Comune di GORLE Provincia di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di GORLE Provincia di Bergamo"

Transcript

1 Comune di GORLE Provincia di Bergamo PIANO DI EMERGENZA COMUNALE Data ultima revisione : Febbraio 2014 Via Cavour n. 2/A TREVIOLO Tel. 035/ Fax. 035/ Gruppo di lavoro P.C.: Dott.ssa Bamberga Ecoservice Srl, Sig. Ribolla Resp. G.C.V.P.C., Ing. Pasinetti Assessore all Urbanistica, Geom. Gerardi, Ufficio Tecnico comunale,

2 INDICE SEZIONE GENERALITA IL RUOLO DEL COMUNE NELLA GESTIONE DELL EMERGENZA STRUTTURA E OBIETTIVI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RISCHIO E LIVELLI DI ALLERTA IL RUOLO DELLA POPOLAZIONE E LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI SEZIONE PIANIFICAZIONE E MODELLI DI INTERVENTO ANALISI TERRITORIALE E INFRASTRUTTURALE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Inquadramento amministrativo, geografico e popolazione Caratteristiche climatologiche Caratteristiche idrografiche e geomorfologiche ANALISI DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE RISORSE DISPONIBILI Viabilità e manufatti Strutture sanitarie Risorse idriche Risorse da ditte private Strutture vulnerabili e strutture strategiche Personale e automezzi comunali e di Polizia Locale Personale volontario, attrezzature e mezzi ANALISI DELLA PERICOLOSITÀ TERRITORIALE LA STRUTTURA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE L UNITÀ DI CRISI LOCALE (UCL) LA SALA OPERATIVA SCENARI DI RISCHIO E MODELLI DI INTERVENTO RISCHIO IDRAULICO Analisi di pericolosità e individuazione degli scenari di evento Procedure di intervento per il rischio idraulico Informazione preventiva alla popolazione Fase di preallarme Fase di allarme pag.2

3 Fase di emergenza RISCHIO GRANDI NEVICATE Analisi di pericolosità e individuazione degli scenari di evento Procedure di intervento per il rischio grandi nevicate Informazione preventiva alla popolazione Fase di preallarme Fase di allarme Fase di emergenza RISCHIO DI INCIDENTE GENERICO (ESPLOSIONE, INCENDIO) Analisi di pericolosità e individuazione degli scenari di evento RISCHIO INCIDENTE PRESSO POLO INDUSTRIALE ZONA VIA ROMA RISCHIO INCIDENTE PRESSO IL POLO SCOLASTICO Procedure di intervento per il rischio incidente presso il polo industriale o scolastico (esplosione, incendio) Informazione preventiva alla popolazione Fase di preallarme/allarme Fase di emergenza RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO Analisi di pericolosità e individuazione degli scenari di evento RISCHIO SISMICO Analisi di pericolosità e individuazione degli scenari di evento Procedure di intervento per il rischio sismico Informazione preventiva alla popolazione Fase di preallarme/allarme Fase di emergenza Allegati al cap.4: SCHEDE SCHEDE PER SCENARIO DI RISCHIO RISCHIO IDRAULICO: TABELLA PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO IDRAULICO: MANSIONARIO PROCEDURE OPERATIVE TAV CARTA DEL RISCHIO IDRAULICO TAV. 4 PGT CARTA DI SINTESI O DELLA PERICOLOSITÀ DA PGT RISCHIO NEVE: TABELLA PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO NEVE: MANSIONARIO PROCEDURE OPERATIVE TAV. 4.2 CARTA DEL RISCHIO GRANDI NEVICATE CAPITOLATO D APPALTO DEL SERVIZIO DI SGOMBERO NEVE - INVERNO 2013/ RISCHIO INCIDENTE INDUSTRIALE O PRESSO IL POLO SCOLASTICO: TABELLA PROCEDURE OPERATIVE pag.3

4 RISCHIO INCIDENTE INDUSTRIALE O PRESSO IL POLO SCOLASTICO: MANSIONARIO PROCEDURE OPERATIVE TAV. 4.3 CARTA DEL RISCHIO INCIDENTE INDUSTRIALE TAV. 4.4 CARTA DEL RISCHIO INCIDENTE PRESSO IL POLO SCOLASTICO RISCHIO SISMICO: TABELLA PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO SISMICO: MANSIONARIO PROCEDURE OPERATIVE TAV CARTA DEL RISCHIO SISMICO TAV. 1PGT CARTA DI PERICOLOSITÀ SISMICA LOCALE. DEFINIZIONE DEGLI SCENARI DI P.S.L. DA P.G.T SCHEDE DATI UTILI IN EMERGENZA UNITÀ DI CRISI LOCALE (UCL): REFERENTI RUBRICA RISORSE DA DITTE PRIVATE DATI STRUTTURE STRATEGICHE/VULNERABILI PLANIMETRIE DELLE STRUTTURE STRATEGICHE/VULNERABILI STRUTTURE SANITARIE: AMBULATORI E FARMACIE PERSONALE COMUNALE AUTOMEZZI COMUNALI E DI POLIZIA LOCALE GRUPPO COMUNALE PROTEZIONE CIVILE MODELLI DI COMUNICAZIONI DI EMERGENZA E ORDINANZE IL SUPERAMENTO DELL EMERGENZA ALLEGATI AL CAP.5: MODELLI REGIONALI PER LA RICOGNIZIONE DEI DANNI SISTEMA PER RACCOLTA SCHEDE DANNI REGIONE LOMBARDIA (RASDA) MANUALE UTENTE VERIFICA E AGGIORNAMENTO DEL PIANO L informazione preventiva alla popolazione L aggiornamento del Piano Le esercitazioni CARTOGRAFIA GENERALE TAV.1 INQUADRAMENTO AMMINISTRATIVO E VIABILITÀ TAV.2 CARTA DI SINTESI DELLA PERICOLOSITÀ TAV.3 CARTA DI SINTESI DELLE INFRASTRUTTURE TAVOLE DELLE RETI DEI SERVIZI pag.4

5 SEZIONE 1 GENERALITA 1 - Il ruolo del Comune nella gestione dell emergenza Con "protezione civile" si intendono tutte le strutture e le attività messe in campo dallo Stato, a tutti i livelli, per tutelare l'integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da catastrofi naturali e da altri eventi calamitosi. La gestione del rischio si sviluppa attraverso le seguenti fasi: Conoscenza: raccolta di dati, studi sul territorio e individuazione delle zone vulnerabili a rischi. Previsione: calcolo dell entità e dei tempi di ritorno di ogni situazione di calamità. Queste prime due fasi permettono di valutare la necessità di intervenire sul rischio stesso. Protezione: progettazione ed attuazione di interventi atti a ridurre l entità dei danni provocati dall evento senza intervenire sulle sue cause. Prevenzione: progettazione ed attuazione di interventi atti a ridurre la pericolosità di un evento calamitoso - quindi la probabilità che l evento si verifichi - intervenendo sulle sue cause. Pianificazione: predisposizione di piani di emergenza; consente di agire correttamente nel caso si presenti la calamità e quindi di gestire l emergenza nel momento in cui essa si verifica. La L.R.16 del 22/05/2004, T.U. delle disposizioni regionali in materia di Protezione Civile prevede che i Comuni: a) si dotino di una struttura di protezione civile, coordinata dal Sindaco, che interviene per fronteggiare gli eventi di livello comunale e per assicurare la necessaria collaborazione alle operazioni di soccorso coordinate dalla provincia o dalla Regione; b) curino la predisposizione dei piani comunali o intercomunali di emergenza e la loro attuazione, sulla base delle direttive regionali. A livello comunale, il primo responsabile della risposta comunale all emergenza è il pag.5

6 Sindaco, che organizza le risorse comunali secondo il Piano di Emergenza per fronteggiare i rischi specifici del suo territorio, dandone immediata comunicazione a Prefettura, Provincia e Regione. Qualora l evento calamitoso non possa essere fronteggiato con mezzi e risorse a disposizione del Comune, il Sindaco chiede l intervento di altre forse e strutture a Prefettura e Provincia, che adottano i provvedimenti di competenza coordinando i propri interventi con quelli del Sindaco. Il Sindaco, in quanto autorità locale di Protezione Civile, ai sensi della L.225/92 e L.R.16/04, attiva la risposta comunale all emergenza: di iniziativa, in caso di evento locale, su attivazione regionale o provinciale, in caso di evento diffuso sul territorio. Per questo il Sindaco è tenuto ad assicurare la ricezione e la lettura 24 ore su 24 e 365 giorni all anno, dell avviso di criticità e di qualsiasi altro avviso di preallarme e/o allarme diramati dalla competente Prefettura o dalla Regione. 2 - Struttura e obiettivi del Piano di Emergenza Comunale Oggi l attività di pianificazione di emergenza è intesa sempre più come analisi degli scenari di rischio e delle procedure connesse, rispetto a una semplice elencazione di persone, mezzi e materiali senza riferimenti al loro utilizzo. Pertanto, sulla base dell analisi delle problematiche esistenti sul territorio, è data maggiore importanza alla definizione degli scenari di rischio e dei relativi modelli di intervento. Le priorità nell intervento di soccorso coordinato dal Sindaco riguardano: la salvaguardia della popolazione l informazione alla popolazione e agli Enti preposti la salvaguardia del sistema produttivo la garanzia della continuità amministrativa del Comune il ripristino delle vie di comunicazione e delle reti di servizi la salvaguardia dei beni culturali La D.G.R. 16 maggio 2007 n.4732, seconda revisione della Direttiva Regionale per la Pianificazione di Emergenza degli Enti Locali, ha aggiornato e sostituito le precedenti D.G.R /1999 e D.G.R. n.12200/2003, meglio delineando indicazioni metodologiche e l architettura generale di riferimento per la redazione dei Piani di Emergenza comunali, cosicché i Piani siano confrontabili e utilizzabili anche per sintesi di carattere provinciale e regionale. Il presente Piano si sviluppa proprio sulla base della recente normativa statale e pag.6

7 regionale in materia di protezione civile ed è elaborato in linea con il Piano di Emergenza Provinciale approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n.84 del 24/11/2003 (e i relativi piani operativi per il Rischio Sismico, Idrogeologico e Industriale del 2003 e 2004) e con il primo Programma Regionale di Previsione e prevenzione di Protezione Civile redatto ai sensi dell art.12.2 della L.225/92 dal Servizio Protezione Civile, Direzione Generale Opere Pubbliche e Protezione Civile, della Regione Lombardia. Il primo capitolo del Piano è dedicato all analisi del territorio e delle infrastrutture presenti, poi anche rappresentate sulla cartografia. Nel secondo, sulla base degli studi a disposizione viene delineato il livello di pericolosità del territorio in riferimento ai diversi fenomeni attesi. Successivamente, dall incrocio tra le caratteristiche infrastrutturali e la pericolosità legata ai diversi fenomeni attesi, vengono poi definiti gli scenari di rischio e censite le aree e le strutture di emergenza. Passando attraverso l analisi degli interventi di prevenzione, protezione e monitoraggio effettuati o potenziali, viene poi definita la gestione dell'emergenza: viene individuata una struttura organizzativa comunale, basata su un Unità di Crisi Locale (U.C.L.), i cui componenti sono nominati da parte dell'amministrazione comunale per garantire una prima risposta ordinata degli interventi in caso di calamità. Sulla base dei maggiori rischi cui è soggetto il territorio comunale ed in modo differenziato per ciascuna tipologia di evento, vengono definite le procedure che l Amministrazione comunale dovrà seguire nelle varie fasi. Come allegati al capitolo 4 sono state inserite alcune schede, che contengono le procedure operative per i componendi della struttura comunale di emergenza e dati che agli stessi sarà utile avere a portata di mano in emergenza. I rischi che si è valutato di approfondire per il territorio comunale di Gorle sono: il rischio idraulico, il rischio neve, il rischio di incidente industriale e di incidente generico presso le scuole, il rischio sismico. Per tali rischi le procedure saranno organizzate secondo: una matrice tempi/componenti UCL, nella quale vengono identificate, suddivise per passaggi temporalmente successivi, le attività da porre in atto da parte dell Unità di Crisi Locale (per maggiore chiarezza rientrano nella matrice anche le principali forze di intervento sovralocale e i corpi operativi di emergenza); un mansionario per ogni componente dell UCL, dove si approfondiscono le attività poste in capo ad ogni responsabile ed in cui sono presenti tutti gli elementi utili in fase di emergenza (azioni da intraprendere, numeri di telefono da contattare, ecc.); una cartografia di riferimento che contiene tutte le principali informazioni sulle aree pag.7

8 a rischio, le infrastrutture strategiche e vulnerabili, eventuali vie di fuga e posti di blocco. Nel capitolo 5 vengono fornite indicazioni su come agire quando la fase acuta dell emergenza è superata e su come effettuare la ricognizione dei danni provocati dall evento; le informazioni a questo riguardo sono tratte dalle Linee Guida per l accertamento dei danni conseguenti ad eventi calamitosi stilate dalla Regione Lombardia. Si evidenzia che, anche quando uno degli eventi ipotizzati si presentasse con caratteristiche di micro-emergenza, esso dovrebbe essere affrontato e risolto a livello comunale anche con l obiettivo di: utilizzare l organizzazione locale già predisposta; verificarne l efficienza ed introdurre eventuali miglioramenti organizzativi; evitare o ridurre la possibilità di innescare macro emergenze. pag.8

9 3 - Rischio e livelli di allerta Definizione di rischio A livello comunale, nel Piano di Emergenza si fa riferimento al rischio specifico (Rs), cioè al grado di perdita atteso quale conseguenza di un particolare fenomeno di una data intensità. Il rischio specifico può essere espresso dal prodotto della pericolosità e la vulnerabilità. Rs = H x V La pericolosità, Hazard H, è la probabilità o frequenza del verificarsi dell evento. La vulnerabilità, Vulnerability V, è la fragilità o attitudine di un certo elemento o gruppo di elementi ad essere danneggiati; può essere espressa anche come grado di perdita atteso su un elemento o gruppo di elementi esposti al rischio, risultante dal verificarsi di un evento di una certa entità. Poiché il parametro vulnerabilità dipende da molteplici fattori e dall interazione tra gli stessi, esso è di difficile determinazione, e costituisce uno degli aspetti più critici della procedura di valutazione del rischio. Volendo definire una scala di valutazione per una più facile comprensione della formula, è possibile attribuire un valore ai diversi parametri: del valore H di pericolosità: probabilità bassa, evento raro = 1 evento occasionale = 2 evento frequente = 3 evento frequentissimo = 4 del valore V di vulnerabilità: bassa, con danno atteso modesto = 1 media, con danno atteso sensibile = 2 alta, con danno atteso elevato = 3 altissima, con danno atteso catastrofico = 4 Incrociando in una matrice il valore attribuito a pericolosità e a vulnerabilità si può pag.9

10 determinare l attribuzione delle classi di rischio. Matrice del rischio H V Ciò consente di effettuare una valutazione numerica creando una scala di priorità: R > 8 Rischio molto elevato: l area è a forte rischio di fenomeni tali da provocare la perdita di vite umane e/o lesioni gravi alle persone, alle attività socioeconomiche, agli edifici ed alle infrastrutture. Azioni correttive indilazionabili. 4 R 8 Rischio medio/alto: nell area è possibile l accadimento di fenomeni comportanti rischi per l incolumità delle persone, danni funzionali agli edifici ed alle infrastrutture con conseguente inagibilità degli stessi, l interruzione delle attività socio-economiche. Azioni correttive da programmare con urgenza. 2 R 3 Rischio medio/basso: nell area è possibile l accadimento di fenomeni comportanti danni minori agli edifici che non ne pregiudicano l agibilità, e danni che non compromettono le attività economiche. Azioni correttive e/o migliorabili da programmare nel breve/medio termine. R = 1 Rischio molto basso: nell area è possibile l accadimento di fenomeni comportanti danni marginali. Eventuali azioni migliorative da valutare in fase di programmazione. pag.10

11 Livelli di allerta e tipologie di evento La codifica delle azioni da intraprendere in occasione di un evento emergenziale ad opera di tutti gli organismi coinvolti a vario titolo nelle attività di Protezione Civile deve essere definita in funzione sia della natura dell evento stesso sia della sua intensità. Le procedure di intervento si articolano nelle seguenti fasi progressive e consequenziali: Definizione dei livelli di allerta LIVELLI DI ALLERTA Preallarme Allarme Emergenza DEFINIZIONI Rischio ipotetico possibile Rischio ipotetico molto probabile Evento conclamato La definizione è data in termini di probabilità di accadimento dell evento calamitoso. A ciascuna delle suddette fasi è associabile pertanto un incremento dell intensità del fenomeno in termini di pericolosità e di potenzialità di danno, e conseguentemente delle misure operative da mettere in atto. Stanti queste considerazioni generali, è necessario distinguere gli eventi in termini di prevedibilità. Un evento calamitoso può essere: prevedibile imprevedibile ed improvviso I rischi prevedibili - tipicamente fenomeni di tipo idraulico ed idrogeologico - sono noti e di norma quantificabili attraverso sistemi di monitoraggio. Gli eventi ad essi associati possono verosimilmente svilupparsi attraverso tutti i livelli di allerta suddetti. L adozione di elementi di valutazione certi e matematicamente definiti fa sì che per questa tipologia di eventi la scelta del livello di allerta da attivare da parte dell Autorità competente sia i linea di massima effettuabile in ragione del superamento di definiti valori soglia. Resta comunque il fatto che alla scelta possono concorrere altri fattori, connessi a situazioni contingenti e di contorno, che lasciano all Autorità un certo margine di discrezionalità. pag.11

12 In caso di fenomeni imprevedibili, cioè non noti e/o non quantificabili e di rapido impatto - ad esempio fenomeni sismici, incendi, incidenti industriali o incidenti legati ai trasporti - i tempi per un efficace attività di preannuncio sono troppo ristretti o inesistenti e quindi la gestione dell emergenza consiste essenzialmente nell organizzazione delle operazioni di soccorso. I rischi imprevedibili attivano cioè, nel momento in cui avvengono, direttamente uno stato di emergenza. In questi casi l Autorità pubblica riceve la segnalazione della situazione in essere da canali differenti da quelli relativi al monitoraggio dei parametri critici. Tipicamente la segnalazione di un evento emergenziale da parte di cittadini converge sulle Centrali Operative degli Enti di Pronto Intervento (ad oggi contattabili al numero unico 112) le quali, previa verifica dell entità dell evento, allerteranno la Prefettura (che a sua volta avviserà il Sindaco o i Sindaci interessati). Qualora la segnalazione provenga direttamente da un cittadino al Comune, quest ultimo dovrà procedere all attivazione delle procedure solo previo accertamento della situazione reale tramite il suo personale sul territorio e contattando in ogni caso gli Enti di pronto intervento. pag.12

13 4 - Il ruolo della popolazione e la gestione delle informazioni Informazione in tempo di pace E necessario che la popolazione sia preparata adeguatamente per casi di emergenza in via preventiva, allorché vi è il tempo per addestrare tutti alla salvaguardia ed alla messa in sicurezza di sé stessi. Solo una cittadinanza informata in anticipo sui comportamenti di autoprotezione sarà in grado di recepire i segnali di allarme previsti dal Piano di Emergenza Comunale. Una popolazione istruita sui comportamenti da tenere produce un risparmio di tempo fondamentale per le attività di soccorso, semplifica le attività di informazione durante l emergenza e consente di mettere in salvo coloro che, privi di informazione, potrebbero invece essere colti dal panico. In tempo di pace l informazione dovrà riguardare: le caratteristiche del territorio e dei rischi che vi insistono le disposizioni contenute nel piano di Emergenza Comunale le norme di comportamento durante e dopo l evento le modalità di diffusione delle informazioni e degli allarmi. Alcuni esempi di azioni: sviluppo di strumenti informativi sui rischi e sulle risposte attivate a livello comunale: pubblicazioni, incontri, un libretto informativo di protezione civile, un area dedicata nel sito web del Comune, ecc. attività informative, formative e di addestramento per il personale dell amministrazione e per la popolazione, anche con il coinvolgimento delle forme di volontariato presenti: incontri con le scuole, giornata della protezione civile o del volontariato, esercitazioni, ecc; diffusione di informazioni in pillole ( , articoli sul notiziario comunale, ecc.) con sistematicità e periodicità per mantenere continuità dell informazione. l istituzione, e la relativa pubblicizzazione, di un numero unico di telefono attivo durante le emergenze che raccoglierà le esigenze della popolazione isolata o dei parenti di persone potenzialmente coinvolte dall evento calamitoso. Si può valutare di posizionare, già in tempo di pace, lungo alcune strade (ad esempio quelle che costituiranno il percorso di evacuazione di emergenza), i cartelli indicatori delle aree di attesa per la popolazione che potrebbe essere costretta ad abbandonare la propria abitazione in caso di emergenza. pag.13

14 Sono auspicabili tutte le azioni che contribuiscono ad una maggiore conoscenza del proprio territorio e ad accrescere la cultura di Protezione Civile nella popolazione a tutti i livelli, in modo che la stessa si senta maggiormente protetta e sicura anche in zone individuate come a rischio di calamità. Qualora il rischio sia circoscrivibile ad una porzione del territorio, il target dell informazione specifica su tale rischio e sulle relative procedure può coincidere ragionevolmente con la sola popolazione interessata da tale rischio; dovrà invece riguardare tutta la popolazione del Comune l informazione generale sui rischi del territorio. Per diramare messaggi o informazioni utili alla popolazione potranno essere presi preventivi accordi con i mass-media (come si vedrà più avanti, viene individuato un referente comunale per questa funzione). È auspicabile realizzare una collaborazione che si costruisce nella normalità mediante attività di informazione preventiva ai media sui rischi e su chi deve affrontare l emergenza, mantenendo un elenco dei referenti dei media locali (cellulari, fax, ) per sviluppare alleanze comunicative. Può essere utile avviare una convenzione con le radio locali alle quali viene fornita l informazione immediata su quanto accade in cambio di una comunicazione non distorta. Informazione in fase di preallarme, allarme ed emergenza Per i rischi prevedibili, che consentono un efficace attività di preannuncio, l allertamento alla popolazione deve avvenire in modo tempestivo ed efficace e le modalità di comunicazione devono essere attentamente valutate in fase di pianificazione. Tra i possibili metodi che si possono utilizzare, anche integrando tra loro sistemi differenti, ci sono: altoparlanti o megafoni installabili su automezzi comunali per diramare messaggi informativi (metodo preferibile rispetto un generico segnale d allarme quale ad esempio una sirena); l invio di SMS a cittadini che hanno fornito volontariamente il proprio recapito per comunicazioni del Comune (ad esempio registrandosi sul sito web del Comune o presso la Biblioteca); telefonate dirette ai residenti o alle attività presenti in una determinata zona (che avranno preventivamente comunicato i propri recapiti) qualora la popolazione da avvisare limitata. In una fase successiva, cioè durante l emergenza, possono continuare ad essere utilizzati altoparlanti o megafoni nella zona colpita e anche presso le aree di attesa e le pag.14

15 strutture ricettive di raccolta della popolazione. E importante che il messaggio sia sintetico e redatto con linguaggio semplice e che fornisca: 1. l informazione accurata su quanto è successo e/o sta succedendo; 2. indicazioni su comportamenti operativi da tenere; 3. comunicazione sugli sviluppi della situazione e le azioni intraprese per affrontare la situazione. La Polizia Locale è un canale di comunicazione privilegiato, che deve essere coinvolta e preparata alla gestione comunicativa della crisi. Le differenti strategie comunicative individuate, dovranno essere adeguatamente verificate sul campo, per valutarne la chiarezza e l efficacia. A seguito di un emergenza, infine, i mass-media esercitano molta pressione per ottenere un informazione rapida, maggiormente gestibile se sono stati presi accordi preventivi. Durante l emergenza potrebbe comunque essere utile attivare un Centro Media, cioè un luogo segnalato e identificabile in cui i media trovano informazioni e collaborazione. Le radio possono anche configurarsi come sportelli aperti con il pubblico. Per verificare la qualità della nostra informazione si faccia riferimento alle domande più frequentemente poste dai media e di seguito indicate. pag.15

16 LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI POSTE DAI MEDIA: E necessario che chi ha la responsabilità di gestire l emergenza abbia anche una gestione efficace del processo comunicativo. Le strategie della comunicazione di crisi sono: - anticipare piuttosto che reagire (meglio dare un appuntamento fisso a ora stabilita ai media, avviare sistemi di comunicazione aperta quali call-center, numero verde/dedicato, sito web, sportello in comune) dove è sempre reperibile l ultima comunicazione ufficialmente dispensata. - spiegare le cose in modo più preciso possibile; - usare più canali e più strumenti (in modo coordinato); - individuare preventivamente un portavoce del Sindaco da inserire nell Unità di Crisi Locale, responsabile della gestione della comunicazione con i media e con la popolazione dal tempo di pace fino al ripristino delle condizioni di normalità dopo un evento calamitoso. pag.16

17 SEZIONE 2 PIANIFICAZIONE E MODELLI DI INTERVENTO 1 - ANALISI TERRITORIALE E INFRASTRUTTURALE Inquadramento territoriale Inquadramento amministrativo, geografico e popolazione Scheda Comune di Gorle Provincia Bergamo Distanza da Bergamo 4 Km. Superficie 2,41 Kmq. Altitudine media 268 m.s.l.m. Coordinate (Municipio) 45 42'3"N 09 42'49" E Comuni confinanti Bergamo, Pedrengo, Ranica, Scanzorosciate, Seriate, Torre Boldone Frazioni nessuna Popolazione al 31/12/ L inquadramento amministrativo del territorio è riportato graficamente nella Tav.1, nella quale viene riportata anche l indicazione della viabilità principale. Il territorio comunale, che si sviluppa in sponda destra al fiume Serio, possiede una superficie di 2,445 kmq. Il comune confina a nord con il comune di Ranica e quello di Torre Boldone, ad ovest e a sud con il comune di Bergamo, a sud con Seriate ed a est con il fiume Serio ed il comune di Scanzorosciate e Pedrengo. Il territorio comunale è in gran parte pianeggiante, l elevazione massima (ca. 275 m slm) è situata in corrispondenza della sua estremità nord occidentale mentre quella minima (ca. 244 m slm) è localizzata all estremità sud orientale, in corrispondenza dell alveo del fiume Serio. pag.17

18 Il nucleo abitato più antico, sorto in corrispondenza di una stazione romana, è situato sulla sponda destra del fiume Serio in corrispondenza di una stretta ed incisa ansa del fiume su cui è presente l antico ponte di Gorle. La popolazione totale del comune si attesta, al gennaio del 2014, su un valore di circa 6600 abitanti. Il trend degli ultimi decenni è di costante e decisa crescita, con un raddoppio dei residenti dal 1976 al 2008, benché si assiste ad un diminuzione negli ultimi anni. Tab a - Andamento della popolazione del Comune di Gorle dal 1954 al Su supporto informatico si allega una tabella con i dati relativi alle persone non autosufficienti presenti nel territorio comunale (nome, indirizzo e piano, data di nascita, motivi della non autosufficienza), cui prestare particolare attenzione in caso di evacuazione di zone o strutture del paese a seguito di evento calamitoso. Tale tabella, per rispetto della normativa sulla privacy, viene allegata solo alla copia interna al Comune di Gorle. Si segnala che da una verifica incrociata dei dati risulta che, tra le aree a rischio, nell unica definibile a priori sulla base degli studi presenti, cioè quella allagabile in caso di fuoriuscita dagli argini del fiume Serio, non sono presenti persone non autosufficienti. pag.18

19 Caratteristiche climatologiche La conoscenza degli aspetti climatici della zona soprattutto in occasione degli eventi meteorici particolarmente intensi che si susseguono con sempre più incalzante frequenza e gravità, consente di poter fare previsioni sempre più precise circa le portate idriche e solide dei fiumi. Sul territorio comunale non sono presenti centraline per la rilevazione dei dati meteorologici; Si possono tuttavia ritenere rappresentative per il Comune di Gorle, le stazioni di rilevamento di Bergamo e Orio al Serio (vedi Tabelle a, b, c), considerata l omogeneità dei dati caratteristici della pianura padana e della distanza tra il Comune le stazioni di rilevamento suddette. Secondo quanto riportato nella pubblicazione ERSAL "I suoli dell'hinterland Bergamasco", dicembre 1992, il tipo climatico a cui si fa riferimento per la fascia pedemontana bergamasca è una forma di transizione tra il clima temperato continentale della Pianura Padana e il clima di tipo alpino, dove le influenze alpine sono date dalle precipitazioni elevate e dall'umidità atmosferica elevata che caratterizzano il periodo estivo. Il regime mensile delle precipitazioni è caratterizzato da due massimi, uno primaverile (maggio) e l'altro, meno pronunciato, autunnale (ottobre-novembre); a questi s intervallano un minimo marcato e costante invernale (caratteristico della regione padanoalpina) ed uno estivo variabile in funzione dell'orografia (rappresentativo della zona prealpina di transizione tra la pianura e la montagna). Sempre relativamente alla stazione di Bergamo, per quanto riguarda le precipitazioni di notevole intensità e di breve durata, nel 1959 si sono verificate condizioni critiche quali ad esempio: 60 mm di pioggia caduti in un ora, 87,8 mm in 3 ore, 107 in 6 ore e 109 mm in 12 ore. Il regime pluviometrico di Bergamo è stato definito da Gavazzeni di tipo "Prealpino", una varietà del regime continentale per via del minimo assoluto invernale molto pronunciato. La serie pluviometrica trentennale dell'ufficio Idrografico del Po relativamente alla stazione di Bergamo (periodo ), indica una precipitazione totale media annua di mm/anno. I valori annuali più frequenti nel trentennio oscillano tra i e i mm/anno. Il valore annuale minimo rilevato è di 762 mm, mentre il valore massimo è di mm/anno (escludendo l annata eccezionale del 1937 in cui piovvero mm). Nello stesso trentennio la frequenza media dei giorni piovosi annuali è stata pari a 100. pag.19

20 Tab a Precipitazioni medie mensili sul trentennio Stazione di Bergamo/Garibaldi Mese Media ( ) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre TOTALE Il valore medio annuo della temperatura dell'aria (stazione di Bergamo, per il periodo di riferimento ) è rispettivamente di 12.7 C con un escursione termica media annua di 20,5 C e un escursione annua assoluta di 54 C (min. 18 e max. +36 ). Questi dati confermano la continentalità dell'area (con escursioni termiche elevate) ma anche la posizione climatica di transizione (escursioni termiche che si riducono con l altitudine). I valori di umidità relativa sono elevati con valori medi superiori al 70% che si manifestano in più della metà dei mesi dell anno. Anche nei mesi relativamente più secchi, l umidità relativa si attesta su valori comunque non inferiori al 67%. Le elaborazioni statistiche relative alle variabili anemometriche (direzione e velocità del vento e stabilità atmosferiche) dedotte dalla serie di dati rilevati a Orio al Serio per il ventennio , e confermate da rilevazioni annuali più recenti di cui alle tabelle seguenti, evidenzia una maggiore frequenza per venti provenienti da Nord e Nord-Est. I dati evidenziano anche che la circolazione dei venti è generalmente molto debole: le calme di vento (velocità inferiori a 0,5 m/s) rappresentano il 40-60% delle osservazioni sui valori annui, con picchi nel periodo invernale. pag.20

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

DIVISIONE STUDI E PROGETTI

DIVISIONE STUDI E PROGETTI PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI MAZZANO DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI MAZZANO PROVINCIA DI BRESCIA Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi e Progetti Via del Sebino, 12 25126 BRESCIA Tel: 0302906550

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli