UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI M.FANNO DIPARTIMENTO DI DIRITTO PRIVATO E CRITICA DEL DIRITTO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO PROVA FINALE IL FIDO PROMISCUO TRA ASPETTI TECNICI ED ESSENZA GIURIDICA RELATORE: CH.MO PROF. LUPOI ALBERTO LAUREANDA: CHIARELOTTO CRISTINA MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2

3 Indice Introduzione 1 Attività bancaria 1.1 Attività bancaria e contratti bancari p.1 2 Servizi bancari: Conto corrente 2.1 Normativa p Contratto di conto corrente p Operazioni bancarie regolate in conto corrente bancario p.13 3 Servizi bancari: Il fido bancario 3.1 Nozione p Procedura di concessione di un finanziamento: fasi p Tipologie di finanziamento: L apertura di credito p Le anticipazioni e il riporto p Mutui ipotecari p Smobilizzo dei crediti di fornitura: sconto cambiario, anticipo salvo buon fine su effetti, anticipo su fatture p Fido promiscuo p Diritto di recesso p.33 4 Disciplina economica e giuridica 4.1 Condizioni economiche p Commissione di massimo scoperto p Sconfinamenti p.40

4 4.1.3 Anatocismo bancario p Usura p Modifica unilaterale delle condizioni contrattuali p Istruzioni Banca d Italia sulla Trasparenza p.49 7 Bibliografia 6 Ringraziamenti

5 INTRODUZIONE Ignazio Visco, Governatore attuale di Banca d Italia, fotografando il sistema finanziario nel suo complesso nell ottobre 2013 ha detto : Le tensioni sull'offerta di prestiti restano un freno alla ripresa. La flessione dei finanziamenti alle imprese e alle famiglie è proseguita; qualche segnale di attenuazione delle difficoltà di accesso al credito è riportato dalle imprese nei sondaggi, ma l'offerta di prestiti, che continua a risentire del peggioramento del rischio di credito dovuto al prolungarsi della recessione, è destinata a migliorare solo gradualmente. 1 Nel sistema economico, numerosi sono gli intermediari finanziari che permettono di soddisfare le esigenze degli utenti, relativamente a impiego del proprio risparmio e al finanziamento della propria attività economica. Dal punto di vista della normativa, gli effetti dell integrazione comunitaria ed il conseguente recepimento delle direttiva in materia bancaria, hanno fatto sì che si chiudesse il capitolo della storia delle istituzioni bancarie governato dalla Legge Bancaria del e si aprisse, appunto dieci anni or sono, quella del vigente Testo Unico, peraltro non senza condizionamenti di vario genere derivante dalla disciplina previgente. Il risultato di questo lungo processo è che la banca è passata dall essere ieri l indisturbata titolare dell attività bancaria, a condividere oggi con altri soggetti via via più invadenti alcuni profili di questa attività 2. L art. 106 T.U. Bancario, sancisce che L'esercizio nei confronti del pubblico dell attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma è riservato agli intermediari finanziari autorizzati, iscritti in un apposito albo tenuto dalla Banca d Italia. Alcuni tra questi sono: Istituti di Previdenza, Aziende di Assicurazione, Imprese di Investimento, Società di Intermediazione Mobiliare, Società di Gestione del Risparmio, Poste Italiane SPA e prime fra tutte, le Banche. 1 Bollettino Economico n. 74, ottobre 2013, 2 Desiderio Giuseppe, L attività bancaria, Milano, Giuffrè Editore, 2004

6 Le funzioni di tali enti sono varie, tra cui: FUNZIONE DI INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA consiste nel reperimento dei mezzi monetari (raccolta di fondi) da utilizzare per erogare credito (impiego); FUNZIONE MONETARIA ha lo scopo di produrre moneta bancaria idonea a sostituire la moneta legale nelle transazioni commerciali; PRESTAZIONE DI SERVIZI fornisce un ampia gamma di prestazioni volta a conservare ed acquisire nuova clientela; TRASMISSIONE DELLA POLITICA ECONOMICA E MONETARIA consiste nell applicare le direttive delle autorità monetarie, allo scopo di influire sul comportamento e sulle decisioni degli operatori economici; Nella nostra analisi ci occuperemo in particolar modo della prima funzione citata, analizzando innanzitutto i servizi che vengono offerti dalle banche, primi fra tutti: conti correnti e affidamenti. Ci soffermeremo più approfonditamente su un particolare sistema di credito che le banche, dopo le dovute valutazioni, offrono alle imprese: il fido promiscuo. Da qui analizzeremo le varie tipologie di affidamento che questo può assumere e il loro funzionamento, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista giuridico. Svilupperemo la procedura per effettuare un adeguata analisi del debitore, per valutare la sua solvibilità e di conseguenza il rischio di credito. Parleremo delle condizioni economiche in generale, delle commissioni e dei costi dei diversi contratti bancari, in particolare delle recenti modifiche in materia di commissione di massimo scoperto, sconfinamenti, usura, anatocismo. Accenneremo infine gli ultimi aggiornamenti in materia di trasparenza introdotti dalle Istruzioni di Vigilanza di Banca d Italia.

7 CAPITOLO I ATTIVITA BANCARIA 1. 1 Attività bancaria e contratti bancari Il diritto bancario è costituito da un complesso di norme giuridiche che regolano vari aspetti dell impresa banca come ad esempio la sua costituzione, l organizzazione, l attività bancaria e ogni rapporto relativo all attività creditizia 3. Tali norme possono essere raggruppate in due categorie. Il diritto bancario viene regolato da: l ordinamento bancario costituito prevalentemente da norme di carattere amministrativo che regolano tutte ciò che riguarda l essere impresa bancaria (autorizzazione all esercizio dell attività bancaria, controllo sulla sua attività, organizzazione, regolamentazione in caso di eventuale crisi); la regolamentazione relativa ai rapporti con la clientela costituita a sua volta da norme di diritto privato dirette a regolamentare i contratti di cui sia parte la banca e da norme del codice civile, nella parte relativa ai contratti bancari e alle figure contrattuali usualmente utilizzate dalle banche (relativamente alla trasparenza bancaria, troviamo norme anche nel Testo Unico Bancario). Una delle principali fonti del diritto bancario è costituita dal Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia contenuto nel decreto legislativo 1* settembre 1993, n. 385, con il quale sono state introdotte con legge le norme fondamentali della materia e una regolamentazione non dettagliata dei vari settori, demandando alle Autorità creditizie (Ministro dell economia e delle finanza, Banca d Italia) il compito di integrare e specificare le norme di legge con regolamenti a portata generale. L entrata in vigore di questo Testo, ha consentito alle banche non solo la tradizionale attività di intermediazione nella circolazione del denaro (raccolta di risparmio tra il pubblico e erogazione del credito), ma anche lo svolgimento di qualsiasi altra forma di attività finanziaria. 3 Bontempi Paolo, Diritto Bancario e Finanziario, Milano, Giuffrè Editore, 2009

8 Uno degli articoli più significativi sull attività bancaria è l art.10 T.U.B. 4 il quale è stato discusso dalla dottrina giurisprudenziale per circa sessant anni. Il nostro tema si muove fondamentalmente su due versanti: la raccolta del risparmio tra il pubblico 5 ; l esercizio del credito. L analisi di questo articolo ci porta a cercare di capire cosa s intende per attività bancaria. Ma partiamo da qualche cenno storico: la c.d. legge bancaria del all art. 1 stabiliva che la raccolta del risparmio fra il pubblico e l esercizio del credito sono funzioni di interesse pubblico regolate dalle norme della presente legge e quindi non conteneva una precisa nozione di attività bancaria. La legge degli anni trenta non delimitava il ruolo e la funzione che le banche erano tenute a svolgere, ma poneva l attenzione sulla raccolta del risparmio fra il pubblico e quella dell esercizio del credito che costituivano funzioni di interesse pubblico. Da questa enunciazione normativa dunque si desumeva che le banche oltre a queste attività potevano in teoria, svolgerne anche altre. La logica che dunque al tempo si consolidò fu quella di predisporre un sistema normativo flessibile ed adattabile all evoluzione del mercato 6. Il D.P.R. 27 giugno 1985, n. 350, che ha recepito la prima direttiva comunitaria in materia bancaria 77/80/CEE, non ha introdotto particolari novità. La prima vera svolta si realizzò con il d. lgs. 14 dicembre 1992, n. 481 emanato in attuazione della delega di recepimento della seconda direttiva di coordinamento in materia bancaria 89/646/CEE il cui art. 1 stabiliva che La raccolta del risparmio fra il pubblico e l esercizio del credito costituiscono l attività bancaria. Finalmente quindi venne introdotto un punto fermo: si arrivò a delimitare il concetto di attività bancaria. Tale excursus normativo venne così completato con l emanazione dell art. 10 del T.U.B., che quindi ha posto dei confini ben precisi 4 Art.10 T.U.B Attività bancaria - La raccolta di risparmio tra il pubblico e l'esercizio del credito costituiscono l'attività bancaria. Essa ha carattere d impresa. L'esercizio dell'attività bancaria è riservato alle banche. Le banche esercitano, oltre all'attività bancaria, ogni altra attività finanziaria, secondo la disciplina propria di ciascuna, nonché attività connesse o strumentali. Sono salve le riserve di attività previste dalla legge. 5 Volpe Fabio, L esercizio nei confronti del pubblico dell attività finanziaria, in Banca,Borsa e Titoli di credito, Desiderio Giuseppe, L attività bancaria, Milano, Giuffrè Editore, 2004

9 all attività bancaria che si risolve fondamentalmente nella raccolta del risparmio fra il pubblico e nell esercizio del credito. Specifichiamo che l art.10, comma 1, T.U.B., si riferisce, all attività esercizio di credito ma non definisce un elenco di contratti la cui stipula sia riconducibile a tale attività. Questo proprio perchè è all indicazione dell attività in cui si esplica il fenomeno creditizio che la disposizione lascia la funzione qualificativa e selettiva. Il concetto di credito, viene enunciato, ma non ne viene specificato il contenuto. Un altro aspetto molto importante consiste nel concetto di raccolta di risparmio tra il pubblico 7. A tal fine occorre preliminarmente inquadrare il concetto di pubblico la cui nozione è piuttosto vaga, ma in linea generale riconducibile ad una pluralità indifferenziata di potenziali interlocutori. Dall art. 5, comma 1, del d.m. 6 luglio 1994, ai fini della definizione dell esercizio nei confronti del pubblico, sono posti in rilievo due profili: la qualità di terzi, riferita ai soggetti nei confronti dei quali è effettuata l attività 8 ; il carattere di professionalità del suo esercizio 9. Il secondo comma dell art.10, comma 1, T.U.B., contiene la precisazione che l attività bancaria, ha carattere di impresa. Per comprendere tale citazione, dobbiamo considerare le reazioni storiche che hanno determinato l emersione della nozione di impresa nella legislazione speciale dedicata alle banche 10. La qualificazione di impresa poteva già evincersi dalla disciplina civilistica che prevede l obbligo di iscrizione nel registro delle imprese a carico di chi eserciti un attività bancaria (art , n. 4, C.C.). Tale impostazione viene 7 Bussoletti Mario, La raccolta del risparmio fra il pubblico, in Diritto Bancario, La raccolta deve necessariamente essere realizzata presso un numero di soggetti almeno potenzialmente elevato e tendenzialmente effettuata mediante modelli standardizzati e tali da configurare un bisogno di protezione dei clienti. 9 Essa va intesa, così come nell ambito della generale definizione di imprenditore ai sensi dell art del Codice Civile. Art C.C. - Imprenditore. È imprenditore chi esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi. 10 Nella legge bancaria del la banca era considerata pacificamente impresa; dal codice civile del 1942, all art.2195 le banche venivano inserite tra le imprese soggette a registrazione, pur senza definire che cosa fosse una banca o in che cosa consistesse l attività bancaria. 11 Art C.C -Imprenditori soggetti a registrazione - Sono soggetti all'obbligo dell'iscrizione, nel registro delle imprese gli imprenditori che esercitano:1) un'attività industriale diretta alla produzione di

10 mantenuta anche nel decreto di recepimento della prima direttiva comunitaria n. 77/780/CEE 12, la quale, all art. 1, comma 1, affermava: l attività bancaria ha carattere d impresa, indipendentemente dalla natura pubblica o privata degli enti che la esercitano. Si riserva quindi l attività bancaria alle banche : la riserva riguarda sia il profilo oggettivo (l attività - art C.C.) sia quello soggettivo (il soggetto che la esercita - art C.C.).Viene stabilito quindi un legame biunivoco tra il soggetto banca dotata di autorizzazione e l attività bancaria (o anche la sola raccolta del risparmio tra il pubblico), che (solo) i soggetti a ciò debitamente autorizzati possono svolgere; soggetti differenti dalle banche possono pertanto esclusivamente concedere credito 13. E utile considerare anche un altro aspetto che riguarda il concetto in senso stretto di banca, dal punto di vista della disciplina comunitaria. Dal 1977 alla metà del 2000 si sono susseguite tre direttive: dir.77/780/cee, 89/646/CEE, 2000/12/CE, concernenti l accesso all attività bancaria ed il suo esercizio. La prima di queste ha dato la nozione di ente creditizio, definendolo un impresa la cui attività consiste nel ricevere depositi o altri fondi rimborsabili dal pubblico e nel concedere credito per proprio conto. Le direttive successive hanno mantenuto inalterato tale riferimento a questa prima definizione di ente creditizio. La continuità si interrompe nel corso del 2000, laddove vennero adottate altre due nuove direttive, connesse tra loro e pubblicate contestualmente, la cui portata sistematica risultò dirompente rispetto alla disciplina comunitaria in materia di banche. La direttiva 2000/28/CE, modificando la precedente dir.2000/12/ce, ampliò la beni o di servizi;2) un'attività intermediaria nella circolazione dei beni;3) un'attività di trasporto per terra, per acqua o per aria;4) un'attività bancaria o assicurativa;5) altre attività ausiliarie delle precedenti. Le disposizioni della legge che fanno riferimento alle attività e alle imprese commerciali si applicano, se non risulta diversamente, a tutte le attività indicate in questo articolo e alle imprese che le esercitano. 12 D.P.R. 27 giugno 1985, n. 350, poi abrogato dal d.lgs. 481/ Alcune attività sono, per espressa volontà del legislatore, escluse dalla nozione di attività di raccolta del risparmio tra il pubblico. Infatti, a norma dell art. 11, comma 3, T.U.B. viene attribuita al CICR la competenza di definire quali attività, in ragione dell esistenza di rapporti societari o di lavoro, non configurano raccolta di risparmio tra il pubblico e come tali non sono riservati alle sole banche. Desiderio Giuseppe, L attività bancaria, Milano, Giuffrè Editore, 2004.

11 nozione di ente creditizio attribuendo tale qualificazione anche all istituto di moneta elettronica 14. Dopo varie dispute, si decise che anche nel diritto comunitario, come già avvenuto nel diritto italiano, bisognava dismettere il termine ente creditizio lasciando spazio al termine banca indicando con tale termine le imprese a cui è riservata l attività di ricezione di depositi ed altri fondi rimborsabili e di concessione di credito per proprio conto, come anche previsto e confermato appunto dall art. 10,comma 1, T.U.B.. Il terzo comma dell art. 10 T.U.B. stabilisce infatti che le banche esercitano, oltre all attività bancaria, ogni altra attività finanziaria, secondo la disciplina propria di ciascuna, nonché attività connesse e strumentali. In ogni caso, sono salve le riserve di attività previste dalla legge. Tra le attività finanziarie rientrano ad esempio i servizi di pagamento; l emissione e la gestione di mezzi di pagamento; le operazioni per conto proprio o per conto della clientela in strumenti del mercato monetario, in cambi, in strumenti finanziari a termine e in opzioni; i contratti su tassi di cambio, su tassi d interesse e su valori mobiliari; la partecipazione all emissione di titoli e la prestazione di servizi connessi; la consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria e strategia industriale; i servizi di intermediazione finanziaria del tipo money broking, servizi di investimento. Analizziamo ora l art.11 T.U.B. 15. Tale articolo introduce l espressione acquisizione di fondi con l obbligo di rimborso che è considerata l elemento centrale della definizione di raccolta del risparmio. Non vi è dubbio che per fondi si considerino moneta o denaro e per raccolta si intenda ciò che avviene sia sotto forma di 14 La dir.2000/28/ce rinvia alla dir. 2000/46/CE per la nozione di Istituti di moneta elettronica definendoli qualsiasi impresa, o altra persona giuridica diversa dagli enti creditizi di cui all art.1,punto 1.primo comma, lett. a) della direttiva 2000/12/CE, che emetta mezzi di pagamento in forma elettronica. 15 Art.11 T.U.B.- Raccolta del risparmio - Ai fini del presente decreto legislativo è raccolta del risparmio l'acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, sia sotto forma di depositi sia sotto altra forma.la raccolta del risparmio tra il pubblico è vietata ai soggetti diversi dalle banche. Il CICR stabilisce limiti e criteri, anche con riguardo all'attività e alla forma giuridica dei soggetti, in base ai quali non costituisce raccolta del risparmio tra il pubblico quella effettuata: a)presso soci e dipendenti; b) presso società controllanti, controllate o collegate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile e presso controllate da una stessa controllante. ( )

12 deposito sia sottoforma di altra forma. Lo stesso T.U.B. indica alcuni possibili esempi di queste forme altre di raccolta. La raccolta di risparmio così definita è qualificata dall obbligo di rimborso, che viene interpretato come raccolta di mezzi monetari (risparmio), realizzata attraverso negozi che diano al risparmiatore quanto meno il diritto alla restituzione di una quantità di mezzi monetari pari a quella dal medesimo consegnata 16. Il solo referente giuridico richiamato dall art.11, comma 1, T.U.B., nell ambito della raccolta del risparmio è il deposito la cui definizione economica e soprattutto giuridica è indicata negli artt e ss. C.C., dei depositi di danaro e quindi di fondi. Consistono in un contratto bancario attraverso il quale si esegue l atto tradizionalmente tipico delle banche con cui di effettua la raccolta del risparmio. Il concetto rilevante in questo articolo consiste nel fatto che l acquisizione dei fondi non è definitiva. L operazione di raccolta infatti non ha come finalità l effetto giuridico esclusivo di traslare definitivamente la proprietà di denaro dall utente alla banca, ma è collegata con la successiva vicenda restitutoria che ne consegue. L acquisto momentaneo della proprietà del denaro risulta funzionale a determinare le condizione affinché, la concessione di crediti possa avvenire per conto proprio e quindi con rischi di credito a carico di chi ha raccolto la provvista poi re-impiegata nell attività di erogazione, secondo quanto richiesto espressamente nella definizione comunitaria di attività degli enti creditizi contenuta nell art.1 b), dir. 2000/12/CE. 18 La formulazione dell art.11 T.U.B., nel momento in cui definisce il deposito come fondi con obbligo di rimborso 19, mostra di voler 16 Antonucci Antonella, Diritto delle banche, Milano, Giuffrè Editore, Art.1834 C.C. - Delle obbligazioni - Nei depositi di una somma di danaro presso una banca, questa ne acquista la proprietà ed è obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria, alla scadenza del termine convenuto ovvero a richiesta del depositante, con l'osservanza del periodo di preavviso stabilito dalle parti o dagli usi. Salvo patto contrario, i versamenti e i prelevamenti si eseguono alla sede della banca presso la quale si è costituito il rapporto. 18 Desiderio Giuseppe, L attività bancaria, Milano, Giuffrè Editore, La natura restitutoria dell obbligazione di rimborso, è confermata anche dalla formulazione dell art. 96-bis,comma terzo, T.U.B.

13 qualificare l operazione di raccolta in termini giuridici, evidenziando la nozione di obbligo e quindi, necessariamente, del contratto (art.1173 C.C.): su tale concetto si fonda ogni operazione che nella sostanza economica sia caratterizzata dal rimborso del denaro (disponibilità temporanea di moneta) da parte di chi l ha ricevuto. Una delle forme giuridiche più diffuse di raccolta che consiste nel deposito di denaro, è il conto corrente bancario o di corrispondenza strumento molto importante e diffuso al quale, sul piano giuridico, è stata attribuita una sua disciplina. L introduzione di una disciplina organica e compiuta dei contratti bancari avviene per la prima volta con l entrata in vigore del codice civile del 1942 che, agli artt , ne regolamenta, i principali tipi. Con l entrata in vigore del D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, le banche possono anche svolgere attività connesse o strumentali a quella finanziaria e quindi servizi di investimento nei confronti del pubblico: tutte quelle attività di negoziazione, collocamento, gestione e mediazione aventi ad oggetto strumenti finanziari. Ne discende che la nozione di contratto bancario va considerata più ampia di quella desumibile dalle norme del codice civile, ricomprendendo non più solo le tipiche attività di intermediazione nella circolazione del denaro, ma anche ogni altra attività finanziaria e di investimento. La funzione dei contratti bancari è, dunque, quella di offrire alla banche strumenti giuridici idonei all esercizio della loro attività di impresa. 20 I principali intermediari che operano nel sistema creditizio sono le banche, aziende di produzione indiretta che appartengono al settore terziario, realizzando il sistematico trasferimento nel tempo e nello spazio dei capitali raccolti creando servizi idonei a soddisfare specifiche esigenze della clientela 21, utilizzando cioè le somme raccolte per erogare finanziamenti. I depositanti hanno in ogni momento la garanzia di poter disporre dei fondi versati, indipendentemente dalle richieste degli utilizzatori, i 20 Ghia Lucio, I contratti di finanziamento dell impresa, Roma, Giuffrè Editore, Fortuna Fabio, Ramponi Fabrizio, Scucchia Antonietta, Corso modulare di economia aziendale 5, Firenze, Le Monnier Editore, 2002

14 quali a loro volta possono chiedere alle banche risorse finanziarie di importo e durata a seconda delle loro esigenze. Nell ambito della complessa attività svolta dalle banche possiamo classificare le operazioni in: tipiche o fondamentali; accessorie; occasionalmente bancarie. Rientrano nella prima categoria i contratti bancari tipici disciplinati nel codice civile, attraverso i quali la banca esercita la sua funzione tipica di impresa di intermediazione nel credito: si svolgono operazioni di impiego e operazioni di raccolta (es. deposito bancario, l apertura di credito e lo sconto bancario). Si considerano operazioni accessorie quelle attività mediante le quali la banca non svolge la sua tipica attività, ma si limita a prestare i propri servizi senza fare né ricevere credito 22. Da ultimo, per completezza, si parla di contratti occasionalmente bancari ogniqualvolta la banca si avvale di strumenti negoziali previsti dall ordinamento a favore di tutti i soggetti (ad es. mutuo, riporto, fideiussione, avallo, accettazione cambiaria, mandato di credito). L insieme delle operazioni riconducibili alle attività delle banche, si manifesta in forma contrattuale ma non tutti i contratti bancari sono disciplinati dal legislatore. I contratti bancari risultano essere dei contratti di adesione, in quanto il cliente non fa altro che aderire al contratto predisposto unilateralmente dalla banca, mediante sottoscrizione di una dichiarazione 23 ; ci sono poi i contratti di durata, caratterizzati dal fatto che la loro esecuzione si protrae nel tempo, come per i contratti di credito. I contratti relativi a operazioni e a servizi bancari devono 22 Le operazioni più ricorrenti, si possono classificare in: servizi di pagamento - consistono nel mettere a disposizione della clientela, strumenti di pagamento che sempre più frequentemente sostituiscono la moneta legale nel regolamento delle transazioni; sono sia strumenti cartacei che strumenti elettronici; servizi di incasso - consistono in una serie di procedure nelle quali la banca, assumendo il ruolo di mandataria, viene incaricata della riscossione di assegni, effetti, fatture ecc accreditandone l ammontare sul conto corrente intrattenuto dal mandante; servizi di custodia - la banca assume l obbligo di conservare beni ricevuti senza poterne disporre essendo tenuta a restituirli su richiesta del cliente; servizi finanziari - leasing e factoring, servizi richiesti dalle imprese per soddisfare le proprie esigenze collegate al proprio fabbisogno finanziario, che si affiancano ai tradizionali affidamenti bancari. 23 Molle Giacomo Desiderio Giuseppe, Manuale di Diritto Bancario e dell intermediazione finanziaria, Milano, Giuffrè Editore, 1997

15 essere redatti per iscritto e un copia deve essere obbligatoriamente consegnata ai cliente. La forma scritta ha come funzione principale quella di assicurare l effettività alle norme che prevedono necessaria indicazione in contratto di tutte le condizioni economiche, con divieto al rinvio agli usi, nonché la necessaria approvazione in forma specifica di alcune clausole come quella di modificazione unilaterale del contratto e la clausola di capitalizzazione degli interessi. In questo modo, viene evidenziato l interesse da parte della banca a fornire una corretta e completa informazione sull offerta contrattuale 24, e l esigenza di certezza dei rapporti giuridici 25, la facilità per il cliente di verificare ed esigere che la banca rispetti durante il rapporto le condizioni pattuite al momento della stipula. Il rispetto della forma scritta costituisce in qualche modo espressione del principio di buona fede delle banche, infatti, nel caso in cui queste non rispettassero quanto convenuto, si mettono in moto meccanismi sanzionatori. Il Comitato Interministeriale e per il Credito ed il Risparmio può prevedere deroghe alla regola di forma scritta, per motivate ragioni tecniche, quindi solo per alcune ipotesi. Si individuano 3 diversi criteri: accessorietà a contratti scritti, natura occasionale, scarso rilievo economico. 26 In caso di inosservanza di tali disposizioni, il contratto risulta essere nullo. 24 Morera Umberto, L impresa bancaria. L organizzazione e il contratto, Trattato di diritto civile del Consiglio Nazionale di Notariato vol.11, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, De Poli Antonio, La trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari secondo il testo unico: primi appunti, in rivista diritto civile, 1994,pp 528 ss. 26 Mirone Aurelio, La trasparenza Bancaria, Padova, Cedam, 2012

16 CAPITOLO II CONTO CORRENTE BANCARIO 2.1 Normativa Nella nostra giurisprudenza non esiste una nozione specifica di conto corrente, ma ci sono alcune norme che ne disciplinano il rapporto tra cui: artt c.c.; il T.U.B.; il d. lgs. n. 196/2003 sulla protezione dei dati personali; L. n. 197/1991 antiriciclaggio. La banca, nello svolgimento delle sue attività fondamentali, raccolta e impiego di fondi, sulla base dell art.1856 c.c. sul contratto di mandato e in particolare in riferimento alle norme contenute negli artt disciplinanti le obbligazioni del mandatario, deve adempiere a degli obblighi. Nell adempimento delle obbligazioni inerenti all esercizio di un attività professionale, la diligenza richiesta va commisurata al tipo di attività esercitata, quindi la banca deve agire con la cosiddetta diligenza del buon banchiere cioè con una certa professionalità, di livello adeguato all attività esercitata Contratto di conto corrente I conti correnti di corrispondenza rappresentano il rapporto bancario più diffuso e costituiscono per gli enti creditizi la principale forma tecnica sia di raccolta fondi, sia di impiego. 28 Attraverso questo strumento si possono svolgere numerose operazioni di varia natura e si può quindi sfruttare un ampia gamma di servizi che la banca offre (disponibilità di un carnet assegni, carte di debito o carte di credito, bonifici, pagamenti di imposte e utenze, accredito delle competenze ). Il contratto di conto corrente bancario o conto corrente di corrispondenza ha per oggetto l incarico, assegnato alla banca, di compiere per conto del correntista pagamenti e riscossioni di somme 27 Bontempi Paolo, Diritto Bancario e Finanziario, Milano, Giuffrè Editore, Fortuna Fabio, Ramponi, Fabrizio, Scucchia, Antonietta, Corso modulare di economia aziendale 5, Firenze, Le Monnier Editore, 2002

17 per conto del cliente dietro suo ordine, diretto o indiretto 29, fornendo quindi al cliente il cosiddetto servizio di cassa. Il conto corrente di corrispondenza presenta elementi propri del mandato col quale una parte si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell altra ; la banca deve pertanto rispettare gli obblighi del mandatario ( art.1704 Codice Civile). Il conto corrente bancario è un contratto diventato socialmente tipico per il frequente utilizzo e la dettagliata disciplina contenuta nelle Condizioni generali banca-cliente, ma legalmente atipico, non essendo esplicitamente previsto dal nostro codice civile 30 ; è anche un contratto a contenuto misto, cioè costituisce il quadro di riferimento entro il quale possono di volta in volta essere inseriti numerosi contratti bancari, relativi a operazioni sia di raccolta fondi (contratto di deposito), sia di impiego (contratto di apertura di credito, mutuo, di anticipazione, ecc.). Presupposto necessario perché la banca possa eseguire gli incarichi del cliente è che vi sia disponibilità delle relative somme. Tale disponibilità può determinarsi in vario modo e sulla base di diversi rapporti contrattuali, quali ad esempio il deposito e l apertura di credito. Il contratto di conto corrente è un contratto consensuale, che si perfeziona con semplice consenso legittimamente manifestato tra le parti. Avviene generalmente su iniziativa di un privato o di un azienda che presenta apposita richiesta, la cui accettazione da parte dell istituto di credito è subordinata alle caratteristiche di moralità, correttezza e solvibilità del richiedente, e alle sue capacità imprenditoriali. La banca quindi svolge un indagine preliminare al termine della quale, se le informazioni raccolte sono positive, sottopone alla firma del cliente la lettera-contratto contenente le condizioni specifiche che saranno applicate al conto, concordate con il cliente ( tassi, valute, spese ), le condizioni contrattuali generali, uguali per tutte le banche, in quanto predisposte dell ABI per 29 Ghia Lucio,I contratti di finanziamento dell impresa, Roma, Giuffrè Editore, Bontempi Paolo, Diritto Bancario e Finanziario, Milano, Giuffrè Editore, 2009

18 regolamentare in modo uniforme i rapporti con i correntisti 31. Questo documento è redatto su un modulo standardizzato, predisposto dall azienda di credito, che il cliente può solo accettare integralmente. E un contratto di durata, in quanto stipulato normalmente a tempo indeterminato. Come per tutti i contratti bancari, anche per questo è prevista la forma scritta a pena di nullità art.117 T.U. bancario 32 e l obbligo per la banca di consegnare al cliente un esemplare del contratto concluso; il correntista riceve oltre ad una copia del contratto, anche il documento di sintesi, prospetto che evidenzia in modo sintetico e chiaro le condizioni cui prestare maggiore attenzione 33. Prima della conclusione del contratto, il correntista inoltre, può fare richiesta di ricevere una copia completa del testo per 31 Le c.d. norme bancarie uniformi erano condizioni generali di contratto predisposte dall ABI,che riguardavano le principali operazioni. Venivano imposte alla maggior parte dei clienti bancari attraverso la loro trasfusione nei contratti; non emanate da un'autorità legislativa o amministrativa dotata di potere normativo, quindi non qualificate come "norme" in senso tecnico; non potevano rientrare nel sistema delle fonti dell'ordinamento. Erano semplici condizioni generali di contratto. Oggi, grazie al sempre più crescente ricorso alle norme sulla trasparenza, si vieta ogni forma di intesa diretta ad uniformare i comportamenti contrattuali dei clienti delle banche con l emanazione delle c.d. "condizioni generali relative al rapporto banca-cliente", modelli di clausole contrattuali in accordo ABI-associazioni dei consumatori. Con queste si vide il definitivo tramonto del sistema delle N.B.U. a seguito della sentenza della Cassazione del 7 Ottobre 2004 sull anatocismo. In seguito all emanazione della normativa sulla trasparenza dei rapporti con i clienti, i contratti bancari sono diventati contratti a forma scritta ad substantiam; inoltre, in questo modo sulle banche vengono posti degli obblighi sulla pubblicità delle condizioni applicate ai clienti; il contenuto della pubblicità è vincolante per le banche. 32 Art. 117 TUB Contratti - 1. I contratti sono redatti per iscritto e un esemplare è consegnato ai clienti. 2. Il CICR può prevedere che, per motivate ragioni tecniche, particolari contratti possano essere stipulati in altra forma. 3. Nel caso di inosservanza della forma prescritta il contratto è nullo. 4. I contratti indicano il tasso d'interesse e ogni altro prezzo e condizione praticati, inclusi, per i contratti di credito, gli eventuali maggiori oneri in caso di mora. 5.(abrogato) 6. Sono nulle e si considerano non apposte le clausole contrattuali di rinvio agli usi per la determinazione dei tassi di interesse e di ogni altro prezzo e condizione praticati nonché quelle che prevedono tassi, prezzi e condizioni più sfavorevoli per i clienti di quelli pubblicizzati. 7. In caso di inosservanza del comma 4 e nelle ipotesi di nullità indicate nel comma 6, si applicano: a)il tasso nominale minimo e quello massimo, rispettivamente per le operazioni attive e per quelle passive, dei buoni ordinari del tesoro annuali o di altri titoli similari eventualmente indicati dal Ministro dell'economia e delle finanze, emessi nei dodici mesi precedenti la conclusione del contratto o, se più favorevoli per il cliente, emessi nei dodici mesi precedenti lo svolgimento dell operazione; b)gli altri prezzi e condizioni pubblicizzati per le corrispondenti categorie di operazioni e servizi al momento della conclusione del contratto o, se più favorevoli per il cliente, al momento in cui l operazione è effettuata o il servizio viene reso; in mancanza di pubblicità nulla è dovuto. 8. La Banca d'italia può prescrivere che determinati contratti, individuati attraverso una particolare denominazione o sulla base di specifici criteri qualificativi, abbiano un contenuto tipico determinato. I contratti difformi sono nulli. Resta ferma la responsabilità della banca o dell'intermediario finanziario per la violazione delle prescrizioni della Banca d'italia. 33 Cafaro Rosanna, Il conto corrente bancario, Milano, Giuffrè Editore, 2011

19 valutare più consapevolmente le clausole e le condizioni che si andranno ad accettare. 34 Il contenuto del contratto deve indicare: tasso di interesse e ogni altra condizione economica applicata; commissioni spettanti alla banca e le voci di spesa a carico del cliente; elementi per la determinazione dei componenti di costo; eventuale clausola, approvata specificamente dal cliente, che preveda la possibilità di variazione sfavorevole delle condizioni. La banca ha l obbligo di riepilogare almeno annualmente, nell estratto conto che viene inviato presso il domicilio indicato dal cliente stesso in fase di accettazione del contratto, tassi di interesse, le decorrenze delle valute, la capitalizzazione degli interessi, le ritenute di legge e qualsiasi altra somma accreditata o addebitata come sancito dall art.119 T.U.B., comma 1-2: Nei contratti di durata i soggetti indicati nell'articolo forniscono per iscritto al cliente, alla scadenza del contratto e comunque almeno una volta all'anno, una comunicazione completa e chiara in merito allo svolgimento del rapporto. Il CICR indica il contenuto e le modalità della comunicazione. Per i rapporti regolati in conto corrente l'estratto conto è inviato al cliente con periodicità annuale o, a scelta del cliente, con periodicità semestrale, trimestrale o mensile. 2.3 Operazioni bancarie regolate in conto corrente bancario La stabilità e il regolare funzionamento del sistema bancario si basano sulla fiducia che la clientela ripone in esso. Le operazioni bancarie di conto corrente sono disciplinate dagli artt.1852/1857 della sezione V del Codice Civile. Sotto il profilo tecnico, la caratteristica principale dei conti correnti di corrispondenza è quella di essere alimentati da operazioni della più varia natura: accrediti, quindi versamenti effettuati in denaro contante, liquidazioni di stipendi e pensioni, incassi di assegni ed effetti, vendite di titoli e di valute estere, maturazione di cedole, sconto di cambiali, giroconti; addebiti, cioè emissione di assegni bancari a favore proprio 34 Cafaro Rosanna, Il conto corrente bancario, Milano, Giuffrè Editore, Art. 115 T.U.B. - Ambito di applicazione - Le norme del presente capo si applicano alle attività svolte nel territorio della Repubblica dalle banche e dagli intermediari finanziari. Il Ministro del tesoro può individuare, in considerazione dell'attività svolta, altri soggetti da sottoporre alle norme del presente capo. Le disposizioni del presente capo si applicano alle operazioni previste dal capo II del presente titolo per gli aspetti non diversamente disciplinati.

20 o di terzi, prelievi di banconote dagli sportelli automatici, acquisti regolati ai POS o mediante carte di credito, scadenze di rate di mutui o di premi di assicurazione, acquisti di titoli e di valute estere, ordini di bonifico a favore di terzi, pagamenti di cambiali domiciliate, giroconti. Regolare in conto corrente una data operazione bancaria significa che il rapporto si sviluppa contabilmente attraverso un sistema scalare che prevede l annotazione dei singoli atti posti in essere dalle parti in colonne contrapposte: una colonna, recante la voce AVERE, in cui vengono annotate tutte le operazioni che comportano un credito a favore del cliente ed una colonna, recante la voce DARE, in cui vengono annotate le operazioni da cui nascono debiti a carico del cliente. L elaborazione delle operazioni nei conti correnti di corrispondenza avviene in tempo reale 36. E di grande importanza conoscere in ogni momento, il saldo contabile, liquido e disponibile. 36 Particolare disciplina del rapporto, previsto appunto dagli artt.1852 e segg. C.C., i quali stabiliscono che: il correntista può disporre in ogni momento delle somme risultanti a suo credito, salva l ipotesi che sia stato pattuito un termine di preavviso (art.1852 C.C.); in caso di pluralità di rapporti di conto corrente esistenti tra cliente e banca, ancorché in monete differenti, i saldi attivi e passivi si compensano reciprocamente, salvo diversa pattuizione (art C.C.);in caso di conto intestato a più persone è previsto l accordo in forza del quale i contitolari possono operare disgiuntamente, sono considerati creditori solidali della restituzione del saldo attivo e debitori solidali del pagamento del saldo passivo (art.1854 C.C.); in caso di contratto a tempo indeterminato ciascuna delle parti può sempre recedere con preavviso (art C.C.); il cliente può conferire particolari incarichi alla banca, la quale viene a rispondere della loro esecuzione secondo le regole del mandato contenute negli artt (art C.C.); la banca ha diritto di annotar in conto le commissioni e spese derivanti dalle operazioni compiute (art.1826 C.C., richiamato dall art 1857 C.C.); in caso di annotazioni in conto di crediti spettanti al cliente, l accredito si intende fatto salvo buon fine, ossia con facoltà della banca di stornare la partita in caso di mancato pagamento del credito (art.1829 C.C.); l estratto conto inviato dalla banca al cliente si considera tacitamente approvato se non è contestato entro il termine pattuito, usuale o congruo, fermo restando la possibilità di contestare entro 6 mesi dalla sua ricezione, eventuali errori di calcolo o scritturazione (art C.C.). Saldo contabile: ciò che risulta in un dato momento in base a tutte le operazioni che sono state registrate a debito ed a credito del correntista; saldo liquido: ciò che risulta in un dato momento, considerando soltanto le operazioni maturate, cioè escludendo quelle il cui giorno di valuta è futuro; saldo disponibile: ciò che risulta in un dato momento, dalle sole operazioni di cui la banca conosce effettivamente l esito.

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo Unico Bancario Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia Versione aggiornata al decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169 ottobre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli