Manuale per Esecutori di BLS-D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per Esecutori di BLS-D"

Transcript

1 Manuale per Esecutori di BLS-D ============================================== Secondo Linee Guida American Heart Association e direttive ASSOCIAZIONE ITALIANA EMERGENZA TERRITORIALE CNE 1

2 Basic Life Support Defibrillation 2

3 A.I.E.T. C.N.E. ASSOCIAZIONE ITALIANA EMERGENZA TERRITORIALE CENTRO NAZIONALE EMERGENZA Manuale per Esecutori di Basic Life Support - Defibrillation Secondo Linee Guida American Heart Association e 3

4 Direttive A.I.E.T. C.N.E. A CURA DI Dr. Bruno Romoli & Dr. Antonio Gorini Disegni di Sara Montani 4

5 INTRODUZIONE La necessità di una larga diffusione al maggior numero di persone possibile delle tecniche di rianimazione cardio polmonare cerebrale (R.C.P.C.) nasce dalla constatazione che il 60% degli arresti cardiaci avviene all esterno dell ospedale e che il 40% di questi avviene in presenza di testimoni. Ogni anno,solo in Italia, muoiono circa persone per un arresto cardiaco improvviso. Recenti studi hanno dimostrato che nell 85% dei casi di Morte Improvvisa il cuore ha un alterazione del ritmo cardiaco: la Fibrillazione Ventricolare ( F.V.) o la Tachicardia Ventricolare senza polso ( T.V.). Queste aritmie, altrimenti fatali, sono correggibili unicamente con una defibrillazione precoce della vittima. L A.I.E.T. con questo manuale vuole fornire uno strumento per facilitare l apprendimento e l addestramento della popolazione. Ogni cittadino può essere testimone di situazioni di emergenza sanitaria. Ogni cittadino con un corretto e ripetuto addestramento può essere un efficiente primo soccorritore. Siamo convinti che un approfondita conoscenza di questo manuale ed un assiduo addestramento pratico su manichini simulatori sia l unico modo per far aumentare il tasso di sopravvivenza delle vittime di un arresto cardiaco nel nostro paese. 5

6 BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Supporto alle funzioni vitali defibrillazione E una sequenza di valutazioni e manovre atte a sostenere la funzione cardio respiratoria cerebrale. Nasce da anni di studi della più grande associazione di cardiologia americana, l American Heart Association, come protocollo di azioni che qualunque persona può praticare quando si trova di fronte ad una vittima adulta non traumatizzata priva di coscienza. Perché è importante diventare esecutori di B.L.S. D.? E questione di tempo 4 minuti: inizio del danno cerebrale 10 minuti: morte cerebrale certa Dopo soli 4 minuti di arresto cardiaco ( Morte Clinica ) si hanno le prime lesioni cerebrali. Se non subentra il primo soccorritore con la RCPC, dopo 10 minuti le lesioni cerebrali diventano irreversibili e si ha la Morte Biologica. Dal momento che la vita delle cellule cerebrali dipende dall ossigeno che arriva attraverso 6

7 la circolazione sanguigna sarà compito dell esecutore B.L.S. mantenere vitali le cellule nervose inviando ossigeno al cervello con la respirazione artificiale ed il massaggio cardiaco esterno. LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA Allertamento del servizio di emergenza sanitaria sul territorio ( 118 ) Inizio precoce della R.C.P.C. Defibrillazione precoce ( D.P.) Trattamento medico avanzato ( Advanced Cardiac Life Support A.C.L.S.) Dall integrità di questi anelli dipende la sopravvivenza della vittima in arresto cardiaco. Tutti gli anelli sono ugualmente importanti e vanno eseguiti nell ordine stabilito. In presenza di un apparecchio defibrillatore l esecutore di B.L.S. D. anticiperà il terzo anello della catena 7

8 CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA La vita di ogni individuo dipende dalla vita delle cellule che lo costituiscono. In ultima analisi una persona è viva se ha attività cerebrale, cioè se le cellule del cervello (i neuroni) funzionano correttamente. La vita di ogni cellula dipende dalla presenza dell ossigeno Senza ossigeno si muore L ossigeno entra nel nostro organismo attraverso il naso e la bocca, discende le vie respiratorie fino agli alveoli polmonari dove passa nella circolazione sanguigna I globuli rossi presenti nel sangue sono le cellule incaricate al trasporto dell ossigeno in tutti i distretti corporei Il sangue è spinto in ogni dove da cuore Il cuore è il motore centrale di un sistema chiuso di vasi sanguini, dove circola il sangue L ossigeno giunge così alle cellule cerebrali E importante evitare la morte delle cellule cerebrali ( neuroni ) perché: da essi dipende la vita dell uomo una volta morta la cellula nervosa non è sostituita, quindi si ha un danno irreversibile L entità del danno dipende dal numero di neuroni morti e quindi dal tempo che la 8

9 persona è rimasta senza ossigeno. Compito di ogni esecutore di B.L.S. D. è evitare il danno anossico cerebrale! ANATOMIA 9

10 PREMESSA ALLA SEQUENZA Il B.L.S. D. si effettua esclusivamente su di una vittima: ADULTA NON TRAUMATIZZATA PRIVA DI COSCIENZA 10

11 LA SEQUENZA DEL B.L.S. D. Le fasi da eseguire sono 4 Ognuna è preceduta da una valutazione preliminare. Per aiutare a memorizzare l esatto ordine delle fasi pensiamo all A B C D A airway ( vie aeree ) B breathing ( respiro bocca a bocca ) C circulation ( circolazione compressioni cardiache ) D defibrillation ( defibrillazione ) Sequenza Valutazione Manovra ==================================================================== A Incosciente Garantire pervietà vie aeree ( Airway ) B Non respira Respirazione artificiale ( Breathing ) C Assenza battito cardiaco Compressioni toraciche ( Circulation ) 11

12 D Ritmo defibrillabile Defibrillazione precoce ( Defibrillation ) AVVICINAMENTO Nel trovarci in una situazione di emergenza medica dobbiamo prima di tutto: Poi: MANTENERE LA CALMA Osservare: cogliere quante più informazioni possibile sull accaduto, mentre ci avviciniamo alla vittima. Riflettere: che tipo di malessere può aver colpito questa persona? ci sono pericoli ulteriori per la vittima, per noi o per altra gente? SI : mettere al sicuro se stessi ed avvertire del pericolo le altre persone allertare l autorità competente ( vigili del fuoco, polizia, ecc.) se possibile senza rischiare la propria incolumità, mettere al sicuro la vittima NO : allora Agire: 12

13 chiedere ai presenti se c è tra loro un medico o un infermiere qualificarsi come esecutore BLS D inginocchiarsi accanto alla vittima: un ginocchio all altezza della spalla e l altro al livello del diaframma ( base del torace ) iniziare la sequenza BLS con la prima valutazione A VALUTAZIONE STATO DI COSCIENZA Afferrare per le spalle la vittima Chiamare ad alta voce Signora, signora Signore, signore!, mentre si scuote delicatamente Se: apre gli occhi parla si muove E COSCIENTE Chiedi informazioni sull accaduto, avverti, se necessario, i soccorsi, offri supporto psicologico se non sei un sanitario. Se: non apre gli occhi non parla non si muove 13

14 E INCOSCIENTE ALLERTARE I SOCCORSI CHIAMARE IL 118! Chiedere con tono deciso a qualcuno dei presenti di chiamare il 118. Se siete soli, e telefonare non comporta una perdita di tempo, fatelo! Altrimenti proseguite con il B.L.S. POSIZIONATE LA VITTIMA Supina ( a pancia in su ) Su di un piano rigido Vittima e soccorritore devono stare allo stesso livello ( di solito è il secondo che si sposta a livello del primo ) Allineare nell ordine: testa, braccia, gambe Scoprire il torace Il soccorritore deve inginocchiarsi al lato della vittima con un ginocchio all altezza delle spalle e l altro al livello della base del torace 14

15 ISPEZIONE DEL CAVO ORALE La mano che sta sotto il mento apre la bocca con il pollice, che pinza la lingua sul pavimento buccale L altra mano lascia la fronte per andare ad ispezionare la bocca con il dito indice ad uncino Se sono presenti corpi solidi: rimuoverli facendo scorrere il dito indice sulla faccia interna della guancia verso l esterno ( va rimosso tutto ciò che può finire verso le vie aeree inferiori. Le protesi dentarie vanno rimosse solo se si muovono.) Se sono presenti liquidi: Rimuoverli usando fazzoletti, garze, ecc Ci si può aiutare girando lateralmente la testa. IMPORTANTE!!! 15

16 UNA VITTIMA INCOSCIENTE ESSENDO PRIVA DI TONO MUSCOLARE HA I MUSCOLI RILASCIATI. LA LINGUA, CHE E UN MUSCOLO, SI SPOSTA SEGUENDO LA FORZA DI GRAVITA, QUINDI SE LASCIAMO SUPINA UNA VITTIMA INCOSCIENTE,QUESTA RISCHIA IL SOFFOCAMENTO. BISOGNA SEMPRE RICORDARSI DI IPERESTENDERE LA TESTA AD UNA VITTIMA INCOSCIENTE DOPO AVERLA MESSA IN POSIZIONE SUPINA ( A PANCIA IN SU ) GARANTIRE LA PERVIETA DELLE VIE AEREE Mettere una mano sulla fronte della vittima Il dito indice e medio dell altra mano sotto il mento Spingere in alto ed in dietro la mandibola ed accompagnare il movimento con una leggera pressione sulla fronte In questo modo otterrete l iperestensione del capo, manovra fondamentale affinché la lingua non ostruisca le vie aeree superiori,scivolando all indietro 16

17 B RESPIRAZIONE DETERMINARE L ASSENZA DEL RESPIRO SEQUENZA G.A.S. ( per 10 secondi ) Guarda se il torace si muove Ascolta se ci sono rumori respiratori Senti se l aria fuoriesce durante l espirazione ( ponendo la guancia in prossimità della bocca e del naso della vittima ) La sequenza si effettua con un unico gesto e contando ad alta voce

18 Se respira: Mettere la vittima in Posizione Laterale di Sicurezza ( P.L.S. ) Se non respira: praticare la: RESPIRAZIONE ARTIFICIALE BOCCA A BOCCA Mantenendo la testa in iperestesione, chiudere il naso della vittima tra pollice ed indice della mano posta sulla fronte prendere fiato senza iperventilarsi sigillare la bocca della vittima con la nostra insufflare aria per 1 1,5 secondi ( osservando il torace se si alza ) ritornare in posizione di riposo ( osservando il torace se si abbassa ) Tutto ciò per due volte poi si passa alla fase C IMPORTANTE!!! 18

19 LA TESTA VA SEMPRE MANTENUTA IPERESTESA! CONSIDERIAMO CHE LA MONOVRA DI RESPIRAZIONE ARTIFICIALE ( R.A. ) POTREBBE DURARE A LUNGO, QINDI NON DOBBIAMO IPERVENTILARCI E STANCARCI TROPPO DOPO OGNI INSUFFLAZIONE RIAPRIAMO IL NASO SI DA PERMETTERE UNA NORMALE ESPIRAZIONE NON PERDIAMO MAI DI VISTA IL TORACE! E LA SPIA DELL EFFICIENZA DEL NOSTRO OPERATO VARIANTI DELLA R.A. BOCCA A BOCCA BOCCA NASO Bocca del soccorritore, naso della vittima. Se non si riesce ad aprire la bocca per qualche motivo, si può utilizzare questa variante prestando attenzione a chiudere la bocca premendo leggermente con la mano sotto il mento. BOCCA BOCCA NASO Sigilliamo con la nostra bocca sia il naso che la bocca della vittima. Utile quando chi soccorriamo ha il viso più piccolo del nostro. BOCCA STOMA Alcune persone per motivi di interventi chirurgici respirano attraverso un apertura posta anteriormente sul collo subito sotto al pomo di Adamo ( stomia o stoma ); in questi casi è inutile iperestendere la testa, dobbiamo insufflare nella stomia. BOCCA DISPOSITIVO BARRIERA Vedi paragrafo mezzi aggiuntivi per la R.A. 19

20 BOCCA MASCHERA Vedi paragrafo mezzi aggiuntivi per la R.A. METODI MANUALI Si sono dimostrati col tempo poco efficaci, quindi non sono inclusi in questo manuale. IMPREVISTI!! Insufflando, il torace non si alza. Non abbiamo soffiato con sufficiente energia Non abbiamo chiuso il naso Non abbiamo sigillato bene la bocca della vittima RIPROVATE!! C è un corpo estraneo in bocca RIFARE L ISPEZIONE DEL CAVO ORALE, RIMUOVENDO L OSTACOLO!! C è un corpo estraneo nelle prime vie aeree EFFETTUARE LA MANOVRA DI HEIMLICH!! 20

21 Il torace si è espanso, ma non si riabbassa Potrebbe esserci una lesione in un polmone da cui l aria passa nella gabbia toracica ( pneumotorace ) NON CONTINUARE LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE!! C CIRCOLAZIONE COMPRESSIONI TORACICHE DETERMINARE L ASSENZA DEL BATTITO CARDIACO Cercare i segni indiretti di circolo e contemporaneamente valutare la presenza del polso carotideo Le due dita poste sotto il mento scivolano centralmente verso il basso fino al pomo di Adamo, poi si spostano dal lato del soccorritore di circa due centimetri nel solco tra la trachea ed i muscoli laterali del collo. In questa sede sentiamo il polso carotideo cioè possiamo percepire facilmente, e contare, i battiti del cuore, se questo fosse in attività. E necessaria solo una leggera pressione sull arteria carotide. Contiamo ad alta voce per 10 secondi

22 Se polso presente Continuare la R.A. insufflando aria una volta ogni 5 secondi. Dopo ogni minuto controllare sia il respiro che il polso. N.B. MAI PRATICARE IL M.C.E. SE IL CUORE BATTE!! POTREMMO DANNEGGIARLO!! Se polso assente Praticare le: COMPRESSIONI TORACICHE MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Trovare il punto di compressione sul torace Con il dito indice della mano che sta verso i piedi della vittima, seguire l arcata costale dal fianco fino all incontro con l altra arcata costale lasciare la fronte della vittima e posizionare due dita distanziatrici sullo sterno attaccandole all indice dell altra mano poggiare la parte bassa del palmo della mano che sta verso i piedi della vittima sullo sterno subito dopo le dita distanziatrici, in modo tale che le dita non poggino sul torace 22

23 sovrapporre alla mano poggiata sul torace l altra mano. Le dita delle mani possono incrociarsi o restare sollevate. Posizione dell esecutore: sempre in ginocchio con le gambe che formano un angolo di 90 con le cosce braccia tese e perpendicolari allo sterno della vittima polsi liberi da bracciali, orologi o quant altro possa dare noia. Le compressioni: fulcro del movimento è il bacino; tutto il peso del corpo dalla vita in su esercita una pressione sullo sterno della vittima. Evitare di esercitare la pressione solo con la forza delle braccia lo sterno deve essere abbassato di circa 4 5 cm. ed altrettanto deve essere rilasciato la frequenza delle compressioni è di al minuto alterniamo 30 compressioni a 2 insufflazioni per 5 volte di seguito ( dovremmo impiegare circa due minuti per eseguire i 5 cicli ). dopo i primi due minuti e poi ogni 5cicli bisogna rivalutare nell ordine: la presenza del polso carotideo,del respiro e della coscienza ( C B A ). 23

24 cm. IMPORTANTE!!! Con il M.C.E. facciamo in modo di schiacciare il cuore tra lo sterno anteriormente ed i muscoli e le ossa della schiena posteriormente. In questo modo permettiamo lo svuotamento del cuore e la diffusione del sangue verso la periferia. Successivamente rilasciando il torace permettiamo al cuore di dilatarsi e di riempirsi nuovamente di sangue per un effetto di risucchio. E importante sottolineare la fondamentale funzione della respirazione artificiale, che serve a dare al sangue la giusta quantità di ossigeno senza il quale è perfettamente inutile praticare un massaggio cardiaco. IMPREVISTI!!! 24

25 Durante le compressioni toraciche si potrebbero rompere una o più costole con il rischio di ledere organi interni o di altre complicanze di una frattura. Per evitare ciò le prime compressioni devono essere finalizzate a regolare l intensità di queste con la resistenza della gabbia toracica, avendo come riferimento la resistenza del manichino da simulazione ( resistenza media ). Mai esercitare pressione diretta sulle coste, ma solo sullo sterno e nel punto esatto! A volte è inevitabile una frattura costale. Se stiamo procedendo correttamente non dobbiamo temere. E in pericolo il bene primario di un uomo, la vita. SEQUENZA AD UN SOCCORRITORE A Valutazione presenza/assenza stato di coscienza SE PRESENTE terminare sequenza SE ASSENTE chiamare il 118 e posizionare la vittima Garantire la pervietà delle vie aeree B B Valutazione presenza/assenza del respiro SE PRESENTE terminare sequenza,eseguire posizione laterale di sicurezza SE ASSENTE insufflazioni bocca a bocca C C Valutazione presenza/assenza del polso carotideo SE PRESENTE praticare solo R.A. ( 1 insufflazione ogni 5 sec. ) SE ASSENTE 30 compressioni toraciche alternate a due insufflazioni Dopo ogni 5 cicli Valutazione al contrario delle funzioni vitali C SE ASSENTE continuare la R.C.P.C. dopo 5 cicli rivalutazione del polso SE PRESENTE B B 25

26 SE ASSENTE praticare solo la R.A. facendo 1 insufflazione ogni 5 sec. valutare B e C ogni minuto SE PRESENTE valutazione stato di coscienza Valutazione stato di coscienza SE ASSENTE mantenere la pervietà delle vie aeree oppure P.L.S. SE PRESENTE monitorare le funzioni vitali ed attendere l intervento del 118 N.B. IL BLS SI CONTINUA FINO A CHE NON ARRIVI L AMBULANZA O UN MEDICO CHE PRENDA IN CONSEGNA LA VITTIMA SEQUENZA A DUE SOCCORRITORI Praticare la R.C.P.C. è molto impegnativo sia dal punto di vista fisico che psichico; dall impegno mentale non ci solleva nessuno, se non l arrivo di personale sanitario. Per ridurre la fatica fisica possiamo avere tre accorgimenti: allenarsi periodicamente all esecuzione del B.L.S. e non trascurare una sana attività sportiva eseguire in due esecutori la R.C.P.C. invitare uno degli spettatori non addestrati a ripetere le manovre, che state facendo Le compressioni toraciche sono più facilmente eseguibili per chi non è addestrato. 26

27 DIFFERENZE FONDAMENTALI Se si è in due dall inizio, uno è il leader: fa le valutazioni e si occupa della R.A. Se sopraggiunge un secondo soccorritore esecutore B.L.S. deve presentarsi: sono un esecutore B.L.S. posso aiutarti?. Chi sta eseguendo la R.C.P.C. può decidere se farlo intervenire oppure no. I due soccorritori sono posizionati uno per lato della vittima Il rapporto delle compressioni ed insufflazioni è di 30 / 2 La prima rivalutazione avviene sempre dopo i primi due minuti, le successive ogni cinque cicli Chi è stanco può chiedere il cambio e cambiare il ruolo con l altro, ad ogni cambio viene effettuata la rivalutazione dell attività cardiaca. Per facilità il cambio può essere effettuato ogni 5 cicli 27

28 POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA ( P.L.S.) Si mette in atto quando la vittima : è priva di coscienza respira non è traumatizzata Se dobbiamo allontanarci per qualche motivo ( soccorrere un altra vittima, chiamare aiuto ) La P.L.S. permette di lasciare la vittima in tutta sicurezza in quanto: Impedisce ogni movimento passivo Evita lo scivolamento indietro della lingua Permette la fuoriuscita di eventuali liquidi o solidi dalla bocca ( sangue, vomito, ecc.) 28

29 MANOVRA DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE Si attua quando un corpo aeree. La maggior parte delle sono causate dal cibo. estraneo ostruisce le vie ostruzioni nell adulto E UNA MANOVRA SALVA VITA!! Normalmente chi sta mani alla gola segno soffocando si porta le unico di soffocamento 29

30 Se la vittima tossisce e / o parla l ostruzione è parziale Non dobbiamo interferire con i suoi tentativi Se la vittima è cosciente, ma non parla e /o tossisce l ostruzione è completa La vittima non respira! VITTIMA COSCIENTE Pacche interscapolari Sistemarsi di fianco alla vittima Posizionare una mano sullo sterno Piegare in avanti la vittima Colpire per 4 5 volte tra le scapole Manovra di Heimlich Portarsi alle spalle della vittima ed avvolgere le braccia intorno alla vita Chiudere una mano a pugno con il pollice verso l addome poco sopra l ombelico sulla linea mediana Porre l altra mano sul pugno ed effettuare una rapida spinta in dentro e verso l alto Ripetere le spinte sino a quando l oggetto viene espulso o la vittima perde coscienza Vittima obesa o in avanzato stato di gravidanza 30

31 Portarsi alle spalle della vittima ed avvolgere le braccia intorno al torace Chiudere una mano a pugno sul terzo inferiore dello sterno Porre l altra mano sul pugno ed effettuare una rapida compressione Ripetere le compressioni sino a quando l oggetto viene espulso o la vittima perde coscienza VITTIMA INCOSCIENTE DISTESA Compressioni toraciche come per il massaggio cardiaco esterno Manovra di Heimlic Posizionare la vittima supina con il capo in iperestensione Mettersi a cavalcioni delle cosce della vittima e porre la parte bassa del palmo di una mano appena sopra l ombelico sulla linea mediana. Appoggiare l altra mano sopra la prima e premere sull addome verso l alto. Ripetere le spinte sino a quando l oggetto viene espulso. 31

32 N.B. SCOPO DELLA MANOVRA E SOLLEVARE IL DIAFRAMMA. IN TAL MODO SI PROVOCA UN COLPO DI TOSSE ARTIFICIALE, CHE DOVREBBE SPINGERE ALL ESTERNO IL CORPO ESTRANEO IMPREVISTI!!! Comprimendo male l addome c è il pericolo di far vomitare la vittima. SUPPORTI VENTILATORI Un abilitato B.L.S. deve essere sempre in grado di eseguire le tecniche senza l utilizzo di dispositivi per i seguenti motivi Di solito le prime cure vengono prestate senza l ausilio di apparecchiature Le attrezzature possono non essere disponibili Non bisogna ritardare l inizio di un B.L.S. per procurarsi posizionare o predisporre un attrezzatura specifica. L utilizzo di attrezzature in modo corretto migliora comunque i risultati di un B.L.S., infatti il loro impiego ci permette di Migliorare la pervietà delle vie aeree Aumentare la quantità di ossigeno fornito alla vittima Ridurre la fatica del soccorritore l utilizzo di attrezzature comporta particolari responsabilità per cui bisognerà: 32

33 Assicurarsi personalmente che l attrezzatura sia pulita e funzionante prima del suo impiego Scegliere l attrezzatura adeguata alla vittima Controllare la vittima con maggiore attenzione CANNULE OROFARINGEE Le cannule orofaringee sono dispositivi curvi realizzati in varie misure che, inserite nella bocca della vittima, hanno lo scopo di garantire un accesso diretto tra esterno e faringe impedendo che la lingua scivoli all indietro ed occluda le vie respiratorie. Prima di utilizzare la cannula orofaringea bisogna osservare scrupolosamente i seguenti punti. Liberare le vie respiratorie della vittima prima di inserire la cannula Fare attenzione a non spingere la lingua della vittima durante l inserzione Inserire la cannula solo a vittime incoscienti che non mostrino riflessi 33

34 faringei Rimuovere immediatamente la cannula se la vittima mostra riflessi faringei o vomito Controllare sempre che la cannula sia della misura adatta prima di inserirla SCELTA DELLA MISURA DELLA CANNULA Esistono due metodi per valutare la misura adatta della cannula Porre la cannula sulla guancia in modo che le due estremità della stessa corrispondano una al lobo dell orecchio e l altra all angolo della bocca. Porre la cannula in modo tale che le due estremità della tessa corrispondano una al centro della bocca e l altra all angolo della mandibola. MODALITA DI INSERZIONE Aprire la bocca della vittima Verificare la mancanza di corpi estranei nel cavo orale Posizionare la cannula con la parte concava verso l alto Far scivolare la cannula lungo il palato fino ad incontrare resistenza contro il palato molle 34

35 facendo attenzione a non spingere verso la gola la lingua della vittima Ruotare delicatamente la cannula di 180 in modo che la punta si posizionerà nel faringe Controllare che l estremità esterna della cannula poggi sulle labbra Controllare l iperestensione del capo DISPOSITIVI PER LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Lo scopo di questi dispositivi è quello di facilitare e migliorare qualitativamente la ventilazione polmonare, inoltre essi proteggono il soccorritore dal rischio di contrarre eventuali malattie infettive. L utilizzo di questi dispositivi richiede una buona esperienza ed una certa pratica per essere efficaci ed avere una resa migliore dei sistemi naturali. MASCHERINE TASCABILI Le mascherine tascabili, in misura unica, sono dei presidi che permettono di inglobare la bocca ed il naso della vittima ed insufflare aria attraverso una valvola unidirezionale; inoltre la maggior parte di esse ha un ingresso per fornire ossigeno puro ed un elastico per fissarla al viso della vittima. Posizionare la maschera in modo tale che l apice della stessa corrisponda alla radice del naso e la base tra il labbro inferiore e la prominenza del mento 35

36 Tenere saldamente la maschera in posizione con il dito pollice ed indice di entrambe le mani intorno ai bordi laterali, mentre con il medio e l anulare posto sotto il mento si mantiene sollevata la mandibola e l iperestensione del capo Insufflare aria dalla valvola unidirezionale della maschera TECNICA DI UTILIZZO 36

37 N.B. LA STESSA MASCHERA PUO ESSERE USATA PER I BAMBINI, MA RUOTATA, POSIZIONANDO LA PUNTA SUL MENTO E LA BASE SULLA FRONTE PALLONE AUTOESPANSIBILE AMBU Il pallone Ambu è un pallone deformabile che ha la caratteristica di riespandersi una volta compresso, ed è dotato di tre valvole unidirezionali. Il pallone può essere collegato, mediante appositi raccordi direttamente ad un erogatore di ossigeno o ad un serbatoio (reservoir) di ossigeno. E un presidio per il sostegno della respirazione in pazienti in arresto respiratorio, deve essere impiegato solo da personale esperto ed addestrato al suo uso. MODALITA DI UTILIZZO Porsi dietro la testa della vittima in ginocchio Se possibile prima di applicare la maschera inserire una cannula orofaringea Scegliere una maschera adatta e posizionarla sul viso appoggiando l apice 37

38 sulla radice del naso e la base tra il labbro inferiore e la prominenza del mento Tenere saldamente la maschera in posizione con il pollice e l indice della mano sinistra intorno al bordo della stessa, e con le altre afferrare e sollevare la mandibola Insufflare aria comprimendo il pallone con l altra mano. Concentrazioni di ossigeno con.. % Solo pallone Ambu > 21 % Pallone Ambu + ossigeno a l/m > 40 50% Pallone Ambu + ossigeno e reservoir > % D LA DEFIBRLLAZIONE PRECOCE La necessità di defibrillare Il ritmo cardiaco di presentazione più frequente ( 85% dei casi ) in un arresto cardiaco improvviso è la fibrillazione ventricolare o la tachicardia ventricolare senza polso Il trattamento più efficace per la F.V. è la defibrillazione elettrica Ogni minuto di ritardo nell intervento diminuisce del 7 10 % la percentuale di sopravvivenza La F.V. tende a trasformarsi in asistolia ( assenza di attività elettrica del cuore ) in pochi minuti. 38

39 Il cuore in fibrillazione ventricolare non ha attività contrattile, ma solo attività elettrica non sincronizzata. Il muscolo cardiaco in F.V. non pompa il sangue in circolo. La defibrillazione elettrica del cuore consiste nell erogazione di una scossa elettrica controllata sul torace della vittima al fine di fermare l attività elettrica disorganizzata e permette il ripristino del ritmo fisiologico o sinusale. IL DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO ESTERNO ( D.A.E. ) La tecnologia odierna ci mette a disposizione uno strumento per combattere la morte Improvvisa in maniera efficace: il defibrillatore semiautomatico esterno ( Automatic External Defibrillator A.E.D. ). Questo apparecchio ha delle caratteristiche che ne permettono l uso anche a personale non medico. Il D.A.E. solleva l operatore dall onere della diagnosi in quanto è lo stesso apparecchio che esamina il ritmo cardiaco e decide se consigliare o no l erogazione della scarica elettrica. L esecutore di B.L.S. D ha a che fare con uno strumento assolutamente affidabile, indistruttibile, che guida l operatore con comandi vocali e garantisce la memorizzazione di tutte le operazioni svolte. L esecutore di D.P. deve conoscere bene il funzionamento dell apparecchio ed effettuare 39

40 la manutenzione secondo le indicazioni della casa produttrice. CARATTERISTICHE DELL APPARECCHIO Esclude dal processo diagnostico l operatore Registra i tracciati elettrocardiografici ( E.C.G.), le scariche eventualmente somministrate, le voci di tutte le persone presenti nell area circostante, i movimenti della vittima. Questi dati devono essere scaricati su un P.C. al termine del soccorso per essere analizzati e conservati. Ha un sistema di autodiagnosi, che segnala lo stato delle batterie ed eventuali problemi tecnici Utilizza batterie ricaricabile od usa e getta della durata di 3 5 anni o 312 scariche Peso limitato ( varia a seconda del modello, ma sempre meno di 2 kg ) Infrangibili e resistenti all acqua Nella custodia dell apparecchio devono sempre essere presenti un paio di forbici, un rasoio,un telino, garze e guanti. 40

41 SEQUENZA OPERATIVA 1 Posizionare il D.A.E. accanto all orecchio della vittima possibilmente sul lato sinistro 2 Accendere l apparecchio 41

42 3 Collegare le placche adesive al paziente. Una sotto la clavicola destra e l altra sotto la regione mammaria sn 4 Eseguire le indicazioni dell apparecchio: durante l analisi bisogna evitare ogni movimento e contatto con la vittima. 5 Se shock consigliato l apparecchio si carica automaticamente per erogare la scarica 6 Durante il caricamento dell apparecchio recitare ad alta voce la filastrocca di sicurezza: Io sono via ( controlliamo se stiamo ben distanti dalla vittima ) Voi siete via ( controlliamo che gli altri stiano a distanza di sicurezza ) Tutti sono via ( controlliamo che tutti stiano a distanza ) 42

43 7 Premere il tasto di scarica 8 Ricominciare dal punto 4 Dopo ogni shock, se persiste l arresto cardiaco, si eseguono due minuti di R.C.P. e poi si riparte dal punto 4 ALGORITMO DI TRATTAMENTO DELL ARRESTO CARDIACO CON DAE Valutare A B C R.C.P. fino a disponibilità del defibrillatore Accendere l apparecchio Connettere le piastre al paziente Premere shock se consigliato dall apparecchio Defibrillare una volta Controllare il polso Polso assente Polso presente R.C.P. per due minuti (5 cicli) Ripristino circolazione spontanea 43

44 Controllare il polso Se assente Controllare segni vitali Sostenere la respirazione Defibrillare se consigliato (uno Shock) R.C.P. per due minuti (5 cicli) Controllare il polso Se assente Ripetere sequenza di 1 Shock con 5 cicli (circa 2 minuti) di R.C.P. tra ogni sequenza Continuare fino a quando compare il messaggio Shock non consigliato o la F.V. / T.V. si converte in ritmo con polso ALGORITMO DI TRATTAMENTO DELL ARRESTO CARDIACO CON DAE APPARECCHIO IMMEDIATAMENTE DISPONIBILE Se testimoni dell evento Non testimoni dell evento Valutare A B C Valutare A B C 2 minuti di RCP (5 cicli) Accendere l apparecchio Applicare le piastre al paziente se shock consigliato allertare i soccorsi (conferma arresto) Se shock non consigliato Allerta il 118 Defibrillare una volta Controllare il polso Polso assente Polso presente R.C.P. per due minuti 44 Ripristino circolazione spontanea

45 Controllare il polso Se assente Controllare segni vitali Sostenere la respirazione Defibrillare se consigliato R.C.P. per due minuti Controllare il polso Se assente Ripetere sequenza di 1 Shock con 5 cicli (circa 2 minuti) di R.C.P. tra ogni sequenza Continuare fino a quando compare il messaggio Shock non consigliato o la F.V. / T.V. si converte in ritmo con polso Defibrillatore automatico: checklist dell operatore di turno Data Turno Sede Modello N. di serie o N. identificativo dell apparecchio All inizio di ogni turno: Ispezionare l apparecchio. Indicare se tutti i requisiti sono stati soddisfatti. Annotare le azioni correttive eseguite. Firmare 1. Defibrillatore Pulito, senza segni di liquidi versati, senza oggetti appoggiati sopra, involucro intatto 2. Materiali a due set di placche in confezione sigillata con data di scadenza b guanti, telino, forbici, rasoio, salvietta disinfettante c batteria di riserva carica d modulo di memoria e/o scheda eventi di riserva 3. Fonte di energia a Apparecchi a batteria monouso 1 verificare la presenza di batteria carica in sede 2 disponibilità di batteria di riserva b Apparecchi a batteria ricaricabile 1 verificare la presenza di batteria carica in sede 2 disponibilità di batteria di riserva Trovato OK Azioni correttive / Note 45

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S 1 PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare per soccorritori (corsi OTI - OSES) OSES Obiettivi della lezione 1. Conoscenze

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico DEFINIZIONI Il P-BLS deve essere praticato nei soggetti in cui risultino compromesse una o più funzioni vitali (coscienza, respiro

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS-D (Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI La rianimazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO TRATTO DAL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI EMERGENZE MEDICO - CHIRURGICHE B. D'Elia, S. Pittino, P. Lorenzi, M. Marsili, S. Boncinelli Il materiale

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE La catena della sopravvivenza Il Maestro di Salvamento e l Assistente Bagnanti così come qualsiasi altro operatore

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis 110 29.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 L.R. 8/99: accertamento funzionalità rispetto agli indirizzi della programmazione regionale del Presidio San Raffaele srl di Foiano della

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

Importanza del B.L.S.

Importanza del B.L.S. Importanza del B.L.S. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza: Ospedale Buccheri La Ferla FBF, Via Messina

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

BLS. Basic Life Support

BLS. Basic Life Support BLS Basic Life Support Che cos è il BLS? BLS sta per Basic Life Support, ed è un protocollo da seguire ogni qual volta ci si trovi davanti ad un paziente non cosciente. Si compone di una serie di valutazioni

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

Arresto Cardiaco Pediatrico

Arresto Cardiaco Pediatrico Arresto Cardiaco Pediatrico Scuola Secondaria Informazioni per il corpo docente Materiale didattico dedicato alla Scuola secondaria di primo grado e secondo grado Per ulteriori informazionisulla campagna

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO Approccio all infortunato 1) Protezione del soccorritore 2) Valutazione rischio ambientale si Il paziente va rimosso no 3) Valutazione delle condizioni dell infortunato Approccio

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

BLS ed Elementi di Primo Soccorso

BLS ed Elementi di Primo Soccorso Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia BLS ed Elementi di Primo Soccorso Lezione 4: BLS: sostegno delle funzioni vitali Protocolli BLS - BLSD In collaborazione con Tuttavia la

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR CORSO PER SOCCORRITORI P.B.L.S. (Paediatric Basic Life Support) pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO Dott.ssa Maura Mastrocola SCOPO DEL PBLS Prevenzione del danno anossico cerebrale attraverso il sostegno delle funzioni vitali, con le procedure standard di rianimazione cardiopolmonare

Dettagli

PAD Pubblic Access Defibrillation

PAD Pubblic Access Defibrillation PAD Pubblic Access Defibrillation ARGOMENTO DELLA LEZIONE 1) L Importanza della Defibrillazione Precoce: La Morte Cardiaca Improvvisa L incidenza del DAE 2) IL DAE Cos è Come si usa 3) Il DAE nel Pediatrico

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata 1 OBIETTIVO L obiettivo del PBLS è la prevenzione del danno anossico celebrale, per cui è necessario

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Basic Life Support PARTE I Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Controllo dell ambiente B.L.S. Controlla che l ambiente circostante sia sicuro per te, per la vittima e per il resto dell

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT

Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT Corso di PRIMO SOCCORSO BASIC LIFE SUPPORT Sommario 1. Introduzione... 2 1.1 Scopo... 2 1.2 Rischio... 2 1.3 A chi si deve fare:... 2 2. La catena della sopravvivenza... 3 3. Procedura del BLS... 3 3.1

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico)

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico) CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI REGGIO EMILIA VOLONTARI DEL SOCCORSO VOLONTARI SI NASCE SOCCORRITORI SI DIVENTA! BASIC LIFE SUPPORT -PERSONALE LAICO- ED. 2010 HTTP://WWW.CRI.RE.IT 1 Introduzione

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED)

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) Questo progetto nasce dalla sentita esigenza di diffondere le linee guida sulla disostruzione delle vie aeree pediatriche

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli