MONTAGNA MATERANA (Sintesi della strategia)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONTAGNA MATERANA (Sintesi della strategia)"

Transcript

1 MONTAGNA MATERANA (Sintesi della strategia) Premessa Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l anno della crescita, ci vorrebbe l anno dell attenzione. Attenzione a chi cade, attenzione al sole che nasce e che muore, attenzione ai ragazzi, attenzione anche a un semplice lampione, a un muro scrostato. Oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, significa rallentare più che accelerare, significa dare valore al silenzio, al buio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza. Abbiamo bisogno di risorse e di usarle bene, ma non per rincorrere qualcuno che è più avanti di noi. Crediamo ai margini, crediamo che nell Italia interna la vita possa avere una sua intensità. Sappiamo bene che bisogna offrire possibilità di lavoro ai giovani e che dobbiamo migliorare l assistenza sanitaria e i trasporti e la scuola, ma dobbiamo fare queste cose partendo dalla bellezza dei luoghi e dall onestà delle persone. Non è poca cosa avere aria buona, saper essere generosi, avere un bel cielo, sapere i nomi dei venti e degli alberi, salutare gli anziani, avere il piacere di stare in mezzo al paese, accorgersi di chi sta male, avere voglia di futuro, di una comunità che mette alle spalle vecchi lamenti, vecchie paure. Nonostante gli effetti della globalizzazione, che è arrivata anche qui, spesso anche nei suoi aspetti peggiori, l'appennino lucano è un luogo del mondo in cui non tutto è dissacrato, c è una misura, un gusto dell amicizia, un sentimento della vita propria e di quella degli altri. Ogni paese, ogni persona di questa terra avrà cura e attenzione. Questi posti non devono allinearsi a modelli che altrove mostrano il loro lato mortifero. Qui qualcosa ha retto alla grande dimenticanza, al genocidio delle tradizioni e ora questi luoghi hanno la forza del passato e dell'altrove. C è qualcosa che resiste, ma bisogna inventare la sagra del futuro, più che chiudersi nella nostalgia di un tempo che qui non è mai stato felice. Bisogna aver cura dell antico e del nuovo nello stesso tempo, in questo tempo e in questo spazio. La nostra forza sarà andare dietro al paesaggio. Nel mondo ci sarà sempre più bisogno di luoghi come questi. Altri verranno a cercarli, noi abbiamo già la fortuna di abitarli. Territorio interessato La Montagna Materana possiamo immaginarla come un arcipelago con otto isole nel cuore della Lucania un pezzo dell Italia interna, del Mediterraneo interiore: Accettura, Aliano, Cirigliano, Craco, Gorgoglione, Oliveto Lucano, San Mauro Forte, Stigliano Problemi specifici individuati L anoressia demografica caratterizza questi luoghi. I dati illustrano bene lo spopolamento della Montagna Materana. Il paradosso è che gli abitanti sono diminuiti, ma le case sono aumentate.

2 Accettura Popolazione: 1918 Calo demografico: 1861 ab ab ab.1918 Densità: 21,5 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010ha ,322 su 4.792,56 Aliano Popolazione: 1078 Calo demografico: 1861 ab ab ab.1078 Densità: 11,2 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010ha ,49 su 5.806,79 Cirigliano Popolazione: 355 Calo demografico: 1861 ab ab ab.355 Densità: 23,8 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010 ha. 794,16 su 1.098,16 Craco Popolazione: 762 Calo demografico: 1881 ab ab ab.762 Densità: 9,89 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010 ha ,33 su 5.744,48 Gorgoglione Popolazione:1001 Calo demografico: 1861 ab ab ab.1001 Densità: 26,8 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010 ha ,41 su 2.111,55 Oliveto Lucano Popolazione: 479 Calo demografico: 1861 ab ab ab.479 Densità: 15,3 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010 ha. 1566,88 su 2.850,66 San Mauro Forte Popolazione: 1658 Calo demografico: 1861 ab ab ab.1658 Densità:19 ab/km q. Superficie agraria utilizzata: 2010ha ,87 su 6.581,02 Stigliano Popolazione: 4590 Calo demografico: 1861 ab ab ab.4590 Densità:22 ab/km q. Superficie agraria utilizzata:2010 ha ,60 su ,23 Lo spopolamento e la mancanza di bambini ha fatto chiudere molte scuole, ma nessun paese deve rimanere senza scuole,(a Cirigliano non esiste più neanche la scuola elementare).

3 Per quanto riguarda i trasporti, nella Montagna Materana non ci sono ferrovie e questo purtroppo è un male comune a tutto il Sud interno. Le distanze tra un paese e l altro sono notevoli. Quando stai per arrivaresembra quasi che si allontanino, come se questi paesi non volessero farsi trovare. È l effetto di tracciati pieni di buche e di curve.non si possono eliminare tutte le curve, ma sicuramente bisogna dichiarare guerra alle buche. Il manto stradale deve essere sempre perfettamente efficiente. E gli interventi per sistemare i danni delle frane devono essere molto tempestivi. La Montagna Materana non assicura ai suoi cittadini e ai suoi visitatori un pronto soccorso in caso di interventi salvavita. Si arriva ai centri deputati quando è troppo tardi, le attese medie per le prime cure superano i 45 minuti.é una situazione insostenibile, a cui occorre porre rimedio già dall inizio della strategia. Inoltre le connessioni tra le comunità sono fortemente penalizzate dall assenza di banda larga. La maggioranza della popolazione residente in queste aree vive in zone che non sono raggiunte dall ADSL o fibra e questo non aiuta a sentirsi parte integrante di una comunità più estesa. La nostra idea di sviluppo locale La nostra idea di sviluppo localeè evitare lo spopolamento riportando residenti forti nei centri storici dei paesi. Il problema di quelli che sono andati via si aggiunge ai disertori sociali, cioè quelli che stanno qui, ma non credono a questi luoghi. Sono gli scoraggiatori militanti, i piromani del rancore, i luminari della sfiducia e del disincanto. Il fuoco centrale: l agricoltura La Montagna Materana è una e trina: il paesaggio inoperoso dei calanchi, le terre del grano, il bosco. I calanchi non davano pane e nessuno ne ha mai percepito la bellezza. Ora il canone è cambiato, ora che l Italia è tutta urbanizzata, il paesaggio vuoto diventa solenne, lirico, diventa un punto di forza dei luoghi. Le terre coltivate sono preziose. Si può continuare col grano, magari tornando al grano Cappelli, molto utile anche per la celiachia. A Stigliano c è un importante tradizione legata alla farina. Bisogna incentivare la produzione della pasta e dei prodotti da forno. I lucani dovrebbero consumare sempre di più i prodotti della loro terra. Comprare la pasta fatta col grano senatore Cappelli significa anche fare un piccolo sacrificio economico, ma si ha un prodotto più buono e più salutare. Per rilanciare l agricoltura occorre anche cambiare le abitudini dei consumatori locali. I cittadini devono capire che il futuro della propria terra dipende anche da cosa compriamo. Tra i prodotti tradizionali, bisogna dare molta più attenzione all olio. Tutti i comuni, a partire da quelli più collinari, possiedono un patrimonio olivico interessante che va organizzato e indirizzato con processi di standardizzazione produttiva. Molta attenzione ai prodotti nuovi per la zona, come il tartufo e il pistacchio introdotto tra Stigliano e San Mauro Forte. È necessario chiudere tutte le filiere dei prodotti agricoli. Per esempio, attualmente i pistacchi vengono inviati in Sicilia. Il bosco è la cassaforte della montagna materana. Dagli anni cinquanta ad oggi la superficie boschiva è aumentata del 15%. É un segno dell abbandono dei campi, ma adesso è anche un opportunità: ci sono le condizioni per riscaldare le case usando la legna del posto e non il metano. Ci sono le condizioni per attivare processi di trasformazione della legna e dei prodotti del sottobosco.

4 Qui ci sono le foreste ma non ci sono i falegnami. Nelle nostre case non c'è una sedia, un tavolo fatto con le nostre mani. E allora piuttosto che rifare le piazze ogni sei anni, bisogna fare i boscaioli, gli artigiani. Dunque, l agricoltura è il fuoco centrale della strategia, un agricoltura che produce alimenti e fa paesaggio, che riscopre vecchie pratiche e si apre alle ricerche più innovative. La vita rurale come palestra di salute morale e non come sinonimo di arretratezza. L arcaico e i nuovi saperi, l agricoltura come piattaforma per nuove produzioni industriali all insegna della bioeconomia. É importante dare alla parola contadino un prestigio che non ha mai avuto. Lo stesso vale per la pastorizia. Ai pastori in Italia non ci pensa nessuno. La vita delle pecore è piena di divieti. Nei supermercati non arriva la carne dei nostri pastori. Sarebbe il caso di fare nella Montagna Materana una Scuola Nazionale della Pastorizia, edificio scolastico più fattoria, con annesso Centro del Formaggio. Tutto questo, ovviamente, senza sottovalutare l esperienza dei caseifici esistenti. É importante trovare nuovi mercati per le materie prime agricole e per i prodotti trasformati arrivando a un sistema di certificazione per il territorio. Importante che nasca almeno un azienda che produca e distribuisca funghi e frutta del sottobosco. É importante che le persone del posto consumino quel che si produce nella propria terra. Il fuoco del futuro: turismo e cultura In certi luoghi il turismo è un'illusione. Dunque attenzione ai nomi: niente agriturismi ma osterie dei viaggiatori, per esempio. Non si può andare a sentire il silenzio in comitiva, non si va a vedere il buio col pullman, la luce non è un souvenir da portare a casa. Quello che possiamo offrire in questi nostri luoghi è la lontananza e una certa distrazione dall'attualità. La bellezza in certi casi è in quello che non c'è, in quel che non si fa. Il grande flusso turistico verso Matera indubbiamente può, almeno in piccola parte, essere dirottato anche verso i paesi della montagna materana. Craco e Aliano già adesso hanno un discreto afflusso, ma per motivi diversi non sono da sottovalutare le suggestioni che possono offrire i paesi più piccoli come Oliveto Lucano, Gorgoglione e Cirigliano. San Mauro Forte ha un notevole potenziale nella festa dei campanacci e nei palazzi baronali. La chiesa madre di Stigliano al suo interno contiene un polittico sontuoso. Sempre nel Comune di Stigliano c è il palazzo di Santo Spirito che potrebbe diventare un piccolo Beaubourg rurale, e ancora il Cinto dell'eremita, luogo di scavi archeologici di estremo interesse, la Taverna di Acinello, i mulini ad acqua di Acinello e Gannano. Bisogna immaginare azioni specifiche come il Maggio lucano, un mese in cui questi posti sono particolarmente belli e c è il grande evento del Maggio di Accettura. Un discorso simile si può fare nel mese di agosto partendo dal festival paesologico di Aliano (La luna e i calanchi), che si può allargare a tutti i paesi della montagna, come avviene con la Notte della Taranta. La forza di questi luoghi è tale che un concerto o una lettura di poesia diventano cose molto più suggestive che altrove. Nelle montagne lucane si annida qualcosa che altrove è perduto. Forse il sentore di un'italia in cui c'era ancora una pressione tra gli esseri e le cose, la semplice letizia, il semplice spavento di essere al mondo. Un senso di presenza, un qualcosa che

5 rende più commosse e commoventi le giornate. Oggi sembra che il problema sia la vicinanza, la compresenza di tutto e di tutti. Si salva solo chi è lontano, chi non c'entra, chi non segue la via dell'attualità. Si tratta sempre comunque di organizzare eventi profondamente rispettosi dei luoghi, tesi a creare occasioni di un turismo contemplativo. Oltre ai beni culturali esistenti, spesso di sorprendente bellezza, si possono creare ulteriori attrazioni semplicemente dando una destinazione a certi luoghi, e allora possiamo concepire: il Museo dell Aria, il Museo del Buio, il Museo del Silenzio. Si può immaginare di raggiungere questi luoghi dalla rete dei sentieri che già esiste nella zona e che va ulteriormente sistemata. I tratturi della transumanza oggi potrebbero ritrovare una nuova collocazione nell ambito di una strategia di ecoturismo. A Cirigliano c è già un bel parco naturalistico che va ulteriormente potenziato. Gorgoglione può essere una bellissima meta di turismo estivo. A Oliveto Lucano dalla vetta del monte Croccia si può ammirare un paesaggio straordinario. Camminare e guardare, mangiare cibo buono, respirare aria pulita: sono azioni fondamentali che spesso vengono trascurate dalle misurazioni economiche basate sul Pil. Nella Montagna Materana vorremmo realizzare un salto antropologico che produca in pochi anni una nuova alleanza tra gli uomini e la natura. E allora in questi luoghi niente plastica, riduzione del volume dei rifiuti e raccolta differenziata spinta al massimo; ridurre l uso della macchina, cercare di prefigurare realmente dei borghi biologici, dove ogni gesto della vita abbia il sapore di serena frugalità. Bisogna aprire delle crepe nella religione dell homo oeconomicus. Forse si può farlo meglio in questi luoghi dove la modernità non ha toccato le radici. Non si propone un ritorno al bel mondo antico, ma la creazione di comunità che non abbiamo mai visto, scrupolose, ma capaci di farsi tentare dalla fantasia, dall impensato, attaccate al paese senza essere paesane, comunità accoglienti verso gli stranieri, attaccate alle tradizioni, ma ben disposte alla sperimentazione di nuovi modi di produrre e di vivere la comunità. Forse in questi paesi la forma di turismo più interessante è quella che valorizza la loro identità di margine. La forza di questi luoghi è il loro non essere compiutamente globalizzati. L ospitalità da queste parti è una dote naturale, non è una furbata per vendersi meglio. Nelle operazioni di restauro bisogna rispettare le irregolarità conservando tutte le tracce che la povertà ha lasciato in questi posti. Va esaltata quell anima profonda che tanto ha incuriosito studiosi e viaggiatori nel dopoguerra. Vanno completati i progetti di recupero dei centri storici, tenendo conto delle esigenze del Progetto Pilota. É importante lavorare su Craco e anche su Alianello: non siamo innamorati delle rovine, ma è evidente che nel futuro è destinata a crescere la domanda turistica verso i luoghi abbandonati dagli uomini. Bisogna fare attenzione ai Beni culturali minori, spesso restaurati, ma il più delle volte senza una vera idea per farli vivere. Le condizioni minime per vivere da queste parti: scuola, trasporti, sanità 1. La spina nel fianco: la salute L area è prevalentemente popolata da persone anziane che molto spesso vivono da sole. Una persona su tre ha una patologia cronica. Questo significa che un numero consistente di cittadini assume costantemente una qualche terapia farmacologica, deve sottoporsi a visite di controllo più volte in un anno ed è a rischio di eventi acuti con necessità di ospedalizzazione.

6 L idea è di costruire una medicina della vicinanza, una medicina proattiva, in antitesi con il concetto di medicina di attesa che si limita ad aspettare l evento acuto. Nel nostro caso i tempi di intervento sono troppo lunghi e dunque poco tranquillizzanti per chi abita questo territorio. Se per il turismo la distanza può essere ribaltata in un elemento di attrazione, così non è per la salute. È fondamentale ragionare in un ottica di economia etica, che metta al centro gli interessi delle persone più che quelli aziendali. I concetti cardine dunque su cui lavorare sono: capacità di gestione, prevenzione e resilienza in emergenza. Sarà necessario potenziare alcune delle funzioni dell'ospedale Distrettuale di Stigliano che ospiterà una Centrale di Ascolto come terminale di processi di telemedicina dislocati in ciascun comune dell'area e disponibili in modo diffuso per tutte le persone con i necessari criteri di eleggibilità. Si pensi, ad esempio, che un kit di strumenti diagnostici comprensivo di device per la misurazione della glicemia, della pressione arteriosa, saturimetria, bilancia ed ecg monotraccia, collegati in tempo reale alla centrale di ascolto ha un costo annuo di circa 500 euro per paziente. Di contro un solo ricovero ospedaliero ha mediamente il costo di circa euro. Altro obiettivo sarà la strutturazione di Centri Esperti che eroghino servizi di presa in carico dei pazienti secondo i modelli già sperimentati in tante parti del mondo, con personale opportunamente formato. Si tratta pertanto di riformulare una visione e una struttura con tutti i soggetti interessati: ASL, 118, Regione, Comuni, che conduca alla stesura capillare di protocolli e prassi, alla implementazione nei luoghi delle necessarie dotazioni e risorse umane, perché si possa studiare il paziente in modo sicuro e nel minor tempo possibile, lì dove l'evento ha origine. E' un fatto di equità. Assicurata la parte scrupolosa del progetto, si può pensare più utopicamente di trasformare uno dei paesi più piccoli della zona in un paese del benessere, un luogo in cui le persone possano trovare una serie di occasioni per migliorare la propria forma fisica: palestre, percorsi all aria aperta, luoghi per il massaggio e per la fisioterapia, un centro di medicine alternative che possa accogliere persone anche da luoghi lontani. 2. Un messaggio chiaro: la scuola ovunque Il primo punto è che nessun paese deve restare senza scuole. È importante che venga riaperta anche la scuola elementare a Cirigliano. Sarebbe un iniziativa di grande valore simbolico, anche se un po forzata nel quadro delle attuali normative. La scuola come focolaio della comunità. Il motto dovrebbe essere questo: piccoli paesi, grande scuola. Si può immaginare la creazione di un nuovo polo formativo che si potrebbe chiamare Liceo della terra. Sarebbe un luogo dove si lavora all intreccio tra il computer e il pero selvatico, la forza del passato e la passione del futuro. Una struttura per adulti e ragazzi, un centro di formazione permanente contro l analfabetismo di ritorno: corsi di poesia e di potatura, corsi di geografia e di orticoltura, corsi di arte civica. Un liceo che sia un luogo dove si accompagnano le dinamiche di sviluppo e innovazione, coinvolgendo giovani delle migliori università del mondo, ma anche apicultori, artigiani, boscaioli. Una volta le scuole di campagna erano sinonimo di arretratezza. Adesso si potrebbero usare edifici esistenti, ristrutturarli e fare le scuole nel bosco. Scuole per i nonni, i genitori, i nipoti e gli insegnanti che vengono da fuori. È sempre bene puntare sull intreccio d intimità e distanza, i saperi di chi risiede e quelli di chi arriva. Scuole che aprono il primo Maggio e chiudono il 30 settembre, scuole dove si può studiare sotto un albero. Fare di più e meglio, perché in luoghi come questi la scuola è più importante che altrove.

7 Immaginiamo che tutte le scuole siano aperte anche di pomeriggio e pure nei mesi estivi. Si studia la geografia, si studia la poesia, facendo ricorso direttamente alla presenza dei più importanti poeti italiani. Ogni paese deve avere una casa specificamente predisposta per le residenze degli artisti. Molta attenzione sarà riservata alla musica. I musicisti lavorano nella scuola e fuori. L idea è di arrivare alla formazione di una Banda della Montagna Materana. La banda diventa anche un ulteriore motivo per far conoscere i luoghi. C è la musica e c è il canto. Faremo l'albero del Canto. Ogni paese un ramo fatto con le voci delle donne perché le donne hanno la memoria dei canti. Con queste voci ridaremo un suono ai paesi per evitare cheabbiano il rumore del coma. Si può immaginare di creare anche un archivio Musiche di Tradizione della Montagna Materana. La musica è un potente riattivatore della vita comunitaria ed è stata poco valorizzata nelle precedenti programmazioni. 3. Muoversi in montagna Si può immaginare di affidare le strade interne a dei custodi che ne curino la manutenzione ordinaria: in generale bisogna prevedere più risorse per gli interventi di manutenzione. Occorre completare la Cavonica e le bretelle di collegamento dei comuni alle arterie principali Bisogna creare un piccolo autobus della montagna, molto comodo, capace di essere esso stesso una sorta di pubblicità nomade: un mezzo che porti all esterno e all interno le immagini della montagna materana. Dal primo maggio al trenta settembre si può immaginare che ci siano anche corse che partano da Matera ogni mattina verso i paesi della montagna materana. Inoltre è necessario istituire servizi di trasporto a chiamata, specialmente per le persone che si spostano per motivi medici, possiamo chiamarlo taxi sociale. Di questi servizi che possono completare i buchi del servizio pubblico si possono occupare i ragazzi delle cooperative di comunità che saranno costituire in ogni paese. 4. Le comunità in rete Queste aree sono fortemente penalizzate dall assenza di banda larga essenzialmente perla mancanza delle infrastrutture e lo scarso interesse da parte degli operatori a gestire le infrastrutture presenti poiché il bacino di utenza è considerato economicamente poco rilevante per giustificare investimenti nel settore. E importante dunque che vengano realizzati al più presto gli interventi previsti dalla Regione a favore della banda larga per connettere tali comunità con la comunità più estesa di internet. Risultati attesi Sul fronte della salute: diminuzione sensibile degli eventi acuti: codici rosso o verde in triage di emergenza. Si pensi, ad esempio, che secondo studi recenti fra le cause più frequenti di eventi acuti, soprattutto nell'anziano e nel grande anziano, vi è la non corretta assunzione della terapia. Sul fronte della scuola: migliorare l offerta formativa esistente e aggiungere nuove scuole con un impostazione aderente allo spirito del Progetto Pilota.

8 Sul fronte dei trasporti: migliorare la condizione delle strade esistente e realizzare le bretelle indispensabili a ridurre la distanza dalle grandi arterie, Sul fronte dello sviluppo locale: Ridurre lo spopolamento e la propensione all emigrazione; Portare nuovi residenti nei paesi, residenti forti, italiani e stranieri, persone che lavorano e che vivono i luoghi con entusiasmo e voglia di fare. Da questo punto di vista bisogna guardare senza troppa diffidenza all inserimento disciplinato e organizzato di piccoli nuclei di profughi; Aumentare l occupazione per un agricoltura multifunzionale, specialmente quella giovanile; Aumentare le presenze turistiche; Migliorare sensibilmente la velocità della Rete, la banda larga è da considerare tra i risultati primari. Cambiare la percezione dei luoghi da parte di chi li abita. Rendere gli abitanti più consapevoli della bellezza e delle opportunità che offrono questi luoghi. Aumentare la sensibilità ai beni comuni. I protagonisti I sindaci degli otto comuni, il loro referente politico e il loro referente tecnico; Il referente della regione; Il referente del Ministero; Soggetti partecipati degli enti locali; I giovani residenti nel paese e quelli che stanno attualmente fuori, con particolare attenzione al contributo delle donne; I focus di paese, un luogo dove i cittadini seguono il processo in corso, proponendo idee e assicurando un controllo democratico sul processo; Associazioni di categoria; Università di Basilicata e altre università eventualmente interessate; Parchi; Gal; Aziende e imprese locali; Aziende nazionali e internazionali; Centri studi; Azienda Sanitaria; Pro Loco; Associazioni culturali e sportive.

9 STRUTTURA DI PROGRAMMA

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

Un Cuore nuovo per Velletri

Un Cuore nuovo per Velletri Un Cuore nuovo per Velletri Programma Politico per la Città di Velletri Solitamente nei programmi elettorali si tende a fare un elenco di numerosi progetti e svariate proposte per cercare di accattivarsi

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

I ROMANI Testo semplificato per studenti della classe 5 - scuola primaria, livello linguistico A2/B1

I ROMANI Testo semplificato per studenti della classe 5 - scuola primaria, livello linguistico A2/B1 Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi 2007-2013 Annualità 2011 Azione 3 Convenzione di Sovvenzione N. 2011/FEI/PROG-100430 CUP: F33D12000380008 I ROMANI Testo semplificato per studenti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

I Parchi Letterari sono entrati nel 2012 a fare parte della Società Dante Alighieri.

I Parchi Letterari sono entrati nel 2012 a fare parte della Società Dante Alighieri. Il carnevale di Aliano a Palazzo Firenze e il primo laboratorio di responsabilità sociale nell agroalimentare: due opportunità per il recupero e la valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio culturale

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Nasce novità Obiettivo

Nasce novità Obiettivo Il Progetto Nasce la Cooperativa nel Giugno 2003 La novità dell iniziativa sta nel desiderio di questi ragazzi di non abbandonare il luogo in cui sono nati e cresciuti per trovare lavoro, ma di sfruttare

Dettagli

Tutti i bambini sono uguali. Ogni persona ha il diritto di esprimere la sua opinione, anche i bambini

Tutti i bambini sono uguali. Ogni persona ha il diritto di esprimere la sua opinione, anche i bambini Tutti i bambini sono uguali I bambini di genitori turchi o bosniaci hanno gli stessi diritti dei bambini di genitori svizzeri. Nessun bambino deve essere penalizzato solo perché ha la pelle di un colore

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

AGRITURISMO S.CATERINA AZ.AGR. CRETONI MARIA

AGRITURISMO S.CATERINA AZ.AGR. CRETONI MARIA PROGETTO FATTORIA DIDATTICA FINALITA : Il progetto di fattoria didattica è rivolto a tutti i bambini delle scuole materne ed elementari e agli adulti e si prefigge l obiettivo di divulgare e consolidare

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA

AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA Nel mistero di un paese nascosto tra le rocce e la fitta vegetazione, il fascino di una piccola azienda di montagna 1 AZIENDA AGRICOLA GIANNINI ROMINA L area in cui è situata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria di I grado

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA Acqua dolce: l acqua del fiume non ha tanti sali, per questo non è salata, è acqua dolce. Aeroporto: è il luogo dove partono e arrivano gli aerei. Affluente: è un fiume piccolo che entra in un fiume grande.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Progetto alimentazione

Progetto alimentazione 1 di 5 26/09/2013 12:00 Scuola Elementare Statale: Giovanni XXIII Docenti: ecco alcuni progetti Adozione alternativa al libro di testo Da 22 anni la nostra scuola attua la sperimentazione della scelta

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

DALL INTERVISTA A GIOVANNI PACIFICO

DALL INTERVISTA A GIOVANNI PACIFICO DALL INTERVISTA A GIOVANNI PACIFICO Pensando al futuro: le sfide che attendono Sextantio ESPORTARE UN NUOVO CONCETTO DI SVILUPPO TERRITORIALE Una delle sfide più importanti che andremo ad affrontare è

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Imparare a disimparare

Imparare a disimparare Imparare a disimparare Quello che abbiamo imparato finora non è più adatto a un contesto economico e un mercato profondamente cambiati. È ora di far emergere nuove modalità di pensiero, azione e condivisione

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como.

dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como. dal 1980 Residenza Sporting Moderne e confortevoli abitazioni a due passi dal lago di Como. butticostruzioni.com Residenza Sporting Vivere nel verde con le comodità della città A ridosso dei primi rilievi

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI Mod.6_E CHEK LIST AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE N. ordine dell Elenco richiedenti marchio collettivo DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI LATERINA Guida turistica per bambini A cura della Scuola dell infanzia di Laterina, in collaborazione con il Comune di Laterina e l associazione culturale La Rocca

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE S. GIOVANNI BOSCO *LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE Viale dei Mille 12 /a Tel. O577-909037 53034 COLLE DI VAL D ELSA ( SI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso Scuola dell infanzia di via Roma ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 1. SITUAZIONE INIZIALE Non c è crescita senza l opportunità di fare esperienza (M. Bernardi) Nel corso di questi

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2010 LA MOBILITA 8 14 novembre 2010 UNA PISTA CICLABILE

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna ELEZIONI COMUNALI SINNAI 28 MAGGIO 2006 Irs, indipendentzia repubrica de Sardigna si presenta per la prima volta alle elezioni comunali

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi.

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi. Cari amici dei Salesiani, all inizio di questo nuovo anno formativo desideriamo presentarvi un breve riassunto delle nostre attività dalla fine del giugno scorso fino a settembre. 1 giugno - Animazione

Dettagli

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 Presenti: Lucia, Emma, Gabriella, Nadia, Fabrizia, Anna, Gabriele, Vittorio, Mauro, Alberto, Massimo, Anna, Valeria, Elisa. 1. Si ritiene necessaria e importante

Dettagli

Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino

Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino Ciclo di serate le castagne, occasioni per il territorio Le selve castanili e il turista, problemi e opportunità. Quali possibilità per il settore turistico.

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e Hotel School S. Cristina: fare, gustare, sperimentare un altro punto di vista su Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PROPOSTE PER LE CLASSI PRIME E SECONDE LA CONQUISTA DEL FUOCO CLASSE: prima DESCRIZIONE: un antico racconto africano per comprendere che siamo tutti diversi e che

Dettagli

Io sono... PRECISA/O SOCIEVOLE CURIOSA/O. Mi piace fare le cose con cura, controllo di non avere fatto errori.

Io sono... PRECISA/O SOCIEVOLE CURIOSA/O. Mi piace fare le cose con cura, controllo di non avere fatto errori. COSTRUISCO IL MIO PROGETTO riflettendo sulle mie caratteristiche Io sono... Metti una crocetta sull omino rosso se la caratteristica in oggetto non ti è propria, sull arancione se ti caratterizza abbastanza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Consumare il grano destinato alla semina

Consumare il grano destinato alla semina Consumare il grano destinato alla semina La scelta della Giunta di usare i fondi FAS per compensare le minori risorse su sanità e trasporto pubblico locale: è una strategia lungimirante? Le ragioni della

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative La nostra Fattoria del Cerretino svolge attività di Fattoria Didattica proponendo visite o soggiorni giornalieri

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA in LINGUE E CULTURE PER IL TURISMO TESI DI LAUREA IN LINGUA E TRADUZIONE FRANCESE LA GROTTA DI SAN MICHELE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Sede, dominio internet, marchio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CARATTERISTICHE IDENTITARIE DELL ECOMUSEO, MISSIONE, SCOPI E FINAILITA Art. 3 Caratteristiche identitarie

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Anno scolastico 2007-2008

Anno scolastico 2007-2008 Anno scolastico 2007-2008 I BAMBINI CHE SI PERDONO NEL BOSCO di Andrea Canevaro Quando un bambino va a scuola, è come se fosse portato nel bosco, lontano da casa. Ci sono bambini che si riempiono le tasche

Dettagli

Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento

Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento I.S.R.A.A. Istituti per Servizi di Ricovero e Assistenza agli Anziani Casa Albergo - Mini Alloggi Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento II Edizione Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre

Dettagli

PERCORSI ETNICI- Brisighella (I) tel. 0546 81022 fax 0546 81022

PERCORSI ETNICI- Brisighella (I) tel. 0546 81022 fax 0546 81022 2 VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI SAN PIETRO DEI NEMBI (CROAZIA) 2013 PROGRAMMA FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 Ecco infine il ruolo del concetto di isola come metafora di un modo diverso di

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour)

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour) Sfida 20 MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE DI CULTURA, SPORT, ARTI E DIALOGO: LE CITTÀ E I PAESI COME LUOGHI DI INCONTRO PER TUTTI Assessorato allo Sport Lasciati stupire... 30 Verona, dal MAGGIO 2 al GIUGNO

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

Programma Elettorale

Programma Elettorale ELEZIONI COMUNALI 2014 CASTRI DI LECCE Programma Elettorale Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perché

Dettagli

I. Turismo e vacanze in Italia

I. Turismo e vacanze in Italia I. Turismo e vacanze in Italia Ogni anno tantissimi turisti passano le loro vacanze in Italia. Che cosa attira questi turisti? Il clima temperato, le bellezze naturali, la ricchezza del patrimonio storico,

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LICEO

PRESENTAZIONE DEL LICEO IL LICEO ARISTOSSENO Il Liceo è nato nel 1987 come sdoppiamento del Liceo classico Quinto Ennio, ereditandone il corpus della maxisperimentazione classica, linguistica e scientifica, approvato con D.M.

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI. per scuole e gruppi

UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI. per scuole e gruppi UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI per scuole e gruppi Una rete di più di quaranta realtà attive e un progetto che valorizza i beni culturali, storici, artistici, ma anche agricoli, ambientali, spirituali

Dettagli

MAURO VAROTTO. Cramars - società cooperativa

MAURO VAROTTO. Cramars - società cooperativa MAURO VAROTTO Cramars - società cooperativa Friuli Future Forum Il senso dei luoghi di montagna Comunità Montana della Carnia Tolmezzo, 16 novembre 2013 Mauro Varotto DiSSGeA - Università di Padova mauro.varotto@unipd.it

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli