ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A"

Transcript

1 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva e correttiva per l ampliamento del sistema di videosorveglianza esistente, comprensivo delle apparecchiature hardware e software e relativa rete di comunicazione. ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

2 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB ELABORATO TECNICO ALLEGATO A Introduzione Il presente documento descrive le caratteristiche minime richieste alla tecnologia impiegata per realizzare l ampliamento del sistema di videosorveglianza. In merito alle caratteristiche tecniche del sistema di videosorveglianza, del sistema di lettura targhe e dei relativi centri di controllo e linee di comunicazione, l offerente è lasciato libero di proporre la soluzione più adeguata. E comunque opportuno precisare che in merito agli interventi da operare sui siti prescelti, indicati nel Capitolato d Oneri, l offerente dovrà documentare al meglio la propria proposta progettuale in merito all impatto ambientale che dovrà essere ridotto nella massima misura per il rispetto dovuto al contesto urbano della città di Sacile. Sistema di lettura targhe Il controllo targhe verrà eseguito presso due accessi alla città di Sacile, individuati da questa Stazione Appaltante, in modo automatico e continuativo mediante un sistema così costituito: - Postazioni di lettura targhe presso due punti di ingresso alla città di Sacile - Un Centro di Regia. I siti individuati per la collocazione degli accessi sono i seguenti: Via Martiri di Sfriso Postazione lettura targhe via Martiri di Sfriso Telecamera di lettura targhe posizionata lungo via Martiri di Sfriso. La telecamera dovrà intercettare le targhe di tutti i veicoli entranti lungo la direttrice individuata dalla planimetria.

3 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Il varco dovrà essere posizionato su un palo nuovo da installare sul margine destro della carreggiata in modo tale da armonizzarsi con i pali dell illuminazione pubblica già presenti lungo la strada. Gli apparati attivi di comunicazione dati potranno essere installati a palo tramite un box o posizionati in un pozzetto a base palo o in un armadio a lato strada. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà a discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Attualmente presso via XXV Aprile è presente una postazione di videosorveglianza collegata in fibra ottica con la Stazione dei Carabinieri. La distanza che intercorre tra la nuova postazione di lettura targhe e la telecamera di videosorveglianza esistente è di circa 500m lungo via Martiri di Sfriso. La telecamera esistente, così come tutte le telecamere già installate nel comune di Sacile è una telecamera analogica modello Ultrak KD6 collegata alla rete in fibra ottica tramite un trasmettitore analogico su fibra. La fibra esistente è una fibra ottica multimodale 62.5/125nm. Ogni telecamera periferica esistente è collegata tramite fibra ottica in modalità punto a punto con il posto centrale di videosorveglianza. L impianto esistente in fibra ottica non ha fibre disponibili per la connessione della telecamera di lettura targhe. Via Francenigo (svincolo Sacile Ovest) Postazione lettura targhe via Francenigo Telecamera di lettura targhe posizionata lungo via Francenigo. La telecamera dovrà intercettare le targhe di tutti i veicoli entranti lungo la direttrice individuata dalla planimetria. Il varco dovrà essere posizionato su un palo nuovo da installare sul margine destro della carreggiata. Gli apparati attivi di comunicazione dati potranno essere installati a palo tramite un box installato sul palo stesso o posizionati in un pozzetto a base palo, o in un armadio a lato strada. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Attualmente non è presente nessuna fibra ottica lungo la via né l amministrazione comunale è in grado di sapere se vi siano cavidotti eventualmente disponibili per un passaggio cavi. Il Centro di Regia lettura targhe sarà collocato presso la Stazione dei Carabinieri ubicato in via G. Lacchin 50.

4 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Descrizione dell applicazione - requisiti minimi richiesti Sistema periferico Il sistema dovrà permettere la lettura delle targhe dei veicoli in transito presso i punti di controllo in modalità flusso libero, ovvero senza la necessità di costruire opere per la canalizzazione dei veicoli. Il sistema OCR dovrà operare globalmente in classe A secondo la norma UNI Il sistema dovrà rilevare e identificare in modo completamente automatico e continuativo ogni autoveicolo in transito sul varco, mediante l acquisizione in tempo reale della immagine della targa con apposito software OCR (Optical Character Recognition). E preferita la funzione di lettura automatica targhe direttamente in periferia in quanto vantaggiosa per la riduzione dei tempi di trasmissione di informazioni in linea e nei casi in cui sarà necessario il monitoraggio in tempo reale in merito ad autoveicoli segnalati. Questa funzionalità prevederà la lettura della targa localmente (sulla postazione) e solo successivamente la sua trasmissione al Centro di Regia. Indipendentemente da dove implementata, la funzione di lettura delle targhe dovrà comunque essere supportata da un modulo di elaborazione in grado di riconoscere tutti i modelli di targhe nazionali ed europee. Al fine di garantire la trasmissione di tutte le targhe lette al Centro di Regia presso la Stazione dei Carabinieri, sarà valutata positivamente la presenza di una memoria esterna per immagazzinare i dati anche in caso di caduta o di interruzione di trasmissione della linea di comunicazione tra periferia e centro. Data la collocazione delle tecnologie in aree urbane è assolutamente indispensabile che le prime garantiscano il massimo livello di contenimento dell impatto ambientale dovuto all inserimento del varco nel contesto urbano; costituirà quindi elemento preferenziale la rispondenza del sistema a queste caratteristiche. E richiesto che il sistema proposto sia aperto, cioè predisposto all espansione mediante l implementazione di nuove postazioni periferiche, ciò comportando solamente le spese di fornitura ed installazione della relativa postazione aggiuntiva. Dovranno essere garantite sul varco le seguenti prestazioni minime: trasferire al centro tutte le targhe di ogni singolo passaggio, corredate delle informazioni quali il numero di targa, la data e ora del rilevamento, il numero della postazione di lettura targhe; garantire le prestazioni anche in caso di accodamento degli autoveicoli; operare con veicoli transitanti anche a velocità elevate. gestione di liste veicoli su memoria RAM/Flash interfaccia di rete Ethernet per centralizzazione dati funzione Web Server per Setup via Browser I/O digitali e Porte seriali per comandi locali alimentazione 24 Vdc e basso consumo custodia da esterno IP 66 con staffa e tettuccio Il sistema di lettura targhe dovrà essere dotato di un interfaccia utente in architettura Web Server. L accesso all applicativo di configurazione dovrà essere effettuato via browser per pagine HTML (I.E. o equivalente). Questa Stazione Appaltante renderà disponibile per ogni punto periferico di lettura targhe un allaccio per l utenza elettrica il più vicino possibile, compatibilmente con la disponibilità di punti di allaccio presenti nella zona interessata. In caso di tecnologia ADSL i canoni della linea di comunicazione saranno sostenuti dall Amministrazione Comunale. Costituirà inoltre elemento preferenziale la rispondenza del sistema alle seguenti altre caratteristiche: assenza di apparati di rilevamento dei transiti sulla postazione di lettura targhe, basati su dispositivi hardware (spire o sensori posti sotto il piano stradale, laser camera, ecc.) telecamera dotata di un dispositivo integrato di illuminazione ad infrarosso, montata su apposito palo di sostegno e dunque assenza di apparati di illuminazione dell area circostante il punto di lettura targhe. interfacciamento e apertura del sistema di lettura targhe con l applicazione software esistente presso la Stazione dei Carabinieri.

5 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Vista la collocazione degli accessi e loro conformazione, pur rispondendo a caratteristiche funzionali proprie, il sistema, dovrà avere le seguenti caratteristiche di massima: contenere nella massima misura l impatto ambientale derivante dall inserimento del varco nell ambito urbano. avere caratteristiche tali da consentirne una buona integrazione nel contesto urbano; Centro di Regia Il Centro di Regia dovrà essere installato presso la Stazione dei Carabinieri di Sacile, esso comprenderà a livello hardware gli apparati di comunicazione previsti per la ricezione e visualizzazione dei dati/immagine targa provenienti dai sistemi di lettura targhe periferici. Per accedere al sistema software installato sulla postazione operatore del Centro di Regia, dovrà essere richiesto il nome utente e la relativa password per garantire l accesso al solo personale autorizzato. Il software installato sulla postazione operatore del Centro di Regia in caso di riconoscimento parziale o in caso di errore di decodifica, dovrà permettere all operatore l intervento manuale correttivo. Al Centro di Regia dovranno altresì essere disponibili le seguenti funzioni: Rappresentazione dello stato globale delle periferiche ( On/Off, allarmi); Impostazione data e ora sistema; Visualizzazione di dati statistici su Centro (numero di transiti rilevati); Sistema di videosorveglianza Il sistema di videosorveglianza consta nella fornitura di n. 5 (cinque) telecamere IP Megapixel che andranno ad ampliare il sistema di videosorveglianza già esistente nel Comune di Sacile e attualmente costituito da n. 31 (trentuno) telecamere dome analogiche collegate con il Centro di Controllo situato presso la Stazione dei Carabinieri in via G. Lacchin 30. Ogni telecamera esistente attualmente è collegata in fibra ottica, tramite trasmettitori analogici su fibra ottica multimodale 62.5/125nm con una tecnologia punto a punto. E requisito indispensabile, a pena di esclusione, la totale compatibilità delle nuove telecamere offerte con il software di videosorveglianza attualmente in uso presso la Stazione dei Carabinieri di Sacile, ovvero il software Xprotect corporate 3.1 di Milestone. La ditta offerente dovrà altresì provvedere alla fornitura delle opportune licenze di connessione camera delle nuove telecamere fornite da installare su gli apparati hardware del Centro di Controllo e Gestione del sistema di videosorveglianza presente presso la Stazione dei Carabinieri. Oggetto di ampliamento del sistema di videosorveglianza è anche il rilancio dei flussi video per scopi di sola visualizzazione presso il Comando di Polizia Locale del Comune di Sacile, dove dovrà essere fornita e posata anche una Workstation di adeguate prestazioni ed un monitor LCD da 21. Per il rilancio dei flussi video non sarà necessario l installazione di ulteriori licenze del software Milestone. La ditta dovrà connettere tramite fibra ottica la stazione dei Carabinieri con il Comando di Polizia Locale, il quale dovrà essere fornito di una postazione operatore di visualizzazione opportunamente configurata al fine di garantire una visione ottimale di tutti i 36 flussi video. La postazione operatore presso il Comando della Polizia Municipale prevede anche l installazione di un monitor LCD staffato a muro.

6 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB I siti individuati per la collocazione delle telecamere di videosorveglianza sono i seguenti (rappresentati in rosso sulla mappa): Piazza del Popolo P.L. TLC.L. C.C. Nuove telecamere IP Megapixel piazza del Popolo N. 2 (due) telecamere IP Megapixel da posizionare all ingresso della piazza del Popolo sugli edifici posti ai lati della piazza, tramite opportune staffe di sostegno. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra. Attualmente presso la piazza adiacente a piazza del Popolo (piazza Manin) è presente una postazione di videosorveglianza collegata in fibra ottica con la Stazione dei Carabinieri. La distanza che intercorre tra la nuova postazione di videosorveglianza e la telecamera esistente di Piazza Manin è di circa 50m. La telecamera esistente, così come tutte le telecamere già installate nel comune di Sacile è una telecamera analogica modello Ultrak KD6 collegata alla rete in fibra ottica tramite un trasmettitore analogico su fibra. La fibra esistente è una fibra ottica multimodale 62.5/125nm. Ogni telecamera periferica esistente è collegata tramite fibra ottica in modalità punto a punto con il posto centrale di videosorveglianza. L impianto esistente in fibra ottica non ha fibre disponibili per la connessione della nuova telecamera di videosorveglianza. Le telecamere dovranno essere fornite con ogni accessorio tale da renderle compiute e funzionanti.

7 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Piazzola ecologica di San Giovanni di Livenza P.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel Piazzola ecologica di San Giovanni di Livenza TLC.L. N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare a presidio della Piazzola Ecologica di San Giovanni di Livenza (Strada San Giovanni di Livenza), su un nuovo palo oggetto di fornitura. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

8 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio P.L. TLC.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare nell area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio, su un palo esistente. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

9 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Area camper e approdo sul Livenza TLC.L. P.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel area camper e approdo sul Livenza N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare nell area camper e approdo sul Livenza, su un palo esistente. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

10 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Descrizione dell applicazione - requisiti minimi richiesti Le telecamere fisse di videosorveglianza dovranno possedere le caratteristiche minime qui esposte: Telecamera IP da almeno 1.3 megapixel, a colori di tipo Day-Night Custodia con passaggiocavi e termoventilata con grado di protezione IP66 e vetro antisfondamento L obiettivo di tipo fisso sarà da valutare con la direzione lavori in base alle inquadrature delle aree da videosorvegliare La colorazione di tutti gli apparati e cavi appartenenti al punto di ripresa dovranno avvicinarsi il più possibile al colore della parte di edificio dove verrà agganciata la telecamera, in modo da non risultare particolarmente visibile. Per tutte le aree coperte dai punti di ripresa dovranno essere forniti ed installati opportuni cartelli di avviso conformi alle disposizioni del Garante della Privacy. I sistemi offerti ed i componenti accessori dovranno possedere il marchio CE. La registrazione delle immagini avverrà sui dispositivi hardware già presenti presso la Stazione dei Carabinieri, la ditta offerente dovrà adeguare la dimensione dei dischi di registrazione. Attualmente il server esistente per il sistema di videosorveglianza è il modello DL385G6 di HP e la workstation è Z200 di HP. Gli hard disk con cui è equipaggiato il server di registrazione sono da 500GB SATA 7,2K 2,5IN MDL di HP; si richiede di aggiungere almeno n. 2 ulteriori dischi di adeguata capacità per garantire gli attuali standard di videoregistrazione, ovvero risoluzione D1 per almeno 7 giorni. Questa Stazione Appaltante renderà disponibile per ogni postazione di videosorveglianza un allaccio per l utenza elettrica, il più vicino possibile al punto di ripresa, compatibilmente con la disponibilità di punti di allaccio presenti nella zona interessata. Garanzia e manutenzione del sistema L impresa aggiudicataria è tenuta alla redazione di un piano di manutenzione per quanto previsto in fornitura; la durata della garanzia sarà di ventiquattro mesi. Il piano di manutenzione dovrà essere consegnato al momento del collaudo definitivo. La manutenzione verrà svolta nel rispetto delle norme di legge a tutela della circolazione e dell incolumità pubblica, restando al riguardo a carico dell impresa aggiudicataria ogni responsabilità civile e penale circa l esecuzione delle opere civili ed impiantistiche. I ventiquattro mesi di manutenzione decorrono, per ogni elemento dell appalto, dalla data del collaudo definitivo dell intero sistema, qualora quest ultimo abbia esito positivo. Il piano di manutenzione dovrà contemplare tutte le attività di manutenzione preventiva e correttiva tali da garantire il mantenimento, nell arco di 24 mesi, delle caratteristiche prestazionali e funzionali del sistema di controllo della zona a traffico limitato. In esso dovranno essere definite le scadenze temporali, i criteri, l eventuale materiale di consumo, le grandezze da verificare periodicamente ed in genere tutte le operazioni da eseguire periodicamente sugli apparati del sistema. Il piano di manutenzione verrà consegnato alla Stazione Appaltante in sede di collaudo finale e la mancata consegna dello stesso non consentirà di concludere positivamente il collaudo. Durante i ventiquattro mesi di manutenzione la ditta aggiudicataria è tenuta a manutenere e, in caso di guasto, a riportare le apparecchiature ed i programmi forniti in condizioni di regolare funzionamento. Nel caso in cui il guasto si sia prodotto in condizioni di normale utilizzo nessun onere potrà essere addebitato alla Stazione Appaltante, anche se per la riparazione del guasto stesso si sia resa necessaria la sostituzione di qualche componente. L impresa aggiudicataria dovrà indicare per la manutenzione del sistema, un numero di fax/telefono/altro al quale far pervenire la richiesta di intervento. Ciascun intervento dovrà essere svolto entro settantadue ore lavorative dalla comunicazione. Nel caso in cui la complessità dell intervento richieda il trasporto dell apparecchiatura in laboratorio, la stessa dovrà essere restituita in perfette condizioni di funzionamento entro 10 giorni naturali e consecutivi. Nel caso in cui l impresa aggiudicataria non riesca a rispettare tale ultimo termine, dovrà fornire alla Stazione Appaltante, per tutto il periodo ancora necessario alla riparazione, un equivalente apparecchiatura di sua proprietà. Corso di formazione per gli operatori del sistema Compito della Ditta aggiudicataria dovrà essere anche quello di provvedere all addestramento del personale destinato alla conduzione del sistema (Amministratore di Sistema) e al controllo/gestione delle periferiche installate sul territorio (Operatori), al fine di renderli autonomi nella loro gestione e utilizzo.

11 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Il corso di formazione sarà da effettuarsi al termine dell installazione e del collaudo dell impianto, presso la sede della committenza e sarà compito della ditta offerente, illustrare nell elaborato dell offerta tecnica, le modalità di erogazione del corso, il programma, il materiale fornito e il numero di ore proposte sia per il sistema di videosorveglianza, sia per il sistema di lettura targhe. Normativa di riferimento Tutte le apparecchiature dovranno essere conformi alle vigenti norme in materia di sicurezza degli impianti elettrici, civili, industriali, ecc. e munite di idoneo impianto di terra collaudato. Finanziamento e rendicontazione Gli interventi sono finanziati parte con fondi regionali Aster 2008, parte con fondi regionali ai sensi della L.R. n. 9 del Conseguentemente gli interventi dal n 1 al n 4 devono essere eseguiti e rendicontati entro il , mentre i restanti interventi dal n 5 al n 7 devono essere rendicontati entro il (vedere elaborato stima degli interventi e quadro economico ).

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it Procedura negoziata per l'affidamento in cottimo fiduciario della fornitura relativa all'adeguamento tecnologico, all'ampliamento ed alla manutenzione in sede ed a campo del sistema di videosorveglianza

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE Comune di Bruino Provincia di Torino OGGETTO: PROGETTO PRELIMINARE Intervento di installazione telecamere per la videosorveglianza presso il centro cittadino, l area ecologica e cimitero comunale.. DESCRIZIONE:

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE RELAZIONE ILLUSTRATIVA con QUADRO ECONOMICO 15 giugno 2015 Pagina 1 di 11 Sommario

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A)

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA Direzione generale Servizio tecnico e della prevenzione ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) Pubblico Incanto Det.

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Determinazione n. 291 del 22/06/2012

Determinazione n. 291 del 22/06/2012 REGISTRO DELLE DETERMINAZIONI DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI Determinazione n. 291 del 22/06/2012 SERVIZIO DI DIREZIONE O G G E T T O: FORNITURA E POSA IN OPERA PER UPGRADE E CONVERSIONE IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA

RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA E necessario conoscere i requisiti (hardware e software) richiesti dal software di gestione per poter correttamente definire le caratteristiche dei video server

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

COMUNE di GRATTERI Provincia di Gratteri

COMUNE di GRATTERI Provincia di Gratteri COMUNE di GRATTERI Provincia di Gratteri CAPITOLATO D APPALTO PER LA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA A TUTELA DEL CONTESTO AMBIENTALE NEL COMUNE DI GRATTERI (PA). OGGETTO

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. Linee guida

ALLEGATO TECNICO. Linee guida ALLEGATO TECNICO Procedura aperta per l appalto del servizio di progettazione, fornitura, posa in opera ed implementazione di un impianto di videosorveglianza urbana ed informazione al cittadino nel Comune

Dettagli

Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Palazzo di Giustizia Bruno Caccia di Torino LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE Città di Torino Settore Grandi Opere Edilizie Palazzo di Giustizia "Bruno Caccia" di Torino Opere di completamento per la sicurezza passiva Progetto definitivo LISTA DELLE VOCI DI PREZZO PIU' SIGNIFICATIVE

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI

RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI Comune di Padova COD. FISC. 00644060287 SETTORE SERVIZI INFORMATICI E TELEMATICI Via Fra P. Sarpi, 2 35138 Padova Tel. 049/8205300 Fax 049/8205315 e-mail: servizi.informatici@comune.padova.legalmail.it.

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe COME NASCE LA SOLUZIONE L evoluzione tecnologica, l esperienza nell identifi cazione delle migliori soluzioni e l esigenza sempre più forte di potenziare

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo PREMESSA PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Il progetto attua l art. 2, punto 5 del paragrafo dedicato al Potenziamento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 24/06/2010 MODIFICATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 8 DEL 24/03/2011 (entrato in vigore

Dettagli

PLATES. Riconoscimento Targhe

PLATES. Riconoscimento Targhe PLATES Riconoscimento Targhe Plates Che cosa è Plates è un prodotto basato su un algoritmo proprietario di lettura automatica delle targhe che transitano nel campo visivo di una telecamera. Plates A che

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA AREA GESTIONE EDILIZIA UFFICIO MANUTENZIONI IMPIANTISTICHE P.le Aldo Moro, 5 00185 Roma OPERE DI RIQUALIFICAZIONE E INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESSO ALCUNI

Dettagli

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI DUE CARRARE, CARTURA E PERNUMIA Sistema di Videosorveglianza Progetto Esecutivo Relazione Tecnica Illustrativa INDICE

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI DUE CARRARE, CARTURA E PERNUMIA Sistema di Videosorveglianza Progetto Esecutivo Relazione Tecnica Illustrativa INDICE INDICE 1 OGGETTO DELLE OPERE E LIMITI DI FORNITURA 2 2 ELABORATI GRAFICI DI PROGETTO 2 3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 4 DESCRIZIONE DEI SITI DI RIPRESA 5 4.1 PREMESSA... 5 4.2 SITI DI RIPRESA... 5 4.3 LAYOUT

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA D.M.O.V.M. SETTORE B3

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA D.M.O.V.M. SETTORE B3 PROVINCIA DI MASSA-CARRARA D.M.O.V.M. SETTORE B3 PIANIFICAZIONE RURALE E FORESTALE PROTEZIONE CIVILE PROGRAMMAZIONE SVILUPPO ECONOMICO E TERRITORIALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE LETTERA DI INVITO A PRESENTARE

Dettagli

5^ SEDUTA - data 22 ottobre 2010 (Riservata)

5^ SEDUTA - data 22 ottobre 2010 (Riservata) VERBALE DI GARA PER L APPALTO DEI LAVORI DI FORNITURA E POSA DI SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IP COMPLETO DI APPARATI DI TRASMISSIONE E DI SUPPORTO, COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE TRAMITE UTILIZZO DI PUNTI

Dettagli

C I T T A D I R A G U S A Settore VIII CENTRI STORICI E VERDE PUBBLICO Piazza Pola n. 2 97100 RAGUSA Tel 0932 676781 --- Fax 0932 220004/246574

C I T T A D I R A G U S A Settore VIII CENTRI STORICI E VERDE PUBBLICO Piazza Pola n. 2 97100 RAGUSA Tel 0932 676781 --- Fax 0932 220004/246574 C I T T A D I R A G U S A Settore VIII CENTRI STORICI E VERDE PUBBLICO Piazza Pola n. 2 97100 RAGUSA Tel 0932 676781 --- Fax 0932 220004/246574 RELAZIONE TECNICA PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ARENZANO Provincia di Genova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 22 del 26/02/2015 Indice Art. 1 Oggetto e norme

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Originale Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 5 - Polizia Municipale N. 723 Registro Generale N. 35 Registro del Settore Oggetto : AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RIPARAZIONE

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Le risposte sono riportate di seguito a ciascun quesito QUESITI RELATIVI AL

Dettagli

L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 2015

L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 2015 L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 205 PROCEDURA ORDINARIA Schema di progetto approvato con delibera di Ente proponente Denominazione numero/data Capoluoghi di provincia e città metropolitane Comune

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: CONTRATTO PER L ESECUZIONE DELLA PROGETTAZIONE E DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DEI SISTEMI STEMI DI COMANDO CENTRALIZZATO DEL TRAFFICO DELLE LINEE BARI-LECCE E BARI-TARANTO E

Dettagli

Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria

Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria Allegato B) Specifiche di manutenzione ordinaria B)-1 Manutenzione ordinaria programmata dei siti periferici e del centro di controllo 1. La manutenzione programmata da effettuarsi almeno due volte all

Dettagli

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 01/07/2016. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE Sistema SAFECAM Il sistema per video sorveglianza SafeCam consente di effettuare il controllo e la video registrazione, in remoto, costantemente ed in tempo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI POLIZIA LOCALE RENDE NOTO

COMUNE DI VOBARNO IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI POLIZIA LOCALE RENDE NOTO COMUNE DI VOBARNO PROVINCIA DI BRESCIA UFFICIO DI POLIZIA LOCALE E Mail = polizialocale@comune.vobarno.bs.it Posta Elettronica Certificata = protocollo@pec.comune.vobarno.bs.it Sede: 25079 Vobarno (BS)

Dettagli

NOTE TECNICHE. Rev. 3.1. Canciani ing. Alvaro Comune di Novara

NOTE TECNICHE. Rev. 3.1. Canciani ing. Alvaro Comune di Novara NOTE TECNICHE Rev. 3.1 Canciani ing. Alvaro Comune di Novara Schede tecniche Sedi da Collegare Riferimento in mappa 1 Centro stella CED Piazza Trieste e Trento Sede CED, Uffici Demografici, Tecnico, Polizia

Dettagli

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON.

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON. COMUNE DI BAGNARA CALABRA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON SICUREZZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FESR SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IN TECNOLOGIA

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA Elaborato 4 Redatto da PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE E FORMAZIONE Rev.

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

- CAPITOLATO TECNICO -

- CAPITOLATO TECNICO - PROVINCIA DI SONDRIO VIA XXV APRILE, 22 23100 SONDRIO GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA, INSTALLAZIONE, CONFIGURAZIONE, COLLAUDO, FORMAZIONE ALL'UTILIZZO E MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL Documento tecnico Autore: Giuseppe Storniolo Sommario LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL 3 GENERALITÀ 3 CARATTERISTICHE TECNICHE RIASSUNTIVE DEL SISTEMA 4 LE TELECAMERE 5 IL

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 31/10/2015. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA. VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA VII Reparto - Ufficio Telematica Servizio Telecomunicazioni CAPITOLATO TECNICO PER L AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE del: - COMANDO GENERALE DELLA

Dettagli

ITALIANO PHONE-VS. Manuale per l utente

ITALIANO PHONE-VS. Manuale per l utente ITALIANO PHONE-VS Manuale per l utente ÍNDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 INSTALLAZIONE ED AVVIO... 1 3 ATTIVAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 4 CONFIGURAZIONE DELLE CONNESSIONI... 6 5 CONNESSIONE... 9 5.1 SCHERMATA

Dettagli

PROGETTO SILA WIRELESS Comune di CASOLE BRUZIO

PROGETTO SILA WIRELESS Comune di CASOLE BRUZIO Provincia di Cosenza PSR Regione Calabria Progetti Integrati per le Aree Rurali PIAR Altopiano Silano: Infrastrutture e servizi per lo sviluppo e l attrattività dei territori rurali montani CUP F39J13000910006-

Dettagli

Gestione allarmi Trends

Gestione allarmi Trends Il sistema di visualizzazione rappresenta una soluzione semplice e compatta per accedere alle principali funzionalità di controllo di un abitazione. Composto di uno schermo LCD touch screen retroilluminato

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna

Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna 25 Giugno 2013 Il sistema del Comune di Bologna: come nasce Il processo che porta alla situazione attuale ha ufficialmente inizio

Dettagli

La cauzione definitiva non dovrà essere cointestata, non trattandosi di Ati, ma dovrà essere stipulata dalla sola impresa concorrente;

La cauzione definitiva non dovrà essere cointestata, non trattandosi di Ati, ma dovrà essere stipulata dalla sola impresa concorrente; CHIARIMENTI SUL BANDO DI GARA DI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA ED ESECUZIONE DEI LAVORI DI ESTENDIMENTO E MIGLIORAMENTO DELLE RETE DI VIDEOSORVEGLIANZA DELL'UNIONE TERRE

Dettagli

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG. QUESITO N.1 Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.: 620254560D A) Atteso che il capitolato Tecnico Allegati 1

Dettagli

Capitolato tecnico. Servizio di gestione dei posti di lavoro on-site della direzione generale dell Enpals.

Capitolato tecnico. Servizio di gestione dei posti di lavoro on-site della direzione generale dell Enpals. Capitolato tecnico Servizio di gestione dei posti di lavoro on-site della direzione generale dell Enpals. Gestione posti di lavoro - Capitolato Tecnico - 1 INDICAZIONI E RIFERIMENTI PRELIMINARI L Enpals

Dettagli

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale

Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale Istruzione Operativa Richiesta di Offerta on-line in busta chiusa digitale ATAF avvierà la gara on-line secondo le modalità di seguito descritte, in particolare utilizzando lo strumento RDO on-line disponibile

Dettagli

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE Oggetto: Fornitura ed installazione di attrezzature informatiche, collegamenti Hiperlan tra le sedi comunali, sistema radio e di videosorveglianza perimetrale. TAV. 1 PREVENTIVO DI SPESA IL RESPONSABILE

Dettagli

D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento.

D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento. RISPOSTE AI QUESITI D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento. R. Si conferma la possibilità di usufruire di tale istituto si rimanda al punto al punto 11 del bando

Dettagli

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA PREMESSA Nel settore della videosorveglianza vengono attualmente usate molte tipologie di sistemi e dispositivi per il monitoraggio e la protezione di edifici e persone. Per meglio comprendere la portata

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

QUESITI CALABRIA. Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento

QUESITI CALABRIA. Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento QUESITI CALABRIA Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento Nel caso di posa di cavi si possono utilizzare sistemi

Dettagli

COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino)

COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino) COMUNE DI CALITRI (Provincia di Avellino) PROCEDURA CONCORSUALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMPRESA LA REALIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

DOMANDA Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al

DOMANDA Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al 25/8/2014, si prega di confermare che il ns. plico e relativo

Dettagli

COMUNE DI ARIANO IRPINO

COMUNE DI ARIANO IRPINO COMUNE DI ARIANO IRPINO Provincia di Avellino BANDO DI GARA PER LA FORNITURA DI APPARATI DI PROTEZIONE SU RETE LOCALE STAZIONE APPALTANTE Comune di Ariano Irpino Provincia di Avellino Piazza Plebiscito

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

La stazione video di Nicolosi

La stazione video di Nicolosi Prot. int. n UFSO 2005 /002 La stazione video di Nicolosi E. Pecora, E. Biale, S. Mangiagli, M. Sassano, A. Amantia Per avere una visuale completa del versante sud dell Etna, con particolare riferimento

Dettagli

1 Prerequisiti per i locali

1 Prerequisiti per i locali ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DELLA CENTRALE UNICA DI ASCOLTO PER IL SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE, ATTIVAZIONE DEL PERSONALE MEDICO REPERIBILE DELL AREA DI PREVENZIONE, IGIENE

Dettagli

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS è il software di centralizzazione immagini dedicato alla gestione di sistemi di videosorveglianza basati su apparati GAMS analogici e IP, che offre straordinarie potenzialità sia su reti cablate che wireless

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C.

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. n 442/2001) PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente

Dettagli

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna.

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Si richiede la realizzazione, a completo carico della ditta aggiudicataria, di un sistema informatico

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

COMUNE DI CASAVATORE. Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione

COMUNE DI CASAVATORE. Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione COUNE DI CASAVATORE Documento Unico di Valutazione dei Rischi relativo alle interferenze da lavori in appalto, d opera o somministrazione (art. 26 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81e s.m.i.) Committente: Comune

Dettagli

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Dopo l 11 settembre l esigenza relativa a progetti di videosorveglianza digitale in qualunque tipo di organizzazione e installazione è aumentata

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato alla Solidarietà Politiche sociali, Flussi migratori

REGIONE PUGLIA Assessorato alla Solidarietà Politiche sociali, Flussi migratori ALLEGATO N. 2 REGIONE PUGLIA Assessorato alla Solidarietà Politiche sociali, Flussi migratori AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA CONNETTIVITA SOCIALE PROPOSTA PROGETTUALE FORMULARIO

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

Venaria: una piccola città con grandi esigenze di sicurezza

Venaria: una piccola città con grandi esigenze di sicurezza Venaria: una piccola città con grandi esigenze di sicurezza "A causa delle performance, del tutto insoddisfacenti, di un precedente impianto di videosorveglianza, quando l Amministrazione comunale mi ha

Dettagli

Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Regolamento PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con delibera del C.C. n. 39 del 17.05.07, esecutiva

Dettagli

Comune di Spilamberto Provincia di Modena. Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza

Comune di Spilamberto Provincia di Modena. Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza Comune di Spilamberto Provincia di Modena Regolamento per la gestione del sistema di video sorveglianza approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 18 gennaio 2005 INDICE ART. 1: ART. 2:

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

Piattaforma sperimentale per la Videosorveglianza Territoriale

Piattaforma sperimentale per la Videosorveglianza Territoriale Piattaforma sperimentale per la Videosorveglianza Territoriale Observo: di cosa si tratta? Piattaforma web per la visualizzazione geo-referenziatadi tutte le meta-informazioni degli impianti videosorveglianza

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI Ufficio di Segreteria Cod. Fisc./Part. I.V.A. 00175660554 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 836 SETTORE Settore Lavori Pubblici NR. SETTORIALE 196 DEL 26/08/2014 OGGETTO: CONCESSIONE PER LA DURATA DI NOVE ANNI DELL'UTILIZZO DEI CAVIDOTTI INTERRATI

Dettagli

TELECAMERE DI LETTURA TARGHE AUTOMATICA

TELECAMERE DI LETTURA TARGHE AUTOMATICA TELECAMERE DI LETTURA TARGHE AUTOMATICA AutoVu Pagina 116 Tattile Accessori Vega M3 Accessori Vega Plus Accessori Vega 2H Software di gestione telecamere Vega Pagina 117 Pagina 117 Pagina 1 Pagina 1 Pagina

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA e PRIVACY 10 regole per orientarsi e scegliere le tecnologie più adatte. videosorvegliata

VIDEOSORVEGLIANZA e PRIVACY 10 regole per orientarsi e scegliere le tecnologie più adatte. videosorvegliata VIDEOSORVEGLIANZA e PRIVACY 10 regole per orientarsi e scegliere le tecnologie più adatte area videosorvegliata La registrazione è effettuata da... per fini di... Art. 13 del Codice in materia di protezione

Dettagli

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting Indoor Smart Building INDOOR LIGHTING Gli edifici del futuro saranno in grado di acquisire dai propri sistemi informazioni utili

Dettagli