La normativa italiana sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La normativa italiana sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali"

Transcript

1 Aspetti scientifici e regolatori delle sperimentazioni cliniche early phase Istituto Superiore di Sanità, Roma 9 Luglio 2010 La normativa italiana sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali Carlo Tomino AIFA

2 Il riassetto normativo della Sperimentazione Clinica DM Comitati Etici DM Centri Privati (integ.) DD OsSC DM MMG e PLS e DPR Fase I Circ. Studi Osservazionali DLvo 211/2003 DM studi no profit Dir UE 2005/28 DM Comitati Etici DLvo 200/2007 DM CTA, LG SO

3 Il riassetto normativo della Sperimentazione Clinica DM Comitati Etici DM Centri Privati (integ.) DD OsSC DM MMG e PLS e DPR Fase I Circ. Studi Osservazionali DLvo 211/2003 DM studi no profit Dir UE 2005/28 DM Comitati Etici DLvo 200/2007 DM CTA, LG SO

4 SC per anno e fase in Italia (dati OsSC al 31/12/2008) Anno SC % Fase III % Fase II % Fase IV % Fase I % Bioeq / Biod ,6 27,8 7,7 0,9 2, ,8 33,3 9,0 0,8 3, ,2 37,5 7,0 1,9 2, ,9 34,9 8,1 1,9 1, ,6 35,6 9,1 0,8 1, ,2 34,8 11,6 3,3 1, ,9 38,9 10,2 2,6 2, ,9 38,7 12,9 2,6 0, ,4 36,6 11,8 5,4 0,7 Totale ,3 35,6 10,0 2,4 1,7

5 Per sostenere questa crescita, in un sistema competitivo come quello attuale, bisogna analizzare costantemente le criticità e porre i giusti correttivi.

6 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

7 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

8 Ruolo Autorità Competente In Italia abbiamo centinaia di Autorità Competenti (Direttori Generali, Rettori, Presidenti di IRCCS, ISS, AIFA ) QUESTA SITUAZIONE NON E SOSTENIBILE IN UNO SCENARIO INTERNAZIONALE!

9 Ruolo Autorità Competente e se.. NE FACESSIMO UNA? Chiara definizione del ruolo Compiti precisi Procedure di silenzio/assenso per alcuni studi Nessuna sovrapposizione con il rappresentante legale locale (che continua a firmare il contratto)

10 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

11 Comitati etici In UE: 13 Paesi ne hanno <10 8 ne hanno tra 10 e 40 (tra cui FR, A, S, N) Gemania 52, Polonia 53 Bulgaria 103, UK 140 ITALIA: 269 NO COMMENT!

12 Comitati Etici e se.. SI PENSASSE AD UNA RI-MAPPATURA? CE nazionale Comitato etico regionale CE per gli IRCCS (mission) Altri CE in base al n. di residenti per Regione

13 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

14 Ogni CE ha le sue procedure interne Ogni AC locale delega in modo disomogeneo I forms utilizzati sono molteplici I promotori sono disorientati (soprattutto gli stranieri)

15 Procedure e se.. SI OBBLIGASSE ALL USO DI FORMS STANDARD E SOLO WEB-BASED? Armonizzazione nazionale Rapidità Contenimento dei costi generali Acquisizione di competitività internazionale

16 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

17 FASE I Pochi centri dedicati agli studi sui volontari sani Industria farmaceutica nazionale debole Procedure complesse (AC: ISS e locale) Scarsa attrattività degli investimenti

18 Fase 1 e se.. SI PENSASSE AD INCENTIVARE VERAMENTE QUESTO SETTORE? Credito d imposta per gli investimenti Supporto per la creazione di nuovi centri Sviluppo di reti di eccellenza

19 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

20 SC no profit Qualità degli studi migliorabile Quota % sul totale alta Impossibilità ad utilizzare i dati a fini registrativi

21 Sc no-profit e se.. SI PENSASSIMO A DELLE ULTERIORI POSSIBILITA? Possibilità di trasferimento della proprietà dei dati Maggiore chiarezza su contratti tra promotore (no-profit) e centri di ricerca

22 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

23 Nuove figure per la SC Infermiere di Ricerca Data Manager Altri?

24 Criticità Autorità Competente Comitati Etici Procedure Fase 1 SC no-profit Nuove figure per la SC

25 è forse ora di iniziare una fase di confronto con tutti gli operatori con delle proposte concrete.

26 La ricerca clinica in Italia: quale futuro Fare scelte coraggiose (ricordate il 1998?) 1 98?) Sfruttare la tecnologia al massimo Valutare di specializzarsi in alcuni settori Puntare sulla genialità e creatività italica Nulla è permanente, tranne il cambiamento 501 a.c. Eraclito di Efeso

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Congresso Nazionale SIF Rimini 14 Ottobre 2009 La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Carlo Tomino - AIFA Uno sguardo alla ricerca clinica nazionale (sui farmaci) Qualche elemento

Dettagli

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it 10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro Luca Pani DG@aifa.gov.it I dati nazionali della sperimentazione clinica nel contesto Europeo 3 In questo

Dettagli

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Corso sull Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) rivolto ai Comitati Etici OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Federica Ronchetti Bologna, 12, 13, 19,

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT)

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) DOC AIFA CTQT APRILE 2008 (ALL. 2) REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) Introduzione La finalità del presente

Dettagli

AUTORI GRUPPO DI LAVORO

AUTORI GRUPPO DI LAVORO MONITORAGGIO STUDI CLINICI 5 rapporto 2014 Marzo 2015 AUTORI Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale Direzione Scientifica Responsabile Monitoraggio Studi Clinici Gianfranco De Feo Direzione

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

Roma,, 28 febbraio 2011

Roma,, 28 febbraio 2011 Roma,, 28 febbraio 2011 Ricerca e Sperimentazione Clinica N...RSC/20698/P Risposta al Foglio del... N... Ai referenti dell Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica (OsSC) di: Promotori CRO

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici DALLA CLINICA ALLA METODOLOGIA PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLA RICERCA LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici Dr.ssa Elvia

Dettagli

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER ATTIVITA DELL ISPETTORATO GCP SVILUPPI RECENTI E NUOVI ORIENTAMENTI IN MATERIA Fabrizio Galliccia giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER I dati e i commenti contenuti in questa presentazione rappresentano il

Dettagli

Tendenze normative a livello nazionale ed europeo

Tendenze normative a livello nazionale ed europeo Seminario Comitato etici a confronto Trento 20-21 gennaio 2012 Tendenze normative a livello nazionale ed europeo Dott.ssa Michela Cerzani Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per le Sperimentazioni

Dettagli

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica Dal 1 gennaio 2013 l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) avvierà la fase attuativa di un nuovo Sistema Informativo

Dettagli

MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE

MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 11 dicembre 2013 MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE 1 COME RICHIEDERE

Dettagli

Paola Aita Ricerca e Sperimentazione Clinica. Bologna, 12 giugno 2015

Paola Aita Ricerca e Sperimentazione Clinica. Bologna, 12 giugno 2015 La Ricerca Clinica e i Comitati Etici in attesa del nuovo regolamento europeo L'Osservatorio Nazionale delle Sperimentazioni Cliniche dei Farmaci (OsSC) e la banca dati EudraCT: verso il portale unico

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 3 settembre 2015 MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

Percorsi di formazione in Radiofarmacia: modelli a confronto in Europa

Percorsi di formazione in Radiofarmacia: modelli a confronto in Europa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA IRCCS AOU SAN MARTINO-IST GENOVA Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Liguria RADIOFARMACISTA E MEDICO NUCLEARE: UN ESEMPIO DI SINERGISMO

Dettagli

Clinical Research Forum

Clinical Research Forum 18-19 Novembre 2015 Firenze AC Hotel Clinical Research Forum www.clinicalresearchforum.it Nuovo Regolamento Europeo sulla sperimentazione clinica Qualità e innovazione nella sperimentazione clinica Con

Dettagli

STANDARD OPERATING PROCEDURE

STANDARD OPERATING PROCEDURE STANDARD OPERATING PROCEDURE SOP Ref No SOP 0 Titolo Procedure Operative Standard per il Clinical Trial Office Versione 1.0 Data 05.11.2015 Autori Valeria Nardone, Alessandra Pugi, Stefania Gianassi, Salvatore

Dettagli

CLINICAL RESEARCH FORUM

CLINICAL RESEARCH FORUM CLINICAL RESEARCH FORUM 5 e 6 Aprile 2016, Milano - AC Hotel www.clinicalresearchforum.it Avrai la possibilità di confrontarti con un panel di autorevoli Relatori provenienti dal settore istituzionale,

Dettagli

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Attuazione della direttiva 2005/28/CE relativa ai principi e le linee guida dettagliate per la buona pratica clinica, ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT.0 Deliberazione n. 392 del 13/08/2015 1 INDICE Premessa...... pag. 3 ART. 1 - Oggetto del regolamento...... pag. 3 ART.

Dettagli

E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

Incentivazione della ricerca clinica in Italia

Incentivazione della ricerca clinica in Italia Incentivazione della ricerca clinica in Italia Documento di posizione a cura del Gruppo di lavoro Farmaco Biotech, sottogruppo Sperimentazione Clinica Lo scenario di riferimento Nel contesto europeo l

Dettagli

Normativa della sperimentazione clinica in Italia

Normativa della sperimentazione clinica in Italia Normativa della sperimentazione clinica in Italia Luciano M. Fuccella, MD, PhD, FFPM Faculty of Pharmaceutical Medicine, London Università di Milano Bicocca Società di Scienze Farmacologiche Applicate,

Dettagli

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi Segreteria del Comitato Etico Indipendente Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche Carta dei Servizi Pag. 2 di 14 INDICE 1. Premessa 3 2. Mission 3 3. Il team 3 4. Il Comitato Etico Indipendente

Dettagli

INDICAZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI GENERALI SULL ATTIVAZIONE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON RADIOFARMACI

INDICAZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI GENERALI SULL ATTIVAZIONE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON RADIOFARMACI INDICAZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI GENERALI SULL ATTIVAZIONE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON RADIOFARMACI Guida elaborata dalla Commissione AIMN per la sperimentazione in medicina nucleare. (Prof. A.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Venezia e IRCCS San Camillo Azienda ULSS 12 Veneziana Azienda ULSS 13 Dolo Mirano Azienda ULSS 10 San Donà Portogruaro Azienda ULSS 14 Chioggia

Dettagli

Partecipasalute 2 edizione

Partecipasalute 2 edizione Ruolo delle figure laiche nei Comitati Etici (Lavoro di gruppo) Tutor: Patrizia Copelli Partecipasalute 2 edizione Milano, 20 marzo 2007 1 Chi è il membro laico del Comitato Etico? Riferimento normativo:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Rovigo Azienda ULSS 18 Rovigo Azienda ULSS 19 Adria REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA COMITATO ETICO PROVINCIALE

Dettagli

SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI

SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI Qualità e sicurezza dei farmaci biologici e dei farmaci prodotti con biotecnologie (biotecnologici) Roma, 17 maggio 2011 Evento ECM SPERIMENTAZIONI CLINICHE CON FARMACI BIOLOGICI E BIOTECNOLOGICI Maria

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO Varese 19 Novembre 2013 FARMACOVIGILANZA NELLA SPERIMENTAZIONE CLINICA: NORMATIVA E GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI Raffaella Cavi S.C. FARMACIA NORMATIVA DI RIFERIMENTO STUDIO INTERVENTISTICO STUDIO NON INTERVENTISTICO

Dettagli

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano 1 Lo sviluppo clinico di un farmaco Processo essenziale nell ambito della cura delle malattie. Attività complessa, che nell ultimo secolo è

Dettagli

"La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario

La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario "La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario e obiettivi di finanza pubblica" Giangiuseppe Console Presidente SiNaFO Roberta Di Turi Segretario Generale Aggiunto SiNaFO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE Art. 1 - SCOPO...2 Art. 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Art. 3 - DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 Art. 4 - PROCEDURE E RESPONSABILITA...5 Art.

Dettagli

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015 Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE L Università degli Studi di Camerino, VISTO VISTO VISTA Anno accademico 2014/2015 lo Statuto, emanato con Decreto

Dettagli

LINEE GUIDA PER AVVIARE LA SPERIMENTAZIONE

LINEE GUIDA PER AVVIARE LA SPERIMENTAZIONE Pagina 1 di 15 1. SCOPO Azienda Ospedaliera G. Salvin i Garbagnate Mil.se LINEE GUIDA PER AVVIARE LA SPERIMENTAZIONE 1.1 Scopo del regolamento è definire un quadro normativo generale per la conduzione

Dettagli

ICT in sanità: il percorso del futuro

ICT in sanità: il percorso del futuro ICT in sanità: il percorso del futuro Saronno, 18 Febbraio 2009 L di Busto Arsizio I Presidi ospedalieri di: Busto Arsizio Saronno Tradate Alcuni dati dimensionali 3 Presidi Ospedalieri: Busto Arsizio,

Dettagli

SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI

SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI SCHEDA CON L INDICAZIONE DELLE CATEGORIE PROFESSIONALI INTERESSATE ALLA LINEA GUIDA/INDIRIZZO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO IDT PERCORSI RIABILITATIVI Premessa Il materiale documentale relativo alla presente

Dettagli

Il progetto Academy: la percezione sulla ricerca clinica in un panel di aziende sanitarie

Il progetto Academy: la percezione sulla ricerca clinica in un panel di aziende sanitarie Il progetto Academy: la percezione sulla ricerca clinica in un panel di aziende sanitarie Marianna Cavazza, Francesco Costa e Claudio Jommi Workshop La ricerca clinica in Italia: un opportunità di conoscenza

Dettagli

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 La Qualità del clinical trial M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 Agenda Qualità: definizione GCP: definizione GCP: scopo e principi GCP: ruoli e responsabilità GCP:

Dettagli

A2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

A2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara A2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Regolamento. del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo

Regolamento. del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo Regolamento del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo Approvato dal CESC VR-RO nella seduta del 13 Novembre 2013 Premesse pag. 3 Regolamento pag. 4 1. Il

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

Esperto in Gestione dell Energia - EGE. ai sensi della UNI CEI 11339:2009

Esperto in Gestione dell Energia - EGE. ai sensi della UNI CEI 11339:2009 CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE in: Esperto in Gestione dell Energia - EGE ai sensi della UNI CEI 11339:2009 (675 Ore 27 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art.

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit. Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009

Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit. Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009 Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009 Sperimentazione in Italia 29,5% di tutti gli studi sono no profit 34,1%

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO VISTO il decreto-legge 30 settembre 2003 n.269, convertito nella legge 24 novembre 2003

Dettagli

il Fascicolo Sanitario Personale on line

il Fascicolo Sanitario Personale on line La Condivisione delle Informazioni Cliniche fra Medico e Paziente: il Fascicolo Sanitario Personale on line Dr. Antonio Messina AD Fimed s.r.l. I PERCORSI DI SVILUPPO DELLA SANITA ON LINE Milano, 3 Maggio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO

CURRICULUM VITAE. Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO CURRICULUM VITAE Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO DATI PERSONALI Data di nascita: 13/12/1965 Luogo di nascita: Voghera (PV) Indirizzo: Via Rembrandt n. 45 20147 Milano ISTRUZIONE 1984-1988 Laurea in Scienze

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99; DL n. 269 del 30/9/2003

Dettagli

CORSO nuovo Decreto Ministeriale Clinical Trial Application

CORSO nuovo Decreto Ministeriale Clinical Trial Application UFFICIO SPERIMENTAZIONE CLINICA CORSO nuovo Decreto Ministeriale Clinical Trial Application 17, 18, 19 e 20 MARZO 2008 Sede: AIFA - Via della Sierra Nevada, 60 - Roma Pagina 1 di 5 Obiettivi e scopo del

Dettagli

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.11/0000197/DG Del 11 Novembre 2011 DELIBERA N. 11/0000197/DG OGGETTO: Regolamento sperimentazioni non

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE 1. Data management per la ricerca clinica Data management for clinical research

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE 1. Data management per la ricerca clinica Data management for clinical research Al Magnifico Rettore PROPOSTA DI ATTIVAZIONE 1 Master Universitario di I livello Master Universitario di II livello Altra tipologia 2 Corso di Perfezionamento Corso di Aggiornamento Titolo Title (inglese)

Dettagli

GOOD CLINICAL PRACTICES

GOOD CLINICAL PRACTICES GOOD CLINICAL PRACTICES Marco Ercolani, MD Trieste, 21 maggio 2008 GOOD CLINICAL PRACTICE UNA SERIE DI PRINCIPI CHE GUIDANO IL DISEGNO, LA CONDUZIONE, LA REGISTRAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI STUDI CLINICI,

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

L attuazione dell IPPC e l adozione delle BAT: quali benefici per l ambiente? Il punto di vista delle Agenzie Ambientali

L attuazione dell IPPC e l adozione delle BAT: quali benefici per l ambiente? Il punto di vista delle Agenzie Ambientali L attuazione dell IPPC e l adozione delle BAT: quali benefici per l ambiente? Il punto di vista delle Agenzie Ambientali Alfredo Pini ISPRA 2 MEETING EUROPEO L introduzione delle BAT per l ambiente e la

Dettagli

LE STRUTTURE RESIDENZIALI PER LE MISURE DI SICUREZZA DETENTIVA: REMS

LE STRUTTURE RESIDENZIALI PER LE MISURE DI SICUREZZA DETENTIVA: REMS DIREZIONE REGIONALE SALUTE ED INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA AREA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI NELL AREA DEI SOGGETTI DEBOLI PROGETTO DI INFORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER LA CURA E

Dettagli

Pagina 1. 1184203 2048 Psicologia clinica. 1184584 2048 Psicologia clinica

Pagina 1. 1184203 2048 Psicologia clinica. 1184584 2048 Psicologia clinica 1183299 2048 Psicologia clinica 2049 1183347 2048 Psicologia clinica 2049 1183371 2048 Psicologia clinica 2049 1183438 2048 Psicologia clinica 2049 1183451 2048 Psicologia clinica 2049 1183479 2048 Psicologia

Dettagli

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Network nazionale italiano Tumori Eredo-Famigliari (intef): creazione di strumenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della Pratica Clinica

La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della Pratica Clinica Monza, 27 Febbraio 2008 LA RICERCA CLINICA: RUOLI E PROCESSI Ruolo dello Sponsor e dello Sperimentatore La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della

Dettagli

per lo sviluppo sui mercati esteri Massimo D Aiuto Amministratore Delegato e Direttore Generale Torino, 20 aprile 2015

per lo sviluppo sui mercati esteri Massimo D Aiuto Amministratore Delegato e Direttore Generale Torino, 20 aprile 2015 Strumenti disostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Massimo D Aiuto Amministratore Delegato e Direttore Generale Torino, 20 aprile 2015 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione delle

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 21-28 dicembre 2006 N. 51-52 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA STANDARD OPERATING PROCEDURES (SOPs) SERVIZIO RICERCA E SVILUPPO CLINICO 1 ABBREVIAZIONI 3 GLOSSARIO 4 SOP 1 Organizzazione e programmazione

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

Passaporto per il credito: uno strumento per migliorare l'accesso al credito, la visibilitàsui mercati esteri ed i rapporti commerciali

Passaporto per il credito: uno strumento per migliorare l'accesso al credito, la visibilitàsui mercati esteri ed i rapporti commerciali Passaporto per il credito: uno strumento per migliorare l'accesso al credito, la visibilitàsui mercati esteri ed i rapporti commerciali Vicenza, 24 settembre 2014 Un progetto per le PMI 2 La nostra mission

Dettagli

Il settore farmaceutico in Italia: caratteristiche, criticità, proposte

Il settore farmaceutico in Italia: caratteristiche, criticità, proposte Il settore farmaceutico in Italia: caratteristiche, criticità, proposte Pierluigi Antonelli Chairman IAPG 1 Lo IAPG Lo IAPG (Italian American Pharmaceutical Group) rappresenta le aziende farmaceutiche

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

Agenzie Viaggi e Tour Operator IL REGIME IVA ART. 74TER

Agenzie Viaggi e Tour Operator IL REGIME IVA ART. 74TER S.A.F. Agenzie Viaggi e Tour Operator IL REGIME IVA ART. 74TER BENEDETTI DOTT. GIULIO Programma Fatturazione Liquidazioni IVA Tipologie di Attività Fonti Normative 2 S.A.F. Fonti Normative Fonti normative

Dettagli

I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico

I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico 4 I dati degli studi clinici registrati nell OsSC e l apertura al pubblico Introduzione Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) 1 è uno L strumento tecnico-scientifico

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE IMPORTAZIONE FARMACI

PROCEDURA AZIENDALE IMPORTAZIONE FARMACI PROCEDURA AZIENDALE IMPORTAZIONE FARMACI APPROVVIGIONAMENTO FARMACI CARENTI O MANCANTI IN ITALIA: IMPORTAZIONE FARMACI ESTERI Data stesura: novembre 2014 Data revisione n 00: Redatto Verificato Approvato

Dettagli

Riferimenti essenziali

Riferimenti essenziali SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO La sperimentazione clinica con i dispositivi medici: Roma 5 novembre 2012 I PROBLEMI ASSICURATIVI Prof. Andrea Gentilomo MD PhD Associato di Medicina legale Dip. C. Beccaria

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Università degli studi Roma Tre

Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Università degli studi Roma Tre C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Parracino Mario Pasquale Indirizzo Via Portuense 292 00149, Roma, Italia Telefono +39 06 55170927 Fax +39 065582825 E-mail mario.parracino@inmi.it

Dettagli

Facoltà di Medicina e Servizio Sanitario Nazionale

Facoltà di Medicina e Servizio Sanitario Nazionale Facoltà di Medicina e Servizio Sanitario Nazionale Carlo Musto D Amore Sapienza-Università di Roma Carlo Musto MedChir-SSN 1 fine 800-1900-1950 [sanità ispettorato Ministero dell Interno] Fine 800: Legge

Dettagli

1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE

1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE 35 1. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE 36 E MATRICE DELLE RESPONSABILITÀ AC 190903 00 SPOA1.1A002 a 01 regolamento in cui sono esplicitati la missione, le strategie complessive

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Cecilia Berni Arezzo, 12 febbraio 2011 1 Diritto Diritti di cittadinanza e coesione

Dettagli

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente F. Antonio Compostella e Maria Ines Axerio Martedì 6 novembre Venezia Palazzo Balbi, Sala Travi

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS. Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia

SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS. Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia SOLUZIONI PER CRESCERE ALL ESTERO: GLI STRUMENTI SIMEST E BERS Carlo de Simone Responsabile Funzione Desk Italia Ancona, 6 giugno 2013 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane

Dettagli

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni»

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» «Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI Roma, 29 novembre 2012 Teatro Capranica 1 agenda Chi è Cineas Lo scenario L ospedale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO (1500 ore 60 CFU) (D.M. n 509 del 03/11/1999 e D.M. n 270 del 22/10/2004) in Coordinamento e Management della Funzione Infermieristica Anno Accademico

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che:

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 29-5083 Approvazione del Protocollo d'intesa Regione Piemonte - Universita' degli Studi di Torino per le Scuole

Dettagli

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015

Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 Con il patrocinio di Presentazione del project work Venezia, 25 settembre 2015 gruppo corsisti sede di Roma: Corso promosso e realizzato da Obiettivo del project work approfondire I cambiamenti nelle forme

Dettagli

ANIMO E FONDAZIONE FADOI Esperienze e Prospettive. G. VESCOVO MD, PhD, FESC Dipartimento Medicina Interna VICENZA

ANIMO E FONDAZIONE FADOI Esperienze e Prospettive. G. VESCOVO MD, PhD, FESC Dipartimento Medicina Interna VICENZA ANIMO E FONDAZIONE FADOI Esperienze e Prospettive G. VESCOVO MD, PhD, FESC Dipartimento Medicina Interna VICENZA Società Scientifica di Medicina Interna Ospedaliera Federazione di Associazioni Regionali

Dettagli

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE 1. Documenti di riferimento Direttiva Europea 2001/20/CE Decreto legislativo n 211 del 24 giugno 2003 Linee guida per la Buona Pratica Clinica (I.C.H.

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

organizzazione sanitaria

organizzazione sanitaria Progetto Partecipasalute Modulo A 19-20 marzo I comitati etici: cosa sono e a cosa servono? organizzazione sanitaria Dr. Saverio Santachiara Segretario del Comitato Etico Provinciale di Modena D.L. 24/06/2003

Dettagli