Manuale per Esecutori di BLS-D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per Esecutori di BLS-D"

Transcript

1 Manuale per Esecutori di BLS-D ============================================== Secondo Linee Guida American Heart Association e direttive ASSOCIAZIONE ITALIANA EMERGENZA TERRITORIALE CNE 1

2 Basic Life Support Defibrillation 2

3 A.I.E.T. C.N.E. ASSOCIAZIONE ITALIANA EMERGENZA TERRITORIALE CENTRO NAZIONALE EMERGENZA Manuale per Esecutori di Basic Life Support - Defibrillation Secondo Linee Guida American Heart Association e 3

4 Direttive A.I.E.T. C.N.E. A CURA DI Dr. Bruno Romoli & Dr. Antonio Gorini Disegni di Sara Montani 4

5 INTRODUZIONE La necessità di una larga diffusione al maggior numero di persone possibile delle tecniche di rianimazione cardio polmonare cerebrale (R.C.P.C.) nasce dalla constatazione che il 60% degli arresti cardiaci avviene all esterno dell ospedale e che il 40% di questi avviene in presenza di testimoni. Ogni anno,solo in Italia, muoiono circa persone per un arresto cardiaco improvviso. Recenti studi hanno dimostrato che nell 85% dei casi di Morte Improvvisa il cuore ha un alterazione del ritmo cardiaco: la Fibrillazione Ventricolare ( F.V.) o la Tachicardia Ventricolare senza polso ( T.V.). Queste aritmie, altrimenti fatali, sono correggibili unicamente con una defibrillazione precoce della vittima. L A.I.E.T. con questo manuale vuole fornire uno strumento per facilitare l apprendimento e l addestramento della popolazione. Ogni cittadino può essere testimone di situazioni di emergenza sanitaria. Ogni cittadino con un corretto e ripetuto addestramento può essere un efficiente primo soccorritore. Siamo convinti che un approfondita conoscenza di questo manuale ed un assiduo addestramento pratico su manichini simulatori sia l unico modo per far aumentare il tasso di sopravvivenza delle vittime di un arresto cardiaco nel nostro paese. 5

6 BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Supporto alle funzioni vitali defibrillazione E una sequenza di valutazioni e manovre atte a sostenere la funzione cardio respiratoria cerebrale. Nasce da anni di studi della più grande associazione di cardiologia americana, l American Heart Association, come protocollo di azioni che qualunque persona può praticare quando si trova di fronte ad una vittima adulta non traumatizzata priva di coscienza. Perché è importante diventare esecutori di B.L.S. D.? E questione di tempo 4 minuti: inizio del danno cerebrale 10 minuti: morte cerebrale certa Dopo soli 4 minuti di arresto cardiaco ( Morte Clinica ) si hanno le prime lesioni cerebrali. Se non subentra il primo soccorritore con la RCPC, dopo 10 minuti le lesioni cerebrali diventano irreversibili e si ha la Morte Biologica. Dal momento che la vita delle cellule cerebrali dipende dall ossigeno che arriva attraverso 6

7 la circolazione sanguigna sarà compito dell esecutore B.L.S. mantenere vitali le cellule nervose inviando ossigeno al cervello con la respirazione artificiale ed il massaggio cardiaco esterno. LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA Allertamento del servizio di emergenza sanitaria sul territorio ( 118 ) Inizio precoce della R.C.P.C. Defibrillazione precoce ( D.P.) Trattamento medico avanzato ( Advanced Cardiac Life Support A.C.L.S.) Dall integrità di questi anelli dipende la sopravvivenza della vittima in arresto cardiaco. Tutti gli anelli sono ugualmente importanti e vanno eseguiti nell ordine stabilito. In presenza di un apparecchio defibrillatore l esecutore di B.L.S. D. anticiperà il terzo anello della catena 7

8 CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA La vita di ogni individuo dipende dalla vita delle cellule che lo costituiscono. In ultima analisi una persona è viva se ha attività cerebrale, cioè se le cellule del cervello (i neuroni) funzionano correttamente. La vita di ogni cellula dipende dalla presenza dell ossigeno Senza ossigeno si muore L ossigeno entra nel nostro organismo attraverso il naso e la bocca, discende le vie respiratorie fino agli alveoli polmonari dove passa nella circolazione sanguigna I globuli rossi presenti nel sangue sono le cellule incaricate al trasporto dell ossigeno in tutti i distretti corporei Il sangue è spinto in ogni dove da cuore Il cuore è il motore centrale di un sistema chiuso di vasi sanguini, dove circola il sangue L ossigeno giunge così alle cellule cerebrali E importante evitare la morte delle cellule cerebrali ( neuroni ) perché: da essi dipende la vita dell uomo una volta morta la cellula nervosa non è sostituita, quindi si ha un danno irreversibile L entità del danno dipende dal numero di neuroni morti e quindi dal tempo che la 8

9 persona è rimasta senza ossigeno. Compito di ogni esecutore di B.L.S. D. è evitare il danno anossico cerebrale! ANATOMIA 9

10 PREMESSA ALLA SEQUENZA Il B.L.S. D. si effettua esclusivamente su di una vittima: ADULTA NON TRAUMATIZZATA PRIVA DI COSCIENZA 10

11 LA SEQUENZA DEL B.L.S. D. Le fasi da eseguire sono 4 Ognuna è preceduta da una valutazione preliminare. Per aiutare a memorizzare l esatto ordine delle fasi pensiamo all A B C D A airway ( vie aeree ) B breathing ( respiro bocca a bocca ) C circulation ( circolazione compressioni cardiache ) D defibrillation ( defibrillazione ) Sequenza Valutazione Manovra ==================================================================== A Incosciente Garantire pervietà vie aeree ( Airway ) B Non respira Respirazione artificiale ( Breathing ) C Assenza battito cardiaco Compressioni toraciche ( Circulation ) 11

12 D Ritmo defibrillabile Defibrillazione precoce ( Defibrillation ) AVVICINAMENTO Nel trovarci in una situazione di emergenza medica dobbiamo prima di tutto: Poi: MANTENERE LA CALMA Osservare: cogliere quante più informazioni possibile sull accaduto, mentre ci avviciniamo alla vittima. Riflettere: che tipo di malessere può aver colpito questa persona? ci sono pericoli ulteriori per la vittima, per noi o per altra gente? SI : mettere al sicuro se stessi ed avvertire del pericolo le altre persone allertare l autorità competente ( vigili del fuoco, polizia, ecc.) se possibile senza rischiare la propria incolumità, mettere al sicuro la vittima NO : allora Agire: 12

13 chiedere ai presenti se c è tra loro un medico o un infermiere qualificarsi come esecutore BLS D inginocchiarsi accanto alla vittima: un ginocchio all altezza della spalla e l altro al livello del diaframma ( base del torace ) iniziare la sequenza BLS con la prima valutazione A VALUTAZIONE STATO DI COSCIENZA Afferrare per le spalle la vittima Chiamare ad alta voce Signora, signora Signore, signore!, mentre si scuote delicatamente Se: apre gli occhi parla si muove E COSCIENTE Chiedi informazioni sull accaduto, avverti, se necessario, i soccorsi, offri supporto psicologico se non sei un sanitario. Se: non apre gli occhi non parla non si muove 13

14 E INCOSCIENTE ALLERTARE I SOCCORSI CHIAMARE IL 118! Chiedere con tono deciso a qualcuno dei presenti di chiamare il 118. Se siete soli, e telefonare non comporta una perdita di tempo, fatelo! Altrimenti proseguite con il B.L.S. POSIZIONATE LA VITTIMA Supina ( a pancia in su ) Su di un piano rigido Vittima e soccorritore devono stare allo stesso livello ( di solito è il secondo che si sposta a livello del primo ) Allineare nell ordine: testa, braccia, gambe Scoprire il torace Il soccorritore deve inginocchiarsi al lato della vittima con un ginocchio all altezza delle spalle e l altro al livello della base del torace 14

15 ISPEZIONE DEL CAVO ORALE La mano che sta sotto il mento apre la bocca con il pollice, che pinza la lingua sul pavimento buccale L altra mano lascia la fronte per andare ad ispezionare la bocca con il dito indice ad uncino Se sono presenti corpi solidi: rimuoverli facendo scorrere il dito indice sulla faccia interna della guancia verso l esterno ( va rimosso tutto ciò che può finire verso le vie aeree inferiori. Le protesi dentarie vanno rimosse solo se si muovono.) Se sono presenti liquidi: Rimuoverli usando fazzoletti, garze, ecc Ci si può aiutare girando lateralmente la testa. IMPORTANTE!!! 15

16 UNA VITTIMA INCOSCIENTE ESSENDO PRIVA DI TONO MUSCOLARE HA I MUSCOLI RILASCIATI. LA LINGUA, CHE E UN MUSCOLO, SI SPOSTA SEGUENDO LA FORZA DI GRAVITA, QUINDI SE LASCIAMO SUPINA UNA VITTIMA INCOSCIENTE,QUESTA RISCHIA IL SOFFOCAMENTO. BISOGNA SEMPRE RICORDARSI DI IPERESTENDERE LA TESTA AD UNA VITTIMA INCOSCIENTE DOPO AVERLA MESSA IN POSIZIONE SUPINA ( A PANCIA IN SU ) GARANTIRE LA PERVIETA DELLE VIE AEREE Mettere una mano sulla fronte della vittima Il dito indice e medio dell altra mano sotto il mento Spingere in alto ed in dietro la mandibola ed accompagnare il movimento con una leggera pressione sulla fronte In questo modo otterrete l iperestensione del capo, manovra fondamentale affinché la lingua non ostruisca le vie aeree superiori,scivolando all indietro 16

17 B RESPIRAZIONE DETERMINARE L ASSENZA DEL RESPIRO SEQUENZA G.A.S. ( per 10 secondi ) Guarda se il torace si muove Ascolta se ci sono rumori respiratori Senti se l aria fuoriesce durante l espirazione ( ponendo la guancia in prossimità della bocca e del naso della vittima ) La sequenza si effettua con un unico gesto e contando ad alta voce

18 Se respira: Mettere la vittima in Posizione Laterale di Sicurezza ( P.L.S. ) Se non respira: praticare la: RESPIRAZIONE ARTIFICIALE BOCCA A BOCCA Mantenendo la testa in iperestesione, chiudere il naso della vittima tra pollice ed indice della mano posta sulla fronte prendere fiato senza iperventilarsi sigillare la bocca della vittima con la nostra insufflare aria per 1 1,5 secondi ( osservando il torace se si alza ) ritornare in posizione di riposo ( osservando il torace se si abbassa ) Tutto ciò per due volte poi si passa alla fase C IMPORTANTE!!! 18

19 LA TESTA VA SEMPRE MANTENUTA IPERESTESA! CONSIDERIAMO CHE LA MONOVRA DI RESPIRAZIONE ARTIFICIALE ( R.A. ) POTREBBE DURARE A LUNGO, QINDI NON DOBBIAMO IPERVENTILARCI E STANCARCI TROPPO DOPO OGNI INSUFFLAZIONE RIAPRIAMO IL NASO SI DA PERMETTERE UNA NORMALE ESPIRAZIONE NON PERDIAMO MAI DI VISTA IL TORACE! E LA SPIA DELL EFFICIENZA DEL NOSTRO OPERATO VARIANTI DELLA R.A. BOCCA A BOCCA BOCCA NASO Bocca del soccorritore, naso della vittima. Se non si riesce ad aprire la bocca per qualche motivo, si può utilizzare questa variante prestando attenzione a chiudere la bocca premendo leggermente con la mano sotto il mento. BOCCA BOCCA NASO Sigilliamo con la nostra bocca sia il naso che la bocca della vittima. Utile quando chi soccorriamo ha il viso più piccolo del nostro. BOCCA STOMA Alcune persone per motivi di interventi chirurgici respirano attraverso un apertura posta anteriormente sul collo subito sotto al pomo di Adamo ( stomia o stoma ); in questi casi è inutile iperestendere la testa, dobbiamo insufflare nella stomia. BOCCA DISPOSITIVO BARRIERA Vedi paragrafo mezzi aggiuntivi per la R.A. 19

20 BOCCA MASCHERA Vedi paragrafo mezzi aggiuntivi per la R.A. METODI MANUALI Si sono dimostrati col tempo poco efficaci, quindi non sono inclusi in questo manuale. IMPREVISTI!! Insufflando, il torace non si alza. Non abbiamo soffiato con sufficiente energia Non abbiamo chiuso il naso Non abbiamo sigillato bene la bocca della vittima RIPROVATE!! C è un corpo estraneo in bocca RIFARE L ISPEZIONE DEL CAVO ORALE, RIMUOVENDO L OSTACOLO!! C è un corpo estraneo nelle prime vie aeree EFFETTUARE LA MANOVRA DI HEIMLICH!! 20

21 Il torace si è espanso, ma non si riabbassa Potrebbe esserci una lesione in un polmone da cui l aria passa nella gabbia toracica ( pneumotorace ) NON CONTINUARE LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE!! C CIRCOLAZIONE COMPRESSIONI TORACICHE DETERMINARE L ASSENZA DEL BATTITO CARDIACO Cercare i segni indiretti di circolo e contemporaneamente valutare la presenza del polso carotideo Le due dita poste sotto il mento scivolano centralmente verso il basso fino al pomo di Adamo, poi si spostano dal lato del soccorritore di circa due centimetri nel solco tra la trachea ed i muscoli laterali del collo. In questa sede sentiamo il polso carotideo cioè possiamo percepire facilmente, e contare, i battiti del cuore, se questo fosse in attività. E necessaria solo una leggera pressione sull arteria carotide. Contiamo ad alta voce per 10 secondi

22 Se polso presente Continuare la R.A. insufflando aria una volta ogni 5 secondi. Dopo ogni minuto controllare sia il respiro che il polso. N.B. MAI PRATICARE IL M.C.E. SE IL CUORE BATTE!! POTREMMO DANNEGGIARLO!! Se polso assente Praticare le: COMPRESSIONI TORACICHE MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Trovare il punto di compressione sul torace Con il dito indice della mano che sta verso i piedi della vittima, seguire l arcata costale dal fianco fino all incontro con l altra arcata costale lasciare la fronte della vittima e posizionare due dita distanziatrici sullo sterno attaccandole all indice dell altra mano poggiare la parte bassa del palmo della mano che sta verso i piedi della vittima sullo sterno subito dopo le dita distanziatrici, in modo tale che le dita non poggino sul torace 22

23 sovrapporre alla mano poggiata sul torace l altra mano. Le dita delle mani possono incrociarsi o restare sollevate. Posizione dell esecutore: sempre in ginocchio con le gambe che formano un angolo di 90 con le cosce braccia tese e perpendicolari allo sterno della vittima polsi liberi da bracciali, orologi o quant altro possa dare noia. Le compressioni: fulcro del movimento è il bacino; tutto il peso del corpo dalla vita in su esercita una pressione sullo sterno della vittima. Evitare di esercitare la pressione solo con la forza delle braccia lo sterno deve essere abbassato di circa 4 5 cm. ed altrettanto deve essere rilasciato la frequenza delle compressioni è di al minuto alterniamo 30 compressioni a 2 insufflazioni per 5 volte di seguito ( dovremmo impiegare circa due minuti per eseguire i 5 cicli ). dopo i primi due minuti e poi ogni 5cicli bisogna rivalutare nell ordine: la presenza del polso carotideo,del respiro e della coscienza ( C B A ). 23

24 cm. IMPORTANTE!!! Con il M.C.E. facciamo in modo di schiacciare il cuore tra lo sterno anteriormente ed i muscoli e le ossa della schiena posteriormente. In questo modo permettiamo lo svuotamento del cuore e la diffusione del sangue verso la periferia. Successivamente rilasciando il torace permettiamo al cuore di dilatarsi e di riempirsi nuovamente di sangue per un effetto di risucchio. E importante sottolineare la fondamentale funzione della respirazione artificiale, che serve a dare al sangue la giusta quantità di ossigeno senza il quale è perfettamente inutile praticare un massaggio cardiaco. IMPREVISTI!!! 24

25 Durante le compressioni toraciche si potrebbero rompere una o più costole con il rischio di ledere organi interni o di altre complicanze di una frattura. Per evitare ciò le prime compressioni devono essere finalizzate a regolare l intensità di queste con la resistenza della gabbia toracica, avendo come riferimento la resistenza del manichino da simulazione ( resistenza media ). Mai esercitare pressione diretta sulle coste, ma solo sullo sterno e nel punto esatto! A volte è inevitabile una frattura costale. Se stiamo procedendo correttamente non dobbiamo temere. E in pericolo il bene primario di un uomo, la vita. SEQUENZA AD UN SOCCORRITORE A Valutazione presenza/assenza stato di coscienza SE PRESENTE terminare sequenza SE ASSENTE chiamare il 118 e posizionare la vittima Garantire la pervietà delle vie aeree B B Valutazione presenza/assenza del respiro SE PRESENTE terminare sequenza,eseguire posizione laterale di sicurezza SE ASSENTE insufflazioni bocca a bocca C C Valutazione presenza/assenza del polso carotideo SE PRESENTE praticare solo R.A. ( 1 insufflazione ogni 5 sec. ) SE ASSENTE 30 compressioni toraciche alternate a due insufflazioni Dopo ogni 5 cicli Valutazione al contrario delle funzioni vitali C SE ASSENTE continuare la R.C.P.C. dopo 5 cicli rivalutazione del polso SE PRESENTE B B 25

26 SE ASSENTE praticare solo la R.A. facendo 1 insufflazione ogni 5 sec. valutare B e C ogni minuto SE PRESENTE valutazione stato di coscienza Valutazione stato di coscienza SE ASSENTE mantenere la pervietà delle vie aeree oppure P.L.S. SE PRESENTE monitorare le funzioni vitali ed attendere l intervento del 118 N.B. IL BLS SI CONTINUA FINO A CHE NON ARRIVI L AMBULANZA O UN MEDICO CHE PRENDA IN CONSEGNA LA VITTIMA SEQUENZA A DUE SOCCORRITORI Praticare la R.C.P.C. è molto impegnativo sia dal punto di vista fisico che psichico; dall impegno mentale non ci solleva nessuno, se non l arrivo di personale sanitario. Per ridurre la fatica fisica possiamo avere tre accorgimenti: allenarsi periodicamente all esecuzione del B.L.S. e non trascurare una sana attività sportiva eseguire in due esecutori la R.C.P.C. invitare uno degli spettatori non addestrati a ripetere le manovre, che state facendo Le compressioni toraciche sono più facilmente eseguibili per chi non è addestrato. 26

27 DIFFERENZE FONDAMENTALI Se si è in due dall inizio, uno è il leader: fa le valutazioni e si occupa della R.A. Se sopraggiunge un secondo soccorritore esecutore B.L.S. deve presentarsi: sono un esecutore B.L.S. posso aiutarti?. Chi sta eseguendo la R.C.P.C. può decidere se farlo intervenire oppure no. I due soccorritori sono posizionati uno per lato della vittima Il rapporto delle compressioni ed insufflazioni è di 30 / 2 La prima rivalutazione avviene sempre dopo i primi due minuti, le successive ogni cinque cicli Chi è stanco può chiedere il cambio e cambiare il ruolo con l altro, ad ogni cambio viene effettuata la rivalutazione dell attività cardiaca. Per facilità il cambio può essere effettuato ogni 5 cicli 27

28 POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA ( P.L.S.) Si mette in atto quando la vittima : è priva di coscienza respira non è traumatizzata Se dobbiamo allontanarci per qualche motivo ( soccorrere un altra vittima, chiamare aiuto ) La P.L.S. permette di lasciare la vittima in tutta sicurezza in quanto: Impedisce ogni movimento passivo Evita lo scivolamento indietro della lingua Permette la fuoriuscita di eventuali liquidi o solidi dalla bocca ( sangue, vomito, ecc.) 28

29 MANOVRA DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE Si attua quando un corpo aeree. La maggior parte delle sono causate dal cibo. estraneo ostruisce le vie ostruzioni nell adulto E UNA MANOVRA SALVA VITA!! Normalmente chi sta mani alla gola segno soffocando si porta le unico di soffocamento 29

30 Se la vittima tossisce e / o parla l ostruzione è parziale Non dobbiamo interferire con i suoi tentativi Se la vittima è cosciente, ma non parla e /o tossisce l ostruzione è completa La vittima non respira! VITTIMA COSCIENTE Pacche interscapolari Sistemarsi di fianco alla vittima Posizionare una mano sullo sterno Piegare in avanti la vittima Colpire per 4 5 volte tra le scapole Manovra di Heimlich Portarsi alle spalle della vittima ed avvolgere le braccia intorno alla vita Chiudere una mano a pugno con il pollice verso l addome poco sopra l ombelico sulla linea mediana Porre l altra mano sul pugno ed effettuare una rapida spinta in dentro e verso l alto Ripetere le spinte sino a quando l oggetto viene espulso o la vittima perde coscienza Vittima obesa o in avanzato stato di gravidanza 30

31 Portarsi alle spalle della vittima ed avvolgere le braccia intorno al torace Chiudere una mano a pugno sul terzo inferiore dello sterno Porre l altra mano sul pugno ed effettuare una rapida compressione Ripetere le compressioni sino a quando l oggetto viene espulso o la vittima perde coscienza VITTIMA INCOSCIENTE DISTESA Compressioni toraciche come per il massaggio cardiaco esterno Manovra di Heimlic Posizionare la vittima supina con il capo in iperestensione Mettersi a cavalcioni delle cosce della vittima e porre la parte bassa del palmo di una mano appena sopra l ombelico sulla linea mediana. Appoggiare l altra mano sopra la prima e premere sull addome verso l alto. Ripetere le spinte sino a quando l oggetto viene espulso. 31

32 N.B. SCOPO DELLA MANOVRA E SOLLEVARE IL DIAFRAMMA. IN TAL MODO SI PROVOCA UN COLPO DI TOSSE ARTIFICIALE, CHE DOVREBBE SPINGERE ALL ESTERNO IL CORPO ESTRANEO IMPREVISTI!!! Comprimendo male l addome c è il pericolo di far vomitare la vittima. SUPPORTI VENTILATORI Un abilitato B.L.S. deve essere sempre in grado di eseguire le tecniche senza l utilizzo di dispositivi per i seguenti motivi Di solito le prime cure vengono prestate senza l ausilio di apparecchiature Le attrezzature possono non essere disponibili Non bisogna ritardare l inizio di un B.L.S. per procurarsi posizionare o predisporre un attrezzatura specifica. L utilizzo di attrezzature in modo corretto migliora comunque i risultati di un B.L.S., infatti il loro impiego ci permette di Migliorare la pervietà delle vie aeree Aumentare la quantità di ossigeno fornito alla vittima Ridurre la fatica del soccorritore l utilizzo di attrezzature comporta particolari responsabilità per cui bisognerà: 32

33 Assicurarsi personalmente che l attrezzatura sia pulita e funzionante prima del suo impiego Scegliere l attrezzatura adeguata alla vittima Controllare la vittima con maggiore attenzione CANNULE OROFARINGEE Le cannule orofaringee sono dispositivi curvi realizzati in varie misure che, inserite nella bocca della vittima, hanno lo scopo di garantire un accesso diretto tra esterno e faringe impedendo che la lingua scivoli all indietro ed occluda le vie respiratorie. Prima di utilizzare la cannula orofaringea bisogna osservare scrupolosamente i seguenti punti. Liberare le vie respiratorie della vittima prima di inserire la cannula Fare attenzione a non spingere la lingua della vittima durante l inserzione Inserire la cannula solo a vittime incoscienti che non mostrino riflessi 33

34 faringei Rimuovere immediatamente la cannula se la vittima mostra riflessi faringei o vomito Controllare sempre che la cannula sia della misura adatta prima di inserirla SCELTA DELLA MISURA DELLA CANNULA Esistono due metodi per valutare la misura adatta della cannula Porre la cannula sulla guancia in modo che le due estremità della stessa corrispondano una al lobo dell orecchio e l altra all angolo della bocca. Porre la cannula in modo tale che le due estremità della tessa corrispondano una al centro della bocca e l altra all angolo della mandibola. MODALITA DI INSERZIONE Aprire la bocca della vittima Verificare la mancanza di corpi estranei nel cavo orale Posizionare la cannula con la parte concava verso l alto Far scivolare la cannula lungo il palato fino ad incontrare resistenza contro il palato molle 34

35 facendo attenzione a non spingere verso la gola la lingua della vittima Ruotare delicatamente la cannula di 180 in modo che la punta si posizionerà nel faringe Controllare che l estremità esterna della cannula poggi sulle labbra Controllare l iperestensione del capo DISPOSITIVI PER LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Lo scopo di questi dispositivi è quello di facilitare e migliorare qualitativamente la ventilazione polmonare, inoltre essi proteggono il soccorritore dal rischio di contrarre eventuali malattie infettive. L utilizzo di questi dispositivi richiede una buona esperienza ed una certa pratica per essere efficaci ed avere una resa migliore dei sistemi naturali. MASCHERINE TASCABILI Le mascherine tascabili, in misura unica, sono dei presidi che permettono di inglobare la bocca ed il naso della vittima ed insufflare aria attraverso una valvola unidirezionale; inoltre la maggior parte di esse ha un ingresso per fornire ossigeno puro ed un elastico per fissarla al viso della vittima. Posizionare la maschera in modo tale che l apice della stessa corrisponda alla radice del naso e la base tra il labbro inferiore e la prominenza del mento 35

36 Tenere saldamente la maschera in posizione con il dito pollice ed indice di entrambe le mani intorno ai bordi laterali, mentre con il medio e l anulare posto sotto il mento si mantiene sollevata la mandibola e l iperestensione del capo Insufflare aria dalla valvola unidirezionale della maschera TECNICA DI UTILIZZO 36

37 N.B. LA STESSA MASCHERA PUO ESSERE USATA PER I BAMBINI, MA RUOTATA, POSIZIONANDO LA PUNTA SUL MENTO E LA BASE SULLA FRONTE PALLONE AUTOESPANSIBILE AMBU Il pallone Ambu è un pallone deformabile che ha la caratteristica di riespandersi una volta compresso, ed è dotato di tre valvole unidirezionali. Il pallone può essere collegato, mediante appositi raccordi direttamente ad un erogatore di ossigeno o ad un serbatoio (reservoir) di ossigeno. E un presidio per il sostegno della respirazione in pazienti in arresto respiratorio, deve essere impiegato solo da personale esperto ed addestrato al suo uso. MODALITA DI UTILIZZO Porsi dietro la testa della vittima in ginocchio Se possibile prima di applicare la maschera inserire una cannula orofaringea Scegliere una maschera adatta e posizionarla sul viso appoggiando l apice 37

38 sulla radice del naso e la base tra il labbro inferiore e la prominenza del mento Tenere saldamente la maschera in posizione con il pollice e l indice della mano sinistra intorno al bordo della stessa, e con le altre afferrare e sollevare la mandibola Insufflare aria comprimendo il pallone con l altra mano. Concentrazioni di ossigeno con.. % Solo pallone Ambu > 21 % Pallone Ambu + ossigeno a l/m > 40 50% Pallone Ambu + ossigeno e reservoir > % D LA DEFIBRLLAZIONE PRECOCE La necessità di defibrillare Il ritmo cardiaco di presentazione più frequente ( 85% dei casi ) in un arresto cardiaco improvviso è la fibrillazione ventricolare o la tachicardia ventricolare senza polso Il trattamento più efficace per la F.V. è la defibrillazione elettrica Ogni minuto di ritardo nell intervento diminuisce del 7 10 % la percentuale di sopravvivenza La F.V. tende a trasformarsi in asistolia ( assenza di attività elettrica del cuore ) in pochi minuti. 38

39 Il cuore in fibrillazione ventricolare non ha attività contrattile, ma solo attività elettrica non sincronizzata. Il muscolo cardiaco in F.V. non pompa il sangue in circolo. La defibrillazione elettrica del cuore consiste nell erogazione di una scossa elettrica controllata sul torace della vittima al fine di fermare l attività elettrica disorganizzata e permette il ripristino del ritmo fisiologico o sinusale. IL DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO ESTERNO ( D.A.E. ) La tecnologia odierna ci mette a disposizione uno strumento per combattere la morte Improvvisa in maniera efficace: il defibrillatore semiautomatico esterno ( Automatic External Defibrillator A.E.D. ). Questo apparecchio ha delle caratteristiche che ne permettono l uso anche a personale non medico. Il D.A.E. solleva l operatore dall onere della diagnosi in quanto è lo stesso apparecchio che esamina il ritmo cardiaco e decide se consigliare o no l erogazione della scarica elettrica. L esecutore di B.L.S. D ha a che fare con uno strumento assolutamente affidabile, indistruttibile, che guida l operatore con comandi vocali e garantisce la memorizzazione di tutte le operazioni svolte. L esecutore di D.P. deve conoscere bene il funzionamento dell apparecchio ed effettuare 39

40 la manutenzione secondo le indicazioni della casa produttrice. CARATTERISTICHE DELL APPARECCHIO Esclude dal processo diagnostico l operatore Registra i tracciati elettrocardiografici ( E.C.G.), le scariche eventualmente somministrate, le voci di tutte le persone presenti nell area circostante, i movimenti della vittima. Questi dati devono essere scaricati su un P.C. al termine del soccorso per essere analizzati e conservati. Ha un sistema di autodiagnosi, che segnala lo stato delle batterie ed eventuali problemi tecnici Utilizza batterie ricaricabile od usa e getta della durata di 3 5 anni o 312 scariche Peso limitato ( varia a seconda del modello, ma sempre meno di 2 kg ) Infrangibili e resistenti all acqua Nella custodia dell apparecchio devono sempre essere presenti un paio di forbici, un rasoio,un telino, garze e guanti. 40

41 SEQUENZA OPERATIVA 1 Posizionare il D.A.E. accanto all orecchio della vittima possibilmente sul lato sinistro 2 Accendere l apparecchio 41

42 3 Collegare le placche adesive al paziente. Una sotto la clavicola destra e l altra sotto la regione mammaria sn 4 Eseguire le indicazioni dell apparecchio: durante l analisi bisogna evitare ogni movimento e contatto con la vittima. 5 Se shock consigliato l apparecchio si carica automaticamente per erogare la scarica 6 Durante il caricamento dell apparecchio recitare ad alta voce la filastrocca di sicurezza: Io sono via ( controlliamo se stiamo ben distanti dalla vittima ) Voi siete via ( controlliamo che gli altri stiano a distanza di sicurezza ) Tutti sono via ( controlliamo che tutti stiano a distanza ) 42

43 7 Premere il tasto di scarica 8 Ricominciare dal punto 4 Dopo ogni shock, se persiste l arresto cardiaco, si eseguono due minuti di R.C.P. e poi si riparte dal punto 4 ALGORITMO DI TRATTAMENTO DELL ARRESTO CARDIACO CON DAE Valutare A B C R.C.P. fino a disponibilità del defibrillatore Accendere l apparecchio Connettere le piastre al paziente Premere shock se consigliato dall apparecchio Defibrillare una volta Controllare il polso Polso assente Polso presente R.C.P. per due minuti (5 cicli) Ripristino circolazione spontanea 43

44 Controllare il polso Se assente Controllare segni vitali Sostenere la respirazione Defibrillare se consigliato (uno Shock) R.C.P. per due minuti (5 cicli) Controllare il polso Se assente Ripetere sequenza di 1 Shock con 5 cicli (circa 2 minuti) di R.C.P. tra ogni sequenza Continuare fino a quando compare il messaggio Shock non consigliato o la F.V. / T.V. si converte in ritmo con polso ALGORITMO DI TRATTAMENTO DELL ARRESTO CARDIACO CON DAE APPARECCHIO IMMEDIATAMENTE DISPONIBILE Se testimoni dell evento Non testimoni dell evento Valutare A B C Valutare A B C 2 minuti di RCP (5 cicli) Accendere l apparecchio Applicare le piastre al paziente se shock consigliato allertare i soccorsi (conferma arresto) Se shock non consigliato Allerta il 118 Defibrillare una volta Controllare il polso Polso assente Polso presente R.C.P. per due minuti 44 Ripristino circolazione spontanea

45 Controllare il polso Se assente Controllare segni vitali Sostenere la respirazione Defibrillare se consigliato R.C.P. per due minuti Controllare il polso Se assente Ripetere sequenza di 1 Shock con 5 cicli (circa 2 minuti) di R.C.P. tra ogni sequenza Continuare fino a quando compare il messaggio Shock non consigliato o la F.V. / T.V. si converte in ritmo con polso Defibrillatore automatico: checklist dell operatore di turno Data Turno Sede Modello N. di serie o N. identificativo dell apparecchio All inizio di ogni turno: Ispezionare l apparecchio. Indicare se tutti i requisiti sono stati soddisfatti. Annotare le azioni correttive eseguite. Firmare 1. Defibrillatore Pulito, senza segni di liquidi versati, senza oggetti appoggiati sopra, involucro intatto 2. Materiali a due set di placche in confezione sigillata con data di scadenza b guanti, telino, forbici, rasoio, salvietta disinfettante c batteria di riserva carica d modulo di memoria e/o scheda eventi di riserva 3. Fonte di energia a Apparecchi a batteria monouso 1 verificare la presenza di batteria carica in sede 2 disponibilità di batteria di riserva b Apparecchi a batteria ricaricabile 1 verificare la presenza di batteria carica in sede 2 disponibilità di batteria di riserva Trovato OK Azioni correttive / Note 45

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

NOTIZIE della Fondazione

NOTIZIE della Fondazione NOTIZIE della Fondazione SPECIALE Defibrillatori per Imola Attraverso il Centro per lo Sviluppo Economico del Territorio Imolese la Fondazione dona 30 defibrillatori alle strutture sportive imolesi 2 CSETI

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza.

LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE. Vivere ogni giorno in sicurezza. LIFEPAK CR PLUS DEFIBRILLATORE Vivere ogni giorno in sicurezza. Sicurezza perchè La reputazione e la missione di Physio-Control sono basate sull affidabilità. Un affidabilità costruita in più di 50 anni

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli