Prof. Raffaello Nardi. Pubblicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Raffaello Nardi. Pubblicazioni"

Transcript

1 Prof. Raffaello Nardi Pubblicazioni NARDI R., Sui rapporti tra la collina di S. Ginese e il Monte Pisano. Boll.Soc.Geol.It., 79, Pisa, NARDI R., Geologia della zona tra la Pania della Croce, Gallicano e Castelnuovo Garfagnana (Alpi Apuane). Boll.Soc.Geol.It., 80, Pisa, NARDI R., Sulla giacitura delle calcareniti a nummuliti nei terreni metamorfici del versante nord-orientale delle Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol. It., 81, Pisa, GIANNINI E., NARDI R., TONGIORGI M., Osservazioni sul problema della falda toscana. Boll.Soc.Geol. It, 81, Pisa, NARDI R., TONGIORGI M., Contributo alla geologia dell'appennino tosco-emiliano: I - Stratigrafia e tettonica dei dintorni di Pievepelago (Appennino modenese). Boll.Soc.Geol. It, 81, Pisa, NARDI R., Geologia della zona tra il Pizzo d'uccello, il Monte Pisanino e il Monte Tambura (Alpi Apuane). Boll.Soc.Geol. It, 81, Pisa, GIANNINI E., NARDI R., Sul ritrovamento di microfossili eocenici negli scisti policromi metamorfici associati allo pseudomacigno sul versante nordorientale del Monte Pisano. Boll.Soc.Geol.lt., 81, Pisa,1962. ELTER P., NARDI R., Osservazioni sulla serie di Costa Merlassino presso Cantalupo Ligure (Alessandria). Boll.Soc.Geol.lt., 81, Pisa,1962. NARDI R., Una nuova specie di Megalodus nel Trias superiore delle Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol. It, 82, Pisa, NARDI R., Bibliografia geologica delle Alpi Apuane. Atti Soc. Tose. Sc.Nat., 70, serie A, fasc. 2, Pisa, NARDI R., Sul ritrovamento di nummuliti nello pseudomacigno del versante nord-orientale delle Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol. It, 82, Pisa,1963. NARDI R., La "zona degli scisti sopra i marmi" nelle Alpi Apuane e i terreni che la costituiscono. Boll.Soc.Geol. It., 82, Pisa, GIANNINI E., NARDI R., Contributo alla stratigrafia della serie toscana: osservazioni sui livelli di radiolariti. Boll.Soc.Geol. It., 83, Pisa, NARDI R., Contributo alla geologia dell'appennino tosco-emiliano. III -I rapporti tra le "Arenarie del Monte Cervarola e il Macigno lungo la valle dello Scoltenna (prov. di Modena). Boll.Soc.Geol.It, 83, Pisa, DALLAN L., NARDI R., Polymorphinidae nel Retico delle Alpi Apuane (Zona ad Avicula contorta PORTL.). Boll.Soc.Geol. It, 83, Pisa, NARDI R., Contributo alla geologia dell'appennino tosco-emiliano. IV - La geologia della valle dello Scoltenna tra Pievepelago e Montecreto (Appennino modenese). Boll.Soc.Geol. It, 83, Pisa, NARDI R., Schema geologico dell'appennino tosco-emiliano tra il Monte Cusna e il Monte Cimone e considerazioni sulle unità tettoniche dell'appennino. Boll.Soc.Geol. It, 84, Pisa,

2 GIANNINI E., NARDI R., Geologia della zona nord - occidentale del Monte Pisano e dei Monti d'oltre Serchio (prov. di Pisa e Lucca). Boll.Soc.Geol. It, 84, Pisa, GIANNINI E., NARDI R., Osservazioni sulla stratigrafia e la tettonica della zona di raccordo tra il Monte Pisano e le Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol. It., 84, Pisa, BERTOLLI A., NARDI R., Geologia delle valli del Dolo e del Dragone (Appennino tosco - emiliano). Mem.Soc.Geol.It, V, Pisa, NARDI R., Sull'età dei diversi marmi bianchi delle Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol. It, 85, Pisa, NARDI R., TOGLIATTI V., Osservazioni sui rapporti tra scistosità e stratificazione della serie toscana metamorfica del versante nord-orientale delle Alpi Apuane. Boll.Soc.Geol.It., 85, Pisa, BRANDI G.P., NARDI R., Strutture sedimentarie nelle arenarie del Monte Cervarola. Mem.Soc.Geol. It, V, Pisa, GIANNINI E., LAZZAROTTO A., NARDI R., Ipotesi sulla giacitura di lembi di dolomie triassiche negli scisti sericitici varicolori della serie toscana metamorfica Boll.Soc.Geol.It, 86, Pisa,1967. BALDACCI F., BRANDI G.P., NARDI R., SQUARCI P., TAFFI L, Sulla giacitura dei calcari cavernosi e dei gessi di Sassalbo, del Passo del Cerreto e della Val di Secchia (Appennino tosco-emiliano). Mem.Soc.Geol.It., VI, Pisa, BALDACCI F., ELTER P., GIANNINI E., CIGLIA G., LAZZAROTTO A., NARDI R., TONGIORGI M., Nuove osservazioni sul problema della falda toscana e sulla interpretazione dei flysch arenacei tipo "macigno" dell'appennino settentrionale. Mem.Soc.Geol.It., VI, Pisa, BALDACCI F., NARDI R., Sulla presenza di una finestra tettonica nella serie toscana della Valle del Serchio di Soraggio (Appennino lucchese). Atti Soc.Tosc.Sc.Nat., Mem., Serie A, 74, Pisa,1967. BRANDI G.P., DALLAN L., NARDI R., Alcuni livelli caratteristici nei "grezzoni" delle Alpi Apuane. Considerazioni stratigrafiche e sedimentologiche. Mem.Soc.Geol.It., VI, Pisa, NARDI R., Schema stratigrafico e strutturale delle Alpi Apuane nord-orientali. Mem.Soc.Geol.It., VI, Pisa, GHELARDONI R., GIANNINI E., NARDI R., Ricostruzione paleogeografica dei bacini neogenici e quaternari nella bassa valle dell'arno sulla base dei sondaggi e dei rilievi sismici. Mem.Soc.Geol.It, VII, Pisa, TREVISAN L, DALLAN L., NARDI R., RAGGI G., SQUARCI P., TAFFI L, Note illustrative della Carta Geologica d'italia alla scala 1: , Foglio 104. "Pisa". Poligr., Carte valori, Ercolano (Napoli) NARDI R., Le unità alloctone della Corsica e loro correlazione con le unità delle Alpi e dell'appennino. Mem.Soc.Geol.It, VII, Pisa, NARDI R., Contributo alla geologia della Balagne (Corsica nord-occidentale). Mem.Soc.Geol. It., VII, Pisa, DALLAN L., NARDI R., Lacuna stratigrafica nel Neocomiano tra la maiolica e la serie toscana sottostante nei Monti d'oltre Serchio (prov. di Pisa e Lucca). Mem.Soc.Geol.It, VIII, Pisa NARDI R. et ALII, Carta geologica d'italia al : F 97, "San Marcello Pistoiese". Ist. It. Arti Grafiche, Bergamo, 1968 NARDI R. et Alii, Carta geologica d'italia al : F 105, "Lucca". Poligr. Bolis, Bergamo, NARDI R. et ALII, Carta geologica d'italia al : F 104, " Pisa". Lit. Art. Cartografica, 2

3 Firenze NARDI R. et ALII, Carta geologica d'italia al : F 96, " Massa".Stabilimento Salomone, Roma, DALLAN L., ELTER P., NARDI R., Considerazioni sull'arco dell'appennino settentrionale e sulla "linea" Ancona - Anzio. Boll.Soc.Geol. It., 90, Roma, NARDI R., PUCCINELLI A., VERANI M., Sezioni geologiche interpretative nella Balagne sedimentaria (Corsica nord - occidentale). Mem.Soc.Geol. It., 10, Pisa, TREVISAN L., NARDI R. et ALII, Note illustrative della carta geologica d'italia al : F 105, " Lucca". Arti Grafiche Di Maura, Cava dei Tirreni, TREVISAN L., NARDI R. et ALII, Note illustrative alla carta geologica d'italia al : F 96, " Massa". Nuova Tecnica Grafica, Roma, DALLAN L., NARDI R., Particolari strutture sedimentarie da "slumping" nel macigno della Val di Lima (Appennino pistoiese). Atti Soc.Tosc.Sc.Nat., Mem., Serie A, 79, Pisa, DALLAN L., NARDI R., II rilevamento e la lettura delle carte geologiche. Pisa, Pacini Ed., DALLAN L., NARDI R., Ipotesi sulla genesi e sul significato delle brecce stratigrafiche associate ai "calcari cavernosi" sulle Alpi Apuane e sul Monte Pisano in rapporto alla messa in posto della falda toscana. Boll.Soc.Geol. It., 92, Roma, NARDI R. et ALII, Modello strutturale d'italia alla scala 1: : "Appennino settentrionale" e "Corsica". C.N.R., Roma, DALLAN L., NARDI R., Schema stratigrafico e strutturale del nucleo metamorfico apuano. 3 Conv. Naz. Geol. Appl., Firenze, COCOZZA T., JACOBACCI A., NARDI R., SALVADORI I., Schema stratigrafico e strutturale del Massiccio Sardo-Corso. Mem.Soc.Geol. It., 1 3, Pisa, DALLAN L., NARDI R., Schema stratigrafico e strutturale dell'appennino settentrionale. Mem. Acc. Lunigianese "G. Capellini",3 9, Pisa, NARDI R., Structural outline of Corsica. C.N.R., Quaderni de "La Ricerca Scientifica", 90, Roma, DALLAN L., NARDI R., Structural pattern of the Northern Apennines. C.N.R., Quaderni de "La Ricerca Scientifica", 90, Roma, CHINES C., NARDI R., NOLLEDI G., Osservazioni al progetto dell'acquedotto sussidiario per la città di Pisa, con derivazione di acqua dal Serchio. La Provincia di Lucca, 16. Lucca, NARDI R., PUCCINELLI A., VERANI M., Carta geologica della Balagne "sedimentaria" (Corsica NW) alla scala 1: e note illustrative. Boll.Soc.Geol.lt, 97, DALLAN L., NARDI R., Osservazioni sulle fasi tettoniche tra l'oligocene e il Miocene inferiore nell'appennino settentrionale. C.N.R. Profili geologici attraverso la penisola italiana. Napoli, DALLAN L., NARDI R., Il quadro paleotettonico dell'appennino settentrionale: un'ipotesi alternativa. Atti Soc.Tosc. Se. Nat., Mem., serie A, 78, NARDI R., PUCCINELLI A., PATELLA D., Applicazione del metodo del sondaggio dipolare profondo lungo una sezione dalle Alpi Apuane all'appennino pistoiese. Atti Soc.Tosc. Sc.Nat., Mem., Serie A, 86, Pisa, DALLAN L, NARDI R., PUCCINELLI A., VERANI M. et ALII, Sezioni geologicostrutturali in scala 1: attraverso l'appennino settentrionale. C.N.R. Progetto Finalizzato Geodinamica, Sottoprog. Modello Strutturale, Gruppo Appennino Settentrionale. Firenze, NARDI R., Aspetti geologici della Garfagnana. Comunità Montana della Garfagnana. Castelnuovo Garfagnana (Lucca),

4 NARDI R., Appunti geologici per una Conferenza-Dibattito sulla sismicità della Garfagnana. Pacini Fazzi Ed., Lucca, NARDI R., PUCCINELLI A., VERANI M., Carta geologica e geomorfologica (con indicazioni di stabilità) della Provincia di Pistoia (alla scala 1: ). In 4 fogli. S.ELC.A., Firenze, NARDI R., CARDOSI CARRARA S., CHINES C., NOLLEDI G., L'acquedotto del Nottolini: stato attuale e proposte di intervento. Comune di Lucca Ed., BOCCALETTI M., DECANDIA F.A., NARDI R. et ALII, Carta strutturale dell Appennino settentrionale alla scala 1: C.N.R., P.F. "Geodinamica", Pubbl. n.429, S.EL.CA., Firenze, FERRI W., NARDI R., PALLA B., Rilievi topografici - fotogrammetrici della Castellina di Casoli (Camaiore-Lucca) per controlli sulla stabilità e per la programmazione degli interventi di consolidamento. Atti intern. Symposium on Photogrammetric Contribution to the Documentation of the Historical Centre and Monuments. Siena, DALLAN L., NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A. et ALII, Profili idrogeologici nell'appennino centro-settentrionale. In: Contributo alla conoscenza delle risorse geotermiche del territorio italiano. C.N.R. P.F. "Energetica", S.P. "Energia Geotermica" PFE-RF13. Roma, DALLAN L, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A. et ALII, Carta del tetto del potenziale serbatoio. In: Contributo alla conoscenza delle potenzialità geotermiche della Toscana e del Lazio. C.N.R., P.F. "Energetica", S.P. Energia Geotermica, PFE-RF15. Roma, NARDI R., COGNETTI G., Elementi di Scienze Naturali. Voi. II. Calderini Ed. Bologna, DALLAN L., NARDI R., Ipotesi sull'evoluzione dei domini "liguri" della Corsica nel quadro della paleogeografia e della paleotettonica delle unità alpine. Boll.Soc.Geol.It., 103, 1984, Roma. CHINES C., NARDI R., NOLLEDI G., La geologia e la geotecnica quali presupposti conoscitivi per gli interventi di restauro e di conservazione delle Mura di Lucca. Atti "Convegno sulle fortezze cittadine". Lucca, NARDI R., POCHINI A.. PUCCINELLI A., Contributo all'analisi del territorio interessato dal sisma del : 1 - Cartografia geologica e geomorfologica di dettaglio dei centri abitati di Balvano, Muro Lucano e San Gregorio Magno. 2 - Aree ad elevata franosità potenziale nel territorio del Comune di Balvano. Geol. Appl, e Idrogeologia, 20 (2). Bari, NARDI R., Valutazione del rischio da frana in Garfagnana e nella Media Valle del Serchio (Lucca) - Pacini Fazzi Ed., Lucca, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) : "Ceserana". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl, 2-3. S.EL.CA, Firenze, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Gragnana". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., 4-5. S.ELCA, Firenze, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) : "Piazza al Serchio". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., 6-7. S.ELCA, Firenze, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Casciana". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., 8-9. S.ELCA, Firenze,

5 NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., TRIVELLINI M, Valutazione del rischio da frana in Garfagnana e nella Media Valle del Serchio (Lucca) 1) Carta geologica e carta della franosità degli elementi "Gragnana", "Piazza al Serchio", "Casciana" e "Ceserana"(scala 1:10.000) - Boll. Soc. Geol. It., 104, , 8 tav.. f.t., NARDI R., PUCCINELLI A., DI PASSIO C., HOST E., MORINI D, Pericolosità indotta. Carta della franosità: l'esempio della Val di Serchio tra Pieve Fosciana e Camporgiano - Elementi "Camporgiano" - "Villa Collemandina" - "Pieve Fosciana" - "Poggio" - in: Progetto di Terremoto in Garfagnana e in Lunigiana. C.N.R. -Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti, 74-80, 4 tav.. f.t. - Regione Toscana, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G, Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Castelvecchio Pascoli". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Fornaci di Barga". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Ghivizzano". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Cascio". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.EL.CA, Firenze, PALLA B., NARDI R., PERTUSATI P. C., TONGIORGI M., Movimenti differenziali lungo l'asse della dorsale media toscana all'altezza dei Monti Pisani - Atti del 4 Conv. annuale del Gruppo Naz. di Geofisica della Terra Solida, , Roma, PALLA B., NARDI R., PERTUSATI P.C., TONGIORGI M. - Misure sulle deformazioni verticali differenziali nei Monti Pisani: Realizzazione della rete di rilevamento e controllo. Atti del 5 Conv. Annuale del Gruppo Naz. di Geofisica della Terra Solida Roma, NARDI R., PUCCINELLI A., DE LUCIA P.L, Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Castelnuovo Garfagnana". Dipartimento Scienze della Terra, Univ. di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Sillico". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G. - Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Barga". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Gallicano". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., S.ELCA, Firenze, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., TRIVELLINI M., Valutazione del rischio da frana in Garfagnana e nella media valle del Serchio (Lucca). 2) Carta geologica e carta della franosità degli elementi "Sillico", "Castelnuovo Garfagnana", "Cascio", 5

6 "Castelvecchio Pascoli", "Gallicano", "Barga", "Fornaci di Barga" e "Ghivizzano" (scala 1:10.000). Boll.Soc.Geol.It., 106 (1987), , 5 ff., 16 tavv.f.t, Roma, BOCCALETTI M., COLI M., DALLAN NARDI L, NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., Unità metamorfiche toscane: area Alpi Apuane. Unità toscane. In: Carta strutturale dell Appennino settentrionale. Note illustrative. C.N.R., P.F. "Geodinamica", S.P. "Modello strutturale". Gruppo Appennino settentrionale. Pubbl Tipografia senese, NARDI R., CECCARELLI G., BOSCHI E., I rischi idro-geologici, chimico industriali e sismici della provincia di Lucca e dell Appennino Pistoiese. Atti Convegno Lions Club Lucca. Lucca, Stampa S. Marco, NARDI R., D'AMATO AVANZI, Una casistica di eventi idrogeologici con seppellimento di persone nell'italia centrale. Atti della fondazione Giorgio Ronchi; Anno XLIII, 3. Firenze NARDI R., Considerazioni sul rischio da frana in Lunigiana. Boll.Mus.St.Nat.Lunigiana, 6-7, Aulla, CRESPELLANI T., NARDI R., SIMONCINI C., La liquefazione dei terreni in condizioni sismiche. Zanichelli Ed., Bologna, NARDI R., Il rischio da frana in Italia. In: Applicazioni di tecnologie nella conoscenza, nella previsione e nel pronto intervento in caso di movimenti franosi. Atti Istituto di Ricerca sulle Onde Elettromagnetiche del C.N.R.. Firenze, NARDI R., Il rischio idrogeologico nella Provincia di Lucca e nell'alto Appennino Pistoiese. Atti Convegno "Rischi idro-geologici, chimico industriali e sismici della Provincia di Lucca e dell'appennino Pistoiese". Lions Club -Lucca, 12 Dicembre Lucca, Tip. S. Marco, DALLAN L, NARDI R., PUCCINELLI A., Carta geologica della regione tra Bastia e St. Florent (Corsica) alla scala 1: Firenze, S.ELCA., NARDI R., NOLLEDI G., ROSSI F., Geologia e idrogeologia della pianura di Iucca. Geogr. Fis. e Dinam. Quat., 10,1987, , 4tt. Torino, NARDI R., Metodologie per la valutazione del rischio da frana e applicazione ad alcune situazioni nella Toscana occidentale. Quad. Geol. Appl., Univ. Pisa, 2, 1-6, Lucca, Pacini Fazzi Ed., D'AMATO AVANZI G., NARDI R., POCHINI A., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., La frana di Camporaghena (MS). Quad. Geol. Appl., Univ. Pisa, 2, 13-21, Lucca, Pacini Fazzi Ed., CHINES C., NARDI R., NOLLEDI G., La frana di Casoli di Camaiore (LU). Quad. Geol. Appl., Univ. Pisa, 2, 22-34, Lucca, Pacini Fazzi Ed., CHINES C., NARDI R., OLIVERI S., La frana del Ponte alla Seconda sulla S.S. 445 della Garfagnana. Quad. Geol. Appl., Univ. Pisa, 2, 35-40, Lucca, Pacini Fazzi Ed., NARDI R., D'AMATO AVANZI G., Caratteristiche dei versanti e fenomeni franosi nel medio e basso bacino dell'arno. Riv. "Acqua-Aria",6, Milano, Savino Barbera Ed., NARDI R., Frane e aree potenzialmente franose: la cartografia della media valle del Serchio, della Garfagnana e della Lunigiana. Atti Conv. "Problemi di cartografia e monitoraggio dei movimenti franosi". Bologna, nov Bologna, NARDI R., PUCCINELLI A., DE LUCIA P.L, Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Fosciandora". Dipartimento Scienze della Terra, Univ. di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Sillano". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, 6

7 c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) -"Coreglia". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., BALDACCI F., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) - "Corti no". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.ELC.A, c. in custodia. NARDI R., Le condizioni geologiche nei fenomeni di liquefazione dei terreni. In CANUTI P., PRANZINI E." "La gestione delle aree franose". Roma, Edizioni delle Autonomie, NARDI R., PUCCINELLI A., CAREDIO F., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) scala 1: "Bagni di Lucca". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., 38-39, Firenze, S.EL.CA, c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) scala 1: "Giuncugnano". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., TRIVELLINI M., Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) scala 1: "Vibbiana". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, c. in custodia. NARDI R., PUCCINELLI A., DE LUCIA P.L, Carta geologica e carta della franosità della Garfagnana e della media valle del Serchio (Lucca) scala 1: "Magliano a Sera". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., CAREDIO F., Carta geologica e carta della franosità della Lunigiana (Massa Carrara) scala 1: "Podenzana - Barbaresco". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., PELLEGRINO G., BISERNA A., Carta geologica e carta della franosità della Lunigiana (Massa Carrara) scala 1: "Terra Rossa - Aulla". Dipartimento Scienze della Terra, Univ.di Pisa, Geol. Appl., Firenze, S.EL.CA, NARDI R., Slope stability in sismic areas. Atti Conv. "Irpinia dieci anni dopo", Sorrento (Na), NARDI R., La legge sulla difesa del suolo e i piani di bacino. Estr. da Atti VII Congresso Nazionale Ordine dei Geologi, Roma Ottobre 1990, pagg DALLAN L, NARDI R., PUCCINELLI A., D'AMATO AVANZI G., TRIVELLINI M., Valutazione del rischio da frana in Garfagnana e nella media valle del Serchio (Lucca). 3) Carta geologica e carta della franosità degli elementi scala 1: "Sillano", "Corfino", "Fosciandora" e "Coreglia" (scala 1:10.000). Roma, Boll.Soc.Geol.lt, 110 (1991), ,16ff., 2tav., NARDI R., POCHINI A., ALLAGOSTA M., Studio e monitoraggio della frana di Camporaghena (Comano-MS), nell'area sismica della Lunigiana/Garfagnana; struttura del sistema, dati e risultati preliminari. Pisa, Atti Conv. G.N.D.T. (C.N.R.), 1990 (1992). NARDI R., La legge 183/1989: Il bacino sperimentale del Serchio, Quaderno n. 0 Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio. Lucca, S. Marco Litotipo,

8 NARDI R., Gli eventi alluvionali del 9 giugno e dell 11 luglio Supplemento al Quaderno n. 0 Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio. Lucca, S. Marco Litotipo, NARDI R., Autorità di Bacino del Fiume Arno, Bacino idrografico del fiume Arno, Carta delle Opere Idrauliche classificate di II e III categoria alla scala 1: Firenze, S.EL.CA, NARDI R., Autorità di Bacino del Fiume Arno, Bacino idrografico del fiume Arno, alla scala 1: Firenze, Foglio EST. S.EL.CA, NARDI R., Autorità di Bacino del Fiume Arno, Bacino idrografico del fiume Arno, alla scala 1: Firenze, Foglio OVEST. S.EL.CA, NARDI R., Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Bacino idrografico del fiume Serchio alla scala 1: Firenze, S.EL.CA, NARDI R., Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Carta delle Opere Idrauliche classificate di II e III categoria alla scala 1: Firenze, S.EL.CA, NARDI R., L attività estrattiva nel bacino del fiume Serchio. 1 Quaderni Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio. Lucca, S. Marco Litotipo, NARDI R., L Arno e le sue acque: contributo conoscitivo alla elaborazione del piano di bacino. 1 Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Nuova Grafica Lucchese, NARDI R., Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Bacino idrografico del fiume Serchio. alla scala 1: Firenze, S.EL.CA, NARDI R, Schema del piano di bacino dell Arno e del bacino sperimentale del Serchio. 2 Quaderni Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio e Autorità di Bacino del Fiume Arno. Ospedaletto (Pisa), Arti Grafiche Felici, NARDI R., L'evoluzione e la dinamica del litorale prospiciente i bacini dell'arno e del Serchio e i problemi di erosione della costa: contributo conoscitivo alla elaborazione del piano di bacino. 3 Quaderni Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio e Autorità di Bacino del Fiume Arno. Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici, NARDI R., Rischio idraulico nel bacino dell'arno: contributo conoscitivo alla elaborazione del piano di bacino, 2 Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici, NARDI R., L Attività estrattiva nel bacino dell Arno. Fabbisogno di materiali litoidi e cave. Proposta di stralcio del Piano di Bacino. L. 18 maggio 1989, n. 183 L. 4 dicembre 1993, n Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici, NARDI R., Il Serchio e le sue acque: proposta di stralcio del piano di bacino, L. 18 maggio 1989, n. 183 L. 4 dicembre 1993, n. 493 e contributi conoscitivi alla sua elaborazione. 4 Quaderni Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio. Ospedaletto (Pisa), Arti Grafiche Felici, NARDI R., Piano di bacino del Fiume Arno: Rischio Idraulico. Inquadramento delle problematiche e sintesi degli strumenti di intervento previsti dal progetto del piano di bacino.6 Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici, NARDI R., Principali problematiche riguardanti il rischio idraulico nel bacino dell Arno. S. Giovanni Valdarno, Tipografia Valdarnese, Presentato alla Giornata di studio Le alluvioni degli ultimi anni in Toscana: analisi degli eventi e prospettive di intervento S. Giovanni Valdarno, 16/09/1994. p NARDI R., Piano di bacino del Fiume Arno: Rischio Idraulico. Sintesi del progetto di piano stralcio. L. 18 maggio 1989, n. 183 L. 4 dicembre 1993, n Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici,

9 NARDI R., Trasformazioni del territorio e sviluppo dell'edificato lungo il corso dell'arno e degli affluenti ( e 1995). Rischio idraulico. Documenti per la gestione del piano di bacino. 7 Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Ospedaletto (Pisa), Artigrafiche Felici, NARDI R., Flood risk in the Arno basin: overview of the situation and summary of the actions envisaged in the basin plan. Atti Symposium Venice and Florence: a complex dialogue with water. Firenze, Pagg NARDI R., Piano di bacino del Fiume Arno: Qualità delle acque. Sintesi del piano stralcio. 8 Quaderni Autorità di Bacino del Fiume Arno, Lucca, Nuova Grafica Lucchese, NARDI R., Ambiente, rischio idraulico e percezione del fiume nel bacino del fiume Arno. WWF, Autorità di Bacino del Fiume Arno, In riv. WWF per l ambiente e il territorio, Attenzione NARDI R., Rischio idraulico nel bacino dell Arno: inquadramento delle problematiche e sintesi degli strumenti di intervento previsti dal progetto del piano di bacino. Atti Convegno La sfida dei grandi rischi alla soglia del nuovo millennio, Firenze, 3-8 novembre La Protezione Civile verso gli anni CISPRO Consiglio Nazionale delle Ricerche, Firenze, 1999.Pagg NARDI R., Carta della franosità del Bacino del Serchio alla scala 1: Quaderni Autorità di Bacino sperimentale del Fiume Serchio. Firenze, S.EL.CA, Cofanetto comprensivo di n. 13 tavole e relativo cd-rom. NARDI R., I Piani di tutela a livello di bacino idrografico. In Atti I Conferenza Nazionale sulla Tutela delle Acque. L attuazione del DLgs 11 maggio 1999, n. 152, Roma, settembre Ministero dell Ambiente. Monografie. Olimpica Poligrafica, settembre Pagg NARDI R., La legge 183/1989 sulla difesa del suolo: 10 anni di esperienza in Italia, in Atti del X Congresso Nazionale di Geologi, Il territorio fragile, ricerca e applicazione sul dissesto idrogeologico nel mondo, Sessione II - Conferenza Internazionale Roma - 7,8,9 dicembre Pagg DALLAN L, NARDI R., NOLLEDI G., L acqua a Lucca conoscerla per salvarla. Pisa, Maria Pacini Fazzi Editore, Litotipografia Vigo-Curzi, NARDI R., Progetti per lo sviluppo: L acqua problemi e risorsa, riflessioni e proposte nel terzo millennio. Atti Convegno tenutosi a Lucca a cura Segreteria Scientifica e organizzativa Autorità di Bacino del Fiume Serchio e Fondazione Toscana per l Europa, Ospedaletto (Pisa), Industrie Grafiche Pacini, NARDI R., Il Piano di Bacino del fiume Serchio: Presentazione del Progetto di Piano di bacino, Stralcio Assetto Idrogeologico, del sito internet e del sistema di monitoraggio idro-pluviometrico. Atti del Convegno Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Lucca, NARDI R: Il Piano di Bacino del fiume Serchio: Presentazione del Progetto di Piano di bacino, Stralcio Assetto Idrogeologico, del sito internet e del sistema di monitoraggio idropluviometrico. Lucca, Autorità di Bacino del Fiume Serchio, Atti del Convegno NARDI R., Le funzioni di governo e la pianificazione di bacino. L esigenza di garanzia solidaristica per gli eventi calamitosi. Milano, Istituto Culturale Rotariano, Realtà Nuova, anno LXVII.n.4/2003. pagg NARDI R., Il Progetto di Piano di Bacino del fiume Serchio, Stralcio Assetto Idrogeologico. In Notiziario Ufficiale del Comitato Regionale dei Geometri della Toscana, Punto & Linea, Speciale L Ambiente in Toscana. Firenze, Anno II n , pagg NARDI R., Evoluzione del ruolo delle Autorità di bacino nel contesto normativo nazionale e comunitario. In Riv. Ambiente Italia - Protezione Civile Lavorando per l Acqua. 9

10 Milano, Cr. Edi., N. 9, anno III, 2004, pagg NARDI R., Evoluzione del ruolo delle Autorità di bacino nel contesto normativo nazionale e comunitario. Rimini, Maggioli Editore, In Riv. Hidrogeo, pagg NARDI R., La qualità delle acque e l assetto idrogeologico nel bacino del Serchio. In Il ruolo dell acqua nella valorizzazione di un territorio. Il caso del bacino del Serchio. Progetto INFEA I.S.I. Castelnuovo Garfagnana Università di Pisa, pagg NARDI R., Evoluzione del ruolo delle Autorità di bacino nel contesto normativo nazionale e comunitario. Milano, Cr.Edi., N 3, Anno V, in Riv. Ambiente Italia - Protezione Civile Speciale Acqua pagg NARDI R., Il pianeta acqua nel territorio della Lucchesia. Lucca, Autorità di Bacino Pilota del fiume Serchio, Incontro dibattito dell Autorità di Bacino Pilota del fiume Serchio con la Scuola media statale C. Del Prete G.C. De Nobili Mutigliano, Lucca. NARDI R., La Carta forestale sperimentale del bacino pilota del fiume Serchio. Autorità di Bacino del Fiume Serchio. Autorità di Bacino del Fiume Serchio, Firenze, Regione Toscana, 2006, cd-rom. NARDI R., Evoluzione del ruolo delle Autorità di bacino nel contesto normativo nazionale e comunitario. Palombara Sabina (Roma), Lodigraf2, NARDI R., L attività di pianificazione dell Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio. Il progetto di Piano di Bacino, Stralcio per il bilancio idrico del lago di Massaciuccoli. Lucca, Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, 2007, EURO RIOB 2007 Conference Internationale su l application de la Directive Cadre Europeenne su l Eau., Roma 8-10 Nov NARDI R., Il completamento della Carta della franosità del bacino del fiume Serchio alla scala 1:10.000: Val di Lima e alto Appennino, Basso Serchio (Monte Pisano, Monti d Oltre Serchio e Appennino lucchese) Apuane orientali ; Autorità di Bacino Pilota del Fiume Serchio, Firenze, S.EL.CA tav e relativo CD-ROM. NARDI R., DEL SEPPIA N., SADUN S., FALASCHI F., Modellazione degli alvei fluviali e delle aree a rischio idraulico alla luce delle nuove tecnologie disponibili (tecniche LIDAR e River Surveyor). Firenze, Ordine dei Geologi della Toscana, In Simposio del territorio e delle risorse naturali in Toscana. Pagg NARDI R., DEL SEPPIA N., COSCINI N., FALASCHI F., Valutazione della pericolosità geologica e geomorfologica: La carta della franosità del bacino del fiume Serchio come strumento conoscitivo ed operativo. Firenze, Ordine dei Geologi della Toscana, In Simposio del territorio e delle risorse naturali in Toscana. Pagg NARDI R., Il bilancio idrico del bacino del lago di Massaciuccoli. Bologna, Maggioli editore, 2009, In Riv. Ambiente e Territorio Rischio idrogeologico e risorse idriche n. 1 febbraio 2009, pagg NARDI R., Risorse e sviluppo del territorio. Ghezzano (Pisa) Felici Editore, 2009, Prefazione in Lapo Farinati degli Uberti l Ingegnere illuminato ( ) Opere e progetti. Pag. 9. NARDI R., Nella storia del fiume i perchè dell esondazione. AUT & AUT Associazione - Industria Grafica Valdernese, 2010, in AUTONOMIA & AUTONOMIE mensile delle autonomie della Toscana ANCI TOSCANA Anno XVIII n. 4 aprile Pag NARDI R., Programma per la delocalizzazione di attività di frantumazione e riciclaggio di materiali inerti lungo il corso del fiume Serchio per una maggiore sicurezza idraulica e riqualificazione dell ambiente fluviale. Lucca, Tipografia Tommasi, in Riv. Il Geologo - Trimestrale dell Ordine dei Geologi della Toscana, Anno XXI n. 80, giugno 2010, pagg NARDI R., FALASCHI F., SADUN S., COSCINI N., DEL SEPPIA N., COLMAN M., DI 10

11 GRAZIA A. QUILICI F., D AMATO AVANZI G., GIANNECCHINI R. & PUCCINELLI A., Riverbed and floodplain evolution in the Serchio River basin (Italy) 85 Congresso Nazionale della Società Geologica Italiana, Pisa, settembre 2010 L Appennino nella geologia del Mediterraneo centrale.rend. online Soc. Geol.It , pag NARDI R., Il Piano di Gestione delle acque del distretto idrografico del Serchio. Dalla legge nazionale sulla difesa del suolo alla normativa europea. Lucca, Maria Pacini Fazzi Editore, in vol. Autorità di bacino pilota del fiume Serchio. Le acque del bacino del Serchio. Sintesi del piano di gestione. Dicembre 2010, pagg NARDI R., Rischio idraulico del bacino del Serchio: trasformazioni del territorio, inquadramento delle problematiche e strategie di intervento. Lucca, Publi ED, in vol. Autorità di bacino pilota del fiume Serchio. Rischio idraulico nel bacino del Serchio. Proposta di aggiornamento del Piano di Bacino. Dicembre 2010, pagg NARDI R., La difesa del suolo in Italia. Leggi e strumenti di intervento sui rischi ambientali. Quaderni Autorità di Bacino pilota del Fiume Serchio, Lucca, Stampa Menegazzo, NARDI R., Il rischio idrogeologico in Italia: cause e conseguenze. Il ruolo e le attività dell Autorità di bacino pilota del fiume Serchio. Roma, Aracne editrice Srl in vol. Acqua! Luoghi, paesaggi, Territori a cura di Michele Ercolini, marzo Pagg Aggiornamento 8 maggio 2012 SegrPart/PM 11

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fax +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE SOCIETA' C.R PUNT. M AURELIA LAZ 12013 TEAM LOMBARDIA LOM 11726 PLAIN TEAM VENETO VEN 11487 GESTISPORT COOP LOM 11355 TEAM INSUBRIKA LOM 11323 ANIENE LAZ 11202 TEAM NUOTO TOSCANA EMPOLI TOS 11014 DDS LOM

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c) 1/43 LIFE06/ENV/IT/000255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Art. 5, All. III, All. VII, parte A, punto 6 e parte B, punto 1 della Direttiva 2000/60/CE e All. 10, All. 4, parte A, punto 6, alla parte terza del

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli