Formazione in materia di radioprotezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formazione in materia di radioprotezione"

Transcript

1 Formazione in materia di radioprotezione A cura di: Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2

2 Quadro normativo nazionale D.Lgs. 81/2008 Potenziali fonti di rischio CAPO VIII agenti fisici Decreto Legislativo 230/95 Decreto Legislativo 241/00 Decreto Legislativo 257/01

3 Art. 61 Obblighi dei datori di lavoro, dirigenti e preposti. e) rendere edotti i lavoratori, nell'ambito di un programma di formazione finalizzato alla radioprotezione, in relazione alle mansioni cui essi sono addetti, dei rischi specifici cui sono esposti, delle norme di protezione sanitaria, delle conseguenze derivanti dalla mancata osservanza delle prescrizioni mediche, delle modalità di esecuzione del lavoro e delle norme interne definita tutta la materia di formazione

4 Concetto «base» da D. Lgs. 241/00 SORGENTE PRATICA ovvero: attività umana che e' suscettibile di aumentare l'esposizione degli individui alle radiazioni provenienti da una sorgente artificiale, o da una sorgente naturale di radiazioni sia macchina radiogena. sia sorgente radioattiva Deve soddisfare i principi di radioprotezione Deve essere preventivamente richiesto benestare di progetto all E.Q.

5 Principi concernenti le pratiche (art. 2) 1. Nuovi tipi o nuove categorie di pratiche che comportano un'esposizione alle radiazioni ionizzanti debbono essere giustificati, anteriormente alla loro prima adozione o approvazione, dai loro vantaggi economici, sociali o di altro tipo rispetto al detrimento sanitario che ne può derivare. 2. I tipi o le categorie di pratiche esistenti sono sottoposti a verifica per quanto concerne gli aspetti di giustificazione ogniqualvolta emergano nuove ed importanti prove della loro efficacia e delle loro conseguenze. 3. Qualsiasi pratica deve essere svolta in modo da mantenere l'esposizione al livello più basso ragionevolmente ottenibile, tenuto conto dei fattori economici e sociali. 4. La somma delle dosi derivanti da tutte le pratiche non deve superare i limiti di dose stabiliti per i lavoratori esposti, gli apprendisti, gli studenti e gli individui della popolazione. Principio di giustificazione Principio di ottimizzazione (ALARA) Principio di limitazione della dose individuale

6 Cosa vuole dire - da un punto di vista operativo - in Ateneo? RADIOPROTEZIONE da RADIAZIONI IONIZZANTI disciplina il cui scopo è quello di ottimizzare il rapporto RISCHI/BENEFICI associati ad una PRATICA RADIOLOGICA radiazioni in grado di produrre ionizzazione in un mezzo investito radiazioni con E > 30 ev n > Hz

7 solo per ricordare, le RADIAZIONI SI DICONO IONIZZANTI NON IONIZZANTI

8 (piccola nota «scolastica» ) LE RADIAZIONI IONIZZANTI sono anche dette direttamente ionizzanti non-direttamente ionizzanti se elettricamente cariche (a, b) se elettricamente neutre (n, g, X)

9 dove (segue la piccola nota «scolastica» ) da un nucleo di un elemento radioattivo si può avere emissione a (= particella massiva formata da 2 neutroni e 2 protoni). Il fenomeno è spesso descritto dall espressione «decadimento alfa». Esempi di radionuclidi che decadono a sono 241 Am; 226 Ra; 210 Po da un nucleo di un elemento radioattivo si può avere emissione b (= particella simile ad un elettrone). Il fenomeno è spesso descritto dall espressione «decadimento beta». Esempi di radionuclidi che decadono b sono 3 H; 14 C; 32 P; 90 Sr

10 dove (segue la piccola nota «scolastica» ) da un elemento radioattivo si può avere emissione g (= radiazione elettromagnetica). Tipicamente, i g sono dovuti a riassesti energetici del nucleo, successivi a decadimenti radioattivi (ciò implica che molti elementi radioattivi, oltre a decadere in uno dei modi prima definiti, hanno anche delle «emissioni g») i raggi X non sono prodotti da materiali radioattivi, ma da apparecchi (chiamati «macchine radiogene»). Non sono dissimili dai g se non per il fenomeno di produzione (i raggi X sono di produzione artificiale, i g da riassesto energetico dei nuclei)

11 e (segue la piccola nota «scolastica» ) l atomo è formato da elettroni (che ruotano attorno al nucleo in regioni chiamate «orbitali»; sono elettricamente carichi negativamente ed hanno una massa che è circa 1836 volte minore di quella di uno dei costituenti il nucleo) e da un nucleo costituito da protoni (particelle cariche positive) e neutroni (elettricamente neutri). Allo stato fondamentale e stabile, il numero di protoni e quello di elettroni è identico, quindi l atomo nel suo insieme è elettricamente neutro. ma se, cedendo energia dall esterno, libero uno dei costituenti dell atomo (elettroni in primis) questo bilanciamento viene meno

12 quindi IONIZZARE = PRODURRE COPPIE DI IONI NEL MEZZO INVESTITO dove la coppia di ioni è formata dall ELETTRONE e dall ATOMO CARICO POSITIVO

13 Il «problema» sarà allora come e dove - l energia di questi ioni si deposita nel mezzo investito, quando il «mezzo investito» è l uomo!!!

14 e quali potenziali effetti potranno eventualmente - essere generati

15 RADIOPROTEZIONE: per chi? POPOLAZIONE LAVORATORI PAZIENTI cioè una corretta protezione del lavoratore, con la collaborazione dello stesso, è sicuramente fattiva alla radioprotezione di tutti.ovvero PROPRIA, dei COLLEGHI, ma anche della POPOLAZIONE IN GENERE e degli eventuali PAZIENTI

16 Domanda: come si può manifestare un EFFETTO?????? Azione biochimica Insorgenza patologia Cellula Alterazione funzionale MANIFESTAZIONE STOCASTICA DEL DANNO Radiazione Radicali liberi Effetto diretto + Effetto indiretto Morte cellulare MANIFESTAZIONE DETERMISTICA DEL DANNO

17 MANIFESTAZIONE DETERMINISTICA DEL DANNO a soglia breve tempo di latenza nesso causalità diretto Compito della radioprotezione sarà escludere la possibilità di insorgenza MANIFESTAZIONE STOCASTICA DEL DANNO senza soglia possibile lungo tempo di latenza difficile nesso causalità (probabilità) Compito della radioprotezione sarà ridurre al minimo la probabilità di insorgenza

18 ma come la radioprotezione può soddisfare questi 2 compiti? Analizzando le condizioni di gestione/tenuta delle sorgenti, nonché le condizioni di lavoro Definendo regole di comportamento Richiedendo di limitare il tempo e/o il numero di manipolazioni e/o il tipo di nuclide utilizzato Imponendo barriere protettive ovvero definendo delle condizioni di lavoro che assicurino il rispetto di determinati LIMITI DI ESPOSIZIONE per l individuo. Questi LIMITI saranno fissati dal legislatore e il loro rispetto assicurerà dall insorgenza di patologie

19 Il centro del problema sarà stabilire come SORGENTE, CAMPO DI RADIAZIONE e PERSONA sono in relazione tra loro SORGEN TE ognuno dei «3 elementi» con le caratteristiche che lo contraddistinguono, ovvero

20 Schematizzando tipo caratteristiche proprietà Sorgente Campo di radiazione a; b; g; n; X ambiente Distanza Tempo permanenza D.P.I. Operatore RADIOPROTEZIONE DEGLI AMBIENTI RADIOPROTEZIONE DEI LAVORATORI

21 D. Lgs. 230/95 s.m.i. Radioprotezione degli ambienti Radioprotezione degli operatori Classificazione delle aree Classificazione ed idoneità dei lavoratori Esperto Qualificato U.O. Fisica Sanitaria Esperto Qualificato U.O. Fisica Sanitaria Medico addetto alla sorveglianza medica U.O. Medicina del Lavoro

22 Chi è l ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE? PER TUTTE LE ATTIVITA CON RISCHIO DA RADIAZIONI IONIZZANTI, IL DATORE DI LAVORO DEVE NOMINARE UN ESPERTO QUALIFICATO. L ESPERTO QUALIFICATO E UNA PERSONA ISCRITTA IN UN ELENCO NAZIONALE, CHE E ABILITATA AD ESERCITARE LA SORVEGLIANZA FISICA DELLA RADIOPROTEZIONE. L ESPERTO QUALIFICATO VALUTA IL RISCHIO, EFFETTUA LE MISURE DI RADIOPROTEZIONE, CLASSIFICA LE AREE E LE PERSONE, REDIGE RELAZIONI PERIODICHE POST-CONTROLLO, PREDISPONE LE NORME DI RADIOPROTEZIONE, TRASMETTE AL MEDICO COMPETENTE I RISULTATI DELLE DOSIMETRIE INDIVIDUALI. Per tutti i dettagli sulle modalità e/o modulistica, si rimanda al QUADERNO OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE - di cui copia è presente in ogni laboratorio e scaricabile al link

23 solo per «ripasso» GRANDEZZE E UNITA DI MISURA Energia assorbita nel mezzo investito Dose assorbita [Gy] D de dm Fattori di peso per il tipo di radiazione w r Dose equivalente [Sv] H t wr Dr, r t ICRP 60 D. Lgs. 241/00 Fattori di peso per il tipo di organo o tessuto irraggiato w t Dose efficace [Sv] E w t H t t

24 Classificazione delle aree Tutte le aree di lavoro in cui esiste la possibilità di manipolazione/detenzione di sorgenti radioattive e/o macchine radiogene sono classificate dall EQ. ogni area in cui sussiste il rischio di superamento dei limiti: ZONA CONTROLLATA 6 msv/anno DI DOSE EFFICACE 45 msv/anno DI DOSE EQUIVALENTE PER IL CRISTALLINO 150 msv/anno DI DOSE EQUIVALENTE PER LA PELLE E PER LE ESTREMITÀ. Ogni area in cui sussiste il rischio di superamento dei ZONA SORVEGLIATA 1 msv/anno DI DOSE EFFICACE 15 msv/anno DI DOSE EQUIVALENTE PER IL CRISTALLINO 50 msv/anno DI DOSE EQUIVALENTE PER LA PELLE E PER LE ESTREMITÀ.

25 Esempio: delimitazione delle aree Anche se all interno della zona non è OVUNQUE PRESENTE lo stesso rischio, per semplicità anche degli utilizzatori si tende ad estendere la classificazione della ZONA fino ai cosiddetti «vincoli fisici» (=muri). ZONA SORVEGLIATA BETA COUNTER ZONA CONTROLLATA CAPPA MANIPOLAZIONE CASSAFORTE

26 Ovviamente tutte le aree classificate devono essere OPPORTUNAMENTE SEGNALATE e all interno delle stesse DEVONO ESSERE RISPETTATE regole stringenti di sicurezza. Esempi di cartellonistica presente nei laboratori di Ateneo

27 Esempio di NORME INTERNE DI RADIOPROTEZIONE copia «personalizzata» relativa alle attività che vengono svolte all interno del laboratorio DEVE essere affissa all ingresso del laboratorio, resa visibile per tutti e portata a conoscenza di TUTTI GLI OPERATORI AUTORIZZATI all utilizzo del laboratorio

28 oltre ai segnali ed alle NORME INTERNE in tutti i laboratori devono essere presenti i datasheet relativi alle sorgenti manipolate

29 Classificazione del personale VALORI LIMITE DI DOSE ANNUA (da Allegato III e IV del D. Lgs. 230/95 modificati da D. Lgs. 241/00) PROTEZIONE DA:

30 Classificazione del personale quindi per un lavoratore che sia stata classificato dall EQ come NON ESPOSTO è stata stimata una dose efficace annua dovuta alla sua attività lavorativa < 1 msv/y ESPOSTO di cat. B ESPOSTO di cat. A è stata stimata una dose efficace annua dovuta alla sua attività lavorativa < 6 msv/y è stata stimata una dose efficace annua dovuta alla sua attività lavorativa < 20 msv/y

31 CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE in generale (distinzione ovviamente semplicistica, ogni caso va analizzato a parte) LAVORATORE CLASSIFICATO ESPOSTO LAVORATORE CLASSIFICATO NON ESPOSTO Entrambi possono venire a contatto con materiale radioattivo ma, ovviamente, in quantità, per tempi e/o modi diversi: Diluizione della sorgente con prelievo dalla boccetta d origine e marcatura di molecola Trasporto della molecola marcata all interno di vials e misura

32 CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE in generale (distinzione ovviamente semplicistica, ogni caso va analizzato a parte) LAVORATORE CLASSIFICATO ESPOSTO LAVORATORE CLASSIFICATO NON ESPOSTO Entrambi possono utilizzare l apparecchio RX ma, ovviamente, secondo modalità diverse: Colui che è presente in sala durante procedure di radiologia interventistica Colui che utilizza apparecchi RX a fascio blindato

33 tutto questo vale per chi?? LAVORATORI = TUTTI coloro che svolgono attività con rischio di esposizione da radiazione ionizzante STRUTTURATI NON STRUTTURATI PERSONALE CLASSIFICATO

34 QUALI ( e quante) SORGENTI IN ATENEO? Apparecchi RX apparecchi RX per pazienti umani apparecchi RX per pazienti animali Fascio RX libero apparecchi RX tra XRF; diffrattometri; apparecchi prototipali Sorgenti radioattive Sorgenti sigillate 3 H (trizio) 14 C (carbonio-14) Sorgenti non sigillate 125 I (iodio-125) 32 P (fosforo-32)

35 E ANCORA Gascromatografi 63 Ni (nichel 63) (tipicamente da 555 MBq) N.O.R.M. Materiali che contengono una concentrazione di radionuclidi naturali significativa (refrattari, sabbie zirconifere, etc.) Microscopia elettronica Acetato d uranile (UO 2 (CH 3 COO) 2 *2H 2 O)

36 Apparecchi RX: cosa sono? Apparecchio RX per radiologia endorale ( la famosa «lastrina» fatta dal dentista ) Apparecchio RX per radiologia veterinaria

37 Apparecchi RX: ma anche Apparecchio RX per indagini in fluorescenza su opere d arte Apparecchio RX per indagini diffrattometriche su campioni

38 Sorgenti radioattive: cosa (e come) sono? Sorgenti puntiformi per taratura di strumentazione Kit di radionuclide per marcature e preparazione vials

39 ma allora 1. Analisi condizioni ambientali che sorgente? dove è sita? per quanto tempo? 2. Analisi della situazione lavorativa come (schermi o no)? distanze? quante volte/anno?

40 Vediamo alcuni esempi di «casi» pratici Caratteristiche della sorgente Sorgente radioattiva Kit di fosforo 32 ( 32 P) per autoradiografia Tipo di decadimento Beta puro con Energia Max = 1,71 MeV Attività della sorgente Manipolazione di 370 kbq (=10 mci) per definire il campo di radiazione a cui l operatore sarà esposto

41 quindi, possibili vie di esposizione Esposizione esterna (= irraggiamento) da Manipolazione del nuclide Manipolazione dei rifiuti di lavorazione Esposizione a superfici contaminate Intake (= contaminazione interna) da Inalazione di parte volatile del nuclide o di suo composto Ingestione di liquidi e/o solidi Contaminazione transcutanea

42 (piccola nota «scolastica» ) definizione di ATTIVITA di una sorgente radioattiva L attività di una sorgente radioattiva è una grandezza che si valuta a partire dal numero di disintegrazioni (=decadimenti) che avvengono in un secondo. In particolare: una sorgente che presenta 1 decadimento al secondo ha un attività di 1 Becquerel (1 Bq) La vecchia unità di misura per l attività era il Curie (Ci; pari al numero di disintegrazioni prodotte da 1 grammo di radio in un secondo) per le conversioni, valgono 1 Bq = 2.7 * Ci 1 Ci = 3,7 * Bq = 37 GBq

43 (piccola nota «scolastica» ) ovviamente, l attività di una sorgente radioattiva subirà variazioni nel corso del tempo (in particolare, diminuirà a seguito del processo di decadimento della sorgente). Il decadimento di una sorgente viene, tipicamente, quantificato dalla grandezza tempo di dimezzamento (o emivita del radioisotopo) L'emivita di un radioisotopo è definita come il tempo necessario perché la metà degli atomi di un campione puro dell'isotopo decadano in un altro elemento. Es.: grafico dell andamento dell attività di fosforo 32 al passare del tempo

44 Partiamo da analisi di possibile Esposizione esterna domande alle quali «bisogna» sempre rispondere a che distanza dalla sorgente??? per quanto tempo? sono presenti schermi?

45 FATTORE DISTANZA La dose decresce «con l inverso del quadrato della distanza» ovvero se la distanza diventa il doppio, la dose diventa ¼ se la distanza triplica, la dose diventa 1/9 se la distanza quadruplica, la dose diventa 1/16 etc.

46 FATTORE TEMPO La dose è «direttamente proporzionale» al tempo di esposizione alla sorgente ovvero se il tempo raddoppia, la dose diventa il doppio se il tempo triplica, la dose diventa 3-volte se il tempo dimezza, la dose diventa 1/2 etc. quindi: se possibile, è sempre bene manipolare per POCO TEMPO E LONTANI (usando, per esempio, pinze distanziatrici o altro) quando non è possibile

47 FATTORE SCHERMO In funzione delle caratteristiche del campo di radiazione (ovvero, se generato da raggi x o g oppure generato da sorgenti b-emettitrici o a-emettitrici) può essere necessario aggiungere schermi che proteggano gli operatori e/o l ambiente. Questi schermi dovranno essere «diversi» per tipologia di sorgente, in quanto le caratteristiche dei campi di radiazione possono essere molto diverse tra loro. Banalmente,

48 FATTORE SCHERMO Schermi per campi di radiazione da sorgente a? Se la sorgente è esterna al corpo umano, è pressoché impossibile che vi sia rischio di irraggiamento Schermi per campi di radiazione da sorgente b? Se i beta della sorgente sono molto energetici (es., 32 P) è necessario uno schermo in materiale leggero (plexiglass da 1 cm) Schermi per campi di radiazione g? In funzione dell energia dei gamma, è necessario uno schermo in materiale pesante (es., piombo) di spessore idoneo

49 Esposizione esterna consideriamo quindi TEMPI, DISTANZE e SCHERMI tipici di una situazione lavorativa e proviamo a fare qualche semplice calcolo: Stima di dose per emettitore beta 3 H il trizio è un emettitore beta puro con energia media dei beta di ca. 5,7 kev il libero percorso medio dei beta del trizio in aria è di ca. 6 mm (in acqua di 0,006 mm) LA DOSE DA IRRAGGIAMENTO ESTERNO PUO ESSERE CONSIDERATA PRESSOCHE TRASCURABILE SE LA DISTANZA CON LA SORGENTE E MAGGIORE DI 1 cm Stima di dose per emettitore beta 14 C il carbonio 14 è un emettitore beta puro con energia media dei beta di ca. 50 kev il libero percorso medio dei beta del 14 C in aria è di ca. 25 cm (in acqua di 0,28 mm) LA DOSE DA IRRAGGIAMENTO ESTERNO PUO ESSERE STIMATA IN ca. 0,2 mgy/hr A 10 cm DA SORGENTE DI 370 kbq (10 mci) NON SCHERMATA E PRESSOCHE TRASCURABILE A 30 cm

50 #/nt Stima di dose per emettitore beta 32 P E max = 1709 kev E media = 690 kev Libero percorso medio dei beta in aria aria = 790 cm Libero percorso medio dei beta in acqua acqua = 0.8 cm P-32 9,00E-02 8,00E-02 7,00E-02 6,00E-02 5,00E-02 4,00E-02 3,00E-02 2,00E-02 1,00E-02 0,00E+00 0,000 0,300 0,600 0,900 1,200 1,500 1,800 Energy (Mev) consideriamo una sorgente da 370 kbq (10 mci): a 10 cm la dose da irraggiamento esterno può essere stimata in ca. 0,35 mgy/hr ed a 30 cm in ca. 0,04 mgy/hr..se il tempo di esposizione dell operatore a queste distanze è elevato, la dose può diventare significativa....manipolazione DIETRO A SCHERMO IN PLEXIGLASS da 1 cm..

51 ma se si verifica intake? Sarà necessario considerare la cinetica del nuclide all interno del corpo umano. Per esempio nel caso di fosforo 32 si potrà dire che: circa il 70% del fosfato inalato (classe di assorbimento M) viene rapidamente eliminato attraverso le vie respiratorie, il sistema digerente (frazione di riassorbimento f1=0,8) e le vie urinarie. Il fosfato che raggiunge la circolazione sanguigna viene riassorbito per il 70% circa dai tessuti molli e dal tessuto osseo. La permanenza di questa frazione è determinata dal tempo di dimezzamento fisico e dall eliminazione relativamente rapida dai tessuti molli per via urinaria (tempo di dimezzamento biologico: 19 giorni). Queste valutazioni, piuttosto complesse, andranno eseguite dall EQ anche sulla base di software specifici

52 OVVIAMENTE PER TUTTE LE SORGENTI VALGONO Tutte le manipolazioni di sostanze radioattive devono essere effettuate con guanti monouso in plastica Tutte le operazioni che riguardano i kit (apertura dei flaconi, prelievi, diluizioni, ecc.) devono essere effettuate su vassoi che permettano il contenimento dei liquidi: tutte le superficie interessate devono essere lisce, ricoperte di fogli monouso di polietilene e/o carta assorbente, che dovranno essere eliminati come rifiuti radioattivi una volta terminata la manipolazione. Se possibile, è bene effettuare le operazioni dietro schermo di plexiglas anche per nuclidi con beta di bassa energia (obbligatorio per 32 P). I rifiuti radioattivi prodotti devono essere raccolti, etichettati (indicare la data, il tipo di nuclide e l attività) e riposti in appositi contenitori..oltre a tutte le altre norme di sicurezza specifiche per il tipo di attività che viene svolta nel laboratorio.. Al termine dell attività lavorativa, il laboratorio deve essere accuratamente riordinato e ripulito. E obbligatorio effettuare misure al fine di evidenziare eventuali contaminazioni di superfici, indumenti o altro. E vietato manomettere, rimuovere, spostare ogni indicazione e/o schermatura presente nella stanza.

53 PER QUANTO RIGUARDA I TUBI RX apparecchi RX a fascio blindato si dicono «a fascio blindato» tutti gli apparecchi RX in cui il fascio di radiazione X non è libero, ma è sempre vincolato dentro guide e/o percorsi schermati in piombo diffrattometro PW1730 particolare del tubo RX e del goniometro apparecchi RX a fascio libero apparecchio per indagini veterinarie

54 In particolare 1) I raggi X sono prodotti all interno della cuffia SOLO quando il tubo RX è acceso ed è attivata la fase di emissione: pertanto non si ha emissione a tubo spento e/o a pulsante non attivato 2) I raggi X sono prodotti dall interazione di elettroni emessi dal catodo - con un anodo in tutte le direzioni: la direzionalità del fascio RX è data dalla presenza di una struttura in piombo che lascia libera al cammino dei raggi X solo la direzione ortogonale al paziente/oggetto da radiografare 3) La sorgente RX è pertanto il tubo in vetro all interno del quale si trovano il catodo e l anodo

55 quando il pulsante è attivo e il tubo RX accesso ovvero i raggi X investono il paziente (o il mezzo) e vengono diffusi da quest ultimo. TUBO RX Quindi il campo di radiazione che si genera attorno al complesso tubo RX-paziente potrà essere caratterizzato da 3 contributi: 1. RADIAZIONE PRIMARIA (detta anche DIRETTA): è il campo «più intenso» che investe il paziente 2. RADIAZIONE DI FUGA: è quella che può uscire dalla guaina se questa non è a tenuta 3. RADIAZIONE DIFFUSA: è quella che diffonde dall interazione tra il fascio primario ed il paziente

56 ovviamente valgono ancora legge dell inverso del quadrato della distanza: la dose decresce in maniera quadratica con l aumentare della distanza proporzionalità diretta con il tempo: la dose aumenta linearmente con il passare del tempo di esposizione

57 Noti i dati dell apparecchio RX e degli esami che si andranno ad eseguire, sarà quindi possibile valutare la dose nelle diverse posizioni e, come nel caso delle sorgenti radioattive, individuare aree da classificare ZONA SORVEGLI ATA ZONA CONTROLLATA così come sarà possibile valutare i potenziali livelli di esposizione a cui sarà esposto un lavoratore che debba necessariamente essere presente all interno delle aree

58 Fattore schermo: barriere anti-x Qualora sia necessario, i muri delle stanze in cui si trovano i tubi RX possono essere rinforzati con schermi aggiuntivi in piombo per ridurre la dose nei locali confinanti. Schermi analoghi, ma mobili, possono essere richiesti all interno delle sale Fattori d attenuazione tipici per spessori diversi di lastre in piombo

59 e se l operatore deve essere presente in sala durante le indagini radiologiche: Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) Camice da 0.5 mmpb: attenuazioni percentuali in termini di F (hn) Tensione (kv) Attenuazione %

60 Anche in questi casi esisteranno NORME SPECIFICHE la persona che si appresta ad utilizzare l impianto RX ha l obbligo di controllare che nessun altro si trovi in sala, salvo il personale necessario all indagine durante gli esami radiologici, gli operatori devono portarsi dietro la paratia mobile e possibilmente ad una distanza di almeno 2 m dal tubo radiogeno e dal corpo dell animale gli operatori che hanno necessità di trovarsi in prossimità dell animale devono utilizzare gli indumenti in gomma piombifera e usare la massima attenzione a non esporsi direttamente al fascio primario; si rammenta che il dosimetro personale a badge va portato sotto l indumento in gomma piombifera è fatto obbligo al personale di valutare attentamente i dati radiologici impostati a consolle al fine di non dover ripetere inutilmente i radiogrammi

61 nel caso di apparecchi RX a fascio blindato (ovvero, molti diffrattometri) non esistono vetri, ma il fascio RX è blindato in guaina piombata il tubo RX ed il sistema goniometrico sono racchiusi all interno di chassis con microswitch sui vetri che non consentono l erogazione dei raggi X a vetro aperto

62 in questi casi varranno NORME SPECIFICHE E' severamente vietato manomettere i sistemi di segnalazione e sicurezza installati sull'apparecchiatura nonché l'apparecchiatura stessa; è vietato l'utilizzo dell'apparecchiatura qualora i suddetti dispositivi risultassero non efficienti e/o non funzionanti L'uso dell'apparecchiatura è consentito unicamente a personale specificatamente formato ed autorizzato, il cui elenco aggiornato deve figurare in prossimità dell'impianto. Tale personale deve essere informato sui possibili rischi specifici a cui è esposto Gli operatori devono utilizzare l'apparecchiatura attenendosi scrupolosamente alle norme tecniche d utilizzo riportate sui manuali d'uso nonché alle presenti norme di radioprotezione; copia delle stesse deve essere facilmente consultabile nei locali in cui l'apparecchiatura è installata Gli operatori devono limitarsi all'impiego delle apparecchiature senza effettuare operazioni che comportino lo smontaggio della stessa e/o l'accesso diretto al tubo radiogeno

63 DOSIMETRO PERSONALE L impiego del dosimetro personale è obbligatorio per legge solo per i lavoratori classificati di cat. A Di norma, al fine di poter valutare il reale carico di lavoro, viene fornito in UNIBO anche ai classificati in cat. B In casi particolari, come complemento alle valutazioni ambientali, l EQ può ritenere ragionevole fornire dosimetri personali anche a lavoratori classificati come NON ESPOSTI. Come e dove si porta il dosimetro? Badge Badge Bracciale Bracciale

64 All atto della prima fornitura, ad ogni lavoratore e comunque ad ogni laboratorio viene fornito il seguente elenco di istruzioni per una corretta gestione del dosimetro personale.

65 In caso di EMERGENZE

66 Emergenza che riguarda apparecchio con tubo RX In caso di INCENDIO: IN CASO DI INCENDIO CHE COINVOLGA LE ATTREZZATURE RADIOGENE O I SISTEMI DI PROTEZIONE INSTALLATI (SCHERMATURE DI PIOMBO CHE POSSONO FONDERE, CIRCUITI DI INTERRUZIONE, LUCI DI SEGNALAZIONE, ETC) BISOGNA INTERROMPERE IMMEDIATAMENTE L ALIMENTAZIONE ELETTRICA DELL APPARECCHIO. Ovviamente, una volta tolta l alimentazione, l apparecchio RX non presenta alcun rischio di emissione e/o contaminazione radiologica

67 Emergenza che riguarda apparecchio con tubo RX In caso di MALFUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI SICUREZZA (shutter di chiusura e/o microswitch sulle porte): BISOGNA INTERROMPERE IMMEDIATAMENTE L ALIMENTAZIONE ELETTRICA DELL APPARECCHIO ED ASSICURARSI, PRIMA DEL RIUTILIZZO, CHE GLI IMPIANTI SIANO TUTTI RIPRISTINATI E CORRETTAMENTE FUNZIONANTI

68 Emergenza che riguarda apparecchio con tubo RX In caso di FRATTURA DELLE SCHERMATURE PRESENTI (per es., da urti o altro): BISOGNA INTERROMPERE IMMEDIATAMENTE L ALIMENTAZIONE ELETTRICA DELL APPARECCHIO E VIETARE L UTILIZZO DELL APPARECCHIO, FINO A SUCCESSIVA VERIFICA DA PARTE DELL EQ CHE, SE DEL CASO, PROVVEDERA A RICHIEDERE SOSTITUZIONE E/O RIPRISTINO DELLE SCHERMATURE

69 Emergenza che riguarda sorgenti radioattive All interno di ogni locale con rischio da sorgenti radioattive, è presente un piano d emergenza (relativo al tipo di sorgenti presenti), in cui sono indicate le prime azioni da svolgere.

70 solo per avere alcuni dati di confronto DOSI MEDIE ALLA POPOLAZIONE DA SORGENTI NATURALI Sorgente di esposizione Radiazione cosmica Componenti direttamente ionizzanti e fotoni Dose efficace annuale (msv) Media 0,28 Neutroni 0,10 Radionuclidi cosmogenici 0,01 Esposizione esterna alla radiazione terrestre Intervallo tipico Totale 0,39 0,3-1,0 All aperto 0,07 In luoghi chiusi 0,41 Esposizione per inalazione Totale 0,48 0,3-0,6 Serie dell uranio e del torio 0,006 Radon (Rn-222) 1,15 Toron (Rn-220) 0,10 Esposizione per ingestione Totale 1,26 0,2-10 K-40 0,17 Serie dell uranio e del torio 0,12 Totale 0,29 0,2-0,8

71 DOSI MEDIE ALLA POPOLAZIONE ITALIANA Questo dato, mediamente <0.1 msv/y, è confrontabile con i valori di esposizione media per attività con rischio da radiazioni ionizzanti rilevati presso i lavoratori UNIBO

72 Ovviamente: 1. Quanto indicato in questa presentazione è necessariamente generale: ogni «lavoratore» intenso nella sua accezione legislativa ha l obbligo di informarsi di ogni NORMA e/o INDICAZIONE presenti nel luogo di lavoro in cui presterà la propria opera, così come è obbligo della STRUTTURA fornire al lavoratore copia di ogni informazione 2. E obbligo della STRUTTURA che ospita il «lavoratore» addestrare all utilizzo in sicurezza delle sorgenti di radiazioni ionizzanti presenti nei propri laboratori

73 Ora è necessario eseguire il test di valutazione (file TEST.PDF all interno dello stesso archivio): si rammenta che è obbligatorio inviarlo assieme alla scheda di radioprotezione, altrimenti l EQ non procederà ad effettuare la classificazione

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione Elementi di Radioprotezione Programma di formazione generale sui rischi da radiazioni ionizzanti in ambito sanitario AREA LABORATORI Realizzato con la collaborazione di: Dott. Luigi Frittelli Dott. Deleana

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00)

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Lavoratori non esposti ( All. III par 1.2 D. Lgs 241/00) Soggetti che per la loro attività, in un anno solare, non sono suscettibili di ricevere una esposizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA. RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA. RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida I EDIZIONE DOTT. ANTONIO

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Corso di formazione obbligatoria sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro La sicurezza ed il lavoro con le Radiazioni Ionizzanti (Art. 22, D.Lgs.

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230 (approvato con DR n. 181607 del 3.3.1998) Elaborazione a cura dell Ufficio del Servizio Prevenzione e

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X.

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Macchine radiogene Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Analogamente ad una lampadina che emette luce solamente quando

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

Area Comune PET/TC CICLOTRONE. La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia. Radiazioni Ionizzanti. Radiazioni Ionizzanti

Area Comune PET/TC CICLOTRONE. La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia. Radiazioni Ionizzanti. Radiazioni Ionizzanti Area Comune PET/TC CICLOTRONE La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia Radiazioni Ionizzanti Le Radiazioni Ionizzanti sono radiazioni elettromagnetiche di energia sufficiente per poter ionizzare

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE

RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE Progetto Misura della radioattività ambientale SIF in collaborazione con INFN ed AIF con la sponsorizzazione del MIUR e del Ministero dell Ambiente RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE Allegato tecnico a cura

Dettagli

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI Dott. Carlo Cicardi Università degli Studi di Milano Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D. Lgs. 26 maggio 2000 n. 187, dal D. Lgs.

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne RADIOPROTEZIONE Scienza interdisciplinare avente l obiettivo di preservare lo stato di salute e di benessere dei lavoratori, degli individui, della loro progenie e della popolazione nel suo insieme, riducendo

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE

Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE Opuscolo per la formazione del personale esposto a radiazioni ionizzanti per ragioni professionali

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE CORSO DI FORMAZIONE QUINQUENNALE OBBLIGARTORIO IN MATERIA DI RADIOPROTEZIONE Dott.ssa Antonella RIVOLTA INQUADRAMENTO LEGISLATIVO RADIOPROTEZIONE Scienza interdisciplinare

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Qualità delle radiazioni Dose Danno biologico Limiti di legge Confronto fra esposizioni

Dettagli

Radioattività nel materiale storico e nelle costruzioni dell'esercito svizzero

Radioattività nel materiale storico e nelle costruzioni dell'esercito svizzero Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP LABORATORIO SPIEZ Markus Zürcher 10 giugno 2013 Radioattività

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei rifiuti radioattivi Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Come smaltire rifiuti contaminati da sostanze radioattive? Per la legge i rifiuti si distinguono

Dettagli

Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD

Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD Analisi delle caratteristiche di radioprotezione del paziente e dell operatore Apparecchio Endorale portatile NOMAD Premessa La ditta Revello ha fornito alla dell AUSL Modena un apparecchio Endorale portatile

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA PAG. 1 DI 7 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA APPENDICE A6 RISCHI PRESENTI NELL IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI (WTE) DEPOSITO PRELIMINARE

Dettagli

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non sigillate a scopo medico Riferimenti tecnici I.C.R.P. Pubblication

Dettagli

Radioattività e radioprotezione. Opuscolo divulgativo sulle conoscenze di base in materia di radioattività e radioprotezione

Radioattività e radioprotezione. Opuscolo divulgativo sulle conoscenze di base in materia di radioattività e radioprotezione Radioattività e radioprotezione Opuscolo divulgativo sulle conoscenze di base in materia di radioattività e radioprotezione Radioattività e radioprotezione Opuscolo divulgativo sulle conoscenze di base

Dettagli

La radioattività - Un introduzione

La radioattività - Un introduzione La radioattività - Un introduzione L ATOMO E IL NUCLEO Mediante celebri esperimenti condotti all inizio del secolo scorso sotto la guida di Ernest Rutherford è stato stabilito che l atomo è composto di

Dettagli

MASTER di PRIMO LIVELLO

MASTER di PRIMO LIVELLO MASTER di PRIMO LIVELLO VERIFICHE DI QUALITA IN RADIODIAGNOSTICA, MEDICINA NUCLEARE E RADIOTERAPIA CONTROLLI delle PRESTAZIONI delle APPARECCHIATURE RADIOLOGICHE e RADIOPROTEZIONE del PAZIENTE Parte I

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA

RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA STEELMASTER 2003 RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA Relatore Dott. Ferrari S. Tesina di Barbieri N. Indice Introduzione pag. 2 1. La radioattività pag. 4 1.1 La struttura della

Dettagli

Radiazioni ionizzanti negli ospedali

Radiazioni ionizzanti negli ospedali ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info Radiazioni ionizzanti negli ospedali SORGENTI DI RADIAZIONE MACCHINE RADIOGENE Generatori di raggi X per diagnostica e/o terapia tubo sotto vuoto filamento - HV

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali International Panel sullo Sviluppo della Cultura e della Legislazione a livello Internazionale, dell Unione Europea e in Italia in ambito OS,H & E Roma, 31 ottobre 2014 Parlamento italiano Palazzo Marini,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 360 1023646 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PROT.N.6405/A02F

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Corso d'informazione per i lavoratori operanti con le radiazioni ionizzanti A cura di: Ing. Aldo DELIA Ing. Giovanni CALISESI 2 INDICE 1. PREMESSA...5 1.1. Premessa

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA LZION 4 INTRZION DI RGGI X GMM CON L MTRI I raggi X hanno generalmente energie comprese fra i 5KeV e i 500 kev. Interagendo con la materia i raggi X (interazione primaria) producono elettroni secondari

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

ESCLUSIVO USO DIDATTICO INTERNO - Appunti di radioprotezione

ESCLUSIVO USO DIDATTICO INTERNO - Appunti di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro 1 elio giroletti APPUNTI DI RADIOPROTEZIONE RISCHI

Dettagli

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi 1. OGGETTO E SCOPO Scopo di questa procedura è descrivere le responsabilità e le modalità di corretto confezionamento/conferimento rifiuti radioattivi per loro smaltimento, nel rispetto del D. Lgs. 230/95

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione

Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione Corso di formazione Quaderno N 13 IL RADON LE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI 1 PREMESSA Sebbene la radioattività

Dettagli

Factsheet Radiazioni ionizzanti

Factsheet Radiazioni ionizzanti Versione dicembre 2012 Factsheet Radiazioni ionizzanti Dipl. fis. PF Lisa Pedrazzi, dott. med. Klaus Stadtmüller 1 Radiazioni ionizzanti L espressione radiazioni ionizzanti è un concetto generale che indica

Dettagli

PROCEDURA DI RADIOPROTEZIONE GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI IONIZZANTI

PROCEDURA DI RADIOPROTEZIONE GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI IONIZZANTI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI IONIZZANTI N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 20/11/2009

Dettagli

Le radiazioni ionizzanti sono onde elettromagnetiche o particelle subatomiche capaci di ionizzare la materia.

Le radiazioni ionizzanti sono onde elettromagnetiche o particelle subatomiche capaci di ionizzare la materia. Le radiazioni ionizzanti sono onde elettromagnetiche o particelle subatomiche capaci di ionizzare la materia. Le piùcomuni radiazioni ionizzanti non corpuscolate sono rappresentate dai raggi X usati da

Dettagli

INDICE. CAP. 1 PREMESSA...4 1.1 Fonti legislative e compiti dei Vigili del Fuoco in materia di radioattività...4

INDICE. CAP. 1 PREMESSA...4 1.1 Fonti legislative e compiti dei Vigili del Fuoco in materia di radioattività...4 RADIOATTIVITÀ Pag.2 INDICE CAP. 1 PREMESSA...4 1.1 Fonti legislative e compiti dei Vigili del Fuoco in materia di radioattività...4 CAP. 2 LA STRUTTURA DELLA MATERIA...6 2.1 Elementi e composti...6 2.2

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Dott. Mario Maina Medico Chirurgo Specialista in Medicina del Lavoro Medico Autorizzato in Radioprotezione. Dott. Mario Maina

Dott. Mario Maina Medico Chirurgo Specialista in Medicina del Lavoro Medico Autorizzato in Radioprotezione. Dott. Mario Maina Medico Chirurgo Specialista in Medicina del Lavoro Medico Autorizzato in Radioprotezione La Radioprotezione è quella disciplina che si occupa della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle radiazioni

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

Camice Leadmax: proprietà di attenuazione, equivalenza in piombo, peso al m²

Camice Leadmax: proprietà di attenuazione, equivalenza in piombo, peso al m² Camice Leadmax: proprietà di attenuazione, equivalenza in piombo, peso al m² Premessa La Ditta Europrotex ha fornito alla dell AUSL Modena un Dispositivi di Protezione Individuale al fine di valutarne

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Progetto della rete regionale di monitoraggio della radioattività ambientale.

Progetto della rete regionale di monitoraggio della radioattività ambientale. Attuazione della Sottoazione a.4.6 Monitoraggio della radioattività ambientale della misura 1.01 A del Complemento di Programmazione del POR Sicilia 2000-2006. Progetto della rete regionale di monitoraggio

Dettagli

X. NORME di PROTEZIONE e SICUREZZA per il PERSONALE ESPOSTO a RADIAZIONI IONIZZANTI

X. NORME di PROTEZIONE e SICUREZZA per il PERSONALE ESPOSTO a RADIAZIONI IONIZZANTI X. NORME di PROTEZIONE e SICUREZZA per il PERSONALE ESPOSTO a RADIAZIONI IONIZZANTI (ai sensi dell art. 61 - D.Lgs. n. 230/95 successive modificazioni e integrazioni) Generalità Lo scopo che si prefiggono

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO.

1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO. Compiti e Rapporti tra R.S.P.P. ed Esperto Qualificato in radioprotezione di Dario Russignaga (Coordinatore Gruppo Tecnico Enti finanziari ed assicurazioni dell AIAS). 1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO.

Dettagli

Dott. Ing. Iliano Ciucci

Dott. Ing. Iliano Ciucci SERVIZIO DI RADIOPROTEZIONE UNIVERSITA DI PISA Dott. Ing. Iliano Ciucci Tel. e Fax. 050 2218032 - E-mail: i.ciucci@ing.unipi.it RISCHI FISICI: RADIAZIONI Norme di radioprotezione - Rischi connessi all

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE DELL OPERATORE SANITARIO E DEL PAZIENTE

LA RADIOPROTEZIONE DELL OPERATORE SANITARIO E DEL PAZIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI L AQUILA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA RICONOSCIMENTO CREDITI LA RADIOPROTEZIONE DELL OPERATORE SANITARIO E DEL PAZIENTE

Dettagli

814.501.261 Ordinanza concernente le formazioni e le attività permesse in materia di radioprotezione

814.501.261 Ordinanza concernente le formazioni e le attività permesse in materia di radioprotezione Ordinanza concernente le formazioni e le attività permesse in materia di radioprotezione (Ordinanza sulla formazione in radioprotezione) del 15 settembre 1998 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare Come si realizza una degenza protetta Scelta della ubicazione Definizione dei percorsi Caratteristiche strutturali Caratteristiche radioprotezionistiche

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

La Sorveglianza sanitaria

La Sorveglianza sanitaria La Sorveglianza sanitaria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Dr. Francesco Di Rosa Dirigente Fisico UOC Radioterapia Esperto Qualificato

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

tecniche di radioterapia A.CAVALLI 2005 CURIETERAPIA LDR-HDR TECNICHE DI TRATTAMENTO

tecniche di radioterapia A.CAVALLI 2005 CURIETERAPIA LDR-HDR TECNICHE DI TRATTAMENTO CURIETERAPIA LDR-HDR TECNICHE DI TRATTAMENTO CURIETERAPIA Curieterapia detta Brachiterapia(dal greco=brachys cioè piccolo presidio terapeutico vicino alla neoplasia) Utilizzo di sorgenti radioattive sigillate,naturali

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 Radioattività nei rottami elettronici e metallici Legislazione vigente Prodotti AMT per l identificazione della radioattività

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione e informazione

Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione e informazione U-Series Srl Via Ferrarese, 131 40128 Bologna Tel. 051 0875113/4 - Fax. 051 4158173 info@u-series.com Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione

Dettagli

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Lara Gallo P.O. Castelfranco Veneto- ULSS8 Asolo (GU n.168 21/7/2005) RADIOFARMACI NORMATIVA RADIOPROTEZIONISTICA Decreto legislativo

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

Argomenti Trattati. Sistemi di protezione dei lavoratori e dei visitatori. Sistemi di protezione presso gli acceleratori dei LNL.

Argomenti Trattati. Sistemi di protezione dei lavoratori e dei visitatori. Sistemi di protezione presso gli acceleratori dei LNL. Argomenti Trattati Sistemi di protezione dei lavoratori e dei visitatori Sistema controllo accessi Sistema di allarme radiazioni Informazione e formazione Sistemi di protezione presso gli acceleratori

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia 1 E possibile definire i passi

Dettagli