ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A"

Transcript

1 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva e correttiva per l ampliamento del sistema di videosorveglianza esistente, comprensivo delle apparecchiature hardware e software e relativa rete di comunicazione. ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

2 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB ELABORATO TECNICO ALLEGATO A Introduzione Il presente documento descrive le caratteristiche minime richieste alla tecnologia impiegata per realizzare l ampliamento del sistema di videosorveglianza. In merito alle caratteristiche tecniche del sistema di videosorveglianza, del sistema di lettura targhe e dei relativi centri di controllo e linee di comunicazione, l offerente è lasciato libero di proporre la soluzione più adeguata. E comunque opportuno precisare che in merito agli interventi da operare sui siti prescelti, indicati nel Capitolato d Oneri, l offerente dovrà documentare al meglio la propria proposta progettuale in merito all impatto ambientale che dovrà essere ridotto nella massima misura per il rispetto dovuto al contesto urbano della città di Sacile. Sistema di lettura targhe Il controllo targhe verrà eseguito presso due accessi alla città di Sacile, individuati da questa Stazione Appaltante, in modo automatico e continuativo mediante un sistema così costituito: - Postazioni di lettura targhe presso due punti di ingresso alla città di Sacile - Un Centro di Regia. I siti individuati per la collocazione degli accessi sono i seguenti: Via Martiri di Sfriso Postazione lettura targhe via Martiri di Sfriso Telecamera di lettura targhe posizionata lungo via Martiri di Sfriso. La telecamera dovrà intercettare le targhe di tutti i veicoli entranti lungo la direttrice individuata dalla planimetria.

3 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Il varco dovrà essere posizionato su un palo nuovo da installare sul margine destro della carreggiata in modo tale da armonizzarsi con i pali dell illuminazione pubblica già presenti lungo la strada. Gli apparati attivi di comunicazione dati potranno essere installati a palo tramite un box o posizionati in un pozzetto a base palo o in un armadio a lato strada. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà a discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Attualmente presso via XXV Aprile è presente una postazione di videosorveglianza collegata in fibra ottica con la Stazione dei Carabinieri. La distanza che intercorre tra la nuova postazione di lettura targhe e la telecamera di videosorveglianza esistente è di circa 500m lungo via Martiri di Sfriso. La telecamera esistente, così come tutte le telecamere già installate nel comune di Sacile è una telecamera analogica modello Ultrak KD6 collegata alla rete in fibra ottica tramite un trasmettitore analogico su fibra. La fibra esistente è una fibra ottica multimodale 62.5/125nm. Ogni telecamera periferica esistente è collegata tramite fibra ottica in modalità punto a punto con il posto centrale di videosorveglianza. L impianto esistente in fibra ottica non ha fibre disponibili per la connessione della telecamera di lettura targhe. Via Francenigo (svincolo Sacile Ovest) Postazione lettura targhe via Francenigo Telecamera di lettura targhe posizionata lungo via Francenigo. La telecamera dovrà intercettare le targhe di tutti i veicoli entranti lungo la direttrice individuata dalla planimetria. Il varco dovrà essere posizionato su un palo nuovo da installare sul margine destro della carreggiata. Gli apparati attivi di comunicazione dati potranno essere installati a palo tramite un box installato sul palo stesso o posizionati in un pozzetto a base palo, o in un armadio a lato strada. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Attualmente non è presente nessuna fibra ottica lungo la via né l amministrazione comunale è in grado di sapere se vi siano cavidotti eventualmente disponibili per un passaggio cavi. Il Centro di Regia lettura targhe sarà collocato presso la Stazione dei Carabinieri ubicato in via G. Lacchin 50.

4 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Descrizione dell applicazione - requisiti minimi richiesti Sistema periferico Il sistema dovrà permettere la lettura delle targhe dei veicoli in transito presso i punti di controllo in modalità flusso libero, ovvero senza la necessità di costruire opere per la canalizzazione dei veicoli. Il sistema OCR dovrà operare globalmente in classe A secondo la norma UNI Il sistema dovrà rilevare e identificare in modo completamente automatico e continuativo ogni autoveicolo in transito sul varco, mediante l acquisizione in tempo reale della immagine della targa con apposito software OCR (Optical Character Recognition). E preferita la funzione di lettura automatica targhe direttamente in periferia in quanto vantaggiosa per la riduzione dei tempi di trasmissione di informazioni in linea e nei casi in cui sarà necessario il monitoraggio in tempo reale in merito ad autoveicoli segnalati. Questa funzionalità prevederà la lettura della targa localmente (sulla postazione) e solo successivamente la sua trasmissione al Centro di Regia. Indipendentemente da dove implementata, la funzione di lettura delle targhe dovrà comunque essere supportata da un modulo di elaborazione in grado di riconoscere tutti i modelli di targhe nazionali ed europee. Al fine di garantire la trasmissione di tutte le targhe lette al Centro di Regia presso la Stazione dei Carabinieri, sarà valutata positivamente la presenza di una memoria esterna per immagazzinare i dati anche in caso di caduta o di interruzione di trasmissione della linea di comunicazione tra periferia e centro. Data la collocazione delle tecnologie in aree urbane è assolutamente indispensabile che le prime garantiscano il massimo livello di contenimento dell impatto ambientale dovuto all inserimento del varco nel contesto urbano; costituirà quindi elemento preferenziale la rispondenza del sistema a queste caratteristiche. E richiesto che il sistema proposto sia aperto, cioè predisposto all espansione mediante l implementazione di nuove postazioni periferiche, ciò comportando solamente le spese di fornitura ed installazione della relativa postazione aggiuntiva. Dovranno essere garantite sul varco le seguenti prestazioni minime: trasferire al centro tutte le targhe di ogni singolo passaggio, corredate delle informazioni quali il numero di targa, la data e ora del rilevamento, il numero della postazione di lettura targhe; garantire le prestazioni anche in caso di accodamento degli autoveicoli; operare con veicoli transitanti anche a velocità elevate. gestione di liste veicoli su memoria RAM/Flash interfaccia di rete Ethernet per centralizzazione dati funzione Web Server per Setup via Browser I/O digitali e Porte seriali per comandi locali alimentazione 24 Vdc e basso consumo custodia da esterno IP 66 con staffa e tettuccio Il sistema di lettura targhe dovrà essere dotato di un interfaccia utente in architettura Web Server. L accesso all applicativo di configurazione dovrà essere effettuato via browser per pagine HTML (I.E. o equivalente). Questa Stazione Appaltante renderà disponibile per ogni punto periferico di lettura targhe un allaccio per l utenza elettrica il più vicino possibile, compatibilmente con la disponibilità di punti di allaccio presenti nella zona interessata. In caso di tecnologia ADSL i canoni della linea di comunicazione saranno sostenuti dall Amministrazione Comunale. Costituirà inoltre elemento preferenziale la rispondenza del sistema alle seguenti altre caratteristiche: assenza di apparati di rilevamento dei transiti sulla postazione di lettura targhe, basati su dispositivi hardware (spire o sensori posti sotto il piano stradale, laser camera, ecc.) telecamera dotata di un dispositivo integrato di illuminazione ad infrarosso, montata su apposito palo di sostegno e dunque assenza di apparati di illuminazione dell area circostante il punto di lettura targhe. interfacciamento e apertura del sistema di lettura targhe con l applicazione software esistente presso la Stazione dei Carabinieri.

5 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Vista la collocazione degli accessi e loro conformazione, pur rispondendo a caratteristiche funzionali proprie, il sistema, dovrà avere le seguenti caratteristiche di massima: contenere nella massima misura l impatto ambientale derivante dall inserimento del varco nell ambito urbano. avere caratteristiche tali da consentirne una buona integrazione nel contesto urbano; Centro di Regia Il Centro di Regia dovrà essere installato presso la Stazione dei Carabinieri di Sacile, esso comprenderà a livello hardware gli apparati di comunicazione previsti per la ricezione e visualizzazione dei dati/immagine targa provenienti dai sistemi di lettura targhe periferici. Per accedere al sistema software installato sulla postazione operatore del Centro di Regia, dovrà essere richiesto il nome utente e la relativa password per garantire l accesso al solo personale autorizzato. Il software installato sulla postazione operatore del Centro di Regia in caso di riconoscimento parziale o in caso di errore di decodifica, dovrà permettere all operatore l intervento manuale correttivo. Al Centro di Regia dovranno altresì essere disponibili le seguenti funzioni: Rappresentazione dello stato globale delle periferiche ( On/Off, allarmi); Impostazione data e ora sistema; Visualizzazione di dati statistici su Centro (numero di transiti rilevati); Sistema di videosorveglianza Il sistema di videosorveglianza consta nella fornitura di n. 5 (cinque) telecamere IP Megapixel che andranno ad ampliare il sistema di videosorveglianza già esistente nel Comune di Sacile e attualmente costituito da n. 31 (trentuno) telecamere dome analogiche collegate con il Centro di Controllo situato presso la Stazione dei Carabinieri in via G. Lacchin 30. Ogni telecamera esistente attualmente è collegata in fibra ottica, tramite trasmettitori analogici su fibra ottica multimodale 62.5/125nm con una tecnologia punto a punto. E requisito indispensabile, a pena di esclusione, la totale compatibilità delle nuove telecamere offerte con il software di videosorveglianza attualmente in uso presso la Stazione dei Carabinieri di Sacile, ovvero il software Xprotect corporate 3.1 di Milestone. La ditta offerente dovrà altresì provvedere alla fornitura delle opportune licenze di connessione camera delle nuove telecamere fornite da installare su gli apparati hardware del Centro di Controllo e Gestione del sistema di videosorveglianza presente presso la Stazione dei Carabinieri. Oggetto di ampliamento del sistema di videosorveglianza è anche il rilancio dei flussi video per scopi di sola visualizzazione presso il Comando di Polizia Locale del Comune di Sacile, dove dovrà essere fornita e posata anche una Workstation di adeguate prestazioni ed un monitor LCD da 21. Per il rilancio dei flussi video non sarà necessario l installazione di ulteriori licenze del software Milestone. La ditta dovrà connettere tramite fibra ottica la stazione dei Carabinieri con il Comando di Polizia Locale, il quale dovrà essere fornito di una postazione operatore di visualizzazione opportunamente configurata al fine di garantire una visione ottimale di tutti i 36 flussi video. La postazione operatore presso il Comando della Polizia Municipale prevede anche l installazione di un monitor LCD staffato a muro.

6 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB I siti individuati per la collocazione delle telecamere di videosorveglianza sono i seguenti (rappresentati in rosso sulla mappa): Piazza del Popolo P.L. TLC.L. C.C. Nuove telecamere IP Megapixel piazza del Popolo N. 2 (due) telecamere IP Megapixel da posizionare all ingresso della piazza del Popolo sugli edifici posti ai lati della piazza, tramite opportune staffe di sostegno. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra. Attualmente presso la piazza adiacente a piazza del Popolo (piazza Manin) è presente una postazione di videosorveglianza collegata in fibra ottica con la Stazione dei Carabinieri. La distanza che intercorre tra la nuova postazione di videosorveglianza e la telecamera esistente di Piazza Manin è di circa 50m. La telecamera esistente, così come tutte le telecamere già installate nel comune di Sacile è una telecamera analogica modello Ultrak KD6 collegata alla rete in fibra ottica tramite un trasmettitore analogico su fibra. La fibra esistente è una fibra ottica multimodale 62.5/125nm. Ogni telecamera periferica esistente è collegata tramite fibra ottica in modalità punto a punto con il posto centrale di videosorveglianza. L impianto esistente in fibra ottica non ha fibre disponibili per la connessione della nuova telecamera di videosorveglianza. Le telecamere dovranno essere fornite con ogni accessorio tale da renderle compiute e funzionanti.

7 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Piazzola ecologica di San Giovanni di Livenza P.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel Piazzola ecologica di San Giovanni di Livenza TLC.L. N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare a presidio della Piazzola Ecologica di San Giovanni di Livenza (Strada San Giovanni di Livenza), su un nuovo palo oggetto di fornitura. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

8 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio P.L. TLC.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare nell area a verde e parcheggio Pra Castelvecchio, su un palo esistente. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

9 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Area camper e approdo sul Livenza TLC.L. P.L. C.C. Nuova telecamera IP Megapixel area camper e approdo sul Livenza N. 1 telecamera IP Megapixel da posizionare nell area camper e approdo sul Livenza, su un palo esistente. Il sistema di comunicazione potrà essere wireless, ADSL o cablato con fibra ottica. Sarà discrezione della ditta offerente proporre il sistema di comunicazione ritenuto più idoneo. Gli apparati attivi di comunicazione potranno essere installati in un armadio a terra o in un box a palo. La telecamera dovrà essere fornita con ogni accessorio tale da renderla compiuta e funzionante.

10 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Descrizione dell applicazione - requisiti minimi richiesti Le telecamere fisse di videosorveglianza dovranno possedere le caratteristiche minime qui esposte: Telecamera IP da almeno 1.3 megapixel, a colori di tipo Day-Night Custodia con passaggiocavi e termoventilata con grado di protezione IP66 e vetro antisfondamento L obiettivo di tipo fisso sarà da valutare con la direzione lavori in base alle inquadrature delle aree da videosorvegliare La colorazione di tutti gli apparati e cavi appartenenti al punto di ripresa dovranno avvicinarsi il più possibile al colore della parte di edificio dove verrà agganciata la telecamera, in modo da non risultare particolarmente visibile. Per tutte le aree coperte dai punti di ripresa dovranno essere forniti ed installati opportuni cartelli di avviso conformi alle disposizioni del Garante della Privacy. I sistemi offerti ed i componenti accessori dovranno possedere il marchio CE. La registrazione delle immagini avverrà sui dispositivi hardware già presenti presso la Stazione dei Carabinieri, la ditta offerente dovrà adeguare la dimensione dei dischi di registrazione. Attualmente il server esistente per il sistema di videosorveglianza è il modello DL385G6 di HP e la workstation è Z200 di HP. Gli hard disk con cui è equipaggiato il server di registrazione sono da 500GB SATA 7,2K 2,5IN MDL di HP; si richiede di aggiungere almeno n. 2 ulteriori dischi di adeguata capacità per garantire gli attuali standard di videoregistrazione, ovvero risoluzione D1 per almeno 7 giorni. Questa Stazione Appaltante renderà disponibile per ogni postazione di videosorveglianza un allaccio per l utenza elettrica, il più vicino possibile al punto di ripresa, compatibilmente con la disponibilità di punti di allaccio presenti nella zona interessata. Garanzia e manutenzione del sistema L impresa aggiudicataria è tenuta alla redazione di un piano di manutenzione per quanto previsto in fornitura; la durata della garanzia sarà di ventiquattro mesi. Il piano di manutenzione dovrà essere consegnato al momento del collaudo definitivo. La manutenzione verrà svolta nel rispetto delle norme di legge a tutela della circolazione e dell incolumità pubblica, restando al riguardo a carico dell impresa aggiudicataria ogni responsabilità civile e penale circa l esecuzione delle opere civili ed impiantistiche. I ventiquattro mesi di manutenzione decorrono, per ogni elemento dell appalto, dalla data del collaudo definitivo dell intero sistema, qualora quest ultimo abbia esito positivo. Il piano di manutenzione dovrà contemplare tutte le attività di manutenzione preventiva e correttiva tali da garantire il mantenimento, nell arco di 24 mesi, delle caratteristiche prestazionali e funzionali del sistema di controllo della zona a traffico limitato. In esso dovranno essere definite le scadenze temporali, i criteri, l eventuale materiale di consumo, le grandezze da verificare periodicamente ed in genere tutte le operazioni da eseguire periodicamente sugli apparati del sistema. Il piano di manutenzione verrà consegnato alla Stazione Appaltante in sede di collaudo finale e la mancata consegna dello stesso non consentirà di concludere positivamente il collaudo. Durante i ventiquattro mesi di manutenzione la ditta aggiudicataria è tenuta a manutenere e, in caso di guasto, a riportare le apparecchiature ed i programmi forniti in condizioni di regolare funzionamento. Nel caso in cui il guasto si sia prodotto in condizioni di normale utilizzo nessun onere potrà essere addebitato alla Stazione Appaltante, anche se per la riparazione del guasto stesso si sia resa necessaria la sostituzione di qualche componente. L impresa aggiudicataria dovrà indicare per la manutenzione del sistema, un numero di fax/telefono/altro al quale far pervenire la richiesta di intervento. Ciascun intervento dovrà essere svolto entro settantadue ore lavorative dalla comunicazione. Nel caso in cui la complessità dell intervento richieda il trasporto dell apparecchiatura in laboratorio, la stessa dovrà essere restituita in perfette condizioni di funzionamento entro 10 giorni naturali e consecutivi. Nel caso in cui l impresa aggiudicataria non riesca a rispettare tale ultimo termine, dovrà fornire alla Stazione Appaltante, per tutto il periodo ancora necessario alla riparazione, un equivalente apparecchiatura di sua proprietà. Corso di formazione per gli operatori del sistema Compito della Ditta aggiudicataria dovrà essere anche quello di provvedere all addestramento del personale destinato alla conduzione del sistema (Amministratore di Sistema) e al controllo/gestione delle periferiche installate sul territorio (Operatori), al fine di renderli autonomi nella loro gestione e utilizzo.

11 COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB Il corso di formazione sarà da effettuarsi al termine dell installazione e del collaudo dell impianto, presso la sede della committenza e sarà compito della ditta offerente, illustrare nell elaborato dell offerta tecnica, le modalità di erogazione del corso, il programma, il materiale fornito e il numero di ore proposte sia per il sistema di videosorveglianza, sia per il sistema di lettura targhe. Normativa di riferimento Tutte le apparecchiature dovranno essere conformi alle vigenti norme in materia di sicurezza degli impianti elettrici, civili, industriali, ecc. e munite di idoneo impianto di terra collaudato. Finanziamento e rendicontazione Gli interventi sono finanziati parte con fondi regionali Aster 2008, parte con fondi regionali ai sensi della L.R. n. 9 del Conseguentemente gli interventi dal n 1 al n 4 devono essere eseguiti e rendicontati entro il , mentre i restanti interventi dal n 5 al n 7 devono essere rendicontati entro il (vedere elaborato stima degli interventi e quadro economico ).

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI

RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI RISTRUTTURAZIONE STADIO FRIULI L obiettivo principale del progetto del nuovo Stadio Friuli è creare un impianto sportivo moderno, sicuro, sostenibile, in grado di offrire un esperienza unica per tutti

Dettagli