AVANZI DI VERDE CHE AVANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVANZI DI VERDE CHE AVANZA"

Transcript

1 AVANZI DI VERDE CHE AVANZA progettisti Daniele Zuffa agronomo- Elisa Baruzzi architetto- Diego Villa designer- L IDEA DI PROGETTO L area scelta per il progetto del microgiardino è quella sita in Via Salvemini. Il luogo ci è sembrato da subito molto interessante, in quanto si tratta di una piccola area di congiunzione tra largo Lamarmora, la galleria Dante e via Fante d Italia, che presenta secondo noi grandi potenzialità di progetto. Analizzando la zona e il materiale fornitoci, ci siamo resi conto che attualmente il sito è poco utilizzato, sporco e male illuminato e i cittadini non sono invogliati a passare da Via Salvemini. I ragionamenti di base da cui siamo partiti sono legati al sito stesso, che, proprio per la sua posizione e conformazione, rappresenta un luogo di passaggio che da una strada trafficata, fiancheggiando il parco, porta ad una piazzetta. L idea di utilizzare quest area come luogo di sosta ci sembra poco attuabile, e anche leggendo le interviste dei cittadini, questo sito è sempre pensato e immaginato nella sua funzione di collegamento. Da subito ci è sembrato molto interessante sviluppare il tema del passaggio, inteso non solo come attraversamento fine a se stesso, ma come esperienza di percorso da scoprire. Ci siamo chiesti perché i cittadini dovrebbero essere invogliati a passare da Via Salvemini e con il nostro progetto abbiamo cercato di dare una risposta a questa domanda fondamentale. Perché camminando si sceglie una strada piuttosto che un altra? Perché si decide di passare proprio da quel luogo? Tutti abbiamo i nostri percorsi preferenziali, che spesso facciamo anche allungando il tragitto, semplicemente perché ci piacciono di più. Il nostro progetto vuole fare di Via Salvemini un percorso preferenziale, che i cittadini scelgano di vivere e non di evitare come accade attualmente. Partendo da questi presupposti, ci è sembrato logico, anche nell ottica dell intero concorso, partire da un principio di interazione tra uomo e natura: il verde della

2 vegetazione cerca di espandersi e farsi spazio nella città, mentre l uomo entra fisicamente nella natura e diventa parte del micro giardino. Il progetto, oltre ad avere un impianto architettonico ben preciso, è soprattutto basato su una poetica concettuale e visuale che mira a trasportare il cittadino, anche se per un breve percorso, in una dimensione quasi onirica, che stimola e nutre la fantasia. Infatti, non avendo a disposizione grandi superfici, abbiamo cercato di attuare poche e semplici operazioni che trasformino il sito senza però snaturare la sua essenza. In primo luogo, l idea suggerita sia dal bando di concorso che dagli abitanti del quartiere di utilizzare il muro di confine come quinta teatrale, scenografia fissa, ci è sembrata molto interessante. Il muro di confine è molto alto, e rappresenta comunque un punto di costruito molto forte, che in qualche modo bisogna ricondurre al giardino. Proprio da qui è scaturita l idea di non avere soltanto un verde orizzontale, ma anche un verde verticale, che si arrampica sul muro di fondo e lo riqualifica, quasi il muro diventasse una continuazione naturale del micro giardino. Grazie a questo verde che funge da quinta, si possono pensare forme e oggetti da posizionare sulla scena, come una vera e propria scenografia. In secondo luogo, l attuale conformazione dell area ci è sembrata alquanto angusta. Il percorso pedonale è piuttosto stretto e il muro di contenimento del verde presenta numerose riseghe che ostacolano la continuità del luogo. L idea di progetto è quella di rimodellare la forma della zona verde per dare un maggiore senso di accoglienza ai cittadini e di abbassare l altezza del muro di contenimento per evitare l effetto di eccessiva distanza dal verde. Il ridisegno del perimetro del muretto di contenimento si basa sull esigenza di una maggiore apertura verso la strada per attirare e invogliare le persone ad entrare e sulla creazione di un ampia zona di sosta non lungo il percorso, ma verso lo slargo porticato esistente. Come già sottolineato, non ci sembra infatti abbia senso progettare delle sedute lungo il percorso, che è essenzialmente una zona di passaggio, ma ci sembra al contrario molto interessante pensare ad uno spazio aperto rivolto verso lo slargo adiacente. Attualmente infatti l area porticata e il percorso pedonale sono completamente autonomi: ognuno si rapporta solo con se stesso e non c è dialogo fra gli spazi. L idea di progetto è quindi quella di utilizzare l area di sedute come cerniera per collegare lo slargo al percorso e al verde, uno spazio che può essere sfruttato sia dai cittadini che si vogliono semplicemente riposare, che dai clienti del bar vicino o dai fruitori del parco di fronte che possono attendere di entrare.

3 Le nuove linee di progetto sono delle spezzate, volutamente molto dure, che delineano fortemente lo spazio. Ai due estremi le linee si aprono maggiormente per accogliere i cittadini, mentre al centro lasciano meno spazio al percorso pedonale per offrire maggiore spazio agli alberi, che sembrano quasi voler andare incontro al passante. L idea della natura che cerca di ri-impossessarsi della città è poi maggiormente sviluppata nei 3 punti in cui il verde sembra straripare dal muro di contenimento e uscire dal proprio confine per invadere lo spazio e abbracciare il passante. Allo stesso modo, il cittadino deve poter entrare nella natura e nel verde, quasi potesse toccarla e ascoltarla. Proprio per questo il progetto prevede due rampe che spezzano la rigidità delle linee rette ed entrano nel verde, andando verso il muro di confine. Il progetto vuole trasmettere il concetto di convivenza fra uomo e natura, che ci può essere solo ascoltando le esigenze di entrambi. Abbiamo perciò pensato di installare alla fine delle rampe dei tubi sonori attraverso i quali ogni passante può dialogare con gli alberi, con le foglie, con la natura stessa. In un epoca in cui l uomo pensa solamente al proprio interesse e al profitto, ci è sembrato interessante pensare a delle installazioni concettuali, che possano provocare emozioni e dare spunti poetici ai cittadini. La dimensione volutamente onirica del luogo è accentuata dalle installazioni sul muro verde, che richiamano immagini presenti nella memoria ma in un contesto verde e quasi fiabesco. Il progetto vuole essere un azione di riqualificazione del verde, che però si spinge anche ad indagare una dimensione più intima dell uomo. Il percorso andrà vissuto da ognugno in modo diverso: può infatti essere la spinta a un azione giocosa, lo spunto per una riflessione personale o semplicemente un momento poetico in una giornata stressante. In ogni caso, con questo progetto, via Salvemini diventerà il percorso preferenziale! I MATERIALI Il progetto, come illustrato in seguito, è basato principalmente sullo studio del verde, articolato in diverse configurazioni. Per quanto riguarda gli altri elementi, l idea di base è stata quella di utilizzare il minor numero di materiali possibili, per dare unità compositiva e visuale all area. La scelta progettuale ha tenuto conto di diversi fattori, tra i quali la sostenibilità in termini economici, ambientali e sociali, la valorizzazione dello spazio e il contesto ambientale in cui ci inseriamo.

4 Il progetto architettonico prevede la demolizione del muretto esistente e la costruzione di un nuovo muretto, interrotto in alcuni punti, con un altezza intorno agli 80 centimetri. La necessità di costruire una struttura di contenimento per il terreno ci ha fatto pensare al cemento. La possibilità di rivestire poi il cemento con un altro materiale posticcio ci è sembrata inadeguata al contesto. La nostra idea è infatti quella di palesare i materiali utilizzati e non camuffarli o nasconderli. L idea di utilizzare un elemento più naturale solo come rivestimento per imbellettare una parete in cemento ci sembra, oltre che economicamente dispendiosa, anche architettonicamente impropria in questo contesto. Inoltre, il cemento può fungere sia da muretto di contenimento che da nuova pavimentazione per le aree lasciate scoperte dalla demolizione del muretto precedente. Abbiamo infatti pensato, per ottimizzare i costi, di lasciare la pavimentazione esistente, anche se presenta difformità e incongruenze, e di andare semplicemente a riempire gli spazi lasciati vuoti, anche ragionando in un ottica di fattibilità e rapidità esecutiva. L idea di un solo materiale che da terra risvolta e diventa muretto ci sembra interessante, come il verde che da prato diventa parete. Il cemento va perciò a costruire l intera struttura contenitiva, comprese le rampe che si inseriscono nel verde e la finitura grezza delle casserature viene evidenziata dalla luce radente dei segnapassi pensati lungo tutto il percorso. Le installazioni pensate per la parete verde sono spunti progettuali che potrebbero essere realizzati con lamiere microforate o bugnate. Per ottimizzare i costi abbiamo pensato a scarti o sfridi aziendali che opportunamente saldati e tagliati potrebbero costituire delle opere d arte da appendere sulla parete verde. L idea è quella di sfruttare un materiale solitamente usato esclusivamente per macchinari industriali e riciclarlo come opera d arte. Inoltre le lamiere richiamano alla memoria il ricordo delle grandi acciaierie presenti nella zona, che rappresentavano il progresso industriale e il benessere economico. Materiali freddi come cemento e lamiere si uniscono al verde della vegetazione, creando un contrasto armonico che fa risaltare le caratteristiche proprie dei materiali.

5 L ILLUMINAZIONE Dal sopralluogo effettuato e dalle interviste agli abitanti forniteci, si evince che l illuminazione del sito è attualmente un grande problema, in quanto l area in oggetto è scarsamente illuminata. L idea di progetto è quella di eliminare i due lampioni esistenti e inserire diversi tipi di corpi illuminanti per creare vari scenari di luce che possono essere accesi contemporaneamente o anche venire variati a seconda delle ore della sera. Per segnare il percorso abbiamo posizionato dei segnapassi a led nel muretto in cemento, da cui esce una luce radente che crea degli effetti di luce e ombra evidenziando la texture di finitura a vista del muro. Le opere d arte posizionate sulla parete verde sono retroilluminate con strisce di strip-led (tagliabili a misura) adesive, in questo modo si otterrà un effetto molto scenografico, come se le lamiere fossero sospese nel verde. Per creare uno scenario più intimo, posizioniamo dei faretti a terra nelle zone in cui la vegetazione straripa e scende nel percorso pedonale: in questo modo il verde sarà illuminato dal basso creando suggestivi effetti di luce e ombra. Per lo stesso motivo posizioniamo dei faretti anche vicino ai tronchi degli alberi, in modo che la luce vada a sbattere contro le fronde. In ultimo, si può posizionare un faro in alto per avere una luce di sicurezza che illumini l intera area. Un ulteriore spunto, è quello di sostituire i fittoni esistenti con paletti luminosi in acciaio o altro materiale. Attraverso questi diversi tipi di illuminazione, l area di progetto risulterà bene illuminata e si creeranno effetti scenografici e giochi di luce e ombre grazie alla suggestiva interazione di fasci luminosi, foglie e chiome. IL VERDE Il sito scelto, come indicato nel rilievo, comprende sette elementi vegetazionali arborei. Il progetto prevede l abbattimento dell esemplare di Taxus baccata, in quanto fortemente asimmetrico e di scarso valore ornamentale, e del Celtis australis posto più a sud (indicato in rilievo con il numero 3) anch esso di non particolare pregio. La scelta è inoltre dettata dalla necessità di conferire al micro giardino un maggiore senso di apertura e visibilità, soprattutto per i fruitori provenienti da via Fante d italia.

6 Si è scelto invece di lasciare e valorizzare gli altri esemplari arborei, perché, nonostante sia un semplice punto di passaggio, i bagolari presenti al centro del microgiardino sono un segno importante per l area oggetto di intervento, per l adiacente parco e per la zona circostante; i cittadini, qualsiasi sia la nuova proposta progettuale, ne avvertirebbero la mancanza. Inoltre, i tronchi dei quattro bagolari formano una particolare architettura vegetale, che è in dialogo con la parete retrostante e che viene valorizzata dall inserimento dei tubi sonori che si arrampicano fino alla chioma degli alberi. Infine, abbattere e smaltire un volume tale di massa vegetale comporta un elevata spesa sia economica che ambientale, quest ultima in termini di rilascio di CO2 stoccata nei tessuti che verrebbe sprigionata al momento dell abbattimento. Il progetto interviene in un area dove si può cogliere un sorta di debole relazione tra il costruito (molto forte in questo microgiardino, rappresentato soprattutto dal muro retrostante e dai palazzi attorno) e la natura (preponderante nel parco di fronte e in questa aiuola urbana.): questi due elementi risultano però staccati tra di loro, senza alcun legame. Questo microgiardino può diventare un momento di interscambio tra costruito e natura in un percorso pedonale che è in effetti un punto di passaggio e di incontro per le persone. La scelta della vegetazione di progetto verte sulla proposta di macchie arbustive compatte, a diverse altezze, di aree a prato, di vegetazione ricadente e di un rampicante per il muro. La scelta delle specie è stata dettata, oltre che dalle caratteristiche ornamentali e dal rapporto tra i singoli volumi verdi, dalla bassa manutenzione necessaria: vogliamo che ciò che è stato pensato su carta rimanga tale anche nella realtà. Infatti un carico elevato di manutenzione sarebbe di difficile esecuzione e porterebbe in pochi anni alla denaturazione del progetto e quindi dell area stessa. La specie scelta per creare una scenografica quinta sul muro è Parthenocissus tricuspidata veitchi, rampicante che ha la capacità di ancorarsi ai muri, caratterizzata da grandi foglie e da un rapido accrescimento. In autunno, dopo una intensa colorazione rossa, arancione e gialla, perde le foglie, lasciando per diversi mesi l intera parete ricoperta di piccole ciocche nere disposte regolarmente. La scelta specifica risulta dal fatto che questo rampicante non svolge solo la funzione schermante del muro (materiale vegetale omogeneo che ricopre, come ad esempio Edera) ma crea un effetto texture, cambiando colore e forme nelle varie stagioni. La caduta delle foglie

7 permette inoltre al muro di non accumulare umidità, mentre in estate l abbondante vegetazione consente un effetto rinfrescante della parete. Partendo dalla parte più a sud del micro giardino troviamo una macchia di Hypericum x inodorum Elstead, arbusto che può raggiungere i 120 centimetri di altezza. Nell'arco di alcuni anni le piante di questa specie tenderanno a raggiungere un portamento a palla, occupando lo stesso spazio in altezza ed in larghezza, creando così una macchia compatta di facile gestione e manutenzione. La posizione vicino al passaggio di via Fante d Italiai è dettata anche dai caratteristici fiori e frutti che, quando contemporaneamente presenti, creano un effetto molto gradevole. A degradare in altezza, sempre seguendo linee sinuose, troviamo Forsythia Maree d'or, alta circa 80 cm, che ha fioritura abbondante e precoce; come per l iperico è stata scelta una specie a bassa manutenzione, rustica e copri suolo, che non necessita di scerbatura o altri interventi se non una potatura all anno. Nell area centrale, più in ombra rispetto alle laterali, si prevede l utilizzo di Iris japonica, dal portamento elegante del fogliame, verde lucente, arcato. Il disegno ad onda che contiene quello che sarà un tappeto di foglie lucide e fiori bianchi, accompagna chi percorre via Salvemini, raccordando le diverse tonalità di giallo delle fioriture degli arbusti presenti: iperico, forsizia, mahonia e gelsomino d inverno. Come nell entrata più a sud del micro giardino, anche a nord troviamo un arbusto particolarmente ornamentale, dalla crescita ordinata e dal portamento compatto: Mahonia aquifolium Apollo. Lungo il percorso di fondamentale importanza è la presenza di vere e proprie cascate verdi, formate da Jasminum nudiflorum. La aree ricoperte da tappeto erboso sono costituite da un blend specifico, dovuto dalle esigenze di mezz ombra ma anche dai vantaggi del mancato calpestio. Le zone a prato servono per raccordare tra loro le varie masse degradanti di arbusti presenti, conferendo una maggiore leggerezza al progetto.

8 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011 PROGETTO NUOVA PASSEGGIATA A LAGO DAL VICOLO DELLE LAVANDAIE AL CENTRO BALNEARE DEL DESENZANINO ED AMPLIAMENTO ARENILE PROGETTO DEFINITIVO DEFINIZIONE DEI MATERIALI, DELLE FINITURE, DEL VERDE E DELL ARREDO

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Il verde. su misura. Progettare il giardino

Il verde. su misura. Progettare il giardino Progettare il giardino Il verde Progettare il proprio giardino, grande o piccolo che sia, è fondamentale per la futura fruibilità dell area. Occorre quindi razionalità e fantasia, valutazione attenta della

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

TrEttari Concorso di idee per la riqualificazione paesaggistica ed urbanistica del sistema dei parchi urbani Ciriè ACGSTSCG Lo sviluppo del progetto proposto prende le mosse dallo studio del territorio

Dettagli

Concorso europeo per la riqualificazione di Piazza San Ciro. Portici (NA) LE INTENZIONI DEL PROGETTO

Concorso europeo per la riqualificazione di Piazza San Ciro. Portici (NA) LE INTENZIONI DEL PROGETTO Concorso europeo per la riqualificazione di Piazza San Ciro Portici (NA) LE INTENZIONI DEL PROGETTO L intervento progettuale proposto nasce da considerazioni fondate sull approfondimento conoscitivo della

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni:

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni: Enrico Iascone Architetti Case Bianche Case Bianche Residence a Bologna indirizzo: via delle Lame, 29 città: progettista: consulenti: Bologna Enrico Iascone Carlotta Menarini Camilla Belletti Filippo Marsigli

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca:

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: ...... RocCaffè Pieve di Cento, 03 marzo 2012 La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: Una seconda Piazza per Pieve Percorso di consultazione partecipata della cittadinanza Rapporto

Dettagli

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA ISOLAMENTO A CAPPOTTO Scheda: L&C-TS 02 Lime&Cork TECHNIC SCHOOL è un iniziativa aziendale di informazione tecnica rivolta alla diffusione di una cultura dell edilizia di qualità. L isolamento a cappotto

Dettagli

Vuoi un aiuola sul terrazzo?

Vuoi un aiuola sul terrazzo? AIUOLE COMPONIBILI MODULARTE For creative garden solutions MODULARTE progetta e produce vasi e fioriere personalizzabili e componibili in svariate gamme di colori, formati e diversi materiali di finitura.

Dettagli

Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN

Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN Scheda Prodotto: Data ultimo agg.: 23 agosto 2006 Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN Classificazione 06 Elementi scarpate e muri sostegno 06.500 Elementi per scarpate 06.500.23 Löffelstein Indice scheda

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE COMUNE DI CURTAROLO - Provincia di Padova STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE Committente COMUNE DI CURTAROLO Progettista

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

esperienza co ntemporanea

esperienza co ntemporanea esperienza co ntemporanea Distinguere 150 l architettura per geometrie di volumi e spazi. a ragusa un abitazione dall identità consolidata. 151 Distinguere l architettura per geometrie di volumi e spazi.

Dettagli

Fabbrica di Aria Pura. Le uniche Cappe che Sanificano l aria. Eurocucina 2012 - FTK Milano - Salone Internazionale del Mobile

Fabbrica di Aria Pura. Le uniche Cappe che Sanificano l aria. Eurocucina 2012 - FTK Milano - Salone Internazionale del Mobile Le uniche Cappe che Sanificano l aria Fabbrica di Aria Pura FALMEC PRESENTA FABBRICA DI ARIA PURA Tecnologia tutelata da brevetto Internazionale Un nuovo concetto di aria pura in cucina Oggi le condizioni

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

Soluzioni progettuali a verde innovative per una migliore qualità dell ambiente urbano: opportunità e prospettive

Soluzioni progettuali a verde innovative per una migliore qualità dell ambiente urbano: opportunità e prospettive Soluzioni progettuali a verde innovative per una migliore qualità dell ambiente urbano: opportunità e prospettive Marco Devecchi Master in Progettazione del Paesaggio e delle aree verdi Facoltà di Agraria

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

SISTEMA DI PROTEZIONE PER SUPERFICI ERBOSE

SISTEMA DI PROTEZIONE PER SUPERFICI ERBOSE CARATTERISTICHE Resiste agli urti, ai raggi UV, alle sostanze chimiche di concimazione del terreno ed ai batteri presenti nella terra. Superficie di drenaggio superiore al 90% Ottime caratteristiche di

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus

principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus m&ss informazione/formazione - le mini dispense di buone pratiche principi, metodo e schemi di riqualificazione delle fermate bus Pag. 1 a 38 Pag. 2 a 38 m&ss informazione/formazione - le mini dispense

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E l OSPEDALE DI CONSELVE (PD) PER UN PERIODO CONTRATTUALE

Dettagli

Il Piano del Verde urbano

Il Piano del Verde urbano Facoltà di Architettura Corso di laurea in Architettura UE a.a. 2009/2010 Laboratorio di Analisi e Pianificazione della città e del territorio Modulo di Pianificazione del territorio 4 anno Prof. Maria

Dettagli

INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione.

INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione. 1 INDICE. 1. Introduzione. 2. Linee guida del Progetto. 3. Organizzazione degli spazi e funzioni. 4. Scelta dei materiali/sostenibilità. 5. Vegetazione. 6. Progettazione partecipata. 7. Gestione. 2 1.INTRODUZIONE.

Dettagli

BAMBOO GUIDA DI INSTALLAZIONE

BAMBOO GUIDA DI INSTALLAZIONE RACCOMANDAZIONI / FATTORI DA CONSIDERARE BIANCO CARRARA I piccoli fori, comunemente definiti "tarolo" sono una del bianco carrara. troviamo che tale caratteristica dovrebbe essere evidenziata lasciandoli

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano)

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano) PROGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE PARCO VIA AQUILEJA UBICAZIONE: AREA VERDE VIA AQUILEJA PROSPICIENTE LA SCUOLA DOCUMENTO: RELAZIONE TECNICA Opere: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in struttura

Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in struttura Convegno Automobile Club Pesaro e Urbino LA SOSTA ED IL PARCHEGGIO COMPONENTI ESSENZIALI DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE E RESPONSABILE Pesaro 22 giugno 201 Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi A BELLUNO Comune di Belluno Settore Interventi sul Territorio Unità Organizzativa Opere Pubbliche Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

RELAZIONE PIANO INTEGRATO AT5 A

RELAZIONE PIANO INTEGRATO AT5 A RELAZIONE PIANO INTEGRATO AT5 A IL CONTESTO URBANO ESISTENTE Il contesto urbano che circonda l area ULTROCCHI è caratterizzato da una tipica morfologia di ambito periferico rispetto al nucleo originario

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

COSTRUIAMO LA TUA CASA

COSTRUIAMO LA TUA CASA VENDITA DIRETTA - 0432 575379 Visione d insieme ville D ed E Due ville di pregio e qualità a Godia nella immediata periferia Nord-Est di Udine con vista diretta sulle prime propaggini delle Alpi Orientali

Dettagli

VENUS Pininfarina Design

VENUS Pininfarina Design VENUS Pininfarina Design Il valore distintivo di un oggetto oggi è sempre più legato alla sua capacità di trasmettere emozioni attraverso: forme particolarmente attraenti, che danno carattere e personalità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Enzo Mari Forma e Formalismo

Enzo Mari Forma e Formalismo 3 Maggio 2009 ISSN 1722-7402 Bimestrale - n. 3 - Maggio 2009 - e 3,90 - poste Italiane spa - Sped. abb. Postale - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1, Comma 1, DCB Milano In caso di mancato

Dettagli

Un giardino didattico per la contrada di Scauri e Rekale

Un giardino didattico per la contrada di Scauri e Rekale PGS Polisportiva San Gaetano Località Scauri 91017 Pantelleria (TP) Sito internet: www.pantelleria.com/giardinodidattico Email: giardinodidattico@pantelleria.com Telefono: 366.1949241 Un giardino didattico

Dettagli

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10.

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. P.ZZA XX SETTEMBRE: Proiezione di immagini natalizie, da concordare preventivamente con l Amm.ne

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

l albero in ombra L ombra e la natura L ombra è qualcosa che ci insegue sempre, è anonima, senza lineamenti o particolari, unica nel suo genere. Ogni cosa ha la sua ombra, non può averne un altra, basta

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

Sistemi per verande in alluminio

Sistemi per verande in alluminio Sistemi per verande in alluminio Luce e spazio per il vostro benessere Tecnologia verde per il Pianeta blu Energia pulita da Sistemi solari e Finestre 2 Schüco Indice Indice Sistemi per verande Schüco

Dettagli

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE IL SUPPORTO La CARTA DA DISEGNO è raggruppabile in due tipi fondamentali: - carta opaca o bianca - carta trasparente o da lucido, usata per disegni a china. GLI STRUMENTI Il gruppo di linee da usare per

Dettagli

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO Luglio 2011 1 Premesse Il progetto riguarda la realizzazione di una struttura

Dettagli

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com Zona notte Una lunga striscia di LED, incassata nel soffitto del soppalco, illumina la zona pranzo sottostante. Questa scelta, funzionale e d effetto, sostituisce egregiamente il classico lampadario. PROGE

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Sistemi in vetro. Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography. Pilkington Profilit

Sistemi in vetro. Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography. Pilkington Profilit Sistemi in vetro Università dell Iowa Architetto: Steven Holl Fotografia: Jerry Swanson Architectural Photography Il complesso Centro di Ricerche Biomediche, composto da due parti, viene diviso da una

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

casa vinicola cantina masselina

casa vinicola cantina masselina 04 casa vinicola cantina masselina casa vinicola cantina masselina Incastonato nelle morbide campagne della romagna, un piccolo gioiello architettonico accoglie visitatori e operatori vinicoli, ospiti

Dettagli

PROGETTAZIONE. Non è un gioco. Testo di Valeria Pagliaro, architetto. A cura di Sabrina Fazio, architetto (società Land)

PROGETTAZIONE. Non è un gioco. Testo di Valeria Pagliaro, architetto. A cura di Sabrina Fazio, architetto (società Land) Non è un gioco In alto, l area gioco con pavimentazione antitrauma dei giardini della Guastalla (MI). Sotto, la colorata pavimentazione antiurto dell area gioco dei giardini Pirelli Bicocca a Milano. La

Dettagli

01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE. estate 2014_verso il cantiere

01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE. estate 2014_verso il cantiere 01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE estate 2014_verso il cantiere 02 - STRATEGIE PROGETTUALI_logiche generali LE DIREZIONI DEL PROGETTO 1 Allineamenti 2 Disposizione pavimentazione

Dettagli

Un loft a misura d uomo che respira aria trentina. Spazi contemporanei per emozioni senza tempo. progettazione d interni abitare design, proposte per

Un loft a misura d uomo che respira aria trentina. Spazi contemporanei per emozioni senza tempo. progettazione d interni abitare design, proposte per abitare LA LIBERTÀ Un loft a misura d uomo che respira aria trentina. Spazi contemporanei per emozioni senza tempo. progettazione d interni abitare design, proposte per un mobile qualificato, il laboratorio

Dettagli

Greenover: sistemi per pareti verdi

Greenover: sistemi per pareti verdi Natura e Architettura Greenover: sistemi per pareti verdi Facciate ventilate e facciate verdi: Principi base d i funzionamento e sistemi applicativi finalizzati al controllo acustico e termico Lucca 26

Dettagli

Progetto e sicurezza

Progetto e sicurezza Progetto e sicurezza Consigli per la realizzazione di un buon ambiente gioco Noi della TLF siamo consapevoli del fatto che gli ambienti riservati al gioco dei bambini dovrebbero offrire, oltre alla sicurezza

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI AREA: 4 DENOMINAZIONE: AMAZAS 2 (CARTA 6) DESCRIZIONE: La S.S. 24 separa una pineta di pino silvestre a monte da una fascia di arbusteto montano a valle entro cui scorre la Dora Riparia. Sopra la pineta,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1 DT9 SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 3.1 [SMD] [Serie 100] [48bit] [SPV] [AN] [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. Design alla Coop In prima linea, il giovane design italiano che propone prodotti di largo consumo per la casa e la persona.

SCHEDA INFORMATIVA. Design alla Coop In prima linea, il giovane design italiano che propone prodotti di largo consumo per la casa e la persona. SCHEDA INFORMATIVA QUANDO Da sabato 29 ottobre a domenica 6 novembre 2005 DOVE INGRESSO Porta Giulio Cesare BIGLIETTO Prefestivi e festivi: 8,00 Feriali: 7,00 ORARIO Giorni feriali: 15-19 Prefestivi e

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

Lettura diagrammatica del MAXXI

Lettura diagrammatica del MAXXI Lettura diagrammatica del MAXXI Il MAXXI si può leggere come fiume o insieme di flussi che si originano da una comune sorgente, la hall, la quale a sua volta si genera da un conflitto, quello dell incontro/scontro

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

Progetto CASA NATURALE

Progetto CASA NATURALE Progetto 56 il tetto green La tradizione architettonica canadese legata all'utilizzo del legno si evolve in versioni contemporanee come in questa residenza a La Malbaie, nella regione di Charlevoix di

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Area Programmazione e Gestione del Territorio Accordo quadro con un unico operatore economico per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del verde

Dettagli