Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Economia"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Economia e Amministrazione delle Imprese Finanziarie Tesi di Laurea in Gestione e Controllo dei Rischi nell Intermediazione Finanziaria Compartecipazione Armatoriale e il Crac della Parmalat del Mare : il caso Deiulemar Relatore: Ch.ma Prof.ssa Rosa Cocozza Candidato: Ciro Izzo Matricola: Anno Accademico

2 Se non ci può essere vittoria, allora combatterò per sempre.

3 INTRODUZIONE CAPITOLO I IL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE E IL SISTEMA DEI CARATI: LA COMPARTECIPAZIONE ARMATORIALE 1. Il diritto della navigazione e la compartecipazione armatoriale: una prima definizione La natura giuridica della nave La compartecipazione armatoriale, il sistema dei carati e l impresa di navigazione: L armatore La compravendita della nave L obbligazione parziaria Le obbligazioni Deiulemar La diffusione campana e torrese nella partecipazione armatoriale CAPITOLO II IL CRAC DEIULEMAR: LA PARMALAT DEL MARE 1. Deiulemar compagnia di navigazione S.p.A.: Il percorso Le navi di proprietà del gruppo L impero dello shipping: Le scatole cinesi Lo schema di Ponzi. Somiglianze Il fallimento Kpmg, la società di revisione Gli ultimi bilanci. ( )... 44

4 CAPITOLO III LO STUDIO DEL SETTORE E LE GARANZIE OFFERTE 1.Lo studio del settore d azione della compagnia Segnali di criticità: l andamento degli indici settoriali Il ruolo Deiulemar e la fiducia dei risparmiatori Le modalità di diffusione CONCLUSIONI 70 BIBLIOGRAFIA...72 SITOGRAFIA...74

5 Introduzione Gli anni successivi al top' borsistico del 2000 sono stati caratterizzati da un costante declino dei mercati azionari e della scena economica generale, punteggiata, negli ultimi due anni, da scandali e crack finanziari che hanno coinvolto grandi gruppi industriali e finanziari americani (Enron, WorldCom), europei (Adecco) ed italiani (Cirio, Parmalat). 1 E passato quasi un decennio, e la crisi finanziaria s è manifestata ancora più duramente negli anni andando a colpire risparmiatori, imprese, perfino le più solide, e interi settori, ed è proprio su uno di questi casi che il lavoro si articolerà, per sviscerare numeri, fatti e notizie che non tutti i giorni sono portati alla ribalta dai mass-media, inquadrando soprattutto la crisi del settore del trasporto navale e dei noli. Quando nei primi giorni di gennaio 2012 si diffuse la notizia, in città non si parlava d altro, che tu fossi invischiato o meno, l argomento del giorno, al bar, dal barbiere o a tavola, non poteva che essere quello: la compagnia di navigazione Deiulemar in crisi. Io sono nato e cresciuto, salvo una piccola parentesi al nord, a Torre del Greco, e nonostante si viva all ombra di un vulcano attivo, il Vesuvio, nessuno aveva mai dormito sonni irrequieti, fino alla notizia delle difficoltà finanziarie di una delle più grandi compagnie armatoriali d Europa, nel campo dei trasporti marittimi. La paura dei piccoli e grandi 1 TURRI D., (2004). Finanza di impresa al bivio, a cura di Baseggio L., Editore Franco Angeli, Milano, Italia.

6 risparmiatori, di perdere quanto accumulato in una vita di sacrifici, soprattutto in mare essendo i torresi un popolo di naviganti, ed inizialmente etichettata come bufala, ha nei mesi assunto le dimensioni di una voragine dai contorni illimitati. Nel presente lavoro conto di ricostruire le strade percorse dalla storica e un tempo gloriosa società di via Tironi, che tanto ha dato allo sviluppo economico della Campania e del sud in generale, e che di colpo tutto ha tolto, lasciando l ennesimo profondo rammarico di quello che poteva essere e non è stato, fino a meritarsi il soprannome di Parmalat del mare. L elaborato tratterà non solo della compagnia fallita e quindi dei suoi bilanci alla ricerca di eventuali segnali di criticità, ma anche di tutte le altre società legate tramite un filo inscindibile al progressivo svuotamento della stessa, per poi arrivare alla rassegna di tutti i possibili responsabili dei mancati controlli, da Consob alla società di revisione Kpmg, e alle autorità, poiché tutti sapevano, però nessuno ha mai deciso di approfondire. Infine il lavoro proverà a tracciare le linee delle ripercussioni economiche cittadine e campane con uno sguardo rivolto alla tradizione della partecipazione armatoriale, al vetusto mondo del sistema dei carati e dell obbligazione parziaria e ai numeri della crisi del settore dei trasporti marittimi.

7

8 CAPITOLO I IL DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE E IL SISTEMA DEI CARATI: LA COMPARTECIPAZIONE ARMATORIALE SOMMARIO : 1.Il diritto della navigazione: una prima definizione La natura giuridica della nave. 2. La compartecipazione armatoriale, il sistema dei carati e l impresa di navigazione: L armatore La compravendita della nave L obbligazione parziaria Le obbligazioni Deiulemar. 3.La diffusione campana e torrese nella partecipazione armatoriale

9 1. Il diritto della navigazione e la compartecipazione armatoriale: una prima definizione. Il diritto della navigazione, è l insieme delle norme regolanti la materia della navigazione, sia essa marittima, o esercitata su fiumi, laghi e canali. In dottrina la stessa nozione di navigazione è controversa, secondo alcuni, va identificata con il trasporto per acqua e per aria di persone o cose, mentre a parere di altri andrebbe a riferirsi a ogni movimento, per acqua e per aria, di un mezzo galleggiante o volante adibito a svolgere una qualsiasi attività. La navigazione è qualificata dai mezzi con i quali si attua, che possono essere: Nave; Aeromobile; Veicolo spaziale; Altresì è qualificata dall ambiente nella quale si svolge: Mare; Acque interne; Spazio aereo; Spazio extra-atmosferico; Ed infine, la navigazione è definita dalle finalità che con essa si perseguono, che siano private o pubbliche, commerciali o di altra natura. Il diritto della navigazione è un diritto speciale, cioè un complesso di norme delle quali: Talune introducono istituti tipici esclusivi del diritto della navigazione e totalmente ignoti al diritto comune; Talune integrano la disciplina di diritto comune, per la parte in cui le norme generali non dispongono; - 2 -

10 Talune modificano le norme di diritto comune, come ad esempio le norme sulla locazione di nave si distinguono dalla locazione in generale; Altre infine sono addirittura antitetiche rispetto ai principi fondamentali di diritto comune; Giova ricordare che il diritto speciale dispone una disciplina particolare che prevale sul diritto comune, è di fatti un diritto autonomo perché gode di autonomia giuridica, scientifica e legislativa: Giuridica poiché si fonda su un sistema autonomo di norme che impone il ricorso al diritto comune solo in via sussidiaria e dopo che sia riuscita vana l estensione analogica dei propri disposti normativi speciali; Scientifica perché nel nostro ordinamento la materia della navigazione è caratterizzata dal concorso di elementi pubblicistici e privatistici ed i rapporti scaturenti sono organizzati in modo organico e sistematico; Legislativa poiché la materia trova organica sistemazione nel codice della navigazione; Le fonti del diritto della navigazione sono individuate dall articolo 1 del codice della navigazione: In materia di navigazione, marittima, interna ed aerea, si applicano il presente codice, le leggi, i regolamenti, le norme corporative e gli usi ad essa relativi. Ove manchino disposizioni del diritto della navigazione e non ve ne siano di applicabili per analogia, si applica il diritto civile. 2 Le norme del codice costituiscono il diritto generale della navigazione rispetto alle norme di diritto della navigazione contenute nelle altre leggi 2 ARTICOLO 1, disposizioni preliminari del codice della navigazione, approvato con R.D. 30 marzo 1942, n

11 che si pongono come diritto speciale; queste ultime, se anteriori al codice, conservano la loro efficacia nei limiti del principio lex posterior generalis non derogat legi priori speciali, se posteriori invece, modificano o integrano l ordinamento stabilito dal codice. In proposito della nozione di nave, invece, il codice all articolo 136 sancisce che sia nave qualsiasi costruzione destinata al trasporto per acqua, anche a scopo di rimorchio, di pesca, di diporto, o ad altro scopo. ; trattasi di una definizione assai lata che fa coincidere la navigazione con il trasporto su acqua, inteso non nel significato ristretto di persone o di cose, da un luogo all altro, bensì nel significato più ampio di spostamento per un qualsiasi fine. Elementi essenziali della nave sono l attitudine a galleggiare e l attitudine a navigare, intesa, la seconda, in senso materiale e risultante da un insieme di condizioni quali la forma dello scafo, le dimensioni, il sistema di direzione, la governabilità. La distinzione tra le varie tipologie di navi è così effettuata: Navi maggiori : sono le navi d altura destinate alla navigazione di alto mare. Navi minori : sono le navi costiere destinate alla navigazione lungo le coste continentali ed insulari dello Stato a distanza non superiore alle venti miglia e le navi adibite alla navigazione interna. Navi mercantili : sono le navi di proprietà privata o pubblica, esercitata da soggetti privati o pubblici, per il raggiungimento di uno scopo diverso da quello militare Nave militare : cioè la nave da guerra o ogni altra nave adibita al servizio delle forze armate dello Stato, alle dipendenze di un - 4 -

12 comandante militare; ad esse non si applicano, di regola, le norme del diritto della navigazione. 1.1 La natura giuridica della nave Nell affrontare il problema della qualificazione giuridica, la disciplina legislativa, considera la nave nella sua entità fisica facendola rientrare nella categoria delle cose composte, cioè risultanti dalla combinazione di più elementi unificati da una sola destinazione. Si tratta dunque di oggetti di diritto e la dottrina italiana respinge ad oggi perentoriamente la teoria che configurava la nave come persona giuridica. Le res connexae conservano la loro individualità anche se dovessero mutare le singole parti che le compongono. La nave quale res connexa è formata: Di parti costitutive materialmente inseparabili; Di parti costitutive materialmente separabili; Di pertinenze: ossia cose vincolate funzionalmente al mezzo, in quanto destinate al servizio e all ornamento di esso, che mantengono la loro individualità e sono sempre separabili; Da accessori: destinati al servizio e all ornamento del mezzo ma ad esso fisicamente congiunti e che non concorrono all individuazione del mezzo stesso; Se le parti separabili possono avere proprietari diversi e quindi vicende giuridiche proprie, lo scopo della nostra analisi si dovrà soffermare sulle parti inseparabili, poiché in questi casi non è concepibile un dominio separato e l appartenenza di esse a proprietari diversi fa sorgere un regime di comproprietà che per la nave è espresso in carati

13 2. La compartecipazione armatoriale, il sistema dei carati e l impresa di navigazione: L armatore La nave, intesa nella sua interezza, è divisibile in ventiquattro quote di proprietà chiamate carati, ognuno dei quali è suscettibile di ulteriore divisione in frazioni. Ciascun comproprietario assume il nome di caratista ; ad ognuno di essi è associato lo ius utendi, cioè al diritto di godere del bene si deve rilevare che non appare possibile una utilizzazione frazionata della nave, poiché la gestione di questa non può essere oggetto di attuazione pro-quota. Il mezzo nautico comunque potrebbe essere utilizzato separatamente dal singolo partecipante e per un certo tempo, in periodi successivi (es. viaggi stagionali) a seguito di accordo in tal senso tra i comproprietari. In simile ipotesi però, l uso del bene da parte del compartecipante troverebbe fondamento nell eventuale accordo fra le parti e non più nell articolo 1102 del codice civile, che disciplina la comunione di beni, e attribuisce a ciascun condomino la facoltà di servirsi della cosa comune purché non ne alteri la destinazione. La figura ricoperta dai primi obbligazionisti Deiulemar, in un primo momento doveva essere non dissimile da quella del caratista, possessore di una frazione di carati, per poi andarsi a confondere, con l ingrandimento della compagnia, fra le migliaia di obbligazionisti che acquisivano titoli emessi dalla società, regolari e non, per reperire liquidità. Può essere inoltre utile ai fini di inquadramento della realtà della compartecipazione armatoriale, la definizione di armatore così come viene data dall articolo 195 del codice della navigazione: Armatore è chi assume l esercizio della nave, quindi il concetto dell esercizio - 6 -

14 prescinde dalla proprietà del veicolo, perché può presupporre anche un diritto reale limitato (es. usufrutto) o anche un rapporto obbligatorio (es. contratto di locazione). Il concetto di esercizio prescinde anche dall armamento, ovvero la fornitura di tutto il necessario per la navigazione. Quindi un soggetto che provveda ad armare la nave non ne assume l esercizio, ma questo viene assunto dall armatore 3. Per poter classificare meglio l attività svolta dall armatore, il codice della navigazione stabilisce che essa sia configurata come impresa di navigazione quando vi sia l utilizzo di una nave o di un aeromobile 4. Se l esercizio della nave avesse i requisiti per essere classificato come impresa di navigazione, allora si applicherà il codice della navigazione, qualora si tratti di esercizio professionale di un attività economicoproduttiva, sarà definita impresa come dal codice civile e quindi applicata relativa disciplina, a cui si aggiungerà la disciplina del codice di navigazione. Con riguardo all armatore, prima di assumere l esercizio della nave, dovrà fare dichiarazione di armatore all ufficio di iscrizione della nave o del galleggiante. 3 ARTICOLO 195, L armatore e l esercente, codice della navigazione, approvato con R.D. 30 marzo 1942, n ARTICOLO 196, Esercizio ed impresa, codice della navigazione, approvato con R.D. 30 marzo 1942, n

15 2.1 La compravendita della nave Un ulteriore analisi si può sviluppare sui modi di acquisto della proprietà della nave, che ci torneranno utili in futuro, poiché si inquadrano nella teoria dei modi d acquisto della proprietà mobiliare con le particolarità stabilite per i mobili registrati. Il codice della navigazione tuttavia non disciplina la compravendita di nave, essa è riconducibile alla normativa dettata dal codice civile e ad una prassi straniera recepita in formulari di lingua inglese comunemente utilizzati anche nel nostro paese. Il formulario più diffuso è il Norwegian Sales Form che prevede il seguente schema: Il venditore, all atto della firma, assume immediatamente l obbligazione di vendere la nave; Il compratore invece si obbliga di depositare solo il 10% del prezzo presso terzi fiduciari con riserva di gradimento; La vendita diventa definitiva dopo due visite alla nave da parte del compratore correlata a due rispettive manifestazioni di gradimento; Al termine di queste due visite ispettive il compratore ha la facoltà assolutamente discrezionale di accettare o rifiutare la nave; Dopo l accettazione del compratore la nave deve essere immessa in bacino nel luogo in cui è prevista la consegna per la visita della parte immersa; La nave viene quindi consegnata al compratore con contestuale pagamento del saldo del prezzo e liberazione delle somme già depositate; - 8 -

16 Il venditore rilascia una dichiarazione di vendita ( bill of sale ) che è atto unilaterale di dismissione di proprietà che deve essere trascritto nel pubblico registro di iscrizione della nave. Il Norwegian form, celeberrimo formulario del 1993, è stato di recente ripensato dall Associazione Norvegese Shipbrokers ( NSA ), in collaborazione con BIMCO, ma nonostante gli sforzi il vecchio form fornisce ancora le basi concettuali al nuovo, che aggiunge solo le clausole che spesso venivano inserite dagli operatori di settore. 5 In particolare, tra le novità più rilevanti, si ritiene utile segnalare le modifiche alla clausola relativa al pagamento del deposito, che adesso lascia le parti libere di indicare la percentuale dello stesso (in precedenza fissata al 10%), prevedendo l applicazione automatica del 10% nel caso di silenzio. La clausola, inoltre, dispone oggi chiaramente che il deposito debba essere versato entro 3 giorni dal verificarsi delle seguenti condizioni: firma del contratto, scambio dello stesso tra le parti e conferma da parte del depositario dell avvenuta apertura del conto deposito. Poiché nella pratica l apertura di un conto deposito richiede tempo e molta documentazione, la clausola adesso pone espressamente un obbligo a carico delle parti di fornire al depositario tutta la documentazione necessaria a tal fine. Anche la clausola concernente il tempo ed il luogo di consegna è stata emendata, nel senso di prevedere una finestra temporale ben definita entro cui il venditore è legittimato a dare la Notice of Readiness. Inoltre, la nuova clausola dispone che se la nave non è pronta per la consegna entro la data di cancello il compratore ha un termine di 3 giorni (nel precedente formulario erano 7) per accettare la nuova data di cancello proposta dal venditore. 5 Tratto da: il magazine settimanale on-line di shipping, porti, trasporti e logistica,

17 L accettazione di tale nuova data, viene chiarito, non costituisce però una rinuncia da parte del compratore al diritto al risarcimento dei danni per inadempimento del venditore. Infine, segnaliamo le variazioni alla clausola relativa ai documenti che devono essere scambiati tra le parti al momento del closing e sostanzialmente consistenti in un allineamento con quelli comunemente previsti nell attuale prassi del mercato. Chiarita la fattispecie dell impresa di navigazione e la figura dell armatore, e come si effettua una compravendita, senza dimenticare il secolo e oltre di tradizione di associazionismo armatoriale, risulterà già più comprensibile l attività della compagnia di navigazione Deiulemar, che sarà approfondita nei successivi paragrafi e capitoli

18 2.1 L obbligazione Parziaria Il concetto di partecipazione parziaria consiste nell'unione di capitali di più investitori per il finanziamento di un progetto economico concreto e deriva dalle parti che compartecipano all'acquisto e alla gestione della nave. La peculiarità di una partecipazione parziaria consiste nel rimborso dell'intero capitale proprio versato, ed in una rendita minima prestabilita. Il capitale proprio versato dai soci cointeressati sarà garantito da obbligazioni di un ente bancario rinomato al valore nominale. Inoltre la rendita minima sarà garantita da un fondo risparmi straordinario. Strettamente collegata alla partecipazione parziaria è la disciplina dettata dal codice civile in merito all obbligazione parziaria, l articolo 1314 invero detta: Se più sono i debitori o i creditori di una prestazione divisibile e la obbligazione non è solidale, ciascuno dei creditori non può domandare il soddisfacimento del credito che per la sua parte, e ciascuno dei debitori non è tenuto a pagare il debito che per la sua parte. Ciò che accomuna l'obbligazione parziaria e l'obbligazione solidale è la pluralità soggettiva dalla parte del debitore o dalla parte del creditore e l'identità della prestazione oggetto dell'obbligazione. Ciò che, invece, distingue l'obbligazione parziaria dall'obbligazione solidale è la modalità dell'adempimento in quanto, mentre nell'obbligazione solidale ciascun debitore è obbligato ad eseguire l'intera prestazione e ciascun creditore può esigerla per intero (con effetto liberatorio per ciascun debitore ed estintivo per ciascun creditore), nell'obbligazione parziaria ciascun debitore è obbligato solo per la quota di partecipazione al rapporto obbligatorio e ciascun creditore può esigere una quota della prestazione analogamente commisurata alla

19 sua quota di partecipazione. Nel caso reale preso in analisi, le obbligazioni emesse dalla Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., sono state dapprima una vendita di frazioni di carati e dal 1984 in poi delle obbligazioni con cedola unica annuale, regolari e non, che garantivano interessi altissimi, e la possibilità di poter richiedere la restituzione del capitale in qualunque momento, questo ovviamente avveniva negli uffici privati del capitano Michele Iuliano, amministratore unico, per molti anni, della compagnia, e si fondava sulla parola da questi data

20 2.3 Le obbligazioni Deiulemar Nel lontano biennio , dall intuizione di Michele Iuliano, Giovanni Della Gatta, e Giuseppe Lembo la Deiulemar compagnia di Navigazione S.p.A. acquistò la prima nave per il trasporto di merci, anche grazie all aiuto di diversi caratisti, anche se inizialmente per modesti importi. E solo dal 1984 che la compagnia inizia ad emettere, in sette tranches, delle obbligazioni contabilizzate per degli importi via via crescenti nel tempo. Nella tabella sottostante 6 sono elencate, classificate per anni, tutte le obbligazioni emesse, prima e dopo l autorizzazione della Consob, che avverrà solo per quelle del , escludendo migliaia di obbligazioni non contabilizzate, e successivamente definite irregolari dalla società stessa: Tabella (Obbligazione contabilizzate) Data Emissione Importo in euro Scadenza Tasso Interesse 20/11/ /12/2018 7% 10/10/ /12/2018 7% 14/10/ /12/2018 7% 29/12/ /12/2018 7% 10/10/ /12/2018 7% 30/09/ /12/2018 5,83% 17/12/ ,8% 6 Tratto da: www. DEIULEMAR.it, archivio comunicati nell area investitori, Fonte: Avvocato GIUSEPPE COLAPIETRO, difensore obbligazionisti Deiulemar, intervista

21 Riepilogate nella tabella 2.1, com è già stato detto, vi sono le obbligazioni deliberate e iscritte in bilancio, per un complessivo di euro, proprio come sottolineato nel comunicato della società stessa: Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. rende noto che le obbligazioni rivenienti da prestiti obbligazionari emessi nell ambito di regolari procedure societarie, come riportati nel bilancio relativo all esercizio chiuso il 31 dicembre 2010, ammontano agli importi della seguente tabella 89. La compagnia ha emesso tale comunicato nel febbraio 2012, ossia quando già la società aveva manifestato tutti i propri problemi finanziari, e come si potrà notare nel comunicato, viene sottolineato l aggettivo regolare che riguarda le procedure societarie normali per l emissione di obbligazioni. Ciò avviene poco prima che la società sia costretta ad ammettere, con un ulteriore comunicato, la presenza di titoli obbligazionari non regolari tramite la voce dell amministratore unico Roberto Maviglia: E emersa la circolazione di certificati obbligazionari emessi nel corso degli anni al di fuori delle regolari procedure societarie e, pertanto, connotati da formale e sostanziale irregolarità 10. I primi segnali di irregolarità, sono proprio le metodologie di acquisto di tali certificati obbligazionari, l operazione infatti avveniva in uffici distaccati, spesso in contanti e sulla sola fiducia della firma di un uomo, Michele Iuliano, ritenuto un benefattore da un intera città e dagli obbligazionisti stessi. Le obbligazioni, etichettate solo successivamente dalla società come irregolari, sono state distribuite in tutta la Campania e anche in altre regioni, tra i vari possessori risulteranno anche personaggi dello 8 Tabella Tratto da: archivio comunicati nell area investitori, CAPUOZZO N., MOIZO A. (2012)

22 spettacolo e dello sport, attirati da tassi di interesse che in alcuni casi sfioravano il 14% 11. Molti obbligazionisti Deiulemar ritenevano la società più sicura di una banca, preferendo i certificati del capitano sia per i rendimenti più alti che per la possibilità di un anonimato, che in banca non è possibile. La situazione che andava degenerando in città, ha costretto la società a fare un censimento delle obbligazioni cosiddette irregolari, tenutosi nel mese di marzo 2012; infatti come da intervista all Avvocato Giuseppe Colapietro, del programma Piazza Pulita del canale televisivo La7, che indagava sulle difficoltà della compagnia di navigazione, risulta: C è stato un rapporto di fiducia, che comunque ha reso la città abbastanza ricca, ma si è capito che ci fosse qualcosa che non è andato in maniera regolare l importo delle obbligazioni che c è fuori non è di 41 milioni di euro, ma si parla anche di 700 milioni di euro. Come può una società oggi dire: io non so cosa c è fuori, non so quante obbligazioni ci siano, siamo costretti a fare un censimento 12. Pochi giorni dopo, l amministratore unico Roberto Maviglia, subentrato all ex amministratore Michele Iuliano, confermerà che il buco nero delle obbligazioni parallele aveva raggiunto la forbice fra i 600 milioni e gli 800 milioni, la cifra che già da tempo si era ipotizzata. Ad oggi, fuori bilancio, risultano quasi 720 milioni di euro di certificati obbligazionari, firmati da circa risparmiatori ( accertati in un primo censimento, e si suppone ve ne siano altri non partecipanti allo stesso), letteralmente su un pezzo di carta dall inesistente valore legale, se non per la firma personale, dell ex amministratore unico Michele Iuliano, meglio conosciuto con il soprannome di capitano. 11 Fonte: Avvocato GIUSEPPE COLAPIETRO, difensore obbligazionisti Deiulemar, intervista Tratto da: PIAZZA PULITA, programma di approfondimento di La7, intervista all avvocato Giuseppe Colapietro, 15/3/

23 2.3 La diffusione campana e torrese nella partecipazione armatoriale. Risalgono a secoli fa le prime notizie riguardanti la pratica armatoriale in Europa, la partecipazione armatoriale nello specifico era conosciuta fin dal secolo XII, quando un alleanza di città diede vita alla Lega Anseatica detenendo il monopolio dei traffici marittimi per molti secoli, nei mari del nord. In Campania, terra dalle lunghe tradizioni marinare, si distinse Amalfi, una delle quattro Repubbliche Marinare. Amalfi ebbe una storia gloriosa e precoce di potenza marittima, e le navi amalfitane battevano i mari insieme a quelle veneziane quando le altre repubbliche ancora dovevano affermarsi. La città campana non occupò mai vasti territori ma ebbe il dominio commerciale nel Mediterraneo meridionale ed orientale molto prima di Venezia. Se la sua storia di indipendenza e di navigazione iniziò molto presto, anche la decadenza arrivò presto, principalmente a causa dell'arrivo dei Normanni nel Meridione, che soppressero le autonomie locali per dar vita al grande stato del Regno di Sicilia, oltre che per la rivalità delle nascenti repubbliche di Pisa e Genova. Ma vi era anche un altra piccola realtà che cresceva all ombra del Vesuvio; il ceto armatoriale della cittadina di Torre del Greco nacque e si sviluppò a partire dalla seconda metà del XIX secolo, quando alcune famiglie, che già avevano iniziato a praticare il cabotaggio 13 con due o tre piccoli navigli, fecero il salto di qualità acquisendo un 13 Secondo i linguisti l'etimologia della parola risalirebbe al termine spagnolo càbo, capo, per cui cabotaggio significherebbe la navigazione da capo a capo, da porto a porto. Il cabotaggio quindi si riferisce a una navigazione che di solito avviene generalmente sottocosta meno rischiosa quindi rispetto ad esempio alla traversata in mare aperto

24 bastimento con una capacità di carico prossima o di poco superiore alle 200 tonnellate di stazza, rientrante nella classe brigantino-goletta. Con l aumentare della capacità del carico, il costo del nolo influì meno sulla mercanzia trasportata, quindi gli interessi dell armatore erano nelle mani del comandante del bastimento, che doveva raggiungere il porto di destinazione nel più breve tempo possibile, incrementando così i noli. Altra regola fondamentale che si cercò di rispettare, nei limiti del possibile, fu quella che il bastimento non doveva mai viaggiare scarico. Fino alla prima metà dell 800 i maestri d ascia furono i padroni assoluti nelle costruzioni di barche, barchette, feluconi, gozzi e paranzelli. Il commercio marittimo, per essere competitivo, richiedeva navigli con una crescente capacità di carico, ma la legge impediva che i bastimenti di stazza superiore alle 50 tonnellate, venissero costruiti senza progetti stilati da personale specializzato. Con l avvento dei costruttori di prima e seconda classe, i cantieri di Torre del Greco, dopo il 1870, furono ampliati per costruire navigli di maggiori grandezze, facendo passare i brigantini-goletta da 27 metri a 35 metri e facendo salire la capacità di carico da 190 a 250 tsl 14 ed oltre. 15 Tale progresso non si ebbe però con il cambio dei materiali di costruzione, difatti dai cantieri torresi scesero in mare solo vascelli in legno, e quando la propulsione velica non fu più sufficiente per ovvi motivi commerciali, si costruirono motovelieri. Il bastimento in legno a vela fu la nave per eccellenza per gli armatori torresi fino al secondo decennio del Agli inizi del XX secolo nessun armatore di Torre del Greco possedeva piroscafi nella propria flotta. Dopo le due guerre mondiali la flotta posseduta dalla classe armatoriale torrese era del tutto 14 Tonnellate di stazza lorda. 15 ALTIERO C.A., FORMICOLA A. (2008), Navi e Armatori di Torre del Greco

25 svanita, requisita e iscritta a naviglio ausiliario dello Stato. Nonostante i ritardi ed i risarcimenti non adeguati, grazie all abilità manageriale acquisita, alcuni armatori svilupparono una fortunata attività armatoriale a partire dagli anni settanta, e fino ad un biennio fa erano ritornati prepotentemente ad imporsi nel mercato dello shipping 16. Alla metà degli anni 90, gli armatori torresi e napoletani scoprirono i cantieri cinesi, capaci di garantire navi a bassissimo costo di manodopera, quasi la metà dei prezzi europei, e soltanto qualche mese fa, l armamento campano deteneva circa il 50% delle navi italiane. Gli armatori torresi, nonostante la caduta dei gruppi Dimaiolines e Deiulemar possono contare nella loro schiera ancora diversi nomi illustri, fra i più importanti ricordiamo i Fratelli D Amato, Bottiglieri e altre compagnie come Perseveranza di navigazione e SetSea S.p.A. shipping company. Dietro queste realtà spesso vi erano delle intere dinastie, famiglie dedite all attività armatoriale da secoli, occorre perciò citare le più famose: Albanese, Altiero, Borrelli, Bottiglieri, Capano, Coscia, Del Gatto, Della Gatta, Di Donna, Di Rosa, Ferrara, Frulio, Gaglione, Gambardella, Garofalo, Iacomino, Lembo, Lisita, Lofaro, Magliulo, Malinconico, Mazza, Miele, Montella, Palomba e D Amato, Perna, Polese, Sallustro, Scarfogliero, Speranza, Villano, Vitiello. 17 Ai giorni nostri, il contributo degli investitori torresi e non solo, poiché molti indicano come altri bacini di fonti i comuni limitrofi quali Ercolano e Torre Annunziata, utilizzano sovente investire nelle grosse società di armamento che possono garantire tassi d interesse maggiori rispetto alle altre opportunità d investimento. 16 Termine inglese che descrive il processo fisico di trasporto via mare di beni e merci. 17 ALTIERO C.A., FORMICOLA A. (2008), Navi e Armatori di Torre del Greco

26 CAPITOLO II IL CRAC DEIULEMAR: LA PARMALAT DEL MARE SOMMARIO : 1. Deiulemar compagnia di navigazione S.p.A.: Il percorso Le navi di proprietà del gruppo L impero dello shipping: Le scatole cinesi Lo schema di Ponzi. Somiglianze Il fallimento. 2. Kpmg, la società di revisione Gli ultimi bilanci. ( )

27 1. Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A.: Il percorso. Nel campo armatoriale di Torre del Greco la Deiulemar nasce nel 1967, e i suoi soci fondatori Giovanni Della Gatta, Michele Iuliano e Giuseppe Lembo, dopo lunghe esperienze per mare, appoggiati dai rispettivi gruppi familiari, accomunano le loro forze per l acquisto di un piroscafo varato nel 1949 di tsl, ribattezzato White Pony. La nave dopo cinque anni di attività sarà demolita da una ditta di La Spezia. Nello stesso periodo, il 1968, viene eseguito l acquisto di un Pf 18 di tsl al quale viene dato il nome Giulia, ma anche questa nave sarà ceduta e demolita nel Con atto del 19 giugno 1969 è costituita la Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. con sede in Cagliari e con ufficio in Torre del Greco alla via Roma, 14. Dall acronimo dei tre imprenditori Della Gatta, Iuliano e Lembo, nasce la denominazione DE- IU-LE-MAR. La prima nave della nuova società è denominata Gina Iuliano, acquisto del settembre 1970, ed è un piroscafo di tsl varato in Danimarca ventuno anni prima. Sempre nel 1970 è costituita una nuova società denominata Fontanamare Compagnia di Navigazione con sede in Cagliari. Negli anni successivi vengono acquistate e cedute diverse navi, incrementando progressivamente la flotta societaria. La strategia adottata nei primi anni di attività è basata sull impiego di navi di proprietà prevalentemente con contratti a tempo e sull acquisto di navi sempre più veloci ed efficienti. Successivamente la società decide di modificare la propria strategia incrementando sia il rinnovamento della flotta, sia una consistente attività di noleggio di navi di terzi per sfruttare al massimo i contratti attivi sottoscritti. All inizio 18 Abbreviazione usata per indicare un piroscafo

28 degli anni 80 l attività di noleggio di navi da trasporto di terzi viene incrementata sempre più, rispetto all impiego di flotta di proprietà societaria. Nel 1994 viene a mancare il comandante Giovanni Della Gatta al quale succedono i figli capitani Pasquale ed Angelo che già da tempo affiancavano il padre nell attività di famiglia. Negli anni dal 2001 al 2004, pur continuando a potenziare la flotta di proprietà, viene consolidata l attività di noli, la flotta societaria contava 14 unità, con una capacità complessiva pari a tonnellate Successivamente la società, proseguendo nell attuazione della sua politica di rinnovamento e di riposizionamento strategico della flotta, va avanti con la dismissione delle navi dotate di caratteristiche tecniche obsolete, con l obiettivo, tra l altro, di focalizzare l attività nel settore dei trasporti di merci secche alla rinfusa 19. Nell ambito dell evoluzione descritta, a partire dal 2002, la società, in presenza di una volatilità particolarmente elevata nel mercato dei noli, privilegerà i contratti a tempo detti Time charter party in luogo dei contratti a viaggio, i Voyage charter party. Tra le novità del periodo, abbiamo i noli dell anno 2003, con contratti Time charter party di due navi di tipo Kamsarmax 20, la Micaela Lembo e la Filomena Della Gatta, con l opzione di acquisto della nave a partire dal terzo anno di decorrenza del contratto. Il 1 Giugno 2005, per poter gestire più efficacemente l attività di trasporto marittimo viene costituita la Deiulemar Shipping S.p.A., dove confluisce tutta la flotta, distaccandola dal complesso delle attività differenti esercitate. Negli anni recenti, a partire dalla costituzione della 19 Fonte: ALTIERO C.A., FORMICOLA A. (2008), Navi e Armatori di Torre del Greco 20 Il termine Kamsarmax identifica quelle navi, quasi esclusivamente utilizzate per il trasporto della bauxite, che possono accedere al porto di Kamsar in Guinea. I limiti dimensionali sono costituiti dalla lunghezza che non deve superare i 229 m

29 società gemella Deiulemar Shipping S.p.A., sono state commissionate nuove navi, alcune delle quali dovevano essere consegnate anche nel Il 27 luglio 2005, la Deiulemar Compagnia di Navigazione ha stipulato con la Clio Marine Inc un contratto per la costruzione di una BC 21 modello Kamsarmax DWT M.T. 23, costruita in Giappone presso il cantiere Tsuneishi Corporation corredandola dei più moderni standard tecnici-ambientali. Il 27 ottobre 2006, con lo stesso cantiere giapponese vengono stipulati altri due contratti per la produzione di navi gemelle da DWT M.T. tipo BC Kamsarmax, con consegna entro il 2009 per una, e 2010 per l altra. Successivamente sono iniziati i rapporti con i cantieri cinesi New Times Shipbuilding per la produzione di tre BC di DWT da realizzarsi, una per la Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., e le altre due commissionate da Deiulemar Shipping S.p.A., con consegna tra il 2010 e il Nel frattempo nel 2008 viene costituita la società DILCA in compartecipazione con la società CARERI di Novara, con presidente del consiglio di amministrazione il capitano Leonardo Lembo, e membro dello stesso consiglio, il capitano Michele Iuliano. La nuova società, nello stesso anno, acquista due navi da adibire al trasporto di LPG 24 : la Ocean Prima e la Ocean Primary battenti bandiera del Regno Unito. I due comandanti Lembo e Iuliano, erano in contemporanea rispettivamente, membro del consiglio di CONFITARMA e amministratore unico della società Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., e ricoprivano entrambi numerosi altri ruoli, fino ai recenti scandali. 21 Nave Bulk Carrier, in italiano detta Portarinfuse 22 Dead Weight Tonnage : Stazza portata lorda. 23 Megatonnellate. 24 Liquefied petroleum gas, Gasiera: è un tipo di nave cisterna adatto al trasporto di gas di petrolio liquefatto

30 Il 3 febbraio 2012, un comunicato sul sito della società dichiara: DEIULEMAR COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE S.p.A. a socio unico: accettazione nomina nuovo amministratore unico e comunicazioni in ordine alla situazione societaria. La DEIULEMAR COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE S.p.A. a socio unico rende noto che, in data odierna, l Avv. Roberto Maviglia ha accettato la nomina ad amministratore unico, con una funzione di garanzia della società, dei creditori e degli investitori, deliberata dall assemblea dei soci tenutasi in data 28 gennaio Maviglia sostituiva lo storico amministratore Michele Iuliano, lo ricordiamo detto capitano, che morirà il 9 maggio dello stesso anno, colto da malore durante una perquisizione nella sua casa della guarda di finanza. Il capitano Leonardo Lembo è membro del c.d.a. della Deiulemar Shipping, e si interessa, nell ambito della società, dell ufficio noleggio e compra/vendita, del ramo riguardante le assicurazioni, la parte legale e la gestione dei contratti derivati singoli, è membro della Commissione Navigazione Oceanica di Confitarma. Per quanto riguarda le risorse umane impiegate, le persone imbarcate sulle navi sono più di 300 a rotazione, nello shipping sono utilizzati 50 impiegati. Le sedi legali erano situate a Torre del Greco, in via Tironi, 3, per la Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. e in via Marconi, 21, per la Deiulemar Shipping S.p.A

31 1.1 Le navi di proprietà del gruppo. Il gruppo, afferente alle famiglie fondatrici della Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., è spesso stato diviso in due generazioni, la prima generazione fondatrice della società da cui l attività ha avuto inizio, e la seconda, creata dai figli dei soci fondatori della prima compagnia. Le navi di proprietà, tra acquistate, da ritirare, e con consegna successiva al fallimento, al maggio 2012, risultavano in un numero pari a 20, più 45 noli di navi da terzi. Queste 20 navi facevano però capo a diverse società, tra controllate, controllanti e collegate: dal bilancio consolidato della società di revisione Kpmg 25 esse risultavano appartenere in numero di 16 alla Deiulemar Shipping S.p.A. che ne controllava 14 direttamente e 2 tramite la controllata Ledi Shipping, le altre navi erano di proprietà della Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. nel numero di 3, e altre 2, le gasiere, in comproprietà con la società DILCA. Le altre non sono mai state ritirate, o vendute, a causa dei problemi di liquidità che hanno portato la società al fallimento. Nel caos generato dalla crisi, l elenco più aggiornate delle motonavi di proprietà, o in qualche modo attribuibili al gruppo sono elencate nella tabella a pagina seguente. 25 KPMG è un Network di servizi professionali alle imprese, specializzato nella revisione e organizzazione contabile, nella consulenza manageriale e nei servizi fiscali, legali e amministrativi

32 Tabella (Navi risultanti al maggio 2012) Nome Nave Proprietario Tipo-Dtw In servizio dal Leonardo lembo Deiulemar Shipping BC Marzo 1996 Pasquale Della Gatta Deiulemar Shipping BC Luglio 1996 Giovanni Iuliano Deiulemar Shipping BC Marzo 1997 Filippo Lembo Deiulemar Shipping BC Luglio 1997 Filomena Lembo Deiulemar Shipping BC Luglio 1997 Giuseppe Lembo Deiulemar Shipping BC Febbraio 1999 Gina Iuliano Deiulemar Shipping BC Marzo 1990 Luciana Della Gatta Deiulemar Shipping BC Luglio 1990 Giovanni Della Gatta Deiulemar Shipping BC Novembre 1987 Micaela Della Gatta Deiulemar Shipping BC Valeria Della Gatta Deiulemar C.d.N. DCN Agosto 2009 Hull-1435-Giappone Deiulemar Shipping BC Hull 1436-Giappone Deiulemar Shipping DCN Marzo 2010 Città di Torre del Greco Deiulemar Shipping DCN Mai ritirata Hull Cina Deiulemar Shipping DS Hull Cina Deiulemar Shipping DS Mai ritirata LPG Ocean Prima Deiulemar Shipping GASS LPG Ocean Primary Deiulemar Shipping GASS Michele Iuliano Deiulemar C.d.N. 28 BC Settembre 2006 Stefania Lembo Deiulemar C.d.N. BC La Valeria Della Gatta è una Bulk-Carrier di classe Capesize 27 Anche le ultime motonavi sono Bulk-Carrier di classe Capesize, la classe indica la dimensione, e la tipologia di stretto che possono attraversare. Nello specifico originariamente queste classi erano adibite alla circumnavigazione dell Africa poiché troppo grandi per gli stretti di Suez e Panama. 28 Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A

33 Particolare è la situazione delle motonavi fatte costruire in Cina, nei cantieri New Times Shipbuilding, due di esse, l Alberta Della Gatta e quella che doveva chiamarsi la Raffaele Iuliano, non sono mai state ritirate dalla Deiulemar, fatto ancora più simbolico visto che la seconda era stata ribattezzata Città di Torre del Greco per dare ai cittadiniobbligazionisti una dimostrazione tangibile di dove fossero stati investiti i loro soldi 29. La Città di Torre del Greco è stata venduta a Dynacom e anche l Alberta Della Gatta verrà venduta dal cantiere: il collegio dei curatori fallimentari, dopo un attenta analisi della situazione e di un contenzioso che stava sorgendo con l istituto di credito finanziatore della commessa, ha optato per non ritirarla perdendo gli anticipi versati negli esercizi passati. A prendere in consegna la nave è stata infatti la banca Deutsche Schiffsbank che l ha immediatamente rivenduta alla società greca Sea Traders SA (Gruppo Dynacom) per circa 38 milioni di dollari. Il prezzo unitario originariamente pattuito da Deiulemar nel marzo del 2008 per tre navi gemelle era invece di 82 milioni di dollari. La vendita della nave, se da un lato libererà la società torrese da ogni contenzioso con Deutsche Schiffsbank, dall altro rappresenta una notizia meno buona per i creditori e per i quasi 12 mila risparmiatori che avevano investito nella società circa 720 milioni di euro e non potranno contare su questo asset nell attivo fallimentare. 29 CAPUOZZO N., MOIZO A. (2012), Deiulemar non ritira le navi appena costruite in Cina

34 1.2 L impero dello shipping: Le scatole cinesi. E grazie ai soldi degli investitori che è cresciuto quest impero, 20 navi di proprietà in giro per il mondo, hotels, e tanti immobili, tra cui l antichissimo palazzo D Avalos a Napoli, perfino il palazzo della questura torrese è loro, tutta Torre del Greco è loro, sono così potenti che le vie hanno preso il loro nome. 30 Decine di società, incastrate ad arte per un progressivo svuotamento della società iniziale, la Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., tutto al fine di occultare proprietà e tesori degni di un impero, e farli finire nei paradisi fiscali, una truffa premeditata secondo l Avvocato Giuseppe Colapietro che difende un gruppo di obbligazionisti. Spoliazione della società e utili portati all estero attraverso trust aperti in paradisi fiscali, a ricostruire questo scenario è stata anche la Guardia di Finanza. Il Procuratore della Repubblica, Raffaele Marino, ha spiegato che un importante condotta distrattiva è stata messa in essere e riguarda la spoliazione nel 2005 dell azienda da parte delle tre famiglie Della Gatta, Iuliano e Lembo, quando ormai il debito si era consolidato e non era più estinguibile. Quell anno la Deiulemar Compagnia di Navigazione cedette quasi interamente la flotta di proprietà alla nascente Deiulemar Shipping, depauperando così il proprio patrimonio e contestualmente evitando che utili futuri potessero restare in società, dove oramai il dissesto finanziario era conclamato. Quell anno 11 navi vennero vendute da Deiulemar Compagnia di Navigazione a Deiulemar Shipping per 145 milioni di euro mentre, secondo le stime di mercato date dai tecnici incaricati dalla procura, il loro valore ammontava a 291 milioni. Con lo svuotamento della Deiulemar Compagnia di Navigazione, l utile prodotto dalle navi distratte fu portato all estero, attraverso la 30 Tratto da: PIAZZA PULITA, programma di approfondimento di La

35 lussemburghese Poseidon International S.A. e ulteriori tre fiduciarie lussemburghesi controllanti la Poseidon stessa. In seguito sono stati utilizzati ulteriori schermi giuridici costituiti da alcuni trust di diritto estero e ripartiti tra la nuova generazione delle tre famiglie, cioè i fratelli Angelo, Pasquale e Micaela Della Gatta, i fratelli Filippo e Leonardo Lembo e Giovanna Iuliano. Non è bastato il danno agli obbligazionisti, s è scoperta anche una milionaria truffa al fisco: gli utili venivano ripartiti su soggetti di diritto estero che fungevano solo da filtro e non erano caratterizzati da alcuna operatività, consentendo alla nuova generazione delle tre famiglie dei soci fondatori di eludere le tasse presentando delle dichiarazioni dei redditi infedeli. Nel caso specifico è stata contestata anche l aggravante della transnazionalità per aver creato in più di uno Stato (Malta, Lussemburgo, Portogallo e Irlanda) società e trust finalizzati sia a far perdere le tracce dell attività e dei beni inseriti nel patrimonio della Deiulemar Compagnia di Navigazione, sia ai fini di evasione ed elusione fiscale 31. In tale giro quindi i soci avrebbero incassato i soldi dietro lo schermo di trust offshore, ma fare luce sull architettura societaria delle due Deiulemar e su eventuali legami fra esse è impresa tutt altro che semplice. Il socio unico della compagnia è Deiulemar Holding S.p.A., società a sua volta controllata (la cessione da parte delle tre fiduciarie precedentemente proprietarie è dell aprile 2008, ma è stata registrata solo poche settimane fa) dal socio unico Lamain S.A., società di diritto lussemburghese. Questa è stata costituita (evidentemente ad hoc per l acquisizione di Deiulemar Holding) nel marzo 2008, con sottoscrizione di tutte le quote da parte di Taggia LXVII - Consultadoria e Servicos, 31 Tratto da: il magazine settimanale on-line di shipping, porti, trasporti e logistica,

36 Sociedade Unipessoal Lda, società di Madeira, creata nel 2005 dalla conterranea MLGT Madeira Management&Investment, S.A., il cui responsabile è l avvocato Manuel Freitas Pita, dello studio legale portoghese Morais, Leitão, Galvão, Teles, Soares da Silva. Pita è specializzato nella consulenza alle aziende interessate ad approfittare delle particolarità legislative e fiscali di Madeira. Socio unico di Deiulemar Shipping è invece la lussemburghese Poseidon International S.A., costituita nel 2005 (anno di fondazione di Deiulemar Shipping) con sottoscrizione di tutte le azioni da parte di Société Européenne de Banque S.A., il cui azionista unico è Intesa Sanpaolo Holding International S.A. (naturalmente controllata dalla nostrana Intesa Sanpaolo), il cui direttore Christophe Velle, non a caso, ha presieduto dal 2007 al novembre 2011 il consiglio di amministrazione di Poseidon, insieme a Sébastien Schaack. Supponendo che, in entrambi i casi, i veri proprietari siano velati da accordi fiduciari intercorsi con i summenzionati veicoli finanziari lussemburghesi, l unico legame evidente, fra le due Deiulemar, che si evince da tutto ciò è rappresentato dal fatto che, quando Poseidon viene costituita nel 2005, il presidente del c.d.a. è (lo rimarrà fino all agosto 2007, prima di lasciare a Velle) il romano Ferdinando Cavalli, oggi membro del c.d.a. di Lamain, in rappresentanza della quale ha partecipato all assemblea di approvazione del bilancio 2010 di Deiulemar Holding 32. Il bilancio consolidato del 2005 della capogruppo, fornisce molte prove di collegamenti fra le società della famiglia Deiulemar, come da Immagine 1.2.1: 32 MOIZO A.(2012), I complicati intrecci della galassia Deiulemar

37 Immagine (Bilancio consolidato) Il bilancio consolidato, nei rapporti con le controllate, esplicitamente dichiara: Nel corso del 2005 i rapporti economico/finanziari con la società controllata Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. hanno riguardato il pagamento del secondo acconto IRES, per l anno 2005 e l incasso di riserve di utili, oltre la restituzione di un versamento in conto futuro aumento di capitale. I rapporti con le società controllate al 100%, sono stati di natura esclusivamente economica e a condizioni di mercato. Altri collegamenti, tra varie società facenti capo al gruppo Deiulemar, sono desumibili dalla Relazione sulla gestione e bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2008 questa volta quella diffusa dalla controllata Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. in cui vi è la sezione Rapporti con le imprese controllanti, controllate, collegate ed altre : 33 Bilancio consolidato 31/12/2005, Deiulemar Holding S.r.l., capitale sociale di euro

38 Nel corso dell esercizio Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A. ha intrattenuto, con le società indicate nella seguente tabella, rapporti di natura commerciale e finanziaria. Si tratta in ogni caso di rapporti posti in essere nell ambito della normale attività di gestione, regolati comunque a condizioni contrattuali stabilite dalle parti in linea con le ordinarie prassi di mercato 34. In tale sezione è presente la tabella costi, ricavi, crediti e debiti della capogruppo Deiulemar Holding S.p.A. e delle controllate, riportata nell Immagine 1.2.2: Immagine (Costi e Ricavi del gruppo) (Nella tabella si notino i quasi nulli ricavi prodotti dalla capogruppo.) In estrema analisi sui rapporti intercorrenti fra il gruppo, e del complesso rapporto di partecipazione fra le decine di società messe in piedi dalle famiglie torresi, possono essere riportati una serie di comunicati societari riguardanti le cessioni o scissioni di rami d azienda: 34 Bilancio d esercizio chiuso il 31/12/2008, Deiulemar Compagnia di Navigazione S.p.A., a socio unico

Roma, 03 dicembre 2008

Roma, 03 dicembre 2008 RISOLUZIONE N. 465/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 Oggetto: Determinazione della base imponibile per alcune imprese marittime (c.d. tonnage tax) Tassazione delle plusvalenze

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Variabile Banca di Anghiari

Dettagli

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I Cessione, conferimento, affitto e donazione d azienda INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I La nozione di azienda e la sua disciplina civilistica 23 1 Nozione di azienda 23 2 Contratto di cessione d azienda

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO

COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO COMUNICATO STAMPA Milano, 3 dicembre 2015 INFORMATIVA AL MERCATO SOTTOSCRITTO ACCORDO TRA INDUSTRIA E INNOVAZIONE E LA CENTRALE FINANZIARIA GENERALE PER LA TRASFORMAZIONE DI INDUSTRIA E INNOVAZIONE IN

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato Bergamo, 12 Ottobre 2009 Giovanni Marafante Direttore Generale Aletti Fiduciaria Indice 1. Adempimenti e modalità operative

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Damiano Montani Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Il trust nelle operazioni di finanziamento

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Milano, 2 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Perdita consolidata pari ad euro 27,5 milioni di euro a fronte dell utile di 228,1 milioni di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D GRUPPO C2015 1. In base a quali parametri si classificano le Unità da diporto? A) lunghezza B) lunghezza, larghezza e altezza di costruzione C) potenza dell apparato motore, stazza e lunghezza 2. Per pescaggio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015

Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015 Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015 Tassa annuale sulle imbarcazioni alla cassa entro il prossimo 01.06.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, entro il prossimo 01 giugno 2015

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A.

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A. COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI ARENA DELIBERA L AUMENTO DI CAPITALE RISERVATO A SOLAGRITAL FINO AD EURO 45 MILIONI IN 36 MESI Roma, 20 aprile 2010. Si informa che in data odierna il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Segnalazione di operazioni sospette

Segnalazione di operazioni sospette Segnalazione di operazioni sospette Indicazioni del Quaderno della UIF Circolare numero 21 del 27 maggio 2015 Via Leoncino, 22 37121 Verona - IT Foro Buonaparte, 67 20121 Milano IT Via Castiglione, 4 40121

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese contenuta nell art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 contiene innovazioni di

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 II Prova scritta Tema 1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 Premessi brevi cenni sulle operazioni di trasferimento di

Dettagli

Circolare N. 75 del 20 Maggio 2015

Circolare N. 75 del 20 Maggio 2015 Circolare N. 75 del 20 Maggio 2015 Prestito vitalizio ipotecario per gli over 60 proprietari di immobili a destinazione residenziale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO

LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO LA MEDIAZIONE MARITTIMA COSTRUZIONE NAVI COMPRAVENDITA NAVI LOCAZIONE E NOLEGGIO DI COSE DIPORTO IL M ARE LA NAVE I PORTI CONTRATTI DI TRASPORTO DI COSE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Dettagli

Comunicato Stampa Firenze (FI), 30 marzo 2016. Eukedos S.p.A. Approvato il progetto di bilancio d esercizio 2015 e il bilancio consolidato 2015

Comunicato Stampa Firenze (FI), 30 marzo 2016. Eukedos S.p.A. Approvato il progetto di bilancio d esercizio 2015 e il bilancio consolidato 2015 Comunicato Stampa Firenze (FI), 30 marzo 2016 Eukedos S.p.A. Approvato il progetto di bilancio d esercizio 2015 e il bilancio consolidato 2015 PFN consolidata in forte calo e utile della Capogruppo a 10,2

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO FISSO. CrediUmbria Tasso Fisso 40 Emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO FISSO. CrediUmbria Tasso Fisso 40 Emissione Sede legale in Via Stradone, 49-06062 Moiano di Città della Pieve (Perugia) Iscritta all Albo degli Enti Creditizi al n. 5460 Iscritta all Albo delle Società Cooperative al n. A160233. Numero di iscrizione

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

G R U P P O B A N C A F I N N AT

G R U P P O B A N C A F I N N AT G R U P P O B A N C A F I N N AT IL SERVIZIO FIDUCIARIO È UNO STRUMENTO PER OTTIMIZZARE L AMMINISTRAZIONE DEI VOSTRI INVESTIMENTI, MANTENERNE IL CONTROLLO E GARANTIRNE LA RISERVATEZZA. FINNAT fiduciaria

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 COMUNICATO STAMPA PREMUDA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 RISULTATI CONSOLIDATI DI GRUPPO AL NETTO QUOTE DI TERZI Utile /mil 25,4 ( /mil 24,8 nel 2004) Cash

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA

NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA Area Tecnica RAMI AUTO NORME TARIFFARIE in vigore dal 01/04/2013 NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA ---------------------------------------- NATANTI, IMBARCAZIONI,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM. 155^ EMISSIONE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A.

Dettagli

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi 1. Premessa Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi Con il termine escrow agreement si individua una particolare figura contrattuale, derivata dall esperienza dei paesi anglosassoni,

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente.

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente. [Città, data] Spettabile FIDUCIARIA CAVOUR SRL Piazza della Libertà n. 13 00192 ROMA Rapporto fiduciario n. [ ] / 200[ ] Il sottoscritto [ ] i cui dati identificativi sono sotto riportati (d ora in avanti

Dettagli

Dottori Commercialisti Dal 1969

Dottori Commercialisti Dal 1969 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali PREMESSA Con

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y HONG KONG DIRITTO SOCIETARIO AD HONG KONG di Avv. Francesco Misuraca Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad Hong Kong Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2 RELAZIONE DI STIMA, REDATTA AI SENSI DELL ART. 2465, 1 COMMA, DEL CODICE CIVILE, SUL VALORE ATTRIBUIBILE AL RAMO D AZIENDA CENTRIFUGHE, OPERANTE ALL INTERNO DELLA SOCIETÀ Y S.R.L. Indice sommario 1. Motivo

Dettagli

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*)

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*) Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari di Roberto Marraffa (*) INDICE SOMMARIO Introduzione. I L AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA TRA NORMATIVA NAZIONALE ED EUROPEA II PRESUPPOSTI

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 T.V. 109^ EMISSIONE

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE" Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso Variabile in Dollari USA

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

business consultants financial & tax advisors

business consultants financial & tax advisors business consultants financial & tax advisors LA NOSTRA MISSION Da tempo, accanto alle tradizionali competenze nelle materie fiscali e contabili, sta crescendo il nostro impegno nel fornire assistenza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014 DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Premessa La deducibilità fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità definitiva dei crediti è disciplinata,

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO OPTIMIZ BEST START EVOLUTION

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO OPTIMIZ BEST START EVOLUTION Regolamento del fondo interno Optimiz Best Start Evolution A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Optimiz Best Start Evolution è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Focus di pratica professionale di Massimo Buongiorno Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Il presente lavoro si propone di evidenziare gli aspetti di maggiore criticità

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione Il problema sorge in corso d anno quando ci sono alcuni interessi contrapposti: quello del lavoratore di ottenere una commessa di lavoro e quelli del datore di lavoro di avvalersi sì della collaborazione

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO VARIABILE. CrediUmbria Tasso Variabile 56 Emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO VARIABILE. CrediUmbria Tasso Variabile 56 Emissione Sede legale in Via Stradone, 49-06062 Moiano di Città della Pieve (Perugia) Iscritta all Albo degli Enti Creditizi al n. 5460 Iscritta all Albo delle Società Cooperative al n. A160233. Numero di iscrizione

Dettagli

COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES

COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES SOCIETÀ D INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE FONDO A OMBRELLO A RESPONSABILITÀ LIMITATA DEI FONDI NATIXIS INTERNATIONAL FUNDS (DUBLIN) I PUBLIC

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli