Manutenzione delle aree verdi: bosco, piante legnose e alberi singoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manutenzione delle aree verdi: bosco, piante legnose e alberi singoli"

Transcript

1 Editore: I-AT-IU Data d'emissione: Entrata in vigore: Attribuzione: -- Classificazione: ITF/mandatario Elaborata da: I-AT-IU-UWA von Fellenberg Laurence Distribuzione: I-AT, I-PJ, I-IH, I-RSQ, I-B, IM, ATG Approvata: I-AT L Sostituisce: W-AM 14/01 vom Lingue: d f i Numero di pagine: 35 R_I-20025_i_ doc Manutenzione delle aree verdi: bosco, piante legnose e alberi singoli Indice 1 Scopo di questo documento Estensione, potenziale di pericolo Oggetto Campo d'applicazione Basi giuridiche Scopo, principi e definizioni Scopo e obiettivi Principi Definizioni Concetto di manutenzione e gestione Stabilità dei popolamenti boschivi e degli alberi Distanze minime e linee di profilo (PSLV) Casi speciali Provvedimenti di cura Principi di cura Categoria 1: tratte speciali Categoria 2: linee principali Categoria 3: linee secondarie Categoria 4: casi speciali Catasto Pianificazione e controllo Pianificazione Controllo Esecuzione e sicurezza Organizzazione Sicurezza Allegato A: Classificazione delle specie arboree in classi di altezza Allegato B: Regola generale per le distanze delle piantagioni nella costruzione di pareti antirumore Allegato C: Distanze per le piante legnose secondo il diritto cantonale dei rapporti di vicinato Allegato D: Pianta sinottica Tutti i diritti su questo documento riservati alle FFS

2 Regolamenti e documenti complementari Designazione Classificazione Contenuto Manutenzione delle aree verdi negli impianti ferroviari: erbe e arbusti Manutenzione delle aree verdi negli impianti ferroviari: erbe e arbusti (istruzione complementare a NS ) NS I-AM13/01 Manutenzione della vegetazione erbacea e cespugliosa lungo i binari (zone di manutenzione) Organizzazione, esecuzione, divieto d'incenerimento degli scarti vegetali Controllo della vegetazione sulla rete I Uso degli erbicidi e protezione delle acque Istruzione sul controllo chimico della vegetazione sulle installazioni ferroviarie per gli anni Manuale per la progettazione: spazi verdi negli impianti ferroviari UFT Bau GD (1994) Uso degli erbicidi e protezione delle acque Conformazione e pianificazione di spazi verdi negli impianti ferroviari Conformazione dei manufatti W 40/92 Estetica delle opere di ingegneria Profilo di spazio libero per lo scartamento normale e metrico Ordinanza sulla costruzione e l'esercizio delle ferrovie (Ordinanza sulle ferrovie [Oferr]) Disposizioni esecutive all'ordinanza sulle ferrovie (DE-Oferr) RTE SR (emissione ) SR (emissione ) Indicazioni tecniche sul profilo di spazio libero Istruzioni complementari alla Lferr Art b:durata della visibilità dei segnali principali e avanzati Ordinanza sulle linee elettriche (OLEI) SR Art. 15 e 35: Distanza dagli alberi Codice civile svizzero (CCS) SR 210 Art. 670, 687, 688 Disposizioni relative ai rapporti di vicinato. Regolamentazione delle distanze minime delle piante legnose dai confini delle proprietà. Prescrizioni cantonali. Leggi cantonali di applicazione del Codice civile svizzero Alberi e cespugli nell ambito del diritto di vicinato: disposizioni di legge federali e cantonali in diagrammi e tabelle Jardin Suisse (www.agrarrecht. ch/nachbarrecht/ uebersicht_kt.htm) Distanze minime di alberi e cespugli dai confini delle proprietà limitrofe Distanze minime di alberi e cespugli dai confini delle proprietà limitrofe Emissione: / 35 - FFS

3 1 Scopo di questo documento 1.1 Estensione, potenziale di pericolo Boschi, boschetti, alberi singoli, giardini e parchi confinano con i binari delle FFS su una lunghezza di ca km. La maggior parte di questi oggetti sono di proprietà di terzi. Penetrando nel profilo di spazio libero, coprendo i segnali e cadendo al suolo, alberi e rami possono mettere in pericolo la sicurezza dell'esercizio ferroviario. In particolare in situazioni meteorologiche estreme (tempeste, neve bagnata) possono verificarsi perturbazioni dell esercizio e danni agli impianti ferroviari. 1.2 Oggetto Il presente regolamento definisce gli obiettivi e i requisiti per i boschi, le piante legnose e gli alberi situati all'interno della fascia di sicurezza lungo i binari. Si indirizza al personale incaricato della gestione del bosco e dei singoli alberi situati all interno della fascia di sicurezza. 1.3 Campo d'applicazione Gestione di boschi, piante legnose, gruppi di alberi e alberi singoli lungo i binari delle FFS (di proprietà FFS o di terzi). Persone incaricate della pianificazione delle aree verdi. Piantagioni nuove o sostitutive nella fascia di sicurezza (di proprietà FFS o su terreni di terzi). Delimitazione: La manutenzione della vegetazione erbacea e cespugliosa sulle scarpate ferroviarie e su altre aree verdi delle FFS è regolata dalla Norma Svizzera , Manutenzione delle aree verdi negli impianti ferroviari: erbe e arbusti. Gestione Pianificazione Piantagioni nuove o sostitutive NS Manutenzione delle aree verdi 2 Basi giuridiche Legge sulle ferrovie (LFerr) Art. 19, 21: Misure di sicurezza L impresa ferroviaria deve prendere tutte le misure per garantire la sicurezza dell esercizio della ferrovia e per evitare che persone o cose siano esposte a pericolo. Se la sicurezza della ferrovia viene pregiudicata da alberi di terzi, su richiesta dell azienda ferroviaria bisogna porvi rimedio. Nei casi di grande urgenza, l azienda ferroviaria può adottare i provvedimenti opportuni alla rimozione del pericolo. I relativi costi sono a carico dell azienda ferroviaria ove non comprovi il dolo del terzo responsabile. Sicurezza dell esercizio ferroviario Emissione: / 35 - FFS

4 Ordinanza sulle ferrovie (OFerr) Art. 3: Considerazioni di altri interessi Gli interessi della protezione della natura e del paesaggio devono essere presi in considerazione già all atto della progettazione. Protezione della natura e del paesaggio Legge forestale, (LFo) Art. 1, 3, 16, 20, 22; Ordinanza sulle foreste (Ofo), leggi e ordinanze cantonali sulle foreste: protezione e cura della foresta Protezione della foresta: L'area forestale deve essere conservata. La foresta deve essere amministrata in modo che possa espletare le sue funzioni (utilizzazione, protezione e svago) in modo duraturo (sostenibilità). Le utilizzazioni dannose sono vietate. Cura della foresta: I Cantoni emanano prescrizioni per la gestione. L abbattimento di alberi deve essere autorizzato dai servizi forestali secondo le legislazioni cantonali. I tagli rasi sono vietati. Conservazione della foresta Sostenibilità Obbligo di autorizzazione per l abbattimento Divieto di taglio raso Legge sulla protezione della natura e del paesaggio (LPN) Art. 18: Protezione delle siepi e dei boschetti Prescrizioni cantonali e comunali (zone naturalistiche e paesaggistiche protette, ordinanze sulla protezione degli alberi) Prima di qualsiasi intervento su alberi, siepi e boschetti protetti, è necessario verificare lo stato di protezione e richiedere le necessarie autorizzazioni. Protezione di alberi e siepi 3 Scopo, principi e definizioni 3.1 Scopo e obiettivi La gestione di boschi, piante legnose, alberi singoli e gruppi di alberi all'interno della fascia di sicurezza deve essere realizzata e ottimizzata secondo i seguenti criteri: rispetto delle condizioni quadro d esercizio e delle direttive allo scopo di: - garantire la disponibilità degli impianti ferroviari; - garantire la sicurezza degli impianti; - ridurre i costi nella cura di boschi e alberi singoli gestione professionale del bosco e degli alberi singoli rispetto delle leggi vigenti (LFerr, LFo, LPN, CCS) Disponibilità Sicurezza Economicità Gestione professionale Leggi vigenti Emissione: / 35 - FFS

5 3.2 Principi Per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti si applicano i principi elencati. I diversi interessi e criteri devono essere ponderati tra di loro, mettendo in primo piano la sicurezza e il mantenimento dell esercizio. Alberi e boschi devono trovarsi a una distanza minima dagli impianti e la loro stabilità deve essere mantenuta e consolidata mediante interventi mirati. Il popolamento arboreo sano deve essere conservato e rafforzato mediante l'incentivazione delle specie adatte al sito (autoctone). Ciascun intervento deve essere eseguito in modo tale da garantire il rispetto delle prescrizioni di sicurezza (distanze, stabilità) fino all'intervento successivo. Lo stato deve essere controllato regolarmente. È necessario ottimizzare l'economicità mediante la realizzazione di interventi mirati, semplici e tempestivi, l'impiego di personale specializzato, l'utilizzo di macchinari e attrezzi idonei, un uso razionale dei materiali, garantendo la viabilità forestale. Si devono rispettare le esigenze di protezione della natura e del paesaggio. Gli alberi e i cespugli sui terreni di terzi devono rispettare le distanze minime dai confini delle proprietà, secondo le disposizioni vigenti in materia nell'ambito del diritto dei rapporti di vicinato (allegato C). Le esigenze di terzi vanno tenute in considerazione nella misura in cui non compromettano la disponibilità e la sicurezza degli impianti. 3.3 Definizioni Ponderazione degli interessi Distanze minime e stabilità Ecologia Controllo Ottimizzazione Protezione della natura e del paesaggio Distanze minime dai confini delle proprietà Fascia di sicurezza (si vedano le figure 1, 2, 3) Spazio adiacente ai binari all interno del quale alberi o parti di alberi possono costituire un pericolo per l esercizio e gli impianti ferroviari. La fascia di sicurezza si suddivide in: - zona di manutenzione intensiva (= zona libera da boschetti) - zona di crescita limitata - zona boschiva stabile - zona di controllo Profilo (di spazio libero) per la vegetazione (PSLV) (si vedano le figure 1, 2, 3, 4) Zona libera da boschetti; Il profilo di spazio libero per la vegetazione definisce la distanza minima e l altezza massima delle piante legnose rispetto all asse del binario, per evitare che arbusti o alberi sporgenti o caduti mettano in pericolo l esercizio ferroviario (si veda NS ). Zona di crescita limitata (si vedano le figure 1, 2) Zona della fascia di sicurezza nella quale, mediante idonei provvedimenti, si limita la crescita delle piante legnose a un'altezza definita. La zona di crescita limitata è circoscritta dalla linea di profilo. Zona boschiva stabile (si vedano le figure 2, 3) Zona della fascia di sicurezza nella quale, mediante interventi periodici, si tengono sotto controllo la stabilità e la vitalità degli alberi, in modo tale da garantire la sicurezza dell esercizio ferroviario. Emissione: / 35 - FFS Terzi

6 Zona di controllo (si vedano le figure 2, 3) Zona della fascia di sicurezza all interno della quale la caduta di alberi può mettere in pericolo la ferrovia a causa di un «effetto domino» o lo scivolamento o rotolamento degli alberi caduti. Bosco o foresta Tutte le superfici considerate bosco (o foresta) ai sensi di legge. La definizione varia a seconda della specifica legge cantonale. Bosco di protezione (secondo la definizione FFS) Bosco che ha la funzione di proteggere dai pericoli naturali (valanghe, frane, accumulo di acqua nel terreno, ecc.). Piante legnose Tutte le piante soggette a lignificazione. Alberi singoli / gruppi di alberi Tutti gli alberi situati all'interno della fascia di sicurezza rilevanti per la sicurezza delle ferrovie che non sono considerati boschi/foreste ai sensi della Legge sulle foreste, non sono siepi e non rientrano nella NS Parchi e viali alberati I parchi e i viali alberati sono aree verdi in cui gli alberi sono disposti secondo una precisa pianificazione. Tali aree hanno funzione decorativa. Piantagioni nuove o sostitutive Nuove piantagioni di piante legnose e boschi; piantagioni sostitutive per il rimboschimento di aree in rinnovazione o per la sostituzione di alberi singoli. Linee principali (categorie di tratte secondo la pianta sinottica all'allegato D) Linee della rete principale e del traffico regionale con elevati volumi di traffico. Linee secondarie (categorie di tratte secondo la pianta sinottica all'allegato D) Tratte del traffico regionale o linee del traffico a lunga percorrenza con modesti volumi di traffico. Linee particolari (categorie di tratte secondo la pianta sinottica all'allegato D) 160 km/h o con esigenze elevate, dovute alle specifiche circo- Linee con velocità di tratta stanze locali. Emissione: / 35 - FFS

7 4 Concetto di manutenzione e gestione Il concetto, finalizzato al mantenimento di boschi e di popolamenti di alberi sani, si basa sulla valutazione individuale della stabilità e dell altezza appropriata (distanze minime e linea di profilo) e viene concretizzato attraverso una manutenzione tempestiva e regolare. L utilità di un provvedimento (aumento della sicurezza) deve essere opportunamente ponderata rispetto ai relativi costi. I provvedimenti (sulla base della valutazione di stabilità, stato di salute, distanza, altezza, ecc.) non devono essere valutati singolarmente, ma sempre nel quadro del loro effetto generale. Si devono tenere in considerazione anche la topografia ed eventuali pretese di terzi, a condizione di garantire la sicurezza dell esercizio ferroviario. Le indicazioni quantitative devono essere adeguate alle specifiche circostanze locali. Per gli interventi sul bosco di protezione è necessario ponderare e ottimizzare il rapporto tra l'aumento della sicurezza ferroviaria ottenuto mediante l'intervento e la possibile riduzione della funzione protettiva del bosco (eventualmente da compensare con provvedimenti integrativi). Stato di salute Stabilità Altezza massima Costi/ benefici Visione globale Effetto generale Bosco di protezione 4.1 Stabilità dei popolamenti boschivi e degli alberi Principi In tutte le zone non soggette alla limitazione costante della crescita (si veda NS ), mediante manutenzione regolare si deve garantire la stabilità dei popolamenti e dei singoli alberi contro tempeste e altri pericoli naturali (rotture di rami causati dalla neve e dal ghiaccio). Il bosco all'interno della fascia di sicurezza deve essere composto da esemplari singoli o piccoli gruppi stabili composti da specie idonee al sito. Per motivi di sicurezza la rinnovazione deve essere avviata precocemente (negli stadi di fustaia 1 e 2), in modo tale da permettere un rimboschimento graduale e duraturo nel rispetto del profilo del limite del bosco. I provvedimenti di cura (cap. 5) si devono realizzare prima che la concorrenza tra gli alberi ne comprometta la stabilità. Qualora non sia possibile garantire la stabilità di un popolamento o di un albero singolo fino al successivo intervento, il popolamento o l'albero in questione deve essere abbattuto. Se non è possibile garantire o migliorare la sicurezza dell esercizio ferroviario tramite provvedimenti di cura, è necessario ricostituire i popolamenti. Manutenzione regolare Stabilità degli alberi singoli Rinnovazione Cura preventiva della stabilità Ricostituzione Emissione: / 35 - FFS

8 4.1.2 Indicatori nella zona di crescita limitata La limitazione della crescita degli alberi varia a seconda del profilo fino a un massimo di 60 m dall'asse del binario ed è circoscritta dalla linea di profilo Interventi tempestivi e regolari volti a favorire e conservare la stabilità e la vitalità degli alberi singoli e dei cespugli Costituzione di un profilo graduale del limite del bosco Preferenza alle specie di alberi e cespugli autoctone, ovvero adatte al sito Preferenza agli alberi e ai cespugli la cui altezza naturale rientra nel profilo (allegato A) Lunghezza della chioma > 1/3 dell altezza dell albero Possibili eccezioni: gli alberi stabili e vitali possono stare più vicino ai binari di quanto sarebbe consentito in base alla loro altezza Se il bosco o il limite del bosco svolge una funzione di protezione dalle frane in conformità a quanto stabilito dal GIS: rimboschimento fitto con un numero elevato di esemplari (governo a ceduo) Crescita limitata Interventi preventivi Profilo del limite del bosco Specie idonee al sito Lunghezza della chioma Eccezioni Indicatori nella zona di bosco stabile Indicatori di una buona stabilità sono in particolare: crescita eretta rapporto A/D per latifoglie < 120, per conifere < 80 (rapporto tra l altezza dell albero e il diametro del tronco all altezza di 1,3 m dal suolo) lunghezza della chioma > 1/3 dell altezza dell albero assenza di putrefazione assenza di lesioni o presenza di vecchie lesioni completamente rimarginate (controllo delle lesioni) buona vitalità (indicatori di perdita di vitalità: perdita di aghi e foglie, rami secchi) specie idonee al sito posizione (scarsa esposizione al vento, profondità del terreno, assenza di tracce di erosione, assenza di compattamento e saturazione idrica) ramificazione naturale (assenza di biforcazioni o rami che rischiano di spezzarsi) se il bosco svolge una funzione di protezione dalle frane in conformità a quanto stabilito dal GIS: rimboschimento fitto con un numero elevato di esemplari (governo a ceduo) Indicatori nella zona di controllo popolamento stabile e vitale assenza di alberi pesanti e instabili Emissione: / 35 - FFS

9 4.1.5 Particolarità del bosco di protezione all'interno della fascia di sicurezza Per gli interventi nel bosco di protezione è necessario tenere in considerazione non solo il guadagno in termini di sicurezza dell'esercizio ferroviario, ma anche il danno alla funzione protettiva del bosco, cercando di ottimizzare il rapporto tra l'aumento della sicurezza e la perdita di protezione contro i pericoli naturali. Processo di ottimizzazione: - mantenimento o miglioramento della funzione protettiva dai pericoli naturali - miglioramento del popolamento boschivo Lasciare le ceppaie tagliate alte, sistemare i tronchi trasversalmente, eventualmente e- dificare opere di protezione 4.2 Distanze minime e linee di profilo (PSLV) In base al potenziale di danni e ai requisiti di sicurezza, le linee ferroviarie si classificano in tre categorie (allegato D) e un profilo speciale. Il profilo speciale definisce le distanze per gli alberi singoli, i gruppi di alberi e gli alberi di parchi e viali che, in virtù della loro particolare valenza (ad es. urbanistica), non possono rispettare le distanze minime della categoria 3. Categoria 1: tratte speciali per velocità 160 km/h e con condizioni particolari Categoria 2: linee principali (tratte molto frequentate) Categoria 3: linee secondarie (tratte poco frequentate) Categoria 4: profilo per casi speciali Le descrizioni dei profili (PSLV; si vedano le figure 1-4) definiscono lo spazio minimo da tenere libero da vegetazione per ogni categoria. Il PSLV corrisponde a una fascia di ampiezza compresa tra 5 m (all altezza del binario) e 7 m (dall altezza di 4 m) misurata dall asse del binario. Devono sempre essere rispettate le distanze minime di visibilità degli impianti di segnalazione (DE-OFerr Art b). I cespugli e gli arbusti devono essere piantati in modo tale da lasciare libera una distanza di almeno 2 m (misurata dai tronchi) dalla zona di manutenzione intensiva. Il profilo 4 regola i casi speciali riducendo le distanze minime dei rami più esterni di un albero/arbusto rispettivamente a 3 m dal palo della linea di contatto o a 5,5 m dall'asse del binario sul lato su cui non si trova il palo. L'ampiezza minima di 5 m (all'altezza del binario) dall'asse del binario della fascia senza vegetazione legnosa deve sempre essere rispettata (profilo 4). Devono sempre essere rispettate le distanze minime di visibilità degli impianti di segnalazione. Per le categorie 1 e 2 sono definite delle linee di profilo che indicano anche una limitazione della crescita della vegetazione: Categoria 1: limitazione fino alla distanza di un albero* Categoria 2: limitazione fino a 20 m* * Distanza orizzontale dall asse del binario all ubicazione (tronco) dei primi alberi con crescita normale. Categorie di tratte PSLV Emissione: / 35 - FFS

10 4.3 Casi speciali Per le piante legnose sui terreni di terzi è prioritario verificare che siano stabili e che rispettino il profilo (PSLV) della categoria di tratta corrispondente. In determinati casi (costi eccessivi, zone abitate o protette, aree su tratte di montagna) è consentito che gli alberi superino l'altezza massima rispetto alla distanza dal binario. Devono tuttavia rimanere garantite la sicurezza dell'esercizio e il rispetto del profilo (PSLV) della categoria 4. I rami più esterni di un albero o un filare di alberi devono avere una distanza minima di 3 m dal palo della linea di contatto. Se i pali si trovano su un solo lato del binario, la distanza minima sul lato senza pali deve essere di almeno 5,5 m dall'asse del binario. Le distanze minime stabilite per rami e alberi rispetto al palo della linea di contatto devono essere mantenute operando gli opportuni tagli. Si deve garantire una manutenzione costante. Si devono rispettare le disposizioni relative alle distanze delle piante contenute nel CCS (Art. 670, 687, 688) e nelle Leggi cantonali di applicazione del Codice civile svizzero (allegato C). 5 Provvedimenti di cura 5.1 Principi di cura Tutti i provvedimenti sono volti a mantenere o migliorare la stabilità dei singoli esemplari fino al successivo intervento di cura. Allo stesso tempo si deve garantire il rispetto della linea di profilo (PSLV) stabilita fino al successivo intervento. Il costo degli interventi da effettuare deve essere mantenuto entro limiti ragionevoli. Si deve valutare il rapporto costi/benefici. La cura deve essere eseguita prima che la stabilità degli alberi si riduca per effetto della concorrenza tra gli alberi stessi. Gli obiettivi di cura e i singoli provvedimenti dipendono dalla categoria della tratta, dalla zona di manutenzione e dallo stato dei singoli oggetti. Nella zona del bosco di protezione si devono prendere i provvedimenti necessari a garantire la protezione dagli eventi naturali (disposizioni di «Continuità nel bosco di protezione», Progetto NaiS). Emissione: / 35 - FFS

11 R I Categoria 1: tratte speciali (ad es. tratte con velocità ³ 160 km/h) (profilo figura 1) Principi Principi di cura Obiettivo Nessuna perturbazione dell'esercizio causata direttamente da alberi e formazioni arboree Obiettivo di cura Garantire il rispetto del PSLV e delle altezze massime; preferenza alle specie che rispettano naturalmente l'obiettivo di cura; preservare la funzione protettiva del bosco di protezione (ev. governo a ceduo) Concetto di cura Limitazione della crescita > Zona di crescita limitata... Fino all altezza massima degli alberi raggiungibile in loco, dal bordo della massicciata > Zona di bosco stabile. decade > Zona di controllo. decade PSLV Tabella 1: Altezza massima: altezza degli alberi distanza dal bordo della massicciata Deve sempre essere garantita la distanza minima di 3 m dagli impianti ad alta tensione (OLEI art. 15 e 35) v. fig. 1 Principi di cura per la categoria Profilo di spazio libero per la vegetazione, categoria 1 La linea di profilo minima da rispettare (PSLV) è rappresentata nella figura 1. Figura 1: Limitazione della crescita (PSLV ); categoria 1 Emissione: / 35 - FFS

12 5.2.3 Singoli provvedimenti Zona di crescita limitata (Fino all altezza massima degli alberi raggiungibile in loco, dal bordo della massicciata) Rimozione degli alberi instabili che costituiscono una minaccia per l'esercizio ferroviario (incremento della stabilità) Sostegno di un profilo del limite del bosco graduale Preferenza alle specie di alberi e cespugli autoctone, con crescita lenta, adatte alle condizioni locali e che rispettino naturalmente le altezze massime Liberazione degli esemplari singoli sani e stabili per mantenere la lunghezza della chioma Crescita limitata Limite del bosco Stabilità Piantagioni nuove e sostitutive Le piantagioni nuove e sostitutive devono essere realizzate in modo tale che i profili di spazio libero necessari (PSLV:: distanza minima e altezza massima) siano sempre rispettati dalle piante. Nella Tabella 2 sono indicate le distanze minime da rispettare per gli alberi di ciascuna classe di altezza. La classificazione degli alberi è consultabile nell'allegato A. La regola base delle distanze per il rinverdimento (allegato B) definisce le distanze minime per le piantagioni nuove e sostitutive dietro le pareti antirumore. Altezza massima Distanza minima Classi di altezza Regola base per il rinverdimento Classe di altezza Altezza massima dalla base Distanza minima della pianta dall'asse del binario Classe di altezza V 3 m 9 m Classe di altezza IV 37m 10 m Classe di altezza III 8-15 m 18 m Classe di altezza II m 27 m Classe di altezza I > 25 m altezza massima raggiungibile dell'albero più 3 m Tabella 2: Classi di altezza degli alberi e relative distanze minime; categoria 1 Emissione: / 35 - FFS

13 R I Categoria 2: linee principali (profilo figura 2) Principi Principi di cura Obiettivo Riduzione al minimo delle perturbazioni Obiettivo di cura Bosco stabile e graduato; limitazione della crescita fino a 20 m dall'asse del binario; preservare la funzione protettiva del bosco di protezione (ev. governo a ceduo) Concetto di cura Stabilità e limitazione dell'altezza > Zona di crescita limitata. Fino a 20 m di distanza orizzontale dall'asse del binario. Altezza massima: altezza dell'albero distanza dal bordo della massicciata. Deve sempre essere garantita la distanza minima di 3 m dagli impianti ad alta tensione (OLEI art. 15 e 35) > Zona di bosco stabile... Fino all altezza massima degli alberi raggiungibile in loco, dall'asse del binario Popolamento stabile formato da specie adatte al sito Avvio precoce della rinnovazione > Zona di controllo. Distanza dall'asse del binario pari a 1-1,5 volte l'altezza massima raggiungibile degli alberi; adiacente alla zona di bosco stabile Popolamento stabile per evitare l effetto domino o la caduta di alberi. PSLV Tabella 3: v. fig. 2 Principi di cura per la categoria Profilo di spazio libero per la vegetazione, categoria 2 La linea di profilo minima da rispettare (PSLV) è rappresentata nella figura 2. Figura 2: Limitazione della crescita (PSLV) e popolamento stabile; categoria 2 Emissione: / 35 - FFS

14 5.3.3 Singoli provvedimenti Zona di crescita limitata (fino a 20 m dall'asse del binario) Rimozione degli alberi instabili che costituiscono una minaccia per l'esercizio ferroviario (incremento della stabilità) Sostegno di una struttura del limite del bosco graduale Preferenza alle specie di alberi e cespugli autoctone, con crescita lenta, adatte alle condizioni locali e che rispettino naturalmente le altezze massime definite dal profilo Liberazione degli esemplari singoli sani e stabili per mantenere la lunghezza della chioma Zona di bosco stabile (da 20 m dall'asse del binario fino all'altezza raggiungibile degli alberi) Controllo dello stato: se la sicurezza d esercizio non può essere garantita o migliorata con provvedimenti di cura, bisogna avviare precocemente una rinnovazione. Garantire la stabilità con i provvedimenti previsti nella Tabella 4. Crescita limitata Limite del bosco Stabilità Miglioramento della stabilità Stadio di sviluppo Stabilità Provvedimenti Novellame stabile Promuovere le specie di alberi adatte al sito Spessina / Perticaia Fustaia giovane Fustaia adulta Fustaia matura da stabile a labile Cura della stabilità; promozione di singoli esemplari resistenti o di piccoli gruppi (2-5 alberi); preferenza delle specie di alberi adatte al sito da stabile a media labile da stabile a media labile da stabile a media labile Diradamento mirato alla stabilità; promozione della stabilità dei singoli alberi e della stratificazione Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata Avviare e favorire la rinnovazione; conservare le piante madri stabili per l'avvio della rinnovazione Obiettivo: rimboschimento permanente senza legname grosso, buona miscela di varie classi di diametro Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata; rinnovazione naturale o piantagioni nuove a distanze minime secondo le classi di altezza Avviare la rinnovazione; ev. conservare alcune singole piante madri stabili; Soprassuolo vecchio da eliminare entro 5-10 anni Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata Piano dei provvedimenti per il mantenimento della stabilità nella zona di bosco stabile; catego- Tabella 4: ria 2 Emissione: / 35 - FFS

15 Zona di controllo (Distanza dall'asse del binario pari a 1-1,5 volte l'altezza massima raggiungibile dell'albero) Controllo dello stato: valutare se in caso di caduta di alberi possa innescarsi un effetto domino o possano cadere alberi sul sedime ferroviario (ev. eliminazione degli alberi instabili) Piantagioni nuove e sostitutive Le piantagioni nuove e sostitutive devono essere realizzate in modo tale che i profili di spazio libero necessari (PSLV: : distanza minima e altezza massima) siano sempre rispettati dalle piante. Nella Tabella 5 sono indicate le distanze minime per gli alberi di ciascuna classe di altezza. La classificazione degli alberi è consultabile all'allegato A. La regola base delle distanze per il rinverdimento (allegato B) definisce le distanze minime per le piantagioni nuove e sostitutive dietro le pareti antirumore. Altezza massima Distanza minima Classi di altezza Regola base per il rinverdimento Classe di altezza Altezza massima dalla base Distanza minima della pianta dall'asse del binario Classe di altezza V 3 m 7 m Classe di altezza IV 3-7 m 10 m Classe di altezza III 8-15 m 18 m Classe di altezza II m 27 m Classe di altezza I > 25 m 28 m Tabella 5: Classi di altezza degli alberi e relative distanze minime; categoria Categoria 3: linee secondarie (profilo figura 3) Principi Principi di cura Obiettivo Obiettivo di cura Concetto di cura > Zona di crescita limitata > Zona di bosco stabile Riduzione al minimo delle perturbazioni a fronte di costi ragionevoli Bosco stabile e stratificato ovvero alberi singoli o gruppi di alberi sani; mantenere il PSLV libero da piante legnose; preservare la funzione protettiva del bosco di protezione Distanza minima; stabilità. decade. Fino all altezza massima degli alberi raggiungibile in loco, dall'asse del binario. Popolamento stabile formato da specie adatte al sito con avvio precoce della rinnovazione. Deve sempre essere garantita la distanza minima di 3 m dagli impianti ad alta tensione (OLEI Art. 15 e 35) > Zona di controllo. Distanza dall'asse del binario pari a 1-1,5 volte l'altezza raggiungibile degli alberi; adiacente alla zona di bosco stabile. Popolamento stabile per evitare l effetto domino o la caduta di alberi PSLV v. fig. 3 Tabella 6: Principi di cura per la categoria 3 Emissione: / 35 - FFS

16 R I Profilo di spazio libero per la vegetazione, categoria 3 La linea di profilo minima da rispettare (PSLV) è rappresentata nella figura 3. Figura 3: Popolamento stabile e distanze minime (PSLV); categoria Singoli provvedimenti Zona di bosco stabile (dalla zona di manutenzione intensiva all'altezza raggiungibile degli alberi in loco misurata dall'asse del binario) Controllo dello stato: se la sicurezza d esercizio non può essere garantita o migliorata con provvedimenti di cura, bisogna avviare precocemente una rinnovazione. Assicurare il rispetto del PSLV con l eliminazione di tutte le piante legnose che supereranno la linea di profilo (zona libera da boschetti) (fig. 3) prima dell'intervento successivo Promozione di una struttura di limite del bosco con arbusti e alberi di margine che rispettano naturalmente la linea di profilo Liberare gli esemplari singoli stabili per poter mantenere una lunghezza della chioma pari ad almeno 1/3 dell altezza dell albero Garantire la stabilità con i provvedimenti previsti nella Tabella 7. Emissione: / 35 - Miglioramento della stabilità FFS

17 Stadio di sviluppo Stabilità Provvedimenti Novellame stabile Promuovere le specie di alberi adatte al sito Spessina / Perticaia Fustaia giovane Fustaia adulta Fustaia matura da stabile a labile Cura della stabilità; promozione di singoli esemplari o di piccoli gruppi stabili (2-5 alberi); preferenza delle specie di alberi adatte al sito da stabile a media labile da stabile a media labile da stabile a media labile Diradamento mirato alla stabilità: promozione della stabilità dei singoli alberi e della stratificazione Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata Avviare e favorire la rinnovazione; conservare le piante madri stabili per l'avvio della rinnovazione Obiettivo: rimboschimento permanente senza legname grosso, buona miscela di varie classi di diametro Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata; rinnovazione naturale o piantagioni nuove a distanze minime secondo le classi di altezza conservare le piante madri stabili per l'avvio della rinnovazione; soprassuolo vecchio da eliminare entro 5-10 anni Sgombero fino all altezza albero dal margine della massicciata Piano dei provvedimenti per il mantenimento della stabilità nella zona di bosco stabile; catego- Tabella 7: ria 3 Zona di controllo (Distanza dall'asse del binario pari a 1-1,5 volte l'altezza massima raggiungibile dell'albero) Controllo dello stato: valutare se in caso di caduta di alberi possa innescarsi un effetto domino o possano cadere alberi sul sedime ferroviario (ev. eliminazione degli alberi instabili) Piantagioni nuove e sostitutive Le piantagioni nuove e sostitutive devono essere realizzate in modo tale che i profili di spazio libero necessari (PSLV: : distanza minima e altezza massima) siano sempre rispettati dalle piante. Nella Tabella 8 sono indicate le distanze minime da rispettare per gli alberi di ciascuna classe di altezza. La classificazione degli alberi è consultabile all'allegato A. La regola base delle distanze per il rinverdimento (allegato B) definisce le distanze minime per le piantagioni nuove e sostitutive dietro le pareti antirumore. Altezza massima Distanza minima Classi di altezza Regola base per il rinverdimento Emissione: / 35 - FFS

18 Classe di altezza Altezza massima dalla base Distanza minima della pianta dall'asse del binario Classe di altezza V 3 m 7 m Classe di altezza IV 3-7 m 10 m Classe di altezza III 8-15 m 12 m Classe di altezza II m 15 m Classe di altezza I > 25 m 20 m Tabella 8: Classi di altezza degli alberi e relative distanze minime; categoria Categoria 4: casi speciali (ad es. alberi singoli, gruppi di alberi/alberi di parchi e viali) (profilo fig. 4) Principi Obiettivo Obiettivo di cura Principi di cura Riduzione al minimo delle perturbazioni Alberi singoli sani e stabili Concetto di cura. Conservare la stabilità degli alberi. Garantire il rispetto delle distanze minime. Deve sempre essere garantita la distanza minima di 3 m dagli impianti ad alta tensione (OLEI Art. 15 e 35) PSLV v. fig. 4 Tabella 9: Principi di cura per la categoria Profilo di spazio libero per la vegetazione, categoria 4 La linea di profilo minima da rispettare (PSLV) è rappresentata nella figura 4. Figura 4: Distanze minime (PSLV) dalle parti di impianto sotto tensione, indipendentemente dal confine della parcella FFS; categoria 4 Emissione: / 35 - FFS

19 5.5.3 Singoli provvedimenti Verifica della stabilità dei singoli alberi; promozione della stabilità mediante provvedimenti mirati. Rimozione degli alberi instabili che costituiscono una minaccia per l'esercizio ferroviario. Interventi preventivi volti a garantire il rispetto delle distanze minime (3 m) dalle parti di impianto sotto tensione (palo della linea di contatto, cavo di terra, linea di contatto) sul lungo periodo (tenere in considerazione la crescita di alberi e rami). Rimozione dei rami morti e spezzati. Verifica della presenza di malattie e parassiti degli alberi. Stabilità Distanza minima Vitalità Stato di salute Piantagioni nuove e sostitutive Le piantagioni nuove e sostitutive devono essere realizzate in modo tale che i profili di spazio libero necessari (PSLV: : distanza minima e altezza massima) siano sempre rispettati dalle piante. Nella Tabella 10 sono indicate le distanze minime da rispettare per gli alberi di ciascuna classe di altezza. La classificazione degli alberi è consultabile all'allegato A. La regola base delle distanze per il rinverdimento (allegato B) definisce le distanze minime per le piantagioni nuove e sostitutive dietro le pareti antirumore. Altezza degli alberi Specie Distanza minima Classi di altezza Regola base per il rinverdimento Classe di altezza Altezza massima dalla base Distanza minima della pianta dall'asse del binario Classe di altezza V 3 m 7 m Classe di altezza IV 3-7 m 7 m Classe di altezza III 8-15 m 12 m Classe di altezza II m 15 m Classe di altezza I > 25 m 20 m Tabella 10: Classi di altezza degli alberi e relative distanze minime; categoria 4 Emissione: / 35 - FFS

20 6 Catasto Tutti le superfici boschive rilevanti ai fini della sicurezza (fascia di sicurezza) sono censite in un catasto delle aree verdi (IVEG). Dall'analisi qualitativa e quantitativa del complesso dei boschi e degli alberi singoli situati all'interno della fascia di sicurezza si ricavano i dati per la pianificazione a breve e medio termine dei provvedimenti e il controllo dello sviluppo della vegetazione. Oltre ai dati della DfA (Banca dati degli impianti fissi), il catasto contiene anche le seguenti informazioni: localizzazione delle superfici tipo di vegetazione (tra cui specie di alberi) estensione della superficie interventi di cura e urgenza stabilità rapporti di proprietà La documentazione consiste in un sistema informativo territoriale completo di banca dati, planimetrie e tabelle. Il catasto deve essere aggiornato una volta all'anno. Principio Obiettivo Contenuto Documentazione Aggiornamento 7 Pianificazione e controllo 7.1 Pianificazione Si devono realizzare delle pianificazioni annuali e su più anni per ogni tratta e per tutta la rete delle FFS. Pianificazione delle cure Su tali pianificazioni si basano le convenzioni sulle prestazioni tra i responsabili degli impianti e i servizi preposti alla manutenzione. Gli interessi delle FFS devono essere rappresentati in modo attivo nei confronti di terzi, in particolare dei servizi forestali e dei proprietari di boschi e alberi (sulla base della LFerr). Per garantire a lungo termine gli obiettivi di sicurezza, nelle pianificazioni regionali forestali dei Cantoni le fasce di sicurezza devono essere delimitate come zone o oggetti speciali. Nei confronti di terzi, a seconda dell oggetto e del proprietario, sono possibili le seguenti soluzioni: acquisto di boschi da parte delle FFS contratto di servitù (limitazione della gestione del bosco iscritta a registro fondiario per 25 anni) contratto di gestione (accordo sugli interventi e sugli obiettivi senza iscrizione a registro fondiario, con relativa pianificazione dei termini e dei provvedimenti) convenzione per singoli casi (singolo intervento di cura) Contratti Interessi delle FFS Pianificazione cantonale dello sviluppo boschivo Contratti con terzi Emissione: / 35 - FFS

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Spett.le ERSAF Struttura al servizio al sistema agroforestale via Copernico, 38 20125 MILANO

Spett.le ERSAF Struttura al servizio al sistema agroforestale via Copernico, 38 20125 MILANO BOSCO WWF DI VANZAGO SIC/ZPS IT2050006 RISERVA NATURALE REGIONALE Ente Gestore: WWF ITALIA - Onlus via Tre Campane, 21-20010 Vanzago, (MI) tel: 02.93.41.761 fax: 178.222.89.78 e-mail: boscovanzago@wwf.it

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015 np MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DEI POLLINI Stazioni di :,, e Lido di Camaiore IN PRIMO PIANO: prosegue la fioritura delle Urticacee (ortica e parietaria), delle Corylaceae (carpino nero), delle Platanaceae

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Servizio Prevenzione e Protezione RISCHI COLLEGATI ALL ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO: PRINCIPALI INFORMAZIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Servizio Prevenzione e Protezione RISCHI COLLEGATI ALL ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO: PRINCIPALI INFORMAZIONI RISCHI COLLEGATI ALL ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO: PRINCIPALI INFORMAZIONI A CURA di dott. Barbara Chemotti Trento, dicembre 2002 SOMMARIO: PROBLEMATICHE CORRELATE ALL ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO...4

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano

Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano Relazione a cura di Elena Aldisquarcina LIPU Birdlife Italia 1 1.

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI

Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI DELL EMILIA ROMAGNA LEGENDA: (*) specie con varietà fastigiate (1) a causa della patologia del colpo di fuoco, per l utilizzo di

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI Informambiente via Vlacovich, 4 35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI progetto di coinvolgimento attivo dei bambini nella riqualificazione del verde urbano SCHEDE DEGLI ALBERI

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R. 2007-2013 REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ROMA CAPITALE. REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI, LA TUTELA E LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO VERDE URBANO (pubblico e privato)

ROMA CAPITALE. REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI, LA TUTELA E LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO VERDE URBANO (pubblico e privato) ROMA CAPITALE REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI, LA TUTELA E LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO VERDE URBANO (pubblico e privato) 1/56 INDICE Criteri generali... 4 Art. 1 Oggetto del regolamento... 4 Art. 2 Principi

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

;4 ;4 < '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74

;4 ;4 < '*%!!!+,...73 '-4(.%!...74 '*%"!!!"+,...73 '-4(.%!...74 %%!% %%!%...75 '/+%%%!%...75 '0!%!%%!%...75 '1%.!((!%%!%...77 *2%%!%!...77 4)++! ++! %+!! 8 ''/910%...78 *+%++! %+!! 8!''/910%:...78 *#!%!++! %+!! 8!''/910 %: 78 *& %.! ((!

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato

settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato settore ambiente e verde urbano Regolamento..Comunale del..verde..pubblico..e..privato Marzo 2009 INDICE TITOLO I. PRINCIPI GENERALI PER LA TUTELA DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO... 1 Articolo 1. Finalità...

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA 1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA Questo romanzo, ambientato nella seconda metà del Settecento, ha come protagonista il barone Cosimo Piovasco di Rondò, primogenito di una nobile famiglia ligure dell immaginario

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli