aprire con poche righe questo nuovo e interessante numero de Il Pungiglione, il nostro notiziario bimestrale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aprire con poche righe questo nuovo e interessante numero de Il Pungiglione, il nostro notiziario bimestrale."

Transcript

1 Numero 29 FEBBRAIO 2015 Carissime sostenitrici, endometriosi. Sarà un strada che stiamo seguendo eccomi come di consueto ad convegno per molti aspetti è quella giusta. Editoriale...pag.1 Sindrome da sterilità...pag.2 Anche in Sardegna e Molise una legge regionale per l endometriosi...pag.7 Credo nell A.P.E. perché...pag.8 I banchetti informativi...pag.9 Il Convegno nazionale di Carrara...pag.10 Il finocchio...pag.11 CucinEndo...pag.12 aprire con poche righe questo nuovo e interessante numero de Il Pungiglione, il nostro notiziario bimestrale. Come molte di voi sapranno già, il nostro terzo convegno nazionale si sta avvicinando e per noi è una grandissima emozione. In questo convegno ripartiremo da 10 perché 10 sono gli anni passati da quando le fondatrici di questa associazione ebbero l idea di dare vita alla nostra A.P.E. L A.P.E. Onlus in questi 10 anni è cresciuta molto. Grazie all impegno delle volontarie e al sostegno dei medici che sono stati al nostro fianco e che non hanno mai smesso di credere nel nostro progetto, la parola "endometriosi" è diventata un po' meno sconosciuta per tante donne. Questo convegno non sarà solo la celebrazione di un decennio di attività al servizio delle pazienti con innovativo, perché si parlerà di comunicazione e di alimentazione. Il progetto è stato interamente finanziato con i fondi raccolti tramite il 5X1000 e sarà gratuito per dar modo a tutti di partecipare. Spesso non si immagina quanto lavoro sia necessario per realizzare progetti di così ampia portata: pensate che la macchina organizzativa per organizzare il convegno è partita a luglio 2014, ben 8 mesi prima! In questi mesi le volontarie del Gruppo A.P.E. di Carrara, insieme al Consiglio Direttivo, hanno lavorato incessantemente per rendere il 7 marzo una giornata indimenticabile per tutte voi. Le emozioni più grandi finora sono arrivate quando abbiamo ricevuto le risposte positive da tutti i relatori che abbiamo contattato, il che costituisce una ulteriore dimostrazione di stima e fiducia, una conferma che la Tro v e rete m a g g i o r i informazioni sul convegno nelle prossime pagine. Vi invito comunque a consultare la sezione dedicata al convegno sul nostro sito per il programma aggiornato e per compilare la vostra scheda di iscrizione (gratuita ma obbligatoria). Non dimentichiamo poi che la prima settimana di marzo è anche la settimana della consapevolezza dell endometriosi, evento che coinvolge le associazioni a livello mondiale per dare la massima visibilità alla malattia: se volete aiutarci a fare informazione organizzando tavoli informativi nella vostra città o distribuendo depliant informativi, vi ricordo di c o n t a t t a r e l a m a i l Spero di potervi vedere e abbracciare il 7 marzo a Carrara! Annalisa

2 Sindrome da sterilità A cura della Dr.ssa Rossella Ardenti, Psicologa-Psicoterapeuta e Analista Adleriana Pensando a questo abituale appuntamento de Il Pungiglione, mi è venuta in mente una relazione che avevo presentato negli anni 2001/2002 in alcuni congressi nazionali e internazionali su una tematica molto delicata che riguarda le tante donne che vivono la dolorosa mancata realizzazione del proprio desiderio di maternità. La relazione era il frutto della decennale volontaria esperienza clinica e di ricerca che avevo svolto presso l Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia, Endoscopia Ginecologica e Medicina della Riproduzione dell Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. In quel decennio avevo ascoltato un numero considerevole di donne che si stavano sottoponendo a una delle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) che l Unità Operativa metteva a disposizione. Ciò che mi arrivava sempre nei colloqui che svolgevo era la grande sofferenza emozionale che le donne vivevano e notavo che le donne mi comunicavano tutto ciò con timore di ricevere una risposta giudicante, svalorizzante o colpevolizzante; mi colpiva l ampia costellazione di emozioni che definiva la portata della sofferenza delle donne e mi colpiva in modo ancora più incisivo il poco ascolto e la mancata considerazione che veniva riservata a tutto questo dolore emotivo, da parte delle comunità scientifica e degli operatori del settore. Con il duplice obiettivo di mettere in una posizione di rilievo questa enorme sofferenza e di provare a sensibilizzare la comunità scientifica ho coniato la definizione Sindrome da Sterilità. Vi propongo qui un estratto della relazione. La sterilità, come dimostrato ampiamente anche dalla Letteratura, è un fattore di crisi esistenziale e di forte tensione emotiva sia per l individuo portatore del problema sia per la coppia. A livello individuale, la condizione di sterilità genera una profonda ferita narcisistica con conseguente crisi d identità. L intensità di tale crisi pare essere strettamente legata a variabili soggettive. La diagnosi e la condizione d infertilità generano una profonda frustrazione e costituiscono un trauma in grado di scatenare reazioni depressive e di svalorizzazione di sé. Chi vive una condizione di sterilità vive un forte senso Pag. 2 d inferiorità e si trova a dover recuperare anche il senso della propria esistenza. A livello di coppia si verificano tensioni relazionali, ma anche e soprattutto difficoltà sessuali, che possono manifestarsi con un calo di frequenza, con una perdita di desiderio o con una riduzione del piacere. Di fronte ad una diagnosi di sterilità, la coppia può sperimentare una vasta gamma di emozioni, che possono avere durata breve o perdurare nel tempo e che possono avere un intensità tollerabile oppure disturbante. Le più frequenti reazioni psicologiche alla diagnosi di sterilità sono: sorpresa rifiuto rabbia isolamento colpa dolore. Ciascuna di queste reazioni può essere considerata normale quando è limitata nel tempo e porta la coppia verso l adattamento e la risoluzione, mentre è patologica quando si cristallizza e limita la vita personale e relazionale. Dall esperienza svolta è emerso che la sterilità involontaria è un fenomeno articolato e complesso che lega insieme inscindibilmente il corporeo allo psichico (unità biopsichica della persona) e che può essere compreso solo nella sua unità

3 e globalità. Conoscere la coppia sterile sul piano psicologico non significa cercare quei fattori che sono presenti in chi ha un problema di sterilità, ma significa comprendere le caratteristiche fisiche e psichiche di ogni individuo e le caratteristiche relazionali della coppia. Soprattutto sul piano psicologico, la sterilità è una condizione che suscita reazioni e vissuti diversi tra gli individui, tra le coppie. Se è vero che non è possibile una descrizione unitaria della condizione di sterilità, è altrettanto vero che i racconti dei vissuti dei soggetti sterili (sia donne sia uomini) ha consentito di riscontrare, con una certa frequenza, alcune manifestazioni psicologiche che caratterizzano il fenomeno sterilità. Cioè, non esiste una correlazione univoca tra la sterilità e uno specifico sintomo psicologico, ma esiste una costellazione di disagi nella sfera emotivo-affettivorelazionale che riguardano la donna e l uomo sterile e che definisco Sindrome da Sterilità. Le donne vivono molto spesso la loro sterilità come un destino, del quale non si riesce a comprenderne il significato. Il progetto di vita, che appariva chiaramente prima della diagnosi, subisce un capovolgimento; il senso della continuità della vita sembra interrompersi; lo scopo considerato il più importante nella vita diventa irraggiungibile; il corpo non risponde più ai propri desideri e alle proprie aspettative. Tutto questo genera un profondo e pesante senso d impotenza e d inferiorità. Durante i colloqui di consulenza, la domanda più ricorrente che le donne si pongono e che hanno posto è: perché proprio a me?. Le donne sterili non cercano una risposta in sé stesse, cioè nell'unico luogo dove potrebbero cominciare a fare delle scoperte, bensì fuori da sé e annaspano nel vuoto; alla domanda che si pongono non c è possibilità di risposta, ma è un interrogativo molto importante perché esprime la rabbia che invade il proprio animo. La sessualità nella coppia sterile perde il suo carattere coinvolgente e la vitalità spontanea si riduce al doversi accoppiare in un momento preciso, nel periodo fecondo. La coppia sterile tenta così a lungo di concepire un bambino con questa modalità che spesso la sessualità non è più fonte di piacere ma ha come unico scopo il figlio. La donna che non riesce nel tentativo di procreare entra in una morsa di dolore Pag. 3 caratterizzata dall alternanza continua e sempre uguale di entusiasmo (il periodo fecondo) e delusione (la mestruazione). Quanto più la coppia sperimenta tale alternanza tanto meno riesce a tollerare il senso di vuoto e tanto più il vuoto si trasforma in profondo dolore interiore e di sofferenza psichica. I sensi di colpa e/o le colpevolizzazioni appaiono come denominatore comune. La colpa può essere autodiretta (la donna sterile rivolge la propria aggressività verso se stessa accusandosi, direttamente o indirettamente, della propria condizione, dei fallimenti e degli errori) oppure diretta verso gli altri (l aggressività è rivolta verso il partner, i familiari, i medici etc.) individuando motivazioni concrete oppure senza motivazioni apparenti. A prescindere dalla direzione e dal contenuto, sensi di colpa e/o colpevolizzazioni non consentono alla coppia di godere liberamente di ciò che fa parte della propria vita e di decidere senza condizionamenti cosa fare. Tristezza e rabbia sono sentimenti che fanno parte del quotidiano e conseguono a molte esperienze dolorose e frustranti. Tristezza e rabbia possono portare verso la depressione, cioè verso una profonda

4 crisi interiore (calo dell umore, perdita d interessi, insicurezza, etc.) e una consistente crisi relazionale, che può avere il suo focus nel rapporto di coppia, nel rapporto con la propria famiglia d origine oppure nei rapporti sociali (amicali o lavorativi). L idealizzazione del figlio e l invidia sono sentimenti che si rafforzano vicendevolmente. Nella condizione di sterilità, avere un figlio diventa un privilegio; si focalizza l attenzione solo sugli aspetti positivi della genitorialità senza riuscire a prendere in considerazione gli aspetti di criticità a essa legati. La coppia sterile prova forti sentimenti di rabbia verso quei genitori che, attraverso un maldestro tentativo di incoraggiamento, razionalizzando evidenziano i vantaggi del non avere figli e/o le difficoltà, i sacrifici e i pericoli della gravidanza o della genitorialità, ma prova anche forti sentimenti d invidia verso le altre coppie in attesa di un figlio o con figli (tra i parenti, gli amici, i conoscenti e gli estranei). Tra le coppie sterili è esperienza ampiamente condivisa il graduale allontanamento che può giungere fino all interruzione dei rapporti sociali (conoscenti, amici e familiari) sia per non dover giustificare e/o spiegare la loro non ancora avvenuta genitorialità sia per la difficoltà nel riuscire a gioire dell altrui felicità. Alberto Giacometti, La coppia Le relazioni interpersonali diventano gradualmente più problematiche soprattutto per la difficoltà di tollerare il continuo confronto con chi non vive la condizione di sterilità, per la sofferenza che genera la felicità altrui e per non sentirsi compresi. In questo clima emozionale, risulta molto difficile accettare la propria condizione di sterilità e si rinforza il desiderio di conformismo: avere un figlio diventa il punto focale. La sindrome da sterilità investe maggiormente il partner che è portatore Pag. 4 della sterilità ma coinvolge nella sua totalità la coppia. L intensità del disagio psicologico della sindrome da sterilità così come la sua evoluzione dipendono certamente dal grado di maturità psicologica dei singoli partner e dal grado di maturità relazionale della coppia ma sono anche strettamente legati ai riflessi socio-culturali dell ambiente in cui la coppia è inserita. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che la società contemporanea riserva poco spazio psicologico, se non uno spazio marginale, alla coppia senza figli o ai single, poiché è una società organizzata sulla famiglia, cioè sulla coppia con figli. La coppia che non ha scelto di rimanere senza figli sente psicologicamente il peso delle pressioni sociali, volontarie o involontarie, provenienti dall ambiente sociale di appartenenza, dalla famiglia d'origine e dagli amici. Nella vita quotidiana, inoltre, sono tante le situazioni che possono fare ricordare la propria sterilità e far riaffiorare vissuti di disagio e sentimenti di dolore. La famiglia d'origine chiede, in modo diretto o indiretto, di avere figli; i fratelli o gli amici hanno figli e i figli diventano, spesso, il punto centrale delle conversazioni; leggere un giornale, vedere una pubblicità, fare una passeggiata o una gita,

5 Pag. 5 conversare con conoscenti e colleghi possono portare la mente sul tema della genitorialità e, dunque, sul problema sterilità. Ognuna di queste situazioni, e altre ancora, può causare malessere, dolore, infelicità, disagio e può rendere ancora più difficile accettare la propria condizione. L'intensità del disagio e il grado di vulnerabilità rispetto alla sindrome da sterilità variano in funzione di diversi fattori. Il funzionamento di coppia, il rapporto affettivo reciproco fra i partner, la storia della loro vita, la loro capacità di elaborazione psicologica, le strutture caratteriali (quali ad esempio: la capacità di elaborare la paura - la tendenza alla depressione - la capacità di controllo), lo status socio-culturale, il tempo intercorso dalla diagnosi, il tipo di sterilità, il tipo e la durata del trattamento, e, non da ultimo, la qualità del rapporto medico-paziente, sono alcuni degli aspetti che ritengo possano influire sulla modalità e sulle capacità di adattamento dei singoli partner e della coppia alla condizione di sterilità. Per esempio le donne o gli uomini che vivono una sterilità secondaria, cioè che hanno avuto un'esperienza di maternità o di paternità prima di essere sterili, sembrano risentirne meno e il loro atteggiamento nei confronti della vita è diverso; anche le soddisfazioni personali, coniugali e professionali moderano l'impatto emotivo di una diagnosi di sterilità. Nella sterilità primaria, le coppie che vivono una relazione appagante, che si sentono gratificate come persone e che ricercano soddisfazioni personali anche nella sfera sociale e/o lavorativa presentano una sindrome da sterilità più contenuta; per loro la genitorialità è tra i più importanti scopi della vita ma non l unico. Diversamente, quanto più il desiderio del figlio minaccia di assumere un ruolo dominante nella vita della coppia tanto più esiste il pericolo di giungere a una condizione psicologicamente opprimente. La sindrome da sterilità è consistente: si spegne la voglia di vivere si espandono sensi di colpa, percezioni di vergogna, offesa, invidia, desideri di conformismo. La sterilità, dunque, genera un profondo senso d inferiorità, l organo riproduttivo diventa di particolare interesse e diventa quella parte di sé su cui si polarizza l attenzione. Di conseguenza, tutta l energia psichica è orientata verso un unica meta: il figlio. In alcuni casi, il desiderio di avere un figlio si trasforma in rivendicazione di avere un figlio, un figlio ad ogni costo nonostante l invasività della tecnica e nonostante il ripetersi degli insuccessi. Che si tratti di compensazione o rivendicazione, in questi casi il figlio è una meta finzionale. La coppia è psicologicamente convinta che riuscire ad avere il figlio a lungo desiderato e cercato significhi ripristinare l equilibrio perduto, rinsaldare la propria identità, cancellare il dolore e la sofferenza provate, ripristinando il proprio senso di utilità e di valore. In realtà, il bambino che dovrebbe nascere con l ausilio della tecnica non può spazzare via automaticamente tutti quei sentimenti e quelle emozioni che costituiscono la propria sindrome da sterilità e neppure può annullare le barriere nate tra il mondo interno e il mondo esterno.

6 Pag. 6 Si è ripetutamente riscontrato che il dolore provocato dalla scoperta di una sterilità è spesso così forte e invasivo da non poter essere elaborato in solitudine; coinvolge così tante parti di sé e della relazione coniugale da essere più facilmente rimosso oppure represso o ancora negato. Sapere di poter usufruire delle nuove tecniche della scienza procura una sensazione di sollievo; decidere di mettersi in lista di attesa, in più, rafforza le finzioni di cui sopra: la ferita non si rimargina, l inferiorità non si supera e il ciclo di procreazione assistita viene investito di una forte carica affettiva. Diventa, cioè, l unico evento significativo della propria vita e, dunque, affrontato e vissuto con una forte quantità di aspettative e di ansia. In tale condizione psicologica, le percentuali di successo subiscono una dilatazione emotiva e l insuccesso, razionalmente conosciuto e emotivamente inaspettato, produce una repentina caduta in senso depressivo, una perdita sia del proprio già segnato equilibrio personale sia dell armonia di coppia. Avere un figlio non è un qualcosa che appartiene alla scienza; saperne di più non porta a una migliore fertilità. Si ritiene che riacquistare un buon contatto con il proprio Sé mediante la riflessione e l accettazione dei propri sentimenti, senza affidare al medico la funzione di unico esperto onnipotente, libera dal pericoloso vortice di dolore e di passività nel quale le donne facilmente entrano e dalla dipendenza paralizzante dal figlio. Ristabilirsi dalla sindrome da sterilità vuol dire passare attraverso la risoluzione di una vera e propria crisi esistenziale, che inizia il suo progressivo incremento già nel momento della scoperta della sterilità. Si ritiene importante che i partner della coppia sterile, analizzando il proprio Stile di Vita, siano psicologicamente rivolti all ampliamento del proprio orizzonte di vita ed al potenziamento del proprio sentimento sociale. E importante individuare e portare alla consapevolezza la propria verità interiore, riacquistare il controllo di sé, portare alla luce ciò che realmente si vuole e quindi poter decidere autonomamente, cioè senza l influenza vincolante dei condizionamenti emotivi. Roy Lichtenstein, Stepping Out Un percorso terapeutico individuale, dunque, consentirebbe alla donna (o alla coppia) di superare la sterilità della propria esistenza, permettendole così di trovare un nuovo equilibrio interiore.

7 Pag. 7 Anche in Sardegna e Molise una legge regionale per l endometriosi Il 4 dicembre 2014 in Sardegna è stata approvata la legge regionale n. 26 Disposizioni per la prevenzione delle complicanze, la diagnosi, il trattamento e il riconoscimento della rilevanza sociale dell'endometriosi, proposta dal Consigliere Lorenzo Cozzolino. Ringraziando il dott. Cozzolino per il suo impegno, gli abbiamo chiesto come sia venuto a c o n o s c e n z a dell'endometriosi e perché abbia deciso di proporre una legge su questa patologia. Sono un pediatra ha risposto e ho molte mamme che sono affette da tale patologia, donne che hanno difficoltà a curarsi per il costo di tutte le prestazioni. Quanto all iter burocratico, il dott. Cozzolino ci ha spiegato che sono passati 13 mesi dall idea all'approvazione della legge e che la principale difficoltà incontrata è stata quella di convincere i colleghi onorevoli in merito all impatto della patologia sulla vita quotidiana della donna. Questa legge obbliga l'esecutivo regionale a emanare entro sei mesi delle linee guida sull endometriosi, oltre ad individuare i centri regionali di riferimento, presentare un disegno di legge sulle terapie farmaceutiche dedicate, rivedere le modalità di prescrizione e ridisegnare il sistema di esenzioni totali o parziali. Si tratta quindi di una legge molto completa e che dà grandi speranze a tutte le donne sarde! A fine gennaio 2015 anche il Consiglio regionale del Molise ha approvato all unanimità la proposta di legge n. 79 Disposizioni per la tutela delle donne affette da Endometriosi presentata dal Consigliere Vincenzo Cotugno. A relazionare in aula il Consigliere N u n z i a Lattanzio. L A.P.E. Onlus si è complimentata con i due Consiglieri e il Consigliere Lattanzio ha anche accettato una breve intervista, in cui ci ha detto che ha deciso di appoggiare questa legge per alto senso del dovere. Ho acquisito sensibilità in materia sostenendo negli anni una giovane donna interessata dal problema e gravemente lesa nei propri diritti sia in ambito sanitario che giudiziario Conosco quindi di riflesso la patologia, la conosco ampiamente, per tale ragione ho sostenuto il collega Cotugno sia in IV Commissione che in Consiglio regionale supportando l'iter legislativo della misura approvata all unanimità nella seduta di ieri. Con l approvazione di queste due leggi, sono ormai 4 le regioni italiane che hanno messo a disposizione strumenti legislativi per la tutela delle pazienti (Friuli Venezia Giulia, Puglia, Sardegna e Molise).

8 Pag. 82 Credo nell A.P.E. perché... (ditecelo con parole vostre) Perché credo nell A.P.E.? Per rispondere a questa domanda voglio tornare a tre anni fa, quando ero sfiduciata, dalla malattia e nei confronti delle donne; voglio tornare a quando ero arrabbiata perché la solidarietà femminile, termine con cui tante persone sapevano solo riempirsi la bocca, io non l avevo mai trovata. Un giorno navigando su internet, qualche settimana prima della settimana europea della consapevolezza sull endometriosi, incontro l A.P.E. onlus. Timidamente scrivo: Scusate il ritardo, posso ancora fare qualcosa dalla (e per la) Valle d Aosta?. Mi risponde, dopo poche ore, Annalisa. Mi manda tutte le informazioni, in modo gentile, come se tra noi ci fossero già state diverse e qualche incontro. Così ho organizzato un tavolo informativo, il mio primo tavolo informativo. E stata una bella esperienza, anche se, in alcuni momenti, difficile. Ma sapete cosa mi ha spinto a continuare, anche se in Valle d Aosta ero sola? Il vedere con i miei occhi quanto poco la gente sapesse dell endometriosi e, soprattutto, l accorgermi fin dal primo momento che io non ero davvero sola: le apine, con la loro gentilezza, erano sempre presenti, pronte ad aiutarmi. Da lì, ho letto con occhi diversi la celebre frase Il tutto è più della somma delle singole parti che spesso ho incontrato e incontro nei libri. Quando ho partecipato al primo convegno organizzato dall A.P.E. tutto ha preso forma. Ho sentito che il mio cuore mi aveva in qualche modo indicato la strada giusta, l'associazione giusta! Mi è sembrato di conoscere da sempre queste fantastiche donne. Quando le ho abbracciate ho sentito che quelle erano braccia amiche, che le parole non erano solo parole, mi sono sentita in qualche modo a casa, mi sono sentita meno sola! Quando è arrivata la chiamata per il mio primo intervento, improvvisa e in anticipo di 3 mesi, erano circa le ore Alle h Erika mi aveva già mandato tutte le informazioni sul pre ricovero, sulla depilazione, su cosa portare oltre a mille rassicurazioni; alle Annalisa mi aveva già contattata per starmi vicino! Il giorno dell intervento non mi sono sentita sola neanche per un attimo. Quando ho aperto gli occhi il mio ragazzo mi ha detto: Tu non sai quanti commenti, quanti mi piace, quante donne ti sono state vicino in queste ore, no tu non ci puoi credere, non ci credo neanche io che ho visto!. Credo nell A.P.E. perché l A.P.E. c è. Sempre. L A.P.E. non ti abbandona quando ti fai vedere fragile, quando non riesci ad organizzare nulla. Credo nell A.P.E. perché l A.P.E. crede: crede nelle cose che fa, crede a quello che dice e crede anche in te. Credo nell A.P.E. perché l A.P.E. è fatta di donne solidali tra loro, in cui si è tutte uguali, in cui non ci sono ruoli di spicco, ma solo donne che lottano per se stesse e per tutte le altre donne. Credo nell A.P.E. e non ne posso proprio più fare a meno, è diventata la mia filosofia di vita. Credo in tutte voi che leggete queste righe, in tutte voi donne meravigliose. Silvy

9 Pag. 9 I banchetti informativi e incontri: da Dicembre 2014 a Gennaio 2015 Sabato 6/12 Tavolo informativo presso il Centro Commerciale Big store gallery - Alba (Cn) Domenica 7 e 8/12 Tavolo informativo al Mercatino di Natale di Occhiobello (RO) Venerdì 12/12 Sono stati organizzati due incontri, il primo di auto-mutuo-aiuto ad Aosta dal tema: "Pensieri, paure, emozioni nella diagnosi di endometriosi"; il secondo incontro a Reggio Emilia dedicato all alimentazione e alla medicina non convenzionale con la dott.ssa Loredana Mattioli Sabato 13/12 Tavolo informativo presso il Centro Commerciale La Meridiana di Reggio Emilia Sabato 13/12 Tavolo informativo presso la Farmacia San Martino di Bovisio Masciago (Mi) Sabato 13/12 Raccolta fondi "Impacchettiamo il Natale" presso la Libreria Coop del Centro Commerciale "Centro Torri" di Parma. Lunedì 15/12 Incontro: Super Salute: mente, anima e corpo nella cura delle patologie infiammatorie a Baganzola(PR) con il Dr. Gualerzi, la Dott.ssa Bianchi e il Personal Trainer Brisci Domenica 14/12 Tavolo informativo presso l ospedale Gemelli per il concerto di Natale organizzato dal team medico del "Gruppo dell'endometriosi Profonda" con il Prof. De Cicco. Domenica 14/12 Tavolo informativo al Run for Christmas di Pinarella di Cervia (Ra) Mercoledì 17/12 Pizzata natalizia a Verona Giovedì 18/12 2 incontro di auto-mutuo-aiuto ad Adria (RO) Conosc-endo-ci Giovedì 18/12 Pizzata natalizia a Roma Giovedì 18/12 Tavolo informativo presso la Farmacia Comunale di Aosta Sabato 20/12 APE-ritivo solidale e tavolo informativo presso l Ops Caffè- Scandicci (Fi) Sabato 20 /12 Tavolo informativo presso il Big store gallery di Bra (Cn) Sabato 20/12 Incontro "Le emozioni nell endometriosi : quali sono e come affrontarle" moderato dalla Dott.ssa Cinzia Zampieri presso l'ospedale di Mirano (VE) Domenica 21/12 Tavolo informativo a Cecina (Li) Martedì 23/12 Tavolo informativo presso il Supermercato Sisa a Racale (Le) Martedì 23/12 Tavolo informativo presso il Centro Comm. Mongolfiera a Molfetta(Ba) Sabato 10/01 Cena di beneficenza in collaborazione con il Circolo Tasselli e le volontarie del Ronkofest di Roncocesi, presso il Circolo Tasselli di Roncocesi - Reggio Emilia Domenica 11/01 Tavolo informativo presso il centro commerciale Punta di Ferro a Forlì. Lunedì 12/01 2 incontro dal titolo: Super Salute: mente, anima e corpo nella cura delle patologie infiammatorie presso la palestra Active Action - Baganzola (Pr) con il Dr. Gualerzi, la Dottoressa Bianchi e il Personal Trainer Brisci Sabato17 /01 Tavolo informativo davanti alla Farmacia a Pincara (Ro). Giovedì 22 /01 3 Incontro di auto-mutuo-aiuto ad Adria (Ro) dal titolo Donne con endometriosi e lavoro con la dott.ssa Barrilà Mercoledì 28/01 Incontro di auto-mutuo-aiuto a Lecce dal titolo Conosc-endo-ci con la dott.ssa Valeria Pace Sabato 31/01 Conferenza dal titolo Alimentazione,osteopatia e endometriosi con il Dott. Zani e la Dott.ssa Samanta a Castelmella (Bs)

10 Pag. 10 Il Convegno nazionale di Carrara Aspettiamo le vostre iscrizioni!

11 La volontaria del bimestre dell A.P.E. onlus Pag Il nostro specialissimo premio (il grembiule da cucina con il logo A.P.E.) va a SILVIA OLIVE, per il grande impegno e dedizione nell'organizzazione di un ciclo di incontri partiti il 28 gennaio di sostegno nella provincia di Lecce. L A.P.E. cresce grazie a... L A.P.E.cresce grazie alle donazioni ricevute da Annalisa Pezzi, Stella Faccilongo, Simona Giuliani, Simona Alfano, Giovanni Dezuanni, Paola Gallo, Martina Troni, Jlenia Novello, Erika Giusti. GRAZIE A TUTTE/I! Il finocchio Il finocchio è un prodotto mediterraneo e veniva coltivato in Italia già alla fine del Medioevo. Avendo una natura tiepida combatte l'invasione di freddo allo stomaco, scaldandolo. Il sapore leggermente piccante contribuisce a muovere il qi, risolvendo le stasi del basso ventre, sia dovute al freddo sia le stasi di qi di fegato. È pertanto indicato per aiutare la digestione, e nei fenomeni di meteorismo, ma anche in presenza di dolori addominali dovuti a freddo. Il finocchio inoltre promuove la lattazione.

12 Pag. 12 Numero 20 DICEMBRE 2012 Dadolata di finocchi con feta Ingredienti 300 gr. di finocchi 200 gr. di formaggio feta 1 piccola barbabietola già lessata 1 manciata di olive nere denocciolate 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva 1 cucchiaio di aceto di mele bio Succo di limone Preparazione Tritate le olive nere e tagliate a cubetti i finocchi e la feta. Riunite tutto in una ciotola e mescolate tra di loro finocchi, feta e olive. Tagliate a julienne la barbabietola lessata e conditela con succo di limone. Impiattate con un coppapasta disponendo sul fondo la barbabietola e poi il resto. Cucinano per voi Federica e Fea :)

13 Pag. 13 Numero 20 DICEMBRE Risotto finocchi e zafferano 2012 Questo risotto ai finocchi e zafferano è estremamente delicato, per gustarne bene il sapore e la delicatezza va lasciato il più 'neutro' possibile per esaltare il sapore del finocchio e il profumo dello zafferano. Mi sono concessa solo un po' di Parmigiano Reggiano grattugiato per mantecare, proprio non posso fare a meno del formaggio sul risotto! Ma per chi non può mangiare il formaggio, può benissimo gustarlo senza! Ingredienti per 2 persone - un grosso finocchio (o due piccoli) due bicchieri di riso integrale o semi integrale (io doso il riso con i bicchieri, quelli normali per acqua) olio Evo una bustina di zafferano in polvere (se siete fortunate e lo trovate usate quello in pistilli che è più profumato) due cucchiai di Grana grattugiato (facoltativo) brodo vegetale sale, erba cipollina secca Preparazione Lavare, mondare e tagliare a strisce o pezzi il finocchio. Farlo insaporire in una padella con poco olio EVO. Aggiungere un mestolo di brodo e cuocere per qualche minuto a fuoco medio finché il brodo non si consuma e i finocchi cominciano ad ammorbidirsi. Aggiungete il riso e fatelo tostare con i finocchi a fuoco abbastanza alto mescolando sempre. In un bicchiere o in una tazza, fate sciogliere lo zafferano in un mestolo di brodo, e mettetelo da parte. Salate (poco) e spolverate di erba cipollina secca il riso e cominciate a cuocere il risotto come al solito. Quando il riso è pronto togliete la padella dal fuoco, aggiungete il brodo con lo zafferano e aggiungete il formaggio, mantecate delicatamente. Impiattate in un piatto fondo o se volete una presentazione più "professionale" potete utilizzare delle scodelline riempirle sino all'orlo e "capovolgerle" sul piatto. Spolverate con erba cipollina oppure guarnite con due/tre foglioline di prezzemolo fresco. Buon appetito.

Sindrome da sterilità

Sindrome da sterilità Sindrome da sterilità A cura della Dr.ssa Rossella Ardenti, Psicologa-Psicoterapeuta e Analista Adleriana Pensando a questo abituale appuntamento de Il Pungiglione, mi è venuta in mente una relazione che

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo RACCONTO PER LE SCUOLE 28 febbraio 2013 Malattie Rare senza Frontiere Dedicato a Luigi Pio Memeo Siamo Piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo a cura dell

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Regione Liguria Collaborazione dei Consultori Familiari con i Centri di PMA Genova 9 febbraio 2010 Angela Lidia Grondona Legge 29 Luglio 1975, n. 405 Istituzione dei consultori familiari Art. 1, il servizio

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Associazione di Promozione Sociale Tiroidee Benessere Psicologico e Informazione

Associazione di Promozione Sociale Tiroidee Benessere Psicologico e Informazione Tiroidee interviste Con il vostro aiuto speriamo di costruire una biblioteca di storie di persone con diversi tipi di malattie della tiroide e nelle diverse fasi del loro percorso. La speranza è che questi

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Un progetto Fa.Ce. - Famiglie Cerebrolesi Associazione Provinciale di Reggio Emilia bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Fotografie

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Adolescenza e dislessia

Adolescenza e dislessia Adolescenza e dislessia incontro-riflessione riflessione con i genitori della Sezione AID di Varese Olgiate Olona, 13 dicembre 2007 Psicologa-sez. sez. Varese 1 CICLO DI VITA FAMILIARE Cambiamento Crisi

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE PSICOTERAPIA E COMPETENZE SOCIALI: DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE TERAPIE DI TERZA GENERAZIONE Luigi Gastaldo, Antonella Bressa, Romina Castaldo, Viola Galleano, Elvezio Pirfo Dipartimento di Salute Mentale

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda per i Servizi Sanitari Trento

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE : CURE INTENSIVE E/O CURE PALLIATIVE? Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara - Sabato 4 Ottobre 2014 ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli