IMPIANTI TVCC. correlata alla qualità delle immagini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI TVCC. correlata alla qualità delle immagini"

Transcript

1 IMPIANTI TVCC antifurtotvcc dicembre 2009 Videosorveglianza Occhio alla sistemazione del cavo coassiale Fabio Garzia Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine, Ingegneria della Sicurezza Sapienza Università di Roma Le modalità di installazione e di connessione di questo elemento con le apparecchiature che compongono un sistema di controllo e di vigilanza di un impianto di videosorveglianza è strettamente correlata alla qualità delle immagini che esso è in grado di offrire. La qualità delle immagini è L efficacia ovviamente legata alla risoluzione delle telecamere di ripresa, alla risoluzione dei monitor di visualizzazione e alla capacità di trasmettere inalterato il segnale video da parte di tutti gli elementi e dispositivi che si trovano tra le telecamere e i monitor. Il segnale video dipende direttamente dal tipo di sistema televisivo utilizzato che, in Europa, corrisponde al sistema CCIR/PAL il quale permette la trasmissione di 25 quadri (50 semiquadri) al secondo composti da 625 linee orizzontali. Tale segnale occupa una banda di 5,5 MHz (5,5 milioni di Hertz) e deve quindi essere trasmesso utilizzando un cavo, a bassa perdita e ad elevato potere di schermaggio dei disturbi esterni, denominato cavo coassiale per la sua particolare struttura. Il cavo coassiale viene utilizzato, nei piccoli impianti, per la connessione diretta tra le telecamere e i monitor oppure, negli impianti caratterizzati da dimensioni maggiori, per la connessione tra le telecamere e la centrale video. Esso viene inoltre utilizzato per le connessioni all interno della centrale video (videoregistratori, multiplexer, quadsplit, ecc.) e per le connessioni di uscita dalla centrale verso i monitor. Il segnale video presenta un ampiezza standard di 1 VPP e contiene al suo interno tutti i segnali di sincronismo necessari alla fedele ricostruzione delle immagini riprese dalle telecamere. Per tale motivo è evidente che un cavo di scarsa qualità o installato in maniera scorretta o ancora una connessione eseguita male, compromette inevitabilmente la qualità del segnale video stesso e la relativa qualità delle immagini visualizzate. Il segnale video si compone di un segnale, detto di luminanza, relativo alla sola informazione del bianco e nero (B/N) che si estende su tutta la banda dei 5,5 MHz e di un segnale, detto di crominanza, relativo alla sola informazione del colore, che si colloca nella parte alta dell interno segnale, tipicamente intorno ai 4,43 MHz. 74

2 antifurtotvcc dicembre 2009 IMPIANTI TVCC Composizione di un cavo coassiale Nel presente articolo ci occuperemo, dunque, del cavo coassiale e delle relative modalità di installazione e di connessione con le apparecchiature che compongono un impianto di videosorveglianza TV. Tale cavo è composto da un conduttore centrale, circondato da un isolante opportuno intorno al quale è presente una guaina metallica, rivestita a sua volta da un isolante esterno. Il segnale video viaggia nel conduttore interno mentre il conduttore esterno viene utilizzato per connettere il potenziale comune dei dispositivi di partenza e di arrivo, funzionando da schermo rispetto ai disturbi esterni che vengono portati a terra. Quando si utilizza un cavo coassiale la trasmissione si dice sbilanciata in quanto il circuito elettrico tra il trasmettitore e il ricevitore viene chiuso dal conduttore interno e dallo schermo esterno. La qualità della protezione dipende dallo schermaggio del cavo che può variare dal 90 al 99%, non potendo praticamente mai raggiungere il 100% nemmeno nei cavi di elevata qualità. La penetrazione delle interferenze all interno del cavo dipende dalla loro frequenza. Infatti le frequenze al di sopra dei 50 khz vengono soppresse grazie all effetto pelle mentre le frequenze inferiori possono indurre effetti che dipendono dall intensità del loro campo magnetico. Il fattore di disturbo più comune e diffuso è rappresentato dalla frequenza di rete a 50 Hz che si manifesta soprattutto quando un cavo coassiale e un cavo di rete viaggiano paralleli per distanze considerevoli. L entità della corrente di disturbo indotta nel cavo coassiale dipende dalla corrente che scorre nella linea elettrica, dalla distanza relativa tra i due cavi e dalla lunghezza di percorrenza in parallelo. Un limite pratico da rispettare è di almeno 30 centimetri da qualunque cavo elettrico. L effetto dei disturbi indotti dalla frequenza di rete consiste in una serie di barre orizzontali sottili che scorrono lentamente verso l alto o verso il basso in sovrapposizione alle immagini e la cui velocità di spostamento dipende dalla differenza di frequenza tra il campo video e la rete e che si aggira intorno ad 1 Hz. Tali barre possono anche essere fisse. Se si è in presenza di tale disturbo è possibile immediatamente risalire alla causa ed è necessario controllare accuratamente l intero percorso del cavo coassiale, al fine di individuare eventuali affiancamenti con cavi elettrici e provvedere ad un adeguato di stanziamento tra i due cavi. Oltre ai cavi di alimentazione, possono essere presenti altre fonti di disturbo quali dispositivi, apparecchi e macchinari vari che possono indurre effetti differenti sulle immagini e che dipendono dalle sorgenti che li producono. In generale vale la regola che maggiore è la frequenza del disturbo e più sottile appare la relativa figura di disturbo sovrapposta all immagine. Per evitare tali inconvenienti è necessario allontanare, quanto possibile, il cavo da tali fonti e assicurarsi della corretta connessione della calza metallica esterna del cavo allo chassis esterno delle telecamere, dei monitor e di eventuali altri dispositivi. I cavi coassiali, come tutti i cavi, sono caratterizzati da una impedenza caratteristica che manifesta i suoi effetti all aumentare della frequenza e quindi anche sui segnali video che contengono al loro interno frequenze elevate. Ogni cavo è caratterizzato 75

3 IMPIANTI TVCC antifurtotvcc dicembre 2009 Tabella 1 - Vari tipi di cavo coassiale utilizzati negli impianti di videosorveglianza TV da una impedenza caratteristica e cioè da una resistenza, una capacità e una induttanza per unità di lunghezza e per tale motivo tale impedenza non può essere misurata utilizzando un normale multimetro elettronico. Al fine di assicurare la corretta trasmissione del segnale video è assolutamente necessario che l impedenza d uscita della telecamera, l impedenza del cavo coassiale e l impedenza d ingresso del monitor presentino lo stesso valore, ottenendo il massimo trasferimento del segnale stesso. Se ciò non accade, dal momento che il segnale si estende in una discreta banda, possono verificarsi delle riflessioni di segnale verso la sorgente che diventano particolarmente evidenti alle alte frequenze, alterando inevitabilmente la qualità del segnale video. Se il cavo viene cortocircuitato o lasciato aperto, la riflessione del segnale verso la sorgente che lo genera è totale. L impedenza di riferimento utilizzata negli impianti di videosorveglianza TV è di 75 Ohm ed è quindi sempre necessario terminare l ultimo elemento di una catena video con tale impedenza, utilizzando, al limite un opportuno tappo di terminazione. In ogni modo tale impedenza aumenta con la frequenza e per tale motivo le componenti del segnale a frequenza più elevata risentono maggiormente l effetto dell attenuazione: poiché il segnale di crominanza relativo al colore si colloca alle alte frequenze esso subisce un attenuazione maggiore rispetto al segnale di luminanza con il risultato che un segnale a colori trasmesso per una lunga distanza con una cavo di scarsa qualità perde la componente cromatica risultando visibile solo in B/N. Per tale motivo, quando si vogliono raggiungere delle distanze relativamente elevate, si utilizzano opportuni amplificatori/equalizzatori di cavo. Esistono vari modelli di cavo coassiale il cui costo cresce con la qualità del cavo stesso (Tabella 1). Il modello di cavo coassiale più utilizzato è quello siglato RG-59B/U che è in grado di trasferire un segnale B/N fino a 300 metri e uno a colori fino a 200 metri senza eccessive attenuazioni. Un altro modello più sottile e costoso è rappresentato dal RG-11B/U che può trasferire un segnale B/N sino a 600 metri ed uno a colori sino a 400 metri. Esistono anche modelli di cavo caratterizzati da uno spessore ridotto adatti per essere utilizzati nei cablaggi intensivi, come avviene nelle matrici video. Molto importante è inoltre l uniformità del cavo lungo la sua estensione che dipende dalla precisione con cui è stato costruito il conduttore interno, l isolante e il conduttore esterno. L impedenza caratteristica varia anche se il cavo segue un percorso dove sono presenti curve strette o anelli, provocando inevitabili attenuazioni alle alte fre- Tipo di cavo coassiale Impedenza (Ω) Diametro complessivo (mm) Attenuazione tipica a 10 MHz (db/100 m) RG-11B/U ,3 RG-59B/U 75 6,15 3,3 RG-6B/U ,2 RG-179B/U 75 2,5 17,4 76

4 antifurtotvcc dicembre 2009 IMPIANTI TVCC quenze e riflessioni con conseguenti perdite di dettagli e sdoppiamenti di immagine. Per tale motivo debbono essere evitati curve il cui raggio sia più piccolo di 5 volte il diametro del cavo: per un cavo RG-59B/U le curve dovrebbero essere maggiori di 6 cm mentre per un RG-11B/U maggiori di 10 cm. Il materiale consigliato per il cavo è ovviamente il rame, anche se l argento e l oro mostrano caratteristiche migliori ma anche un costo notevolmente superiore. I cavi rame-acciaio sono consigliati per la trasmissione dei segnali in alta frequenza laddove l effetto pelle si manifesta in maniera significativa provocando lo spostamento del flusso di corrente verso la superficie del conduttore interno e provocando un aumento apparente della resistenza del cavo. Per la trasmissione di un segnale video composto da frequenze non eccessivamente elevate è sufficiente utilizzare il rame. Il cavo coassiale viene caratterizzato mediante l attenuazione, per unità di lunghezza, che esso ha sul segnale che transita al suo interno. L attenuazione si misura utilizzando il decibel o db, che rappresenta una unità di misura che sta ad indicare di quale fattore l ampiezza del segnale risulta attenuata, se il valore è negativo, o amplificata, se il valore è positivo. Maggiore è la qualità del cavo e minore è la sua attenuazione per unità di lunghezza: tipicamente per ogni tipo di cavo viene fornita la sua attenuazione, in db, per lunghezze di 100 metri, dalla quale è possibile risalire all attenuazione per ogni metro dividendo l atte- Vari tipi di cavo coassiale 77

5 IMPIANTI TVCC antifurtotvcc dicembre 2009 nuazione complessiva per 100. Se si connettono più cavi in serie e si vuole calcolare l attenuazione complessiva, è semplicemente necessario sommare l attenuazione, espressa in db, dei singoli cavi. Per quantificare il livello di un segnale video di 1 VPP dopo che esso è transitato all interno di una tratta di cavo coassiale la cui attenuazione in db è nota, basta convertire tale valore espresso in db in un fattore di attenuazione, utilizzando la tabella 2, il quale, moltiplicato per l ampiezza del segnale in ingresso (1 V in questo caso), ci fornirà l ampiezza cercata del segnale. Se tale ampiezza è al di sotto dell ampiezza minima accettata, per esempio, dal monitor, si può essere certi che il segnale video risulterà essere disturbato o addirittura non visualizzabile. Per ovviare ciò è necessario ridurre l attenuazione utilizzando un cavo di qualità superiore o ricorrere all utilizzo di un amplificatore di linea per riportare il segnale video al valore originale. Si è parlato, sinora, delle caratteristiche del cavo coassiale, delle accortezze da adottare nella sua installazione e delle influenze che tali fattori esercitano sul segnale video che scorre all interno del cavo stesso. E necessario, a questo punto, trattare le modalità di connessione del cavo coassiale, in quanto, se non si utilizzano le accortezze opportune, si rischia di produrre una elevato degradamento del segnale video e quindi della qualità delle immagini, pur utilizzando un cavo di elevata qualità. I cavo coassiali vengono connessi alle estremità utilizzando, nella maggior parte dei casi, i cosiddetti connettori BNC, acronimo Tabella 2 Corrispondenza tra decibel (db) e fattore di amplificazione e di attenuazione db 0 0,1 0,2 Componenti fondamentali di uno spinotto BNC che deriva dal nome dei progettisti che lo hanno ideato e cioè Bayonet, Neil, Concelman. I connettori BNC sono disponibili nei modelli a bloccaggio, a saldatura e a vite. Essi sono composti da uno spinotto interno per la connessione del conduttore interno e da una ghiera esterna a bloccaggio per assicurare il fissaggio del connettore e la connessione elettrica del conduttore esterno. I connettori a bloccaggio (detti a crimpaggio, utilizzando una denominazione che deriva dell analogo termine anglosassone) sono quelli più affidabili e per il loro fissaggio sulle estremità dei cavi è necessario ricorrere ad apposite pinze che provvedono a stringere il collare metallico intorno alla calza, garantendo la necessaria continuità elettrica. E molto importante ricordare che la maggior parte dei problemi che si manifestano negli impianti TVCC dipendono da una cattiva installazione dei connettori BNC. Per 0, Fattore di amplificazione (+db) Fattore di attenuazione (-db) 1 1,012 1,023 1,035 1,122 1,259 1,414 3, ,988 0,977 0,966 0,891 0,794 0,707 0,316 78

6 antifurtotvcc dicembre 2009 IMPIANTI TVCC Vista interna di uno spinotto BNC tale motivo è molto importante, da parte dell installatore, curare attentamente le connessioni eseguite tramite essi. Esistono molti tipi di connettori BNC, da quelli femmina a quelli ad angolo retto fino ai vari adattatori e ai connettori volanti L inserimento di un connettore provoca inevitabilmente una perdita di segnale che si aggira intorno al mezzo decibel nel caso in cui si utilizzi un componente di buona qualità. L utilizzo di connettori argentati o dorati aiuta nella riduzione della resistenza parassita e nella prevenzione delle ossidazioni, inevitabili soprattutto nelle atmosfere ricche di umidità, in prossimità di corsi d acqua o del mare, e di particelle ossidanti, come negli ambienti industriali. Il montaggio di connettori a bloccaggio è sempre sconsigliato ma, se non si dispone dell attrezzatura adeguata, si può ricorrere all utilizzo di connettori a saldatura, la quale deve essere eseguita con cura per evitare la fusione e il danneggiamento dell isolamento del cavo. La preparazione del cavo da connettere al BNC deve essere eseguita utilizzando gli opportuni spellacavi e gli opportuni strumenti da fissaggio. Si consiglia di eseguire una spellatura del cavo tale che il conduttore più interno risulti essere lungo almeno 6 mm e la guaina isolante esterna lasci sco- Adattatori BNC Adattatore BNC a 90 Connettore BNC a T 79

7 IMPIANTI TVCC antifurtotvcc dicembre 2009 Terminatori BNC perto l interno di almeno 10 mm, di cui 7 mm rappresentano la lunghezza della calza metallica e i restanti 3 mm servono a garantire il corretto isolamento tra il conduttore interno e la calza metallica esterna. E molto importante assicurarsi che il BNC che si desidera utilizzare sia idoneo per il cavo che si deve connettere: diversamente la disomogeneità di spessore tra cavo e BNC può creare cattivi contatti con conseguente attenuazione del segnale video. Se si deve ricorrere ai connettori a saldatura, è necessario prestare particolare attenzione alla temperatura del saldatore e alla qualità della saldatura eseguita, la quale può creare non solo cattivi contatti ma può anche danneggiare l isolamento del cavo, alterandone l impedenza. E sempre consigliato utilizzare connettori argentati o dorati, anche se di costo leggermente superiore rispetto ai connettori standard, in quanto presentano una maggiore resistenza alla corrosione. E inoltre consigliato l utilizzo di un opportuno cappuccio in gomma, detto guidacavo, per evitare che lo sforzo esercitato sul cavo ad ogni inserzione ed estrazione del connettore porti ad un progressivo danneggiamento della connessione interna. Se il cavo viene utilizzato per connettere Cavo coassiale spellato 80

8 antifurtotvcc dicembre 2009 IMPIANTI TVCC una telecamera posizionata su di un brandeggio, che è quindi soggetta a continui movimenti di rotazione, è necessario assicurarsi che esso sia caratterizzato da una elevata resistenza e da una sezione ridotta, in maniera tale da poter sopportare gli stress indotti dai movimenti continui. Per quanto riguarda l installazione del cavo, è sempre consigliata una ispezione cautelativa del percorso lungo il quale esso dovrebbe essere installato al fine di identificare eventuali criticità quali vicinanza con conduttori elettrici e angoli molto stretti. Se si deve ricorrere a giunzioni o ad amplificatori di linea, è necessario posizionarli in punti accessibili per facilitarne la manutenzione. È inoltre consigliato lasciare una certa quantità di cavo in eccesso in prossimità dei giunti per agevolare le operazioni di connessione. Il cavo dovrebbe passare all interno di una tubazione di protezione resistente agli ultravioletti, qualora si trovasse all esterno, o metallica, qualora si trovasse a passare in ambienti caratterizzati da un elevato livello di disturbi elettromagnetici. Quando il cavo viene interrato è sempre importante utilizzare una tubazione di protezione di resistenza elevata, in quanto un eventuale carico eccessivo sul cavo provocherebbe una alterazione dell impedenza interna con conseguente degradamento del segnale video o addirittura interruzione integrale. In tal caso il costo della ricerca del guasto e la riparazione dello stesso risulterebbe essere notevolmente superiore rispetto al maggiore costo iniziale sostenuto per una tubazione di buona qualità. Al fine di evitare il danneggiamento di un cavo interrato, si consiglia di porre al di sotto e al di sopra di esso uno strato di sabbia di almeno 5 cm al fine di proteggerlo da eventuali danneggiamenti dovuti a carichi eccessivi sul terreno sovrastante. La profondità della traccia dovrebbe variare da 30 centimetri in presenza di terreno roccioso fino ad 1 metro in presenza di terreno sabbioso. Quando si deve inserire un cavo coassiale in una tubazione è necessario evitare trazioni eccessive, ricorrendo, eventualmente, a polvere di borotalco per facilitare lo scorrimento. La connessione deve essere eseguita lasciando una piccola quantità di cavo piuttosto che essere caratterizzata da una eccessiva precisione e tensione poiché in tal caso essa non sarebbe in grado di assorbire eventuali vibrazioni o scossoni, esponendo il cavo a possibili rischi di distaccamento dal connettore. In alcuni casi, se la resistenza di terra dal lato della telecamera è più elevata della resistenza di terra dal lato del monitor o viceversa, si viene a creare il cosiddetto anello di terra, che provoca un effetto di distorsione sulle immagini a prescindere dalla bontà della connessione e dell installazione dal cavo coassiale. In tal caso è raccomandato l utilizzo di opportuni dispositivi, detti correttori di anello di terra, che provvedono a compensare i relativi disturbi indotti sul segnale video. Quanto visto sinora dimostra quanto sia importante e delicata l operazione di installazione di un cavo coassiale la quale risulta essere una fase di estrema importanza e determinante per la qualità e la buona riuscita di un impianto di videosorveglianza. Per tale motivo tale installazione deve essere eseguita con grande competenza, accuratezza e attenzione. Pinza per la spellatura e il fissaggio del cavo 81

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Notizie Tecniche. Disturbi video negli impianti TVCC

Notizie Tecniche. Disturbi video negli impianti TVCC Notizie Tecniche Disturbi video negli impianti TVCC È possibile, che nonostante abbiate utilizzato cavi di qualità e scelti correttamente come tipologia, che abbiate rispettato le distanze massime del

Dettagli

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche.

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche. GUIDA ALL UTILIZZO DEI VIDEO BALUN INTRODUZIONE Il Video balun è un sistema composto da dispositivi, normalmente dotati di trasformatore di linea, che connettono una linea bilanciata (a due fili) ad una

Dettagli

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema trasmissione allarmi ZVA-AV18T/R 25/07/2011- G160/1/I Caratteristiche principali Trasmissione Il sistema ZVA-AV18 utilizza lo stesso mezzo di trasmissione,

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA)

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) Principali Norme di riferimento CEI EN 50132 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza CCTV da utilizzare nelle applicazioni

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

Dettagli Realizzativi

Dettagli Realizzativi Dettagli Realizzativi Un cavo coassiale è formato da un conduttore centrale e da uno o più schermi(calze o fogli). In una versione semplice troviamo un conduttore centrale rigido in rame, circondato da

Dettagli

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515 Manuale d uso ed installazione SOMMARIO Informazioni per l utente... 3 Precauzioni importanti... 4 Composizione del sistema...

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Sistema Video Balun. Manuale d utilizzo

Sistema Video Balun. Manuale d utilizzo Sistema Video Balun Manuale d utilizzo Versione 0.1 Aprile 2006 SOMMARIO 0.0 INTRODUZIONE...3 1.0 VANTAGGI...3 2.0 CARATTERISTICHE...3 3.0 APPLICAZIONI...4 4.0 CARATTERISTICHE TECNICHE...7 5.0 DOMANDE

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Ricerca guasti nel cablaggio

Ricerca guasti nel cablaggio Ricerca guasti nel cablaggio Non c è un metodo migliore di ricerca guasti; e non c è un singolo attrezzo per risolvere i problemi di rete. Ecco alcuni approcci per la soluzione dei problemi Verifiche su

Dettagli

I cavi nell'audio - proprietà

I cavi nell'audio - proprietà I cavi nell'audio - proprietà I cavi utilizzati per le connessioni audio sono un argomento spesso sottovalutato ma in realtà molto importante. Dei cavi di alta qualità sono in grado di far suonare meglio

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

SPEED-DOME TEM-5036. Manuale Installazione

SPEED-DOME TEM-5036. Manuale Installazione SPEED-DOME TEM-5036 Manuale Installazione INDICE pagina 1. AVVERTENZE.. 5 1.1. Dati tecnici. 5 1.2. Elettricità 5 1.3. Standard IP 66 5 2. INSTALLAZIONE... 7 2.1. Staffe 7 3. AVVERTENZE... 8 4. MONTAGGIO..

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

GENERATORE EOLICO 300W

GENERATORE EOLICO 300W MANUALE UTENTE FR424 GENERATORE EOLICO 300W Introduzione La ringraziamo per aver acquistato il generatore eolico FR424. Si prega di leggere attentamente le informazioni contenute nel presente manuale prima

Dettagli

TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini

TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini TV e SAT in ogni stanza? Basta una soluzione mini Non sempre l TV riguarda i grandi edifici con numerosi piani e molteplici unità abitative. Gli stessi principi e criteri possono essere adottati anche

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

SISTEMA DIGITALE PER CONFERENZA E TRADUZIONE SIMULTANEA

SISTEMA DIGITALE PER CONFERENZA E TRADUZIONE SIMULTANEA SISTEMA DIGITALE PER CONFERENZA E TRADUZIONE SIMULTANEA Creator Sistema Digitale per Conferenza e Traduzione Simultanea CR-M4000 Il Conference System CR-M4000 di Creator è un sistema professionale di gradevole

Dettagli

Sistema Video Balun. Manuale d utilizzo. Versione 0.1 Aprile 2006

Sistema Video Balun. Manuale d utilizzo. Versione 0.1 Aprile 2006 - Sistema Video Balun Manuale d utilizzo Versione 0.1 Aprile 2006 SOMMARIO 0.0 INTRODUZIONE...3 1.0 VANTAGGI...3 2.0 CARATTERISTICHE...3 3.0 APPLICAZIONI...4 4.0 CARATTERISTICHE TECNICHE...7 5.0 DOMANDE

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Cavi con isolamento estruso in gomma per tensioni nominali da 1 kv a 30 kv. Cavi isolati con polivinilcloruro per tensioni nominali da 1 kv a 3 kv

Cavi con isolamento estruso in gomma per tensioni nominali da 1 kv a 30 kv. Cavi isolati con polivinilcloruro per tensioni nominali da 1 kv a 3 kv CEI 0-16;V2 CEI EN 60947-5-2 CEI EN 62271-3 CEI EN 62271-209 S001 CEI CLC/TS 62271-304 CEI 20-13;V4 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle

Dettagli

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA Il nucleo (o core ) di una fibra ottica è costituito da vetro ad elevatissima purezza, dal momento che la luce deve attraversare migliaia di metri di vetro del nucleo.

Dettagli

MIX-DEMIX DERIVATORI SAT-TV

MIX-DEMIX DERIVATORI SAT-TV MIX-DEMIX DERIVATORI SAT-TV Divisore di segnale TV a due vie con connettori di antenna Banda passante: 5 1000 MHz Attenuazione: 3.5 db - separazione tra uscite: 22 db Entrata: femmina 75 Ω Ø 9.5 mm. -

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07)

cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Guida d approfondimento ORDERMAN cablaggi, distanze, connettori v1 (nov. 07) Pagina2 Cablaggi e distanze La connessione tra porta seriale del PC/cassa e della stazione base RF Orderman avviene tramite

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

Cosa sono. Perché si usano

Cosa sono. Perché si usano PRODOTTI PER LA PROTEZIONE DEI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI KIT DI MESSA A TERRA KIT DI MESSA A TERRA EDIZIONE DICEMBRE 2007 Un dispositivo semplice a basso costo ad alta affidabilità di facile installazione

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE 1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE NO. TM0011 1 Pagine Preliminari: I numeri in grassetto identificano la sezione di accesso: 1 area incendio, 2 area intrusione,

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE. Trasmettitori di portata Sistemi compatti

MANUALE DI INSTALLAZIONE. Trasmettitori di portata Sistemi compatti MANUALE DI INSTALLAZIONE PER MISURATORI DI PORTATA AD INDUZIONE MAGNETICA Trasmettitori di portata Sistemi compatti IFS 5000 F IFS 4000 F IFS 4005 F IFM 4014 K IFM 4020 K IFM 4080 K IFM 5010 K IFM 5020

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60 Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO Questa guida contiene una serie di suggerimenti per installare i prodotti Abba Solar della serie ASP60 ed è rivolta

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INDICE 1. PREMESSA 4 2. TELECAMERE 4 3. UNITA' DI STORAGE

Dettagli

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Pubblicato il: 31/05/2006 Aggiornato al: 31/05/2006 di Gianfranco Ceresini Nello scorso mese di aprile sono state pubblicate dal CEI le attese nuove norme

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Antenna da interno amplificata DVB-T/T2 SRT ANT 10 ECO

Antenna da interno amplificata DVB-T/T2 SRT ANT 10 ECO Antenna da interno amplificata DVB-T/T2 SRT ANT 10 ECO Immagine simile Istruzioni d uso Contenuti 1.0 INTRODUZIONE 1 2.0 CONTENUTO CONFEZIONE 1 3.0 NOTE PER LA VOSTRA SICUREZZA 2 4.0 COLLEGAMENTO 2 5.0

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS AP 677 SPLITTER ADSL/POTS MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 205 REV. 2.1 1 di 9 INDICE 1.0 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL APPARATO 3 2.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 3 2.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Direttive di assemblaggio System PFS

Direttive di assemblaggio System PFS Direttive di assemblaggio System PFS INDICE 1. INDICAZIONI GENARALI 3 2. PROFILI METALLICI DI RINFORZO 9 3. SISTEMI DI DRENAGGIO 19 4. GIUNZIONE MECCANICA DELLA TRAVERSA 31 5. LAVORAZIONI ELEMENTI COMPLEMENTARI

Dettagli

4/0 Schneider Electric

4/0 Schneider Electric /0 Schneider Electric Sommario 0 - Interfacce analogiche Zelio Analog Guida alla scelta............................................pagina /2 b Presentazione............................................

Dettagli

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001 Edizione italiana BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia R Prese e satellite UNI EN ISO 9001 G 2597 Prese e satellite L evoluzione della tecnologia e delle tecniche installative Con l avvento

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI Rev. 00 del 12.10.2011 PREMESSA ATT Studio Tecnico Associato, opera progettando, sviluppando, monitorando

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W (cod.k4010) K4010 CARATTERISTICHE TECNICHE - POTENZA MUSICALE: 300W a 4 ohm/ 200W a 8 ohm. - POTENZA RMS: 155W a 4 ohm/100w a 8 ohm (a

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

ET CONTROLLO CORRENTI INDOTTE CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 88 PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO CON CORRENTI INDOTTE 1.1) Scopo e limitazioni del metodo di controllo con correnti indotte

Dettagli

STK1512Q & STM1512Q MONITOR ( STM1512Q) E KIT (STK1512Q) PER VIDEO CONTROLLO IN BIANCO E NERO CON REAL TIME QUAD

STK1512Q & STM1512Q MONITOR ( STM1512Q) E KIT (STK1512Q) PER VIDEO CONTROLLO IN BIANCO E NERO CON REAL TIME QUAD STK1512Q & STM1512Q MONITOR ( STM1512Q) E KIT (STK1512Q) PER VIDEO CONTROLLO IN BIANCO E NERO CON REAL TIME QUAD (monitor 12" B/N con 4 ingressi per telecamere B/N) INTRODUZIONE Tecnova Systems S.r.l.

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli

Dettagli

ITALIANO TVK510. Sistema TVCC b/n 10 con ciclico a 4 canali MANUALE PER L'UTENTE

ITALIANO TVK510. Sistema TVCC b/n 10 con ciclico a 4 canali MANUALE PER L'UTENTE ITALIANO TVK510 Sistema TVCC b/n 10 con ciclico a 4 canali MANUALE PER L'UTENTE TVK510 - Manuale per l'utente 1 Introduzione Gentile cliente, desideriamo ringraziarla per aver acquistato un prodotto CIA.

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Verifica sperimentale della schermatura dei campi magnetici a 50Hz

Verifica sperimentale della schermatura dei campi magnetici a 50Hz Verifica sperimentale della schermatura dei campi magnetici a 50Hz A cura di: Cappellazzo Luca Con la collaborazione di: Dott. Ing. Roberto Piccin EUROCEMIS - Ponzano Veneto (TV) piccin@eurocemis.it Pagina

Dettagli

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm Fibre ottiche FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche operano nelle bande infrarosso, visibile e ultravioletto. La lunghezza d onda di tali bande è: (1 nm = 10-9 m) ULTRA VIOLETTO VISIBILE INFRAROSSO 10 nm 390

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE

INFORMAZIONI TECNICHE INFORMAZIONI TECNICHE 1. Generalità L impiego delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è in rapida crescita e ciò comporta che un numero sempre maggiore di impianti nei settori dell Energia, del

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici. Parte 26: Apparecchiature con livello di protezione (EPL) Ga

Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici. Parte 26: Apparecchiature con livello di protezione (EPL) Ga CEI EN 60454-2 S001 Specifiche per nastri autoadesivi per usi elettrici Parte 2: Metodi di prova CEI EN 61009-1/A11 CEI CLC/TR 50473 CEI EN 60079-26 CEI EN 60079-6 CEI EN 60079-19 CEI EN 60927 CEI EN 60384-11

Dettagli

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni,

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, delle link interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, Verifica delle fibre ottiche p. 160 Qualifica delle reti p. 162 Verifica delle reti p. 163 Verifica

Dettagli

Modulo 4 Test dei cavi

Modulo 4 Test dei cavi Modulo 4 Test dei cavi 4.1 Conoscenze di base per fare il test sui cavi 4.1.1 Onde (waves) I parametri di un onda sono: ampiezza, frequenza, periodo. 4.1.2 Onde sinusoidali e quadre Esempio di onde sinusoidali:

Dettagli

Sistema di altoparlanti E15X-SUB Manuale d'uso (1.2 IT)

Sistema di altoparlanti E15X-SUB Manuale d'uso (1.2 IT) Sistema di altoparlanti E15X-SUB Manuale d'uso (1.2 IT) Simboli sulle apparecchiature Fare riferimento alle informazioni riportate nel manuale di istruzioni. ATTENZIONE! Tensione pericolosa! Indice Precauzioni

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti 1 Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili

Dettagli

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014 24807470/12-11-2014 Manuale di posa e installazione 1. CARATTERISTICHE Ogni singolo fascio è formato da due raggi paralleli distanti 4 cm, questo sistema consente di eliminare tutti i falsi allarmi dovuti

Dettagli

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 IW3 EDS Giorgio De Paoli MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 Per la trasmissione di segnali televisivi modulati in FM (tecnica utilizzata in "ATV".) si impiega un oscillatore Vco o Dro,che genera

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

POWERLINE 14 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI

POWERLINE 14 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI POWERLINE 14 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI 2 POWERLINE 14 LINEA ISOLATA PER ALIMENTAZIONE ELETTRICA DI MEZZI MOBILI Caratteristiche e vantaggi Un programma completo di linee

Dettagli

SCHEMI DI INSTALLAZIONE

SCHEMI DI INSTALLAZIONE SEZIONE 12 (REV.B) SCHEMI DI STALLAZIONE Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. SCHEMI DI STALLAZIONE sez.12 1 MANUALE TECNICO TVCC - Sezione 12 SCHEMI DI STALLAZIONE DICE SEZIONE

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Guida alla realizzazione dell impianto di terra

Guida alla realizzazione dell impianto di terra Guida alla realizzazione dell impianto di terra 1. Generalità L impianto di terra è costituito dall insieme di elementi metallici che collegano, per motivi di sicurezza o funzionali, varie parti dell impianto

Dettagli

A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani. Sezione di Forlì. Quaderni di tecnica radioamatoriale

A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani. Sezione di Forlì. Quaderni di tecnica radioamatoriale A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani Sezione di Forlì Quaderni di tecnica radioamatoriale 1 INTESTARE CAVI RG 213 - RG 213 PEE - RG 8 CON CONNETTORI N tipo Marlow 1. INTRODUZIONE Ideali per l uso

Dettagli

Active Indoor Antenna SRT ANT 12 ECO

Active Indoor Antenna SRT ANT 12 ECO User Manual Mode d emploi Bedienungsanleitung Manuale d uso Manual de uso Bruksanvisning Használati kézikönyv Uživatelský manuál Instrukcja obsługi Uputstvo za upotrebu Руководство пользователя Active

Dettagli

SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE.

SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE. SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE. Descrizione del problema Nei cavi elettrici con isolamento solido, il conduttore isolato è rivestito con una guaina o

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli