Competenze ed Ambiti di attività del Servizio Prevenzione e Protezione in una Azienda Sanitaria Dott. Pierfranco Garlanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Competenze ed Ambiti di attività del Servizio Prevenzione e Protezione in una Azienda Sanitaria Dott. Pierfranco Garlanda"

Transcript

1 Competenze ed Ambiti di attività del Servizio Prevenzione e Protezione in una Azienda Sanitaria 1

2 D.Lgs 81/08 art. 2: i soggetti della prevenzione in azienda oggi o Datore di Lavoro Dirigenti Preposto Lavoratori Medico competente Responsabile/Addetto Servizio di Prevenzione e Protezione Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Addetti alle emergenze progettisti installatori appaltatori 2 Committente appaltante

3 Quadro relazioni del Servizio di Prevenzione e Protezione con gli i altri attori della sicurezza previsti Dlgs 81 /2008 Datore di lavoro Servizio di Prevenzione e Protezione (S.P.P.) nomina Responsabile del S.P.P. Addetti al S.P.P. I lavoratori nominano firma strumento operativo Medico competente Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (R.L.S.) Obbligo del singolo lavoratore di segnalare eventuali problemi legati alla sicurezza a datore di lavoro, dirigente, preposto, Valutazione dei rischi (aggiornamento nel tempo) 3

4 Titolo I - Disposizioni generali Sezione III Servizio P.e P. articolo 31: (corrispondente all articolo 8 del D lgs 626/94 ) regolamenta il SERVIZIO DI PREVENZIONE e PROTEZIONE e ne definisce i caratteri generali articolo 32: Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione.. Dlgs 81/08 TESTO UNICO 4

5 Titolo I - Disposizioni generali Sezione III Servizio P.e P. articolo 33: (ripropone l articolo 9 del Dlgs 626/94) identifica i COMPITI del Servizio di Prevenzione e Protezione Dlgs 81/08 TESTO UNICO 5

6 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. n s.m.i. Articolo 31 (Servizio di di prevenzione e protezione) Salvo Salvo quanto quanto previsto dall articolo 34, 34, il il datore datore di di lavoro lavoro organizza il il servizio di di prevenzione e protezione all interno della azienda o della della unità unità produttiva, Gli Gli addetti e i i responsabili dei dei servizi, interni o esterni, di di cui cui al al comma 1, 1, devono possedere le le capacità e i i requisiti professionali di di cui cui all articolo 32, 32, devono essere in in numero sufficiente rispetto alle alle caratteristiche dell azienda e disporre di di mezzi e di di tempo adeguati per per lo lo svolgimento dei dei compiti loro loro assegnati Nell ipotesi di di utilizzo di di un un servizio interno, il il datore di di lavoro può può avvalersi di di persone esterne alla alla azienda in in possesso delle conoscenze professionali necessarie, per per integrare, ove ove occorra, l azione di di prevenzione e protezione del del servizio Il Il ricorso a persone o servizi esterni è obbligatorio in in assenza di di dipendenti che, che, all interno dell azienda ovvero dell unità produttiva, siano in in possesso dei dei requisiti di di cui cui all articolo aprile 2008, n. 81 s.m.i. Dlgs 81/08 TESTO UNICO 6

7 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. n s.m.i. 9 aprile 2008, n. 81 s.m.i. Articolo 31 (Servizio di di prevenzione e protezione) L istituzione del servizio di di prevenzione e protezione all interno dell azienda, ovvero dell unità produttiva, è comunque obbligatoria nei seguenti casi:.... g) g) nelle strutture di di ricovero e cura pubbliche e private con oltre lavoratori. Nelle ipotesi di di cui al al presente comma il il Responsabile del servizio di di prevenzione e protezione deve essere interno. Dlgs 81/08 TESTO UNICO 7

8 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. n s.m.i. Articolo 33 (Compiti del del servizio di di prevenzione e protezione) Il Il servizio di di prevenzione e protezione dai dai rischi rischi professionali PROVVEDE: a) a) all individuazione dei dei fattori fattori di di rischio, rischio, alla alla VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI e all individuazione delle delle MISURE PER PER LA LA SICUREZZA e la la salubritàdegli ambienti di di lavoro, lavoro, nel nel rispetto rispetto della della normativa vigente vigente sulla sulla base base della della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; b) b) ad ad ELABORARE, per per quanto quanto di di competenza, le le MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE di di cui cui all articolo articolo28, 28, comma 2, 2, e ii sistemi di di controllo di di tali tali misure; c) c) ad ad elaborare le le procedure di di sicurezza per per le le varie varie attività attività aziendali; d) d) a proporre i i programmi di di informazione e formazione dei dei lavoratori; e) e) a partecipare alle alle consultazioni in in materia materia di di tutela tutela della della salute salute e sicurezza sul sul lavoro, lavoro, nonché nonchéalla alla riunione periodicadi di cui cui all articolo 35; 35; f) f) a fornire fornire ai ai lavoratori le le informazionidi di cui cui all articolo I I componenti del del servizio di di prevenzione e protezione sono sono tenuti tenuti al al segreto segreto in in ordine ordine ai ai processi lavorativi di di cui cui vengono a conoscenza nell esercizio delle delle funzioni di di cui cui al al presente decreto legislativo Il Il servizio di di prevenzione e protezione è utilizzato dal dal datore datore di di lavoro. lavoro. 9 aprile 2008, n. 81 s.m.i. Dlgs 81/08 8 TESTO UNICO

9 Titolo I - Disposizioni generali Sezione II Valutazione dei rischi articolo 28: impone al datore di lavoro di considerare TUTTI I RISCHI per la salute e sicurezza dei lavoratori, compresi quelli collegati allo stress da lavoro, alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri paesi. Gli esiti di detta valutazione confluiscono nel documento di valutazione dei rischi di cui al comma 2, nel quale è contenuta l eventuale individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici. Dlgs 81/08 9 TESTO UNICO

10 Di fatto sino a questo punto non è che il D.lgs 81/2008 differisca di molto dal D.lgs 626/94.. Il vero cambio di marcia è dato dal contenuto dell art

11 Adozione di Misure Tecniche, Organizzative e Procedurali di prevenzione e protezione S.C. Prevenzione Protezione e Sicurezza ASL To3 11

12 Fare Prevenzione significa... Individuare delle Misure. 1. Tecniche 2. Procedurali 3. Organizzative atte a prevenire incidenti, infortuni e malattie 12

13 1. Misure Tecniche Per la gestione di impianti e macchine in sicurezza Gestione tecnica rete idrica acqua calda sanitaria per prevenzione contaminazione da legionella Gestione tecnica liquidi e gas criogenici (N 2 liq.. O 2 liq.) e gas medicali (Aria medicale, Ossigeno, Protossido N, Vuoto) Gestione impianti UTA e sostituzione periodica filtri Gestione rete rilevamento antincendio Gestione rete idrica antincendio idranti, spinkler estintori Gestione sistemi e apparecchiature in pressione Gestione e verifica periodica sicurezza impianti elettrici Gestione e verifica periodica apparecchiature elettromedicali Gestione apparecchiature ad emissione di alte energie (Ionizzanti, Non ionizzanti, Magnetiche, Laser, UV. IR. ecc ecc). 13

14 2. Misure Procedurali Per la gestione delle attività in sicurezza.. Procedure per la pulizia e disinfezione di superfici, attrezzature e locali Procedure per la gestione e smaltimento dei rifiuti di origine sanitaria Procedure per l accesso in zone a rischio (zona controllata RX, area Magnete RM,Laboratorio di Microbiologia, Zona a rischio Laser, Reparto infettivi, ecc) Procedure per il trasporto di materiale a rischio Biologico (Campioni ematologici e istologici) Procedure per la preparazione e somministrazione di farmaci citostatici. ecc ecc. 14

15 3.. MISURE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008) 15

16 Titolo I - Disposizioni generali Sezione II Valutazione dei rischi articolo 30: individua le caratteristiche che i MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE debbono avere perché l azienda non incorra nella responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, estesa dall articolo 9 della legge 3 agosto 2007, n. 123, alla materia della salute e sicurezza sul lavoro). Dlgs 81/08 TESTO UNICO 16

17 Nel periodo compreso tra i magistrati che dovevano attribuire le responsabilità di un incidente sul lavoro quando chiedevano A chi compete gestire gli aspetti di sicurezza del lavoro in azienda? in troppi hanno risposto.. La gestione della sicurezza compete ad un altro soggetto aziendale.... io deve già assolvere ad un altro compito 17

18 le conseguenze di una simile condotta difensiva sono scritte nella giurisprudenza di questi anni. INCIDENTE MALATTIA Datore Lavoro Dirigente Preposto AUTORITA GIUDIZIARIA Indagine giudiziaria per accertare le responsabilità che i singoli soggetti hanno avuto nelle genesi della malattia / incidente o. nel non impedire che il fatto accadesse ( ovvero sospendere l attività da loro diretta nel caso che questa fosse svolta in condizioni di insicurezza) Una volta accertate le responsabilità penali. ne discendono poi le responsabilità civili per il risarcimento del danno biologico, all infortunato infortunato..(tale indennizzo è a carico dei soggetti che sono stati ritenuti colpevoli in sede penale dell incidente o della malattia.) 18

19 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori I legislatori del D.lgs 81/08 hanno quindi deciso di porre termine a questi atteggiamenti e con l art.lo 30 hanno introdotto l obbligo di adottare un MODELLO DI ORGANIZZAZIONE in grado di assicurare un sistema aziendale per adempiere a tutti gli obblighi giuridici relativi alla sicurezza. Linee guida UNI-INAIL INAIL 2001 British Standard OHSAS 18001:

20 LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSL - UNI INAIL 2001) Elaborate Elaborate dal dal gruppo gruppo di di lavoro lavoro costituito costituito dalle dalle seguenti: seguenti: CGIL, CGIL, CISL, CISL, CNA, CNA, CONFAGRICOLTURA, CONFAPI, CONFAPI, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO, CONFINDUSTRIA, CONFINDUSTRIA, INAIL, INAIL, ISPESL, ISPESL, UIL, UIL, UNI UNI 20

21 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 A. FINALITA Un SGSL è finalizzato a garantire il raggiungimento degli obiettivi di salute e sicurezza che l impresa /organizzazione si è data in una efficace prospettiva costi/benefici. 21

22 22

23 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 Le sequenze delle fasi generalmente applicabili, quando l SGSL è a regime, sono: - stabilire la politica aziendale per la salute e sicurezza sul lavoro lavoro, che definisca gli impegni generali per la prevenzione dei rischi ed il miglioramento progressivo della salute e sicurezza; - identificare le prescrizioni delle leggi e dei regolamenti applicabili; - identificare tutti i PERICOLI e VALUTARE I RELATIVI RISCHI per tutti i lavoratori, compresi i casi, associati con i processi, le attività operative ed organizzative (comprese le interazioni fra gli addetti), le sostanze e i preparati pericolosi, ecc.; - identificare i soggetti potenzialmente esposti - fissare specifici obiettivi appropriati, raggiungibili e congruenti con gli impegni generali definiti nella politica; - elaborare programmi per il raggiungimento di tali obiettivi, definendo priorità, tempi e responsabilità ed assegnando le necessarie risorse; Ovvero, quando il SGSL è a regime l art. 30 del D.lgs 81/08 è pienamente rispettato 23

24 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 Le sequenze delle fasi generalmente applicabili, quando l SGSL è a regime, sono: - stabilire le modalità, procedure e prassi per gestire i programmi; - sensibilizzare la struttura aziendale al raggiungimento degli obiettivi prefissati; - attuare adeguate attività di monitoraggio, verifica ed ispezione per assicurarsi che il sistema funzioni; - avviare le opportune azioni correttive e preventive in funzione degli esiti del monitoraggio; - effettuare un periodico riesame per valutare l efficacia e l efficienza l del sistema nel raggiungere gli obiettivi Ovvero, quando il SGSL è a regime l art. 30 del D.lgs 81/08 è pienamente rispettato 24

25 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 E. STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA E.2 DEFINIZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITÀ Le responsabilità e la relativa autorità in materia di SSL sono definite in coerenza con lo schema organizzativo e funzionale dell azienda azienda. Piano Organizzazione Aziendale Nella definizione dei COMPITI ORGANIZZATIVI E OPERATIVI della direzione aziendale, dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori, dovrebbero essere esplicitati e resi noti anche quelli relativi alle attività di sicurezza di loro competenza nonché le responsabilità connesse all esercizio delle stesse, ed i compiti di ispezione, verifica e sorveglianza in materia di SSL. Dovrebbero essere documentate e rese note a tutti i livelli aziendali le funzioni ed i compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e degli eventuali Addetti SPP, del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e degli addetti alla gestione delle emergenze, nonché i compiti e le responsabilità del Medico competente. 25

26 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 E. STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA E.7 INTEGRAZIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI PROCESSI AZIENDALI E GESTIONE OPERATIVA 2/3 In particolare si dovrebbero: - evidenziare le misure di prevenzione e protezione (compresi gli aspetti organizzativi e relazionali) e le interrelazioni tra i vari soggetti e processi aziendali che hanno influenza sulla SSL; - definire chi fa che cosa ; - definire i metodi di gestione per garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati. L azienda dovrebbe stabilire ed aggiornare: - procedure per affrontare situazioni difformi rispetto alla politica ed agli obiettivi fissati definendo nelle stesse i criteri operativi; - procedure che riguardino gli aspetti di SSL significativi inerenti l acquisizione di beni e servizi impiegati dall azienda, comunicando le opportune informazioni a fornitori ed appaltatori; - procedure per la gestione delle emergenze. 26

27 MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 art. 30 D.lgs n 81 del 9 aprile 2008 F. RILEVAMENTO E ANALISI DEI RISULTATI E CONSEGUENTE MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA F.1 MONITORAGGIO INTERNO DELLA SICUREZZA Un SGSL, come ogni sistema di gestione, prevede 2 livelli di verifica: 1 Livello di verifica del raggiungimento degli obiettivi 2 Livello di verifica della funzionalità del sistema 27

28 REGOLAMENTO AZIENDALE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 28

29 PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE ASL TO3 Approvazione del REGOLAMENTO AZIENDALE SISTEMA DI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL SUL LAVORO (SGSL UNI INAIL 2001 ) 29

30 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 DATORE DI LAVORO Delegato dal Datore Lavoro DIRIGENTI UFFICI COMPETENTI D.Lgs 81/08 POA DIREZIONE TECNICA DIREZIONE GENERALE POA D.Lgs 81/08 PREPOSTI. LAVORATORI S.C. P.P.S. DIREZIONE SANITARIA POA DIREZIONE AMMINISTRATIVA COMMISSIONE DI COORDINAMENTO PER LA PREVENZIONE D.G. - D.A. - D.S. - D.L.D. R.S.P.P. - M.C. D.Lgs 81/08 R.L.S. R.S.P.P./ A.S.P.P. MEDICO COMPETENTE MEDICO AUTORIZZATO ESPERTO QUALIFICATO TECN. SICUR. LASER FISICO ESP. R.M 30

31 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 UNI - INAIL 2001 D.Lgs n.81 del 09 aprile 2008 TESTO UNICO NORMATIVO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO art. 16 = Deleghe art. 17 = D.L. art. 18 = D.L.D. - DIR art. 19 = PREP art. 30 = MODELLO ORGANIZZATIVO PIANO ORGANIZZATIVO AZIENDALE MODELLO DI GESTIONE FUNZIONE FIGURE S.G.S.L. ASL TO3 REGOLAMENTO COMPITI NOMINE 31

32 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 D.L. DDL DIR. PREP. CICLO LAVORATIVO ANAGRAFICHE GENERALI ANAGRAFICHE DI SETTORE INCENDIO STRUTTURE IMPIANTI ATTREZZATURE SOSTANZE RISORSE UMANE UFFICI COMPETENTI S.C. P.P.S. PROCEDURE DISPOSIZIONI COMMISSIONE DI COORDINAMENTO PER LA PREVENZIONE D.G. - D.A. - D.S. - D.L.D. R.S.P.P. - M.C. STRUTTURE IMPIANTI ATTREZZATURE SOSTANZE RISORSE UMANE Delibera del Direttore Generale n 75 del 29/01/2009 R.L.S. R.S.P.P./ A.S.P.P. MEDICO COMPETENTE LAVORATORI BIOLOGICO M.M.C. CHIMICO / CANCEROGENI VDT / ERGONOMIA MICROCLIMA RADIAZIONI IONIZZANTI RAD. NON IONIZZANTI RUMORE / VIBRAZIONI D.P.I. ELETTRICO MECCANICO PSICOSOCIALE SOGGETTI DISABILI AGGRESSIONI ATEX ELETTROMAGNETISMO.. MEDICO AUTORIZZATO VALUTARE IL RISCHIO 2 LIVELLO ESPERTO QUALIFICATO TECN. SICUR. LASER FISICO ESP. R.M IDENTIFICARE IL RISCHIO CORRELATO 1 LIVELLO 32

33 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 Direttore Generale DL Direttore Sanitario Direttore Amm.ivo Dir. Int.ta Prev.zione Dir.Int.ta S.Mentale Pat.Dip.ze Dir.Int.ta Presidi Ospedalieri Dir Int.ta Att.Sanit. Territorio DDTLO DDPC Gli Gli 8 Datori Datori di di Lavoro Lavoro Delegato (DDL) (DDL) I DDL delegano a cascata come DIRIGENTE SGSL I DDL delegano a cascata come PREPOSTO SGSL 21 Direttori di Dipartimento Sanitario 93 Direttori di Struttura Complessa 9 Direttori di Distretto 1 Dirigente Servizio Infermieristico tecnico e Riabilitativo 45 Dirigenti di Struttura Semplice 100 Capo Sala, Capo Tecnico di Laboratorio A regime il SGSL prevede S.C. Prevenzione siano Protezione conferite Sicurezza circa ASL TO3 280 Deleghe a Dirigenti igenti e 33 Preposti SGSL deleghe SPI, Amianto, Referente SPI ecc

34 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 Direttore Generale Ing. RABINO Datore di Lavoro Delegato dal Datore di Lavoro (DDL) Direttore Sanitario DR.MARFORIO Direttore Amm.vo DR.MARINO Dir.Int.ta Prev,zione DR.LAURENTI Dir.Intta S.Mentale Pat. Dipendenze DR.FURLAN Dir.Int.ta Presidi Ospedalieri????... Dir.Int.ta Att.SanitTerritorio Dr. PEROTTI DDTLO????... DL DDPC????... Assegna delega: Assegna delega: Assegna delega: OOPP Rivoli Dr. R. Sacco OOPP Pinerolo Dr. G. LaValle Assegna delega: Assegnano delega: 1 da dirigente 2 da preposto 11 da dirigente 21 da preposto 8 da dirigente 13 da preposto 14 dirigente 20 preposto 13/15 dirigente 20 da preposto Assegnano delega: Deleghe che il DDL dovrà assegnare secondo POA 29 dirigente 41 preposto 26 dirigente 34 preposto Dirigente / Preposto SGSL individuato dal DDL 34

35 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 DIPARTIMENTO TECNICO LOGISTICO ED OPERATIVO....?????.....?????... DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO....?????.....?????... S.S. PROGETTAZIONE EDILE..????... S.C. ORGANIZZAZIONE SVILUPPO RISORSE UMANE Dr. PASQUET S.C. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE D.ssa MARTINA S.C. TECNICO Ing. PARIGI S.S. MANUTENZIONE..????... S.S. GESTIONE IMPIANTI..????... S.C. PERSONALE DIPENDENTE D.ssa VERCESI S.C. Personale Convenzionato e a rapporto libero Professionale D.ssa CAPELLO S.C. AFFARI GENERALI Dr. ANSINELLI S.S. INGEGNERIA CLINICA..????... S.C. RICERCA E FORMAZIONE Dr. PRESUTTI S.C. ECONOMICO FINANZIARIO Dr. ALPE S.C. LEGALE D.Ssa ARALDO S.C. PROVVEDITORATO Dr. GOLZIO S.C. SISTEMA INFORMATICO Dr. MICHELIN SALOMON S.C. ECONOMATO E LOGISTICA Dr. GIARDINO D.ssa DARGHERO S.C. PATRIMONIALE Dr. VOLA S.S. FORMAZIONE e PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE D.ssa. A. COSOLA S.S. GESTIONE DEL PATRIMONIO INFORMATICO Dr. VALTER S.C. Prevenzione BRUNO Protezione Sicurezza ASL TO3 S.S. GESTIONE FINANZIARIA INVESTIMENTI..????... Dirigente/Preposto SGSL 35

36 Sistema di Gestione per la Sicurezza dei Lavoratori - ASL TO3 Vediamo cosa dice il Regolamento SGSL Chi Gestisce la Sicurezza Sul Lavoro in ASL TO3? Come la SSL viene ripartita nelle responsabilità attuative? Come si programmano e coordinano le attività SSL Come si controlla che tutto quanto si deve fare a termine di legge sia effettivamente attuato E molto altro ancora.. Regolamento - Allegato 1 36

37 Grazie per l attenzione SGSL Cosa si deve fare Come proteggersi da. Cosa non si deve mai fare.. 37

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.)

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 37, commi 10,11 e art. 47) Durata del corso Corso di 32 ore da svolgersi

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CNA CONSULENZA SRL

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CNA CONSULENZA SRL SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D. LGS. 81/08 ART. 28 COMMA 2 LETTERA D. l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell organizzazione

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A DATA ARGOMENTI ORARIO L approccio alla attraverso il D. Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori La filosofia del D. Lgs.

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

e la norma cogente. L'implementazione in azienda

e la norma cogente. L'implementazione in azienda Il sistema di gestione BS OHSAS 18001 e la norma cogente. L'implementazione in azienda Via dei Mille, 8 - Falconara M.(AN) - Tel. 071.910701 Fax: 071.9169688 pbelardinelli@isaq.it - www.isaq.it 547 + 391

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

Pagina 1di 12. Accordo Stato Regioni 21/12/2011

Pagina 1di 12. Accordo Stato Regioni 21/12/2011 Pagina 1di 12 FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato D. Lgs. 81/08 art. 17 Accordo Stato Regioni 21/12/2011: Responsabile Servizio comma 1 lettera b) e Prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti

Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti 1 Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome per la

Dettagli

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso PROGRAMMA Modulo A 1 Presentazione del corso L approccio alla prevenzione attraverso il D.Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori. Il sistema legislativo:

Dettagli

Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05. Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08

Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05. Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Corso di Formazione Per Datori di lavoro con funzione di prevenzione e protezione DL SPP Art 34 commi 2 e 3 del D.lgs 81/08 Recepimento Accordo Stato Regioni del 21,12,2011 Ente di Formazione Accreditato

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Secondo la specifica OHSAS 18001:1999 EXPO SicuraMente 29/05/08 - Fiera di Brescia Struttura documentale di un SGSSL Norma OHSAS 18001:1999 3 2 Politica

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 Durata del corso Sede del corso 32 ore Ambiente e Lavoro srl Strada Gragnana 17/A 29121 Piacenza

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Gestione della salute e della sicurezza. per i lavoratori della ASL

Gestione della salute e della sicurezza. per i lavoratori della ASL Gestione della salute e della sicurezza per i lavoratori della ASL Il Servizio di Prevenzione e Protezione 30 Novembre 2015 Dott.ssa Paola Santini Servizio Prevenzione e Protezione D. Lgs. 81/08 Testo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA

VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA In base alla normativa vigente, la sicurezza e salute sui luoghi di lavoro è il risultato concertato di più azioni svolte da una pluralità di soggetti, lavoratori compresi,nell

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula -PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula CORSO RSPP DATORE DI LAVORO ALTO RISCHIO 48ORE D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art. 34 coordinato al D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 ed Accordo Stato-Regioni del 21

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014 I. PREMESSA Gruppo Ambiente Sicurezza S.r.l. nasce dall esperienza di tecnici, progettisti, formatori, medici del lavoro e consulenti legali. L insieme dei servizi da

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA Pag. 1 di 16 L azienda ha provveduto ad avviare i processi di formazione erogando corsi specifici al personale dipendente secondo il programma pluriennale sotto indicato. Elenchi dei partecipanti ai corsi

Dettagli

Sistema di gestione della Sicurezza

Sistema di gestione della Sicurezza Sistema di gestione della Sicurezza Dott. Ing. Giuseppe Giannelli Moasca, 18/06/2009 Aspetti generali Inquadramento nel D.Lgs. 81/08 L adozione di un sistema di gestione della sicurezza sul lavoro (SGSL),

Dettagli

Il progetto OIRA (Online Interactive Risk Assesment Valutazione interattiva dei rischi online)

Il progetto OIRA (Online Interactive Risk Assesment Valutazione interattiva dei rischi online) Convegno Nazionale Gestiamo la prevenzione in modo efficace e semplificato Il progetto OIRA (Online Interactive Risk Assesment Valutazione interattiva dei rischi online) Grazia Nuzzi e Pierpaolo Masciocchi

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

giovedì 8 maggio 8.30-13.00

giovedì 8 maggio 8.30-13.00 CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE LA FUNZIONE DI RSPP (D.Lgs.81/08- D.M. 16/01/1997) Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri P.le Boschetti 8 Modena Accreditato

Dettagli

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA MODULO A ORE 28 PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA Presentazione del corso La filosofia del D.Lgs. 626/94 in riferimento all'organizzazione di un Sistema di Prevenzione aziendale, alle procedure di lavoro,

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

La valutazione dei rischi: l autocertificazione. Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro

La valutazione dei rischi: l autocertificazione. Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro La valutazione dei rischi: l autocertificazione Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro VdR: definizione Art. 2 q): valutazione globale e documentata di tutti i rischi

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008 Elementi salienti e criticità di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 www.adhocash.it Adhoc, il cash&carry su misura per te! In occasione della Festa dei Lavoratori Adhoc ha voluto realizzare il presente opuscolo per

Dettagli

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA Pag. 1 di 15 L azienda ha provveduto ad avviare i processi di formazione erogando corsi specifici al personale dipendente secondo il programma pluriennale sotto indicato. Elenchi dei partecipanti ai corsi

Dettagli

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV.

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV. Corso di Formazione per Responsabili ed Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP ASPP Modulo A) (RSPP Dat. Lavoro) edizione 2010 Titolo I Capo III Sez. III D.Lgs. 81/2008 ex art. 4 comma

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATO 2 AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI Contenuto: 1. indicazioni generali, 2. elenco dei requisiti che prevedono

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 32h

Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 32h Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 32h Destinatari Obiettivi Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza conoscitivi operativi Conoscenza dei principali obblighi

Dettagli

Prospetto informativo corso

Prospetto informativo corso Prospetto informativo corso Descrizione del corso RLS "In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza" (RLS). Così recita il D.Lgs. 81/08

Dettagli

LE NOVITA DELL ACCORDO STATO-REGIONI

LE NOVITA DELL ACCORDO STATO-REGIONI L accordo stato regioni si inserisce all articolo 37 comma 2 che dice la durata ed i contenuti minimi e le modalità di formazione sono definiti da Accordo stato regioni Per cui l ambito dell accordo è

Dettagli

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI?

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? Sicurezza, Igiene del Lavoro, Problematiche Ambientali QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? una guida pratica per verificare la completezza degli obblighi di

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (art. 4, comma 2 del D.Lgs 626/1994, secondo la procedura standardizzata del D.M. 05.12.1996) 1. L AZIENDA 1.1 ANAGRAFICA AZIENDALE Ragione sociale Sede legale Indirizzo

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN DOCUMENTO Pagina 1di 12 Redatto da Verificato Approvato Rev. Ines Magnani Malvolti Daniela firma firma Carlo Veronesi FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Catalogo corsi sicurezza 2015 sede di Cesena da Settembre a Dicembre 2015

Catalogo corsi sicurezza 2015 sede di Cesena da Settembre a Dicembre 2015 Catalogo corsi sicurezza 2015 sede di Cesena da Settembre a Dicembre 2015 A tutte le aziende applichiamo lo sconto del 10% a partire dal secondo iscritto Titolo corso NON R.S.P.P. - Responsabile Servizio

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco AD OGGI ABBIAMO GIA EFFETTUATO CORSI per la Sicurezza per oltre 1.500 SCUOLE, AZIENDE, ENTI ITALIANI (Formazione Figure sensibili ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza DLgs 81/08) I costi seguenti si

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri TEST VERIFICA INTERMEDIO 1. Il Datore di Lavoro è: a. La persona che in azienda paga gli stipendi b. La persona che dispone di pieni poteri decisionali e di spesa c. Il capoufficio, il capofficinao colui

Dettagli

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento Formazione obbligatoria per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) negli ambienti di lavoro di ufficio Art. 37 D.Lgs n 81/08 e successive modifiche di cui al D.Lgs. 106/09 della durata

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE.

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. PROVINCIA DI POTENZA Settore Patrimonio Costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione nella Provincia di Potenza - SVOLGIMENTO DEI COMPITI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL

Dettagli