La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale."

Transcript

1

2 Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore, abbiamo avuto come unico obbiettivo quello di assicurarle la massima semplicità, versatilità degli strumenti e facilità nell utilizzo. PermettendoLe così di poter rispettare la normativa sulla formazione obbligatoria nei modi e nei termini che solo un sistema come il nostro riesce a dare. Per questo abbiamo realizzato un prodotto multi piattaforma capace di seguire le Sue necessità di aggiornamento in qualsiasi luogo, in ogni momento e con diversi strumenti. La collana E-DOSSIER si aggiunge come ulteriore supporto all attività di aggiornamento. La nostra attenzione nella scelta dei contenuti è stata completa e puntuale. Per questo abbiamo selezionato ed unito gruppi di docenti universitari ed esperti nel settore capaci di elaborare contenuti di alto valore formativo. I nostri dossier, come le lezioni, sono strumenti validi e fondamentali per un approccio strategico alle risposte proprie della Sua professione, capaci di fornire un valore aggiunto alla Sua formazione ed un utile archivio di facile consultazione. 2

3 E-DOSSIER - A.F.A.P.- FISCO E TASSE 3

4 Sommario Depositi IVA 6 L introduzione dei beni nel deposito IVA 8 Obbligo di prestazione di apposita garanzia 11 Le operazioni sui beni custoditi 14 L estrazione dei beni dal deposito IVA 17 Soggetti autorizzati all estrazione 19 Considerazioni conclusive 20 4

5 La nuova disciplina dei depositi IVA I depositi IVA sono stati concepiti dal legislatore comunitario con l obiettivo di offrire agli operatori economici in relazione ai beni comunitari, parità di trattamento rispetto ai beni extracomunitari, che potevano fruire della sospensione dei diritti gravanti, tra i quali l IVA, mediante introduzione nei depositi doganali. La ratio consiste nella possibilità di operare in sospensione d imposta, e di assolvere l IVA commisurata al valore delle merci all atto della successiva estrazione mediante il meccanismo del reverse charge. Per le stessi ragioni, tale istituto si presta ad un utilizzo distorto e addirittura strumentale alla realizzazione di operazioni fraudolente. Al fine di contrastare possibili abusi che posso scaturire da un uso improprio di tale strumento, e al contempo di favorirne l uso da parte degli operatori, con la L. 12 luglio 2011, n. 106, di conversione, con modifiche, del D.L. 13 maggio 2011, n. 70, sono state apportate modifiche di rilievo all art. 50-bis, del D.L. 30 agosto 1003, n. 331, che regolamenta l uso dell istituto in esame. Le novità attengono principalmente all obbligo di prestare idonea garanzia al fine dell immissione in deposito di beni extracomunitari e alla platea di soggetti autorizzati all estrazione delle merci dallo stesso deposito. Il Decreto Sviluppo 1 e la manovra di Ferragosto 2 hanno introdotto sensibili variazioni alla disciplina dei Depositi IVA. La finalità che ha indotto il legislatore a revisionare alcune procedure relative all immissione dei beni in deposito e alla successiva estrazione, è quella di evitare un utilizzo abusivo di tale strumento, concepito per agevolare gli scambi commerciali. I depositi IVA, infatti, assolvono una funzione economico-logistica e attribuiscono vantaggi agli operatori economici in relazione ai beni comunitari, 1 Cfr. D.L. 13 maggio 2012, n Cfr. D.L. 13 agosto 2011, n

6 intendendosi tali anche quelli immessi in libera pratica nel territorio doganale comunitario. L istituto consente a chi vi ricorre di operare in sospensione d imposta, e di assolvere l IVA commisurata al valore delle merci esclusivamente all atto dell estrazione dei beni. Si tratta, pertanto, di un vantaggio di natura finanziaria, in quanto la liquidazione del tributo è temporalmente differita ad un momento successivo a quello di effettuazione dell operazione sottostante, che determina l esigibilità dell imposta. E facile comprendere come un strumento siffatto è esposto al rischio di un utilizzo fraudolento e strumentale rispetto a pratiche evasive o elusive. Con i recenti interventi normativi si è voluto rafforzare la funzione di garante del depositario per l IVA dovuta all importazione, introdurre nuovi obblighi formali per l immissione dei beni e disciplinare propriamente le categorie di soggetti autorizzati all estrazione. Le modifiche hanno interessato il testo dell art. 50-bis, del D.L. 30 agosto 1003, n. 331, che regolamenta l uso dell istituto in esame. Per apprezzare la portata delle novità recentemente introdotte è necessario preliminarmente soffermarsi sui profili caratterizzanti i depositi IVA e sui meccanismi che ne presiedono il funzionamento. Depositi IVA I depositi IVA sono stati introdotti nel nostro ordinamento dalla L. 18 febbraio 1997, n. 28 3, in attuazione dei principi comunitari contenuti nell art. 16 della Direttiva CEE del 17 maggio 1997, n La disciplina che regola le procedure relative ai beni vincolati in regime di deposito è, in particolare, contenuta nell art. 50-bis, del D.L. 30 agosto 1993, n Come anticipato in premessa, la norma consente di effettuare senza assoggettamento ad IVA tutte le operazioni che riguardano i beni introdotti in custodia in detti depositi. Ne consegue che l introduzione dei beni e la successiva cessione all interno del deposito non scontano la relativa imposta; 3 Cfr. Decreto Ministero Finanze 20 ottobre 1997, n

7 allo stesso modo, godono del regime sospensivo le lavorazioni di beni custoditi nonché il compenso dovuto al gestore per il deposito e la custodia. A differenza del deposito doganale, il deposito IVA è uno spazio fisico delimitato che consente di custodire e sottoporre a lavorazione, senza pagamento dell imposta, beni nazionali e comunitari, a condizione che gli stessi non siano destinati ad essere venduti al dettaglio nei locali del deposito 4. A tal proposito è necessario precisare che non è ammessa alcuna forma di deposito virtuale, sulla base della mera presa in carico documentale della merce nel registro di carico e scarico tenuto dal depositario. E invece necessario che i beni siano fisicamente stoccati e custoditi nelle aree adibite a deposito. Il regime agevolato, infatti, non compete se i beni non sono materialmente introdotti nel deposito, ovvero in locali a questo limitrofi per essere soggetti a lavorazione. I depositi IVA si distinguono in: - istituzionali; - autorizzati. I primi sono tali ex lege, e vi rientrano i depositi doganali, i magazzini generali, i depositi franchi e i punti franchi gestiti da imprese munite di autorizzazione doganale, e i depositi fiscali per i prodotti soggetti ad accisa. I secondi richiedono previa autorizzazione della Direzione Regionale delle Entrate e si suddividono in: - depositi in conto terzi, adibiti a immagazzinare beni destinati a soggetti diversi dal depositario; - depositi in conto proprio, per i soli beni comunitari destinati ad essere ceduti alla stessa impresa depositaria. Si realizza piena coincidenza tra destinatario finale e il gestore del deposito. Quanto alla casistica delle operazioni 5 che possono essere effettuate senza pagamento dell imposta mediante deposito IVA, è possibile operare una suddivisione tra: 4 Cfr. art. 50-bis, comma 1, del D.L. n. 331/ Cfr. art. 50-bis, comma 4, del D.L. n. 331/

8 - operazione di immissione o stoccaggio (lett. da a) a d), comma 4, art. 50-bis); - operazioni sui beni custoditi (lett. e) e h), comma 4, art. 50-bis). - operazioni di estrazione per cessione di beni custoditi (lett. f), g), e i), comma 4, art. 50-bis); L introduzione dei beni nel deposito IVA Nell ambito delle operazioni di introduzione rientrano: 1) gli acquisti intracomunitari di beni eseguiti mediante introduzione in deposito; 2) le operazioni di immissione in libera pratica di beni non comunitari destinati ad essere introdotti in un deposito; 3) le cessioni di beni, nei confronti di soggetti identificati in altro Stato membro della Comunità europea, eseguite mediante introduzione in deposito; 4) le cessioni dei beni elencati nella tabella A-bis, allegata al D.L. n. 331/1993, eseguite mediante introduzione in deposito. L introduzione deve avvenire sulla base di un documento amministrativo, commerciale o di trasporto da cui risultino le seguenti indicazioni: a) numero e specie dei colli; b) natura, qualità e quantità dei beni; c) luogo di provenienza e destinazione; d) corrispettivo o valore normale dei beni ; e) soggetto per conto del quale l introduzione è effettuata. La presa in carico della merce deve peraltro risultare da specifico registro di movimentazione dei beni tenuto e conservato dal gestore del deposito, secondo le stesse regole dei registri IVA. L acquisto intracomunitario di beni eseguito mediante introduzione in deposito (Figura 1), consiste in una transazione a titolo oneroso in favore di un cessionario residente, con movimentazione fisica dei beni da altro Stato della Comunità all Italia. Il cessionario depositante, affinché venga ammesso al 8

9 regime del deposito IVA, deve provvedere all espletamento dei seguenti adempimenti formali: - integrazione della fattura comunitaria ricevuta, indicando in luogo dell imposta la causa di non assoggettabilità ad IVA, ex art. 50, comma 4, lett. a), del D.L. n. 331/1993; - registrazione della fattura integrata nel registro IVA delle fatture emesse 6 e in quello degli acquisti 7 ; - presentazione del Modello INTRA 2-bis; - consegna della fattura integrata al depositario che provvede alla relativa annotazione sul registro di carico delle merci 8. Figura 1: Acquisto intracomunitario di beni eseguito mediante introduzione in deposito UE CESSIONARIO IT DEPOSITO IVA - integrazione fattura con titolo non assoggettabilità ad IVA (art. 50-bis, co. 4. l. a)); - registrazione nel registro IVA acquisti e vendite; - Modello INTRA 2-bis; - consegna al depositario Esclusione da IVA, ai sensi art. 50-bis, comma 4, l. a), D.L. n. 331/1993 L introduzione in deposito di beni extracomunitari immessi in libera pratica (Figura 2), avviene secondo il seguente iter procedurale: - la merce giunge in dogana scortata da un documento di transito; 6 Cfr. art. 23, DPR n. 633/ Cfr. art. 25, DPR n. 633/ Cfr. art. 50-bis, comma 3, D.L. n. 331/

10 - viene eseguito lo sdoganamento dei beni con bolletta IM-0, sulla quale viene indicata la destinazione al deposito IVA, ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, lett. b), del D.L. n. 331/1993; - deve essere prestata idonea garanzia commisurata al valore dell IVA non riscossa in dogana; - la merce viene presa in carico dal depositario che appone sulla copia della bolletta l attestazione della presa in carico e del numero attribuito, rimettendo copia alla Dogana per lo sdoganamento; - l importatore annota sul registro IVA degli acquisti la bolletta doganale, indicando l imponibile e il titolo di non assoggettamento (art. 50-bis, comma 4, lett. b), del D.L. n. 331/1993). Figura 2: Immissione in libera pratica di beni mediante introduzione in deposito EXTRA UE DEPOSITO IVA Sdoganamento con bolletta IM-0 Esclusione da IVA, ai sensi art. 50-bis, comma 4, l. b), D.L. n. 331/ apposizione della presa in carico; - trasmissione di copia alle Dogane La terza fattispecie con riferimento alla quale è ammesso l accesso all agevolazione, attiene alla cessione di beni a favore di un cessionario comunitario mediante introduzione in un deposito. Trattasi, di una cessione intracomunitaria atipica in quanto i beni non fuoriescono dal territorio fiscale italiano. Si realizza, in realtà, una cessione territorialmente rilevante a norma dell art. 7, del DPR n. 633/1972 senza pagamento dell imposta ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, lett. c), del D.L. n. 331/1993. In capo al cedente è previsto l obbligo di emissione di fattura con indicazione del numero di identificazione fiscale del cessionario comunitario e del titolo di non assoggettabilità ad IVA. 10

11 Tra le fattispecie ammesse al regime del deposito IVA, rientrano da ultime le cessioni di particolari topologie di beni, elencate nella Tabella A-bis, allegata al D.L. n. 331/1993 mediante introduzione nel deposito. Tale categoria riguarda specifiche merci, quali metalli non ferrosi, lane, beni alimentari, prodotti chimici, solitamente ceduti a catena prima di essere realmente commercializzati. Per via dell introduzione nel deposito, si realizza, pertanto la sospensione da imposta delle singole cessioni, mentre il presupposto impositivo si realizza al momento dell estrazione. Il cedente, pertanto, emette fattura senza applicazione dell imposta, ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, lett. d), del D.L. n. 331/1993 e provvede a rilasciarne copia al gestione del deposito all atto dell introduzione dei beni. Il depositario, dal canto suo, annota il documento d acquisto sul registro di carico e scarico. Obbligo di prestazione di apposita garanzia Il Decreto Sviluppo ha introdotto rilevanti novità nelle formalità necessarie per l introduzione in deposito di beni extracomunitari immessi in libera pratica. Come più volte evidenziato, in tale circostanza l assoggettabilità ad imposta avviene solo a seguito dell estrazione dei beni per la successiva commercializzazione ovvero per l utilizzo in Italia. Il soggetto che provvede all estrazione, infatti, è tenuto al versamento dell imposta mediante emissione di autofattura 9. Con decorrenza 12 settembre 2011, il regime di esonero è tuttavia subordinato alla prestazione di idonea garanzia commisurata all imposta non riscossa in dogana. Detta garanzia può essere prestata indifferentemente dall importatore, dal dichiarante o da un terzo 10 ed è dovuta anche nel caso in cui l importazione e la immissione in deposito avvengano ad opera di un soggetto non residente, identificatosi direttamente in Italia ai sensi dell art. 35-ter, del DPR n. 633/1972, o che abbia ivi nominato un rappresentante fiscale ai sensi dell art. 17, comma 3, dello stesso Decreto. 9 Cfr. art. 17, comma 2, DPR n. 633/ Cfr. Agenzia delle Dogane, nota n del 5 ottobre 2011, che ha recepito i contenuti dell art. 189, par. 3, Reg. CEE n. 2913/

12 In verità, nella pratica, ancora prima delle ultime modifiche normative, le Dogane, per vincolare i beni extracomunitari al regime di deposito, richiedevano la prestazione di una garanzia corrispondente all IVA all importazione non riscossa. La reale innovazione introdotta dal Decreto attiene piuttosto allo svincolo della predetta garanzia. Il novellato comma 6, dell art. 50-bis, prevede infatti che questa rimanga bloccata fino alla comunicazione al gestore del deposito, da parte del soggetto che procede all estrazione dei beni, dei dati relativi alla liquidazione dell imposta. In particolare, l Agenzia delle Dogane, nella medesima nota, ha precisato che: - nel caso di coincidenza tra operatore che introduce la merce in deposito e operatore che la estrae, tale soggetto provvede alle dovute comunicazioni al depositario e al competente ufficio doganale; - nel caso di alterità, il soggetto che procede all estrazione deve trasmettere al depositario la documentazione necessaria; sarà tuttavia cura di quest ultimo fornire gli elementi del buon esito dell operazione, oltre che al competente ufficio doganale, anche a colui che ha introdotto la merce in deposito. Quanto alla documentazione da produrre, l Agenzia delle Dogane 11 ha specificato che il soggetto che cura l estrazione deve trasmettere al gestore del deposito: 1) copia dell autofattura, ovvero nel caso di cessione intracomunitaria o di esportazione, copia della fattura integrata con gli estremi della registrazione nei libri contabili ovvero, in alternativa a tale integrazione, copia del registro IVA da cui risulti l avvenuta annotazione delle fatture; 2) dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà 12, con allegata copia di un documento di identità e l effettiva registrazione nei libri contabili dell autofattura o della fattura. Specifiche esimenti sono comunque previste per i titolari di certificazione attestante lo status di operatore economico autorizzato (OEA) 13, e nei confronti 11 Cfr. Agenzia Dogane, nota n del 7 settembre 2011, e nota n del 5 ottobre La dichiarazione di atto notorio deve essere rilasciata ai sensi degli artt. 19 e 47 del DPR n. 445/

13 dei soggetti la cui solvibilità è comprovata dalla presenza delle condizioni previste dall art. 90, DPR n. 43/1973. In ragione dello stato di crisi economica che interessa anche il comparto del commercio internazionale e al fine di attuare i principi esposti alla risoluzione n della Commissione permanente della Camera dei Deputati, l Agenzia delle Dogane 15 ha inteso semplificare le procedure per il riconoscimento dell esonero dalla presentazione della garanzia. Limitatamente a alla fattispecie di esonero di cui all art. 90 del TULD, è stato chiarito che è esclusiva competenza degli uffici delle dogane verificare, su istanza di parte, la solvibilità aziendale attraverso l esame dei seguenti elementi: a) iscrizione del soggetto alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura da almeno un anno, che dimostri l effettiva operatività e la regolarità dei versamenti IVA, con le modalità definite, con provvedimento dell Agenzia delle entrate; b) dati risultanti dal certificato storico rilasciato dalla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura; c) assenza di carichi pendenti, come da certificato 16 rilasciato dal competente Ufficio delle Entrate; d) dichiarazione 17 di aver effettuato nel corso dell ultimo anno, operazioni di importazione di merci non comunitarie in relazione alle quali commisurare l ammontare dell esonero stesso, senza che siano state rilevate irregolarità sanzionabili. In sostanza, l Agenzia delle Dogane ha ratificato un procedimento semplificato per il riconoscimento dell esonero dalla garanzia, a prescindere dalla procedura ordinaria, che prevede l accertamento della solvibilità mediante analisi degli indici di bilancio. 13 Cfr. art. 14-bis del Regolamento CEE n. 2454/ Risoluzione approvata dalla VI Commissione permanente della Camera dei Deputati, che ha impegnato il Governo ad adottare iniziative per favorire l operatività delle imprese. 15 Cfr. Agenzia Dogane, nota 4 novembre 2011, prot. n Trattasi del certificato approvato con Determinazione del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 25 giugno Dichiarazione resa dal soggetto ai sensi e per gli effetti del D.P.R. n. 445/

14 Sulla base del nuovo procedimento, a seguito di accoglimento dell istanza, l Ufficio concede l esonero dalla garanzia per la durata di un anno e entro il limite massimo dell IVA relativa alle operazioni di importazione effettuate nell anno precedente, ovvero relativa all immissione in libera pratica di beni introdotti in depositi IVA. Superato il predetto limite in corso d anno, il soggetto è tenuto a prestare cauzione nei modi di rito. Le operazioni sui beni custoditi L art. 50-bis, comma 4, lett. e) e h), del D.L. n. 331/1993, interessa le operazioni che posso riguardare i beni custoditi in deposito senza assoggettamento ad IVA. L agevolazione compete in particolare con riferimento a: 1) cessioni di beni custoditi; 2) prestazioni di servizi rese sui medesimi beni. La norma, in particolare, ammette che qualunque bene giacente in deposito possa essere ceduto, senza prima essere estratto, con esenzione dal pagamento dell imposta. In tal caso, gli adempimenti posti a carico del cedente differiscono a seconda questi sia o meno residente nel territorio dello Stato. Infatti, qualora il soggetto cedente risulti identificato ai fini IVA in Italia, è richiesta l emissione della fattura senza applicazione dell imposta, con specificazione del titolo di esenzione 18. Nel caso in cui, diversamente, il cedente sia residente in altro Stato della comunità ovvero al di fuori dello territorio comunitario, la cessione deve essere documentata dal cessionario mediante autofattura, non soggetta ad IVA (Figura 3). Il momento di assolvimento del imposta è infatti rimandato alla data di estrazione delle merci dal deposito. L art. 50-bis, comma 4, lett. h), del D.L. n. 331/1993 esclude, inoltre, dal pagamento dell IVA le prestazioni di servizi, comprese le operazioni di perfezionamento e le manipolazioni usuali, relative a beni custoditi in un deposito IVA, anche se materialmente eseguite non nel deposito stesso, ma 18 Cfr. art. 50-bis, comma 4, lett. e), del D.L. n. 331/

15 nei locali limitrofi sempreché, in tal caso, le suddette operazioni siano di durata non superiore a sessanta giorni. Tali servizi sono soggetti ad imposta all atto dell estrazione dei beni lavorati dal deposito, in quanto il relativo corrispettivo concorre a formare la base imponibile della cessione oggetto di tassazione. Il Dipartimento delle Entrate 19 ha peraltro chiarito che per spazi limitrofi si intendono quelli che, pur non essendo parte dello stesso deposito, sono funzionalmente e logisticamente ad esso collegati in un rapporto di contiguità e comunque rientranti nel plesso aziendale del depositario, ad esclusione dei locali gestiti da soggetti diversi dai depositari. Figura 3: Cessione di beni custoditi in un deposito CEDENTE IT QUALUNQUE Il cedente idenitificato in Italia emette fattura, senza IVA DEPOSITO IVA CESSIONARIO UE/EXTRA UE CESSIONARIO IT Esclusione da IVA, ai sensi art. 50-bis, comma 4, l. e), D.L. n. 331/1993 Il cessionario italiano emette autofattura, senza IVA La formulazione, tuttavia, lasciava spazio a diffuse interpretazioni. Il legislatore è pertanto intervenuto con una interpretazione autentica delle norma a specificare che 20 le prestazioni di servizi relative a beni consegnati al depositario costituiscono ad ogni effetto introduzione nel deposito IVA, senza tempi minimi di giacenza né obbligo di scarico da mezzo di trasporto. Da quanto premesso consegue che il regime di sospensione d imposta del deposito IVA, come evidenziato dalla relazione illustrativa della disposizione in commento, si realizza quando si verificano, in alternativa, le seguenti condizioni: 19 Cfr. R.M. 2 ottobre 200, n.149/e. 20 Cfr. comma 5-bis, dell art. 16, del D.L. 29 novembre 2008, n. 185, così come integrato dapprima dall art. 8, comma 21-bis, del D.L. 2 marzo 2012, n. 16 e successivamente dall art 34, comma 44, del D.L. n. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito dalla L. 17 dicembre 2012, n

16 - ingresso fisico della merce in deposito; - ingresso fisico del mezzo di trasporto nel deposito, senza che la merce venga necessariamente scaricata; - ingresso fisico della merce negli spazi limitrofi al deposito ove, senza che sia necessario che venga materialmente introdotta nella struttura, viene effettivamente prestato il servizio. In sostanza, non è necessario che i beni da sottoporre a lavorazione o a manipolazioni usuali, raggiungano gli spazi del deposito, bensì gli spazi limitrofi dove il servizio deve essere prestato. Sotto il profilo documentale, è necessario distinguere a seconda dello Stato di residenza del prestatore. Questo in quanto: qualora la prestazione sia rese da un prestatore nazionale in favore di un committente nazionale, il primo deve emettere fattura senza applicazione dell imposta ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, l. h), del D.L. n. 331/1993; qualora la prestazione sia resa da un soggetto estero in favore di un committente nazionale, quest ultimo è tenuto a documentare l operazione mediante emissione di autofattura. E stato chiarito che in caso si erroneo assoggettamento ad IVA di prestazioni relative ai beni custoditi, il committente italiano può comunque detrarre l imposta addebitata in fattura, ai sensi e nei limiti stabiliti dall art. 19, del DPR n. 633/ In tal caso, tuttavia, al momento dell effettiva estrazione dei beni, il valore della prestazione non concorrerà alla formazione dell imponibile. 21 Cfr. Circ. 13 marzo 2009, n. 8/E. 16

17 L estrazione dei beni dal deposito IVA L estrazione dei beni determina la fuoriuscita giuridica dal regime fiscale del deposito IVA e l applicazione della relativa imposta, rimasta sospesa per l intera durata della giacenza. L art. 50-bis, comma 4, del D.L. n. 331/1993, specifica quali operazioni fanno sorgere il presupposto impositivo, ovvero: 1) le cessioni intracomunitarie di beni estratti dal deposito con spedizione in un altro Stato membro della Comunità; 2) le cessioni di beni estratti dal deposito IVA, con trasporto o spedizione fuori del territorio della Comunità europea; 3) il trasferimento dei beni in altro deposito IVA. In termini generali, pertanto, l estrazione dei beni dal deposito IVA per la successiva commercializzazione o l utilizzo in Italia (Figura 4), comporta l obbligo dal parte del soggetto che vi provvede, al pagamento dell IVA mediante emissione di autofattura, ai sensi dell art. 17, comma 2, del DPR n. 633/1972. Tale documento deve riportare gli estremi della bolletta doganale di importazione, l ammontare imponibile e la relativa imposta. Resta fermo che nel caso in cui l operazione riguardi beni oggetto di un precedente acquisto intracomunitario, la procedura di emissione dell autofattura lascia il passo all integrazione del documento passivo ricevuto. Il soggetto che provvede all estrazione deve pertanto integrare la fattura comunitaria con l eventuale corrispettivo dei servizi resi nel deposito e l ammontare dell IVA corrispondente Cfr. Circ. 22 maggio 2003, n. 113/E. 17

18 Figura 4: Estrazione dal deposito per immissione al consumo in Italia EXTRA UE UE DEPOSITO IVA Immissione al consumo in IT AUTOFATTURA INTEGRAZIONE FATTURA Esclusione da IVA, ai sensi art. 50-bis, comma 6, D.L. n. 331/1993 La base imponibile è costituita dal valore della merce al momento dell introduzione nel deposito. Se, tuttavia, i beni durante la giacenza sono stati oggetto di cessione ovvero di lavorazione, è assoggettato ad imposta il corrispettivo dell ultima cessione, eventualmente aumentato del compenso per i servizi relativi alle lavorazioni subite dalle merci. Con riguardo alla registrazione dei documenti, è stato chiarito dal Dipartimento delle Finanze 23 che: - nel caso in cui la base imponibile sia rimasta invariata rispetto al valore di introduzione: nel registro delle fatture emesse deve essere annotato l intero imponibile e la relativa imposta; nel registro degli acquisti deve essere annotata la sola imposta. - nel caso in cui la base imponibile risulti differente dal valore di introduzione: nel registro delle fatture emesse vanno annotati l imponibile e l imposta; nel registro degli acquisti deve essere annotata la differenza tra l imponibile e quanto annotato sulla base del documento originale e l intera imposta. 23 Cfr. Circ. 21 dicembre 2000, n. 198/E; Ris. 30 luglio 2001, n. 70/E. 18

19 Diversamente, se i beni estratti sono destinati ad essere ceduti ad un soggetto identificato in altro Stato membro, il cedente è tenuto ad emettere fattura in regime di non imponibilità ex art. 41, del D.L. n. 331/1993 e a riportarla sul Modello IINTRA 1-bis. Qualora, invece, i beni fuoriusciti dal deposito vengano inviati al di fuori del territorio doganale comunitario, trattandosi di una cessione all esportazione, è richiesta l emissione di una fattura non imponibile ai fini IVA, ai sensi dell art. 8, del DPR n. 633/1972. Resta fermo che il trasferimento della merce ad altro deposito IVA non comporta l assoggettamento ad imposta, ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, lett. i). La movimentazione dei beni deve risultare da apposito documento di trasporto annotato tanto sul registro del deposito in uscita che su quello del deposito in entrata. Soggetti autorizzati all estrazione Sotto il profilo soggettivo, il novellato comma 6, dell art. 50-bis, stabilisce che i beni depositati possono essere estratti esclusivamente dalle imprese in possesso di specifici requisiti di affidabilità. La norma, infatti, dispone che l'estrazione dei beni da un deposito IVA ai fini della loro utilizzazione o in esecuzione di atti di commercializzazione nello Stato può essere effettuata solo da soggetti passivi d'imposta agli effetti dell'iva iscritti alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura da almeno un anno, che dimostrino una effettiva operatività e attestino regolarità dei versamenti IVA, con le modalità definite con provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate, e comporta il pagamento dell'imposta ( ). Secondo la nuova disposizione, tali soggetti non solo dovranno essere in regola con il versamento del tributo, ma dovranno dimostrare di essere effettivamente operativi, mediante il requisito di iscrizione alla Camera di commercio da almeno un anno. 19

20 Sino all adozione del citato provvedimento, come chiarito dall Agenzia delle Dogane, l estrazione dei beni ai fini dell immissione al consumo in Italia continua ad essere effettuata secondo le modalità ordinarie. Le nuove disposizioni hanno comunque fatto sorgere notevoli perplessità, dal momento che non è chiaro se tali prescrizioni trovino applicazione anche ai soggetti non residenti identificati direttamente in Italia o con rappresentate fiscale, per i quali non sussiste l obbligo di iscrizione alla Camera di commercio. Qualora l atteso provvedimento dovesse interpretare rigidamente le previsioni di legge, tali soggetti non sarebbero autorizzati all estrazione dei beni dai depositi, producendo un risultato non in linea rispetto alle reali finalità dell istituto. Considerazioni conclusive La recenti disposizioni hanno segnato una profonda modifica nelle formalità necessarie per poter fruire dello strumento dei Depositi IVA. Al fine di ricercare un sempre complesso equilibrio tra esigenze di tutela del gettito fiscale e accessibilità a tale strumento da parte degli operatori economici, il legislatore ha reso più onerosa la procedura in introduzione dei beni in deposito. E attualmente richiesto, salvo ipotesi di esenzione riconosciuta a imprese dalla comprovata solvibilità, la prestazione di apposita garanzia corrispondente all ammontare dell IVA non riscossa in dogana all atto dell importazione. Assonime 24 ha fatto notare che tale obbligazione rappresenta un onere finanziario e burocratico eccessivamente gravoso per le imprese e che, tra l altro, tale strumento si sovrappone ad altri meccanismi di garanzia già previsti dal sistema dei depositi IVA. La norma di riferimento, infatti, impone un regime di responsabilità solidale tra il gestore del deposito e il soggetto titolare dell obbligazione principale in ordine all IVA dovuta all estrazione dei beni dal deposito. Il depositario rimane illeso da responsabilità solo ove tenga regolarmente il registro relativo alla movimentazione delle merci. Allo stesso modo, le nuove prescrizioni di legge introducono nuovi requisiti in capo al soggetto autorizzato all estrazione dei beni dal deposito. Rispetto al 24 Cfr. circolare 22 dicembre 2011, n

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli