DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA ai sensi del Regolamento CE 1221/09 EMAS III Versione del 21 Marzo 2012 Revisione 01 AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 1

2 INDICE 1. PREMESSA INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO PRESENTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE EVOLUZIONE STRUTTURA SOCIETARIA. SCOPO E MISSION E DELL ORGANIZZAZIONE ORGANIGRUPPO POLITICA AMBIENTALE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ORGANIGRAMMA RUOLI E RESPONSABILITÀ DESCRIZIONE DELLA CENTRALE TERMOELETTRICA COGENERATIVA CHIERI E DELLA RETE DI TELERISCALDAMENTO ABBINATA. POTENZIAMENTO DEGLI IMPIANTI E DELLA RETE DI TELERISCALDAMENTO LA COGENERAZIONE LA CENTRALE DESCRIZIONE TECNICA DELL IMPIANTO SCHEMA FUNZIONAMENTO IMPIANTO DATI TECNICI DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ED AUSILIARI Generale Sezione motogeneratore Sezione motogeneratore Sezione motogeneratore Sezione caldaie Impianti ausiliari Sistemi di controllo emissioni in atmosfera Rete teleriscaldamento Sistemi di controllo rete teleriscaldamento Prodotti e clienti Quadro autorizzativo LA RETE DI TELERISCALDAMENTO IL TERRITORIO UBICAZIONE INQUADRAMENTO GEOLOGICO LA ZONA INDUSTRIALE DI CHIERI CONFINI DELLA CENTRALE MODIFICHE TERRITORIALI, INSEDIATIVE ED INFRASTRUTTURALI IL CLIMA SICUREZZA SUL LAVORO ASPETTI AMBIENTALI OSSERVAZIONI GENERALI ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 2

3 10.4. CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI IDENTIFICAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DESCRIZIONE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI EMISSIONI IN ATMOSFERA Sistemi di controllo emissioni in atmosfera Uso sostanze lesive dello strato di ozono Emissioni in atmosfera immesse ed evitate, bilancio di massa degli inquinanti Gas serra SCARICHI IDRICI EMISSIONI ACUSTICHE VERSO L ESTERNO PRODUZIONE RIFIUTI USO SOSTANZE CHIMICHE CONTAMINAZIONE SUOLO E SOTTOSUOLO CONSUMO RISORSE NATURALI Acqua Gas metano CONSUMO DI ENERGIA Energia elettrica Energia termica (dispersione) Consumo totale di energia espresso in TEP Consumo totale diretto di energia espresso in MWh CAMPI ELETTROMAGNETICI ASPETTI ARCHITETTONICI RISCHIO DI INCIDENTI AMBIENTALI E SITUAZIONI DI POTENZIALE EMERGENZA Prevenzione incendi DESCRIZIONE ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI TRAFFICO INDOTTO CAMPI ELETTROMAGNETICI PRESTAZIONE AMBIENTALE E PRASSI IN USO PRESSO I FORNITORI GLI INDICATORI DELLE PRESTAZIONI AMBIENTALI ENERGIA ELETTRICA ED ENERGIA TERMICA PRODOTTA EMISSIONI IN ATMOSFERA Quantità di inquinanti dispersi in atmosfera (NOx, CO, CO 2) Indicatori emissioni in atmosfera RIFIUTI Quantità di rifiuti prodotti per codice CER Indicatori rifiuti prodotti CONSUMO DI RISORSE: ACQUA Quantità di acqua utilizzata Indicatori consumo di risorse: acqua CONSUMO DI RISORSE: GAS Quantità di gas utilizzato nei processi Indicatori consumo di risorse: gas CONSUMO DI ENERGIA: ENERGIA ELETTRICA Quantità di energia elettrica utilizzata Indicatori consumo di risorse: energia elettrica CONSUMO DI ENERGIA: ENERGIA TERMICA (DISPERSIONE) Quantità di energia termica dispersa nei processi Indicatori consumo di energia: energia termica (dispersione) CONSUMO TOTALE DIRETTO DI ENERGIA: GAS+ENERGIA ELETTRICA PRELEVATA DALLA RETE Quantità di energia diretta utilizzata nei processi Indicatori consumo totale diretto di energia MATERIALI UTILIZZATI: PRODOTTI CHIMICI Quantità di prodotti chimici utilizzati nei processi Indicatori consumo di materiali: prodotti chimici BIODIVERSITÀ Superficie di terreno edificata AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 3

4 Indicatori biodiversità OBIETTIVI E PROGRAMMI DI MIGLIORAMENTO RIFERIMENTI NORMATIVI GLOSSARIO ALLEGATI ALLEGATO 1 - PLANIMETRIA PUNTI DI EMISSIONE IN ATMOSFERA E DEPOSITO RIFIUTI ALLEGATO 2 - PLANIMETRIA SCARICHI IDRICI AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 4

5 1. PREMESSA Il verificatore accreditato Det Norske Veritas Italia S.r.l. IT-V-0003, ha verificato attraverso una visita all Organizzazione, colloqui con il personale e l analisi della documentazione e delle registrazioni che la Politica, il Sistema di Gestione Ambientale nonché le procedure di audit sono conformi al Regolamento CE 1221/2009 e ha convalidato le informazioni e i dati presenti in quanto affidabili, credibili ed esatti nonché conformi a quanto previsto dallo stesso Regolamento. In conformità al regolamento CE 1221/2009 è qui presentato l aggiornamento della Dichiarazione Ambientale EMAS 2009, registrazione IT e dell Analisi Ambientale Iniziale, con le informazioni e i dati aggiornati al 31 dicembre 2011 della Centrale termoelettrica cogenerativa abbinata al teleriscaldamento di Chieri HIGH POWER S.p.A. (di seguito denominata Centrale). AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 5

6 HIGH POWER S.p.A. La Centrale è dotata di un Sistema di Gestione Ambientale. I risultati raggiunti in questo settore sono comunicati al pubblico conformemente a quanto previsto dal regolamento CE 1221/2009. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 6

7 2. INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO La presente Dichiarazione Ambientale è disponibile in forma stampata o digitale per il pubblico ed i soggetti interessati, comprese comunità locali e clienti, attraverso il sito internet del gruppo HIGH POWER S.p.A. per individuare le problematiche, fornire le soluzioni e conoscere impatto ambientale, attività e servizi relativi alla Centrale. Nella tabella di seguito vengono riportati i dati aziendali: SEDE LEGALE SOCIETÀ CORSO STATI UNITI 53 CAP TORINO P.IVA COD. FISCALE CERTIFICATO C.C.I.A.A. REGISTRO IMPRESE TORINO NR SEDE UNITA PRODUTTIVA Corso E. Olia, 8 (già Strada Tetti Fasano) Chieri - SETTORE DI ATTIVITÀ 40.1 Produzione e distribuzione di energia elettrica 40.3 Produzione e distribuzione di acqua calda TEL. 0171/ FAX 0171/ NUMERO ADDETTI DEL SITO 4 ANNO INIZIO ATTIVITÀ 2008 CODICE NACE DI ATTIVITÀ EA 25 TURNI DI LAVORO AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 7

8 Personale adibito a gestire il contatto con il pubblico: Giorgio Garavagno (RSGA) TEL:0171/ Amministratore ARNAUDO OSVALDO Data convalida Dichiarazione Ambientale: 21 Marzo 2012 Numero di registrazione: IT Data prima registrazione: 13 Gennaio 2011 Verificatore: IT-V-0003 Det Norske Veritas Italia s.r.l. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 8

9 3. PRESENTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE 3.1. Campo di applicazione Produzione e distribuzione di energia elettrica Produzione e distribuzione di calore a mezzo acqua calda 3.2. Evoluzione struttura societaria. Scopo e mission e dell Organizzazione Le quote azionarie della HIGH POWER S.p.A., nata nell anno 2004 con il nome di ECOTERMICA S.p.A., sono detenute al 95,3% (rispetto al 95% del 2009) dalla PORTAROSSA S.p.A. ed il restante 4,7% dalla 21.S.r.l., società entrambe attive da tempo nel settore immobiliare. Il primo progetto cui la società si dedica è rappresentato dal teleriscaldamento della città di Savigliano, di cui curerà l ottenimento delle autorizzazioni, la progettazione, il finanziamento e la realizzazione. Per la gestione ed il controllo dell impianto di Savigliano nel 2005 è stata creata la ECOTERMICA SAVIGLIANO S.r.l. (in seguito HIGH POWER SAVIGLIANO S.p.A. per cambio ragione sociale). La HIGH POWER SAVIGLIANO S.p.A. era una società controllata della HIGH POWER S.p.A. che ne deteneva l 80% delle quote azionarie. Le restanti quote erano equamente ripartite tra la società CENTRO CALOR S.r.l., attiva nel campo del riscaldamento civile e dei carburanti e la PORTA ROSSA S.p.A., attiva nel settore immobiliare da oltre 40 anni. Nel 2007 la ECOTERMICA S.p.A. cambia la propria ragione sociale nell attuale HIGH POWER S.p.A. e comincia a dedicarsi alla realizzazione del nuovo impianto di teleriscaldamento di Chieri, entrato in funzione a fine Nel 2009 HIGH POWER S.p.A. avvia l inizio della realizzazione dell impianto di teleriscaldamento a servizio della città di Mondovì (CN). Oggi HIGH POWER S.p.A. è da considerarsi un gruppo leader nel settore degli impianti di teleriscaldamento e cogenerazione. In data HIGH POWER S.p.A. è stata incorporata, per effetto di fusione inversa, nella HIGH POWER SAVIGLIANO S.p.A. Contestualmente la stessa HIGH POWER SAVIGLIANO S.p.A. ha variato la propria denominazione sociale in HIGH POWER S.p.A. senza variare codice fiscale e partita IVA. Tale procedura di fusione è stata effettuata unicamente per permettere una riorganizzazione ed una semplificazione delle partecipazioni societarie in capo alla medesima capogruppo Porta Rossa S.p.A. HIGH POWER S.p.A., assumendo dal punto di vista economico e giuridico, tutti i diritti e gli obblighi in capo alla HIGH POWER SAVIGLIANO S.p.A., sia nei confronti dei clienti che di terzi, è proprietaria e responsabile della gestione e dello sviluppo della centrale di cogenerazione e della rete del teleriscaldamento di Savigliano (CN). AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 9

10 3.3. Organigruppo HIGH POWER S.p.A. oggi è una realtà consolidata con l'obiettivo dichiarato di fornire alla propria clientela un'ampia selezione di servizi innovativi legati agli utilizzi della cogenerazione in ambito pubblico e privato. Il gruppo è organizzato a matrice al fine di soddisfare le esigenze delle seguenti aree di business: 1. Progetti di finanziamento, progettazione, realizzazione e gestione di impianti di teleriscaldamento abbinati a centrali di cogenerazione ("chiavi in mano"); 2. Studio, progettazione e realizzazione di impianti di cogenerazione privata o di microcogenerazione; 3. Consulenza tecnica e regolamentare sul settore e sulle fonti rinnovabili di energia; 4. Studi di fattibilità per conto terzi. L organigruppo qui di seguito riportato riassume e chiarisce i rapporti tra la HIGH POWER S.p.A. e le società e gli impianti da essa controllate. Rispetto all anno 2009 la quota di partecipazione in High Power Innovation S.p.A. è scesa al 60%. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 10

11 ORGANIGRUPPO HIGH POWER S.p.A. - direzione e coordinamento di Gruppo - amministrazione e personale - realizzazione e gestione impianto di Chieri - realizzazione impianto di Mondovì (CN) - progettazione nuovi impianti di cogenerazione da biomasse e rigenerazione - gestione Impianto di Savigliano - nuovi allacciamenti 60% HIGH POWER INNOVATION S.p.A. - origination commerciale - ricerca e sviluppo - impianti retail - risorse rinnovabili 49,35% MONDO ENERGIA S.p.A. - gestione dell impianto di Mondovì (CN) AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 11

12 4. POLITICA AMBIENTALE La HIGH POWER S.p.A. per la CENTRALE TERMOELETTRICA COGENERATIVA ABBINATA AL TELERISCALDAMENTO DI CHIERI intende conformare il proprio impegno a sviluppare le proprie attività nel rispetto di quanto dettato della norma UNI EN ISO 14001:04 e dal Regolamento CE 1221/2009 EMAS III. La HIGH POWER S.p.A. è fermamente convinta che tale decisione rafforzerà e migliorerà la crescita della propria unità produttiva in armonia con il territorio nell ottica di un miglioramento continuo ed in piena sintonia con la propria Politica Ambientale. La dimostrazione dell impegno della Direzione si traduce in : operare in modo da soddisfare i requisiti della legislazione ambientale, dei regolamenti e delle altre prescrizioni sottoscritte ed applicabili alle attività ed ai servizi aziendali. fornire ai propri dipendenti le risorse necessarie, la formazione e l informazione adeguata per accrescerne la consapevolezza e garantire che le attività siano svolte in modo da ridurre al minimo gli impatti ambientali. favorire la consapevolezza delle tematiche ambientali tra i fornitori e appaltatori, attraverso mirati programmi di informazione. prevenire o limitare l'impatto di incidenti ambientali Ciascun dipendente, nell ambito della propria attività lavorativa, viene costantemente informato, addestrato e sensibilizzato sull incidenza che la sua mansione può arrecare all ambiente. Pertanto, ogni lavoratore è chiamato a perseguire, per quanto di sua competenza, gli obiettivi che l organizzazione ha stabilito e che sono di seguito elencati: Produzione di una sempre maggiore quantità di energia elettrica e calore con il consumo della minore quantità di risorse possibili, grazie alle innovazioni tecnologiche di cui l azienda può avvalersi. Migliorare le infrastrutture aziendali per ridurre i rischi di incidenti ambientali. Ottimizzazione delle risorse al fine di evitare gli sprechi. Ridurre l impatto derivante dalle emissioni in atmosfera adottando le migliori tecnologie disponibili. Favorire il più possibile la riduzione, il riciclo o il riutilizzo dei rifiuti, limitandoli allo stretto necessario nell ambito produttivo e assicurandosi che vengano smaltiti in modo sicuro. Incoraggiare e sostenere il dialogo sulle proprie prestazioni ambientali con autorità di regolamentazione, le comunità locali e le altre parti interessate, Nello spirito del miglioramento continuo l azienda, ogni anno, definisce, per i pertinenti livelli e funzioni dell organizzazione, e riesamina di volta in volta, gli obiettivi, i traguardi e i programmi ambientali, coerenti con la politica enunciata. La Direzione rende disponibile la Politica al personale interno mediante l affissione in gestione a vista e a chiunque ne faccia esplicita richiesta in formato cartaceo o digitale. Chieri, 26 Gennaio 2010 La Direzione ARNAUDO OSVALDO AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 12

13 5. IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE La Direzione della HIGH POWER S.p.A., per poter attuare politica, obiettivi e programmi ambientali si è dotata di un efficace strumento di supporto operativo definito Sistema di Gestione Ambientale (SGA), il quale individua: la struttura organizzativa; le responsabilità; le prassi, le procedure, i processi; le risorse e strumenti; nonché le relazioni di questi elementi con: il programma ambientale; la valutazione e registrazione degli effetti ambientali significativi; l applicazione delle norme consolidate e nuove; la formazione del personale; il controllo su funzioni, attività e processi che possono incidere sull ambiente e che sono rilevanti per la politica e per gli obiettivi dell azienda; la sorveglianza sulle caratteristiche pertinenti il processo industriale; la documentazione relativa alla gestione ambientale; la registrazione di eventi ambientali rilevanti; le comunicazioni interne ed esterne; le procedure degli audit interni. Il Sistema di gestione ambientale è operativo dal 15 Ottobre 2009 ed è descritto nel documento Manuale di Gestione Ambientale il quale, oltre a richiamare tutte le procedure documentate del sistema, stabilisce la loro corretta applicazione. L impostazione del Manuale di Gestione Ambientale è definita in conformità alla norma UNI EN ISO 14001:04, assicurando nel contempo contenuti conformi ai requisiti del Regolamento EMAS 1221/2009 e del Regolamento CE 196/2006. In sintonia con lo schema EMAS che assicura la conformità con tutte le leggi in materia ambientale e formalizza impegni finalizzati al costante e ragionevole miglioramento dell efficienza ambientale, la Direzione della HIGH POWER S.p.A. ha: effettuato una ANALISI AMBIENTALE INIZIALE; adottato una POLITICA AMBIENTALE; individuato gli OBIETTIVI AMBIENTALI; introdotto un PROGRAMMA AMBIENTALE; predisposto un PIANO DI AUDIT a frequenza annuale; effettuato un AUDIT AMBIENTALE per la valutazione documentale ed obiettiva dell efficienza dello SGA; AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 13

14 operato il RIESAME DELLA POLITICA E DEGLI OBIETTIVI AMBIENTALI da parte della Direzione assicurandosi che l Organizzazione stessa e coloro che lavorano per conto di essa siano informati. elaborato la convalidata da un verificatore ambientale accreditato. aggiornato la DICHIRAZIONE AMBIENTALE e l ANALISI AMBIENTALE INIZIALE con il presente documento Per la redazione e l aggiornamento dell Analisi Ambientale Iniziale e della Dichiarazione Ambientale sono stati identificati gli aspetti ambientali prendendo in considerazione sia i processi, le attività, i prodotti e i servizi direttamente controllati (aspetti diretti) sia i processi, le attività, i prodotti e i servizi non posti sotto il totale controllo gestionale dell azienda (aspetti indiretti).). AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 14

15 5.1. Organigramma CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AMMISTRATORE DELEGATO RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE PER LA GESTIONE AMBIENTALE AMMINISTRAZIONE/ /PERSONALE/CLIENTI PROGETTAZIONE RESPONSABILE SICUREZZA RESPONSABILE TECNICO/ACQUSTI GESTIONE MANUTENZIONE PERSONALE CENTRALE AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 15

16 5.2. Ruoli e responsabilità Con riferimento all organigramma funzionale di seguito descritto, i compiti e le responsabilità delle funzioni aziendali sono in particolare: AMMINISTRATORE DELEGATO Ha la responsabilità di definire la Politica Ambientale di Centrale e assicurare che il Sistema di Gestione Ambientale sia attuato e mantenuto attivo, mettendo a disposizione risorse appropriate e infrastrutture organizzative. Inoltre ha la responsabilità di garantire la definizione e la realizzazione degli interventi di adeguamento del Sistema di gestione e di assicurare il monitoraggio sull implementazione degli interventi e sul miglioramento delle performance del Sistema di Gestione Ambientale, promuovendo l identificazione e la realizzazione delle eventuali azioni correttive necessarie. E altresì responsabile del consolidamento e sviluppo della presenza sui mercati di competenza attraverso azioni di marketing, promozione e vendita di prodotti dell azienda sino all acquisizione dei contratti. RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE PER LA GESTIONE AMBIENTALE La Direzione nomina e riconosce, indipendentemente da altre responsabilità, al Rappresentante della Direzione (RSGA) il ruolo, la responsabilità e l autorità per assicurare che il sistema di gestione ambientale sia stabilito, attuato e mantenuto attivo in conformità ai requisiti della Norma UNI EN ISO ed il Regolamento CE 1221/2009 EMAS Regolamento CE 196/2006. PROGETTAZIONE La funzione Progettazione ha la responsabilità di studiare e progettare impianti e reti. Tale figura è stata introdotta a partire dal AMMINISTRAZIONE / PERSONALE/ CLIENTI La funzione Amministrazione ha la responsabilità degli atti burocratici e amministrativi relativi gli aspetti autorizzativi, contabili, fiscali e tributari dell azienda, della gestione del ciclo attivo (clienti) e, della gestione del personale. RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSSP) È responsabile dello svolgimento dei compiti istituzionali previsti dal Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (D. Lgs n. 81/2008). AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 16

17 RESPONSABILE TECNICO / ACQUISTI È il referente per tutto ciò che riguarda le principali problematiche di natura tecnica ordinaria e straordinaria amministrazione dell impianto.. La figura in questione copre anche il ruolo di responsabile acquisti materiali e della gestione dei contratti di manutenzione. MANUTENZIONE Responsabile della corretta pianificazione e attuazione dei piani manutentivi dei componenti e macchinari di centrale. PERSONALE CENTRALE Personale incaricato dell esecuzione di tutta l attività di routine, controlli, manutenzioni ordinarie e straordinarie che con differente periodicità si rendono necessarie per il corretto funzionamento dell impianto. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 17

18 6. DESCRIZIONE DELLA CENTRALE TERMOELETTRICA COGENERATIVA CHIERI E DELLA RETE DI TELERISCALDAMENTO ABBINATA. POTENZIAMENTO DEGLI IMPIANTI E DELLA RETE DI TELERISCALDAMENTO 6.1. La cogenerazione La DIRETTIVA 2004/8/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 febbraio 2004 sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno, definisce per cogenerazione la generazione simultanea in un unico processo di energia termica ed elettrica e/o di energia meccanica. La direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo ha avuto lo scopo di incentivare la diffusione della cogenerazione ad alto rendimento, vale a dire, nel caso della Centrale, la produzione combinata in un unico processo di energia elettrica ed energia termica. Si tratta, in sostanza, di un sistema nel quale a partire da un combustibile (gas metano nel caso della Centrale) si produce energia elettrica riutilizzando il calore, derivante da tale processo, sia all'interno di altri processi industriali sia per usi civili come il teleriscaldamento. Il vantaggio della cogenerazione ad alto rendimento è quello di accorpare due fasi altrimenti distinte: da un lato la produzione di energia elettrica in centrali di tipo convenzionale e, dall'altro, la produzione di calore con una caldaia tradizionale. Tutto avviene in un solo processo nel quale l'energia contenuta nel combustibile viene maggiormente sfruttata comportando, rispetto alla produzione separata delle stesse quantità di energia elettrica e calore, un risparmio in termini ambientali ed economici. In pratica è ridotta la dispersione energetica che si ha negli impianti convenzionali di produzione di energia elettrica dove il calore non è riutilizzato mentre, viceversa, le caldaie convenzionali sono utilizzate solo per la produzione di acqua calda non avendo possibilità di produrre energia elettrica. Il confronto tra centrali termoelettriche più caldaie tradizionali e centrali che utilizzano la cogenerazione si traduce con una notevole riduzione del consumo di risorse naturali utilizzate come fonte di energia primaria (gas metano nel caso della Centrale) e di conseguenza: con una notevole riduzione delle emissioni in atmosfera, con un minor utilizzo di altre risorse naturali come l acqua con minori perdite, in termini di energia, durante la trasmissione e distribuzione di elettricità e calore, in quanto la localizzazione della Centrale è in prossimità dei bacini di utenza. La cogenerazione permette un rendimento energetico fino al 90% consentendo elevati risparmi energetici dell'ordine del 25-40%. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 18

19 6.2. La Centrale L energia meccanica prodotta dai tre motogeneratori (il terzo motogeneratore è entrato in funzione dal gennaio 2011) è trasformata in energia elettrica dagli alternatori accoppiati agli stessi motogeneratori. Tale energia, dopo un ulteriore trasformazione consistente nell elevazione di tensione attraverso trasformatori, viene ceduta alla rete del distributore nazionale. I motogeneratori La caldaie Il calore necessario per il riscaldamento dell acqua per il circuito del teleriscaldamento cittadino è recuperato dagli impianti di raffreddamento dei due motogeneratori e dall impianto raffreddamento dei fumi di scarico. Oltre a ciò, per la produzione di calore, vengono utilizzate 3 caldaie tradizionali che funzionano da riserva di sicurezza ed eventuale integrazione termica alla centrale di cogenerazione nonché da riserva di sicurezza totale. Ai due edifici di centrale sono affiancati due accumuli termici coibentati da circa mc l uno. Queste vasche, sempre colme di acqua, permettono di accumulare l eccesso di calore quando la produzione di energia termica dei cogeneratori supera il fabbisogno della città (tipicamente nel periodo notturno) e a loro volta di renderlo quando il fabbisogno supera la capacità produttiva dei cogeneratori (tipicamente nel primo mattino ed alla sera). Gli accumuli termici AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 19

20 7. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMPIANTO 7.1. Schema funzionamento impianto Lo schema di flusso qui di seguito riportato riassume graficamente l automatismo di funzionamento della centrale identificandone le sequenze e la logica degli accumuli descritta nei paragrafi precedenti. ADDUZIONE GAS METANO RETE ELETTRICA NAZIONALE ENERGIA ELETTRICA COGENERATORE 1/2/3 CALORE COGENERATO Accumuli termici 2 x 1500 m 3 L ENERGIA TERMICA GENERATA E SUPERIORE AI FABBISOGNI DELLA CITTA? SI POMPAGGIO NEGLI ACCUMULI DELL ECCESSO DI ENERGIA TERMICA PRELIEVO DEL DEFICIT ENERGETICO DAGLI ACCUMULI NO GLI ACCUMULI SONO CARICHI? SI NO ACCENSIONE CALDAIE POMPAGGIO IN RETE RETE DI TELERISCALDAMENTO CITTA DI CHIERI AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 20

21 7.2. Dati tecnici degli impianti di produzione ed ausiliari Generale Tipo di ciclo principale: Tipo ciclo di emergenza: Fonte energetica: Produzione combinata di energia elettrica e calore tramite cogenerazione Produzione di sola energia termica tramite caldaie di integrazione ed emergenza Gas Metano Sezioni di impianto: 4 Identificazione delle sezioni: Motore 1; Motore 2; Motore 3; Caldaie Sezione motogeneratore 1 Costruttore e modello: Tecnologia utilizzata: Potenza termica in ingresso: Potenza meccanica massima continuativa: Potenza nominale: Potenza apparente dell'alternatore: Velocità di rotazione: Rolls Royce Bergen, BV12AG Motore endotermico a gas a ciclo Otto ottimizzato (ciclo Miller), 4T, sovralimentato, interrefrigerato kw kw kwel kva 750 RPM Rendimento nominale di produzione elettrica: 45,6% Tecnologia di recupero del calore: Potenza termica recuperata nominale: Scambiatori a piastre per il recupero dai circuiti dell'olio, dell'acqua delle camicie motore e dallo stadio ad alta temperatura (HT) dell'intercooler, caldaia a tubi di fumo per il recupero del calore dai fumi di scarico kw Rendimento nominale di primo principio: 87,5% Impianto di abbattimento degli NOx: Impianto di abbattimento del CO: Dati tecnici trasformatore elevatore: Combustione magra Catalizzatore ossidante kva, tensioni di lavoro 6,0/15,75 kva, isolamento a olio AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 21

22 7.2.3 Sezione motogeneratore 2 Costruttore e modello: Tecnologia utilizzata: Potenza termica in ingresso: Potenza meccanica massima continuativa: Potenza nominale: Potenza apparente dell'alternatore: Velocità di rotazione: Rolls Royce Bergen, BV12AG Motore endotermico a gas a ciclo Otto ottimizzato (ciclo Miller), 4T, sovralimentato, interrefrigerato kw kw kwel kva 750 RPM Rendimento nominale di produzione elettrica: 45,6% Tecnologia di recupero del calore: Scambiatori a piastre per il recupero dai circuiti dell'olio, dell'acqua delle camicie motore e dallo stadio ad alta temperatura (HT) dell'intercooler, caldaia a tubi di fumo per il recupero del calore dai fumi di scarico Potenza termica recuperata nominale: kw Rendimento nominale di primo principio: 87,5% Impianto di abbattimento degli NOx: Impianto di abbattimento del CO: Dati tecnici trasformatore elevatore: Combustione magra Catalizzatore ossidante kva, tensioni di lavoro 6,0/15,75 kva, isolamento a olio AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 22

23 7.2.4 Sezione motogeneratore 3 Costruttore e modello: Rolls Royce Bergen, BV16AG Tecnologia utilizzata: Motore endotermico a gas a ciclo Otto ottimizzato (ciclo Miller), 4T, sovralimentato, interrefrigerato Potenza termica in ingresso: Potenza meccanica massima continuativa: 6945 Potenza nominale: kwel Potenza apparente dell'alternatore: kva Velocità di rotazione: 750 RPM Rendimento nominale di produzione elettrica: 45,6% Tecnologia di recupero del calore: Scambiatori a piastre per il recupero dai circuiti dell'olio, dell'acqua delle camicie motore e dallo stadio ad alta temperatura (HT) dell'intercooler, caldaia a tubi d'acqua per il recupero del calore dai fumi di scarico Potenza termica recuperata nominale: 6150 Rendimento nominale di primo principio: 88,4% Impianto di abbattimento degli NOx: Iniezione di miscela di acqua ed urea al 40% (SCR) Impianto di abbattimento del CO: Catalizzatore ossidante Dati tecnici trasformatore elevatore: kva, tensioni di lavoro 6,0/15,75 kva, isolamento in olio Sezione caldaie Numero 3 Costruttore e modello: Tecnologia utilizzata: ICI TNOX Caldaia di tipo semifisso orizzontale a 3 giri di fumo con bruciatore modulante e sonda O2 per massimizzare il rendimento di combustione ed abbattere il CO. La prima caldaia è dotata di un economizzatore per il pre-riscaldo di una parte dell'acqua in ingresso Potenza termica in ingresso: kw (caldaie 1 e 2), caldaia 3 Potenza termica utile: Rendimento nominale: Impianto di abbattimento degli NOx: kw (caldaia 1), kw (caldaia 2), caldaia 3 97,2% (caldaia 1), 95,2% (caldaia 2), 97,6 % (caldaia 3) Assente Impianto di abbattimento del CO: Assente AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 23

24 7.2.6 Impianti ausiliari Impianto di raffreddamento: Emungimento acqua: Trattamento acque in ingresso per demineralizzazione Trattamento acque in uscita: Scarico acque in uscita: Trattamento acque nere e grigie: Compressore AP Compressore BP Trasformatori ausiliari per usi di centrale: Tipologia di fornitura gas metano: Stazioni di compressione/decompressione gas: Dry-cooler Da acquedotto cittadino tramite allacciamento dedicato Addolcitore a resine e successivo trattamento dealcalinizzante, antincrostante, deossigenante con prodotti specifici Assente Scarico in rete acque bianche Nessuno, scarico in rete acque nere N.3 compressori elettrici per avviamento motori a 30 bar e backup del sistema in BP N. 2 compressori elettrici per servizi ausiliari a 7 bar 2 trasformatori da kva l'uno, tensioni di lavoro 15/0,4 kv, isolamento in olio Allacciamento, tramite tratto di tubazione dedicata, alla rete Italgas cittadina in media pressione Alimentazione diretta per i motori, decompressione a 400 mbar per le caldaie Sistemi di controllo emissioni in atmosfera Sostanze monitorate Modalità di monitoraggio Tecnologia utilizzata O2, NOX, CO e Temperatura dei fumi allo sbocco in atmosfera. Continuo Motogeneratore 1 e 2 (sistema in scansione): - IR per la misura del CO - UV per la misura degli NO x - Paramagnetico per la misura dell O 2 - Sonda PT100 per la temperatura dei fumi Motogeneratore 3: - IR per la misura del CO - UV per la misura degli NO x - Paramagnetico per la misura dell O 2 - Sonda PT100 per la temperatura dei fumi Caldaie (sistema in scansione): - IR per la misura del CO e degli NO x - Paramagnetico per la misura dell O 2 - Sonda PT100 per la temperatura dei fumi AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 24

25 7.2.8 Rete teleriscaldamento Impianto di pompaggio acqua Tubazioni Lunghezza rete Sistema di pompe centrifughe Grundfos a 400V con controllo in pressione e temperatura tramite inverter gestito da sistema di supervisione a PLC Tubazioni in acciaio preisolate in schiuma poliuretanica 31 Km Temperatura acqua immessa 90 C Temperatura acqua ritorno 60 C Sistemi di controllo rete teleriscaldamento Qualità dell acqua Perdite di rete Analisi settimanali dei principali parametri dei circuiti acqua presenti in centrale Analisi mensili dell assetto chimico-fisico delle acque in circolo tramite laboratorio esterno per verificare il mantenimento del corretto assetto chimico Lettura quotidiana dei reintegri di acqua nel circuito del teleriscaldamento per verificare eventuali perdite/anomalie Prodotti e clienti PRODOTTI CLIENTI Energia elettrica Grossista elettrico privato Acqua calda Rete di teleriscaldamento a servizio delle utenze nel comune di Chieri AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 25

26 Quadro autorizzativo L installazione e l esercizio del impianto, comprensivi dei due gruppi motore di cogenerazione e dei due gruppi caldaia, è stata autorizzata dalla Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche con determinazione n /2006 del in data , ai sensi dell art. 4 del D.P.R. 11 febbraio 1988 n. 53 nonché dell art. 269 comma 2 del D.lgs 152/2006. A seguito di modifiche tecniche agli impianti, consistenti nell installazione di macchine con potenze inferiori a quanto autorizzato nella determinazione sopracitata, la HIGH POWER S.p.A. comunicava alla Provincia di Torino la variazione dei dati tecnici dell impianto in data 22 Maggio La Provincia di Torino prendeva atto della modifica progettuale con determinazione n /2008 del La Città di Chieri - Area Programmazione del Territorio in data 14/11/2007 rilasciava Permesso a Costruire Oneroso (n. 715/2006) alla Società Defilippi Geom. Angelo & C. S.n.c., con la quale la High Power S.p.A. aveva già precedentemente stipulato una promessa di acquisto di un lotto di terreno avente destinazione d uso la costruzione di una centrale di teleriscaldamento. HIGH POWER S.p.A. stipulava Contratto di fornitura con la Società Acque Potabili S.p.A. in data In data 1/10/2009 la Città di Chieri Area Programmazione del Territorio rilasciava certificato di agibilità dell immobile mentre i lavori di allestimento si sono conclusi nel dicembre La Centrale è entrata in esercizio il 1/12/2009 (verbale UTIF di primo impianto). La SMAT S.p.A rilasciava in data (prot ) autorizzazione all allacciamento ai collettori comunali di fognature private. In data HIGH POWER S.p.A. comunicava il termine dei lavori di allaccio e quindi rendeva esecutiva la suddetta autorizzazione allo scarico. L installazione e l esercizio della terza caldaia è stata autorizzata dalla Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche con determinazione n /2010 del , ai sensi dell art. 269 comma 2 del D.lgs 152/2006. In data la Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria- rilasciava Autorizzazione Integrata Ambientale n /2010 ai sensi del D.Lgs 59/05. Tale autorizzazione è valida per i tre motogeneratori e le tre caldaie presenti in impianto e sostituisce la determinazione n /2006 del e la determinazione n /2010 del AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 26

27 7.3. La rete di teleriscaldamento Il calore complessivo generato e recuperato, sotto forma di acqua calda a 90 C, viene inviato, attraverso una rete interrata di doppie tubazioni preisolate, alle utenze cittadine dotate di impianto di riscaldamento centralizzato che hanno aderito al progetto di teleriscaldamento. Il circuito si sviluppa per una lunghezza di circa 31 Km al 31 Dicembre Alla data del 31 Dicembre 2011 le utenze allacciate risultano in numero di 213 rispetto alle 201 del 31 Dicembre 2010 per un fabbisogno annuale di energia termica di circa 52 GWh rispetto ai 51 GWh del 31 Dicembre 2011 Planimetria della rete di Teleriscaldamento di Chieri a Dicembre 2011 Fonte High Power S.p.A. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 27

28 8. IL TERRITORIO 8.1. Ubicazione La Centrale è ubicata a Sud-Ovest del centro abitato di Chieri ad una latitudine di N ed una longitudine di in zona denominata "Tetti Fasano La superficie edificata è pari a mq. L abitazione più vicina è ubicata a circa 100 m. Le più importanti vie di comunicazione presenti sono l Autostrada A21 Torino-Piacenza, la Tangenziale Sud di Torino e la SS 10. Al sito è possibile accedere mediante l ingresso di Corso E. Olia. L ingresso è dotato di cancellata carraia in modo da consentire l ingresso solo agli automezzi autorizzati. Il sito è completamente recintato, ad esclusione del lato posto a SO, confinante con un lotto di terreno che la Porta Rossa S.p.A. ha in fase di acquisizione per garantire future aree di espansione della centrale Inquadramento geologico L area su cui insiste l impianto si colloca ad una quota di circa 270 m slm a Sud del centro abitato di Chieri. Per quanto riguarda l assetto geologico la cartografia ufficiale di riferimento è rappresentata dal Foglio n. 56 "Torino della Carta Geologica d Italia alla scala 1: Il sito si inquadra nell ambito dei depositi alluvionali olocenici (a2 del Foglio 56 della Carta Geologica in scala 1: ). In base ai dati di letteratura, al di sotto dei depositi alluvionali si rinvengono alternanze di limi argillosi e ghiaie minute sabbiose riferibili alla successione villafranchiana, affioranti al piede del fianco meridionale della successione di depositi della Collina di Torino La zona industriale di Chieri La Centrale è inserita all interno della zona industriale di Chieri, all interno della quale sono presenti altre attività di piccole e medie imprese a vocazione principalmente artigianale e terziaria. La zona di insediamento della centrale, in particolare, fa parte di un Piano di Insediamento Produttivo oggetto di Convenzione stipulata tra il Comune di Chieri e proprietari delle aree, riuniti nel consorzio Fontaneto Due, nel settembre del Confini della Centrale Nord: Terreno ad uso agricolo Sud: Strada (Strada Fontaneto, futura Strada provinciale) Est: Capannone a destinazione uso piccola industria ed artigianato Ovest: Terreno ad uso agricolo AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 28

29 8.5. Modifiche territoriali, insediative ed infrastrutturali Al 31 Dicembre 2011 non vi sono state modifiche al contorno rispetto a quanto già riportato nella Dichiarazione Ambientale aggiornata al 31 Dicembre Il clima Nelle tabelle sottostanti sono riportati i dati registrati nelle stazioni di monitoraggio ARPA Piemonte di Pino Torinese e Poirino Banna ovvero le stazioni più vicine all area di ubicazione della Centrale e relativi all anno 2011 (fonte: Stazione di Pino Torinese PARAMETRO GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Precipitazione dalle 9 alle 9 ( mm ) 10,6 16,8 144,0 32,2 28,6 250,4 168,2 26,8 96,2 13,8 189,6 0,0 Giorni piovosi pioggia dalle 9 alle Precipitazione dalle 0 alle 0 (mm) 10,8 19,6 141,0 32,2 58,8 220,2 168,2 26,8 96,2 13,8 189,6 0,0 Giorni piovosi pioggia dalle 0 alle Temperatura media ( C ) 2,5 5,9 7,3 15,2 18,2 18,9 20,2 23,3 20,5 13,0 7,9 5,7 Temperatura media dei massimi ( C ) 5,3 9,1 11,3 20,1 23,9 23,7 25,5 28,5 25,3 17,1 10,6 8,8 Temperatura media dei minimi ( C ) 0,3 3,4 4,2 11,2 13,6 15,1 15,9 19,0 16,8 10,0 6,1 3,3 Temperatura massima ( C ) 16,3 17,8 18,5 28,9 30,0 31,8 29,7 33,1 28,8 27,4 13,4 15,7 Temperatura minima ( C ) -3,4-1,3-2,2 5,8 9,6 8,7 11,9 15,7 9,6 3,5 1,9-0,7 Velocita' media del vento ( m/s ) 1,6 1,8 1,7 1,8 1,8 1,5 1,4 1,4 1,3 1,8 Velocita' massima raffica di vento ( m/s ) 9,0 12,0 14,4 15,8 20,5 14,9 17,9 15,7 12,5 16,2 Direzione massima raffica ( ) Calma di vento (min) Settore Prevalente Tempo di permanenza nel settore ( min ) Radiazione totale ( MJ/mq ) Stazione di Poirino Banna PARAMETRO GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Precipitazione dalle 9 alle 9 ( mm ) 12,6 29,8 190,0 37,8 26,8 262,6 25,8 24,8 57,8 17,0 148,6 0,0 Giorni piovosi pioggia dalle 9 alle Precipitazione dalle 0 alle 0 (mm) 12,8 43,4 176,2 37,8 47,8 241,6 25,8 24,8 57,8 17,0 148,6 0,0 Giorni piovosi pioggia dalle 0 alle AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 29

30 9. SICUREZZA SUL LAVORO HIGH POWER S.p.A. in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 e dalle altre prescrizioni applicabili ha adottato le misure previste per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro. Il Servizio di Protezione e Prevenzione è stato affidato in outsourcing. Nell ambito di tale servizio è stato nominato un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione che ha collaborato col Datore di Lavoro per la stesura del Documento di Valutazione dei Rischi Aziendali. È stato designato altresì il Medico Competente, per i controlli sanitari previsti, in attuazione di un piano sanitario del quale è stato messo al corrente il Datore di Lavoro. Tutto il personale ha frequentato corsi attinenti alla sicurezza sul lavoro. Ad oggi non si sono verificati incidenti/infortuni sul lavoro. ANNO ORE LAVORATE ORE INFORTUNIO N. INFORTUNI ORE DI ASSENZA PER INFORTUNIO ORE ASSENZA INFORTUNIO / ORE LAVORATE N. INFORTUNI / ORE LAVORATE AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 30

31 10. ASPETTI AMBIENTALI Osservazioni generali La descrizione degli aspetti ambientali, diretti ed indiretti, in condizioni normali/anomale/emergenza riferiti alle attività/prodotti/servizi della Centrale e la valutazione della loro significatività è stata effettuata e riportata nella Dichiarazione Ambientale. L attività di individuazione e valutazione degli aspetti/impatti è stata quindi ripetuta per aggiornamento al 2011 ed i risultati riportati nel seguito del presente documento di aggiornamento all anno 2011 della Dichiarazione Ambientale. Nel seguito sono riportate, per ogni aspetto ambientale, i dati rilevati in riferimento agli indicatori chiave così come individuati Regolamento 1221/2009 EMAS III Aspetti ambientali diretti Sono aspetti ambientali diretti quelli associati alle attività svolte nel sito i cui impatti ambientali sono sottoposti a controllo gestionale totale da parte della HIGH POWER S.p.A. 1. emissioni in atmosfera 2. scarichi idrici 3. emissioni acustiche verso l esterno 4. produzione di rifiuti 5. uso di sostanze chimiche 6. contaminazione suolo e sottosuolo 7. consumo risorse naturali: acqua 8. consumo risorse naturali: gas metano 9. consumo di energia: energia elettrica 10. consumo di energia: energia termica (dispersione) 11. campi elettromagnetici (trasformatori e linee di trasporto fino alla rete del Gestore) 12. aspetti architettonici 13. rischio di incidenti ambientali e situazioni di potenziale emergenza Aspetti ambientali indiretti Sono aspetti ambientali indiretti quelli sui quali HIGH POWER S.p.A. può non avere un controllo gestionale totale (es. fornitori, clienti) 1. traffico indotto 2. campi elettromagnetici (linee di trasporto del Gestore Rete) 3. comportamenti ambientali degli appaltatori, dei subappaltatori e dei fornitori, che possono avere un influenza sull ambiente (manutenzione e altre attività) AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 31

32 10.4. Criteri di Valutazione degli aspetti ambientali Ai fini della individuazione e valutazione degli aspetti ambientali, come previsto dal Sistema di Gestione Ambientale, sono state identificate delle aree omogenee per tipo di attività svolta: MOTOGENERATORI CALDAIE POMPAGGIO ACQUA CALDA IN RETE TELERISCALDAMENTO COMPRESSORI TRATTAMENTO ACQUA ACCUMULI TERMICI SERBATOIO OLIO LUBRIFICANTE INSERITO NEL CICLO DI PRODUZIONE INDUSTRIALE SERBATOIO UREA CABINA ELETTRICA CABINA GAS METANO RETE TELERISCALDAMENTO AREA STOCCAGGIO PRODOTTI CHIMICI AREE DEPOSITO TEMPORANEO RIFIUTI Ad ogni attività svolta sono stati associati i relativi aspetti/impatti ambientali generati. Nell identificazione degli aspetti/impatti, diretti ed indiretti, vengono definiti due diversi processi di valutazione: - Condizioni Ordinarie/Straordinarie - Condizioni di Emergenza Tutti gli aspetti ambientali diretti e indiretti sono valutati in base ad opportuni criteri di valutazione da parte del SGA per definire quali di essi siano significativi Identificazione degli aspetti ambientali significativi A seguito della valutazione effettuata, gli aspetti ambientali risultati significativi sono riportati in tabella ordinati per grado di significatività. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 32

33 IMPATTO AMBIENTALE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI LEGGE SI/NO S/NS Consumo di risorse naturali NO S Produzione di rifiuti SI S Emissioni in atmosfera SI S Consumo energia NO S Contaminazione suolo e sottosuolo (emergenze) SI S Scarico acque reflue SI S Emissioni acustiche SI S Utilizzo sostanze chimiche SI S Campi elettromagnetici SI S Aspetti architettonici NO NS 11. DESCRIZIONE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI Emissioni in atmosfera Le emissioni in atmosfera prodotte dalla Centrale hanno origine dalla combustione del gas metano nei motogeneratori e nelle caldaie e sono canalizzate in cinque differenti punti: il camino collegato al motogeneratore 1 (E1), il camino collegato al motogeneratore 2 (E2). i camini delle caldaie (E3, E4 ed E5) il camino collegato al motogeneratore 3 (E6). I fumi di combustione sono costituiti sostanzialmente da vapor d acqua, biossido di carbonio (CO 2 ), ossidi di azoto (NO x ), principalmente dovuti alla elevata temperatura di combustione, monossido di carbonio (CO) generato dalla non completa combustione, polveri. HIGH POWER S.p.A. effettua annualmente autocontrolli delle emissioni nelle più gravose condizioni di esercizio degli impianti e trasmette i risultati analitici entro il 30 Aprile dell'anno successivo a quello di effettuazione alla Provincia di Torino, al Dipartimento Provinciale dell'a.r.p.a. ed al Sindaco di Chieri. Per tutti i camini riportati sono stati effettuati, a fine 2008 per le caldaie e nell anno 2009 per i motogeneratori, i campionamenti secondo quanto previsto all'art. 269, comma 5 del D.Lgs. 152/06, ovvero AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 33

34 due rilevamenti delle emissioni, in due giorni non consecutivi dei primi dieci di marcia controllata dell'impianto a regime, per la determinazione di tutti i parametri in autorizzazione. HIGH POWER S.p.A. in data , inviava richiesta alla Provincia di Torino di poter effettuare gli autocontrolli annuali relativi alle caldaie, previste per il Dicembre 2009, e quelli relativi ai due motogeneratori, previsti per il febbraio 2010, in un unico periodo. L accorpamento di tali attività si rendeva opportuna sia per motivi organizzativi interni sia per avere un omogeneità dei valori rilevati a parità di condizioni esterne e di funzionamento degli impianti. La Provincia di Torino, in data prot /LC5/CD/RGN concedeva la proroga richiesta dall azienda. HIGH POWER S.p.A. provvedeva ad effettuare gli autocontrolli previsti nelle date del 23, 24 e 25 febbraio del Nell anno 2011 sono stati quindi effettuati gli autocontrolli al fine di verificare il rispetto dei limiti autorizzativi previsti dall Autorizzazione Integrata Ambientale N /2010. La captazione dei residui inquinanti negli effluenti gassosi è stata effettuata nei giorni 17 e 18 febbraio e 03 marzo 2011, secondo quanto previsto dall art. 269, comma 4, della parte V del D.Lgs n. 152 del 3 aprile Nelle tabelle sottostanti sono riportati i valori medi delle emissioni espresse in mg/m 3 per i camini citati sopra ed i relativi limiti emissivi autorizzati. Camino Motogeneratore 1 (E1) INQUINANTI 1 rilevamento (data ) CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 2 rilevamento (data ) Anno 2010 (data 23 e ) Anno 2011 (data ) VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Polveri totali 3,10 1,87 0,335 1,47 5 Ossido di carbonio (CO) Ossidi di azoto come NO 2 122,3 112,0 135,0 139, ,0 210,5 232,0 194, Camino Motogeneratore 2 (E2) INQUINANTI 1 rilevamento (data ) CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 2 rilevamento (data ) Anno 2010 (data 23 e ) Anno 2011 (data ) VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Polveri totali 3,39 3,02 0,542 1,71 5 Ossido di carbonio (CO) Ossidi di azoto come NO 2 129,6 119,6 128,0 122, ,5 197,2 222,0 220, AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 34

35 Camino Caldaia 1 (E3) INQUINANTI 1 rilevamento (data ) CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 2 rilevamento (data ) Anno 2010 (data ) Anno 2011 (data ) VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Polveri totali <0,358 <0,341 1,03 1,17 5 Ossido di carbonio (CO) Ossidi di azoto come NO 2 2,66 2,85 10,8 2, ,39 90,69 73,5 64, Camino Caldaia 2 (E4) INQUINANTI 1 rilevamento (data ) CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 2 rilevamento (data ) Anno 2010 (data ) Anno 2011 (data ) VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Polveri totali <0,359 <0,346 0,753 <0,323 5 Ossido di carbonio (CO) Ossidi di azoto come NO 2 6,50 9,66 5,27 3, ,94 110,77 62,8 71,7 150 Campionamenti emissioni in atmosfera anni Fonti Anno Relazione Controllo Emissioni in Atmosfera redatta da Theolab s.r.l.in data Anno Relazione Controllo Emissioni in Atmosfera redatta da Theolab s.r.l.in data Anno Relazione Controllo Emissioni in Atmosfera redatta da Theolab s.r.l.in data Riguardo alla terza caldaia ed il terzo motogeneratore, il cui tempo di messa a regime ai sensi dell Autorizzazione prevede un periodo di 30 giorni, è stata richiesta l autorizzazione a poter effettuare gli autocontrolli in concomitanza con quelli da effettuarsi sugli altri punti emissivi, ossia nella prima parte del Tale autorizzazione è stata concessa con comunicazione della Provincia di Torino Area Risorse Idriche e qualità dell Aria prot. N /LC5/DB/GDA del 17/11/2010. Le captazioni dei residui inquinanti negli effluenti gassosi sono state effettuate per due volte in giorni non consecutivi tra il 17 febbraio ed 04 marzo 2011 secondo quanto previsto dall art. 269, comma 5, della parte V del D.Lgs n. 152 del 3 aprile Nelle tabelle sottostanti sono riportati i valori medi delle emissioni espresse in mg/m 3 per i camini citati sopra ed i relativi limiti emissivi autorizzati. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 35

36 Camino Caldaia 3 (E5) INQUINANTI CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 1 rilevamento 2 rilevamento (data ) (data ) Polveri totali 3,22 2,67 5 VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Ossido di carbonio (CO) 4,55 2, Ossidi di azoto come NO 2 78,43 66,78 80 Camino Motogeneratore 3 (E6) INQUINANTI CONCENTRAZIONE MEDIA RILEVATA (mg/nm 3 ) 1 rilevamento 2 rilevamento (data ) (data ) Polveri totali 2,15 1,93 5 VALORE LIMITE EMISSIVO AUTORIZZATO (mg/nm 3 ) Ossido di carbonio (CO) 63,72 68, Ossidi di azoto come NO 2 29,70 32,79 50 Campionamenti emissioni in atmosfera anno-2011 Fonti: Anno 2011-Relazione Controllo Emissioni in Atmosfera redatta da Theolab s.r.l.in data Sistemi di controllo emissioni in atmosfera Per tutti i camini sono misurati in continuo le concentrazioni di O 2 libero, di CO, di NO x e la temperatura degli effluenti gassosi, ad esclusione delle fasi di avviamento ed arresto impianto, secondo quanto previsto ed ammesso dalla normativa vigente. Nel corso di tali fasi, al fine di ridurre le emissioni, la Centrale mette in atto tutte le azioni per ottimizzare la combustione e limitarne i tempi. Le relative registrazioni, rese in forma idonea alla trasmissione dati, sono conservate in stabilimento e sono a disposizione degli organi preposti al controllo. La strumentazione di misura è esercita, verificata e calibrata ad intervalli regolari secondo la modalità prevista dal DM Alla data del non sono stati registrati superamenti della media giornaliera dei valori riguardo ai parametri controllati Uso sostanze lesive dello strato di ozono Sostanze ozono lesive sono presenti in n. 2 impianti di climatizzazione con gas refrigerante R410a per un totale di Kg 9. L impianto è stato installato in data Non sono utilizzati gas per gli interruttori (sotto vuoto). HIGH POWER S.p.A. rispetta gli obblighi prescritti dalla legislazione per la definizione dei controlli di tenuta impianti effettuati annualmente dal fornitore dei servizi di manutenzione. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 36

37 Emissioni in atmosfera immesse ed evitate, bilancio di massa degli inquinanti Annualmente HIGH POWER S.p.A. effettua un analisi che valuta i quantitativi di inquinanti immessi in atmosfera dalla centrale stessa e li confronta con quelli che si avrebbero se gli stessi quantitativi di energia elettrica e termica fossero generati separatamente da una centrale termoelettrica tradizionale a gas o a carbone (lignite o legna) e da normali caldaie condominiali. Per misurare i quantitativi di inquinanti immessi dalla Centrale vengono utilizzati i dati misurati dall impianto di monitoraggio in continuo installato. La stima degli inquinanti che sarebbero immessi con la generazione separata di energia elettrica e termica dalle altre due tipologie di centrali, viene effettuata utilizzando come parametri di riferimento i valori emissivi tipo forniti dalla Emission Inventory Guidebook 2009 disponibile sul sito dell European Environment Agency (EEA) riguardo ai parametri NOx, CO, SOx, mentre per la CO 2 è stata utilizzata la 2006 IPPC Guidelines for Nationale Greenhouse Gas Inventories. Per le caldaie condominiali, i valori tipo sono quelli disponibili sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia del 27/05/ Supplemento Straordinario. Nei grafici sotto riportati sono evidenziati i valori relativi alle emissioni immesse-evitate nell anno 2009 e 2010 per i parametri NOx, CO, SOx e CO 2. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 37

38 ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO CONFRONTO EMISSIONI NOx IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMES S E DA HIGH POWER S.p.A. IMMES S E DA C ENT RA L E A GA S + C A L DA IE IMMES S E DA C ENTRAL E A L IGNITE (C ARBONE) + C AL DAIE IMMES S E DA C ENTRAL E A L EGNA + C AL DAIE CONFRONTO EMISSIONI NOx IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMESSE DA HIGH POWER S.P.A. IMMESSE DA CENTRALE A GAS + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A LIGNITE (CARBONE) + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE CONFRONTO EMISSIONI NOx IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMES S E DA HIGH POWER S.p.A. IMMES S E DA CENTRA L E A GA S + CA L DA IE IMMES S E DA CENTRALE A LIGNITE (CARBONE) + CALDAIE IMMES S E DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE 0 GEN FEB MA R A PR MA G GIU L UG A GO S ET OT T NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC CONFRONTO EMISSIONI SO X IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI SO X IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI SO X IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMES S E DA HIGH POWER S.P.A. IMMES S E DA C ENT RA L E A GA S + C A L DA IE IMMES S E DA C ENTRAL E A C ARBONE + C AL DAIE IMMES S E DA C ENTRAL E A L EGNA + C AL DAIE IMMESSE DA HIGH POWER S.P.A. IMMESSE DA CENTRALE A GAS + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A CARBONE + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE IMMES S E DA TLR CHIERI IMMES S E DA CENTRA L E A GA S + CA L DA IE IMMES S E DA CENTRALE A CARBONE + CALDAIE IMMES S E DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE GEN FEB MA R A PR MA G GIU L UG A GO S ET OT T NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 38

39 ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2011 CONFRONTO EMISSIONI CO IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI CO IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI CO IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMES S E DA HIGH POWER S.p.A. IMMES S E DA C ENT RA L E A GA S + C A L DA IE IMMESSE DA HIGH POWER S.P.A IMMES S E DA TLR CHIERI IMMES S EDA C ENTRAL E A L IGNITE (C ARBONE) + C AL DAIE IMMESSE DA CENTRALE A GAS + CALDAIE IMMES S E DA CENTRA L E A GA S + CA L DA IE IMMES S E DA C ENTRAL E A L EGNA + C AL DAIE IMMESSE DA CENTRALE A LIGNITE (CARBONE) + CALDAIE IMMES S E DA CENTRALE A LIGNITE (CARBONE) + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE IMMES S E DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE GEN FEB MA R A PR MA G GIU L UG A GO S ET OT T NOV DIC 0 G E N F E B MAR APR MAG G IU L U G AG O S E T OT T NO V DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC CONFRONTO EMISSIONI CO 2 IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI CO 2 IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE CONFRONTO EMISSIONI CO 2 IN KG EVITATE/IMMESSE SU BASE MENSILE IMMES S E DA HIGH POWER S.p.A IMMES S E DA C ENT RA L E A GA S + C A L DA IE IMMES S EDA C ENTRAL E A L IGNITE (C ARBONE) + C AL DAIE IMMESSE DA HIGH POWER S.P.A. IMMESSE DA CENTRALE A GAS + CALDAIE IMMES S E DA TLR CHIERI IMMES S E DA CENTRA L E A GA S + CA L DA IE IMMES S E DA C ENTRAL E A L EGNA + C AL DAIE IMMESSE DA CENTRA A CARBONE + CALDAIE IMMES S E DA CENTRA A CARBONE + CALDAIE IMMESSE DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE IMMES S E DA CENTRALE A LEGNA + CALDAIE GEN FEB MA R A PR MA G GIU L UG A GO S ET OT T NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC 0 G E N F E B MAR AP R MAG G IU L UG AG O S E T OTT NOV DIC AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 39

40 Dall analisi dei grafici risulta evidente il beneficio ambientale globale, in termini di riduzione delle emissioni in atmosfera, che una centrale del tipo di quella di Chieri può apportare Gas serra Per quanto riguarda l anidride carbonica (CO 2 ), gas che contribuisce al progressivo riscaldamento terrestre (effetto serra), gli impianti a ciclo combinato a gas naturale hanno permesso di minimizzarne i valori di emissione in rapporto all energia prodotta. La CO 2 emessa è calcolata in base alle quantità di combustibile utilizzato e alla sua composizione stechiometrica, secondo anche quanto previsto dal piano interno di monitoraggio richiesto dalla normativa europea dell Emission Trading Scheme (ETS), ai sensi della decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio 2003/87, recepita con il Decreto Legislativo n.216 del 4 aprile 2006, e della decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio 2004/101/CE. Così come previsto dalla legislazione vigente, HIGH POWER S.p.A., provvede a comunicare annualmente al Ministero dell Ambiente i quantitativi di CO 2 emessa Scarichi idrici Le acque reflue industriali prodotte dalla Centrale derivano dai seguenti impianti: motogeneratori, caldaie, compressori, trattamento acqua in ingresso accumuli termici I reflui industriali costituiti principalmente da acque di lavaggio caldaie motori e acque di rigenerazione resine dell addolcitore, sono convogliate presso appositi serbatoi e periodicamente smaltite come rifiuto. Le acque derivanti dai servizi igienici sono convogliate nella rete fognaria gestita da SMAT S.p.A Emissioni acustiche verso l esterno Il Comune di Chieri ha provveduto alla zonizzazione acustica del territorio, richiesta ai sensi del DPCM 14 Novembre Dalla zonizzazione acustica comunale l impianto è localizzato in Classe V, mentre il ricettore maggiormente esposto, adibito a residenza, è collocato in Classe III. HIGH POWER S.p.A. effettua misurazione del clima acustico ai confini della Centrale ed in corrispondenza dei luoghi abitati nel caso di sostituzione o installazione di nuovi impianti. Sono state effettuate per il mese di novembre 2011 misurazioni del clima acustico a seguito dell installazione del terzo motogeneratore e della terza caldaia. AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 40

41 La verifica del rispetto dei limiti normativi in esterno è stata svolta in corrispondenza del ricettore residenziale (PF) a minima distanza dall impianto, nelle condizioni di normale esercizio e in presenza di tutti gli interventi di insonorizzazione previsti in sede di progetto. Le misure effettuate al confine della recinzione e in prossimità dell impianto HIGH POWER S.p.A. (P1, P2, P3, P4, P5) hanno avuto lo scopo di individuare la distribuzione spaziale delle emissioni di rumore dell impianto stesso e di definire la legge di decadimento del campo sonoro in funzione della distanza. La postazione fissa di monitoraggio, PF, è stata posizionata all interno della recinzione della proprietà maggiormente esposta alle emissioni dell impianto di cogenerazione, a circa un metro di distanza dalla facciata più esposta. Il ricettore è rappresentato da un edificio residenziale di due piani fuori terra. Il microfono è stato localizzato all altezza delle finestre a circa 4 m di altezza dal piano campagna. I dati, le figure e le risultanze di seguito riportate sono estratti del documento Relazione Studio Progetto Ambiente s.r.l. cod HPW-RUM-REL-01 del : Centrale di cogenerazione HIGH POWER S.p.A. Comune di Chieri - Verifica delle emissioni acustiche nel punto di massima esposizione esercizio 2011 La localizzazione dei punti di monitoraggio è riportata nella figura sottostante. Postazione punti di monitoraggio acustico AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 41

42 Le misure in corrispondenza delle postazioni mobili (P1, P2, P3, P4, P5) sono state svolte in data 2 Novembre 2011, con periodo di osservazione compreso circa tra le ore 09:15 e le ore 11:00 e sono state utilizzate per valutare i livelli di emissione nelle immediate vicinanze dell impianto e il relativo decadimento in funzione della distanza dall impianto HIGH POWER S.p.A. L attività di monitoraggio nella postazione fissa è stata svolta a partire dalle ore 09:00 di Mercoledì 2 Novembre, fino allo stesso orario del giorno seguente. La gestione, programmazione e svolgimento delle misure è stata condotta da Tecnici Competenti ai sensi della Legge Quadro sull Inquinamento Acustico, n. 447/95 (Allegato D). È stato, inoltre, ritenuto opportuno valutare i valori ottenuti durante il funzionamento simultaneo di tutti e tre i motori, così da documentare la situazione maggiormente gravosa. Sulla base dei dati rilevati nella campagna di monitoraggio in fase di esercizio, del confronto con le previsioni di impatto, con le misure ante operam e in fase di collaudo dell impianto, è stato possibile trarre delle conclusioni esaustive in merito al rispetto dei limiti normativi. La sottostante tabella riporta una sintesi dei valori limite, dei livelli ante operam e post operam in esercizio al mese di novembre Tabella di sintesi dei valori limite, dei livelli ante operam e post operam in esercizio al mese di novembre In conclusione dalle analisi effettuate si evince che: i livelli di rumore rilevati in facciata in corrispondenza del ricettore più vicino all impianto, pari a 52.2 db(a) diurni e 41.5 db(a) notturni, sono conformi in entrambi i periodi di riferimento ai limiti di immissione previsti dalla classificazione acustica comunale; AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 42

DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE

DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE DOCUMENTO DI AGGIORNAMENTO DELLA ai sensi del Regolamento CE 1221/09 EMAS III Versione del 14 Marzo 2011 Revisione 00 AGGIORNAMENTO DELLA Pag. 1 INDICE 1. PREMESSA... 5 2. INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO...

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO DELLA CITTA DI BRA. 19 Aprile 2012 Centro Polifunzionale Giovanni Arpino

IL TELERISCALDAMENTO DELLA CITTA DI BRA. 19 Aprile 2012 Centro Polifunzionale Giovanni Arpino IL TELERISCALDAMENTO DELLA CITTA DI BRA 19 Aprile 2012 Centro Polifunzionale Giovanni Arpino 1 AGENDA Premessa Il Teleriscaldamento Il teleriscaldamento a Bra Premessa COME NASCE IL TELERISCALDAMENTO A

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO

IL TELERISCALDAMENTO IL TELERISCALDAMENTO 1. COS è IL TELERISCALDAMENTO? 1.1 Come funziona 1.2 Stato attuale del teleriscaldamento: in Italia, in Europa e nel Mondo 2. VANTAGGI 2.1 Vantaggi per il cittadino-utente 2.2 Vantaggi

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa

INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa INCONTRO FIPER-ENEA MILANO 26 AGOSTO 2008 Detraibilità 55% per l allacciamento a reti di teleriscaldamento a biomassa ENEA/ACS GdL Efficienza Energetica FAQ 42 D - Vorrei sostituire una caldaia con un'altra

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER "IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON

AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER "IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON INFERIORE A 3 MW E INFERIORE A 10 MW 1. CAMPO DI APPLICAZIONE, CRITERI, PROCEDURE E

Dettagli

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Edison Spa Centrale di San Quirico Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di MACERATA (MC) REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Potenza = 10.00 kw Relazione tecnica Impianto: Impianto Fotovoltaico Committente: Terminal

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA'

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE FOTOVOLTAICA COMUNALE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

CENTRO COMMERCIALE ZERO CENTER (TV)

CENTRO COMMERCIALE ZERO CENTER (TV) Progetto CENTRO COMMERCIALE ZERO CENTER (TV) Scheda tecnica Impianto Tecnologico 1. Caratteristiche principali dell intervento Il complesso commerciale sarà articolato su più fabbricati, anche in corpi

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo

Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo CIRDER Centro Interdipartimentale di Ricerca e Diffusione delle Energie Rinnovabili Viterbo, 11 novembre 2014 Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo INTRODUZIONE ALLA GIORNATA: progetto Tuscia Sostenibile

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare Caldaia a condensazione IT 01 Termoidraulica Idee da installare Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto dell ambiente

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE Iren Energia è la società del ruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 05

Caldaia a condensazione IT 05 Caldaia a condensazione IT 05 Termoidraulica I d e e d a i n s t a l l a r e Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

Pianificazione energetica del territorio

Pianificazione energetica del territorio Informazione per esperti del settore Pianificazione energetica del territorio Strumenti per un approvvigionamento energetico all avanguardia Modulo 1: Scopo e significato Modulo 2: Procedimento Modulo

Dettagli

Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione

Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione Sviluppo, progettazione ed assistenza di unità di micro-cogenerazione Cos è un unità di micro-cogenerazione? Un unità di cogenerazione di energia elettrica e calore, nota anche solo come unità di cogenerazione

Dettagli

vivere e comprendere l energia Azienda Energetica SpA invita alla zona artigianale Maia Bassa via Max Valier

vivere e comprendere l energia Azienda Energetica SpA invita alla zona artigianale Maia Bassa via Max Valier vivere e comprendere l energia www.lars.it Azienda Energetica SpA invita alla GIORNATA DELLE PORTE APERTE NELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO MERANO MAIA BASSA zona artigianale Maia Bassa via Max Valier

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Il recupero di energia dall espansione del metano MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Energia: valore da gestire La turboespansione si pone oggi come tecnologia all avanguardia per la produzione

Dettagli

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag.

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. INDICE 1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. 4 4.1 Criterio di stima dell energia prodotta pag.

Dettagli

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna a cura di Alessandro Maestro BioPower Sardegna Il PMC

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Jesi Energia Spa Centrale di Jesi Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive Prot. n. 33831/07 Gorizia, 12 dicembre 2007 Oggetto: Autorizzazione di carattere generale alle emissioni in atmosfera, ai sensi dell art. 272 co.2 e dell art. 282 co. 3 del D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO COME FUNZIONA IL TELERISCALDAMENTO MODO DI PROCEDERE

Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO COME FUNZIONA IL TELERISCALDAMENTO MODO DI PROCEDERE Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO Definizione: "È un sistema di riscaldamento a distanza di un quartiere o di una città che utilizza il calore prodotto da una centrale termica,

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

MCHP MICROCOGENERATORE ENERGIA.

MCHP MICROCOGENERATORE ENERGIA. MCHP MICROCOGENERATORE ENERGIA. STOP ALLO SPRECO! L aumento delle tariffe energetiche, la necessità di programmare le risorse ed i cambiamenti del clima stanno influenzando molto il mercato. La microcogenerazione

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

1- Premessa. 2- Descrizione intervento

1- Premessa. 2- Descrizione intervento 1- Premessa Nella descrizione che segue si fa riferimento ai grafici di progetto TAV. 01, 02, 03, 04 allegati. Il comune di Prato, nell ambito di una politica di miglioramento funzionale e di riduzione

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

Latina 23 Giugno 2014

Latina 23 Giugno 2014 Latina 23 Giugno 2014 ORDINE DEGLI INGEGNERI DI LATINA Cogenerazione: incentivi e normative: opportunità, vincoli, stato dell arte e sviluppi del settore UN PROGRAMMA COMPLETO Viessmann Werke UN PROGRAMMA

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5.

Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5. Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5.5 Rafforzare ed integrare il sistema di governance ambientale Azione

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA

Facsimile. Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE. OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Libretto di impianto di CLIMATIZZAZIONE OBBLIGATORIO per tutti gli impianti di climatizzazione INVERNALE ed ESTIVA Conforme all Allegato I (Art. 1) del DECRETO 10 febbraio 2014 "Modello di libretto di

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico

L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico 18 Giugno 2013 L Azienda Simav è azienda specializzata in sviluppo, progettazione, implementazione e successiva

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli