UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE LA POLIZZA DIRECTORS AND OFFICERS QUALE STRUMENTO DI PROTEZIONE DAL RISCHIO DI GESTIONE RELATORE: CH.MO PROF. SAPIENZA ELENA LAUREANDO/A: MARTINELLO ALBERTO MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 INDICE 1. Introduzione pag Il rischio di gestione pag. 5 2.a. Management e profili di rischio 2.b. Governance e organi amministrativi delle banche di minori dimensioni 3. La responsabilità civile degli amministratori pag La polizza pag a. La storia della polizza 4.b. Il contratto della polizza 5. I vantaggi della tutela D&O pag Alcuni aspetti negativi pag Un caso di applicazione pag Riferimenti bibliografici pag. 26 2

3 1. INTRODUZIONE Durante l esercizio della propria attività, ogni azienda è costretta a fronteggiare danni di natura patrimoniale o finanziaria a causa di sinistri dovuti al caso o all azione umana che riducono la redditività e, nei casi più gravi, possono perfino mettere a repentaglio la possibilità stessa di proseguire la produzione, rendendo in tal modo inevitabile la fine dell esistenza dell ente. Basti pensare alla rottura di un macchinario, all incendio di un fabbricato destinato alla produzione, a un incidente occorso a un dipendente all interno degli ambienti di lavoro, al furto, alla distruzione o al danneggiamento delle proprietà aziendali o dei beni prodotti, alla fuoriuscita non controllabile di sostanze inquinanti o pericolose e ai molteplici altri eventi dannosi che possono verificarsi nell ambito della normale gestione. Per difendersi dall insorgenza di simili rischi, le aziende si dotano di numerose coperture assicurative a garanzia degli stessi. Questo discorso è valido naturalmente anche per gli Istituti di Credito: oltre alle tipologie di assicurazioni che sono in comune con le aziende appartenenti ad altri settori dell economia, quali tutti i vari tipi di responsabilità civile, le polizze incendio e furto sui fabbricati o quelle per la lealtà dei dipendenti, ne hanno anche di peculiari rispetto alla loro attività, ad esempio la polizze che tutelano dalle rapine agli sportelli automatici e alle filiali o che garantiscono la correttezza e la validità delle operazioni effettuate presso i mercati finanziari oppure che risarciscono le richieste di rimborso in caso di malfunzionamento dei servizi elettronici e telematici offerti alla clientela, come i software dell home banking. La questione poi si rivela di ancor maggiore importanza per le banche di piccole dimensioni, in quanto questi eventi possono minare anche severamente la solidità patrimoniale, che frequentemente è piuttosto limitata. A tal proposito, a partire dall anno 2008, la Banca di Credito Cooperativo di Cartura ha intrapreso una completa revisione della propria posizione assicurativa, in modo da adeguare le proprie coperture agli standard della concorrenza, cercando di ottimizzare le spese a fronte delle garanzie, nell ottica dell essenziale eliminazione degli sprechi che la crisi finanziaria di questi anni ha imposto a qualsiasi azienda. Al fine di mantenere la competitività, è stata conferita grande importanza e nuovo risalto anche a certi aspetti della gestione che in precedenza venivano dati ingiustamente per scontati. Le misure adottate per conseguire questi obiettivi hanno condotto all assunzione di personale che avesse esperienza nel settore avvalendosi congiuntamente dell ausilio di professionisti esterni, ricorrendo a dei broker per le ricerche di mercato, a sondaggi e a contatti preliminari con le compagnie fino alla vera e propria stipula delle polizze. I risultati ottenuti al termine di questa ristrutturazione sono stati sicuramente rilevanti: a fronte di un 3

4 risparmio dell 80% nella spesa per i premi versati annualmente alle Società di Assicurazione, non solo le coperture preesistenti sono rimaste inalterate ma ne sono state persino aggiunte di nuove volte a colmare le carenze lasciate nei periodi precedenti. All interno di questo progetto è stata inserita anche la parte finale del mio percorso di stage. Dopo aver lavorato per la prima metà del tirocinio nel Settore Crediti presso l Ufficio Operativo Crediti, sono stato trasferito nel Settore Supporti Operativi, Ufficio Finanza e Assicurazioni. Costantemente affiancato dal responsabile dell ufficio, ho dapprima seguito i rapporti tra l ufficio e la clientela della Banca, principalmente per le assicurazioni sottoscritte con l erogazione dei mutui per la casa. Successivamente ho partecipato alla prosecuzione dell analisi della posizione assicurativa propria della BCC, verificando e studiando i contratti sottoscritti prima del 2008 e durante il procedimento sopra descritto. Tra di essi, era spiccata una delibera assembleare risalente a marzo 2005 in cui era stata discussa la mancanza di una forma assicurativa che tutelasse la responsabilità civile professionale degli amministratori e di conseguenza ne era stata autorizzata la sottoscrizione. Tuttavia non si era ancora provveduto ad attuare tale disposizione. Perciò tre anni fa venne stipulata per la prima volta, e di lì in poi sempre rinnovata, una Polizza Directors and Officers (di seguito Polizza D&O): si tratta uno strumento ancora poco diffuso nel nostro Paese, ma che invece ha riscosso grande successo nel mondo anglosassone rivelandosi una risorsa assai utile non solo per il management delle società che se ne sono dotate, ma anche per diverse categorie di stakeholders delle stesse, che vedono i propri interessi meglio tutelati nella maniera che verrà in seguito illustrata. 4

5 2. IL RISCHIO DI GESTIONE 2.a MANAGEMENT E PROFILI DI RISCHIO Primariamente appare necessario cercare di figurare quali possano essere le ragioni che diano origine in una società all esigenza di sottoscrivere una polizza a copertura della responsabilità civile professionale di amministratori e dirigenti. Nell ultimo decennio gli organi legislativi italiani hanno profondamente modificato il diritto societario tramite la riforma Vietti, attuata dal decreto legislativo 1 17 gennaio 2003, n.6. Questo intervento del Legislatore è stato mosso dalla necessità di adeguare le norme italiane alla grande trasformazione dello scenario economico: la sempre maggiore integrazione tra i mercati europei ha reso essenziale facilitare la nascita, la crescita e la competitività delle aziende. Si è tentato perciò di valorizzare il carattere imprenditoriale delle società e, tra le varie misure adottate ai fini del perseguimento di tale criterio, è stata effettuata una ridefinizione chiara e innovativa dei compiti e delle responsabilità degli organi sociali di direzione. Le mansioni e i poteri spettanti agli amministratori sono stati decisamente ampliati: a titolo esemplificativo si può citare l articolo 2381 del c.c., comma IV 2, che impedisce di delegare a terzi l emissione di obbligazioni convertibili e la redazione del progetto di fusione o di scissione. La legge poi assegna loro diversi altri doveri: la convocazione dell assemblea in caso di perdite ex art 2446 e 2447, lo scioglimento della società per riduzione del capitale al di sotto del limite legale e la redazione del bilancio con chiarezza affinchè sia rappresentata in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell esercizio. Inoltre, i compiti riservati gli amministratori (Lendrowski, H. e Mair, W.C., 2009) comprendono la selezione, il controllo e il calcolo dei compensi dei dirigenti, l organizzazione e la pianificazione aziendale, il monitoraggio della performance, la supervisone della strategia e del rischio, l approvazione delle politiche di gruppo, la valorizzazione del marchio, le decisioni in merito alle spese di capitale e alle operazioni di carattere straordinario, il rispetto di leggi e regolamenti e la conformità della gestione agli stessi. Di conseguenza visto il notevole innalzamento della tecnicità e della difficoltà di questo incarico, le possibilità di incorrere in qualche errore durante la gestione è considerevolmente cresciuta; aggiungendo a ciò un inasprimento delle norme in materia di azione di 1 In seguito a legge delega 3 ottobre 2001, n Non possono essere delegate le attribuzioni indicate negli articoli 2420-ter, 2423, 2443, 2446, 2447, 2501-ter e bis 5

6 responsabilità, a tutela dei soci di minoranza, si è ottenuto un notevole incremento della rischiosità del lavoro del manager. In più hanno condotto al medesimo risultato le nuove norme in materia di trasparenza, che estendono la quantità di informazioni sulla gestione societaria che devono obbligatoriamente essere comunicate al pubblico, disposizioni che facilitano notevolmente la verifica della bontà dell operato del management, che deve garantirne la pubblicazione e la veridicità. Nell espletare le proprie funzioni, secondo Abriani (2008) e Assofondi (2011), gli amministratori e i dirigenti di società sono tenuti all obbedienza a tre criteri: diligenza, lealtà e osservanza. Per quanto riguarda il primo criterio, la riforma Vietti ha introdotto un nuovo concetto di diligenza, molto più stringente: mentre l articolo previgente prescriveva la generica diligenza del mandatario, adesso gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico e dalle loro specifiche competenze 3. Essi perciò devono agire con un grado di attenzione che una persona ragionevolmente prudente in una posizione paragonabile adotterebbe nelle medesime circostanze. Naturalmente è valevole anche il concetto di buona fede, inteso come agire sempre nel migliore interesse della proprietà. Sono in aggiunta esplicitamente tenuti a operare sempre in maniera informata, accertandosi prima di assumere una decisione operativa di aver reperito ragionevolmente tutte le informazioni ad essa collegate delle quali possono entrare in possesso. Infine sono obbligati ad allestire programmi tali da favorire una condotta societaria appropriata e individuare eventuali comportamenti non conformi, nonostante non sia in capo a loro la responsabilità dell integrità dell operato dei dipendenti. Il secondo criterio impone l astensione dal dedicarsi ad attività personali che possano cagionare danni alla società e lo sfruttamento della loro posizione di fiducia e riservatezza per il perseguimento di interessi personali. Inoltre, devono dichiarare ogni operazione in cui siano coinvolti anche i propri interessi personali, non solo quelle in cui quest ultimi siano in conflitto con quelli della società come disponeva la formulazione precedente dell articolo 2391 del c.c.. Il terzo criterio stabilisce che gli amministratori e i dirigenti, dovendo sempre rispettare leggi, regolamenti e statuto societario nell assolvimento dei loro incarichi, possano essere ritenuti colpevoli se autorizzino o compiano azioni non conformi a essi. Parallelamente la scrupolosità delle analisi di gestione ha subito un deciso impulso in seguito alla crisi economica sorta nel 2007: si è instaurata una nuova consapevolezza riguardo il fatto che i dirigenti non siano semplicemente responsabili nei confronti dei detentori della maggioranza capitale di rischio dell azienda e quindi la loro linea d azione debba essere determinata 3 Articolo 2392 del c.c., comma I. 6

7 esclusivamente dagli interessi degli azionisti di controllo. Meritano infatti altrettanta attenzione e tutela tutta un'altra serie di soggetti, chiamati stakeholders, come le minoranze, specie nelle società ad azionariato diffuso, i dipendenti, lo Stato, gli organi Comunitari, i fornitori, i clienti, la comunità che vive nei pressi degli impianti. Lendrowski, H. e Mair, W.C., 2009 asseriscono che la gestione societaria influenza anche loro, perciò il management è ugualmente responsabile nei loro confronti. Infine, si osserva che nelle aziende di maggiore dimensione, quotate nei mercati regolamentati, nemmeno la proprietà esprime interessi univoci: le azioni sono possedute anche da fondi pensione, fondi di investimento, banche, che molto spesso hanno preferenze molto diverse sulla strategia che deve seguire l azienda, sui rischi che deve assumersi e sulla politica di remunerazione del capitale: giungere a un compromesso che soddisfi ogni soggetto può risultare assai problematico. Infatti si è registrato tra il 2003 e il 2009 un aumento dei sinistri denunciati alle società di assicurazione per le polizze D&O, con una crescita del 30.9% tra il 2008 e il , a fronte di un non così ampio incremento di coperture stipulate, a ulteriore controprova dell aumento della rischiosità di questo ruolo. Cause che presentano dei costi spesso ingenti, sia per le richieste di risarcimento che possono avere importi molto elevati, sia per le spese legali, soprattutto in un Paese come il nostro, in cui i tempi processuali sono purtroppo molto lunghi. Sono molti altri i fattori che hanno contribuito ad incrementare la rischiosità del ruolo di manager di un impresa: in primis si può citare l incessante sviluppo e rinnovamento della normativa italiana spinta anche dalle Direttive comunitarie oltre che dai progressi del mercato. Nelle aziende che si rivolgono ai mercati esteri per l approvvigionamento di risorse o per vendere i propri prodotti viene sottovalutata la necessità che hanno gli amministratori di conoscere approfonditamente anche le leggi dei Paesi in cui si va a operare, che frequentemente sono più rigide rispetto al nostro codice, in quanto possono essere intentate cause anche da soggetti stranieri. Inoltre il calo di competitività italiana in diversi settori e la concorrenza sempre più spietata può spingere i dirigenti ad adottare delle strategie più aggressive e perciò rischiose allo scopo di cercare di ottenere un vantaggio sui competitors. Un altro fenomeno a cui si sta assistendo negli ultimi anni in Italia nel mondo dell imprenditoria è quello del ricambio generazionale ai vertici delle piccole/medie imprese (Morelli, 2004): in moltissime società nate a seguito del boom economico (si cita a titolo esemplificativo il miracolo del nord-est), per l imprenditore fondatore giunge necessariamente il momento di lasciare il comando ai figli, se possibile. Ad essi sono spesso affiancate persone di fiducia del padre che seguono i primi passi del successore guidandolo nei difficili inizi del management, individui che lavorano da anni in azienda o nel settore e che assumono in un simile contesto ruoli dirigenziali. 4 dati tratti dai materiali del Seminario organizzato da Assofondipensione sulla responsabilità civile degli amministratori dei Fondi Pensione Negoziali, Roma 31/01/2011 7

8 Essendo vere e proprie figure professionali, sono molto propensi a indurre la società a sottoscrivere delle polizze che li tutelino a favore della propria responsabilità civile, essendo nella complicata posizione di dover dirigere al meglio un organismo che non appartiene loro. Un ultima casistica da esaminare, comunque collegata all evoluzione dello scenario aziendale italiano, è quello dei gruppi di impresa (Abriani, 2008): per fronteggiare i pericoli e le complessità e cercare di sfruttare le potenzialità di un mercaato globale, le aziende più dinamiche hanno iniziato un processo di assorbimento di altre società appartenenti al medesimo settore o ad altri collegati per risolvere il problema cronico di sottodimensionamento che esiste nel nostro Paese, in cui la stragrande maggioranza delle società sono PMI. Dalle operazioni infragruppo, non sempre cristalline a onor del vero, possono sorgere molte violazioni dei principi delle normative tali da danneggiare il patrimonio delle controllate, scaturendo così presupposti per azioni di responsabilità. 2.b GOVERNANCE E ORGANI AMMINISTRATIVI DELLE BANCHE DI MINORI DIMENSIONI Tutte le considerazioni espresse nel paragrafo precedente sono generalmente valide per ogni tipo di impresa, a prescindere dalle dimensioni, dal settore di appartenenza e dalla struttura interna. Esaminando invece specificatamente le banche di piccole dimensioni, e le BCC in particolare, emergono numerose particolarità che le differenziano da qualsiasi altro ente e introducono nuove problematiche in merito al rischio di gestione. La struttura gerarchica di una banca, anche quelle di minore dimensione, è solitamente abbastanza articolata e segue una logica funzionale, secondo la teoria di Favotto (2007). Le varie unità (tipicamente la divisione filiali, la divisione operativa e la divisione amministrativa) dipendono direttamente dagli organi amministrativi (consiglio d amministrazione e direttore generale). All interno di ogni divisione poi vi sono diversi livelli gerarchici (responsabili, capi-ufficio, direttori di filiale, responsabili di filiale). La ratio che soggiace a questa struttura piramidale è la procedura di affidamento determinata dal regolamento interno: essendo l esercizio del credito il core business di questa categoria di intermediari finanziari, il maggior sforzo organizzativo e pianificativo si esplica proprio in questa funzione e l intera struttura della banca è incentrato in essa. Una gerarchia di questo genere conduce ad un accentramento decisionale: la maggioranza delle delibere dei fidi, e in particolare tutte quelle di importo rilevante o in favore di soggetti importanti, vengono ratificate dai massimi livelli, cioè dal direttore generale e dai consiglieri, che quindi ne sopportano quasi interamente il rischio. 8

9 Il grafico sovrastante mostra l organigramma della BCC di Cartura: si può notare la struttura di tipo funzionale con diversi livelli gerarchici, a dimostrazione di come sia marcato l accentramento decisionale. Ciò premesso, limitare le sorgenti dei rischi di gestione al solo assetto organizzativo e all accountability delle decisioni in tema di procedure di affidamento non è corretto ai fini della completezza dell analisi delle motivazioni che spingono sia l Istituto sia i membri degli organi dirigenziali a ricercare forme di tutela dalle responsabilità che ne seguono. Infatti, le regole di governance delle Società cooperative hanno alcune caratteristiche proprie che le differenziano in maniera sostanziale rispetto a qualsiasi altra forma giuridica e che hanno un impatto consistente sulla rischiosità dell operato del management (vedesi gli studi di Dell Atti, 2007). Nello specifico vi sono tre principi che devono essere citati: 1. Nelle votazioni dell assemblea di una società cooperativa vige la regola del voto capitario, in ottemperanza alla disciplina dettata dall art.2538 del c.c.. Al contrario di quanto accade nelle società di capitali, il numero di azioni o il valore della quota di capitale 9

10 posseduta dal socio è ininfluente, perché ogni socio ha diritto a un solo voto. La ragione di questa particolare forma di governo sta nella nozione di democraticità che il Legislatore ha perseguito nella formulazione della normativa di questo tipo di Società. 2. In base all articolo 2525 del c.c., nessun socio può avere quote superiori a Euro, o, nelle Società con più di 500 soci 5, più del 2% del capitale sociale. Si tratta di una vera e propria limitazione alla partecipazione, sempre per assicurare il concetto di parità ed equilibrio all interno della compagine sociale. 3. Secondo gli articoli 2545 quater e seg. del c.c., gli eventuali utili vanno destinati almeno per il 30% a riserva legale e un ulteriore quota va corrisposta a fondi mutualistici per lo sviluppo della cooperazione (lo statuto sociale della BCC di Cartura impone il 70% a riserva legale). Solo la parte restante può venire distribuita, a condizione che il rapporto tra patrimonio netto e indebitamento sia superiore a un quarto. La BCC di Cartura è ancora più precisa, e meno generosa con i propri soci, dato che lo statuto impone di distribuire al socio utili pari al tasso di interesse dei buoni postali fruttiferi maggiorato di due punti e mezzo sul capitale versato. Queste tre norme hanno lo scopo di mitigare l interesse dei soci a esercitare forme di controllo della gestione, cosicchè il management gode di una libertà d azione decisamente maggiore rispetto a Enti di dimensioni simile ma con differenti forme giuridiche. In più, gli amministratori e il direttore generale hanno un altro potere non trascurabile, che dà loro ancora più forza e autonomia rispetto alla proprietà: possono esprimere il proprio gradimento sull ampliamento della compagine sociale, consigliare su individui da accogliere in essa e il codice civile (articoli 2528, 2532 e 2533) prescrive che siano i membri del CdA a deliberare in materia di ammissione, esclusione e recesso del socio. Neppure certi sistemi di autoregolazione del mercato come gli hostile takeovers sono efficaci nel caso delle BCC: praticamente nessuna di esse (e neanche la BCC di Cartura) ha le proprie azioni quotate presso mercati regolamentati, fatto comunque irrilevante dato che in assemblea il voto è capitario e vi sono limiti alla partecipazione. In ogni caso le BCC non sembrano risentire di questi problemi di equilibri di potere tra proprietà e management, riuscendo a fornire, anche in questo difficile periodo di crisi, performance almeno in linea con le banche commerciali se non addirittura superiori: gli impieghi a giugno 2010 sono cresciuti su base annua del 9,4% (rispetto al 4,8% dell intero sistema bancario) nonostante un rapporto sofferenze lorde/impieghi migliore (4,6% contro 5,5%) 6. Ad ulteriore esempio, nel 2011 il conto economico della BCC di Cartura è rimasto in attivo nonostante la situazione economica, 5 La BCC di Cartura ha più di 2400 soci e rientra perciò in questo gruppo 6 Dati reperiti da Paolini R. 2010, Repubblica.it Archivio 10

11 registrando un utile a fine anno di euro e riuscendo persino a incrementare i margini di intermediazione e di interesse. In proposito la struttura e le regole di governance delle banche cooperative presentano anche diversi punti di forza rispetto agli altri istituti di credito: la territorialità e la mutualità prevalente. L obbligo di operare principalmente nei comuni dove è presente una filiale e in quelli contigui restringe considerevolmente la clientela e innesca il meccanismo del peer monitoring: cioè si tratta di un automatismo di controllo fondato sull appartenere al medesimo gruppo sociale, dato che molto spesso i dirigenti e i clienti sono concittadini o si conoscono anche nella vita privata, così il rischio di comportamenti dettati da moral hazard 7 è nettamente minore. Favorisce il controllo sull operato del management anche l obbligo di mutualità prevalente: dal momento che i soci sono anche i beneficiari dell erogazione del credito 8, la gestione dovrà essere in grado di rispondere in modo efficace alle esigenze delle imprese gestite dai soci e quindi il benessere e lo sviluppo del territorio di competenza diventa un indicatore della bontà della gestione. Tutto ciò però non è sufficiente a prevenire sempre i fenomeni di mala gestione: basti pensare al caso del Credito Cooperativo Fiorentino, che in tre anni ha creato un buco di 70 milioni di euro ed è stato portato al fallimento 9. Se infatti una BCC cresce di dimensioni e supera i confini territoriali all interno dei quali è nata, oppure la sua compagine sociale diventa troppo grande e diversificata, i meccanismi sopra descritti perdono la loro efficacia. Da qui nasce un esigenza di tutela per la proprietà. 7 Con moral hazard si intende un fallimento del mercato dovuto al fatto che la parte meno informata non è in grado di controllare i comportamenti della parte più informata, secondo la definizione di Rosen e Gayer (2010), Scienza delle finanze, pag la maggior parte delle richieste di ammissione a socio sono fatte dagli imprenditori per ottenere tassi migliori sui fidi e i consigli dei direttori sulle stesse sono fatte per rientrare nei parametri della mutualità 9 Dati reperiti dal Corriere Fiorentino, 25 marzo 2012, Marzio Fatucchi, Simone Innocenti 11

12 3. LA RESPONSABILITA CIVILE DEGLI AMMINISTRATORI Finora sono stati esaminati i possibili scenari dai quali possono derivare errori nella gestione o comportamenti che possono recare danno alla società. Rimane da affrontare il tema di come la legge italiana risponda a queste fattispecie: la fonte del diritto è ancora una volta il codice civile, che con gli articoli 2392 (responsabilità verso la società), 2393 (azione sociale di responsabilità), 2393 bis (azione sociale di responsabilità esercitata dai soci), 2394 (responsabilità verso i creditori sociali), 2394 bis (azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali), 2395 (azione individuale del socio e del terzo) e 2396 (direttori generali) disciplina la responsabilità civile degli amministratori delle società per azioni. Gli studi di Abriani (2008) e Turelli (2008) spiegano che la normativa per le società a responsabilità limitata è molto simile a quella delle s.p.a., anche per la responsabilità verso i creditori sociali, che pur non essendo esplicitata dal codice è da ritenersi comunque valida; le differenze sono situate principalmente nell azione sociale di responsabilità che può essere intrapresa da ciascun socio, al contrario delle s.p.a. dove il procedimento è soggetto a delibera assembleare o del collegio sindacale oppure promosso da soci che rappresentino almeno un quinto del capitale sociale ex art bis. Nelle s.p.a. inoltre la società ha la possibilità di rinunciare all azione di responsabilità con espressa votazione assembleare a meno che non vi sia il voto contrario di una minoranza che rappresenti almeno un quinto del capitale sociale. Da ricordare che l azione sociale implica anche la revoca dall ufficio degli amministratori se viene deliberata con il voto favorevole di almeno un quinto del capitale sociale. Nei confronti dei soci e della società, gli amministratori devono rispondere a titolo di responsabilità contrattuale per inadempimento (responsabilità che non può essere invocata se gli atti cagionanti il danno siano dovuti all attuazione di delibere dell assemblea dei soci), verso i creditori per mancata conservazione del patrimonio che diventa insufficiente a soddisfare le obbligazioni assunte, e verso il singolo socio o terzi se l amministratore ha compiuto un atto illecito, colposo o doloso che arrechi loro un danno diretto e in questo caso si tratta di responsabilità di natura extracontrattuale. Gli amministratori sono solidalmente responsabili per i danni che arrecano non adempiendo ai loro doveri, come prescritto dall articolo 2391, tuttavia coloro che non avessero preso parte ai fatti che li hanno causati sono esentati dall obbligo di risarcimento, sempre che abbiano cercato di impedire il compimento degli stessi, altrimenti la responsabilità graverà anche su di loro per violazione dell obbligo di vigilanza. Si ha invece sussidiarietà per la responsabilità ex art e 2394 bis qualora il patrimonio della società non fosse sufficiente a soddisfare le richieste del danneggiato. 12

13 Un altra forma di responsabilità a carico degli amministratori scaturisce quando, in seguito al verificarsi di una causa di scioglimento, proseguano la gestione senza limitarsi alla conservazione dell integrità e del valore del patrimonio sociale, come ordina l articolo 2486 comma I del c.c.: gli eventuali danni a Società e creditori derivanti dalla violazione di questa norma dovranno essere risarciti. Medesimo obbligo di risarcimento nasce in caso di violazione dei principi ex art in materia di redazione di bilancio oppure di inadempimento degli obblighi previdenziali e fiscali sempre che l inosservanza abbia causato danni patrimoniali alla società o a terzi. Un ultima casistica da osservare è la normativa sul conflitto di interessi, in base alla nuova formulazione dell articolo 2391 del c.c.: l amministratore deve dare notizia agli altri amministratori e al collegio sindacale di ogni interesse che, per conto proprio o di terzi, abbia in una determinata operazione della società.. Se non provvedesse ad adempiere all obbligo e il suo voto fosse decisivo per l approvazione in fase di delibera dell operazione, dovrà rispondere dei danni derivati alla società dalla sua azione od omissione. Per quanto riguarda il ruolo di direttore generale, se nominato dall assemblea o previsto dallo statuto, trovano applicazione tutte le norme che disciplinano la responsabilità civile dell amministratore, in relazione ai compiti a lui affidati, equiparando così a questa figura le necessità di tutela in capo agli amministratori. 13

14 4. LA POLIZZA In precedenza si è analizzato come la gestione di impresa sia un attività ricca di rischi, sia per chi la esercita sia per l ente stesso, tale da creare la necessità di uno strumento che ne salvaguardi i patrimoni. La risposta del mercato assicurativo a questa esigenza è la polizza D&O (Directors and Officers). Si tratta di un assicurazione che copre la responsabilità civile degli amministratori, dei sindaci e dei dirigenti di una Società per errori, negligenze e omissioni commessi nell esercizio della loro attività causanti danno a terzi o alla Società stessa. Essa viene contratta per tutelare gli amministratori e le Società non solo dalle richieste risarcitorie dei terzi e dai conseguenti effetti patrimoniali, ma anche dall organizzazione di azioni di tipo amministrativo, penale o regolatorio rivolte contro il management. 4.a LA STORIA DELLA POLIZZA La prima forma di copertura assicurativa a favore degli amministratori risale ai tempi della Grande Depressione negli Stati Uniti d America (Ross, Dixon & Bell Attorneys, 2002, e Gische e Werner, 2000): in seguito all US Securities Act del 1933, che imponeva obblighi di disclosure per le aziende che si quotavano in borsa e responsabilità civile per la non correttezza delle informazioni pubblicate 10, la Società Lloyd s di Londra introdusse la Personal Finance Protection Insurance, visto anche che negli USA non era permesso alle imprese di indennizzare i dirigenti. Questo prodotto tuttavia non riscosse un grande successo, perché ai tempi non c era ancora una corretta e consapevole percezione dei rischi connaturati alla gestione d impresa. Il mercato americano ristagnò per circa vent anni, fino al secondo dopoguerra: le leggi che furono promulgate negli anni Quaranta e Cinquanta, in piena ripresa economica, resero possibile l indennizzo da parte delle compagnie a favore degli amministratori, rendendo in tal modo il loro patrimonio aggredibile dai terzi che facevano pervenire richieste di risarcimento da azioni di responsabilità contro il management. Questo nuovo rischio diede un impulso decisivo alla domanda di polizze di protezione del patrimonio personale, che furono protagoniste verso la fine degli anni Sessanta di un vero e proprio boom presso il mercato statunitense con numerose altre compagnie che si aggiunsero ai Lloyd s nel proporre al mercato questo tipo di polizze. Si calcola che, mentre 10 Sarkar, D.,

15 nel 1965 circa il 10% delle maggiori aziende ne avesse sottoscritta una, entro la fine del 1971 se ne fossero dotate almeno il 70% 11. Dagli anni Settanta fino alla prima metà degli anni Novanta lo schema contrattuale delle polizze D&O rimase pressochè inalterato: la copertura era suddivisa in due rami, chiamati Side A e Side B. Il Side A tutelava in maniera diretta il management per le perdite, incluse le spese legali, che la Società non poteva risarcire, come nelle azioni sociali di responsabilità e per le infrazioni del dovere di lealtà, o se per contratto non era tenuta a indennizzare o se si trovava in stato di insolvenza, perciò materialmente impossibilitata a farlo. Il Side B invece, da inserire nel contratto di polizza tramite apposita clausola, rimborsava la Società delle spese di indennizzo sostenute a favore degli amministratori. Il mercato americano di questo prodotto assicurativo continuò a svilupparsi, aggiungendo sempre nuove e più raffinate forme di copertura, fino agli anni Ottanta, periodo in cui versò in una profonda crisi (Romano, 1989): i costi delle spese legali e delle richieste di risarcimento crebbero esponenzialmente, rispettivamente del 35% e del 50%, abbattendo la redditività del settore 12. Anno media spese di risarcimento media spese legali 1980 $ $ $ $ $ $ Sicuramente il crollo della Borsa del 1987 e il fallimento nello stesso periodo di banche e imprese petrolifere contribuì al crollo di questo settore: lasciarono il mercato la maggioranza delle maggiori compagnie assicurative (restarono solo i Lloyd s, AIG e Chubb), e di conseguenza i costi dei premi lievitarono, registrando aumenti addirittura del 200% 13, mentre le clausole delle polizze si fecero sempre più restrittive. Finalmente la situazione migliorò a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, grazie alla ripresa economica e al Private Securities Litigation Reform Act del 1995, che diminuì in maniera sostanziale il numero di cause intentate nei confronti delle Società: numerose compagnie assicurative rientrarono nel mercato D&O, aumentando così la concorrenza e la qualità del prodotto offerto e nel contempo i prezzi dei premi calarono nettamente, dimezzandosi tra il 1996 e il Dati del Wholesale Trading Co-Op Insurance Services LLC 12 I dati sia sull aumento dei costi sia della tabella sono stati presi da Wyatt Survey Dati Wyatt Survey

16 In questo periodo la polizza D&O iniziò a diffondersi anche nel resto del mondo occidentale, così nacque l esigenza di adeguare le clausole alle diverse normative vigenti nei vari Paesi: essendo le leggi americane in materia finanziaria molto diverse rispetto al resto del mondo, venne creato il Side C, che copriva le Società contraenti solo dalle cause intentate per atti illeciti riguardo i titoli emessi in mercati regolamentati USA, mentre le assicurazioni vendute nel resto del mondo non coprivano, e tuttora non coprono, per le cause d oltre oceano. In seguito alla recente crisi finanziaria, le società assicuratrici operanti in America si sono viste costrette a pagare milioni di dollari di risarcimento: essendo nel solo settore finanziario fallite più di 250 banche, sono state numerosissime le richieste di risarcimento pervenute dai depositanti e dai creditori. In seguito a ciò le compagnie hanno diminuito l offerta di polizze D&O con un conseguente aumento del prezzo dei premi anche superiore al 400%. Tuttavia il mercato sta mostrando segnali di ripresa, dato che la situazione economica statunitense sta lentamente iniziando a stabilizzarsi. Tornando all interno dei confini del nostro Paese, il mercato di polizze D&O non è ancora molto sviluppato, probabilmente anche a causa dell assenza di tali prodotti emessi da compagnie assicurative italiane 14. Tuttavia si calcola che più del 90% delle aziende Large Cap (le Blue Chips) quotate presso Borsa Italiana se ne sia dotato e che si stia diffondendo sempre più anche nelle altre aziende di una certa dimensione, soprattutto nei settori più attenti a questo tipo di strumenti, in primis in quello bancario, mentre, secondo un indagine condotta da AON Italia nel 2004, solo la metà delle aziende che avevano le loro azioni negoziate nei mercati regolamentati avevano sottoscritto la polizza. A partire dall inizio del Duemila si è assistito ad un aumento dei prezzi dei premi, a seguito dei casi di responsabilità Enron, Ericcson e Parmalat: la media europea è stata del 24,7%, mentre quella italiana si è attestata intorno al 15-20%, essendo un mercato meno sviluppato 15. Tuttavia a partire dal 2004 la richiesta di polizze è cresciuta considerevolmente, anche del 30% all anno 16, e una progressiva stabilizzazione del numero di sinistri denunciati 17 (nonostante l aumento di prodotti venduti) ha abbassato i prezzi del 7%. 14 Per precisione Intesa Sanpaolo a partire dal 2011 la propone, pur in collaborazione con la Arch Insurance Company, come da nota stampa marzo 2011 di Intesa SanPaolo 15 dati tratti dai materiali del Seminario organizzato da Assofondipensione sulla responsabilità civile degli amministratori dei Fondi Pensione Negoziali, Roma 31/01/ dati AON Italia tratti dall articolo di Puato, A. (2004) 17 dati tratti dai materiali del Seminario organizzato da Assofondipensione sulla responsabilità civile degli amministratori dei Fondi Pensione Negoziali, Roma 31/01/

17 asasa Il grafico, tratto dal seminario tenuto da Assofondi il 31/01/2011, mostra il numero dei sinistri denunciati dal 2003 al 2011 in Italia su un campione del 50% del portafoglio italiano. La recente crisi economica ha colpito anche il mercato D&O italiano, analogamente al resto dell europa: il crescente numero dei sinistri e l aumento delle spese legali e degli importi delle richieste di risarcimento ha incrementato il prezzo dei premi delle polizze, soprattutto di quelle contratte da imprese operanti nel settore finanziario. 4.b IL CONTRATTO DELLA POLIZZA Analizzando le caratteristiche tecniche di questo tipo di polizza, la procedura di assicurazione prevede che sia l ente o l azienda a stipulare il contratto con la società di assicurazioni, mentre gli assicurati sono i membri passati (a meno che la decadenza dal loro ufficio non sia dovuta a interdizione), presenti e futuri degli organi di direzione definiti dagli articoli 2380 bis e s.s., 2409 octies e s.s. e 2409 sexiesdecies e s.s. del c.c., quali Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale, Comitato Esecutivo, Consiglio di Gestione, Consiglio di Sorveglianza, Comitato di 17

18 Controllo di Gestione e dirigenti. Rientrano nella categoria di soggetti assicurati anche i dipendenti, lo shadow director (azionista di maggioranza della società che, pur non rientrando nel quadro direttivo, di fatto detta le linee guida della gestione aziendale), e i coniugi, gli eredi e i legali rappresentanti degli amministratori, dirigenti e sindaci per gli atti illeciti di questi ultimi. Oggetto dell assicurazione sono tutte le perdite derivanti da una richiesta di risarcimento notificata da terzi per la prima volta nei confronti degli assicurati durante il periodo di assicurazione per un atto illecito, anche relativo a rapporti di lavoro, commesso dopo la data di retroattività stabilita tra le parti. Punto essenziale è la formula notificata per la prima volta in quanto in fase di stipula viene prospettato al contraente un questionario in cui deve dichiarare ogni richiesta di risarcimento avanzata nei confronti della società e anche eventuali fatti di cui sia a conoscenza che possano dare adito a simili richieste in futuro, che ovviamente non verranno coperte. Per di più l assicuratore si impegna a rifondere alla Società e agli assicurati tutte le spese di rappresentanza legale in riferimento a un indagine per la quale è richiesta la presenza di un assicurato e/o che la Società è giuridicamente obbligata o autorizzata a pagare agli assicurati. Questo ulteriore rimborso non viene normalmente compreso nel massimale della polizza, poiché le spese in eccesso allo stesso, come d altro canto prescritto dall articolo 1917 comma III del c.c., che determina nel 25% il limite massimo di spese che l assicuratore è tenuto a liquidare in eccedenza. E altresì importante la data di retroattività: per tutelarsi in maniera completa viene spesso scelta la data di iscrizione presso il Registro delle Imprese. Inoltre, a parziale deroga all articolo 1900 comma 1 del c.c., che dichiara che: L assicuratore non è obbligato per i sinistri cagionati da dolo o da colpa grave del contraente, dell assicurato o del beneficiario, salvo patto contrario per i casi di colpa grave, la copertura assicurativa viene effettivamente estesa alla colpa grave degli assicurati. Merita ugualmente un breve approfondimento il periodo di assicurazione in quanto la polizza D&O è di tipo claims made : di ideazione anglosassone, con questa formula vengono accolte le richieste di risarcimento inoltrate durante il periodo di validità contrattuale, a prescindere dal momento in cui sia venuto a sussistere il fatto che l abbia cagionate, salvo che l assicurato non ne fosse a conoscenza al momento della stipula. Questa clausola si discosta dall articolo 1917 I comma del c.c. che prevede che Nell assicurazione della responsabilità civile, l assicuratore è obbligato a tenere indenne l assicurato di quanto questi, in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo dell assicurazione, deve pagare a un terzo, in dipendenza della responsabilità dedotta nel contratto. [ ] e neppure la giurisprudenza ha dato una risposta univoca: mentre la Corte di Cassazione l ha considerato un contratto atipico meritevole di tutela 18, il Tribunale di Milano l ha considerata 18 1: Cassazione Civile, sentenza 15 marzo 2005 n

19 clausola vessatoria 19 rendendo necessaria la doppia approvazione di cui all articolo 1341 del c.c. per validarla. Riassumendo il claim made in uno schema: PERIODO DI EFFICACIA DELLA COPERTURA RETROATTIVITA (se prevista) PERIODO DI ASSICURAZIONE EXTENDED REPORTING PERIOD (se previsto) PERIODO UTILE PER LA DENUNCIA DEI SINISTRI L extended reporting period, altrimenti detto discovery period, consiste in un ulteriore clausola inseribile nel contratto che garantisce l assicurato anche per le richieste pervenute in un certo periodo di tempo successivo alla scadenza della polizza, usualmente compreso tra i trenta e i sessanta giorni. Intendendo gli atti illeciti come qualsiasi violazione reale o presunta di un dovere fiduciario, errore, omissione, errata e/o falsa dichiarazione, negligenza o violazione di doveri da parte di un assicurato mentre agisce in qualità di amministratore, dirigente o dipendente della società o di una società partecipata, la gamma di soggetti terzi tutelata è molto vasta: in primis la società stessa in caso di azione sociale di responsabilità ai sensi dell articolo 2393, 2393 bis, 2409 decies e 2476 del c.c. per l inadempimento degli obblighi imposti ad amministratori e dirigenti dalla legge o dall atto costitutivo e i soci nell eventualità di un azione sociale (art bis del c.c.) o individuale (art. 2395) di responsabilità, qualora siano stati direttamente danneggiati dall operato degli assicurati. Sono inoltre garantiti i creditori sociali, per l inadempimento degli obblighi riguardanti la conservazione dell integrità del patrimonio sociale conformemente all articolo 2394 del c.c., i concorrenti per concorrenza sleale e violazione della normativa Antitrust e i curatori fallimentari, commissari liquidatori, commissari straordinari per fallimento, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria ai sensi dell articolo 2394 bis del c.c.. Infine sono garantite anche le richieste di risarcimento per qualunque altro procedimento civile, arbitrale, penale, amministrativo o 19 2: Tribunale di Milano, giudice Spera, sentenza 18 marzo 2010 n

20 di un autorità di vigilanza intrapreso nei confronti dell assicurato per uno specifico atto illecito e possono essere comprese anche le richieste dovute a danni ambientali o inquinamento, se previste da apposita clausola contrattuale. Un estensione molto importante e presente nella maggior parte delle polizze D&O è la cosiddetta Employment Practice Liability, che va a coprire anche il rischio derivante dalle azioni legali intraprese da dipendenti, ex dipendenti e amministratori contro gli assicurati a seguito di controversie sorte durante il rapporto di lavoro, aspetto fondamentale data la crescente coscienza riguardo questo tipo di problematiche e quindi il moltiplicarsi di cause di questo genere. Di conseguenza l ente assicuratore pagherà anche in caso di licenziamento illecito o illegittimo, dimissioni rassegnate per fatto o colpa del datore di lavoro o impugnate per vizi della volontà, violazione scritta o verbale del contratto di lavoro, falsa rappresentazione della posizione di lavoro, discriminazione, molestia, ingiusto diniego di assunzione o promozione, ingiusta privazione di opportunità di carriera, ingiusta forma di disciplina, errore nel determinare una posizione o valutazione negligente, errore nel fornire accurate referenze, invasione della privacy, ritorsione (intesa come atto illecito susseguente o alla divulgazione o intenzione di divulgare un qualunque atto compiuto dall assicurato supposto in violazione di legge o a un reale o tentato esercizio da parte del prestatore di lavoro di un diritto in capo allo stesso per legge) e ogni altra violazione di doveri commessa da o per conto dell assicurato in relazione ad un rapporto di lavoro con la Società di qualsiasi prestatore di lavoro passato, presente o potenziale. Naturalmente all interno del contratto sono contemplati casi di esclusione, cioè fattispecie in cui l assicuratore non è tenuto a pagare alcunchè per le perdite degli assicurati: se questi ultimi hanno commesso azioni o omissioni dolose o fraudolente o ottenuto vantaggi o utilità personali di cui non avevano diritto, se i fatti sono avvenuti prima della data di retroattività o se la Società o l assicurato erano a conoscenza o avrebbero dovuto ragionevolmente conoscere il fatto che ha causato la richiesta di risarcimento prima della data di decorrenza del periodo di assicurazione. I fattori che concorrono alla determinazione del premio annuale possono essere suddivisi in tre gruppi: I. Clausole contrattuali: il premio cresce con l aumento della copertura offerta all assicurato, ad esempio viene influenzato dal massimale di copertura perdite, dalla presenza dell employment practice liability e di ogni altra clausola che estende le garanzie previste dal contratto standard, dell extended reporting period o dal limite stabilito per il rimborso delle spese legali. 20

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli