SPECIALE LA STORIA LA FILOSOFIA GLI STILI LA PRATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIALE LA STORIA LA FILOSOFIA GLI STILI LA PRATICA"

Transcript

1 Taiji SPECIALE LA STORIA LA FILOSOFIA GLI STILI LA PRATICA

2 La storia del Taiji Quan Foto scattata nel 1929 in occasione del quarto anniversario dell Associazione Chih Jou T ai Ch uan. Si riconoscono alcuni grandi maestri. Yang Chen Fu Yang Shao Hou Chen Wei Ming Sun Lu Tang Wu Jian Quan Dong Ying Jie

3 Alcuni maestri della linea Yang Yang Jian Hou Sintetizzare la Storia del Taiji Quan è un po ripercorrere la storia della civiltà cinese essendo questa disciplina una delle più antiche discipline orientali. Possiamo dire che ogni epoca storica ha avuto il suo taiji e anche ogni regione cinese ha sviluppato un suo taiji. Premesso ciò, consideriamo per semplicità 4 epoche storiche importanti dello sviluppo di quest arte. 1. Periodo della nascita (dal 2000 a.c al 1644 d.c.) 2. Il periodo del villaggio Chen (dal 1644 al 1800) 3. La diffusione in tutta la Cina (dal 1800 al 1949) 4. Il periodo dalla nascita della Repubblica Popolare Cinese (dal 1949 ad oggi) 1. La nascita del Taiji La nascita del Taiji Quan risale alle dottrine taoiste riguardanti le pratiche di nutrimento della vita per il benessere e la ricerca della longevità, due delle qualità che gli imperatori e condottieri ricercavano in quelle epoche per poter mantenere il loro potere. Per questo venivano richieste a medici e filosofi tecniche che potessero raggiungere questi obbiettivi. Già nel 500 a.c esisteva il libro Huagdi Neijing o classico interno dell imperatore giallo. I primi esercizi utilizzavano movimenti di espansione ed estensione, combinati con tecniche di respirazione al fine di aumentare e migliorare il passaggio del Qi nel corpo. Famose sono le tecniche di Qi Gong praticate durante la dinastia degli stati del Sud Liang ( d.c.) come il gioco dei 5 animali del Dott. Hua Tuo. Tali tecniche sono considerate le progenitrici del Taiji Quan, in quanto presentano in embrione i principi di base della disciplina. Nell epoca considerata il Taiji Quan non viene identificato con tale nome, che apparve solo in documenti storici di epoche più recenti. Nell epoca successiva detta del Regno Liao posteriore ( d.c.) secondo gli annali iniziarono ad essere codificate 13 formule o principi di Taiji che sono validi ancora oggi. Ma il suo inizio come disciplina anche marziale lo si ebbe durante la dinastia Song settentrionale, Yuan ( ) e Ming ( ) perché un monaco Taoista, Zhang Sanfeng, che viveva sui monti Wudang e vissuto secondo la leggenda dal 1247 al 1460 d.c. vedendo che i monaci usavano la forza senza un criterio logico Chen Wei Min studiò la teoria Taiji e Ba Gua e grazie anche ai suoi viaggi al monastero Shaolin, codificò un sistema di lotta che in virtù di un raffinato utilizzo dell energia poteva essere utilizzato anche da persone non necessariamente dotate di grande forza fisica. Una più pittoresca interpretazione, vede il monaco assistere occasionalmente ad un combattimento tra una gru e un serpente e da quella visione, combinando i movimenti agili e aggraziati della Gru con quelli a spirale del serpente diede origine al Taiji Quan. Sicuramente sia la prima che la seconda versione possono essere ritenute attendibili. 2. Il periodo del villaggio Chen Per molti storici la nascita del Taiji Quan come lo conosciamo al giorno d oggi ha però una datazione assai più recente, che risale alla dinastia Qing ( ), perché un militare Chen Wang Ting nato in una famiglia di combattenti a Chenjiagou nella provincia dell Henan dopo aver combattuto contro l esercito dei Qing, ritornando a casa ormai libero di impegni, unì la sua esperienza con due importanti libri dell epoca: il Classico marziale Quanjin delle 32 forme e il Classico taoista della corte gialla. Naturalmente bisogna considerare che all epoca nel villaggio Chen, che dista appena 400 Km da Shaolin, si insegnavano diverse arti marziali vicine allo stile Buddista e forse Chen Wang Ting si limitò solo ad ammorbidire, introducendo nello Shaolin i principi dello Yin e dello Yang propri del Taoismo. Questo nuovo stile divenne ben presto molto popolare tra gli abitanti del villaggio. II III

4 Si dice che nell epoca esistevano 5 forme o taolu ma già all epoca di Chen Chang Xing ( ) le tipologie stilistiche dello stile Chen erano diventate numerose. Questo maestro si dice che fosse in grado, da seduto, di far volare chi lo attaccava e veniva chiamato il signore diritto, perché era abilissimo nella tecnica di tenere il centro (Zhong Ding). Un aneddoto racconta che una volta, già anziano, si recò a vedere uno spettacolo di teatro molto affollato; nonostante ricevesse da ogni parte numerose spinte, egli rimaneva fermo al suo posto come se fosse piantato nel terreno. A lui si deve una nuova codificazione dello stile. La discendenza della famiglia Chen si ramificò fino alla 14a generazione per poi subire altre ramificazioni con la nascita dello stile moderno piccola forma (Xiaojia) meno marziale mentre Chen Chang Xing continuò ad insegnare la grande forma (Dajia) più tradizionale. 3. Il periodo della diffusione dal villaggio Chen in tutta la Cina Dopo le prime divisioni all interno della famiglia Chen, non dovette passare molto tempo perché diversi maestri, esponenti di altre famiglie, incuriositi dalla fama dello stile, si impadronissero dei segreti del Taiji Quan e apportassero a loro piacimento delle modifiche stilistiche. Il più famoso tra questi, precursore dell attuale stile Yang, fu Yang Lu Chan ( ). Si narra che fosse un garzone che lavorava in una bottega di Pechino gestita da persone originarie del villaggio Chen che svelarono, sconfiggendo alcuni monaci, la loro maestria in combattimento usando il Taiji. Incuriosito, Yang Lu Chan chiese di poter essere introdotto al villaggio, e perciò fu presentato a Chen Chang Xing che gli insegno inizialmente solo la sequenza senza mostragli i veri contenuti. La sua costanza però fu premiata perché dopo molti viaggi al villaggio e vista la sua costanza e rettitudine il maestro in punto di morte decise di svelargli tutti i segreti di famiglia. Yang Lu Chan ritornò a Pechino e lì inizio ad insegnarlo, prima all interno della corte imperiale e successivamente ad altri maestri. Tra questi vi era W u Yu Xiang ( ) che diede vita ad un altro stile ancor oggi insegnato: lo stile W u conosciuto come piccolo W u. Il secondo figlio Yang Ban Hou ebbe un allievo Wu Jian Quan ( ) che codificò l attuale stile Wu. Il terzo figlio Yang Jian Hou ( ) ebbe a sua volta tre figli e uno di questi, chiamato Yang Chen Fu ( ), nonostante avesse iniziato tardi la pratica sotto la guida del padre ebbe il grande pregio di diffondere lo stile Yang in tutta la Cina. A lui si deve la codifica della forma 85 o 108 e i 10 suoi allievi hanno portato in tutto il mondo la conoscenza del Taiji Quan, prima da Hong Kong, allora colonia Inglese, e poi da Taiwan. Infatti grazie ai rapporti con Europa e Stati Uniti di queste due nazioni, parecchi maestri, non solo della dinastia Yang ma anche di molte altre famiglie, come Chen Man Ching, Dong Jin Jie e altri hanno avuto grande importanza nella sua diffusione. 4. Il periodo della nascita della Repubblica Popolare Cinese Una parentesi obbligatoria bisogna farla per chiarire a tutti perché esistono forme di taiji che, pur mantenendo i tratti degli stili da cui derivano Yang, Chen, Wu ecc., hanno subito una leggera modifica recentemente percepibile solo da chi conosce le diverse forme di Taiji Quan. Tra i piani governativi del Partito Popolare Cinese c è quello di mantenere in buona salute con pochi mezzi milioni di persone, per raggiungere questo scopo sono state utilizzate le tecniche antiche di Taiji, togliendo però il loro aspetto marziale ed esaltando i contenuti più ginnici e salutistici. Questo, grazie al lavoro di tecnici e professori delle Università cinesi, ha portato alla codifica di nuove forme, ridotte e semplificate per raggiungere maggiori praticanti di Taiji e forme da gara per introdurre il Taiji Quan come sport con regole ben precise. I maestri attualmente discendenti delle famiglie Yang, Chen, Wu e Sun sono stati invitati a codificare nuovi stili, anche misti, che però potessero essere diffusi nelle diverse federazioni mondiali, creando però non pochi dubbi negli ignari praticanti occidentali.

5 Festival degli stili interni e delle terapie orientali Quattro giorni per ricaricare di energia pulita il proprio QI STAGES CONFERENZE DIMOSTRAZIONI MAESTRI ITALIANI OSPITI STRANIERI GRAN GALÀ FINALE Castello di Belgioioso (Pv) 30 Aprile - 3 Maggio 2009

6 I FONDAMENTI SECONDO LA TEORIA DELLO YIN E YANG Per comprendere la base teorica su cui si fonda il Taiji quan, bisogna conoscere alcune nozioni basilari di filosofia taoista, patrimonio culturale del popolo cinese, che spiegano razionalmente come sia nato questo tipo di movimento. I cinesi concepiscono l'universo come una serie di organismi interconnessi, non come insieme di entità separate; ogni parte di esso è in contatto con un'altra parte e per esistere ha bisogno del suo opposto, come il giorno e la notte, l'uomo e la donna, il nord e il sud. Questa dualità è presente anche nel nostro corpo, come dice una massima cinese: Non puoi comprendere il tuo corpo se non comprendi l'universo che ti circonda. L'uomo è un corpo tra terra e cielo e ne è parte integrante, Tian re he yi. Questo concetto durante i secoli è stato rappresentato graficamente con un cerchio, diviso da due gocce, una bianca, Yang, e una nera, Yin, a contraddistinguere l'unità nella sua dualità. All'interno delle due parti si trovano un punto bianco e un punto nero, a dimostrare che esistono delle eccezioni: per esempio un'eclissi di sole in pieno giorno o una di luna durante la notte fanno anch'esse parte della normalità, pur essendo fenomeni eccezionali. L immagine, rappresentata nel disegno a fianco, dovrebbe ruotare su se stessa, perché le due parti non sono mai immobili, bensì in perenne trasformazione; Inoltre, alla figura dipinta manca la caratteristica della tridimensionalità, che la farebbe diventare una sfera. Il Taiji quan si basa su questa teoria e, quindi, ogni praticante dovrebbe cercare la dualità in ogni posizione, che deve essere praticata unendo la parte Yin a quella Yang senza interruzioni; il ciclo delle successive posizioni dovrebbe essere una ininterrotta sequenza di Yin e Yang, con continue inspirazioni ed espirazioni, cercando di mantenere un ritmo costante. Se durante la pratica si inizia con un determinato ritmo di inspirazione ed espirazione, esso deve essere mantenuto fino alla fine dell'esercizio senza variazioni; ciò permette di trovare un equilibrio con il movimento. Viceversa un ritmo spezzato e discontinuo, pur nella corretta esecuzione delle tecniche di Taiji quan, può essere dannoso o quanto meno rendere inutile l'allenamento.yin e Yang sono tra loro interdipendenti: in ogni posizione la gamba anteriore è considerata Yang e quella posteriore Yin, la parte anteriore del corpo è Yin, mentre il dorso è Yang. Una volta che si è compresa questa dualità tra le diverse posizioni, bisogna sapere che i termini Yin e Yang non sono da concepire come assoluti, ma come relativi; infatti, all'interno dello Yin e dello Yang ci sono ulteriori sottodivisioni: anche se questo può sembrare una complicazione per chi si avvicini alla teoria del Taiji quan, quello che conta è cercare la naturalezza nei movimenti, poiché conoscenze sempre più approfondite derivano da una pratica costante e giornaliera. Non a caso lo Yin e lo Yang sono raffigurati come gocce, all'inizio piccole, poi sempre più grandi; la successione dei due opposti non avviene mai bruscamente, ma attraverso un graduale aumento di potenza, cui fa riscontro una diminuzione dell'altra parte. Così anche durante la giornata quando il sole sale sull'orizzonte (aumento di Yang), la sera si allontana (diminuzione di Yin); quando nel pomeriggio il sole comincia a calare sull'orizzonte (diminuzione di Yang), la sera si avvicina (aumento di Yin). Per i cinesi questo principio vale per tutto ciò che esiste nell'universo, sia tra gli esseri viventi che tra le cose inanimate, compreso quindi il Taiji quan. Nell'esecuzione dei movimenti bisogna tener conto anche che la progressione del movimento Yin deve essere accompagnata da una diminuzione di quello Yang: bisogna espandersi all'esterno, svuotandosi all'interno, durante la fase Yang, e riempirsi all'interno, mostrando rilassamento esterno, durante quella Yin. Questa teoria è nata circa tremila anni fa durante la dinastia Zhou ( a.c.), quando fu redatto il famoso libro dei cambiamenti, diviso in due parti: la prima contiene il libro dei cambiamenti vero e proprio, chiamato anche I ching o libro delle predizioni e delle probabilità, mentre la seconda racchiude la spiegazione filosofica e teorica di tutto il libro. In questo trattato sulla base della teoria dello Yin e Yang si insegna a predire ogni genere di informazioni, da quelle astrologiche a quelle riguardanti la terra, e anche le conoscenze relative a tutte le posizioni del Taiji quan. Riassumendo, si può concludere dicendo che il simbolo di Yin e Yang può essere raffigurato anche con altri disegni simili tra loro, che si rifanno tutti a un cerchio che rappresenta l'interezza dell'universo; la curvatura centrale del cerchio indica la distinzione degli opposti, le due gocce il movimento crescente e decrescente degli opposti, i due punti segnati nelle due parti la visione non assoluta dello Yin e dello Yang e quindi le successive sottodivisioni.

7 Le parole del Taiji Quan Generale In relazione al movimento In relazione al corpo 0 WU JI Caos primordiale Cielo anteriore Non polarità 1 TAI JI Cielo posteriore Manifestazione dell indifferenziato Grande polarità dell energia cosmica 2 YIN YANG Due qualità della manifestazione Energia già separata Quiete Moto Alto/basso Avanti/indietro 3 SAN CUN 3 poteri: Cielo-Uomo-Terra 3 puri 3 dimensioni del cosmo: Sole-Luna-Stelle Legge del 3 Più movimento coordinato I (mente) Chi (energia) Chin (forza interna) Jing Qi Shen Essenza-energia-spirito Corpo-mente-anima 3 campi di cinabro 4 SI XIANG 4 formule dimensione temporale (4 stagioni,la V non è una stagione ma un punto d incontro tra le varie stagioni) 4 qualità dell energia del cielo: caldo-freddo, umido-secco Esperienza della durata del tempo: creazione, sviluppo, maturazione e completamento Legge dei 4 equilibri Formazione dei primi 4 canali meravigliosi: Chong Mai, Dai Mai, Du Mai, Ren Mai che rappresentano la prima struttura energetica del Cielo Anteriore 5 WU XING 5 movimenti Forze di base del Cielo posteriore Movimento in relazione ai 5 punti cardinali e 5 movimenti 5 Zang Fu (organi/viscere) 5 note 5 colori 5sapori 5 virtù 6 7 LIU HE QI XING Unire le 6 direzioni (avanti/indietro - destra/sinistra - alto/basso) Dimensione spaziale Legge del 7 7 stelle della costellazione dell Orsa Maggiore ove risiedono i 7 immortali taoisti Movimento circolare uovo Microcosmo Movimento collegato al Cosmo Macrocosmo 6 Qi Heng Zhi Fu (visceri curiosi) 6 canali energetici 6 yin 6 yang 7 sentimenti 7 vertebre cervicali VI VII 8 BA GUA Energie di Cielo-Uomo-Terra Legge delle 8 stabilità Legge delle 8 forze 8 Qi Jing Ba Mai Laghi (i primi 4 del Cielo Anteriore più 4) 9 JIU LIAN HUAN QUAN 9 palazzi celesti 9 figli (forme) sempre in movimento *Forza, azione 9 articolazioni 9 orifizi 9 polsi *pugno (es. boxe)

8 COME DISTINGUERE I DIVERSI STILI DEL TAIJI QUAN Agli inizi degli anni 70 in Europa il Taiji Quan era conosciuto comunemente come una serie ininterrotta di esercizi da eseguirsi lentamente e si pensava erroneamente che vi fosse solo un Taiji Quan. Ai primi praticanti quasi tutti già praticanti arti orientali appariva più come una ginnastica che una vera e propria arte marziale. A partire però dal 1985 i cambiamenti socio culturali e politici portarono la Cina ad aprirsi maggiormente all occidente, le conoscenze su quel paese fino ad allora acquisiti con fatica si arricchirono e ben presto si venne a sapere che il Taiji che veniva praticato era quello della famiglia Yang ed era però solo uno dei diversi stili interni Neijia che esistevano in Cina. Venimmo a sapere che esistevano ben più forme di Taiji di quelle che pensavamo e che le differenze potevano essere notevoli tra stile e stile. Tra questi lo stile Yang per la sua struttura era ed è praticato da circa l 80% del totale, ma ancora molti praticavano il più vecchio stile Chen (15%) e il resto si divideva equamente tra praticanti di stili Wu, Sun, W u ed altri stili minori per lo più ristretti a regioni o a gruppi di discendenza familiare. Esisterebbe anche uno stile che viene praticato dai Monaci del Wudang che recentemente ha visto un certo sviluppo in Europa, ma più che uno stile solo di Taiji è considerato un insieme di diversi stili interni così da prendere una connotazione propria come stile del Wudang e non solo stile di Taiji. Dobbiamo anche considerare che tutti questi stili hanno avuto e continuano ad avere delle trasformazioni che possono essere influenzate da diversi fattori che principalmente possono essere: 1. Trasformazioni dovute alla nostra poca cultura che non ci permette di distinguere a prima vista le vere caratteristiche dello stile. 2. Trasformazioni dovute alla ricerca da parte dei maestri che ancorché in buona fede, sono loro stessi in continua evoluzione. 3. Trasformazioni dovute ad esigenze di partecipazione a gare e campionati, che hanno portato le diverse federazioni mondiali e nazionali ad adottare regolamenti che hanno modificato le strutture originarie rendendo il Taiji più moderno e spettacolare. Queste trasformazioni creano purtroppo nei praticanti poco esperti una certa confusione su quale sia il vero Taiji Quan.

9 Forma di Alabarda Chen Forma di Lancia Chen Forma di ventaglio Chen 81-Forma di ventaglio Chen tradizionale (codificatrice M Yang Li) LO STILE CHEN Attualmente si divide in due stili, il vecchio Laojia codificato da Chen Zhao Pi ( ) e il nuovo Xinjia a partire da Chen Fa Ke ( ). Queste due diverse interpretazioni si differenziano sostanzialmente nella enfatizzazione più o meno marcata dei movimenti, più morbidi e continui nella prima e più vigorosi con l aggiunta di tecniche esplosive nel secondo stile. Questi due stili sono composti principalmente da due forme: la Diyilu che comprende le basi delle 13 posizioni fondamentali e la Paochui che mantiene movimenti di derivazione Shaolin. In questo stile i movimenti seguono spirali molto strette e le posizioni sono ampie; in alcuni movimenti si hanno degli scatti e delle esplosioni che in altri stili di Taiji sono stati eliminati. Caratteristiche principali: Continuare a cambiare con piegamenti e spiralizzazioni continue Continuare a seguire il movimento Il corpo deve muovesi come un serpente Per queste sue caratteristiche è particolarmente adatto per i più giovani e per tutti quelli che cercano nel Taiji Quan l aspetto marziale ed un alternativa agli stili esterni. I praticanti di questo stile in Cina sono ottimi combattenti anche in gare di Tui Shou libero. Negli ultimi anni le forme di questo stile hanno avuto varianti dovute a codificazioni dei maestri Chen che si possono raggruppare a seconda del numero di tecniche presenti e da tecniche combinata con gli altri stili dove è comunque presente lo stile. Forme a mani nude 4- Chen 4 passi che è derivata dalla vecchia forma (codificatore M Zhu Tian Cai) 9- Chen 9 passi che è derivata dalla vecchia forma (codificatore M Liu Yong) 13- Chen o Chen dei 5 elementi derivata da parte della vecchia forma combinata con la seconda vecchia forma (codificatore M Zhu Tian Cai) 16- Chen 4 passi derivata dalla vecchia forma con le 4 direzioni (codificatore M Zhu Tian Cai) 18- Chen 18 posizioni (codificatore M Chen Zheng Lei) 19- Chen 19 posizioni (codificatore M Chen Xiao Wang) 24- Chen 24 (codificatore M Feng Zhiqiang) 38- Forma 38 posizioni (codificatore M Chen Xiao Wang) 39- Chen vecchia forma breve 39 posizioni 39-Chen nuova forma breve 39 posizioni 42- Chen vecchia 2 forma Paochui 48- Forma 48 (codificatore M Feng Zhiquan) 72- Forma 72 posizioni nuova versione Paochui 74- Forma 74 posizioni vecchia versione Laojia 83- Forma 83 posizioni nuova versione Laojia Forme con Armi 13-Forma di bastone lungo 23- Forma di Sciabola (villaggio Chen) 36-Forma di Sciabola (codificatore M Feng Zhiquan) 40-Forma di Sciabola (villaggio Chen) 48-Forma di Sciabola (codificatore M Feng Zhiquan) 49-Forma di Spada Chen (villaggio Chen) 62-Forma di Spada Chen (villaggio Chen) 35-Forma di Doppia Sciabola 39-Forma di doppia Spada STILE YANG Si tratta dello Stile più diffuso nel mondo. Per la sua caratteristica di movimento lento e continuo è adatto a tutti, giovani ed anziani, ed è relativamente facile da apprendere. Nato da un evoluzione dello stile Chen, ha subito nel corso degli anni modificazioni e semplificazioni, mirate a renderlo sempre più accessibile, prima alla corte imperiale, poi alla gente comune. Attualmente la forma più praticata è quella lunga, codificata da Yang Chen Fu. Lo stile Yang, dai movimenti morbidi e continui è consigliato per chi ricerca nel Taiji Quan il rilassamento e la concentrazione. Questo tipo di esercizi vengono praticati anche come meditazione in movimento e ginnastica terapeutica e da ciò deriva la sua grande popolarità. Caratteristiche principali: Movimenti lenti ed armoniosi come onde Morbidezza delle tecniche Passaggi maestosi come il volo di un aquila Negli ultimi anni le forme di questo stile hanno avuto varianti dovute a codificazioni dei maestri Yang che si possono raggruppare a seconda del numero di tecniche presenti e da tecniche combinate con gli altri stili dove è comunque presente lo stile originale. Forme a mani nude 37- Forma Yang ridotta (codificatore M Chen Man Ching) 43- Forma Yang (codificatore Jiang Yu Kun) 49- Forma Yang da dimostrazione (famiglia Yang) 84- Forma Yang (codificatore Dong Jin Jie) 103- Forma Yang tradizionale (questa forma è conosciuta anche con altre numerazioni che dipendono dal conteggio delle tecniche a gruppi o separate, le più comuni sono 85, 108, 150). Forme con armi 13- Forma di sciabola tradizionale Yang 54- Forma di spada tradizionale Yang Forma di ventaglio Yang STILE WU Questo è il principale stile derivato dallo stile Yang, da cui ha preso la caratteristica di movimento naturale, continuo e rilassato. Per distinguerlo dal precedente il suo fondatore Wu Jian Quan ( ) ha introdotto avvitamenti e torsioni del busto, che impiegano come perno centrale la colonna vertebrale; il corpo nell eseguire i movimenti di questo stile è leggermente inclinato in avanti, con la colonna in linea con la gamba che spinge. Dopo lo stile Yang e Chen è quello più praticato al mondo e si distingue in Wu del Nord e Wu del Sud. VIII III IX

10 Il primo si caratterizza per movimenti più estesi e circolari mentre il secondo ha movimenti più corti e spirali più piccole. Si dice in Cina che è lo stile degli intellettuali ed è adatto a tutti quelli che cercano un movimento che abbia contemporaneamente una maggiore componente di stretching. Caratteristiche principali: Equilibrio e centralità in ogni posizione Concentrazione maggiore con utilizzo della volontà. Radicalizzazione nel terreno Sensibilità nei cambiamenti continui Negli ultimi anni le forme di questo stile hanno avuto varianti dovute a codificazioni dei maestri Wu che si possono raggruppare a seconda del numero di tecniche presenti e da tecniche combinate con gli altri stili dove è comunque presente lo stile originale. 83- Forma tradizionale Wu 108- Forma tradizionale Wu (codificatore Wu Chien Ch uan) Forme con armi : 13- Forma sciabola Forma spada STILE WU (HAO) Stile poco conosciuto in Europa, derivato dallo stile piccolo Chen, Xiaojia di Chen Qing Ping ( ) è stato codificato da Wu Yu Xiang ( ) che lo arricchì, introducendo nello stile elementi di Confucianesimo, Taoismo ed elementi presi dal libro di Sun Tzu L arte della guerra. Si distingue dagli altri stile per i movimenti stretti, il corpo eretto e le posizioni piccole, eseguite quasi in piedi. Ricerca maggiormente il controllo della circolazione del Qi interno controllato dalla mente. Molta importanza viene data al rapporto pieno/vuoto. Nonostante l apparente semplicità dei suoi movimenti, è uno degli stili più difficili da praticare correttamente e per questo non gode di molta popolarità al di fuori della Cina. Attualmente è diffuso nelle città di Xintai, Handan e Yongnian e nella provincia dell Hebei e nelle maggiori città cinesi Pechino, Shanghai, Shenyang e Guangzhou. Caratteristiche principali: Semplici posizioni e complicate tecniche Posizioni in piedi e rilassate Controllo dell energia vitale con la mente Coerenza nei movimenti Forme a mani nude 13- Forma 13 posizioni per principianti 24- Forma 24 posizioni 32- Forma 32 posizioni 36- Forma 36 posizioni 49- Forma tradizionale ridotta 49 posizioni 108- Forma tradizionale famiglia Wu (Hao), chiamata anche forma 85 Forme con armi 13- Forma di sciabola (codificatore famiglia Wu) 25- Forma di spada (codificatore famiglia Wu) 16- Forma di Lancia (codificatore famiglia Wu) 35- Forma di Bastone (codificatore M Chen Gu-An) STILE SUN Ultimo nato tra i 5 stili più famosi, ha preso come caratteristica principale l essenza dello stile Ba Gua, dato che il suo fondatore è Sun Lu Tang ( ), uno dei migliori maestri di quello stile. Si dice che questo stile sia stato influenzato dai suoi studi giovanili avendo egli viaggiato in diverse regioni della Cina dal 1866 al Ma solo nel 1918 dopo l incontro con il maestro He Wei Zhen ( ) codificherà questo stile di Taiji dalla fusione degli stili interni da lui appresi nelle tre famiglie di arti marziali appunto Taiji della famiglia Wu (Hao), Ba gua e Xingyi. Di fatto da questa unione ne è derivato uno stile caratterizzato da continui movimenti avanti e indietro, con caratteristiche però diverse rispetto ai tre stili, infatti i movimenti sono rigidi ma a volte anche sinuosi.è uno stile adatto a chi ha già una buona conoscenza degli stili interni e che vuole completare la sua preparazione marziale. Caratteristiche principali: Movimenti sinuosi Posizioni a volte con passi diritti a volte circolari Spiccata propensione al combattimento Forme a mani nude 42- Forma tradizionale ridotta Sun 73- Forma tradizionale Sun (codificatore Sun Lu Tang) Forma con armi 77- Forma di spada Sun STILE WUDANG In questi ultimi anni si è andata delineando una ricerca e un rinnovato interesse per uno stile, quello del Wudang che derivasse direttamente dalle montagne di Wudang e dal fondatore Zhang San Feng e dai monaci taoisti. Ne è scaturita la riscoperta di uno stile combinato che non si può definire esattamente Taiji Quan ma che si avvicina ai primi stili Neijia Quan, che utilizzavano la ricerca dell uso dell energia interna in combattimento. Lo sviluppo delle sue forme richiama il combattimento tra una gru e un serpente con movimenti a volte molto bassi con spirali se è il serpente che attacca o si difende e a volte alti e lineari se è la Gru che si muove. Caratteristiche principali: Movimenti molto vari e circolari Posizioni alte e basse in continuo variare Uso dell energia in modo vivace Forme a mani nude 13- Forma 13 posizioni taiji di Wudang 18- Forma 18 posizioni taiji di Wudang 28- Forma 28 posizioni taiji di Wudang Lo stile comprende inoltre molte forme composite combinate con altri stili interni sia a mani nude che con armi che però non sono da considerarsi proprio nella genealogia del Taiji Quan. ALTRI STILI DI TAIJI TRADIZIONALI Recentemente sono stati riscoperti altri stili per lo più derivati dallo stile Yang e che hanno preso alcune caratteristiche proprie come lo Stile Li, lo stile Fu e lo stile Zhao Bao dal maestro Guo Shikui, lo stile Gu da Gu Dianzi. Forme a mani nude 24- Forma Zhao Bao 36- Forma breve Fu 43- Forma Zhao bao 50- Forma breve Li 53- Forma tradizionale Fu 56- Forma tradizionale Zhao Bao

11 67- Forma Fu 105- Forma tradizionale Fu 108- Forma tradizionale Zhao Bao 140- Forma tradizionale Li Forme con armi 20- Forma di sciabola stile Zhao Bao 56- Forma di spada stile Fu 57- Forma di spada stile Zhao Bao 65- Forma di bastone stile Zhao Bao IL TAIJI QUAN MODERNO Sulla base degli stili tradizionali sono nati, dopo la rivoluzione culturale, quelli usati per le competizioni e codificati dall Istituto per la ricerca e lo sviluppo del Wushu cinese. Per rendere universale il Taiji Quan e favorire la sua diffusione tra la grande massa, l Istituto ha creato forme semplificate 8, 10, 12, 16, 24 posizioni, mentre per unificare gli arbitraggi, soprattutto nelle gare internazionali, sono state codificate le forme 32 e 42 a mani nude e 32 e 42 di spada, la cui caratteristica è quella di trarre posizioni da tutti gli stili sopra menzionati. Recentemente, per rendere ancora più spettacolare il Taiji, è stato resa libera la creazione da parte di ogni allenatore di forme da gara con l aggiunta di particolari difficoltà come salti o spaccate, aggiungendo elementi tipici degli stili esterni. Forme a mani nude Solo Chen 8- Codificata Chen per principianti 16- Codificata Chen per intermedi 20-5 sezioni stile Chen semplificato 36- Forma Chen codificata 56- Forma 56 posizioni per competizioni internazionali 108- Forma Chen (versione rivista dalla Fed. Cinese) Solo Yang 8- Forma Yang 8 passi codificata 10- Forma Yang 10 codificata 12- Forma Yang 12 codificata 16- Forma Yang 16 codificata 20- Forma 5 sezioni Yang codificata 24- Forma Yang codificata detta anche forma di Pechino o forma semplificata 40- Forma Yang codificata 88- Forma Yang standardizzata Solo Wu 46- Forma Wu da competizione 54- Forma famiglia Wu da competizione Solo Sun 35- Forma standard 40- Forma da gara Sun Forme con stili misti Yang, Chen, Wu, Sun 32- Forma combinata con altri stili 42- Forma 42 posizioni per competizioni internazionali combinata con altri stili 46- Forma Yang da competizione 48- Forma 48 pos. codif. (usata fino al 76 e sost. con la 42) Forme con armi 13- Forma di sciabola Chen codificata 16- Forma di ventaglio Yang (codificatrice M a Yang Li) 18- Forma di spada Chen codificata chiamata anche forma per la salute 24- Forma di ventaglio Chen (codificatrice M a Wang) 24- Forma di ventaglio Yang (codificatrice M a Yang Li) 32- Forma di Spada Chen codificata 36- Forma di Ventaglio Yang (codificatrice M a Yang Li) 16- Forma di spada Yang codificata 16- Forma di Lancia Yang codificata 32- Forma di spada Yang codificata 42- Forma di spada Yang codificata La tua rivista preferita di arti marziali ora la trovi anche su Internet con articoli scaricabili gratuitamente, straordinari contenuti multimediali e tante sorprese ancora... X XI

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

ESERCIZI FALUN DAFA. Esercizio 1. Esercizio 1. Il primo esercizio Budda Mostra Mille Mani. Di yi tao gong fa Fo zhan qian shou.

ESERCIZI FALUN DAFA. Esercizio 1. Esercizio 1. Il primo esercizio Budda Mostra Mille Mani. Di yi tao gong fa Fo zhan qian shou. ESERCIZI FALUN DAFA Esercizio 1 Di yi tao gong fa Fo zhan qian shou. Shen shen he yi Dong jing sui ji Ding tian du zun Qian shou fo li Esercizio 1 Il primo esercizio Budda Mostra Mille Mani Shen shen he

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

PWKA NEWS SPECIALE RADUNO NAZIONALE 23-24 GENNAIO 2016

PWKA NEWS SPECIALE RADUNO NAZIONALE 23-24 GENNAIO 2016 M.S.P. C.O.N.I PWKA NEWS SPECIALE RADUNO NAZIONALE 23-24 GENNAIO 2016 CENTRO SPORTIVO PAVESI Via De Lemene 3 Milano 02 8721 3392 http://centropavesi.apnetwork.it/index.site.php?pagina=p&titolo=come_raggiungerci

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

Asana per la Gravidanza

Asana per la Gravidanza Yoga in Gravidanza Yoga in Gravidanza La cosa più pura al mondo è il cuore della madre, il chakra del cuore, il centro della madre. E la cosa più pura al mondo. Può muovere Dio. Può muovere l Universo.

Dettagli

Come si pratica il Tai Chi Chuan?

Come si pratica il Tai Chi Chuan? In questa seconda parte entriamo nel vivo della pratica del Tai Chi Chuan Stile Wu. Premesso che per imparare il Tai Chi Chuan è importante l apprendimento diretto con un insegnante, (e che quindi non

Dettagli

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE 1 Il cavallo selvaggio galoppa nella foresta 2 La tigre irrompe nel tempio 3 Il monaco chiude la porta 4 La tigre attraversa il fiume impetuoso 5 Il vento muove i

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Metodi d allenamento

Metodi d allenamento Metodi d allenamento Pistola ad aria compressa Pistola libera Pistola sportiva (mirato) 8 1 2 destra 7 3 destra 6 5 4 destra Traduzione di Sabine Marta Unione Italiana Tiro a Segno Indice 1. Metodi generali

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE Possiamo collegare il concetto di interocezione (percezione dello status interno e dei segnali provenienti dai visceri, concernente il senso di equilibrio omeostatico

Dettagli

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila

Gli Zang Fu. Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Gli Zang Fu Dott. ssa Alessandra Bozzelli, Dott. Paolo Evangelista Scuola di MTC So-Wen L Aquila Il concetto Zang/Fu n Con il termine generico di Zang Fu indichiamo l insieme degli organi interni del corpo

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

La costruzione della respirazione

La costruzione della respirazione La costruzione della respirazione ovvero : La funzione toracica nel nuoto di Gabriele SALVADORI Spazio emozione sport Lo spazio dà la chiave dell emozione, l emozione dà la chiave dello sport Bernard Jeu

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO DI INSEGNAMENTO

PROGRAMMA TECNICO DI INSEGNAMENTO PROGRAMMA TECNICO DI INSEGNAMENTO CHƯƠNG TRÌNH HUAÁN LUYEÄN Vovinam Việt Voõ Ñạo Il programma di insegnamento indica ciò che ogni atleta deve obbligatoriamente conoscere per poter affrontare l esame del

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN

MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN PALESTRE A CIELO APERTO FRA LE NOVITÀ IL CORSO DI YOGA E UNO SPAZIO DEDICATO AI BAMBINI Anche

Dettagli

massaggio LOMI LOMI NUI Livello Avanzato C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 2 week end (32 ore totali)

massaggio LOMI LOMI NUI Livello Avanzato C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 2 week end (32 ore totali) LOMI LOMI NUI C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale Livello Avanzato 2 week end (32 ore totali) Ente NO-PROFIT di Formazione Professionale Riconosciuto dalla Regione Lombardia 2014/NA37 LOMI

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE METODO PER LA SALUTE ED IL BENESSERE Jian Shen fa del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE Questo metodo, ispirato da An Chiao (auto-massaggio), da Tu Na (respirazione profonda) e dal Dao Yin (consapevolezza

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

CARTELLA STAMPA 2015 LA CAMMINATA SPORTIVA: UNO SPORT SEMPLICE ED EFFICACE

CARTELLA STAMPA 2015 LA CAMMINATA SPORTIVA: UNO SPORT SEMPLICE ED EFFICACE CARTELLA STAMPA 2015 LA CAMMINATA SPORTIVA: UNO SPORT SEMPLICE ED EFFICACE Newfeel Tonificare il corpo, rinforzare il cuore e liberare lo spirito i benefici della camminata sportiva sono molteplici. Questo

Dettagli

PWKA NEWS 1 SETTEMBRE 2014 CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICO SETTORE ARTI MARZIALI CINESI MSP ITALIA PWKA. Milano 4-5 Ottobre 2014

PWKA NEWS 1 SETTEMBRE 2014 CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICO SETTORE ARTI MARZIALI CINESI MSP ITALIA PWKA. Milano 4-5 Ottobre 2014 M.S.P. C.O.N.I PWKA NEWS 1 SETTEMBRE 2014 CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICO SETTORE ARTI MARZIALI CINESI MSP ITALIA PWKA Milano 4-5 Ottobre 2014 Centro Sportivo Pavesi Via De Lemene 3 20154 Milano Sono convocati

Dettagli

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio.

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. CONTINUA L INTRODUZIONE 1. L Architettura Feng Shui, è dunque un bacino di conoscenza sintetizzato in questo paradigma delle tre vie, che

Dettagli

Massaggi Ayurvedici Massaggi Californiani Massaggi Thailandesi Linfodrenaggi Riflessologia Plantare Chair Massage

Massaggi Ayurvedici Massaggi Californiani Massaggi Thailandesi Linfodrenaggi Riflessologia Plantare Chair Massage MASSAGGI BENESSERE Massaggi Ayurvedici Massaggi Californiani Massaggi Thailandesi Linfodrenaggi Riflessologia Plantare Chair Massage Per informazioni e prenotazioni contattare: 329 3276989 o sirived@libero.it

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

ASD IL GIARDINO DI HOSHIN

ASD IL GIARDINO DI HOSHIN ASD IL GIARDINO DI HOSHIN PROGRAMMA DI QIGONG Il programma descrive i contenuti dei seminari di Qi Gong. Pur mantenendo questo programma come riferimento, ASD Il Giardino di Hoshin si riserva la facoltà

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Shaolin Qigong corso di formazione per istruttori

Shaolin Qigong corso di formazione per istruttori SHAOLIN DOLOMITES marzo 2012 - novembre 2013 VERONA corso di formazione per istruttori con il gran maestro Shi Yong Dao in collaborazione con il tempio Shaolin Germania (Berlino) 1 2 Shaolin una tradizione

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

SVILUPPO DEL CORPO: l esercizio fisico stimola la respirazione e la circolazione, quindi le cellule sono nutrite meglio, e le loro scorie sono più

SVILUPPO DEL CORPO: l esercizio fisico stimola la respirazione e la circolazione, quindi le cellule sono nutrite meglio, e le loro scorie sono più La motricità nello sviluppo e nel comportamento del bambino Tutti gli autori sono d accordo nel riconoscere che l esercizio fisico ha un importanza fondamentale per lo sviluppo del corpo, della mente e

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI.

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. VARIABLE tm LA PREVENZIONE PER LA VOSTRA SCHIENA MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. Ecco il segreto per mantenere in forma la vostra colonna vertebrale. La prevenzione è la prima e più efficace arma contro il

Dettagli

Corso Passo dopo passo RESPIRO

Corso Passo dopo passo RESPIRO I Corsi di 1 Corso Passo dopo passo RESPIRO Per mantenere una salute radiosa, una mente bilanciata e una buona energia per ritrovare pace, serenità e allegria 2 QUANDO IL RESPIRO E IRREGOLARE ANCHE LA

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma TEST PAUSA CONTROLLO (PC) VALUTAZIONE TOLLERANZA CO2 origine test: Metodo Buteyko 2014 Tutti i diritti riservati www.allungatierespira.com Il test della PC è stato elaborato dal Dott.Buteyko, medico che

Dettagli

www.addiospalladolorosa.it

www.addiospalladolorosa.it Addio Spalla Dolorosa Copyright 2014. AddioSpallaDolorosa.it. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale o dei suoi documenti inclusi possono essere utilizzati, riprodotti o trasmessi

Dettagli

pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna

pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna Movimento in gravidanza e accompagnamento alla genitorialità. SPAZIO MAMME Luogo di auto-aiuto aperto a tutte le

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli