Approvato il Libro Bianco sulle pensioni. termine e migliorare e diversificare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvato il Libro Bianco sulle pensioni. termine e migliorare e diversificare"

Transcript

1 Approvato il Libro Bianco sulle pensioni Europa e pensioni Giuseppe Rocco - Esperto previdenza In attesa di comprendere quali saranno le prossime iniziative che il Governo Letta intenderà assumere in materia previdenziale, con particolare riferimento alla necessità di ridare slancio alla previdenza complementare, è molto utile osservare che l Europa è sul tema in una fase di particolare dinamismo. Il Parlamento europeo ha infatti approvato il 21 maggio il Libro Bianco sulle pensioni, proposto dalla Commissione europea nel marzo 2012 come evoluzione del percorso avviato nel 2010 con il Libro Verde. Nell ambito poi del percorso preliminare che prelude alla revisione della Direttiva Epap (Direttiva n. 2003/41/Ec) l Eiopa, l Autorità di vigilanza europea in materia assicurativa e previdenziale, in attesa di elaborare i risultati definitivi, ha cominciato a rendere noti i risultati preliminari dei Qis, gli studi di impatto quantitativo condotti sui fondi pensione in otto Paesi europei. Sulla base delle relative risultanze il Commissario europeo al mercato interno e ai servizi, Michel Barnier, ha annunciato che presenterà una proposta legislativa nel prossimo autunno sulla governance, la trasparenza e i requisiti di reporting dei fondi pensione occupazionali. Grande attenzione è prestata poi al ruolo dei fondi pensione quali investitori istituzionali. La Commissione europea ha infatti adottato uno specifico Libro Verde, in pubblica consultazione, sui modi per promuovere l offerta di finanziamenti a lungo termine e migliorare e diversificare il sistema dell intermediazione finanziaria per gli investimenti a lungo termine in Europa. In periodo di credit crunch vi è infatti sempre più un grande bisogno di investimenti a lungo termine, essenziali per favorire la crescita sostenibile. Last but not least l Europa ha acceso il faro della propria attenzione sul terzo pilastro dei sistemi previdenziali, vale a dire la previdenza individuale. In primo luogo con uno specifico Documento in pubblica consultazione sulle soluzioni di terzo pilastro con l obiettivo di migliorare la qualità dei prodotti finanziari di risparmio per pensioni individuali non legate all occupazione migliorando l informazione e la protezione dei consumatori. L Eiopa, ha inoltre pubblicato un Discussion Paper con una serie di proposte tese a definire cosa si intenda per soluzioni previdenziali di terzo pilastro al fine di favorire la relativa creazione di un mercato unico dal momento che la diffusione e la struttura del terzo pilastro variano da uno Stato membro all altro. Il Libro Bianco delle pensioni Dopo un lungo iter che ha preso le mosse dalla comunicazione della Commissione del 7 luglio 2010 dal titolo «Libro Verde verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa» ed è proseguito con la comunicazione della Commissione del 16 febbraio 2012 con la elaborazione dello specifico «Libro Bianco», tale documento è stato definitivamente approvato dal Parlamento europeo. Giova in primo luogo rammentare come, se gli Stati membri sono i responsabili primi della struttura dei loro regimi pensionistici, tuttavia, il trattato sul funzionamento dell Unione europea assegna alla Ue il compito di sostenere e integrare le attività degli Stati membri nel campo della protezione sociale (articolo 153) e di tenere conto di un adeguata protezione sociale quando essa definisce e attua le proprie politiche. Quali sono i messaggi del Libro Bianco rimodellato dal Parlamento europeo? Le linee guida raccomandate sono rappresentate dalla «sostenibilità finanziaria» dei sistemi previdenziali e dalla «adeguatezza» delle prestazioni erogate. È necessario cioè in primo luogo che i sistemi previdenziali dei Paesi membri siano in «equilibrio dinamico» dal punto di vista finanziario in maniera tale da potere mantenere le proprie «promesse pensionistiche» ai propri cittadini. È poi indispensabile che l obiettivo dei regimi pensionistici sia quello di fornire un reddito adeguato che consenta ai futuri anziani di mantenere un tenore di vita dignitoso e un indipendenza economica. Partendo da un inquadramento di carattere demografico viene rappresentato come la popolazione europea sia costituita prevalentemente da ultracinquantacinquenni (36,5% nel 2010) con una aspettativa di vita Fondi pensione DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /

2 che continua ad aumentare: per gli uomini, da 76,7 anni (2010) a 78,6 anni (2020) e per le donne da 82,5 anni (2010) a 84 anni (2020). Il tasso di natalità nell Ue rimane basso (1,6) ed il numero di ultrasessantacinquenni sul totale della popolazione aumenterà dal 16% nel 2010 al 19,1% nel Interessante osservare anche, per cogliere la dinamica evolutiva, come nel 2010 l età media alla quale le persone nell Ue smettevano di lavorare era pari a 61,4 anni e se nel 2008, per ogni pensionato c erano 4 persone attive nel mercato del lavoro; nel 2060 vi sarà un pensionato ogni due persone che lavorano. Nel 2010 poi la partecipazione al mercato del lavoro degli ultracinquantacinquenni era pari in media al 46,3%. Questi sviluppi sono osservabili in tutta l Ue, malgrado vi siano delle differenze. L aspettativa di vita in Romania, per esempio, è pari a 70 anni per gli uomini e a 77,5 anni per le donne, mentre nel Benelux è pari a 77,9 anni per gli uomini e a 82,7 anni per le donne. Anche il tasso di partecipazione al mercato del lavoro degli ultracinquantacinquenni varia notevolmente dal 73,9% in Svezia al 61,1% in Danimarca al 56% nei Paesi Bassi al 50,8% in Spagna fino al 39,1% in Belgio. Quali sono allora le osservazioni del Parlamento europeo? Viene sottolineato in primo luogo come i regimi pensionistici pubblici del primo pilastro restano la principale fonte di reddito per i pensionati (che rappresentano una parte significativa e crescente della popolazione Ue, sono 120 milioni pari al 24%) con forti differenze di genere. Se infatti le persone di età superiore a 65 anni hanno un reddito pari a quasi il 94% di quello medio della popolazione totale, il 22% circa delle donne di età superiore a 75 anni cade al di sotto della soglia del rischio di povertà. Viene poi deplorato come nel Libro Bianco la Commissione non affronti adeguatamente l importanza di regimi pensionistici del primo pilastro universali che proteggano almeno contro la povertà durante la vecchiaia. Si invitano poi le parti sociali e gli Stati membri, conformemente agli obiettivi della strategia Europa 2020 sull incremento dell occupazione e la lotta contro la povertà, a continuare ad adoperarsi per conseguire strategie più attive e inclusive a livello del mercato del lavoro, onde ridurre l indice di dipendenza economica tra persone inattive e persone occupate; gli Stati membri devono associare tali riforme al miglioramento costante delle condizioni di lavoro e all attuazione di programmi di formazione lungo tutto l arco della vita che permettano carriere professionali più sane e più lunghe sino all età pensionabile stabilita per legge, aumentando cosi il numero di persone che versano contributi pensionistici, in vista altresì di evitare che i costi delle pensioni pubbliche mettano a rischio la sostenibilità delle finanze pubbliche. Il Parlamento raccomanda anche agli Stati membri di riformare i loro sistemi del primo pilastro in modo che anche il numero di anni contributivi sia preso in considerazione e a valutare attentamente la necessita di attuare riforme dei loro sistemi del primo pilastro, tenendo conto dell evoluzione dell aspettativa di vita. Viene ribadito poi l invito a collegare strettamente le prestazioni pensionistiche agli anni lavorati e ai contributi versati («equità attuariale»), per garantire che lavorare di più e più a lungo fornisca ai lavoratori il vantaggio di una pensione migliore, tenendo in debita considerazione i periodi trascorsi al di fuori del mercato del lavoro per assistere persone dipendenti e raccomanda che gli Stati membri, in consultazione con le parti interessate, vietino un età pensionabile obbligatoria quando si raggiunge l età pensionabile stabilita per legge, al fine di consentire agli individui, che possono e desiderano farlo, di decidere se continuare a lavorare al di la dell età pensionabile stabilita per legge o andare gradualmente in pensione, poiché prolungando il periodo contributivo e accorciando al contempo il periodo per l ammissibilità alla prestazione pensionistica i lavoratori possono colmare rapidamente eventuali disparità pensionistiche. Profilo di particolare importanza è rappresentato poi dalla opportunità di una diversificazione del rischio previdenziale da parte dei cittadini con un approccio pensionistico multipilastro, che consista in una combinazione di: 1) un sistema universale di pensione pubblica a ripartizione; 2) una pensione complementare professionale a capitalizzazione, risultante da accordi collettivi a livello nazionale, settoriale o di impresa o risultante dalla legislazione nazionale, accessibile a tutti i lavoratori interessati; 3) una pensione individuale del terzo pilastro basata su risparmi privati con incentivi equi destinati ai lavoratori a basso reddito, ai lavoratori indipendenti e alle persone il cui numero di anni contribuitivi sia incompleto dal punto di vista del sistema di pensione relativo al loro impiego DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /2013

3 come investitori istituzionali Come recentemente messo in risalto dal Financial Times gli equilibri finanziari globali spostano sempre più il proprio baricentro dall Europa verso le nuove economie definite come BRICS (Brasile- Russia, India Cina, Sud Africa) che hanno recentemente alleggerito la propria esposizione proprio dell area euro. In periodo di credit crunch l Europa ha allora sempre più un grande bisogno di investimenti a lungo termine, essenziali per favorire la crescita sostenibile. Per finanziarli, le amministrazioni pubbliche, le imprese e le famiglie hanno bisogno di avere accesso a fonti affidabili di finanziamento a lungo termine. In Europa infatti il rapporto investimenti/pil e risparmi/pil sono entrambi positivi rispetto ad altre regioni. Tuttavia, il quadro generale nasconde gli alti livelli di incertezza, di avversione al rischio e di sfiducia sia dei risparmiatori che degli investitori, a causa della debolezza della situazione macroeconomica e delle relative prospettive. Potrebbero derivarne effetti duraturi che creerebbero ostacoli permanenti all offerta di finanziamento a lungo termine. In questa direzione va il Libro Verde della Commissione europea che si pone l obiettivo di promuovere l offerta di finanziamenti a lungo termine e migliorare e diversificare il sistema dell intermediazione finanziaria per gli investimenti a lungo termine in Europa. La finalità è quella di attenuare la dipendenza, storicamente forte, dal finanziamento bancario incrementando invece il finanziamento diretto attraverso i mercati dei capitali e una maggiore partecipazione degli investitori istituzionali (in particolare i fondi pensione), o ad altre alternative. Il dibattito in corso cerca cioè di trovare un mix equilibrato tra il modello renano (banca/ impresa) a quello invece di tipo più prettamente anglosassone con un accesso diretto dell impresa al mercato dei capitali, il tutto con un attenzione particolare alle piccole e medie imprese. Si intende favorire attraverso un più efficiente sistema finanziario, osserva la Commissione europea, un miglioramento della capacità produttiva dell economia in settori quali l energia, le infrastrutture di trasporto e di comunicazione, gli impianti industriali e di servizio, le tecnologie di adattamento ai cambiamenti climatici e di ecoinnovazione, nonché istruzione e ricerca e sviluppo. Il profilo economico si fonde poi con un reale progresso sociale generando benefici pubblici di più ampia portata sostenendo servizi essenziali e accrescendo il tenore di vita. Il Libro Verde approfondisce una serie di profili, dalla definizione delle caratteristiche degli investimenti a lungo termine alla disamina della capacità degli investitori istituzionali alle norme di carattere prudenziale per imprese assicurative e fondi pensione fino al ruolo dei mandati e degli incentivi ai gestori fino all integrazione tra reporting finanziario ed extrafinanziario. È importante anche evidenziare come l iniziativa della Commissione europea si colloca nell alveo degli input forniti dal G20. In questa prospettiva anche il Libro Bianco delle pensioni evidenzia e riconosce il potenziale degli organismi che erogano pensioni professionali e individuali quali investitori a lungo termine importanti e affidabili nell economia dell UE. Sottolinea poi il contributo atteso dagli stessi per il raggiungimento degli obiettivi della strategia Europa 2020 relativi alla crescita economica sostenibile, alla creazione di posti di lavoro più numerosi e migliori e alla creazione di società inclusive. Il Parlamento europeo invita la Commissione a stilare un bilancio degli effetti cumulativi della legislazione in materia di mercati finanziari, ad esempio il regolamento sulle infrastrutture del mercato europeo (Emir), la direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) e la direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD IV), sui fondi pensione del secondo pilastro e della loro capacita di investire nell economia reale. Revisione della Direttiva Epap Particolare attenzione del Parlamento europeo è rivolta anche al processo di revisione della Direttiva Epap sulle attività e la supervisione degli enti pensionistici aziendali o professionali. Si sottolinea in primo luogo come tale Provvedimento dovrebbe prefiggersi di garantire che le pensioni professionali in tutta Europa siano adeguate, sostenibili e sicure, creando un ambiente che stimoli ulteriori progressi dei mercati nazionali e internazionali in tale settore, offrendo una maggiore protezione ai pensionati attuali e futuri e adattandosi in modo flessibile alle notevoli differenze transfrontaliere e intersettoriali dei regimi esistenti. In questa prospettiva si ritiene essenziale garantire l ottemperanza Ue dei regimi del secondo pilastro a una solida normativa prudenziale al fine di raggiungere un elevato livello di protezione per i membri e Fondi pensione DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /

4 beneficiari e rispettare il mandato del G20 in base al quale tutte le istituzioni finanziarie devono essere soggette a un adeguata regolamentazione e vigilanza. Il Parlamento Ue chiede però che le iniziative legislative dell Ue rispettino le scelte fatte dagli Stati membri relativamente ai fondi pensionistici del secondo pilastro nel rispetto del principio di sussidiarietà e sottolinea che ogni ulteriore attività normativa dell Ue concernente le misure prudenziali deve basarsi su una solida analisi d impatto che comprenda una disposizione in base alla quale prodotti simili siano soggetti alle stesse norme prudenziali e prevedano risorse adeguate. Viene poi sottolineato che ogni attività normativa dell Ue concernente le misure prudenziali deve essere altresì basata su un dialogo attivo tra le parti sociali e gli altri soggetti interessati, nonché su un effettiva conoscenza e rispetto delle specificità nazionali nel rispetto del principio di proporzionalità soppesando le finalità e i vantaggi rispetto agli oneri finanziari, amministrativi e tecnici conseguenti e considerare il giusto equilibrio tra costi e benefici. Si ritiene poi opportuna, per quanto concerne le garanzie qualitative, l emanazione di raccomandazioni relative al rafforzamento del governo societario e della gestione dei rischi congiuntamente alle proposte relative alla maggiore trasparenza, agli obblighi di informazione cosi come alla divulgazione dei costi e alla trasparenza in merito alle strategie di investimento. Passaggio molto importante è poi quello in cui si afferma che non si ritiene, alla luce delle informazioni attualmente disponibili, che siano opportuni requisiti a livello europeo relativi al capitale proprio o alla valutazione dello stato patrimoniale; respinge, in linea con questa logica, qualsiasi revisione della direttiva Epap che si prefigga tale obiettivo. Il Parlamento europeo sostiene poi che è opportuno un ulteriore sviluppo dei modelli di solvibilità a livello dell Ue, come ad esempio il modello di bilancio olistico (Holistic Balance Sheet - Hbs) (vedi infra), solo quando la loro applicazione, sulla base di un approfondita analisi d impatto, si riveli realistica in termini pratici ed efficace in termini di costi e benefici, in particolare considerando la diversita degli Epap negli Stati membri e tra di essi. Si evidenzia ancora come qualsiasi ulteriore sviluppo delle varianti di Sovency II o del modello Hbs non deve perseguire l obiettivo di introdurre in maniera pedissequa disposizioni che si rifanno a Solvency II considerando la particolare natura sociale dei fondi pensione. Sul medesimo profilo va anche evidenziato come il Commissario europeo al mercato interno e ai servizi, Michel Barnier, ha annunciato che presenterà una proposta legislativa nel prossimo autunno sulla governance, la trasparenza e i requisiti di reporting dei fondi pensione occupazionali. La notizia segue l annuncio fatto dallo stesso Barnier in un convegno ad Amsterdam di volere posticipare l implementazione del primo pilastro di Solvency II nella Direttiva Epap in revisione. È importante rammentare come l impianto normativo di Solvency II, in analogia a quanto previsto per Basilea 2 per le banche, si articola su tre pilastri. Un primo pilastro relativo ai requisiti finanziari, un secondo pilastro incentrato su requisiti di tipo qualitativo e sull attività di vigilanza e un terzo pilastro dedicato all informativa e alla disciplina di mercato. Come osservato da Barnier l estensione delle regole di Solvency II ai fondi pensione si proponeva di migliorare il settore ma non di costituire una forma punitiva. La decisione della Commissione europea discende dallo studio del recente documento pubblicato dall Eiopa che rappresentava i risultati preliminari dello Studio di impatto quantitativo (Qis) relativo ai fondi pensione). Il Qis in esame - preparato su richiesta della Commissione europea nell ambito della revisione della Direttiva sui fondi pensione (Direttiva n. 2003/41/ Ec) e condotto da Eiopa, aveva come scopo il calcolo e la valutazione della solvibilità, su basi coerenti e comuni, dei fondi pensione occupazionali in otto Paesi europei (Belgio, Germania, Irlanda, Olanda, Norvegia, Portogallo, Svezia e Regno Unito) tra ottobre e dicembre L Autorità di Vigilanza europea ha proposto un holistic balance sheet approach quale strumento, testato appunto attraverso il Qis, per rendere i bilanci prudenziali degli Epap più trasparenti e facilmente confrontabili (attualmente, invece, gli Epap sono soggetti a regole prudenziali e a obblighi diversi a seconda del paese di appartenenza). I fondi partecipanti hanno provveduto ad effettuare i calcoli dei valori di bilancio sulla base di tre scenari. Nello scenario utilizzato come benchmark, solo i fondi di Svezia e Germania risultano avere un eccedenza di attività rispetto alle passività, nonché un surplus di capitale rispetto al requisito patrimoniale (Scr). Per quanto riguarda la composizione degli attivi, il peso degli immo DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /2013

5 bili varia dal 15% per le PensionKassen in Germania al 60% in Irlanda. I fondi in Germania, Svezia e Norvegia risultano avere un incidenza superiore alla media di covered bonds. La valutazione market-cosistent delle riserve tecniche implica un sensibile aumento dei valori, ad eccezione della Norvegia, dove le riserve sono più elevate del solo 4%, e della Svezia, dove addirittura diminuiscono (-1%). I valori dello sponsor support variano dall 1% delle passività in Belgio al 31% nel Regno Unito. I risultati definitivi dello stress test verranno resi noti a metà del Giova poi rammentare come tra le ragioni di fondo per cui la Commissione europea ritiene di intervenire, a questo punto con la necessità di ulteriori approfondimenti, sulla Direttiva vigente (2003/41/Ce) nasceva proprio dal bisogno di introdurre, anche nell ambito dei fondi pensione, una regolamentazione e una vigilanza basata sul rischio (riskbased), simile a quella in essere per gli altri intermediari finanziari nonché il desiderio di integrare la Direttiva con disposizioni mirate a regolamentare in modo opportuno i fondi pensione a contribuzione definita, nei quali i rischi sono a carico dei partecipanti. La Commissione aveva poi individuato una serie di punti sui quali richiedere il parere Eiopa: gli aspetti legali e definitori, incluso il campo di applicazione della Direttiva; i requisiti di solvibilità patrimoniale; l organizzazione interna dei fondi e l esercizio della vigilanza; l informazione agli iscritti e le regole di investimento, con particolare riferimento ai fondi a contribuzione definita. Dopo processo di pubblica consultazione emergevano forti preoccupazioni circa il fatto che alcuni degli aspetti essenziali della nuova direttiva rischiavano di essere definiti in modo troppo simile alla Direttiva Solvency II relativa alle imprese di assicurazione e, viceversa, poco adatto ai fondi pensione. Anche Eiopa sottolineava come la governance dei fondi pensione, cui spesso partecipano i lavoratori, consente l adozione di meccanismi di condivisione del rischio che, in linea di principio, non sono disponibili per imprese di carattere commerciale, che devono sempre rispondere dei propri impegni nei confronti della clientela. Tali meccanismi, gestibili tramite la contrattazione collettiva, possono giustificare l applicazione ai fondi pensione di requisiti di solvibilità ex ante meno severi e tradursi ex post in un offerta di servizi previdenziali più conveniente per i lavoratori, in termini soprattutto di costi. Sono emerse poi alcune perplessità anche per quanto riguarda la necessità di assicurare una maggiore armonizzazione della normativa in materia di solvibilità dei fondi pensione. Si evidenziava infatti che non sembrava ragionevole prevedere che lo sviluppo di una significativa operatività dei fondi pensione su base transfrontaliera possa avere luogo per i fondi a prestazione definita dal momento che sono invece i piani a contribuzione definita a rappresentare i più probabili candidati per un espansione dell attività. Informativa agli aderenti Forte attenzione è rivolta poi da Parlamento europeo, Commissione europea e Eiopa al tema della informativa agli aderenti. Fornire infatti informazioni sul livello di pensione che il lavoratore può attendersi di percepire è ritenuto essere molto importante. La chiarezza in merito al proprio reddito futuro determina infatti una maggiore comprensione, un atteggiamento più previdente e una maggiore responsabilità da parte delle persone. L accesso alle giuste informazioni e la consapevolezza dei rischi sono fattori necessari per prendere decisioni ponderate, per esempio riguardo ai risparmi per il futuro. Ogni comportamento legato alla previdenza complementare tende infatti naturalmente all inerzia se non adeguatamente stimolato. Un sistema di ricostruzione viene ritenuto essere un modo efficace per informare le persone circa i loro diritti a pensione maturati nel proprio paese o in altri Stati membri. Questa constatazione è facilmente verificabile osservando come le scelte di carattere finanziario degli aderenti durante le crisi dei mercati degli ultimi anni hanno subito cambiamenti poco significativi. Il Parlamento Ue ritiene allora auspicabile incoraggiare tutti gli Stati membri a fornire un quadro pensionistico chiaro. Mediante il collegamento dei servizi di ricostruzione della pensione, il cittadino avrebbe a disposizione tutte le informazioni sulla base delle quali prendere, se del caso, i necessari provvedimenti. In materia di previdenza complementare molta importanza viene poi attribuita all informativa agli aderenti, particolarmente per i fondi pensione a contribuzione definita. Si distingue la informativa pre-enrolment (preadesione) da quella ongoing (periodica cioè). Per la prima l indirizzo è quello di prevedere l adozione di un simil Kiid (Key investment information document Fondi pensione DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /

6 previsto dalla Direttiva Ucits IV per i fondi comuni), riveduto e corretto per i fondi pensione. Quindi un documento snello, chiaro e scritto in maniera piana per rendere edotto il potenziale aderente. Tema molto delicato è quello poi della informativa sui rischi. Nel caso della previdenza complementare, il rischio assume infatti connotati diversi a seconda delle caratteristiche del piano previdenziale. Nei piani a prestazione definita (puri) l entità della prestazione pensionistica è stabilita nelle condizioni di partecipazione, in base ai redditi percepiti dall iscritto durante gli anni di carriera lavorativa. Tutte le decisioni sulla gestione del piano sono sostanzialmente poste in capo all impresa sponsor. Il rischio di inadeguatezza della prestazione pensionistica è, pertanto, strettamente legato alla solvibilità del piano, che deve essere assicurata dall impresa sponsor. Viceversa, nei piani a contribuzione definita l iscritto è chiamato ad effettuare una serie di scelte in relazione a diversi aspetti: la contribuzione, il profilo di investimento, i costi, la modalità di fruizione della prestazione pensionistica. Da queste scelte derivano una serie di rischi che influiscono sulla prestazione finale; a questi si aggiungono rischi che dipendono da come viene gestita la forma previdenziale oppure da mutamenti inattesi di condizioni esterne. Tutela delle pensioni e mobilità Ulteriori profili di attenzione sono rappresentati poi dalla necessità di tutela delle pensioni professionali in caso di insolvenza e alla mobilità. Con riferimento al primo aspetto il Parlamento afferma come debbano essere costantemente tutelati i diritti maturati negli Stati membri ai sensi dell articolo 8 della direttiva 2008/94/Ce e si invita la Commissione a delineare una panoramica completa sui regimi e sulle misure di garanzia a livello nazionale e, qualora la valutazione evidenzi importanti carenze, a presentare proposte più efficaci a livello dell Ue al fine di garantire l applicazione in tutta l Unione europea di meccanismi completamente affidabili volti a una protezione dei diritti alla pensione professionale. Viene poi preso in esame il tema della maggiore mobilità professionale raccomandando come i sistemi pensionistici devono essere strutturati in modo tale che i diritti a pensione maturati presso un datore di lavoro, sia esso situato nel proprio Paese o in un altro Stato membro, vadano tutelati. Con questo intendimento si invita poi la Commissione e gli Stati membri interessati a raggiungere un accordo in relazione alle pensioni transfrontaliere, in particolare su come evitare una doppia imposizione esaminando e rimuovendo altresì gli ostacoli di diritto contrattuale. Importanza del terzo pilastro Grande attenzione è rivolta poi in Europa al terzo pilastro dei sistemi previdenziali, vale a dire la previdenza individuale. Nel Libro Bianco il Parlamento ne constata come l importanza, la diffusione e la struttura variano da uno Stato membro all altro, deplorando come tali regimi abbiano in genere costi più elevati e siano più rischiosi e meno trasparenti rispetto ai regimi del primo pilastro. Chiede pertanto anche per il terzo pilastro stabilità, affidabilità e sostenibilità ed esorta la Commissione a collaborare con gli Stati membri sulla base di un approccio fondato sulle migliori pratiche e valutare e ottimizzare gli incentivi per i risparmi per le pensioni private, in particolare per i cittadini che altrimenti non avrebbero una pensione adeguata. Va poi evidenziato come la Commissione europea ha posto in pubblica consultazione un interessante documento sulla previdenza integrativa su base individuale con l obiettivo di migliorare la qualità dei prodotti finanziari di risparmio per pensioni individuali non legate all occupazione migliorando l informazione e la protezione dei consumatori. Recentissimamente la stessa Eiopa ha pubblicato un Discussion Paper, in consultazione fino al 16 agosto, con una serie di proposte tese a definire cosa si intenda per soluzioni previdenziali di terzo pilastro al fine di favorire la relativa creazione di un mercato unico dal momento che la diffusione e la struttura del terzo pilastro variano da uno Stato membro all altro DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n /2013

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana?

IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana? IORP II Quali opportunità per la previdenza complementare italiana? Roma, 20 novembre 2014 Elena Moiraghi DIRETTIVA 2003/41/CE PRINCIPALI TAPPE 1991 Prima proposta di direttiva della Commissione europea

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa PRESA DI POSIZIONE di EurelPro sul Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa 09.11.2010 1 Descrizione di EurelPro EurelPro, l associazione

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

ASSOPREVIDENZA. Analisi delle tematiche. di gestione degli investimenti e. del patrimonio. Conclusioni. di Antonio Finocchiaro. Presidente della COVIP

ASSOPREVIDENZA. Analisi delle tematiche. di gestione degli investimenti e. del patrimonio. Conclusioni. di Antonio Finocchiaro. Presidente della COVIP ASSOPREVIDENZA Analisi delle tematiche di gestione degli investimenti e del patrimonio Conclusioni di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Roma 15 marzo 2012 Cassa Forense 0 Ho ascoltato con interesse

Dettagli

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno e servizi ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni e pensioni Aprile 2006 MARKT/2515/06 QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II Finalità del presente documento

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

Situazione della Previdenza Complementare In Italia.

Situazione della Previdenza Complementare In Italia. Situazione della Previdenza Complementare In Italia. Estratto e sintesi della relazione del Presidente e della relazione generale, per l'anno 2003, della Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (COVIP),

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI))

Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI)) Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI)) Il Parlamento europeo, viste la comunicazione della Commissione del

Dettagli

EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014

EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014 1 EIOPA12/237 Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Funzioni di regolamentazione... 3 3. Compiti di vigilanza... 5 4. Protezione dei consumatori e innovazione

Dettagli

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile Association of Mutual Insurers and Insurance Cooperatives in Europe e Venture Capital (AMICE) Congresso Mutuality today: sustainable values Genova 25 maggio 2010 * * * Oltre la crisi finanziaria: il contributo

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI))

Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI)) Risoluzione del Parlamento europeo del 21 maggio 2013 su un'agenda dedicata a pensioni adeguate, sostenibili e sicure (2012/2234(INI)) Il Parlamento europeo, viste la comunicazione della Commissione del

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA Contributi per la tavola rotonda Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Roma, 30 novembre 2011

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019. Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019. Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 11.3.2015 2014/0091(COD) PROGETTO DI PARERE della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35 Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali Lente sull UE n. 35 5 ottobre 2015 Background Il 30 settembre 2015, la Commissione europea ha presentato il suo piano d azione per creare un Unione

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari

Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE Indagine conoscitiva sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari 2/04/2009 Audizione del Direttore Centrale Area Corporate dell

Dettagli

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014 GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento

Dettagli

LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa. Valutazioni della CGIL Nazionale

LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa. Valutazioni della CGIL Nazionale LIBRO VERDE Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa Valutazioni della CGIL Nazionale Il Libro Verde sulle pensioni proposto dalla Commissione europea prende avvio da un assunto:

Dettagli

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 5 luglio 2011. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 5 luglio 2011. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Assemblea Annuale ANIA Roma, 5 luglio 2011 Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Autorità, Signore e Signori, nella Relazione conclusiva dell ISVAP svolta poco meno di un mese fa ho

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Documento di consultazione. Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Documento di consultazione. Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione 1 Il Dipartimento del Tesoro invita gli interessati a inviare commenti su questo documento

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Sistema previdenziale. Generalità sul sistema italiano. Corso di Scienza delle Finanze

Sistema previdenziale. Generalità sul sistema italiano. Corso di Scienza delle Finanze Corso di Scienza delle Finanze Sistema previdenziale 1 Generalità sul sistema italiano Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it Roma, 4 novembre 2011 Osservazioni sullo Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell art. 7-bis, comma 2, del d.lgs. 252/05, recante i principi per la determinazione dei mezzi patrimoniali di

Dettagli

EIOPA: i temi di interesse

EIOPA: i temi di interesse Prospettive della previdenza complementare in Italia alla luce del nuovo quadro regolamentare europeo Workshop organizzato da Mefop, Assofondipensione e Assoprevidenza, in collaborazione con EY Labor EIOPA:

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com

Sovency II. Contesto e sfide della riforma. Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Sovency II Contesto e sfide della riforma Per ottenere la presentazione completa, scrivere a: blog.italia@sia-conseil.com Indice Introduzione Sintesi della riforma Contesto del mercato assicurativo Calendario

Dettagli

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol DIREZIONE VITA E FINANZA I valori del Prodotto Vita Unipol valori Unipol 1 Indice SEZIONE ASPETTI GENERALI 4 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4 2. VALORI UNIPOL 5 2.1. VALORE DEL PRODOTTO 5 2.2. EQUITÀ 6 2.3.

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

CAREFIN Centre for Applied Research in Finance. Fondi Pensione: stato dell arte. Sergio Paci

CAREFIN Centre for Applied Research in Finance. Fondi Pensione: stato dell arte. Sergio Paci Fondi Pensione: stato dell arte Sergio Paci 28 Novembre 2013 La previdenza complementare: I punti da considerare Validità del modello a due pilastri complementari Luci e ombre della previdenza complementare

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Audizione su Indagine conoscitiva sulla funzionalità del sistema previdenziale

Dettagli

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Riforma Dini: cenni ad aspetti di lungo periodo e alla disciplina

Dettagli

Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone?

Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone? Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone? UBI Pramerica ha intervistato un campione rappresentativo di italiani per scoprire le loro aspettative sul tenore di vita negli anni che precedono

Dettagli

Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali UIL 1

Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali UIL 1 Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali UIL 1 Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali UIL 2 Domanda 1 Come può l'unione europea appoggiare gli sforzi intrapresi dagli Stati membri per accrescere

Dettagli

Risposta ABI alla consultazione MEF sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti di interesse per i fondi pensione

Risposta ABI alla consultazione MEF sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti di interesse per i fondi pensione Risposta ABI alla consultazione MEF sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti di interesse per i fondi pensione 31 gennaio 2008 POSITION PAPER Capitolo 1 Premessa Premessa Si esprime

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

Considerazioni generali

Considerazioni generali Roma, 29 settembre 2011 Oggetto: SCHEMA DI DISPOSIZIONI SUL PROCESSO DI ATTUAZIONE DELLA POLITICA DI INVESTIMENTO - OSSERVAZIONI ASSOFONDIPENSIONE Considerazioni generali Assofondipensione esprime apprezzamento

Dettagli

Previdenza Complementare

Previdenza Complementare Previdenza Complementare I GEOMETRI SONO PRONTI CONVEGNO LUOGO, GIORNO MESE ANNO GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA MILANO, 11 MAGGIO 2012 PROBLEM SETTING Perché è importante disporre in vecchiaia di

Dettagli

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SECONDO L ULTIMA RIFORMA PREVIDENZIALE Lo scorso 28 luglio il Parlamento italiano ha dato il via libera alla riforma delle pensioni approvando, col voto di fiducia, la legge

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Ipotesi di riforma Aprile 2012 Articolo 38 della Costituzione italiana

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

11 DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI ALLA CLIENTELA RETAIL: CONSOB

11 DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI ALLA CLIENTELA RETAIL: CONSOB 1 2 OBBLIGHI DI SEGNALAZIONE STATISTICA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL NUOVO REGOLAMENTO OICVM: L ESMA PONE IN CONSULTAZIONE UN DISCUSSION PAPER

Dettagli

Gestione delle generazioni

Gestione delle generazioni Gestione delle generazioni Helsana Business Health Il cambiamento demografico come opportunità Generazioni diverse: stimoli e sfide specifici Misure a livello di impresa «Il cambiamento demografico è inarrestabile.

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

L Outplacement. come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013

L Outplacement. come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013 L Outplacement come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013 3 La spesa per le politiche del lavoro in Europa e INTOO in Italia Spesa per le politiche del mercato

Dettagli

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno 7/04 Maggio 2004 Gennaio 2004 7/04 SINTETICA DESCRIZIONE DEL DISEGNO DI LEGGE DELEGA

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 On.le Ministero delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV 00187 ROMA Oggetto:

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

CONVEGNO ASSORETI Il contributo delle reti dei promotori finanziari allo sviluppo della previdenza complementare

CONVEGNO ASSORETI Il contributo delle reti dei promotori finanziari allo sviluppo della previdenza complementare CONVEGNO ASSORETI Il contributo delle reti dei promotori finanziari allo sviluppo della previdenza complementare Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP C è ancora spazio per la previdenza

Dettagli

Bozza di risoluzione n 2 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015 (Bozza del WG2 PPE)

Bozza di risoluzione n 2 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015 (Bozza del WG2 PPE) 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 Bozza di risoluzione n 2 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna),

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

NUMERO AFFARE 00078/2014

NUMERO AFFARE 00078/2014 Numero 00422/2014 e data 04/02/2014 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 23 gennaio 2014 NUMERO AFFARE 00078/2014 OGGETTO: Ministero

Dettagli

Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13

Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 LA Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Agenda Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 12 febbraio 2015 NUMERO AFFARE 00184/2015

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 12 febbraio 2015 NUMERO AFFARE 00184/2015 Numero 00479/2015 e data 18/02/2015 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 12 febbraio 2015 NUMERO AFFARE 00184/2015 OGGETTO: Presidenza

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli