reclamo e letta la successiva segnalazione che, come si è detto, l Autorità di Regolazione dei Trasporti ha indirizzato a Governo e Parlamento, Altroconsumo che ha tra i propri scopi istituzionali proprio la difesa dei diritti e degli interessi dei consumatori ha deciso di intervenirvi, ritenendo il provvedimento medesimo erroneo e lesivo dei diritti ed interessi dei consumatori ed utenti per i seguenti motivi di DIRITTO 1. Interesse di Altroconsumo ad intervenire nel presente procedimento Il provvedimento chiesto ed ottenuto nella precedente fase cautelare dalle attuali reclamate produce, inequivocabilmente, effetti diretti sui consumatori ed utenti che sono i reali beneficiari dell app in questione, utilizzandola come si è anticipato in fatto sia per abbattere i costi fissi di gestione della propria autovettura, condividendola con altri consumatori sia per reperire, in modo facile ed economico, passaggi per coprire tratte, prevalentemente urbane, comuni ad altri utenti e consumatori. E, dunque, evidente che l ordine di inibitoria oggetto del provvedimento reclamato, pur essendo formalmente indirizzato alle società che distribuiscono l app in questione e ne gestiscono il relativo servizio, è direttamente lesivo dell autonomia negoziale di utenti e consumatori e ne comprime il libero esercizio della proprietà privata con specifico riferimento alla propria autovettura. In particolare il provvedimento reclamato: 7

8 (a) priva di validità i contratti relativi all uso dell app in questione perfezionati da migliaia di consumatori ed utenti benché gli stessi non possano, in alcun modo, considerarsi illeciti né illeciti vengano qualificati nell ordinanza di inibitoria; (b) comprime il libero esercizio, da parte di consumatori ed utenti, della proprietà privata, vietando loro in assenza di qualsivoglia disposizione di legge di disporre della propria autovettura anche per offrire passaggi a terzi in una dimensione occasionale e non imprenditoriale; (c) limita indebitamente la libertà negoziale dei consumatori, privandoli della possibilità di ricorrere a soluzioni di mobilità peers to peers a basso costo. Alla luce delle considerazioni che precedono e considerato che il Codice del consumo riconosce espressamente la legittimazione delle associazioni di consumatori ad agire giudizialmente per la tutela dei diritti ed interessi di utenti e consumatori (si vedano, inter alia, gli artt.139 e 140 Codice del Consumo d.lgs.206/2005), non può dubitarsi dell interesse di Altroconsumo ad intervenire nel presente procedimento ex art.105 cpc, volontariamente e comunque ad adiuvandum delle parti resistenti/reclamanti, né della sua legittimazione. 2. La legittimità del servizio Uber Pop (A) Inapplicabilità della disciplina in materia di concorrenza Nell ordinanza reclamata il Giudice ha ritenuto che le attuali reclamanti svolgano, attraverso l app oggetto di inibitoria, un attività in concorrenza sleale rispetto a quella di trasporto pubblico locale svolta dalle attuali resistenti in quanto il loro ruolo appare scrive nel provvedimento - essenziale per l esistenza del servizio stesso e di fatto incidente sulla stessa organizzazione di 8

9 esso, in misura tale da escludere che ci si trovi in presenza di un mero intermediario. Nello stesso provvedimento, il Giudice, si spinge poi oltre giungendo a riferire che Il complesso di tali attività sembra dunque oltrepassare l ambito di operatività di un mero intermediario e involge aspetti direttamente organizzativi e propulsivi del servizio in questione tanto da doversi approfondire, a parere di questo giudice, anche se il ruolo ricoperto dai responsabili di UBER POP possa in realtà inquadrarsi in quello di vettore ai sensi degli artt e 1681 c.c. anche a prescindere dalle statuizioni contrattuali predisposte e soprattutto esso appare rilevante sul piano dell illecito concorrenziale in quanto, proprio perché l applicazione informatica in questione ha di fatto consentito la nascita o comunque un improvviso ed esteso ampliamento di comportamenti non consentiti dalla legislazione nazionale, la sua predisposizione ed utilizzazione apporta un contributo essenziale e insostituibile allo sviluppo di condotte illecite, idonee ad incidere sul mercato in danno dei soggetti ricorrenti, e dalle quale le stesse resistenti traggono diretti benefici economici.. Si tratta, tuttavia, di conclusioni che non convincono e che, d altra parte, risultano oggi, autorevolmente contraddette dalla Segnalazione dell Autorità di Regolazione dei Trasporti al Governo ed al Parlamento. In tale provvedimento, infatti, l Authority definisce espressamente servizi come Uber Pop, quali servizi tecnologici per la mobilità [STM] e propone di definire proprio Intermediari le imprese fornitrici di servizi tecnologici per la mobilità che, mediante il ricorso ad una piattaforma tecnologica, mettono in connessione passeggeri e conducenti allo scopo di fornire a richiesta un servizio 9

10 remunerato di trasporto che si svolge sul territorio nazionale.. Muovendo da tali considerazioni svolte dall Autorità amministrativa indipendente di regolamentazione del settore è difficile condividere il ragionamento svolto dal Giudice della precedente fase cautelare. Il provvedimento reclamato, d altra parte, non chiarisce sulla base di quali elementi le attuali reclamanti - che sono società fornitrici di servizi di comunicazione elettronica o, per dirla con le parole dell Authority dei trasporti, società fornitrici di servizi tecnologici di mobilità - dovrebbero essere considerate in concorrenza con le società di trasporto pubblico non di linea, attuali resistenti o, addirittura, essere considerate anch esse società di trasporto pubblico pur non disponendo di alcun veicolo e non assumendo alcuna obbligazione caratteristica dei contratti di trasporto con i propri utenti ai quali si limitano, appunto, a garantire alcuni servizi di comunicazione elettronica e di gestione di pagamenti per via egualmente elettronica. Alla luce di tali considerazioni i diversi indici sintomatici del preteso travalicamento da parte di Uber dei limiti di attività propri di un mero intermediario tecnologico individuati dal Giudice appaiono, a ben vedere, deboli ed insufficienti. Non appare, infatti, significativo né il fatto che le attuali reclamanti stabiliscano le regole di condivisione delle autovetture all interno della community, né la circostanza che la misura dei rimborsi che i passeggeri sono tenuti a riconoscere ai conducenti sia determinata secondo parametri stabiliti dalle medesime società reclamanti. L una e l altra attività, infatti come ogni altra attività svolta da Uber sono certamente strumentali a quelle di trasporto poste in essere direttamente 10

11 dagli utenti e consumatori ma non appaiono in alcun modo sovrapponibili a queste ultime, né caratteristiche come si è anticipato dei contratti di trasporto. Le società reclamanti, d altra parte e da qui la dedotta contraddittorietà della decisione reclamata operano sul mercato svolgendo attività analoghe a quelle svolte dalla Italtaxi Service s.r.l., una delle società ricorrenti nella precedente fase cautelare che, giustamente, il Giudice ha ritenuto priva della necessaria legittimazione ad agire nella proposta azione di concorrenza sleale. Sotto tale profilo sembra utile rileggere quanto al riguardo statuito nell ordinanza reclamata: Quanto agli aspetti soggettivi propri della presente controversia, appare fondata l eccezione svolta dalle resistenti quanto alla rilevanza nella fattispecie di concorrenza sleale di interessi propri della ITALTAXI SERVICE s.r.l. Invero appare pacifico che detta società svolga l attività di fornitura di servizi amministrativi e contabili in favore di imprese che esercitano il servizio taxi. In effetti rispetto all ipotesi di concorrenza sleale contestata non vi è comunanza di mercato, risultando l attività contestata svolta invece sul mercato dell utenza dei servizi di trasporto urbani non di linea.. Se, correttamente, il Giudice della precedente fase cautelare ha ritenuto che la società che eroga servizi amministrativi e contabili strumentali all esercizio di un attività di trasporto pubblico operi in un mercato diverso da quello per cui è causa, non si capisce come le attuali reclamanti, società che erogano servizi di comunicazione elettronica strumentali a tutto voler concedere all esercizio di un attività di trasporto siano state, invece, considerate legittimate passive nella medesima azione di concorrenza sleale. Al riguardo, risulta evidente che l Ordinanza reclamata sia viziata da 11

12 un insuperabile contraddittorietà. La realtà è che le attuali reclamanti svolgono un attività certamente utile e determinante per consentire a consumatori ed utenti di comunicare ed organizzarsi in relazione alla condivisione delle proprie autovetture ma operano su un mercato sensibilmente diverso da quello nel quale operano le attuali resistenti e non possono, pertanto, essere considerate, sotto alcun profilo, in un rapporto di concorrenza con queste ultime. Tanto avrebbe dovuto suggerire al Giudice della precedente fase cautelare di escludere la sussistenza, nel caso di specie, di qualsivoglia relazione concorrenziale tra le parti e, dunque, a maggior ragione, di qualsivoglia fattispecie suscettibile di integrare gli estremi di una condotta di concorrenza sleale. Sebbene, infatti, la giurisprudenza ammette che possa configurarsi un illecito di concorrenza sleale anche laddove l autore della condotta illecita non sia un concorrente dell imprenditore danneggiato dalla sua condotta, ciò ha, comunque, per presupposto che vi sia un imprenditore concorrente di quest ultimo che si avvantaggi della condotta scorretta del non concorrente. In tal senso, ex multis, si richiama quanto stabilito dalla Suprema Corte, secondo la quale, Pur essendo necessario ai fini dell'esistenza dell'illecito ex art c.c. che tra i soggetti attivo e passivo della condotta prevista dalle norme intercorra un rapporto di concorrenza, ancorché potenziale, e che essi rivestano la qualifica di imprenditori commerciali, tuttavia l'atto o il comportamento sleale possono essere compiuti anche da un terzo nell'interesse dell'imprenditore, con la conseguenza che in tal caso entrambi rispondono a titolo di concorrenza sleale, sebbene il terzo non sia imprenditore o, comunque, 12

13 non sia concorrente dell'impresa danneggiata. [cfr. Cass. civ., 16/04/1983, n. 2634]. Nel caso di specie, tuttavia, non vi è alcun imprenditore, concorrente degli originari ricorrenti ovvero delle società di taxi che si avvantaggi della condotta delle attuali reclamanti. Queste ultime, infatti, erogano i propri servizi esclusivamente in favore di consumatori ed utenti che, anche laddove utilizzino l app in veste di conducenti e, dunque, per offrire passaggi ad altri consumatori ed utenti lo fanno in una dimensione palesemente extra-imprenditoriale. Tale attività, infatti, è svolta in modo evidentemente occasionale ed all unico fine di abbattere i costi fissi di gestione dell autovettura di proprietà e, dunque, quelli di acquisto, di eventuale finanziamento, di assicurazione obbligatoria e tassa di possesso nonché le ulteriori necessarie spese di manutenzione. Si tratta, peraltro, anche in questo caso di considerazioni che trovano puntuale conferma nella citata segnalazione dell Autorità di regolazione dei trasporti che sottolinea in numerosi passaggi come l attività dei consumatori ed utenti che utilizzano i servizi tecnologici di mobilità da conducenti è, e deve restare, un attività di tipo occasionale e non professionale tanto da suggerire a Governo e Parlamento, in una prospettiva de iure condendo, di stabilire un tetto massimo di ore di attività pari a non più di 15 a settimana. Se, dunque, gli unici soggetti che potrebbero, eventualmente, avvantaggiarsi dei servizi erogati dalle attuali reclamanti sono dei non imprenditori, risulta evidente, una volta di più, che alla fattispecie per cui è causa non avrebbe dovuto considerarsi applicabile la disciplina in materia di 13

14 concorrenza. Al riguardo sembra utile ricordare il costante orientamento giurisprudenziale secondo il quale: Gli art segg. c. c. sono destinati a disciplinare esclusivamente l'attività di concorrenza fra imprenditori; pertanto sono soggetti attivi e passivi dell'atto di concorrenza sleale unicamente coloro che rivestono la qualità di imprenditore e si trovano in un rapporto concorrenziale tra di loro. [cfr. App. Bologna, 07/12/1989]. (B) Legittimità della condotta degli utenti di Uber Pop Le considerazioni svolte al paragrafo che precede sono da sole sufficienti a definire il presente procedimento, revocando il provvedimento emesso all esito della precedente fase cautelare stante l evidente erroneità e contraddittorietà della motivazione sulla quale è fondato, specie alla luce della recente iniziativa dell Autorità di Regolazione dei trasporti. E, dunque, per mero scrupolo difensivo che riteniamo opportuno svolgere talune ulteriori brevi considerazioni allo scopo di evidenziare come la condotta delle attuali reclamanti e del Sig. Noè così come di tutti gli altri consumatori ed utenti di Uber Pop deve, comunque, essere considerata perfettamente lecita nonostante le innegabili aporie ed ambiguità dell attuale quadro normativo. In questa prospettiva appare, innanzitutto, opportuno segnalare che i consumatori ed utenti che utilizzano l app per cui è causa allo scopo di offrire ad altri consumatori ed utenti passaggi sulla propria autovettura privata svolgono un attività, preesistente alla nascita ed alla diffusione del servizio Uber Pop, perfettamente legittima e giuridicamente già qualificata da un consolidato orientamento giurisprudenziale e dottrinale come passaggio 14

15 gratuito. Giurisprudenza e dottrina, peraltro, sono concordi salvo talune marginali prese di posizione contrarie nel ritenere che, a dispetto della definizione, la circostanza che il conducente nell offrire un passaggio persegua un proprio vantaggio individuale anche di natura economica è perfettamente compatibile con la fattispecie negoziale in esame. Al riguardo, in giurisprudenza, ex multius: Nel trasporto gratuito - che si traduce in un rapporto contrattuale - è presente in chi lo esegue un interesse, sia pure mediato, ma giuridicamente rilevante, all'adempimento della sua prestazione di vettore. (Cassazione civile sez. III 15/09/1981 n. 5098) e, in senso conforme Non va esente, infatti, il trasporto gratuito, da un elemento egoistico di chi lo esegue, che è comunemente identificato in un interesse che egli ha, sia pure mediato, ma giuridicamente rilevante, all'adempimento dalla sua prestazione di vettore. (Cassazione 05/07/1989 n. 3223) e, ancora L'elemento differenziatore fondamentale tra il trasporto "gratuito" ed il trasporto "amichevole o di cortesia" si concretizza nell'elemento negoziale, che sussiste nel primo e manca, invece, nel secondo. Ne discende che nel trasporto "gratuito" l'interesse del vettore è un interesse essenzialmente economico, anche se indiretto, laddove nel trasporto "amichevole o di cortesia" il trasporto viene offerto e concesso per amicizia, condiscendenza, mero spirito di liberalità, ovvero per altro nobile sentimento. (Cassazione civile sez. III 05/03/1990, n.1700). Mai, tuttavia, sin qui, ci si era spinti a ritenere che il proprietario di un autovettura, ancorché immatricolata ad uso privato, non potesse utilizzarla per offrire a terzi evidentemente a titolo occasionale e non professionale 15

16 passaggi gratuiti ovvero che una simile attività, anche laddove svolta in una dimensione amatoriale ed extra-imprenditoriale, potesse essere equiparata a quella caratteristica di un servizio pubblico non di linea come quello svolto dalle attuali resistenti. Sorprende, pertanto, che nella fattispecie all origine del presente procedimento, la semplice circostanza che l app per cui è causa consenta un incremento quantitativo rilevante di fattispecie negoziali singolarmente considerate inequivocabilmente lecite, possa, da sola, valere a giustificare una valutazione radicalmente diversa di tali fattispecie, giungendo a qualificarle come illecite. Peraltro, anche a voler ammettere che il dato quantitativo sia, da solo, sufficiente a trasformare una fattispecie negoziale lecita in una condotta illecita ed addirittura rilevante sul piano della concorrenza sleale, sembra, comunque, opportuno segnalare che nessun accertamento di carattere quantitativo neppure di matrice indiziaria è stato svolto nel corso della precedente fase cautelare in relazione al numero di passaggi offerti, in media, da ciascuno degli utenti a Uber Pop con l ovvia conseguenza che non vi è, in atti, nessun elemento che consenta neppure di ipotizzare che uno o più utenti dell app per cui è causa abbiano abusato dell opportunità attraverso essa acquisita, travalicando i limiti dell attività occasionale e trasformando l offrire passaggi gratuiti in un attività professionale. E, in altre parole, assolutamente possibile ed è, anzi, questo, il sentore di Altroconsumo sulla base delle segnalazioni raccolte dai propri iscritti che ciascuno degli utenti dell app, l abbia usata, nella vesta di conducente, in un numero assai marginale di casi, in maniera assolutamente occasionale ed al 16

17 solo fine o di sperimentare un servizio nuovo ed innegabilmente dotato di un certo appeal soprattutto nei più giovani o di abbattere specie in tempo di crisi i costi mensili di gestione della propria autovettura. Alla luce delle considerazioni che precedono, pertanto, risulta evidente che l attività svolta dagli utenti e consumatori attraverso l app per cui è causa e, di conseguenza anche quella delle società reclamanti anche qualora si volesse, ad essa, considerare applicabile la disciplina in materia di concorrenza sleale andrebbe, comunque, considerata pienamente legittima. In ogni caso, poi, tale attività non sembra potersi definire in concorrenza con quella delle attuali resistenti ovvero con quella dei vettori di trasporto pubblico non di linea giacché si tratta di un attività che si rivolge, evidentemente, ad un pubblico diverso e, semmai, complementare rispetto a quella svolta dai taxi. Anche con riferimento a questo profilo, non è stato acquisto nelle precedente fase cautelare alcun elemento di prova che dimostri che il servizio Uber Pop si rivolge alla stessa clientela e soddisfi la stessa domanda destinataria del servizio pubblico di taxi erogato dalle società ricorrenti, odierne reclamate, elementi che costituiscono a loro volta requisito imprescindibile per l applicabilità dell art.2598 c.c.. Invero, una comune clientela deve escludersi del tutto in considerazione del fatto che: a) da un lato, il consumatore che, in qualità di membro della community, usufruisce del passaggio offertogli da altro membro della stessa community mira a soddisfare una esigenza di mobilità a basso costo e in tempi relativamente incerti, vale a dire ad usufruire di un servizio meno costoso ma 17

18 anche meno tempestivo del taxi tradizionale (sia per i tempi di attesa che per la circolazione dei mezzi degli utenti Uber Pop nel traffico al pari di ogni altro mezzo privato, senza usufruire di corsie preferenziali, né di esenzioni da divieti di accesso in aree o passaggi riservati ai mezzi pubblici, né di parcheggi dedicati, etc.), rappresentando pertanto una domanda diversa e non confondibile con quella che si rivolge al taxi; b) dall altro, la clientela tradizionale del servizio pubblico di taxi esprime una domanda caratterizzata dalla esigenza di immediatezza, certezza e rapidità del servizio, a fronte di un costo più elevato, onde la stessa giammai potrebbe ritenere Uber Pop come servizio interscambiabile e usufruibile in alternativa al servizio taxi. In altri termini, il servizio taxi e Uber Pop si rivolgono a tipologie di domanda e di clientela diverse e complementari l una all altra, che non sono né confondibili né sostituibili. Anche in questo senso appare illuminante quanto previsto nella segnalazione che l Autorità dei trasporti ha indirizzato a Governo e Parlamento e in particolare nel suo terzo paragrafo, significativamente intitolato: La complementarietà dei servizi regolati e di quelli offerti mediante l utilizzo di nuove tecnologie.. Viene in tal modo a mancare un ulteriore elemento essenziale che deve caratterizzare l illecito concorrenziale. Anche a prescindere dalle considerazioni che precedono, peraltro, ed a voler ammettere sia la sussistenza di un rapporto di concorrenza tra le parti del presente procedimento, sia la pretesa illiceità della condotta delle attuali 18

19 reclamanti e/o dei consumatori ed utenti, utilizzatori dell app per cui è causa per aver violato la disciplina pubblicistica della materia, comunque dovrebbe poi concludersi per l insussistenza di qualsivoglia condotta di concorrenza sleale giacché, come è noto, la violazione di una norma di matrice amministrativa non è, di per sé, sufficiente ad imputare all autore della violazione qualsivoglia responsabilità per concorrenza sleale. In questa prospettiva appare opportuno richiamare quanto stabilito dallo stesso intestato Tribunale in una precedente analoga fattispecie: la violazione di norme penali, fiscali o amministrative, o comunque dirette alla tutela di pubblici interessi e che non comprendono nella loro previsione, almeno direttamente, l interesse del singolo, non costituisce in se stessa elemento sufficiente a caratterizzare l atto come di concorrenza sleale. [ ] A tale scopo occorre, altresì, che sia ravvisabile nel precetto della norma violata un indice normativo di scorrettezza concorrenziale: vale a dire che il precetto, pur dettato per ragioni di pubblico interesse, abbia una giustificazione sia pure indirettamente riconducibile alle indicazioni di principio, anche di ordine costituzionale, che improntano la disciplina giuridica della concorrenza. Orbene, ogni qualvolta una norma è dettata per restringere od eliminare la concorrenza in un settore determinato, a vantaggio di una categoria di operatori economici, e con esclusione di una categoria concorrente, è palese che essa, quali che siano le sue finalità e senza nulla togliere loro di meritevolezza sul terreno pubblicistico in cui sono destinate ad operare, è non solo indifferente sul piano della disciplina concorrenziale, ma addirittura di segno contrario a ciò che su tale piano costituisce indice di slealtà concorrenziale. (cfr. Trib. Milano 24 settembre 1979). 19

20 La piana applicazione del principio esplicitato in tale decisione alla fattispecie per cui è causa è, da sola, sufficiente a consentire di escludere che anche qualora dovesse ritenersi che le società reclamanti ed i loro utenti abbiano effettivamente violato la disciplina che regola il trasporto pubblico locale non di linea - possa loro contestarsi di aver posto in essere qualsivoglia tipo di condotta di concorrenza sleale. E, infatti, evidente che le condotte delle società reclamanti e dei loro utenti sono, semmai, pro-competitive avendo reso più elastico e concorrenziale un mercato asfittico ed ingessato. Per convincersi di tale circostanza, d altra parte, sembra sufficiente leggere la segnalazione inviata dall Autorità di regolazione dei trasporti a Governo e Parlamento e, in particolare, il paragrafo nel quale si segnala che i prezzi dei servizi pubblici non di linea sono aumentati in misura maggiore rispetto a quella dell inflazione e che in quasi dieci anni il numero dei taxi, nelle grandi città, è sostanzialmente rimasto invariato. La condotta delle attuali reclamanti e dei loro utenti, pertanto, potrebbe conformemente all insegnamento della giurisprudenza a tutto voler concedere rilevare sotto il profilo pubblicistico ed amministrativo ma giammai sotto quello della concorrenza sleale. **** **** **** Infine, quanto al periculum in mora, è solo il caso di osservare che non può essere in alcun caso condiviso quanto affermato dall ordinanza reclamata laddove ne ha ravvisato la sussistenza in relazione al previsto consistente numero di visitatori della manifestazione Expo 2015 (sic!). Un previsto aumento della domanda può rilevare al fine di ritenere l imminenza e/o 20

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

ASS. SINDACALE SATAM/CNA - SINDACATO ARTIGIANO TAXISTI DI MILANO E

ASS. SINDACALE SATAM/CNA - SINDACATO ARTIGIANO TAXISTI DI MILANO E TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia d impresa Sezione A Il Tribunale, nella persona del giudice designato Dott. Claudio Marangoni ha pronunciato la seguente ordinanza nel procedimento

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 proposto dal sig. (riportare dati identificativi, domicilio fiscale, P. IVA), nato a il, C.F., rappresentato

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

N. R.G. 35445/2015 + 36491/2015

N. R.G. 35445/2015 + 36491/2015 N. R.G. 35445/2015 + 36491/2015 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA A Il Tribunale in composizione collegiale nelle persone dei seguenti magistrati: dott. Marina Anna

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo,

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99 per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, viale della Regione Siciliana, 4464, iscritta presso

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

Decisione N. 1641 del 18 maggio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 1641 del 18 maggio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio. Avv. Alessandro Leproux... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di Presidente

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi Sommario Sistema creditizio L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi (Avv. Edoardo Arbasino) Indice degli argomenti I. Riferimenti normativi e funzione della Centrale Rischi II. Posizione a sofferenza

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre.

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PREMESSO che -

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Titolarità formale e sostanziale del trattamento dei dati personali: la sentenza della Suprema Corte di Cassazione 6927/2016 sula legittimazione passiva della Banca d Italia quale gestore dell archivio

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai

R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O. La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai R E P U B B L I C A I T A L I A N A I N N O M E D E L P O P O L O I T A L I A N O La Corte d Appello di Brescia, Sezione Lavoro, composta dai Sigg.: Dott. Antonella NUOVO Presidente Dott. Geo ORLANDINI

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 5/2013 Prot. n. 9551. Tit. 1.10.21/349 del 04/03/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 5/2013 Prot. n. 9551. Tit. 1.10.21/349 del 04/03/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM DETERMINAZIONE Determinazione n. 5/2013 Prot. n. 9551 Tit. 1.10.21/349 del 04/03/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E FASTWEB, SOCIETA SOGGETTA ALL ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Prot.20809-C/pdm Missiva a mani Anticipata via mail STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Piazza Aranci,18 Massa 54100 Corso di Porta Nuova,18 Milano 20121 Tel.0585.46636 Fax 0585.47053 Tel.02.370.530 Fax

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia. N. 00040/2015 REG.PROV.COLL. N. 00377/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO Per A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in persona del Presidente Nazionale, Sig. Vincenzo Donvito, con sede in Firenze,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Decisione N. 91 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 91 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254 stemma.jpg Un documento estratto da LexEureka - http://www.ricerca-amministrativa.it T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254 N. 00254/2014 REG.SEN. N. 00266/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli